Strategic choice Strategic Choice é un approccio innovativo alla

Transcript

Strategic choice Strategic Choice é un approccio innovativo alla
Oggetto:
Strategic choice
Strategic Choice é un approccio innovativo alla pianificazione che, superando i limiti intrinseci sia
dell’urbanistica quantitativa e regolamentativa sia dell’urbanistica per progetti, bene si adatta ai
complessi problemi della città e del territorio.
La tecnica fu messa a punto per la prima volta agli inizia degli anni ’60 da alcuni ricercatori
dell’Institute for Operational Research (IOR), fondato a Londra nel 1963. Il metodo è basato
sostanzialmente sul concetto di decisione, intesa come scelta fra alternative possibili, ed è pertanto
strutturato, rispetto ad altri metodi, in modo da rappresentare un valido ausilio alla decisione.
Le caratteristiche di questo paradigma possono così riassumersi:
(i) Il concetto di ottimizzazione è inutilizzabile. La ricerca di soluzioni alternative deve effettuarsi su
dimensioni separate, senza fare ricorso a trade-offs.
(ii) Le informazioni necessarie vanno ricercate attraverso una maggiore integrazione tra dati e
giudizi sociali. La domanda di informazione deve essere ridotta all’essenziale, per evitare problemi
di distorsione, di credibilità, di disponibilità dei dati.
(iii) I modelli e le tecniche devono essere caratterizzati da semplicità e trasparenza. Va evitata ogni
spoliticizzazione del processo. Il consenso deve essere considerato un obiettivo da perseguire nel
processo di piano, non una condizione da assumere a priori.
(iv) Gli attori del processo — singoli individui e organizzazioni — vanno considerati e
concettualizzati come soggetti attivi, non come oggetti passivi.
(v) Le incertezze e i conflitti sono elementi intrinseci del processo.
Obiettivi:
Consente di generare e di selezionare azioni di piano e progetti reciprocamente compatibili e
coerenti con gli obiettivi degli attori: può essere quindi utilizzato sia per migliorare l'
efficacia degli
interventi progettuali in contesti caratterizzati da complessità di situazioni fisiche e decisionali, che
per favorire lo sviluppo di nuove forme di pianificazione strategica interattiva “bottom-up”.
Modalità di applicazione:
Strategic Choice è un processo interattivo nel quale gli attori - tecnici e politici - partecipano a una
serie di sessioni di lavoro per decidere in condizioni di incertezza, di urgenza, di carenza di risorse e
di conflitti di interesse. Nell'
ambito di questo processo le azioni e i progetti vengono selezionati solo
dopo aver individuato e confrontato le alternative possibili, contemperando l'
esigenza di operare con
la necessaria urgenza con quella di garantire la massima flessibilità ed efficacia alle scelte immediate
e future. Strategic Choice non perviene alla redazione di un piano, inteso come rigido sistema di
prescrizioni, ma identifica i passi incrementali da attuare nell'
ambito di un processo continuo di
pianificazione.
I principi guida sui quali Strategic Choice si fonda sono i seguenti: tecnologia aperta, partecipazione
interattiva, processo di apprendimento e progresso incrementale.
Fasi di realizzazione:
Fasi:
1) Strutturare: organizzare il complesso dei problemi in aree di decisione o ambiti di scelta fra
ipotesi alternative;
2) Progettare: individuare le opzioni per ogni area di decisione e mettere insieme le opzioni fra
loro compatibili;
3) Confrontare: scegliere i criteri di valutazione fra opzioni diverse;
4) Scegliere: individuare le opzioni preferibili e costruire uno schema di azioni.
Soggetti coinvolti:
1) Utenti – attori
2) Tecnici – animatori
3) Gestori – amministratori
Tecniche specifiche/Materiali usati:
grafo e schema di decisione, punteggi
Fonti bibliografiche:
Fera, G. (2008), Comunità, urbanistica, partecipazione. Materiali per una pianificazione strategica
comunitaria, FrancoAngeli, Milano.
http://www.fondazionevenezia2000.org/Progetti-risorse-e-strategie-per.html
http://www.pism.uniroma3.it/metodologie60-80/

Documenti analoghi