mission educativa - Asilo Nido Piccole Canaglie

Commenti

Transcript

mission educativa - Asilo Nido Piccole Canaglie
MISSION EDUCATIVA
Il Micronido è un servizio sociale per bambini da 6 a 36 mesi che, unitamente
all’insostituibile ruolo della famiglia, rappresenta il primo contesto educativo e
sociale che concorre alla crescita e alla formazione dei bambini.
La sua mission educativa è di promuovere, in collaborazione con le famiglie, lo
sviluppo armonioso delle potenzialità affettive, motorie, cognitive e sociali del
bambino, inteso come soggetto centrale del servizio. La centralità del bambino e
della sua crescita, l’attenzione alle esigenze dei genitori, il favorire una
professionalità adeguata al benessere del bambino, sono valori fondamentali che
hanno da sempre caratterizzato la nostra opera educativa.
Il micronido “Piccole Canaglie” si presenta come un ambiente pensato, strutturato e
organizzato in modo da poter offrire al bambino varie opportunità e risposte in
relazione ai suoi bisogni di crescita ed esplorazione. L’esperienza al nido diventa
quindi per il bambino una fondamentale possibilità di espressione di se stesso in
tutti i suoi linguaggi, per raggiungere così, attraverso esperienze e relazioni positive
sia con altri bambini che con adulti, una maggiore conoscenza e stima di sé, degli
altri e della realtà che lo circonda, in un clima che lo faccia sentire accettato, accolto
e amato.
Obiettivi primari del nido sono:
-
Offrire ai bambini un ambiente sereno e rassicurante di formazione, di cura, di
socializzazione e di stimolo volto a promuovere un armonico sviluppo delle loro
potenzialità cognitive, psicomotorie, sociali e affettive, in un contesto esterno a
quello familiare, attraverso il loro affidamento quotidiano e continuativo a figure
diverse da quelle parentali, dotate di specifica competenza professionale.
-
Rispondere ai reali bisogni dei bambini: bisogno di conoscere, esplorare,
instaurare relazioni affettive significative, di crescere verso l’autonomia, di
acquisire e affinare strumenti per comunicare, di sviluppare le capacità
percettive e motorie.
-
Collaborare con le famiglie nella cura dei figli, favorendo la continuità educativa
con esse.
-
Riconoscere i bambini come soggetti sociali portatori di diritti, competenti e
attivi, che apprendono e crescono in contesti relazionali.
-
Offrire ai suoi utenti pari opportunità, garantendo le differenze nel rispetto
dell’identità di ciascun bambino.
-
Accogliere le caratteristiche di ciascun bambino come ricchezza, valorizzandone
le specificità e le potenzialità, sostenendo la formazione dell’identità e
promuovendo l’espressione e lo sviluppo, in sintonia con la famiglia.
-
Rispettare i ritmi individuali, motori, cognitivi e fisiologici di ogni bambino.
Esso ha inoltre il compito di assicurare ad ogni bambino uguali possibilità di
sviluppo offrendo:
-
linee pedagogiche relative alle
aree formative della corporeità,
della
comunicazione, della logica, dell’affettività;
-
un ambiente che, negli spazi, nei materiali e nell’uso degli strumenti, permetta la
costruzione di un contesto educativo;
-
cure del corpo, consapevoli che il bambino, attraverso la corporeità, percepisce
la realtà esterna, si riconosce, impara ed agisce.
Tra le finalità del nido rientrano anche:
-
l’azione educativa, vista come un processo socio-costruttivo di apprendimento,
in cui il bambino interagisce da una parte con il suo ambiente, trasformando così
le sue relazioni con adulti, cose ed eventi, e dall’altra con i coetanei,
partecipando alla costruzione del sé e dell’altro.
-
la professionalità degli educatori, la crescita della loro sensibilità e
disponibilità, umana e interpersonale, l’assunzione di uno stile di ricerca critica,
una visione aggiornata e problematica dei bambini, il lavoro collegiale, la
formazione continua.
-
la partecipazione delle famiglie come prima risorsa e punto di riferimento per i
bambini, attraverso una comunicazione continua e quotidiana da parte delle
educatrici, tesa a documentare quanto il nido realizza con i bambini e come essi
cambiano e crescono, in un’ottica di continuità educativa.
-
concepire il nido come un sistema “aperto”, non solo verso le famiglie, ma
anche verso il territorio: le istituzioni, la comunità, i piani di sviluppo

Documenti analoghi

NIDO D`INFANZIA “PICCOLE CANAGLIE” INDIRIZZO: VIA

NIDO D`INFANZIA “PICCOLE CANAGLIE” INDIRIZZO: VIA Che tipo di rapporto educatore/bambino (educatore di riferimento, più educatori, tutto il personale …) • Il servizio prevede che ogni bambino abbia un’educatrice di riferimento, che lo accompagnerà...

Dettagli