clicca qui - Consulcesi

Commenti

Transcript

clicca qui - Consulcesi
180
MILA
EURO
ESENTASSE
402
MILIONI
GIÀ RICONOSCIUTI
A I
CLVII
|
NEWS
N O S T R I
M E D I C I
Specialista ‘78-2006?
Tieni d’occhio il tuo rimborso.
Non aspettare il prossimo anno,
l’ultima azione del 2015 parte il 20 novembre.
A costi ridotti per OMCeO, Sindacati e Enti convenzionati.
ING
BREAK
NEWS
STORICA SENTENZA DELLA CASSAZIONE PER I NOSTRI MEDICI
SI APRE IL NUOVO FRONTE DEI RIMBORSI
ANCHE PER GLI EX SPECIALIZZANDI ‘78-1982
Numero verde
800.122.777
www.consulcesi.it
www.consulces
si.iit
,
&

IRREGOLARI 3 MUTUI SU 4:
METTI IN TRAPPOLA
LA TUA BANCA
RECUPERA
FINO A 80.000 euro
OGNI 200.000 EROGATI
Per i mutui e i finanziamenti stipulati dal 2003, in base alla delibera CICR n. 286, la pubblicità ingannevole
è illegale, così come l’usura e la capitalizzazione degli interessi passivi (anatocismo): irregolarità manifeste
delle quali si sono rese colpevoli, negli ultimi anni, le banche. Oggi puoi ottenere il giusto rimborso.
Per un’analisi completa e totalmente gratuita della tua documentazione,
i nostri 350 consulenti legali sono sempre a tua disposizione.
O vinci o non perdi:
inclusa la garanzia
zero rischi
Si trova un accordo
con la banca in 6/8 mesi
nel 45,8% dei casi*
Studio di
fattibilità gratuito
e non impegnativo
* Fonte: Ministero della Giustizia
Numero verde
www.consulcesi.it
800.088.278
O R IA
LE
EDIT
Massimo Tortorella
CEO Consulcesi Group
FORMAZIONE, TUTELA LEGALE,
CONVENZIONI ESCLUSIVE:
SOLUZIONI A 360° GRATIS CON
CONSULCESI CLUB
AL VIA LE NUOVE AZIONI
DI RIMBORSO IN DIFESA
DEI CAMICI BIANCHI
E
sistono sfide che il singolo medico non può affrontare da solo. Consulcesi
è da oltre vent’anni al fianco dei camici bianchi per sostenerli in queste
battaglie e vincere. È già successo nei confronti dello Stato: solo con noi
gli ex specializzandi hanno ottenuto il riconoscimento di oltre 402 milioni e sui turni massacranti siamo stati i primi a mettere in campo azioni concrete
a tutela di medici spremuti da orari di lavoro insostenibili. Ora si è aperto un nuovo
grande fronte con i risarcimenti per tutti i medici specialisti dal 1978 al 1982,
ampliando l’opportunità di ottenere giustizia a tutti coloro che hanno iniziato
la specializzazione dal 1978 al 2006. Con la sentenza della Cassazione che ha
dato ancora ragione a Consulcesi si apre la strada per una nuova azione a tutela di
un diritto negato ai nostri camici bianchi. Ci sono tanti fronti caldi - vecchi e nuovi dove il nostro team di avvocati e consulenti legali, il più grande d’Europa, è pronto
a sfoderare la professionalità, la competenza, la determinazione e la forza necessaria. Sono le armi che useremo anche per tutelare quegli oltre 4mila medici che
hanno deciso di sfidare gli istituti di credito e contrastare vere e proprie “ingiustizie
bancarie”. Un numero già grande, ma che cresce di giorno in giorno perché, come
avevamo preannunciato, quella bomba è esplosa: le ingiustizie bancarie, soprattutto i mutui irregolari (tre su quattro sono fuorilegge) stanno spingendo numerosi
medici, ma non solo, a verificare la loro situazione per “farla pagare” finalmente
agli istituti di credito. Con il nostro supporto si possono recuperare fino ad 80mila
euro ogni 200mila di finanziamento. Vale la pena, insomma, chiedere una nostra
consulenza gratuita per analizzare mutuo e finanziamento. Consulcesi non è solo
il “braccio legale” degli oltre 70mila medici che tuteliamo. Siamo ormai un punto di
riferimento nel panorama sanitario grazie agli accordi, sempre più numerosi e sempre più stretti, con OMCeO, Enti, Associazioni e Società Scientifiche, ma abbiamo
anche raggiunto grande considerazione in ambito istituzionale, sollecitando e condividendo con tutti gli schieramenti politici le soluzioni migliori e più efficaci per una
professione, mai come in questo periodo, così sotto attacco e bisognosa di “cure” e
attenzioni. Attenzioni che riserviamo ai medici che fanno parte di Consulcesi Club.
Solo con noi - gratuitamente - si può accedere ad un mondo di servizi, soluzioni,
tutele e plus per la professione e la vita privata. Vantaggi e punti di forza per aumentare il numero di pazienti grazie ad App MyDott o sfruttare la massima protezione
grazie alla tutela legale garantita dalla sinergia con il gruppo DAS Generali. Ma c’è
anche un altro plus che viene riservato solo a chi entra in Consulcesi Club: la possibilità di completare l’accreditamento ECM in maniera fruibile, veloce, semplice
e anche più interessante grazie al catalogo di corsi FAD più ricco del web e all’innovazione dei “Film Formazione”. Mancano poche settimane alla fine dell’anno e
tutti i medici hanno l’obbligo di completare i crediti ECM. Con Consulcesi Club la
formazione diventa un film, con il lungometraggio “e-bola”, che ha riscosso il plauso
e l’interesse di istituzioni internazionali e della stampa di tutto il mondo e con i nuovi
prodotti cinematografici Made in Hollywood. Ma le innovazioni proseguono anche
sul filone dell’interattività con i corsi Paziente Virtuale o con i Corsi di Lingua Video. La rivoluzione arriva dal grande schermo, ma vi assicuriamo che è solo una
delle tante novità che stiamo preparando, come sempre, solo per voi. O
Massimo Tortorella
CEO Consulcesi Group
|
3
SCARICA LA NUOVA APP
LE NUOVE AZIONI DI RIMBORSO
PARTONO IL 20 NOVEMBRE
NEWS
OTTOBRE 2015
10
CONSULCESI NEWS
Anno 2° n. 3° Ottobre 2015
Iscr. Tribunale di Roma n. 13 del
13/02/2014
Periodicità: trimestrale
I NOSTRI RIMBORSI VANNO SEMPRE “ASSEGNO”
6 Sempre più convenzioni, sempre più vicini ai medici di tutta Italia
8 Dalle principali testate alle vostre voci: storie di grandi successi
Editore:
Consulcesi Sanità nel Diritto S.r.l.
Via Giacomo Peroni 400, 00131 • Roma
numero verde: 800 122 777
Tel. 06.45218225
[email protected]
SPECIALISTI ’78-2006: DA OGGI SI APRE ANCHE IL NUOVO FRONTE ’78-1982
10 Ddl: dallo Stato semaforo verde per l’accordo transattivo
11 Palazzo Chigi: anche il Premier riconosce il pagamento effettuato ai medici
12 Cassazione: rimborsi anche per chi ha iniziato la specializzazione dal 1978
Direttore Responsabile
Ciro Imperato
Direttore Editoriale
Marco Blefari
TURNI MASSACRANTI
Coordinamento Redazionale
Cesare Buquicchio
14 ,QXQDQQRJLjPLODULFRUVLSHURWWHQHUHÀQRDPLODHXUR
15 Il senatore D’Ambrosio Lettieri: «Autostrada spianata per chi fa ricorso»
Redazione
Arnaldo Iodice
Chiara Stella Scarano
INGIUSTIZIE BANCARIE E MUTUI IRREGOLARI
Rubriche legali
Avv. Eleonora Galterio
Avv. Valentina Palazzo
Avv. Flavio Valerio Rango
Avv. Francesca Sabeni
16 6ÀO]DGLFRQGDQQHSHUOHEDQFKH 5HFXSHUDÀQRDPLODHXURRJQLPLODHURJDWL
18 Il sondaggio: il 72% dei medici non sa che tre mutui su quattro sono irregolari
PARTONO LE NUOVE AZIONI LEGALI
20 Tfr sottostimato, occhio alla liquidazione
Pensioni, bocciata la legge Fornero: arrivano i rimborsi
Docta Comunicazione
21 Dieselgate: la Volkswagen fa marcia indietro
Direttore Generale
Edoardo Pantano
RLVFKLRUDGLRORJLFRLQGHQQLWjSHUWXWWHOHTXDOLÀFKH
La Cassazione dice no alle trattenute sulle trasferte
Direttore Esecutivo
Axel Baccari
Project Manager
Joel Palumbo
Coordinamento team creativo
Matteo Mastrogiacomo
Progetto grafico ed impaginazione
Filomena Miranda
Grafica adv
Filomena Miranda
Stampa
D’AURIA PRINTING
Zona Industriale Destra Tronto
S. Egidio alla Vibrata (TE)
Tel. 0861.80401
22
SPAZIO LEGALE: GIURISPRUDENZA IN CAMICE BIANCO
22 Risarcimento per danno erariale? Solo in caso di riconosciuta colpa grave
23 Lo straordinario va pagato se autorizzato dall’azienda
Non timbra il badge: medico licenziato ma reintegrato dalla Corte d’Appello
Concorsi per dirigenti medici, dal Consiglio di Stato via libera alle stabilizzazioni
IL PENALISTA RISPONDE
24 &HUWLÀFD]LRQLPHGLFKHHUHVSRQVDELOLWjSHQDOLDWWHQWLDOOHVROX]LRQLIDFLOL
ER
TE
GRPA
IL C TIS
L
26
UB
TI ABBIAMO
RISERVATO
UN POSTO
ESCLUSIVO
CONSULCESI CLUB GRATIS E SENZA IMPEGNO
ULTIMA CHIAMATA PER GLI ECM 2015: GRATIS TUTTI I 90 CORSI FAD
28 Crediti obbligatori, conto alla rovescia
per mettersi in regola entro il 31 dicembre
30 “e-bola” sbarca alla Festa del Cinema di Roma
31 Una formazione da Oscar: in arrivo il nuovo Film Formazione con Ed Asner
28
SEMPRE PIÙ PROTETTO CON LO SCUDO LEGALE COMPLETO
32 La sicurezza della scelta migliore: solo negli ultimi mesi
32
già tutelati con noi oltre 50.000 medici
LA TUA PRIMA APP A COSTO ZERO PER AUMENTARE IL NUMERO DEI PAZIENTI
34 Con App myDott medici e pazienti sempre più connessi
36 L’innovazione che ha conquistato i media
34
CONVENZIONI ESCLUSIVE, SOLUZIONI A 360°
38 SaluteDoc: il piano sanitario per il medico e la famiglia
38
XQLFRSHULOPDVVLPRYDQWDJJLRÀVFDOH
40 Prestiti personali: quando ti serve una mano,
c’è la cessione del quinto
42 Dottcar: il noleggio a lungo termine accelera sui vantaggi
u
fo
rso
es
i di
l pe demi
ent
i
re i
um para avi ep
r
t
s
pre
ali
i gr
ttu
ti a ntual
li a egua
ve
e
eg
d
a
e
no ggiar
sia
nte
fro
?
oa
ale
i
d
n
mo
RUBRICHE
SO
NON
NO
SI
%
62,9
%
%
16,9
247
45 Aldo Lupo (Uemo): «La formazione dei medici diventa internazionale»
46 Emergenza pandemie: per 4 medici su 5 il personale non è correttamente formato
48 )XWXUD6WHP&HOOVLQWHUYLVWDDO5HVSRQVDELOH6FLHQWLÀFR'RWWVVD3LHUDQJHOD7RWWD
44
SEMPRE PIÙ CONVENZIONI
SEMPRE PIÙ VICINI AI MEDICI
DI TUTTA ITALIA
C
onsulcesi è da anni impegnata in un percorso di
avvicinamento agli OMCeO, alle Associazioni e ai
Sindacati medici di tutta Italia per dare ai camici
bianchi di ogni regione, di ogni città, la consulenza e il supporto necessario per svolgere in maniera informata,
sicura e tutelata la loro professione. Perché per ogni accordo
stretto con un Ente il team di Consulcesi si mette a completa
disposizione degli iscritti: per fornirgli ogni tipo di aiuto e consulenza relativamente ai ricorsi per ottenere il giusto rimborso p
per
n correttamente
correttamente
rrrettamente retriburetribu
retri
tri utribuu
gli anni di scuola di specializzazione non
ro iin
n più;
iù per
er lla sfera
f
d
della
dell respons
responsabilità
sabilità
à
iti; per le ore di lavoro
professionale e, dunque,
nque,
q
assicurativa; per la
assicurativa;
a formazione
formazion
ne ECM
CM
obbligatoria
o e infin
oria
infine
n per le
ne
e soluzioni
olu
l i i create
t su
s misura
i ura
ra del
d cami
camii-
ce bianco per gestire nel migliore dei modi il suo tempo libero.
Grazie a Consulcesi Club, tutto ciò avviene a costi contenuti
per gli iscritti e direttamente sul posto, faccia a faccia con il
professionista. Si tratta di un tipo di supporto che negli anni
è diventato talmente necessario che tutte le convenzioni
vengono di volta in volta rinnovate, per la grande felicità e
soddisfazione delle parti coinvolte. Gli ultimi in ordine di tempo ad essersi aggiunti alla folta schiera di Enti convenzionati
con Consulcesi sono stati l’OMCeO di Agrigento, SICO (Società
Italiana di Chirurgia Oncologica) e ASSECE (European Association off A
Aesthetic Surgery). Anche per i loro iscritti si aprono dunque le
e porte di un Club esclusivo in cui fare il medico non sarà
più un
n lavoro, ma un piacere. O
L’unione
nione fa la forza:
orza: OMCeO,
OMC
Enti e Sindacati si affidano
a Consulcesi.
azioni
onsulcesi.
s Per
si.
P
Pe loro
l
lle azion
n sono a costi ridotti,
anche
he per
p il nuovo
ovo fronte di rrimborsi agli specialisti ’78-1982
OMCeO
Roma
OMCeO
Benevento
OM
MCeO
Pallerm
e o
OMCeO
Pisa
OMCeO
Trapani
OMCeO
Massa Carrara
OMCeO
O
Oristano
Or
OMCeO
O
Viterbo
AIMS
OP
PI
OMCeO
OM
CeO
Ravenna
Rav
OMCeO
Trento
OMCe
Ce
C
CeO
Cassert
rta
OMCeO
La Spezia
OMCeO
Grosseto
OMC
MCeO
MC
Frosinon
one
OMCeO
Pistoia
OMCeO
Enna
OMCeO
Forlì-Cesena
Co.A.S. Medici
M
CIMO
Dirige
Dirigenti
Assece
6
|
AMSI
AIO
Roma
Ro
OMC
MCeO
MC
Bari
rii
A.R.C.A.
ACOI
CISL
Medici Milano
Metropoli
A.M.E.
OMCeO
Perugia
OMCeO
Savona
OMCeO
Rieti
OMCeO
Trieste
OMCeO
O
Agrigento
to
Società Italiana
Traumatologia
Dentale
Associazione
iazio
SISMED
Sic
OMCeO
Caltanissetta
OMC
CeO
Saleerno
OMCe
CeO
Catan
ania
OMCeO
Potenza
CIMOP
CIM
Collegio
Federativo
di Cardiologia
SNAMI
Sindacato Nazion
Nazionale
Autonomo Med
Mediici
ici
Italiani ddi Pisa
Sindac
acaato SU
acato
SUMAI
ASS
S
SOPROF
OF
Uniti x U
Uniree
SICO
Società Italiana
di Chirurgia
Oncologica
OMCeO
Vibo Valentia
OMCeO
Fermo
ANASTE
AN
MediCoop
SIMPe
Pe
Societàà Italiana
I
Medici
ici Pediatri
IL PIÙ GRANDE TEAM
DI AVVOCATI D’EUROPA
AL SERVIZIO DEI MEDICI
ADERISCI
ALLE
NOSTRE
AZIONI
LEGALI
SPECIALISTI ‘78-2006
TURNI MASSACRANTI
MUTUI IRREGOLARI
DIESELGATE VOLKSWAGEN
TFR SOTTOSTIMATO
ADEGUAMENTO PENSIONISTICO
RIMBORSI PER LE TRASFERTE
INDENNITÀ RADIOLOGICA
TUTELA LEGALE SUL FRONTE PENALE
OLTRE 350 AVVOCATI E CONSULENTI LEGALI PER LA DIFESA DEI TUOI DIRITTI
Consulcesi Club GRATIS
per chi aderisce all’azione legale
www.consulcesi.it
GR A TE
IL C TIS
L
PER
UB
Informati Ora
800.122.777
DALLE PRINCIPALI TESTATE
ALLE VOSTRE VOCI:
STORIE DI GRANDI
SUCCESSI
Ě
ŝĞƌĞ
ĞůůĂ
^Ğ
ƌĂʹ
Ě
͘Ž
ŶĂ
ůŽŐ
ƌ
Ϭϭϱ
Žƌ
ŝŽϮ
ĂŐŐ
Ϯϳŵ
ANNA RITA MESSA
EMATOLOGIA
Tra i primi medici ad aderire e a credere nell’iniziativa
portata avanti da Consulcesi con cui ho avuto nel
p
tempo sempre rapporti rassicuranti. Ringrazio
in
infinitamente per la professionalità e disponibilità.
CARLO ALBERTO PAOLO TERSALVI
ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Ringrazio Consulcesi per l’impegno, la dedizione e la
professionalità con cui ha seguito la mia pratica, dal
primo contatto alla splendida risoluzione.
I
l Giro d’Italia dei rimborsi targati Consulcesi non si ferma mai
e la stampa segue a ruota. Ed è grazie ai microfoni delle televisioni e alla penna dei giornalisti che chiunque può ascoltare
e leggere le parole ricche di felicità dei medici che, facendo ricorso con la realtà leader nel settore della tutela dei camici bianchi,
hanno finalmente ottenuto giustizia, incassando assegni di decine
di migliaia di euro ciascuno, completamente esentasse. Gli ultimi in
ordine di tempo sono stati gli ex specializzandi emiliani e pugliesi. E
sia la stampa locale che quella del settore sanitario hanno raccontato tutto, mostrando le facce sorridenti e registrando la contentezza e la soddisfazione di chi ha finalmente ottenuto il giusto rimborso
per anni di grandi sacrifici. Sacrifici che sempre più spesso i medici
italiani sono costretti a fare anche in corsia a causa dei turni massacranti cui sono sottoposti. Consulcesi Group è intervenuta anche
su questo problema molto sentito da tutta la classe medica, stimolando le istituzioni al fine di trovare una soluzione. E la stampa ne ha
preso atto anche in questo caso. O
8
nform
nf
orm
rrm
mati
ati Ora
at
Ora
| InfInformati
Linea
Lin
nea Dire
nne
Diretta
tta Gratu
Gr
Gratui
Gratuita
taa
800.122.777
800.12
800
.12
.122
1222.7777
777
77
MICHELE MARANO
PEDIATRIA
Ho potuto constatare nel corso del tempo di aver
avuto conoscenza di professionisti seri, che con
tenacia hanno consentito di avere ragione. Consiglio
a tutti i miei colleghi di avere la stessa fiducia.
nj
ůDĞnj
ƚĂĚĞ
ϱ
ϭ
ϮϬ
ŽŐŝŽƌŶ
Ž
ƉƌĞƐƐŽ
ŵĂŐŐŝŽϮϬϭϱ
GIUSEPPE CARUSO
REUMATOLOGIA
Ottimo e validissimo contributo, nonché
efficacia nel risolvere tutti i problemi
intervenuti. Ringrazio di cuore tutta
l’organizzazione di Consulcesi.
ETTORE SANNINO
PATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE UMANA
Ho avuto modo di ricevere un’assistenza qualificata,
capillare, continua da parte di persone altamente
qualificate, con una dimostrata esperienza in questa
delicata questione con cortesia e disponibilità.
SANITÀ: 350 MEDICI DIFFIDANO GOVERNO PER
'TURNI MASSACRANTI’
350 MEDICI DIFFIDANO GOVERNO PER 'TURNI MASSACRANTÌ Consulcesi, violata direttiva Ue su massimo
ore e minimo riposo (ANSA) - BARI, 09 LUG - «Una diffida nei confronti della presidenza del Consiglio dei
ministri e del ministero della Salute è stata notificata da Consulcesi (gruppo che si occupa della tutela legale
dei medici), in rappresentanza di più di 350 medici, per la violazione della direttiva comunitaria» sul limite
massimo di ore lavorative e «contro i turni massacranti». Lo ha spiegato all'ANSA l'amministratore delegato
di Consulcesi, Andrea Tortorella, oggi a margine della consegna a 225 medici pugliesi dei nove milioni di
Tutte le altre migliaia
igl
di testimonianze sul sito www.consulcesi.it
LUCIANO BAFFIONI VENTURI
SCIENZA DELL’ALIMENTAZIONE
Sono molto felice della conclusione positiva della causa
So
promossa e seguita con puntualità da Consulcesi. A
breve anche mio figlio si specializzerà (magari con
l’aiuto di Consulcesi e dell’assegno oggi incassato!).
|
9
ISTITUZIONI E POLITICA MOBILITATI
PER FAR RICONOSCERE I DIRITTI DEI MEDICI
B
Beatrice
Lorenzin
• Ministro
della Salute
Va trovata una
soluzione e snellito
so
l’iter per ottenere
i rimborsi per i medici
ex specializzandi.
Fe
Federico
Gelli
• Responsabile
Sanità PD
Questa è una materia
cche dobbiamo
disciplinare e che non
dis
si può lasciare in balìa delle
sentenze.
Vito De Filippo
V
• Sottosegretario
alla Salute
È in atto
un’attentissima
u
valutazione tecnica e, di
val
conseguenza, finanziaria sul
tema: senza dubbio faremo in modo
che i diritti che possono essere
riconosciuti lo siano presto.
L
Luigi
D’Ambrosio Lettieri
• Senatore FI
Il fatto che vi sia un
crescente interesse
ssul tema, anche da parte
del P
Parlamento, ci fa sperare
in un lieto fine.
ULTERIORE ACCELERATA TRA SENTENZE FAVOREVOLI E RIMBORSI
MILIONARI PER GLI EX SPECIALIZZANDI
DALLO STATO SEMAFORO VERDE
PER L’ACCORDO TRANSATTIVO
C
PER LA CASSAZIONE IL DIRITTO
È CERTO: “RISARCIMENTI ANCHE PER
CHI HA INIZIATO LA SCUOLA POST
LAUREA PRIMA DELL’83”.
LA TRANSAZIONE PREVISTA DAI TRE
DDL IN PARLAMENTO VALIDA SOLO
PER CHI AVRÀ FATTO RICORSO.
ED ORA ANCHE IL GOVERNO
HA FRETTA DI CHIUDERE
10
| Informati Ora
Linea Diretta Gratuita
800.122.777
i siamo. Pronta la soluzione definitiva del caso degli ex specializzandi, cui è
stata negata o corrisposta solo parzialmente la borsa di studio durante la scuola post laurea. Non potrebbe essere altrimenti con i Tribunali che continuano
ad emettere solo sentenze favorevoli ai medici ricorrenti, lo Stato costretto
ad aprire in continuazione le casse della Banca d’Italia ed i nuovi importantissimi risvolti
giudiziari sul caso. Una recente sentenza della Cassazione (la n.1734 del 2 settembre
2015) ha sancito che i rimborsi spettano anche a chi ha cominciato la scuola di specializzazione in Medicina prima del 1983. Questo aumenta esponenzialmente la platea
dei potenziali ricorrenti con il rischio, sempre più concreto, che l’esborso per le casse pubbliche superi abbondantemente gli attuali oltre 4 miliardi già stimati. Consulcesi dopo aver
cambiato la giurisprudenza a favore dei medici è l’unica ad esser riuscita a far riconoscere
per loro oltre 402 milioni. Contestualmente ha sollecitato il mondo politico a trovare una
soluzione, rappresentata dai tre Ddl, ora all’attenzione del Parlamento, che propongono
un accordo transattivo, valido solo per chi avrà precedentemente presentato ricorso. L’ipotesi chiesta a gran voce dai medici, che stanno firmando in migliaia la petizione
lanciata sul sito www.consulcesi.it., è fortemente accreditata anche a livello istituzionale,
per giunta in maniera bipartisan. Ed ora anche il Governo, con le recenti dichiarazioni del
Sottosegretario alla Salute Vito De Filippo, sembra pronto a chiudere la partita in linea
con i diktat del premier Matteo Renzi e del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che
vogliono eliminare tutti quei contenziosi, causati dagli errori della P.A., che fanno dell’Italia
il “Paese delle cause perse” provocando un’emorragia di fondi pubblici. O
NON ASPETTARE
IL PROSSIMO ANNO,
L’ULTIMA AZIONE DI RIMBORSO
DEL 2015 PARTE IL 20 NOVEMBRE
Renzi: «L’aumento di spesa
di Palazzo Chigi è dovuto
ai 48 milioni di euro per il
pagamento dei contenziosi
legati alle borse di studio
dei medici specializzandi»
Il premier Matteo Renzi durante il question time
sulle spese di Palazzo Chigi
«La prima voce di spesa di Palazzo Chigi è ora il rimborso dei medici ex specializzandi». A rispondere così ad una interrogazione parlamentare sulle spese del
Governo è il Premier Matteo Renzi che certifica così le migliaia di vittorie dei
camici bianchi che tra il 1978 e il 2006 hanno frequentato le scuole post laurea.
Il vero tema sulle borse di studio negate è però il rischio default a cui sono sottoposte le casse dello Stato: solo Consulcesi ha ottenuto finora vittorie per oltre 402
milioni, e i medici Consulcesi si apprestano ad infrangere l’ennesimo record che
potrebbe far arrivare quella cifra ad oltre 5 miliardi. La giurisprudenza è ormai a
favore dei camici bianchi e sentenze e liquidazione delle somme dovute arrivano
sempre più velocemente. La Presidenza del Consiglio dei Ministri contatta Consulcesi non appena arriva la notifica della sentenza per risparmiare su interessi e
more. Solo nelle ultime settimane sono stati consegnati oltre 46 milioni ai medici
(tra questi anche i 21 dell’iniziativa ”1 milione al giorno”) che hanno fatto ricorso
con Consulcesi. O
I MEDICI CHIEDONO
A GRAN VOCE
L’ACCORDO
TRANSATTIVO:
MIGLIAIA
DI FIRME PER LA
PETIZIONE
Antonio Signorelli
• Neurochirurgia, Padova
Spero che la partita si possa
chiudere al più presto, senza
continuare ad ingolfare le aule
dei Tribunali.
Vito Di Cagno
• Psichiatria, Bari
Chiedo alle istituzioni una
soluzione dignitosa, come è
appunto il rimborso proposto
dall’accordio transattivo anche
per non gravare troppo sulle
casse dello Stato.
SPESE PALAZZO CHIGI:
ANCHE IL PREMIER
RICONOSCE
IL PAGAMENTO
EFFETTUATO
AI MEDICI
|
11
SENTENZE SEMPRE
PIÙ FAVOREVOLI
ANCORA PIÙ
SPECIALISTI TUTELATI
RIMBORSI LAMPO
DALLO STATO
ACCORDO TRANSATTIVO
IMMINENTE *
IL 20 NOVEMBRE
AL VIA L’ULTIMA AZIONE
COLLETTIVA DEL 2015
* Valido solo per chi avrà fatto ricorso
prima della trasformazione in legge
dei 3 Ddl in Parlamento
BREAKING
NEWS
STORICA SENTENZA DELLA CASSAZIONE
SI APRE IL NUOVO FRONTE DI RIMBORSI
$1&+(3(5*/,63(&,$/,==$7,'$/৞০৤৥,132,
L
a recente sentenza della Cassazione (n.17434/2015) introduce una grande novità in tema di rimborsi agli ex specializzandi. La giurisprudenza sul caso delle borse di studio negate dallo Stato (violando precise direttive europee) è ormai consolidata
a favore dei ricorrenti, ma ora la Suprema Corte apre il nuovo fronte (1978-1982), stabilendo che i rimborsi spettano a tutti i
medici che hanno iniziato a frequentare la scuola di specializzazione a partire dal 1978.
Ricapitolando, quindi, ora possono fare ricorso ed ottenere il risarcimento per la mancata erogazione della borsa di studio tutti gli specialisti che hanno iniziato la scuola post laurea tra il 1978 ed il 1993.
«Nello specifico – spiegano i legali Consulcesi – la recente sentenza della Cassazione sostiene che l’esclusione degli “ante 1 gennaio
1983” non trova alcun riscontro nelle direttive comunitarie in materia e si pone in aperto contrasto con il principio comunitario della c.d.
applicazione retroattiva e completa delle misure di attuazione della norma comunitaria. Pertanto la limitazione introdotta si qualifica
come un comportamento antigiuridico nell’ambito dell’ordinamento comunitario. Essendo il rapporto del medico un rapporto di durata,
nell’ambito del diritto interno trova applicazione il principio secondo cui la norma giuridica sopravvenuta disciplina completamente il
rapporto in corso, allorché, sebbene sorto anteriormente, non abbia ancora esaurito i suoi effetti».
Secondo le stime sono quasi 180.000 mila i medici che hanno iniziato la specializzazione tra il 1978 ed il 2006. Spostando indietro le “lancette dell’orologio” – con la possibilità, appunto, di chiedere la borsa di studio negata anche prima del 1983 – si è ampliato
notevolmente il numero dei ricorrenti. Come sottolineato dal “Sole 24 Ore” (in un approfondimento post pronuncia della Cassazione)
c’è il rischio che l’esborso complessivo per le casse pubbliche salga ancora oltre i 4 miliardi già stimati: secondo il quotidiano economico
“Italia Oggi” andrebbe aggiunto almeno 1 miliardo. Un pericolo che pone l’attenzione sulla necessità dell’accordo transattivo proposto
dai tre Ddl all’attenzione del Parlamento. Questo in virtù di sentenze ormai a senso unico e la liquidazione delle somme dovute sempre
più velocemente da parte della Banca d’Italia. Una soluzione valida solo per chi farà ricorso prima della trasformazione in legge. Il 20
novembre parte l’ultima azione collettiva dell’anno di Consulcesi, che mette a disposizione oltre 350 avvocati e consulenti legali che
rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it.
12
| Informati Ora
Linea Diretta Gratuita
800.122.777
85%
dei milioni
riconosciuti con
Consulcesi
15%
dei milioni
riconosciuti
con gli altri:
Codacons, Sigm, Bonetti,
Voglio Vivere
470.500.000 € RICONOSCIUTI
AGLI EX SPECIALIZZANDI*.
402 MILIONI SOLO CON NOI.
* indagine: Sanità Informazione
Numero verde
800.122.777
www.consulcesi.it
|
13
I NOSTRI NUMERI
• 5.000 RICORSI IN 12 MESI
• 100.000 MEDICI COINVOLTI
• 80.000 EURO DI RIMBORSO A MEDICO
• 350 CONSULENTI LEGALI
NON ASPETTARE
IL PROSSIMO ANNO,
L’ULTIMA AZIONE
DI RIMBORSO
DEL 2015 PARTE
IL 15 DICEMBRE
TURNI MASSACRANTI
IN UN ANNO GIÀ 5MILA RICORSI
SOLUZIONE DEL GOVERNO: RISORSE IN FINANZIARIA PER VALORIZZARE
PROFESSIONE MEDICA. TRANSAZIONE SOLO PER CHI AVRÀ FATTO RICORSO.
O
ltre 5mila ricorsi in un anno per i turni massacranti. Le azioni collettive lanciate da Consulcesi
per la violazione della direttiva comunitaria 2003/88 hanno colto subito nel segno. Un motivo in
più per lo Stato per trovare una soluzione ad un problema che riguarda migliaia di camici bianchi
ai quali la mole di lavoro e la carenza cronica di personale non consente di poter godere del riposo
minimo di 11 ore giornaliere, previsto dalla legislazione europea. Questo, chiaramente, non permette neppure
di rispettare il limite delle 48 ore di lavoro settimanali. Una situazione sempre più critica per i camici bianchi,
che vanno avanti ormai spinti dalla coscienza e dalla professionalità, chiedendo però una soluzione al Governo.
In tal senso un segnale importante è arrivato con la riapertura, dopo anni, delle trattative per il rinnovo contrattuale: una chiara presa di responsabilità sulla necessità di porre un argine con le adeguate contromisure economiche da adottare anche mettendole a Bilancio nella nuova Finanziaria. Sono oltre 100mila i medici interessati
dal problema e, secondo una proiezione effettuata dal quotidiano “La Stampa” in un approfondimento sulla
questione, se solo la metà di questi dovesse fare ricorso, lo Stato rischierebbe un esborso superiore ai 3 miliardi
di euro. Si tratta dunque di un problema reale, tant’è che il sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo, ha
preso atto che «su questo tema c’è una specifica iniziativa dell’Europa che ha segnalato più volte al nostro Paese
questa difficoltà. Nel mondo della Sanità – spiega De Filippo – abbiamo due problemi da affrontare: il diritto
allo studio per i lavoratori del Sistema sanitario e il diritto alle ferie per il personale senza contratto a tempo indeterminato. Su questi due fronti, il Governo ha avviato un nuovo approfondimento coordinato dalla Presidenza
del Consiglio, e noi come Ministero della Salute stiamo lavorando insieme ai dicasteri della Funzione Pubblica e
dell’Economia affinché i problemi che sono stati segnalati con procedure di infrazione da parte dell’Ue vengano
risolti a breve. Anche questa difficoltà è frutto del congelamento dei contratti e del blocco del turn over che ha
LO STATO E NON
LA TUA AZIENDA
SANITARIA TI DEVE
FINO A 80MILA EURO
ESENTASSE
14
| Informati Ora
Linea Diretta Gratuita
800.122.777
LE INIZIATIVE DI CAMERA E SENATO
॑81$&52&,$7$3(5,',5,77,'(,
MEDICI. CHI FA RICORSO ORA HA
81‫ژ‬$872675$'$63,$1$7$॒
INTERVENTO SULLA LEGGE DI STABILITÀ E PRESSING
SUI MINISTRI LORENZIN E PADOAN
caratterizzato il lavoro in sanità con carichi assolutamente impropri che ora dobbiamo superare». Il mondo politico è stato
sensibilizzato sulla vicenda dei turni massacranti e la presentazione anche dell’interrogazione in Senato considerata «un
segnale importante» da parte di Andrea
Tortorella, l’amministratore delegato
di Consulcesi Group, che era seduto al
fianco dei senatori che hanno presentato
il provvedimento alla Sala Nassirya di Palazzo Madama: «Siamo i primi a chiedere
alle istituzioni di trovare una soluzione per
evitare un altro salasso alle casse pubbliche – aggiunge Andrea Tortorella – ma
come sempre proseguiamo la battaglia
per il rispetto dei diritti dei medici. Siamo
riusciti a farli valere arrivando a cambiare
la giurisprudenza a loro favore, in Italia ed
in Europa, e siamo pronti a sostenere i loro ricorsi, attraverso cui si può arrivare ad
ottenere fino a 80mila euro a medico: la
nostra ultima azione del 2015 partirà il 15
dicembre. Per questo, a loro disposizione,
ci sono oltre 350 tra avvocati e consulenti
legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 ed il sito internet www.consulcesi.it». O
Anche il mondo politico ha preso atto della sofferenza dei medici sottoposti a turni massacranti. Dopo i decisi interventi di sindacati, associazioni di categoria e direttori sanitari, sollecitati sul tema da Consulcesi, la mancata applicazione della direttiva europea 2003/88
è finita al centro dell’azione del Parlamento e del Governo e della Legge di Stabilità 2016.
Un impegno concreto, confermato anche dalla ricerca delle adeguate coperture economiche, per segnare quel momento di svolta, determinante per tutto il comparto sanitario:
l’unico della PA che non subirà ulteriori tagli. Il mancato incremento resta però motivo di
insoddisfazione tra i camici bianchi, di nuovo pronti a mobilitazioni.
«Resta un nodo fondamentale incrementare il fondo sanitario – afferma il deputato Federico Gelli, responsabile della Sanità per il Pd – anche per risolvere la questione delle risorse
umane, delle professionalità che operano all’interno del sistema è un nodo fondamentale.
Credo che il 2016 sia il momento propizio, come ho scritto nella mozione approvata in Aula
pochi mesi fa, richiamando l’attenzione del Governo a fare le scelte dovute per rinnovo contrattuale, pagamento degli straordinari ed eliminazione della precarizzazione in molti servizi delicati del nostro SSN». Forte considerazione alla problematica dei turni massacranti
anche al Senato, dove è partita una «crociata per i diritti dei medici». A definirla così è stato
il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, primo firmatario dell’interrogazione orale (atto n.301975) presentata al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e a quello dell’Economia,
Pier Carlo Padoan. Il documento, firmato anche dai senatori Piero Aiello, Emilio Floris,
Maria Rizzotti e Antonio Scavone, ha l’obiettivo di «restituire il diritto alla salute degli
operatori sanitari e – contestualmente – salvaguardare le casse dello Stato da una nuova
ondata di ricorsi che potrebbe portare a risarcimenti di diversi miliardi di euro su una stima
di 106mila dipendenti del Servizio sanitario nazionale». Nel presentare il documento presso la sala Nassirya di Palazzo Madama, il senatore D’Ambrosio Lettieri era stato chiaro: «Se
il Governo non trova una soluzione, chi presenta ricorso per la mancata applicazione della
direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro avrà davanti a sé una autostrada spianata».
Nella stessa occasione aveva anche annunciato l’intenzione di proseguire la battaglia al
fianco dei medici con una mozione, un Ddl ed un emendamento alla Legge di Stabilità. «Nel
frattempo – ha aggiunto – è necessario ripristinare i loro diritti visto che sono stati privati
del trattamento economico spettante». O
|
15
&,

MUTUI
IRREGOLARI
STUDIO DI FATTIBILITÀ
GRATUITO E LA GARANZIA
ZERO RISCHI SONO LA
COMBINAZIONE VINCENTE
RECUPERA FINO A 80MILA EURO
OGNI 200MILA EURO EROGATI
T
re mutui su quattro sono irregolari ma ora, grazie alla tutela legale di
Consulcesi e ad una giurisprudenza ormai consolidata, i clienti possono “farla pagare” alle banche. Secondo l’indagine, effettuata da uno dei
principali player del settore (la GMB Finance Solution), almeno nel 72%
dei casi, chi ne ha stipulato uno a tasso variabile, a partire dal 2003, sta pagando al
suo istituto di credito molto più del dovuto. Ora c’è la possibilità di recuperare fino
a 80mila euro ogni 200mila erogati. Dal 1° ottobre 2003, ai sensi della delibera
CICR n.286 del 4 marzo 2003, tutti gli intermediari finanziari sono infatti obbligati
a far riferimento ad un indicatore sintetico di costo (ISC o TAEG) che racchiude - in
una sola percentuale - tutti i costi connessi al mutuo (interessi annuali, commissioni,
spese di incasso, premi assicurativi). Molte banche, invece, fanno riferimento ad
un TAEG più basso rispetto a quello realmente applicato. La differenza percentuale
determina, quindi, una somma che gli istituti di credito ottengono illegittimamente
dai loro clienti, commettendo una irregolarità specifica che si chiama “pubblicità
ingannevole”. Questa irregolarità – ai sensi dell’ex 117 TUB – comporta il ricalcolo
del mutuo sulla base del tasso dei BOT, attualmente attestato allo 0,70%. Questo
per i clienti significa poter recuperare cifre enormi. Ma non è solo da questa pratica
scorretta che deve guardarsi chi chiede un prestito oltre i 50mila euro per l’acquisto
di un immobile o di qualsiasi altro bene. Spesso, infatti, vengono applicati tassi
che sforano in quelli usurari. Per verificarlo è sufficiente controllare che la somma
di tutti i costi sostenuti dal cliente non superi le soglie limite pubblicate trimestralmente dalla Banca d’Italia. Non sono calcoli semplici da fare, ma ora Consulcesi
mette in campo i suoi 350 consulenti legali e la sua esperienza di vittorie che hanno
fatto cambiare la giurisprudenza in Italia e in Europa per chi vuole indietro i suoi
soldi dalle banche e offre un’analisi completa e totalmente gratuita della documentazione. Il recupero di quanto impropriamente versato dipende dalla somma e dalla
16
| Informati Ora
Linea Diretta Gratuita
800.088.278
durata del finanziamento. In media, come
accennato, si possono riavere fino a 80mila euro ogni 200mila erogati. Per ottenere
questa cifra, peraltro, ormai sempre più
spesso non è necessario nemmeno arrivare in Tribunale. Secondo una statistica del
Ministero della Giustizia nel 45,8% dei casi, infatti, il contenzioso – quando la banca
si presenta in mediazione – si chiude con
un accordo tra la banca ed il cliente con
tempi oscillanti tra i sei e gli otto mesi. In
questa fattispecie solitamente una parte
della cifra viene restituita in contanti e il
resto viene scalato dal finanziamento in
essere: quindi la rata subisce una drastica
riduzione. Inoltre, con Consulcesi, è inclusa la garanzia “Zero Rischi”: dunque o si
vince o non si perde. Quello delle irregola-
ORA SONO LE BANCHE A PAGARE
SFILZA DI CONDANNE
rità bancarie sta diventando un tema molto sentito, una vera spina
nel fianco per gli istituti di credito. Si tratta, effettivamente, di una
situazione che riguarda da vicino molti italiani: secondo i dati Istat
sono oltre 7,5 milioni i mutui stipulati dal 2003 ad oggi con una
media annuale di oltre 400mila e con una netta predominanza di
quelli a tasso variabile, scelti dal 70% dei clienti. Tutti i cittadini e i
medici che vogliono una valutazione del proprio mutuo, e conoscere così quanto possono recuperare dalla banca, possono telefonare al numero verde 800.088.278 oppure collegarsi al sito internet
www.consulcesi.it. La realtà che ha cambiato la giurisprudenza a
favore dei medici, restituendo loro diritti e denari, metterà a disposizione oltre 350 tra avvocati e consulenti legali. O
Jimmy Ghione:
«IN BANCA SAI COME ENTRI
E NON SAI COME NE ESCI…»
Anche la nota trasmissione “Striscia La Notizia” ha affrontato spesso il tema delle “ingiustizie bancarie”. Nella sua visita a Consulcesi,
il popolare inviato Jimmy Ghione aveva ricordato le battaglie portate avanti dal tg satirico
di Mediaset. «Spesso i cittadini italiani sono
schiavi delle banche ed è difficile uscire da un ginepraio del genere: ci vorrebbe più chiarezza per i cittadini. Nessuno si sente salvaguardato quando
si entra in una banca: sai come entri, non sai come ne esci».
PER TE
CHE SEI GIÀ
NOSTRO
CLIENTE
L’ADESIONE
ALL’AZIONE
DI RIMBORSO
CON IL 25%
DI SCONTO
+ LA GARANZIA
ZERO RISCHI
O VINCI
O NON PERDI
|
17
IL SONDAGGIO:
IRREGOLARITÀ NELL’ACCESSO AL CREDITO
,/৤য়'(,0(',&,1216$&+(ৠ0878,68ৡ6212)825,/(**(
In tanti accedono al credito, pochi sanno cosa rischiano. Ma non sanno neppure che recuperare le somme indebitamente sottratte dalle
banche non è la più ardua delle imprese. I numeri che emergono da un recente sondaggio realizzato da Consulcesi sono in tal senso
eloquenti. Si parte da un dato subito significativo: l’86% dei medici ha chiesto un mutuo o un prestito per l’attività lavorativa o per la
vita privata. Solo il 28% sa però che tre mutui su quattro risultano irregolari e addirittura il 92% non è a conoscenza della possibilità di
recuperare fino ad 80mila euro per ogni 200mila erogati. Il 93% non sa neppure che nel 45,8% dei casi (fonte Ministero della Giustizia) si
evita di andare in tribunale perché le banche cercano un accordo stragiudiziale che si risolve in media tra i 6 e gli 8 mesi. C’è ad ogni modo
una diffusa volontà di intraprendere ricorsi: il 72% dei medici intervistati vorrebbe ricevere una consulenza sul proprio caso. Consulcesi,
che ha lanciato la prima azione collettiva per i medici contro le banche, è pronta a fornirla gratuitamente e senza impegno. È possibile
contattare il numero verde dedicato 800.088.278 oppure visitare il sito internet www.consulcesi.it. O
1. Nell’ambito della tua attività lavorativa
o della tua vita privata, hai mai avuto accesso
al credito bancario tramite mutui o prestiti?
SI
NO
80% 14%
3. Sei a conoscenza della possibilità
di recuperare/risparmiare tutte le somme
indebitamente date alla tua banca
per mutui/finanziamenti erogati?
SI
NO
31% 69%
2. Sapevi che da recenti indagini è emerso
che 3 mutui su 4 sono irregolari?
SI
NO
28% 72%
4. Sapevi che l’importo recuperabile
per irregolarità riscontrate sul tuo mutuo/
finanziamento può arrivare fino a 80.000
euro ogni 200.000 euro erogati?
SI
NO
8% 92%
sondaggio sommistrato a un campione di 5.000 medici
18
| Informati Ora
Linea Diretta Gratuita
800.088.278
I TURNI
MASSACRANTI
TI LASCIANO
SCARICO?
Solo per i medici violata la direttiva 88/2003 CE
che stabilisce un orario settimanale massimo di 48 ore
(compreso lo straordinario) e un periodo di riposo
giornaliero di 11 ore: l’Europa ci dà ragione.
Lo Stato – e non la tua azienda sanitaria – ti deve
fino a 80.000 € esentasse.
Non aspettare il prossimo anno,
l’ultima azione del 2015 parte il 15 dicembre.
www.consulcesi.it
Consulcesi Club GRATIS
per chi aderisce all’azione legale
Numero verde
800.122.777
PARTONO LE ALTRE NUOVE
AZIONI DI RIMBORSO
TFR SOTTOSTIMATO PER I PRIMARI: OCCHIO
AL CONTEGGIO DELLA LIQUIDAZIONE
SENTENZE UNIVOCHE DELLA CORTE DEI CONTI: CONSULCESI OFFRE UN CHECK-UP DEL
TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO E SOSTIENE I RICORSI PER OTTENERE I RISARCIMENTI
Occhi aperti sul Tfr. I primari rischiano di ritrovarsi una liquidazione di importo infe
inferiore a quella effettivamente maturata. Nonostante un orientamento ormai univoco della Corte dei Conti, ci sono infatti ancora molti
medici
ici a cui non vengono calcolati indennità e benefici nella base da
considerare
per il computo della pensione e della liquidazione dovuta.
sider
Il caso
so riguarda
rig
esclusivamente i dipendenti pubblici e sull’argomento
ci sono
precise sentenze delle sezioni regionali, e non solo, del Supreno p
mo Tribu
Tribunale Amministrativo: Corte dei Conti Campania, n. 480/2005;
Corte
dei Conti Emilia Romagna, n. 165/1998; Corte dei Conti, sez. III
e de
Pens.
s. Civ sentt. n. 65608/1991, 62372/1988, n. 59623/1986, n.
59257/1986;
59257/1986 Corte dei Conti Sardegna n. 209/1987 e Corte dei Conti,
sez. II n. 57508/1985). Nonostante questo, al termine dell’attività la-
vorativa, capita ormai sempre più spesso che i conti non tornino. Si
tratta di importi notevoli, spalmati su diversi anni di attività, e di conseguenza le casse dello Stato rischiano un altro salasso. Una situazione che riguarda da vicino migliaia di medici, ai quali Consulcesi
offre da sempre la tutela completa con la forza e la professionalità
di un Gruppo già in grado di cambiare la giurisprudenza a favore dei
camici bianchi in Italia ed in Europa. “Vogliamo porre fine a questa
ennesima ingiustizia ai danni della categoria - afferma il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella - e siamo pronti a sostenere i
diritti dei medici mettendo a disposizione i nostri oltre 350 tra avvocati e consulenti legali che rispondono alla linea diretta e gratuita
800.122.777 e sul sito internet www.consulcesi.it”.
RIMBORSI PENSIONI:
PRONTI A RECUPERARE MIGLIAIA DI EURO
LA CONSULTA HA BOCCIATO LA “LEGGE FORNERO”: ILLEGITTIMO IL MANCATO
TO
ADEGUAMENTO DELLE PENSIONI
Sono numerosi i medici che hanno chiesto a Consulcesi di predisporre i ricorsi sul caso delle pensioni dopo la sentenza (n. 70/2015) della
Consulta. In ballo ci sono migliaia di euro da ottenere dopo la bocciatura
della “legge Fornero” che bloccava la rivalutazione degli assegni previdenziali. I professionisti del camice bianco, in attesa che il Governo trovi
una soluzione, si sono rivolti alla realtà leader – con oltre 70mila medici
tutelati – che ha sempre fatto rispettare i loro diritti e che sta già predisponendo i ricorsi. Nello specifico La Corte ha dichiarato l’illegittimità
costituzionale dell’art. 24, comma 25, del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201
(Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti
pubblici), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della L. 22
dicembre 2011, n. 214, nella parte in cui prevede che: “In considerazione della contingente situazione finanziaria, la rivalutazione automatica
dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall’art.
34, comma 1, della L. 23 dicembre 1998, n. 448, è riconosciuta, per gli
20
| Informati Ora
Linea Diretta Gratuita
800.122.777
anni 2012 e 2013, esclusivamente ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo INPS, nella
misura del 100 per cento”, accogliendo le domande con riferimento
agli artt. 3, 36 – primo comma - e 38 – secondo comma – Cost. Nella
sentenza, infatti, la Corte riteneva che l’interesse dei pensionati risultasse “irragionevolmente sacrificato nel nome di esigenze finanziarie non illustrate in dettaglio” e quindi che risultassero “intaccati
i diritti fondamentali connessi al rapporto previdenziale”. Alla luce
della sentenza citata, pertanto, sono ipotizzabili azioni promosse
dai pensionati lesi dall’illegittima norma di legge, negli anni 20122013, per far valere il mancato adeguamento delle proprie pensioni,
e, quindi, richiedere le somme dovute per il mancato adeguamento.
Per i ricorsi sono a disposizione gli oltre 350 tra avvocati e consulenti
legali che rispondono alla linea diretta e gratuita 800.122.777 e sul
sito internet www.consulcesi.it.
DIESELGATE: LA VOLKSWAGEN
FA MARCIA INDIETRO
SKODA, SEAT, AUDI E PORSCHE: AVANTI TUTTA COI RIMBORSI
ll Dieselgate della Volkswagen ha attirato l’attenzione
mondiale sul motore diesel, modello EA 189, utilizzato
per alcune autovetture Euro 5 della famosa ditta tedesca e si
pensa che tale alterazione possa concernere anche altre società appartenenti al medesimo gruppo, quali Skoda, Seat, Audi e Porsche.
Negli USA stanno già fiorendo una serie di class action a tutela dei
consumatori statunitensi, mentre in Italia la procura sta indagando
su quali e quanti veicoli monterebbero il motore oggetto di alterazione. La Consulcesi ha già vagliato con i propri legali, sul piano civilistico, una serie di azioni volte alla tutela degli acquirenti dei mezzi incriminati e fra questi vi è la richiesta di recesso dal contratto di acquisto
dell’autovettura con conseguente richiesta di integrale restituzione
della somma pattuita per la compravendita, oltre interessi, rivalutazione
azione
ed il risarcimento di tutti i danni subiti a causa della
illegittima
ella condotta illegitti
del gruppo Volkswagen. Nel caso in cui la Volkswagen
richiamare
en dovesse rich
le autovetture per compiere un nuovo ciclo di omologazione ed il mezzo, a
seguito dell’intervento ripristinatorio, risultasse comunque legittimo per
la circolazione, ma declassato, Consulcesi ha valutato, altresì, l’ipotesi
di richiedere la differenza del valore del veicolo a seguito del declassamento, oltre il risarcimento dei danni patiti e patendi. Ulteriori azioni sono al vaglio dei nostri legali per assicurare la maggiore tutela possibile
agli inconsapevoli acquirenti dei mezzi truccati. Per informazioni sono a
disposizione gli oltre 350 avvocati e consulenti legali che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it
RISCHIO RADIOLOGICO:
INDENNITÀ PER TUTTE LE QUALIFICHE
LA DECISIONE DELLA SUPREMA CORTE LEGITTIMA LE RICHIESTE DI INDENNIZZO DI TUTTI
COLORO CHE OPERANO ATTORNO A RADIOLOGIA
Non è solo il radiologo a correre rischi per l’esposizione ai raggi X. Lo
ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 17757 del 07
agosto 2014. La Suprema Corte ha precisato ed interpretato la normativa in materia di indennità radiologica, in modo da ricomprendervi tutti coloro che di fatto si venissero a trovare nelle condizioni di poter subire un rischio radiologico. Per la Corte in sostanza hanno diritto
alla corresponsione dell’indennità di rischio non solo i tecnici sanitari
di radiologia medica ed i medici radiologici – come dettato dall’art.
29 del CCNL del 2004 – ma anche “il personale medico e non medico, che svolge abitualmente la specifica attività in zona controllata ed
è esposto
posto in modo permanente al rischio radiologico nella medesima misura dei radiologi”. Si tratta di una sentenza di grande importanza perché
la Corte ha compiuto un’int
un’interpretazione estensiva rispetto all’indirizzo sin
qui predominante
giurisprudenza. Porte aperte, dunque, ai ricorsi
nte della giurisp
con la possibilità di vedersi riconoscere l’indennità, a prescindere dalla
qualifica rivestita, in relazione alle peculiari posizioni di quei lavoratori
che si trovano esposti, per intensità e continuità, a quello normalmente
sostenuto dal personale di radiologia. Per i ricorsi sono a disposizione gli
oltre 350 tra avvocati e consulenti legali che rispondono alla linea diretta
e gratuita 800.122.777 e sul sito internet www.consulcesi.it.
LA CASSAZIONE DICE NO ALLA TASSAZIONE
DEI RIMBORSI SULLE TRASFERTE DEI MEDICI
IL SUMAI-ASSOPROF HA AFFIDATO I RICORSI A CONSULCESI: POSSIBILE RECUPERARE
LE TRATTENUTE DEGLI ULTIMI 4 ANNI
Gli oltre 350 avvocati e consulenti legali sono già pronti ad assistere i medici per recuperare le somme ingiustamente sottratte ai loro stipendi. Sumai-Assoprof, il principale sindacato della medicina
specialistica ambulatoriale, ha affidato a Consulcesi il compito di
promuovere azioni risarcitorie al fine di ottenere il rimborso delle
somme indebitamente trattenute dallo Stato ai camici bianchi per
lo svolgimento del loro lavoro presso ambulatori esterni al comune
di residenza. Secondo la Corte di Cassazione, infatti, il rimborso
per le spese di viaggio sostenute dal medico specialista ambulatoriale ha, in questo tipo di casi, natura risarcitoria e non retributiva. Per questo motivo è esclusa la tassabilità del risarcimento
ai fini IRPEF. “Con l’ordinanza n.6793/2015 della Suprema Corte
– spiega il segretario generale del Sumai-Assoprof, Roberto Lala –
si apre la possibilità per i camici bianchi di recuperare migliaia di euro
relativamente ai 4 anni precedenti alla data della richiesta, in caso di
erroneo assoggettamento all’imposta. Siamo pronti a dare battaglia
fornendo ai nostri camici bianchi la possibilità di essere supportati nei
ricorsi da chi ha già ottenuto grandi risultati in sede legale per il rimborso delle specializzazioni, per consentire ai colleghi di essere sostenuti
nelle azioni legali con competenza e con un impatto economico contenuto”. Per una valutazione della propria posizione e per intraprendere
l’azione, gli iscritti del SUMAI potranno rivolgersi gratuitamente alle proprie segreterie provinciali. Per ogni informazione specifica, anche gli
avvocati e consulenti legali di Consulcesi potranno comunque essere
contattati gratuitamente al numero verde dedicato 800.122.777 e sul
sito internet www.consulcesi.it”.
|
21
LO SPAZIO LEGALE
a cura dell’ Ufficio Legale Consulcesi
GIURISPRUDENZA IN
CAMICE BIANCO
ECCO LE ULTIME SENTENZE E I PARERI
LEGALI CHE INTERESSANO DA VICINO
I PROFESSIONISTI SANITARI
RISARCIMENTO PER DANNO ERARIALE?
SOLO IN CASO DI RICONOSCIUTA COLPA GRAVE
Il dirigente medico deve pagare in caso di condanna, in sede penale, per l’omicidio colposo di un paziente? La Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale per la regione Calabria con la recentissima sentenza n.
111/2015 si è espressa con assoluta chiarezza: non è dovuto nessun risarcimento per danno erariale se non
sussistono la colpa grave ed il nesso di causalità tra condotta del medico e fatto lesivo oggetto del risarcimento.
Chiamata a pronunciarsi sulla richiesta di risarcimento all’Azienda Ospedaliera di appartenenza per danno
erariale avanzata dalla Procura Regionale nei confronti di due medici condannati, in sede penale, per omicidio
colposo di un paziente, la Corte dei Conti ha affermato la necessità “di verificare se alla luce delle pronunce
penali di primo e secondo grado, le quali non si esprimono in termini di colpa grave esclusiva dei convenuti, di
univocità del nesso causale e di mancato rispetto delle linee guida, sia possibile comunque ricostruire aliunde
(in altra maniera, ndr) una configurazione di responsabilità medica tale da costituire elemento determinante
unico ed univoco del danno erariale, rappresentato dall’esborso” subito dall’Azienda.
Puoi chiedere all’avvocato Francesca Sabeni ulteriori informazioni su danno erariale, colpa grave e su tutte le
tutele legali e assicurative proposte da Consulcesi chiamando il numero verde 800122777 oppure scrivendo
alla mail [email protected]
22
| Informati Ora
Linea Diretta Gratuita
800.122.777
LO STRAORDINARIO VA PAGATO
SE AUTORIZZATO DALL’AZIENDA
Carenza di personale, blocco del turn over e continui tagli alla sanità costringono le Aziende Sanitarie a chiedere gli
straordinari ai loro medici. Capita spesso che a questo non corrisponda un’adeguata remunerazione. A tal proposito, è intervenuto
il Consiglio di Stato con la decisione n. 3194 del 24.06.2015, specificando che il pagamento è dovuto quando è stato autorizzato
dall’Azienda attraverso la nota del direttore sanitario e contabilizzate con delibera come numero di ore eccedenti l’orario normale
di lavoro. Il giudice amministrativo, richiamando il fatto che i contratti collettivi ribadiscano il carattere “meramente eventuale ed
eccezionale” del ricorso al lavoro straordinario, condiziona, dunque, il pagamento di tale lavoro ad un preventivato e motivato atto
deliberativo dell’Azienda Sanitaria, laddove ci siano condizioni e presupposti. Viene specificato, inoltre, che il lavoro straordinario
“non può essere utilizzato come fattore ordinario di programmazione, dovendo rispondere ad effettive esigenze di servizio”.
Puoi chiedere all’avvocato Eleonora Galterio ulteriori informazioni sui rapporti di lavoro e sull’applicazione dei contratti collettivi e
su tutte le tutele legali e assicurative proposte da Consulcesi chiamando il numero verde 800122777 oppure scrivendo alla mail
[email protected]
NON TIMBRA IL BADGE:
MEDICO LICENZIATO MA
REINTEGRATO
DALLA CORTE D’APPELLO
Era stato licenziato perché si allontanava dal posto di lavoro senza timbrare il badge. La Corte di Appello di Roma con la sentenza n. 31619 del
9 aprile 2015 ha giudicato però illegittimo questo provvedimento. Pronunciandosi sul licenziamento per giusta causa intimato da un ospedale
ad un dirigente medico, il secondo grado di giudizio ha stabilito l’assenza
della giusta causa di recesso per la condotta contestata (omessa timbratura) e la conseguente illegittimità del licenziamento impugnato, conferendo rilievo alla prassi aziendale, dedotta dal dirigente medico e confermata dall’istruttoria, in ragione della quale l’ospedale aveva accettato
una gestione sostanzialistica dell’orario di lavoro, svincolata dal rispetto
della timbratura magnetica ed orientata al risultato della gestione del
reparto di cui questi era responsabile. La Corte d’Appello ha, inoltre, rilevato che le condotte contestate sono contemplate dal contratto collettivo
(Contratto Collettivo Personale Dirigente Medico Dipendente Ospedali
Religiosi Classificati, IRCCS) come suscettibili di sanzione conservativa
(rimprovero o multa) e non del licenziamento. Quest’ultimo, infine, difetta
del requisito di proporzionalità rispetto al fatto contestato. L’ospedale è
stato condannato a reintegrare il dirigente e al pagamento della indennità risarcitoria di 12 mensilità.
Puoi chiedere all’avvocato Flavio Valerio Rango ulteriori informazioni sui
rapporti di lavoro e sull’applicazione dei contratti collettivi e su tutte le
tutele legali e assicurative proposte da Consulcesi chiamando il numero
verde 800122777 oppure scrivendo alla mail [email protected]
CONCORSI PER DIRIGENTI
MEDICI: DAL CONSIGLIO
DI STATO VIA LIBERA ALLE
STABILIZZAZIONI
Semaforo verde alle stabilizzazioni. La III Sezione del Consiglio di Stato con la sentenza n. 3513/2015 depositata
in data 14 luglio 2015 in tema di concorsi per dirigenti
medici, afferma che “la stabilizzazione ha la finalità di valorizzare le professionalità interne all’amministrazione e
sanare situazioni di precarietà che generano malcontento
e al contempo non è derogatoria dal principio del pubblico
concorso, in quanto eccezionale e prevedente procedure
selettive”. I Giudici di palazzo Spada hanno ritenuto fondato l’appello proposto di una Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria avverso la sentenza breve del T.A.R. Calabria
(sezione distaccata di Reggio Calabria n. 00811/2009)
riguardo il concorso a due posti di dirigente medico per ortopedia e traumatologia. Il TAR nella sentenza impugnata
ritiene che: “secondo quanto disposto dall’art. 30, co. 2
bis, del d.lgs. n. 165 del 2001 il previo esperimento della
mobilità costituisca condizione di legittimità dell’eventuale, successivo ricorso a procedure concorsuali, non derogata dalla circostanza che nella specie il concorso sia stato
bandito per la stabilizzazione di soggetti già alle dipendenze dell’Azienda con contratti a termine”.
Puoi chiedere all’avvocato Valentina Palazzo ulteriori informazioni sulle normative che regolano i concorsi e su
tutte le tutele legali e assicurative proposte da Consulcesi
chiamando il numero verde 800122777 oppure scrivendo
alla mail [email protected]
LO SPAZIO LEGALE
[email protected]
800122777
|
23
IL PENALISTA RISPONDE
Avv. Prof. Stefano M. Bortone
penalista – docente di Diritto Penale dell’Economia
CERTIFICAZIONI MEDICHE E RESPONSABILITÀ
PENALI: ATTENTI ALLE SOLUZIONI FACILI
PENALMENTE
RESPONSABILE
IL MEDICO CHE,
ATTRAVERSO IL RILASCIO
DI UN CERTIFICATO,
ATTESTI LO SVOLGIMENTO
DI UNA VISITA MAI
AVVENUTA O SINTOMI
MAI RISCONTRATI
L’
esercizio dell’attività medica prevede che al professionista sia richiesto il rilascio di un certificato.
È il caso, ad esempio, dei certificati medici per la giustificazione di un’assenza dal lavoro; di quelli destinati
a fini amministrativi, come l’esame della vista per il rilascio della patente di guida; dei certificati finalizzati
al rimborso presso enti assicurativi o, ancora, di quelli rilasciati ad uso privato. In questi e in altri casi, in
ragione del consolidato rapporto fiduciario, accade spesso che il certificato venga rilasciato in modo “informale”, ad
esempio sulla base di una semplice richiesta telefonica, in assenza fisica del paziente. Al riguardo, se da una parte è
attribuita al medico la facoltà di prescrivere farmaci anche in assenza del paziente, ad esempio nei casi di richiesta
telefonica o di reiterazione delle medesime ricette, purché vi sia almeno una precedente visita che permetta al medico
di riconoscere le attuali condizioni di salute del destinatario; altrettanto non può dirsi per il rilascio di certificati che, in
caso di contestazione, possono acquisire rilevanza penale. Il certificato medico, infatti, è considerato atto pubblico
e come tale fa fede quanto al suo contenuto, limitatamente all’attività svolta (visita) e ai fatti rilevati dal medico
(sintomatologia).
Sarà dunque penalmente responsabile (ex art 479 c.p. con pene comprese tra uno e sei anni di reclusione) il medico
che, attraverso il rilascio di un certificato, attesti lo svolgimento di una visita mai avvenuta, e quindi il controllo di un
paziente mai incontrato o la manifestazione di sintomi mai riscontrati. Identico rilievo penale è attribuito anche alle valutazioni del medico che vìolino criteri e parametri stabiliti dalla legge, o tecnicamente insindacabili, come nel caso del
falso certificato relativo alla misurazione della vista, attestante un grado del visus naturale che consenta di rientrare
nei termini prescritti.
Sono invece punite più lievemente, con pene comprese tra tre mesi e due anni (art. 480 c.p.), le falsità del
certificato riguardanti i giudizi diagnostici e prognostici: e ciò in quanto, essendo questi fondati sulle personali
conoscenze scientifiche del medico, non hanno efficacia di atto pubblico. In ogni caso, l’eventuale rilevanza penale di
un certificato medico può riguardare solo i certificati “falsi”, nei quali cioè il medico attesti consapevolmente ciò che
egli sa non corrispondere al vero (si tratta infatti di fattispecie punite solo a titolo di dolo). Ne consegue che il rilascio
di certificati medici che contengano diagnosi o prognosi inesatte a causa di un errore del medico, non è penalmente sanzionato, potendo al più rilevare a titolo di responsabilità professionale quando dal fatto derivi un danno per
il paziente (es. lesioni o morte). O
Avv. Prof. Stefano M. Bortone
24
|
Linea Diretta Gratuita
Informati Ora
800.122.777
ESCLUSIVO
PER TE GRATIS IL CLUB
SCUDO LEGALE COMPLETO
civile + penale + professionale + personale
• Tutela legale con DAS
• Pronto Soccorso Legale
• Parere Legale Professionale
• Pronto Soccorso Mediazione
NEW
NEW
NEW
FORMAZIONE A DISTANZA
• 50 ECM obbligatori nel catalogo FAD
più ricco del web con oltre 90 corsi
e i Film Formazione
MYDOTT A COSTO ZERO
• Realizza la tua prima App e aumenta
il numero dei tuoi pazienti
SERVIZI
• Sentenze professione medica
• Rassegna stampa scientifica
CONSULENZA ASSICURATIVA
• SanitAssicura - RC Professionale
• Salute Doc - Piano integrativo sanitario
TEMPO LIBERO
• Viaggiamondo - Località esclusive
• Paspartù - Personal concierge
NEW • Boscolo by The Suite Club - Hotel & Gift
CONVENZIONI ESCLUSIVE
• Dottcar - Noleggio a lungo termine
NEW • Free for You - Prestito per i medici
• Amica - Cessione del quinto
• DoctorPay - POS mobile
• Falcon Re - Immobiliare a Londra
Hai già conseguito i
50 crediti ECM
per il 2015?
Quanto ti senti davvero
protetto a lavoro?
Quanto risparmieresti
con un piano integrativo
sanitario per tutta la
famiglia?
Ti serve un prestito?
26
|
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
E se potessi aumentare i pazienti
attraverso la tua prima App?
Hai già organizzato la
prossima vacanza?
PER LA TUA PROFESSIONE
LA SOLUZIONE PIÙ SEMPLICE
ENTRA GRATIS
IN CONSULCESI CLUB
50.000 MEDICI LO HANNO GIÀ SCELTO, MANCHI SOLO TU
PER I PRIMI 3.000 GRATIS E SENZA IMPEGNO
SE NON CI CREDI, CHIAMA IL NUMERO VERDE 800.122.777
T
utte le soluzioni, gli strumenti più adeguati ed i servizi più
esclusivi. Vorrebbero averli tutti gli operatori sanitari sia
per la professione che per la vita personale. Ed infatti sono già oltre 50 mila i medici che hanno scelto Consulcesi Club. E
tanti altri sono pronti a farlo, sfruttando l’opportunità – limitata
nel tempo – di aderire gratuitamente. Un’occasione da prendere al volo per evitare di restare tra i pochi tagliati fuori. A disposizione c’è tutto il necessario per svolgere al meglio la propria
professione: scudo legale completo, formazione a distanza, consulenza assicurativa, servizi finanziari, App e nuove tecnologie,
soluzioni per il tempo libero, oltre ad un’ampia gamma di convenzioni esclusive, servizi e soluzioni fondamentali per il proprio
lavoro. A partire da App myDott, la prima applicazione personalizzata per aumentare e gestire i propri pazienti, che sull’onda
dell’evoluzione digitale che porterà oltre un miliardo di utenti
entro il 2017, semplificherà la professione ai camici bianchi e la
vita ai cittadini. Poi l’aggiornamento ECM - da completare entro
il 31 dicembre pena il depennamento dagli albi - con l’innovativa metodologia dei film formativi: a partire da “e -bola”
- già lanciato con successo e riconoscimenti internazionali
ed istituzionali in tutto il mondo - cui segue “Like a butterfly”. Si tratta di un nuovo prodotto cinematografico, realizzato sempre dalla Falcon Production di Massimo Tortorella
ad Hollywood, con protagonista Ed Asner. Il famoso attore
americano ha ottenuto in carriera prestigiosi riconoscimenti
ed, oltre ad essere il protagonista di una storia che si sviluppa attorno alla vicenda di due uomini colpiti da cancro ai
polmoni, ha prestato il suo volto per le pillole formative che
arricchiscono la pellicola, erogando crediti ECM.
In aggiunta la protezione legale completa con la collaborazione di DAS (Gruppo Generali). Senza dimenticare la
consulenza assicurativa, i servizi finanziari e una infinità di
soluzioni per professione e tempo libero. Ecco, dunque, cosa
significa fare parte di Consulcesi Club. O
Sapevi che la Rc professionale
per i dipendenti pubblici
è obbligatoria?
Conosci i vantaggi del
noleggio auto a lungo
termine?
|
27
0
5 M
C
E
ECM OBBLIGATORI, CONTO ALLA
ROVESCIA PER METTERSI IN REGOLA
ENTRO IL 31 DICEMBRE
TE
IS
T
RA
PER
OLTRE 6.500 MEDICI DEPENNATI PER LA MANCATA FORMAZIONE
IZI
RV
E
IS
Il tempo a disposizione sta per scadere. Si avvicina inesorabile la scadenza del 31 dicembre, giorno
entro cui tutte le figure professionali che operano nel settore sanitario italiano devono aver obbligaT
N
toriamente conseguito i 50 crediti formativi annuali. La Formazione continua è, difatti, un requisito
I
I
O
B C CRED ORE D
U
L
0
L
essenziale per il corretto esercizio della professione, ovvero per il mantenimento nel tempo dell’aC
E 5 L VA
IL
DE
bilitazione all’esercizio professionale di ciascun operatore sanitario. Basti pensare alla recente
rde
sforbiciata
che ha riguardato oltre 6.500 medici competenti, cancellati dall’elenco nazionale pere
v
o
mer
7
il nu
ché
risultati
non in regola con i crediti previsti dal programma triennale. È questo il “nuovo corso”
7
a
m
7
.
chia
.122
0
del
Ministero
della
Salute di cui ha parlato Beatrice Lorenzin in un’intervista rilasciata in esclusiva a
0
8
Sanità informazione, che prevede un potenziamento dell’Educazione Continua in Medicina «per renderla
più operativa». Completare i crediti ECM, dunque, non solo è obbligatorio per legge, ma serve per svolgere
al meglio la professione e, di conseguenza, conviene a tutti, medici e pazienti. L’importante, però, è formarsi in
maniera facile, veloce e a costi contenuti. Sanità in-Formazione è, in questo senso, il punto di riferimento della
formazione continua medica italiana e internazionale ormai da diversi anni. Con il suo catalogo contenente oltre 90
corsi e la rivoluzionaria novità dei “Film Formazione” (di cui “e-bola” è solo il primo titolo), Sanità in-Formazione
è il maggior provider ECM italiano accreditato Age.Na.S. ed organizza eventi ECM – sia in Formazione a Distanza
che residenziali – prendendosi cura di ogni singolo aspetto dell’organizzazione. In questo modo riesce a garantire
agli operatori sanitari un aggiornamento continuo nell’ottica di una riqualificazione professionale e del conseguimento dei crediti necessari presso il Ministero della Salute. Crediti che possono essere conseguiti con facilità ed
in maniera rapida attraverso corsi innovativi come i “Film Formazione”, veri e propri prodotti cinematografici, ma
con contenuti scientifici rigorosamente verificati, i video-corsi per l’apprendimento delle lingue straniere o quelli
interattivi come il “paziente virtuale”, all’interno del quale il medico si ritrova a dover affrontare diversi tipi di prove
legate alla sua specializzazione. Si tratta in tutti i casi di metodologie di formazione e apprendimento al passo con
i tempi e con le esigenze di una classe medica sempre più all’avanguardia e internazionale. O
G
I
M
TT
TU I EC
300
28
|
€
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
OLTRE 6.500 MEDICI COMPETENTI SONO STATI
CANCELLATI DALL’ELENCO NAZIONALE PERCHÉ NON
AVEVANO CONSEGUITO I CREDITI ECM PREVISTI
DAL PROGRAMMA TRIENNALE. IL MINISTRO DELLA
SALUTE, BEATRICE LORENZIN: «QUESTO È IL NUOVO
CORSO DEL MINISTERO SUL TEMA FORMAZIONE.
STIAMO POTENZIANDO L’EDUCAZIONE CONTINUA IN
MEDICINA PER RENDERLA PIÙ OPERATIVA».
IL CATALOGO FAD
PIÙ RICCO DEL WEB CON OLTRE 90 CORSI
SI
G RATI S P R
TE TUTTI I E90
CO R S I FAD
con la promozione
Consulcesi Club
6 COLLANE TEMATICHE E LA NOVITÀ ASSOLUTA DEI FILM FORMAZIONE
e-bola
Elementary English [2015]
Intermediate English (Part 1)
16 CREDITI
12 CREDITI
8 CREDITI
La responsabilità professionale in ambito amministrativo [2015]
Analisi, prevenzione e gestione del rischio in ambito sanitario [2015]
Fattori di rischio e prevenzione: importanza di uno stile di vita sano [2015]
5 CREDITI
2 CREDITI
3 CREDITI
Comunicare con successo [2015]
Gestire i collaboratori [2015]
Donna & Lavoro [2015]
4 CREDITI
3 CREDITI
2 CREDITI
L’Omeopatia tra le medicine complementari in Italia
Attualità in tema di ostetricia e ginecologia
Scelta del contraccettivo ormonale e monitoraggio della terapia
5 CREDITI
15 CREDITI
3 CREDITI
Internet [2015]
Office Word 2003 [2015]
Office Excel [2015]
5 CREDITI
6 CREDITI
6 CREDITI
Caratteristiche del Radon e le sue interazioni sull’organismo [2015]
I rischi dell’Amianto: nocività nel tempo e danni sulla salute [2015]
Sicurezza sul lavoro ( D. LGS. 81/2008): primo soccorso [2015]
2 CREDITI
2 CREDITI
2 CREDITI
* SCOPRI TUTTI GLI ALTRI CORSI SUL NOSTRO CATALOGO IN CONSULCESI CLUB
Sanità In-Formazione S.p.a. è il provider ECM accreditato Age.Na.S. numero 2506
|
29
0
5 M
C
E
ϱůƵŐůŝŽϮϬϭ
ϱ
SALUTE
S
La fiction
(gra
come contr tuita) su ebola che ra
astare il vir
cconta
Il progetto
e-bola less
us
on aiuta pr
conoscenza
ofessio
. Il
VHU
VEDLV
QHSD
SSHOOHj
DWLFDQD
HOH9
ODUp
PrP
WpWpGpF
(EROD H
LHQDYDL
SD\VTX
UG
HULD
s
ODJD
HVDX/LE
d rmai
s déso
OOHVYLFWLP
6
s avon nfiirmé un
X[QRXYH DODUPH
conf
16 Juillet 2015 - 12:5
ria. « Nou s », a conf
QHO¶
ODIDLWGH
que la
au Libé
mort
ai, que
di Farian
HVRQ
UHFX
mai,
redi
sont
9 m
Jeudi
ientt
LHHQQHW
soien
die merc dont deux annoncé, le
FDWKROLTX
quee soie
qu
t
/¶pSLGpPPDL/¶(JOLVH
séé
de la malaau Liberia,
quelless é chas
S avai
décédé
été cha n
irmés
où l’OM sa maladie, mais
OLEpUpHQ
ola est
tion
n’a pas populatio
é
cas conf de l’Ouest
Ebola
de d’Eb
la
de six
rique
aurait cach essentiel :
l ncéé à symptôme
tô s.
ième malafait un total
a lanc
pays d’Afé cette semaine un point es
ou
Libéria ades
Un deux
dé
dans ce
cas. Cela
maladdes
nt sur o re Ebola au r les mala
quatre ble de santé Le patient décé nde
c
ul
les
mule
de se rejoi la lutte cont
nt les
Karteh.
.
j int
dissim
i Ka
cis
de
le mon
pas dissi
Francis
lle, rejoi ser la
responsa était terminée
s tout
onsable es » pour ne », a ajouté Fran
m eelle,
bais
ès mort
officielle lleurs le resp
êmes
die
maladie
to
-mêm
die, très
ns pas
ications
D’ai
rs nous aar
ter la malade la mala Nous ne devo Mgr Bernardi
enve
arrê
les expl de l’Ouest.
s
ns
une
«
rons
urro
honnêtesnous pour
i lancé
-York
apparentescientifique.
d’Afriquedevons être
», a ains s-ci à New le besoin
gennce
que
s
ésurrgen
jour
t«
munauté la maladie
: « Nou étant honnêtespar cette résu laa com
tient ces voix rappelan catholique
de co itivement
en
sa
sation
lise
« C'est tude suscitée anitaires et
iqueer ddéfin i. L’organi t fait entendre combat, l’Eg familles des
ce
L’inquié ations des hum pour éraddiquONU
les
U lund fortemen
ent
dans
rer
l’ON
l’O
ienn
que
ya
préoccup , mais oeuv du Vatican à
Vatican sans rappeler démie et sout
face
e. Le Vat
garde
nt l'épi
ésentant
maladie. viru , non
batte
le repr diale sur la contre le virus
com
,
«
Auza
outre,
ce mon
gne.. Ils
la lutte
ligne
re lig
émie. En
conféren de renforcer en première
»
re la pand iminés, ni que
sont
urgent
nt cont
t-Siège
qui lutte soient pas discr pour quelque
et le Sain».
à ceux
s
e
ola ne
00 mort
financier
on estim
victimes
nts d'Eb
de 11.2
soutien
ier, mais ria avec
cains attei la a fait plus
dé son
’ n dern
l Afri
à ccor
Libé
b
nisti sanita
medico ita
ri e gente co
liano soprav
mune a diffo
vissuto: «P
assi avanti
ndere
contro l’epi
demia»
Sabahi
“e -bola” SBARCA ALLA FESTA
DEL CINEMA DI ROMA
LA PELLICOLA REALIZZATA DA FALCON PRODUCTION BISSA IL SUCCESSO
REGISTRATO CON IL PROGETTO “THE e-bola LESSON”, PATROCINATO DAI
MINISTERI DELLA SALUTE E DEGLI AFFARI ESTERI
“Ebola… in Rome”, dice, tra incredulità e spavento, uno dei protagonisti del film “e-bola” quando capisce che il virus è arrivato
in Italia. Ma “e-bola”, il film che racconta – da un punto di vista
scientifico – la storia di chi quel morbo cerca di debellarlo, è
già arrivato nella Capitale, per partecipare al Festa del Cinema
di Roma, nella categoria “Risonanze”. La pellicola realizzata
da Falcon Production ha già ricevuto grandi elogi dalla critica
di tutto il mondo ed è stata voluta dal direttore artistico della
manifestazione Antonio Monda. Il film riesce dunque a bissare
il grande successo arrivato nelle scorse settimane con la Tavola
rotonda “The e-bola lesson”, progetto promosso da Consulcesi
Group e Falcon Production e patrocinato dai Ministeri della Salute e degli Affari Esteri. Il primo film formativo e informativo
per operatori sanitari ha infatti sollevato un clamore enorme,
visto che si tratta di un lungometraggio che è anche un’occasione preziosa, a pochi mesi dalla fine dell’anno, per ottemperare
in maniera facile e veloce all’obbligo formativo dei 50 crediti
ECM annuali grazie alle “pillole formative” che l’affiancano e
che valgono 16 crediti. “e-bola” è infatti il primo film al mondo
30
|
ad unire cinema e formazione grazie alla consulenza scientifica dell’Istituto per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” e dell’Università “Sapienza” di Roma. E proprio per
via di questa sua doppia natura (che fonde alla perfezione
intrattenimento e formazione), il progetto ha avuto il merito di mettere al centro del dibattito la necessità di un coordinamento mondiale per la formazione a distanza, al fine
di uniformare a livelli di eccellenza la preparazione internazionale degli operatori sanitari: «Il personale medico e
tecnico per la prevenzione – ha spiegato il ministro della
Salute Beatrice Lorenzin nella lettera di saluto alla Tavola rotonda organizzata da Consulcesi – continua a mettere
in atto attività di vigilanza sanitaria mirata nei confronti di
personale delle organizzazioni che operano nei paesi affetti da Ebola. Ringrazio Consulcesi per aver proposto questa
iniziativa». Le fa eco Mario Baldi, ministro plenipotenziario
e capo dell’ufficio emergenze della Farnesina, secondo cui
«bisogna essere preparati, e iniziative come quella lanciata
da Consulcesi vanno proprio in questa direzione». O
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
Ed Asner e gli altri protagonisti del Film Formazione “Like a butterfly”:
Michael G.London, Brad Greenquist, Will Rothhaar, Cindy Pickett
DOPO IL SUCCESSO DI e-bola,
IN ARRIVO IL NUOVO FILM FORMAZIONE
CON LA STAR DI HOLLYWOOD ED
ASNER, VINCITORE DI 7 EMMY AWARDS
Ed Asner
UNA FORMAZIONE
DA OSCAR
“e-bola” è solo il primo dei tanti “Film Formazione” in arrivo:
«È in uscita un altro film che abbiamo girato a Los Angeles
– spiega il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – e che verrà presentato ad un importante festival». Si
tratta di “Like a butterfly”, un mediometraggio che vede la
partecipazione di una icona di Hollywood, vincitore di cinque
Golden Globe e sette Emmy Awards: Ed Asner. Protagonista della storia è Nick, giovane attore che scopre di essere
affetto da cancro ai polmoni. Nella clinica in cui si reca per
curarsi, incontra il 74enne Joe Gillis, attore famoso nonché
suo idolo. I destini dei due si incrociano in un gioco di specchi
tra il giovane e la proiezione di se stesso nel futuro che Nick
scorge in Joe, anche lui affetto dallo stesso male. Il film è
stato diretto da Eitan Pitigliani, regista già nominato ai “Na-
stri d’argento” e premiato al Giffoni film festival. Si tratta di un
film che, sulla scia di “e-bola”, verrà accompagnato da una serie
di “pillole formative” che spiegano allo spettatore come si sviluppa il cancro ai polmoni, quali sono i comportamenti a rischio e
quali le terapie possibili per curare la patologia. Gli operatori sanitari potranno vedere il film in streaming e conseguire i crediti
ECM necessari per ottemperare all’obbligo formativo. «Stiamo
lavorando anche ad un altro progetto – spiega ancora Tortorella
– che mira a formare ed informare sia chi è medico, sia chi non
lo è, su un altro grande tema che riguarda la salute di tutti: i vaccini. Una cattiva informazione li sta facendo diventare un nemico
dell’umanità, per presunti rischi che in realtà non esistono. E
spinti dalla cattiva informazione molti genitori non vaccinano i
figli, con gravi conseguenze per tutti». O
|
31
DO
SCU LE
A
LEG PLETO
M
O
C
TE
IS
T
RA
PER
G
IZI
RV
E
IS
I
E
TT
AL
TU LEG
N
A
I
CO EL
ED
B
T
R
CLU LA TU VALO
IL
L
E
E
D
0
.00
1
m
rde
o ve
mer
nu
a il
€
.777
22
00.1
chia
8
LA SICUREZZA
DELLA SCELTA MIGLIORE
SOLO NEGLI ULTIMI MESI GIÀ TUTELATI CON NOI OLTRE 50.000 MEDICI
La classe medica si ritrova, ormai sempre più spesso, sotto attacco. Pazienti con la denuncia facile, normative poco chiare e
sentenze contrastanti tra di loro inducono i camici bianchi a tutelarsi. La stragrande maggioranza degli operatori sanitari ha già
scelto di farlo con Consulcesi Club. Questo perché le condizioni
vantaggiose della tutela legale proposta dalla maggiore realtà di
settore sono insuperabili. Il primo punto di forza è che la copertura è estesa anche all’ambito civile ed è valida anche in ambito
personale oltre che ovviamente per la professione.
Una volta scelta la tutela legale di Consulcesi Club poi non si
deve più pensare a nulla. Il piano di protezione include infatti
anche i costi di perizia e consulenza. In aggiunta è previsto un
32
|
supporto costante nel corso di un eventuale contenzioso: si
parte dal “pronto soccorso” che scatta non appena avviene la
denuncia e prosegue fino al completamento dell’intero iter
giudiziario.
Altro straordinario plus è la certezza di poter contare sulla
protezione del più grande team d’avvocati di tutta Europa con
i migliori legali specializzati in questo preciso ambito. E poi
ancora altre due partnership d’eccellenza: da una parte la
solidità del gruppo DAS Generali e dall’altra la professionalità dello studio legale del professor avv. Stefano Bortone con
la certezza e la garanzia di ottenere la migliore assistenza
possibile. O
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
PER LA PROTEZIONE A LAVORO,
GLI STRUMENTI GIUSTI.
Tutela legale in collaborazione con DAS,
valida per tutte le specializzazioni con massimale illimitato per anno,
zero franchigia e spese tecniche incluse.
Pronto soccorso legale - Parere Legale - Pronto soccorso mediazione.
E tante altre soluzioni per la tua professione e il tempo libero.
Numero verde
800.122.777
www.consulcesi.it
OTT
P
MYD IMA AP
P
P
R
A
A
T
P
A
A
Z
U
IZ
LA T ONAL
S
R
PE
TE
IS
T
RA
PER
IZI
RV
E
S
I
G
I
TT
TU OBILE
N
I
O
M
B C ’APP ORE D
U
L
L
L
C
A
E
IL
LV
DE
0
.00
5
€
rde
o ve
ma
il
er
num
.777
22
00.1
chia
8
CON APP MYDOTT
MEDICI E PAZIENTI
SEMPRE PIÙ CONNESSI
IL SONDAGGIO • IL 25% DEI MEDICI UTILIZZA LE APP
RICERCA USA: NEL 2018 OLTRE 1 MILIARDO DI UTENTI
Internet e le nuove tecnologie sono già a pieno titolo nel “ricettario” dei medici. Secondo la ricerca della GfK-Eurisko sulla Digital Doctor Communication, condotta su 1250 specialisti e oltre 200 medici di famiglia, nel 2015 il
76% dei dottori possiede uno smartphone rispetto al 50% del 2013, mentre
più di un medico su due (54%) utilizza un tablet. Lo studio conferma che le
App vengono utilizzate già dal 25% dei medici nel proprio ambito professionale. In tal senso, stando alle più importanti ricerche Usa, va sottolineato che
entro il 2018 ci saranno nel mondo 1,7 miliardi di utenti di applicazioni per la
Salute e che sul mercato sono già presenti circa 97mila App, distribuite su
differenti piattaforme; circa il 70% di queste sono relative alla salute e al benessere del consumatore, mentre solo il 30% è dedicato alla consultazione e
al monitoraggio del paziente.
Una App a disposizione dei pazienti creata ad hoc per
i medici. Arriva myDott: la prima applicazione per tablet e smartphone che si prende letteralmente “cura” del rapporto tra i camici bianchi e i loro assistiti in
modo facile e innovativo semplificando la vita a dottori e utenti. La App, realizzata e sviluppata da Consulcesi, è già disponibile in italiano sui principali store
del mercato (Apple e Google Play) e presto sarà pubblicata anche nelle versioni in inglese e in francese.
App myDott consente ad ogni professionista di avere la
la sua App personalizzata. Scaricando l’applicazione del
proprio medico, ogni assistito potrà richiedere direttamente
dal device una ricetta, un certificato o l’impegnativa per una visita. Sarà possibile, inoltre, fissare un appuntamento con il professionista, sia
che operi nel pubblico che nel privato. Il medico potrà gestire i rapporti
con il paziente creando un’area riservata ad hoc e condividere le informazioni relative alla professione: competenze, orari, tipo di assistenza e costi delle prestazioni. Arricchiscono la piattaforma molte altre
sezioni come quelle dove pubblicare riconoscimenti, titoli e foto e la
possibilità di invitare i pazienti a condividere con i loro conoscenti le
informazioni sul medico.
L’App non costa nulla sia ai pazienti che ai medici, che potranno provare gratuitamente la demo ed ottenere poi la versione personalizzata – sempre gratuita – entrando nel mondo di servizi e soluzioni
che garantisce Consulcesi Club. Una volta entrato nel Club, il medico potrà scaricare l’App e personalizzarla con le proprie informazioni. Si tratta di uno strumento innovativo per i camici bianchi che
proprio rimodulando il modo di comunicare ed interfacciarsi con i
loro assistiti vedranno migliorare il rapporto con i pazienti ed aumentarne il numero. O
34
|
LA TUA PRIMA
APP GRATUITA
IN 4 SEMPLICI STEP
1
REGISTRATI SU MYDOTT.IT
2
PERSONALIZZA L’APP
CON I TUOI CONTENUTI
3
SCARICA L’APPLICAZIONE
4
CONDIVIDILA
CON I PAZIENTI
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
my
AUMENTA IL NUMERO
DEI TUOI PAZIENTI
CON LA TUA PRIMA
APP
A COSTO ZERO
Numero verde
800.122.777
www.mydott.it
|
35
OTT
P
MYD IMA AP
P
P
R
A
A
T
P
A
A
Z
U
IZ
LA T ONAL
S
R
PE
APP MYDOTT
L’INNOVAZIONE
CHE HA CONQUISTATO
I MEDIA
Il successo di un’idea sulle più importanti pagine della stampa italiana. App myDott ha già conquistato lo spazio che merita sui principali giornali di settore e non. Basta vedere il risalto dato al progetto targato Consulcesi
da un lancio dell’ “AdnKronos” ripreso da riviste come “Focus” o “Panorama”, da giornali di taglio generalista
come “Il Tempo” o economico come il “Wall Street Italia”. Per non parlare della stampa a carattere medico
(“Quotidiano sanità” o “Healthdesk”) e tecnologico (“Startupper Magazine” o “Data Manager Online”). Tutti
concordi nell’indicare App myDott come la miglior “cura” per la comunicazione tra medico e paziente. O
i
e
edic
rar
ai m
d
o
i
”
l
ig
eata
“cr
re
er mienti
na
Ave a
a
p
i
.
l
a
z
iv
ita
sen
pp
nat
az
peg visita corso
App
tt, a ici e p
na
n’im
oc
ma
i
o
o u sare u a in s azia e
r
p
D
o
at
a
fis arriv urocr ione
ed
tific
eo
My
tt: l
cer o real logia o la b plicaz iD
h eo
p
d
un
p
no
iva o fra m
ancy
r
ta, n tem a tec nellen rima a i biM
t
r
e
c
i
ic
p
A log
ri
.L
o
's
dic
na
cam
one logare yDott,
ai
e u rio me otazi
n
rar
'dia pp M rto tr
ui
dia
riti l prop i pre ta a
A
os
po
r
a
p
d
e
u
v
a
a
i
e
p
i
lian
o
r
d
ch
ita
li a
nu
ntr
ila
eri
del
in
a an
la f e par ie e ce nti, e della ativo
ile blicat iamati
ni
er
zie
ov
tare
ssa
nib
Sal mazio segret ro pa rome e inn
spo rà pub tati ch onis
i
d
r
o
e
p
l
l
sa
ià
ssi
os
info are da e dei . E' la o faci
èg
son
rofe
esto
d
s
e
i
esi, ) e pr sono 516 p ere.
mo
pas
dic
ttes
ulc
i
1
y
v
me
le a ura in
ons le Pla medic ne di
to a
C
u
dei ando
c
v
a
g
i
i o e do
de
li
Goo
ta d
mp
ma
tess
b
tag i pren ti.
ppa pple e E gli s un ca avreb
s
una li
ti
u
vilu
.
t
re
a
che assis
e s ato (A ncese
t o s yDot
por la qu
o
a
a
r
t
e
u
c
o
a
t
ch
er
il
fr
eM
zza
fet
are iudica
eali del m se e in io - ef isiti ch
into ment
r
g
v
,
e
n
i
g
u
e
u
o
t
le
App li stor
ag
aa
èc
req
dag
ing
ista
fra
go
ialo
d
rare
iglio
al p
m
ri d
er
pare . La
ie
e
pp
zion
zion roc
p
rma nota la bu
a
fo
re
t, i
cura
re in di p
ndo
Ave centri snelle rende ta
t
Dot
'
a
p
va.
nati terie e logare che si vilupp
My azien
e
peg
ia
re
e
es
a
lay)
n’im a seg ta a 'd azion zata
v
e
u
P
i
il
p
to o sare d li aiu applic realiz oogle ti chia
a
Arr ici e nti. Scaricaàb
ic
,
e
s
ta
G
ertif za pa zienti, prima a Ap p ple e ono s cipal
c
d
it
n
me ro pazie pria attiv daril cì etta, uvisita seni loro pa MyDott,assistiti.Lrcato (Apici sono ssulle prini è co
e
p
lo
na
e d va Ap i loro el me i med nisti pro pareurina zionue
ei
edic e la
d
re ta
e
re
im
dici
o
io
chi
ss
er la ni rietira
ian
nossa enicmi e lla nu ianchi li store gli ste rofess 1% de qualità tal
ra p azio
er
d
proe fi po la
p
9
ici b
a
de
la
E
isu
ib
en
rmfila p triredai le cors
u
slsa camic princip cese. i 1516 gine il ntare ndam
cam ´ su m
fo
i
e
r
n
la
o
c
in
e
e
p
o la
e
md
oG
a
i
d
re
e re etecm
OD
sui
um
fran
o fo
ind
pro
vo tra
ne
in
bile
essi
vear lttaa rie
nica RVWUXLU
va ti porto aliano e e in ampio uesta ossa a ortanti pp mo nchi c
ualc . En'ola
teo in anrrsiv
a. A S rdeic
mu
F
v
o
³
s
it
q
p
ti
e
c
p
c
p
g
o
A
in
e
s
ia
a
le
o
ia
r
o
e
n
ti.gC le cailttee e o del ra ibile in i in ing su un cond azienti ltre im rnet, mici b men
a s m ciennolo
egn
er fa potran
d
p
p
e
m
o fa
nte
ca
tiv
ino
inte
e
ip
ato
.S
atez iaanddo
pon el n
are
un’i
ion b che
o innova ià distorevdersio effettu avere e con iudica , sito tità di revale blicit
ass loro p taglim
caz
to o
ap
i
in
nce
è g li s lle frgaio
uto azion tati g etwork quan pera p a pub
ppli esi Clu rtifica
enz i e de cura” facile
si, ipae ne
g
is
ic
n
dov
aa
all
as
alla
lc
ce
“
ic
ado
ulce rincnch sesoendina dbabe omun interv ocial
prim onsu a, un
visit i med
tivo 16% ancora
nte
s
ons suciapta a gle
li
tire lla c
e
a
n
v
la
la
g
C
e
C
u
a
n
ta
e
tt
e
Il
re
lm
i
o
a
u
d
a
n blil in
cia
e rice
iinin ryeDsoettn edne 2% d e com dato
%.
ffid
are
rso
lan i medicionina
tter
aliapub iom
n
niers epM
p
il 48 ) si a
fiss socco
zaioti a . Il 7
esi
è il
e le
zion
in it
a
s ri
az u i
veesr p isithi ichra r atteanm ionale enera enso, à: lo fa (il 22%
end
sulc
te d form areentri d le o
bile
s
it
g
in
s
u
io
esi
ec
re
req magg rofes uova uesto a attiv inque
c
p
n
ri
q
Ave eterie onsulc e
i
a
p
u
à
.
d
n
s
it
ro
u
, in
e
C
va
ile
gr
attiv
ion
la p edico edici.
’a
tivo
nati da se zienti. o fac
m
dell unicaz nifica overe
peg
a
od
un
rim
ig
u
n’im assare loro p ” in m
com eb. S prom e solo he pe
o u
c
p
r
w
ei cura
tr
d
sul
t pe , men zienti
ato enza ici e d
“
e
e
c
r
fi
tern App
sto s
i pa
erti isita s i med lmente
l
r
in
c
a
li
e
d
l
le
a
p
ri
un na v o de
cip france
era
14% iti a sia
u
pare tri di
lett
tta,
rs
prin
r
u
tu
ie
n
rice ssare socco ende
sui se e in dalla
gra
r
zion e ce gare'
fi
ti
una
le
ano
rma
– in e si p
lo
e
le o
are
itali i in ing resenta chiam
info reteri a 'dia prima
ritir po rea lmente ne ch titi.
in
re
n
g
ti
p
r
e
e
ile
is
a
sta lle ap. Av da se li aiuta Dott, i loro
rap
rsio
la ipe in tem a – fin licazio ro ass
y
u v
onib e ve nchi sono
la zfiionic
ia
– gsnatidesi sare nti, e pp M nchi e cipali
o e rriv
lo
pp
disp e nell
i
a
ià
a a chi e i
ici b
are am
zie
ttor
ed riegia
h
bia
rin
a A
nisti pe % pa
è g
Sanltform
n
anc
cam I do ssoioun’iemile9n1za ialiloro pa nuov amici sui p lese e
prim
te lo
io
feto gin s nzei
c
* - e in opr greno
ola ici bia
o
esi, licata 0mila itari.
a
o
:
i
r
ing uato
ll
n
r
lc
tt
a
a
te
e
d
a
p
a
/8 ver l pr a se tec D
lo
u
o
n
7
d
m
tr
tt
ali
i in
bb
6 ific davisit icoi e
d
.A
dei
ssa
orto
d
in it ersion - effe bbe
a
cert
ie
tiva ssare
un re un ei me prome l rapp nibile
v
io
ic
a
,
g
d
n
e
avre gior
a
g
ll
a
e
d
a
tt
p
de ispo e ne
eg
da yDott
la
g
fiss orso
rice
za
d
ei m
mp
h
E'
nde ro
tivo
son
ma
à
una ale o socc ese.
un’i ita sen orso d si pre
ova è già ta anc in un che M una ’attivit
n
lo
re
o
i
tt
in
e
to
tira po re iva in le a ile e
is
si,
lica mersi quisiti porre tà dell nti di
o c c e ch e
av
c
er ri
chi
e
fica
m
ulce
o
arr
ubb
ri
in s
n
ian
la p in te logia gliand odo fa Cons arà p d esp tà e re che quanti strum p lice
erti are un
–
io
fi
c
b
z
i
s
to
m
la
a
o
ali
ca
no e ta
nte
un
micc
e la li gli la se nchi
in m ta da
sto
ati
fiss
are
nvin
ion
tec
edic
ppli
lme
tta,
i ca
Salt rio m e. La razia e cura uppa ) e pre chiam li funz i è co qualità menta ile o ici bia ra
ali
le o
fina rima a
rice
c
tra
y
cip
ti
n
a
a
p
d
vil
pe
ob
ic
rea
na
p
a–
rto
pro otazio
e s le Pla no sta rincip med tare la fond pp m di cam ado ida
buro i pren
prin
i in
e u tempo
arriv ott: la rappo
sui
6% si aff
ren ndo la che s lizzata Goog no so sulle p
sion
dei umen anti o et, A ntità
irar
1
r
p
o
ia
it
l
D
in
e
r
n
g
)
a
a
rn
o
de
ila
lia
er
My
elle zione p, re
ev
le e dici so nisti - il 91% ssa a import o inte lla qu 8%. Il l 22%
olo
ic
a
p
n
ll
o
m
p
n
p
d
it
s
v
e
p
0
c
p
a
p
e
o
la
n
in
A
(A
ati
lic
me fessio agine
il 4 que (i
ti p oltre rk, sit tivo a
re 7
he
la fi prio m . La te ncia A
ile
app titi.La ercato tessi
nov
ien
o
fa
in
in
la
nib
e
anc egli olt degli
ind
pro
are
s
la
is
ro
paz dica l netw to re : lo o su c dici.
e in
to s
ass del m . E gli i 1516 uesta con i
d
ispo licata
zion
Salt i dal p
iu
ia
da
ità
ic
oup facile
me
tela
ze
q
b
re
d
e
ti g
ttua
ià d
e
soc
è il a attiv n med per i
nota esi Gr
er
sto nces ione
è g rà pub esigen er la tu – effe
ndo azion tervista come nso,
u
e
pre
odo
ri
par
o
i,
a
lc
h
p
i
tt
p
c
s
m
lo
c
fr
e
ic
u
d
o
sa
in
in
ap
ns
lle
cam re.Se omun gli in zione sto s la pro tre so zienti
lce
tri
gio
yD
”
p
o
a
u
n
g
n
to
a
o
M
s
e
e
e
C
e
u
a
r
r
o
s
n
c
d
e
en
av ella c % d enera
qu vere
ti.
i pa
su
Eu
“cu
pre
Co
end
son isiti ch
n
p, m per
g
ien
o
uto
, in
72
da
nte
y) e ispond lia e in in un
dov zione le. Il nuova icativo promu le Ap a sia
paz
ata
lme
Pla
equ
r
i
n
it
a
%
if
i
Ita
era
upp
ers lità e r
ign
atte ssion ne d
per , il 14 gratu
ogle è nato der in
lett titi.
svil
è
nzi
rim
fe
rk
zio web. S rnet
a
e
Go
p
tt
o
e
a
ro
n
a
a
s
tt
o
p
e
ic
te
is
tw
e
a
D
le
in
r
un
ne
mm
nzio
sul
My
zata
ple
ad
ltà
ass
com enza n sito social sica.
ggio e la q
ati
li fu
aliz to (Ap progra a rea
s
i
s
ma
u
, re
iam
tà
cipa
a
Il
all
pre usa
nte ità cla
una
App merc
uali nda
ti d
ti ch e prin
se.
c
me
La
sta
ll
la q
che alente pubbli
orre
fo
nce
enta
del
v
a
pre ra all
o
anc
ilita
fac
he
c
p co
i
l’ap
ott, e med
D
y
e
t
M ien
paz
36
|
a
ti tr
por
p
a
ir
are
lior
g
i
m
per zienti
p
p
a
ep
tt, a
Do edici
y
M
iva
ra m
Arr logo f
dia
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
pro
PER
CON SONAL
CIE
RGE
PASPARTÙ
Il tempo libero è tale solo se pensieri e preoccupazioni sono pari a
zero. È per questo che abbiamo riservato per tutti i medici di Consulcesi Club un concierge personale in versione top service per stare sempre al loro fianco per ogni tipo di esigenza. Servono i biglietti
per il teatro o per una partita, una babysitter referenziata, il noleggio di un’auto o di una barca? Nessun problema: ci pensa Paspartù.
RASSEGNA
STAMPA
SCIENTIFICA
prio
e
zia
cra odo
m
a in
a
ad
sarà
sto
pre ad
ati
tà e
am ionali rre
z
o
n
li fu che p
to
nvin tità
i
uan enti d nza
aq
m
e
stru pres
i gli p lice o
it
m
il
s
e
a s sa un twork,
u
ne
che ocial Dott è
y
s
i
M
.
nte sica
las
àc
La medicina cambia rapidamente e l’operatore sanitario
deve tenere il passo. Il medico deve dunque aggiornarsi
costantemente ma per farlo ha bisogno di un aiuto. A questo serve la rassegna stampa scientifica: il professionista
riceve, direttamente nella sua casella di posta, gli abstract
originali delle più importanti pubblicazioni scientifiche a
livello mondiale. È possibile scegliere tra oltre 60 profili di
specializzazione e visionare tutto l’archivio della rassegna
stampa scientifica nell’area riservata.
PER TUTTE LE SPECIALIZZAZIONI • Allergologia e immunologia clinica •
Anatomia patologica • Anestesia e rianimazione • Angiologia • Audiologia e
foniatria • Cardiochirurgia • Cardiologia • Chirurgia dell’apparato digerente
• Chirurgia Generale • Chirurgia Maxillo-facciale • Chirurgia Pediatrica
• Chirurgia plastica e ricostruttiva • Chirurgia toracica • Chirurgia
vascolare • Dermatologia e venereologia • Ematologia • Endocrinologia
• Farmacologia e tossicologia clinica • Gastroenterologia • Geriatria •
Ginecologia e ostetricia • Malattie dell’apparato respiratorio • Malattie
infettive • Malattie metaboliche e diabetologia • Medicina interna •
Medicina del lavoro e sicurezza negli ambienti di lavoro • Medicina dello
sport • Medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza • Medicina
fisica e riabilitazione • Medicina legale • Medicina nucleare • Medicina
trasfusionale • Microbiologia e virologia • Nefrologia • Neonatalogia •
Neurochirurgia • Neurologia • Neuropsichiatria infantile • Odontoiatria •
Oftalmologia • Oncologia • Ortopedia e traumatologia • Otorinolaringoiatria
• Pediatria • Psichiatria • Psicoterapia • Radiodiagnostica • Radioterapia •
Reumatologia • Scienza dell’alimentazione e dietetica • Urologia • Igiene,
Epidemologia e Sanità Pubblica •
ARCHIVIO
SENTENZE
MEDICHE
Le più recenti sentenze relative all’ambito
medico raccolte e trattate dai nostri avvocati. I camici bianchi potranno dunque approfondire tutte le tematiche di maggiore
interesse in ambito legale ed essere sempre
aggiornati.
TE
IS
T
RA
PER
I
TT
TU I
N
Z
O
I
B C ERV
CLUSTI S RE DI
L
I UE
LO
VA
Q
G
L
DE
700
€
rde
o ve
mer
chia
m
nu
a il
77
22.7
.1
800
ONI
AZI
R
U
IC
ASS
SALUTEDOC
IL PIANO SANITARIO
PER IL MEDICO E LA FAMIGLIA
La copertura di
SALUTEDOC è pensata e
realizzata appositamente per
risolvere i problemi del medico
e della sua famiglia:
i costi aggiuntivi sono azzerati
ed all’interno del piano sono
state inserite prestazioni
oramai introvabili sul mercato
delle assicurazioni (come, ad
esempio, quelle dentarie per tutti
i componenti della famiglia).
Una scelta che garantisce il professionista e la sua famiglia. È questo ed altro SaluteDoc, il nuovo piano sanitario realizzato da e per gli operatori sanitari italiani che
recepisce in pieno le nuove normative in tema di detrazione fiscale. Con SaluteDoc
la copertura delle spese mediche (odontoiatriche incluse) è totale e comprende ricoveri, visite specialistiche e indagini cliniche. Condizioni che diventano ancora più
esclusive per i medici che fanno parte di Consulcesi Club. A loro disposizione ci sono
già oltre 350 consulenti ed una linea diretta gratuita che risponde all’800.189.091 O
Non è previsto alcun
questionario anamnestico
e i costi di adesione sono
contenuti e ridotti grazie
alle massime agevolazioni
fiscali. È prevista
inoltre un’assistenza
diretta presso una rete
convenzionata di OLTRE
100MILA STRUTTURE e
professionisti.
Grazie alla precisa distinzione tra
prestazioni sostitutive ed integrative,
SALUTEDOC è l’unico piano sanitario
dotato della massima deducibilità e
detraibilità fiscale. Il tutto in linea con
le ultime indicazioni legislative e come
confermato di recente anche dall’Agenzia
delle Entrate, che di fatto ha azzerato il
vantaggio fiscale per praticamente tutti gli
strumenti sanitari presenti sul mercato.
MEDICI SEMPRE PIÙ PROTETTI
CON SANITASSICURA
La professione sanitaria non va mai presa alla leggera. I rischi che un camice bianco si
ritrova a correre ogni giorno in corsia sono tanti e la legislazione attualmente in vigore non
lo aiuta di certo. È per questo che SanitAssicura, da una vita dalla parte dei medici, ha realizzato per loro una Rc Professionale imbattibile, grazie alla quale l’operatore che lavora
sia in ambito pubblico che in quello privato può dormire sonni tranquilli. In particolare,
SanitAssicura offre ai dipendenti pubblici consulenza per una Rc Professionale per colpa
grave, mentre aiuta i liberi professionisti a trovare tutta una serie di coperture su misura. Per
i piccoli e grandi imprevisti lavorativi di ogni giorno, SanitAssicura offre dunque il supporto necessario per trovare una copertura assicurativa completa che comprende dalla polizza di tutela
legale a quella sanità & infortuni, dalla protezione casa e studio alla polizza vita, fino alla Rc Auto.
I nostri consulenti sono a disposizione al numero verde 800.088.788 O
38
|
NE
IO
NZ
VE
CON
A
V
I
S
E
U UB
L
C
S L CL
NE
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
PER LA SALUTE TUA
E DELLA TUA FAMIGLIA,
FAI UNA SCELTA
DI QUALITÀ.
UNICO PER IL MASSIMO
VANTAGGIO FISCALE.
Nasce il nuovo piano integrativo
e sostitutivo per l’intero nucleo familiare
appositamente studiato per i professionisti
sanitari, con la copertura di tutte le spese
mediche, odontoiatriche incluse.
consigliato da
Numero Verde
800.189.091
www.salute-doc.it
Semplice da richiedere:
si attiva con una telefonata o un’email
senza spostarsi dall’ospedale o dallo studio
Approvazione rapida in 2 giorni fino a 40.000 euro
I
ENT
IAM
Z
N
FINA
Convenzione ENPAM fino a 80.000 euro
Privacy garantita
PRESTITI PERSONALI
QUANDO TI SERVE UNA MANO
C’È LA CESSIONE DEL QUINTO
UN FINANZIAMENTO A FIRMA SINGOLA ADATTO A MILLE ESIGENZE
La cessione del quinto AMICA, attivata da Club Medici Italia da
oltre 10 anni, è una tipologia di prestito, riservato ai medici ospedalieri, convenzionati e pensionati, adatto alle più disparate esigenze: dalla ristrutturazione di un’abitazione, al consolidamento
dei precedenti finanziamenti, per far fronte a spese improvvise
o semplicemente per realizzare una liquidità fino a 80.000 euro.
Con tassi agevolati, il servizio di Club Medici è un prodotto finanziario su misura per il medico. Viene concesso anche a chi ha impegni finanziari in corso. Il prestito è a firma singola e non prevede garanzie ipotecarie e non necessita di preventivi di spesa per
giustificarne la richiesta. AMICA garantisce durante tutta la
sua durata la massima riservatezza: la restituzione del prestito viene effettuata direttamente dalla ASL di appartenenza, senza alcun disturbo per il medico con addebito diretto in
busta paga. Questo permette l’erogazione senza la necessità
di dover valutare l’affidabilità finanziaria del richiedente e con
tassi bassissimi. La rata mensile è comprensiva di ogni onere, inclusa una copertura assicurativa completa (rischio vita
e rischio impiego) per tutta la durata del finanziamento. Per
ulteriori informazioni visita il sito www.consulcesi.it O
CARATTERISTICHE
VANTAGGI
Finalità: concesso per semplice liquidità e consolidamento debiti.
Durate: da 24 a 120 mesi.
Importo della rata: non può mai superare un quinto della
pensione o dello stipendio netto ed è comprensiva di tutte
le spese.
Istruttoria celere: grazie ad una autonomia di approvazione fino a € 40.000.
Sottoscrizione a firma singola: non è richiesto l’intervento del coniuge o altro garante.
Documentazione richiesta: documento d’identità, codice fiscale, buste paga, certificato di stipendio o dichiarazione di quota cedibile.
Rimborso senza pensieri: la restituzione del finanziamento viene direttamente dalla ASL.
Tasso (TAN) fisso per tutta la durata.
Limiti di età a scadenza: 75 anni dipendenti – 66 anni
convenzionati 85 anni pensionati.
Ipoteche: non sono previste.
Libertà d’azione: è possibile chiedere il prestito
anche se hai altri finanziamenti in corso e non devi
motivare la richiesta.
Tranquillità per te e la tua famiglia: il prestito è assistito, a norma di legge, da un’assicurazione sulla
vita che garantisce il rimborso del debito residuo.
Estinzione anticipata: in qualsiasi momento è possibile estinguere il finanziamento recuperando gli
interessi non maturati.
Rinegoziabile: rinnovando il prestito prima della
naturale scadenza è possibile ottenere un nuovo finanziamento con una rata mensile più bassa o realizzare della liquidità aggiuntiva.
Iscrizione a Club Medici: gratuita il primo anno.
E
N
ZIO
IVA
S
U B
EN
Informati Ora
800.122.777
Linea Diretta Gratuita
40
|
V
CON
CLL CLU
S
E E
N
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
IL PRESTITO
LIBERO DA VINCOLI
PENSATO PER I MEDICI.
FACILE, VELOCE, FINO A 30.000 EURO.
SEMPLICE DA RICHIEDERE
bastano carta d’identità, codice fiscale
e tesserino di iscrizione all’ordine.
BONIFICO IN DUE GIORNI DALL’APPROVAZIONE
sul tuo c/c in 48 ore dall’approvazione della richiesta.
IMPORTI EROGABILI
fino a € 30.000 esente da documenti di reddito
fino a € 50.000 esente da preventivi di spesa
da € 50.000 a € 80.000 riservato ai dipendenti
già clienti di Agos Ducato
Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le informazioni precontrattuali e per conoscere le condizioni economiche dell’offerta si rinvia al documento “Informazioni europee di base sul credito ai consumatori” (SECCI) che potrà essere richiesto presso le sedi di Club Medici Italia Srl: Via G. B. De Rossi 12 - 00161 Roma – Iscr. Albo
Agenti in Attività Finanziaria presso OAM al n. A2500 e Club Medici Finanza Srl Agente in Attività Finanziaria: Centro Dir. Isola E3 - 80143 Napoli – Iscr. Albo Agenti in Attività
Finanziaria presso OAM al n. A8229 unitamente a copia del testo contrattuale. La richiesta del prestito flessibile può essere effettuata dai clienti che rimborsano tramite SDD
ed è soggetta ad approvazione di Agos Ducato S.p.A. La flessibilità può essere esercitata nel rispetto dei limiti contrattualmente previsti e in caso di regolarità nei pagamenti.
Numero verde
800.122.777
www.consulcesi.it
DOTTCAR:
IL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE
ACCELERA SUI VANTAGGI
INE
O
M
I
R
GG E
LE O T
NO UNG
AL
Il mercato dell’auto torna ad accelerare. A segnare il cambio
di marcia è il noleggio a lungo termine con i suoi vantaggi
ormai sotto gli occhi di tutti. Una opzione sempre più scelta da
privati e aziende che hanno compreso le grandi potenzialità di
questo nuovo modo di possedere una vettura. Con i plus e la
comodità offerti da Dottcar ci si deve solo mettere al volante
e non pensare proprio a nulla. In una sola rata, a costi fissi e
senza sorprese, c’è davvero tutto: a partire dal risparmio assoluto
sul prezzo fino a copertura assicurativa completa (Rc e Kasko),
servizio pneumatici, manutenzione ordinaria e straordinaria
deducibilità costi, risparmio di tempo sulla gestione, costi
fissi pianificabili nel tempo, comunicazione tempestiva delle
scadenze, canone mensile senza sorprese. Per ogni richiesta e
informazione è già a disposizione il numero verde 800.189.091 O
LA PAROLA ALL’ESPERTO
«È LA SOLUZIONE PIÙ CONVENIENTE»
Il primo semestre del 2015 si è chiuso con un aumento del 15,2% delle
immatricolazioni, per un totale di 872.915. Il carburante che ha dato il via a
questo sprint? L’aumento degli acquisti di vetture da parte delle aziende e di
quelle destinate al noleggio. Gian Primo Quagliano, presidente del Centro
Studi Promotor, evidenzia che il servizio è sempre più scelto dai privati
“perché è una soluzione molto conveniente per disporre di una vettura senza
acquistarla, ma semplicemente pagando una rata, che comprende tutte le
spese di gestione tranne il carburante”.
a soli €524/mese
BMW SERIE 5 518D
LA PAROLA AL CLIENTE
IL DOTTOR MASSIMO DE LELLIS:
«IO L’HO PROVATA, CON DOTTCAR NIENTE PIÙ SORPRESE SGRADITE»
Massimo de Lellis, camice bianco che ha deciso di provare il Noleggio
a Lungo Termine, si è affidato a Dottcar: “Ero incuriosito dalla formula,
perché stufo di mazzate assicurative, bollo e tutta una serie di spese
imprevedibili. Mi sono detto ‘proviamo!’ e ho fatto bene: niente più
sorprese sgradite ma un budget fisso, e soprattutto un’auto che,
alla scadenza del noleggio, non resta sul groppone. Una soluzione
comodissima per i professionisti, che consiglio a tutti i miei colleghi”.
a soli €435/mese
AUDI A4 2.0 TDI ULTRA
a soli €256/mese
a soli €415/mese
MERCEDES C-CLASS SW
a soli €188/mese
NE
IO
NZ
VE
CON
A
V
I
S
U UB
L
C
S L CL
E
NE
PEUGEOT 308 1.6
42
|
FIAT 500 X 1.3 MJET
50 ECM in FAD + Scudo legale completo + App myDott + Convenzioni esclusive
TUTTO INCLUSO GRATIS E SENZA IMPEGNO NEL CLUB
Informati Ora
Numero Verde
800.122.777
La Comodità
del Full Rent
SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DEL FULL RENT
Risparmio assoluto sul prezzo • Copertura assicurativa completa (Rc e kasko)
• Manutenzione ordinaria e straordinaria • Risparmio di tempo sulla gestione
• Costi fissi pianificati nel tempo • Comunicazione tempestiva della scadenza
• Canone mensile senza sorprese • Deducibilità dei costi
Numero verde
800.189.091
www.dottcar.it
RICERCA
CONSULENZA
PROPRIETÀ
LEGALE
CONSULENZA RISTRUTTURAZIONI
FINANZIARIA
PROFESSIONALI
A LONDRA
IL TUO INVESTIMENTO
CHIAVI IN MANO.
Numero verde
44
|
800.189.091
www.falcon-re.co.uk
TA
RVIS
INTE
Aldo Lupo
Presidente dell’Unione
Europea dei Medici
di Medicina Generale
LA FORMAZIONE
DEI MEDICI DIVENTA
INTERNAZIONALE
IL NUOVO PRESIDENTE DELL’UNIONE EUROPEA
DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE, L’ITALIANO
ALDO LUPO, ILLUSTRA IL SUO PROGRAMMA:
«CON IL WEB E LA MOBILITÀ È INDISPENSABILE
CREARE UN RICONOSCIMENTO ECM CHE ABBIA
VALORE IN TUTTI I PAESI»
Tutelare i medici di famiglia europei a cominciare dalla loro formazione permanente. È questa
la mission dell’Union Européenne des Médecins Omnipraticiens, ovvero Unione Europea dei
Medici di Medicina Generale. A guida dell’organismo c’è un italiano: Aldo Lupo, che ha svelato
i suoi obiettivi in questa intervista.
Presidente, partiamo dalle prospettive dell’Uemo: a cosa si punta?
«Portare avanti gli interessi legittimi della professione sul piano etico, sul piano professionale
e sul piano normativo e in particolare gli interessi relativi al riconoscimento della formazione
del medico di famiglia come un medico dotato di una sua specificità. Noi siamo riconosciuti
come specialisti in 16 delle 28 nazioni della Ue, non in tutte quindi. In Italia no, ad esempio.
Pur avendo una formazione che per norma europea è omogenea rispetto a quella delle altre
nazioni e ci sono esigenze simili tra nazioni per quello che riguarda anche la formazione
permanente».
Nel vostro programma, infatti, c’è un progetto di accreditamento europeo comune proprio
nella prospettiva della formazione.
«Sicuramente. Esistono norme europee praticamente in ogni nazione per quel che riguarda
il mantenimento della competenza ad operare professionalmente e in realtà esistono dei
meccanismi già in atto di riconoscimento di crediti ECM tra nazioni diverse messe a punto
dall’associazione analoga alla nostra che agisce in favore e per conto degli specialisti. Ora
esiste anche in Ue la tendenza a sviluppare un’analoga iniziativa mettendo in piedi un’agenzia
che permetta il riconoscimento dei crediti che per esempio un medico italiano, attraverso
la FAD o con un corso sul posto, abbia acquisito in Francia, Germania o Inghilterra. Questo
riconoscimento mutuo dei crediti non ha ancora una struttura operante per quanto riguarda
la medicina di famiglia. Si tratta di decidere, ed è una decisione che la Ue deve prendere, se
aderire al meccanismo del riconoscimento che c’è per gli specialisti in Uems (The European
Union of Medical Specialists) o altrimenti formare una propria agenzia».
La netta sforbiciata del Ministero della Salute ai medici competenti che non avevano
adempiuto all’obbligo formativo rappresenta un messaggio di maggiore attenzione istituzionale nei confronti del tema relativo ai crediti ECM. Ritiene che sia stato intrapreso il
percorso giusto?
«Probabilmente sì. Ed è comunque un aiuto dato al medico perché ormai il possesso di lingue straniere, e dell’inglese in particolare, è patrimonio di tutti i giovani medici e quindi
l’interesse ad aderire a corsi, ad esempio, di formazione a distanza presenti su siti stranieri
e ottenerne il riconoscimento in Italia aiuterebbe non poco il medico a tenere alti i suoi standard di performance». O
|
45
EBOLA E LE NUOVE PANDEMIE
Nella diagnosi, nel trattamento e nel
contenimento dell’epidemia è fondamentale
adottare procedure che garantiscano il massimo
della protezione. Ritiene che gli operatori sanitari
siano oggi adeguatamente formati?
SI
NO
NON SO
10,5%
78,1%
11,4%
153
1.140
166
Ritiene che gli attuali strumenti di formazione
continua siano adeguati a preparare il personale
sanitario a fronteggiare eventuali gravi
epidemie su scala mondiale?
Con la sua preparazione, oggi sarebbe in grado di
adottare tutte le misure di protezione, per evitare il
contagio?
sondaggio
somministrato
a
1.459
medici
100%
SI
NO
NON SO
23,9%
57,0%
19,1%
348
831
280
L’utilizzo di metodi didattici innovativi, audio–video,
renderebbe di più facile fruizione e di conseguenza
maggiormente efficace la formazione del personale
sanitario chiamato ad affrontare tali epidemie?
SI
NO
NON SO
SI
NO
NON SO
20,2%
62,9%
16,9%
83,8%
6,0%
10,2%
294
918
247
1.223
88
148
EMERGENZA PANDEMIE:
PER 4 MEDICI SU 5 IL PERSONALE
NON È CORRETTAMENTE FORMATO
osservatorio-ois.com
SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO EFFETTUATO DA OIS,
PER L’83% DEGLI INTERVISTATI SONO NECESSARIE
MODALITÀ DI FORMAZIONE INNOVATIVE
O.I.S.
li operatori sanitari non sono adeguatamente formati per riuscire a fronteggiare nei
RAPPRESENTA
migliori dei modi epidemie come quella di Ebola. Ne è convinto il 78% dei camici bianchi
UN PUNTO DI VISTA
italiani, interpellati sull’argomento in un recente sondaggio effettuato dall’Osservatorio Internazionale della Sanità. Quattro medici su cinque ritengono che la preparazione fornita
PRIVILEGIATO
agli operatori sanitari a livello internazionale non sia all’altezza delle loro esigenze e della popolazione monSULL’UNIVERSO diale. Tant’è vero che più di un medico su due (per l’esattezza, il 57%) ritiene di non essere in grado di adottare
MEDICO
tutte le misure di protezione necessarie per evitare il contagio. Il motivo di questa impreparazione? Per il 63% degli
G
intervistati è da ricercare negli attuali strumenti di formazione, giudicati inadeguati per affrontare emergenze come
quella della diffusione del virus Ebola. Una percentuale che sale fino a sfiorare il 70% se a parlare sono i medici under
45, più giovani e dunque (almeno in teoria) più abituati ad interfacciarsi con metodologie di apprendimento e formazione più
all’avanguardia messe a disposizione dalle nuove tecnologie. È sbagliato però pensare che chi svolge la professione sanitaria da
qualche anno in più sia meno convinto dei colleghi più giovani dell’utilità di questo tipo di supporti. Tutt’altro: il 90% degli intervistati over 65 si dice convinto che l’utilizzo di metodi didattici innovativi, audio-video, renderebbe di più facile fruizione e, di conseguenza, maggiormente efficace la formazione del personale sanitario chiamato ad affrontare tali epidemie. Una posizione
condivisa con tutta la categoria medica: l’83,8%, e quindi oltre 4 medici su 5, sono convinti che sia necessario un adeguamento
degli strumenti di formazione come, ad esempio, i “film formazione”. O
46
|
IL TUO SOGNO
NEL CUORE DELLA TOSCANA
PERCHÉ ACQUISTARE ORA
O8
casali con finiture di pregio e soluzioni per ogni metratura
O9 appartamenti all’interno di un antico borgo
OZero intermediazione
OZero costi di perizia immobiliare
TAGGIO ESCL US
V A N ORA I V O
OAcquisto diretto dal costruttore
risparmi fino a
OLa tua casa a partire da € 500 al mese
€ 70.000 e
l’assicurazione
è pagata
per 3 anni
Prenota la tua visita gratuita e non impegnativa
www.casebardi.com
335.63.90.909
06.45209714
FUTURA STEM CELLS
LA CONSERVAZIONE DELLE CELLULE STAMINALI
EMATOPOIETICHE DEL CORDONE OMBELICALE
INTERVISTA ALLA DOTT.SSA PIERANGELA TOTTA,
RESPONSABILE SCIENTIFICO FUTURA STEM CELLS
Dottoressa Totta, cosa dice la legge italiana in materia?
Il Servizio sanitario nazionale garantisce il reperimento di cellule
staminali emopoietiche, a scopo di trapianto eterologo, presso registri
e banche nazionali ed estere e consente la conservazione di sangue da
cordone ombelicale per uso autologo o dedicato familiare purché vi sia
motivata documentazione clinico sanitaria. Ciò che è vietato in Italia è
la conservazione autologa di cellule staminali cordonali a fini privati,
sebbene sia autorizzata l’esportazione di campioni per uso personale
per la loro conservazione in banche operanti all’estero.
Quali sono i dati più aggiornati riguardanti il numero di campioni
raccolti e crioconservati in Italia?
I dati ci dicono che per un totale di 19.757 sacche di sangue cordonale
donate nel 2014, 2.024 unità sono state ritenute idonee alla conservazione e quindi bancate con un indice di bancaggio nazionale bancate/
raccolte di 8.9% per le AlloNF (campioni conservati per trapianti eterologhi non familiari), 95.9% per le AlloD (trapianti eterologhi familiari dedicati) e 100% per le Auto (trapianti autologhi). Questi dati confermano
la difficoltà del Servizio Sanitario Nazionale, di bancare tutti i cordoni
donati date le restrittive condizioni scelte dall’Italia sulla numerosità
minima sufficiente al bancaggio, difficoltà che non sono riscontrate
quando il campione viene conservato dalle stesse per autotrapianti o
trapianti dedicati.
Quali sono le malattie curabili con le cellule staminali ematopoietiche?
Ad oggi sono circa 80 le patologie curabili con le cellule staminali ematopoietiche che prevedono per lo più malattie del sangue e disordini
metabolici. Tuttavia, come ci insegnano i traguardi ottenuti dalla nostra banca, accreditata dalla Human Tissue Authority (il massimo ente
governativo britannico che regola la conservazione, l’uso e lo smaltimento di organi e tessuti umani per una serie di scopi programmati tra
cui la ricerca, il trapianto e l’istruzione), che vanta 13 rilasci in tutto il
mondo, l’elenco di queste malattie si va allargando. Tra i nostri rilasci,
infatti, non solo vengono annoverati casi di patologie presenti tra le 80
descritte dal ministero, come la Talassemia o la Leucemia, ma anche
per altre patologie, come la Paralisi Cerebrale, l’ Encefalite da HSV, da
anticorpi NMDA o ipossicoischemica, nelle quali le cellule staminali
ematopoietiche vengono utilizzate come studio clinico. Se questi studi,
perciò, confermeranno l’importanza delle cellule staminali ematopoietiche nella cura di tali malattie, la lista delle patologie diverrà sempre
BANCHE PRIVATE
BANCHE PUBBLICHE
VANTAGGI
VANTAGGI
Le banche private offrono un servizio
di crioconservazione finalizzata all’utilizzo
da parte del donatore e/o dei suoi familiari.
Il numero limite di cellule perché un cordone venga considerato idoneo
non è particolarmente elevato
Il campione è immediatamente disponibile in caso di bisogno
L’utilizzo esclusivo da parte del donatore e dei suoi familiari non solo ne
permette l’uso per trapianto autologo, ma aumenta le probabilità di trovare
un donatore con un’ottima compatibilità qualora tale campione dovesse
servire per un trapianto eterologo dove il ricevente fosse un familiare
(fratello) del donatore
Crioconservare le cellule staminali del cordone ombelicale dà la possibilità
di partecipare a studi clinici effettuati su patologie di diversa natura
Il campione può essere raccolto in tutti gli ospedali grazie agli appositi kit
inviati ai genitori
LIMITI:
NON È POSSIBILE CONSERVARE QUANDO…
… la madre presenta uno stato febbrile superiore a 38°
… la madre presenta positività per malattie infettive
… si è in presenza di stress fetale
SVANTAGGI
… I costi sono a carico del genitore
più ampia. O
Le banche pubbliche offrono un servizio
di conservazione a scopo di donazione.
È totalmente gratuita per il genitore
Rende disponibile il trattamento con cellule staminali
ematopoietiche per riceventi che altrimenti non ne usufruirebbero
LIMITI:
NON È POSSIBILE DONARE QUANDO…
… la durata della gravidanza è inferiore alle 37 settimane
… vi è una rottura prematura delle membrane superiore a 12 ore
… vi sono malformazioni del neonato,
… i genitori o il neonato sono affetti da patologie, genetiche e non
SVANTAGGI
Non in tutti i punti nascita è possibile donare, e alcuni pongono limitazioni
nei giorni festivi ed in determinati orari
Non è garantita la possibilità di rientrare in possesso del proprio campione
donato
corsi accreditati da
6
FAD 90
provider Age.na.s. 2056
CORSI
COLLANE
50
ECM
Per la tua
FORMAZIONE
l’idea vincente.
Più di 90 corsi e 6 collane tematiche
nel catalogo FAD più ricco del web.
Tutto incluso GRATIS in Consulcesi Club.
SCOPRI LE NOVITÀ
e-bola: prevenire, diagnosticare e sperimentare • 16 ECM
Paziente Virtuale: 4 corsi • 12 ECM ciascuno
Corso di spagnolo • 12 ECM
3 corsi di inglese • 8/12 ECM
Numero verde
800.122.777
www.consulcesi.it
Very Important Physician
PER MEDICI AL TOP, CONSULCESI CLUB.
SOLUZIONI ESCLUSIVE PER LA PROFESSIONE
E IL TEMPO LIBERO. GRATIS PER TE.
Numero verde
800.122.777