Surtana via Sound of Silence - Scuola di Alpinismo e Scialpinismo

Commenti

Transcript

Surtana via Sound of Silence - Scuola di Alpinismo e Scialpinismo
DOLOVERRE di SURTANA – via “The Sound of Silence”
Introduzione:
Il Doloverre di Surtana nei siti di arrampicata
della Sardegna Orientale rappresenta un luogo a
parte: due lunghe falesie di calcare formano un
bellissimo “canyon” in un ambiente aspro e
solitario ma non cupo come di norma sono i
valloni, bensì solare ed invitante.
Descritto e censito agli inizi degli anni ‘80 da
Gogna e compagni, ha avuto negli ultimi anni
molto successo per la qualità della roccia (un
calcare ottimo) e per gli avvicinamenti
abbastanza agevoli.
Due le Falesie: la NORD e la SUD, quest’ultima
solcata da una decina di bei pilastri.
La via che abbiamo ripetuto si sviluppa sul
Settimo Pilastro, il più alto di tutta la lunghissima
parete meridionale; placche, diedri e fessure per
una bellissima ascensione. Da non mancare.
Avvicinamento: da Dorgali si prende la statale
125 in direzione di Baunei/Cagliari e si lascia sulla
sinistra la galleria che porta a Cala Gonone. Da
questo incrocio si prosegue per circa 1 Km fino
ad incontrare sulla destra (al km 200,4) una
stradina che scende verso la piana del Rio
Flumineddu. Si segue la strada che scende e
arrivati all’unico bivio asfaltato si gira a sinistra e
si prosegue lungo la strada per circa 9 Km.
Passato un primo ponte si prosegue per strada
sconnessa fino in prossimità del ponte Sa Barva,
che è crollato con l’inondazione del 2004. Parcheggiare l’auto nelle piazzole fianco strada. Da qui
si prosegue a piedi, attraversando il Rio Flumineddu sui resti del ponte e giungendo sulla sterrata
che da Dorgali porta alla Gola di Gorropu (questa strada non è praticabile dalle auto private, ma
solo dai mezzi che fanno navetta verso le Gole). La strada va percorsa verso destra in direzione
Dorgali fino a raggiungere il sentiero che sale a sinistra verso il vallone di Surtana. Si segue il
sentiero ben tracciato che percorre la “scala di Surtana” fino dentro al Vallone, giungendo circa a
metà della parete Sud (destra). Tra gli alberi si riconosce un varco che conduce ai piedi della
parete, risalendo una pietraia, praticamente in corrispondenza della base del VII Pilastro (quello
più alto della parete). Alla sinistra della base del pilastro lungo una placca ci sono disegnate due
frecce. La via parte sulla freccia di destra. (sono visibili in alto le prime protezioni)
Sviluppo: circa 140 metri (5 lunghezze)
Difficoltà: 5c
Esposizione: SUD
Materiale necessario: 2 corde da 60m, 12 rinvii, qualche friends medio (utile sulla seconda
lunghezza). La via ha tutte le soste attrezzate a fix 10mm. I tiri sono protetti con spit e cordini
nelle clessidre.
http://www.scuolamontanari.it/
Relazione:
Tiro
1
Metri
35
2
35
3
25
4
25
5
20
Descrizione
Salire la placca iniziale raggiungendo un cordino (visibile dall’attacco) e poi
traversare salendo a destra lungo una placca liscia. Superata la placca si sale un
muretto con buoni appigli per poi proseguire lungo delle lame. Infine si supera un
piccolo strapiombo manigliato, giungendo ad una cengia dove si sosta. (sosta su
fix). 5b
Salire una lama a destra della sosta sormontando un pilastrino e poi un muretto.
Proseguire lungo una fessura che porta ad un olivo. Da qui lungo un diedro si
arriva ad un pulpito dove si sosta (sosta su fix). 5c
Salire lungo la parete verso sinistra raggiungendo una zona di roccia a buchi e
clessidre (fettucce). Proseguire poi lungo la parete in diagonale verso destra sino
ad una nicchia dove si sosta (sosta su fix). 5c
Si segue una fessura che sale diagonalmente a sinistra e poi si prosegue lungo
una placca raggiungendo una nuova nicchia, dove si sosta. (sosta su fix). 5b
Proseguire lungo un diedro verso sinistra sino a raggiungere un altro diedrino alla
base del quale si trova una fettuccia. Si risale il diedro al termine del quale si
raggiunge la vetta del pilastro. (sosta su fix). 5a
Discesa: In corda doppia lungo la via
Aggiornamento: relazione a cura di Marco Chiarini. (ripetizione del 30 ottobre 2005).
Riferimenti bibliografici:
•
Conca C. Arrampicare a Cala Gonone Edizioni Segnavia, 2002
http://www.scuolamontanari.it/

Documenti analoghi

La via Aphrodite alla parete di San Paolo ad Arco

La via Aphrodite alla parete di San Paolo ad Arco Per raggiungere l'attacco, proseguire lungo la strada sino ad un sentiero che sale a sinistra nel bosco. Dopo una breve salita si raggiunge l'eremo di S. Paolo: piegare a sinistra e costeggiare tut...

Dettagli

Precipizio di STREM - La Ragnatela

Precipizio di STREM - La Ragnatela Sulla via Ragnatela la discesa è comoda e veloce in doppia (è possibile saltare qualche sosta sui tiri più brevi utilizzando due corde da 60mt); se si salta la calata da S1 le corde finiranno sulle...

Dettagli

GROSS BIELENHORN - Parete SW - Furka Pass (Ch) - via

GROSS BIELENHORN - Parete SW - Furka Pass (Ch) - via riattrezzatura a fix porta invece a uscire sulla verticale della sosta con alcuni passi non facili e obbligati. Dopo alcuni metri si obbliqua a destra (fix) per prendere nuovamente il dietro appena...

Dettagli

Aguglia di Goloritzè

Aguglia di Goloritzè parcheggia (località Sas Piscinas). Da qui si prende un evidente sentiero pietroso, ben tracciato che va verso Est. Lungo questo si giunge ad una sella, superata la quale si scende nel vallone di G...

Dettagli

verdon - via tandem pour une evidence

verdon - via tandem pour une evidence soprastante, si abbandona il sentiero costeggiando la parete e trovando dopo poco l’attacco della via (lettera ”T” incisa sulla roccia, placchette visibili), 40 minuti dal parcheggio. N.B. Se si pr...

Dettagli