Clicca qui per scaricare la legenda.

Commenti

Transcript

Clicca qui per scaricare la legenda.
Legenda Schede Grano Tenero
Le prove di confronto varietale
In ogni scheda è riportato l’anno d’inserimento della cultivar nella rete regionale. In particolare:
In osservazione dal – indica l’anno del primo raccolto.
Prove n. indica invece, il numero dei campi sperimentali considerati per la redazione di queste schede. Anche per
questa specie si sono considerate solo le prove a partire dal raccolto del 1995.
Ritmo di sviluppo
Alternatività - è determinata sulla base del comportamento osservato in prove specifiche con semine al termine della
stagione invernale. Le informazioni sono valide per la sola regione Emilia-Romagna. Per questa classificazione delle
varietà si adotta la seguente scala:
• Non alternativa (si consiglia di eseguire la semina entro dicembre).
• Non-alternativa PSR (Possibile la Semina Ritardata). Queste varietà, non alternative, hanno dimostrato di poter
essere seminate con successo anche in semine entro il mese di gennaio.
• Alternativa (la semina può essere effettuata anche entro i primi giorni di marzo).
Portamento - è valutato durante il periodo invernale. Per la sua classificazione si adotta la seguente scala :
• Prostrato
• Semi -prostrato
• Semi -eretto
• Eretto
Altezza – l’altezza della pianta, in centimetri, è calcolata sulla base delle differenze delle cultivar nelle singole prove
rispetto al valore della media di campo. Oltre al valore così ottenuto si riporta anche l’errore standard calcolato su
queste differenze.
Spigatura – la data di spigatura è espressa in giorni a partire dal 1° aprile. Di questo carattere, in un grafico più oltre,
viene riporato il fenogramma di tutte le varietà. La data di spigatura è stata calcolata a partire dalle differenze rispetto
alla media di campo; di questo carattere viene riportato anche l’errore standard di tali differenze.
Avversità colturali e climatiche
Allettamento e Freddo - La sensibilità all’allettamento e al freddo, valutata con un punteggio da 0 a 9, è giudicata sulla
base della differenza di comportamento della varietà rispetto alla media del campo ove si sono osservati questi eventi.
Alle cinque classi considerate corrispondono le differenze medie, dalla media, sotto indicate.
• resistente
= < -1.8
• moderatamente resistente
= -1.79 -0.6
• poco suscettibile
= -0.59 +0.59
• moderatamente suscettibile = +0.6 +1.79
• suscettibile
= > +1.8
Patogeni
Oidio, Ruggine Bruna e Gialla, Septoria - I giudizi sul comportamento delle varietà rispetto alle crittogame sono
formulati sulla base delle sole osservazioni condotte nei campi di confronto varietale. La sensibilità alle crittogame,
valutata con un punteggio da 0 a 9, è giudicata sulla base della differenza di comportamento della varietà rispetto alla
media del campo ove si osserva l’evento. Alle cinque classi considerate corrispondono le differenze medie, dalla media,
sotto indicate.
• resistente
= < -1.8
• moderatamente resistente
= -1.79 -0.6
• poco suscettibile
= -0.59 +0.59
• moderatamente suscettibile = +0.6 +1.79
• suscettibile
= > +1.8
Virus del mosaico comune (SBWMV) - I giudizi sul comportamento delle varietà rispetto al SBWMV sono formulati
tenedo conto dei valori rilevati al test Elisa, condotto su piante allevate in un campo naturalmente infetto. La sensibilità
al virus è giudicata sulla base della differenza di comportamento della varietà rispetto alla media del campo. Le tre
classi considerate sono:
• resistente
= < -0,49
• poco suscettibile
= -0.50 +0.49
• suscettibile
= > +0,50
Caratteristiche qualitative e produttive
Hardness – le cariossidi delle varie cultivar sono classificate sulla base della loro durezza determinata con uno
strumento NIR (Instalab 600) secondo le seguenti classi :
• Soft
= < 44
• Medium = 45 – 69
• Hard
= > 70
Indice Sintetico di Qualità (ISQ) – la classificazione qualitativa delle cariossidi in funzione della loro destinazione
industriale è realizzata adottando il criterio ISQ proposto da ASSINCER (1997), su campioni rappresentativi della
varietà. Le classi qualitative che su questa base si realizzano sono :
• B
= Frumento per Biscotti
• P
= Frumento Panificabile
Produzione Granella (t/ha).
• PS = Frumento Panificabile Superiore
Valore annuo delle medie di campo.
• F
= Frumento di Forza
• AU = Frumento per Altri Usi
Da sottolineare che condizioni ambientali o
colturali sfavorevoli non sempre consentono alle
7
cultivar di esprimere pienamente le proprie
6,14
caratteristiche qualitative.
6
Produzione - è espressa come media della
differenza (%) del dato produttivo della varietà,
5
dalla media di campo nelle singole prove. Per
'95
'96
'97
'98
'99
'00
questo calcolo si considerano solo le esperienze che
presentano un coefficiente di variazione inferiore al
10%. Nel grafico qui riportato, sono indicate le medie delle prove osservate nelle singole annate.
Peso Specifico Apparente (kg/hL)
Valore annuo delle medie di campo.
81
79
77,4
'01
'02
Media
Peso specifico apparente - Il peso specifico
apparente (kg/hL) di ogni varietà è espresso come
differenza in valore assoluto fra il risultato fornito
dalle singole cultivar e il peso specifico medio
dell’annata delle singole prove. Si riporta anche il
relativo errore standard. Anche per questo carattere,
nel grafico qui riportato, sono indicate i valori medi
delle prove registrati nelle singole annate.
Parametri qualitativi – anche per caratteri quali il
peso medio delle cariossidi ed alcuni parametri
75
tecnologici (alveogramma di Chopin: W e P/L) il
73
valore delle singole varietà è stato calcolato
partendo dalla differenza, in valore assoluto, fra il
risultato fornito dalle singole cultivar e il valore
medio registrato nelle prove corrispondenti.
Proteine – il contenuto proteico delle cariossidi (NIR) e la produzione di proteine per ettaro (quest’ultima calcolata
sulla base della produzione di granella e dal contenuto proteico delle cariossidi) riportate nelle schede, sono state
anch’esse ottenute partendo dalla differenza, in valore assoluto, fra il risultato fornito dalle singole cultivar nelle varie
prove ed il valore medio registrato nelle prove corrispondenti. Del contenuto proteico delle cariossidi (%), in un grafico
più oltre, viene riporato il comportamento di tutte le varietà.
M
ed
ia
'02
'01
'00
'99
'98
'97
'96
'95
77
Caratteri morfologici
Colore delle cariossidi – la scala cromatica che si è adottata deriva dalla lettura con colorimetro Minolta CR 300, che
opera sullo spazio colore CIE 1976 (L*,a*,b*) delle cariossidi intere. In particolare si è considerato l’angolo della tinta
(h°) calcolato come arcotangente di b*/a*. Sulla base di questo valore, sono state definite le classi di colore delle
cariossidi nelle singole varietà secondo la scala sotto riportata.
• Ambrato chiaro
•
•
•
•
Ambrato
Ambrato scuro
Bruno
Bruno scuro
Altre caratteristiche
Azoto asportato dalle cariossidi. È stato calcolato partendo dalla produzione di granella, tenuto conto del
contenuto proteico delle cariossidi riscontrato nelle singole prove.
Azoto asportato dalla paglia. È stato calcolato sulla base dei parametri utilizzati nel calcolo dei DPI della
Regione Emilia -Romagna. Nello specifico la produzione di paglia viene considerata pari all’80% della
produzione di granella, con un contenuto di azoto dell’0,8%
Per ambedue questi parametri, i valori riportati nella scheda varietale derivano dalle differenze delle cultivar
nelle singole prove rispetto al valore della media dei singoli campi. Oltre al valore così ottenuto, si riporta anche l’errore
standard calcolato su queste differenze.
N.B. L’asterisco (*) al fianco del singolo giudizio o del dato presente nella scheda descrittiva varietale, sta
ad indicare che lo stesso non è suffragato da un numero di osservazioni sufficientemente elevato
(numero osservazioni < 5).
Se invece esiste una sola osservazione questa non viene riportata (-)
Località dell’Emilia-Romagna che hanno ospitato le prove di
confronto varietale di grano tenero.
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Altedo (BO) – Società Italiana Sementi
Borgo Tossignano (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Budrio (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Castelfranco E. (MO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Castel S.Pietro T. (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Cesena (FC) – Azienda Agraria Sperimentale “Martorano 5°”
Conselice (RA) – Consorzio Nazionale Sementi
Gariga di Podenzano (PC) – Azienda Agraria Sperimentale “V.Tadini”
Imola (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Medesano (PR) – Azienda Agraria Sperimentale “Stuard”
Minerbio (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Montecatone (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Ostellato (FE) – Azienda Agraria Sperimentale “M.Marani”
Ozzano Emilia (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Paganine (MO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Panocchia (PR) – Azienda Agraria Sperimentale “Stuard”
Ravenna (RA) – Azienda Agraria Sperimentale “M.Marani”
S.Pancrazio (PR) – Azienda Agraria Sperimentale “Stuard”
S.Stefano (RA) – Azienda Agraria Sperimentale “M.Marani”
Sassoleone (BO) – Centro Interprovinciale Sperimentazione Agroambientale “M.Neri”
Torrile (PR) – Azienda Agraria Sperimentale “Stuard”
Grano Tenero : fenogrammi di spigatura (1= 1 aprile).
LEVIS
COLLEROSSO
VERONESE
TREMIE
CRAKLIN
CEZANNE
BRASILIA
SOISSONS
VICTO
NOCE
VALORIS
POSITANO
ISENGRAIN
PADUS
MOL
BOLERO
CHIARANO
GIAVA
RIO
CENTRO
EUREKA
ALCIONE
FRECCIA
ARNEL
ETECHO
SALGEMMA
PROVINCIALE
BELFIORE
PASCAL
TIBET
SERIO
POMPEI
BARRA
MEC
ORSO
VAIOLET
ENESCO
SANGIACOMO
NOBEL
RAVENNA
TAYLOR
FRANCIA
CENTAURO
SAGITTARIO
MIETI
LAMPO
ARTICO
GUADALUPE
STROIKA
LAMPONE
PRIMOASI
ODERZO
PADERNO
MANITAL
ERIDANO
MARVAO
BILANCIA
GOLIA
SALVIA
SIBILLA
ZENA
SPADA
PANDAS
COLFIORITO
GENIO
DELFINO
FARO
SIRMIONE
25
27
29
31
33
35
37
39
41
43
45
Schede Varietali CAV - 2002
Grano Tenero : Proteina delle cariossidi (% ss).
TAYLOR
ZENA
NOBEL
MOL
SALGEMMA
VAIOLET
GOLIA
BOLERO
COLLEROSSO
RIO
MIETI
MEC
MANITAL
PADERNO
LEVIS
SAGITTARIO
SIBILLA
RAVENNA
PANDAS
SIRMIONE
BELFIORE
GENIO
LAMPO
SANGIACOMO
COLFIORITO
ENESCO
STROIKA
FARO
LAMPONE
BARRA
FRANCIA
PASCAL
PADUS
BILANCIA
MARVAO
GIAVA
BRASILIA
CENTAURO
FRECCIA
DELFINO
SALVIA
SERIO
ARTICO
ALCIONE
CEZANNE
SPADA
ARNEL
EUREKA
PROVINCIALE
GUADALUPE
PRIMOASI
NOCE
ETECHO
POSITANO
SOISSONS
VERONESE
CENTRO
VICTO
POMPEI
ISENGRAIN
TREMIE
CRAKLIN
VALORIS
ERIDANO
TIBET
11
12
13
14
15
16