Imaging delle vie biliari

Commenti

Transcript

Imaging delle vie biliari
L’IMAGING DELLE VIE
BILIARI
Barbara Omazzi
UO Gastroenterologia
Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho
Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006
Imaging vie biliari
•
•
•
•
•
1900 – 1970 : Rx,Laparotomia
1970 : PTC, ERCP
1980 : US, TC
1990 : EUS, Videolaparoscopia
1995 : TC multislice, elicoidale, con
ricostruzione vascolare, NMR, ColangioNMR
• 2000 : PET
Imaging vie biliari
• Scelta del metodo di indagine
Il metodo più appropriato è quello che
consente la diagnosi ed eventualmente il
concomitante trattamento con i minori
effetti collaterali ed il minor spreco di
risorse
Imaging vie biliari
Problemi
• Training
• Rapido sviluppo tecnologico
• Operatore-dipendente
• Appropriatezza
Imaging vie biliari
Obiettivi
• Diagnosi certa
• Terapia appropriata
• Outcome ottimale
• Valutazione rischi
• Contenimento costi
Imaging vie biliari
Tecniche
• Di imaging
• Imaging+dati funzionali
• Imaging+ biopsia
• Imaging+ terapia
Imaging vie biliari
Diagnosi/staging
US,CT
NMR
PET
EUS
ERCP,PTC
Cotton, AGA 2001
Biopsia
+
terapia
+
+
+
+
++
SCELTA DI IMAGING
• Il metodo di imaging solo è scelto
appropriatamente se vi è elevata
probabilità che non sia necessario un
intervento terapeutico
• Il metodo di Imaging+ terapia è scelto
appropriatamente se è molto probabile
che sia necessario un intervento
terapeutico.
Imaging vie biliari
La scelta dell’imaging è guidata dalla
clinica:
• Anamnesi
• Esame obiettivo
• Esami di laboratorio
Contesti clinici
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Ittero ostruttivo
Alterazione LFT
Calcoli biliari
Pancreatite (acuta, cronica)
Complicanze della pancreatite
Dolore recidivante/intrattabile
Dolore acuto postchirurgico
Stenosi
Masse
ECOGRAFIA
E’ l’indagine di imaging di primo livello
Caratteristiche
• Relativamente economica
• Sicura (no Rx)
• Possibilità doppler
• Mezzi di contrasto
• Ecografia interventistica(biopsie,drenaggi,
PEI)
ECOGRAFIA
ECOGRAFIA
Sensibilità
87% nell’individuazione di epatomegalia
95% per individuare colelitiasi (99% se con
cono d’ombra acustico)
75% nell’individuazione calcoli della via
biliare principale
95% nell’individuazione di lesioni focali
Horton, 2002
ECOENDOSCOPIA (EUS)
Problemi e caratteristiche
• Più invasiva
• Costosa
• Operatore esperto
• Più sensibile nell’esame della via biliare
principale
• Valore predittivo positivo del 98% nella diagnosi
di coledocolitiasi e di neoplasie pancreatiche
• Possibilità di biopsie, drenaggi, alcolizzzazioni
Horton, 2002
TAC
• Fornisce Immagini accurate, oggi con elevato
potere risolutivo
• 90% correlazione con US
• Individua lesioni focali di minor dimensione
• Possibile ricostruzione tridimensionale di albero
biliare e vascolare
• Possibilità di biopsie/drenaggi
• Non invasiva
Dilatazione del
coledoco e
coledocolitiasi
TAC
Caratteristiche
97% accuratezza diagnostica nella diagnosi
di K pancreatico
100% accuratezza nella diagnosi di K
pancreatico non operabile
30% accuratezza nella diagnosi di
operabilità (fino al 70% con TC con
ricostruzione vascolare)
Jensen, 2001
RISONANZA MAGNETICA
NUCLEARE
• Alta sensibilità e specificità
nell’individuazione delle metastasi
epatiche e tumori del pancreas
(90% vs 76% TC spirale,Ichikawa,Radiology,1997)
• Evidenzia >95% calcoli vie biliari
• Possibilità di associare stimolo secretinico
per informazioni dinamiche su secrezione
pancreatica ed attività dell’Oddi.
COLANGIO RNM
•
•
•
•
•
•
•
•
Non invasiva
Combina proiezioni bi e tridimensionali
Meno operatore-dipendente rispetto a ERCP/PTC
Non complicanze
100% visualizzazione dilatazione vie biliari
Accuratezza diagnostica sovrapponibile a ERCP
Possibilità di associare stimolo secretinico
Sensibilità 86%, specificità 92% nella diagnosi di
ostruzione biliare maligna
(Soto, Radiology,1997)
Litiasi coledocica multipla
ERCP
• Gold standard per lo studio delle patologie delle
vie biliari . E’ tecnica di imaging ma anche
terapeutica*
• Elevato successo nella tecnica operativa in mani
esperte e con basse complicanze(2-5%)
• Bassa morbilità severa (3%)
• Mortalità 0,5%
(Indicaton for ERCP.Consensus Conference, Bethesda, 2002)
ERCP
Altre indicazioni
• Pancreatite biliare acuta severa
• Colangite acuta
• Palliazione (stent, drenaggi)
Precauzioni
• Adeguata selezione dei pazienti, valutazione rischio
complicanze (età, wirsungrafia, numero ERCP/anno,
anomalie anatomiche. Freeman, GI Endosc 2001)
PTC
• Visualizza con successo l’albero biliare nel 99% dei pz
con dotti biliari dilatati e nel 40-90% di quelli con vie
biliari non dilatate.
• Complicanze severe nel 2-4% (sepsi la più frequente).
• Complicanze “minori”(pnx, soffusione biliare nell pleura)
Controindicata nell’ascite massiva e nelle coagulopatie.
E’ una tecnica che oggi viene riservata ai casi (rari) in cui
l’ERCP non è stata efficace.
DIAGNOSI E TRATTAMENTO ENDOSCOPICI E
RADIOLOGICI A CONFRONTO
Variabile
ERCP
clinica
Visualizzazione preferita
ampolla
Pancreatografia
Stenting
neoplasie
Tempo ricovero
morbilità
Stenosi
intraepatiche
complesse
PTC
-
Preferita
Sovrapponibile
sovrapponibile
minore
minore
-
maggiore
maggiore
preferita
CONCLUSIONI
• Fra le tecniche di imaging delle vie biliari quella
di primo livello è l’ecografia.
• TC e RNM e colangio RNM confermano e
chiariscono il quadro fornendo imaging più
dettagliato.
• Possibilità diagnostica e terapeutica con ERCP
e PTC.
• Necessaria adeguata scelta dei pazienti.
GRAZIE PER
L’ATTENZIONE
Grazie per l’attenzione