QUARTO OGGIARO - Archivio della Generatività

Commenti

Transcript

QUARTO OGGIARO - Archivio della Generatività
QUARTO OGGIARO
TRA COESIONE SOCIALE E CRESCITA ECONOMICA
UNA
RICERCA NELL’AMBITO DEL PROGETTO
FINANZIATO DALLA
“SPAZI
REGIONE LOMBARDIA, “BANDO
DI RELAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE”
PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI FINALIZZATI
ALLA PROMOZIONE DI COESIONE SOCIALE IN QUARTIERI PERIFERICI DISAGIATI DEL COMUNE DI
MILANO
E DELL’AREA METROPOLITANA MILANESI”
STUDIO DI FATTIBILITÀ
DOCUMENTO CONFIDENZIALE
A CURA DI
COSTANZO RANCI E ROSSANA TORRI, CON LA COLLABORAZIONE DI MARINA COMO, GIULIA CORDELLA, DANIELE PENNATI, SAMANTHA BELOTTI
(DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA E PIANIFICAZIONE, POLITECNICO DI MILANO )
TOMMASO VITALE
(DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA)
Indice
1.
L’oggetto della ricerca
1.1
2.
2
Introduzione: perché una ricerca sul rapporto tra coesione sociale e crescita
economica a Quarto Oggiaro
3
1.2
I presupposti e gli obiettivi della ricerca
4
1.3
I nessi possibili tra coesione sociale e crescita economica
5
2ELHWWLYLVSHFL¿FLGHOORVWXGLRGLIDWWLELOLWj
7
I temi, gli interrogativi e le operazioni di ricerca - con una rassegna analitica delle
IRQWL
8
,GHQWLWj
10
0RELOLWjXUEDQDHVHJUHJD]LRQHVFRODVWLFD
13
0RELOLWjXUEDQD
13
Segregazione scolastica
16
1
7UDVIRUPD]LRQL XUEDQH H LQYHVWLPHQWL HFRQRPLFL SRVVLELOL LPSDWWL VXOOD
crescita e sulla coesione del quartiere
19
%LVRJQLHFXUDHFRQRPLDVRFLDOHHRFFXSD]LRQHIHPPLQLOH
23
Economia sociale
23
2FFXSD]LRQHIHPPLQLOH
26
$QDOLVLGHOOHIRQWLHGHOOHD]LRQL
29
4.
Linea temporale
33
CAPITOLO 1
L’oggetto della ricerca
1.1 Introduzione: perché una ricerca sul rapporto
tra coesione sociale e crescita economica a Quarto
Oggiaro
/DQRVWUDULÀHVVLRQHDVVXPHFKHODFRHVLRQHVRFLDOHVLDXQRGHLIDWWRULGHOSUREOHPDSLJHQHUDOH
della crescita, e non solo il terreno su cui si ripercuotono o vengono assorbiti gli urti delle dinamiche
di progresso o di declino economico-produttivo di uno stato, di una regione o di un sistema locale.
Tuttavia, la coesione sociale come punto di equilibrio tra crescita economica e livelli di integrazione
VRFLDOHQRQqIDFLOPHQWHGH¿QLELOHOOZHOIDUHVWDWHHOHSROLWLFKHGLUHJROD]LRQHSXEEOLFDGHOPHUFDWR
VRQR VHPSUH SL SHUFHSLWH FRPH XQ FRVWR H QRQ FRPH XQ LQYHVWLPHQWR SHU OR VYLOXSSR H FRPH
conseguenza, si assiste ad una progressiva marginalizzazione delle tematiche sociali rispetto agli
RELHWWLYLGLFUHVFLWDHFRQRPLFDHGLFRPSHWLWLYLWjGHOWHUULWRULR
,O³%DQGRSHUODUHDOL]]D]LRQHGLSURJHWWL¿QDOL]]DWLDOODSURPR]LRQHGLFRHVLRQHVRFLDOHLQTXDUWLHUL
SHULIHULFLGLVDJLDWLGHOFRPXQHGL0LODQRHGHOO¶DUHDPHWURSROLWDQDPLODQHVH´SURPRVVRGDOOD5HJLRQH
/RPEDUGLD FRVWLWXLVFH XQ¶RSSRUWXQLWj SHU SRWHU VYLOXSSDUH XQD ULÀHVVLRQH VXL QHVVL IUD FRHVLRQH
VRFLDOHHFUHVFLWDHFRQRPLFDDSDUWLUHGDXQFRQWHVWRVSHFL¿FRHWHUULWRULDOPHQWHFLUFRVFULWWR/¶XQLWj
VRFLRVSD]LDOHGHOTXDUWLHUHLQIDWWLRIIUHVHQ]¶DOWURXQSXQWRGLRVVHUYD]LRQHIHUWLOHVXOOHGLQDPLFKH
e sugli intrecci tra la coesione sociale e la crescita economica ponendo l’accento sui dilemmi, sui
corto-circuiti o sui circoli viziosi che questi processi sollevano.
Il problema, oggi, si potrebbe porre in questi termini: è pensabile un modello di sviluppo che implichi
FUHVFLWD HFRQRPLFD VHQ]D FRHVLRQH VRFLDOH" 4XHVWR WLSR GL WUDGHRII VL ULÀHWWH LQ SDUWH DQFKH
QHOOH ULÀHVVLRQL H QHJOL VWXGL FKH KDQQR PHVVR DO FHQWUR 0LODQR H OH VXH WUDVIRUPD]LRQL UHFHQWL
,QQDQ]LWXWWRQRQqVHPSOLFHWURYDUHVWXGLFKHWHPDWL]]DQRODUHOD]LRQHWUDTXHVWHGXHSRODULWj/H
UDSSUHVHQWD]LRQLGL0LODQRFKHSLHQIDWL]]DQRJOLDVSHWWLOHJDWLDOODVXDLGHQWLWjGL³QRGR´GLXQDUHWH
economica ormai articolata su scala globale, spesso trascurano i legami che questa dimensione
intrattiene con un livello di relazioni economiche, sociali, culturali che continuano ad avere una
IRUWHEDVHORFDOHXQIRUWHUDGLFDPHQWRWHUULWRULDOH4XHVWHLQWHUSUHWD]LRQLWHQGRQRDSRUUHDOFHQWUR
dell’attenzione la questione della crescita economica e a leggere la dimensione della coesione sociale
FRPHHVLWRTXDVLDXWRPDWLFRGLGLQDPLFKHIDYRUHYROLGLFUHVFLWDHVYLOXSSR'¶DOWUDSDUWHOHDQDOLVL
FKHSULYLOHJLDQRXQDOHWWXUDGHOOHSUREOHPDWLFKHGLWLSRVRFLDOHROHULFDGXWHFKHOHWUDVIRUPD]LRQL
VX VFDOD SL DPSLD KDQQR VXO WHVVXWR VRFLDOH GHOOH FLWWj ULVFKLDQR GL SURSRUUH XQD UDVVHJQD GHL
SUREOHPLVHQ]DFKHTXHVWLWURYLQRDJJDQFLRFRQXQDULÀHVVLRQHSLDPSLDFDSDFHGLWHQHUHFRQWR
delle dinamiche economiche. Il problema della coesione sociale è in questo caso trattato come
variabile indipendente, espungendo dal ragionamento i possibili nessi che questo intrattiene con i
IDWWRULHFRQOHGLQDPLFKHGHOODFUHVFLWDHFRQRPLFD
Gli approcci che ne derivano in termini di indicazioni di politica pubblica, rischiano in questo modo di
QRQLQFLGHUHSLGLWDQWRVXOOHORJLFKHDVVLVWHQ]LDOLRULSDUDWLYHFKHSHUPROWRWHPSRKDQQRFRQQRWDWR
OHSROLWLFKHVRFLDOL$OWHPSRVWHVVRQRQIDYRULVFRQRXQDULÀHVVLRQHSLSURIRQGDVXOOHUHOD]LRQLH
sulle interazioni tra ambiti di politiche e di intervento diversi, in un’ottica maggiormente integrata
e orientata allo sviluppo (economico e sociale) e a partire da problemi concreti osservabili entro
VSHFL¿FLFRQWHVWL
3
1.2 Presupposti e obiettivi della ricerca
L’indagine parte dal presupposto che gli indicatori di crescita economica, da un lato, e quelli di
FRHVLRQHVRFLDOHGDOO¶DOWURVWLDQRWUDORURLQXQDUHOD]LRQHGLWLSRFLUFRODUHHGLIRUWHLQWHUGLSHQGHQ]D
eQRWRLQIDWWLFRPHGLQDPLFKHGLFUHVFLWDHGLDXPHQWRGLFRPSHWLWLYLWjHFRQRPLFDGLXQWHUULWRULR
SRVVDQR SURGXUUH EHQHVVHUH H LQFOXVLRQH GD XQ ODWR PD DQFKH QXRYH IRUPH GL GLVXJXDJOLDQ]D
H GL SRODUL]]D]LRQH VRFLDOH GDOO¶DOWUR 8JXDOPHQWH XQD FHUWD TXDOLWj GHOOD FRHVLRQH VRFLDOH LQ
OHWWHUDWXUD q FRQVLGHUDWD XQ IDWWRUH LPSRUWDQWH GL DWWUD]LRQH GL DWWLYLWj HFRQRPLFKH PD DO WHPSR
VWHVVRDOFXQHIRUPHSHUYHUVHGLFRHVLRQHVRFLDOHSRVVRSRUWDUHDHIIHWWLGLLQWUDSSRODPHQWRORFNLQ
HDXWRVHJUHJD]LRQHFKHVRWWUDJJRQRXQWHUULWRULRGDOÀXVVRGHJOLVFDPELHFRQRPLFL
Obiettivo generale della ricerca, perciò, è quello di capire se, e come, le variabili riconducibili alla
coesione siano legate (o, al contrario, separate) alle variabili riconducibili alla crescita. La letteratura
VFLHQWL¿FDLQPDWHULDLQVLVWHPROWRVXTXHVWRQHVVRPDUDUDPHQWHYHUL¿FDHPSLULFDPHQWHTXDOLVLDQR
le connessioni reali, cosa le sostenga e cosa le ostacoli. Si ritiene importante, perciò, sviluppare
XQD ULÀHVVLRQH GL FDUDWWHUH LQIHUHQ]LDOH VXOOD FRUUHOD]LRQH IUD GHWHUPLQDQWL VRFLDOL H GHWHUPLQDQWL
economiche dello sviluppo compresenti a scala locale, per procedere poi ad un’analisi dettagliata
dei nessi di carattere empirico che sono in questo senso osservabili. Considerare le co-variazioni
di queste due dimensioni (coesione e crescita) è un modo per leggere le traiettorie di sviluppo che
KDQQRVHJQDWRLOTXDUWLHUHLQSDVVDWRHFKHFLVLSXzDWWHQGHUHSHULOIXWXURDSDUWLUHGDOOHTXHVWLRQL
SLVLJQL¿FDWLYHFKHVLSRQJRQRRJJLD4XDUWR2JJLDUR/¶DQDOLVL¿QHGHLPHFFDQLVPLFKHIDYRULVFRQR
RDOFRQWUDULRLPSHGLVFRQROHVLQHUJLHIUDFRHVLRQHHFUHVFLWDSHUPHWWHUjGLVSLHJDUHODWUDLHWWRULDGL
VYLOXSSRGHOO¶LQWHURTXDUWLHUHHGLRIIULUHDOFXQHQXRYHFKLDYLLQWHUSUHWDWLYHDVRVWHJQRGHOODIXWXUD
SURJHWWD]LRQHHGHOOHD]LRQLFRQFUHWHFKHVDUjSRVVLELOHLQWUDSUHQGHUHLQVHJXLWR
4
1.3 I nessi possibili tra coesione sociale e crescita
economica
,OUDSSRUWRIUDFRHVLRQHVRFLDOHHFUHVFLWDHFRQRPLFDQRQqXQUDSSRUWREDQDOHOLQHDUHHDVHQVRXQLFR
'DOSXQWRGLYLVWDWHRULFRSRVVLDPRLPPDJLQDUHWUHFRQ¿JXUD]LRQLSRVVLELOLGLTXHVWRUDSSRUWR
,Q SULPR OXRJR SRVVLDPR FRQVLGHUDUH VLWXD]LRQL LQ FXL LO UDSSRUWR IUD FRHVLRQH VRFLDOH H FUHVFLWD
economica emerga in termini di sinergia6RQROHVLWXD]LRQLLQFXLXQDFHUWDTXDOLWjGHOODFRHVLRQH
sociale alimenta processi virtuosi di crescita e moltiplicazione degli scambi economici, attraendo
PDJJLRULRSHUDWRULIDYRUHQGRLOUDGLFDPHQWRHLOWUDVIHULPHQWRGHOOHFRPSHWHQ]HFUHDQGRHOHPHQWLGL
IDFLOLWD]LRQHSHUO¶D]LRQHFRRUGLQDWDHODFRRSHUD]LRQHIUDJOLDWWRULGHOODSURGX]LRQH$OWHPSRVWHVVR
sono le situazioni in cui la crescita economica permette lo sviluppo, in altri termini ha delle ricadute
YLUWXRVH VXOOD FRHVLRQH GL XQ WHUULWRULR IDYRUHQGR O¶RFFXSD]LRQH OD TXDOL¿FD]LRQH H O¶LQFOXVLRQH
GHOOH IDVFH GHEROH GHOOD SRSROD]LRQH FUHDQGR ULVRUVH FKH DOPHQR LQ SDUWH YHQJRQR UHGLVWULEXLWH
sul territorio, garantendo delle ragioni economiche di medio e lungo periodo per la riproduzione
GHLEHQLSXEEOLFLHFRPXQLGLXQWHUULWRULR,QDOWULWHUPLQLVRQRVLWXD]LRQLLQFXLVLGDQQRVLQHUJLHIUD
FRHVLRQHHFUHVFLWDFRQ¿JXUD]LRQLYLUWXRVHFKHSHUPHWWRQRORVYLOXSSRFRQJLXQWRHFLUFRODUHGHOOH
due dimensioni.
,QVHFRQGROXRJRSRVVLDPRFRQVLGHUDUHVLWXD]LRQLLQFXLLOUDSSRUWRIUDFRHVLRQHVRFLDOHHFUHVFLWD
QRQVLGjqinterrotto. Sono situazioni in cui i processi di crescita e accumulazione di capitale non
VL WUDGXFRQR LQ WHUPLQL GL FRHVLRQH GL XQ WHUULWRULR LQ FXL FLz FKH YLHQH SURGRWWR YD D EHQH¿FLR GL
altri, lontani e sradicati rispetto al territorio di produzione. Ma sono anche le situazioni in cui una
FHUWDTXDOLWjGHOODFRHVLRQHVRFLDOHFRQQRWDWDIRUWHPHQWHLQWHUPLQLGLFKLXVXUDQRQVLWUDGXFHLQ
XQDSURSHQVLRQHDOO¶DWWLYLWjHFRQRPLFDULPDQHSDVVLYDHGLSHQGHQWHGDULVRUVHHVWHUQH,QTXHVWR
FDVRODFRHVLRQHSXUHVVHQGRFRPXQTXHIDWWRUHGLVROLGDULHWjHSURPR]LRQHIUDOHSHUVRQHVXELVFH
PHFFDQLVPL GL ORFNLQ H QRQ VHPEUD DYHUH DOFXQ LPSDWWR VXOOD FUHVFLWD &UHVFLWD H FRHVLRQH QRQ
trovano punti di incontro e non si alimentano a vicenda.
In terzo luogo, possiamo considerare situazioni in cui coesione sociale e crescita economica sono
O¶XQD LQ FRQWUDGGL]LRQH FRQ O¶DOWUD (¶ OD VLWXD]LRQH LQ FXL XQD FHUWD TXDOLWj GHOOD FRHVLRQH VRFLDOH
HVWUHPL]]DJOLHIIHWWLGLFKLXVXUDULSURGXFHDELWLFXOWXUDOLWLSLFLGLXQDFXOWXUDGHOODVXVVLVWHQ]DRGHOOD
GLSHQGHQ]DDVVLVWLWDHVLRSSRQHDGXQDFUHVFLWDDXWRVRVWHQXWD0DqDQFKHODVLWXD]LRQHEHQSL
GLIIXVDLQFXLXQDIRUWHFUHVFLWDHFRQRPLFDVFDULFDVXOWHUULWRULRIRUWLHVWHUQDOLWjQRQVRORDPELHQWDOL
ma anche sociali, come quando il lavoro salariato e autonomo non è protetto, né è ben tutelato
legalmente, o come quando la crescita economica avviene in maniera aggressiva contro le istituzioni
ORFDOL L GLVSRVLWLYL UHJRODWLYL OH IRUPH GL DXWRULWj H SL LQ JHQHUDOH L EHQL SXEEOLFL H FRPXQL 6RQR
casi ben illustrati non solo dalla letteratura socio-economica sui paesi poveri del Sud del Mondo,
PD DQFKH VX PROWL FRQWHVWL DG DOWD LQWHQVLWj GL HFRQRPLD LOOHJDOH DOO¶LQWHUQR GHL SDHVL GHOO¶8QLRQH
(XURSHD,QDOWULWHUPLQLVRQRVLWXD]LRQLLQFXLFUHVFLWDHFRQRPLFDHFRHVLRQHVRFLDOHVWDQQRIUDORUR
rispettivamente in un rapporto di trade-off.
6RQR SRVVLELOL RYYLDPHQWH PROWH ¿JXUH LEULGH ULVSHWWR DOOH WUH FRQ¿JXUD]LRQL SXUH FKH DEELDPR
GH¿QLWRDGHVHPSLRVLWXD]LRQLLQFXLLQXQVHWWRUHODFRHVLRQHKDXQHIIHWWRVXOODFUHVFLWDHFRQRPLFD
PHQWUHODFUHVFLWDHFRQRPLFDSURGXFHGHOOHHVWHUQDOLWjQHJDWLYHVXOODFRHVLRQHPDDOFRQWHPSRLQ
XQVHWWRUHOLPLWURIRVLGDQQRUDSSRUWLGLWLSRVLQHUJLFRHFLUFRODUH
/D ULFHUFD SHU FXL TXL VL SURSRQH XQR VWXGLR GL IDWWLELOLWj YXROH SHUFLz FRPSUHQGHUH TXDOH VLD OD
IRUPD GHO UDSSRUWR IUD FRHVLRQH VRFLDOH H FUHVFLWD HFRQRPLFD D 4XDUWR 2JJLDUR ,Q DOWUL WHUPLQL
5
FRPHVLFRQ¿JXUDQRLUDSSRUWLIUDFRHVLRQHVRFLDOHHFUHVFLWDHFRQRPLFDLQWHUPLQLGLVLQHUJLDLQ
WHUPLQLGLFRPSDUWLPHQWD]LRQHHQRQLQFRQWURRDGGLULWWXUDLQWHUPLQLGLWUDGHRII"3LSUHFLVDPHQWH
FRQVLGHUDQGRGLYHUVHDUHHGLSROLWLFDSXEEOLFDFRPHVLFRQ¿JXUDQRLQFLDVFXQDDUHDTXHVWLUDSSRUWL"
/DQRVWUDLQGDJLQHLQWHQGHLQROWUHLQFLDVFXQDDUHDFDSLUHTXDOLPHFFDQLVPLVSLHJDQRLOIDWWRFKHL
UDSSRUWLIUDFRHVLRQHVRFLDOHHFUHVFLWDHFRQRPLFDDEELDQRDVVXQWRXQDFHUWDIRUPD
6
6IPL[[P]PZWLJPÄJPKLSSVZ[\KPVKPMH[[PIPSP[n
2ELHWWLYRGLTXHVWRSULPRVWXGLRGLIDWWLELOLWjqGXQTXHTXHOORGLVHOH]LRQDUHDOFXQLWHPLVSHFL¿FLFKH
PRVWULQRSHU4XDUWR2JJLDURFRQQHVVLRQLVXI¿FLHQWHPHQWHGLUHWWHWUDOHGLPHQVLRQLGHOODFUHVFLWDH
GHOODFRHVLRQHVRFLDOHHGLUHGDUUHXQDUDVVHJQDGHOOHIRQWLGLLQIRUPD]LRQHXWLOLDGLQGDJDUHTXHVWL
IRFXV6LWUDWWDWDOYROWDGLLQIRUPD]LRQLHVLVWHQWLHGLVSRQLELOLWDOYROWDGLGDWLGDFRVWUXLUHRGDSURGXUUH
DGKRF$OORVFRSRGLRIIULUHXQ¶LPPDJLQHLOSLSRVVLELOHSXQWXDOHGHOO¶HVLVWHQWHHGHOOHRSHUD]LRQLGL
ULFHUFDQHFHVVDULHDOO¶LQGDJLQHGLTXHVWRWHPDORVWXGLRGLIDWWLELOLWjKDDVVXQWRLVHJXHQWLRELHWWLYL
VSHFL¿FL
HODERUDUHXQSULPRVFKHPDWHRULFRGLULIHULPHQWRLSRWL]]DQGRHVHOH]LRQDQGRLQHVVLFKHVHPEUDQR
FUXFLDOLSHUFRPSUHQGHUHFRPHQHOWHUULWRULRGL4XDUWR2JJLDURVLSRQHODWUDVYHUVDOLWjGHOODTXHVWLRQH
sociale rispetto ai temi dello sviluppo locale inteso in senso urbanistico, economico, ecc.;
YHUL¿FDUHOHLQIRUPD]LRQLHPSLULFKHGLVSRQLELOLVXOFDPSRSHUSRWHUHVSORUDUHDQDOLWLFDPHQWHLQHVVL
individuati;
LGHQWL¿FDUHXQDVHULHGLSURSRVWHGLULFHUFDFXPXODELOLDQFKH¿QDQ]LDELOLVHSDUDWDPHQWH
7
CAPITOLO 2
I temi, gli interrogativi e
le operazioni di ricerca
- con una rassegna analitica delle fonti -
Abbiamo individuato quattro aree principali intorno a cui articolare
OD ULFHUFD O¶LGHQWLWj GL 4XDUWR 2JJLDUR HG LO UDSSRUWR FRQ OD VXD
UDSSUHVHQWD]LRQH VXL PHGLD OD PRELOLWj XUEDQD H OD VHJUHJD]LRQH
VFRODVWLFD OH WUDVIRUPD]LRQL XUEDQH H JOL LQYHVWLPHQWL HFRQRPLFL
precisamente in relazione ai possibili impatti sulla crescita e sulla
FRHVLRQH GHO TXDUWLHUH L ELVRJQL VRFLDOL H OH DWWLYLWj GL FXUD care),
FRQ SDUWLFRODUH ULIHULPHQWR DOO¶HFRQRPLD VRFLDOH H DOO¶RFFXSD]LRQH
IHPPLQLOH
3HU RJQXQD GL TXHVWH DUHH LO SUHVHQWH VWXGLR GL IDWWLELOLWj LOOXVWUD JOL
interrogativi principali a cui trovare risposta nel corso dell’indagine, le
RSHUD]LRQL GL ULFHUFD SHUWLQHQWL H OH IRQWL GD GDWL D GLVSRVL]LRQH R GD
costruire con apposite indagini aggiuntive, quantitative o qualitative.
3HU RJQL DUHD SHUFLz VRQR EHQ GLVWLQWH OH RSHUD]LRQL GL ULFHUFD EDVH H
OHRSHUD]LRQLGLULFHUFDDYDQ]DWHFKHULFKLHGRQR¿QDQ]LDPHQWLGHGLFDWL
aggiuntivi.
9
0KLU[P[n
,OWHPDGHOO¶LGHQWLWjPRVWUDDOFXQLULVYROWLVSHFL¿FLD4XDUWR2JJLDURLQQDQ]LWXWWRSHUODULFRQRVFLELOLWj
OHJDWD DL FRQ¿QL ¿VLFL GHO TXDUWLHUH IRUWHPHQWH VHJQDWL GDL WUDFFLDWL H GDOOH LQIUDVWUXWWXUH YLDULH (¶
SRVVLELOHLQWHUURJDUVLVXJOLHIIHWWLGLTXHVWDSDUWLFRODUHFRQIRUPD]LRQH¿VLFD8Q¶LSRWHVLGDYHUL¿FDUH
q FKH HVVD DEELD JHQHUDWR QHO WHPSR XQ GRSSLR HIIHWWR GD XQ ODWR OH EDUULHUH H L FRQ¿QL ¿VLFL
SRWUHEEHURDYHUFRQWULEXLWRDVHSDUDUHTXHVWDSDUWHGHOODFLWWjGDOUHVWRUDIIRU]DQGRQHO¶LPPDJLQHGL
OXRJR³DOWUR´GD0LODQR'DOO¶DOWURTXHVWDFRQGL]LRQHGLVHSDUDWH]]DSRWUHEEHDQFKHDYHU³SURWHWWR´
il quartiere aumentandone la coesione interna in termini di senso di appartenenza dei suoi abitanti.
4XDUWR2JJLDURKDLQSDUWHFRQVHUYDWRQHOWHPSRLFRQQRWDWLGL³SDHVH´DXWRQRPRSLFKHTXDUWLHUH
SHULIHULFRGLXQDJUDQGHFLWWj
4XHVWD DPELYDOHQ]D OHJDWD QRQ VROR DOOD ³FKLXVXUD´ GHO TXDUWLHUH PD DQFKH DO UDGLFDPHQWR GL
IHQRPHQLGLPLFURFULPLQDOLWjHFULPLQDOLWjRUJDQL]]DWDSXzHVVHUHLQGDJDWDPHWWHQGRODLQUHOD]LRQH
FRQORVWLJPDIRUWHPHQWHQHJDWLYRFKHVHPEUDUHJLVWUDUVLQHLFRQIURQWLGHOTXDUWLHUHVRSUDWWXWWRQHOOD
SHUFH]LRQHHVWHUQDHQHOOHIRUPHGLUDSSUHVHQWD]LRQHGHLPHGLD2FFRUUHLQROWUHSURYDUHDYDOXWDUH
se questo stigma possa essere interpretato come una messa a repentaglio della coesione sociale.
/DULFHUFDYXROHYHUL¿FDUHRDOFRQWUDULRIDOVL¿FDUHGXHGLIIHUHQWLLSRWHVLFKHODSHUFH]LRQHGL
SHULFRORVLWjGHOTXDUWLHUHVLDFRUUHODWDDOODLQVLFXUH]]DFRQQHVVDDOODSUHVHQ]DGLIHQRPHQLQRQSL
FRQWUROODWLFKHODSHUFH]LRQHGLSHULFRORVLWjGHOTXDUWLHUHVLDFRUUHODWDDOO¶LQGHEROLPHQWRGHOVHQVR
di appartenenza e del controllo sociale sul territorio.
Interrogativi di ricerca generali:
1. Quali eventi e quali azioni hanno contribuito alla costruzione e al rafforzamento
dell’ immagine negativa e dello stigma di Quarto Oggiaro?
2. Quale ruolo hanno avuto le politiche nella costruzione dello stigma? Quali
meccanismi costituiscono e hanno costituito il circolo vizioso che ha portato
Quarto Oggiaro in un angolo buio delle policies?
3. E’ possibile prevedere che impatti avranno le grandi trasformazioni urbanistiche
in corso dentro Quarto Oggiaro e lungo l’asse del Sempione? In particolare
sulla qualità della vita nel quartiere, sulla percezione di sicurezza o di senso di
abbandono da parte delle istituzioni? Soprattutto, sono leggibili impatti sulla
dimensione dell’identità e sulla creazione di reti sociali?
10
Operazioni di ricerca
Ricostruzione di una cronologia della cronaca Interrogativi di
YPJLYJHZWLJPÄJP
Quali eventi hanno generato l’immagine negativa del quartiere e come
questa si è evoluta nel tempo?
Quanto l’immagine esterna e quella interna coincidono?
&KH UXROR KDQQR OD SURJHWWXDOLWj H L IRUWL LQYHVWLPHQWL SXEEOLFL QHOOD
costruzione dell’immagine del quartiere?
MVU[P
Mediateca di Santa Teresa, sezione della Biblioteca Nazionale Braidense:
archivi storici del Corriere della Sera e del Corriere Milano dal 1992 ad
oggi
'DWL DUWLFROL GL FURQDFD ULJXDUGDQWL HYHQWL VSHFL¿FL OHJDWL DOOD FURQDFD GL
Quarto Oggiaro
Biblioteca Sormani, biblioteca centrale del Comune di Milano: archivio su
PLFUR¿OPGHO&RUULHUHGHOOD6HUD
'DWL DUWLFROL GL FURQDFD HYHQWL VSHFL¿FL H DUWLFROL GL FRVWXPH 3HULRGR GL
interesse: dal secondo dopoguerra al 1992.
³4XDUWR2JJLDURXQDJXLGD´HODERUDWRLQWHUPHGLRGHOODULFHUFD35,1³/D
FLWWj 3XEEOLFD FRPH ODERUDWRULR GL SURJHWWXDOLWj´ FRRUGLQDWD D 0LODQR GDO
3URIHVVRU)UDQFHVFR,QIXVVL
Il lavoro di interviste contenuto all’interno è stato svolto contattando:
3DUURFFKLD 6DQWD /XFLD &LUFROR $FOL 6DQWD /XFLD $VVRFLD]LRQH 4XDUWR
Oggiaro Vivibile, Cooperativa San Martino, Centro Baluardo, AGESCI gruppo
scout Mi8, Comitato contro la Gronda Nord, Sicet (Sindacato Inquilini Casa e
7HUULWRULR)RQGD]LRQH'DU&DVD&RRSHUDWLYDVRFLDOH'LDSDVRQ
11
Operazioni di ricerca avanzate
Rapporto tra criminalità e insicurezza territoriale
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
MVU[P
,QSULPROXRJRTXDOHLOSHVRHIIHWWLYRGHOODFULPLQDOLWjD4XDUWR2JJLDUR"
'RYHVLORFDOL]]DQROH]RQHSUREOHPDWLFKH"
In secondo luogo, ma non meno importante: che tipo di controllo sociale
del territorio?
Elaborazioni sui dati del Censimento 2001:
3HUFHQWXDOHGLPLQRULLVWLWX]LRQDOL]]DWL
3HUFHQWXDOHGHLPLQRULDOORQWDQDWLGDOOHIDPLJOLH
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
5LFRVWUX]LRQH GHO SUREOHPD D SDUWLUH GD LQWHUYLVWH DG DOFXQL LQIRUPDWRUL
privilegiati:
'RWW/R&DVFLR0DUHVFLDOORGHL&DUDELQLHULGL4XDUWR2JJLDUR
Comandante della polizia locale del quartiere;
3ROL]LDORFDOHSUHVHQWHQHOTXDUWLHUH
,QIRUPD]LRQL GD SURGXUUH LQFKLHVWD VX XQ FDPSLRQH UDSSUHVHQWDWLYR GL
FLWWDGLQLGLVWLWLSHUJUXSSLGLHWjJHQHUHHGLFODVVHVXOOHSUDWLFKHGLFRQWUROOR
VRFLDOHHVXOODFRQRVFHQ]DGHOWHUULWRULRHVXDVLFXUH]]DLQVLFXUH]]D
12
4VIPSP[n\YIHUHLZLNYLNHaPVULZJVSHZ[PJH
Se si considera come uno degli aspetti della coesione sociale quello del diritto di ogni cittadino ad
DYHUHHJXDOHDFFHVVRDOOHULVRUVHHDLEHQLFRPXQLFKHODFLWWjSURGXFHqXWLOHDOORQWDQDUHORVJXDUGR
GDLFRQ¿QLSHUSRLULDYYLFLQDUORDVVXPHQGRFRPHFKLDYHGLOHWWXUDTXHOODGHOODPRELOLWj¿VLFDGDXQ
lato, e sociale, dall’altro.
2VVHUYDQGRDGXQDFHUWDGLVWDQ]DLOTXDUWLHUHLQIDWWLqSRVVLELOHRVVHUYDUHLÀXVVLFKHDWWUDYHUVDQR
4XDUWR2JJLDURLQUHOD]LRQHDOO¶DFFHVVLELOLWjGHOTXDUWLHUH
$YYLFLQDQGRVL DO TXDUWLHUH HPHUJH LQYHFH FRPH IXRFR VLJQL¿FDWLYR TXHOOR UHODWLYR DOOD TXHVWLRQH
VFRODVWLFD &L VL SURSRQH GL FRPSUHQGHUH VH H TXDQWR L SHUFRUVL IRUPDWLYL SUHVVR OH LVWLWX]LRQL
VFRODVWLFKHSUHVHQWLQHOTXDUWLHUHRIIUDQRRSSRUWXQLWjGLWUDVIRUPD]LRQHVRFLDOHHSRVVLELOLSHUFRUVLGL
PRELOLWjDVFHQGHQWHRYLFHYHUVDUDIIRU]LQRRYHLFROLQRSURFHVVLGLVHJUHJD]LRQHVRFLDOH
Mobilità urbana
1RQRVWDQWHODSUHVHQ]DGLIRUWLFRQ¿QL¿VLFLFKHGHOLPLWDQRLOTXDUWLHUH4XDUWR2JJLDURULVXOWDHVVHUH
FROOHJDWRDOUHVWRGHOODFLWWjVLDYHUVRLOFHQWURFKHYHUVRLTXDUWLHULOLPLWUR¿JUD]LHDGLYHUVLPH]]L
SXEEOLFL 4XHVWR IDWWRUH VHPEUD LQ FRQWURWHQGHQ]D ULVSHWWR DOOD FKLXVXUD FKH DSSUDUHQWHPHQWH JOL
DELWDQWLSHUFHSLVFRQRQHLFRQIURQWLGL0LODQRHFKHDQGUjYHUL¿FDWDFRQDWWHQ]LRQH2FFRUUHLQGDJDUH
LQROWUHOHUHWLGLWUDVSRUWRSXEEOLFRHOHLQIUDVWUXWWXUHGHOODPRELOLWjHGLOORURIXQ]LRQDPHQWRHVVHQGR
TXHVWH LPSRUWDQWL H FHQWUDOL ODGGRYH VL LQWHQGH OD FRHVLRQH DQFKH FRPH ³GLULWWR DOOD FLWWj´ ,Q¿QH
RFFRUUHUjYDOXWDUHVHODFKLXVXUDRODSHUFH]LRQHGLXQDFKLXVXUDDEELDJHQHUDWRRPHQRXQFHUWR
grado di coesione all’interno del quartiere.
Interrogativi di ricerca generali:
1. Lo sviluppo delle infrastrutture della mobilità (sia pubblica che privata)
hanno avuto ed avranno ricadute sul quartiere in termini di mobilità per i suoi
residenti?
2. Il quartiere risulta sempre più accessibile sia per la mobilità privata che per
quella pubblica. Quali ricadute in termini di attrattività per soggetti interessati
ad investire economicamente sul quartiere? Esiste uno scarto tra la percezione
e le rappresentazioni degli abitanti e l’offerta oggettiva di risorse per la mobilità
(in particolare la rete dei mezzi pubblici)?
3. Quale è l’attrattività esercitata da punti esterni al quartiere (luoghi rilevanti
per il commercio, divertimento, ecc.) Su quale scala territoriale i cittadini di
Quarto Oggiaro si muovono? cosa fanno nel quartiere e cosa fanno fuori dal
quartiere?
4. Quale sarà l’impatto in termini di qualità della vita per gli abitanti del quartiere
e di attrattività per investimenti economici esterni dei progetti infrastrutturali
in corso d’opera?
13
Operazioni di ricerca
Ricostruzione della rete dei trasporti pubblici da un punto di vista cronologico e ricostruzione delle mappe della mobilità dei residenti.
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
MVU[P
&RPHVLqHYROXWDO¶RIIHUWDGLPRELOLWj"
&KHLPSDWWRKDDYXWRVXOTXDUWLHUHO¶DWWLYD]LRQHGHO3DVVDQWH)HUURYLDULRLQ
WHUPLQLGLDFFHVVLELOLWjHGLSHUFH]LRQHGHOODVHJUHJD]LRQH"
Elaborazioni sui dati del Censimento 2001:
VSRVWDPHQWLFDVDVWXGLRODYRURJLRUQDOLHULSHUFODVVLGLHWjWHPSRLPSLHJDWR
motivo di spostamento, mezzo impiegato
&RQVXOWD]LRQHGHOVLWRZHEKWWSZZZPVUPLODQRFRPFKHSUHVHQWDGDWL
sull’evoluzione del trasporto pubblico;
³5HSRUWGHOO¶LQGDJLQHVXOO¶RSLQLRQHGHLFLWWDGLQLULVSHWWRDOODFRQGL]LRQHGHL
servizi e delle strutture presenti nell’area in cui è attivo il programma Urban
,,HGLDOFXQLDVSHWWLGHOODYLWDTXRWLGLDQD´
'DWLULVXOWDWLGHOOH,QGDJLQLFDPSLRQDULHFRQGRWWHQHOO¶DPELWRGHO3URJUDPPD
Urban II Milano.
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
,YDQ 8FFHOOL UHVSRQVDELOH GHO VLWR VXOOD PRELOLWj SXEEOLFD PLODQHVH KWWS
ZZZPVUPLODQRFRP
14
Operazioni di ricerca avanzate
Interviste ad operatori economici presenti sul territorio di Quarto Oggiaro
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
4XDOqODSHUFH]LRQHGHOO¶DFFHVVLELOLWj¿VLFDHGHFRQRPLFDGDSDUWHGLTXHVWL
operatori?
/DPDJJLRUHDFFHVVLELOLWj¿VLFDGHOTXDUWLHUHGRYXWDDOSURJHWWR3DVVDQWH
PD DQFKH H VRSUDWWXWWR DOOD IXWXUD VWUDGD LQWHUTXDUWLHUH VWD DWWUDHQGR
QXRYHUHDOWjHFRQRPLFKH"
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
5HVSRQVDELOHGL8&,&LQHPD
'LUHWWRUHGL(VVHOXQJD&HUWRVD
3UHVLGHQWHGHO&HQWUR&RPPHUFLDOH0HWURSROL
Approfondimento qualitativo sugli aspetti di percezione soggettiva degli abitanti in merito al tema della segregazione e mobilità urbana
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
Inchiesta su un campione rappresentativo di cittadini - distiti per gruppi di
HWjJHQHUHHGLFODVVHVXOOHSUDWLFKHGLXVRGHOWHUULWRULRGHOTXDUWLHUHH
VXOOHSUDWLFKHGLPRELOLWj
4XDOHSHUFH]LRQHGHOODVHJUHJD]LRQHDIURQWHGHOO¶DOWDDFFHVVLELOLWj"
Come avvengono gli spostamenti dentro il quartiere?
Come avvengono gli spostamenti verso l’esterno del quartiere?
L’uso dei mezzi pubblici è percepito come agevole?
6LULHVFHIDFLOPHQWHDGDUULYDUHDOODSURSULDPHWD"
Mediamente quanti mezzi bisogna cambiare?
4XDOLDWWLYLWjYHQJRQRVYROWHDOO¶LQWHUQRGHOTXDUWLHUHHTXDOLDOO¶HVWHUQRGDJOL
abitanti di Quarto Oggiaro?
4XDOLDWWLYLWjYHQJRQRVYROWHD4XDUWR2JJLDURGDFKLQRQYLDELWD"
15
Segregazione scolastica
6HPSUH GL SL OD TXDOLWj GHOO¶RIIHUWD VFRODVWLFD GL XQ TXDUWLHUH YLHQH WHQXWD LQ FRQWR GDOOH IDPLJOLH
QHOO¶HIIHWWXDUHGHOOHVFHOWHDELWDWLYH1RQRVWDQWHLQ/RPEDUGLDVLDGH¿QLWLYDODOLEHUDOL]]D]LRQHGHLEDFLQL
d’utenza scolastici, la letteratura tende a mettere in luce come i percorsi della scuola dell’obbligo tra
UDJD]]LGLGLYHUVDHVWUD]LRQHVRFLDOHYDGDQRVHPSUHSLVHSDUDQGRVL3HUFLzFKHDWWLHQHD4XDUWR
2JJLDUR DOOR VWDWR DWWXDOH QRQ FRQRVFLDPR TXDOH VLDQR VWDWH OH VFHOWH VFRODVWLFKH GHOOH IDPLJOLH
8Q¶LSRWHVLSRWUHEEHHVVHUHFKHLJHQLWRULGLFODVVHDOWDHFRQXQWLWRORGLVWXGLRSLHOHYDWRDEELDQROD
WHQGHQ]DDGLVFULYHUHL¿JOLLQVFXROHGHOFHQWURRLQVFXROHSULYDWHPHQWUHOHIDPLJOLHGLHVWUD]LRQHSL
EDVVDFRQWLQXHUHEEHURDGLVFULYHUHL¿JOLQHOOHVFXROHGHOTXDUWLHUHFUHDQGRXQHIIHWWRGLVHJUHJD]LRQH
VFRODVWLFD/¶LSRWHVLSHUzYDYHUL¿FDWDHPSLULFDPHQWH8JXDOPHQWHRFFRUUHFRPSUHQGHUHVHHFRPH
JOL HIIHWWL GL VHJUHJD]LRQH VFRODVWLFD SURGXFDQR UHJLPL GL DSSUHQGLPHQWR GLIIHUHQ]LDWL H VLWXD]LRQL
scolastiche problematiche (all’interno della classe o all’interno della scuola)
Interrogativi di ricerca generali:
1. L’offerta formativa a Quarto Oggiaro è “professionalizzante” come quella
milanese?
2. Quale il legame tra formazione e scelte/opportunità lavorative?
16
Operazioni di ricerca
Ricostruzione dell offerta scolastica e formativa a Quarto Oggiaro in termini qualitativi e quantitativi
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
4XDOLOHVFHOWHIRUPDWLYHGRSROHVFXROHPHGLH"
/¶RIIHUWD IRUPDWLYD D 4XDUWR 2JJLDUR q GL OLYHOOR LQIHULRUH D TXHOOD
milanese?
4XDQWLLUDJD]]LFKHFRPSLRQRWXWWRLOFLFORIRUPDWLYRDOO¶LQWHUQRGHOTXDUWLHUH
HTXDQWLTXHOOLFKHIUHTXHQWDQRIXRUL"'RYH"
ÊDWWLYRLOSURJUDPPD³DOWHUQDQ]DVFXRODODYRUR´"
Quali collegamenti e sinergie tra scuola e mondo del lavoro?
MVU[P
Comune di Milano, Settore statistica (S.I.A): dati statistici relativi alle
scuole
'DWLUHODWLYLDJOLDOXQQLIUHTXHQWDWLOHVFXROHGLEDFLQRHGL]RQDSHUSURYHQLHQ]D
JHRJUD¿FDHLQUDSSRUWRDOWRWDOHGHOODSRSROD]LRQHJLRYDQHUHVLGHQWH
$QDOLVL GHOOD ULFHUFD %XOOLVPR D 0LODQR 5LOHYD]LRQH GHO IHQRPHQR GHO
EXOOLVPR QHOOH VFXROH HOHPHQWDUL H PHGLH FKH KDQQR DGHULWR DO 3URJHWWR
³6WRSDO%XOOLVPR´
8I¿FLRVFRODVWLFRSHUOD/RPEDUGLD
Scuole presenti nel quartiere
Numero di alunni e di classi per scuola
3HUFHQWXDOHGLDOXQQLVWUDQLHUL
Tasso di abbandono scolastico
3ROL]LDPXQLFLSDOHGL0LODQR
(OHQFR GHJOL LQDGHPSLHQWL O¶REEOLJR VFRODVWLFR 'DWL DQQXDOL D SDUWLUH GDO
1987.
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
3UHVLGLGHOOHVFXROHVHFRQGDULHGLVHFRQGRJUDGR
Operatori della Cooperativa San Martino
3URIHVVRU,HULWLUHVSRQVDELOHGHOO¶RULHQWDPHQWRSUHVVRLO&HQWUR)RUPD]LRQH
3URIHVVLRQDOH³*UHSSL´YLD$PRUHWWL0LODQR
17
Operazioni di ricerca avanzate
Ricostruzione dei servizi di supporto alla fascia giovanile
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
Quali sono i servizi di supporto scolastico attivati dalle cooperative?
Ci sono dati sulla tipologia degli utenti e sulle prevalenti problematiche
DIIURQWDWH"
Quali i problemi e quali le risorse di Quarto Oggiaro?
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
Operatori della Cooperativa San Martino, attiva su progetti di “educativa di
VWUDGD´
2SHUDWRUL GHOOD &RRSHUDWLYD 'LDSDVRQ FKH VYROJH DWWLYLWj GL VXSSRUWR DOOD
IDVFLDJLRYDQLOHHSURPXRYHLOSURJHWWR$]LPXW
Operatori della Cooperativa Coesa, attiva sul progetto di educativa domiciliare
e su un progetto di sportello interno alle scuole, di supporto ai genitori.
Ricostruzione dei servizi pubblici per l inserimento lavorativo
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
Chi sono gli utenti?
4XDOL GDWL VRQR GLVSRQLELOL VXOOH ULJXDUGR DOOH RSSRUWXQLWj H DL SHUFRUVL
lavorativi dei giovani che hanno studiato a Quarto Oggiaro?
18
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
2SHUDWRULGHO&HQWUR/DYRUR0LODQR1RUGJLj&HQWUR/DYRUR0DUFR%LDJL
;YHZMVYTHaPVUP \YIHUL L PU]LZ[PTLU[P LJVUVTPJP!
possibili impatti sulla crescita e sulla coesione del
quartiere
1HOFRUVRGHJOLXOWLPLYHQWLDQQLDWWRUQRD4XDUWR2JJLDURHDOO¶LQWHUQRGHLVXRLVWHVVLFRQ¿QLVLVRQR
FRQFHQWUDWL JUDQGL LQYHVWLPHQWL HFRQRPLFL H VRQR VWDWL DYYLDWL GLYHUVL SURJHWWL GL WUDVIRUPD]LRQH OH
cui ricadute sociali e territoriali potrebbero essere rilevanti. Si tratta di progetti molto diversi tra loro:
QXRYDHGL¿FD]LRQHRULTXDOL¿FD]LRQHGHOWHVVXWRHVLVWHQWHSURPRVVLGDLPSUHQGLWRULLPPRELOLDULSHU
il mercato residenziale, ma anche da operatori della media e grande distribuzione; alcuni progetti
LQVHULVFRQR IXQ]LRQL RUGLQDULH DOWUL IXQ]LRQL VWUDRUGLQDULH VL SHQVL DG HVHPSLR DOOD )LHUD GL 5KR
3HUR HG DOO¶DPSOLDPHQWR GHO 3ROLWHFQLFR GL 0LODQR SUHVVR LO TXDUWLHUH %RYLVD /H FRQWLQXLWj H OH
GLVFRQWLQXLWjGLTXHVWLSURJHWWLSRWUHEEHURDYHUHHIIHWWLLPSRUWDQWLVXOWHUULWRULRFKHRFFRUUHLQGDJDUH
WHQHQGRFRQWRGLXQDSOXUDOLWjGLGLPHQVLRQL
Interrogativi di ricerca generali: 1. Per quanto riguarda le relazioni con il mercato immobiliare, quali impatti
dei nuovi investimenti economici e dei grandi progetti sui mercati della
compravendita e della locazione di immobili a confronto con le altre zone
di Milano? Sono osservabili fenomeni di valorizzazione dei suoli legati alla
localizzazione degli interventi? L’evoluzione dei prezzi degli immobili a Quarto
Oggiaro dice qualcosa rispetto alla sua storia e al suo sviluppo?
2. Quali effetti delle trasformazioni, che insistono su un raggio territoriale più
ampio, sui bisogni e sui problemi del quartiere e delle sue popolazioni? Le
soluzioni di progetto date mostrano qualche relazione con i problemi di Quarto
Oggiaro? Hanno la capacità di offrire nuove opportunità di crescita economica
e di coesione sociale?
&RPH OH SROLWLFKH SXEEOLFKH KDQQR LQÀXHQ]DWR H LQÀXHQ]DQR OH JUDQGL
trasformazioni urbane?
4. Qual è il legame, se vi è, tra le attività economiche nel territorio e popolazione
residente: ci sono sinergie oppure sono vasi non comunicanti?
5. Quali sono le principali tendenze economiche relative alla valorizzazione del
suolo? Quali aspetti di accessibilità e di valorizzazione del suolo hanno un
maggiore impatto su sul tessuto commerciale e di piccola-media impresa? Che
tipo di rapporto si è instaurato a Quarto Oggiaro fra la via “bassa” dello sviluppo
(scarsa valorizzazione del suolo, attività economiche marginali, operazioni
speculative che scaricano sul territorio costi, esternalità e problemi) e la via
“alta” dello sviluppo (caratterizzata da maggiore valorizzazione del suolo,
capacità di attrazione di operatori di qualità, valorizzazione dell’accessibilità,
ecc.)?
19
Operazioni di ricerca
Ricostruzione cronologica degli interventi edilizi e di rigenerazione urbana sul quartiere
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
4XDOLVRQROHWDSSHSULQFLSDOLFKHKDQQRFDUDWWHUL]]DWRODWUDVIRUPD]LRQHGL
questo territorio?
MVU[P
5LFHUFD 35,1 ³/D FLWWj 3XEEOLFD FRPH ODERUDWRULR GL SURJHWWXDOLWj´
FRRUGLQDWRUH 3URIHVVRU )UDQFHVFR ,QIXVVL 3ROLWHFQLFR GL 0LODQR
'LSDUWLPHQWRGL$UFKLWHWWXUDH3LDQL¿FD]LRQH
³4XDUWR 2JJLDUR XQD JXLGD´ HODERUDWR LQWHUPHGLR GHOOD ULFHUFD 35,1 ³/D
FLWWj3XEEOLFDFRPHODERUDWRULRGLSURJHWWXDOLWj´
%RORFDQ*ROGVWHLQ0%RQIDQWLQL%DFXUDGL0LODQR,QFRPSLXWD0LODQR
)UDQFR$QJHOL
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
8Q RSHUDWRUH GL$66(7 *UXSSR$OHU 0LODQR ,QL]LDWLYH H 6YLOXSSR VRFLHWj
immobiliare.
Ricostruzione dell evoluzione del tessuto delle imprese e delle attività commerciali presenti nel quartiere
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
4XDOLUHOD]LRQLWUDO¶DSHUWXUDHODFKLXVXUDGLDWWLYLWjFRPPHUFLDOLHO¶HYROX]LRQH
dello stigma?
Esistono settori economici prevalenti nel quartiere?
Come si è evoluta la presenza delle imprese durante la storia del
quartiere?
$OO¶LQWHUQR GHO TXDUWLHUH VRQR SUHVHQWL R VRQR VWDWH SUHVHQWL DWWLYLWj
economiche di rilevanza sovra-locale?
MVU[P
/ 6HQQ $ $LUROGL ³,PSUHVH ,O VLVWHPD SURGXWWLYR GHOO¶DUHD 8UEDQ´
8QLYHUVLWj%RFFRQL&HQVLPHQWRGHOOHLPSUHVHDUHDLQWHUHVVDWDGD8UEDQ
contiene le elaborazioni dei dati della Camera di Commercio riguardo a:
strutture imprenditoriali e numero di addetti al 2006;
WLSRGLDWWLYLWjSURGXWWLYH
anno di localizzazione imprese;
IRFXVVXOOHLPSUHVHGLVHUYL]L
FRPPHUFLRDWWLYLWjFRQDQQLGLDSHUWXUDDWWLYLWjHWHQGHQ]HGHOFRPPHUFLR
‡ &DPHUDGL&RPPHUFLRGL0LODQRUHJLVWURGHOOHLPSUHVH
XQLWjORFDOLSUHVHQWLQHOTXDUWLHUHLQVHULHVWRULFD
tipo di settore economico, numero addetti e distribuzione territoriale.
20
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
7HVWLPRQLSULYLOHJLDWLIUDODUHWHGLSDUWQHUGHOSURJHWWR&RHVLRQH6RFLDOH
5DSSUHVHQWDQWLGHOOHDVVRFLD]LRQLGLFDWHJRULD
Esponenti locali del commercio al dettaglio
21
Operazioni di ricerca avanzate
Ricostruzione dei valori medi immobiliari e della loro evoluzione nel tempo
MVU[P
‡ 6FHQDULLPPRELOLDUL,VWLWXWRLQGLSHQGHQWHGLVWXGLHULFHUFKH
'DWL DQGDPHQWL GHL SUH]]L PHGL GL YHQGLWD H GHL FDQRQL GL ORFD]LRQH QHOOH
DUHHFHQWUDOLVHPLFHQWUDOLHSHULIHULFKHGL0LODQRYDORUHPDVVLPRHPLQLPR
GHOPHUFDWRUHVLGHQ]LDOHHWHU]LDULRXI¿FLGDODOHFRQIURQWRFRO
dato milanese e di alcuni comuni della prima corona.
Ricostruzione della mappa e delle strategie economiche ed insediative di alcuni grandi attrattori commerciali (Coop, Metropoli, etc)
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
4XDOLVRQROHORJLFKHLQVHGLDWLYHHTXDOLIDWWRULVRQROHWWLFRPHRSSRUWXQLWj
insediative nel quartiere da parte di operatori economici come quelli della
grande distribuzione?
(VLVWRQR UHOD]LRQL WUD FRPXQLFD]LRQH ³SXEEOLFLWDULD´ GHL JUDQGL DWWUDWWRUL
commerciali e stigma negativo del quartiere?
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
,QWHUYLVWD DOO¶DUFK /XFD 7DPLQL /DERUDWRULR 8UE&RP 3ROLWHFQLFR GL
Milano;
Interviste ai soggetti principali della grande distribuzione presenti sul
quartiere
Ricostruzione della visione da parte dell attore pubblico riguardo alle trasformazioni del quartiere
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
Che ruolo gioca la concentrazione su questo territorio di grandi investimenti
pubblici rispetto alle logiche localizzative di vari operatori economici
privati?
Quali gli interessi dominanti?
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
Arch. Casagrande, responsabile per la Gestione e programmazione tecnica,
3URJUDPPD8UEDQ,,0LODQR
Assessorato del Comune di Milano allo sviluppo del territorio.
22
2.4 Bisogni e cura: economia sociale e occupazione
MLTTPUPSL
Economia Sociale
Le associazioni e i servizi alla persona presenti all’interno del quartiere sono particolarmente
QXPHURVLVRQRPROWHOHUHDOWjOHJDWHDOO¶DVVRFLD]LRQLVPRHGDOYRORQWDULDWRFKHRSHUDQRVXGLYHUVH
problematiche del quartiere e sono inoltre presenti alcuni importanti soggetti legati al mondo della
FRRSHUD]LRQHHDOODVROLGDULHWjVRFLDOH&RRSHUDWLYHVRFLDOL$FOL&DULWDV0ROWLGHJOLDWWRULGHOWHU]R
settore coinvolti nell’ambito di Urban e della rete costituitasi attorno al “Bando per la realizzazione di
SURJHWWL¿QDOL]]DWLDOODSURPR]LRQHGLFRHVLRQHVRFLDOHLQTXDUWLHULSHULIHULFLGLVDJLDWLGHOFRPXQHGL
0LODQRHGHOO¶DUHDPHWURSROLWDQDPLODQHVH´SURPRVVRGDOOD5HJLRQH/RPEDUGLDVRQRXQ¶LPSRUWDQWH
IRQWHGLFRQRVFHQ]DVXOTXDUWLHUHHVXOOHVXHGLQDPLFKHVRFLDOL&LVLGRPDQGDVHOD¿WWDSUHVHQ]D
di soggetti del terzo settore sia in grado di agevolare la crescita economica del quartiere (attraverso
O¶HYROX]LRQH GHL VRJJHWWL GHO YRORQWDULDWR H GHOOD FRRSHUD]LRQH LQ GLUH]LRQH GL IRUPH GL HFRQRPLD
VRFLDOHRSSXUHIRUQHQGRVHUYL]LGLZHOIDUHVRVWLWXWLYLRDJJLXQWLYLHG¶DOWURFDQWRTXDQWRLSURJHWWLH
OHHVSHULHQ]HGLHFRQRPLDVRFLDOHDEELDQRULQIRU]DWRUHWLVRFLDOLHUHOD]LRQLGLSURVVLPLWjJLjHVLVWHQWL
(quale impatto dell’ economia sociale sulla coesione?)
Interrogativi generali di ricerca
1. L’attivazione della società civile, per dare risposta ai bisogni sociali e sostegno
DOOHFDSDFLWjGLPXWXRDLXWRDVVXPHIRUPHVSHFL¿FKHD4XDUWR2JJLDUR"4XDOL
VRQROHUHDOWjGHOWHU]RVHWWRUHRSHUDQWLQHOTXDUWLHUHHTXDOLSURJHWWLVSHFL¿FL
mettono in atto in termini di servizi sostitutivi di welfare?
2. L’aumento dei servizi ad opera di realtà radicate sul territorio porta ad una
crescita diversa da quella puramente di mercato?
3. Esistono realtà di Terzo settore che sono passate dallo stato volontaristico a
quello “economico” come è successo ad esempio per alcune esperienze di
“educativa di strada”?
4. Qual è il grado di sostenibilità economica di queste attività? Come avviene
il passaggio da attività sostenute da fondi dedicati ad attività che si
autosostengono nel tempo?
23
Operazioni di ricerca
Mappatura delle realtà associative e di TerzoSettore attive nel quartiere
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
MVU[P
4XDOLDVVRFLD]LRQLHUHDOWjGL7HU]R6HWWRUHVRQRDWWLYH"
Che tipo di reti sostengono e mettono al lavoro?
Quali servizi gestiscono?
Quali bisogni risultano ancora scoperti?
³4XDUWR2JJLDURXQDJXLGD´HODERUDWRLQWHUPHGLRGHOODULFHUFD35,1³/D
FLWWj3XEEOLFDFRPHODERUDWRULRGLSURJHWWXDOLWj´
0DSSDWXUDHJHRUHIHUHQ]LD]LRQHGHOOHUHDOWjSUHVHQWLGLYLVHSHUWLSRORJLD
%DQGR&RHVLRQH6RFLDOH6SD]LGLUHOD]LRQHSHUORVYLOXSSRORFDOH3LDQR
operativo:
Elenco dei partecipanti.
3URJHWWR 8UEDQ EDQGR 8UEDQ 0LODQR SHU OR VYLOXSSR GHOO¶LPSUHQGLWRULD
VRFLDOHLQGHWWRGD³4XDUWR/DERUDWRULR´±0LODQR0HWURSROL
Elenco dei soggetti vincitori
(ODERUDWL ¿QDOL SURGRWWL QHOO¶DPELWR GHO FRUVR GHO 3URI (]LR 0DQ]LQL
5HVSRQVDELOHGHO/DERUDWRULRGL'HVLJQGHLVHUYL]LGHO3ROLWHFQLFRGL0LODQR
'LSDUWLPHQWR,QGDFR
)LRUHQWLQL *XJLDWWL %DOGDVVDUUH 0DUVLOLR ³, ELVRJQL VRFLDOL H OD GRPDQGD
GL VHUYL]L H LQWHUYHQWL QHOO¶DUHD 8UEDQ ,, GHO &RPXQH GL 0LODQR´ 5LFHUFD
&(5*$6
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
$WWRUL SURIHVVLRQDOL GHO 7HU]R 6HWWRUH H GL UHDOWj DVVRFLDWLYH GL QDWXUD
volontaria:
,QWHUORFXWRULSRVVLELOL6,6$&/,$5&,6$10$57,12&RQVRU]LR)DUVL
3URVVLPR)RQGD]LRQH,FDUH&RRSHUDWLYDVRFLDOH'LDSDVRQ
Interlocutori possibili: AssoGe 20, circoli Acli, Associzione Villapizzone,
Banca del Tempo.
Arch. Gianluca Sala, MiMet, ideatore del bando Imprenditoria Sociale di
Urban;
24
Operazioni di ricerca avanzate
Analisi del progetto di portierato sociale, come esempio di cura dei bisogni degli anziani non autosufficienti.
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
,PSDWWL H SURVSHWWLYH GL TXHVWD SROLWLFD 3HUFKp LO SURJHWWR q LQ IDVH GL
HOLPLQD]LRQH"6RVWHQLELOLWjGHOSURJHWWRHIIHWWLSRVL]LRQLSROLWLFKHDULJXDUGR
HIIHWWLYDIXQ]LRQHGLVRSSHULPHQWRDVHUYL]LVRFLDOLFDUHQWL
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
)RQGD]LRQH 'RQ *QRFFKL UHVSRQVDELOH GHO VHUYL]LR GL SRUWLHUDWR VRFLDOH D
Quarto Oggiaro: intervista al coordinatore del servizio ed ad un operatore.
Analisi del progetto di ostello diffuso a Quarto Oggiaro - un gruppo di famiglie che affittano una camera da letto, con una segreteria centralizzata comune a tutte. La segreteria/reception virtuale sarà gestita dalla Società cooperativa sociale Olinda , e diverse associazioni anche fuori dal quartiere stanno collaborando Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
3HUFKqVRJJHWWLHVWHUQLDOTXDUWLHUHVLIDQQRSURPRWRULGLXQ¶DWWLYLWjHFRQRPLFD
a Quarto Oggiaro, contribuendo a valorizzare elementi di coesione sociale
che hanno individuato in quel quartiere e non in altri?
25
Lavoro femminile
, GDWL VXOOD GLVRFFXSD]LRQH IHPPLQLOH D 4XDUWR 2JJLDUR VL GLVFRVWDQR GDO GDWR PLODQHVH SRQHQGR
delle importanti questioni sul ruolo possibile della donna all’interno del quartiere.
Interrogativi generali di ricerca 1. I servizi per l’infanzia presenti sul territorio hanno effetto positivo sulle
possibilità lavorative delle donne? Rispetto a Milano, è presente una minore
percentuale di donne che lavorano: come interpretare questa differenza? E’
OHJDWD DG XQD GRWD]LRQH GH¿FLWDULD GL VHUYL]L GL TXDUWLHUH R DOOD SRVL]LRQH GL
classe e al livello di istruzione delle donne che abitano il quartiere?
26
Operazioni di ricerca
mappatura dei servizi per l infanzia presenti nel quartiere:
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
1XPHURGHLSRVWLGLVSRQLELOLQXPHURGHOOHGRPDQGHLQOLVWDGLDWWHVDTXDOLWj
HTXDQWLWjGHLVHUYL]L4XDOHVFDUWRWUDGRPDQGDHRIIHUWD"
MVU[P
³4XDUWR2JJLDURXQDJXLGD´HODERUDWRLQWHUPHGLRGHOODULFHUFD35,1³/D
FLWWj3XEEOLFDFRPHODERUDWRULRGLSURJHWWXDOLWj´
0DSSDWXUDHJHUHIHUHQ]LD]LRQHGHLVHUYL]LSUHVHQWLQHOTXDUWLHUH
³,ELVRJQLGHOOHIDPLJOLHQHOOHSHULIHULHPHWURSROLWDQH´2VVHUYDWRULRUHJLRQDOH
VXOO¶HVFOXVLRQHVRFLDOHFLWWjHIDPLJOLD,5(5
5LHODERUD]LRQH H FRPSDUD]LRQH GL GDWL GHPRJUD¿FL WUDWWL GDO FHQVLPHQWR
2001.
Lavoro femminile nel quartiere
Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
MVU[P
PUMVYTHaPVUPKH
produrre
Elaborazioni sui dati del Censimento 2001 relativi all’occupazione
IHPPLQLOH
/DYRURFRQGL]LRQHSURIHVVLRQDOHDQQRLQFXLqFDVVDWDO¶DWWLYLWjSRVL]LRQH
SURIHVVLRQDOHVHWWRUHGLDWWLYLWjHFRQRPLFDWLSRORJLDGHOUDSSRUWRGLODYRUR
(lavoro dipendente, lavoro autonomo…), impegno orario.
,VWUX]LRQHWLWRORGLVWXGLRVSHFLDOL]]D]LRQHIUHTXHQ]DDFRUVLGLIRUPD]LRQH
JUXSSR GL ODXUHH IUHTXHQ]D VFXROD PDWHUQD ± QLGR WLSR GL IUHTXHQ]D
scolastica), durata del corso di studi.
(WjSHUIDVFHRVLQJROH
/XRJRGLQDVFLWD0L3URYLQFLD/RPEDUGLD,WDOLD
&LWWDGLQDQ]D PRWLYR GL WUDVIHULPHQWR VWXGLR ODYRUR SUHVHQ]H IDPLOLDUL H
SHULRGRDQQLGLWUDVIHULPHQWR'DWLGLVSRQLELOLSHUDUHHIXQ]LRQDOL
,QWHUYLVWHDGLQIRUPDWRULSULYLOHJLDWL
,QWHUYLVWDDGXQRSHUDWRUHGHO&HQWUR/DYRUR0LODQR1RUGJLj&HQWUR/DYRUR
Marco Biagi).
'RWW&DUERQHUDH'RWW$PLFL4XDUWR/DERUDWRULR0LODQR0HWURSROL
8I¿FLR/DYRUR&LWWjGL0LODQR
27
Operazioni di ricerca avanzate
Interviste alle donne con figli iscritti a micronidi, nidi, scuole materne ed elementari Interrogativi di
YPJLYJHZWLÄJPJP
/¶DFFHVVRDOVHUYL]LRFRQGL]LRQDOHRSSRUWXQLWjODYRUDWLYHGHOOHPDGUL"
4XDOH OD YDOXWD]LRQH GHOOD TXDOLWjXWLOLWj GHO VHUYL]LR" 'HOOD IDFLOLWj GL
accesso?
4XDOL VHUYL]L DOWHUQDWLYL HR DJJLXQWLYL VDUHEEHUR XWLOL SHU LQFHQWLYDUH
agevolare l’ingresso nel mondo del lavoro?
28
CAPITOLO 3
Analisi delle fonti e
delle azioni correlate
Borsa immobiliare di Milano - OSMIBORSA
Analisi della variazione dei prezzi di compravendita degli immobili dal 91 ad oggi
Camera di commercio di Milano, registro delle imprese
&HQVLPHQWRGHOOHLPSUHVHXQLWjORFDOLSUHVHQWLQHOTXDUWLHUHLQVHULHVWRULFD
5LFRVWUX]LRQHGHOODSHUFHQWXDOHHWLSRORJLDGLLPSUHVHLPPLJUDWH
Tipo di settore economico, numero addetti e distribuzione territoriale.
Centro Lavoro Milano Nord (già Centro Lavoro Marco Biagi)
7UDLHWWRULHHVFHOWHIRUPDWLYHODYRUDWLYHGHLJLRYDQL
(YROX]LRQHHUHOD]LRQLWUDGRPDQGDHRIIHUWD
Comune di Milano, Sistema Informativo Censimenti (S.I.Ce)
'DWLVXOO¶RFFXSD]LRQHIHPPLQLOH
'DWLVWUDWL¿FD]LRQHGHOODSRSROD]LRQH
6SRVWDPHQWL FDVD VWXGLRODYRUR JLRUQDOLHUL SHU FODVVL GL HWj WHPSR LPSLHJDWR PRWLYR GL VSRVWDPHQWR
mezzo impiegato
Comune di Milano, Sistema Informativo Infanzia e Adolescenza (S.I.A.)
(YROX]LRQHGHOODGRPDQGDGLLVWUX]LRQH±6FXRODSULPDULDHVHFRQGDULDGLSULPRJUDGR±%DFLQLG¶XWHQ]D
±$QQRVFRODVWLFR
3HUFHQWXDOHGLPLQRULLQFDULFRDVHUYL]LVRFLDOL
3HUFHQWXDOHGLPLQRULLVWLWX]LRQDOL]]DWL
3HUFHQWXDOHGHLPLQRULDOORQWDQDWLGDOOHIDPLJOLH
%XOOLVPRD0LODQR5LOHYD]LRQHGHOIHQRPHQRGHOEXOOLVPRQHOOHVFXROHHOHPHQWDULHPHGLHFKHKDQQR
DGHULWRDO3URJHWWR³6WRSDO%XOOLVPR´
Corriere della Sera, Corriere Milano: archivio
&URQRORJLD DUWLFROL GL FURQDFD HYHQWL VSHFL¿FL H DUWLFROL GL FRVWXPH 3HULRGR GL LQWHUHVVH GDO DG
oggi
Intervista a testimoni privilegiati di ASSET, Gruppo Aler Milano Iniziative e Sviluppo, società
immobiliare
5LFRVWUX]LRQHFURQRORJLFDGHJOLLQWHUYHQWLHGLOL]LHGLULJHQHUD]LRQHXUEDQDVXOTXDUWLHUH
Analisi dei nuovi interventi in programma e delle nuove visioni di investimento
Intervista operatori economici della GDO (Essselunga Certosa, Uci Cinema, Coop Lombardia,
Standa)
9DOXWD]LRQLVXOO¶DFFHVVLELOLWjDSSHWLELOLWjGHOTXDUWLHUH
&KHVHUYL]LKDQQRDWWLYDWR"6RQRLQUHOD]LRQHFRQUHDOWjGHOWHUULWRULR"
Intervista soggetti privilegiati del terzo settore sia volontarie (es Assoge20, Quarto Oggiaro
Vivibile, Circolo territoriale ACLI..) che professionali.
3HUFH]LRQHVXOOHULFDGXWHGHOO¶LQWURYHUVLRQHGHOTXDUWLHUH
3HUFH]LRQHVXLÀXVVLVRFLDOLHODVHJUHJD]LRQHVFRODVWLFD
Elenco progetti economici con ricadute positive in ambito sociale e vice versa
5LFRVWUX]LRQHGHLVHUYL]LGLVXSSRUWRDOOHGLYHUVH³IDVFH´GLSRSROD]LRQHJLRYDQLDGXOWLDQ]LDQLJHQLWRUL
VRJJHWWLGLYHUVDPHQWHDELOLRFFXSDWLGLVRFFXSDWL
Evoluzione del rapporto con i decisori pubblici e le istituzioni
3HUFH]LRQHGHJOLHIIHWWLGHOOHWUDVIRUPD]LRQLXUEDQHVXLORURDPELWLG¶LQWHUYHQWR
30
Intervista a testimoni privilegiati delle Forze dell’Ordine (Maresciallo dei Carabinieri di Quarto
Oggiaro, Comandante della polizia locale del quartiere, Vigili di quartiere)
PDSSDGHOODFULPLQDOLWjHFRUUHOD]LRQLFRQVYLOXSSRHFRQRPLDIRUPDOHLQIRUPDOH
numero inadempienti l’obbligo scolastico
IRER. 2007. “I bisogni delle famiglie nelle periferie metropolitane”, Osservatorio regioanle
sull’esclusione sociale città e famiglia.
5DFFROWDHFRPPHQWRGDWLGHPRJUD¿FLGHO&HQVLPHQWR
Laboratorio di Design dei servizi del Politecnico di Milano, Dipartimento Indaco.
,QWHUYLVWD D SURIHVVRU (]LR 0DQ]LQL 5HVSRQVDELOH GHO /DERUDWRULR GL 'HVLJQ GHL VHUYL]L H DQDOLVL GHL
progetti degli studenti
Milano Incompiuta, a cura di Bolocan Goldstein e Bonfantini, (FrancoAngeli, 2007)
5LFRVWUX]LRQHFURQRORJLFDGHJOLLQWHUYHQWLHGLOL]LHGLULJHQHUD]LRQHXUEDQDVXOTXDUWLHUH
msrmilano.com
5LFRVWUX]LRQHVWRULDGHOODPRELOLWjSXEEOLFDPLODQHVH
PRIN “La città Pubblica come laboratorio di progettualità”, Ricerca coordinata dal Prof.
,QIXVVL 3ROLWHFQLFR GL 0LODQR 'LSDUWLPHQWR GL $UFKLWHWWXUD H 3LDQL¿FD]LRQH 5LFRVWUXLUH OD
storia dell’edilizia pubblica
5LFRVWUX]LRQHGHLSURJHWWLGLULTXDOL¿FD]LRQHGDODGRJJL
Provveditorato agli studi
Tasso di abbandono scolastico
Numero alunni, classi e posti
Numero alunni stranieri
Intervista a campione di istituti elementari, medi e superiori
Quarto Oggiaro, una guida, elaborato intermedio della ricerca PRIN “La città Pubblica come
laboratorio di progettualità” coordinata a Milano dal Professore Francesco Infussi.
,GHQWL¿FD]LRQHGHLFRQ¿QL
5HSHULPHQWRHFRQWDWWLDVVRFLD]LRQL
Immagine che associazioni hanno del quartiere
5LFRVWUX]LRQHSURJHWWLGLULTXDOL¿FD]LRQHDWWLYLVXOTXDUWLHUH
0DSSDWXUDGHOOHUHDOWjDVVRFLDWLYHHGHOWHU]RVHWWRUH
0DSSDWXUDVHUYL]LSHUO¶LQIDQ]LD
Scenari immobiliari
Andamenti dei prezzi medi di vendita e dei canoni di locazione nelle aree centrali, semicentrali e
SHULIHULFKHGL0LODQR
Spazi di relazione per lo sviluppo locale, Bando Coesione Sociale
$QDOLVLGHLVRJJHWWLSDUWHFLSDQWLLGHQWL¿FD]LRQHGHJOLDWWRULHLQWHUYLVWHDWHVWLPRQLTXDOL¿FDWL
8I¿FLRVFRODVWLFRSHUOD/RPEDUGLD
Scuole presenti nel quartiere
Numero di alunni e di classi presenti per scuola
31
3HUFHQWXDOHGLDOXQQLVWUDQLHULSUHVHQWL
Tasso di abbandono scolastico
Università Bocconi (documenti di lavoro)
6HQQ /$LUROGL$ ³,PSUHVH ,O VLVWHPD SURGXWWLYR GHOO¶DUHD 8UEDQ´ 8QLYHUVLWj %RFFRQL &HQVLPHQWR
delle imprese area interessata da Urban
)LRUHQWLQL*XJLDWWL%DOGDVVDUUH0DUVLOLR³,ELVRJQLVRFLDOLHODGRPDQGDGLVHUYL]LHLQWHUYHQWLQHOO¶DUHD
8UEDQ,,GHO&RPXQHGL0LODQR´5LFHUFD&(5*$6
Urban II, Programma di Iniziativa Comunitaria
%DQGR8UEDQ0LODQRSHUORVYLOXSSRGHOO¶LPSUHQGLWRULDVRFLDOHLQGHWWRGD³4XDUWR/DERUDWRULR´±0LODQR
Metropoli
³5HSRUWGHOO¶LQGDJLQHVXOO¶RSLQLRQHGHLFLWWDGLQLULVSHWWRDOODFRQGL]LRQHGHLVHUYL]LHGHOOHVWUXWWXUHSUHVHQWL
QHOO¶DUHDLQFXLqDWWLYRLOSURJUDPPD8UEDQ,,HGLDOFXQLDVSHWWLGHOODYLWDTXRWLGLDQD´
32
CAPITOLO 4
Linea temporale
La linea temporale è uno strumento di analisi grazie al quale è possibile
registrare in ordine cronologico i progetti realizzati e in corso di
realizzazione, anche suddividendoli per tipologia. Nella linea temporale
che abbiamo preparato il punto di osservazione privilegiato è Quarto
2JJLDUR PD DEELDPR LQFOXVR DQFKH L SURJHWWL H OH WUDVIRUPD]LRQL
ORFDOL]]DWL QHOOH DUHH OLPLWURIH H TXHL SURJHWWL PLODQHVL FKH LSRWL]]LDPR
DEELDQRDYXWRRDYUDQQRLQIXWXURLPSRUWDQWLLPSDWWLVXOTXDUWLHUH
$ TXHVWH LQIRUPD]LRQL YHUUDQQR DJJLXQWL WXWWL TXHL GDWL ULJXDUGDQWL L
principali eventi di cronaca, l’andamento del mercato immobiliare, le
WUDVIRUPD]LRQL VRFLRGHPRJUD¿FKH H L GDWL GHO PHUFDWR GHO ODYRUR FKH
verranno acquisiti e rielaborati nel corso della ricerca.
Anche attraverso l’uso di questo strumento, come dell’insieme dei
PHWRGL GL LQGDJLQH SUHVHQWDWL LQ TXHVWR VWXGLR GL IDWWLELOLWj O¶LSRWHVL GL
ODYRURGDYHUL¿FDUHqFKHLQFURFLDQGRODOHWWXUDWUDVYHUVDOHGHLSURJHWWL
FRQOHWUDVIRUPD]LRQLGHOODVWUXWWXUDVRFLDOHHGHOPHUFDWRLPPRELOLDUHVL
possa dare un contributo all’interpretazione delle relazioni tra coesione
sociale e crescita economica.
34
1950 1960 1970
Quarto Oggiaro
quartiere comunale Boccioni
INA Casa via Orsini
quartiere Comunale Cogne
INA Casa Vialba I
Vialba II
quartiere comunale Quarto Oggiaro
Vitalba III
IACP
Bov
Sgomber
via Emilio Bi
Linea 33
Durante Roserio
Linea 6
Cairoli Roserio
Aree limitrofe
Linea 33
Loreto Roserio
Milano
35
Linea temporale
Legenda
interventi edilizi
progetti di riqualificazione sociale
interventi funzioni straordinarie
progetti mobilità
eventi di cronaca
apertura attrattori commerciali
Quarto Oggiaro
19801950 19901960 20001970 20101980
quartiere comunale Boccioni
Vitalba III
INA Casa via Orsini unità residenziale a Vialba
quartiere comunalequartiere
Cogne IIComunale Cogne
IACP
INA Casa Vialba I
Bovisasca-Cerkovo
Vialba II
quartiere
comunale Quarto Oggiaro
Variante Euromilano
approvata
esselunga Certosa
PRU Palizzi
POR
Abitare a Milano 2
Urban 2
Vitalba III
IACP
Bovisasc
Bando Coesione Sociale
Nasce la prima Banca del Tempo
Sgombero
via Emilio Bianchi
UCI Cinema Certosa
Sgombero
via Emilio Bianch
Linea passante
Riqualificazione Stazione Quarto Oggiaro
Aree limitrofe
Linea 19
Roserio Negrelli
Linea 33
Sire Raul Roserio
Linea 33
Loreto Roserio
Linea 19
Roserio Cantù
Linea passante
Linea 33
Durante
Roserio
Stazione
Certosa
Linea 6
Cairoli Roserio
Centro Commerciale Metropoli
Bovisa Politecnico
Progetto Rho Pero Fiera
Milano
Progetto Passante
Linea temporale
Legenda
interventi edilizi
progetti di riqualificazione sociale
interventi funzioni straordinarie
Linea 12
Molise
progetti mobilità
eventi di cronaca
apertura attrattori commerciali
EXPO 2015

Documenti analoghi