Guida alla pianificazione delle best practice per HP Smart Update

Transcript

Guida alla pianificazione delle best practice per HP Smart Update
Guida alla pianificazione delle best practice
per HP Smart Update
Estratto
Questo documento descrive le best practice relative alla pianificazione degli aggiornamenti del firmware e del software in un
ambiente server. Questo documento è destinato ai manager e ai singoli utenti che preparano i piani di aggiornamento e che
devono sapere come raggruppare i server e individuare le informazioni sulle versioni per l'ambiente corrente.
Codice prodotto HP: 658524-064
Pubblicato: Settembre 2013
Edizione: 1
© Copyright 2009, 2013 Hewlett-Packard Development Company, L.P.
Avvisi
Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Le uniche garanzie relative a prodotti e servizi HP sono
definite nelle dichiarazioni esplicite di garanzia che accompagnano tali prodotti e servizi. Niente di quanto dichiarato nel presente documento
potrà essere considerato come garanzia aggiuntiva. HP declina ogni responsabilità per eventuali omissioni ed errori tecnici o editoriali contenuti
nel presente documento.
Software per computer riservato. Licenza valida concessa da HP per il possesso, l'utilizzo o la copia. In conformità con FAR 12.211 e 12.212, il
software per uso commerciale, la documentazione del software e i dati tecnici relativi ai componenti commerciali sono forniti di licenza dal Governo
degli Stati Uniti in base alla licenza commerciale standard del fornitore.
Microsoft®, Windows® e Windows Server® sono marchi registrati negli Stati Uniti di Microsoft Corporation.
Sommario
1 Introduzione..............................................................................................5
Panoramica.............................................................................................................................5
Descrizione delle guide.............................................................................................................5
2 Suggerimenti sulle best practice e riduzione al minimo dei tempi di inattività......6
Rapida panoramica delle best practice........................................................................................6
Best practice relative ai piani di aggiornamento.......................................................................6
Best practice per la gestione generica del firmware..................................................................7
Best practice relative ai blade dei contenitori...........................................................................7
Best practice relative agli aggiornamenti del firmware del modulo VC.........................................8
iLO per le dipendenze del firmware per i server HP ProLiant......................................................8
Best practice relative ai contenitori c-Class...............................................................................9
Esecuzione delle best practice relative agli aggiornamenti.......................................................10
Cause dei tempi di inattività.....................................................................................................11
Metodi per ridurre i tempi di inattività.......................................................................................12
OA..................................................................................................................................12
VC...................................................................................................................................12
Server..............................................................................................................................12
Contenitori........................................................................................................................13
Metodo di installazione prescelto.........................................................................................13
3 Linea di base e regolarità degli aggiornamenti............................................14
Creazione di una linea di base personalizzata...........................................................................14
Creazione di una linea di base personalizzata in HP SUM..........................................................14
Panoramica della regolarità degli aggiornamenti........................................................................14
Correzioni.............................................................................................................................15
Destinazioni aggiornate regolarmente.......................................................................................15
Aggiornamenti intermedi obbligatori.........................................................................................15
4 Scenari degli ambienti dei server...............................................................16
Uno o più server in una singola posizione.................................................................................16
Pianificazione dell'aggiornamento per uno o più server in una singola posizione.......................17
Aggiornamento di un singolo contenitore...................................................................................17
Cliente aziendale distribuito.....................................................................................................18
Datacenter di grandi dimensioni...............................................................................................20
CloudSystem Matrix................................................................................................................22
Panoramica dei servizi di gestione del firmware HP................................................................22
Gap analysis and process review (Analisi delle lacune e revisione dei processi).........................23
Aggiornamento di ambienti misti con HP ProLiant e HP Integrity....................................................23
5 Componenti del firmware e del software HP.................................................24
Set di versioni........................................................................................................................24
HP Service Pack for ProLiant.....................................................................................................24
Denominazione delle versioni di SPP....................................................................................25
Aggiunta o rimozione di componenti da SPP.........................................................................25
Download di HP SPP..........................................................................................................25
Bundle di firmware di HP Integrity.............................................................................................26
Download dei bundle di HP Integrity....................................................................................26
ISO del DVD di HP Smart Update Firmware e HP ProLiant Support Pack.........................................26
Creazione di un'immagine ISO personalizzata...........................................................................26
6 Utility HP USB Key (solo server HP ProLiant).................................................28
Utilizzo dell'utility HP USB Key.................................................................................................28
Sommario
3
7 Strumenti di aggiornamento.......................................................................30
HP SUM................................................................................................................................30
HP SIM e Version Control Agent (Agente di controllo della versione)..............................................31
HP OneView..........................................................................................................................31
VCSU....................................................................................................................................32
SCCM...................................................................................................................................33
Aggiornamenti del firmware per VMware ESXi...........................................................................34
VMware ESXi 5.0 e versioni successive.................................................................................34
VMware ESXi 4.x e versioni precedenti.................................................................................34
Scelta di uno strumento di distribuzione.....................................................................................34
8 Rapporti e aggiornamenti intermedi............................................................35
Raccolta dei dati relativi alle versioni installate...........................................................................35
Tabelle degli aggiornamenti intermedi richiesti...........................................................................35
Tabelle di riferimento dei set di versioni di PSP/del firmware........................................................37
9 Assistenza e altre risorse...........................................................................38
Informazioni da raccogliere prima di contattare HP.....................................................................38
Come contattare HP................................................................................................................38
Servizio di abbonamento.........................................................................................................38
Informazioni correlate.............................................................................................................38
Convenzioni tipografiche.........................................................................................................39
10 Commenti sulla documentazione...............................................................41
Acronimi e abbreviazioni.............................................................................42
Indice........................................................................................................44
4
Sommario
1 Introduzione
Panoramica
In un ambiente server, il firmware, il software e i driver sono fondamentali per la gestione dei
sistemi server. HP ha creato i pacchetti di aggiornamento per aiutare gli utenti a mantenere i loro
server nel modo più efficiente e semplice possibile. La pianificazione contribuisce a rendere
l'esecuzione del processo di aggiornamento più lineare e a minimizzare i tempi di inattività.
NOTA:
HP SUM supporta l'aggiornamento del firmware solo per le destinazioni VMware ESXi.
Descrizione delle guide
Lo scopo di queste guide è aiutare gli utenti a creare strategie per l'utilizzo dei pacchetti di
aggiornamento HP.
•
Panoramica delle best practice per HP Smart Update: fornisce informazioni su come mantenere
l'ambiente di sistema aggiornato e funzionante in modo ottimale.
•
Guida alla pianificazione delle best practice per HP Smart Update: descrive la procedura di
creazione di un piano di aggiornamento del firmware da seguire prima di aggiornare
l'ambiente server.
•
Guida dell'implementatore delle best practice per HP Smart Update: fornisce esempi di
implementazione di un aggiornamento.
Queste guide sono disponibili nella Information Library di HP Smart Update Manager all'indirizzo
http://www.hp.com/go/hpsum/documentation.
Panoramica
5
2 Suggerimenti sulle best practice e riduzione al minimo
dei tempi di inattività
Rapida panoramica delle best practice
Le best practice descritte in questa sezione sono consigli che funzionano per la maggior parte
degli ambienti. Modificare i piani di aggiornamento in base al proprio ambiente specifico.
Best practice relative ai piani di aggiornamento
•
Creare una linea di base. Per ulteriori informazioni, vedere “Creazione di una linea di base
personalizzata”.
•
Definire un insieme di aggiornamenti da applicare a tutti i server e a tutti i contenitori.
•
Determinare le dipendenze e gli aggiornamenti intermedi durante il processo di pianificazione.
•
Consultare la documentazione disponibile da HP, compresa la Panoramica delle best practice
per HP Smart Update e Guida dell'implementatore delle best practice per HP Smart Update.
•
Determinare le versioni del firmware e del software attualmente installate.
•
6
◦
Utilizzare le funzioni della riga di comando /report e/firmware_report di HP SUM.
◦
Utilizzare le informazioni relative al firmware del rack OA.
Creare un processo di gestione degli aggiornamenti.
◦
Determinare la frequenza di aggiornamento della linea di base.
◦
Determinare la modalità di gestione delle correzioni e degli aggiornamenti critici.
◦
Sviluppare una procedura di distribuzione degli aggiornamenti.
◦
Testare la procedura su un singolo contenitore o server.
•
Rivedere gli aggiornamenti critici per il server in uso. Per ulteriori informazioni sugli
aggiornamenti SPP, visitare il sito Web HP SPP all'indirizzo http://www.hp.com/go/spp.
Per ulteriori informazioni sui pacchetti HP Integrity, vedere il sito Web di HP Integrity
all'indirizzo www.hp.com/go/smartupdate/integrity.
•
Determinare se si desidera creare un'immagine ISO personalizzata. Per ulteriori informazioni
sulla creazione di un'immagine ISO personalizzata, vedere “Creazione di un'immagine ISO
personalizzata”.
•
Pensare a come minimizzare l'impatto degli aggiornamenti sulle operazioni aziendali. Ad
esempio, si possono eseguire aggiornamenti parziali dei contenitori o degli ambienti cluster
se non è possibile rendere indisponibili tutti i server contemporaneamente.
•
Creare un ambiente di prova. Se si crea la propria immagine ISO, assicurarsi di convalidare
la soluzione prima di applicarla alle destinazioni.
•
Creare un backup del server e della configurazione di altre destinazioni.
•
Impostare il firewall per consentire il supporto remoto per HP SUM. Per ulteriori informazioni
sulle porte richieste, consultare la Guida utente di HP Smart Update Manager o la Guida
dell'implementatore delle best practice per HP Smart Update.
•
Impostare le applicazioni antivirus affinché consentano la distribuzione di HP SUM e di altri
strumenti attraverso le applicazioni del firewall. Per ulteriori informazioni, consultare la Guida
utente di HP Update Smart Manager.
Suggerimenti sulle best practice e riduzione al minimo dei tempi di inattività
NOTA: Per i server da aggiornare in remoto, verificare che la connettività di rete sia aperta
in entrambe le direzioni in modo che HP SUM possa comunicare con il server e il server di
destinazione possa inizializzare la comunicazione con il sistema che esegue HP SUM.
•
Per i server Windows, assicurarsi di abilitare i servizi di stampa e file. Per i server Linux e
HP-UX, assicurarsi di abilitare il servizio SSH.
•
Se i server remoti sono server blade, seguire l'ordine d'installazione delle best practice.
•
In alcuni casi, potrebbe essere d'aiuto a diminuire i tempi di completamento degli
aggiornamenti se il firmware iLO viene aggiornato separatamente.
•
Installare gli aggiornamenti intermedi se non si sono aggiornate regolarmente le destinazioni.
Per ulteriori informazioni, vedere “Aggiornamenti intermedi obbligatori”.
Best practice per la gestione generica del firmware
•
Eseguire il backup del server prima di iniziare un aggiornamento.
•
Distribuire i driver contemporaneamente agli aggiornamenti del firmware per essere certi che
le dipendenze vengano soddisfatte.
•
Se occorre distribuire il firmware o il software separatamente, utilizzare il seguente ordine:
•
◦
Aggiornare prima i driver.
◦
Aggiornare il software aggiuntivo, ad esempio gli agenti e le utility.
◦
Aggiornare il firmware.
Non eseguire il downgrade o la riscrittura del firmware tranne nel caso di un'esigenza
specifica.
NOTA: Il downgrade del firmware potrebbe causare incompatibilità tra i dispositivi se tale
firmware non funziona bene con altri driver o firmware di dispositivo.
•
Riavviare il server dopo gli aggiornamenti dei driver, del software o del firmware basato su
server. In questo modo, la memoria viene svuotata e il componente di aggiornamento può
iniziare da zero.
•
Utilizzare le condivisioni file di rete o l'unità flash USB per aggiungere o rimuovere il software
e il firmware.
•
Per i nuovi server, aggiornare il firmware prima di installare il sistema operativo.
•
Testare l'ambiente in un laboratorio prima di implementarlo in quello di produzione.
◦
Utilizzare /dryrun (solo HP SUM 5.x) dalla riga di comando in HP SUM per simulare
un'installazione.
◦
Se non si dispone di un laboratorio, scegliere un server da aggiornare ed eseguirlo per
alcuni giorni in condizioni di carico di lavoro normale. Quando il server si dimostra
stabile, aggiornare i restanti server dell'ambiente.
Best practice relative ai blade dei contenitori
•
Se possibile, non includere server separati da più di due generazioni nello stesso contenitore.
Ad esempio, i contenitori che includono i server ProLiant G6 e G7 non devono includere i
server blade ProLiant G1.
•
Se i contenitori da aggiornare includono server di più generazioni, prevedere tempi di inattività
superiori per i server blade durante l'esecuzione degli aggiornamenti.
Rapida panoramica delle best practice
7
•
Creare una linea di base in corrispondenza di una determinata versione di software e firmware
quando i server invecchiano.
•
Non aggiornare i server a meno che occorra eseguirvi di nuovo il provisioning. In questo
modo si riduce il numero di server da aggiornare quando si introduce una nuova linea di base.
•
Eseguire sempre un controllo dell'integrità del modulo VC prima di aggiornare il firmware di
OA o VC.
•
I server Integrity e ProLiant potrebbero avere requisiti di versione di firmware diversi per i
moduli OA e VC. Controllare la matrice di compatibilità prima di aggiornare i contenitori in
ambienti misti. Per ulteriori informazioni, vedere “Aggiornamento di ambienti misti con HP
ProLiant e HP Integrity”.
•
Considerare i seguenti problemi noti:
◦
Non è possibile eseguire il downgrade delle ROM per i server ProLiant G2, G5 e G6
del mese di maggio 2011 o successivi senza utilizzare passaggi speciali. Per ulteriori
informazioni, consultare il sito Web degli avvisi per i clienti all'indirizzo http://
h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
docId=emr_na-c02838375.
◦
Il firmware CPLD per ProLiant G7 e i server precedenti richiedono la rimozione fisica
dell'alimentazione per 30 secondi prima dell'attivazione dell'aggiornamento.
Best practice relative agli aggiornamenti del firmware del modulo VC
•
Verificare la matrice di compatibilità prima di aggiornare un contenitore in ambienti misti.
Per ulteriori informazioni, vedere “Aggiornamento di ambienti misti con HP ProLiant e HP
Integrity”.
•
Eseguire un controllo dell'integrità prima di aggiornare il firmware dei moduli OA o VC.
•
Verificare che i programmi firewall non blocchino gli aggiornamenti del firmware VC.
•
Assicurarsi di aggiornare i profili se si spostano e scambiano i blade tra i contenitori.
NOTA: Se si aggiorna un modulo VC dalla versione 3.xx o successiva, è possibile che si
perda una configurazione di dominio di VC. Per ulteriori informazioni, consultare il sito Web
degli avvisi per i clienti all'indirizzo http://h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/
kb/docDisplay/?docId=emr_na-c03057267.
•
Rivedere le note più recenti sulla versione di VC per qualsiasi versione del firmware VC per
determinare tutte le modifiche dei driver e del firmware necessarie per gli adattatori Ethernet,
HBA FC e CNA nei server.
NOTA: Per ulteriori informazioni sulle note sulla versione di HP Virtual Connect, vedere il
sito Web di HP Virtual Connect all'indirizzo http://h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/
public/kb/docDisplay/?docId=emr_na-c02996704.
•
La mancanza di comunicazione tra VC Manager e il modulo Ethernet di VC è un problema
noto. Per ulteriori informazioni, consultare il sito Web degli avvisi per i clienti all'indirizzo
http://h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
docId=emr_na-c02720395.
iLO per le dipendenze del firmware per i server HP ProLiant
•
8
Non è possibile eseguire il downgrade del firmware di iLO 3 dalla versione 1.25 a una
versione precedente senza che tale operazione determini il ripristino dei valori predefiniti di
alcuni dati di configurazione.
Suggerimenti sulle best practice e riduzione al minimo dei tempi di inattività
•
Il firmware iLO 3 versione 1.25 può causare una situazione in cui l'alimentazione non viene
segnalata correttamente e potrebbe impedire l'attivazione di alcuni blade in un contenitore
pieno. Il problema viene risolto con la versione 1.26.
•
Gli errori ID evento 57 vengono corretti per iLO 2 utilizzando la versione del firmware 1.82
o successiva e HP ProLiant iLO 2 Management Controller Driver per Windows 1.12.0.0 o
versione successiva.
•
Il firmware iLO 2 versione 1.78 o successiva è necessario per aggiornare il firmware del
controller di gestione dell'alimentazione.
•
Non è possibile aggiornare il firmware iLO 2 versione 2.00 tramite l'interfaccia di gestione
NIC di iLO.
•
Utilizzare il firmware iLO 2 1.81 o versione successiva per aggiornare il firmware di CPLD
(server HP ProLiant ML/DL300).
Best practice relative ai contenitori c-Class
•
Prima di aggiornare i dispositivi HBA FC, verificare che il loro firmware incluso in un set di
versioni sia supportato dal fornitore di storage esterno.
NOTA: Per ulteriori informazioni sul confronto tra le versioni dei driver dei dispositivi HBA
supportate e i dispositivi di storage HP, consultare il sito Web HP Single Point of Connectivity
Knowledge (SPOCK) all'indirizzo http://www.hp.com/storage/spock.
•
◦
Se la versione del firmware di VC è precedente alla 1.34, aggiornare il modulo VC, il
modulo OA e infine i blade.
◦
Se la versione del firmware del modulo VC è la 1.34 o successiva:
–
Senza un sistema operativo, installare prima l'infrastruttura blade (ad esempio i
moduli OA o VC), quindi i blade (offline).
–
Con un sistema operativo, aggiornare il modulo OA, i blade (offline o online) e
infine il modulo VC.
◦
Con una versione del firmware del modulo VC successiva alla 3.00, è necessario installare
innanzitutto la versione 3.00 del firmware del modulo OA.
◦
I server blade HP Integrity BL8x0 i2 richiedono una versione del firmware del modulo
OA successiva alla 3.00.
Verificare che il firmware NIC incluso in un set di versioni sia supportato dal fornitore del
sistema operativo e dai fornitori degli switch di rete esterni prima di eseguire l'aggiornamento.
Rivedere i seguenti problemi noti:
◦
Alcune schede 10GbE mostrano una schermata viola (PSOD, Purple screen of death).
Per ulteriori informazioni, consultare il sito Web degli avvisi per i clienti all'indirizzo
http://h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
docId=emr_na-c02496982
◦
L'aggiornamento dei driver 1GbE Broadcom per i server Windows richiede prima
l'aggiornamento alla versione 4.6.16.0. Per ulteriori informazioni, consultare il sito Web
degli avvisi per i clienti all'indirizzo
http://h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
docId=emr_na-c01684544
Rapida panoramica delle best practice
9
◦
La versione 4.0.88.0 del driver Emulex be2net Inbox non supporta gli adattatori Flex-10
o Flex Fabric. Per ulteriori informazioni, consultare il sito Web degli avvisi per i clienti
all'indirizzo
http://h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
docId=emr_na-c03005737
Esecuzione delle best practice relative agli aggiornamenti
1.
Scaricare HP SPP o il bundle Integrity. Per maggiori informazioni, vedere “Download di HP
SPP” o “Download dei bundle di HP Integrity”.
NOTA: HP SUM supporta l'aggiornamento del firmware solo per le destinazioni
VMware ESXi.
2.
Raccogliere le informazioni sui server e sulle destinazioni da aggiornare.
a.
b.
c.
Raccogliere gli indirizzi IP per il modulo OA, Virtual Connect Manager, iLO e almeno
un NIC in ciascun server.
Per tutti i moduli VC, eseguire il controllo dell'integrità dell'utility VCSU per determinare
se il loro stato consente di completare gli aggiornamenti del firmware prima di aggiornare
i moduli OA o VC.
Eseguire HP SUM con le opzioni /report e /firmware_report utilizzando le
informazioni raccolte sugli indirizzi IP dei server, di iLO, di Virtual Connect Manager e
del modulo OA per generare un rapporto in cui vengono mostrati i componenti attualmente
installati nei dispositivi di destinazione e gli aggiornamenti necessari. Il rapporto non
genera informazioni per i componenti o le destinazioni offline. Con HP SUM 5.0.0, è
possibile generare i rapporti nell'interfaccia utente di HP SUM.
NOTA:
3.
HP SUM non esegue gli aggiornamenti quando genera un rapporto.
Determinare l'ordine d'installazione degli aggiornamenti.
•
Se non si sono aggiornati i server di recente e si utilizza il DVD Smart Update Firmware
9.30 o versione precedente (con HP SUM 4.2.1 o versione precedente).
L'ordine si basa sulla presenza o meno di un sistema operativo già installato e sulla
versione di firmware di VC installata.
10
◦
Se la versione del firmware di VC è precedente alla 1.34, aggiornare il modulo VC,
il modulo OA e infine i blade.
◦
Se la versione del firmware del modulo VC è la 1.34 o successiva:
–
Senza un sistema operativo, installare prima l'infrastruttura blade (ad esempio
i moduli OA o VC), quindi i blade (offline).
–
Con un sistema operativo, aggiornare il modulo OA, i blade (offline o online)
e infine il modulo VC.
◦
Con una versione del firmware del modulo VC successiva alla 3.00, è necessario
installare innanzitutto la versione 3.00 del firmware del modulo OA.
◦
I server blade HP Integrity BL8x0 i2 richiedono una versione del firmware del modulo
OA successiva alla 3.00.
Suggerimenti sulle best practice e riduzione al minimo dei tempi di inattività
•
Se si utilizza il pacchetto SPP per aggiornare il contenitore.
Utilizzando i pacchetti HP SPP (HP SUM 5.0.0 o versione successiva e gli aggiornamenti
del firmware dei dispositivi HBA FC/CNA online)
◦
L'ordine si basa sulla presenza o meno di un sistema operativo già installato e sulla
versione di firmware di VC.
–
Se si usa la versione del firmware di VC precedente alla 1.34, il modulo OA
e/o i server blade possono essere aggiornati contemporaneamente.
–
Se si usa il firmware del modulo VC 1.34 o versione successiva:
–
Senza un sistema operativo, installare prima l'infrastruttura blade (i moduli
OA o VC), quindi i server blade (offline).
–
Con un sistema operativo, aggiornare il modulo OA, quindi i server blade
(online) e il modulo VC simultaneamente.
–
Con una versione del firmware del modulo VC successiva alla 3.00, è necessario
installare innanzitutto la versione 3.00 del firmware del modulo OA.
–
I server blade HP Integrity BL8x0 i2 richiedono una versione del firmware del
modulo OA successiva alla 3.00.
NOTA: Se si aggiornano i server HP Integrity, HP SUM determina
automaticamente l'ordine degli aggiornamenti attraverso iLO di HP Integrity,
VC e OA.
AVVERTENZA! Quando si esegue una combinazione di firmware versione 3.18, 3.17 e
3.15 del modulo VC e di firmware versione 3.20 o 3.21 del modulo OA, è possibile che si
verifichi una perdita di connettività LAN o di VC nei server HP Integrity BL870c i2 o BL890c
i2. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione relativa ai problemi noti nelle Note sulla
versione di HP Virtual Connect Version 3.18 nel sito Web HP all'indirizzo http://
h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/kb/docDisplay/?docId=emr_na-c02791020.
4.
5.
6.
7.
Pianificare un approccio di aggiornamento a fasi. Se non è possibile aggiornare
contemporaneamente tutti i server, potrebbe essere necessario eseguire aggiornamenti parziali
del contenitore. Anche se si devono eseguire aggiornamenti parziali, attenersi allo stesso
ordine di installazione.
Eseguire l'aggiornamento. Per informazioni sull'aggiornamento, consultare la Guida
dell'implementatore delle best practice per HP Smart Update.
Assicurarsi che l'aggiornamento sia stato installato correttamente esaminando i risultati e i
registri.
Utilizzare HP SUM per generare un rapporto del firmware attualmente installato e conservarlo.
Confrontare il nuovo rapporto con quello eseguito prima degli aggiornamenti per vedere i
cambiamenti.
Cause dei tempi di inattività
Di seguito vengono riportati i fattori che causano spesso i tempi di inattività durante l'esecuzione
degli aggiornamenti.
•
L'installazione dei driver richiede un riavvio per eseguirne il caricamento.
•
Gli aggiornamenti del firmware richiedono un riavvio per attivare il nuovo firmware.
•
Gli aggiornamenti del firmware richiedono accesso esclusivo all'hardware.
•
Le dipendenze tra gli aggiornamenti richiedono la distribuzione offline.
•
Correzioni e avvisi per i clienti.
Cause dei tempi di inattività
11
•
Il metodo di installazione.
Metodi per ridurre i tempi di inattività
I seguenti suggerimenti consentono di sviluppare un piano di aggiornamento del server che riduce
i tempi di inattività.
OA
•
Prima di un aggiornamento del modulo OA, eseguire un controllo dell'integrità di VC. Se si
aggiorna il modulo OA quando il modulo VC non supera il controllo di integrità, si rischia
di perdere la connessione di rete.
•
Se la versione di OA è la 1.x, è necessario passare alla 2.32 prima di eseguire
l'aggiornamento alle versioni più recenti.
•
Eseguire un controllo dell'integrità dei moduli VC. Verificare che siano integri.
•
Verificare che siano impostati in una configurazione ridondante.
•
Assicurarsi di eseguire gli aggiornamenti nell'ordine corretto se la versione del firmware del
modulo VC è precedente alla 3.00. Per ulteriori informazioni, vedere “Rapida panoramica
delle best practice”.
•
Monitorare gli avvisi per i clienti per i problemi relativi agli aggiornamenti del firmware del
modulo VC.
•
Convalidare i NIC e la compatibilità dei driver e del firmware dei dispositivi HBA FC e CNA.
•
Utilizzare HP SUM per generare i rapporti sul firmware e sul software attualmente installati
nelle destinazioni. Utilizzare i rapporti per determinare gli aggiornamenti consigliati per
ciascuna destinazione prima di distribuire gli aggiornamenti.
VC
Server
NOTA: Alcuni aggiornamenti devono essere eseguiti offline. Per informazioni su quali
aggiornamenti richiedono gli aggiornamenti offline, vedere le HP Support Pack for ProLiant
Release Notes (Note sulla versione di HP Service Pack for ProLiant).
12
•
Utilizzare una linea di base ben testata, preferibilmente il bundle Integrity o HP SPP.
•
Controllare se ci sono correzioni ProLiant o bundle di HP Integrity che sono classificati come
critici o consigliati e che interessano i sistemi in uso.
•
Eseguire gli aggiornamenti online utilizzando prima HP SUM o HP SIM. In questo modo si
limitano o si eliminano gli aggiornamenti richiesti in modalità offline.
•
Eseguire gli aggiornamenti dell'infrastruttura in parallelo o prima di aggiornare i server.
•
Installare il firmware e i driver contemporaneamente. Ciò consente di attivare il numero
massimo di aggiornamenti con un singolo riavvio.
•
Se si utilizzano i supporti virtuali di iLO per distribuire gli aggiornamenti, aggiornare prima
il firmware iLO tramite la porta di gestione della rete iLO.
•
Aggiornare le destinazioni iLO e HP-UX sui server blade o i rack HP Integrity. Impostare
HP SUM affinché esegua i riavvii per attivare il nuovo firmware automaticamente. HP SUM
ordinerà gli aggiornamenti in modo da rendere necessario un solo riavvio per l'attivazione
del firmware su entrambe le destinazioni.
•
Aggiornare HP-UX in esecuzione nelle nPartition e il firmware delle partizioni attraverso il
modulo OA nella stessa sessione HP SUM. Impostare HP SUM affinché esegua i riavvii per
Suggerimenti sulle best practice e riduzione al minimo dei tempi di inattività
attivare il nuovo firmware automaticamente. HP SUM ordina gli aggiornamenti ed esegue un
riavvio per attivare il firmware su entrambe le destinazioni.
Contenitori
•
I server Integrity e ProLiant potrebbero avere requisiti di versione di firmware diversi per i
moduli OA e VC. Controllare la matrice di compatibilità prima di aggiornare i contenitori in
ambienti misti. Per ulteriori informazioni, vedere “Aggiornamento di ambienti misti con HP
ProLiant e HP Integrity”.
•
Se si distribuiscono gli aggiornamenti via supporto virtuale iLO in un contenitore, non
aggiornare più di 6-8 server blade contemporaneamente.
Metodo di installazione prescelto
•
Gli aggiornamenti online consentono di organizzare più aggiornamenti e di attivarli mediante
un riavvio.
NOTA: Alcuni aggiornamenti devono essere eseguiti offline. Per ulteriori informazioni,
vedere HP Support Pack for ProLiant Release Notes (Note sulla versione di HP Service Pack
for ProLiant).
•
Aggiornare i driver e il firmware contemporaneamente. In questo modo si riducono al minimo
i problemi che potrebbero verificarsi in presenza di interdipendenze tra firmware e driver.
•
Utilizzare HP SUM per distribuire gli aggiornamenti a un massimo di 100 sistemi
simultaneamente, sia che si utilizzino le distribuzioni tramite script o interfaccia utente.
•
Utilizzare HP SIM per distribuire gli aggiornamenti a più di 100 sistemi simultaneamente.
•
Le distribuzioni per il nuovo hardware ProLiant richiedono aggiornamenti offline.
•
Utilizzare le pianificazioni in HP SUM per organizzare gli aggiornamenti.
Metodi per ridurre i tempi di inattività
13
3 Linea di base e regolarità degli aggiornamenti
Creazione di una linea di base personalizzata
Per ogni modello e generazione di server nell'ambiente è possibile creare una linea di base
personalizzata per ridurre il rischio di server con versioni diverse di firmware, software e driver.
È possibile utilizzare il bundle SPP o Integrity per definire una linea di base personalizzata.
Utilizzare HP SPP per la maggior parte degli ambienti ProLiant. HP SPP contiene i bundle combinati
di software, firmware e driver del sistema. Per ulteriori informazioni sull'aggiunta o sulla rimozione
di componenti dal bundle HP SPP o Integrity, vedere “Creazione di un'immagine ISO
personalizzata” e . Se si crea una linea di base per i propri server, è possibile ridefinirne facilmente
lo scopo utilizzando l'ISO della linea di base.
NOTA: HP SUM 6.x e versioni successive supporta la creazione di linee di base personalizzate
da origini di linea di base aggiunte alla libreria delle linee base. HP SUM 6.x includono anche
il supporto per creare immagini ISO avviabili. Per ulteriori informazioni, vedere la Guida utente
di HP Smart Update Manager nella Information Library di HP Smart Update Manager all'indirizzo
http://www.hp.com/go/hpsum/documentation.
Il numero di nuovi aggiornamenti rilasciati per un server diminuisce con il passare del tempo.
Quando HP rilascia un aggiornamento, confrontarne i componenti con quelli della linea di base
personalizzata. Le linee di base personalizzate delle generazioni precedenti non richiederanno
aggiornamenti con la stessa frequenza delle linee di base personalizzate dei server più recenti.
Creazione di una linea di base personalizzata in HP SUM
HP SUM 6.x e versioni successive includono una funzione che consente di creare facilmente una
linea di base personalizzata di componenti dalle linee di base nella libreria delle linee di base.
È possibile creare linee di base personalizzate basate sul sistema operativo, sulla destinazione e
sulla criticità degli aggiornamenti. Ciò consente di creare una nuova linea di base che include
solo gli aggiornamenti per un server o set di server specifici. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo
di HP SUM per creare una linea di base personalizzata, vedere la Guida utente di HP Smart
Update Manager.
Panoramica della regolarità degli aggiornamenti
Alcuni aggiornamenti richiedono un riavvio per essere attivati. HP SUM consente di terminare gli
aggiornamenti in due modi:
•
Con riavvio immediato: Dopo aver terminato gli aggiornamenti, viene eseguito il riavvio dei
server e gli aggiornamenti vengono implementati.
•
Riavvio durante il prossimo riavvio pianificato: HP SUM installa gli aggiornamenti, ma questi
non vengono attivati fino al successivo riavvio pianificato. Ciò consente di ridurre al minimo
i tempi di inattività dei server.
NOTA:
Assicurarsi di riavviare una destinazione prima di applicarvi un altro aggiornamento.
Molti dispositivi basati su rete, ad esempio i moduli OA, VCM e iLO, possono essere aggiornati
senza alcuna ripercussione sul funzionamento dei server. La configurazione di VC deve essere
definita in modalità ridondante per evitare i tempi di inattività della rete. Eseguire gli aggiornamenti
senza influire sulle prestazioni dei server consente di ridurre i tempi di manutenzione perché questi
dispositivi sono già aggiornati. È possibile utilizzare questi tempi di manutenzione per gli
aggiornamenti basati su server che richiedono un riavvio e non per gli aggiornamenti delle
infrastrutture che prolungano i tempi di inattività.
14
Linea di base e regolarità degli aggiornamenti
Correzioni
Le correzioni e gli avvisi per i clienti correlati vengono rilasciati tra le versioni di SPP. Questi
componenti sono testati a fronte del SPP.
Le correzioni e gli avvisi per i clienti relativi al pacchetto SPP più recente sono disponibili nella
pagina di download di SPP selezionando il pulsante Hot Fixes & Advisories (Correzioni e avvisi).
In questa pagina rivedere gli avvisi per i clienti per determinare se la correzione si applica alla
configurazione corrente e quali componenti occorre scaricare.
Per aggiornare la configurazione con una correzione:
1. Fare clic sul triangolo blu a sinistra dell'indicazione di correzioni e avvisi per il cliente per
espandere l'elenco dei componenti scaricabili associati.
2. Fare clic sul pulsante Download per scaricare il componente in un repository di propria scelta.
3. Distribuirlo utilizzando HP SUM.
Queste correzioni documentate sono supportate all'interno del pacchetto SPP per tutto il periodo
di supporto dello stesso.
Per scaricare le correzioni dei pacchetti SPP precedenti, andare alla pagina dell'archivio delle
versioni di SPP, disponibile nella pagina di download di SPP. Individuare la voce relativa al
pacchetto SPP desiderato e selezionare il collegamento alla pagina degli avvisi per i clienti
corrispondente.
Destinazioni aggiornate regolarmente
L'aggiornamento dei server è più semplice se viene eseguito periodicamente utilizzando gli appositi
pacchetti. Assicurarsi che tra le correzioni disponibili non ve ne sia nessuna che impedisca
l'esecuzione degli aggiornamenti dei server. Per i sistemi ProLiant, assicurarsi che non ci siano
correzioni rilevanti che potrebbero riguardare un problema riscontrato. I bundle di Integrity
includono tutti gli aggiornamenti, pertanto nessun aggiornamento viene rilasciato al di fuori di essi.
Aggiornamenti intermedi obbligatori
Per i server e i dispositivi di destinazione che potrebbero non essere stati aggiornati recentemente,
non è sempre possibile installare l'ultimo pacchetto di aggiornamento. Talvolta occorre installare
gli aggiornamenti che soddisfano le dipendenze della versione più recente. Ad esempio, se il
firmware di OA è precedente alla versione 2.32. In tal caso, è necessario eseguire l'aggiornamento
alla versione 2.32 prima di poter passare a una versione successiva.
Altre volte, l'aggiornamento di un determinato componente hardware potrebbe richiedere prima
l'aggiornamento di un altro componente hardware. Ad esempio, un aggiornamento a VC versione
3.00 o successiva richiede prima che l'utente aggiorni il firmware di OA alla versione 3.00 o
successiva.
Per ulteriori informazioni sugli aggiornamenti intermedi, vedere “Tabelle degli aggiornamenti
intermedi richiesti”.
Correzioni
15
4 Scenari degli ambienti dei server
Uno o più server in una singola posizione
Gli ambienti in cui tutti i server si trovano in un'unica posizione fisica potrebbero utilizzare uno
dei server oppure una workstation non-server per eseguire gli aggiornamenti.
Elemento
Descrizione
1
Workstation
2
Server
Per gli ambienti aziendali con uno o più server in una singola posizione, scaricare il bundle di
Integrity o HP SPP. Per ulteriori informazioni sul download dei file, vedere “Download di HP SPP”
o “Download dei bundle di HP Integrity”. Attenersi alle istruzioni riportate di seguito per raccogliere
le informazioni richieste per la creazione di un piano di aggiornamento dei server. Per istruzioni
dettagliate sull'esecuzione dell'aggiornamento, consultare la sezione relativa a uno o più server
in una singola posizione della Guida dell'implementatore delle best practice per HP Smart Update.
NOTA: I bundle di SPP HP Integrity includono una copia di HP SUM. La versione più recente di
HP SUM può essere scaricata dal sito Web di HP SUM all'indirizzo http://www.hp.com/go/
hpsum.
16
•
Rivedere gli aggiornamenti critici per il server in uso. Per ulteriori informazioni, vedere
“Correzioni”.
•
Si desidera creare un'immagine ISO personalizzata? Per ulteriori informazioni sulla creazione
di un'immagine ISO personalizzata, vedere “Creazione di un'immagine ISO personalizzata”.
•
Quali aggiornamenti è necessario applicare? Utilizzare i rapporti di HP SUM per determinare
gli aggiornamenti consigliati per i server.
•
Si desidera applicare gli aggiornamenti immediatamente o in un secondo momento?
Determinare se gli aggiornamenti software o le nuove funzionalità sono componenti di cui si
ha bisogno immediatamente o se si può attendere la manutenzione pianificata per applicarli.
Scenari degli ambienti dei server
•
Assicurarsi di impostare il firewall per consentire il supporto remoto per HP SUM. Potrebbe
essere necessario abilitare il traffico inizializzato dal server remoto. Per ulteriori informazioni,
consultare la Guida utente di HP Update Smart Manager.
•
Per i server Windows, assicurarsi di abilitare i servizi di stampa e file. Per i server Linux e
HP-UX, assicurarsi di abilitare il servizio SSH.
•
In alcuni casi, l'aggiornamento del firmware iLO separatamente consente di ridurre la durata
dell'aggiornamento.
Pianificazione dell'aggiornamento per uno o più server in una singola posizione
1.
Scaricare HP SPP o il bundle Integrity. Per maggiori informazioni, vedere “Download di HP
SPP” o “Download dei bundle di HP Integrity”.
NOTA: I bundle di SPP HP Integrity includono una copia di HP SUM. La versione più recente
di HP SUM può essere scaricata dal sito Web di HP SUM all'indirizzo http://www.hp.com/
go/hpsum.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Per i server ProLiant, masterizzare l'immagine ISO su un DVD oppure creare un'unità USB.
Per ulteriori informazioni sulla creazione di un'unità USB, vedere Capitolo 6, “Utility HP USB
Key (solo server HP ProLiant)”.
Per i server ProLiant, rivedere gli aggiornamenti critici per il server in uso. Applicare tutti gli
avvisi critici che possono impedire la corretta installazione degli aggiornamenti. Per ulteriori
informazioni, vedere “Correzioni”.
Utilizzare HP SUM per generare i rapporti sul firmware, sul software e sui driver attualmente
installati nei server e sugli aggiornamenti consigliati basati sulle versioni in uso.
Eseguire l'aggiornamento. Per informazioni sull'aggiornamento, consultare la Guida
dell'implementatore delle best practice per HP Smart Update.
Assicurarsi che l'aggiornamento sia stato eseguito correttamente esaminandone i risultati e i
registri.
Utilizzare HP SUM per generare un rapporto sul firmware, sul software e sui driver attualmente
installati nei server. Al termine dell'aggiornamento, eseguire di nuovo il rapporto per
documentare le nuove versioni di firmware, software e driver dei server. Utilizzare questi
rapporti per rivedere gli aggiornamenti installati qualora si verificassero problemi.
Aggiornamento di un singolo contenitore
Questa sezione descrive il processo di aggiornamento di un singolo contenitore c-Class con server
e moduli di interconnessione associati.
Aggiornamento di un singolo contenitore
17
Elemento
Descrizione
1
Server di gestione
2
Server
3
Contenitore
4
Dispositivi di archiviazione
Di seguito vengono riportati i fattori da considerare quando si crea una strategia di aggiornamento:
•
Determinare la linea di base da utilizzare per la distribuzione.
•
Rivedere le correzioni o gli aggiornamenti critici rilasciati per il server in uso. Per ulteriori
informazioni, vedere “Correzioni”.
•
Si desidera creare un'immagine ISO personalizzata? Per ulteriori informazioni sulla creazione
di un'immagine ISO personalizzata, vedere “Creazione di un'immagine ISO personalizzata”.
•
Quali aggiornamenti sono applicabili alle proprie destinazioni? Utilizzare le funzionalità dei
rapporti di HP SUM per determinare gli aggiornamenti consigliati per i server.
NOTA: I bundle di SPP HP Integrity includono una copia di HP SUM. La versione più recente
di HP SUM può essere scaricata dal sito Web di HP SUM all'indirizzo http://www.hp.com/
go/hpsum.
•
Si desidera applicare gli aggiornamenti immediatamente o in un secondo momento?
Determinare se gli aggiornamenti software o le nuove funzionalità sono componenti di cui si
ha bisogno immediatamente o se si può attendere la manutenzione pianificata per applicarli.
•
Come viene minimizzato l'impatto degli aggiornamenti sulle operazioni aziendali? Se un
contenitore ospita più reparti, pensare a come coordinare gli aggiornamenti tra le diverse
unità operative.
•
Eseguire un controllo dell'integrità per verificare che il firmware dei moduli OA o VC sia
pronto per gli aggiornamenti.
Cliente aziendale distribuito
Il cliente aziendale distribuito ha un datacenter centrale con server in più posizioni remote.
18
Scenari degli ambienti dei server
Elemento
Descrizione
1
Server di gestione
2
Server
3
Contenitore
4
Dispositivi di archiviazione
5
Server remoti
6
Due server remoti, uno storage remoto
Di seguito vengono riportati i fattori da considerare quando si crea la strategia di aggiornamento:
•
Rivedere le correzioni e gli aggiornamenti critici rilasciati per il server in uso. Per ulteriori
informazioni, vedere “Correzioni”.
•
Si desidera creare un'immagine ISO personalizzata? Per ulteriori informazioni sulla creazione
di un'immagine ISO personalizzata, vedere “Creazione di un'immagine ISO personalizzata”.
•
Quali aggiornamenti sono necessari per le proprie destinazioni? Utilizzare le funzionalità
dei rapporti di HP SUM per determinare gli aggiornamenti consigliati.
NOTA: I bundle di SPP HP Integrity includono una copia di HP SUM. La versione più recente
di HP SUM può essere scaricata dal sito Web di HP SUM all'indirizzo http://www.hp.com/
go/hpsum.
•
Si desidera applicare gli aggiornamenti immediatamente o in un secondo momento?
Determinare se gli aggiornamenti software o le nuove funzionalità sono componenti di cui si
ha bisogno immediatamente o se si può attendere la manutenzione pianificata per applicarli.
•
Come verranno distribuiti i bundle HP SPP o HP Integrity.
◦
Masterizzare i DVD o creare unità USB, quindi inviare i supporti fisici a ciascun server
remoto.
◦
Copiare i file sui server remoti.
Cliente aziendale distribuito
19
◦
•
Copiare i contenuti ISO su un server centrale a cui connettersi tramite connessioni di rete
(condivisione di rete in Windows o montaggio NFS in Linux).
Come verranno eseguiti gli aggiornamenti?
◦
Eseguire l'installazione su ciascuna destinazione singolarmente.
◦
Utilizzare l'avvio PXE o i supporti virtuali di iLO per installare il bundle di HP SPP o
Integrity sui server di rete.
◦
Copiare il bundle di Integrity o ISO HP SPP su un computer, quindi scrivere uno script
per installarlo sugli altri server locali utilizzando HP SUM o i supporti virtuali di iLO.
•
Come viene minimizzato l'impatto degli aggiornamenti sulle operazioni aziendali? Pianificare
eventuali interruzioni di corrente. Potrebbe essere necessario eseguire aggiornamenti parziali
dei contenitori se non è possibile rendere indisponibili tutti i server contemporaneamente.
Anche quando sono richiesti aggiornamenti parziali, attenersi all'ordine d'installazione
descritto nella sezione delle best practice di questo documento. Per ulteriori informazioni,
vedere “Rapida panoramica delle best practice”.
•
Si desidera aggiornare un server esistente in modo automatico?
•
Si dispone di un ambiente di prova? Se si crea la propria immagine ISO, assicurarsi di
convalidare la soluzione prima di applicarla alle destinazioni.
•
Si dispone di un backup del server e della configurazione di altre destinazioni?
•
Le porte sono aperte per consentire il supporto remoto di HP SUM?
•
Se i server remoti sono server blade, seguire l'ordine d'installazione delle best practice. Per
ulteriori informazioni, vedere “Rapida panoramica delle best practice”.
•
In alcuni casi, potrebbe essere d'aiuto diminuire i tempi di completamento degli aggiornamenti
se il firmware iLO viene aggiornato separatamente dagli altri aggiornamenti.
•
Quanti anni hanno i server e quanti aggiornamenti intermedi è necessario eseguire prima di
poter passare alle versioni più recenti? Per ulteriori informazioni, vedere “Aggiornamenti
intermedi obbligatori”.
Datacenter di grandi dimensioni
In questa sezione vengono descritti gli aggiornamenti di un datacenter di grandi dimensioni che
include più contenitori, server e altri componenti ubicati in diverse posizioni.
20
Scenari degli ambienti dei server
Elemento
Descrizione
1
Dispositivi di archiviazione
2
Contenitore
3
Server di gestione
4
Server
Di seguito vengono riportati i fattori da considerare quando si crea la strategia di aggiornamento:
•
Quali versioni di firmware, software e driver sono attualmente installate nei server in uso?
Eseguire HP SUM per creare un rapporto.
NOTA: I bundle di SPP HP Integrity includono una copia di HP SUM. La versione più recente
di HP SUM può essere scaricata dal sito Web di HP SUM all'indirizzo http://www.hp.com/
go/hpsum.
•
È stata creata una linea di base per tutti i modelli di server?
•
Come vengono raggruppati i modelli nel datacenter? Raggruppare gli stessi modelli e
tecnologie di server in gruppi di aggiornamento. Ad esempio, tutti i server ProLiant G5 in un
gruppo e tutti i server ProLiant G1 in un altro.
•
Se un contenitore include server di più generazioni, si consiglia di non combinare server
separati da più di due generazioni. Ad esempio, i contenitori che includono i server blade
ProLiant G6 e G7 non devono includere i server blade ProLiant G1. I motivi principali sono tre:
◦
In genere, il numero di aggiornamenti per le nuove generazioni di server blade è superiore
rispetto alle generazioni precedenti, pertanto l'aggiornamento dei contenitori in cui
coesistono generazioni precedenti può comportare tempi di inattività supplementari
durante l'aggiornamento dell'infrastruttura.
◦
Quando i server invecchiano e il numero degli aggiornamenti rilasciati diminuisce, è
consigliabile creare una linea di base in corrispondenza di un determinato livello di
firmware e software e non aggiornare i server a meno che occorra eseguirvi di nuovo il
Datacenter di grandi dimensioni
21
provisioning. In questo modo si riduce il numero di server da aggiornare quando si
introduce una nuova linea di base nell'ambiente.
◦
Ciò consente di ridurre al minimo le dipendenze tra le diverse generazioni di server che
potrebbero influire sulla riuscita del processo di aggiornamento del firmware.
•
Quando vengono aggiornati i server? I server vengono aggiornati solo se c'è un problema,
quando occorre assegnarvi un nuovo scopo oppure vengono aggiornati più frequentemente?
Se i server non vengono aggiornati almeno una volta all'anno, vedere “Aggiornamenti
intermedi obbligatori”.
•
Come vengono distribuiti gli aggiornamenti?
◦
Verificare che gli aggiornamenti riguardino i server e le destinazioni.
◦
Il numero di aggiornamenti che supportano un server diminuisce nel tempo. Controllare
le informazioni sugli aggiornamenti per assicurarsi che gli aggiornamenti del software
e del firmware interessino le proprie generazioni di server. La maggior parte degli
aggiornamenti interessa l'ultima generazione.
•
L'ambiente include dispositivi di terze parti? In tal caso, occorre assicurarsi che gli
aggiornamenti da applicare siano supportati da HP e dal fornitore di terze parti.
•
L'ambiente include server ProLiant ML/DL?
•
Come viene minimizzato l'impatto degli aggiornamenti sulle operazioni aziendali? Pianificare
eventuali interruzioni di corrente. Potrebbe anche essere necessario eseguire aggiornamenti
parziali dei contenitori se non è possibile aggiornarli contemporaneamente. Anche quando
sono necessari aggiornamenti parziali, attenersi all'ordine di installazione. Per ulteriori
informazioni, vedere Capitolo 2, “Suggerimenti sulle best practice e riduzione al minimo dei
tempi di inattività”.
CloudSystem Matrix
HP CloudSystem Matrix, costruita sull'architettura di HP BladeSystem, è una piattaforma
infrastrutturale convergente per servizi condivisi. HP CloudSystem Matrix fornisce un pool
virtualizzato di risorse di computer, di archiviazione e di rete che consente di modificare le richieste
aziendali dinamiche eseguendo il provisioning e la modifica di una struttura complessa in minuti
anziché in giorni, settimane o persino mesi.
HP CloudSystem Matrix combina la progettazione e il provisioning automatizzati attraverso un
portale self-service con pianificazione della capacità e disaster recovery in un centro di comandi
che unisce il mondo fisico a quello virtuale.
Per assistere l'utente durante la configurazione, HP Services fornisce un servizio in tre fasi per
ottenere la conversione completa:
1. Valutazione iniziale.
2. Preparazione specifica per l'ambiente.
3. Conversione a HP CloudSystem Matrix.
Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web di HP CloudSystem Matrix all'indirizzo http://
www.hp.com/go/matrix.
Panoramica dei servizi di gestione del firmware HP
Gli strumenti di gestione del firmware HP e la tabella di compatibilità HP CloudSystem Matrix
consentono di applicare gli aggiornamenti con una minima ricerca o interazione.
In molti ambienti è prudente avere una strategia di aggiornamento che consideri l'importanza dei
sistemi e delle applicazioni, la preferenza aziendale per la stabilità rispetto all'innovazione e la
percezione dei tempi di inattività. HP offre i seguenti servizi a pagamento per aiutare i clienti a
22
Scenari degli ambienti dei server
esaminare i livelli correnti di driver, software e firmware e a sviluppare una strategia gestionale
appropriata:
•
HP BladeSystem Firmware and Driver Gap Analysis (Analisi delle lacune dei driver e del
firmware per HP BladeSystem)
•
HP BladeSystem Firmware and Driver Update Process Review (Revisione dei processi di
aggiornamento del firmware e dei driver di HP BladeSystem)
Gap analysis and process review (Analisi delle lacune e revisione dei processi)
L'analisi delle lacune dei driver è un servizio a pagamento che fornisce un'analisi remota e onsite
approfondita del firmware e dei driver consigliati e correnti, inclusa l'analisi dei rischi e delle
interdipendenze.
Il servizio di revisione dei processi di aggiornamento fornisce un workshop onsite per rivedere
l'approccio corrente utilizzato per la gestione del firmware e analizzare le esigenze aziendali.
Viene creata una strategia del firmware personalizzata per allineare i requisiti aziendali alle
pratiche gestionali del firmware, inclusi le best practice, un rapporto con i consigli e un processo
di verifica per affinare questi consigli per l'ambiente attuale. Per ulteriori informazioni, visitare il
sito Web di HP Proactive Select Services all'indirizzo http://www.hp.com/services/proactiveselect.
Aggiornamento di ambienti misti con HP ProLiant e HP Integrity
Per aggiornare un ambiente con server HP ProLiant e HP Integrity:
1. Esaminare la tabella di supporto. Assicurarsi di utilizzare le versioni di OA e VC supportate
da entrambi i server HP ProLiant e HP Integrity. Per ulteriori informazioni, vedere il sito Web
di HP BladeSystem Release Sets for Mixed ProLiant and Integrity all'indirizzo http://
h18004.www1.hp.com/products/servers/firmware/mixed-release-sets.html.
2. Scaricare la versione più recente di SPP e i bundle di HP Integrity Smart Update Firmware.
NOTA: È anche possibile utilizzare la funzione Check for Latest Updates from ftp.hp.com
(Controlla disponibilità di aggiornamenti recenti da ftp.hp.com) di HP SUM.
3.
4.
Decomprimere SPP e i bundle di HP Integrity Smart Update Firmware in directory diverse.
Avviare HP SUM da una di queste directory e aggiungere l'altra directory alla schermata
Source Selections (Selezioni origini) (HP SUM 5.x) o Baseline Library (Libreria linee di base)
(HP SUM 6.x).
NOTA: I bundle di SPP HP Integrity includono una copia di HP SUM. La versione più recente
di HP SUM può essere scaricata dal sito Web di HP SUM all'indirizzo http://www.hp.com/
go/hpsum. Se si utilizza HP SUM 6.x, è necessario aggiungere entrambe le directory alla
schermata Baseline Library (Libreria linee di base).
5.
Eseguire gli aggiornamenti. Prestare attenzione a non aggiornare OA o VC a una versione
non elencata nella tabella di supporto.
Aggiornamento di ambienti misti con HP ProLiant e HP Integrity
23
5 Componenti del firmware e del software HP
Set di versioni
I set di versioni sono raccolte di firmware, software, driver e altri aggiornamenti rilasciati
contemporaneamente. I bundle di HP SPP e Integrity sono due prodotti separati che includono set
di firmware.
NOTA:
HP SUM supporta l'aggiornamento del firmware solo per le destinazioni VMware vSphere.
HP Service Pack for ProLiant
HP SPP è un insieme di prodotti comprendente un'immagine ISO completa e sei download di
sottoinsiemi. L'immagine ISO completa include un ambiente di avvio, HP SUM e tutti i componenti
disponibili. Ciascun sottoinsieme di HP SPP consta di un file ZIP che include HP SUM e tutti i
componenti Smart del firmware e del software per i suoi utenti specifici. HP supporta le versioni
di SPP per 12 mesi dalla data di rilascio o per cinque versioni di SPP, a seconda della condizione
che si verifica per prima. I sottoinsiemi sono più piccoli per un download più veloce. I sottoinsiemi
non contengono un ambiente di avvio. I sottoinsiemi disponibili sono:
•
BladeSystem Red Hat Enterprise Linux Pack
•
BladeSystem SUSE Linux Enterprise Server Pack
•
BladeSystem Microsoft Windows Server Pack
•
ProLiant ML/DL/SL Red Hat Enterprise Linux Pack
•
ProLiant ML/DL/SL SUSE Linux Enterprise Server Pack
•
ProLiant ML/DL/SL Microsoft Windows Server Pack
Questi pacchetti sono scaricabili dalla Information Library di SPP all'indirizzo http://www.hp.com/
go/spp/download.
NOTA: SPP include una copia di HP SUM. La versione più recente di HP SUM può essere
scaricata dall'indirizzo http://www.hp.com/go/hpsum.
Vantaggi
•
Sostituisce la HP Insight Foundation Suite for ProLiant per fornire:
◦
24
Aggiornamenti online più veloci per tutti i server ProLiant
–
Miglioramenti significativi dei tempi di aggiornamento di OA e VC
–
Supporto per HP CloudSystem Matrix
◦
Aggiornamento in un singolo passaggio
◦
Distribuzione semplificata del firmware e del software dei sistemi HP ProLiant in immagini
ISO avviabili con PXE per ridurre quanto segue:
–
Cicli di qualifica
–
Utilizzo delle risorse
–
Finestre di manutenzione
–
Tempi di inattività
•
Elimina i problemi causati dalle interdipendenze di software e firmware
•
Riconfeziona il firmware, il driver, le utility, gli agenti e gli altri strumenti richiesti per rimanere
al passo con l'infrastruttura tecnologica in rapida espansione del giorno d'oggi
Componenti del firmware e del software HP
•
Fornisce le stesse modalità online (interattiva) e offline (automatica e interattiva) del DVD
HP Smart Update Firmware utilizzato in precedenza
NOTA:
Per ulteriori informazioni su HP SPP, vedere http://www.hp.com/go/spp.
Denominazione delle versioni di SPP
Il nome delle versioni di SPP include l'anno e il mese di rilascio del pacchetto, seguiti da un
identificatore. Ad esempio, SPP2011.09.0 è il primo pacchetto SPP rilasciato nel mese di
settembre 2011.
Con un anno di supporto, SPP è supportato fino alla fine del mese dell'anno successivo. Ad
esempio, SPP2011.09.0 è supportato fino alla fine del mese di settembre 2012.
Aggiunta o rimozione di componenti da SPP
Ogni SPP contiene un set di linee di base di componenti che sono stati testati insieme e sono
supportati per un anno dal rilascio del pacchetto o per cinque versioni SPP, a seconda della
condizione che si verifica per prima. L'aggiunta o la rimozione di un componente da SPP
consente di:
•
Incorporare una correzione introdotta dopo il rilascio del pacchetto SPP.
•
Garantire il caricamento nel sistema dei soli file necessari, il che può semplificare il
monitoraggio delle modifiche in caso di risoluzione dei problemi.
•
Soddisfare l'elenco di compatibilità HP con i prodotti di terze parti. Ad esempio, se HP rilascia
un aggiornamento per i dispositivi HBA FC, ma il fornitore dello switch esterno non supporta
la versione HP, è possibile rimuovere questo aggiornamento per continuare a ricevere
assistenza dal fornitore.
Per aggiungere o rimuovere componenti da SPP:
1. Scaricare il pacchetto SPP che meglio soddisfa le proprie esigenze su un supporto scrivibile,
ad esempio un'unità flash USB o un disco rigido.
2. Scaricare tutte le correzioni che si desidera aggiungere all'ISO. Salvarle nella directory hp/
swpackages di SPP. Per ulteriori informazioni sulla creazione di un'immagine ISO
personalizzata, vedere “Creazione di un'immagine ISO personalizzata”.
NOTA: Se si desidera mantenere separate le correzioni dai componenti SPP, salvarle in
una directory diversa, ad esempio hp/hotfixes.
3.
4.
Rimuovere eventuali pacchetti non necessari dell'ISO personalizzata dalla directory hp/
swpackages.
Convalidare la propria soluzione personalizzata prima di applicarla alle destinazioni. Eseguire
questa operazione in un ambiente di prova per ridurre al minimo i tempi di inattività.
NOTA: HP SUM 6.x supporta la creazione di linee di base personalizzate e di immagini ISO
avviabili. Per ulteriori informazioni sulla creazione di linee di base personalizzate e di immagini
ISO avviabili, vedere la Guida utente di HP Smart Update Manager disponibile all'indirizzo http://
www.hp.com/go/hpsum/documentation.
La versione più recente di HP SUM può essere scaricata dall'indirizzo http://www.hp.com/go/
hpsum.
Download di HP SPP
1.
2.
Dal browser Web, accedere al sito Web HP SPP all'indirizzo http://www.hp.com/go/spp/
download.
Fare clic sulla versione del pacchetto SPP che si desidera scaricare.
HP Service Pack for ProLiant
25
3.
Fare clic su Download accanto a HP SPP ISO o alla versione del sottoinsieme ISO non avviabile
che si desidera scaricare.
Bundle di firmware di HP Integrity
HP offre aggiornamenti per i server HP Integrity sotto forma di bundle scaricabili specifici del
sistema. Per ulteriori informazioni sui bundle, visitare il sito Web di HP Integrity all'indirizzo http://
www.hp.com/go/integrity. Nella pagina del supporto di ciascun server, sono disponibili due
bundle per ogni versione di firmware. Utilizzare il bundle per il sistema operativo della stazione
di gestione da cui si esegue HP SUM. Poiché gli aggiornamenti vengono eseguiti dalle interfacce
di gestione, entrambi i bundle possono aggiornare i server HP Integrity con qualsiasi sistema
operativo installato. Utilizzare un bundle quando si esegue HP SUM in un server di gestione
Windows per aggiornare i server Integrity sulla rete. Utilizzare l'altro bundle quando si esegue
HP SUM in un server di gestione Linux per aggiornare i server HP Integrity su tale rete. Entrambi
i bundle contengono lo stesso firmware dei server di destinazione.
La versione più recente di HP SUM può essere scaricata dall'indirizzo http://www.hp.com/go/
hpsum.
Dopo aver scaricato un bundle, estrarre il file in una directory vuota. Se occorre eseguire
l'aggiornamento utilizzando più bundle di HP Integrity, scaricare ed estrarre ogni bundle nella
directory vuota corrispondente. Eseguire HP SUM dall'ultimo bundle scaricato. In HP SUM,
aggiungere tutti i bundle nella schermata Source Selections (Selezioni origini) (HP SUM 5.x) o
Baseline Library (Libreria linee di base) (HP SUM 6.x). Per ulteriori informazioni, consultare la
Guida in linea di HP Smart Update Manager o la Guida utente di HP Smart Update Manager.
HP SUM fornisce la logica d'installazione e la funzionalità di controllo della versione per controllare
automaticamente le dipendenze e installare solo gli aggiornamenti corretti per una configurazione
ottimale.
Download dei bundle di HP Integrity
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Dal browser Web, accedere al sito Web HP all'indirizzo http://www.hp.com.
Fare clic su Support & Drivers (Supporto e driver).
Fare clic su Drivers & Software (Driver e Software).
Immettere il nome o il numero di prodotto, quindi premere Invio.
Selezionare il prodotto nell'elenco.
Fare clic su Cross operating system (BIOS, Firmware, Diagnostic, etc.) (Sistema operativo esteso
(BIOS, Firmware, Diagnostica, ecc.)).
Scegliere il firmware e fare clic su Download.
ISO del DVD di HP Smart Update Firmware e HP ProLiant Support Pack
HP sostituisce il DVD Smart Update Firmware e PSP con HP SPP. Per ulteriori informazioni, vedere
“HP Service Pack for ProLiant”.
Creazione di un'immagine ISO personalizzata
HP SUM 6.x
HP SUM 6.x supporta la creazione di linee di base personalizzate e immagini ISO avviabili
quando si dispone di un file ISO di origine, che è incluso in HP SUM 6.x. La versione più recente
di HP SUM può essere scaricata dall'indirizzo http://www.hp.com/go/hpsum.
Aggiungere le linee di base da includere negli aggiornamenti da applicare ai nodi, quindi usare
la funzione Create Custom baseline (Crea linea di base personalizzata). Per ulteriori informazioni,
consultare la Guida utente di HP Update Smart Manager, disponibile all'indirizzo http://
www.hp.com/go/hpsum/documentation.
26
Componenti del firmware e del software HP
HP SUM 5.x
È possibile utilizzare SPP per creare un'immagine ISO personalizzata. Alcuni dei motivi per cui
si potrebbe scegliere di creare un'immagine ISO personalizzata includono:
•
Aggiunta di singoli componenti o singole correzioni introdotte dopo il rilascio di un SPP.
•
Rimozione di componenti software o firmware non necessari dall'ISO. Ciò consente di
semplificare il monitoraggio delle modifiche in caso di risoluzione dei problemi.
•
Per
1.
2.
3.
Mantenimento della compatibilità con i prodotti di fornitori di terze parti. Ad esempio, se
HP rilascia un aggiornamento per uno switch esterno, ma il fornitore di quest'ultimo non
supporta la versione HP, È possibile rimuovere questo aggiornamento e continuare a ricevere
assistenza da tale fornitore.
creare un'immagine ISO personalizzata:
Scaricare un file ISO di SPP.
Decomprimere il file ISO.
Utilizzare un editor ISO per aggiungere o rimuovere componenti dall'ISO.
NOTA: Utilizzare un editor ISO con capacità di scrittura su un record di avvio SUSE Linux
Enterprise Server 11.
Sono disponibili diverse applicazioni per la creazione di immagini ISO. UltraISO crea
un'immagine ISO che funziona correttamente. UltraISO gestisce le immagini SPP, che altre
applicazioni potrebbero non gestire. UltraISO non è un prodotto HP, pertanto HP non offre
assistenza o garanzie in merito all'utilizzo di questa applicazione. Per ulteriori informazioni
su UltraISO, vedere il sito Web UltraISO (http://www.ezbsystems.com/ultraiso/).
Creazione di un'immagine ISO personalizzata
27
6 Utility HP USB Key (solo server HP ProLiant)
Utilizzo dell'utility HP USB Key
L'utility HP USB Key è un'applicazione Windows che consente di copiare il contenuto di Intelligent
Provisioning su un'unità flash USB. Dopo esser stato copiato sull'unità flash USB, Intelligent
Provisioning può essere avviato dall'unità flash USB invece che da CD o DVD. Questo processo
è utile in presenza di server headless. Inoltre, semplifica la memorizzazione, il trasporto e l'utilizzo
dei contenuti dei CD o DVD consentendo ai clienti di recuperare le immagini dal Web e
personalizzarle secondo necessità.
Prerequisiti
L'installazione di applicazioni su un'unità flash USB richiede un'origine CD, DVD o ISO supportata
e un'unità flash USB con spazio di memorizzazione sufficiente per il contenuto dell'origine. L'utility
USB Key richiede un'unità flash USB 2.0 con spazio di memorizzazione maggiore del supporto
o dell'immagine ISO (2 GB o maggiore).
Creazione di un'unità flash USB di avvio
Dopo l'installazione, l'utility crea un collegamento nella cartella HP System Tools del menu
Programmi del menu Start.
Per creare un'unità flash USB di avvio:
1. Fare doppio sul collegamento HP USB Key Utility nella cartella HP System Tools.
2. Completare ogni passaggio presentato dall'applicazione.
a. Fare clic su Next (Avanti) nella schermata di presentazione.
b. Leggere il contratto di licenza con l'utente finale, quindi selezionare Agree (Accetto) e
fare clic su Next (Avanti).
c. Selezionare Create a bootable USB key from CD/DVD (Crea unità flash USB avviabile da
CD/DVD), quindi fare clic su Next (Avanti).
d. Inserire l'unità flash USB nella porta USB disponibile. Inserire il supporto nell'unità ottica
o attivare l'immagine ISO, quindi fare clic su Next (Avanti).
e. Scegliere la lettera di unità dell'origine, scegliere la lettera di unità dell'unità flash USB
di destinazione, quindi fare clic su Next (Avanti).
ATTENZIONE:
f.
g.
Tutti i dati nell'unità flash USB di destinazione verranno eliminati.
Fare clic su Next (Avanti) nella schermata del messaggio di avviso. L'unità flash USB
viene formattata e il contenuto dell'origine viene copiato nell'unità flash USB.
Fare clic su Finish (Fine) per visualizzare il file README.TXT.
Aggiunta di altro contenuto all'unità flash USB di avvio
L'utility HP USB Key supporta più immagini su un'unica unità flash USB, sempre che lo spazio
disponibile sia sufficiente. Per creare un'unità flash USB avviabile con più immagini di CD o DVD,
ogni immagine trasferita all'unità USB deve supportare la funzione di avvio multiplo.
1. Seguire le istruzioni per creare un'unità flash USB avviabile.
2. Fare doppio sul collegamento HP USB Key Utility nella cartella HP System Tools.
3. Completare ogni passaggio presentato dall'applicazione:
a. Fare clic su Next (Avanti) nella schermata di presentazione.
b. Dopo aver letto il contratto di licenza con l'utente finale, selezionare Agree (Accetto),
quindi fare clic su Next (Avanti).
28
Utility HP USB Key (solo server HP ProLiant)
c.
d.
e.
f.
g.
4.
Selezionare Add an additional CD/DVD to a bootable USB key (Aggiungi un altro CD/DVD
a un'unità flash USB avviabile), quindi fare clic su Next (Avanti).
Inserire l'unità flash USB nella porta USB disponibile. Inserire il supporto nell'unità ottica
o attivare l'immagine ISO, quindi fare clic su Next (Avanti).
Scegliere la lettera di unità dell'origine, scegliere la lettera di unità dell'unità flash USB
di destinazione, quindi fare clic su Next (Avanti).
Fare clic su Next (Avanti) nella schermata del messaggio di avviso. Il contenuto dell'origine
viene copiato nell'unità flash USB.
Fare clic su Finish (Fine) per visualizzare il file README.TXT.
Ripetere i passaggi 2-3 per ogni supporto di origine da trasferire sull'unità flash USB.
Utilizzo dell'utility HP USB Key
29
7 Strumenti di aggiornamento
HP SUM
HP SUM è una tecnologia inclusa in diversi prodotti HP per installare e aggiornare firmware e
software nei server HP ProLiant e firmware nei server HP Integrity.
HP SUM un'interfaccia utente basata su Web e un'interfaccia con script della riga di comando per:
•
Distribuzione di firmware per un server o da uno a molti server HP ProLiant e HP Integrity e
destinazioni basate su rete quali iLO, OA e moduli VC Ethernet e Fibre Channel.
•
Distribuzione di software per un server o da uno a molti server HP ProLiant (supportata in
ambienti Windows e Linux).
HP SUM dispone di un motore di rilevamento di hardware e software che trova l'hardware installato
e versioni correnti di firmware e software in uso nei nodi identificati. HP SUM installa gli
aggiornamenti nell'ordine corretto e verifica che tutte le dipendenze siano soddisfatte prima di
distribuire un aggiornamento. HP SUM previene un'installazione nel caso siano presenti dipendenze
basate sulla versione che non possono essere risolte.
Le funzioni principali di HP SUM comprendono:
•
Controllo delle dipendenze che garantisce l'ordine di installazione appropriato e che i
componenti siano attivi
•
Processo di aggiornamento guidato automatico e simile alle procedure guidate
•
Applicazione basata su browser Web
•
Creazione di linee base e file ISO personalizzati
•
Assegnazione di determinate linee base a nodi
•
Download di aggiornamenti dal Web
•
Distribuzione intelligente dei soli aggiornamenti necessari
•
Distribuzione contemporanea di firmware e software per più nodi remoti in modalità GUI
(interfaccia grafica utente) e CLI (interfaccia della riga di comando)
•
Prestazioni di distribuzione migliorate
•
Distribuzione online locale di server e contenitori HP ProLiant
•
Distribuzione online remota (da uno a molti) di server e contenitori HP ProLiant e HP Integrity
•
Distribuzione di firmware offline locale con destinazioni HP Service Pack for ProLiant
•
Distribuzione offline remota quando utilizzata con SmartStart Scripting Toolkit (HP ProLiant
G7 e server precedenti), Scripting Toolkit (HP ProLiant Gen8 e versioni successive), iLO Virtual
Media o supporti di avvio PXE
•
Script GUI o CLI con capacità avanzata di creazione di registri
•
Distribuzione tramite riga di comando remota
•
Supporto per l'aggiornamento di firmware in destinazioni basate su rete quali OA, iLO fino
a switch Network Management Port, VC Ethernet e Fibre Channel e Switch di interconnessione
3 Gb/6 Gb SAS BL su server HP ProLiant
•
Supporto per distribuire aggiornamenti firmware su server Integrity e contenitori Superdome
2 supportati
•
Supporto per l'aggiornamento di moduli VC su server Integrity
NOTA:
HP SUM non supporta controller di terze parti. Questo include l'aggiornamento
flash delle unità connesse a questi controller.
30
Strumenti di aggiornamento
•
Distribuzione online remota di firmware di schede di I/O in destinazioni HP ProLiant e
HP Integrity con HP-UX
Per informazioni sui tipi di firmware supportati da HP SUM, vedere la Guida utente di HP Smart
Update Manager disponibile sul sito Web della documentazione di HP SUM all'indirizzo http://
www.hp.com/go/hpsum/documentation.
HP SIM e Version Control Agent (Agente di controllo della versione)
HP SIM consente agli amministratori di sistema di gestire i loro sistemi. Esso fornisce gestione a
livello hardware per i server HP ProLiant, Integrity, 9000 e HP BladeSystem, nonché per gli storage
array HP StorageWorks MSA, EVA e XP. HP SIM consente di determinare rapidamente se un
server è allineato con una determinata linea di base. Grazie alle capacità incorporate di
generazione dei rapporti di SIM, è possibile creare rapidamente rapporti che mostrano i server
obsoleti.
Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web HP SIM all'indirizzo http://www.hp.com/go/hpsim.
NOTA: Un aggiornamento del firmware MDS600 richiede che tutti i server blade, ad eccezione
di quello che esegue l'aggiornamento, vengano spenti prima di iniziare la procedura.
HP OneView
Ottimizzato per collaborazione, produttività e affidabilità, l'appliance HP OneView è progettata
per offrire la gestione semplice e trasparente del ciclo di vita per gli aspetti complessi dell'IT
aziendale: server, rete, software, alimentazione e raffreddamento e storage.
Architettura
HP OneView è fornito come appliance virtuale in esecuzione in una macchina virtuale VMware
vSphere.
Rispetto ad altri ambienti di gestione che richiedono flussi di lavoro serializzati predefiniti e diversi
strumenti per diverse operazioni, HP OneView è una soluzione scalabile orientata alla risorse
incentrata sull'intero ciclo di vita, dalla configurazione iniziale al monitoraggio e alla manutenzione
giornaliera delle risorse fisiche e logiche.
•
Le risorse logiche sono elementi quali reti, profili di server e connessioni.
•
Le risorse fisiche sono elementi che si possono toccare con mano, ad esempio l'hardware dei
server, interconnessioni e contenitori.
Flessibilità definita dal software: i propri esperti progettano configurazioni
per una distribuzione efficiente e coerente
L'appliance fornisce diverse risorse definite da software, ad esempio profili di gruppi e server, per
consentire di acquisire le best practice dei propri esperti in una varietà di discipline quali rete,
storage, configurazione e creazione e configurazione di sistemi operativi. Utilizzando i propri
esperti per definire i profili dei server e i gruppi e le risorse di rete, è possibile eliminare le
disconnessioni interfunzionali. Utilizzando RBAC (controllo di accesso basato su ruolo) e i profili
per gruppi, set e server creati dai propri esperti, si consente agli amministratori di sistema di
eseguire il provisioning e di gestire migliaia di server senza che i propri esperti siano coinvolti
nella distribuzione di ciascun server.
Uno strumento e un insieme di dati: OneView
HP OneView unisce il provisioning e la gestione complessi e interdipendenti dei datacenter in
un'unica interfaccia semplificata e unificata. Un solo strumento e un solo modello consentono di:
•
Effettuare il provisioning del datacenter
•
Gestire e mantenere le modifiche al firmware e alla configurazione
HP SIM e Version Control Agent (Agente di controllo della versione)
31
•
Monitorare il datacenter e intervenire in caso di problemi
La soluzione offre inoltre funzionalità centrali di gestione a livello aziendale, tra cui:
•
Funzionalità di disponibilità
•
Funzioni di protezione
•
Interfacce grafiche e programmatiche
•
Integrazione con altri software di gestione HP
VCSU
HP BladeSystem c-Class VCSU consente agli amministratori di eseguire le seguenti operazioni:
•
Aggiornamento del firmware dei moduli VC Ethernet e VC-Fibre Channel.
•
Esecuzione di altre operazioni di manutenzione in remoto sui moduli VC Ethernet e Fibre
Channel installati nei contenitori HP BladeSystem c-Class c7000 e c3000 utilizzando una CLI
indipendente basata su Windows o Linux.
Talvolta è necessario utilizzare VCSU anziché HP SUM per aggiornare un modulo VC. Per ulteriori
informazioni, vedere “Rapida panoramica delle best practice”.
Quando VCSU inizializza un processo di aggiornamento del firmware, è possibile aggiornare
contemporaneamente tutti i moduli oppure è possibile alternare gli aggiornamenti tra i moduli a
sinistra e a destra in modo da non interrompere la connettività SAN e di rete durante le operazioni.
L'utility visualizza un messaggio per indicare che è in corso un aggiornamento e per mostrare la
percentuale di completamento. Dopo il completamento degli aggiornamenti del firmware dei
moduli, l'utility attiva tutti i moduli. VCSU riduce al minimo i tempi di interruzione di corrente della
fabbrica di rete e può eliminare completamente un'interruzione di corrente se i moduli VC sono
installati in coppie ridondanti.
Per
1.
2.
3.
individuare la versione più recente di VCSU:
Visitare il sito Web HP all'indirizzo http://www.hp.com.
Fare clic su Support and Drivers (Supporto e driver).
Selezionare Download drivers and software (and firmware) (Download di driver e software
(e firmware)).
4. Immettere HP BladeSystem c-Class VCSU e premere Invio.
5. Selezionare il tipo di modulo VC.
6. Selezionare il sistema operativo per l'aggiornamento del modulo VC.
NOTA:
Eseguire sempre un controllo dell'integrità dei moduli VC se si eseguirà
l'aggiornamento prima di inizializzare il processo di aggiornamento del firmware.
NOTA:
HP SUM sfrutta l'utility VCSU inclusa nel componente firmware di VC per distribuire
gli aggiornamenti del firmware di VC.
Quando utilizzare l'utility VCSU
Utilizzare VCSU se uno dei seguenti fattori si applica a un modulo VC:
32
•
Stato non integro: HP SUM segnala un modulo come non integro durante il rilevamento nella
schermata Select Targets (Selezionare destinazioni).
•
Forzatura della stessa versione: HP SUM non consente all'utente di forzare la riscrittura della
stessa versione di firmware.
•
Downgrade di VCM: HP SUM non consente all'utente di forzare il downgrade del firmware di
VC.
•
Aggiornamento singolo modulo: HP SUM non consente l'aggiornamento di un solo modulo.
Strumenti di aggiornamento
•
Configurazione non ridondante: se HP SUM rileva che il modulo VC non è ridondante, non
consentirà all'utente di eseguire gli aggiornamenti. Ciò impedisce un'interruzione di corrente
accidentale dei server.
•
Non appartenente a un dominio: HP SUM avverte se il modulo VC non appartiene a un
dominio. HP SUM richiede che il modulo VC appartenga a un dominio per eseguire il
rilevamento.
•
Modifica dell'ordine di attivazione: se si desidera modificare l'ordine di attivazione, inserire
il ritardo per i moduli VC o scegliere altre opzioni non predefinite.
•
Backup della configurazione prima dell'aggiornamento del firmware di VC: HP SUM non
invia i comandi per eseguire il backup delle destinazioni.
•
I moduli VC sono gestiti da VCEM: se il modulo VC è gestito da VCEM, è necessario impostare
il modulo VC sulla modalità manutenzione. Dopo aver cambiato la modalità, eseguire di
nuovo l'analisi del modulo VC in HP SUM e continuare con l'aggiornamento.
SCCM
Microsoft SCCM 2007 consente ai clienti HP di utilizzare SCCM per la gestione e la distribuzione
degli aggiornamenti dei pacchetti PSP e del software di sistema per i server HP ProLiant. Consultare
la documentazione fornita con SCCM per istruzioni su come gestire gli aggiornamenti con SCCM.
HP ha sviluppato un file CAB del catalogo degli aggiornamenti (ProLiant.cab) contenente un file
XML conforme al formato degli aggiornamenti Microsoft per descrivere gli aggiornamenti resi
disponibili da HP. Questo file CAB consente a SCCM di comprendere e interpretare lo stato degli
aggiornamenti per i server ProLiant. È possibile monitorare lo stato di aggiornamento dei server
ProLiant e autorizzare e distribuire gli aggiornamenti software ai server. La distribuzione dei
pacchetti PSP è completa e vantaggiosa, perché tali pacchetti sono testati assieme per garantire
un'installazione senza problemi. Utilizzando lo strumento SCUP, è possibile importare il catalogo
HP nel server SCCM. Il server SCCM può distribuire il software dal catalogo importato ai
client-server. SCUP funziona con WSUS e SCCM. Si tratta di un'installazione a parte che viene
eseguita dall'amministratore.
La gestione e la distribuzione dei componenti di HP ProLiant SmartStart e dei pacchetti ProLiant
Support Pack richiedono solo l'installazione di SCCM 2007, WSUS e SCUP. SCCM, WSUS e
SCUP devono essere installati e verificati prima di gestire gli aggiornamenti HP. Per informazioni
dettagliate sull'installazione di SCCM, WSUS e SCUP, consultare la documentazione disponibile
sul sito Web di Microsoft all'indirizzo http://www.microsoft.com.
HP Server Updates Catalog deve essere utilizzato per monitorare e distribuire gli aggiornamenti
del firmware e del software, e le installazioni nuove e di aggiornamento di SPP. Le installazioni
iniziali del singolo software e firmware non sono supportate a causa della complessità della
dipendenza tra componenti. Per garantire l'installazione completa di tutto il software pertinente,
si consiglia di distribuire PSP per i server ProLiant appena configurati.
SCCM 2007 utilizza l'infrastruttura di WSUS per distribuire gli aggiornamenti software ai dispositivi
gestiti. Benché l'esperienza utente sia in parte simile a SMS 2003, l'architettura è diversa e utilizza
uno strumento di analisi personalizzato fornito da HP insieme ai pacchetti e alle notifiche standard.
La nuova infrastruttura SCCM non supporta SMS 2003 Inventory Tool per l'aggiornamento dei
server HP ProLiant e Integrity.
Utilizzare SCCM per aggiornare i pacchetti PSP, gli aggiornamenti del software e quelli specifici
del firmware. Se si utilizza SCCM, per completare gli aggiornamenti del firmware, sono necessari
strumenti aggiuntivi.
NOTA:
Non è possibile utilizzare SCCM per aggiornare il firmware nelle destinazioni non
server, ad esempio i moduli OA, VC e altre interconnessioni di contenitori.
SCCM
33
Aggiornamenti del firmware per VMware ESXi
VMware ESXi 5.0 e versioni successive
HP SUM 5.3.5 e versioni successive consentono di aggiornare il firmware per le destinazioni
VMware ESXi 5.0 e versioni successive. Eseguire HP SUM in un sistema host Windows o Linux e
aggiornare le destinazioni VMware su una rete. Gli aggiornamenti VMware sono disponibili in
HP SPP. Per ulteriori informazioni sui componenti rilasciati, vedere HP Support Pack for ProLiant
Release Notes (Note sulla versione di HP Service Pack for ProLiant). HP fornisce un elenco consigliato
di driver e firmware per i server HP ProLiant che eseguono VMware ESXi 5.x e versioni successive.
Per informazioni sui driver, il firmware e la versione HP SPP associata, vedere il white paper
tecnico sul software e il firmware di VMware all'indirizzo http://vibsdepot.hp.com/.
HP SUM richiede i provider WBEM per VMware ESXi per aggiornare le destinazioni VMware.
Per informazioni sull'utilizzo di HP SUM per aggiornare le destinazioni VMware, vedere la Guida
utente di HP Smart Update Manager.
VMware ESXi 4.x e versioni precedenti
Per aggiornare il firmware in un server blade che esegue VMware ESX o ESXi, spostare i guest
VM in un host alternativo prima di spegnere le VM. Per aggiornare il firmware su questi server,
utilizzare HP SPP. Il processo di aggiornamento del firmware include aggiornamenti offline, tuttavia
è necessario seguire lo stesso ordine di installazione utilizzato per i server blade che hanno già
un sistema operativo installato su di essi. Di seguito viene riportato l'ordine d'installazione
consigliato.
NOTA: Verrà visualizzata una schermata viola (PSOD, Purple screen of death) in VMware ESXi
4.1 durante, o al riavvio dopo, l'installazione di un aggiornamento del firmware offline utilizzando
il DVD HP Firmware Update 9.0 o versioni successive (contenente il firmware QLogic NIC versione
4.0.520 o successiva) se il server contiene un adattatore BL-c multifunzione HP NC522m Dual
Port 10 GbE, un adattatore per server HP NC522SFP Dual Port 10 GbE Gigabit o un modulo
NC524SFP. Per informazioni su come risolvere questo problema, vedere l'avviso disponibile
all'indirizzo http://h20564.www2.hp.com/portal/site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
docId=emr_na-c02496982.
Scelta di uno strumento di distribuzione
Utilizzare sempre HP SPP per eseguire la distribuzione in tutte le modalità, tranne in presenza
delle seguenti condizioni:
•
Se non si dispone di un sistema operativo installato, è necessario utilizzare l'immagine ISO
offline.
•
Se si stanno aggiornando destinazioni sulla rete, è necessaria una connessione di rete in
Windows o Linux.
HP SUM è lo strumento generalmente utilizzato per distribuire il firmware. È contenuto nella directory
\hp\swpackages di HP SPP e viene eseguito sia in ambienti offline che online. In alcuni casi,
sono consigliati i seguenti strumenti:
34
•
VCSU, per un qualsiasi problema che impedisce l'utilizzo di HP SUM per eseguire un
aggiornamento. Per ulteriori informazioni, vedere “VCSU”.
•
SIM, per distribuzioni su larga scala, più di 100 destinazioni concorrenti, e linea di base.
Per ulteriori informazioni, vedere “HP SIM e Version Control Agent (Agente di controllo della
versione)”.
Strumenti di aggiornamento
8 Rapporti e aggiornamenti intermedi
Raccolta dei dati relativi alle versioni installate
Creare un database o un foglio di calcolo delle configurazioni correnti di server o contenitori
prima e dopo un aggiornamento aiuta ad eseguire l'audit dei sistemi o a risolvere i problemi che
si possono verificare dopo l'aggiornamento.
HP SUM include funzioni che consentono di creare rapporti in modo automatico dalla riga di
comando o dall'interfaccia utente di HP SUM. Per ulteriori informazioni, vedere la Guida utente
di HP Smart Update Manager sul sito Web della documentazione di HP SUM all'indirizzo http://
www.hp.com/go/hpsum/documentation.
Tabelle degli aggiornamenti intermedi richiesti
Per i server che eseguono versioni precedenti di PSP per Windows o Linux o di firmware, consultare
le tabelle seguenti in cui vengono elencate le versioni da installare per evitare problemi critici noti.
Potrebbe comunque essere sempre necessario distribuire le versioni intermedie di PSP tra queste
versioni a seconda delle configurazioni di server e della versione più recente supportata per un
determinato modello di server.
Per utilizzare le informazioni riportate di seguito, determinare innanzitutto la versione di PSP in
esecuzione su un determinato server. Ad esempio, se su un server è in esecuzione PSP 7.50, è
necessario come minimo eseguire l'aggiornamento a PSP 7.60, 7.91, 8.11, 8.30, 8.60 e
quindi 8.70.
NOTA: I criteri HP ufficiali prevedono che gli aggiornamenti vengano eseguiti solo quando la
versione correntemente installata è due versioni più vecchia rispetto alla nuova.
Per i server che eseguono versioni precedenti del software e del firmware, sarà probabilmente
necessario distribuire più aggiornamenti. Molti aggiornamenti intermedi forniscono le funzionalità
richieste prima della distribuzione del software e del firmware più recenti. Più si attende a distribuire
gli aggiornamenti, maggiore potrebbe essere il numero di aggiornamenti intermedi da applicare.
Versione PSP in Windows
Motivo/Set versioni
Collegamento
PSP versione 8.60
Risoluzione per avviso: (revisione)
http://h20564.www2.hp.com/portal/
Integrated Lights-Out 2 (iLO 2) e iLO site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
2 Management Controller Driver docId=emr_na-c01802766
RICHIESTO AGGIORNAMENTO DI
FIRMWARE/ DRIVER: Il server ProLiant
può riavviarsi inaspettatamente e
visualizzare messaggi di errore ID
evento 57
PSP versione 8.30
Fornitura del supporto per Windows http://h20564.www2.hp.com/portal/
Server 2008 R2. Aggiunto il supporto site/hpsc/public/kb/docDisplay/?
per la maggior parte dei server
docId=emr_na-c01684544
ProLiant G6.
PSP versione 8.11
Correzione per hponcfg e problemi
N/D
con il driver di iLO vengono risolti in
questa versione. Questa versione
include anche il supporto minimo
necessario per applicare il driver
Broadcom 1Gb Multifunction per la
correzione Windows menzionata
sotto. Questa versione include anche
la nuova utility HP Insight Diagnostics
che ottimizza significativamente le
funzionalità di diagnostica e risolve
Raccolta dei dati relativi alle versioni installate
35
alcuni problemi con gli alimentatori
riscontrati nelle versioni precedenti di
tale programma. I seguenti
aggiornamenti sono stati apportati
anche per PSP 8.11.
1. Aggiornamento dei provider
WBEM di HP Insight Management
per Windows Server 2003/2008
2. Configurazione del firewall
automatica per Windows Server
2008
3. Supporto di MSA20, MSA500 e
MSA500 G2
4. Aggiornamento dell'utilizzo
dell'identità del software CIM per
abilitare il supporto di SEC/SCCM
5. Nuovi driver per ProLiant Support
Pack (PSP) 8.11 per Windows
6. Identificatore Trusted Platform
Module (TPM (Trusted Platform
Module)) per Windows Server
2003
7. Driver miniport Storport per il driver
del controller SATA integrato HP
ProLiant per Windows Server 2003
x86 Edition
8. Driver HP NC-Series Broadcom
10GbE Multifunction per Windows
Server 2003
È necessario installare la versione
4.6.16.0 del driver HP NC-Series
Broadcom 1Gb Multifunction per
Windows dopo aver eseguito
l'aggiornamento a PSP versione
8.11 e prima di eseguire
l'aggiornamento a PSP versione
8.15 o successive. Ciò è richiesto
in seguito a una modifica
architetturale delle librerie del
supporto Microsoft per questo
driver. Se non si passa alla
versione 4.6.16.0 del driver prima
di eseguire l'aggiornamento a PSP
8.15 o versioni successive e prima
di riavviare il server, è possibile
che tutte le NIC non siano più
visibili e in alcuni casi è possibile
che venga eseguito il re-imaging
completo del sistema operativo
prima che ne venga ripristinata la
visualizzazione.
PSP versione 7.91
36
Rapporti e aggiornamenti intermedi
Diverse correzioni critiche sono state
apportate alla versione di base 7.90
per risolvere i numerosi problemi con
i driver, tra cui:
1. Un server HP ProLiant che esegue
Microsoft Windows Server 2003
con HP ProLiant Smart Array
SAS/SATA Controller Driver
(HPCISSS2.SYS) versione 6.6.0 (o
precedenti) e HP Insight
Management Agents potrebbero
visualizzare la schermata blu dopo
Per ulteriori informazioni su questo
problema, consultare gli avvisi per i
clienti:
1. Vedere l'avviso per i clienti, ID
documento c01102958 all'indirizzo
http://h20564.www2.hp.com/
portal/site/hpsc/public/kb/
docDisplay/?
docId=emr_na-c01102958.
2. Il driver HPCISSS2.SYS è corretto
nella versione 7.90 di PSP.
l'applicazione di HP ProLiant
Support Pack (PSP) 7.80.
3. HP SUM sostituisce l'utility RDU per
consentire l'aggiornamento di più
server e introduce il controllo delle
dipendenze per garantire che tutti i
componenti siano installati
nell'ordine corretto.
PSP versione 7.60
In questo lasso di tempo, sono state
apportate diverse modifiche
all'integrità dei driver. Inoltre, diversi
driver sono stati aggiornati con
correzioni critiche.
N/D
PSP versione 7.20
Systems Management Homepage è
stato riprogettato per utilizzare le
credenziali di sistema anziché
credenziali speciali. La mancata
installazione di PSP versione 7.20
potrebbe comportare la perdita di
gestibilità nel server.
N/D
Tabelle di riferimento dei set di versioni di PSP/del firmware
Versione DVD firmware
Set di versioni
Versione PSP
10.00
SPP 2012.2.0
9.00
9.30
2011.04
8.70, 8.60, 8.50
9.20(B)
2010.10
8.60, 8.50, 8.40
9.20
2010.10
8.60, 8.50, 8.40
9.10
2010.07
8.50, 8.40, 8.30
9.00
2010.04
8.40, 8.30, 8.25
Tabelle di riferimento dei set di versioni di PSP/del firmware
37
9 Assistenza e altre risorse
Informazioni da raccogliere prima di contattare HP
Prima di contattare HP, assicurarsi di disporre delle seguenti informazioni:
•
Registro di Active Health System
Scaricare e tenere a disposizione il registro di Active Health System per i tre giorni precedenti
al rilevamento del guasto. Per ulteriori informazioni, consultare la Guida utente di HP iLO 4
o la Guida utente di HP Intelligent Provisioning sul sito Web HP ProLiant Gen8 Server
Management all'indirizzo http://www.hp.com/go/ilo/docs.
•
Rapporto SHOW ALL di Onboard Administrator (solo per prodotti HP BladeSystem)
•
Numero di registrazione all'assistenza tecnica (se disponibile)
•
Numero di serie del prodotto
•
Nome e numero del modello di prodotto
•
Numero di identificazione del prodotto
•
Eventuali messaggi di errore visualizzati
•
Schede o componenti hardware aggiuntivi
•
Prodotti hardware o software di terze parti.
•
Tipo di sistema operativo e livello di revisione
•
Se si eseguono aggiornamenti in modalità online, eseguire GatherLogs, che è inclusa in
HP SUM. Eseguire l'applicazione da un supporto multimediale dotato di autorizzazioni di
accesso in lettura/scrittura.
Come contattare HP
Per contattare il supporto tecnico HP utilizzare i seguenti metodi:
•
Visitare il sito Web HP internazionale:
http://www.hp.com/go/assistance
•
Utilizzare il collegamento Contatta HP sul sito Web del supporto HP:
http://www.hp.com/go/hpsc
•
Per contattare HP negli Stati Uniti, telefonare al numero +1 800 334 5144. Il servizio è
disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In accordo con la politica di miglioramento della
qualità, è possibile che le telefonate siano controllate o registrate.
Servizio di abbonamento
HP consiglia di registrare il prodotto in uso sul sito Web Subscriber's Choice: http://www.hp.com/
country/us/en/contact_us.html Dopo aver eseguito la registrazione, si riceverà un'email di notifica
con informazioni sui miglioramenti apportati ai prodotti, sulle nuove versioni dei driver, sugli
aggiornamenti del firmware e su altre risorse di prodotto.
Informazioni correlate
Documenti
38
•
Note sulla versione di HP Service Pack for ProLiant
•
HP Service Pack for ProLiant Server Support Guide (Guida al supporto di HP Service Pack per
server ProLiant)
Assistenza e altre risorse
•
HP Smart Update Manager User Guide (Guida utente di HP Smart Update Manager)
•
HP ProLiant Firmware Management Best Practices Overview (Panoramica delle best practice
per la gestione del firmware per HP ProLiant)
•
HP BladeSystem ProLiant Firmware Management Best Practices Implementer Guide (Guida
dell'implementatore delle best practice per la gestione del firmware per HP BladeSystem
ProLiant)
È possibile trovare questi documenti nella Information Library di SPP all'indirizzo:
http://www.hp.com/go/spp/documentation
Siti Web
•
Sito Web HP SPP http://www.hp.com/go/spp
•
Download e correzioni disponibili per HP SPP http://www.hp.com/go/spp/download
•
Sito Web di HP Subscriber's Choice http://www.hp.com/go/subscriberschoice
•
Guida utente di HP Smart Update Manager http://www.hp.com/go/hpsum/documentation
•
Sito Web di HP Systems Insight Manager http://www.hp.com/go/hpsim
◦
HP Systems Insight Manager Installation and User Guide (Guida dell'utente e di
installazione di HP Systems Insight Manager)
◦
HP Systems Insight Manager Help Guide (Guida di HP Systems Insight Manager)
•
Software HP Insight Control Management http://www.hp.com/servers/rdp
•
Tabelle dei sistemi operativi supportati dai server HP ProLiant http://www.hp.com/go/
supportos
•
Sito Web delle tabelle di supporto per HP StorageWorks Modular Smart Arrays http://
www.hp.com/go/msa
•
Sito Web Microsoft http://www.microsoft.com
•
Per informazioni sui sistemi operativi Linux, consultare uno dei seguenti siti Web:
◦
Red Hat Linux (http://www.redhat.com)
◦
SUSE Linux (http://www.suse.com)
Convenzioni tipografiche
Tabella 1 Convenzioni del documento
Convenzione
Elemento
Testo blu: Tabella 1, “Convenzioni del
documento”
Collegamenti di riferimento incrociato e indirizzi e-mail
Testo sottolineato blu: http://www.hp.com
Indirizzi dei siti Web
Testo in grassetto
• Tasti da premere
• Testo immesso in un elemento dell'interfaccia utente, ad
esempio una casella
• Elementi dell'interfaccia su cui fare clic o da selezionare
quali menu e voci di elenco, pulsanti, schede e caselle
di controllo
Testo in corsivo
Enfasi del testo
Convenzioni tipografiche
39
Tabella 1 Convenzioni del documento (segue)
Convenzione
Elemento
Testo monospazio
• Nomi di file e directory
• Output del sistema
• Codice
• Comandi e relativi argomenti e valori degli argomenti
Testo monospazio in corsivo
• Variabili del codice
• Variabili dei comandi
Testo monospazio in grassetto
AVVERTENZA!
o decesso.
Testo monospazio con enfasi
Indica che la mancata osservanza di tali istruzioni può causare lesioni personali
ATTENZIONE: Indica che la mancata osservanza di tali istruzioni può causare danni
all'apparecchiatura o ai dati.
IMPORTANTE:
NOTA:
Offre informazioni esplicative o istruzioni specifiche
Offre informazioni aggiuntive
SUGGERIMENTO:
40
Assistenza e altre risorse
Offre utili suggerimenti e scelte rapide.
10 Commenti sulla documentazione
HP si impegna a fornire una documentazione che soddisfi le esigenze degli utenti. Per consentire
di migliorare la documentazione, inviare errori, suggerimenti o commenti a Documentation Feedback
([email protected]). Con il commento, includere anche il titolo del documento, il numero di
parte, il numero di versione o l'URL.
41
Acronimi e abbreviazioni
BIOS
Basic Input/Output System (Sistema di input/output di base)
CD
Compact disc
CLI
Command Line Interface (Interfaccia della riga di comando)
CNA
Converged Network Adapter
CPLD
Complex Programmable Logic Device
CPU
Central Processing Unit (Unità di elaborazione centrale)
DHCP
Dynamic Host Configuration Protocol (Protocollo di configurazione host dinamico)
DNS
Domain Name System (Sistema di nomi di dominio)
DVD
Digital Video Disc
EVA
Enterprise Virtual Array (Array virtuale aziendale)
FDT
Firmware Deployment Tool (Strumento di distribuzione del firmware)
GUI
Graphical User Interface (Interfaccia utente)
HBA
Host Bus Adapter (Adattatore bus host)
HP SIM
HP Systems Insight Manager
HP SUM
HP Smart Update Manager
I/O
Input/Output (Ingresso/Uscita)
iLO
Integrated Lights-Out
iLO 2
Integrated Lights-Out 2
iLO 3
Integrated Lights-Out 3
IP
Internet Protocol (Protocollo Internet)
IPv4
Internet Protocol versione 4
IPv6
Internet Protocol versione 6
ISO
International Organization for Standardization (Organizzazione internazionale per la
standardizzazione)
ISP
Integrity Support Pack (Pacchetto di supporto Integrity)
MSA
Modular Smart Array (Smart array modulare)
NFS
Network File System (File system di rete)
NIC
Network Interface Controller (Controller d'interfaccia di rete)
OA
Onboard Administrator
PSP
ProLiant Support Pack (Pacchetto di supporto ProLiant)
PXE
Preboot Execution Environment (Ambiente di esecuzione pre-avvio)
PXEBOOT
Utility di abilitazione/disabilitazione dell'ambiente di esecuzione pre-avvio
RDU
Utility di distribuzione remota
ROM
Read-Only Memory (Memoria di sola lettura)
RPM
Red Hat Package Manager
SAN
Storage Area Network (Rete con area di memorizzazione)
SAS
Serial Attached SCSI (SCSI su connessione seriale)
SATA
Serial ATA
SCCM
System Center Configuration Manager
SCUP
System Center Updates Publisher
SPP
Service Pack for ProLiant
SUM
Software Update Manager (Gestore degli aggiornamenti software)
42
Acronimi e abbreviazioni
SUV
Serial, USB, Video (Seriale, USB, video)
URL
Uniform Resource Locator
USB
Universal Serial Bus
VC
Virtual Connect
VCM
Virtual Connect Manager
VCSU
Virtual Connect Support Utility
VM
Virtual Machine (Sistema virtuale)
WSUS
Windows Server Update Services
43
Indice
componenti del firmware e del software HP, 24
tabelle di riferimento dei set di versioni di PSP/del
firmware, 37
A
AGGIORNAMENTO
aggiornamenti intermedi obbligatori, 15
destinazioni aggiornate regolarmente, 15
panoramica della regolarità degli aggiornamenti, 14
Aggiornamento del firmware
gestione delle linee di base e delle modifiche, 14
regolarità degli aggiornamenti, 14
Assistenza
ottenere, 38
B
Best practice, 6
Bundle
Integrity, 26
Bundle Integrity, 26
C
CD, 28
CLI (Command Line Interface, interfaccia della riga di
comando), 30
Componenti
componenti del firmware e del software HP, 24
Integrity Support Pack, 26
Configurazione, SCCM, 33
Contattare HP, 38
Convenzioni
documento, 39
simboli di testo, 40
Convenzioni tipografiche, 39
Correzione, 15
Creazione, 14
D
Distribuzione a più host remoti
cliente aziendale distribuito, 18
datacenter di grandi dimensioni, 20
Distribuzione del firmware, 30
Distribuzione del software, 30
Distribuzione online, 34
documentazione
feedback, 41
Documentazione
sito Web HP, 39
spiegazione delle guide, 5
Documentazione correlata, 38
Documento
convenzioni, 39
documentazione correlata, 38
Download
correzioni SPP, 15
DVD, 28
F
Firmware
44
Indice
G
Gestione del firmware
analisi delle lacune e revisione dei processi, 23
panoramica dei servizi di gestione del firmware HP, 22
GUI (Interfaccia grafica utente), 30
H
HP
supporto tecnico, 38
HP Smart Update Manager, interfaccia grafica utente, 30
HP Smart Update Manager, panoramica, 31
I
Immagine ISO
USB, unità flash, 28
Informazioni su driver e software, 35
Interfaccia della riga di comando (CLI), 30
Interfaccia grafica utente (GUI), 30
Introduzione, 5
M
Metodi di distribuzione, 24
Microsoft, software, 33
Modifica di ISO di SPP, 26
Moduli Virtual Connect, 32
P
Panoramica, 5
Panoramica, guida, 5
PSP (ProLiant Support Pack)
tabelle di riferimento dei set di versioni di PSP/del
firmware, 37
R
Raccolta delle informazioni del datacenter, 35
Raccolta, aggiornamenti HP, 24
Rapporti, creazione, 35
S
Scenari di distribuzione
aggiornamento di un singolo contenitore, 17
cliente aziendale distribuito, 18
CloudSystem Matrix, 22
datacenter di grandi dimensioni, 20
Scenari, distribuzione
scenari degli ambienti dei server, 16
Scenari, panoramica
aggiornamento di un singolo contenitore, 17
cliente aziendale distribuito, 18
CloudSystem Matrix, 22
datacenter di grandi dimensioni, 20
scenari degli ambienti dei server, 16
Script, distribuzione con, 30
Server HP Integrity, 26
Set di versioni
tabelle di riferimento dei set di versioni di PSP/del
firmware, 37
Simboli nel testo, 40
Siti Web
manuali prodotti, 39
Strumenti di distribuzione
scelta di uno strumento di distribuzione, 34
strumenti di aggiornamento, 30
Supporto tecnico
HP, 38
Supporto, HP Systems Insight Manager, 31
Systems Insight Manager, 31
T
Testo, simboli, 40
U
USB Key, utility
USB, unità flash, 28
USB, unità flash, 28
aggiunta di contenuto, 28
creazione di avvio, 28
USB, unità flash, 28
Utility USB Key, 28
V
Version Control Agent (VCA), 31
45

Documenti analoghi