User Manual, ICS Insight Control Software, Italian

Commenti

Transcript

User Manual, ICS Insight Control Software, Italian
Insight Control Software (ICS)
MANUALE D'USO
Codice documento
Numero edizione documento
Data di pubblicazione
16591356
1.0
Febbraio 2006
Indice
Sezione 1 – Introduzione
1.1 Riepilogo.............................................................................................................................. 1
ICS Connect ........................................................................................................................... 2
ICS Network ........................................................................................................................... 2
ICS MultiSync ......................................................................................................................... 2
ICS Enterprise ........................................................................................................................ 2
1.2 Requisiti del sistema .......................................................................................................... 3
1.3 Installazione del software ICS ........................................................................................... 3
1.4 Lancio del software ICS ..................................................................................................... 4
1.5 Registrazione del proprio software ICS............................................................................ 4
Ottenimento di una licenza per il software.............................................................................. 4
Ottenimento del numero di serie dell'hard drive ..................................................................... 5
Installazione del file di licenza ................................................................................................ 5
Aggiornamento della licenza del software .............................................................................. 6
1.6 Progettazione generale del software ................................................................................ 7
1.7 Impostazione della sessione di comunicazione .............................................................. 7
Collegamento dell'ICS a un dispositivo di controllo con un gruppo di IP predefiniti ............... 8
1.8 Modi operativi dell'ICS........................................................................................................ 9
Funzionamento nel modo Rete (dati correnti) ........................................................................ 9
Funzionamento nel modo Database (dati locali) .................................................................. 10
Funzionamento nel modo Archivio ....................................................................................... 10
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1 Componenti delle schermate dell'ICS............................................................................ 11
Barra titolo.................................................................................................................................. 12
Barra dei menu .......................................................................................................................... 12
Menu File.......................................................................................................................................
Menu Esegui..................................................................................................................................
Menu Imposta................................................................................................................................
Menu Stato ....................................................................................................................................
Menu Statistiche ............................................................................................................................
Menu Diagnostica..........................................................................................................................
Menu ICS.......................................................................................................................................
Menu Origine dati ..........................................................................................................................
Menu Visualizza ............................................................................................................................
Menu Finestra................................................................................................................................
Menu Guida ...................................................................................................................................
12
13
14
15
15
15
16
17
17
18
18
Barra strumenti principale ..........................................................................................................
Barra strumenti di comunicazione..............................................................................................
Barra strumenti database...........................................................................................................
Spazio di lavoro .........................................................................................................................
Schermate degli elementi grafici ..........................................................................................
Barra di stato e di avanzamento ................................................................................................
19
20
20
21
21
21
Pagina i
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezioni 3 – Impostazioni amministrative
3.1 Sicurezza ........................................................................................................................... 22
3.2 Impostazioni...................................................................................................................... 24
3.3 Modifica lingua ................................................................................................................. 27
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.1 Impostazione rapida........................................................................................................
4.2 Impostazione avanzata ..................................................................................................
Impostazione procedura in più fasi ......................................................................................
Ulteriori fasi disponibili .........................................................................................................
Messaggi istruzioni di lavoro ................................................................................................
4.3 Impostazione generale....................................................................................................
Inizializzazione sistema........................................................................................................
28
31
34
34
48
50
50
Impostazione Profibus/DeviceNet .................................................................................................. 51
Inizializzazione mandrino ..................................................................................................... 52
Parametri utensile .......................................................................................................................... 54
Assegnazione di un protocollo comune ............................................................................... 56
Funzionamento codice a barre/VIN................................................................................................ 57
Imposta/Generale/Assegna input ......................................................................................... 59
Imposta/Generali/Assegna output........................................................................................ 60
4.4 Assegnazione parametri .................................................................................................. 61
4.5 Ubicazione/Impostazioni Ethernet .................................................................................. 63
ID ubicazione ....................................................................................................................... 64
Impostazioni Ethernet .......................................................................................................... 65
4.6 Scarica software ................................................................................................................ 66
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
5.1 Esegui visualizzazione principale, Esegui tutte visualizzazioni ed Esegui gruppo mandrini ............................................................................................................................................ 67
Selezioni visualizzazione da Casella con menu a tendina principale Esegui ...................... 67
Esegui visualizzazione principale......................................................................................... 67
Esegui tutte le visualizzazioni principali ............................................................................... 70
Esegui gruppo mandrino principale...................................................................................... 71
5.2 Esegui/Visualizza log ciclo ............................................................................................... 73
5.3 Stato/Visualizza rete .......................................................................................................... 79
5.4 Esegui/Curve di serraggio ................................................................................................ 81
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.1 Archiviazione e monitoraggio ICS ................................................................................... 84
Impostazioni di archiviazione ............................................................................................... 84
Impostazioni monitoraggio allarmi........................................................................................ 86
Allarmi manutenzione preventiva ................................................................................................... 87
Allarmi statistiche .......................................................................................................................... 89
Allarmi Trend ................................................................................................................................. 90
6.2 Rapporti dati archiviati.....................................................................................................
VIN (Vehicle Identification Number) .....................................................................................
Rapporto utensile .................................................................................................................
Rapporto turno .....................................................................................................................
Generatore rapporti ..............................................................................................................
© Ingersoll Rand Company 2006
91
93
94
95
97
Pagina ii
Sezione 7 – Gruppo mandrini
7.1 Impostazione gruppo mandrini ....................................................................................... 98
Assegnazione di mandrini a un nuovo gruppo mandrini...................................................... 99
Assegna e modifica configurazioni ..................................................................................... 100
Parametri gruppo mandrino................................................................................................ 100
Creazione di un'Impostazione gruppo mandrini offline...................................................... 101
Convalida impostazione gruppo mandrini ......................................................................... 101
Assegnazione gruppi nel gruppo mandrino ....................................................................... 102
Sezione 8 –Controllo qualità
8.1 Statistiche........................................................................................................................ 103
8.2 Grafici SPC ...................................................................................................................... 105
Controlli grafici Media/Gamma e Istogramma .................................................................... 105
Controlli grafico istogramma............................................................................................... 108
Comandi grafico Pareto...................................................................................................... 109
8.3 Allarmi statistiche ........................................................................................................... 110
8.4 Statistiche gruppo mandrini .......................................................................................... 112
Sezione 9 – Diagnostica
9.1 Menu Diagnostica ........................................................................................................... 113
Visualizza/Imposta dati utensile ......................................................................................... 113
Visualizza dati chip ....................................................................................................................... 114
Allarmi PM .................................................................................................................................... 115
Autotaratura................................................................................................................................. 115
Test sistema ....................................................................................................................... 118
Visualizza input................................................................................................................... 120
Imposta/Visualizza output................................................................................................... 121
Test utensile ....................................................................................................................... 122
9.2 Log eventi ICS .................................................................................................................. 124
9.3 Log eventi dispositivo di controllo ................................................................................ 126
Informazioni di contatto
Pagina iii
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 1 – Introduzione
1.1
Riepilogo
Il software ICS è disponibile in quattro diverse configurazioni che forniscono livelli
differenti di funzioni e funzionalità del prodotto. Tutte le comunicazioni da un dispositivo
di controllo al software ICS avvengono via Ethernet. Le quattro configurazioni dell'ICS
sono le seguenti:
1.
ICS Connect
2.
ICS Network
3.
ICS MultiSync
4.
ICS Enterprise
Il presente documento si limita a trattare in modo dettagliato l'ambito di funzionalità
relativo ai prodotti del software ICS e non esamina nello specifico le modifiche
necessarie per ciascun articolo della famiglia IC di dispositivi di controllo né l'interfaccia
necessaria per comunicare.
Il software ICS è progettato per fornire un'interfaccia di programmazione e una
funzionalità di archiviazione tali da ampliare la funzionalità dei dispositivi di controllo
IC1D e IC1M. Ogni versione dell'ICS è progettata per soddisfare un ambiente specifico
del cliente. Se non diversamente indicato, i dispositivi di controllo sono dotati tutti della
funzionalità all'interno del loro software operativo. La funzionalità viene limitata dalla
versione del software ICS utilizzato per interfacciarsi con il dispositivo di controllo. Una
volta che il dispositivo di controllo è stato programmato, l'ICS può essere scollegato e il
dispositivo di controllo funzionerà in modo indipendente.
Il software distingue tra i dati pervenuti dal database locale (dati storici), da un dispositivo
di controllo (dati correnti) oppure da un database archiviato. È possibile spostarsi tra i
modi Database, Rete (dati correnti) e Archivio mediante i corrispondenti pulsanti presenti
sulla Barra strumenti principale.
Tutte le versioni dell'ICS utilizzano un meccanismo di licenza per limitare il numero di
computer su cui il software può essere installato. Tutti i pacchetti del software ICS
richiedono la registrazione del software in Ingersoll-Rand entro 30 giorni. Se il software
non viene registrato nell'arco di questo tempo, viene disabilitato automaticamente. Il
software non registrato è dotato di un meccanismo che all'avviamento avverte della
registrazione non ancora avvenuta e del numero di giorni rimanenti fino alla
disabilitazione del software. Per registrare il proprio software, seguire le istruzioni
contenute nell'imballaggio del software ICS oppure consultare la sezione 1.5 del
presente manuale.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 1
Sezione 1 – Introduzione
1.1.1 ICS Connect
Il software ICS Connect rappresenta il metodo più basilare per programmare,
visualizzare e registrare i dati relativi ai dispositivi di controllo IC1D e IC1M. Questo
software è il pacchetto di base per un dispositivo di controllo IC1M e, in quanto tale,
garantisce soltanto la programmazione di base. Questo software è in grado di collegarsi
direttamente a un solo dispositivo di controllo alla volta (non via rete), sebbene sul PC
possano essere memorizzati gruppi di parametri di programmazione relativi a più
macchine. Questo prodotto deve essere installato su un computer laptop.
1.1.2 ICS Network
Il software ICS Network è progettato per programmare, visualizzare e registrare dati
provenienti dai dispositivi di controllo IC1D e IC1M attraverso una rete Ethernet. Questo
software garantisce un'ulteriore funzionalità alla quale non è possibile accedere mediante
il display IC1D o che non è disponibile mediante il pacchetto del software IC Connect.
Questo software è in grado di collegarsi direttamente a uno o più dispositivi di controllo
alla volta (sia connessione diretta che via rete). L'ICS Network può essere installato su
un computer laptop o desktop. La licenza per il software o l'hardware limita il numero di
dispositivi di controllo al quale questo software può collegarsi.
1.1.3 ICS MultiSync
Il software ICS MultiSync è progettato per impostare due o più dispositivi di controllo nel
funzionamento di un gruppo mandrini. Questo software è in grado di gestire un gruppo
mandrini con max. 40 mandrini e far funzionare max. 100 mandrini (fino a 50 gruppi
mandrini). Una volta programmato, il gruppo mandrini può funzionare senza che il
software ICS MultiSync sia collegato.
Il software ICS MultiSync facilita la programmazione di tutte le procedure di serraggio.
Inoltre tutte le operazioni specifiche del gruppo mandrini, quali arretramento per guasto,
arretramento finale per guasto, sincronizzazione e bypass, sono programmabili. Il
software è in grado di raccogliere, organizzare e archiviare dati EOR (fine ciclo) da tutti i
mandrini (è necessario il database SQL). La licenza per il software o l'hardware limita il
numero di dispositivi di controllo al quale questo software può collegarsi.
1.1.4 ICS Enterprise
Il software ICS Enterprise viene fatto funzionare da un PC o un server collegato via rete
(Ethernet) a uno o più dispositivi di controllo. Oltre a garantire un'ampia programmazione
e visualizzazione remota dei dispositivi di controllo, questo software fornisce funzioni di
archiviazione dati e analisi statistiche.
Questo software può essere collegato a max. 500 dispositivi di controllo (IC1D e IC1M)
con qualsiasi combinazione. Il software ICS Enterprise può comunicare con i dispositivi
di controllo che funzionano nel modo gruppo mandrini nonché con quelli che funzionano
a mandrino singolo. La licenza per il software limita il numero di dispositivi di controllo al
quale questo software può essere collegato. Tutti i dati archiviati mediante l'ICS
Enterprise vengono salvati in un database centrale. Più utenti possono accedere ai dati
contenuti nel database centrale installando una versione dell'ICS Network sul loro PC
locale.
Pagina 2
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 1 – Introduzione
1.2
Requisiti del sistema
I requisiti minimi del sistema per il software ICS Connect sono i seguenti:
•
soltanto sistema operativo Windows NT o XP;
•
unità CD-ROM;
•
128 MB di RAM;
•
processore classe Pentium III;
•
Ethernet 10/100 Base T;
•
100 MB di spazio libero sul disco (2 GB raccomandati);
•
risoluzione schermo 800 X 600.
I requisiti minimi del sistema per i pacchetti dei software ICS Network, MultiSync ed
Enterprise sono i seguenti:
•
sistema operativo Windows 2000 o XP;
•
unità CD-ROM;
•
256 MB di RAM;
•
processore classe Pentium 4;
•
Ethernet 10/100 Base T;
•
server MS SQL necessario per le funzioni di archiviazione e monitoraggio;
•
100 MB di spazio libero sul disco (2 GB raccomandati);
•
risoluzione schermo 1024 X 768.
1.3
Installazione del software ICS
Per installare il software, inserire il CD nell'unità CD-ROM del computer. Una volta
lanciato, seguire le istruzioni contenute nell'Installazione guidata. Se l'installazione
guidata non viene lanciata automaticamente, eseguire le seguenti procedure:
1.
fare doppio clic sull'icona Risorse del computer presente sul desktop di Windows;
2.
fare doppio clic sull'unità CD contenente il CD dell'ICS;
3.
fare doppio clic sul file setup.exe;
4.
seguire le istruzioni di installazione.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 3
Sezione 1 – Introduzione
1.4
Lancio del software ICS
Per lanciare il software ICS, fare doppio clic sull'icona ICS sul proprio desktop oppure
selezionarla dal menu Start, Programmi di Windows.
Figura 1 – Schermata log-in ICS
Nella schermata del log-in, inserire il Nome utentee la Password. Il nome utente
predefinito è supervisore e la password predefinita è sollinger. Per mantenere sicuro
l'accesso al software ICS, la password per l'utente supervisore deve essere sostituita in
modo da essere diversa da questo valore predefinito. Vedere sezione 3.1 per maggiori
informazioni su come impostare i nomi utente e le password.
1.5
Registrazione del proprio software ICS
Una volta installato, il proprio software ICS funzionerà per 30 giorni in modo trial fino a
quando si ottiene una licenza per il software. Si deve ottenere una licenza entro 30 giorni,
altrimenti il software sarà disabilitato fino all'ottenimento della licenza. Per ottenere una
licenza, seguire le istruzioni sottoriportate.
1.5.1 Ottenimento di una licenza per il software
Il software ICS Network (NP), ICS Enterprise (NPA) e ICS MultiSync (PP) deve essere
dotato di licenza per poter essere utilizzato dopo il periodo di prova di 30 giorni. Dopo
avere installato il software, seguire le istruzioni sotto riportate per registrare il proprio
software.
1.
Inviare un'e-mail a [email protected] con l'oggetto "ICS License request"
(richiesta licenza ICS" e le seguenti informazioni riportate nel corpo della mail:
a.
nome;
b.
qualifica;
c.
azienda;
d.
località (città/stato/paese);
e.
indirizzo e-mail per la risposta;
f.
numero di serie dell'hard drive in cui è caricato il software (vedere istruzioni
sottoriportate);
g.
numero d'ordine utilizzato per acquistare il software;
Pagina 4
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 1 – Introduzione
2.
h.
rivenditore/sede Ingersoll-Rand dove è stato acquistato il software;
i.
numero indicativo dei dispositivi di controllo degli utensili CC (Ingersoll-Rand e
altri) in uso nell'impianto;
j.
indicare se si desidera ricevere una newsletter elettronica trimestrale con
informazioni su versioni finali dei prodotti, aggiornamenti dei software, news
aziendali e consigli relativi al fissaggio da parte di Ingersoll-Rand.
Verrà inviato un file con la licenza del software entro 24 ore dalla richiesta.
1.5.2 Ottenimento del numero di serie dell'hard drive
Sulla schermata Principale del software ICS, navigare fino alla selezione del menu
Guida/Info su ICS. Verrà visualizzata una casella fluttuante come mostrato sotto:
Figura 2 – Schermata Info su ICS
1.5.3 Installazione del file di licenza
Una volta ricevuto il file di licenza, salvarlo nella directory dell'hard drive locale del proprio
computer dove è memorizzato il software dell'applicazione ICS.
Lanciare il software ICS (icona sul desktop del computer). Comparirà la schermata
mostrata in Figura 3. Fare clic sul pulsante Seleziona file e comparirà una schermata
come mostrato nella Figura 4. Sfogliare fino ad arrivare al punto in cui è stato salvato il
file di licenza, selezionarlo e fare clic sul pulsante Apri.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 5
Sezione 1 – Introduzione
Figura 3 -- Schermata di valutazione
Figura 4 -- Apri file
1.5.4 Aggiornamento della licenza del software
Nel caso in cui si renda necessario aggiornare il software, è necessario ottenere una
nuova licenza. Caricare questa licenza sull'hard drive del computer in cui è presente l'ICS
e seguire le procedure indicate di seguito.
1.
Navigare fino selezione del menu "ICS/Aggiorna licenza", verrà visualizzata una
casella fluttuante Verifica.
2.
Premere il pulsante Sì e verrà visualizzata una casella fluttuante Apri.
3.
Navigare fino al punto dell'hard drive in cui è memorizzato l'aggiornamento della
licenza.
4.
Selezionare la licenza.
5.
Fare clic sul pulsante Apri e verrà visualizzata un'altra casella fluttuante Verifica.
6.
Fare clic sul pulsante OK per confermare.
Pagina 6
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 1 – Introduzione
1.6
Progettazione generale del software
Sebbene l'interfaccia grafica utente (Graphical User Interface, GUI) dell'ICS non
riproduca quella presente sull'IC1D, laddove possibile il layout delle funzioni è tale per cui
chi ha acquisito familiarità con il dispositivo di controllo troverà le caratteristiche e le
funzioni in ubicazioni corrispondentemente logiche.
Ogni "Schermata di lavoro" funzionale viene presentata nella sua finestra e queste
finestre possono essere impilate o affiancate nell'area di lavoro. È possibile che vengano
visualizzate più copie dello stesso tipo di "Schermata di lavoro" con dati diversi.
Il software è progettato per una risoluzione minima dello schermo di 1024 X 768 ma con
il lancio si espande per alloggiare la schermata intera indipendentemente dalla
risoluzione.
1.7
Impostazione della sessione di comunicazione
Tutte le versioni dell'ICS utilizzano l'Ethernet come loro unica forma di comunicazione
verso e dai dispositivi di controllo. Una volta lanciato un programma ICS, esso richiede
alla rete i dispositivi di controllo presenti. I dispositivi di controllo rispondono con
informazioni che identificano il loro tipo e altre informazioni di rete pertinenti. Una volta
che l'ICS ha identificato un dispositivo di controllo, esso è disponibile per la selezione.
Affinché l'ICS possa comunicare con i dispositivi di controllo, l'indirizzo IP sul dispositivo
di controllo deve essere compatibile con l'indirizzo IP del PC in cui è presente il software
ICS. Al ricevimento del dispositivo di controllo l'IP predefinito è 192.168.4.4. Se si
possiede un dispositivo di controllo IC1D, l'indirizzo IP può essere modificato mediante la
Schermata Impostazione, Impostazione Ethernet (vedere il manuale d'uso relativo al
dispositivo di controllo per maggiori informazioni). Affinché l'ICS comunichi con il
dispositivo di controllo, l'indirizzo IP del PC deve essere presente nella stessa maschera
di sotto-rete del dispositivo di controllo. Per un dispositivo di controllo IC1M, è necessario
innanzitutto collegarsi direttamente al dispositivo di controllo mediante l'ICS prima che
l'indirizzo IP possa essere modificato rispetto al suo valore predefinito.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 7
Sezione 1 – Introduzione
1.7.1 Collegamento dell'ICS a un dispositivo di controllo con un
gruppo di IP predefiniti
Per collegare l'ICS a un dispositivo di controllo con un gruppo di IP predefiniti procedere
come indicato di seguito.
1.
Dal menu Start sul PC, selezionare Impostazioni, quindi Connessioni di rete o
Risorse di rete (in base al display).
Figura 5 – Connessioni di rete
2.
Fare clic con il tasto destro sulla connessione Ethernet che verrà utilizzata per
comunicare con il dispositivo di controllo e selezionare Proprietà. Comparirà la
seguente schermata:
Figura 6 – Proprietà
Pagina 8
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 1 – Introduzione
3.
Scorrere in basso e selezionare la voce Protocollo Internet (TCP/IP), quindi fare clic
sul pulsante proprietà. Comparirà la seguente schermata:
Figura 7 – Protocollo Internet (TCP/IP)
4.
Selezionare l'opzione Utilizza il seguente indirizzo IP, quindi inserire un indirizzo
IP 192.168.4.100 e una maschera di sottorete 255.255.255.0
5.
Selezionare OK su questa schermata, quindi OK sulla schermata successiva.
6.
A questo punto si dovrebbe lanciare l'ICS ed essere in grado di collegarsi a un
dispositivo di controllo.
1.8
Modi operativi dell'ICS
Come trattato in precedenza, il software ICS può visualizzare e salvare i dati in tre diversi
modi operativi. È possibile scegliere uno di questi modi selezionando il corrispondente
pulsante sulla barra degli strumenti o facendo clic su un'opzione nel menu Origine dati.
Questi tre modi sono Rete (dati correnti), Database (dati locali) e Archivio.
1.8.1 Funzionamento nel modo Rete (dati correnti)
Questo è il modo operativo predefinito. Lavorando in questo modo, vengono visualizzati i
dati (correnti) provenienti dal dispositivo di controllo al quale si è collegati. In cima alla
sottoschermata di lavoro, l'indicatore Origine visualizzerà il testo “Rete". Inoltre, la
casella con menu a tendina ID dispositivo di controllo sarà riempita con tutti i
dispositivi di controllo rilevati in rete. Per collegarsi a un dispositivo di controllo e vedere
le impostazioni/i dati correnti, selezionare innanzitutto il dispositivo di controllo desiderato
dalla casella con menu a tendina ID dispositivo di controllo. Quindi selezionare il
mandrino desiderato (sempre 1), successivamente (se pertinente) selezionare la
configurazione. Una volta completato ciò, i dati corrispondenti saranno letti e visualizzati
dal dispositivo di controllo. I dati, una volta visualizzati, possono essere sia salvati nel
drive locale (mediante il comando di salvataggio) per un'ispezione successiva, sia
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 9
Sezione 1 – Introduzione
modificati e reinviati al dispositivo di controllo (mediante il pulsante di invio presente nella
barra degli strumenti). I dati possono essere aggiornati in qualsiasi momento mediante il
pulsante di aggiornamento.
1.8.2 Funzionamento nel modo Database (dati locali)
Il modo Database è utilizzato per visualizzare i file di dati che sono stati precedentemente
salvati nell'hard drive del PC locale. Fare clic sul pulsante Database nella Barra strumenti
principale per passare al modo Database. Per visualizzare un gruppo, selezionare il
dispositivo di controllo dalla casella con menu a tendinaID dispositivo di controllo , il
mandrino dalla casella con menu a tendinaMandrino e il Gruppo dati desiderato
dall'indicatore Data ora.
1.8.3 Funzionamento nel modo Archivio
Il Modo archivioviene utilizzato per visualizzare i file di dati che sono stati
precedentemente salvati automaticamente nel database SQL. Fare clic sul pulsante
Archivio nella Barra strumenti principale per passare al modo Archivio. In cima alla
sottoschermata di lavoro, l'indicatore Origine visualizza il testo DB archiviato. Per
visualizzare unGruppo dati, selezionare il dispositivo di controllo dalla casella con menu
a tendinaID dispositivo di controllo, il mandrino dalla casella con menu a tendina
Mandrino e ilGruppo dati desiderato dall'indicatore Data ora.
NOTA: il modo Archivio è disponibile soltanto nelle versioni MultiSync ed Enterprise
del software ICS. Il computer con l'ICS deve essere collegato a un database SQL.
Pagina 10
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 2 – Layout generale delle
schermate
2.1
Componenti delle schermate dell'ICS
La finestra del programma del software ICS è costituita dai seguenti componenti:
•
barra del titolo
•
barra dei menu
•
barra strumenti principale
•
spazio di lavoro
•
finestra di messaggio
•
barra degli strumenti di comunicazione
•
barra di stato
Barra titolo
Barra
menu
Barra
strumenti di
comunicazione
Barra
strumenti
principale
Barra
strumenti
database
Schermata
elementi
grafici
Barra di stato
Spazio
di lavoro
Finestra
di messaggio
Figura 8 – Componenti della schermata ICS
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 11
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.1 Barra titolo
La barra del titolo contiene l'icona ICS e il nome ICS. Inoltre sono presenti i pulsanti
standard Chiudi, Riduci a icona e Ripristina. È possibile spostare la finestra del
programma facendo clic sulla barra del titolo e trascinandola.
2.1.2 Barra dei menu
LaBarra dei menu contiene i seguenti menu File, Esegui, Imposta, Stato, Statistiche,
Diagnostica, ICS, Origine dati, Visualizza, Finestra e Guida.
2.1.2.1 Menu File
Il Menu File è simile al menu presente in molti programmi di Windows. Possiede le
opzioni riportate di seguito.
Nuovo
Apre una nuova finestra identica a quella attualmente selezionata.
Log eventi ICS...
Fornisce un'opzione per aprire un Log eventi ICS precedentemente
salvato. È attiva soltanto se ci si trova nella schermata Visualizza log
eventi.
Salva
Salva i dati, presenti nella finestra attualmente selezionata, nell'hard drive
del PC.
Invia
Invia i parametri, presenti nella finestra attualmente selezionata, al
dispositivo di controllo selezionato.
Imposta stampante
Apre una finestra di dialogo che permette di impostare le opzioni della
stampante.
Stampa
Stampa i dati presenti nella finestra attualmente selezionata.
Esporta
Esporta i dati, presenti nella finestra attualmente selezionata, in un file di
testo ASCII.
Chiudi
Chiude la finestra attualmente selezionata.
Disconnetti
Disconnette l'attuale utente e presenta la schermata Connetti per
collegare un altro utente.
Esci
Chiude il programma ICS.
Figura 9 – Menu File
Pagina 12
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.2.2 Menu Esegui
Il Menu Esegui fornisce l'accesso alla schermata di controllo ICS offrendo le opzioni
descritte di seguito.
Esegui visualizzazione
principale
Visualizza i dati EOR relativi al'ultimo ciclo di un singolo dispositivo di
controllo. Vedere Sezione 5.1.2 Esegui visualizzazione principale per
maggiori indicazioni.
Esegui tutte le
visualizzazioni principali
Visualizza gli ultimi dati EOR per tutti i mandrini presenti in rete oppure
per un sottogruppo selezionato di mandrini. Non disponibile per il
livello di licenza ICS Connect. Vedere Sezione 5.1.3 Esegui tutte le
visualizzazioni principali.
Esegui gruppo mandrini
principale
Mostra gli ultimi dati EOR per tutti i mandrini all'interno di un gruppo
mandrini (fino a 40 mandrini). Non disponibile per il livello di licenza
ICS Connect o Network. Vedere Sezione 5.1.4 Esegui gruppo
mandrino principale.
Curva di serraggio
Mostra un tracciato selezionato della Coppia rispetto angolo, Coppia
rispetto tempo, Corrente rispetto tempo o Corrente rispetto angolo.
Questa selezione è disponibile soltanto con le versioni del software
Network, Enterprise e MultiSync. Vedere Sezione 5.4 Esegui/Curve di
serraggio.
Visualizza log ciclo
Visualizza una schermata di sola visualizzazione con vari risultati di
serraggio che vengono monitorati durante il fissaggio. Vedere Sezione
5.2 Esegui/Visualizza log ciclo per maggiori indicazioni.
Log eventi dispositivo di
controllo sistema
Permette di richiedere, visualizzare e salvare il log eventi proveniente
da un dispositivo di controllo selezionato. Vedere Sezione 9.3 Log
eventi dispositivo di controllo per maggiori indicazioni.
Crea rapporto
Permette all'utente di cercare e selezionare i dati da un database
archiviato. Questa selezione è disponibile soltanto con le versioni del
software MultiSync ed Enterprise utilizzando un database archiviato
SQL. Vedere sezione 6.1 Archiviazione e monitoraggio ICS.
Figura 10 – Menu Esegui
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 13
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.2.3 Menu Imposta
Il Menu Imposta contiene tutte le impostazioni dell'ICS. Contiene le opzioni descritte di
seguito.
Rapida
Fornisce alcune semplici procedure, inclusi i fissaggi con controllo coppia
e controllo angolo in una fase. Vedere Sezione 4.1 Impostazione rapida
per maggiori informazioni.
Avanzata
Garantisce la programmazione di procedure di serraggio in più fasi o
avanzate quali "Cedimento" o "Coppia prevalente". Non disponibile per il
livello di licenza ICS Connect. Vedere sezione 4.2 Impostazione
avanzata.
Assegna parametri
Permette di assegnare qualsiasi configurazione salvata e/o gruppo di
parametri generali in qualsiasi dispositivo di controllo presente in rete.
Vedere Sezione 4.4 Assegnazione parametri per maggiori informazioni.
Generale
Garantisce la capacità di caricare, visualizzare, modificare, creare e
salvare i parametri generali del sistema e del mandrino. Vedere Sezione
4.3 Impostazione generale per maggiori informazioni.
Ubicazione/Ethernet
Garantisce la capacità di visualizzare, impostare e regolare tutti i
parametri relativi all'ubicazione e all'Ethernet per tutti i dispositivi di
controllo. Vedere Sezione 4.5 Ubicazione/Impostazioni Ethernet per
maggiori informazioni.
Scarica software
Permette di scaricare il software MCE e RISC su un dispositivo di
controllo selezionato o un gruppo di dispositivi di controllo attualmente in
rete. Vedere Sezione 4.6 Scarica software per maggiori informazioni.
ETA
Prima di potere iniziare l'operazione di autotaratura, impostare
innanzitutto le impostazioni della porta seriale sul proprio PC in base a
quelle impostate nell'analizzatore di coppia ETA5. Vedere Sezione 9.1.1.3
Autotaratura per maggiori informazioni.
Imposta gruppo
mandrini
Garantisce la capacità di visualizzare, impostare, modificare e salvare i
parametri per qualsiasi gruppo mandrini presente in rete. Questa
selezione è disponibile soltanto per le versioni del software MultiSync ed
Enterprise. Vedere Sezione.7.1 Impostazione gruppo mandrini.
Figura 11 – Menu Imposta
Pagina 14
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.2.4 Menu Stato
Il Menu Stato permette di accedere alla schermata Visualizza rete.
Figura 12 – Menu Stato
Questo menu non è disponibile per il livello di licenza ICS Connect. Vedere Sezione.5.3
Stato/Visualizza rete.
2.1.2.5 Menu Statistiche
Il Menu Statistiche garantisce accesso alle opzioni descritte di seguito.
Riepilogo statistiche
Garantisce la capacità di visualizzare le statistiche calcolate da qualsiasi
dispositivo di controllo collegato in rete. Vedere Sezione 8.1 Statistiche.
Grafici SPC
Garantisce la capacità di visualizzare i grafici SPC generati dai dati EOR
raccolti da qualsiasi dispositivo di controllo in rete. I tipi di grafici
includono: Media/Gamma, Pareto & Istogramma. Non disponibile per la
versione del software ICS Connect. Vedere Sezione 8.2 Grafici SPC.
Riepilogo allarme di
trend
Mostra un riepilogo delle impostazioni dell'allarme di trend dal grafico
Media/Gamma. Non disponibile per la versione del software ICS
Connect. Vedere Sezione 6.1.2.3 Allarmi Trend.
Statistiche gruppo
mandrini
Garantisce la capacità di visualizzare le statistiche relative al gruppo
mandrini calcolate da qualsiasi dispositivo di controllo Master collegato
alla rete. Questa selezione è disponibile soltanto per le versioni MultiSync
ed Enterprise del software ICS. Vedere Sezione 8.2 Grafici SPC.
Figura 13 – Menu Statistiche
Vedere Sezione 8.1 Statistiche per maggiori informazioni.
2.1.2.6 Menu Diagnostica
Il Menu Diagnostica contiene cinque diversi strumenti che possono essere utilizzati per
la diagnostica e la risoluzione dei problemi.
Visualizza/Imposta
dati utensile
Permette di visualizzare, impostare e salvare i dati dal chip di memoria
dell'utensile. Fornisce anche un meccanismo per l'autotaratura con un
analizzatore di coppia ETA5. Vedere Sezione 9.1.1 Visualizza/Imposta
dati utensile per maggiori indicazioni.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 15
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
Test sistema
Visualizza i risultati del test diagnostico relativo al serraggio dei mandrini e
all'elettronica del dispositivo di controllo del motorino (Motor Controller
Electronics, MCE). Vedere Sezione 9.1.2 Test sistema per maggiori
informazioni.
Visualizza input
Visualizza lo stato dinamico di tutti gli input per il dispositivo di controllo
selezionato. Vedere Sezione 9.1.3 Visualizza input per maggiori
informazioni.
Imposta/Visualizza
output
Permette di attivare manualmente un segnale di output o di visualizzare lo
stato corrente degli output. Vedere Sezione 9.1.4 Imposta/Visualizza
output per maggiori informazioni.
Test utensile
Permette di far funzionare l'utensile ed eseguire test su ogni dispositivo di
controllo indicato. Vedere Sezione 9.1.5 Test utensile per maggiori
informazioni.
Figura 14 – Menu Diagnostica
2.1.2.7 Menu ICS
Il Menu ICS fornisce l'accesso a otto diverse opzioni, la maggior parte delle quali
permette di eseguire funzioni amministrative quali le impostazioni di sicurezza e del
sistema in generale.
Archiviazione e
monitoraggio
Permette di impostare archivi, allarmi PM, allarmi statistiche e allarmi di
trend. Questa selezione è disponibile soltanto nelle versioni MultiSync ed
Enterprise del software ICS con un database SQL. Vedere sezione 6.1
Archiviazione e monitoraggio ICS.
Visualizza log eventi
Visualizza il Log eventi ICS. Vedere Sezione 9.2 Log eventi ICS.
Sicurezza
Permette agli utenti con accesso supervisore di impostare la password e i
permessi per gruppi. Vedere Sezione 3.1 Sicurezza per maggiori
informazioni.
Impostazioni
Visualizza una finestra di dialogo per modificare le impostazioni del
sistema ICS. Vedere Sezione 3.2 Impostazioni per maggiori informazioni.
Modifica lingua
Modifica la lingua utilizzata nel programma ICS. Vedere Sezione 3.3
Modifica lingua per maggiori informazioni.
Aggiorna licenza
Fornisce l'accesso al processo di aggiornamento della licenza. Vedere
Sezione 1.5 Registrazione del proprio software ICS per maggiori
informazioni.
Cambia unità coppia
Cambia le unità di misura della coppia predefinite utilizzate per
visualizzare i grafici e i diagrammi dell'ICS.
Pagina 16
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
Seleziona adattatore
Seleziona la porta Ethernet sul PC che l'ICS utilizza per le comunicazioni
con i dispositivi di controllo.
Configura database
Fornisce un modo per impostare il database Archivio.
Figura 15 – Menu ICS
2.1.2.8 Menu Origine dati
Il Menu Origine dati permette di scegliere il modo operativo dell'ICS: Database, Rete o
Archivio.
Figura 16 – Menu Origine dati
2.1.2.9 Menu Visualizza
Il Menu Visualizza permette di attivare e disattivare la visualizzazione della Barra
strumenti principale e della Finestra di messaggio.
Figura 17 – Menu Visualizza
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 17
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.2.10 Menu Finestra
Il Menu Finestra funziona sia per aprire una nuova finestra che per disporre tutte le
finestre visualizzate.
Figura 18 – Menu Finestra
2.1.2.11 Menu Guida
Il Menu Guida fornisce una guida on-board che utilizza la funzionalità del file guida
standard di Windows. Questo menu possiede le opzioni descritte di seguito.
Guida
Apre un'utility per la guida on-board.
Info sull'applicazione
IRICS
Visualizza una finestra contenente il numero della versione del
software, il copyright e le informazioni sulla licenza.
Figura 19 – ·Menu guida
Pagina 18
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.3 Barra strumenti principale
La Barra strumenti principale è collocata in cima alla schermata sotto la barra dei
menu.
Nuovo
Chiudi
Carica
Salva
Invia Stampa
Esporta Modo rete
Impostazioni archivio
Modo database
Modo archivio
Figura 20 – Barra strumenti principale
Questa barra degli strumenti contiene gli elementi descritti di seguito.:
Nuovo
Apre una nuova finestra identica a quella attualmente selezionata.
Chiudi
Chiude la finestra attualmente selezionata.
Carica
Attivo soltanto con visualizzazione della schermata Log eventi ICS, questo
pulsante apre una finestra che permette di caricare i Log eventi ICS
precedentemente salvati.
Salva
Salva i dati, presenti nella finestra attualmente selezionata, nell'hard drive
del PC.
Invia
Invia i parametri, presenti nella finestra attualmente selezionata, al
dispositivo di controllo selezionato.
Stampa
Stampa i dati presenti nella finestra attualmente selezionata.
Esporta
Esporta i dati, presenti nella finestra attualmente selezionata, in un file di
testo ASCII.
Impostazioni
archivio
Apre una finestra che permette di modificare le impostazioni del database
archiviato. Questa selezione è disponibile soltanto per le versioni
MultiSync ed Enterprise del software ICS. Vedere Sezione 6.1.1
Impostazioni di archiviazione.
Modo Rete
Modifica il software ICS per funzionare in modo Rete (dati correnti) dove i
dati vengono inviati e ricevuti direttamente da/su un dispositivo di controllo
connesso. Vedere Sezione 1.8.1 Funzionamento nel modo Rete (dati
correnti) per ulteriori spiegazioni sul modo di lavorare in rete.
Modo Database
Modifica il software ICS per funzionare in modo Database (locale) dove i
dati vengono inviati e ricevuti da/sull'hard drive del PC locale. Vedere
Sezione 1.8.2 Funzionamento nel modo Database (dati locali) per ulteriori
spiegazioni sul modo di lavorare nel database.
Modo Archivio
Commuta l'applicazione ICS per il funzionamento in modo Archivio dove i
dati vengono scambiati all'/dall'hard drive del PC. Questa selezione è
disponibile soltanto per le versioni MultiSync ed Enterprise del software
ICS. Vedere Sezione 6 – Archiviazione dati.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 19
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.4 Barra strumenti di comunicazione
La Barra strumenti di comunicazione è utilizzata in primo luogo per selezionare un
dispositivo di controllo lavorando in modo Rete. È collocata in cima alla schermata degli
elementi grafici (finestra). In base al tipo di schermata, alcuni comandi sotto riportati
possono non essere presenti.
Aggiorna
Figura 21 – Barra strumenti di comunicazione
Questa barra degli strumenti contiene gli elementi descritti di seguito.
Casella con menu a
tendina dispositivo
di controllo
Questa casella con menu a tendina visualizza tutti i dispositivi di controllo
rilevati dal software ICS. Da questa casella con menu a tendina,
selezionare il dispositivo di controllo desiderato al quale si desidera
collegarsi.
Casella con menu a
tendina mandrino
Selezionare il mandrino desiderato da questa casella con menu a tendina.
Casella con menu a
tendina
configurazione
Selezionare il numero di configurazioni desiderato da questa casella con
menu a tendina.
Aggiorna
Facendo clic su questo comando, i dati presenti nelle schermate degli
elementi grafici (finestra) saranno aggiornati con i nuovi dati provenienti
dal dispositivo di controllo.
2.1.5 Barra strumenti database
La Barra strumenti database viene utilizzata soprattutto per selezionare un file (dati)
lavorando nel modo Database. È collocata in cima alla schermata degli elementi grafici
(finestra). In base al tipo di schermata, alcuni controlli sotto riportati possono non essere
presenti.
Figura 22 – Barra strumenti database
Questa barra degli strumenti contiene gli elementi descritti di seguito.
Casella con menu a
tendina
impost.param
Da questa casella con menu a tendina, è possibile
selezionare dall'hard drive del PC dati archiviati per aprirli. In
base alla schermata selezionata (finestra), questa casella con
menu a tendina avrà un nome diverso ma eseguirà la stessa
funzione. Questa casella con menu a tendina non è
selezionabile lavorando nel modo Rete (dati correnti).
Origine
Questa etichetta indica il modo in cui la schermata (finestra)
compare, ossia tanto nel modo Database quanto nel modo
Rete.
Pagina 20
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 2 – Layout generale delle schermate
2.1.6 Spazio di lavoro
Lo Spazio di lavoro funziona come un desktop per tutte le schermate degli elementi
grafici. Tutte le schermate degli elementi grafici si aprono nell'area di lavoro.
Schermate degli elementi grafici
Le schermate degli elementi grafici contengono dati e parametri di impostazione per uno
o più dispositivi di controllo. Ogni schermata può essere ridotta, ingrandita o chiusa
singolarmente. La barra del titolo di ogni schermata contiene il nome della schermata e
l'ID localizzazione e l'IP (se pertinente). L'esempio sottoriportato mostra la schermata di
Impostazione generale aperta nell'Area di lavoro.
Figura 23 – Impostazione generale - Esempio di schermata degli elementi grafici
2.1.7 Barra di stato e di avanzamento
La Barra di stato indica se il software è o non è collegato a un dispositivo di controllo. Se
è collegato, l'icona piccola del dispositivo di controllo avrà un segno di spunta verde.
Facendo doppio clic su questa icona vengono visualizzati gli ID dei dispositivi di controllo
rilevati.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 21
Sezioni 3 – Impostazioni
amministrative
Le impostazioni amministrative includono le seguenti opzioni disponibili sul Menu ICS:
•
sicurezza;
•
impostazioni;
•
modifica lingua.
3.1 Sicurezza
ICS fornisce a più utenti password individuali e diversi livelli di accesso impostati
all'interno dei gruppi. Il supervisore ha accesso a a tutte le schermate e ai privilegi
necessari per impostare gruppi, utenti e password.
1.
Quando si lancia l'ICS per la prima volta, verrà richiesto di inserire un nome utente e
una password. Inserire supervisore e la password sollinger.
2.
Una volta confermato il proprio log-in, è possibile impostare altri utenti, gruppi e
password dalla schermata ICS\Sicurezza\Imposta password.
Figura 24 – Imposta password
Pagina 22
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezioni 3 – Impostazioni amministrative
3.
La prima fase è impostare i gruppi che definiscono il livello di funzionalità garantito.
Fare clic sul pulsante Nuovo gruppoper impostare i gruppi.
Figura 25 – Crea nuovo gruppo
4.
Questa casella fluttuante permette di accedere alle schermate disponibili nella
versione specifica del software ICS che si sta utilizzando. È possibile assegnare
diritti di accesso e schermate a un gruppo. Versioni diverse del software ICS
(Connect, Network, Enterprise e MultiSync) sono dotate di Schermate disponibili
diverse.
5.
Fare clic sui tasti freccia per aggiungere o rimuovere la disponibilità delle schermate
per un gruppo specifico.
6.
Fare clic sulla casella di inserimento nella colonna Diritti di accesso per
visualizzare la casella con menu a tendina Privilegi.
7.
Fare clic su Sola lettura o Accesso completo per selezionare un privilegio.
Nota: Sola lettura non consente all'utente di modificare o inviare i parametri al
dispositivo di controllo. Anche i Dettagli gruppo possono essere modificati
selezionando un gruppo nella tabella della schermata Imposta password, quindi
facendo clic sul pulsante Modifica. Questo visualizza la schermata Modifica
gruppoche è uguale alla schermata Crea nuovo gruppo.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 23
Sezioni 3 – Impostazioni amministrative
8.
Una volta impostati i gruppi, è possibile assegnare agli utenti i privilegi basati
sull'assegnazione dei gruppi. Fare clic sul pulsante Nuovo utente per iniziare a
creare nuove impostazioni degli utenti.
Figura 26 – Crea nuovo utente
9.
Fare clic su OK per salvare le informazioni del nuovo utente creato.
3.2 Impostazioni
ScegliendoImpostazioni dal menu ICS viene visualizzata una finestra di dialogo per
modificare le impostazioni del sistema ICS. Le impostazioni predefinite per questi
parametri sono progettate per funzionare con la maggior parte delle installazioni e i valori
dovrebbero essere modificati se si verifica un problema. Si raccomanda di non
modificare questi valori.
Pagina 24
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezioni 3 – Impostazioni amministrative
Figura 27 – Finestra di dialogo Impostazioni generali ICS
I parametri nella finestra di dialogo impostazioni generali ICS includono quanto segue.
Porta UDP ICS
Seleziona il numero della porta sull'Ethernet che l'ICS utilizzerà per
comunicare con il dispositivo di controllo. Notare che anche il dispositivo
di controllo deve essere impostato con lo stesso numero di porta per
comunicare con l'ICS. Questo valore dovrebbe essere modificato
soltanto se questo numero di porta viene già utilizzato in rete da un altro
programma.
N° di tentativi
Questo imposta il numero di volte che l'ICS tenterà di rinviare un
messaggio se l'invio è fallito.
Scadenza download
(secondi)
Una volta inviato un file dall'ICS a un dispositivo/dei dispositivi di
controllo, se in questo tempo non si riceve una conferma di ricevimento
del file, il file viene considerato perso.
Segnale di
acknowledge
(millisecondi)
Imposta l'intervallo di tempo (in millisecondi) in cui l'ICS invierà al
dispositivo di controllo un messaggio per accertarsi che sia ancora
collegato.
Intervallo di
ripetizione scoperta
(millisecondi)
Imposta l'intervallo di tempo (in millisecondi) in cui l'ICS verificherà la
presenza di nuovi dispositivi di controllo sulla rete.
Scadenza
connessione
(millisecondi)
Una volta scoperto un dispositivo di controllo, questo imposta l'intervallo
di tempo (in millisecondi) in cui il dispositivo di controllo deve rispondere
alla richiesta di connessione.
Scadenza richiesta
(millisecondi)
Una volta inviata una richiesta dall'ICS a un dispositivo/dei dispositivi di
controllo, se in questo tempo non si riceve una risposta dal dispositivo di
controllo, la richiesta viene considerata persa.
Percorso file
esportati
Imposta il percorso predefinito nel quale i file esportati saranno salvati.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 25
Sezioni 3 – Impostazioni amministrative
Percorso file RISC
MCE
Imposta il percorso predefinito con cui l'ICS cercherà i file del software
quando viene fatta una richiesta di scaricare il software nei dispositivi di
controllo.
Percorso licenza
Mostra l'ubicazione in cui è collocato il file di licenza ICS.
Password utente
dispositivo di
controllo
Password utilizzata per accedere al dispositivo di controllo via Ethernet.
Nome utente
dispositivo di
controllo
Nome utilizzato durante l'accesso all'Ethernet.
Password FTP
Password utilizzata durante le sessioni dell'FTP.
Nome utente FTP
Nome utente per le sessioni dell'FTP.
Percorso predefinito
rapporto
Mostra il percorso predefinito per memorizzare i rapporti.
Log eventi ICS
Mostra il percorso predefinito per la memorizzazione del Log eventi ICS.
Da ID e-mail
Mostra l'origine delle e-mail da cui compariranno tutti gli allarmi delle email.
Password server email
Password richiesta per l'accesso dell'ICS al server delle e-mail.
ID log-in server email
ID log-in (Nome utente) richiesto per l'accesso dell'ICS al server delle email.
Scadenza attesa
risorsa in mS
Scadenza di attesa risorsa in mS.
Versione protocollo
minore
Il protocollo per le comunicazioni ICS/dispositivo di controllo è composto
da due parti: secondario & principale. La versione secondaria dovrebbe
coincidere ma, in caso contrario, non provocherà instabilità.
Versione protocollo
principale
La versione protocollo principale ICS/dispositivo di controllo deve
coincidere altrimenti ne deriverà instabilità nelle comunicazioni.
Nome cliente
Nome dell'utente. Inserito durante l'installazione del software.
Porta server TCP
Porta comunicazioni protocollo TCP tra l'ICS e il dispositivo di controllo.
Porta server UDP
Porta comunicazioni protocollo UDP tra l'ICS e il dispositivo di controllo.
Pagina 26
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezioni 3 – Impostazioni amministrative
3.3 Modifica lingua
Scegliere Modifica lingua dal Menu ICS per impostare la lingua utilizzata con il
programma dell'ICS. Aprire la casella con menu a tendinaSeleziona lingua per scegliere
trainglese, francese, italiano, tedesco o spagnolo.
Figura 28 – Selezione lingua
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 27
Sezione 4 – Programmazione di un
dispositivo di controllo
4.1
Impostazione rapida
Questa schermata Impostazione rapida è utilizzata per impostare e attivare
rapidamente il sistema. Numerose procedure possono essere impostate da questa
schermata. Esse includono le procedure di controllo coppia e controllo angolo in una
fase. La schermata Impostazione rapida consente di impostare i parametri chiave
(coppia, angolo, velocità mandrino, ecc.) per la procedura di serraggio desiderata. I
Gruppi configurazione che vengono creati utilizzando questa schermata possono
essere inviati direttamente a un dispositivo di controllo (modo Rete) oppure possono
essere memorizzati localmente. I gruppi di configurazione possono essere creati anche
nel modo Database (offline) e memorizzati localmente. I Gruppi configurazione
memorizzati localmente possono quindi essere inviati a un dispositivo di controllo
utilizzando la schermata Assegna parametri .
Da un dispositivo di controllo IC1D è possibile impostare procedure di fissaggio con
controllo coppia e controllo angolo in una fase. Dal dispositivo di controllo è possibile
Pagina 28
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
visualizzare e programmare solo le prime otto configurazioni. Il software ICS consente di
impostare un massimo di 256 configurazioni.
Figura 29 – Schermata Impostazione rapida
Per caricare un gruppo di configurazioni da un dispositivo di controllo collegato in modo
Rete procedere come indicato.
1.
Dal menu Imposta , fare clic su Rapida.
2.
Selezionare il dispositivo di controllo desiderato dalla casella con menu a tendinaID
dispositivo di controllo.
3.
Selezionare Mandrino 1 dalla casella con menu a tendina Mandrino.
4.
Selezionare la configurazione desiderata dalla casella con menu a tendina
Configura.
5.
Se la configurazione è programmata, i dati saranno visualizzati nella schermata.
Apportare qualsiasi cambiamento desiderato, quindi fare clic sul pulsante Invia
nella barra degli strumenti per inviare i dati. Se la configurazione non è
programmata, continuare con la fase 6 sottoriportata.
6.
Spostarsi sul parametro Procedura e selezionareControllo coppia o Controllo
angolo.
7.
Inserire il valore di riferimento desiderato per l’operazione di fissaggio nella casella
di inserimento dati Riferimento coppia o Riferimento angolo , a seconda di quale
delle due procedure è stata selezionata per una particolare configurazione.
8.
Il software ICS assegna automaticamente valori (che rientrano nei limiti di
riferimento) agli altri parametri di controllo coppia o angolo visualizzati sulla
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 29
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
schermata. Per modificare questi valori, navigare alla casella di inserimento dati e
inserire un nuovo valore. I parametri comprendono quanto segue.
9.
Limite max. coppia
Il valore massimo di coppia accettabile per un fissaggio deve essere
superiore al valore di riferimento (in caso di controllo di coppia).
Limite min. coppia
Il valore minimo di coppia accettabile per un fissaggio deve essere
inferiore al valore di riferimento (in caso di controllo di coppia).
Limite max. angolo
L’angolo massimo accettabile di rotazione del dispositivo di fissaggio
deve essere superiore al valore di riferimento (in caso di controllo di
angolo).
Limite min. angolo
L’angolo minimo di rotazione del dispositivo di fissaggio deve essere
inferiore al valore di riferimento (in caso di controllo di coppia).
Soglia di coppia
La coppia richiesta per alloggiare i componenti nel giunto; anche il punto
di coppia dal quale inizia a essere misurato l'angolo.
Velocità a vuoto
La percentuale massima di velocità di rotazione del mandrino durante il
fissaggio.
Punto di
rallentamento
Il punto di coppia della fase finale del serraggio in cui il mandrino passa a
una velocità di rotazione più bassa (per ottenere una maggiore
precisione).
Velocità di
rallentamento
La percentuale di velocità (max.) del mandrino durante la fase di
rallentamento.
Velocità di
inversione (%)
La percentuale di velocità (max.) del mandrino durante l'operazione di
inversione è attivata.
Spostarsi verso il parametro Unità coppia e scegliere: Nm, Ft-lbs, In-lbs o Kg-m.
10. Selezionare un senso di rotazione CW (orario) o CCW (antiorario).
11.
Se l’operazione di montaggio richiede il serraggio di più bulloni in un gruppo,
inserire un Conteggio multiplo nella corrispondente casella di inserimento dati.
12. Se si desidera impostare l’IC1D o l'IC1M in modo che segua una certa sequenza di
configurazioni di fissaggio, utilizzare il parametro Incremento automatico. Al
termine della configurazione corrente, inserire il numero della configurazione che si
desidera impostare per il dispositivo di controllo. Vedere sotto per maggiori
informazioni sull’incremento automatico.
13. Inserire un parametro Ripristinaper indicare quale configurazione deve usare il
dispositivo di controllo dopo avere ricevuto il segnale di ripristino configurazione.
14. Dopo avere terminato di inserire tutti i parametri per la propria configurazione,
scegliere Salva dal menu FFile per memorizzare le impostazioni appena inserite
nel database del PC locale oppure fare clic sul pulsante Invia sulla barra degli
strumenti per inviare i dati al dispositivo di controllo.
Per salvare un nuovo gruppo di configurazioni nel database del PC locale procedere
come indicato di seguito.
1.
Dal menu Imposta , fare clic su Rapida.
2.
Fare clic sul pulsante Modo Database nella barra degli strumenti.
Pagina 30
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
3.
Seguire le fasi 2-10 della procedura summenzionata per programmare tutti i
parametri.
4.
Inserire un nome per la configurazione nella casella di inserimento dati Nome
gruppo configurazioni.
5.
Scegliere Salva dal menu File per salvare la configurazione.
Per caricare un gruppo di configurazioni dal database del PC locale procedere come
indicato di seguito.
1.
Dal menu Imposta , fare clic su Rapida.
2.
Fare clic sul pulsante Modo Database nella barra degli strumenti.
3.
Fare clic sulla casella con menu a tendina Nome gruppo configurazioni e
selezionare il gruppo configurazioni desiderato.
4.2
Impostazione avanzata
La schermata Impostazione avanzataè simile alla schermata Impostazione rapida ma
fornisce accesso a tutti i parametri di configurazione rendendo possibile la
programmazione di procedure in più fasi. Le configurazioni vengono caricate, modificate
e salvate singolarmente. L'Impostazione avanzata è disponibile nelle versioni Network,
MultiSync ed Enterprise del software ICS.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 31
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Navigando fino aImposta/Avanzata viene visualizzata la schermata Impostazione
avanzata come mostrato in Figura 30. Utilizzare le caselle con menu a tendina per
selezionare un dispositivo di controllo, un mandrino e una configurazione per la
programmazione (per il modo Database, selezionare una configurazione nuova o una
precedentemente salvata).
Figura 30 – Schermata Impostazione avanzata
Fare clic sul pulsante Modifica per visualizzare la schermata Sequenza impostazione
avanzata come mostrato in Figura 31. Utilizzare le frecce presenti in questa schermata
per programmare le configurazioni. Procedere selezionando le fasi dalla colonna
Opzioni disponibili e spostandole nella colonna Fase configurazione . Selezionare
una fase e fare clic sul pulsante Cancella per eliminare una fase dalla configurazione.
Fare clic sul pulsante Cancella tutto per eliminare tutte le fasi della configurazione.
Selezionare una fase e fare clic sul pulsante Inserisci per inserire una nuova riga davanti
alla fase selezionata (fatta eccezione per la fase Attiva che deve sempre essere la prima
fase). Una volta programmata la configurazione, fare clic sul pulsante OKper ritrasferire
la configurazione alla schermata Impostazione avanzata.
Pagina 32
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Figura 31 – Schermata Sequenza impostazione avanzata
Selezionando una Fase configurazione, tutti i suoi parametri programmabili vengono
visualizzati sul lato destro della schermata, come mostrato in Figura 32. È quindi
possibile modificare qualsiasi parametro. I pulsanti Precedente eSuccessivo forniscono
un altro metodo di avanzamento attraverso le fasi elencate.
Figura 32 – Impostazione avanzata - Fasi configurazione
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 33
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.2.1 Impostazione procedura in più fasi
Per impostare una nuova procedura in più fasi procedere come indicato di seguito.
1.
Scegliere Avanzatadal menu Imposta.
2.
Passare dal modo predefinito Rete al modo DB locale.
3.
Scegliere Seleziona Nuovodalla casella con menu a tendina Gruppo
configurazioni.
4.
Fare clic sulla linguetta Modificaper visualizzare la schermata di dialogo
Impostazione configurazione avanzata.
5.
Scegliere le fasi desiderate nella sequenza appropriata dalla casella Parametri
disponibili sul lato destro della schermata di dialogo, spostandoli nella casella
Fase configurazione sul lato destro facendo clic sul pulsante freccia.
Nota: la Fase Attiva deve essere selezionata come prima in qualsiasi procedura in
più fasi. Il software avverte se è stata scelta una fase che non segue l'appropriata
logica delle varie fasi.
6.
Utilizzare il pulsante Inserisci per inserire una fase vuota sopra alla fase esistente.
Utilizzare anche il pulsante Cancellaper eliminare una fase non desiderata.
7.
Fare clic sul pulsante OK dopo avere aggiunto tutte le fasi necessarie.
8.
Scegliere singole fasi dal lato sinistro della schermata di impostazione Avanzata
per visualizzare i parametri di impostazione per ciascuna della fasi.
9.
Apportare qualsiasi modifica necessaria alle impostazioni predefinite per ciascuna
fase.
10. Inserire un nome Configurazione nella casella con menu a tendina Nome gruppo
configurazioni.
11.
Scegliere Salvadal menu File.
12. Fare clic sul pulsante Sì nella casella fluttuante Conferma azione.
Una volta programmate, le configurazioni possono essere assegnate a un dispositivo di
controllo mediante la schermata Assegna parametri.
4.2.2 Ulteriori fasi disponibili
Le seguenti fasi di serraggio sono disponibili soltanto nell'Impostazione avanzata.
Pagina 34
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Attiva
La fase Attivainclude i parametri impostati dall'utente che sono comuni in tutta la
configurazione. Alcuni dei parametri (Direzione motore, Velocità di inversione, Conteggio
multiplo, Incremento automatico, Ripristino configurazione, Unità coppia e Nome
configurazione) sono gli stessi descritti nella sezione Impostazione rapida. I parametri
specifici della fase Attivasono indicati di seguito.
Velocità graduale (%)
Velocità utensile decrescente nel funzionamento Avviamento
graduale.
Accelerazione (%)
Accelerazione motore utensile all'inizio del serraggio.
Scadenza ciclo (sec)
Limite tempo max. per eseguire la configurazione prima che venga
indicato un errore di scadenza.
Filtro coppia (Hz)
Opzioni selezionabili di 75, 150, 350, 500 e 750 Hz.
Durata campionamento
tracciato (sec)
Numero di secondi per la curva tracciata di serraggio totale. In questo
intervallo di tempo vengono tracciati 1000 punti.
Velocità di inversione
bussola filettata (%)
Velocità durante il funzionamento di inversione estrattore bussole
filettate.
Soglia bussola filettata
Valore di coppia in corrispondenza del quale il funzionamento di
inversione dell'estrattore bussole filettate si arresta.
Jog
La fase Jog permette all'utente di far funzionare l'utensile/gli utensili a una velocità
"graduale" (parametro programmabile nella fase Attiva) così che la testa del bullone può
essere facilmente trovata dal portautensile. La fase funziona fino al raggiungimento della
coppia o dell'angolo programmati. Il comando dell'utensile terminerà la fase Jog e inizierà
la fase successiva nella sequenza di serraggio. Jog deve sempre costituire la prima fase
in una configurazione (dopo la fase Attiva).
I parametri specifici della fase Jog sono riportati di seguito.
Coppia jog
Parametro programmato dall'utente che definisce il valore di coppia del
serraggio che arresta il funzionamento jog.
Angolo jog
Parametro programmato dall'utente che definisce l'angolo del valore di
svolta che arresta il funzionamento jog.
Ripetizione coppia
La fase Ripetizione coppia viene utilizzata per applicare ulteriore coppia al giunto,
precedentemente serrato, allo scopo di rimuovere qualsiasi rilassamento che si verifica
dopo il serraggio iniziale (ad esempio: un giunto munito di guarnizione). Le istruzioni
vengono utilizzate soltanto dopo le istruzioni relative al Controllo coppia o al Controllo
angolo. Attiva il motore dell'utensile (nella direzione di serraggio) e monitorizza la coppia
applicata fino a raggiungere un punto impostato di Ripetizione coppia.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 35
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Per ogni attivazione dell'utensile, la rotazione dell'angolo del bullone viene misurata dal
momento in cui la coppia sale al 50 % del punto impostato di Ripetizione coppia fino a
quando scende al 50 % del punto impostato di Ripetizione coppia. L'angolo misurato
viene aggiunto all'angolo di picco finale delle istruzioni precedenti. L'angolo di picco viene
così aggiornato per ogni attivazione della Ripetizione coppia. Le attivazioni degli utensili
continuano fino a quando l'angolo misurato durante un'attivazione è pari o inferiore al
parametro Angolo ripetizione coppia programmato dall'utente oppure fino al
completamento di 10 attivazioni. L'angolo di serraggio totale è l'Angolo di picco ottenuto
dalla precedente fase di serraggio + qualsiasi angolo di svolta durante le applicazioni
della Ripetizione coppia.
La Coppia di riferimento Ripetizione coppia è pari al precedente punto impostato per il
Controllo coppia, se l'istruzione precedente corrispondeva a Controllo coppia oppure è
pari alla Coppia di picco ottenuta al termine del serraggio, se la precedente istruzione era
Controllo Angolo.
Può verificarsi un'ulteriore sovraregolazione della coppia durante la Ripetizione coppia
che non era presente durante l'istruzione iniziale di serraggio. Può essere ridotta ai
minimi termini programmando il parametro Sovraregolazione ripetizione coppia. Se
programmato, il punto impostato di Ripetizione coppia è pari al punto impostato di
Ripetizione coppia, ossia la Sovraregolazione ripetizione coppia.
I limiti di Coppia e Angolo della precedente istruzione vengono utilizzati anche per
l'istruzione di Ripetizione coppia.
I parametri programmati specifici della Ripetizione coppia sono riportati di seguito.
Sovraregolazione
ripetizione coppia
Parametro di compensazione che effettua regolazioni per la
Sovraregolazione coppia media (causata dall'inerzia all'avviamento del
motore) durante un'attivazione Ripetizione coppia. Il valore
Sovraregolazione viene sottratto dal Punto impostato ripetizione coppia
per generare un Punto impostato ripetizione coppia regolato.
Angolo ripetizione
coppia
Utilizzato per determinare se le attivazioni della Ripetizione coppia hanno
fornito coppia sufficiente al giunto. L'angolo di svolta del portautensile
viene misurato dal momento in cui un'attivazione della Ripetizione coppia
viene avviata fino a quando viene disattivata (raggiungimento del Punto
impostato ripetizione coppia). Questo angolo di svolta diminuisce con
l'avanzare di ciascuna attivazione. Se l'angolo di svolta è pari o inferiore
all'Angolo ripetizione coppia, la fase Ripetizione coppia è completa.
Abilita dati EOR
Quando il comando è selezionato, il sistema invierà un messaggio di fine
ciclo al termine di questa procedura di serraggio.
Pagina 36
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Cedimento
La fase di Cedimento fa sì che l'utensile si arresti in corrispondenza di un gradiente
(pendenza) Angolo coppia programmato dopo che è stato rilevato l'inizio del cedimento
del bullone. Il serraggio di un bullone al suo punto di cedimento determina il massimo
carico del morsetto snodato.
Dopo il raggiungimento della Coppia di soglia, ha inizio il calcolo delle pendenze
(Aumento coppia rispetto all'Esecuzione angolo) della curva Coppia/Angolo. Il numero di
campioni (coppia per grado di rotazione) da utilizzare per il calcolo corrisponde al valore
programmato nel parametro Intervallo pendenza . La prima pendenza non viene
calcolata fino a quando non sono stati raccolti numerosi "Intervallo pendenza" dei gradi.
Dopo il calcolo della prima pendenza, le pendenze vengono calcolate a ogni incremento
dell'angolo. La pendenza di picco viene memorizzata e aggiornata, se una nuova
pendenza risulta superiore. Se la pendenza diminuisce fino a una certa percentuale
(parametro Cedimento) del picco e l'utensile ha continuato a ruotare di vari gradi
l'"Angolo cedimento", il serraggio viene interrotto e l'utensile arrestato.
I parametri programmati specifici del Controllo cedimento sono riportati di seguito.
Intervallo pendenza
cedimento
Il numero di gradi della rotazione del portautensile in base al quale viene
calcolato il gradiente Coppia/Angolo. Un numero elevato determina un
maggior Filtraggio rumorosità coppia ma anche un ritardo nel
riconoscimento del Cedimento.
Punto di cedimento
della pendenza di
picco (%)
La diminuzione della percentuale nel valore della pendenza Coppia\Angolo
dalla pendenza di picco memorizzata durante il serraggio (Punto
cedimento). Al raggiungimento del Punto cedimento, la fase di serraggio è
completata, a meno che sia stato programmato il parametro "Angolo
cedimento". Numeri superiori determinano un Rilevamento cedimento
anticipato.
Angolo cedimento
Dopo avere rilevato il Punto cedimento, il bullone può essere ruotato
ancora di vari gradi per garantire il raggiungimento del cedimento. La
quantità dell'ulteriore rotazione viene programmata nel parametro "Angolo
cedimento".
Abilita dati EOR
Quando il comando è selezionato, il sistema invierà un messaggio di fine
ciclo al termine di questa procedura di serraggio.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 37
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Coppia prevalente
La Coppia prevalentepermette al dispositivo di controllo dell'utensile di eseguire una
corrispondente funzione di controllo e serraggio nei casi in cui la coppia applicata non
garantisce un carico del morsetto prima di o al posto di una procedura di serraggio finale.
La Coppia prevalente è la coppia motrice necessaria per superare l'attrito in
un'applicazione di fissaggio filettata, che non produce alcun carico sul morsetto o
allungamento del bullone. In alcune applicazioni, la Coppia prevalente può essere
superiore alla coppia di chiusura del giunto. Questa coppia motrice può essere
necessaria per superare l'interferenza volutamente progettata nel giunto bullonato
(tasselli Nylok, dadi di restringimento, dispositivi di fissaggio trilobi, ecc.) o l'interferenza
accidentale derivante dalla variazione e dalla qualità di un componente (gocce di
saldante, filettatura incrociata, fori non allineati, contaminazione). La fase Coppia
prevalente deve sempre essere seguita da una fase di serraggio finale (Controllo coppia,
Controllo angolo o Controllo cedimento).
NOTA: la Coppia di chiusura è la coppia in corrispondenza della quale la testa del
bullone è "chiusa" contro il pezzo da lavorare dopo l'allentamento del dispositivo di
fissaggio o alla quale viene raggiunto il consolidamento dei componenti di
giunzione. Nel metodo Pendenza di uscita dalla zona Coppia prevalente, viene
rilevato mediante riconoscimento quando la pendenza Coppia/Angolo inizia la parte
lineare della curva di serraggio.
Esistono due zone associate alla fase Coppia prevalente: la zona Inserimento e la zona
Coppia prevalente. La zona Inserimento è il primo segmento della fase. Fornisce una
zona di ispezione durante l'avvio o nell'area di coppia Inserimento trovata dall'utensile
durante un'operazione di fissaggio. Serve per identificare le condizioni di scarsa qualità di
un giunto bullonato (ad es. foro sottodimensionato, serraggio impedito). Un guasto
(Coppia max.) nella zona Inserimento arresta la fase di serraggio con un errore. La zona
Coppia prevalente costituisce il secondo segmento della fase e inizia a completamento
riuscito della zona Inserimento. Garantisce una zona di monitoraggio (per la Coppia di
picco & la Coppia prevalente media) mentre l'utensile incontra la coppia prevalente
durante un'operazione di fissaggio. Identifica anche il punto "Coppia di chiusura" in
corrispondenza del quale ha inizio la procedura di serraggio finale.
La fase Coppia prevalente termina nella zona del serraggio finale al raggiungimento di un
Angolo di riferimento preimpostato o al rilevamento del punto Coppia di chiusura.
Selezionare il metodo di uscita.
NOTA: La Coppia prevalente media costituisce uno dei valori dei dati determinati
dalla zona Coppia prevalente. Viene calcolata utilizzando una media mobile max. di
tutti i 360 gradi della coppia di utilizzo prima del punto di Chiusura.
L'impostazione della procedura Coppia prevalente prevede una casella di spunta
contrassegnata come Abilita dati EOR. Quando il comando è selezionato, il sistema
invia un messaggio di fine ciclo al termine di questa Procedura di serraggio.
Pagina 38
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Parametri specifici della Coppia prevalente associati con la zona Inserimento
Coppia di serraggio
Identifica la Coppia misurata laddove ha inizio la fase Coppia prevalente.
Limite max. coppia
inserimento
Identifica la coppia max. ammessa durante la zona Inserimento. Se la
coppia misurata è pari o superiore a questo valore, la fase viene arrestata
e viene indicato un errore.
Angolo inserimento
Identifica l'entità della rotazione del portautensile per completare la zona
Inserimento. La misurazione ha inizio una volta identificata la Coppia di
serraggio.
Parametri specifici della Coppia prevalente associati con la Zona coppia prevalente
Angolo prevalente di
riferimento
Identifica l'entità programmata della rotazione dell'angolo del portautensile
durante la zona Coppia prevalente. Costituisce una delle due opzioni per
uscire dalla zona Coppia prevalente ed entrare nella fase Serraggio finale.
La misurazione ha inizio una volta usciti dalla zona Inserimento.
Limite max. angolo
prevalente
Identifica l'entità max. della rotazione dell'angolo del portautensile
ammessa durante la zona Coppia prevalente. Se la rotazione del
portautensile è pari o superiore a questo limite, la fase viene arrestata e
viene indicato un errore. Questo limite è utilizzato quando viene
selezionato il metodo "Rilevamento pendenza" per uscire dalla zona
Coppia prevalente. La misurazione ha inizio una volta usciti dalla zona
Inserimento.
Limite min. angolo
prevalente
Identifica l'entità min. della rotazione dell'angolo del portautensile che
deve essere compiuta durante la zona Coppia prevalente. Quando si esce
dalla zona Coppia prevalente, l'Angolo prevalente misurato viene
controllato per assicurarsi che sia maggiore di questo limite. In caso
contrario, la sequenza delle fasi viene arrestata e viene indicato un errore.
La misurazione ha inizio una volta usciti dalla zona Inserimento.
Limite max. coppia
prevalente
Identifica l'entità max. della coppia ammessa durante la zona Coppia
prevalente. Se la coppia misurata è pari o superiore a questo limite, la
fase viene arrestata e viene indicato un errore. La misurazione ha inizio
una volta usciti dalla zona Inserimento.
Limite min. coppia
prevalente
Identifica l'entità min. della coppia che deve essere presente durante la
zona Coppia prevalente. La coppia min. incontrata durante la zona Coppia
prevalente è memorizzata durante la fase in questa zona. Quando si esce
dalla zona Coppia prevalente, il minimo memorizzato viene controllato per
assicurarsi che sia maggiore di questo limite. In caso contrario, viene
indicato un errore. La misurazione ha inizio una volta usciti dalla zona
Inserimento.
Abilita pendenza
Quando viene selezionata questa casella di spunta, si uscirà dalla zona
Coppia prevalente utilizzando il metodo di rilevamento Pendenza
serraggio finale.
Lunghezza corda
pendenza
Il numero di gradi di rotazione del portautensile in base al quale viene
calcolato il gradiente Coppia/Angolo nel metodo Pendenza di rilevamento
del Punto di chiusura. Un numero elevato determina un maggior Filtraggio
rumorosità coppia ma anche un ritardo nel riconoscimento del Punto di
chiusura.
Deviazione pendenza
La soglia del valore Pendenza che identifica l'inizio del Rilevamento punto
di chiusura.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 39
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Persistenza
deviazione pendenza
Definisce il numero di gradi consecutivi in base al quale il gradiente
Coppia/Angolo deve essere superiore alla Deviazione pendenza per
identificare il Punto di chiusura e uscire dalla zona Coppia prevalente.
Compensazione tara
Se abilitata, la Coppia di riferimento del Controllo coppia viene aggiunta
alla Coppia prevalente media per creare una nuova Coppia di riferimento
modificata (per compensare la Coppia prevalente). Il Riferimento
modificato viene controllato con il Limite coppia max. del Controllo coppia
per verificare un'eventuale violazione. Se il limite viene superato, la fase
indica un errore.
NOTA: la Compensazione tara è disponibile soltanto se la fase Serraggio
finale corrisponde al Controllo coppia.
Ritardo
La faseRitardo permette all'utente di inserire un tempo di ritardo nella sequenza di
serraggio. Può essere utilizzato ogniqualvolta sia necessaria una pausa nella sequenza
di serraggio. Ad esempio, permettendo il rilassamento di un giunto munito di guarnizione
dopo un serraggio iniziale prima di procedere a un serraggio finale.
I parametri specifici della fase Ritardo sono riportati di seguito.
Ritardo
L'utente ha inserito da 0,1 a 200 secondi
Arretramento
Questa fase permette all'utente di allentare il/i bullone/i per un numero specifico di gradi e
a una velocità specifica. Se la coppia incontrata durante l'arretramento supera il limite
Coppia max. della fase, il funzionamento viene interrotto e viene indicato un errore.
I parametri specifici della fase Arretramento sono riportati di seguito.
Angolo arretramento
Il numero di gradi per l'arretramento. La misurazione dell'angolo inizia
quando si avvia il motore dell'utensile.
Velocità arretramento
L'utensile viene fatto funzionare a questa velocità mentre viene
eseguita la fase Arretramento.
Limite max. coppia
Se la coppia misurata durante l'Arretramento è pari o superiore a
questo valore, la fase viene arrestata e viene indicato un errore.
Coppia di trascinamento
La fase Coppia di trascinamentomonitorizza l'entità della coppia necessaria per ruotare
un particolare componente di assemblaggio. Misura le interferenze volute e accidentali
tra i componenti misurando i picchi di coppia, i punti minimi e la media. Ciò permette
all'utente di verificare la conformità con i livelli preimpostati del Controllo qualità. La fase
Coppia di trascinamento deve essere l'unica fase nella configurazione (ad eccezione
della fase Attiva).
Esistono due zone associate alla fase Coppia di trascinamento: la zona Inserimento e la
zona Coppia di trascinamento. La zona Inserimento costituisce il primo segmento della
fase. Garantisce una zona di ispezione durante l'inerzia di avviamento oppure un'area
Pagina 40
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
coppia "Inserimento" incontrata dall'utensile durante la fase. Viene utilizzata per
identificare le condizioni di scarsa qualità dell'assemblaggio testato (ad es. foro
sottodimensionato, serraggio impedito). Un guasto (Coppia max.) nella zona Inserimento
arresta la fase con l'indicazione di un errore. La zona Coppia di trascinamento costituisce
il secondo segmento della fase e inizia a completamento riuscito della zona Inserimento.
Garantisce una zona di monitoraggio (per Coppia picco, minima e media) durante il
funzionamento dell'utensile.
NOTA: la Coppia di trascinamento media costituisce uno dei valori dei dati
determinati dalla zona Coppia di trascinamento. Viene calcolata utilizzando una
media mobile max. degli ultimi 360 gradi della coppia di utilizzo prima della fine
della zona Coppia di trascinamento.
Parametri specifici della Coppia di trascinamento associati alla zona Inserimento
Coppia di serraggio
Identifica la Coppia misurata laddove ha inizio la fase Coppia di
trascinamento.
Limite max. coppia
inserimento
Identifica la coppia max. che può essere incontrata durante la zona
Inserimento. Se la coppia misurata è pari o superiore a questo valore, la
fase viene arrestata e viene indicato un errore.
Angolo inserimento
Identifica l'entità della rotazione dell'angolo del portautensile per
completare la zona Inserimento. La misurazione ha inizio una volta
identificata la Coppia di serraggio.
Parametri specifici della Coppia di trascinamento associati alla zona Coppia di
trascinamento
Angolo ispezione di
riferimento
Identifica l'entità programmata della rotazione dell'angolo del portautensile
durante la zona Coppia di trascinamento. La misurazione ha inizio una
volta usciti dalla zona Inserimento.
Limite max. coppia
Identifica l'entità max. della coppia ammessa durante la zona Coppia di
trascinamento. Se la coppia misurata è pari o superiore a questo limite, la
fase viene arrestata e viene indicato un errore. La misurazione ha inizio
una volta usciti dalla zona Inserimento.
Limite min. coppia
Identifica l'entità min. della coppia che deve essere incontrata durante la
zona Coppia di trascinamento. La coppia minima incontrata durante la
zona Coppia di trascinamento viene memorizzata durante la fase in
questa zona. Al termine della fase Coppia di trascinamento, il minimo
memorizzato viene controllato per assicurarsi che sia maggiore di questo
limite. In caso contrario, viene indicato un errore. La misurazione ha inizio
una volta usciti dalla zona Inserimento.
Velocità a vuoto
Programma la velocità di funzionamento dell'utensile.
Ulteriori caratteristiche disponibili nell'Impostazione avanzata
Le seguenti caratteristiche avanzate sono disponibili per le fasi selezionate e sono
accessibili soltanto attraverso la programmazione Impostazione avanzata.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 41
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Avanzamento a scatti
Se sono presenti condizioni di attrito estremamente elevato durante il serraggio di un
bullone, la coppia applicata può mostrare un comportamento oscillatorio noto come
Avanzamento a scatti. Si tratta di un'oscillazione periodica del segnale di coppia
caratterizzato da una serie di picchi e di punti minimi. L'avanzamento a scatti può
causare un rilevamento errato della coppia di riferimento oppure può causare un errore
della Coppia max. L'avanzamento a scatti si verifica in genere quando al giunto viene
applicato un Carico morsetto min. L'avanzamento a scatti può essere rilevato
monitorando un numero programmato di volte (n) (n predefinito = 1) in cui la coppia
misurata scende al di sotto di una Coppia soglia avanzamento a scatti (SSTT)
programmata per poi risalire al di sopra di essa.
Il rilevamento dell'Avanzamento a scatti causa l'arresto del serraggio e l'indicazione di un
errore.
Il monitoraggio per l'Avanzamento a scatti ha inizio con la Soglia di coppia (TT) della fase
di serraggio o il punto della Coppia di serraggio (fase Coppia prevalente). Se la TT è
programmata per essere inferiore al 10 % della coppia max. dell'utensile, l'Avanzamento
a scatti può essere indicato erroneamente dalla Rumorosità coppia e creare errori
spiacevoli.
I parametri specifici dell'Avanzamento a scatti sono riportati di seguito.
Coppia soglia
avanzamento a scatti
Diminuzione misurata in percentuale del valore di coppia per determinare
l'inizio dell'avanzamento a scatti.
Condizione di
avanzamento a scatti
Il "numero" di volte in cui la coppia misurata scende al di sotto della
Coppia soglia avanzamento a scatti per poi risalire al di sopra di essa
prima che la condizione di Avanzamento a scatti venga indicata come
valida.
Selezionare la casella di spunta Abilita avanzamento a scatti per abilitare
l'Avanzamento a scatti.
Il monitoraggio dell'avanzamento a scatti può essere selezionato come opzione per le
seguenti fasi di serraggio:
•
controllo coppia;
•
controllo angolo;
•
controllo cedimento;
•
coppia prevalente.
Pagina 42
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Controllo gradiente/doppia pendenza
Il Controllo gradiente ha lo scopo di rilevare oscillazioni importanti nel coefficiente di
attrito della rotazione dei componenti di giunzione durante un ciclo di serraggio. La curva
Coppia/Angolo di serraggio può essere monitorata come Pendenza unica o può essere
suddivisa in due parti per il monitoraggio come curva Doppia pendenza (selezioni casella
di spunta). Il Controllo gradiente pendenza singola viene eseguito come indicato di
seguito.
Dopo il raggiungimento della Coppia soglia, vengono calcolate le pendenze (Aumento
coppia rispetto al Funzionamento angolo) della curva Coppia/Angolo. Il numero di
campioni (vengono rilevati campioni della coppia a ogni grado di rotazione del
portautensile) da utilizzare per il calcolo corrisponde al parametro programmato
"Intervallo pendenza". La prima pendenza non viene calcolata fino a quando non sono
stati raccolti vari campioni "Intervallo pendenza". Dopo il calcolo della prima pendenza, le
pendenze vengono calcolate a ogni incremento dell'angolo. Le letture dei campioni della
pendenza iniziano a essere accumulate in corrispondenza del punto Soglia coppia.
I calcoli delle pendenze vengono controllati per vedere se sono inferiori al limite
Gradiente max. e superiori al limite Gradiente min. Il limite Gradiente max. è un limite
attivo. Se viene superato durante un ciclo, il serraggio è arrestato e viene indicato un
errore. Il limite Gradiente min. è passivo e viene controllato al termine del serraggio.
I parametri specifici del Controllo gradiente sono riportati di seguito.
Abilita/Disabilita
controllo gradiente
Seleziona/deseleziona la funzione.
Limite max gradiente
Il calcolo della pendenza della curva di serraggio deve essere
inferiore a questo limite attivo.
Limite min. gradiente
Il calcolo della pendenza della curva di serraggio deve essere
superiore a questo limite passivo.
Intervallo pendenza
gradiente
Il numero di gradi di "svolta dell'angolo" del portautensile in base al
quale viene calcolato il gradiente Coppia/Angolo. Un numero elevato
determina un maggior Filtraggio rumorosità coppia ma anche un
ritardo nel riconoscimento del Punto di chiusura.
Il Controllo gradiente può essere selezionato come opzione per le seguenti fasi di
serraggio:
•
controllo coppia;
•
controllo angolo;
•
controllo cedimento.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 43
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Il Controllo gradiente pendenza doppia viene eseguito come indicato di seguito.
La curva di serraggio (Soglia coppia per arresto) è divisa in due regioni di monitoraggio
pendenza (A e B). Il punto di crossover dalla regione A di pendenza alla regione B di
pendenza è programmato come una condizione del valore di coppia (Punto di crossover
coppia) o una condizione del valore di angolo (Punto di crossover angolo). Se sono
programmati entrambi, il punto di crossover è l'Angolo. Ogni regione ha i propri limiti di
pendenza Max. e Min.
Dopo il raggiungimento della Coppia soglia, vengono calcolate le pendenze (Aumento
coppia rispetto al Funzionamento angolo) della curva Coppia/Angolo. Il numero di
campioni da utilizzare per il calcolo è un parametro programmato "Intervallo pendenza". I
dati della pendenza vengono raccolti a ogni grado di rotazione del portautensile. La prima
pendenza non viene calcolata fino a quando non sono stati raccolti vari punti di dati
"Intervallo pendenza". Dopo il calcolo della prima pendenza, le pendenze vengono
ricalcolate a ogni incremento dell'angolo.
I calcoli della pendenza vengono controllati per vedere se sono superiori al limite Max.
della pendenza o inferiori al limite Min. della pendenza. Il limite Max. pendenza è un
limite attivo. Se viene superato durante un ciclo, il serraggio viene arrestato e viene
indicato un errore. Il limite Min. pendenza è passivo e viene controllato al termine del
serraggio per un'eventuale violazione.
Il passaggio dalla regione A alla regione B avviene quando il calcolo della pendenza
contiene soltanto campioni dalla regione B (partendo dal punto di crossover). Tutti i
calcoli della pendenza eseguiti mentre la curva Coppia/Angolo sta passando attraverso il
punto di crossover vengono considerati come parte della pendenza A.
I parametri di monitoraggio della Pendenza doppia sono riportati di seguito.
Abilita/Disabilita
pendenza doppia
Seleziona/deseleziona la funzione.
Limite max pendenza
regione A
Il calcolo della pendenza della curva di serraggio dell'area A deve
essere inferiore a questo limite attivo.
Limite min. pendenza
regione A
Il calcolo della pendenza della curva di serraggio della regione A deve
essere superiore a questo limite passivo.
Limite max. pendenza
regione B
Il calcolo della pendenza della curva di serraggio della regione B deve
essere inferiore a questo limite attivo.
Limite min. pendenza
regione B
Il calcolo della pendenza della curva di serraggio della regione B deve
essere superiore a questo limite passivo.
Intervallo pendenza
Il numero di gradi di "svolta dell'angolo" del portautensile in base al
quale viene calcolato il gradiente Coppia/Angolo. Un numero elevato
determina un maggior Filtraggio rumorosità coppia ma anche un
ritardo nel riconoscimento delle violazioni dei limiti.
Punto di crossover
coppia
Se programmato, questo punto corrisponde al valore Coppia misurato
che significa l'inizio del passaggio dalla regione A alla regione B.
Punto di crossover
angolo
Se programmato, questo punto corrisponde al valore Angolo misurato
che significa l'inizio del passaggio dalla regione A alla regione B.
Pagina 44
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Il Monitoraggio pendenza doppia può essere selezionato come opzione per le seguenti
fasi di serraggio:
•
controllo coppia;
•
controllo angolo;
•
controllo cedimento.
Compensazione caricamento mandrino
Utilizzando i segnali di uscita di un trasduttore di posizione angolare per misurare
l'"angolo di svolta" del portautensile di fissaggio si introduce un errore di misurazione
dell'angolo a causa del caricamento meccanico tra il portautensile e il trasduttore di
posizione angolare (il caricamento non contribuisce a ruotare il portautensile). L'entità del
caricamento è proporzionale alla lunghezza del mandrino e all'entità della coppia fornita
al dispositivo di fissaggio. L'angolo totale misurato durante un serraggio (dalla Soglia
coppia all'angolo finale) è composto dal caricamento più l'angolo di rotazione del
portautensile. La funzione "Compensazione caricamento" misura l'angolo di
"caricamento" e lo sottrae dall'angolo totale misurato per indicare il vero angolo di svolta
per il portautensile.
Quando il serraggio è stato completato e l'entità della coppia sul dispositivo di fissaggio
scende ai 7/8 della coppia di picco ottenuta durante il serraggio (inizio rilassamento
mandrino), l'algoritmo della fase conta il numero di gradi della rotazione del mandrino fino
al raggiungimento da parte della coppia del valore Soglia coppia programmato. Questa
misurazione dell'angolo corrisponde all'entità del caricamento e viene sottratta
dall'angolo di svolta totale del serraggio per ottenere il vero angolo di rotazione del
portautensile.
Utilizzando la procedura di serraggio Controllo angolo, l'angolo di svolta indicato a fine
ciclo sarà inferiore all'Angolo di riferimento programmato. Per eliminare questo problema,
il mandrino deve essere tarato per determinare il suo angolo di “caricamento”, quindi
compensato ruotando il mandrino oltre l'Angolo di riferimento programmato di un'entità
pari all'angolo di "caricamento".
Le procedure Controllo angolo vengono eseguite su un giunto rappresentativo (con
Compensazione caricamento abilitata). Se l'angolo di svolta indicato è diverso (inferiore)
all'Angolo di riferimento, la differenza corrisponde all'angolo di "caricamento". Questo
valore dell'angolo è programmato dall'utente nel parametro "Compensazione
caricamento" del Controllo angolo. Durante un serraggio, l'algoritmo di controllo ruoterà il
portautensile di questi ulteriori gradi oltre l'Angolo di riferimento così che l'angolo finale
indicato del serraggio sarà pari all'Angolo di riferimento.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 45
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
I parametri specifici della Compensazione caricamento mandrino sono riportati di
seguito.
Abilita/Disabilita
caricamento
Seleziona/deseleziona la funzione
Compensazione
caricamento
Angolo di compensazione inserito dall'utente che elimina il problema
di un angolo finale indicato come inferiore rispetto all'Angolo di
riferimento.
NOTA: la compensazione del caricamento può essere attivata soltanto nella fase
Controllo angolo.
Arresto eventi esterni
Questa funzione del Controllo angolo utilizza un input discreto per fornire un segnale che
arresta la rotazione dell'utensile. Ciò è utile, ad esempio, allineando un dado a corona
per l'inserimento di coppiglie. La funzione è composta da due operazioni: l'operazione 1
serra il dado fino a chiuderlo; l'operazione 2 ruota (la direzione è selezionabile) il dado
dalla posizione di chiusura alla posizione finale per l'inserimento della coppiglia.
Esempio 1
La direzione di rotazione per il posizionamento finale corrisponde alla direzione di
serraggio. Ciò si ottiene utilizzando un'unica configurazione che esegue il Controllo
angolo con l'"Arresto eventi esterni" abilitato. La coppia di rallentamento sarebbe
impostata a un valore che chiude il dado. La Coppia soglia sarebbe impostata allo stesso
valore. Dopo il rallentamento, il dado continua a girare (a Velocità di rallentamento) nella
direzione di serraggio fino a quando l'input discreto di "Arresto" diventa attivo.
Esempio 2
La direzione di rotazione per il posizionamento finale è opposta alla direzione di
serraggio. Ciò richiede due configurazioni. La configurazione 1 utilizza il Controllo coppia
per chiudere il dado. La configurazione 2 (direzione di rotazione impostata per essere
opposta alla direzione di rotazione del serraggio) utilizza il Controllo angolo con "Arresto
eventi esterni" per regolare il dado nella direzione di serraggio inversa verso la sua
posizione finale (indicata dall'input discreto che diventa attivo). Questo esempio richiede
un segnale di "Avvio" separato per ogni configurazione.
I parametri specifici dell'Arresto eventi esterni sono riportati di seguito.
Abilita/Disabilita arresto
eventi esterni
Abilita/disabilita la funzione.
L'Arresto eventi esterni è una funzione selezionabile soltanto per la fase Controllo
angolo.
Pagina 46
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Plausibilità corrente
La corrente max. del motore dell'utensile utilizzata durante un serraggio è direttamente
correlata alla coppia max. ottenuta. Pertanto la misurazione dell'entità della corrente di
picco necessaria durante il serraggio e la relativa comparazione con la coppia ottenuta
può fornire verifiche di integrità del trasduttore di coppia e rilavare qualsiasi
deterioramento della scatola ingranaggi (tra il trasduttore e il motore). Si tratta del
controllo Plausibilità corrente (CP), che può essere selezionabile dall'utente.
Quando la funzione è abilitata, la corrente di picco ottenuta durante un serraggio sarà
confrontata con i Limiti di plausibilità corrente max. e min.(CPL). La corrente di picco del
serraggio deve scendere entro questi limiti. I CPL predefiniti si ottengono convertendo i
limiti Coppia min. e max. di progettazione nelle corrispondenti correnti del motore
(visualizzate come Amp.). La conversione viene eseguita utilizzando le specifiche Kt
(Nm/Amp) dell'utensile. I CPL possono essere regolati dall'utente (personalizzati)
modificando il parametro Tolleranza limite. Ciò riduce al minimo il verificarsi di errori
spiacevoli.
Il controllo viene eseguito sull'ultima fase di misurazione della coppia (Controllo coppia,
Controllo angolo, Controllo cedimento o Ripetizione coppia) nella configurazione. Viene
eseguito durante il serraggio (controllo attivo) per il limite CP max. e al termine del
serraggio (controllo passivo) per il limite CP min.
È possibile anche permettere una violazione del limite CP max. per determinare un
arresto immediato dell'utensile. Una violazione del CP non impedisce all'utensile di
avviare i successivi serraggi.
Il fattore Kt è influenzato dalla variazione della resistenza magnetica del motore e deve
essere compensato moltiplicandolo per un parametro "Fattore di sensibilità Kt"
programmabile dall'utente. Il Fattore di sensibilità permette all'utente di "tarare" il valore
Kt dell'utensile. La taratura deve essere eseguita presso l'impianto del cliente
sull'applicazione di riferimento. Si tratta di far funzionare un particolare utensile alla
coppia richiesta dall'applicazione utilizzando la coppia ottenuta nel serraggio e le letture
correnti, calcolare un valore Kt e confrontarlo con il Kt nominale dell'utensile. Il Fattore di
sensibilità verrebbe regolato per allineare l'effettivo Kt dell'utensile con il suo Kt nominale.
I parametri specifici della Plausibilità corrente sono riportati di seguito.
Abilita/Disabilita
plausibilità corrente
Agisce come un fattore di normalizzazione per tarare il Kt dell'utensile
all'effettiva applicazione di serraggio.
Abilita/Disabilita arresto
su plausibilità max
Se abilitato, l'utensile si arresterà in caso di errore Plausibilità corrente
max.
Tolleranza limite
Permette di regolare i limiti di Plausibilità corrente per ridurre al
minimo i guasti spiacevoli nell'effettiva applicazione del serraggio.
Fattore di sensibilità
Agisce come un fattore di normalizzazione per tarare il Kt dell'utensile
all'effettiva applicazione di serraggio.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 47
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
La Plausibilità corrente è una funzione selezionabile per le seguenti fasi:
•
controllo coppia;
•
controllo angolo;
•
controllo cedimento;
•
controllo Ripetizione coppia.
4.2.3 Messaggi istruzioni di lavoro
Le versioni Network, Enterprise e MultiSync dell'ICS generano un messaggio Istruzioni
di lavoro per il dispositivo di controllo IC1D. Il messaggio viene visualizzato sulla
schermata dell'IC1D se esistono determinate condizioni di serraggio (determinate da
flussi di dati EOR attivi). Il messaggio personalizzato è inserito dall'utente. L'accesso alla
schermata di generazione dei messaggiIstruzioni di lavorodell'ICS avviene come
indicato di seguito.
1.
Passare alla schermata Imposta/Avanzata.
2.
Selezionare Dispositivo di controllo, Mandrino e Configurazione.
3.
Fare clic sul pulsante Istruzioni di lavoro. La schermata mostra la casella
fluttuante Istruzioni di lavoro.
4.
Inserire il testo nella colonna Testo messaggio vicina a qualsiasi Stato EOR.
5.
Fare clic su OK per l'approvazione.
Se un serraggio determina uno stato di errore, fare clic sul pulsante Istruzioni di lavoro
per rilavorare le istruzioni nella schermata del modulo IC1D. Ciò fornisce all'operatore
un'idea di cosa fare per correggere il serraggio errato. È possibile accedere alla
schermataImposta istruzioni di lavoro dalla schermata Imposta/Impostazione rapida
o Imposta/Impostazione avanzata facendo clic sul pulsante Istruzioni di lavoro. La
schermata facilita l'assegnazione di messaggi personalizzati per max. nove diversi stati
di serraggio di fine ciclo. Per ogni stato, è possibile assegnare del testo (fino a 64
caratteri) che sarà visualizzato nel Log eventi ICS e nell'area messaggi schermata del
modulo IC1D se si verifica questo stato.
Pagina 48
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Figura 33 – Istruzioni di lavoro
È possibile accedere alla schermata Imposta in due modi diversi:
1.
selezionare la schermata Imposta/Rapida e inserire l'ID dispositivo di controllo,
N° mandrino e N° configurazione, quindi fare clic su pulsante Istruzioni di
lavoro, OPPURE
2.
selezionare la schermata Imposta/Avanzata e inserire l'ID dispositivo di
controllo, N° mandrino e N° configurazione, quindi fare clic su pulsante
Istruzioni di lavoro.
Fare clic sul pulsante Istruzioni di lavoro per visualizzare la casella fluttuante Istruzioni
di lavoro. È possibile quindi inserire i messaggi di Statonecessari. Al termine, fare clic
sul pulsante OK .
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 49
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.3
Impostazione generale
Questa schermataImpostazione generale permette di caricare, visualizzare,
modificare, creare e salvare i parametri generali del sistema e del mandrino. È possibile
anche stampare un rapporto dei parametri su qualsiasi stampante collegata al PC oppure
esportare un rapporto come testo ASCII.
Figura 34 – Schermata Impostazione generale - Inizializzazione sistema
Questa schermata è composta da cinque linguette che coprono le seguenti aree:
•
inizializzazione sistema;
•
inizializzazione mandrino;
•
assegnazione protocollo comune;
•
assegnazione input;
•
assegnazione output.
4.3.1 Inizializzazione sistema
La linguetta Inizializzazione sistema permette di impostare e modificare i seguenti
parametri: ·
•
nome sistema;
•
impostazioni data e ora;
•
versione software (visualizzabile soltanto con dati caricati dal dispositivo di controllo);
•
velocità di trasmissione, parità, n° di bit di arresto e bit per carattere per tutte le porte
comuni seriali;
Pagina 50
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
•
attivazione o disattivazione dei dati EOR (fine ciclo) (disponibile soltanto per Profibus
e DeviceNet nella versione Network, Enterprise e MultiSync del software ICS).
Il software verifica tutti gli errori logici e fuori dai limiti e segnala qualsiasi errore al
momento dell'inserimento. Il software non permette di salvare un parametro impostato
logicamente non corretto.
La seguente tabella mostra l'inserimento di testo e le caselle con menu a tendina
disponibili per personalizzare le funzioni di Inizializzazione sistema.
Nome sistema
Garantisce l'assegnazione di un nome a un dispositivo di controllo per
facilitare l'identificazione.
Data/ora dispositivo
di controllo
impostate
Quando ci si trova in modo Rete e con collegamento a un dispositivo di
controllo, premere questo pulsante per impostare automaticamente la
data e l'ora del dispositivo di controllo agli stessi valori del software ICS
che sta funzionando sul PC.
Info versione
Quando ci si trova in modo Rete e con collegamento a un dispositivo di
controllo, premere questo pulsante per visualizzare i numeri della
versione di tutti i file pertinenti e del software sul dispositivo di controllo.
Formato data
Selezionare il formato data per il dispositivo di controllo (mm/gg/aa o gg/
mm/aa).
Offset
Selezionare il fuso orario corretto per il dispositivo di controllo.
Velocità di
trasmissione
Imposta la velocità di comunicazione della porta seriale. Selezionare una
velocità di trasmissione dall'elenco della casella con menu a tendina
nell'intervallo compreso tra 1.200 e 115.200.
Parità
Impostare la Parità per il collegamento seriale su Nessuno, Dispari o Pari
dall'elenco della casella con menu a tendina.
Bit per carattere
Utilizzare l'elenco della casella con menu a tendina per impostare il
parametro Bit per carattere su 7 o 8.
Bit di arresto
I Bit di arresto per le comunicazioni della porta seriale vengono impostati
per indicare 1 o 2 bit di arresto dall'elenco della casella con menu a
tendina presente in questo parametro.
Indirizzo MultiDrop
Selezionare il Numero indirizzo da utilizzare nel protocollo Dati host in
uscita.
4.3.1.1 Impostazione Profibus/DeviceNet
Profibus e DeviceNet sono due reti di comunicazione plant floor. Il dispositivo di controllo
può essere collegato a ciascuna di esse per inviare dati di fine ciclo. Il dispositivo di
controllo può anche essere comandato mediante queste reti. Queste opzioni sono
disponibili soltanto per le versioni Network, MultiSync ed Enterprise del software ICS.
Il Profibus ha i parametri di impostazione riportati di seguito.
Abilita operazione
Quando il comando è selezionato, le funzioni della scheda del Profibus
sono abilitate.
Aggiungi codice a
barre a EOR
Quando il comando è selezionato, il numero del codice a barre viene
aggiunto al Messaggio di fine ciclo inviato al link di comunicazione del
Profibus.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 51
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Sistema comandi
bus
Quando il comando è selezionato, il Profibus comanda il dispositivo di
controllo.
Invia EOR su bus
Quando il comando è selezionato, il Messaggio di fine ciclo viene inviato al
link di comunicazione del Profibus dopo ogni serraggio.
Indirizzo
L'indirizzo del nodo Profibus viene inserito qui.
Il DeviceNet ha i parametri di impostazione riportati di seguito.
Abilita operazione
Quando il comando è selezionato, le funzioni della scheda del
DeviceNet sono abilitate.
Aggiungi codice a barre
a EOR
Quando il comando è selezionato, il numero del codice a barre viene
aggiunto al Messaggio di fine ciclo inviato al link di comunicazione del
DeviceNet.
Sistema comandi bus
Quando il comando è selezionato, il DeviceNet comanda il dispositivo
di controllo.
Invia EOR su bus
Quando il comando è selezionato, il Messaggio di fine ciclo viene
inviato al link di comunicazione del DeviceNet dopo ogni serraggio.
Indirizzo
L'indirizzo del nodo DeviceNet viene inserito qui.
Velocità di trasmissione
Selezioni della velocità di trasmissione del DeviceNet (125 KB, 250
KB, 500 KB).
4.3.2 Inizializzazione mandrino
La linguettaInizializzazione mandrinoè composta da due sezioni:
•
parametri utensile;
•
parametri mandrino.
Pagina 52
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Figura 35 – Impostazione generale - Inizializzazione mandrino
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 53
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.3.2.1 Parametri utensile
I parametri dell'utensile includono quanto riportato di seguito.
Mandrino
Indica il mandrino selezionato.
Tipo utensile
Indicatore di sola lettura del tipo di utensile collegato al dispositivo di
controllo. Il campo visualizza i dati soltanto con l'ICS nel modo Rete.
Operazione
programmabile da
interruttore
Nessuna-Nessuna operazione assegnata all'interruttore.
Bussola filettata 1 - Quando questo comando è selezionato, il
mandrino funziona in inversione bussola filettata quando viene attivata la
posizione temporanea dell'interruttore. In questo modo, non occorre
premere l’interruttore di comando per azionare il mandrino in inversione
bussola filettata. Una volta rilasciato l'interruttore temporaneo, il
mandrino si arresta ed è pronto per il funzionamento in avanti. Nota:
ilModo Bussola filettata deve anche essere abilitato per essere
funzionale per questa operazione.
Bussola filettata 2 - Quando questo comando è selezionato, l’inversione
bussola filettata richiede l’attivazione sia dell’interruttore temporaneo che
dell’interruttore di comando. In altre parole, questo modo richiede
all’operatore l’utilizzo di entrambe le mani. Se viene rilasciato
l’interruttore di comando ma non quello temporaneo, il mandrino è pronto
per essere attivato in inversione bussola filettata al momento in cui verrà
premuto l’interruttore di comando. Se viene rilasciato l’interruttore
temporaneo ma non quello di comando, il mandrino rimane fermo finché
non si preme anche l’interruttore di comando. Quando sono rilasciati sia
l’interruttore temporaneo che quello di comando, il mandrino torna al
funzionamento in avanti ed è pronto a partire in avanti non appena verrà
premuto l’interruttore di comando. Notare che ilModo Bussola filettata
deve essere abilitato per essere funzionale per questa operazione.
Anticipo multiplo- Quando questo comando è selezionato, l'interruttore
temporaneo dell'utensile agisce come un input anticipo multiplo. Ossia se
attivato dopo un ciclo di espulsione, il conteggio multiplo verrà aumentato
di uno.
Abilita bussola
filettata
Questa casella di spunta attiva/disattiva il funzionamento della bussola
filettata. Se l'abilitazione è stata effettuata senza selezionare né Bussola
filettata 1 né Bussola filettata 2 nel parametro Operazione
programmabile da interruttore, la posizione di inversione dell'anello
funziona come l'inversione della bussola filettata come in una normale
operazione di inversione. Quando l'interruttore viene portato in posizione
di inversione e si preme l’interruttore di comando, il mandrino lavora in
inversione finché la testa della bussola filettata non torna in posizione
aperta.
Abilita avvertimento
tattile
Se abilitato, l'utensile vibrerà temporaneamente se si verifica un ciclo di
rifiuto per avvisare l'operatore.
Rallentamento
graduale
Permette un rallentamento graduale della velocità dell'utensile per una
migliore ergonomia. Il rallentamento graduale si verifica dopo che nel
serraggio è stato raggiunto il punto di rallentamento di coppia.
Pagina 54
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
NOTA: l’Interruttore programmabile dell'utensile si trova nella posizione
temporanea di ritorno molla dell’anello di inversione/avanzamento del mandrino.
Rimane nella posizione di attivazione soltanto finché l’operatore lo mantiene in
quella posizione. Una volta rilasciato, l’interruttore torna nella posizione
Avanzamento (riposo).
IParametri mandrinoincludono quanto segue.
Selezione
configurazione
Imposta il modo in cui vengono selezionate le configurazioni. Le opzioni
selezionabili dall'elenco della casella con menu a tendina per questo
parametro sono:Interno, Discreto Esterno e Binario Esterno. Se si
usano otto configurazioni o meno e si selezionano le configurazioni
mediante gli input a lato del dispositivo di controllo, selezionare Discreto
Esterno. Se si usano più di otto configurazioni, selezionare Binario
Esterno. Quando si seleziona Interno, viene attivata una casella con
menu a tendina sulla schermata Esegui. Questa casella con menu a
tendina consente di scegliere qualsiasi configurazione programmata
disponibile per il mandrino collegato.
Funzionamento
mandrino
Da qui è possibile selezionare il modo mediante il quale il mandrino riceve
un segnale di avvio. È possibile passare dal funzionamento manuale del
dispositivo di controllo (interruttore di comando mandrino) al modo
Macchina montata (fissa). I mandrini con apparecchiatura fissa (o
mandrini delle macchine) sono quelli che ricevono un segnale di
attivazione o di farfalla dall'esterno, a distanza, attraverso il connettore I/O
sul lato sinistro del dispositivo di controllo. Per passare dalla selezione del
mandrino manuale a quello con apparecchiatura fissa, selezionare
Macchina montata dalla casella con menu a tendina Funzionamento
mandrino. Per tornare al modo manuale, selezionare Mandrino manuale
da questa casella con menu a tendina.
Modo avvio
Questo parametro non si applica a meno che non sia stata selezionata
l'opzione Macchina montata sotto al parametro Funzionamento
mandrino. Nel funzionamento Macchina montata, questo parametro
determina il tipo di segnale usato per avviare il mandrino.
Se è selezionato il comando Farfalla, il segnale riflette il segnale inviato a
un utensile manuale dove l'operatore deve premere a fondo l’interruttore
di comando del mandrino per inviare un segnale di avvio. In altre parole, il
segnale deve essere mantenuto per tutta la durata del serraggio affinché
il ciclo funzioni correttamente.
Impulso indica un segnale temporaneo esterno che fa partire il mandrino
e lo fa funzionare fino alla scadenza del tempo programmato o fino al
raggiungimento della coppia o dell’angolo necessari.
Doppio significa che servono due sistemi di chiusura interruttore velocità a vuoto e chiusura di sicurezza. Ciò vale per i mandrini che
richiedono da parte dell’operatore l’attivazione di due interruttori in un
intervallo di 2 secondi per assicurarsi che le mani siano a distanza di
sicurezza dal macchinario. Se uno dei due input non viene alimentato
nell’intervallo di due secondi, il mandrino non funziona.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 55
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Modo abilita utensile
a distanza
Se questo comando viene attivato, la funzione permette all'operatore di
abilitare/disabilitare a distanza l'utensile mediante input a lato del
dispositivo di controllo. Selezionando il comando Linea 2, se la linea
"Abilita mandrino" è max. durante una richiesta di avvio del ciclo, l'utensile
funzionerà. Se la linea "Disabilita mandrino" è max. durante una richiesta
di avvio del ciclo, l'utensile non funzionerà. Per il funzionamento Linea 1,
se la linea "Abilita mandrino" è max. durante una richiesta di avvio del
ciclo, l'utensile funzionerà. Se è min., il ciclo non verrà avviato.
Interblocco attivo
Quando questo comando è selezionato, questa funzione disabilita
l'utensile al completamento di un serraggio fino alla selezione della
configurazione. La configurazione viene deselezionata se si riceve un
ciclo di serraggio "Riuscito" o "Batteria completa".
4.3.3 Assegnazione di un protocollo comune
La linguetta Assegna protocollo comune garantisce un metodo di assegnazione e
personalizzazione dei protocolli per le varie porte di comunicazione sul dispositivo di
controllo. Può essere assegnato un protocollo diverso a ogni porta disponibile.
Figura 36 – Impostazione generale - Assegna protocollo comune
Protocollo
Pagina 56
Da questa casella con menu a tendina selezionare il protocollo che si
desidera assegnare alla porta di comunicazione indicata.
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Impostazioni EOR
Imposta i dati che verranno inviati quando viene selezionato il protocollo
Dati EOR in uscita. Spuntare la casella adiacente al campo che si
desidera inviare per il protocollo Dati EOR in uscita. L'ordine in cui
appaiono i campi può anche essere modificato trascinando i parametri in
alto e in basso nella lista oppure facendo clic su un parametro e
utilizzando le frecce su/giù presenti a destra della casella di scorrimento.
Filtro predefinito
Quando il comando è selezionato, il dispositivo di controllo utilizza la
disposizione predefinita per il protocollo Dati EOR in uscita.
1. Data
2.Ora
3.Mandrino
4.Configurazione
5.Nº ciclo
6. Valore di coppia
7.Risultato di coppia
8. Valore di angolo
9.Risultato angolo
4.3.3.1 Funzionamento codice a barre/VIN
Uno scanner, un Profibus o un DeviceNet possono inserire un Codice a barre o un
Numero VIN nel dispositivo di controllo. Nel modo Passivo, il numero viene allegato ai
dati di serraggio inviati al completamento di un serraggio. Viene anche memorizzato
localmente nel Log ciclo. Il modoAttivo è dotato di tutte le funzioni del modo Passivo e
dell'ulteriore funzione che permette al Codice a barre/VIN di selezionare la
configurazione da eseguire. Il Codice a barre/i VIN validi vengono identificati da
determinati caratteri nelle loro stringhe alfanumeriche (criteri). Nei due modi Attivo e
Passivo è presente un'opzione per disabilitare l'utensile fino al ricevimento di un Codice
a barre/VIN valido. La sezione Impostazione codice a barre/VIN viene visualizzata in
fondo alla casella fluttuante Assegna protocollo comunequando viene selezionato un
Codice a barre/VIN con il protocollo nell'area Selezione protocolloin cima alla casella
fluttuante.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 57
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Per accedere all'impostazione Codice a barre/VIN, navigare fino alla
schermataImposta/Generale. Selezionare l'ID dispositivo di controllo (rete) o Nome
parametro (database). Successivamente selezionare la linguetta Assegna protocollo
comune, quindi Codice a barre/VIN nella casella con menu a tendinaProtocollo. Ciò
visualizza la sezione di impostazione Codice a barre/VIN in fondo alla casella fluttuante,
come mostrato in Figura 37.
Figura 37 – Impostazione generale - Funzionamento Codice a barre/VIN
Le opzioni selezionabili per il Codice a barre/VIN sono riportate di seguito.
Funzionamento
Una casella con menu a tendina permette di selezionare il modo Attivo o
Passivo oppureNessuno.
Lunghezza
Impostare la lunghezza (# di caratteri) del Codice a barre/VIN.
Interblocco ciclo
Quando il comando è selezionato, disabilita l'utensile su un dispositivo di
controllo fino alla scansione di un Codice a barre/VIN valido.
Da
Imposta l'inizio (n° caratteri) della gamma di criteri.
A
Imposta la fine (n° caratteri) della gamma di criteri.
Impostazione criteri
Facendo doppio clic su una riga di inserimento viene visualizzata la
casella fluttuanteEditor criteri. Selezionare la configurazione per le
modifiche nella casella con menu a tendina Configurazione. Fare doppio
clic nella casella di inserimento testo Configura criteri. Inserire la stringa
dei caratteri per identificare un codice a Barre/VIN valido. Fare clic su OK
per l'approvazione.
Pagina 58
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.3.4 Imposta/Generale/Assegna input
La linguetta Assegna inputgarantisce un metodo di assegnazione dei comportamenti di
input alle ubicazioni fisiche degli input sul dispositivo di controllo. Il software rileva e limita
le assegnazioni multiple di un comportamento.
Per assegnare un input, fare innanzitutto clic sull'input per il quale si desidera assegnare
un comportamento. Quindi fare clic sul comportamento che si desidera assegnare
all'input e fare clic sul pulsante assegna (freccia rivolta verso sinistra). Per togliere
l'assegnazione di un input, fare innanzitutto clic sull'input per il quale si desidera togliere
l'assegnazione di un comportamento. Quindi fare clic sul pulsante per togliere
l'assegnazione (freccia rivolta verso destra). Per togliere l'assegnazione da tutti i
comportamenti, fare clic sul pulsante Togli tutte assegnazioni.
Figura 38 – Impostazione generale - Assegna input
NOTA: per ragioni di sicurezza, dopo che le nuove assegnazioni di input vengono
inviate al dispositivo di controllo, non avranno effetto finché non viene riavviato il
dispositivo di controllo.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 59
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.3.5 Imposta/Generali/Assegna output
La linguetta Assegna outputgarantisce un metodo di assegnazione dei comportamenti
di output alle ubicazioni fisiche degli output sul dispositivo di controllo.
Per assegnare un output, fare innanzitutto clic sull'output per il quale si desidera
assegnare un comportamento. Quindi fare clic sul comportamento che si desidera
assegnare all'output e fare clic sul pulsante Assegna (freccia rivolta verso sinistra). Per
togliere l'assegnazione di un output, fare innanzitutto clic sull'output per il quale si
desidera togliere l'assegnazione di un comportamento. Quindi fare clic sul pulsante per
togliere l'assegnazione (freccia rivolta verso destra).
Per togliere l'assegnazione da tutti i comportamenti, fare clic sul pulsante Togli tutte
assegnazioni. Se il tempo per I'output è impostato pari a zero, l'output rimarrà attivo fino
a quando viene avviato un nuovo ciclo. Per impostare un tempo di scadenza per l'output,
inserire un tempo nella colonna del tempo per il corrispondente output (rimarrà attivo per
il numero di secondi una volta attivato inizialmente).
Figura 39 – Impostazione generale - Assegna output
NOTA: per ragioni di sicurezza, dopo che le nuove assegnazioni di output vengono
inviate al dispositivo di controllo, non avranno effetto finché non viene riavviato il
dispositivo di controllo.
Pagina 60
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.4 Assegnazione parametri
La linguetta Imposta/Assegna parametri permette di assegnare qualsiasi
configurazione salvata e/o parametro generale impostato in qualsiasi dispositivo di
controllo presente in rete.
È possibile creare e salvare un gruppo basato sui gruppi di parametri e sui gruppi
generali già presenti sul PC. Una volta creati questi gruppi, possono essere scaricati su
altri dispositivi di controllo in qualsiasi momento.
Questa schermata funziona soltanto nel modo Rete. Sul lato sinistro della schermata
vengono mostrati tutti i dispositivi di controllo presenti in rete con visualizzazione ad
albero. Aprendo un nodo del dispositivo di controllo viene visualizzato l'elenco dei
mandrini e dei parametri generali relativi al dispositivo di controllo in questione. Aprendo
un nodo del mandrino viene visualizzato l'elenco delle configurazioni nel mandrino. La
metà superiore destra della schermata visualizza l'elenco delle impostazioni dei gruppi
dei parametri generali memorizzati con il PC mentre la metà inferiore destra mostra
l'elenco dei gruppi di configurazioni all'interno del PC.
Figura 40 – Impostazione - Assegnazione parametri
I parametri generali memorizzati possono essere assegnati al nodo dei parametri
generali di qualsiasi dispositivo di controllo con una semplice operazione di
trascinamento della selezione. In modo simile è possibile assegnare gruppi di
configurazioni a una configurazione nel dispositivo di controllo con un'operazione di
trascinamento della selezione.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 61
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
Le convenzioni cromatiche per i nodi dei parametri generali e i nodi delle configurazioni
sono le seguenti.
•
Verde indica che il parametro generale o la configurazione è lo stesso/la stessa di
quello/a sul dispositivo di controllo.
•
Giallo indica che il parametro generale o la configurazione è attualmente presente
sul dispositivo di controllo ma non è sincronizzato/a con le modifiche apportate
dall'utente.
•
Rosso indica che la configurazione al momento non è presente sul dispositivo di
controllo ma che è stata eseguita l'assegnazione sulla schermata di assegnazione
dei parametri.
•
Bianco indica che non è stata eseguita alcuna operazione sulla configurazione.
È possibile visualizzare quali parametri generali e quali configurazioni vengono
assegnati/e a ogni dispositivo di controllo. Facendo doppio clic su un parametro di
configurazione impostato collegato a un dispositivo di controllo si aprirà la schermata
Imposta configurazione che così può essere visualizzata. Facendo doppio clic su un
parametro generale impostato collegato a un dispositivo di controllo si aprirà la
schermata Impostazione generale che così può essere visualizzata. È possibile
apportare le modifiche necessarie sulla schermata. Chiudendo la schermata, verrà
richiesto di salvare le modifiche.
Le configurazioni che sono assegnate a ogni dispositivo di controllo possono essere
visualizzate in questa schermata. Se i parametri vengono modificati o assegnati
inizialmente a un dispositivo di controllo, è possibile aggiungere una spiegazione come
testo (fino a 128 caratteri che descrivono la modifica) e memorizzarla nel Log eventi ICS.
Fare clic con il tasto destro del mouse sul pulsante Configura e verrà visualizzata una
casella fluttuante con un'opzione Aggiungi commento. Fare clic con il tasto sinistro del
mouse sull'opzione Aggiungi commento e verrà visualizzata la casella Assegna
parametri. Inserire un commento nella casella di inserimento testo e fare clic sul
pulsanteOK per l'approvazione. Nella colonna Testo del Log eventi ICS, compare
un'icona per la programmazione. Fare doppio clic con il tasto sinistro del mouse
sull'icona per visualizzare il messaggio memorizzato.
È possibile togliere l'assegnazione delle configurazioni da qualsiasi dispositivo di
controllo presente in rete. Facendo clic con il tasto destro del mouse su una
configurazione caricata (indicatore verde) nell'elenco Configurazione mostrato sul lato
sinistro della schermata Imposta/Assegna parametri viene visualizzata una casella
fluttuante con l'opzione Togli configurazione assegnata. Facendo clic con il tasto
sinistro questa opzione rimuove la configurazione.
È possibile selezionare le configurazioni all'interno di un mandrino in base al numero o al
colore del nodo. Questa opzione è disponibile facendo clic con il tasto destro sul nodo del
mandrino. L'opzione di rimozione dell'assegnazione di una configurazione è disponibile
facendo clic con il tasto destro sul nodo della configurazione.
Pagina 62
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.5
Ubicazione/Impostazioni Ethernet
L'impostazione Ethernet è disponibile navigando fino a Imposta/Ubicazione Ethernet
che visualizza la schermata Impostazioni Ethernet mostrata in Figura 41. Questa
schermata mostra l'indirizzo specifico (ID operazione + Indirizzo CAN) di ogni dispositivo
di controllo in rete.
Figura 41 - Impostazioni Ethernet
Posizionare il cursore su ogni riga di inserimento e fare doppio clic con il tasto sinistro per
visualizzare la schermata Ubicazione/Impostazioni Ethernet(Figura 42).
La schermataImposta/ubicazione-Impostazioni Ethernet garantisce la possibilità di
visualizzare, impostare e regolare i parametri Ubicazione ed Ethernet per tutti i dispositivi
di controllo.
Una volta attivata questa schermata, il software visualizza due sezioni per l'inserimento
delle seguenti informazioni:
•
ID ubicazione;
•
impostazioni Ethernet.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 63
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
La schermata è dotata anche delle opzioni OK e Cancella. Facendo clic sui pulsanti OK
tutte le modifiche vengono inviate al dispositivo di controllo.
Figura 42 - Imposta - Ubicazione/Impostazioni Ethernet
NOTA: selezionando Imposta/Ubicazione-Impostazioni Ethernet nel software
ICS Connect viene visualizzata la schermata mostrata in Figura 42. Per il software
ICS Network, Enterprise o MultiSync software, selezionando Imposta/UbicazioneImpostazioni Ethernet viene innanzitutto visualizzata la casella fluttuante
Impostazioni Ethernet mostrata in Figura 41. Facendo doppio clic su una voce,
viene visualizzata la schermata mostrata in Figura 42.
4.5.1 ID ubicazione
I parametri Numero operazione e Indirizzo CAN (Controller Area Network) che si
trovano in alto sulla Sezione ID ubicazione della schermata vengono utilizzati per
impostare un'ID di ubicazione per un dispositivo di controllo specifico. L’ID di ubicazione
è utilizzato come sistema di identificazione specifico per ogni unità della rete.
Il Numero operazione è un numero a 4 cifre che rappresenta l'ubicazione sulla linea di
assemblaggio. Ciascun dispositivo di controllo autonomo ha un numero di operazione
specifico. Tuttavia, quando i dispositivi di controllo sono uniti in un gruppo mandrini, ogni
unità del gruppo condivide lo stesso numero di operazione.
Pagina 64
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
L’Indirizzo CAN riporta qualsiasi elemento che è stato impostato fisicamente sui
commutatori di indirizzo a rotazione. Per il funzionamento a mandrino singolo il valore
impostato deve essere sempre 00 (zero zero). Se il valore non è zero, spostare
fisicamente i commutatori di indirizzo a rotazione sull’unità finché non sono sulla
posizione 00. Non è possibile modificare il parametro Indirizzo CAN sulla schermata
stessa Imposta sistema. È possibile soltanto visualizzare quanto impostato sul
dispositivo di controllo. Nel caso dell'impostazione di un gruppo mandrini l'Indirizzo CAN
deve corrispondere alla posizione del dispositivo di controllo nel gruppo mandrino.
Vedere il Manuale d'uso del dispositivo di controllo Insight IC1D e IC1M per ulteriori
informazioni sull'impostazione dell'Indirizzo CAN utilizzando i commutatori a rotazione
dell'unità.
È possibile anche inserire una Descrizione ubicazione e un Nome dispositivo di
controllo in questa sezione della schermata per favorire l'identificazione del dispositivo
di controllo.
4.5.2 Impostazioni Ethernet
Quando si collega un PC al dispositivo di controllo via Ethernet, la schermata del
sottomenu Imposta Ethernet del menu Imposta deve essere programmata
correttamente per consentire al dispositivo di controllo di comunicare con il PC.
Una volta entrati nella schermata di inserimento dati, apportare le modifiche necessarie
ai parametri Indirizzo IP, Gateway predefinito, Maschera di sottorete, IP server
SNTP, Porta UDP ICS e Porta dispositivo di controllo. Da questa schermata è anche
possibile attivare o disattivare il Protocollo comunicazioni host dinamiche (DHCP). Fare
clic sulla casella di spunta adiacente a DHCP abilitato per attivare o disattivare questo
protocollo. Quando il DHCP è attivo, consente al server di rete di impostare gli indirizzi IP
di questa unità. Abilitare o disabilitare l'SNTP (Simple Network Time Protocol) facendo
clic sulla casella di spunta adiacente ad SNTP abilitato. Con l'SNTP abilitato, i dispositivi
di controllo imposteranno il loro tempo mediante un server SNTP sul server Ethernet.
NOTA: la Porta UDP ICS imposta il numero porta usato per inviare e ricevere i dati
al/dal software ICS. Nella maggior parte dei casi, è opportuno lasciare il valore
predefinito su 50001.
Le modifiche relative all'Ethernet non hanno effetto finché non viene riavviato il
dispositivo di controllo.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 65
Sezione 4 – Programmazione di un dispositivo di controllo
4.6 Scarica software
La selezione Scarica software nel menu Imposta permette di scaricare il software MCE
e RISC su un dispositivo di controllo selezionato o su un gruppo di dispositivi di controllo
attualmente in rete. All'aggiornamento di ogni software, il dispositivo di controllo viene
riavviato automaticamente. Prima di inviare il software al dispositivo di controllo, viene
visualizzato un messaggio di avvertimento che indica che tutte le operazioni con
l'utensile saranno arrestate e che, al termine, il dispositivo di controllo verrà riavviato.
Elenco selezione
dispositivo di controllo
Elenco file selezionati
Figura 43 – Impostazione - Scarica software
Casella con menu a
tendina modello
dispositivo di controllo
Utilizzare questa casella con menu a tendina per selezionare il tipo di
dispositivo di controllo per l'operazione di download. I dispositivi di
controllo del tipo selezionato attualmente in rete vengono visualizzati
nell'Elenco selezione dispositivi di controllo sottoriportato.
Elenco selezione
dispositivi di controllo
Selezionare i dispositivi di controllo per l'operazione di download
selezionando il comando nella casella di spunta associata.
Pulsante sfoglia
Apre una finestra di dialogo Sfoglia file per selezionare i file da scaricare.
È possibile scegliere i file RISC o MCE che si desidera scaricare.
Casella di testo sola
lettura file da scaricare
Il file selezionato dalla Finestra di dialogo Sfoglia file viene visualizzato in
questo campo.
Elenco file selezionati
Tutti i file selezionati per essere scaricati vengono visualizzati in questo
elenco.
Pulsante di avvio
Avvia il download del software del dispositivo di controllo sui dispositivi di
controllo selezionati. Comparirà il messaggio con la richiesta "Si sta per
scaricare un nuovo software sul dispositivo di controllo. Si desidera
continuare?" Con la conferma ha inizio il download.
Pulsante di chiusura
Chiude la schermata Scarica software.
Pagina 66
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di
ciclo
5.1 Esegui visualizzazione principale, Esegui tutte
visualizzazioni ed Esegui gruppo mandrini
5.1.1 Selezioni visualizzazione da Casella con menu a tendina
principale Esegui
La casella con menu a tendina Eseguivisualizza i dati EOR (fine ciclo) per l'ultimo ciclo
di serraggio. Esistono tre diverse selezioni di visualizzazione(Esegui visualizzazione
principale, Esegui tutte visualizzazioni principali ed Esegui gruppo mandrini
principale) in base ai dati presenti e alla propria versione del software ICS.
5.1.2 Esegui visualizzazione principale
La schermata Esegui visualizzazione principale presenta una visualizzazione
dall'aspetto e dal layout simili a quelli della schermata Esegui principale dell'IC1D.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 67
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
Una volta selezionato Esezgui/Esegui visualizzazione principale, viene visualizzata la
schermata mostrata in Figura 44.
Figura 44 – Esegui - Esegui visualizzazione principale
I valori mostrati in questa schermata includono quanto segue.
Casella ID dispositivo di
controllo
Utilizzare questa casella con menu a tendina per selezionare il
dispositivo di controllo di cui si desidera vedere i dati EOR.
Casella mandrino
Utilizzare questa casella con menu a tendina per selezionare il
mandrino del dispositivo di controllo di cui si desidera vedere i dati
EOR.
Numero configurazione
Visualizza il numero della configurazione per i dati EOR visualizzati.
Indicatore Riuscito/
Fallito
Visualizza un indicatore per lo stato complessivo Riuscito/Fallito
dell'operazione di serraggio. L'immagine OK è mostrata se
l'operazione riesce; in caso contrario viene mostrata l'immagine di
operazione non riuscita.
Indicatore stato coppia
Visualizza un indicatore per lo stato di coppia. L'immagine della
freccia gialla rivolta verso il basso indica che la coppia è inferiore al
limite di coppia min. e l'immagine della freccia rossa rivolta verso l'alto
che la coppia è maggiore del limite di coppia max. Se la coppia si
trova tra il limite di coppia min. e il limite di coppia max., viene
mostrata un'immagine OK.
Pagina 68
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
Indicatore stato angolo
Visualizza un'immagine indicatore per lo stato dell'angolo. L'immagine
della freccia gialla rivolta verso il basso indica che l'angolo è inferiore
al limite di angolo min. e l'immagine della freccia rossa rivolta verso
l'alto che l'angolo è maggiore del limite di angolo max. Se l'angolo si
trova tra il limite di angolo min. e il limite di angolo max., viene
mostrata un'immagine OK.
Indicatore stato
gradiente
Visualizza un'immagine indicatore per lo stato del gradiente
(pendenza). L'immagine della freccia gialla rivolta verso il basso
indica che il gradiente è inferiore al limite di gradiente min. e
l'immagine della freccia rossa rivolta verso l'alto che il gradiente è
maggiore del limite di gradiente max. Se il gradiente si trova tra il
limite di gradiente min. e il limite di gradiente max., viene mostrata
un'immagine OK.
Indicatore batteria
completa
L'immagine OK viene mostrata se lo Stato batteria è completo. Lo
Stato batteria si basa sul conteggio multiplo. Ad esempio, se il
conteggio multiplo è pari a 3 bulloni, viene mostrata un'immagine OK
con un rapporto EOR di 3 serraggi riusciti. Ciò viene letto dal
parametro conteggio multiplo che nel rapporto viene indicato come 1/
3, 2/3 e 3/3 per questi tre EOR.
Indicatore allarme
statistiche
Visualizza un'immagine indicatore per l'allarme statistiche. Visualizza
un'immagine rossa se l'allarme statistiche è attivo e un'immagine
grigia se l'allarme statistiche non è attivo.
Indicatore allarme PM
Visualizza un'immagine indicatore dell'allarme Manutenzione
preventiva (PM). Visualizza un'immagine rossa se l'allarme PM è
attivo e un'immagine grigia se l'allarme PM non è attivo. Gli allarmi
PM indicano se deve essere eseguita manutenzione su un utensile.
Indicatore stato utensile
1) Utensile collegato al dispositivo di controllo [l'indicatore è verde].
2) Nessun collegamento al dispositivo di controllo [l'indicatore è
rosso].
In un serraggio in più fasi, il nome della procedura corrisponde a quello dell'ultima fase. Il
grande numero primario corrisponde al valore di coppia, a meno che la procedura
corrisponda al controllo angolo (in tal caso sarà il valore di angolo). Notare che sia i
numeri primari che quelli secondari riportano il simbolo dei gradi o le unità di misura della
coppia rendendo sempre chiaro quale parametro si sta visualizzando. I tre numeri a
destra del numero primario sono (dall'alto al basso) il limite max., il valore di riferimento e
il limite min. per la Variabile di controllo. I valori visualizzati sono quelli che sono stati
programmati durante le operazioni Impostazione rapida o Impostazione avanzata. I
campi EOR unitamente ai loro valori attuali vengono visualizzati in un elenco sotto la
finestra principale. La posizione dei campi può essere modificata innanzitutto
evidenziando il campo, quindi utilizzando i pulsanti su e giù per modificare l'ubicazione
nell'elenco.
È disponibile l'opzione per visualizzare i campi EOR. Facendo clic sulla freccia piccola
verso l'alto sotto la finestra principale, l'elenco EOR non viene più visualizzato. Facendo
clic sul pulsante piccolo verso il basso sotto la finestra principale, l'elenco EOR viene
visualizzato.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 69
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
5.1.3 Esegui tutte le visualizzazioni principali
(soltanto per ICS Network e ICS Enterprise)
La schermata Esegui tutte le visualizzazioni principali è disponibile navigando fino
aEsegui/Esegui tutte le visualizzazioni principali che visualizza la schermata
mostrata in Figura 45.
Figura 45 – Esegui - Esegui/Esegui tutte le visualizzazioni principali
La funzione Esegui tutte le visualizzazioni principali permette di visualizzare i dati per
tutti i dispositivi di controllo (o un sottogruppo limitato) su una rete contemporaneamente.
Per visualizzare soltanto un sottogruppo di mandrini, sulla schermata Esegui tutte
visualizzazioni principali, procedere come indicato di seguito.
Pagina 70
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
1.
Fare clic sul pulsante Filtrosulla schermata Esegui tutte le visualizzazioni
principaliper visualizzare la schermataSeleziona finestra di dialogo mandrino
mostrata in Figura 46.
Figura 46 – Seleziona finestra di dialogo mandrino
2.
In Seleziona finestra di dialogo mandrino, scegliere i mandrini dalla casella
Mandrini in retesul lato sinistro della finestra di dialogo e fare clic sul pulsante con
la freccia rivolta verso destra (>) per spostarli nella casella Mandrini selezionati.
Utilizzare il pulsante con la doppia freccia rivolta verso destra (>>) per selezionare
tutti i mandrini.
3.
Per deselezionare i mandrini dalla casella Mandrini selezionati, scegliere i mandrini
che si desidera rimuovere e fare clic sul pulsante con la freccia rivolta verso sinistra
(<). Utilizzare il pulsante con la doppia freccia rivolta verso sinistra (<<) per
deselezionare tutti i mandrini.
4.
Una volta selezionati tutti i mandrini che si desidera visualizzare, fare clic sul
pulsante OK per visualizzare la schermata filtrata Esegui tutte le visualizzazioni
principali.
Fare clic con il tasto destro del mouse sull'intestazione della tabella Dati EOR per
visualizzare la casella fluttuante Seleziona finestra di dialogo colonna. È possibile
selezionare quali colonne visualizzare sulla schermata Esegui tutte le visualizzazioni
principali. Per preimpostazione sono selezionate tutte le colonne.
5.1.4 Esegui gruppo mandrino principale
La schermata Esegui gruppo mandrino principale è disponibile soltanto nelle versioni
MultiSync ed Enterprise del software ICS. Questa schermata mostra gli ultimi dati EOR
per tutti i mandrini all'interno del gruppo mandrini (fino a 40 mandrini).
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 71
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
Per visualizzare un sottogruppo di mandrini sulla schermata Esegui gruppo mandrino
principale, procedere come indicato di seguito.
1.
Fare clic sul pulsante Filtro nella schermata Esegui gruppo mandrini principale.
2.
Nella schermata Seleziona finestra di dialogo mandrino, scegliere i mandrini
dalla casella Mandrini in retesul lato sinistro della schermata e fare clic sul
pulsante della freccia rivolta verso destra (>) per spostarli nella casella Mandrini
selezionati. Utilizzare il pulsante con la doppia freccia rivolta verso destra (>>) per
selezionare tutti i mandrini.
3.
Per deselezionare i mandrini dalla casella Mandrini selezionati, scegliere i
mandrini che si desidera rimuovere e fare clic sul pulsante con la freccia rivolta
verso sinistra (<). Utilizzare il pulsante con la doppia freccia rivolta verso sinistra
(<<) per deselezionare tutti i mandrini.
4.
Una volta selezionati i mandrini per la visualizzazione, fare clic sul pulsante OK per
visualizzarli sulla schermata Esegui gruppo mandrini principale.
Fare clic con il tasto destro del mouse sull'intestazione della tabella Dati EOR per
visualizzare la casella fluttuante Seleziona finestra di dialogo colonna. È possibile
selezionare quali colonne visualizzare nella schermata Esegui tutte le visualizzazioni
principali. Per preimpostazione sono selezionate tutte le colonne.
Lo stato N° ciclo, Coppia eAngolo viene visualizzato cambiando il colore dello sfondo
della cella (rosso, verde o giallo). Nella prima riga della tabella della schermata Esegui
gruppo mandrini principale visualizza lo stato complessivo del gruppo mandrini
(questa riga ha una colorazione blu). Le righe rimanenti mostrano il singolo stato per ogni
mandrino nel gruppo mandrini. Se viene visualizzato più di un gruppo mandrini, per
ciascuno sarà indicata una riga dello stato complessivo (blu) seguita dalle righe dei
mandrini assegnati per il gruppo mandrini.
Questa schermata può mostrare i dati di stato di tutti i mandrini del gruppo mandrini
(max. 40) senza dover scorrere in verticale. La selezione di una determinato gruppo di
mandrini da visualizzare avviene mediante il pulsanteFiltro.
Pagina 72
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
5.2 Esegui/Visualizza log ciclo
La schermata Esegui/Visualizza log ciclo è una schermata di sola visualizzazione che
mostra i vari parametri di serraggio monitorati durante un fissaggio. È possibile
visualizzare fino a 1.000 tra i cicli più recenti per un IC1D e 200 per un IC1M. Questa
schermata visualizza i dati di ciclo per ogni configurazione usata; il valore di coppia
mostrato riporta l'unità di misura (Nm, Ft-lbs, ecc.) selezionata per una particolare
configurazione.
La schermata è simile nella struttura alla schermata Esegui tutte le visualizzazioni
principali, ad eccezione del log visualizzato per un mandrino o gruppo mandrini per tutti
i cicli (precedenti e attuali). Questa schermata permette di selezionare quale dispositivo
di controllo/gruppo mandrini in rete visualizzare mediante le caselle con menu a tendina
ID dispositivo di controllo e Mandrino.
Se la funzione di archiviazione dei dati EOR non è stata selezionata per il mandrino o
gruppo mandrino visualizzato, il software ICS richiede il log dal/dai corrispondente/i
mandrino/i. Per aggiornare il ciclo su questa schermata, fare clic sul pulsante Aggiorna
nella barra strumenti di comunicazione.
Figura 47 – Esegui - Visualizza log ciclo
È possibile filtrare i dati EOR mediante diversi criteri. Possono essere applicati fino a tre
criteri alla volta ai dati del log selezionati. I criteri sono i seguenti:
•
configurazione;
•
stato complessivo (superato o fallito);
•
n° fase;
•
stato coppia (superato, max. o min.);
•
stato angolo (superato, max. o min.);
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 73
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
•
stato gradiente (superato, max. o min.).
Una volta applicato un filtro, è possibile visualizzare nuovamente tutti i dati facendo clic
sul pulsante Azzera filtro.
Per default, la schermata del log ciclo visualizza i dati per mezzo di oltre 50 diverse
variabili per ciascun ciclo EOR. Il numero di variabili visualizzato sulla schermata può
essere regolato facendo clic sul pulsante Seleziona colonne. Se attivato, questo pulsante
presenta una schermata per modificare le variabili visualizzate, come mostrato in
Figura 48.
Figura 48 – Seleziona campi EOR da visualizzare
Attivare la casella di spunta adiacente alle variabili che si desidera visualizzare, al
termine fare clic sul pulsante OK . Per modificare l'ordine con cui le colonne dei dati
vengono visualizzate, fare clic su una colonna e trascinarla nell'ubicazione desiderata.
Il log ciclo sul dispositivo di controllo può essere eliminato premendo il pulsante
Elimina log ciclo sulla barra strumenti di comunicazione.
Allo stesso modo il numero del log ciclo può essere azzerato facendo clic sul
pulsante Azzera contatore cicli sulla barra strumenti di comunicazione.
Una volta che i dati del ciclo sono stati filtrati dalla configurazione, è possibile
calcolare le statistiche sui dati filtrati. Per calcolare le statistiche, fare clic sul
pulsante Lancia parametri statisticisulla barra strumenti di comunicazione. Ciò
lancia una sottoschermata delle statistiche con i valori calcolati delle statistiche per i dati
selezionati.
Una volta recuperati da un dispositivo di controllo, i dati possono essere salvati nel
database del PC locale per una successiva visualizzazione e analisi. Per salvare i dati
del log ciclo sul PC, selezionare Salva dal menu File. Per recuperare un log ciclo già
salvato, fare innanzitutto clic sul pulsante Database nella barra strumenti principale.
Pagina 74
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
Quindi selezionare il dispositivo di controllo (da cui è pervenuto il log ciclo) dalla casella
con menu a tendina ID dispositivo di controllo e il Mandrino dalla casella con menu a
tendina Mandrino. La casella con menu a tendina Indicatore data-ora sarà quindi
riempita con tutti i log ciclo salvati. Selezionarne uno da questo elenco per visualizzarlo.
Una volta visualizzati questi dati, è possibile filtrare e calcolare le statistiche procedendo
allo stesso modo che con i dati correnti del dispositivo di controllo.
Per stampare o esportare i dati del log ciclo, selezionare la corrispondente opzione dal
menu File.
La colonna del Codice SD sul Log ciclo mostra il Codice di arresto per ogni ciclo. Il
codice di arresto è un codice a due cifre (generato dall'MCE del dispositivo di controllo) o
a tre cifre (generato dal processore del display del dispositivo di controllo) che visualizza
il motivo per cui il ciclo è stato arrestato. Nella tabella sottostante è riportato un elenco dei
codici di arresto.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 75
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
N° codice di
arresto
Descrizione
0
Normale completamento del controllo della coppia, coppia di trascinamento, coppia
prevalente, controllo angolo, controllo cedimento o arretramento finale per guasto.
1
Interruttore di comando rilasciato prima dell'arresto del sistema.
2
Coppia max.
3
Angolo max.
4
Errore di override.
5
Errore coppia di chiusura coppia prevalente.
6
Errore angolo di chiusura coppia prevalente.
7
Riservato per usi futuri.
8
Arresto forzato a causa di impostazione allarme di sincronizzazione.
9
Riservato per usi futuri.
10
Stallo motore (raggiunto il limite di 12 t).
11
Il valore TR dell'utente è inferiore alla coppia di riferimento, causando lo stallo.
12
Errore driver MCE IGBT (sotto-tensione di caricamento o corto su IGBT).
13
Sovracorrente (rilevata dal circuito di corrente del software).
14
Tensione bus min.
15
Scadenza ciclo (scadenza ciclo prima della fine del ciclo).
16
Il processore dell'ARM ha inviato un comando di STOP al dispositivo di controllo
motore.
17
L'utensile è stato scollegato.
18
Comunicazione persa (impossibile inviare EOR o altro “evento” asincrono).
19
Errato riferimento di coppia (il riferimento fase coppia + valore di tarasovraregolazione risulta superiore al limite della fase).
20
Timer sistema di sorveglianza attivato.
21
Tutti le fasi di ripetizione coppia sono state completate senza raggiungere il punto
impostato.
22
La condizione di Override da cedimento è abilitata e quella di Errore da cedimento
è disabilitata, se la coppia finale raggiunta è inferiore al limite min. di coppia.
23
Ciclo arrestato per utensile disabilitato.
24
Condizione di avanzamento a scatti.
25
Gradiente/Pendenza A eccessiva.
26
Riservato per usi futuri.
Pagina 76
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
N° codice di
arresto
Descrizione
27
Pendenza B eccessiva.
28
Nessun bullone rilevato.
29
Arresto normale immediato.
30
Temperatura motore max.
31
Arresto temperatura trasmissione max.
32
Vibrazione utensile (arresto normale).
100
Arresto ciclo avviato su gruppo mandrini.
101
Mandrino fermato a causa di bypass.
102
Errore pre-esecuzione durante funzionamento nel gruppo mandrini.
103
Arresto di emergenza durante il funzionamento nel gruppo mandrini.
104
Interruzione interruttore di comando prima della soglia.
105
Nessun utensile collegato all'MCE.
106
L'utensile collegato è un estrattore di bussole filettate oppure la programmazione non
è valida.
107
La configurazione non è programmata oppure non è valida per l'utensile collegato.
108
Il conteggio delle fasi non corrisponde.
109
Le mappe di sincronizzazione non corrispondono.
110
Gli ID operazione non corrispondono.
111
L'arresto d'emergenza mandrino è max.
112
In modo diagnostica.
113
Mandrino non pronto.
114
Non può bloccare la configurazione perché è già bloccata per le modifiche.
115
CRC non corrisponde.
116
Messaggio CRC imprevisto.
117
Taratura fallita.
118
Sovratemperatura motore.
119
Sovratemperatura dissipatore di calore motore.
120
Errore sequenza fasi.
121
Errore software.
122
Errore IGBT.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 77
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
N° codice di
arresto
Descrizione
123
Errore tensione bus min.
124
Errore sistema di sorveglianza dell'hardware MCE.
125
Taratura fallita perché nel modo eprom.
126
Taratura fallita perché nel modo eprom.
127
Taratura fallita perché nel modo eprom.
128
Arresto sconosciuto o predefinito.
Pagina 78
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
5.3 Stato/Visualizza rete
Laschermata Stato/Visualizza rete fornisce una chiara panoramica di tutti i dispositivi di
controllo collegati in rete. Le informazioni vengono visualizzate in una struttura ad albero
dei file.
Navigare fino a Stato/Visualizza rete per visualizzare la schermata Visualizza rete
mostrata in Figura 49.
Figura 49 – Stato/Visualizza rete
Se non è stato attribuito alcun nome al dispositivo di controllo, viene visualizzato soltanto
come indirizzo IP. È possibile attribuire un nome/rinominare qualsiasi dispositivo di
controllo procedendo come indicato di seguito.
1.
Fare clic con il tasto destro su Indirizzo IP/Nome per visualizzare l'opzione
Modifica nome sistema. Fare doppio clic con il tasto sinistro su Indirizzo IP/Nome
per ottenere dati relativi al dispositivo di controllo per riempire il lato destro della
schermata
2.
Fare clic con il tasto sinistro sull'opzione per visualizzare la casella fluttuante
Inserisci nome sistema.
3.
Inserire un nuovo Nome sistema nella casella di inserimento testo.
4.
Fare clic su OK per l'approvazione.
Qualsiasi nome/nuovo nome assegnato viene inviato al dispositivo di controllo affinché lo
inserisca nel relativo campo del nome.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 79
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
È possibile anche nominare o rinominare le configurazioni presenti in questa schermata
procedendo come indicato di seguito.
1.
Fare clic con il tasto sinistro sul segno più (+) davanti al dispositivo di controllo che
interessa.
2.
Fare clic con il tasto sinistro sul segno più (+) davanti al mandrino che interessa.
3.
Fare doppio clic con il tasto sinistro sulla configurazione che interessa per
recuperarne i parametri.
4.
Fare clic con il tasto destro sulla configurazione che interessa per visualizzare
l'opzione Modifica nome configurazione.
5.
Fare clic con il tasto sinistro sull'opzione per visualizzare la casella fluttuante
Inserisci nome configurazione.
6.
Inserire un nuovo Nome configurazione nella casella di inserimento testo.
7.
Fare clic su OK per l'approvazione.
Se nessun utensile è collegato a un dispositivo di controllo ma le configurazioni vengono
assegnate, l'utensile è mostrato come inesistente. I nomi degli utensili sono costituiti dal
loro numero di serie e di modello e non possono essere modificati. Se un utensile è
collegato a un dispositivo di controllo ma una o più configurazioni assegnate non é/sono
compatibile/i con l'utensile, vengono mostrate con un colore diverso per distinguerle dalle
configurazioni disponibili.
È possibile espandere il dispositivo di controllo per vedere tutti i n° dei mandrini degli
utensili e le configurazioni ad esso assegnate (fino a 256). L'utensile compare in cima
all'elenco delle relative configurazioni. Facendo doppio clic con il tasto sinistro sul
dispositivo di controllo, compariranno tutti i parametri di impostazione generale. Facendo
doppio clic con il tasto sinistro su un mandrino, i dati della memoria dell'utensile saranno
visualizzati sul lato destro della schermata. Facendo doppio clic con il tasto sinistro su
una configurazione, i parametri dell'impostazione di serraggio saranno visualizzati sul
lato destro della schermata.
Pagina 80
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
5.4 Esegui/Curve di serraggio
(soltanto per ICS Network, ICS Enterprise e ICS Multisync)
Navigare fino a Esegui/Curva di serraggio per visualizzare la schermata Curva di
serraggio mostrata in Figura 50.
Figura 50 – Esecuzione - Curve di serraggio
Selezionare l'ID dispositivo di controllo e il N° mandrinodalle corrispondenti caselle
con menu a tendina. Spuntare la casella di spunta Autoaggiornamento per visualizzare
una nuova curva per ciascun serraggio. Fare clic sul pulsante Imposta selezione per
abilitare le impostazioni. È disponibile anche l'opzione di salvataggio delle impostazioni
facendo clic sul pulsante Salva impostazioni e selezionando l'ubicazione dalla casella
fluttuanteSalva con nome. Caricare l'impostazione precedentemente salvata facendo
clic sul pulsante Carica impostazioni e posizionando il file nella casella fluttuante Apri.
Dopo avere completato le impostazioni, fare clic sul pulsante OK per tornare alla
schermata Curva di serraggio.
Le curve provengono dai dispositivi di controllo e passano all'ICS con tutti i dati e le
variabili necessari per facilitare le funzioni sull'ICS. Questa schermata permette di
selezionare quale dispositivo di controllo in rete visualizzare mediante una casella con
menu a tendina. I tipi di curva da visualizzare sono:
•
coppia rispetto all'angolo;
•
coppia rispetto al tempo;
•
corrente rispetto al tempo;
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 81
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
•
corrente rispetto all'angolo.
Le curve possono essere tracciate in base allo Stato serraggio mediante selezione in
una casella con menu a tendina (vedere Figura 50).
È possibile sovrapporre il gradiente di coppia su qualsiasi curva. Questa finestra dispone
di un'area principale che mostra la/e curva/e e un'area a destra che mostra i dati chiave
compresi:
•
coppia di picco @ angolo;
•
n° di punti;
•
riferimento coppia o angolo;
•
limiti coppia, angolo e gradiente;
•
soglia di coppia;
•
durata di campionamento;
•
nome sistema.
Come opzione è possibile contrassegnare sulla curva qualsiasi parametro
programmabile summenzionato (ad eccezione della velocità di campionamento e del
nome del sistema). Inoltre è possibile attivare e disattivare la finestra di accettazione del
serraggio basata sui limiti di coppia e di angolo.
È disponibile una funzione di zoom per poter analizzare i dettagli più piccoli della curva.
Spostare il cursore del mouse su qualsiasi punto presente nel diagramma. Tenere
premuto il pulsante di sinistra e trascinare il cursore per creare una casella di
visualizzazione intorno all'area che interessa. Rilasciare il pulsante: l'area verrà zoomata.
È possibile salvare (selezione di File/Salva barra strumenti) una qualsiasi curva o tutte le
curve su ogni mezzo accessibile al PC e richiamare e visualizzare queste curve in
qualsiasi momento. È possibile anche stampare una qualsiasi curva o tutte le curve su
qualsiasi stampante collegata al PC. Se la stampante può stampare a colori, il rapporto
sarà stampato a colori. Il software permette anche di stampare/esportare un file di testo
ASCII.
Pagina 82
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 5 – Monitoraggio dati di ciclo
Figura 51 – Selezione dispositivo di controllo e diagramma
(soltanto ICS Enterprise e ICS Multisync)
Fare clic sul pulsante Seleziona dispositivo di controllo sulla schermata Selezione
dispositivo di controllo e diagrammaper visualizzare fino a 10 curve nella finestra
delle curve (vedere Figura 51).
È possibile assegnare un dispositivo di controllo a una o più ubicazioni delle curve.
Inoltre, è disponibile un'opzione per ottenere una curva oppure per aggiornare di
continuo una curva con i nuovi dati appena sono disponibili. Una volta assegnato uno o
più dispositivi di controllo a un'ubicazione curva, è disponibile un'opzione per salvare
queste impostazioni in un file in modo che possano essere recuperate in qualsiasi
momento. Il colore viene utilizzato per distinguere le curve e i dati. È possibile
aggiungere, rimuovere e sostituire qualsiasi curva sullo schermo. Una volta raccolti i dati
della curva, è possibile attivare e disattivare la visualizzazione di singole curve. Inoltre, è
possibile selezionare e spostare qualsiasi curva lungo l'asse X e/o Y con la possibilità di
ripristinare la curva nella sua posizione normale. Una volta visualizzata la curva da un
mandrino specifico, è possibile sovrascrivere continuamente la curva con i nuovi dati in
un'ubicazione curva oppure sopra a tutte le ubicazioni curva disponibili. La funzione per
aggiornare le curve mediante tutte le posizioni disponibili è possibile soltanto su un
mandrino alla volta per ogni finestra delle curve di serraggio.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 83
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.1 Archiviazione e monitoraggio ICS
La funzione Archiviazione permette di memorizzare i dati del dispositivo di controllo
selezionato in una memorizzazione a lungo termine sull'hard drive del server di rete. La
funzione Monitoraggio permette di impostare indirizzi e messaggi e-mail da inviare se si
verifica un certo tipo di allarme (Manutenzione preventiva, Statistiche o Trend).
L'Archiviazione e il Monitoraggio sono disponibili soltanto per le versioni MultiSync ed
Enterprise del software ICS con il database SQL.
6.1.1 Impostazioni di archiviazione
Si accede all'impostazione navigando fino alla schermata Archiviazione e
Monitoraggio ICS.
Figura 52 – Archiviazione e Monitoraggio - Impostazioni di archiviazione
Pagina 84
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 6 – Archiviazione dati
La linguetta Impostazioni di archiviazione permette di accedere a Archiviazione
dispositivo di controllo eMonitoraggio ICS.
La sezione Archiviazione dispositivo di controllo della schermata Archiviazione e
monitoraggio è dotata di una casella con menu a tendina Seleziona dispositivo di
controllo per selezionare il dispositivo di controllo di rete i cui dati devono essere
archiviati. È possibile selezionare anche Tutti dispositivi di controllo. Una volta
effettuata la selezione, fare clic sul pulsante Aggiungi per mostrare la schermata
Impostazioni di archiviazione dispositivo di controllo.
Figura 53 – Archiviazione e Monitoraggio - Impostazioni di archiviazione dispositivo di controllo
Questa schermata è dotata di una casella con menu a tendina ID dispositivo di
controllo per selezionare il dispositivo di controllo di rete per il quale devono essere
archiviati i dati. È possibile selezionare anche Tutti dispositivi di controllo. Questa
schermata è divisa in due sezioni: Impostazioni di archiviazione a breve termine
eImpostazioni di archiviazione a lungo termine.
La sezione Impostazioni di archiviazione a breve termine è dotata di due ulteriori
caselle con menu a tendina: Voci da archiviare eFrequenza. La casella con menu a
tendinaVoci da archiviare permette di selezionare il tipo di dati archiviati. La casella con
menu a tendina Frequenza permette di scegliere la frequenza con cui archiviare.
La sezione Impostazioni di archiviazione a lungo termine è dotata di due caselle di
spunta: Elimina dati da archivio a breve termine (cancella i dati di archiviazione al
raggiungimento dell'intervallo di tempo selezionato nella casella con menu a tendina
Frequenza) e Sposta dati in archivio a lungo termine (sposta i dati di archiviazione
nell'archivio a lungo termine al raggiungimento dell'intervallo di tempo selezionato nella
casella con menu a tendina Frequenza). Una volta completata l'Impostazione, fare clic
sul pulsante OK per memorizzarla e ritornare alla schermata Archiviazione e
monitoraggio .
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 85
Sezione 6 – Archiviazione dati
A questo punto la schermata Archiviazione e monitoraggio visualizza le selezioni di
impostazione come righe di voci in una tabella (sezione schermataArchiviazione
dispositivo di controllo). Questa sezione è dotata anche di una casella di spunta
Disabilita archiviazione.
È possibile aggiungere ulteriori dispositivi di controllo e selezioni di dati, come
desiderato.
La sezione Monitoraggio ICS (per monitorare il Log eventi ICS) della
schermataArchiviazione e monitoraggio è disponibile soltanto nelle versioni Network,
Enterprise e Multi-Sync del software ICS. Questa sezione di schermata è dotata di una
casella di visualizzazione Ubicazione archivio. Fare clic sul pulsante Sfogliaper
selezionare gli inserimenti per questa casella che permette di navigare fino a
un'ubicazione file specifica per memorizzare i Log eventi ICS.
Figura 54 – Sfoglia ubicazione file
Questa sezione di schermata è dotata anche di una casella con menu a tendina Durata
per selezionare la frequenza con cui il Log eventi dovrebbe essere archiviato. Sono
disponibili anche due caselle di spunta: una è per la selezione Disabilita archiviazione e
l'altra per l'impostazione Archivia a log pieno.
Per accettare l'Impostazione archiviazione, premere il pulsante Applica sulla schermata
Archiviazione e monitoraggio.
6.1.2 Impostazioni monitoraggio allarmi
La funzione Monitoraggio permette di impostare indirizzi e messaggi e-mail da inviare se
si verifica un certo tipo di allarme (Manutenzione preventiva, Statistiche o Trend).
Pagina 86
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.1.2.1 Allarmi manutenzione preventiva
Selezionando la linguetta Allarmi PM sulla schermata Archiviazione e monitoraggio
viene visualizzata la schermata Monitoraggio allarmi PM.
Figura 55 – Archiviazione e Monitoraggio - Allarme PM
Questa schermata include una tabella che visualizza tutti i possibili tipi di allarmi PM. A
ciascun tipo può essere assegnato un indirizzo e-mail e può disporre di un messaggio da
inviare in caso di allarme. La colonna ID e-mail è una colonna di caselle di inserimento
per fornire l'indirizzo. Questi indirizzi possono essere digitati o selezionati da un elenco
memorizzato (ottenuto dai profili inseriti dall'utente) facendo clic sul pulsante associato
alla riga selezionata. Facendo clic sul pulsante per una riga selezionata, viene
visualizzata la casella fluttuante Seleziona ID e-mail.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 87
Sezione 6 – Archiviazione dati
Figura 56 – Allarme PM - Seleziona ID e-mail
Se sono stati memorizzati ID e-mail, possono essere selezionati su questa schermata.
Selezionare un ID e-mail e fare clic sul pulsante OK per ritrasferire l'ID all'inserimento
selezionato sulla schermata Monitoraggio allarmi PM.
È disponibile anche una colonna Messaggio che contiene celle associate a ciascun tipo
di allarme. Ciascuna riga in questa colonna costituisce una casella di inserimento per
digitare un messaggio personalizzato che sarà inviato all'indirizzo e-mail associato in
caso di allarme. Il messaggio è inserito nella riga dell'oggetto dell'e-mail.
È disponibile anche una colonna con caselle di spunta Abilita allarme, con tutti i tipi di
allarme disabilitati per default.
NOTA: uno dei tipi di allarme elencati è Qualsiasi. Abilitando questo allarme viene
inviato un messaggio e-mail all'indirizzo elencato in caso di qualsiasi allarme.
Per accettare l'Impostazione allarmi PM, fare clic sul pulsante Applica in fondo alla
schermata.
NOTA: gli allarmi Manutenzione preventiva sono impostati nella schermata
Visualizza dati chip (Diagnostica/Visualizza/Imposta dati utensile).
Vedere sezione 9.1.1.2 Allarmi PM.
Pagina 88
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.1.2.2 Allarmi statistiche
Selezionare la linguetta Allarmi statistiche sulla schermata Archiviazione e
monitoraggio per visualizzare la schermata Allarmi statistiche.
Figura 57 – Archiviazione e Monitoraggio - Allarmi statistiche
Questa schermata è dotata di due tabelle che visualizzano tutti i possibili tipi di Allarmi
statistiche per Coppia e Angolo. A ciascun tipo può essere assegnato un indirizzo e-mail
e può disporre di un messaggio da inviare in caso di allarme. La colonna ID e-mail è una
colonna di caselle di inserimento per inserire l'indirizzo. Questi indirizzi possono essere
digitati o selezionati da un elenco memorizzato (ottenuto dai profili inseriti dall'utente)
facendo clic sul pulsante associato alla riga selezionata. Facendo clic sul pulsante per
una riga selezionata, viene visualizzata la casella fluttuante Seleziona ID e-mail. Se
sono stati memorizzati ID e-mail, possono essere selezionati su questa schermata.
Selezionare un ID e-mail e fare clic sul pulsante OK per ritrasferire l'ID all'inserimento
selezionato sulla schermata Allarmi statistiche.
È disponibile anche una colonna Messaggio che contiene celle associate a ciascun tipo
di allarme. Ciascuna riga in questa colonna rappresenta una casella di inserimento per
digitare un messaggio personalizzato che sarà inviato all'indirizzo e-mail associato in
caso di allarme. Il messaggio è inserito nella riga dell'oggetto dell'e-mail.
È disponibile anche una colonna con caselle di spunta Abilita allarme, con tutti i tipi di
allarme disabilitati per default.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 89
Sezione 6 – Archiviazione dati
NOTA: uno dei tipi di allarme elencati è Qualsiasi. Abilitando questo allarme viene
inviato un messaggio e-mail all'indirizzo elencato in caso di qualsiasi allarme.
Per accettare l'Impostazione allarmi statistiche, fare clic sul pulsante Applica in fondo
alla schermata.
NOTA: gli Allarmi statistiche sono impostati nella schermata Parametri statistiche
(Statistiche/Riepilogo).
Vedere Sezione8.3 Allarmi statistiche.
6.1.2.3 Allarmi Trend
Selezionare la linguetta Allarmi Trend sulla schermata Archiviazione e monitoraggio
per visualizzare la schermata Allarmi Trend.
Figura 58 – Archiviazione e monitoraggio - Allarmi Trend
Questa schermata include una tabella che visualizza tutti i possibili tipi di Allarmi Trend. A
ciascun tipo può essere assegnato un indirizzo e-mail e un messaggio da inviare in caso
di allarme. La colonna ID e-mail è una colonna di caselle di inserimento per fornire
l'indirizzo. Questi indirizzi possono essere digitati o selezionati da un elenco memorizzato
(ottenuto dai profili inseriti dall'utente) facendo clic sul pulsante associato alla riga
selezionata. Facendo clic sul pulsante per una riga selezionata, viene visualizzata la
casella fluttuante Seleziona ID e-mail. Se sono stati memorizzati ID e-mail, possono
essere selezionati su questa schermata. Selezionare un ID e-mail e fare clic sul pulsante
OK per ritrasferire l'ID all'inserimento selezionato sulla schermata Allarmi Trend.
È disponibile anche una colonna Messaggio che contiene celle associate a ciascun tipo
di allarme. Ciascuna riga in questa colonna rappresenta una casella di inserimento per
Pagina 90
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 6 – Archiviazione dati
digitare un messaggio personalizzato che sarà inviato all'indirizzo e-mail associato in
caso di allarme. Il messaggio è inserito nella riga dell'oggetto dell'e-mail.
È disponibile anche una colonna con caselle di spunta Abilita allarme, con tutti i tipi di
allarme disabilitati per default.
Per accettare l'Impostazione allarmi statistiche, fare clic sul pulsante Applica in fondo
alla schermata.
NOTA: gli allarmi Trend sono impostati sulla schermata Grafici SPC (Statistiche/
Grafici SPC) per il tipo di grafico Media-Gamma.
Vedere Sezione 8.2.1 Controlli grafici Media/Gamma e Istogramma.
6.2 Rapporti dati archiviati
I dati archiviati possono essere cercati e filtrati mediante la funzione Rapporti dati. Oltre
ai tipi di rapporto standard - VIN, Rapporto utensile e Turno - il Generatore rapporti
personalizzati può essere utilizzato per creare criteri di ricerca personalizzati. Questa
funzione è disponibile soltanto per le versioni MultiSync ed Enterprise del software ICS
con il database SQL. Per avviare una ricerca, fare clic sul pulsante Filtro sulla schermata
Esegui/Crea rapporto per navigare fino a Esegui/Crea rapporto/Cerca risultati.
Figura 59 – Rapporti dati archiviati - Cerca risultati
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 91
Sezione 6 – Archiviazione dati
Facendo clic sul pulsante Filtro viene visualizzata la casella fluttuante Rapporto.
Figura 60 – Rapporti dati archiviati - Rapporto VIN
Selezionare il tipo di rapporto necessario e inserire tutti i criteri di ricerca, quindi fare clic
sul pulsante Cerca. I risultati della ricerca saranno visualizzati nella schermata Cerca
risultati. È possibile modificare il numero di colonne di dati visualizzate facendo clic sul
pulsante Seleziona colonne per visualizzare la casella fluttuante Seleziona il campo
EOR da visualizzare. Vedere Figura 61.
Figura 61 – Rapporti dati archiviati - Seleziona campi EOR da visualizzare
Ciascuno dei Campi dati viene visualizzato assieme a una casella di spunta per la
selezione. L'Impostazione predefinita ha tutti i campi selezionati. Una volta che i dati
sono presenti nella finestra Cerca risultati , possono essere stampati o esportati.
Pagina 92
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.2.1 VIN (Vehicle Identification Number)
Inserire il codice VIN che interessa nella casella di inserimento testo in cima alla
schermata Rapporto VIN . La sezione Criteri filtro è dotata di caselle con menu a
tendina per selezionare la Data e l'Ora che interessano. La ricerca può essere
ulteriormente definita inserendo un N° seriale utensile. Sono disponibili quattro ulteriori
caselle con menu a tendina in cui è possibile selezionare il Risultato serraggio
complessivo, il Risultato coppia, Risultato angolo e il Risultato gradiente per
restringere la ricerca. Questa schermata Imposta è mostrata nella Figura 60 sopra
riportata.
In fondo alla schermata, fare clic sul pulsante ID ubicazione per visualizzare la casella
fluttuante Selezione ubicazione.
Figura 62 – VIN - Seleziona ubicazione
L'ID ubicazione identifica singoli dispositivi di controllo nel Database archiviato. Una
casella di visualizzazione Disponibile sul lato sinistro della schermata mostra gli ID
dispositivo di controllo disponibili. Utilizzare i pulsanti freccia per spostare gli ID
dispositivo di controllo selezionati nella casella di visualizzazione Assegnati sul lato
destro della schermata. Una volta assegnati i dispositivi di controllo, fare clic sul pulsante
OK per memorizzarli.
Dopo avere fatto clic sul pulsante OK (o Cancella), viene visualizzata nuovamente la
casella fluttuante Rapporto VIN. Fare clic sul pulsante Cerca in fondo alla schermata per
iniziare la ricerca dei dati e visualizzare i risultati sulla schermata Cerca risultati.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 93
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.2.2 Rapporto utensile
Inserire il N° seriale utensile che interessa nella casella di inserimento testo in cima alla
schermata Rapporto utensile, come mostrato sotto.
Figura 63 – Rapporti dati archiviati - Rapporto utensile
La sezione Criteri filtro è dotata di caselle con menu a tendina per selezionare la Data e
l'Ora che interessano. La ricerca può essere ulteriormente definita inserendo un numero
VIN. Sono disponibili quattro ulteriori caselle con menu a tendina in cui è possibile
selezionare il Risultato serraggio complessivo, il Risultato coppia, il Risultato
angolo e il Risultato gradiente per restringere la ricerca.
In fondo alla schermata, fare clic sul pulsante ID ubicazione per visualizzare la casella
fluttuante Seleziona ubicazione. L'ID ubicazione identifica singoli dispositivi di controllo
nel Database archiviato. Una casella di visualizzazione Disponibile sul lato sinistro della
schermata mostra gli ID dispositivo di controllo disponibili. Utilizzare i pulsanti freccia per
spostare gli ID dispositivo di controllo selezionati nella casella di visualizzazione
Assegnati sul lato destro della schermata. Una volta assegnati i dispositivi di controllo,
fare clic sul pulsante OK per memorizzarli. Vedere Figura 59.
Dopo avere fatto clic sul pulsante OK (o Cancella), viene visualizzata nuovamente la
casella fluttuante Rapporto utensile. Fare clic sul pulsante Cerca in fondo alla
schermata per iniziare la ricerca dei dati e visualizzare i risultati sulla schermata Cerca
risultati.
Pagina 94
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.2.3 Rapporto turno
Inserire il Turno che interessa nella casella di inserimento testo in cima alla
schermataRapporto turno.
Figura 64 – Rapporti dati archiviati - Rapporto turno
La sezione Criteri filtro è dotata di caselle con menu a tendina per selezionare la Data e
l'Ora che interessano. La ricerca può essere ulteriormente definita inserendo un numero
VIN. Sono disponibili quattro ulteriori caselle con menu a tendina in cui è possibile
selezionare il Risultato serraggio complessivo, il Risultato coppia, il Risultato
angolo e il Risultato gradiente per restringere la ricerca.
In fondo alla schermata è presente un pulsante Imposta turno. Fare clic su questo
pulsante per visualizzare la casella fluttuante Imposta turno. VedereFigura 59.
Figura 65 – Rapporti dati archiviati - Imposta turno
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 95
Sezione 6 – Archiviazione dati
Fare clic sul pulsante Aggiungi su Imposta turno per visualizzare la casella fluttuante
Aggiungi/Modifica turno.
Figura 66 – Rapporti dati archiviati - Aggiungi/Modifica turno
Questa casella permette di selezionare un turno e la relativa durata di tempo dalle
corrispondenti caselle con menu a tendina. Premendo il pulsante OK ricompare la
casella fluttuante Imposta turno dove è inserito il turno programmato nella tabella
Imposta turno. Questa casella fluttuante è dotata di pulsanti Modifica e Rimuovi per
regolare i dati del turno.
Dopo avere fatto clic sul pulsante OK (o Cancella), viene visualizzata nuovamente la
casella fluttuante Rapporto turno. Fare clic sul pulsante Cerca in fondo alla schermata
per iniziare la ricerca dei dati e visualizzare i risultati sulla schermata Cerca risultati.
Pagina 96
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 6 – Archiviazione dati
6.2.4 Generatore rapporti
Selezionare la casella di spunta Generatore rapporti sulla casella fluttuante Rapporto
per visualizzare il Generatore rapporti. Vedere Figura 67.
Figura 67 – Rapporti dati archiviati - Generatore rapporti
La sezione di visualizzazione Criteri filtro dispone di una riga per ciascun tipo di dati
Campo EOR. È disponibile la funzione Abilita per l'abilitazione del tipo da includere nel
rapporto e l'inserimento delle date Da e A. Premendo il pulsante Cerca in fondo alla
schermata viene avviata la ricerca dei dati, che vengono visualizzati sulla schermata
Cerca risultati.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 97
Sezione 7 – Gruppo mandrini
7.1
Impostazione gruppo mandrini
Navigare fino a Imposta/Imposta gruppo mandrini per visualizzare la
schermataImposta gruppo mandrini.
La schermata Gruppo mandrini permette di impostare due o più dispositivi di controllo
nel funzionamento gruppo mandrini. In tal modo è possibile gestire un gruppo mandrini
composto da un max. di 40 mandrini.
Figura 68 – Imposta gruppo mandrini
Questa schermata permette la programmazione di tutte le strategie di serraggio. Inoltre
tutte le operazioni specifiche del gruppo mandrini, quali arretramento per guasto,
arretramento finale per guasto, sincronizzazione e bypass, sono programmabili.
Una volta programmato, il gruppo mandrini può funzionare senza che il software ICS
MultiSync sia collegato.
Tutte le impostazioni, i parametri e le mappe del gruppo mandrini vengono programmate
mediante la schermata Imposta gruppo mandrini nelle versioni MultiSync ed Enterprise
dell'ICS. Su questa schermata è possibile assegnare i mandrini per creare una mappa
Pagina 98
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 7 – Gruppo mandrini
del gruppo mandrini, quindi programmare tutti i parametri connessi con il gruppo
mandrini.
Qualsiasi gruppo mandrini programmato può essere salvato in memoria utilizzando
l'icona della funzione Salva nella Barra strumenti. Le impostazioni del gruppo mandrini
precedentemente salvate possono essere riviste e modificate nel modo Database. La
procedura è la seguente.
1.
Navigare fino alla schermata Imposta/Imposta gruppo mandrini.
2.
Fare clic sul pulsante Database nella Barra strumenti. Ciò permetterà di
visualizzare i nomi delle impostazioni memorizzate nella casella con menu a
tendina Nome gruppo configurazioni.
3.
Selezionare il gruppo mandrini dalla casella con menu a tendina.
7.1.1 Assegnazione di mandrini a un nuovo gruppo mandrini
La prima fase nell'impostazione di un gruppo mandrini è ubicare un dispositivo di
controllo master (principale). I dispositivi di controllo master vengono identificati
dall'impostazione "01" dell'indirizzo CAN 2.
In cima alla schermata Impostazioni gruppo mandrino è presente una casella con menu a
tendina riempita con tutti i dispositivi di controllo master trovati in rete. Questa casella con
menu a tendina facilita la selezione tra diversi gruppi mandrini.
Una volta selezionato un modulo master, tutti i mandrini disponibili (ad es. quelli con lo
stesso ID operazione ma diverso indirizzo CAN 2) sono disponibili anche per
l'assegnazione al gruppo mandrini. I mandrini disponibili indicano il loro numero
mandrino come numero di indirizzo CAN 2. Se vengono trovati due mandrini con lo
stesso indirizzo CAN 2, verrà inviato un avvertimento per correggere l'indirizzo CAN e
riavviare il dispositivo di controllo, prima di poter iniziare la programmazione del gruppo
mandrini. Tutti i mandrini devono essere assegnati in un ordine numerico crescente (non
sono ammessi salti nella numerazione dei mandrini).
Come parte dell'operazione di assegnazione, selezionare il gruppo a cui il mandrino deve
appartenere. Durante l'assegnazione di un mandrino a un gruppo soltanto i gruppi N
(max. 8) saranno disponibili per l'assegnazione (dove N è il numero di mandrini nel
gruppo mandrini). È possibile modificare l'assegnazione di un mandrino a un gruppo. Se
la riassegnazione di un gruppo crea un gruppo vuoto senza alcun mandrino, tutti i gruppi
numerati sopra a questo gruppo devono essere decrementati di uno in modo tale che
non vi siano gruppi vuoti. Per assegnare un mandrino fare clic con il tasto sinistro del
mouse e trascinare il mandrino sopra al gruppo a cui deve essere assegnato. Per togliere
l'assegnazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul mandrino e selezionare
Cancella mandrino.
È possibile aggiungere o cancellare gruppi a/da un gruppo mandrini utilizzando i pulsanti
Aggiungi gruppo eCancella gruppo.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 99
Sezione 7 – Gruppo mandrini
7.1.2 Assegna e modifica configurazioni
Una volta assegnati tutti i mandrini a un gruppo, la fase successiva è quella di assegnare
configurazioni ai mandrini. Fare clic con il pulsante sinistro del mouse su un gruppo per
vedere i mandrini ad esso assegnati. Fare clic con il tasto sinistro del mouse su un
mandrino per vedere tutte le configurazioni ad esso assegnate (le configurazioni
disponibili per l'assegnazione sono elencate sul lato destro della schermata Imposta
gruppo mandrini). Per assegnare una configurazione a un mandrino, fare clic e
trascinare la configurazione (lato destro della schermata) sul corrispondente mandrino
(lato sinistro della schermata).
È possibile modificare i parametri di qualsiasi configurazione in qualsiasi mandrino
facendo doppio clic sulla configurazione, in tal modo viene lanciata la schermata di
Impostazione avanzata. Una volta apportate e salvate le modifiche, verrà richiesto di
salvare la configurazione su tutti i mandrini di questo gruppo.
Se è stato selezionato Bypass per un/dei mandrino/i specifico/i, ciò sostituisce i dati della
configurazione per questo mandrino; ossia mentre viene selezionatoBypass non è
possibile lanciare la schermata Impostazione avanzata per questa combinazione di
configurazione mandrino.
7.1.3 Parametri gruppo mandrino
È possibile accedere a Parametri gruppo mandrino attraverso la schermata Imposta/
Gruppo mandrini. I parametri che sono contrassegnati come Parametri gruppo mandrini
dispongono di un valore per l'utilizzo da parte di tutti i mandrini nel gruppo mandrini. I
parametri che sono contrassegnati come Parametri gruppo dispongono di un valore
per l'utilizzo da parte di tutti i mandrini assegnati a tale Gruppo. I parametri
contrassegnati come Parametri mandrino vengono programmati singolarmente per
ciascun mandrino.
Parametri gruppo mandrino
Tempo ciclo
Casella di inserimento per la programmazione di un numero max. di
secondi durante i quali il gruppo mandrini deve funzionare prima che
venga indicato un errore di scadenza.
Azione errore finale
Se si verifica un errore di serraggio, è possibile adottare "Azioni"
programmabili. Questa casella con menu a tendina possiede le seguenti
opzioni: Nessuna azione: Il serraggio viene arrestato con uno stato di
errore; Gruppo: tutti i mandrini nel gruppo eseguono l'azione; Gruppo
mandrini: tutti i mandrini nel gruppo mandrini eseguono l'azione; Solo
mandrino: soltanto il mandrino per cui è stato indicato un errore esegue
l'azione.
Parametri gruppo
N° fase
sincronizzazione
Fase dopo la quale i mandrini attendono la sincronizzazione.
N° fasi totale
Casella di visualizzazione che mostra il n° totale di fasi nella
configurazione che viene eseguita dal gruppo.
Pagina 100
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 7 – Gruppo mandrini
Azione errore
Se si verifica un errore di serraggio, è possibile adottare "Azioni"
programmabili. Questa casella con menu a tendina possiede le seguenti
opzioni: Nessuna azione: il serraggio viene arrestato con uno stato di
errore; Gruppo: tutti i mandrini nel gruppo eseguono l'azione; Gruppo
mandrini: tutti i mandrini nel gruppo mandrini eseguono l'azione; Solo
mandrino: soltanto il mandrino per cui è stato indicato un errore esegue
l'azione.
Parametri mandrino
Angolo di arretramento
per guasto
Casella di inserimento per la programmazione del numero di gradi di
arretramento del bullone in caso di errore di serraggio.
N° di tentativi
Casella di inserimento per la programmazione del numero di volte per
le quali deve avvenire il serraggio e l'arretramento per guasto prima di
arrestare il serraggio e indicare un errore.
Angolo di arretramento
per guasto finale
Casella di inserimento per la programmazione del numero di gradi per
i quali il bullone deve essere arretrato dopo avere raggiungo l'Errore
finale (numero di tentativi eseguiti).
Limite coppia max. di
arretramento
Casella di inserimento per la programmazione del limite Coppia max.
durante l'arretramento. Se viene superato, l'operazione di serraggio è
arrestata e viene indicato un errore.
Velocità di arretramento
per guasto
Casella di inserimento per la programmazione della velocità del
mandrino (in %) da utilizzare durante l'operazione di arretramento.
7.1.4 Creazione di un'Impostazione gruppo mandrini offline
Un gruppo mandrini può essere impostato offline utilizzando il modo Database. Dopo la
creazione, il gruppo mandrini può essere memorizzato per un utilizzo successivo se
collegato a una rete. La procedura è riportata di seguito.
1.
Navigare fino alla schermata Imposta/Imposta gruppo mandrini.
2.
Fare clic sul pulsante Database nella Barra strumenti.
3.
Verificare che venga visualizzato Seleziona nuovo nella casella con menu a
tendinaNome gruppo configurazioni.
4.
Creare un gruppo mandrini utilizzando il pulsante Aggiungi gruppo per assegnare
i gruppi al gruppo mandrini. Quindi fare doppio clic su ciascun gruppo e assegnare
(fare clic e trascinare) i mandrini disponibili al gruppo. Successivamente fare doppio
clic con il tasto sinistro sui mandrini e assegnare le configurazioni disponibili.
Ripetere questa procedura per tutti i gruppi.
5.
Inserire un nome per il gruppo mandrino in cima alla schermata Seleziona nuovo
visualizzata nella casella con menu a tendinaNome Gruppo configurazioni.
6.
Fare clic sul pulsante Salva nella Barra strumenti.
7.
Fare clic sul pulsante On nella casella fluttuante di conferma.
7.1.5 Convalida impostazione gruppo mandrini
Ogniqualvolta viene creato un nuovoGruppo parametri gruppo mandrino e quindi
viene salvato nel database o inviato a un gruppo mandrini in rete, si verifica la procedura
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 101
Sezione 7 – Gruppo mandrini
di convalida descritta sotto. Se la convalida fallisce, vengono fornite informazioni sullo
stato e l'impostazione non viene salvata o inviata. Se vengono identificati dati non validi, i
nomi nella visualizzazione ad albero del Gruppo, Dispositivo di controllo, Mandrino o
Configurazione non validi vengono mostrati in rosso per indicare uno stato di dati non
validi. Durante la convalida i dati programmati vengono verificati come indicato di
seguito.
•
Le Configurazioni modulo Master vengono programmate per tutti i mandrini del
gruppo mandrini.
•
Il numero di fasi per ciascuna configurazione all'interno di ciascun gruppo è lo stesso.
NOTA: se una configurazione viene impostata su Bypass per un dato mandrino,
essa viene considerata Riuscita per questo test.
•
I mandrini vengono assegnati di continuo (nessun vuoto nella numerazione dei
mandrini).
•
È presente soltanto un gruppo di Parametri gruppo mandrini e un gruppo di Parametri
gruppo
per gruppo, nessun duplicato.
Quando i parametri del gruppo mandrini vengono recuperati da un dispositivo di controllo
o da dispositivi di controllo nel modo Rete, avvengono le seguenti azioni oltre alla
procedura di convalida elencata sopra.
•
I parametri gruppo mandrini vengono recuperati soltanto dal modulo Master.
•
Se le Ubicazioni fasi di sincronizzazione e le Operazioni azioni errore non
corrispondono in tutti i mandrini del gruppo mandrini, viene visualizzato un
messaggio d'errore e le impostazioni del modulo master vengono applicate a tutti i
mandrini del gruppo mandrini per correggere l'errore.
Quando un'Impostazione gruppo mandrini viene salvata nel database, tutti i parametri,
inclusiMappa gruppo mandrini eImpostazioni configurazionivengono salvate.
7.1.6 Assegnazione gruppi nel gruppo mandrino
In modo Rete, quando viene selezionato il nodo gruppo mandrini, il lato destro della
schermata mostra tutti i Gruppi gruppo mandrini precedentemente programmati. Un
gruppo valido è quello che contiene un numero di mandrini inferiore o pari al numero di
mandrini adiacenti sul Modulo master selezionato.
Facendo clic con il tasto sinistro del mouse su un gruppo gruppo mandrini e
trascinandolo in un nodo modulo master sul lato sinistro della schermata, tale gruppo
viene assegnato al nuovo gruppo mandrini.
Pagina 102
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 8 –Controllo qualità
8.1 Statistiche
La schermata Statistiche/Riepilogo parametri visualizza le statistiche recuperate da un
dispositivo di controllo oppure le calcola per una gamma selezionata di dati EOR (fine
ciclo). La schermata visualizza il riempimento e i dati statistici campione per i dati EOR di
entrambi i valori di coppia e di angolo. La schermata funziona in Modo Visualizzazione
eModo Calcolo.
Con apertura dal menu Statistiche/Riepilogo, ci si trova in “Modo Visualizzazione”. Nel
modo Visualizzazione, le statistiche vengono calcolate dal dispositivo di controllo, quindi
prelevate e visualizzate dall'ICS. Nel modo Visualizzazione, attivare Elimina tutte
statistiche o Elimina statistiche campione facendo clic sul pulsante corrispondente
nella barra degli strumenti. Le dimensioni delle statistiche campione e i valori utilizzati
per i calcoli statistici da parte del dispositivo di controllo possono essere impostati
selezionando il pulsante Imposta parametri sulla barra degli strumenti. È possibile
salvare i dati statistici nel database locale in questo modo selezionando Salvadal menu
File.
Elimina tutte statistiche
© Ingersoll Rand Company 2006
Elimina statistiche campione
Pagina 103
Sezione 8 –Controllo qualità
Figura 69 – Statistiche
Le dimensioni delle Statistiche campione e i valori utilizzati per i calcoli statistici da parte
del dispositivo di controllo possono essere impostati selezionando il pulsante Imposta
parametri sulla barra degli strumenti. Ciò visualizza la casella fluttuante Imposta
parametri statistiche. Questa casella è dotata di una casella di inserimento Dimensioni
campioneper impostare il numero di letture da utilizzare (max. = 999). È disponibile
anche una casella con menu a tendina Imposta valoriper selezionare il tipo di dati EOR
da utilizzare per il campione. Le selezioni sono Solo riuscita , Tutte tranne rifiuto
componenti eTutte. Sono disponibili i pulsanti OK eCancella per Approvare/Respingere
la programmazione.
Figura 70 – Imposta parametri statistiche
Pagina 104
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 8 –Controllo qualità
Attivando i pulsanti Elimina tutti o Elimina campione vengono eliminate le relative
statistiche nel dispositivo di controllo.
È possibile anche lanciare la schermata delle statistiche dalla schermata Esegui/
Visualizza log ciclo facendo clic sul pulsante Lancia parametro statistico. Quando ci
si trova in questo modo, la schermata Parametri statistici è in Modo Calcolo. In questo
modo le statistiche vengono calcolate direttamente dall'ICS partendo dai dati EOR
selezionati. Questi dati relativi alle statistiche possono anche essere salvati nel database
per un'analisi successiva.
8.2 Grafici SPC
La schermata Statistiche/Grafici SPC fornisce funzioni avanzate relative ai grafici SPC.
La schermata dispone di tre visualizzazioni: Media/Gamma, Istogramma e Pareto. La
casella con menu a tendina Tipo di grafico permette di spostarsi facilmente tra queste tre
visualizzazioni. È possibile stampare qualsiasi dato su qualsiasi stampante collegata al
PC. Se la stampante può stampare a colori, il rapporto sarà stampato a colori. I grafici
possono essere generati sia dai dati correnti del dispositivo di controllo che dal grafico
salvato.
8.2.1 Controlli grafici Media/Gamma e Istogramma
La selezione Media/Gamma produce due grafici dei cicli nel log dei dati. Il grafico Media
visualizza ciascun punto come media dei valori del numero selezionato di cicli in un
sottogruppo. Il grafico Gamma visualizza la lettura max. sottratta della lettura minima di
ciascun sottogruppo.
Figura 71 – Comandi grafici Media/Gamma e Istogramma
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 105
Sezione 8 –Controllo qualità
Le Impostazioni Media, Gamma e Istogramma includono le selezioni riportate di seguito.
Dimensioni
sottogruppo
Qualsiasi valore dei singoli cicli compreso tra 2 e 10. Imposta le
dimensioni (numero di letture) che sono incluse in ciascun punto
campione mostrato nel diagramma. Ossia, se questo valore è impostato
su 5, ciascun punto nel diagramma rappresenta cinque letture.
Velocità
campionamento
sottogruppo
Qualsiasi valore compreso tra 1 e 50. Imposta la frequenza alla quale
vengono rilevati i punti campione per il diagramma. Se impostato su uno,
viene eseguito il tracciato di tutti i dati. Se impostato su 2, viene eseguito
il tracciato soltanto di ogni secondo sottogruppo, ecc.
Numero di punti
Qualsiasi valore compreso tra 2 e 25. Imposta il numero di punti che
vengono mostrati nel diagramma.
Limiti di fluttuazione
Questo pulsante d'opzione seleziona l'opzione per calcolare i limiti max. e
min. basati sul Valore limite di fluttuazione indicato nella casella del
valore.
Valori limiti di
fluttuazione
Se impostati su 10, per ogni dieci punti tracciati nel diagramma vengono
ricalcolati i limiti max. e min. per i dati. Questi nuovi valori limite
verrebbero applicati ai dieci campioni successivi.
Limiti fissi
Questo pulsante d'opzione seleziona l'opzione per calcolare i limiti max. e
min. basati sul primo numero di punti inseriti nel campoValore limite
fisso.
Valore limite fisso
Imposta il numero di campioni in base al quale i nuovi Limiti di controllo
max. e min. vengono calcolati.
Le Variabili graficoper questa selezione delTipo grafico sono le seguenti:
•
coppia;
•
angolo;
•
gradiente;
•
corrente di picco;
•
tempo ciclo;
•
coppia di chiusura;
•
angolo di chiusura;
•
coppia min. di trascinamento;
•
pendenza di picco;
•
pendenza coppia prevalente;
•
coppia trascinamento di picco;
•
coppia di trascinamento media.
La finestraRiepilogo statistiche visualizza i seguenti parametri e i loro valori:
•
totale numero esecuzioni;
•
totale numero sottogruppi;
Pagina 106
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 8 –Controllo qualità
•
valore di riferimento;
•
X-Bar-Bar;
•
X-Bar-Bar + 3 Sigma;
•
X-Bar-Bar -3 Sigma;
•
R-Bar;
•
Max;
•
Min;
•
6 Sigma;
•
capacità;
•
limite max. medio;
•
limite min. medio;
•
limite max. gamma;
•
limite min. gamma;
•
Cp;
•
Cpk;
•
CAM.
La casella nella parte destra inferiore della schermata permette di impostare gli Allarmi
Trend. Dispone di due opzioni di casella di spunta (Visualizza e Aumenta allarme). La
colonna Lettura mostra il numero di eventi consecutivi (si tratta di un numero inserito
dall'utente) della condizione selezionata che devono avvenire prima di soddisfare lo stato
d'allarme. Se viene spuntata l'opzione Visualizza, i punti d'allarme vengono messi in
evidenza sulla visualizzazione della curva. Se viene spuntata l'opzione Aumenta
allarme, viene inviato un messaggio di testo d'allarme a un indirizzo e-mail. Il messaggio
d'allarme e l'indirizzo e-mail vengono impostati nella schermata ICS/Archiviazione e
monitoraggio/Allarmi Trend (vedereSezione 6.1.2.3 Allarmi Trend). Per il grafico
Media/Gamma, gli eventi che possono essere influenzati da queste selezioni di stato
sono:
•
incremento punti;
•
diminuzione punti;
•
punti con a +/- sigma;
•
punti tra +/- sigma e +/- 3 sigma;
•
punto superiore al Limite di controllo max;
•
punto inferiore al Limite di controllo min;
•
punto superiore alla media;
•
punto inferiore alla media.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 107
Sezione 8 –Controllo qualità
Nell'angolo inferiore destro dell'area del diagramma, sono presenti quattro frecce
che controllano i dati visualizzati nel grafico. Le due frecce interne procedono nel
diagramma di un punto alla volta e le due frecce esterne spostano il diagramma all'inizio
o alla fine del gruppo di dati. Spostando il cursore sopra all'area del diagramma
desiderata e creando una casella elastica intorno ad esso viene zoomato il diagramma
sull'area selezionata. Facendo clic con il tasto destro del mouse sullo sfondo viene
visualizzato lo stesso menu di scelta rapida summenzionato con l'ulteriore scelta
diAzzera zoom per ritornare alla visualizzazione normale del diagramma.
Inoltre i pulsanti Più (+) e Meno (-) nella schermata possono essere utilizzati per
aumentare e ridurre lo zoom sulla curva visualizzata. I pulsanti con i simboli Su eGiù
possono essere utilizzati per spostare la finestra di visualizzazione durante l'utilizzo della
funzione di zoom.
8.2.2 Controlli grafico istogramma
È possibile accedere al Grafico istogramma dalla schermata Statistiche/Grafici SPC.
Scegliere l'ID dispositivo di controllo, Mandrino, Configurazione, Indicatore dataora, Tipo grafico (Istogramma) e Variabile grafico.
Figura 72 – Controlli grafico istogramma
NOTA: L'Indicatore data-ora viene scelto soltanto nel modo Dati.
La casella con menu a tendina Variabile grafico permette la selezione di tutti i risultati
dei parametri dei dati di serraggio che possono essere visualizzati.
Pagina 108
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 8 –Controllo qualità
La casella di visualizzazione Riepilogo statistiche sul lato destro della schermata
mostra le statistiche che erano state calcolate per il numero totale di serraggi
memorizzati nel Log ciclo del mandrino selezionato.
In basso a destra della schermata, è presente un'area Impostazioni istogramma con i
seguenti componenti.
N° di raccoglitori
Questa casella con menu a tendina permette di selezionare il numero
di raccoglitori da visualizzare.
Numero di punti
Questa casella di inserimento permette di inserire il numero di punti
dei dati da visualizzare nell'istogramma. L'istogramma visualizza
sempre i punti dei dati più recenti.
Sovrapponi curva
normale
Sovrappone una curva normale sui dati dell'istogramma.
Notare che tutte le azioni selezionate vengono implementate quando si fa clic sul
pulsante Applica.
8.2.3 Comandi grafico Pareto
È possibile accedere al Grafico pareto dalla schermata Statistiche/Grafici SPC.
Scegliere ID dispositivo di controllo, Mandrino, Configurazione, Indicatore data-ora,
Tipo grafico (Pareto) e Variabile grafico.
Figura 73 – Controlli grafico Pareto
NOTA: l'Indicatore data-ora viene scelto soltanto nel modo Dati.
Sono disponibili due selezioni di Variabile grafico: Processo di serraggioeDiagnostica
sistema (errori relativi all'hardware).
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 109
Sezione 8 –Controllo qualità
In fondo alla schermata è presente una casella di scorrimento Errore categoria per le
Variabili grafico selezionate. Selezionare la casella di spuntaAttiva per le categorie da
visualizzare. Dopo la spunta, fare clic sul pulsante Applica per la visualizzazione.
In fondo alla schermata a sinistra è presente un'area Categoria grafico. Sono disponibili
due caselle di spunta: Limita categoria come numero eLimita categoria come
percentuale. Per la selezione Limita categoria come numero: se un numero viene
inserito nella casella di inserimento Limita valore e si fa clic sul pulsante Applica, il
display mostra soltanto il numero più alto (maggiori occorrenze) delle categorie
selezionate per la visualizzazione. Per la selezione Limita categoria come percentuale:
se un numero viene inserito nella casella di inserimento Limita valore e si fa clic sul
pulsante Applica, il display mostra soltanto la percentuale più alta (maggiori occorrenze)
delle categorie selezionate per la visualizzazione. Selezionando la casella di spunta
Curva % cumulativa , quindi facendo clic sul pulsante Applica viene tracciata una curva
sul display. Questa curva mostra l'incremento di percentuale cumulativa nelle occorrenze
di categoria per le categorie visualizzate.
8.3 Allarmi statistiche
Quindi facendo clic sull'icona "Campanello" (Allarmi statistiche) verrà visualizzata la
schermata 'Imposta allarmi statistiche".
La schermata Allarmi statistiche (Allarmi statistiche) avverte se si verifica uno stato di
allarme nel processo di Serraggio. I punti impostati degli allarmi possono essere
impostati per determinate statistiche Coppia e Angolo di serraggio. In caso di allarme, un
avvertimento compare nell'area della casella di messaggio nel display dell'IC1D. È
possibile anche inviare un messaggio e-mail (l'indirizzo è impostato nella schermata ICS/
Archiviazione e monitoraggio (vedere Sezione 6.1.2.2 Allarmi statistiche) per notificare
l'evento.
È possibile accedere alla schermata Imposta navigando fino alla schermata Statistiche/
Riepilogo e selezionando un Dispositivo di controllo (casella con menu a tendinaID
dispositivo di controllo), Mandrino(casella con menu a tendinaMandrino) e
Configurazione(casella con menu a tendina Configurazione). Quindi facendo clic
Pagina 110
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 8 –Controllo qualità
sull'icona Campanello (Allarmi statistiche) verrà visualizzata la schermata Imposta
allarmi statistiche.
Figura 74 – Imposta allarmi statistiche
È possibile digitare dei valori numerici per ciascuno stato di allarme in una casella di
inserimento. Selezionare la casella di spunta presente per attivare l'allarme. Invia
l'allarme al dispositivo di controllo per l'attivazione.
Di seguito vengono elencate le statistiche disponibili che possono essere abilitate per
determinare un Allarme statistiche e i loro limiti.
Capacità
Limite max.
Cp
Limite min.
Cpk
Limite min.
CAM
Limite min.
6 sigma
Limite max.
% OK
Limite min.
% rifiuto
Limite max.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 111
Sezione 8 –Controllo qualità
8.4 Statistiche gruppo mandrini
Navigando fino alla schermata Statistiche/Statistiche gruppo mandrini vengono
visualizzate tutte le statistiche gruppo mandrini per il gruppo mandrini selezionato.
Selezionare un gruppo mandrini nella casella con menu a tendina Gruppo mandrini,
quindi selezionare Mandrino 1 nella casella con menu a tendina Mandrino e la
configurazione che interessa nella casella con menu a tendina Configura. Verranno
visualizzate le statistiche per il gruppo mandrini selezionato (vedere Figura 75 –
Statistiche gruppo mandrini).
Spostando la barra di scorrimento verticale è possibile visualizzare le statistiche per ogni
mandrino nel gruppo mandrini. Fare clic sul pulsante Aggiornaper aggiornare il pulsante
Statistiche. Tutti i valori statistici vengono accumulati ad eccezione del valore Tempo. Il
valore Tempo rappresenta il Tempo ciclo per l'ultimo ciclo di serraggio.
Figura 75 – Statistiche gruppo mandrini
Pagina 112
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 9 – Diagnostica
9.1 Menu Diagnostica
Il menu Diagnostica permette di controllare l'integrità complessiva di sistema dei
dispositivi di controllo in rete. Questa funzionalità è di aiuto anche nella diagnostica dei
problemi del sistema.
Questa sezione illustra le cinque schermate del menu Diagnostica che includono:
• Visualizza/Imposta dati utensile;
•
Test sistema;
•
Visualizza input;
•
Imposta/Visualizza output;
•
Test utensile.
Test sistema, Visualizza input, Imposta/Visualizza output e Test utensile
contengono gli stessi dati di quelli presenti nei singoli dispositivi di controllo IC1D.
9.1.1 Visualizza/Imposta dati utensile
Questa schermata permette di visualizzare, impostare e salvare i dati dal chip di
memoria dell'utensile. Su richiesta, i dati della memoria dell'utensile provenienti dal
dispositivo di controllo selezionato vengono inviati al software ICS. È possibile anche
stampare un rapporto dati utensile su qualsiasi stampante collegata al PC oppure
esportare un rapporto in testo ASCII selezionando la relativa opzione dal menu File .
Questa schermata è composta da linguette separate chiamate Visualizza dati chip,
Allarmi PM e Autotaratura.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 113
Sezione 9 – Diagnostica
9.1.1.1 Visualizza dati chip
La linguetta Visualizza dati chip in questa schermata visualizza i dati contenuti nello
strumento selezionato. La maggior parte dei parametri mostrati visualizzano soltanto
campi e non sono modificabili. I due parametri che possono essere modificati sono TR
utente eASC utente. Il valore TR utente viene utilizzato per tarare la misurazione di
coppia dell'utensile. Il valore ASC utente viene utilizzato per tarare la misurazione di
angolo dell'utensile e non viene normalmente modificato. Per modificare uno dei due
valori, fare clic sull'elenco Dati chip, quindi inserire il nuovo valore nella casella di
inserimento Valore. È possibile ripristinare uno dei due valori (TR o ASC) riportandolo al
valore predefinito impostato in fabbrica facendo clic sul pulsante Ripristina. Notare che il
valore TR può anche essere calcolato e salvato utilizzando la funzione Autotaratura
descritta nella sezione che segue.
Figura 76 – Visualizza/Imposta dati utensile - Visualizza linguetta dati chip
Registrazione errori utensile
Se l'utensile incontra un errore o un problema, registrerà automaticamente questo evento
nel suo log errori. Il log errori viene visualizzato nella metà inferiore di questa schermata.
I dati sono di sola visualizzazione e non possono essere modificati o cambiati. Ogni
errore registrato viene indicato con data e ora in cui si è verificato l'errore per aiutare
nelle operazioni di diagnosi dei problemi.
Pagina 114
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 9 – Diagnostica
9.1.1.2 Allarmi PM
(soltanto Network, MultiSync ed Enterprise)
La schermata Allarmi manutenzione preventiva (PM) visualizza tutti gli allarmi PM
impostati nello strumento visualizzato e permette di modificare tali dati. Inoltre questa
schermata permette di ripristinare qualsiasi allarme PM.
Figura 77 – Visualizza/Imposta dati utensile - Allarmi PM
La schermata mostra l'Allarme, la Durata, la Data impostata e il Ciclo trascorso per
ciascun allarme. Utilizzare il pulsante Ripristina per eliminare qualsiasi allarme
visualizzato.
Il verificarsi di un allarme può come opzione produrre un messaggio e-mail.
L'impostazione di questa funzionalità è descritta nella Sezione 6.1.2.1 Allarmi
manutenzione preventiva.
9.1.1.3 Autotaratura
La linguetta Autotaratura della schermata Visualizza dati chip permette di eseguire
l'Autocal. o l'Autotaratura, che può tarare la Gamma trasduttore (TR) per qualsiasi
mandrino QE o QM utilizzando un Analizzatore di coppia della serie ETA5 di IngersollRand e un trasduttore di coppia esterno. È possibile impostare l'Autocal collegando il
proprio PC caricato con il software ICS al dispositivo di controllo attraverso una porta
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 115
Sezione 9 – Diagnostica
Ethernet e collegando l’ETA5 al PC attraverso la sua porta seriale. I dati ricevuti
dall’ETA5 durante una serie di cicli di serraggio aiutano a meglio definire il valore TR.
Prima di potere iniziare l'operazione di autotaratura, impostare innanzitutto le
impostazioni della porta seriale sul proprio PC in base a quelle impostate nell'ETA5.
Andare al menu Imposta e selezionare la schermata ETA per visualizzare le attuali
impostazioni della porta seriale.
Figura 78 – Imposta - ETA
Utilizzare le caselle con menu a tendina adiacenti ai seguenti parametri per impostare la
Porta seriale alla quale è collegato l'ETA.
Porta comune
Seleziona la porta seriale a cui sarà collegato l'ETA.
Velocità di
trasmissione
Seleziona la velocità delle comunicazioni della porta seriale. Selezionare
una Velocità di trasmissione dalla lista del menu a tendina nell’intervallo
tra 1.200 e 115.200.
Parità
Selezionare la Parità per il collegamento seriale su Nessuna, Dispari, o
Pari.
Bit/carattere
Imposta il parametro Bit per carattere su7 o 8.
Bit di arresto
Il numero di Bit di arresto per le comunicazioni della porta seriale è
impostato per indicare 1 o 2 bit di arresto.
Fare clic sul pulsante OK per salvare le impostazioni seriali.
NOTA: tutte le Impostazioni seriali devono corrispondere a quelle impostate
sull'ETA5.
Pagina 116
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 9 – Diagnostica
Una volta impostate le impostazioni della porta seriale, ritornare alla schermata
Diagnostica/Visualizza/Imposta dati utensile e selezionare la linguetta Autotaratura.
Figura 79 – Visualizza/Imposta dati utensile - Linguetta autotaratura
Questa schermata tara automaticamente il valore TR dell'utensile selezionato
confrontando i valori di coppia misurati dall'utensile con quelli ricevuti dall'Analizzatore di
coppia ETA5 mediante la porta seriale del PC. Fare clic sul pulsante Respingi letturaper
respingere qualsiasi esecuzione singola durante l'intera procedura di taratura. Al termine
della procedura di taratura vengono visualizzati i risultati. Fare clic su Invia per inviare il
nuovo valore TR al dispositivo di controllo.
Al ricevimento della registrazione dell'EOR dal dispositivo di controllo per ciascun ciclo di
serraggio, il valore di coppia viene visualizzato nella colonna della coppia del dispositivo
di controllo per il numero di ciclo attivo. Il software ICS legge quindi il valore di coppia
dell'ETA5 misurato per il numero di ciclo attivo e visualizza il valore ricevuto nella colonna
della coppia ETA5 in sola lettura.
I nuovi TR vengono calcolati dopo ogni serraggio. Se si respinge qualsiasi lettura il TR
risultante viene ricalcolato.
Fare clic sul pulsante Inviaper inviare questo valore al dispositivo di controllo come
nuovo valore raccomandato di TR.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 117
Sezione 9 – Diagnostica
Sono possibili le opzioni Stampa o Salva un rapporto di autotaratura mediante il menu
File.
9.1.2 Test sistema
È possibile utilizzare la schermata Diagnostica/Test sistema per visualizzare i risultati
del test diagnostico sul serraggio del mandrino e sull'elettronica del dispositivo di
controllo del motorino (Motor Controller Electronics, MCE).
Figura 80 – Test sistema
La schermataTest sistema permette di richiedere i dati del test diagnostico di sistema da
qualsiasi dispositivo di controllo in rete, salvarli su un'unità locale o caricare e
visualizzare un rapporto precedentemente salvato. La funzione Test sistema permette di
controllare l'integrità complessiva di sistema dei dispositivi di controllo. Questa funzione è
utile nella diagnostica e risoluzione dei problemi poiché fornisce informazioni di ausilio
sui potenziali problemi.
Per ciascun test vengono mostrati i valori misurati durante il test e i risultati complessivi.
È possibile salvare i risultati del test utilizzando l'opzione Salva nel menu File.
Pagina 118
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 9 – Diagnostica
Vengono visualizzati i seguenti dati sulla schermata Test sistema. Per ciascun elemento
dei dati la tabella mostra il valore misurato durante il test e indica se tale valore rientra nei
parametri ammissibili (RIUSCITO) o (FALLITO). Il valore Riuscito è rappresentato da
un'icona verde e il valore Fallito da un'icona rossa.
Elemento dati test
Spiegazione
Utensile
Temperatura motore
Controlla la temperatura del motore e indica RIUSCITO o FALLITO.
Offset amplificatore
Tensione offset dell'elettronica utensile (come % di tensione di
taratura di derivazione).
Taratura derivazione
Guadagno elettronica estremità anteriore (come % di tensione di
taratura di derivazione ideale).
Offset segnale seno
L'offset nei conteggi A/D del segnale di input analogico seno del
trasduttore di posizione angolare utilizzato per la misurazione
dell'angolo.
Offset segnale coseno
L'offset nei conteggi A/D del segnale di input analogico coseno del
trasduttore di posizione angolare utilizzato per la misurazione
dell'angolo.
Kt motore
La coppia di picco divisa per la corrente di picco nelle unità di Nm/
Amp.
Elettronica dispositivo di controllo motore
Temperatura MCE
Visualizza la temperatura interna MCE.
Per accedere e utilizzare i dati relativi alla funzione Test sistema nel modo Rete (dati
correnti), procedere come indicato di seguito.
1.
Nel Menu Diagnostica selezionare Test sistema.
2.
Scegliere l'ID dispositivo di controllo e il Mandrino.
3.
Fare clic sul pulsante Avvio test.
Per accedere a dati salvati relativi a Test sistema nel modo Database (offline),
procedere come indicato di seguito.
1.
Nel Menu Diagnostica selezionare Test sistema.
2.
Fare clic sul pulsante Modo Database nella barra strumenti principale.
3.
Scegliere ID dispositivo di controllo, Mandrino e Indicatore Ora/Data dagli
elenchi con menu a tendina disponibili sulla schermata.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 119
Sezione 9 – Diagnostica
9.1.3 Visualizza input
La schermata Diagnostica/Visualizza input visualizza lo stato dinamico di tutti gli input
per il dispositivo di controllo selezionato. Lo stato di ciascun input è indicato tramite un
LED virtuale. Una volta selezionato un dispositivo di controllo, esso invia dati
ogniqualvolta uno o più stati degli input cambiano. Inoltre la prima volta che viene
richiesta questa azione da un dispositivo di controllo, questo invia i comportamenti
assegnati a ciascun input. L'ICS utilizza quindi questi dati per collocare etichette di input
accanto a ciascun LED virtuale.
La sezione Input utensile di questa schermata visualizza lo stato dell'input sull'utensile.
Come con gli input del dispositivo di controllo, ciascuno stato degli input viene indicato
mediante un LED virtuale.
La casella con menu a tendina ID dispositivo di controllo permette di selezionare il
dispositivo di controllo in rete a cui si è collegati.
Figura 81 – Visualizza input
Questa schermata è utile per la risoluzione di un problema I/O. Ad esempio se il
dispositivo di controllo non stava eseguendo cicli avviati da un PLC, questa schermata
permetterebbe di determinare se l'input assegnato era programmato e funzionava in
modo appropriato.
NOTA: se si desidera modificare i comportamenti assegnati a ciascun input, è
possibile farlo soltanto mediante la linguetta Assegna input della schermata
Impostazione generale.
Pagina 120
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 9 – Diagnostica
9.1.4 Imposta/Visualizza output
La selezione Imposta/Visualizza output nel menu Diagnostica visualizza la schermata
Visualizza o imposta output. Questa schermata permette di attivare manualmente un
segnale di output o di visualizzare lo stato corrente degli output. Questa funzione è
utilizzata normalmente per la risoluzione dei problemi, ad esempio è possibile inviare un
segnale a un dispositivo esterno (quale un PLC) per verificare che il dispositivo stia
funzionando correttamente.
Figura 82 – Visualizza o imposta output
Utilizzare la casella con menu a tendina ID dispositivo di controllo in questa schermata
per selezionare un particolare dispositivo di controllo in rete, quindi selezionare il
corrispondente mandrino dalla casella con menu a tendina Mandrino.
Questa schermata funziona in due modi: abbiamo Visualizza oppure Imposta output. È
possibile visualizzare lo stato degli output del dispositivo di controllo
durante il modo Visualizza o impostarli manualmente nel modo Imposta. Si
passa da un modo all'altro facendo clic sul pulsante di attivazione/
disattivazione Visualizza/Imposta nella barra strumenti di Comunicazione.
È possibile accedere alla schermata Assegna output anche da questa
schermata facendo clic sul pulsante Impostazione generale nella barra
strumenti di Comunicazione.
Nel modo Visualizza output la schermata visualizza lo stato dinamico di tutti gli output per
il dispositivo di controllo selezionato. Lo stato di ciascun output è indicato utilizzando un
LED virtuale per ciascun output.
Nel modo Imposta output, la schermata visualizza lo stato dinamico di tutti gli output e
fornisce un mezzo per impostare manualmente lo stato degli output per il dispositivo di
controllo selezionato. Lo stato di ciascun output è indicato da LED virtuali.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 121
Sezione 9 – Diagnostica
ATTENZIONE: prima di attivare manualmente gli input adottare misure per
garantire la sicurezza dell'area di lavoro. Assicurarsi che i dispositivi collegati
agli output del dispositivo di controllo non creeranno uno stato di pericolo se gli
output vengono attivati manualmente. In caso di incertezza, scollegare tutti i
dispositivi prima di attivare manualmente qualsiasi output.
9.1.5 Test utensile
La schermata Diagnostica/Test utensile permette di far funzionare l'utensile ed
eseguire test su ogni dispositivo di controllo selezionato. Se vengono selezionati il
dispositivo di controllo e il mandrino, viene generato un messaggio che chiede “Questa
procedura porterà l'utensile in modo Diagnostica. Continuare?
(Sì/No)?" Se si seleziona “Sì”, l'utensile viene portato nel modo Diagnostica; se si
seleziona “No”, l'utensile rimane nel suo stato precedente.
NOTA: se l'utensile è nel modo Diagnostica, sospenderà le normali operazioni di
serraggio. Se si desidera ripristinare l'esecuzione delle normali configurazioni
programmate, chiudere innanzitutto la schermata Test utensile.
Figura 83 – Test utensile
Utilizzando un mandrino manuale, le misurazioni visualizzate per Corrente, Velocità,
Coppia e Angolo sono aggiornate di continuo tenendo premuta la farfalla. Per un
mandrino con apparecchiatura fissa, fare clic sul pulsante Avvio utensile e ottenere i
dati aggiornati sullo schermo. Fare clic nuovamente su questo pulsante per arrestare
l'utensile. La direzione di rotazione per un utensile con apparecchiatura fissa può essere
modificata selezionando CW (oraria) o CCW (antioraria). Questo test aiuta la diagnostica
permettendo di vedere se le letture per il mandrino rientrano negli intervalli normali.
La funzione Test spia passa attraverso Coppia max., Coppia min., Angolo max., Angolo
min. e Riuscito per alimentare gli output a un quadro spie e un utensile collegati.
Pagina 122
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 9 – Diagnostica
Per accedere e utilizzare ilTest utensile, procedere come indicato di seguito.
1.
Nel Menu Diagnostica fare clic su Test utensile.
2.
Un messaggio di scelta rapida avverte che l'esecuzione del test interrompe le
operazioni del mandrino. Scegliere Sì per continuare.
3.
Per un mandrino con apparecchiatura fissa, utilizzare i tasti freccia per il pulsante
Avvio utensile e premere Invio per far funzionare il mandrino. Premere di nuovo
Invio per arrestare il mandrino.
4.
Per modificare la direzione in CW o CCW, spostare il pulsante d'opzione per
ottenere la direzione desiderata.
5.
Se si sta eseguendo il test con un mandrino manuale, premere la farfalla quanto
basta per visualizzare i risultati di Velocità, Corrente, Coppia e Angolo.
6.
Per eseguire il Test spia, fare clic sul pulsante d'opzione adiacente all'icona ON
della spia.
7.
Per disattivare il Test spia, fare clic sul pulsante d'opzione adiacente alla spia OFF.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 123
Sezione 9 – Diagnostica
9.2 Log eventi ICS
La funzione ICS/Visualizza log eventi registra la data e l'ora in cui avvengono certi
eventi importanti relativi all'ICS. Gli eventi registrati includono errori di comunicazione e di
software e azioni significative dell'utente. Questa registrazione di eventi significativi può
aiutare nella risoluzione di problemi.
Figura 84 – Log eventi ICS
Il log è in grado di contenere 5000 inserimenti. È possibile stampare un Log eventi su
qualsiasi stampante collegata al PC oppure esportare un rapporto in testo ASCII
selezionando la relativa opzione dal menu File . Ciascun inserimento contiene le
seguenti informazioni.
•
Nome utente
•
Data
•
Ora
•
Nome dispositivo di controllo (se pertinente)
•
IP dispositivo di controllo (se pertinente)
•
Numero seriale utensile (se pertinente)
•
Numero modello utensile (se pertinente)
•
Descrizione evento
•
Indicazione sulla disponibilità di info di testo
Pagina 124
© Ingersoll Rand Company 2006
Sezione 9 – Diagnostica
Se l'inserimento è tale per cui è stata aggiunta una spiegazione in formato testo (ad es.
modifica di un parametro), compare un'icona blocco note accanto all'inserimento.
Facendo doppio clic su tale inserimento, una casella di testo fluttuante visualizza il testo
inserito. Gli eventi registrati comprendono quanto segue.
•
Configurazioni assegnate
•
Parametri generali assegnati
•
Inserimento password errata
•
Perdita di comunicazione con un dispositivo di controllo
•
Collegamento con un dispositivo di controllo
•
Allarme e-mail inviato (con indirizzo)
•
Qualsiasi errore riportato da un dispositivo di controllo
•
Scollegamento dalla rete
•
Arresto software
•
Software avviato
•
Quando i dati vengono archiviati
•
Quando i dati vengono salvati sui mezzi locali
•
Impossibilità di archiviare i dati
Per accedere alLog eventi ICS corrente, fare clic su Visualizza log eventi nel menu ICS
.
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 125
Sezione 9 – Diagnostica
9.3 Log eventi dispositivo di controllo
La funzione Esegui/Log eventi dispositivo di controllopermette di richiedere,
visualizzare e salvare il log eventi proveniente da un dispositivo di controllo selezionato.
È possibile anche stampare un Log eventi su qualsiasi stampante collegata al PC oppure
esportare un rapporto in testo ASCII selezionando la relativa opzione dal menu File .
Figura 85 – Log eventi dispositivo di controllo
Ciascun inserimento contiene le informazioni riportate di seguito.
Data-Ora
La data e l'ora in cui si è verificato l'evento.
Descrizione
Una descrizione dell'evento.
Livello di accesso
Il modo di accesso sul dispositivo di controllo al momento dell'evento.
Data
Dati associati all'evento (se pertinenti).
Codice pari
Il numero di codice pari assegnato all'evento.
Per accedere al log, scegliere il menu Esegui e fare clic sul Log eventi dispositivo di
controllo, quindi scegliere il dispositivo di controllo dalla casella con menu a tendina ID
dispositivo di controllo.
Pagina 126
© Ingersoll Rand Company 2006
Informazioni di contatto
Soluzioni di fissaggio
La giunzione dei componenti nell'attuale ambiente industriale va ben oltre la semplice
operazione di applicare una chiave a un bullone. Si tratta di trovare una soluzione che
colleghi l'operatore e il giunto e che fornisca una precisione e una ripetibilità senza
confronti. Ingersoll-Rand possiede conoscenze superiori sulla procedura di fissaggio di
elementi filettati, acquisita in anni di lavoro sulle applicazioni con i produttori leader a
livello mondiale dell'industria automobilistica, del settore aerospaziale, delle applicazioni
e dell'elettronica. Siamo consapevoli del rapporto esistente tra utensile e operatore e
sappiamo come ottimizzare le apparecchiature progettate in modo ergonomico per
portare la produttività ai massimi livelli.
Oltre al semplice prodotto, le ampie capacità di Ingersoll-Rand a livello di consultazione,
integrazione e servizio assistenza vi supportano prima, durante e dopo la configurazione
della vostra linea o area di lavoro. Contattate Ingersoll-Rand mediante il sito web, i
numeri di telefono o gli indirizzi sottoriportati per trovare una soluzione che soddisferà le
vostre esigenze e supererà le vostre aspettative.
Informazioni di contatto in tutto il mondo
Per tutto il mondo
www.irtools.com
America settentrionale
Ingersoll-Rand Company
North American Solutions Center
1872 Enterprise Drive
Rochester Hills, MI 48309
Tel.: 866-284-5509
© Ingersoll Rand Company 2006
Pagina 127
Informazioni di contatto
Europa
Ingersoll-Rand Company
Swan Lane, Hindley Green
Wigan WN2 4EZ
UK
Tel.: +44 (0)1942 25 7171
Ingersoll-Rand Company
Zone du Chene Sorcier
BP 62
78346 Les Clayes sous Bois Cedex
France
Tel.: +33 (0) 1 30 07 69 00
Cina
Ingersoll-Rand Company
11F Xu Huiyuan Building, 1089 Zhong Shan Nan Er Rd.
Shanghai 200030, PRC
Tel.: +86 (0)21-54529898
India
Ingersoll-Rand Wadco Tools, Ltd.
37A, Site 4
Sahibabad Industrial Area
Ghaziabad 201 010 (UP)
India
Tel.: +91 (0)120-2895116
Pagina 128
© Ingersoll Rand Company 2006
www.irtools.com
© 2006 Ingersoll-Rand Company

Documenti analoghi