Traduzione del progetto in italiano

Commenti

Transcript

Traduzione del progetto in italiano
Progetto Vembarali
Proposto ad ASSEFA Italia: febbraio 2012
Sostegno ai piccoli contadini marginali dell’area di Natham (Tamil Nadu, India)
per la commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli
1. Situazione di partenza
Natham è una delle aree semiaride a nord di Maturai. E’ circondata da colline e gode di un clima
favorevole. La popolazione è costituita prevalentemente dalla “Comunità Muthuraja”, semitribale,
che pratica l’agricoltura e l’allevamento. Date le buone condizioni climatiche, i prodotti agricoli
principali sono: cocco, mango, tamarindo, limoni, uva spina, papaya e altri. Negli spazi tra gli alberi
vengono coltivate verdure a breve maturazione.
I contadini sono penalizzati dal basso prezzo di vendita dei loro prodotti, a causa del passaggio
attraverso gli intermediatori (a volte anche 2) che fanno aumentare il prezzo al consumatore, ma
sono poco remunerativi per il produttore.
Per venire incontro a questo problema, ASSEFA propone di impiantare nell’area di Natham uno
stabilimento per la lavorazione dei prodotti agricoli. In questo modo si evita il ricorso agli
intermediatori e il prodotto lavorato, con il suo valore aggiunto, può essere commercializzato nella
zona circostante dando un ricavo maggiore.
Lo stabilimento sarà situato in un terreno appartenente ad una comunità ASSSEFA nel villaggio di
Vembarali. Motivi della scelta: collocazione centrale, facile accessibilità, disponibilità di elettricità
e di acqua.
2. Prodotti a base di mango:
Nella prima fase ci si propone di preparare il succo di mango dai frutti grezzi, di confezionarlo in
bottiglie di PET e di commercializzarlo nelle zone vicine, dove la domanda è abbastanza alta
durante tutto l’anno.
I contadini coltivatori di mango saranno inseriti in gruppi, uno per ogni villaggio, che raggrupperà
tutte le persone interessate. Ogni gruppo sarà incoraggiato ad organizzare incontri e discussioni sui
metodi e le esperienze di coltivazione. ASSEFA, se necessario, organizzerà, in collaborazione con
ASSEFA Community College e con il dipartimento di Orticoltura, dei corsi di formazione
riguardanti:
• reperibilità di varietà di piantine di mango
• piantagione e coltivazione degli alberelli
• difesa da insetti e parassiti
• uso di fertilizzanti, inclusi quelli organici
• uso dell’irrigazione a goccia nelle coltivazione orticola
In caso di necessità i contadini prescelti saranno condotti in altre aree, dove i mango vengono
coltivati in modo efficiente.
In ogni gruppo si incoraggerà uno dei contadini più avanzati a ricoprire il ruolo di leader e a guidare
gli altri per garantire allo stabilimento la qualità dei frutti.
In genere la preparazione del succo di mango richiede:
• la selezione di frutti di buona qualità
• la preparazione della polpa e la sterilizzazione
• la diluizione della polpa
• l’aggiunta di zucchero e di altre sostanze
• la lavorazione
• il controllo della qualità
• il riempimento delle bottiglie
• la commercializzazione
Nella fase iniziale si prevede di lavorare 5000 kg di mango al mese.
3. Processo di produzione del succo di mango
La preparazione del succo di mango comporta le seguenti fasi:
• provvista del frutto grezzo
• lavorazione della polpa
• diluizione con acqua al 20%
• aggiunta di zucchero e di altre sostanze
• sterilizzazione (90° C per 30 min.)
• imbottigliamento in PET da 80 cc
•etichettatura
• immissione nel mercato
4. Investimento richiesto
Numero
d’ordine
1
•
Dettagli
2
•
Costruzione
dell’edificio
Impianti e macchinari
3
•
Capitale impiegato
Unità
In Rs
2856 piedi q.
3,200,000
1 completo
1,315,000
Costo
mese
al
Total
Tasso di cambio Euro 1 = Rs 65
175,000
4,690,000
In Euro
Note
49,230.77 Vedi
allegato 1
20,230.77 Vedi
allegato 2
2,692.31 Vedi
allegato 3
72,153.85
5. Durata del progetto
Il progetto può essere completato entro un anno dall’ottenimento del finanziamento richiesto.
6. Vantaggi attesi
Questo progetto porterà ai piccoli contadini marginali, principalmente semitribali, appartenenti alla
comunità “Muthuraja” i seguenti vantaggi:
• lo scambio di conoscenze ed esperienze tra i contadini appartenenti al gruppo porterà ad un
aumento della produzione di mango e della produttività della coltura.
•I contadini, evitando gli intermediatori, venderanno i loro prodotti a prezzi più elevati di quelli che
ottengono ora.
• la gioventù locale avrà opportunità di lavoro nello stabilimento alimentare
• il successo dell’intervento motiverà altri coltivatori di alberi da frutto a seguire questo esempio e a
migliorare la loro situazione.
Allegato 2
Budget per impianti e macchinari
N°
Dettaglio
ordine
1
Vasca di miscelazione – 250 litri
2
Bollitore – 250 litres
3
Serbatoio per la conservazione –
250 litri
4
Imbottigliamento e chiusura semi
automatica
5
Caldaia a vapore da 200 kg
Quantità
Budget in Rs
1
2
1
30,000
230,000
30,000
1
200,000
1
190,000
6
7
8
9
10
11
Omogeneizzatore – 500 l.
Attrezzatura per test di laboratorio
Macchina per la polpa di mango
Cilindro per le etichette
Impianto elettrico
Generatore – 10 Kw
Totale
1
1 set
1 no
1 no
1 set
1 no
170,000
25,000
40,000
75,000
75,000
250,000
1,315,000
Allegato 3
Impiego di capitale per la lavorazione di 5000 kg/mese
Numero
Dettagli
d’ordine
1
Costo dei mango
2
Costo di zucchero ed altri
componenti
3
Bottiglie PET con tappi
4
Etichette e scatole di cartone
5
Costi di trasporto
6
Combustibile ed Elettricità
7
Salari dei lavoratori
8
Costi di amministrazione
9
Costi di promozione commerciale
Totale
Budget in Rs
30,000
25,000
55,000
5,000
10,000
5,000
30,000
5,000
10,000
175,000

Documenti analoghi

Traduzione del progetto

Traduzione del progetto  rendere  coltivabili  le  terre  abbandonate/improduttive  mediante  programmi  di  irrigazione  (raccolta  dell’acqua piovana, utilizzo efficiente dell’acqua grazie a moderne tecnologie di distr...

Dettagli