Al Dott. Piero Marrazzo presidente della

Commenti

Transcript

Al Dott. Piero Marrazzo presidente della
Al Dott. Piero Marrazzo
presidente della Regione Lazio
Via Cristoforo Colombo, 212
00147 – ROMA
Per conoscenza:
Dott. Fabio Melilli
Presidente della Provincia di Rieti
via Salaria n. 3 - 02100 Rieti (RI)
Gentile Dott. Marrazzo,
sono responsabile del Comitato Spontaneo cittadino della Bassa Sabina, nato lo scorso anno per
protestare contro il pedaggio autostradale che da sempre viene attuato sulla autostrada A1, nel tratto
tra Ponzano Soratte e il casello di Fiano Romano. Questa tratta viene utilizzata principalmente da
chi deve recarsi a lavorare nelle zone industriali di Fiano, Capena eMonterotondo, partendo dai vari
comuni della Bassa Sabina (Ponzano Romano, Sant' Oreste, Stimigliano, Forano, Torri in Sabina,
Collevecchio, Poggio Mirteto, Tarano, Montebuono), e da chi vuole recarsi nell'unico centro
commerciale polivante della zona, ovvero quello di Fiano Romano, che serve anche un cinema.
Trovandosi l'uscita per Fiano Romano immediatamente dopo il casello di Roma Nord, all'utente
che impegna l'autostrada viene fatto pagare il pedaggio di € 2,10, pagando così come se si
fossero percorsi 38 km invece dei reali 19. Il risultato è che la tariffa ai residenti risulta
raddoppiata.
Abbiamo raccolto in soli 10 giorni, con l' aiuto dei commercianti della zona, più di 1000 firme, e le
abbiamo rigirate ai sindaci dei vari comuni della zona, nonché alla provincia di Rieti. La quale
provincia ha votato all'unanimità un ordine del giorno, in data 18 dicembre 2007 (prot. N° 4901),
nel quale si chiede alla Società Autostrade di voler ridurre il costo del pedaggio.
Ad un anno di distanza non si è saputo più nulla.
La Società autostrade ci ha risposto in data 11/3/2008 dichiarando (cito testualmente) che “l'assetto
viario e dinsediativo determinatosi a Fiano, nonché la configurazione attuale dell'area adiacente
allo svincolo di Fiano, che include l'omonima stazione, la barriera Roma nord, l'area di servizio
Feronia, la Direzione del V tronco ed il sito archeologico Lucus Feroniae, non consentono di
distinguere i flussi di traffico nel senso da Lei suggerito, senza effettuare interventi infrastrutturali
particolarmente onerosi”.
Gli “interventi strutturali” vennero applicati circa 8 anni fa quando si decise di rifare completamente
il casello di Fiano. Come mai non ci si pensò allora a questo problema? Va specificato inoltre
che il sito Lucus Feroniae si trova a circa 500 mt dal casello, e che quindi non c'entra nulla, a nostro
avviso, con questo discorso.
Abbiamo appreso in questi giorni dalla stampa che la Società Autostrade stanzierà 1,9 miliardi di
euro per migliorare la rete nel Lazio.
La richiesta dei cittadini della Bassa Sabina è stata, di fatto, ignorata. Tra l'altro, il cinema di fiano
sta conoscendo uan profonda crisi, come dimostrano le agitazioni che si sono avute ultimamente da
parte dei lavoratori del Cineplex. Questo perché di fatto chi vuole recarsi al cinema deve pagare
circa due euro in più che percorrendo qualunque altra tratta autostradale.
Abbiamo anche mandato la documentazione al consigliere Mario Perilli, ma non abbiamo saputo
più nulla.
Tramite il consigliere provinciale di Rieti, Vincenzo Lodovisi, abbiamo appreso che già anni fa fu
fatta una raccolta di firme, e che all'epoca il consigliere regionale Ferroni riuscì a strappare alla
vecchia giunta Badaloni la promessa di intervenire finanziariamente per sostenere la Società
Autostrade nelle eventuali eprdite che essa sarebbe stata costretta a sostenere. Anche questa
promessa è caduta nel dimenticatoio.
Gradiremmo sapere se la Regione Lazio e la Vostra giunta si attiveranno finalmente per
risolvere questa annosa questione che grava sui bilanci familiari soprasttutto in questo
periodo di crisi.
In attesa di Vostra gradita risposta, e nel ricordarVi che gireremo la presente lettera alla stampa
locale, vogliate accettare i nostri più cordiali saluti.
Davide Cutugno
Comitato Spontaneo Cittadino della Bassa Sabina
Piazza Leone Orsini, 2
02048 – Stimigliano (RI)