La Quadriga Infernale, il labirinto di Porsenna e le tombe di Chiusi

Commenti

Transcript

La Quadriga Infernale, il labirinto di Porsenna e le tombe di Chiusi
Turismo Culturale Italiano
___________________________________________________________________________________________________
Escursione
I Misteri degli Etruschi
La Quadriga Infernale, il labirinto di Porsenna e le tombe di Chiusi
Domenica 2 Febbraio 2014
Una delle scoperte più sensazionali degli ultimi decenni: la Tomba della quadriga infernale, una delle più significative testimonianze
della pittura parietale etrusca del IV sec. a.C. scoperta a Sarteano. Una giornata tra Toscana e Umbria in compagnia degli Etruschi
Una delle più significative scoperte archeologiche degli ultimi anni, quella della Quadriga
Infernale di Sarteano ha un carattere eccezionale, oltre che per lo straordinario stato di
conservazione delle pitture dai colori vivaci, anche per l’unicità delle scene rappresentate.
E’ senza confronti la figura del demone dagli occhi infuocati che conduce su un carro
una quadriga formata da due leoni e due grifi, rivolto verso l’esterno della tomba dopo
aver lasciato il defunto al limite dell’Ade. Si tratta di una versione del tutto innovativa di
Charun, il demone dell’immaginario funerario etrusco che accompagna il defunto
nell’Oltretomba. Il volto inquietante di Charun nella profondità del sottosuolo di una
necropoli con quindici monumentali tombe, di fronte a uno dei più bei panorami della
campagna senese, fa di questo sito un monumento d’eccezione che visiteremo con speciale
apertura. La visita si completerà con il museo archeologico di Sarteano. Proseguiremo a
breve distanza giungendo a Chiusi, una delle città etrusche più importanti dove ancora oggi
si ammira una tra le più alte concentrazioni archeologiche di quell’antico e misterioso
popolo. La città etrusca di Clevsi, diventata poi la latina Clusium, aveva una importanza
fondamentale, poiché collocata sull'arteria tra Roma e l'Etruria settentrionale, seguendo il
Tevere. Le prime testimonianze scritte di Chiusi risalgono al periodo ellenico, quando, in un
documento di Polibio, compare il nome di Chiusi in relazione alle invasioni dei
celti. Seguono poi i racconti su personaggi come Arunte e re Porsenna. Chiusi divenne una
delle città della dodecapoli etrusca nel VI secolo a.C. I suoi reperti sono esposti nel Museo
Nazionale Etrusco, tra i più importanti d’Italia, dove ammireremo straordinarie opere, da
corredi a utensili, da tombe a scudi. Scenderemo nel celebre Labirinto di re Porsenna,
un suggestivo reticolo di gallerie sotto la cattedrale. Visiteremo poi il lapidario, una tra le
più incredibili raccolte archeologiche del genere esposte in un ambiente emozionante che è
allestito da pochissimi anni. La giornata si concluderà con la visita delle tombe poste lungo
la strada che scende al lago di Chiusi. Qui ammireremo alcune di queste affascinanti
strutture in ottimo stato di conservazione, tra le quali ricordiamo la tomba della Scimmia e
quella del Leone, immerse nella loro mistica atmosfera.
informazioni di viaggio
Quota Euro 56.00. La quota comprende: viaggio in pullman GT, visite guidate. Biglietti esclusi.Possibilità di prenotare il pranzo. Rientro a Roma alle
ore 20.30 ca.Prenotazione con pagamento anticipato entro il 28/01/2014.Quota valida con minimo 20 / massimo 45 partecipanti.App.to ore 7:30 p.le
Ostiense, alle Mura Aureliane
prenotazioni
Lineainfo: 06.4542.1063 E-mail: [email protected]
Organizzazione
Turismo Culturale Italiano s.r.l. Tour Operator
Corso Vittorio Emanuele II 209 00186 Roma Italia Tel.+39. 06.45421063 – Fax +39.06.4542.1593 – E-mail [email protected] – Web www.turismoculturale.org
C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161 - Det.ne Dirigenziale R.U. Provincia di Roma n. 806 del 25/02/2013
___________________________________________________________________________________________________