Sistema tecnologico di SELF-CARE nel giocatore d`azzardo

Commenti

Transcript

Sistema tecnologico di SELF-CARE nel giocatore d`azzardo
Sistema tecnologico di SELF-CARE nel giocatore d’azzardo patologico
Nicola De Pisapia, PhD
Università Degli Studi di Trento
Neocogita srl
Funzioni cognitive compromesse
›
La ricerca più recente nelle neuroscienze
cognitive sta mostrando come in persone
affette da ludopatia le capacità di controllo
cognitivo e le funzioni esecutive – legate alla
corteccia prefrontale - risultino ridotte.
›
Queste funzioni compromesse concernono la
capacità di:
›
(1) organizzare azioni in sequenze gerarchiche
di mete ed obiettivi;
(2) spostare in maniera flessibile l'attenzione
su informazioni rilevanti;
(3) attivare strategie appropriate;
(4) inibire risposte non adeguate.
›
›
›
Obiettivi del progetto
›
Obiettivi del progetto SELF-CARE per il gambler sono:
›
(1) Fornire al gambler la possibilità di monitorare continuamente il suo livello
di arousal emotiva e di attività di gioco attraverso sensore psicofisiologico.
›
(2) Fornire al gambler la possibilità di allenare le sue capacità di controllo
emozionale e funzioni esecutive attraverso protocolli validati da un punto di
vista neurocognitivo
›
(3) Fornire al gambler la possibilità di supporto a distanza attraverso un
monitoraggio del SELF-CARE da parte del terapeuta.
Architettura del sistema Self-Care
Analisi del terapeuta
Data Analytics of Gambling
Internet
Data Tracking
Internet
Training
Feedback
Bluetooth
Bluetooth
Utente singolo
Neuroplasticità
Raccolta dati
Grazie!
Sistema tecnologico di SELF-CARE nel giocatore d’azzardo patologico

Documenti analoghi

Intervista a Cesare Guerreschi

Intervista a Cesare Guerreschi RISPOSTA: Il giocatore d’ azzardo patologico solitamente non riesce a separarsi dal gioco se non per brevi periodi di tempo; conseguentemente, la frequenza di gioco è elevata anche per l’illusione ...

Dettagli