Controllore per Telescopi

Commenti

Transcript

Controllore per Telescopi
PALOMAR
Controllore per Telescopi
Manuale Utente Rev. 1.6.9
Codice PALOMAR 1.6.9
Ottobre 2012
(C) DTA srl 2009-2012, All Rights Reserved
Copyright 2009-2012 DTA srl
Tutti i diritti riservati. La riproduzione di ogni parte di questo manuale non è permessa, se non dietro autorizzazione
scritta della DTA srl.
Il contenuto di questo manuale è soggetto a cambiamenti senza preavviso.
DTA srl non si assume nessuna responsabilità per ogni eventuale errore presente in questo manuale.
2
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
SOMMARIO
INTRODUZIONE..............................................................................................................6
PARTI CONSEGNATE.......................................................................................................7
MODELLO BASE.............................................................................................................7
MODELLO GPS...............................................................................................................7
MODELLO SDK...............................................................................................................7
VISTA DI INSIEME E CONNETTORI .................................................................................8
CAVO SERIALE E JOYSTICK/AUTOGUIDA IN DOTAZIONE .............................................12
SEGNALE.......................................................................................................................12
JOYSTICK AUTOGUIDA..................................................................................................12
ALIMENTAZIONE...........................................................................................................14
ALCUNE BUONE REGOLE................................................................................................15
ACCENSIONE E SPEGNIMENTO......................................................................................16
SCELTA DEI MOTORI.....................................................................................................17
COLLEGAMENTO DEI MOTORI.......................................................................................18
LA FILOSOFIA INTERATTIVA DEL PALOMAR..................................................................20
ORGANIZZAZIONE DEI PANNELLI E DELLE ATTIVITÀ...................................................21
TASTIERA DEL PALOMAR...............................................................................................22
DISPLAY DEL PALOMAR................................................................................................23
EDITING DI UN PANNELLO............................................................................................24
RIEPILOGO DEI COMANDI ACCETTATI NELL’EDIT..............................................................25
AUTOREPEAT...............................................................................................................25
PRIMA ISTALLAZIONE DEL PALOMAR...........................................................................25
LISTA DELLE MONTATURE RICONOSCIUTE DAL WIZARD....................................................28
TUNEUP......................................................................................................................29
COMANDI RICONOSCIUTI DAL TUNEUP...........................................................................30
VERIFICA SENSO DI ROTAZIONE....................................................................................31
OTTIMIZZAZIONE DELLA VELOCITA’ DI POSIZIONAMENTO................................................32
VERIFICA DEI GIOCHI DEL SISTEMA DI TRASMISSIONE....................................................33
PANNELLO PRINCIPALE................................................................................................34
COMANDI RICONOSCIUTI DAL PANNELLO PRINCIPALE......................................................35
OGGETTO DI RIFERIMENTO...........................................................................................36
OGGETTO DA PUNTARE.................................................................................................36
MONTATURA ALLA TEDESCA..........................................................................................36
MONTATURA A FORCELLA..............................................................................................36
BRIGHT STAR LIST.......................................................................................................38
NGC/IC MESSIER..........................................................................................................39
SOLAR SYSTEM............................................................................................................39
USER CATALOG............................................................................................................40
BY KEYBOARD..............................................................................................................40
HOME.........................................................................................................................40
PARKING.....................................................................................................................40
MICRO/MACRO CORREZIONI........................................................................................42
CARICAMENTO SALVATAGGIO DI UNA CONFIGURAZIONE............................................43
SELEZIONE INSEGUIMENTO..........................................................................................44
GPS...............................................................................................................................45
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
3
PEC...............................................................................................................................46
TIMERS.........................................................................................................................50
PERFEZIONAMENTO INSEGUIMENTO SIDERALE............................................................51
GIORNO
SIDERALE...............................................................................................................51
CONFIGURAZIONE........................................................................................................53
EFFEMERIDI..................................................................................................................54
INSEGUIMENTI ARBITRARI SU ENTRAMBI GLI ASSI.....................................................55
COLLEGAMENTO SERIALE..............................................................................................56
COLLEGAMENTO JOYSTICK O AUTOGUIDA....................................................................60
PROTOCOLLO SERIALE PROPRIETARIO.........................................................................62
COMANDI SERIALI PROPRIETARI.................................................................................64
REV............................................................................................................................65
HST............................................................................................................................65
MMC...........................................................................................................................65
RMC...........................................................................................................................66
OFF............................................................................................................................66
THS............................................................................................................................66
RTH............................................................................................................................67
EEW...........................................................................................................................67
EWW..........................................................................................................................67
ELW...........................................................................................................................68
EDW...........................................................................................................................68
EER ...........................................................................................................................68
EWR...........................................................................................................................69
ELR............................................................................................................................69
EDR............................................................................................................................69
ILP.............................................................................................................................70
OLP............................................................................................................................70
MEN...........................................................................................................................70
SME............................................................................................................................71
FRC............................................................................................................................71
CMF............................................................................................................................71
RES............................................................................................................................72
MPF............................................................................................................................72
SMF............................................................................................................................72
ESF............................................................................................................................73
SEF............................................................................................................................73
ECT............................................................................................................................73
SEC............................................................................................................................74
POS............................................................................................................................74
PCT............................................................................................................................74
TRK............................................................................................................................75
ETK............................................................................................................................75
TKS............................................................................................................................75
IOP.............................................................................................................................76
SOC............................................................................................................................76
STO............................................................................................................................76
GTL............................................................................................................................77
DAC............................................................................................................................77
SRC............................................................................................................................77
RTC............................................................................................................................78
JOY............................................................................................................................78
EDE............................................................................................................................78
SID............................................................................................................................79
AGGIORNAMENTO DEL SOFTWARE................................................................................80
4
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
CONTROLLO REMOTO....................................................................................................82
CONTROLLO REMOTO PROPRIETARIO...........................................................................86
APPENDICE A - ALLINEAMENTO POLARE PRECISO........................................................89
APPENDICE B - FUSI ORARI..........................................................................................91
APPENDICE C - ELENCO DELLE PRIME 100 DI 200 STELLE DI RIFERIMENTO................95
APPENDICE D - SCHEMA ELETTRICO PALOMAR I/O......................................................97
APPENDICE E - CATALOGO OGGETTI NGC2000..............................................................98
STORIA DEI CAMBIAMENTI DEL MANUALE..................................................................151
INDICE........................................................................................................................152
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
5
INTRODUZIONE
PALOMAR oltre ad essere il nome di un famoso osservatorio astronomico è il nome di un avanzato
sistema di controllo per telescopi equatoriali.
La prima versione di PALOMAR fu commercializzata oltre dieci anni fà, riscosse un buon successo
e trovò larga diffusione in Italia. I punti di forza erano versatilità, precisione, compattezza e un
buon prezzo.
L’elettronica fa passi da gigante, sui nostri tavoli per pochi centinaia di euro ci sono computer che
qualche anno fà occupavano decine di metri quadri di superficie e consumavano energia in grande
quantità, cosi anche nell’elettronica di consumo sono disponibili processori molto potenti con
consumi ridottissimi.
Per la nuova versione del PALOMAR abbiamo impiegato un processore RISC 32 bit con frequenza
di funzionamento di 72MHz che, rispetto al microprocessore (CISC) 8 bit a 12 MHz, impiegato
nella prima versione, risulta essere 200-300 volte più potente.
La disponibilità di tanta capacità di calcolo a basso prezzo ci ha dato lo stimolo per costruire una
nuova versione del PALOMAR “senza limiti”.
Mantenendo la filosofia originale, PALOMAR è un sistema a sé stante che non ha bisogno di PC per
poter funzionare o essere configurato.
E’ costruito per lavorare sul campo: dove un PC va in tilt, il PALOMAR funziona. Fare astronomia
significa spesso lavorare in ambienti ostili e poco confortevoli. La filosofia di base è: SE
RESISTETE VOI, RESISTE ANCHE IL PALOMAR!
Non fatevi ingannare dalle dimensioni ridotte del PALOMAR: esso è in grado di pilotare motori di
oltre 1N/m con correnti per fase oltre i 2 ampere, pur mantenendo una bassissima dissipazione.
Nella pratica, significa poter guidare anche telescopi di grosse dimensioni. Se si aggiunge il fatto
che ha un frazionamento del motore massimo di 200000 passi/giro ed una frequenza di
posizionamento massima di 75000 Hz e prevede anche il controllo di encoder come retro-azione,
beh, allora possiamo dire che abbiamo a disposizione uno strumento ideale per automatizzare il
telescopio senza rinunciare a nulla.
Con questa versione, si è deciso anche di rendere disponibile un sistema di sviluppo per chi
volesse, partendo dal programma attuale, apportare modifiche software al sistema.
Nel sistema di sviluppo, oltre ad essere forniti tutti i sorgenti, viene anche fornito un ambiente di
lavoro (IDE) che, oltre al compilatore e il linker, include un editor di testo per sorgenti C, il
programma di scarico dei binari, etc. etc..
Per intraprendere questa attività, oltre a comprare l’SDK, occorre anche conoscere il linguaggio C
e sapere di astronomia...
6
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PARTI CONSEGNATE
MODELLO BASE
1.
2.
3.
4.
5.
6.
PALOMAR
Cavo principale di alimentazione e connessione motori
Cavo ausiliaro con connettore per RS232 e joystick
Cavo convertitore USB-RS232
CD-ROM
Valigetta in plastica
MODELLO GPS
1. Come modello base ma con l’inserimento, all’interno del PALOMAR, del modulo GPS
2. Antenna per GPS esterna magnetica con connettore SMA
MODELLO SDK
1. Come il modello GPS ma con installati nel PALOMAR 32MB di RAM
2. CD-ROM completo di sorgenti e librerie
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
7
VISTA DI INSIEME E CONNETTORI
Pannello connettori
Tasto accensione/spegnimento
Uscita aria calda
Tastiera retro illuminata
Ventilatore, l’aria viene spinta
all’interno
Connettore Y2 di segnali di ingresso/uscita
Ingresso antenna GPS
Connettore Y1 di alimentazione ed
uscita motori
8
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Dettaglio numerazione connettore Y1 e relativi segnali
PIN
1,2,3,4,5
6,7,8,9,18
10,19
11,20
12,21
13,22
14,23
15,24
16,25
17,26
SEGNALE
12-30V
Massa
RA-1A
RA-1B
RA-2A
RA-2B
DE-1A
DE-2A
DE-1B
DE-2B
DESCRIZIONE
Alimentazione in continua da 12 a 30 volt
Massa e ritorno dell’alimentazione
Bobina 1A motore in ascensione retta
Bobina 1B motore in ascensione retta
Bobina 2A motore in ascensione retta
Bobina 2B motore in ascensione retta
Bobina 1A motore in declinazione
Bobina 2A motore in declinazione
Bobina 1B motore in declinazione
Bobina 2B motore in declinazione
Le indicazioni sono riportate per una completa documentazione del prodotto, si ricorda, però, che
la DTA è disponibile a realizzare cavi secondo la specifica richiesta.
Attenzione: non inserire mai questo connettore con l’alimentazione inserita,
pena il possibile danneggiamento dello strumento.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
9
Dettaglio connettore Y2 di ingresso/uscita
PIN
SEGNALE
1
OC1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
+5V
PO[1]
PO[0]
PO[3]
PO[2]
PI[1]
PI[0]
PI[3]
PI[2]
RX0
TX0
13
DTR
14
RTS
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
ENC-0B
ENC-0A
ENC-1B
ENC-1A
FOI[1]
FOI[0]
OI[1]
OI[0]
OI[3]
OI[2]
GND
ORET
10
DESCRIZIONE
45V 1A Uscita open-collector, usata per dare il trigger alla camera
durante una sequenza di posizionamento-cattura immagine
Uscita a 5 volt 500mA riservata per periferiche di espansione del PALOMAR
Uscita amplificata TTL per periferiche di espansione
Uscita amplificata TTL per periferiche di espansione
Uscita amplificata TTL per periferiche di espansione
Uscita amplificata TTL per periferiche di espansione
Ingresso amplificato TTL per periferiche di espansione
Ingresso amplificato TTL per periferiche di espansione
Ingresso amplificato TTL per periferiche di espansione
Ingresso amplificato TTL per periferiche di espansione
Dati in ricezione RS232
Dati in trasmissione RS232
Segnale RS232 riservato per l’aggiornamento del programma del
PALOMAR
Segnale RS232 riservato per l’aggiornamento del programma del
PALOMAR
Ingresso optoisolato encoder fase B dell’ ascensione retta
Ingresso optoisolato encoder fase A dell’ ascensione retta
Ingresso optoisolato encoder fase B della declinazione
Ingresso optoisolato encoder fase A della declinazione
Ingresso optoisolato per allarme dall’asse di declinazione
Ingresso optoisolato per allarme dall’asse di ascensione retta
Ingresso optoisolato autoguida o joystick
Ingresso optoisolato autoguida o joystick
Ingresso optoisolato autoguida o joystick
Ingresso optoisolato autoguida o joystick
Massa del PALOMAR
Ritorno di massa per gli optoisolatori
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Cavo standard di alimentazione e dei motori di 2m
Al connettore Y1 del PALOMAR
Banane per alimentazione
Connettori 9 poli a vaschetta
per i motori in RA e DEC
Dettaglio connettore dei motori, del tipo femmina a vaschetta 9 poli.
Ogni asse ha il suo connettore.
PIN
1,6
2,7
3,8
4,9
SEGNALE
1A
2A
1B
2B
DESCRIZIONE
Bobina A
Bobina A
Bobina B
Bobina B
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
11
CAVO SERIALE E JOYSTICK/AUTOGUIDA IN DOTAZIONE
26 Pin
HD M
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
12
SEGNALE
OC1
+5V
P4_27
P4_26
P4_29
P4_28
P1_27
P1_26
P1_29
P1_28
RX0
TX0
DTR
RTS
INO1
INO0
INO3
INO2
INO5
INO4
INO7
INO6
INO9
INO8
GND
COMOPTO
JOYSTICK AUTOGUIDA
9 PIN Maschio
RS232
9 PIN Femmina
8
3
2
4
7
3
4
1
2
6
7
5
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Immagine del sistema connesso e alimentato
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
13
ALIMENTAZIONE
PALOMAR può essere alimentato da una tensione minima di 12 volt ad una massima di 30 volt in
continua.
La corrente necessaria al suo funzionamento è al massimo di 5 ampere, ma, realmente, non ne
vedremo assorbita più di 2 (valore medio).
Può sembrare strano che un sistema che pilota due motori da 2.8 ampere per fase, richieda una
corrente assai bassa, la risposta si chiama PWM (Pulse Width Modulated): in pratica le fasi del
motore vengono accese e spente decine di migliaia di volte al secondo, per cui l’assorbimento
medio si abbassa notevolmente.
Al di sotto dei 12 volt e, precisamente, a 9 volt, i driver dei motori smettono di funzionare,
mentre a 40 volt alcuni dispositivi interni sono a rischio di danneggiamento, per cui teniamoci
all’interno del campo specificato:
12-30V
Diciamo che la vostra batteria dell’auto è perfetta per le osservazioni sul campo ed un
alimentatore variabile 0-30V 5A è perfetto per il vostro osservatorio fisso.
PALOMAR è protetto dalle inversioni di polarità, ne è totalmente immune, ma, come buona
regola, vi consigliamo sempre di collegare la banana rossa al positivo e quella nera al
negativo dell’alimentatore o della batteria.
Magari vi starete chiedendo che necessità ci sia di far lavorare il PALOMAR a 18, 24 o 30 volt ...
Domanda legittima! La necessità è imposta dai motori passo-passo che andremo ad utilizzare e
dalle prestazioni che ci prefiggiamo di ottenere dal nostro sistema di movimentazione.
La maggior parte degli utenti si aspetta, oltre ad una elevata precisione di puntamento, anche un
tempo di attesa breve affinché questo si realizzi, questo significa, di conseguenza, che il regime
rotatorio dei motori deve essere elevato.
L’elettronica del PALOMAR riesce a generare frequenze di funzionamento molto elevate (75KHz)
ma non sempre i motori riescono a raggiungere questi alti valori di regime. Ci sono diverse cause
legate a questo problema, le più importanti sono l’elevato carico induttivo degli avvolgimenti e le
capacità parassite.
Una tensione di alimentazione più alta migliora le prestazioni di velocità del motore, contrastando
l’eccessiva induttanza degli avvolgimenti.
14
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
ALCUNE BUONE REGOLE
Il PALOMAR ha una serie di protezioni che cercano di allungarne la vita il più possibile;
ovviamente, il suo proprietario deve cercare di usarlo nel modo migliore, rispettando le seguenti
raccomandazioni:
1. I motori si collegano e scollegano a strumento spento.
2. Lasciare sempre libero da ostruzioni il foro del ventilatore e della sottostante feritoia.
3. Il sistema è progettato per lavorare in ambienti umidi (vedi guazza notturna) ma non è un
sistema anfibio!
4. Lavora tranquillamente con una temperatura ambiente sotto zero, ma va portato a
temperatura gradualmente.
5. Non teme l’esposizione solare, ma non lamentatevi se vedrete sul display che la
temperatura dei driver dei motori ha raggiunto gli 85°C e questi automaticamente si sono
spenti aspettando tempi più freschi!
Oltre a quelli elencati, non esistono particolari indicazioni sulla manutenzione dello strumento.
Ricordatevi, però, che la batteria al litio interna ha una durata di 5 anni.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
15
ACCENSIONE E SPEGNIMENTO
Per non voler utilizzare alcun tipo di interruttore per l’accensione e spegnimento, si è scelto un
metodo molto più elettronico, che non elettromeccanico; in pratica, un MOSFET di potenza viene
comandato da un tasto, dopodiché, è la CPU a gestire l’accensione e lo spegnimento.
Per accendere il vostro strumento, occorre tenere premuto il tasto:
per almeno mezzo secondo e vi comparirà la schermata iniziale.
Far decidere alla CPU come accendersi e quando spegnersi presenta vantaggi e svantaggi.
Il vantaggio è che la CPU, prima di spegnersi, esegue le procedure di sicurezza relative allo
spegnimento ed inoltre salva i dati.
Oltretutto, uno switch elettronico è piu’ affidabile di uno elettromeccanico.
Il rovescio della medaglia è che, nel momento in cui faremo un aggiornamento del programma di
gestione, saremo costretti a tenere premuto questo tasto per almeno 2-3 minuti, ovvero il tempo
di scarico del nuovo programma!
Analogamente all’accensione, per spegnerlo occorre tenere premuto il tasto per almeno un
secondo, dopodiché, comparirà il messaggio di spegnimento e potremo rilasciare il tasto.
16
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
SCELTA DEI MOTORI
PALOMAR gestisce la corrente di fase dei motori da 0 a 2A RMS (2.8A per alcuni casi) in modo
continuo, si richiede l’utilizzo di motori di tipo bipolare a 4, 6 o 8 fili.
Per chi deve acquistare i motori noi proponiamo tre taglie diverse idonee per il PALOMAR, in
grado di movimentare dal piccolo al grande telescopio.
La dizione “piccolo” o “grande” è relativa; in realtà, dovremmo parlare più di attriti e
bilanciamento dello strumento, in quanto anche il motore piu’ piccolo e’ in grado di movimentare
un grosso strumento, se questo ha degli attriti contenuti ed è ben bilanciato.
Assai grossolanamente, è possibile verificare la qualita’ del nostro telescopio semplicemente
girando a mano la vite senza fine.
Infatti, se questa gira facilmente in ogni posizione che il telescopio puo’ assumere, significa che
questo, oltre ad essere bilanciato, ha una ottima meccanica; diversamente, conviene dapprima
verificare il bilanciamento e, successivamente, verificare che la vite senza fine non sia
esageratamente pressata sulla corona dentata.
Come consiglio generico, è meglio sempre anteporre alla vite senza
fine una ulteriore demoltiplica, meglio se a cinghia e puleggia, per
prevenire eventuali sbilanciamenti e/o indurimenti del moto dovuti, ad
esempio, all’abbassamento della temperatura, che aumenta la
viscosità del grasso di lubrificazione delle ruote dentate.
Su montature di ottima qualità, è possibile montare direttamente il
motore sulla vite senza fine, utilizzando sempre un giunto UNILAT o
simile.
Giunto UNILAT
Questi giunti possono essere acquistati online su www.rswww.com
La tabella sottostante riporta, indicativamente, il motore da utilizzare in relazione alla dimensione
del telescopio:
MOTORE
103H-548-04500
103H-7123-0740
103H-7126-0740
TAGLIA
42
56-54
56-76
CORRENTE MAX (A)
1
2.2
4
COPPIA (N/m)
0.4
1.1
1.7
TELESCOPIO (cm)
0÷20
20÷40
≥ 40
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
17
COLLEGAMENTO DEI MOTORI
Se avete ordinato il PALOMAR completo di motori o per un tipo di
montatura nota, si può evitare di leggere questo capitolo,
diversamente proseguite.
Nella figura a lato si vede la struttura semplificata di un motore
passo-passo.
Come si vede dalla figura, è composto da 4 bobine che, alimentate
opportunamente, causano la rotazione del magnete permanente
centrale e quindi dell’albero.
A secondo della marca o del modello del motore si possono avere
all’esterno da 4 a 8 fili, che andranno collegati oppurtunamente al
PALOMAR.
I motori da noi forniti sono a sei fili ed il collegamento è il seguente, a seconda che si colleghino
direttamente sul connettore ad alta densità Y1 del PALOMAR oppure sul connettore a vaschetta
del cavo motori ed alimentazione fornito di serie:
Collegamento interno del motore e colore dei fili
Collegamento diretto su connettore a 26 poli alta densità Y1. Come si vede dalla tabella, ogni filo
del motore è connesso su 2 pin per migliorare il contatto ed aumentarne l’affidabilità.
Se possibile (come nel caso del cavo in dotazione), usare cavo schermato e collegare lo schermo
al pin 6; questo riduce drasticamente le emissioni a radio frequenza che il PWM dei motori può
causare.
PIN
10,19
11,20
12,21
13,22
14,23
15,24
16,25
17,26
6
SEGNALE
1A
2A
1B
2B
1A
2A
1B
2B
MOTORE
Ascensione Retta
Ascensione Retta
Ascensione Retta
Ascensione Retta
Declinazione
Declinazione
Declinazione
Declinazione
GND
COLORE FILO MOTORE
Arancione
Blue
Rosso
Giallo
Arancione
Blue
Rosso
Giallo
Schermo del cavo
Connessione da eseguire per ogni motore sul connettore a vaschetta femmina a 9 poli se si usa il
cavo in dotazione.
PIN
1,6
2,7
3,8
4,9
18
SEGNALE
1A
2A
1B
2B
COLORE FILO MOTORE
Arancione
Blue
Rosso
Giallo
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Se disponete di motori propri, occorre identificare le due bobine.
Se disponete della documentazione del motore siete a cavallo! Altrimenti, si può cercare di
identificarle, utilizzando un normale tester impostato su ohmmetro, con un fondo scala di 200
ohm.
Tipicamente, la resistenza delle bobine varia da valori sotto l’ohm fino a diverse decine di ohm.
In pratica, provate a connettere il tester su una coppia di fili, finchè non si vede che questo segna
un valore; una volta identificata una coppia, è facile trovare l’altra.
Non importa come collegherete le due coppie, basta che queste siano connesse in modo analogo
ai segnali 1A2A e 1B2B; successivamente, se la direzione di rotazione del motore non dovesse
essere corretta, questa può essere facilmente cambiata da software.
L’immagine mostra come ricercare le coppie di fili che identificano le bobine
Ovviamente, relativamente al motore utilizzato, è necessario sapere la corrente che possono
sopportare le bobine ed il numero di passi/giro che è in grado di sviluppare.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
19
LA FILOSOFIA INTERATTIVA DEL PALOMAR
Come gia detto, il PALOMAR è un sistema a sé stante che non ha bisogno di personal computer
per poter funzionare o essere configurato.
Ogni funzione può essere eseguita con la tastiera e il display.
Con i suoi 25 tasti ed un display di 20 caratteri per 4 righe, sicuramente il PALOMAR non può
essere paragonato alla visibilità e praticità di un qualunque sistema informatico, ma, quando si
devono soddisfare esigenze di compattezza, affidabilità e basso costo, allora le scelte sono assai
vincolate.
Il sistema di visualizzazione, come già detto, è basato su di un display di 4 righe per 20 caratteri,
ma va considerato come una finestra che scorre su una “lavagna” più grande. Abbiamo chiamato
la “lavagna” PANNELLO DI VISUALIZZAZIONE o più semplicemente PANNELLO.
Il programma del PALOMAR crea e gestisce molti pannelli, ne esiste uno per ogni funzione.
Un pannello visualizza dati, parametri di funzionamento, indicazioni di aiuto etc. etc..
Anche la prima schermata del PALOMAR è un pannello, provate a scorrerla con i cursori
UP/DOWN:
e vedrete altre informazioni...
Per ogni pannello esistono due stati possibili:
1. Esecuzione
2. Editing
Durante l’esecuzione, il pannello visualizza i dati che in quel momento il programma fornisce ed
utilizza a suo modo la tastiera, mentre, nella modalità editing, le funzioni e l’uso della tastiera
sono comuni a tutti i pannelli.


Come si accede all’editing del pannello (ammesso che questo lo possa richiedere)?
Premendo il tasto F4
Come si esce dall’editing del pannello? Con ESC (escape), abortendo eventuali modifiche o
con RET (return), accettando ciò che si è immesso.
Tipicamente, alla fine di ogni pannello è presente un menu scorrevole, che ricorda i
comandi più importanti
20
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
ORGANIZZAZIONE DEI PANNELLI E DELLE ATTIVITÀ
Per avere una idea di come funzionino i processi eseguiti nel PALOMAR, si riporta lo schema
sottostante:
ON
|
INIZIALIZZAZIONE
|
SCHERMATA INIZIALE
+--ON+ESC------------- CARICAMENTO DI UNA CONFIGURAZIONE DI TEST
+--ON+7--------------- WIZARD
+--ON+8--------------- TUNEUP
|
+--<--RS232[1]--<--RS232[2]--<--CONTROLLO TEMPERATURA--<--ON/OFF--<--+
|
|
|
+-GESTIONE ENCODER
|
|
KERNEL-+-GESTIONE MOVIMENTAZIONE
|
|
+-BUFFER SERIALE
|
|
|
+-->--PRINCIPALE-->--MICRO CORREZIONI/AUTOGUIDA-->--ALLARMI----------+
----+----|
|-7---- CONFIGURAZIONE
|-8---- EFFEMERIDI
|-9---- INSEGUIMENTI ARBITRARI
|-4---- CRONOMETRI
|-5---- PERFEZIONAMENTO INSEGUIMENTO SIDERALE
|-6---- VERIFICA VARIABILI DI SISTEMA
|-1---- SELEZIONE INSEGUIMENTO
|-2---- GPS DATA
|-3---- PEC
|-0---- CARICA/SALVA CONFIGURAZIONI
|-+---- DECREMENTA INTENSITA’ LUMINOSA DISPLAY
|-*---- INCREMENTA INTENSITA’ LUMINOSA DISPLAY
|-F1--- OGGETTO DI RIFERIMENTO
|-F2--- OGGETTO DI DESTINAZIONE
|-F3--- ALTERNA MOVIMENTI MICROMETRICI O VELOCI
|-F4--- EDIT DEL PANNELLO PRINCIPALE
|-BCKSP DECREMENTA MOLTIPLICATORE
|-DEL-- INCREMENTA MOLTIPLICATORE
|-<>--- ABILITA I CURSORI AD AGIRE SUI MOTORI
|-ESC-- RITORNO ALLA MODALITA’ MENU PER I CURSORI
Legenda:
PANEL
ACTION
Come si vede, dal tasto di accensione si apre il primo pannello della schermata iniziale, che
accetta una sequenza di tasti per l’esecuzione di procedure normalmente nascoste.
Una volta che il sistema è partito, il kernel prende la gestione di tutto lo strumento, eseguendo
ciclicamente una serie di processi e gestendo sotto interrupt driver hardware critici. Uno dei
processi che vengono gestiti nell’ “anello” principale è il pannello PRINCIPALE da cui poi possono
essere eseguiti i restanti.
Nota: Il kernel non si ferma mai, i processi vengono sempre eseguiti in rapida sequenza,
garantendo una esecuzione real-time. Conseguentemente, il PALOMAR sarà in grado di ricevere,
simultaneamente, comandi seriali, eseguire le procedure relative ad un pannello, prendere
comandi dall’autoguida etc. etc..
Esiste solo un caso particolare, in cui i processi vengono fermati (escluso attivata’ del kernel) ed è
durante l’editing di un pannello. Questo avviene perché, spesso, cambiare il contenuto di un
campo di un pannello significa anche, per esempio, cambiare la modalità di funzionamento del
PALOMAR stesso, per cui l’operazione richiesta da un processo potrebbe risultare erronea.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
21
TASTIERA DEL PALOMAR
La tastiera del PALOMAR è organizzata su 24+1 tasti nel modo seguente:
1.
2.
3.
4.
5.
Tasto di accensione/spegnimento (rosso)
Tasti di posizionamento (gialli)
Tasti di controllo (grigi)
Tasti di funzione (rossi)
Tasti alfanumerici (verdi)
Ogni pannello, quando è in esecuzione, può associare un diverso significato all’azione dei tasti.
Ma tutti i pannelli, quando sono in esecuzione, hanno sempre in comune l’azione dei seguenti
tasti:
Per lo scorrimento del pannello
Per uscire dal pannello corrente e tornare al principale
Per editare i campi del pannello
Come detto, la modalità di editing di un pannello è comune a tutti e la troviamo spiegata nel
successivo capitolo.
22
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
DISPLAY DEL PALOMAR
Il Palomar impiega un display LCD con un formato di 20 caratteri per quattro righe retro
illuminato.
e’ possibile cambiare l’intensita’ della retro illuminazione mentre il
Con i tasti
contrasto e’ fissato in fabbrica.
Il Palomar puo’ essere fornito con due tipi di display: LCD e VFD.
LCD e’ il display standard, piu’ economico che puo’ avere anche un filtro AMBRA per chi preferisse
questo tipo di colore. Il limite del display LCD e’ la temperatura in quanto diventa lento
all’abbassare di questa. Gia’ a -10 gradi centigradi il display se pur funzionando non attua
rapidamente le variazioni del contenuto. Una alternativa a questo problema e’ l’impiego dei
display VFD che oltre ad offrire un contrasto eccezionale funzionano perfettamente anche a –40
gradi celsius, per contro hanno un costo piu’ elevato.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
23
EDITING DI UN PANNELLO
La possibilità di editare un campo di un pannello è una funzione fondamentale del PALOMAR.
I campi che possiamo trovare all’interno di un pannello sono:
1. Numerico, intero o a virgola mobile
2. Alfanumerico
3. Menu
I campi numerici accettano il segno ± solo se questo è già presente, altrimenti, vengono accettati
solo numeri.
Nei campi numerici, se il segno è presente, è possibile cambiarlo portando il cursore su di questo
e premendo il tasto +.
Nei campi alfanumerici è accettato qualunque carattere
I menu, ovviamente, non accettano l’ingresso di alcun carattere, ma possono essere cambiati,
secondo valori pre-impostati, premendo il tasto DEL o BCKSP.
E’ bene analizzare l’immagine sottostante, che riporta una parte del pannello di configurazione:
Cursore posizionato sul
primo carattere del campo
Campo del tipo
menu; per
cambiarlo,
occorre
posizionarvisi
con il cursore e
premere DEL o
BCKSP
Per cambiare i campi numerici, occorre
portare il cursore sul campo e digitare il
numero desiderato
24
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
RIEPILOGO DEI COMANDI ACCETTATI NELL’EDIT
Molti pannelli del PALOMAR possono essere editati nei vari campi che li compongono.
Premendo F4, si entra nella modalità di editing: il cursore del display si posiziona sul
primo campo editabile.
Con ESCAPE, si esce dalla modalità di editing, le eventuali modifiche sono perse.
Premendo RETURN, le modifiche effettuate vengono salvate e si ritorna in modalità
visualizzazione o al precedente pannello
I tasti UP/DOWN permettono di posizionare il cursore di editing sui diversi campi
editabili del pannello.
I tasti LEFT/RIGHT posizionano il cursore di editing all’interno del campo selezionato
Cancella il carattere su cui si trova il cursore ed avanza verso sinistra. Se, però, il campo
su cui si trova il cursore è un menu, questo tasto lo imposta alla voce precedente.
Cancella il carattere su cui si trova il cursore ed avanza verso destra. Se, però, il campo
su cui si trova il cursore è un menu, questo tasto lo imposta alla voce successiva.
I campi di un pannello possono accettare numeri o caratteri alfanumerici a secondo del tipo di
variabile.
I valori numerici sono facilmente inseribili premendo l’omonimo tasto; per gli alfanumerici,
occorre premere il tasto di funzione relativo alla posizione del carattere desiderato.
Ad esempio, se si vuole digitare il carattere P occorre premere, nell’ordine, i tasti:
avendo cura di premere prima F1 e, tenendolo premuto, premere anche il tasto 7.
Per digitare il carattere Q, occorre tenere premuto il tasto F2 e, contemporaneamente, il tasto 7 e
così via.
Ecco,quindi, le varie combinazioni per il tasto 7:
TASTO DA PREMERE PER
PRIMO
TASTO DA PREMERE PER
SECONDO
CARATTERE INSERITO
P
Q
R
S
AUTOREPEAT
Prolungando la pressione di un tasto, si causa la ripetizione dello stesso, con una cadenza sempre
più veloce. L’autorepeat scatta dopo mezzo secondo di pressione.
PRIMA ISTALLAZIONE DEL PALOMAR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
25
Una volta che i motori sono stati connessi al PALOMAR e questo è alimentato, possiamo effettuare
la prima configurazione.
Esistono due modi fondamentali per la configurazione: o tramite il WIZARD ed il TUNEUP o
tramite il pannello di configurazione.
Un utente esperto lavorerà direttamente con il pannello di configurazione, se invece è la prima
volta che configurate un PALOMAR, vi consigliamo di eseguire prima il WIZARD e,
successivamente, il TUNEUP. In seguito, potrete anche accedere al pannello di configurazione per
vedere i parametri impostati ed eventualmente cambiarli.
Piccola premessa: Rammenteremo spesso la posizione di HOME, è una posizione particolare del
telescopio, fondamentale per le
montature alla tedesca ed utile
solo per la configurazione per le
montature a forcella.
Qui di sotto riportiamo la
posizione che il telescopio con
montatura tedesca deve avere
quando diciamo di posizionarlo
nella HOME.
In
questa
posizione
il
contrappeso è perfettamente
verticale e alla sua minima
altezza dal suolo mentre l’asse di
declinazione è a 90°.
La montatura a forcella è meno
critica per quanto riguarda il suo
orientamento,
comunque,
consigliamo che, nella posizione
di home, l’ascensione retta sia
allineata al meridiano e la
declinazione
punti
l’equatore
celeste.
26
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Primo passo: eseguiamo il WIZARD per l’impostazione della montatura.
Accendiamo il PALOMAR, tenendo premuto il tasto di accensione+il tasto 7.
All’apparire della prima schermata del PALOMAR, rilasciamo il tasto di accensione,
tenendo sempre tenuto il tasto 7.
Dopo alcuni istanti, appare il pannello del WIZARD e possiamo rilasciare il tasto 7.
Il WIZARD raccoglie le informazioni necessarie al PALOMAR, relative ad una serie di montature,
commerciali e non.
Il pannello che vi compare è il seguente:
|-MOUNT------------|
Vixen SP-GP|
|-MOTOR------------|Type:
Original|
|Current:
0300 mA|
|Steps/rev.: 048
|
|-GEAR REDUCTION---|RA
17280.0
|
|DE
17280.0
|
|RA Gear:
144
|
| USE CURSOR <> TO |
|------------------|
Quello visualizzato è l’intero pannello, ma, dato che l’ LCD mostra solo 4 righe, se volete
visualizzare le restanti parti, utilizzate i tasti
Se, invece, desiderate cambiare il tipo di montatura, premete i tasti
fino a che non
comparirà il nome della vostra montatura.
Occorre, ovviamente, verificare che i parametri visualizzati corrispondano a quelli in vostro
possesso.
Se la montatura in vostro possesso non fosse elencata, conviene selezionare la montatura
generica GERMAN o FORK (per decidere quale tipologia) e poi editare i dati immettendo quelli
corretti.
Una volta selezionata la montatura, si preme il tasto RET ed il primo passo di configurazione è
eseguito.
La procedura WIZARD imposta solo alcuni parametri necessari al corretto funzionamento; adesso
occorre definire i sensi di direzione, ottimizzare le velocità di posizionamento ed impostare gli
eventuali giochi che le trasmissioni potrebbero avere.
A tal fine, un utente esperto può utilizzare il pannello di configurazione, ma è molto più facile
utilizzare il programma di TUNEUP presente nel PALOMAR.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
27
LISTA DELLE MONTATURE RICONOSCIUTE DAL WIZARD
MOUNT
"10MicronGM2000
AM"
"AD-5 I"
"AD-5 II"
"AD-6 I"
"AD-6 II"
"AD-7 I"
"AD-7 II"
"AOK WAM 80/800"
"AstroPhys. CNC400"
"Bellincioni Alpha"
"Bellincioni Beta"
"Bellincioni Gamma"
"Bellincioni Omega"
"Celestron G11"
"Celestron G11 M."
"Degli Innocenti"
"Gemini G41/42"
"German"
"Fork"
"Ianus"
“Losmandy G8”
“Losmandy G8”
"Losmandy G11"
"Losmandy G11 AM"
"Losmandy G11 M."
"MAM-20-P"
"MAM-20-P II"
"MAM-50-P"
"MAM-50-P II"
"MAM-100-P"
"MAM-100-P II"
"MAM-150-P"
"MAM-150-P II"
"Marcon MB50"
"Marcon fork"
"Takahashi NJP"
"Vixen ATLUX"
"Vixen ATLUX M."
"Vixen SP-GP"
"Vixen SP-GP M."
"Vixen SP-GP AM"
"Vixen Sphinx"
MOTOR
"Sanyo-Denky"
"Berger"
"ESCAP P520"
"Berger"
"ESCAP P520"
"Berger"
"ESCAP P520"
"SAIA UFB3"
"Original"
"Sanyo-Denky"
"Sanyo-Denky"
"Sanyo-Denky"
"Sanyo-Denky"
"Hurst SP-3192"
"ESCAP 530"
"Sanyo-Denky"
"Original"
"Sanyo-Denky"
"Sanyo-Denky"
"Sanyo-Denky"
“Hurst ABS 3008-002”
“Hurst ABS 3008-004”
"Hurst SP-3192"
"Sanyo-Denky"
"ESCAP P530"
"N 4H4018M"
"N 4H4018M"
"N 4H4018L"
"N 4H4018L"
"N 4H5618X"
"N 4H5618X"
"N 5618X"
"N 5618X"
"Sanyo-Denky"
"Sanyo-Denky"
"ESCAP P530"
"Original"
"ESCAP PH632"
"Original"
"ESCAP P530"
"Sanyo-Denky"
"SECM3"
Ampere
1.2
STEP/REV
200
0.7
1.8
0.7
1.8
0.7
1.8
1.2
0.3
1.2
2.2
2.2
1.5
0.18
1.8
2.0
1.0
2.0
2.0
1.5
0.18
0.18
0.18
1.8
2.0
1.4
1.4
1.7
1.7
1.8
1.8
2.0
2.0
2.0
2.2
2.0
0.4
1.1
0.3
2.0
1.5
1.34
48
100
48
100
48
100
24
48
200
200
200
200
24
100
200
200
200
200
200
24
24
24
200
100
200
200
200
200
200
200
200
200
200
200
100
200
200
48
100
200
200
RA
860
DE
860
RA MAIN
215
18750.0
15625.0
20625.0
13750.0
20250.0
16875.0
37693
28800
1440
1200
1480
1200
54000
4320
1077
432
1440
1440
576
27000
5400
54000
1440
4320
2160
9720
2400
10800
3600
10800
3600
10800
1800
1008
6720
9600
9600
17280
1728
576
2080
18750.0
16666.7
18750.0
16666.7
19687.5
17500.0
37693
28800
1200
1000
1200
1000
54000
4320
1077
432
1440
1440
480
27000
5400
54000
1440
4320
2160
9720
2400
10800
3600
10800
3600
10800
1800
1008
6720
7200
7200
17280
1728
576
2080
250
250
220
220
270
270
107
192
360
300
370
300
360
360
359
144
360
360
144
180
180
360
360
360
120
120
120
120
180
180
225
225
180
144
180
240
240
144
144
144
180
Se la vostra montatura non e’ presente nella lista e desiderate che vi sia riportata, comunicateci i
parametri ed il nome che sara’ aggiunta nella prossima revisione del programma.
28
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
TUNEUP
Si accede al TUNEUP dopo che si è completato il WIZARD ma, se, successivamente, desiderate
rieseguire il TUNEUP, basta accendere il PALOMAR tenendo premuto il tasto 8, oltre al tasto di
accensione.
Come prima, all’apparire della prima schermata del PALOMAR, rilasciate il tasto di accensione,
poi, all’apparire della schermata iniziale, rilasciate il tasto 8 e vi comparirà il pannello di TUNEUP
(i valori riportati nella schermata sono relativi, in quanto cambiano da una montatura all’altra).
Asse selezionato
Velocità massima nel
posizionamento
|-TUNEUP-----------|Axis in test: RA |
|Hi: 0300 Lo: 0050 |
|Steps: 0000003600 |
|Angle: +060.00000 |
|Dead pulse: 00000 |
| 0-Axis change, F |
|------------------|
Velocita’ di partenza
nel posizionamento
Numero di passi
eseguiti dal motore
Angolo eseguito nel
posizionamento
Numero di passi
applicati ad ogni
inversione di
rotazione
Nota: Le velocità di posizionamento sono espresse come N X cioè n volte la frequenza di
inseguimento selezionata.
A questo punto è possibile effettuare le seguenti messe a punto:
1. Verifica del senso di rotazione degli assi del telescopio
2. Ottimizzazione della velocità di posizionamento
3. Verifica dei giochi del sistema di trasmissione
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
29
COMANDI RICONOSCIUTI DAL TUNEUP
Inverte il senso di rotazione dell’asse selezionato. Quando il comando viene
riconosciuto, il PALOMAR esegue un flash della retroilluminazione dell’ LCD
Incrementa la velocità massima di posizionamento dell’asse selezionato
Decrementa la velocità massima di posizionamento dell’asse selezionato
Edita le voci del pannello
Cambia l’asse selezionato
Imposta l’angolo da eseguire a un secondo d’arco
Imposta l’angolo da eseguire a 30 secondi d’arco
Imposta l’angolo da eseguire a un minuto d’arco
Imposta l’angolo da eseguire a un grado
Imposta l’angolo da eseguire a 2 gradi
Imposta l’angolo da eseguire a 5 gradi
Imposta l’angolo da eseguire a 10 gradi
Imposta l’angolo da eseguire a 45 gradi
Imposta l’angolo da eseguire a 90 gradi
Incrementa il valore dei passi morti
Decrementa il valore dei passi morti
Esegue il posizionamento dell’angolo programmato in senso antiorario e sull’asse
selezionato
Esegue il posizionamento dell’angolo programmato in senso orario e sull’asse
selezionato
Decrementa la velocita’ di partenza del posizionamento dell’asse selezionato
Incrementa la velocità di partenza del posizionamento dell’asse selezionato
Azzera il contenuto del campo “Steps”
Esce dal TUNEUP e salva i dati
30
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
VERIFICA SENSO DI ROTAZIONE
Questo test vi permette di verificare se i sensi di rotazione del telescopio sono impostati
correttamente.
E’ da notare che il senso di rotazione cambia a causa dei collegamenti delle fasi dei motori oppure
a causa delle cascate di ingranaggi eventualmente presenti.
1. Manualmente, portate il telescopio nella posizione di HOME.
2. Impostate un angolo di rotazione per il test che vi sembri opportuno; se, per esempio,
scegliete 10 gradi, premete il tasto 7 (vedi tabella precedente).
3. Selezionate l’asse su cui volete eseguire il test, se quello mostrato sul pannello non è
quello desiderato premete il tasto 0 fino al raggiungimento dello scopo.
Premete il tasto
e verificate che il telescopio si muova in senso anti-orario (per
latitudini boreali). Se il movimento non è quello aspettato premete il tasto F1 e ripetete la
prova.
5. Ripetete la prova per l’altro asse.
4.
A questo punto la verifica del senso di rotazione è terminata e si può passare alla successiva.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
31
OTTIMIZZAZIONE DELLA VELOCITA’ DI POSIZIONAMENTO
Nel WIZARD la velocità di posizionamento è preimpostata ad un valore basso di 300X con una
velocità di partenza di 50X.
Questi due valori stabiliscono anche come si dovrà sviluppare la rampa di accelerazione e
decelerazione dei motori, che si sviluppa (in modo non lineare) su 16 passi, dalla velocità minima
a quella massima e viceversa.
La scelta della rampa è fondamentale per raggiungere elevate velocità di posizionamento e, allo
stesso tempo, avere una elevata accuratezza della precisione di puntamento.
Anche conoscendo il tipo di motore e tutti i parametri del sistema, è molto difficile prevedere a
priori i valori ottimali di rampa e di velocità di posizionamento, per cui questo test sperimentale
risulta molto utile.
1. Manualmente, portate il telescopio nella posizione di HOME.
2. Impostate un angolo di rotazione del telescopio sufficientemente ampio ma compatibile
con i gradi di libertà dello strumento. La necessità di un grande angolo è richiesta in
quanto il posizionamento si sviluppa effettuando una rampa di accelerazione e
decelerazione e, a seconda dei valori impostati, occorre un buon angolo per poter
raggiungere la massima velocità. Supponendo che il vostro telescopio non abbia
problemi di movimento, premete il tasto 9 per impostare 90°.
3.
Adesso premete
succede:
oppure
per lanciare un posizionamento e osserviamo cosa
a. Il tempo di posizionamento del telescopio vi è sembrato conforme alle vostre
necessità per cui si passa al successivo test.
b. Il movimento vi sembra decisamente lento e desiderate incrementare la
velocità.
 Tenete premuto il tasto F2 fino a che il valore “Hi” non è aumentato di
100 unità. Adesso ripartite dal punto 3 magari facendo un movimento in
senso opposto.
c. Il telescopio ha effettuato una parte del posizionamento e poi si è bloccato.
 La velocità finale è troppo elevata: tenete premuto F3 fino a che il
valore “Hi” decresce di 10 unità. Adesso ripartite dal punto 3 magari
facendo un movimento opposto.
 Verificate che il telescopio sia ben bilanciato o che la vite senza fine
non presenti in quel punto un attrito più pronunciato.
 Verificate che l’alimentatore utilizzato non collassi durante il
funzionamento.
d. Il telescopio si è subito bloccato all’inizio del posizionamento.
 La velocità iniziale è troppo alta: tenete premuto il tasto BCKSP fino a
che il valore “Lo” decresce di 10 unità. Adesso ripartite dal punto 3 magari
facendo un movimento opposto.
e. Il posizionamento si è concluso positivamente ma la durata della rampa di
accelerazione e decelerazione è decisamente troppo corta.
 La velocità iniziale è troppo alta: tenete premuto il tasto BCKSP fino a
che il valore “Lo” decresce di 10 unità. Adesso ripartite dal punto 3 magari
facendo un movimento opposto.
f. Il posizionamento si è concluso positivamente ma la durata della rampa di
accelerazione e decelerazione è decisamente troppo lunga.
 La velocità iniziale è troppo bassa: tenete premuto il tasto DEL fino a
che il valore “Lo” cresce di 10 unità. Adesso ripartite dal punto 3 magari
facendo un movimento opposto.
Trovare la massima velocità di posizionamento compatibilmente con la massima affidabilità
significa ripetere molte volte questo test e bisogna considerare anche che la tensione di
alimentazione influisce in maniera importante sulle prestazioni dei motori.
32
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
VERIFICA DEI GIOCHI DEL SISTEMA DI TRASMISSIONE
Per questo test occorre utilizzare il telescopio con buon ingrandimento, utilizzando un oculare che
abbia un crocicchio, maggiore è l’ingrandimento e più la nostra misura sarà accurata.
1. Posizionate il telescopio manualmente in modo da puntare un soggetto terrestre lontano,
come una antenna, un campanile o simile.
2. Premete F4 e, editando il pannello, impostate nel campo “Steps” il valore 10
3.
Effettuate il posizionamento finale con i tasti di posizionamento
4.
Se avete effettuato il posizionamento finale con il tasto
adesso utilizzate
o
viceversa e contate quante volte occorre premere il tasto affinché il telescopio inizi a
muoversi.
a. Il telescopio si è disallineato al primo posizionamento: il test è finito, il sistema di
trasmissione non presenta giochi.
b. Ho dovuto premere 10 volte il tasto di posizionamento affinché il telescopio si
muovesse di un poco e si disallineasse: premere il tasto + fino a portare il valore
del campo “Dead pulse” a (N-1)*10, in questo caso a 90. Adesso ripetere dal passo
4.
Alla fine di questo test il nostro sistema è pronto per lavorare.
Premete il tasto ESC e vi troverete nel PANNELLO principale.
Tutti i dati sono salvati nella memoria non volatile del sistema (EEPROM).
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
33
PANNELLO PRINCIPALE
E’ il pannello fondamentale, da cui partono tutte le applicazioni principali e in cui sono visualizzate
le più importanti informazioni di stato e settaggio dello strumento.
MNU: I cursori sono usati per navigare nei menu
POS: I cursori muovono i motori
MICRO: Abilitate le microcorrezioni
POSIT: Abilitati i movimenti veloci
Divisione della velocità di posizionamento
veloce manuale
Coordinate Equatoriali dell
oggetto puntato
Tempo Locale
Barra di stato, indica
l’avanzamento in processi lenti
Stato di funzionamento. Attualmente viene
eseguito l’inseguimento siderale
RA 01:37:42.9 MICRO
DE N11:23:51 1.0 MNU
LT 23:44:10 $$$$$$$
▌▌▌▌▌▌▌▌▌SIDERAL TRK
--Tracking---------|
| RA
SIDERAL |
| DE
DISABLE |
--Local Date/Time--|
| Date 2009/09/17 |
| Legal Time YES |
| Time Zone
+01 |
--Coordinate-------|
| Lat. N 43:12:34 |
| Lng. E 010:09:56 |
| Elevation +0160m|
--Environment------|
| Temperat. +14.3°C|
| Pressure
1010mB|
--Palomar----------|
| M. Drive T. +35°C|
|__________________|
| PRESS F4 TO CHAN |
Scritta a scorrimento che
ricorda se l’oggetto puntato
ha un nome proprio, M1,
Mizar, etc.
Inseguimento impostato
Data e tempo locale
Coordinate geografiche del
luogo di osservazione
Parametri ambientali usati
per il calcolo della rifrazione
atmosferica
Temperatura dell’aletta di
raffreddamento interna
Una volta che lo strumento è stato acceso, verificare che la data e l’ora locale siano corretti.
Se si dispone dell’opzione GPS, conviene sempre utilizzarlo per aggiornare questi parametri, in
quanto molto più preciso dell’orologio interno
34
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
COMANDI RICONOSCIUTI DAL PANNELLO PRINCIPALE
Imposta l’oggetto di riferimento
Si posiziona su di uno oggetto
Alterna modalità microcorrezioni o posizionamento manuale. Quando il comando
viene riconosciuto, il PALOMAR esegue un flash della retroilluminazione dell’LCD.
Edita i campi del pannello
Salva o carica un settaggio del PALOMAR
Permette di selezionare un inseguimento, fra quelli pre-impostati
Visualizza e prende i dati dal GPS
Menu del PEC
Pannello dei timers
Pannello del perfezionamento dell’inseguimento
Visualizza alcune variabili di sistema (pannello utilizzato solo a fini diagnostici)
Pannello di configurazione
Visualizzazione effemeridi per la data ed ora impostata
Pannello degli inseguimenti arbitrari su entrambi gli assi
Diminuisce l’intensità della retroilluminazione
Aumenta l’intensità della retroilluminazione
Premendo contemporaneamente i due tasti, si alterna la modalità SCROLL con il
posizionamento dei motori. Normalmente, i tasti di cursore sono utilizzati per
navigare nei PANNELLI; è possibile, però, usare i cursori anche per il
posizionamento dei motori in assenza del joystick. Se i cursori sono nella
modalità SCROLL, sulla linea di stato sarà visualizzato MNU, diversamente, POS.
Quando il comando viene riconosciuto, il PALOMAR esegue un flash della
retroilluminazione dell’LCD.
Incrementa/Decrementa la velocità di posizionamento tramite joystick o cursori. I
posizionamenti manuali effettuati con i cursori o il joystick usano le impostazioni
del posizionamento automatico e talvolta è utile poter diminuire questo valore.
L’azione dei due tasti varia il valore di un coefficiente di divisione della velocità di
posizionamento.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
35
OGGETTO DI RIFERIMENTO
OGGETTO DA PUNTARE
Questi due comandi sono, forse, le due funzioni fondamentali di un sistema di puntamento.
Entrambi presentano lo stesso menu di selezione e lo stesso tipo di possibilità, ovviamente con
significati ed azioni molto diverse.
La simmetria dei due comandi ci permette anche di effettuare la calibrazione dello strumento
utilizzando anche oggetti non stellari, pianeti ed altro ma vi consigliamo di utilizzare le stelle.
Per la massima precisione di puntamento, abbiamo tenuto conto di molti parametri, fra cui: il
moto proprio delle stelle, la precessione, la nutazione, l’aberrazione e la rifrazione atmosferica.
Ovviamente, è fondamentale che le coordinate geografiche e i parametri ambientali siano corretti.
Con F1 calibreremo lo strumento su un oggetto di riferimento, mentre con F2 andremo a
posizionarci sull’oggetto desiderato.
A seconda della tipologia dello strumento, il metodo di calibrazione è molto diverso.
MONTATURA ALLA TEDESCA
Quando si calibra una montatura alla tedesca, dobbiamo sempre partire dalla posizione di
HOME.
Si sceglie la stella o l’oggetto di riferimento, si conferma la selezione e si attende che il
telescopio realizzi il posizionamento; si effettuano le eventuali micro/macro correzioni per
perfezionare il centraggio, dopodiché, si preme nuovamente F1 per informare il PALOMAR
che il riferimento è perfettamente allineato. Per una buona calibrazione dello strumento ed
in particolare se si vuole correggere un disallineamento polare, conviene fare il
puntamento su una seconda stella facendo le correzioni necessarie, ricordandovi che le
macro correzioni misurano il disallineamento mentre le microcorrezioni no. Dalla misura
di questi disallineamenti il sistema ricava un disallineamento polare (Eq. Wallace) per
affinare i successivi posizionamenti. Se ritenete che le macrocorrezioni intervengano
troppo velocemente ricordatevi che dal pannello principale e’ possibile ridurne il valore con
i tasti
.
MONTATURA A FORCELLA
Per le montature a forcella, la procedura di calibrazione è più semplice.
Si punta il telescopio su di una stella di riferimento, si preme F1 e si ricerca nell’elenco la
stella utilizzata, si conferma la selezione ed il telescopio è calibrato. Questo e’ vero se il Vs.
sistema e’ perfettamente allineato al polo! Non vi fidate del fatto che il Vs. telescopio ha
un buon tracking ed insegue una stella per 10 minuti, effettuare un posizionamento di 90°
equivale ad inseguire perfettamente una stella per 6 ore! Anche in questo caso vi occorre
calibrare su piu stelle ed effettuare le correzioni necessarie con il comando
MISALIGNMENTS.
Avendo indicato al PALOMAR, in fase di configurazione, il tipo di montatura utilizzata, questo si
comporterà di conseguenza; infatti, dopo la selezione dell’oggetto, nel caso di montature alla
tedesca e per la calibrazione, vi comparirà il seguente messaggio:
| MOVE THE TELESCOPE |
| IN HOME POSITION |
|RET:START ESC:ABORT|
| F1:FORCE COORDINATE|
Con il tasto F1 e’ anche possibile sincronizzare la posizione del telescopio senza effettuare il
posizionamento passando dalla posizione di HOME.
36
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Il menu proposto per la selezione del tipo di oggetto in calibrazione o posizionamento è il
seguente:
| BRIGHT STAR LIST |
| NGC/IC MESSIER
|
| SOLAR SYSTEM
|
| USER CATALOG
|
| BY KEYBOARD
|
| HOME
|
| PARKING
|
| MISALIGNMENTS
|
| CLEAR POLAR ERROR|
BRIGHT STAR LIST
NGC/IC MESSIER
SOLAR SYSTEM
USER CATALOG
BY KEYBOARD
HOME
PARKING
MISALIGNMENTS
CLEAR POLAR ERROR
Si può scegliere una delle 50 stelle più luminose del cielo (fare
riferimento all’APPENDICE C per la lista completa).
Catalogo NGC 2000 completo, comprendente oggetti NGC ed IC per un
totale di 13226.
Pianeti, Sole e Luna.
Catalogo di oggetti celesti compilato dall’utente.
Immissione diretta delle coordinate equatoriali.
Si indica al PALOMAR che il telescopio si trova nella posizione di HOME.
Si indica al PALOMAR che la posizione attuale va considerata come la
posizione a riposo del telescopio.
Comando che ci permette con le MACROCORREZIONI di indicare al
PALOMAR il disallineamento dall’oggetto puntato da cui ricavare il
disallineamento polare.
Azzera le variabili calcolate per il disallineamento polare.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
37
BRIGHT STAR LIST
Si accede ad una lista di stelle luminose da usare come calibrazione o obiettivo del telescopio.
Questo pannello non è editabile ed è possibile cambiare la stella con i soli cursori.
Il pannello che compare è il seguente:
N000
Sirius
Reference:
9Alpha
Constellation:
CMa
Magnitude:
-1.46
SP:
A1Vm
Distance (AU):
8.6
Hipparcos N.: 32349
> USE CURSOR <> TO <
Uso della tastiera:
I cursori cambiano la stella (seguento il loro ordinamento per magnitudine). Se si
vuole scorrere velocemente la lista, tenere premuto il tasto ed attendere
l’autorepeat.
Scorre in avanti il “reference”. Es. Alpha->Beta->Gamma. Se trova una stella la
evidenzia. In pratica si visualizzano tutte le stelle appartenenti alla costellazione
selezionata.
F2 incrementa, F3 decrementa l’indice che identifica la costellazione. Se una stella
viene trovata nella costellazione richiesta questa viene visualizzata altrimenti
salta alla costellazione successiva.
Conferma l’oggetto selezionato.
Annulla l’operazione e torna al pannello principale.
38
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
NGC/IC MESSIER
Si accede alla lista di oggetti non stellari, organizzati secondo i cataloghi NGC, IC o MESSIER.
Il pannello che vi compare è il seguente:
-- NGC IC MESSIER -|Object:
M 0031 |
|Type:
Galaxy |
|Magnitude
4.40 |
| PRESS F4 TO EDIT |
|_ ________________|
Il pannello è editabile ed è possibile indicare direttamente il catalogo ed il numero di riferimento
dell’oggetto.
I comandi riconosciuti da questo pannello sono:
I cursori cambiano l’oggetto. Se si vuole scorrere velocemente la lista, tenere
premuto il tasto ed attendere l’autorepeat.
Seleziona il catalogo NGC
Seleziona il catalogo IC
Seleziona il catalogo di MESSIER
Conferma l’oggetto selezionato
Annulla l’operazione e torna al pannello principale
SOLAR SYSTEM
Si accede ad un menu che ci permette di selezionare uno dei seguenti oggetti del sistema solare:
MOON
SUN
MERCURY
VENUS
MARS
JUPITER
SATURN
URANUS
NEPTUNE
PLUTO
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
39
USER CATALOG
Questo comando da la possibilita’ di accedere ad un catalogo personale di oggetti. Il catalogo
personale accetta fino a circa 6000 oggetti e puo’ essere impostato tramite programma remoto o
tramite la modalita CONSOLE. Il pannello sottostante permette di selezionare uno degli oggetti
del catalogo.
--USER CATALOG-----| Name
Beta Cas |
| Index
0000 |
| RA
00:09:10.7 |
| DE N 59:08:59
|
|__________________|
| F4 EDIT DATA, ES |
I comandi accettati sono i seguenti:
I cursori cambiano l’oggetto. Se si vuole scorrere velocemente la lista, tenere
premuto il tasto ed attendere l’autorepeat.
Conferma l’oggetto selezionato
Annulla l’operazione e torna al pannello principale
BY KEYBOARD
Con questo comando si forniscono direttamente le coordinate da utilizzare. E’ importante notare
che bisogna indicare se le coordinate sono apparenti, quindi corrette per tutte le variazioni
astronomiche e localizzate oppure sono coordinate pure riferite all’equinozio J2000.
Il pannello che vi comparirà è il seguente e andrà sempre editato con il tasto F4.
- EQUATORIAL COORD | Type APPARENT
|
| RA
03:38:53.7 |
| DE N 67:19:41
|
| RET TO CONFIRM - |
|__________________|
HOME
Questo comando risulta utile nel posizionamento, al fine di far raggiungere al telescopio una
posizione necessaria ad una successiva calibrazione per le montature alla tedesca. Non ha,
invece, molto senso utilizzarlo durante la calibrazione.
PARKING
Questo comando, se usato come riferimento (F1), indica al PALOMAR che quella posizione sarà
usata per parcheggiare lo strumento alla fine del nostro lavoro e permetterà di avere lo
strumento già calibrato alla successiva accensione.
Se, invece, si usa con il posizionamento (F2), si dice al telescopio di posizionarsi in una posizione
stabilita in precedenza (F1), idonea per lo strumento a riposo.
Nota che, se lo strumento durante la sua inattivita’ non viene mosso, all’accensione risulterà già
calibrato.
Per questo comando è fondamentale la precisione dell’orologio interno, il che significa che, se
“risvegliate” lo strumento dopo una inattività di alcune settimane, questo risulterà sempre ben
calibrato; mentre una inattivita’ di mesi potrebbe mostrare una imprecisione.
L’imprecisione del ripristino della posizione è dovuta, oltre all’errore dell’orologio interno, anche
agli eventuali sbalzi di temperatura che l’elettronica dovesse subire, in quanto, anche se con un
contributo modesto, il quarzo usato come base dei tempi subisce delle variazioni sulla frequenza
di oscillazione, a causa della temperatura ambiente.
Alcune ulteriori considerazioni vanno fatte sul posizionamento quando si usano montature
equatoriali. Di fatto, quando il telescopio effettua un posizionamento, esegue sempre il percorso
40
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
più breve per raggiungere la nuova coordinata, a meno che non siano violate alcune costrizioni.
La prima costrizione è di non andare a sbattere contro la colonna, ma è possibile anche
aggiungerne un’altra: quella, se possibile, di mantenere il contrappeso sempre in basso, per
avere una posizione di osservazione più agevole. Questa ultima possibilità è attivabile dal
pannello di configurazione attivando la voce “Smart Mode”.
CORREZIONE DISALLINEAMENTO POLARE
Riepilogando durante la fase di calibrazione é possibile effettuare anche la correzione per il
disallineamento polare. Questa correzione é efficace solo se il valore di disallineamento é minore
di 1 grado, infatti valori maggiori danno risultati di correzione erronei.
In pratica premo F1 una prima volta ed in questo modo apro la procedura di calibrazione.
Seleziono un oggetto da usare come riferimento, attendo che il telescopio vi si posizioni e
guardando nell'oculare verifico che sia centrato.
Se e' effettivamente centrato, o quanto meno mi accontento premo nuovamente F1 ed ho chiuso
la procedura di calibrazione.
Diversamente essendo l'oggetto non centrato attivo i macro movimenti e lo centro a questo
punto premo nuovamente F1 ed ho chiuso la calibrazione ed ho alla stesso tempo dato modo al
Palomar di calcolare il disallineamento polare.
Nei successivi posizionamenti si terrá conto di questa correzione.
Va detto peró che nelle montature alla tedesca e con il posizionamento in SMART MODE diventa
veramente critico l'ERRORE CONICO che il Palomar non ha modo di poter correggere, pertanto é
consigliato leggere questo documento che spiega come verificarlo e correggerlo.
http://www.haldema.altervista.org/Haldema/Calibrazione_Errore_Conico.html
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
41
MICRO/MACRO CORREZIONI
Le correzioni di posizione che possono essere effettuate con tastiera, joystick o autoguida sono
completamente programmabili come valori impostati e come direzione.
La velocità utilizzata dai motori per la correzione della posizione è selezionabile in due modalità
fondamentali:
MICROCORREZIONI. Effettuano degli spostamenti piccoli del telescopio e sono utilizzate,
principalmente, per effettuare correzioni sull’inseguimento del telescopio. La velocità di
posizionamento è programmabile nel pannello di configurazione (punti 16,17 per RA e
33,34 per DE). Non comportano la variazione delle coordinate.
2. MACROCORREZIONI. Si utilizzano per effettuare rapidi spostamenti del telescopio; esse
variano la coordinata del telescopio e, di base, utilizzano la velocità del posizionamento
automatico (punti 9-10 per RA e 27-28 per DE nel menu di configurazione), ma possono
1.
essere localmente diminuite utilizzando i tasti
divisione.
che agiscono su una variabile di
Premendo F3 è possibile alternare una delle due possibilità. Quando il comando viene
riconosciuto, il display esegue un flash della retroilluminazione e nel pannello principale viene
cambiato lo stato.
42
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
CARICAMENTO SALVATAGGIO DI UNA CONFIGURAZIONE
Questo comando vi permette di salvare la configurazione attuale del PALOMAR o di caricarne una
precedentemente salvata. Questa possibilità, oltre a permettere un backup dei settaggi, è utile
per impiegare il PALAMOR su diverse montature motorizzate. Ad esempio, potremmo disporre di
una montatura nella nostra postazione fissa ed una utilizzata per le nostre missioni in siti diversi.
E’ possibile avere fino a quattro diverse configurazioni.
Il primo menu che compare chiede se vogliamo caricare una configurazione salvata con la voce
del menu “LOAD” oppure se vogliamo salvarne una con la voce del menu “SAVE AS”.
Questo comando vi da anche la possibilita’ di creare un backup della configurazione in uso.


LOAD. Selezionando questa voce, compare un menu che lista tutte le configurazioni
disponibili. Scorrendo la lista, e’ possibile selezionarne una e premendo RET la carichiamo.
Prima che questa sia effettivamente caricata occorre che venga verificata con il comando
di configurazione, aperto l’editing e successivamente salvato. Tutto questo e’ necessario
per la sicurezza del Palomar e di quello che vi e’ collegato. Ad esempio potreste avere una
montatura che utilizza motori da 500 mA ed una che impiega motori da 2000mA con due
diverse configurazioni salvate, e’ evidente che se erroneamente carico quest’ultima
configurazione sulla prima di queste posso facilmente avere dei danni!
SAVE AS. Ci permette di salvare la configurazione corrente, associando ad essa una
stringa alfanumerica. Il pannello che compare, che va, ovviamente, editato premendo F4,
è il seguente:
--SAVE AS----------| MyTelescope 20cm |
| Index
00 |
|------------------|
| F4 EDIT DATA, RE |
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
43
SELEZIONE INSEGUIMENTO
PALOMAR è in grado di eseguire inseguimenti arbitrari su entrambi gli assi. Quello siderale è il più
utilizzato e permette di seguire la maggior parte dei corpi celesti nel loro moto apparente.
Alcuni di questi, però, hanno moti propri che vanno a sommarsi (algebricamente) a quello
terrestre, per cui la loro osservazione ad alto ingrandimento può implicare di vederli uscire dal
campo di ripresa più o meno rapidamente. Questo comando calcola la velocità di inseguimento
per un corpo selezionato o ne esegue una, partendo da valori arbitrari. Va messo in evidenza che,
abilitando questi moti, si può perdere rapidamente la coordinata di riferimento del sistema
equatoriale, per cui, per una massima precisione dello strumento, conviene sempre effettuare una
calibrazione dopo che si e’ utilizzato un inseguimento diverso dal siderale.
Il menu che compare è il seguente:
|SIDERAL|
|MOON
|
|SUN
|
|MERCURY|
|VENUS |
|MARS
|
|JUPITER|
|SATURN |
|URANUS |
|NEPTUNE|
|PLUTO |
|USER
|
|DISABLE|
A seconda della scelta effettuata, anche il motore in declinazione può mettersi in moto e, di
conseguenza, lo stato del pannello principale viene aggiornato.
44
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
GPS
Il PALOMAR prevede (come opzione) l’utilizzo di un modulo GPS interno ed una antenna
magnetica esterna. Questa opzione permette di avere, in ogni sito di osservazione, precise
coordinate geografiche ed una sincronizzazione del tempo molto precisa.
Il pannello che compare è il seguente:
--GPS DATA---------|
| UT
12:37:42 |
| Lat. N 43:20:55 |
| Lng. E 010:27:38 |
| Satellites
06 |
| Fix quality SPS |
| Height
1607.8 |
|------------------|
| ESC=EXIT - RET=A |
Se l’antenna del GPS ha la visibilità dei satelliti, compariranno le coordinate luogo con relativa
altezza sul livello del mare, oltre al Tempo Universale. Premendo RET, i dati raccolti dal GPS
verranno salvati ed utilizzati.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
45
PEC
Nella maggior parte dei telescopi commerciali e non, la movimentazione degli assi è realizzata
tramite corona dentata e vite senza fine.
La qualità delle lavorazioni meccaniche può pregiudicare molto la qualità delle riprese
fotografiche. Uno dei diffetti più comuni è l’errore periodico, in pratica una presa non costante
della vite senza fine sulla corona dentata. Eliminare questo difetto dalla meccanica è impossibile,
a meno che non la sostituiamo con una qualitativamente superiore. Di conseguenza, affinché
l’immagine risulti ferma, occorre guidare il telescopio con continue microcorrezioni.
PEC (Correzione Errore Periodico) permette di acquisire le correzioni da voi effettuate e,
successivamente, le ri-esegue all’infinito, permettendovi di effettuare lunghe esposizioni.
Nel PALOMAR sono disponibili due possibili modi di PEC:
1. Impara/Esegui. Questa è la modalità più semplice: il PALOMAR registra ogni vostra
correzione per la durata di una completa rotazione della vite senza fine, dopodiché, la
riesegue all’infinito.
2. Sincronizza/Impara/Esegui. Questa modalità è analoga alla precedente, ma prevede un
punto fisico di sincronizzazione della vite senza fine tramite un ingresso del PALOMAR.
Il vantaggio è che, essendo sincronizzata, può essere ri-eseguita quante volte si desidera,
evitando la fase ”Impara” (escluso una prima volta).
Per abilitare la versione sincronizzata, occorre abilitare l’omonima voce nel pannello di
configurazione, vedi punti 50,51,52 del pannello di configurazione.
Il menu che compare e’ il seguente:
|LEARN AND EXECUTE|
|SYNC AND RESTART |... RESTART
|STOP
|
|SAVE
|
|LOAD AND EXECUTE |

LEARN AND EXECUTE: Se si dispone di una sincronizzazione il sistema attende che questa si
realizzi e poi parte con la fase di apprendimento (LEARN) una volta che si riverifica l’evento di
sincronizzazione la fase di apprendimento termina ed inizia la fase di esecuzione (PEC EXEC).
Se non si dispone di un sistema di sincronizzazione hardware questa viene realizzata soltanto
sul calcolo temporale del periodo di rivoluzione della vite senza fine, ne consegue quindi che
ad ogni spegnimento o movimento del telescopio occorre rifare anche la fase di
apprendimento.
 SYNC AND RESTART: Comando riservato a chi dispone di un sistema di sincronizzazione sulla
vite senza fine, in pratica questo comando permette di applicare un PEC acquisito in
precedenza.
 STOP: Abortisce una fase di apprendimento o esecuzione del PEC.
 SAVE: Salva in EEPROM il PEC in precedenza acquisito.
 LOAD AND EXECUTE: Carica da EEPROM un PEC salvato in precedenza e lo mette in
esecuzione.
La possibilita’ di avere una sincronizzazione sulla vite senza fine ci da la possibilita’ di eseguire
una sola volta la fase di apprendimento e poi di poterla applicare a piacimento quando lo si
desideri. Ovviamente e’ necessario che la vostra corona dentata abbia tutti i denti
ragionevolmente uguali altrimenti il PEC cambiera’ da zona a zona della corona dentata stessa.
Il PEC viene realizzato registrando accuratamente le correzioni che si effettuano, tramite joystick
(consigliato), in ascensione retta. Il sistema ha a disposizione 8192 punti di registrazione, questo
significa che utilizzando per esempio una corona di 360 denti avremo che ogni punto viene
acquisito ogni 30 millesimi di secondo. Questo valore deriva dal fatto che una vite senza fine
calettata su una corona di 360 denti impiega circa 240 secondi per effettuare una rivoluzione da
cui: 240/8192 = 0.029296875 s.
Altro punto assai importante e’ il tipo di sensore utilizzato per la sincronizzazione della vite senza
fine, noi vi consigliamo vivamente di utilizzare un sensore di prossimita’ induttivo del tipo PNP o
46
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
NPN. Questi sensori permettono di rilevare una piccola parte metallica (ferrosa) che gli si pone a
distanza molto ravvicinata con una ottima riproducibilita’ e senza un contatto fisico.
Nella figura sottostante un sensore di prossimità M4 PNP:
Nell’immagine sottostante si vede invece un sensore induttivo di tipo diverso montato sulla vite
senza fine:
E’ fondamentale che la regolazione del
sensore di prossimita’ realizzi una
rivelazione piu’ “puntiforme” possibile.
E’ possibile anche utilizzare dei normali
interruttori a levetta per realizzare la
sincronizzazione, sul mercato se ne
trovano migliaia di tipi diversi e la
scelta va effettuata soprattutto per
una buona precisione meccanica ed un
minimo ingombro.
A titolo di esempio si puo’ vedere
nell’imagine sottostante uno di questi
switch, sono quasi
tutti dei deviatori, a noi occorre utilizzare il COMUNE ed il contatto
NORMALMENTE APERTO.
Come ingresso del PEC si puo’ utilizzare uno degli ingressi TTL previsti da
PI[0] a PI[3].
E’ vivamente sconsigliato collegare direttamente l’uscita del vs. sensore di
posizione sull’ingresso della porta, e’ assai piu’ ragionevole utilizzare un
disaccoppiatore ottico secondo lo schema sottostante:
VCC si collega al PIN 2 di Y2
La massa si collega al PIN 25 di Y2
R2 e’ da 2200 ohm
R1 e’ da 2200 ohm per una tensione di Vi che puo’ andare da 12 a 30 volt.
Al punto 50 della configurazione impostare LOW.
Come disaccoppiatore ottico si puo’ utilizzare un PC817X4J000F della SHARP ma sinceramente sul
mercato ne trovate molti altri e se ne puo’ usare uno qualunque. Di sotto si puo’ vedere come
sono collegati e la loro forma (sono tutti uguali).
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
47
Per uno switch di tipo induttivo PNP questo e’ lo schema di collegamento, ricordandovi che i
sensori di prossimità induttivi hanno tre fili in uscita:
 MARRONE alimentazione positiva da 12 a 30 volt
 NERO uscita
 BLU massa
VCC si collega al PIN 2 di Y2
La massa si collega al PIN 25 di Y2
R2 e’ da 2200 ohm
R1 e’ da 2200 ohm per una tensione di alimentazione del sensore di
prossimita’ che puo’ andare da 12 a 30 volt (MARRONE = +12, BLU =
GND).
Al punto 50 della configurazione impostare LOW.
Per un sensore induttivo NPN lo schema e’ il seguente:
Collegamenti e
documentazioni.
dimensionamenti
sono
uguali
alle
precedenti
Per terminare solo una notazione: Perche’ non collegare direttamente
l’uscita del sensore di posizione all’ingresso previsto?
La risposta e’ semplice: Ridurre la possibilita’ di malfunzionamenti
causati da interferenza od anelli di massa.
Il concetto e’ molto semplice il Palomar ha una propria alimentazione, a
sua volta puo’ essere collegato ad un PC tramite la seriale poi puo’
essere collegato ad una autoguida che pero’ e’ controllata dal medesimo PC infine ci sono diversi
collegamenti a dispositivi come fine corsa encoder etc.
Tutti questi fili sono spesso molto lunghi e sono delle ottime antenne che “pescano” in un mare
assai inquinato come il nostro spettro elettromagnetico. Per ridurre possibili guai e’ meglio avere
a disposizione un piccolo alimentatore a 12V 1A spesso definito come “bordo macchina” per
alimentare vari piccoli dispositivi ed utilizzare il disaccoppiamento ottico per connettersi al
Palomar. Per rendere l’idea qui di sotto trovate una immagine ripresa all’oscilloscopio digitale con
la sonda messa in corto circuito da 5 cm di filo di rame. Quella che si vede e’ la FM 88-108 MHz!
48
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Gli anelli di massa (ground loops) sono pericolosi per i collegamenti di segnale. Infatti:
- se almeno uno degli apparecchi elettrici è alimentato dalla rete elettrica (ad esempio il
PC) ed è presente una capacità non trascurabile, parassita o inserita ad hoc ad esempio
per filtrare i radiodisturbi (!), tra i conduttori posti a potenziale di rete e la terra, è molto
probabile che una corrente a 50 Hz addizionata di disturbi vari sempre presenti nelle linee
elettriche domestiche percorra il conduttore che unisce l'apparato in cui si genera la
dispersione e la terra. A questo punto ai capi di tale conduttore, a causa della sua
resistenza e impedenza elettrica non nulle, si genera una tensione di disturbo che si
presenta ai capi della calza schermante dei cavetti di segnale. Tale tensione si somma al
segnale presente e può provocare malfunzionamenti.
- se all'interno dell'anello di massa si trova un campo magnetico variabile nel tempo, viene
generata nell'anello stesso una corrente indotta che provoca lo stesso effetto di generare
una tensione di disturbo che si aggiunge al segnale utile visto al punto precedente. Il
campo magnetico variabile può essere prodotto dalle dispersioni dei trasformatori di
alimentazione, dalle dispersioni degli switching, da segnali a radiofrequenza (io, ad
esempio, abito nel raggio di azione di un trasmettitore radiofonico OM), o altro.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
49
TIMERS
In questo pannello troviamo quattro cronometri, che possono essere utilizzati per misure di
svariato genere.
Il pannello, oltre a visualizzare il contenuto dei cronometri, permette di eseguire funzioni di
start/stop e azzeramento.
Le funzioni dei cronometri rimangono attive anche quando abbandonate il pannello ed eseguite
ogni tipo di funzione di vostro interesse.
Per vedere il loro valore di conteggio, basterà aprire nuovamente il pannello.
Il pannello che compare è il seguente:
|TIM3 00:13:22.345 |
|TIM2 01:45:17.419 |
|TIM1 00:00:00.000 |
|TIM0 00:00:00.000 |
|------------------|
| KEYS 0147 START/ |
L’utilita’ di un cronometro integrato e’ molteplice, ad esempio se vogliamo calcolare il campo inquadrato da un
oculare basta portare una stella di riferimento sul bordo del campo inquadrato con i movimenti micrometrici in
senso orario (per latitudini boreali) dare via al timer e contemporaneamente con il joystick bloccare il movimento
orario, quando la stella raggiunge il bordo opposto stoppare il timer e rilasciare il joystick, a questo punto basta
moltiplicare il tempo misurato (convertito in secondi) per 15 ed avremo il campo inquadrato in secondi d’arco.
Utilizzo della tastiera:
START/STOP TIMER 3
CLEAR TIMER 3
START/STOP TIMER 2
START/STOP TIMER 1
START/STOP TIMER 0
50
CLEAR TIMER 2
CLEAR TIMER 1
CLEAR TIMER 0
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PERFEZIONAMENTO INSEGUIMENTO SIDERALE
Questo comando permette di variare la velocità di inseguimento siderale in modo arbitrario
oppure lo calcola in modo esatto per la corrente data.
Le variazioni che vengono effettuate sono applicate in tempo reale ed è, quindi, possibile vederne
l’effetto sull’inseguimento.
Qui sotto riportiamo un breve articolo tratto da Wikipedia, propedeutico per l’argomento:
Giorno siderale
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il giorno siderale (noto anche come
giorno sidereo) è la durata del
periodo di rotazione di un pianeta
attorno
al
suo
asse.
Viene
determinato misurando il tempo
necessario a fare ritornare il pianeta
nella stessa posizione rispetto alle
stelle.
La durata del giorno solare si calcola
invece misurando il tempo impiegato
da un punto per tornare nella stessa
posizione rispetto al Sole: siccome
nel corso della giornata il pianeta si
muove anche intorno al Sole (vedi
figura a fianco), il punto dovrà
percorrere un angolo leggermente
superiore ai 360° per tornare nella
stessa posizione rispetto al Sole, per
cui il giorno solare risulta più lungo
del giorno siderale. Di conseguenza in un anno c'è esattamente un giorno siderale in più dei giorni
solari.
Per la Terra, il giorno siderale è di 23 ore 56 minuti e 04,0905 secondi, ovvero 86164,0905
secondi. Durante questo intervallo di tempo la Terra percorre intorno al Sole un arco di orbita
lungo circa 2,5 milioni di km corrispondente ad un angolo al centro di circa 1 grado. La Terra deve
quindi ruotare di questo angolo perché il Sole possa ritornare nella stessa posizione del giorno
precedente. Per effettuare tale rotazione occorrono circa 236 secondi, per cui il giorno solare dura
circa
86400
secondi
ovvero
24
ore.
Mentre il giorno siderale è invariante (a parte il secolare rallentamento della rotazione terrestre
dovuto all'interazione gravitazionale con gli altri pianeti), il giorno solare varia durante l'anno,
poiché, essendo l'orbita terrestre leggermente ellittica, la velocità varia nei vari punti dell'orbita,
essendo minima all'afelio e massima al perielio (questa è una conseguenza della seconda legge di
Keplero).
All'afelio la velocità è infatti circa 29,3 km/s, mentre al perielio è 30,3 km/s. Questo fa sì che in
un giorno siderale la Terra percorra un angolo di circa 57' all'afelio e di circa 61' al perielio. Nel
punto più lontano dal Sole, il giorno solare dura quindi circa 8 secondi in meno (rispetto alle 24
ore), mentre nel punto più vicino dura circa 7 secondi in più.
La differenza tra giorno siderale e solare diventa di fondamentale importanza nelle osservazioni
astronomiche. A causa di ciò in periodi diversi dell'anno sono visibili nel cielo notturno diverse
costellazioni, che culminano in ore diverse. Per le misure astronomiche, soprattutto se effettuate
usando il sistema di riferimento equatoriale o galattico, risulta più conveniente riferirsi al giorno
siderale rispetto a quello solare. Per le osservazioni anche amatoriali risulta di conseguenza
comodo dotarsi di appositi orologi di precisione.
Attenzione: premendo RET, il valore modificato attraverso questo comando viene memorizzato ed
usato come default anche dopo lo spegnimento.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
51
Pannello visualizzato:
--SIDERAL TRIMMING-|Ksid 1.0027379093 |
|Step 0.0000000001 |
|AM 015.0410686413 |
|Hz 119.3735606177 |
| USER <> CURSOR T |
|__________________|
Utilizzo della tastiera:
Imposta il valore Step a 0.0000000001
Imposta il valore Step a 0.0000000010
Imposta il valore Step a 0.0000000100
Imposta il valore Step a 0.0000001000
Imposta il valore Step a 0.0000010000
Imposta il valore Step a 0.0000100000
Imposta il valore Step a 0.0001000000
Imposta il valore Step a 0.0010000000
Imposta il valore Step a 0.0100000000
Imposta il valore Step a 0.1000000000
Sottrae il valore di Step a Ksid
Somma il valore di Step a Ksid
Ksid viene impostato
1.002737909350795)
al
valore
medio
del
giorno
siderale
Ksid viene calcolato per la data attuale
Il valore di Ksid viene salvato in EEPROM e riutilizzato successivamente
Esce da questo pannello
52
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
(default
CONFIGURAZIONE
Questo e’ il pannello che compare:
--RA TRANSMISSION--|
|Main ####.####### |
|Sec. ####.####### |
|Inv. Rotation $$$ |
|Dead Pulse
#### |
|Motor Resol. ### |
--RA POSITIONING---|
|Fraction
### |
|Hi. Speed ####.#X |
|Lo. Speed ####.#X |
|Current
####mA|
|Smart Mode
$$$ |
--RA TRACKING------|
|Fraction
### |
|Current
####mA|
|CW Correc.###.#X |
|CCW Correc.###.#X |
|Max Err. #.#####" |
--DE TRANSMISSION--|
|Main ####.####### |
|Sec. ####.####### |
|Inv. Rotation $$$ |
|Dead Pulse
#### |
|Motor Resol. ### |
--DE POSITIONING---|
|Fraction
### |
|Hi. Speed ####.#X |
|Lo. Speed ####.#X |
|Current
####mA|
--DE TRACKING------|
|Fraction
### |
|Current
####mA|
|CW Correc.###.#X |
|CCW Correc.###.#X |
|Max Err. #.#####" |
--MOUNT------------|
|Type
$$$$$$$$$$ |
--JOYSTICK---------|
|RA Mov.Invert $$$ |
|DE Mov.Invert $$$ |
|RA Falling 10000 |
|DE Falling 10000 |
--TRIGGER----------|
| Enable
$$$ |
| Output
$$$ |
| Pulse W. ######us|
| Input
$$$ |
| Delay
####s |
--PEC--------------|
| Enable
$$$|
| Hardware Sync $$$|
| Active Level $$$$|
--ALARMS-----------|
| Enable
$$$|
| Active Level $$$$|
01) Parametri relativi alla trasmissione dell’ascensione retta
02) Numero denti corona dentata o rapporto di demoltiplica in ascensione retta
03) Rapporto di demoltiplica eventualmente presente in AR prima della corona dentata, se non presente inserire 1
04) Impostare YES se il senso di rotazione in AR è invertito
05) Numero di passi da applicare ad ogni inversione del senso di rotazione
06) Numero di passi/giro del motore utilizzato in AR. Tipicamente 24,48,100,200 passi/giro
07) Parametri relativi al posizionamento in ascensione retta
08) Frazionamento del motore utilizzato per il posizionamento in AR. Valori accettati da 1 a 500 = 400 a 200000 passi/giro
09) Massima velocita’ di posizionamento utilizzata in AR. Viene espressa come N volte la velocità siderale
10) Minima velocita’ di posizionamento utilizzata in AR. Viene espressa come N volte la velocità siderale
11) Corrente di fase utilizzata in AR per il posizionamento
12) Valori possibili YES/NO. Solo per montature alla tedesca. Con YES si cerca di mantenere sempre una visione agevole.
13) Parametri relativi all’inseguimento in ascensione retta
14) Frazionamento del motore utilizzato per l’inseguimento in AR. Valori accettati da 1 a 500 = 400 a 200000 passi/giro
15) Corrente di fase utilizzata in AR per l’inseguimento
16) Velocita per le MICROCORREZIONI in senso orario. Viene espressa come N volte la velocità siderale
17) Velocita per le MICROCORREZIONI in senso antiorario. Viene espressa come N volte la velocità siderale
18) Massimo errore in secondi d’arco ammissibile nel secondo di tempo
19) Parametri relativi alla trasmissione della declinazione
20) Numero denti corona dentata o rapporto di demoltiplica in declinazione
21) Rapporto di demoltiplica eventualmente presente in DE prima della corona dentata, se non presente inserire 1
22) Impostare YES se il senso di rotazione in DE è invertito
23) Numero di passi da applicare ad ogni inversione del senso di rotazione
24) Numero di passi giro del motore utilizzato in DE. Tipicamente 24,48,100,200 passi/giro
25) Parametri relativi al posizionamento in declinazione
26) Frazionamento del motore utilizzato per il posizionamento in DE. Valori accettati da 1 a 500 = 400 a 200000 passi/giro
27) Massima velocità di posizionamento utilizzata in DE. Viene espressa come N volte la velocità siderale
28) Minima velocita’ di posizionamento utilizzata in DE. Viene espressa come N volte la velocità siderale
29) Corrente di fase utilizzata in DE per il posizionamento
30) Parametri relativi all’inseguimento in declinazione
31) Frazionamento del motore utilizzato per l’inseguimento in DE. Valori accettati da 1 a 500 = 400 a 200000 passi/giro
32) Corrente di fase utilizzata in DE per l’inseguimento
33) Velocita per le MICROCORREZIONI in senso orario. Viene espressa come N volte la velocità siderale
34) Velocita per le MICROCORREZIONI in senso antiorario. Viene espressa come N volte la velocità siderale
35) Massimo errore in secondi d’arco ammissibile nel secondo di tempo
36) Tipo di montatura
37) Tipologia montatura GERMAN o FORK
38) Senso di rotazione del joystick e rampe di decelerazione
39) Se YES inverte la direzione dei moti dal joystick in AR
40) Se YES inverte la direzione dei moti dal joystick in DE
41) Specifica il numero di passi massimo da eseguire al rilascio del joystick nei posizionamenti veloci in RA per rallentare
42) Specifica il numero di passi massimo da eseguire al rilascio del joystick nei posizionamenti veloci in DE per rallentare
43) Generazione del trigger a fine posizionamento
44) YES abilita la generazione del segnale di trigger a fine posizionamento
45) Output utilizzato per la generazione del trigger: OC1, PO0, PO1, PO2, PO3
46) Durata segnale di trigger in microsecondi
47) Segnale di ingresso di trigger acquisito: PI0, PI1, PI2, PI3
48) Ritardo da eseguire in secondi dal trigger acquisito
49) Impostazioni per il PEC con sincronizzazione hardware
50) YES abilita il PEC sincronizzato
51) Segnale di ingresso utilizzato per la sincronizzazione: PI0, PI1, PI2, PI3
52) Livello segnale attivo: LOW,HIGH
53) Gestione allarme
54) YES abilita il controllo sugli allarmi.
55) Livello segnale attivo: LOW,HIGH
Questo pannello gestisce la configurazione del PALOMAR. Quando si modifica un parametro
occorre essere sicuri del suo valore in quanto le prestazioni dello strumento possono anche essere
notevolmente influenzate da questo. In tutti casi qualunque sia il valore/i immesso, non può mai
essere causa di danneggiamento elettronico.
Questo è un pannello che può essere semplicemente visualizzato per verifica o editato, con F4,
per cambiarne i valori. Tutto il suo contenuto viene salvato in EEPROM.
Quando siete sicuri dei parametri impostati fate sempre un backup degli stessi, tramite un PC
collegato con il relativo programma di gestione o salvando il contenuto in una delle quattro aree
di memoria disponibili.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
53
EFFEMERIDI
Calcola la posizione di pianeti, sole, luna ed alcuni valori di tempo, ogni volta che si preme F1
tutti i campi vengono aggiornati con il valore attuale di tempo..
54
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
INSEGUIMENTI ARBITRARI SU ENTRAMBI GLI ASSI
Come già detto, il PALOMAR è capace di eseguire inseguimenti in modo arbitrario su entrambi gli
assi.
Il pannello che si presenta è il seguente:
--User Tracking----|
|-RA----------- ON-|
| Rotation:
CW |
| AS 033.017324444 |
|-DEC----------OFF-|
| Rotation:
CCW |
| AS 015.000000000 |
|__________________|
| PRESS F4 TO CHAN |
Si abilita l’asse o gli assi su cui si desidera impostare l’inseguimento arbitrario, si stabilisce il
senso di rotazione ed il movimento angolare in secondi d’arco (AS).
Successivamente, per abilitare il tracking programmato, occorre selezionare USER dal comando
SELEZIONE INSEGUIMENTO (1).
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
55
COLLEGAMENTO SERIALE
Il PALOMAR dispone di due canali seriali RS232, normalmente solo un canale e’ riportato sul
connettore di ingresso/uscita Y2 in quanto per poter permettere l’aggiornamento del programma
di gestione sono necessari due segnali di controllo che vanno a prendere il posto di quelli del
secondo canale. E’ possibile ordinare anche il PALOMAR con i due canali seriali presenti su Y2 ma
poi occorre mettere in conto che per riprogrammarlo occorre aprirlo ed accedere ad un connettore
interno.
La comunicazione seriale e’ impostata a 9600,8,N,1 e permette di ricevere comandi LX200 dalla
gran parte dei programmi di astronomia.
La versione 1.0.0 del PALOMAR e’ stata verificata su questi programmi:
1. SkyMap Pro 8
2. The Sky 6
3. Cartes Du Ciel 3.0
I comandi LX200 riconosciuti sono:
GR,GD,GA,GZ,GS,SS,GL,Ga,SL,GC,SC,Gt,St,Gg,Sg,GG,RC,RG,RS,RM,Me,Mn,Ms,Mw,Qn,Qs,Qe,Qw
,U#,Gr,Sr,Gd,Sd,MS,Q#,P#,CM,GT,GVT,GVP,GVD,GVN,T,T-,T+,TQ,hP
Sono riconosciuti anche i comandi Celestron: ?,E,e,Z,z,R,r,B,b,S,s,T,t,P,W,w,H,h,V,m,K,J,L,M
Allo stesso tempo PALOMAR riconosce, secondo un formato proprietario, un piu’ esteso numero di
comandi di cui troviamo documentazione nei successivi capitoli.
Adesso vediamo come collegare il vostro personal computer al PALOMAR. In dotazione e’ gia
presente un cavo di collegamento di due metri con connettore 9 poli, di seguito trovate una
completa documentazione per chi volesse auto costruirsi il tutto.
Nei personal computer sono presenti una o piu’
porte seriali, queste possono essere di due tipi:
a 9 contatti o 25 contatti.
Di tutti i segnali presenti ce ne occorrono soltanto 3:
1. Receive data
2. Transmit data
3. Signal ground
Questi segnali si trovano su pin diversi a secondo del tipo di connettore, la sottostante tabella ne
riporta la disposizione.
DB9
56
DB25
Function
1
8
Data carrier detect
2
3
Receive data
3
2
Transmit data
4
20
Data terminal ready
5
7
Signal ground
6
6
Data set ready
7
4
Request to send
8
5
Clear to send
9
22
Ring indicator
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
57
Per identificare la numerazione dei pin dei connettori RS232 possono essere utili le sottostanti
immagini:
Il connettore fornito in dotazione prevede l’utilizzo del DB9 secondo questa disposizione:
DB9 PC
DB9 PALOMAR
PC Function
2
2
Receive data
3
3
Transmit data
5
5
Signal ground
Se invece intendete costruire un cavo direttamente da Y2 il collegamento diventa:
DB9 PC
Y2 PALOMAR
PC Function
2
12
Receive data
3
11
Transmit data
25-14
RTS a massa
25-13
DTR a massa
25
Signal ground
5
58
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
CAVO DI PROGRAMMAZIONE
Potrebbe anche esservi molto utile il cavo di programmazione, necessario quando si intenda
riprogrammare il PALOMAR con una nuova versione di programma. E’ possibile acquistare online
questo cavo, ma qui sotto trovate le indicazioni su come auto costruirvelo. Utilizzate sempre cavo
schermato collegando la calza al pin 5 del DB9.
DB9
Y2 PALOMAR
PC Function
7
14
Request to send
2
12
Receive data
3
11
Transmit data
4
13
Data terminal ready
5
25
Signal ground
Attenzione: Collegare sempre i pin 13 e 14 a massa se non si usa il cavo di
programmazione.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
59
COLLEGAMENTO JOYSTICK O AUTOGUIDA
Sia il joystick che l’autoguida fanno riferimento agli stessi ingressi in quanto sono alternativi uno
all’altro ma volendo possono anche essere in parallelo. Questo ingresso e’ opto isolato e cio’
rappresenta una garanzia per i disturbi e la salvaguardia del PALOMAR anche utilizzando cavi
molto lunghi.
Per ogni ingresso dell’autoguida esiste un optoisolatore, lo schema a lato
riporta esattamente un ingresso del PALOMAR. La resistenza R1 e’ da 470
ohm ed presente internamente. S1 e’ il contatto che l’autoguida
deve avere mentre Vi e’ un generatore di tensione che puo’ variare
da 5 a 12 volt. La stessa considerazione e’ valida anche per una
pulsantiera o joystick esterno.
Nell’esempio sottostante si riporta il collegamento da effettuare
per l’utilizzo di una autoguida tipo ST4.
CAVO
JOYSTICK
7
2
1
4
3
COLLEGAMENTO PALOMAR ST4
PIN Y2
PIN CONNETTORE RELAYS ST4
PALOMAR
26
-
-
5,8,11,14
24
23
22
21
10
4
13
7
DESCRIZIONE
Comune
(catodi)
degli
optoisolatori. Collegare alla
massa del generatore esterno
Vi
Comune relays ST4 collegare
al positivo di Vi
X+ (OI[2])
X- (OI[3])
Y+ (OI[0])
Y- (OI[1])
Per collegamenti molto corti ed utilizzando un cavo schermato e’ possibile utilizzare come
generatore Vi la tensione a +5 volt presente su Y2 al pin 2 interponendo in serie una resistenza
da 47 ohm e collegando insieme i pin 25-26. Ma ricordatevi che questo tipo di collegamento e’
vivamente sconsigliato in quanto soggetto a disturbi e non affidabile.
Si trovano anche molte applicazioni libere che tramite una webcam collegato via USB ad un PC e
tramite la porta parallela dello stesso implementano ottimamente un sistema di auto guida, in
questo caso e’ sufficiente collegare la massa del PC presente sui pin 18,19,20,21,22,23,24,25 (ne
basta uno!) al pin 26 di Y2 e collegare i pin di controllo (questi cambiano a secondo del
programma) rispettivamente ai pin di controllo 21,22,23,24. Attenzione se usate lo stesso PC
anche per il controllo remoto da RS232 vanificate l’isolamento galvanico!
Alcune autoguide non utilizzano dei relais ma bensi delle uscite open-collector, con questa
tipologia (come usato dalla QHY6) occorre interporre fra Palomar e camera di guida una semplice
interfaccia.
Qui di sotto si puo' vedere come questo problema sia stato risolto per la QHY6:
60
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
61
PROTOCOLLO SERIALE PROPRIETARIO
Il PALOMAR oltre a riconoscere comandi con il formato LX200 ha anche un proprio formato
proprietario che ci da la possibilta’ di poterlo controllare ed impostare in modo molto piu’ esteso
di quanto il formato LX200 permetta. Entrambi i formati sono accettati allo stesso tempo e sono
assai diversi nella sintassi utilizzata.
Comunicare con il PALOMAR significa spedire e ricevere messaggi tipicamente di solo testo in
formato ASCII. Ho usato ‘tipicamente’ in quanto il protocollo puo’ essere definito dall’utente ed e’
possibile che vengano scelti caratteri non di testo.
Quello che qui andremo a descrivere e’ quello di default impostato durante il collaudo dello
strumento.
Il protocollo seriale utilizzato prevede tre tipi di campi:
1. Controllo, questo tipo di campo e’ utilizzato per:
a. Identita’, campo che indica l’indirizzo base che identifica l’AMS di destinazione del
messaggio, e’ tipicamente un numero espresso da un massimo di due cifre.
b. Separatore, e’ un carattere utilizzato per separare logicamente i campi fra di loro.
c. Fine messaggio, e’ un carattere che indica il fine messaggio.
2. Comando, composto da tre caratteri ASCII identifica il comando che AMS deve eseguire.
3. Parametro/i Nessuno o un massimo di 15 parametri specifici del comando da eseguire.
In pratica un comando spedito ad PALOMAR puo’ essere cosi composto:
CONTROLLO
IDENTITA
CONTROLLO
SEPARATORE
COMANDO
CONTROLLO
SEPARATORE
PARAMETRO 1
CONTROLLO
SEPARATORE
...
CONTROLLO
SEPARATORE
PARAMETRO N
CONTROLLO
FINE
MESSAGGIO
Vediamo un messaggio reale:
0,REVCR
in linguaggio C la stringa diviene cosi definita:
“0,REV\r”
Analizzandola:
Il carattere ‘0’ e’ il numero di identificativo di PALOMAR, il carattere ‘,’ e’ il separatore, ‘REV’ e’ il
comando ‘\r’ e’ il carattere di controllo di fine stringa.
Se si utilizza un solo PALOMAR sulla porta seriale e’ possibile omettere il CONTROLLO IDENTITA
per cui il precedente messaggio diventa:
“REV\r”
Questa modalita’ puo’ essere impiegata anche quando ci sono molti PALOMAR connessi sulla
stessa seriale, va tenuto conto pero’ che solo quello direttamente connesso alla seriale di sistema
sara’ in grado di ricevere i comandi.
Al contrario potrebbe essere utile mandare contemporaneamente a tutti i PALOMAR collegati uno
stesso comando, questo puo’ essere fatto indicando al posto del numero di identita’ la sequenza
di caratteri ‘##’, ed il messaggio precedente diventa:
“##,REV\r”
Esiste anche la possibilita’ di abilitare un controllo di integrita’ dei messaggi, per fare questo e’
possibile, tramite un comando, abilitare la generazione ed il controllo di un CRC a 16 bit.
Questo tipo di controllo ci da una alta affidabilita’ sul fatto che il messaggio ricevuto sia integro.
Se abilitiamo il CRC il precedente messaggio diventa:
62
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
0,REV,18149CR
I caratteri evidenziati in giallo sono quelli che vengono utilizzati per il calcolo del CRC. Nel caso in
cui il CRC ricevuto sia diverso da quello calcolato avremo la risposta:
0,CRC,55991CR
Altresi se il CRC e’ giusto riceveremo:
0,100,55487CR
Per maggiori informazioni sul CRC, potete visitare
http://it.wikipedia.org/wiki/Cyclic_redundancy_check
il
sito
di
wikipedia,
alla
pagina:
E’ importante notare che nei messaggi di risposta PALOMAR fornisce sempre
come primo parametro il numero della propria identita’.
Breve accenno sulle notazioni utilizzate:
[] Le parantesi quadre racchiudono campi opzionali
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
63
COMANDI SERIALI PROPRIETARI
Nelle pagine seguenti viene riportata una lista completa dei comandi eseguiti dal PALOMAR. In
tutti gli esempi si assume che il numero di identita’ del PALOMAR sia 0, che sia attiva la modalita’
DECIMALE, che il separatore utilizzato sia la virgola, il carattere terminatore il CR (13) e che il
controllo CRC sia disabilitato. Diversamente cambierebbe la codifica dei parametri o dei codici di
risposta.
DIGITS indica il numero di cifre esadecimali, quando la modalita' HEX e’ attiva.
Per tutti i comandi che ritornano uno status questi sono i possibili messaggi:
TESTO
INDICE DELLO STATUS
DESCRIZIONE
ACK
0
Comando andato a buon fine.
NAK
1
Comando non riconosciuto.
BPN
2
Numero errato di parametri
POR
3
Parametro fuori range
UNS
4
Modalita’ non supportata
CRC
5
Errore di
ricevuta
CRC
sulla
stringa
Analogamente ai comandi i codice di errore possono essere di tipo testo o ad indice numerico a
seconda di come desidera l’utente utilizzando il comando VRB.
64
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
REV
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
REV
000
Ritorna la revisione del programma di gestione
remota.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
4
Valore
0-255
100-1000
Identificativo PALOMAR
Revisione programma
DETTAGLIO
Comando utilizzato per conoscere la revisione del programma. Se ritorna il valore 100 significa
1.0.0.
ESEMPIO

REVCR

0,100CR
HST
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
HST
001
Ritorna la temperatura del dissipatore.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
0-255
Identificativo PALOMAR
Temperatura del dissipatore
DETTAGLIO
Comando utilizzato per conoscere la temperatura di esercizio del dissipatore in gradi centigradi.
ESEMPIO

HSTCR

0,27CR
MMC
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
MMC
002
Imposta la max corrente dei motori.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
2
4
Valore Minimo
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
2800
Selezione motore. 0 = RA, 1 = DE
Corrente massima in mA del motore
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo PALOMAR
Esito operazione
DETTAGLIO
Comando utilizzato per impostare la massima corrente dei motori.
ESEMPIO

MMC,0,2000CR

0,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
65
RMC
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
RMC
003
Ritorna la currente dei motori in uso.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
Selezione motore. 0 = RA, 1 = DE
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
4
Valore
0-255
0-2800
Identificativo PALOMAR
Corrente in uso in mA
DETTAGLIO
Comando utilizzato per conoscere la corrente in uso sul motore selezionato.
ESEMPIO

RMC,0CR

0,2000CR
OFF
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
OFF
004
Spegne il PALOMAR.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
3
Valore
0-255
OFF
Identificativo PALOMAR
DETTAGLIO
Con questo comando si da la possibilita’ di spegnere il PALOMAR da connessione remota.
ESEMPIO

OFFCR

0,OFFCR
THS
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
THS
005
Soglia di temperatura per accendere il
ventilatore.
PARAMETRO
#
1
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
99
Temperatura in gradi centigradi
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo PALOMAR
Esito operazione
DETTAGLIO
Imposta la soglia di temperatura misurata sul dissipatore interno al fine di accendere il ventilatore.
ESEMPIO

THS,55CR
66

0,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
RTH
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
RTH
006
Ritorna la temperatura di soglia.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
0-99
Identificativo PALOMAR
Temperatura del dissipatore
DETTAGLIO
Ritorna la temperatura di soglia al di sopra della quale si accende il ventilatore.
ESEMPIO

RTHCR

0,55CR
EEW
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
EEW
009
Scrive un byte nella EEPROM all’indirizzo
specificato.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
8
2
Valore Minimo
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
131071
255
Indirizzo EEPROM
Byte
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo PALOMAR
Esito operazione
DETTAGLIO
Scrive un byte nella EEPROM all’indirizzo specificato. Attenzione! Una zona della EEPROM e’ riservata
ai settaggi del PALOMAR, una erronea scrittura causa malfunzionamenti.
ESEMPIO

EEW,16384,27CR

0,ACKCR
EWW
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
EWW
010
Scrive un word (16 bit) nella EEPROM
all’indirizzo specificato.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
8
4
Valore Minimo
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
131071
65535
Indirizzo EEPROM
Word
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo PALOMAR
Esito operazione
DETTAGLIO
Scrive una word (16 bit) nella EEPROM all’indirizzo specificato. Attenzione! Una zona della EEPROM e’
riservata ai settaggi del PALOMAR, una erronea scrittura causa malfunzionamenti.
ESEMPIO

EEW,16384,1957CR

0,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
67
ELW
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
ELW
011
Scrive un long word (32 bit) nella EEPROM
all’indirizzo specificato.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
8
8
Valore Minimo
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
131071
4294967295
Indirizzo EEPROM
Long Word
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo PALOMAR
Esito operazione
DETTAGLIO
Scrive una long word (32 bit) nella EEPROM all’indirizzo specificato. Attenzione! Una zona della
EEPROM e’ riservata ai settaggi del PALOMAR, una erronea scrittura causa malfunzionamenti.
ESEMPIO

EEW,16384,1961957CR

0,ACKCR
EDW
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
ELW
011
Scrive un numero floating point (64 bit) nella
EEPROM all’indirizzo specificato.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
8
8
DESCRIZIONE
Valore Minimo
0
1E-37
Valore Massimo
131071
1E+37
Indirizzo EEPROM
Numero reale
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo PALOMAR
Esito operazione
DETTAGLIO
Scrive un numero reale (64 bit) nella EEPROM all’indirizzo specificato. Attenzione! Una zona della
EEPROM e’ riservata ai settaggi del PALOMAR, una erronea scrittura causa malfunzionamenti.
ESEMPIO

EEW,16384,1957.34567CR

0,ACKCR
EER
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
EER
013
Legge un byte della EEPROM all’indirizzo
specificato.
PARAMETRO
#
0
Digits
8
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
131071
Indirizzo EEPROM
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
0-255
Identificativo AMS
Contenuto della memoria
DETTAGLIO
Legge un byte della EEPROM all’indirizzo specificato (Nell’esempio riportato non e’ detto che 206 sia il
contenuto della cella 3184).
ESEMPIO

EER,3184CR
68

0,206CR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
EWR
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
EWR
014
Legge una word (16 bit) dalla EEPROM
all’indirizzo specificato.
PARAMETRO
#
0
Digits
8
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
131071
Indirizzo EEPROM
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
4
Valore
0-255
0-65535
Identificativo AMS
Contenuto della memoria
DETTAGLIO
Legge una word (16 bit) dalla EEPROM all’indirizzo specificato (Nell’esempio riportato non e’ detto che
21065 sia il contenuto della cella 33174).
ESEMPIO

EWR,33174CR

0,21065CR
ELR
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
ELR
015
Legge una long word (32 bit) dalla EEPROM
all’indirizzo specificato.
PARAMETRO
#
0
Digits
8
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
131071
Indirizzo EEPROM
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
4
Valore
0-255
0-65535
Identificativo AMS
Contenuto della memoria
DETTAGLIO
Legge una long word (32 bit) dalla EEPROM all’indirizzo specificato (Nell’esempio riportato non e’ detto
che 65 sia il contenuto della cella 1024372).
ESEMPIO

ELR,65CR

0,1024372CR
EDR
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
EDR
016
Legge un numero reale dalla EEPROM
all’indirizzo specificato.
PARAMETRO
#
0
Digits
8
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
131071
Indirizzo EEPROM
RITORNA
#
0
1
Digits
2
4
DESCRIZIONE
Valore
0-255
0-65535
Identificativo AMS
Contenuto della memoria
DETTAGLIO
Legge un numero reale dalla EEPROM all’indirizzo specificato (Nell’esempio riportato non e’ detto che
1331 sia il contenuto della cella 3.14159265).
ESEMPIO

EDR,1331CR

0,3.14159265CR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
69
ILP
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
ILP
017
Legge la porta a 14 bit.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
DESCRIZIONE
Valore Minimo
-
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
4
Valore
0-255
0-16383
Identificativo AMS
Contenuto della porta
DETTAGLIO
Legge il contenuto della porta di ingresso a 14 bit, nell’ordine ROW[0:7],IN[0:7].
ESEMPIO

EDR,1331CR

0,3.14159265CR
OLP
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
OLP
018
Scrive la porta a 16 bit.
PARAMETRO
#
0
Digits
4
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
65535
Word a 16 bit da scrivere sulla porta
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Scrive la porta a 16 bit, i segnali affetti sono COL[0:7],OUT[0:7]
ESEMPIO

OLP,1CR

0,ACKCR
MEN
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
MEN
019
Abilita o disabilita i motori.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
2
2
Valore Minimo
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
1
Selezione motore
0 = disabilita, 1 = abilita
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Abilita o disabilita i motori.
ESEMPIO

MEN,0,1CR
70

0,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
SME
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
SME
020
Legge l’abilitazione dei motori.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
DESCRIZIONE
Valore Minimo
0
Valore Massimo
1
Selezione motore
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
0-1
Identificativo AMS
0 = disabilitato, 1 = abilitato
DETTAGLIO
Legge l’abilitazione dei motori.
ESEMPIO

SME,1CR

0,1CR
FRC
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
FRC
021
Imposta il frazionamento dei motori.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore Minimo
0
1
Valore Massimo
3
500
Selezione programma
Frazionamento (N * 400)
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Imposta il frazionamento dei motori. I motori possono eseguire tracking e posizionamenti, per
ciascuna operazione (programma) e’ possibile impostare un diverso frazionamento:
0 = Posizionamento asse 0
1 = Tracking asse 0
2 = Posizionamento asse 1
3 = Tracking asse 1
ESEMPIO

FRC,0,25CR

0,ACKCR
CMF
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
CMF
022
Legge il frazionamento impostato.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
3
Selezione programma
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
1-500
Identificativo AMS
Frazionamento (N * 400)
DETTAGLIO
Legge il frazionamento impostato per ogni programma disponibile.
ESEMPIO

CMF,0CR

0,25CR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
71
RES
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
RES
023
Resetta l’AMS
PARAMETRO
#
-
Digits
-
DESCRIZIONE
Valore Minimo
-
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Resetta l’AMS
ESEMPIO

RESCR

0,ACKCR
MPF
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
MPF
024
Imposta la massima frequenza di
posizionamento (Hz).
PARAMETRO
#
0
Digits
8
Valore Minimo
1
DESCRIZIONE
Valore Massimo
500000
Frequenza in Hz
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Imposta la massima frequenza di posizionamento (Hz).
ESEMPIO

MPF,50000CR

0,ACKCR
COMANDO
DESCRIZIONE
SMF
TESTO
INDICE
SMF
025
Legge la massima frequenza di posizionamento
(Hz).
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
Digits
2
8
DESCRIZIONE
Valore
0-255
1-500000
Identificativo AMS
Frequenza in Hz
DETTAGLIO
Legge il frazionamento impostato per ogni programma disponibile.
ESEMPIO

SMFCR
72

0,50000CR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
ESF
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
ESF
026
Imposta la frequenza di campionamento (Hz)
degli encoder.
PARAMETRO
#
0
Digits
8
Valore Minimo
1
DESCRIZIONE
Valore Massimo
500000
Frequenza in Hz
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Imposta la frequenza di campionamento (Hz) degli encoder. Tipicamente questa frequenza deve
essere 4 volte la massima frequenza di posizionamento.
ESEMPIO

ESF,200000CR

0,ACKCR
SEF
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
SEF
025
Legge la massima frequenza di campionamento
(Hz) degli encoder.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
DESCRIZIONE
Valore Minimo
-
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
8
Valore
0-255
1-500000
Identificativo AMS
Frequenza in Hz
DETTAGLIO
Legge la massima frequenza di campionamento (Hz) degli encoder
ESEMPIO

SEFCR

0,200000CR
ECT
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
ECT
028
Legge il numero di conteggi degli encoder.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
Selezione motore 0,1
RITORNA
#
0
1
Digits
2
8
DESCRIZIONE
Valore
0-255
0-232
Identificativo AMS
Numero conteggi
DETTAGLIO
Legge il numero di conteggi degli encoder.
ESEMPIO

ECT,0CR

0,33212CR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
73
SEC
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
SEC
029
Imposta il numero di conteggi degli encoder.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
2
2
Valore Minimo
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
232
Selezione motore
Numero conteggi
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Imposta il numero di conteggi degli encoder.
ESEMPIO

SEC,0,0CR

0,ACKCR
POS
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
POS
030
Esegue un posizionamento su entrambi gli assi.
PARAMETRO
#
0
1
2
3
4
5
6
7
Digits
2
8
2
8
8
8
8
8
Valore Minimo
0
0
0
0
0
0
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
232
1
232
232
232
232
232
Direzione asse 0, 0 = CCW, 1 = CW
Numero passi da eseguire asse 0
Direzione asse 1, 0 = CCW, 1 = CW
Numero passi da eseguire asse 1
Periodo di partenza asse 0
Periodo di massima velocita asse 0
Periodo di partenza asse 1
Periodo di massima velocita asse 0
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Esegue un posizionamento su entrambi gli assi. Il periodo di partenza e di massima velocita
stabiliscono la rampa di accelerazione e decelerazione. Per avere in Hz le frequenze adottate basta
dividere la massima velocita’ di posizionamento (impostata con il comando MPF) diviso il numero
utilizzato piu’ uno.
ESEMPIO

POS,0,332450,1,1234,20,2,15,2CR

0,ACKCR
PCT
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
PCT
031
Legge il numero di conteggi che i motori devono
eseguire.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
Selezione motore 0,1
RITORNA
#
0
1
Digits
2
8
DESCRIZIONE
Valore
0-255
0-232
Identificativo AMS
Numero conteggi
DETTAGLIO
Una volta lanciato un posizionamento (comando POS) e’ possibile leggere il countdown dei passi che
ancora devono essere eseguiti dai motori.
ESEMPIO

PCT,0CR
74

0,39252CR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
TRK
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
TRK
032
Imposta un tracking su entrambi gli assi.
PARAMETRO
#
0
1
2
3
4
5
Digits
2
8
8
8
8
8
DESCRIZIONE
Valore Minimo
0
0
0
0
0
0
Valore Massimo
1
232
232
232
232
1
Selezione motore
Periodo primario
Numero di periodi primari
Periodo secondario
Numero di periodi secondari
Direzione asse 0, 0 = CCW, 1 = CW
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Questo comando permette di impostare un tracking arbitrario su entrambi gli assi. La frequenza dei
passi e’ stabilita impostando il periodo da utilizzare e che risulta uguale alla massima frequenza di
posizionamento diviso il valore del periodo. Se la frequenza che si desidera non presenta frazionari il
periodo primario e’ uguale al secondario ed il numero di periodi e’ uguale, diversamente sara’ eseguito
per un certo tempo il periodo primario (Es. deviazione positiva) e successivamente il periodo
secondario (Es. deviazione negativa) di modo che il perido medio sia centrato (in un errore limite) sul
valore desiderato.
ESEMPIO

TRK,0,100,373,1234,20,0CR

0,ACKCR
ETK
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
ETK
033
Abilita il tracking su un asse.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore Minimo
0
0
Valore Massimo
1
1
Selezione motore
Disabilita 0, Abilita 1
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Dopo avere impostato un tracking con il comando TRK, e’ possibile metterlo in esecuzion o meno con
questo comando.
ESEMPIO

ETK,0,1CR

0,ACKCR
TKS
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
TKS
034
Verifica l’attivita’ del tracking.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
Selezione motore 0,1
RITORNA
#
0
1
Digits
2
8
DESCRIZIONE
Valore
0-255
0-1
Identificativo AMS
0 = Tracking disabilitato, 1 = Abilitato
DETTAGLIO
Verifica l’attivita’ del tracking.
ESEMPIO

TKS,0CR

0,1CR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
75
IOP
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
IOP
035
Legge gli ingressi opto-isolati degli encoder.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
0-15
Identificativo AMS
Stato della porta
DETTAGLIO
Normalmente i 4 bit opto-isolati di questa porta sono dedicati agli encoder, pero’ se si usa un sistema
ad anello aperto questi ingressi possono essere usati per usi generici.
ESEMPIO

IOPCR

0,8CR
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
STO
037
Scrive sulla porta amplificata TTL a 4 bit.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
DESCRIZIONE
Valore Minimo
0
Valore Massimo
15
Contenuto della porta
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Scrive sulla porta a 4 bit con buffer.
ESEMPIO

STO,7CR

0,ACKCR
STO
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
STO
037
Scrive sulla porta amplificata TTL a 4 bit.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
15
Contenuto della porta
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Scrive sulla porta a 4 bit con buffer.
ESEMPIO

STO,7CR
76

0,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
SOC
GTL
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
GTL
038
Legge gli ingressi della porta amplificata a 4 bit.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
0-15
Identificativo AMS
Stato della porta
DETTAGLIO
Legge i 4 bit di ingresso della porta TTL con buffer.
ESEMPIO

GTLCR

0,7CR
COMANDO
DESCRIZIONE
DAC
TESTO
INDICE
DAC
039
Imposta una tensione su uno dei due
convertitori D/A.
PARAMETRO
#
0
1
Digits
2
4
Valore Minimo
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
4095
Selezione canale
Tensione di uscita
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Questo comando permette di impostare la tensione di uscita delle due uscite analogiche.
ESEMPIO

DAC,0,1023CR

0,ACKCR
SRC
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
SRC
040
Imposta l’orologio interno.
PARAMETRO
#
0
1
2
3
4
5
6
Digits
4
2
2
2
2
2
2
Valore Minimo
1900
1
1
1
0
0
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
2050
12
31
7
23
59
59
Anno
Mese
Giorno
Giorno della settimana
Ore
Minuti
Secondi
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Permette di impostare l’orologio interno.
ESEMPIO

SRC,2010,1,10,2,9,9,20CR

0,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
77
RTC
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
RTC
041
Legge l’orologio interno.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
2
3
4
5
6
7
DESCRIZIONE
Digits
2
4
2
2
2
2
2
2
Valore
0-255
1900-2050
1-12
1-31
1-7
0-23
0-59
0-59
Identificativo AMS
Anno
Mese
Giorno
Giorno della settimana
Ora
Minuto
Secondo
DETTAGLIO
Legge i 4 bit di ingresso della porta TTL con buffer.
ESEMPIO

RTCCR

0,2010,1,10,2,9,9,28CR
COMANDO
DESCRIZIONE
JOY
TESTO
INDICE
JOY
042
Legge lo stato del joystick.
PARAMETRO
#
-
Digits
-
Valore Minimo
-
DESCRIZIONE
Valore Massimo
-
RITORNA
#
0
1
DESCRIZIONE
Digits
2
2
Valore
0-255
0-15
Identificativo AMS
Stato della porta
DETTAGLIO
Gli ingressi opto-isolati OPTO[2:5] sono tipicamente utilizzati per un joystick a 4 switch per i
movimenti manuali.
ESEMPIO

JOYCR

0,1CR
EDE
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
EDE
047
Abilita o disabilita la lettura degli encoder.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
1
Disabilita 0, Abilita 1
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Con questo comando si puo’ controllare l’uscita open collector presente sul pin 1 di Y17.
ESEMPIO

EDE,1CR
78

0,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
SID
COMANDO
DESCRIZIONE
TESTO
INDICE
EDE
048
Imposta il numero identificativo.
PARAMETRO
#
0
Digits
2
Valore Minimo
0
DESCRIZIONE
Valore Massimo
255
Numero di identita’
RITORNA
#
0
1
Digits
2
2
DESCRIZIONE
Valore
0-255
CODE
Identificativo AMS
Esito operazione
DETTAGLIO
Si imposta il numero identificativo dell’AMS. Attenzione la risposta impieghera’ il nuovo identificativo.
ESEMPIO

SID,1CR

1,ACKCR
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
79
AGGIORNAMENTO DEL SOFTWARE
Aggiornare il programma di gestione del PALOMAR e’ importante in quanto si puo’ disporre di
funzioni aggiornate e risoluzione di eventuali malfunzionamenti. Per aggiornare il codice interno
occorre avere installato sul proprio PC (XP/VISTA/7) l’ambiente di lavoro MDI presente sul CDROM in dotazione e disporre del cavo di programmazione di cui trovate documentazione nei
precedenti capitoli. Quindi collegate il cavo di programmazione al PALOMAR, scollegate i motori.
Se avete installato MDI sul vostro PC troverete sul desktop l’icona che lo identifica:
Cliccatela e dopo qualche secondo avrete la sua schermata aperta adesso premete
F9 oppure selezionate dal menu Window la voce Applications. Selezionate con un
doppio click dalla lista che vi compare l’applicazione ISP.
80
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
vi comparira’ la seguente schermata:
I settaggi devono essere come quelli riportati sopra ad esclusione della COM che va impostata
opportunamente. Adesso cliccate sul tasto BROWSE andando a cercare il file di codice (estensione
.HEX) dell’aggiornamento.
Una volta caricato il file e’ possibile iniziare la fase di scrittura della FLASH interna del PALOMAR e
per far questo tenete premuto il pulsante di accensione del PALOMAR, senza mai rilasciarlo per
tutto il tempo di programmazione quindi cliccate sul tasto UPLOAD dell’applicazione ISP. A
programmazione avvenuta il PALOMAR si riavviera’.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
81
CONTROLLO REMOTO
Il Palomar e’ un dispositivo LX200 compatibile pertanto e’ possibile utilizzarlo in tutti quei
programmi di astronomia che prevedano l’impiego di questo modello di telescopio. Ogni
programma ha un proprio setup specifico per installare il driver necessario al controllo del
telescopio e non esiste un modo comune.
Di seguito descriveremo come installare Cartes du Ciel V3.0 uno dei piu’ diffusi freeware di
simulazione astronomica e come installare il driver per LX200.
Come prima operazione scaricate dal sito di Cartes du Ciel l’eseguibile per l’installazione del
programma e lanciatelo.
Comparira’ la classica schermata di installazione:
Seguite le indicazioni del programma di installazione.
Dopo avere installato il programma principale occorre adesso installare il plugin di Cartes du Ciel
per LX200, e’ possibile trovarlo sul sito del programma stesso ed il file si chiama cdcmeade.exe
scaricatelo ed eseguitelo.
A questo punto possiamo lanciare Cartes du Ciel e selezionare il driver LX200.
Dal menu principale selezionate CONFIGURAZIONE->SISTEMA selezionate il TAB TELESCOPIO e
nel campo SELEZIONA L’INTERFACCIA cliccate sul bottone Plugin CdC, infine nel campo
IMPOSTAZIONI PLUGIN CDC selezionate Meade.tid per ultimo premete il tasto OK.
82
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
La schermata che dovreste avere e’ la seguente:
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
83
Adesso selezionate dal menu principale TELESCOPIO->PANNELLO DI CONTROLLO vi comparira’ il
tipico pannello:
Selezionate dal tab COM SETTINGS la porta seriale dove il vostro Palomar e’ collegato:
84
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Tornate al primo pannello e premete il tasto CONNECT e se il vostro Palomar e’ accesso e ben
connesso potrete comandarlo semplicemente cliccando sugli oggetti che vedrete sul simulatore!
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
85
CONTROLLO REMOTO PROPRIETARIO
Nel CD-ROM in dotazione al Palomar e’ anche presente un programma di gestione da PC con
sistemi operativi XP/Vista/7 che oltre a permetterne il settaggio ed il totale controllo da remoto
offre anche la possibilita’ di eseguire complesse funzioni di posizionamento in modo assai
semplice. Il programma che gestisce il Palomar si chiama MDI ed e’ lo stesso che utilizziamo per
l’aggiornamento del firmware e per la modifica o scrittura dello stesso.
Se non lo si e’ gia’ fatto procediamo ad installarlo lanciando il programma mdiPalomar.exe.
Comparira’ la schermata:
Seguite le istruzioni del programma di istallazione.
Una volta terminata l’istallazione dovrebbe comparire sul Vs. desktop l’icona
Cliccateci e vi apparira’ la schermata di MDI.
Attenzione per i sistemi operativi Vista e 7 occorre eseguire MDI come amministratore.
MDI se configurato per il Palomar ha come icona:
se cosi non fosse occorre selezionare
questa applicazione: Premete F9 od eseguite dal
menu WINDOW-APPLICATIONS vi
comparira’ la lista delle applicazioni e non dovete far altro che selezionare il Palomar.
Essendo la prima volta che Vi collegate al Palomar con questo programma conviene eseguire un
backup dei settaggi dello stesso, per cui premete il tasto:
od eseguite FILE->NEW
86
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
Vi compare la schermata di controllo remoto del Palomar:
Selezionate la porta seriale dove il Palomar e’ collegato e premete il tasto CONNECT, se il Palomar
e’ collegato correttamente ed accesso comparira’:
Selezionate adesso il tab CONFIG
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
87
E premete il tasto DOWNLOAD. Con questo comando tutti i parametri del Palomar saranno letti e
visualizzati.
Adesso selezionate dal menu principale FILE->SAVE AS e salvate la configurazione del Palomar.
Al successivo utilizzo di MDI potrete usare il comando FILE->OPEN per aprire la vostra
configurazione del Palomar.
Il programma e’ intuitivo e permette di fare da remoto cio’ che si puo’ fare sul Palomar stesso con
la sua tastiera, occorre pero’ tener presente che quando si modificano i parametri occorre poi
applicarli al Palomar con il tasto UPLOAD e poi APPLY.
88
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
APPENDICE A - Allineamento polare preciso
(tratto da Liceolabriola.it)
Questo metodo consente la precisa messa a Nord dell'asse polare del telescopio su montatura
equatoriale, anche quando la Stella Polare non è visibile.
Un problema frequente durante le nostre osservazioni al telescopio, in particolare ad alto
ingrandimento, è che se l'asse polare del nostro telescopio non è correttamente allineato al polo,
dopo un po' le stelle tendono a sfuggire verso Nord o verso Sud, costringendoci a intervenire sulla
declinazione per mantenerle nel campo visivo.
Questo capita spesso quando, a causa di ostacoli, non possiamo vedere lo Stella Polare, e
puntiamo approssimativamente la montatura verso il Polo Nord del Cielo, e a maggior ragione è
un problema quando vogliamo fare astrofotografia a lunga posa o ad alta risoluzione
Possiamo però sfruttare questo spostamento a nostro vantaggio, per correggere l'orientamento
dell'asse polare della montatura, e questo è il metodo Bigourdan. Procederemo per
approssimazioni successive, e perciò la precisione che otterremo migliorerà all'aumentare del
tempo che dedichiamo allo stazionamento.
Possiamo usare questo sistema su tutti i telescopi dotati di montatura equatoriale, ma sarà tutto
più facile e comodo se disponiamo di un motore per l'inseguimento in Ascensione Retta (AR) e di
un oculare con reticolo, che ci permetterà di avere grande precisione pur mantenendo le stelle nel
campo visivo. In questo caso, aiuta allineare gli assi del reticolo con le direzioni dei moti di AR e
declinazione del telescopio.
Dicevamo che per allineare l'asse polare sfruttiamo il fatto che se esso non punta esattamente
verso il Polo Nord celeste, le stelle che stiamo guardando tendono a uscire dal campo visivo in
direzione Nord o Sud. Nel caso stessimo usando prismi, specchi o raddrizzatori, facciamo sempre
attenzione a individuare correttamente i punti cardinali nel nostro campo visivo!
Per cominciare, serviamoci di una bussola per localizzare il Nord e di una livella per mettere in
bolla il treppiede: in questo modo potremo puntare l'asse polare abbastanza vicino al Polo Nord
Celeste, e risparmiarci un po' di lavoro.
Riguardo alla bussola: in Italia la declinazione magnetica (la deviazione del Polo Nord Magnetico
dal Polo Nord Geografico) assume sempre valori intorno a 1° o 2° (per esempio, a Palermo è 1°
48'), per cui la direzione indicata dalla bussola è precisa più o meno quanto lo è quella indicata
dalla Stella Polare. Fate sempre attenzione che le masse di acciaio della montatura possono far
deviare l'ago della bussola!
Il procedimento da seguire è questo:
1. Allinea grossolanamente l'asse polare del telescopio verso il Polo Nord Celeste.
2. Centra una stella situata a meno di 30° dal meridiano e a circa 5° dall'equatore celeste.
3. Controlla il suo spostamento in declinazione per almeno una decina di minuti:
a. Se la stella si muove verso Sud significa che l'asse polare punta troppo a Est e devi
Ruotare l'asse verso Ovest.
b. Se la stella si muove verso Nord significa che l'asse polare punta troppo a Ovest e
devi Ruotare l'asse verso Est.
c. Se non noti alcuna deriva in declinazione continua al punto 4. In caso contrario torna al
punto 2 e ripeti fino a non rilevare alcuna deriva in declinazione.
4. Punta una stella situata alta 20-30° sull'orizzonte Est e a ~5° dall'equatore celeste. Se
l'orizzonte Est non è visibile, punta una stella sull'orizzonte Ovest e nelle indicazioni che seguono
scambia "Alto" con "Basso".
5. Controlla il suo spostamento in declinazione per almeno una decina di minuti:
a. Se la stella si muove verso Sud significa che l'asse polare punta troppo in basso e
devi Spostare l'asse verso l'Alto.
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
89
b. Se la stella si muove verso Nord significa che l'asse polare punta troppo in alto e devi
Spostare l'asse verso il Basso.
c. Se non noti alcuna deriva in declinazione continua al punto 6. In caso contrario torna al
punto 4 e ripeti fino a non rilevare alcuna deriva in declinazione.
6. Ritorna al punto 2 e al punto 4 e controlla di non avere alcuno spostamento in declinazione.
7. Se non apprezzi più alcuna deriva in declinazione, l'asse polare è allineato, buone osservazioni!
In conclusione, ricorda che il limite del metodo Bigourdan è dato dalla precisione con la quale
possiamo spostare l'asse polare del telescopio e dalla nostra pazienza, dunque se vogliamo
semplicemente divertirci a fare osservazioni visuali, non affatichiamoci a fare un allineamento
superpreciso, ma è molto più importante andare al più presto a goderci il Cielo. Se invece
vogliamo fare riprese fotografiche, potremmo pentirci di non aver fatto un allineamento appena
più preciso...
90
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
APPENDICE B - FUSI ORARI
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
91
92
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
93
94
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
APPENDICE C - ELENCO DELLE PRIME 100 DI 200 STELLE DI
RIFERIMENTO
NOME STELLA
"Sirius"
"Canopus"
"Arcturus"
"Rigil Kentaurus"
"Vega"
"Capella"
"Rigel"
"Procyon"
"Achernar"
"Betelgeuse"
"Hadar"
"Altair"
"Aldebaran"
"Antares"
"Spica"
"Pollux"
"Fomalhaut"
"Mimosa"
"Deneb"
"Acrux"
"Regulus"
"Adhara"
"Gacrux"
"Shaula"
"Bellatrix"
"El Nath"
"Miaplacidus"
"Alnilan"
"Al Nair"
"Alioth"
"Regor"
"Alnitak"
"Mirfak"
"Dubhe"
"Wezen"
"Kaus Australis"
"Avior"
"Alkaid"
"Sargas"
"Menkalinan"
"Atria"
"Alhena"
"Peacock"
"Koo She"
"Mirzam"
"Castor"
"Alphard"
"Hamal"
"Polaris"
"Diphda"
"Saiph"
"Nunki"
"Menkent"
"Alpheratz"
"Mirach"
"Kochab"
"Ras Alhague"
"Algol"
"Al Dhanab"
COSTELLAZIONE
CMa
Car
Boo
Cen
Lyr
Aur
Ori
CMi
Eri
Ori
Cen
Aql
Tau
Sco
Vir
Gem
PsA
Cru
Cyg
Cru
Leo
CMa
Cru
Sco
Ori
Tau
Car
Ori
Gru
UMa
Vel
Ori
Per
UMa
CMa
Sgr
Car
UMa
Sco
Aur
TrA
Gem
Pav
Vel
CMa
Gem
Hya
Ari
UMi
Cet
Ori
Sgr
Cen
And
And
UMi
Oph
Per
Gru
BAYER
Alpha
Alpha
Alpha
Alpha
Alpha
Alpha
Beta
Alpha
Alpha
Alpha
Beta
Alpha
Alpha
Alpha
Alpha
Beta
Alpha
Beta
Alpha
Alpha
Alpha
Epsilon
Gamma
Lambda
Gamma
Beta
Beta
Epsilon
Alpha
Epsilon
Gamma
Zeta
Alpha
Alpha
Delta
Epsilon
Epsilon
Eta
Theta
Beta
Alpha
Gamma
Alpha
Delta
Beta
Alpha
Alpha
Alpha
Alpha
Beta
Kappa
Sigma
Theta
Alpha
Beta
Beta
Alpha
Beta
Beta
SPETTRO
"A1Vm"
"F0II"
"K1.5IIIFe"
"G2V"
"A0Va"
"G5IIIe+G0III"
"B8la"
"F5IV-V"
"B3Vpe"
"M1-2la-lab"
"B1III"
"A7V"
"K5+III"
"M1Ib+B2.5V"
"B1III-IV+B2V"
"KOIIIb"
"A3V"
"B0.5III"
"A2Ia"
"B0.5IV"
"B7V"
"B2II"
"M3.5II"
"B2IV+B"
"B2III"
"B7III"
"A2IV"
"B0Ia"
"B7IV"
"A0pCr"
"WC8+O9I"
"O9.5Ib"
"F5Ib"
"K0IIIa"
"F8Ia"
"B9.5III"
"K3III+B2:V"
"B3V"
"F1II"
"A2IV"
"K2IIb-IIIa"
"A0IV"
"B2IV"
"A1V"
"B1II-III"
"A1V"
"K3II-III"
"K2-IIICa-1"
"F7:Ib-II"
"K0III"
"B0Iab"
"B2V"
"K0III"
"B8IVmnp"
"M0III"
"K4III"
"A5III"
"B8V"
"M5III"
MAGNITUDINE
-1.46
-0.72
-0.04
-0.01
+0.03
+0.08
+0.12
+0.38
+0.46
+0.50
+0.61
+0.77
+0.85
+0.96
+0.98
+1.14
+1.16
+1.25
+1.25
+1.33
+1.35
+1.50
+1.63
+1.63
+1.64
+1.65
+1.68
+1.70
+1.74
+1.77
+1.78
+1.79
+1.79
+1.79
+1.84
+1.85
+1.86
+1.86
+1.87
+1.90
+1.92
+1.93
+1.94
+1.96
+1.98
+1.98
+1.98
+2.00
+2.02
+2.04
+2.05
+2.06
+2.06
+2.06
+2.06
+2.08
+2.10
+2.12
+2.13
DISTANZA
8.6
312.6
36.7
4.4
25.3
42.2
772.5
11.4
143.7
427.3
525
16.8
65.1
603.7
262.1
33.7
25.1
352.4
3227.7
320.6
77.5
430.6
87.9
702.6
242.9
131
111.1
1341.6
101.4
80.9
840.2
820
591.7
123.6
1791.2
144.6
631.8
100.6
271.9
82.1
415.3
104.8
183.1
79.7
499.2
51.5
177.2
65.9
431.2
95.8
720
220
61
97
200
130
47
93
170
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
INDICE
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
95
"Denebola"
"Muhlifain"
"Naos"
"Suhail"
"Eltanin"
"Mintaka"
"Alphecca"
"Sadr"
"Schedar"
"Aspidiske"
"Almach A"
"Mizar"
"Caph"
"E. Centauri"
"Algieba"
"Men"
"Dschubba"
"Wei"
"Eta Centauri"
"Merak"
"Ankaa"
"Girtab"
"G.Cassiop."
"Izar"
"Enif"
"Aludra"
"Avior"
"Scheat"
"Phecda"
"Sabik"
"Alderamin"
"Markeb"
"Markab"
"Gienah"
"Al Nair"
"Menkar"
"Zosma"
"Han"
"Arneb"
"Ascella"
"Graffias"
96
Leo
Cen
Pup
Vel
Dra
Ori
CrB
Cyg
Cas
Car
And
UMa
Cas
Cen
Leo
Lup
Sco
Sco
Cen
UMa
Phe
Sco
Cas
Boo
Peg
CMa
Car
Peg
UMa
Oph
Cep
Vel
Peg
Cyg
Cen
Cet
Leo
Oph
Lep
Sgr
Sco
Beta
Gamma
Zeta
Lambda
Gamma
Delta
Alpha
Gamma
Alpha
Iota
Gamma
Zeta
Beta
Epsilon
Gamma
Alpha
Delta
Epsilon
Eta
Beta
Alpha
Kappa
Gamma
Epsilon
Epsilon
Eta
Epsilon
Beta
Gamma
Eta
Alpha
Kappa
Alpha
Epsilon
Zeta
Alpha
Delta
Zeta
Alpha
Zeta
Beta
"A3V"
"A1IV+"
"O5Ia"
"K4Ib-II"
"K5III"
"O9.5II+"
"A0V"
"F8Iab"
"K0IIIa"
"A8Ib"
"K3IIb"
"A2V"
"F2III-IV"
"B1III"
"K0"
"B1.5III"
"B0.2IVe"
"K1III"
"B1.5Vne"
"A1V"
"K0.5IIIb"
"B1.5III"
"B0IVpe"
"A0"
"K2Ib"
"B5Iab"
"K3:IIIv+"
"M2.5II-III"
"A0Ve"
"A2IV-V"
"A7IV"
"B2IV-V"
"B9III"
"K0III"
"B2.5IV"
"M1.5IIIa"
"A4V"
"O9V"
"F0Ib"
"A2.5Va"
"B0.5V"
+2.14
+2.18
+2.21
+2.23
+2.23
+2.23
+2.24
+2.24
+2.25
+2.25
+2.26
+2.27
+2.27
+2.27
+2.28
+2.28
+2.29
+2.29
+2.32
+2.35
+2.37
+2.38
+2.39
+2.39
+2.40
+2.40
+2.40
+2.42
+2.43
+2.43
+2.44
+2.46
+2.49
+2.50
+2.52
+2.56
+2.56
+2.58
+2.60
+2.60
+2.62
36
130
1400
570
150
148
75
1500
229
690
350
78
54
380
130
550
400
65
310
79
77
460
610
210
670
3200
630
200
84
84
49
540
140
72
390
220
58
460
1300
89
530
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
APPENDICE D - SCHEMA ELETTRICO PALOMAR I/O
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
97
APPENDICE E - CATALOGO OGGETTI NGC2000
NGC 2000.0 is a modern compilation of the New General Catalogue of Nebulae and Clusters of
Stars (NGC), the Index Catalogue (IC), and the Second Index Catalogue compiled by J. L. E.
Dreyer (1888, 1895, 1908). The new compilation of these classical catalogs is intended to meet
the needs of present-day observers by reporting positions at equinox B2000.0 and by
incorporating the corrections reported by Dreyer himself and by a host of other astronomers who
have worked with the data and compiled lists of errata. The object types given are those
known to modern astronomy. The catalog lists object ID, object type, positions in equinox
B2000.0, source of modern data (see NGC 2000 paperback copy), constellation, object size,
magnitude, and the description of the object as given by Dreyer. The order of the new catalog is
strictly by right ascension, the NGC and IC objects being merged into one machine-readable file.
Byte-by-byte Description of file: ngc2000.dat
-------------------------------------------------------------------------------Bytes Format Units
Label
Explanations
-------------------------------------------------------------------------------1- 5 A5
--Name
NGC or IC designation (preceded by I)
7- 9 A3
--Type
*Object classification
11- 12 I2
h
RAh
Right Ascension 2000 (hours)
14- 17 F4.1
min
RAm
Right Ascension 2000 (minutes)
20 A1
--DEDeclination 2000 (sign)
21- 22 I2
deg
DEd
Declination 2000 (degrees)
24- 25 I2
arcmin DEm
Declination 2000 (minutes)
27 A1
--Source *Source of entry
30- 32 A3
--Const
Constellation
33 A1
--l_size
[<] Limit on Size
34- 38 F5.1
arcmin size
? Largest dimension
41- 44 F4.1
mag
mag
? Integrated magnitude, visual or photographic
(see n_mag)
45 A1
--n_mag
[p] 'p' if mag is photographic (blue)
47- 96 A50
--Desc
*Description of the object
-------------------------------------------------------------------------------Note on Type: the field is coded as follows:
Gx
Galaxy
OC
Open star cluster
Gb
Globular star cluster, usually in the Milky Way Galaxy
Nb
Bright emission or reflection nebula
Pl
Planetary nebula
C+N
Cluster associated with nebulosity
Ast
Asterism or group of a few stars
Kt
Knot or nebulous region in an external galaxy
***
Triple star
D*
Double star
*
Single star
?
Uncertain type or may not exist
blank Unidentified at the place given, or type unknown
Object called nonexistent in the RNGC (Sulentic and Tifft 1973)
PD
Photographic plate defect
98
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
I5370 Gx
I5371
7801
I5372 Gx
I5373 Gx
7802 Gx
I5374
I5375 Gx
7804
7803 Gx
7805 Gx
I5376 Gx
7806 Gx
I1526 Gx
I5377 Gx
7809 Gx
7810 Gx
I1527
7811 Gx
I5378
I5379
I5380
7812 Gx
7813 Gx
st 9 n 8'
I5381 Gx
7814 Gx
7815
I5382
7808 Gx
7822 Nb
7816 Gx
I5383
7817 Gx
7818 Gx
I5384 Gx
7819 Gx
7820 Gx
7823 Gx
I1528
7824 Gx
7825 Gx
7826
I1529
7821 Gx
7827 Gx
7830
*
7828 Gx
7829 Gx
7828
I5385
7833
I5386
7832 Gx
IC 5386
7834 Gx
7835 Gx
7837 Gx
7838 Gx
7839 D*
7840 Gx
1 Gx
2 Gx
3 Gx
7831 Gx
I1530 Gx
4 Gx
5 Gx
7836 Gx
6
7 Gx
I
1 D*
10 Gx
11 Gx
12 Gx
8 D*
13 Gx
14 Gx
9 Gx
15 Gx
16 Gx
18 D*
19
20 Gx
I1531 Gx
22 Gx
23 Gx
24 Gx
25 Gx
I1532 Gx
28 Gx
26 Gx
27 Gx
31 Gx
I1533
21 Gx
29 Gx
30 D*
32 Ast
33 D*
17
I
2 Gx
34 Gx
35 Gx
37 Gx
36 Gx
38 Gx
I
3 Gx
39 Gx
41 Gx
42 Gx
40 Pl
43 Gx
44
I
4 Gx
I1534
48 Gx
I1535
45 Gx
46
*
I1536 Gx
49 Gx
47 Gx
58
51 Gx
52 Gx
50 Gx
53 Gx
55 Gx
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
00.1
00.2
00.4
00.4
00.4
01.1
01.1
01.1
01.3
01.4
01.4
01.4
01.5
01.6
02.1
02.2
02.4
02.4
02.5
02.6
02.7
02.7
02.9
03.2
+32
+32
+50
+32
+32
+06
+04
+04
+07
+13
+31
+34
+31
+11
+16
+02
+12
+04
+03
+16
+16
-66
-34
-11
45
49
42
47
47
13
30
31
45
06
26
32
27
21
36
56
57
07
20
37
35
11
15
59
m
d
r
m
m
r
d
m
D
r
s
u
s
z
u
r
r
d
r
d
d
d
r
d
And
And
Cas
And
And
Psc
Psc
Psc
Psc
Peg
Peg
And
Peg
Peg
Peg
Psc
Peg
Psc
Psc
Peg
Peg
Tuc
Scl
Cet
0.7
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
03.2
03.3
03.4
03.4
03.5
03.6
03.8
03.8
04.0
04.2
04.2
04.4
04.6
04.8
05.1
05.2
05.2
05.2
05.2
05.3
05.5
06.2
06.4
06.4
+15
+16
+20
-65
-10
+68
+07
+16
+20
+07
-11
+31
+05
-62
-03
+06
+05
-20
-11
-16
+05
+08
-13
-13
58
09
41
11
45
37
28
00
45
21
58
29
11
04
07
54
12
44
30
29
13
22
24
24
v
s
r
d
r
s
s
d
s
r
m
s
r
c
d
r
r
r
d
r
r
A
v
v
Peg
Peg
Peg
Tuc
Cet
Cep
Psc
Peg
Peg
Psc
Cet
Peg
Psc
Tuc
Psc
Psc
Psc
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
Cet
Cet
1.5
6.3
0
0
0
0
06.4
06.5
06.5
06.6
-00
+27
-03
-03
04
38
43
42
d
r
x
r
Psc
Peg
Psc
Psc
eF (not
Cl, vS,
pB, pS,
13. p vF, vS,
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
06.7
06.8
06.9
07.0
07.0
07.1
07.3
07.3
07.3
07.3
07.3
07.4
07.8
08.0
08.3
08.4
08.4
08.6
08.7
08.7
08.8
08.8
08.8
08.9
09.1
09.1
09.4
09.4
09.5
09.6
09.8
09.9
09.9
09.9
09.9
10.3
10.4
10.5
10.5
10.6
10.7
10.8
10.8
10.9
10.9
11.0
11.0
11.1
11.2
11.3
11.4
11.9
12.1
12.3
12.8
12.9
13.0
13.0
13.1
13.4
13.8
14.0
14.0
14.1
14.1
14.2
14.3
14.5
14.5
14.6
14.6
14.7
14.7
14.9
+08
+08
+08
+08
+27
+08
+27
+27
+08
+32
+32
+08
+35
+33
+32
-29
+27
-33
+37
+04
+23
+33
+15
+23
+21
+27
+27
+32
+33
-32
+27
+25
-24
-57
-64
-57
+25
+29
-57
-07
+32
+33
+21
+18
+03
-12
-12
-12
-12
-56
+06
-05
-00
+31
+22
+22
+72
+30
+31
+17
+48
+48
+48
-23
+05
+48
+48
-07
-07
+48
+18
-07
-60
-39
21
25
20
20
38
33
43
41
17
35
37
22
21
04
30
55
43
52
26
37
50
26
49
49
36
44
43
50
19
17
50
55
58
03
22
01
50
00
00
25
59
21
57
47
40
06
49
06
00
58
23
36
25
03
02
06
32
54
17
29
09
14
09
11
59
08
14
11
10
15
33
20
20
11
r
r
r
r
A
A
s
s
r
r
v
A
r
v
r
v
x
v
r
s
A
s
s
s
r
s
r
r
s
c
r
s
s
r
c
r
s
r
r
d
s
s
r
r
F
D
x
r
r
r
s
r
x
r
r
r
s
r
r
x
d
s
d
A
r
m
r
r
D
s
r
v
c
s
Psc
Psc
Psc
Psc
Peg
Psc
Peg
Peg
Psc
And
And
Psc
And
And
And
Scl
Peg
Scl
And
Psc
Peg
And
Peg
Peg
Peg
Peg
Peg
And
And
Scl
Peg
Peg
Scl
Phe
Tuc
Phe
Peg
And
Phe
Cet
And
And
Peg
Peg
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Phe
Psc
Psc
Psc
And
Peg
Peg
Cep
And
And
Peg
And
And
And
Cet
Psc
And
And
Cet
Cet
And
Peg
Cet
Tuc
Scl
15.
15.
16.
15.
p
p
p
p
13.
15.
14.
14.
p
p
p
p
0.7
0.7
0.9
1.4
2.1
1.3
1.3
15. p pB, S, R, stell N
F, vS, *15 att
Cl, pRi, pC, st 9...
15. p F, vS, R N
15. p pB, S, R, stell N
14. p vF, S, R, psbM
F, S, E ns, gbM, r
14. p cF, E ns, gbMN, r
only a F D*, not nebs
14. p pF, pS, R, F* np vnr
14. p eF, S, R, sbM, stellar, sp of 2
15. p F, S, E ns, gbM
14. p eF, S, R, stellar, nf of 2
15. p F, S, bMSN
16. p vF, S, R, dif
15. p eF, vS
14. p pF, stellar, 2 st np in line
F, R, r, vF* sf
15. p vF, S, R, stellar
F, pS, E ns, *15 inv
F, S, lE pf, lbM, *17 close p
vlE
vF, S, R, am st
15. p eF, vS, E 160deg , *8.5 p 49s , 2
10.5
14. p
60.
1.9
3.7
0.8
2.0
14. p
12.
15.
15.
14.
14.
p
p
p
p
p
1.4
14. p
15. p
14. p
14. p
1.9
1.4
1.8
14. p
1.2
2.5
2.7
1.9
2.7
3.0
1.5
2.1
2.0
1.9
2.3
5.5
14. p
15. p
14. p
12. p
15. p
15. p
12.0
15. p
15. p
12.0
11.5
1.6
2.2
14. p
14. p
1.4
1.8
14. p
14. p
13. p
14. p
2.4
0.6
15. p
13. p
14.
14.
15.
11.
14.
p
p
p
p
p
1.7
15. p
8.1
10.4
0.7
15. p
15. p
13. p
1.8
15. p
14. p
2.1
32.4
8. p
pF, S, lE spnf, bM, *13 nr
cB, cL, E, vgbM
F, S, lE, 7817 nf
alm R, lbM
eF, vS, R, stell N, *8.5 sp 3'
! eeF, eeL
vF, pL, R, gbM
F, S, R, bM
pF, cL, mE 45deg +/- , lbM
eeF, pS, v diffic, sf 7816
eF, vS, E 160deg ; = 7813?
eF, L
pF, vS, vsmbM, *14 sp
F, S, R, gbM
no description
pF, S, R, *10 np
vF, S, gbM
Cl, vP, vlC
F, S, R, biN, r
vF, pS, iF, glbM
vF, S, R, *12-13 nf
eF, neb* 13m
eF, S, E 130deg , sbMN, *15 sf
only a *13 at 100deg , 20" from
verified)
vF, 2'.5, nebs?
mE ; = 7832
R, vgpsmbM, 2 st 9 sf; =
eeF, vS
eF, S, R
eF, p of Dneb
eF, f of Dneb
vF, pS, dif, r
eF, S
F, S, R, bet *11 and *14
vF, S, s of 1
F, vS, R, alm stell
eF, vS, mE, vF* vnr
vF, S, iF, bM
eF
vF, vS, N = *13, 14
eF, vS, R, bet 2 st
eF, vS, cE; = 7831?
eF, cL, mE, vgvlbM
D*, 13 & 13, one nebs
F, cL, vlE, glbM
vF, vS, vlE, 2 vF st inv
eF, pL, vglbM
vF, N in n end
vF, vS, S st + neb
vF, pS, R, glbM
F, R, *9, 10 sf
vF, vS, R, bM
pB, S, R, bM
F, vS, iR, mbM, 16 p 19s
eeF, lE, 3 vF st around
F, *10 att
vF, vS, R, D* n
vF, pS, R, lbM, r
3 S st + neb
vF, cL, mE, gbM
vF, S, R
2' l, mE, bM
eF, p of 2
vF, pL, R, 2 F st n
eF, vS, E, B* nr
eeF, S, R, f of 2
eeF, vS, R, v diffic; *7.5 n, *9 s
eF, S, lE
pB, pL, E 0deg
neb *13
F
eF, vS, or neb st
vF, eS, iR, D* 2' p; = 34
F, S, bM
pF, S, R, 2 st nr
eeF, pS, R
eF, S, R
vF, pS, iF
F, S, R, mbM
F, vS, iF, r
vF, pS, R
pF, S, lE, gbM
F, vS, stell
F, vS, R, vsmbM, *12 sp
eF, *12 np 45"
eF, vS
vF, vS, R
pF, vS, diffic, *10 nr nf
eeF, pL, R, v diffic
vF, S, 48 nf 6'
eF, L, vgvlbM, *9 cont s
nebula
F, S, R
eeF, S, R, 2nd of 3
vF, vS
vF, pS, R; = 47
pF, pS, R, bM
vF, S, E
vF
eF, S, R, bM
vB, vL, vmE, triN
54
56
57
59
60
I1537
61
62
I
5
64
63
I1538
67
68
69
70
71
I1539
72
73
74
I
6
65
I
7
I
8
66
75
76
I
9
I1540
77
I1541
I 12
78
I 10
I 13
I 11
I1542
I1543
79
80
81
87
88
89
I1544
I1545
82
83
85
84
86
92
I1546
I1547
91
90
I1548
93
94
95
96
97
I 14
98
I1549
101
99
100
104
102
I1550
106
103
105
107
108
109
111
113?
112
115
121
113
114
119
116
117
118
110
120
I1551
122
123
124
I 16
I 15
I 17
I 20
I 18
I 19
125
126
127
128
I 21
130
131
I 22
I1552
129
132
134
np 45"
I 23
138
139
137
133
I 24
I 25
140
142
141
143
144
136
145
135
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
?
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
?
Gx
*
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gb
Gx
Gx
Gx
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gb
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
OC
Gx
Gx
?
?
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
OC
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
OC
Gx
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
15.1
15.4
15.4
15.5
16.0
16.0
16.5
17.1
17.4
17.5
17.7
18.0
18.2
18.3
18.3
18.4
18.4
18.4
18.5
18.8
18.9
19.0
19.1
19.1
19.1
19.2
19.5
19.6
19.7
19.8
20.0
20.0
20.3
20.4
20.4
20.4
20.5
20.6
20.9
21.0
21.2
21.2
21.2
21.3
21.3
21.3
21.3
21.4
21.4
21.4
21.5
21.5
21.5
21.5
21.6
21.8
21.9
21.9
22.0
22.2
22.2
22.3
22.4
22.6
22.8
23.2
23.9
24.0
24.0
24.1
24.4
24.4
24.7
25.3
25.3
25.6
25.9
26.2
26.7
-07
+12
+17
-21
-00
-39
-06
-13
-09
-06
+11
+30
+30
+30
+30
+30
+30
+30
+30
-15
+30
-03
-22
+10
-03
-22
+06
+29
-14
+23
-22
+22
-02
+00
+59
+07
+56
+22
+21
+22
+22
+22
-48
-48
-48
+23
+21
+22
+22
+22
+22
+22
-48
+22
+22
+22
+22
+22
+22
+22
+10
+22
+29
+10
-45
+06
-32
+15
+16
-72
-13
+38
-05
+61
+12
-08
+29
+21
-02
08
26
18
27
18
19
14
28
33
51
27
04
04
04
02
05
04
06
02
21
03
16
54
33
13
57
25
56
07
43
31
01
39
49
18
42
36
37
53
34
21
22
38
39
41
02
59
26
26
30
36
33
38
30
31
25
25
01
25
28
30
33
44
29
16
59
34
47
29
05
57
12
10
21
53
17
13
49
38
r
r
r
r
r
d
r
r
m
r
s
x
s
s
v
s
s
x
s
r
r
m
r
d
m
r
r
r
m
d
D
z
m
r
s
u
d
m
u
r
s
r
r
r
r
d
d
u
s
r
r
r
r
d
x
s
r
z
r
r
s
r
r
d
c
d
r
s
v
s
r
m
D
s
s
F
r
r
r
Cet
Psc
Psc
Cet
Psc
Phe
Psc
Cet
Cet
Cet
Psc
And
And
And
And
And
And
And
And
Cet
And
Psc
Cet
Psc
Psc
Cet
Psc
And
Cet
And
Cet
And
Psc
Psc
Cas
Psc
Cas
And
And
And
And
And
Phe
Phe
Phe
And
And
And
And
And
And
And
Phe
And
And
And
And
And
And
And
Psc
And
And
Psc
Phe
Psc
Scl
Psc
Psc
Tuc
Cet
And
Psc
Cas
Psc
Cet
And
And
Cet
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
26.7
26.8
26.8
27.0
27.1
27.1
27.2
27.2
27.3
27.4
27.5
27.6
27.7
27.8
27.9
27.9
28.0
28.5
28.5
28.6
28.7
28.8
29.1
29.2
29.2
29.2
29.3
29.6
29.6
29.6
29.9
30.2
30.4
+31
-33
-71
-02
-01
-56
-07
+01
-01
+71
-01
+08
-01
-01
-01
-13
-00
+02
-13
-11
-11
+02
+02
+02
+02
-00
+02
-33
-09
+21
+60
+02
-33
43
41
32
30
47
59
42
19
47
23
31
53
38
36
49
05
04
39
00
34
38
50
49
52
51
10
52
16
03
29
14
06
15
r
r
s
r
r
r
r
r
r
r
s
u
F
F
s
m
d
z
m
m
m
s
s
s
s
m
v
s
m
u
s
s
s
And
Scl
Tuc
Cet
Cet
Phe
Cet
Cet
Cet
Cas
Cet
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
Psc
Psc
Cet
Psc
Scl
Cet
Psc
Cas
Cet
Scl
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
30.9
31.0
31.0
31.1
31.2
31.2
31.2
31.3
31.3
31.4
31.4
31.4
31.5
31.7
31.8
-12
+05
+05
+10
+63
+30
-00
+30
-22
+05
-22
-22
+61
-05
-13
44
10
05
11
22
51
24
47
37
11
34
39
32
09
22
d
r
r
r
s
x
m
r
r
r
r
r
s
s
D
Cet
Psc
Psc
Psc
Cas
And
Cet
And
Cet
Psc
Cet
Cet
Cas
Cet
Cet
0.8
1.9
0.4
1.5
0.4
1.7
1.8
1.4
0.5
0.7
0.4
0.7
5.1
1.6
0.7
0.8
2.5
1.3
1.6
2.5
1.9
1.8
1.7
5.8
30.9
0.6
5.
1.2
1.5
1.8
2.7
1.6
0.5
0.6
0.6
0.6
2.0
1.4
1.0
3.4
0.4
0.9
2.1
0.6
1.1
21.
2.0
8.1
7.
0.8
1.
1.8
14. p vF, pS, R, 50 sp
eF, eL, diff
13. p F, S, R, sbM
13. p vF, pS, iR, gbM
15. p eF, vS, R, lbM
eeF, vL, vmE; 55 np
15. p vF, S, iR, psvlbM
14. p F, vS, R, glbM
14. p F, neb *13
14. p eeF, vS, R, v diffic
13. p pF, S, R, sbM
eF
16. p eF, vS, R
13.0 eF, L, 3 or 4 st + neb
14.8 eF, vS, R
15. p eF, vS, R, bet 2 F st
13.0 eF, vS, R
eF, bet 2 st 13; = 70
13.4 eF, vS, R
13. p vF, S, R, eF D* close f
16. p eF, S, E, last of 6
14. p F, vS, R, mbM = *14
15. p eF, vS, R, gbM, p of 2
F, vS, R, *12.5 close
15. p vF, vS, irr E, lbM
14. p eF, pS, E 225deg , *9 n 1', f of 2
15. p vF, vS, R
14. p vF, S, bM
15. p vF, pL, R
F, S, iF
eF, vS, iF (*?), *9 p 3'
15. p F, S, R, lbM, r
16. p pF, S, E ns
14. p vF, S, R
10.3 F* inv in eF, vL neb
15. p vF, pL, E ns, dif
vF, L, triple * on np corner
15. p F, dif, gbM
14. p F, S, R, gbMN
15. p vF, S, vlbM
12.1 F, S, R, psbM
eeF, sp 83
eF, S, R, gbM, 1st of 4
eF, vS, R, 2nd of 4
vF, S, R, gbM, 3rd of 4
F, S, R, vlbM
F, vS, R, dif, vFN
14. p eF, stellar
12.6 E, biN, 3 B st nr
15. p eeF, cL, R
17. p eF, st & neb
15. p eF, vS, lbM
F, S, R, gbM, 4th of 4
vF, S, v diffic
eF.pS, sbM *
15. p vF, vS, *13 sp
vF, lE
16. p F, vS, R, stell
14. p vF, vS
15. p eF, vS
12.6 F, pL, R, gbM
17. p vF, S, vlbM
13. p F, vS, R, gbM
susp neb
vF, pS, R, bM, r
eF, D* f 46s
13. p pB, pL, lE, *14 f
14. p vF, pL, R, gbM
vF, pS, mE, 2' long
4.0 glob. cl. !! vB, vL, vmCM
14. p eF, vS, R
15. p R, stell, vFN
pF, vS, R, lbM
9.8 Cl, pS, pC, st 11...18
13.2 vF, S, R, vlbM
F, pL, *7 sf 5'
13. p pF, pL, R, pslbM
15. p vF, S, 3 st nr
vF, S, R, lbM, *8.5 p 36s , n 2'; =
14. p eF, vS, R
vF, pL, lE, D* 2' np
10.6 pB, pS, lE, vgbM
13. p vF, S, sbM
15. p vF, S* in centre, p of 2
pB, S, R, mbM
14. p vF
15. p F, vS
15. p vF, S* in centre, f of 2
Cl, pR, lC, st 9...12
15. p nebulous *
15. p F, vS, R, r
1st of 2 vF neb 4'-5' np of *8.5
2nd of 2 vF neb 4'-5' np of *8.5
14. p vF, L, dif, 2 F st np
15. p pB, R, bM
vF, vS, iF, sbM
15. p pB, vS, R, stellar
14. p pB, R
15. p pF, S, iF, gbM
15. p R, S, stellar = 14m
12.3 vF, S, bM, D* sp
16. p vF, S, lE
14.0 vF, vS, R, p 128
11.6 pB, pS, lE 2deg , bM
14. p pB, vs, iF
14.3 vF, vS, R, f 128
F, pL, pmE, vgbM, p of 2
15. p F, S, lbM, r
15. p F, pL, dif
6.5 Cl, vL, pR, lC, st 9...13
14. p pF, cL, R, vglbM, R
10.1 vB, L, vmE 47deg , psbM, f of 2, *10
15.
15.
14.
9.
p
p
p
p
15.
14.
14.
15.
15.
14.
p
p
p
p
p
p
12.8
pB, S, R, bM
F, eS, sbM
eF, S
F, iF, lbM
Cl, pL, st 10..., D* inv
S, Cl, 30"-40', nebs?
F, vS, irrR, vlbM, r
vF, S, R, gbM
eF, S, lE, 1st of 3 and faintest
vF, vS, iR
eF, S, mE, 2nd of 3
eF, pS, R, 3rd of 3 and brightest
glob. cl. , vF, S, eC
F, pL, vlE, vgbM, *8-9 f 5'
vF, vS, R
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
99
I 26
I1553 Gx
152 Gb
146 OC
I 27
I 28
I1554 Gx
147 Gx
149 Gx
151 Gx
153
154 Gx
I 29 Gx
148 Gx
150 Gx
I 30 Gx
I 31 Gx
156 D*
159 Gx
I1555 Gx
155 Gx
157 Gx
158 D*?
I 32 Gx
I 33 Gx
I1556
?
167 Gx
161 Gx
1557
I1557 Gx
I 34 Gx
166 Gx
176 OC
I1558 Gx
163 Gx
160 Gx
162 Gx
164 Gx
165 Gx
168 Gx
170 Gx
169 Gx
174 Gx
I1559 Gx
173 Gx
172 Gx
171
175 Gx
177 Gx
I 35 Gx
I1560
179 Gx
I 36
180 Gx
181 Gx
182 Gx
183 Gx
184 Gx
186 Gx
I 37 Gx
I1561 Gx
I 38 Gx
I1562 Gx
190 Gx
185 Gx
191 Gx
I1563 Gx
178 Gx
209 Gx
I 39
I1564
192 Gx
193 Gx
194 Gx
196 Gx
197 Gx
198 Gx
I1565 Gx
I1566 Gx
I 40 Gx
187 Gx
189 OC
195 Gx
199 Gx
200 Gx
I1567
201 Gx
202 Gx
203 Gx
I 41
204 Gx
I1568 Gx
207
212 Gx
205 Gx
208 Gx
I1569 Gx
220 OC
206 C+N
210 Gx
222 OC
I1570
I1571 Gx
215 Gx
211
*
231 OC
I 42 Gx
213 Gx
I1572
216 Gx
214 Gx
217 Gx
218 Gx
I 44 Gx
I1573
219 Gx
230 Gx
I 43 Gx
227 Gx
221 Gx
223 Gx
224 Gx
M31
232 Gx
I 45
226 Gx
228 Gx
235 Gx
I 47
?
229 Gx
I 46 Gx
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
31.8
32.7
32.8
33.1
33.1
33.1
33.1
33.2
33.7
34.0
34.0
34.1
34.2
34.3
34.3
34.3
34.4
34.6
34.6
34.6
34.7
34.8
34.9
35.0
35.1
35.1
35.3
35.5
-13
-25
-73
+63
-13
-13
-32
+48
+30
-09
-09
-12
-02
-31
-27
-02
+12
-08
-55
-30
-10
-08
-08
-02
-02
-09
-23
-02
20
35
09
18
22
27
16
30
43
42
42
39
11
47
48
05
17
21
47
01
46
24
19
08
08
34
22
50
F
m
r
s
d
d
c
s
r
s
D
r
m
s
s
m
u
F
r
c
r
s
F
m
m
x
r
r
Cet
Scl
Tuc
Cas
Cet
Cet
Scl
Cas
And
Cet
Cet
Cet
Cet
Scl
Scl
Cet
Psc
Cet
Phe
Scl
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
35.5
35.6
35.8
35.8
35.8
36.0
36.1
36.1
36.5
36.5
36.7
36.7
36.9
36.9
36.9
37.2
37.3
37.4
37.4
37.5
37.7
37.7
37.8
37.8
38.0
38.2
38.2
38.3
38.5
38.5
38.5
38.5
38.6
38.6
38.9
39.0
39.0
39.0
39.1
39.1
39.1
39.2
39.3
39.3
39.3
39.3
39.4
39.4
39.4
39.4
39.5
39.6
39.6
39.6
39.6
39.6
39.6
39.7
39.7
39.7
39.7
39.8
39.9
40.0
40.1
40.4
40.4
40.4
40.5
40.6
40.6
40.6
40.6
40.7
40.8
41.0
41.0
41.1
41.2
41.2
41.4
41.5
41.5
41.8
42.2
42.2
42.3
42.4
42.4
42.6
42.7
42.7
42.7
-02
+09
-13
-73
-25
-10
+23
+23
+02
-10
-22
+01
+23
-29
+23
+01
-22
-19
-19
-22
+10
+02
-17
-15
+08
+29
+02
+29
+29
+03
-15
-24
-15
-24
+07
+48
-09
-09
-14
-18
-14
+05
+00
+03
+03
+00
+00
+02
+06
+06
+02
-14
+61
-09
+03
+02
+06
+00
+03
+03
-14
+03
+06
-14
-56
+41
+02
+06
-73
+40
-13
-73
+06
-00
-56
+03
-73
-15
+16
+16
-21
+25
-10
+36
+00
-23
+00
-23
+29
-01
+40
+00
+41
51
08
37
11
22
07
57
58
45
06
36
51
59
29
59
56
36
56
56
34
21
40
53
26
38
28
44
30
26
09
23
20
26
17
02
20
00
01
10
38
10
58
51
20
02
54
53
48
43
48
26
41
04
12
07
53
37
51
31
26
10
17
50
18
10
41
44
42
24
44
52
24
45
19
13
26
22
26
28
16
03
30
02
21
51
32
54
38
38
32
52
51
16
m
u
r
r
c
s
s
r
r
s
r
r
s
r
v
s
v
F
s
r
u
d
r
d
s
r
s
r
r
r
m
m
m
c
s
s
s
v
s
r
x
d
s
s
s
r
r
s
v
m
u
r
s
v
r
s
d
s
r
r
d
r
m
d
r
s
r
m
r
r
s
r
d
u
c
F
r
m
r
d
s
s
v
r
m
d
r
r
v
s
s
r
s
Cet
0.6
Psc
3.4
Cet
Tuc
Scl
3.4
Cet
1.4
And
3.2
And
Psc
Cet
1.6
Cet
Cet
And
3.0
Scl
And
0.9
Cet
3.5
Cet
2.6
Cet
Cet
2.6
Cet
Psc
1.3
Cet
Cet
Cet
Psc
2.6
And
Psc
2.3
And
And
Psc
Cet
0.7
Cet
1.3
Cet
0.6
Cet
2.1
Psc
1.0
Cas 11.5
Cet
1.5
Cet
0.6
Cet
2.0
Cet
Cet
Psc
Cet
2.3
Psc
1.7
Psc
1.9
Cet
Cet
Psc
1.3
Psc
1.7
Psc
0.6
Cet
1.2
Cet
Cas
4.
Cet
1.3
Psc
Psc
2.0
Psc
Cet
2.2
Psc
Psc
Cet
Psc
Psc
0.8
Cet
Phe
And 17.4
Psc
Psc
0.2
Tuc
And
Cet
5.4
Tuc
Psc
Cet
1.3
Phe
1.2
Psc
Tuc
Cet
0.6
Psc
Psc
Cet
1.8
And
2.1
Cet
3.3
And
Cet
0.5
Cet
Cet
Cet
And
2.1
Cet
2.1
And
7.6
Cet
And 178.
16.
14.
15.
12.
0
0
0
0
0
0
0
0
42.7
42.7
42.8
42.8
42.8
42.9
43.0
43.0
-23
+29
+32
+23
-23
-13
+23
+27
34
40
34
30
33
45
29
15
r
d
r
r
r
x
r
z
Cet
And
And
And
Cet
Cet
And
And
14. p eF, S, R, bMN
susp neb
14. p eF, S, R, *13 s 20"
15. p eF, S, R, fainter of 2
14. p eF, S, R, bMN
eF, eS, R, stellar
14. p vF, S, R, smaller of 2
15. p pB, S, R, bM
100
1.0
7.
1.6
12.9
3.7
0.6
2.4
4.2
0.4
1.4
1.5
4.3
0.4
0.5
F, S, R, gbM; = 135
14. p vF, vmE 10deg
12. p vF, L, R, vglbM
9.1 Cl, pL, lC, st 11-12, D*
F, vS, lE pf, bM
vF, dif, vlbM
vF, vS, eE 170deg , sbM
9.3 vF, vL, iR, gsmbM *11
15. p vF, vS, R, gbM *14, *12 sp
11.5 pF, pL, lE 90deg , vglbM
pF, pS, R, * nr nf; = 151
14. p eF, vS, R
15. p vF, S, R, lbM
12.1 vB, S, lE 90deg , smbM *11
11.1 pF, pS, R
15. p vF, S, R, lbM
15. p F, E pf, dif
vS, np 157
vF, pS, R, glbM, 3 st f
eeF, S, R, 2 st p in line
13. p pF, S, R
10.4 pB, L, E, bet 2 cB st
vS, nf 157
15. p vF, vS, R, lbM
15. p vF vS, R, lbM
eeF, pS, R, v diffic
13. p vF, pS, iR
15. p eF, eS, R, nearly bet 2 st; = IC
p
p
p
p
12.8
12.4
16. p
13.2
14. p
15. p
13. p
14. p
15. p
12.1
13. p
15. p
14. p
14. p
15. p
12.6
14. p
15. p
15. p
15. p
14. p
14. p
14. p
9.2
12. p
12.6
14. p
14. p
12.3
12.1
14. p
15. p
12.8
15. p
15. p
13. p
8.8
15. p
14. p
15. p
15. p
15. p
14. p
15. p
8.0
15. p
15. p
11. p
10.9
11. p
15. p
12. p
15. p
15. p
13.3
12.2
15. p
14. p
15. p
15. p
13. p
8.2
14. p
3.5
eF, vS, 2 vF st close; nr 161
vF, pS, lE
eF, S, lE, *11 np
eF, S, vlE, r, *8 nr
E 160deg , * n, perhaps spir
vF, vS
vF, vS, stell, *8, 17deg , 4'
eF, stellar, 160 sp
eF
F, L, st in centre, f of 2
eF, S, E 30deg , *10 nf 3'
F, S, R
F, pL, D or biN, *6 nf 4'
eF, S, vlE, am B st
vF, 0'.5 ssf 169
vF, S, R, vgbM, *11 sp 80"
eF, S, E, *13 close sp
vF, pL, lE, 2 pB st sf; = 175
pB, pL, E, gbM, R
eF, S, E 175deg
vF, S, dif, *9.5 nf
eF; = 164?
eF, eS, R, B* np
F, vS, R, dif
vF, pL, iR, * np inv
eF, eS, irr, vF* att
vF, S, iR, vgbM
pF, vS, R, gbM
eF, eS
F, S, R, lbM
eF, vS, R, dif
E 105deg , * n
F, S, R
S, R, psbM
vF, S, lE, sev st nr sp
pB, vL, iR, vgmbM, r
pB, pL, iE 0deg
eF, stellar, 0'.6 sf 191
F, S, mE 0deg , bM; = IC 39
vF, vS, R, bM
pB, pl, E ns, gbM; = 178
eF
F, pS, pmE, bM
F, L, p of 2, *15 close sp
pB, S, R, vgbM
F, pS, R, psmbM
eF, s of 196
F, S, vgbM
F, S, R, gbM
F, S, R, gbM, r
F, S, R, gbMN = 13.5
F, S, mE 150deg , bM
Cl, pL, R, st 11...15
F
F, vS, *8 p 27s , 45" s
pB, S, vgbM
neb *
vF, cL, E, vglbM
eF, vS, ibM
F, R, *9 sp 8'
vF, S, dif
F, pS, R, vgbM, f of 2
F, S, R, gbM, r
vF, S, lE, stellar
vF, S, R, p of 2
vB, vL, mE 165deg , vgvmbM; = M110
pF
vF, vS, R, gbM
F, iR, vgbM, 1st of several
vF, vL, mE 0deg
B, pS, R, psbM, r, *11 p 2'
vF, R, 2nd of several
vF, vS, R, vFN
F, pS, R, dif
F, S, R, am st, f of 2
eF, S, mbMN
i train of st and neb
S, irr, v dif
F, S, bet 2 S st
eF, stell, 213 nr
eF, vS, lE
pF, pS, gvlbM, r
F, S, lE 90deg , glbM
eF, vS, R, gbM
eF, S, R, bet 2 st
eF, eS, mE 60deg
F, S, R, *11 sp 1'
eF, eS, R, bMN
vF, S, mbM
F, pL, lbM
! vvB, L, R, psmbMN; = M32
vF, pS, R; = IC 44
!!! eeB, eL, vmE (Andromeda); =
I1574
225
233
234
238
241
236
237
242
I 48
I1575
188
I 49
I1576
I1578
239
I1577
240
248
249
I1579
244
243
256
245
I1581
I 50
I1580
I1582
I 51
261
246
247
I1583
250
I1585
I1584
254
253
265
251
255
I1586
252
267
257
259
258
264
I 52
269
260
262
I1587
263
266
268
I 53
270
271
273
I 54
274
I1588
275
290
272
277
I 56
I1589
I 55
276
D*
278
294
I1591
279
280
289
281
282
288
292
I1590
283
I1592
I1597
284
286
287
291
285
I1594
I1595
299
293
I1599
I1593
I1596
I1598
303
I 57
300
306
297
298
I1600
I 58
295
296
I1601
I1602
305
304
I 60
330
301
312
302
308
307
309
323
I 59
310
314
319
328
I1603
I 61
322
Gx
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
OC
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Nb
Nb
Gx
Gx
Gx
C+N
Gx
Gx
Gx
Gx
Nb
Pl
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gb
Gx
Gx
Gx
Gx
C+N
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gb
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
D*
Gx
Gx
OC
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Nb
Gx
Gx
Gx
Gx
C+N
Gx
Gb
Gx
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
C+N
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
C+N
D*?
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Ast
Gx
Gx
OC
Gx
Gx
*
*
Gx
Gx
Gx
Nb
*
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
43.1
43.4
43.4
43.4
43.4
43.4
43.5
43.5
43.6
43.6
43.6
44.
44.0
44.2
44.5
44.6
44.6
45.1
45.4
45.4
45.6
45.8
45.9
45.9
46.1
46.1
46.2
46.3
46.3
46.4
46.5
47.0
47.1
47.2
47.3
47.3
47.4
47.5
47.6
47.6
47.8
47.8
47.9
48.0
48.0
48.1
48.1
48.2
48.3
48.4
48.5
48.6
48.8
48.8
48.9
49.8
50.2
50.5
50.7
50.8
50.8
50.8
51.0
51.0
51.1
51.3
51.4
51.5
51.5
51.5
51.7
52.1
-22
+61
+30
+14
-50
-73
+02
-00
-73
-07
-04
+85
+01
-25
-25
-03
-08
+06
-73
-73
-26
-15
+29
-73
-01
-25
-09
+29
-24
-13
-73
-11
-20
+23
+07
+23
+27
-31
-25
-73
+19
-11
+22
+27
-73
+08
-02
+27
-38
+04
-73
+27
+31
-23
-13
+32
-05
+10
-08
-01
-06
-02
-07
-23
-07
-73
+35
-08
-12
-34
+07
-22
15
47
35
20
11
26
56
07
27
53
09
20
51
06
04
47
08
08
23
05
34
36
56
30
44
54
30
55
18
26
07
53
46
05
55
03
49
25
17
29
34
28
22
38
17
19
47
38
14
06
32
42
57
34
06
16
12
37
39
53
53
17
03
33
04
09
50
35
51
28
43
41
c
s
r
r
c
r
r
s
r
d
d
s
v
m
m
D
d
r
r
r
m
s
r
r
s
d
m
d
m
m
r
s
s
d
r
d
u
s
s
r
r
s
v
s
r
s
v
r
c
u
r
s
s
m
r
s
s
d
r
s
s
F
s
d
s
r
r
r
v
d
m
r
Cet
Cas
And
Psc
Phe
Tuc
Psc
Cet
Tuc
Cet
Cet
Cep
Cet
Scl
Scl
Cet
Cet
Psc
Tuc
Tuc
Scl
Cet
And
Tuc
Cet
Scl
Cet
And
Cet
Cet
Tuc
Cet
Cet
And
Psc
And
And
Scl
Scl
Tuc
Psc
Cet
And
And
Tuc
Psc
Cet
And
Scl
Psc
Tuc
And
And
Cet
Cet
Psc
Cet
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Tuc
And
Cet
Cet
Scl
Psc
Cet
2.5
12.
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
52.1
52.1
52.1
52.3
52.5
52.7
52.8
52.8
52.8
52.8
53.1
53.3
53.5
53.5
53.6
53.6
53.6
53.6
53.7
53.7
53.8
54.0
54.3
54.5
54.7
54.7
54.7
54.8
54.8
54.9
54.9
55.0
55.0
55.0
55.1
55.2
55.4
55.6
55.9
56.0
56.1
56.1
56.2
56.3
56.3
56.4
56.4
56.6
56.7
56.7
56.7
56.9
56.9
57.0
57.0
57.0
57.1
57.2
+47
-73
-22
-02
+24
-31
+56
+30
-26
-72
+56
-13
+05
-58
-13
-13
+32
-08
-13
-47
-45
-72
-07
-23
+32
+21
+05
-16
+11
-37
-72
-07
-07
-23
-13
+31
+31
-24
-09
+12
+24
-13
-72
-10
-52
-10
-01
-01
-09
-52
+61
-01
-31
-43
-52
-45
+07
-43
33
21
41
12
20
12
37
37
35
50
35
11
46
07
09
06
29
45
10
39
11
10
14
29
30
31
46
40
50
41
13
21
21
31
41
31
40
09
59
06
07
23
29
40
47
39
47
46
55
59
04
46
58
50
55
25
31
44
s
r
c
s
r
s
s
r
s
r
x
r
u
c
r
r
r
r
r
c
c
r
r
m
d
u
u
r
u
s
r
F
r
m
m
r
r
d
m
A
r
m
s
F
c
F
A
r
s
c
s
A
c
c
c
c
u
c
Cas
Tuc
Cet
Cet
And
Scl
Cas
Psc
Scl
Tuc
Cas
Cet
Psc
Tuc
Cet
Cet
Psc
Cet
Cet
Phe
Phe
Tuc
Cet
Cet
Psc
Psc
Psc
Cet
Psc
Scl
Tuc
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
Cet
Cet
Psc
And
Cet
Tuc
Cet
Phe
Cet
Cet
Cet
Cet
Phe
Cas
Cet
Scl
Phe
Phe
Phe
Psc
Phe
2.2
1.9
1.8
14.
1.9
0.6
0.6
0.8
1.3
1.4
0.6
1.2
1.0
3.8
20.0
1.8
2.1
25.1
3.1
1.8
2.1
3.2
0.9
1.2
1.0
1.4
0.8
3.2
1.7
2.5
2.6
1.7
1.5
1.3
0.5
1.3
1.8
3.7
35.
13.8
1.1
1.4
vF, vmE 0deg , gbM
7.0 Cl, L, lC, st 9...10
14. p F, vS, R, lbM
13. p F, pS, ilE, bM
eF, pL, R, gvlbM
vF, R; = 242?
14. p vF, pL
14. p vF, pS, lE, lbM
12. p vF, S, biN
pF, S (var brightness?)
eF, S, R, *10 s
8.1 Cl, vL, R, 150-200 st 10...18
eeF, pS, R, e diffic
15. p vF, vS, cE 135deg , bet 2 st
14. p vF, vS, vmE
pF, pS, E 20deg , bMN, *8 f 20s
pB, S, R, gbM stell N
15. p vF, S, R, * nr s
F, S, E or biN, vglbM
F, pL, vlE, r
15. p eF, eS, cE 15deg , gbM
13.3 vF, S, iR, r, *10 s 5'
14. p F, vS, R, gbM, *10 p
12. p F, S, R, gbM, *9 nf 40"
13. p F, pS, iF, er
eF, eS, E 45deg , gbM
14. p F, = neb *13
vF, v stell
15. p eF, eS, E 45deg , sbM *
13. p pB, S, bM, r
F, pL, R, gbM *13
8. p vF, L, 4 st in dif neb
8.9 F, eL, vmE 172deg
F, vS, R, stell N
15. p eF, vS, R, am 3 st
F, vS, R, stell N
15. p eF, L, dif, r
11.8 vB, pS, lE, smbM, *8 nf 5'
7.1 !! vvB, vvL, vmE 54deg , gbM
12. p F, pS, R
14. p vF, S, R, lbM, * inv, 2 vS st f
11.8 F, pS, R, gbM
F, vS, R, gbM, r
13. p pB, S, R, pmbM, r, ** p
Cl, F, pL, st vS
14. p pL, lE, gbM, r
F, S, E 135deg , lbM
15. p eF, S, vF st close
F, S, R, vsvmbM *13
15. p vF, vS, R, gvlbM
12. p vF, S, R
14. p eF, pS, lE
15. p eF, vS, R, v diffic
15. p eF, eS, alm R
14. p eF, vS, lE 30deg
13. p pB, pS, lE, psbM, r, *8 sf 4'
13. p vF, pS, ilE, r
eeF, pS, R, others susp
13. p pF, vS, iR, pgbM
13. p pF, S, lE, psbM, *8 f 5s
13. p vF, vS
neb or S Cl, 2', bM
13. p pB, pS, smbM, np of 2
vF, vS, cE 155deg
12.5 vF, S, R, sf of 2
12. p eF
Cl, L, lC
13. p F, pS, *11 np
vF, S, lbM
eF, eS, R, like Dneb
14. p F, vS, dif, *13 close
14. p eF, pS, E 265deg , *8 nf is a close
10.9
14. p
14. p
12. p
7. p
14. p
8.1
14. p
15. p
15.
14.
15.
14.
p
p
p
p
1.2
1.2
0.8
11. p
14. p
15. p
2.5
1.3
15. p
15. p
1.1
20.0
16. p
9. p
12. p
0.7
0.6
13.
15.
15.
13.
15.
p
p
p
p
p
0.7
14. p
0.6
2.
14. p
15. p
9.6
1.8
3.1
1.3
10.
1.2
1.1
2.8
1.3
1.5
1.3
14. p
11.8
15. p
cB, pL, R, 2 st 10 nr
vF, pL, R, vglbM, r
vF, vS, cE 95deg , bM; = 276
vF, S, iR, bM, stellar
eF, S, R, *15 f 30"
vB, L, pmE, gbM, *11 np
F, vL, dif, S triple * on np edge
F, S, R, lbM
glob. cl. , B, L, lE, st 12...16
Cl, F, eeL, R, st 12...18
Cl, vL, st sc; 281 f
eF, S, R, 1st of 4
eF, S, bet *12 and *13
eF, eS, cE 165deg , cbM
eF, S, R, 2nd of 4
eF, S, R, 4th of 4
eF, S, R; RA 1mag greater?
vF, vS, lE, alm stellar
eF, S, R, 3rd of 4
eF, eS, cE 130deg , stell N
eF, S, mE 10deg , stell N
pB, vS, R, gvlbR, r
vF, S
vF, vS, cE 100deg
eF, semi-stellar
F, S, E pf, gbM
neb *11; *9 p 10s , 4'.5 n
eF, vS
F, vS, R, vlbM, F* close
pB, vL, vmiE, vgpmbM
F, vS
eF
pF
vF, vS, cE 95deg
F, vS, R, r
F, S, R, * 10" n, 296 nf
F, lE, *10 nf 2'
vF, vS, lE 105deg
vF, S, nr 309
Cl, S, sc st
pF, S, R, svlbM
F, vS, R, SN
glob. cl. , vB, S, lE, st 13...15
eF, S, iR, gbM, *8 p 30s
F, S, R, *12 f
eF, vS
vF, eS, 1' sf 307
pF, S, E
pB, pL, *12-13 n
pF, S, R, bM, p of 2
pF, eL! (nf gamma Cas)
stellar
eF, vS, R, pB* f 2'
eF, vS, R, lbM
vF, lE, vgbM, f of 2
eF, eS, cE 115deg , cbM
pF, vS, R, vlbM
vF, vS, R, lbM, 3 st p
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
321 Gx
311 Gx
317 Gx
I1605 Gx
339 Gb
313 Gx
315 Gx
316 Gx
325 Gx
327 Gx
329 Gx
I1604
318 Gx
326 Gx
I1606
324 Gx
331
?
I 62 Gx
320 Gx
332 Gx
333 Gx
334 Gx
336 Gx
I1607 Gx
346 C+N
335 Gx
I 64 Gx
I1608 Gx
I 63 Nb
I1611
337 Gx
I1609 Gx
I1612
I 67
I 68
I 66 Gx
338 Gx
340 Gx
341 Gx
342 Gx
343
*
348 Gx
I 65 Gx
I 70
I 71
345 Gx
347 Gx
I 69 Gx
I 72
344 Gx
I1610 Gx
349 Gx
350 Gx
351 Gx
352 Gx
361 Gb
353 Gx
360 Gx
355 Gx
362 Gb
13-14
354 Gx
356 Gx
371 OC
357 Gx
376
365 Gx
I1615 Gx
I1617 Gx
359 Gx
368 Gx
364 Gx
I1613 Gx
367
?
I 73 Gx
I1616 Gx
369 Gx
I1614
358 Ast
395
I1624
I 74 Gx
I1618 Gx
363 Gx
I1626
378 Gx
377 ***
366 OC
I1621
370
372 ***
373 Gx
374 Gx
375 Gx
I1620 Gx
I 75 Gx
379 Gx
380 Gx
382 Gx
383 Gx
384 Gx
385 Gx
406 Gx
165deg
I1619 Gx
386 Gx
387 Gx
391 Gx
I1622
I1623
I1625 Gx
388 Gx
411
396 Gx
390 Gx
416 Gb
I 76 Gx
I1627 Gx
381 OC
405 D*
419 Gb
I1630 Gx
392 Gx
394 Gx
389 Gx
397 Gx
393 Gx
I 77 Gx
398 Gx
I 78 Gx
I 79 Gx
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
57.4
57.6
57.6
57.6
57.7
57.8
57.8
57.8
57.9
57.9
58.0
58.0
58.1
58.4
58.4
58.6
58.6
58.7
58.8
58.8
58.8
58.8
58.8
58.9
59.1
59.3
59.4
59.4
59.5
59.7
59.8
59.8
00.0
00.3
00.4
00.5
00.6
00.6
00.8
00.8
00.8
00.9
00.9
01.1
01.3
01.4
01.4
01.4
01.5
01.6
01.7
01.9
02.0
02.1
02.1
02.2
02.6
02.9
03.2
03.2
-05
+30
+43
-48
-74
+30
+30
+30
-05
-05
-05
-16
+30
+26
-12
-40
-02
+11
-20
+07
-16
-35
-18
+00
-72
-18
+27
-34
+60
-72
-07
-40
-72
-06
-06
+30
+30
-06
-09
-06
-23
-53
+47
+00
-06
-06
-06
+31
-06
-23
-15
-06
-06
-01
-04
-71
-01
-65
-06
-70
02
16
47
54
29
21
21
21
08
08
04
15
25
52
11
30
43
49
50
06
29
08
46
36
11
14
03
20
49
21
35
20
23
55
57
48
39
53
11
47
14
15
41
03
47
54
49
03
46
16
34
49
49
55
15
33
56
37
20
51
v
r
r
c
s
u
s
u
r
s
s
d
r
s
d
r
F
u
r
r
r
r
r
u
s
c
u
c
s
d
s
c
d
d
d
u
r
r
r
r
r
c
s
d
d
r
r
z
d
c
m
r
r
r
s
s
r
c
r
s
Cet
Psc
And
Phe
Tuc
Psc
Psc
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
Cet
Phe
Cet
Psc
Cet
Psc
Cet
Scl
Cet
Cet
Tuc
Cet
Psc
Scl
Cas
Tuc
Cet
Phe
Tuc
Cet
Cet
Psc
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Phe
And
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Tuc
Cet
Tuc
Cet
Tuc
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
03.3
03.3
03.3
03.4
03.9
04.1
04.1
04.3
04.4
04.4
04.6
04.8
04.9
04.9
04.9
05.1
05.1
05.2
05.3
05.3
05.9
06.0
06.1
06.1
06.2
06.3
06.4
06.4
06.6
06.7
07.0
07.1
07.1
07.1
07.2
07.3
07.3
07.4
07.4
07.4
07.4
07.4
+22
-07
-72
-06
-72
-35
-51
-51
-00
-43
-00
+02
-12
+04
-27
-17
+33
+62
-72
-72
+04
+32
-16
-73
-30
-20
+62
-46
+32
+32
+32
+32
+32
+13
+10
+32
+32
+32
+32
+32
+32
-69
20
00
05
20
49
07
08
02
45
16
51
07
09
46
26
45
13
02
00
02
05
25
34
17
11
03
14
43
25
26
18
46
21
58
51
31
29
24
25
18
19
53
s
r
s
s
D
v
c
c
r
r
r
s
F
z
c
c
d
r
D
d
z
u
r
d
r
F
s
d
r
r
r
r
s
u
u
s
s
s
s
s
s
s
Psc
Cet
Tuc
Cet
Tuc
Scl
Phe
Phe
Cet
Phe
Cet
Cet
Cet
Psc
Scl
Cet
Psc
Cas
Tuc
Tuc
Psc
Psc
Cet
Tuc
Scl
Cet
Cas
Phe
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Tuc
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
07.4
07.5
07.5
07.5
07.5
07.7
07.7
07.8
07.9
08.0
08.1
08.1
08.2
08.2
08.3
08.3
08.3
08.3
08.4
08.4
08.5
08.5
08.6
08.7
08.8
08.8
08.8
+33
+32
+32
+00
-17
-17
-46
+32
-71
+04
+32
-72
-04
-46
+61
-46
-72
-46
+33
+33
+39
+33
+39
-15
+32
-15
-15
04
22
23
56
30
28
54
19
46
32
27
21
32
06
35
40
53
45
07
08
42
06
40
25
30
51
57
z
v
r
r
d
d
c
v
D
A
r
s
m
c
s
r
s
c
r
r
r
r
r
x
r
x
v
Psc
Psc
Psc
Cet
Cet
Cet
Phe
Psc
Tuc
Psc
Psc
Tuc
Cet
Phe
Cas
Phe
Tuc
Phe
Psc
Psc
And
Psc
And
Cet
Psc
Cet
Cet
1.6
2.2
3.6
3.2
3.6
1.9
1.9
1.5
1.0
1.1
14.
1.2
1.3
1.7
10.
2.8
1.4
1.1
1.1
4.3
0.9
1.2
2.7
1.5
3.3
12.9
0.9
8.
2.6
1.2
1.5
12.0
1.7
1.3
1.2
3.
1.3
1.2
1.6
1.8
1.6
0.4
2.3
1.1
1.5
3.8
0.9
2.1
0.8
1.1
0.7
2.5
6.
2.6
1.7
0.7
eF, vS
14. p pF, vS, R, gbM
15. p eeF, pS, lE, D* close f
vF, eS, R
11.9 F, L, R, vgbM
12. p vF, eS, 1' np 315
13. p pB, pL, R, gbM, *9 nf 3'
12. p vF, eS, stellar, 1' f 315
16. p vF, vS
13. p F, S, E
13. p F, E
pF, vS, *7.5 np, F* nr sp (= 333?)
15. p vF, vS, R, bM
13.2 F, lE, *9-10 sf
eF, pS, nearly bet *7 p and *9 nf
(?), F, S, stellar
eF, vS, R, lbM, *12 nf 3'
15. p vF, pL, dif
15. p vF, pS, E 160deg , *10 n
15. p vF, S, R, sev st nr S
16. p no description
vF, S, R, glbM, 2 st 11 s
12. p vF, vS, R, sbM
14. p vF, pS, R, lbM
10.3 B, L, viF, mbM D*, r
vF, pS, E, bM
16. p F, S, R, gmbM
pB, pS, R; 2 st nf, 2 np
pF, eL! conn with np one
vF, bM
11.6 pF, L, E, glbM, *10 f 21s
vF, vS, R
eF, vS
vF, suspected
vF, suspected
15. p vF, vS, irr
14. p vF, vS, iF, bM
14. p vF, S, E
13. p F, pL, R, lbM, r
14. p vF, vS
eF, vS, iR, sbMN (*?)
eF, S, R
13. p eF, pL, mE, B st f & s
vF, vS, lbM
vF, suspected
13. p vF, vS, gbM
14. p vF, vS
15. p F, iF, lbM
neb; *7 sf 2'
eF, vS, iR, sbMN (*?)
14. p pF, pS, R, *10 np
13. p vF, vS
15. p eF
14. p eF, pS, np of 2
13. p pF, S, iE, *8 f 97s
11.8 vvF, pL, vlE, vgbM
14. p eF, pS, R, sf of 2
eF, vmE 145deg , vlbM
15. p eF, vS
6.6 glob. cl. , vB, vL, vC, vmbM st
14. p vF, vS, R, vS* inv, *14 close p
13. p vF, S, iR
Cl, F, L, R, pC, st 14...16
11.8 F, S, iR, sbM, *14 nf 20"
only a D*, pos 270deg , dist 10"
F, S, R, glbM
eF, S, cE 140deg , cbM
eF, S, cE 130deg , cbM
15. p eF, vS
eF, vS, *7-8 sp 3'
14. p vF, vS
9.3 F, eeL
eF, pS, E 175deg , bn, 3 st 12 np
15. p vF, pL, dif
eF, pS, 3 st in line nr
vF, vS, R, gbM
vF, S, E 120deg , vlbM, *15 nr
Cl, vlRi
group of about 10 st, no neb
vF, S, R
15. p vF, S, stellar
16. p vF, S
15. p eF, eS, R
vF, cS, R
14. p vF, S, R, gbM
vF, vS, mE, sbMN
Cl, S
eF, eS, mE 0deg , cbM
vF, *13 s 15", dif
stellar, mbM, r
vF, vS
14. p F, S, bet 2 st 15
16. p vF, vS
14. p F, pS, dif
15. p vF, vS, dif, vlbM
12.6 pF, S, R, bM
12.5 pF, S, R, sbM
14. p vF, S, R, sp of D neb
11.9 pF, pL, R, gbM, nf of D neb
13.0 pF, pS, sp of 2
12.9 pF, pS, R, nf of 2
12. p F, vL, vglbM, bN with eE wisps
15. p F, S, R, gbMFN, bet 2 st 13
14.1 cF, S, R
vF, S, R
14. p F, S, r
vF, S, R, sp of 2
B, cS, lE, nf of 2
eF, vS, R, susp
14.3 vF, S, R
cB, S, R, stellar
eF, S, lE
vF, vS, stellar
11.0 F, pS, R, gbM
15. p F, vS, R, lbM
cF, S, eE 135deg , vmbM
9. p Cl, pC
eS, stellar, = *7
10.0 pB, pL, R, gbM
eF, eS, E 60deg , susp
14. p F, vS, R, mbM, bet 2 st
15. p F, S, 50" nf 392
15. p eF, eS, R, * nr
15. p eF, S, R, vF* p
13. p F, vS, vlE, gbM, 4 S st nr
vF, S, irr, bM
15. p vF, vS, stellar
F, S, lbM, r
R, S, bM N = 14m
I1628 Gx
I1631 Gx
422
I 80 Gx
399 Gx
400
401
I 82 Gx
402
403 Gx
I 81
I1644
I1641
404 Gx
I1629 Gx
409 Gx
413 Gx
I1633 Gx
415 Gx
412
I 83 Gx
407 Gx
418 Gx
I1632
408 Gx
410 Gx
I1637 Gx
417 Gx
I1634
I1635
414 Gx
423 Gx
424 Gx
I 84 Gx
I1636
432 Gx
I 85
I1639 Gx
I1649 Gx
I1640 Gx
I1655 OC
420 Gx
421
434 Gx
I1643 Gx
I1638 Gx
I1650 Gx
I1642
427 Gx
I1645
I1660
I1662 OC
I1646 Gx
426 Gx
428 Gx
440 Gx
425 Gx
429 Gx
430 Gx
I1647 Gx
438 Gx
I 86 Gx
I1651
I1648
439 Gx
435 Gx
441 Gx
I1657 Gx
I1663
431 Gx
I 87 Gx
I1664
?
437 Gx
454 Gx
456 Nb
I 88
442 Gx
460 C+N
445 Gx
446 Gx
458
I1652 Gx
443 Gx
I1653 Gx
I1654 Gx
433 OC
448 Gx
450 Gx
465 OC
436 OC
447 Gx
I1656
I1658
444 Gx
455 Gx
449 Gx
I 89 Gx
I1659 Gx
451 Gx
I1661
452 Gx
453 ***
I 90 Gx
466 Gx
461 Gx
I1667
I1665
459 Gx
462 Gx
I1666
I 91
I1668 Gx
463 Gx
464 Gx
I 93 Gx
I1674
457 OC
467 Gx
I1670
I 95
469 Gx
484 Gx
I1671
470 Gx
468 Gx
471 Gx
473 Gx
I 92 Gx
475 Gx
I 97
474 Gx
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
08.8
08.8
08.9
08.9
09.0
09.0
09.1
09.1
09.2
09.2
09.2
09.2
09.3
09.4
09.4
09.5
09.5
09.9
10.2
10.3
10.5
10.6
10.6
10.7
10.9
11.0
11.0
11.1
11.1
11.1
11.3
11.4
11.5
11.5
11.6
11.8
11.8
11.8
11.8
11.9
11.9
12.1
12.1
12.2
12.2
12.3
12.3
12.4
12.5
12.5
12.6
12.6
12.7
12.9
12.9
12.9
13.0
13.0
13.1
13.2
13.4
13.5
13.5
13.7
13.8
14.0
14.0
14.1
14.1
14.2
14.3
14.3
14.4
14.4
14.4
14.5
14.6
14.8
14.9
14.9
14.9
15.0
15.1
15.1
15.2
15.3
15.3
15.5
15.5
15.6
15.6
15.6
15.8
15.9
16.0
16.1
16.1
16.1
16.2
16.2
16.3
16.3
16.5
17.2
17.3
17.6
17.7
18.0
18.1
18.5
18.7
18.8
18.9
19.0
19.0
19.0
19.1
19.2
19.2
19.3
19.4
19.6
19.6
19.7
19.8
19.9
19.9
19.9
20.0
20.0
20.1
-28
-46
-71
-15
+32
+32
+32
-16
+32
+32
-01
-73
-71
+35
+02
-35
-02
-45
-35
-20
+01
+33
-30
+17
+33
+33
-30
-18
+17
+17
+33
-29
-38
+01
+33
-61
-00
-00
-55
-00
-71
+32
+32
-58
-00
+33
-50
+15
-32
+15
-71
-73
+15
-00
+00
-58
+38
-00
-00
+38
-37
-16
+02
+33
-31
+02
-31
-32
-32
+33
+00
-69
+05
-55
-73
+00
-01
-72
+01
+04
-71
+31
+33
+33
+30
+60
-01
-00
-73
+58
+33
+33
+31
+31
+05
+33
+04
+30
+33
+33
+31
+33
-07
-58
-33
-17
+34
+17
+04
+32
+02
+33
+16
+34
-17
-50
+58
+03
-16
-12
+14
-58
-17
+03
+32
+14
+16
+32
+14
+14
+03
35
29
46
24
37
44
46
00
49
45
41
12
46
43
34
48
50
56
29
01
41
07
13
41
06
09
26
10
39
39
06
13
05
39
21
32
28
39
51
37
20
06
09
15
24
21
24
45
03
44
45
27
41
17
59
17
48
20
15
53
56
14
06
13
45
04
47
39
39
44
46
48
56
24
17
48
01
18
56
11
33
58
23
23
12
08
37
52
20
49
04
05
05
05
11
05
18
21
04
05
02
05
58
55
50
07
42
33
14
28
33
11
19
58
04
39
20
18
51
34
53
31
06
25
47
47
33
46
51
51
25
c
c
D
x
r
r
r
x
r
s
D
d
x
s
z
c
r
c
r
r
m
s
s
d
A
s
c
r
d
d
r
r
c
z
d
c
d
s
c
x
x
r
r
s
x
m
c
d
r
d
d
x
m
r
s
s
r
r
r
z
r
x
d
d
s
r
r
c
c
r
x
x
r
c
s
d
s
r
r
r
D
u
r
s
u
s
r
s
D
s
v
x
x
r
r
v
v
u
r
x
r
A
m
c
c
d
d
r
r
d
d
z
r
r
m
d
s
s
d
d
r
c
d
s
r
r
s
m
r
d
s
Scl
Phe
Tuc
Cet
Psc
Psc
Psc
Cet
Psc
Psc
Cet
Tuc
Tuc
And
Cet
Scl
Cet
Phe
Scl
Cet
Cet
Psc
Scl
Psc
Psc
Psc
Scl
Cet
Psc
Psc
Psc
Scl
Scl
Cet
Psc
Tuc
Cet
Cet
Phe
Cet
Tuc
Psc
Psc
Tuc
Cet
Psc
Phe
Psc
Scl
Psc
Tuc
Tuc
Psc
Cet
Cet
Tuc
And
Cet
Cet
And
Scl
Cet
Cet
Psc
Scl
Cet
Scl
Scl
Scl
And
Cet
Tuc
Psc
Phe
Tuc
Cet
Cet
Tuc
Cet
Psc
Tuc
Psc
Psc
Psc
Psc
Cas
Cet
Cet
Tuc
Cas
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Cet
Tuc
Scl
Cet
And
Psc
Psc
Psc
Cet
Psc
Psc
And
Cet
Phe
Cas
Psc
Cet
Cet
Psc
Tuc
Cet
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
1.4
1.3
14. p
2.1
13. p
4.4
10.1
16. p
1.5
16. p
3.0
0.5
2.0
2.3
15. p
14. p
13. p
2.6
1.8
13. p
15. p
14. p
14. p
2.1
15. p
1.5
0.8
1.6
14. p
15. p
13. p
1.9
0.4
1.5
13. p
15. p
15. p
15. p
0.5
4.1
1.0
15. p
14. p
11.4
13.
14.
13.
15.
p
p
p
p
13. p
15. p
14. p
2.1
14. p
15. p
14. p
1.9
15.
1.2
15. p
15. p
15. p
1.4
1.1
1.6
3.
14. p
14. p
13.5
14. p
3.2
13. p
12.1
6.
2.6
8.8
14.0
0.7
2.3
1.6
14. p
14. p
14.3
15. p
15. p
14. p
0.5
2.1
1.2
14. p
15. p
16. p
15. p
1.2
13.
2.4
14. p
6.4
11.9
15. p
2.2
3.0
2.2
0.7
11.9
15. p
14. p
13. p
15. p
7.9
11.1
cB, pS, R, 3 st 8 nr
eF, S, R, susp
only 3 eF st, close, in SMC
vF, S, R, gbM
vF, S, R
eF, vS, 403 f
eF, stellar, 403 f
F, S, gbM
eF, vS, R, 403 s 3'
vF, pS, cE, *11 s 85"
eF, S, lE, * 1' sff
PN , stell
eF, eS, R; = 422
pB, cL, R, gbM, beta And sf
F, vS, R, stell
eF, S, R, vS* nr
eF, pS, vlE
vF, S, R, vF* f
vF, S, R, glbM
vF, eS, R, sbMN (neb?)
F, S, dif, lbM
vF, vS, sp of 2
F, pL, R, vglbM, p of 2
vF, vS, dif, *15 v close
vF, vS, 410 f 8s
pB, pL, nf of 2
eF, S, R, susp
eF, eS, R
F, S, R, gbM, r
F, S, R, gbM, r
vF, S, iR, mbM, 410 np
eF, S, E, glbM, f of 2
vF, S, R, glbM
pB, S, iF, bM
F, vS, gbMN
F, S, R, gbM, *12 f
eF, close to *8
vS, R, stell
eF, cS, E 140deg , cbM
vS, R, bMN
Cl, C, eF, vS
F, pS, R, bM
eF, vS
B, S, R, psbM
F, S, R, gbM
F, vS, R, gbMN, r
cF, S, mE 55deg , cbM
F, S, R, lbMN
3 vS st with neby (?)
F, S, R, dif
eF, vS, R, stell N or F* in M
vF, eS; vS Cl?
vF, pS, dif
vF, vS, R
F, L, R, bM, er
F, vS, R
vF, vS, R, lbM, *11 att
vF, vS
F, vS, R, vsbM *
vF, S, R, diffic
pF, S, R, glbM
F, sbM
*13 with neb, chiefly nnf
F, vS, R, N, r
pB, S, R, gbM
eF, S, E
pF, S, R, gbM
eF, S, vmE
eF, mE 350deg ; = IC 1657
F, S, vsbM
F, pS, R, dif
2 F st inv in eeF neb
pF, vS, R, F* np
vF, S, R, bM
pF, pL, iR, r, 1st of sev
pF, S, R, vlbM
vF, S, R, B* sf
F, pL, iR, gbM, r, 2nd of sev
vF, vS
F, vS, stellar; = IC 89
prob Cl, eS, close, no neb
F, S, E ns, *12 v close
F, S, R, *15 p 8s on parallel
F, vS, R, gbMN, r
F, S, lE, gblM, r
Cl, S, lC
pB, vS, lE
vF, L
many st, no neb, perhaps Cl
Cl, S, iF, pC
F, pL, bM, *11 nf
neb, S* close sf, *9 sf 3'; = 447
vF, pS, E, N, r; = 444
vF, mE 135deg , lbM; = IC 1658
F, vS, alm stell
vF, vS, R, vlbM, vF st inv
F, S, iF, N = 13m; 462 f; = 446?
F, S, R, N, r
vF, vS, R, vlbM; = IC 1661
eF, S, R; = 451
vF, E, *9 np, S* nf, vnr
vF, vS, R, vF st inv
B, vS, sbMN
vF, pS, R, gbM
pB, R, glbM
eF, pS, R
F, vS, R, like 2 or 3 F st in neb
eF
eF, vS, stellar
F, pS, dif, *13 att
F, S, r, N = 14m
eF, vS, R, vFN
eF, vS, R, lbM
S
vF, pS, lE, *8 f 14s , 1' n
eF, eS, bM, 2 spir wisps
Cl, B, L, pRi, st 7, 8, 10
pB, pL, R, gbM
vF, pS, lE, 2 st nr nf
F, vS, dif, vlbM
eF, S, R
vB, S, lE, psmbM
eF, vS, R, *7 nf 47s
pB, L, iR
vF, eS, stellar
neb *12
eF, S
eeF (different from 468?)
eF, S
stellar = 13.5m
pB, S, smbM, f of 2
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
101
I 94
I1669
476
478
482
I 96
472
I1672
I1673
480
481
I 98
I1675
I1676
I1678
I1677
477
479
485
491
I1681
487
488
489
I1679
I1680
483
486
490
492
493
I1682
497
I 99
I1683
500
502
495
505
I 100
I1684
494
I1685
499
I1686
496
498
501
509
I1687
I1688
503
504
511
506
507
508
510
513
I1689
I1690
526
512
527
I1693
514
516
I 101
518
I 102
519
I1691
515
520
521
534
I 103
I 104
I1692
517
530
I 105
I 106
I 108
522
524
525
I1694
I1696
I1708
I1695
544
546
I1697
I 107
I 109
523
532
539
538
I1698
I1699
528
533
535
549
I1700
529
541
543
I1701
I 110
I1702
545
547
548
I 111
I 112
531
537
I 114
536
I 113
I1703
542
557
550
I1705
I 116
567
I 115
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
D*
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
102
20.1
20.1
20.2
20.2
20.3
20.3
20.5
20.7
20.8
20.9
21.0
21.0
21.0
21.0
21.0
21.2
21.3
21.3
21.4
21.4
21.4
21.8
21.8
21.8
21.8
21.9
22.0
22.1
22.1
22.2
22.2
22.2
22.4
22.5
22.6
22.7
22.8
22.9
22.9
22.9
22.9
23.0
23.0
23.2
23.2
23.3
23.3
23.4
23.4
23.4
23.4
23.5
23.5
23.5
23.6
23.7
23.7
23.7
23.8
23.8
23.8
23.9
24.0
24.0
24.0
24.1
24.1
24.1
24.3
24.4
24.5
24.5
24.6
24.6
24.6
24.6
24.6
24.6
24.6
24.7
24.7
24.7
24.7
24.7
24.8
24.8
24.8
24.8
24.9
24.9
25.0
25.1
25.1
25.1
25.2
25.2
25.3
25.3
25.3
25.4
25.4
25.4
25.5
25.5
25.5
25.5
25.5
25.7
25.7
25.8
25.8
25.9
25.9
26.0
26.0
26.0
26.0
26.0
26.3
26.3
26.3
26.4
26.4
26.4
26.5
26.5
26.7
26.7
26.8
26.9
26.9
+32
+33
+16
-22
-40
+29
+32
+29
+33
-09
-09
-12
+34
+30
+05
+33
+40
+03
+07
-34
+00
-16
+05
+09
+33
+33
+33
+05
+05
+05
+00
+33
-00
-12
+34
+05
+09
+33
+09
-04
+33
+33
+33
+33
+33
+33
+33
+33
+09
+33
+33
+33
+33
+11
+33
+33
+33
+33
+33
+33
+33
-35
+33
-35
-01
+12
+09
+09
+09
+09
-01
+33
+33
+03
+01
-38
+02
-01
+33
+33
-01
+02
-01
-12
+10
+09
+09
+01
-01
-71
+08
-38
-38
+00
+14
+02
+34
+09
-18
-01
+14
+14
+33
+01
-01
-38
+14
+34
-01
-01
+18
+33
+16
-01
-01
-01
+33
+11
+34
+34
+09
+34
+19
-01
+34
-01
+02
-03
-04
-10
+19
42
12
01
22
57
40
43
42
01
52
12
37
16
16
34
14
29
52
01
03
05
21
15
12
28
18
32
24
22
25
57
13
53
57
27
24
03
28
28
39
23
11
11
28
26
33
30
27
26
17
04
21
13
17
14
15
17
26
49
04
10
03
55
06
39
55
33
56
20
54
38
23
29
48
44
07
02
27
15
27
35
05
35
38
00
32
42
36
37
11
44
05
03
27
53
04
02
16
09
33
51
57
41
46
25
16
52
44
23
18
11
30
36
20
21
14
29
27
45
05
56
43
12
38
41
38
01
30
59
15
13
d
z
r
r
r
d
r
u
d
F
r
m
u
z
z
m
r
r
s
s
x
r
s
r
m
m
r
r
r
r
s
d
s
m
u
r
r
s
r
d
d
r
m
s
x
r
r
r
s
m
d
r
r
r
r
s
s
r
r
m
z
r
r
r
x
s
s
u
s
u
v
d
r
s
s
r
u
x
z
r
A
z
x
m
s
s
r
z
v
d
d
r
r
x
u
u
s
s
s
s
d
d
r
s
s
c
d
r
s
s
u
d
u
s
s
v
d
u
r
r
u
s
d
v
r
F
s
d
d
r
v
Psc
Psc
Psc
Cet
Phe
Psc
Psc
Psc
Psc
Cet
Cet
Cet
And
Psc
Psc
Psc
And
Psc
Psc
Scl
Cet
Cet
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Cet
Psc
Cet
Cet
And
Psc
Psc
Psc
Psc
Cet
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
And
Psc
Psc
Scl
And
Scl
Cet
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Cet
Psc
Psc
Psc
Cet
Scl
Cet
Cet
Psc
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
Psc
Cet
Cet
Hyi
Psc
Scl
Scl
Cet
Psc
Cet
And
Psc
Cet
Cet
Psc
Psc
And
Cet
Cet
Scl
Psc
And
Cet
Cet
Psc
Psc
Psc
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
And
And
Psc
And
Psc
Cet
And
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
1.8
0.6
0.8
0.9
1.9
1.5
5.2
0.5
0.6
3.8
2.4
0.5
1.7
1.5
1.9
2.0
1.7
0.4
4.3
1.6
0.7
3.5
1.6
1.6
1.9
1.0
4.8
3.4
1.4
1.9
0.8
2.8
3.2
1.4
1.2
1.3
3.1
2.8
1.8
1.3
3.7
1.3
2.0
2.7
0.7
1.6
1.5
3.0
1.7
1.5
0.9
1.6
3.7
2.3
1.7
0.6
neb *13
16. p vF, S, dif
15. p eF, vS, stellar
15. p eF, eS, R, sbMN
eF, lE
pB, pS, vmbMN = 12m
14. p eF, vS, *9-10 p 14s , v diff
14. p pB, S, R, gbMN, r
F, R, stell N
eF, vS, R (neb?); = 481?
14. p vF, vS, R, F* np
15. p vF, vS, iF, bM
14. p F, S
16. p F, vS, stell N
15. p F, vS, R, stell
15. p F, pS, R, bMN
14. p vF, pS, vlE, vglbM
15. p eF, S, R
14. p cF, pL, R, *8 sp 3'.5
13. p B, S, vlE, bM, vS* nr
15. p F, S, R, gbM, r
14. p eF, vS, R
10.3 pB, L, R, svmbM, *8 f 10'
13. p pB, S, E
15. p F, S, iF, vlbM, dif
15. p F, vS, bMN
14. p vF, vS
15. p eF, eS, stell, 5' n of 488
15. p vF, vS, R, 8' nf 488
15. p eF, vS, R
12.5 vF, L, mE 60deg , lbM
F, vS, R, stell
14. p eF, pS, R, vlbM, r
15. p vF, S, lbM
14. p F, S, E ns, gbM, r
15. p vF, vS, mbM, *11 nf 1'
14. p cB, S, R, bMN
13.2 vF, S, 1st of 3
15. p vF, vS, stellar
F, vS, R, N = 12.5m
F, S, R, dif
14. p vF, pL, E, 3 F st s
13. p F, S, R, vlbM, dif
12.0 pB, pL, R, 3rd of 3; = IC 1686
pB, pS, lE pf, gbMN; = 499
14. p vF, vS, 2nd of 3
16. p eeF, np 499
15. p vF, S
15. p vF, S, E
16. p F, vS, R, bMN
F, vS, R, bMN
15. p eF, eS, D* 4' sp
14. p vF, S
15. p eF, vS, S* inv, S* att
vF, vS, sp 507; = 504?
11.2 vF, pL, R, bM, s of 2
12.8 vF, S, n of 2
vF, vS, lE
13. p F, S, stellar
15. p F, vS, R, gbMN, *14 close
15. p F, vS, R, stell
F, S, E, p of 2
14. p vF, vS
F, S, lE, bM, f of 2
eF, vS, possibly F*
11.9 F, L, lE, vglbM, ** f
14. p eF, S, v diffic, 524 f 41s
15. p vF, pL, E, dif
14. p F, vS, R
16. p eF, S, dif
eeF, vS, R, v diffic
pF, vS, R, dif
14. p pF, vS, R, np of 2
11.2 F, cL, E 137deg
13. p F, pL, R, gbM
eeF, S, R, vgbM, 1st of 4
15. p F, vS, R
stellar 13m
16. p F, vS, R, gbM, r
13. p pF, R, stellar, sf of 2
14. p eF, S, mE, F* sf; = IC 106
16. p F, eS, R, lbM
vF, S, dif, lbM; = 530
15. p F, pL, E ns
14. p eF, pL, iF; Cl + neb?
10.6 vB, pL, mbM, 4 S st nr
14. p vF, vS, *11-12 p 5s
15. p vF, S, mbM
eF, eS, 530 np
vF, vS, R, *9 sf 4'
eF, pS, R, *10 att p
eeF, S, R, vgbM, 2nd of 4
eeF, S, R, vgbM, 3rd of 4
15. p F, vS, R, gbM
15. p vF, vS, R, * close p
15. p pB, vS, R
14. p Dneb, vF, vS, pos 90deg , dist 30"
14. p vF, pL, E 30deg , bM
14. p vF, vS, R
15. p eF, S, mE, F* n
pB, S, iF, bMN
vF, vS, R, gbM
13. p F, pL, R, lbM
13. p pB, pL, R, gbM
15. p vF, vS, 1st of 3
eeF, S, R, vgbM, 4th of 4
pB, S, R, gbMN
13. p pB, vS, sbM, p of 2
12.0 F, S, R, bM
13.3 eF, eS
15. p F, S, dif, N 13m
vF
14. p eeF, pS, lE, v diffic, bet 2 st ns
14. p stellar, p of Dneb
12.3 stellar, f of Dneb
eF, eS
*13 with neb
14. p F, S, dif, E pf
15. p F, S, R
stellar; = 523?
16. p eF, vS, R
13. p pB, pL, gbM, f of 2
vF, 3' nf of *5
eF, S, dif
15. p eF, diffic
15. p eF, S, R, *10 nf; = IC 1703
14. p F, S, E 90deg , bM, r
neb *12, FD* nf 2'
F, S, R, lbM
14. p eF, vS, R
14.2 vF, *6 3'.5 npp
I1704
540 Gx
563 Gx
554 Gx
555 Gx
556
I1706 Gx
558 Gx
560 Gx
I 117
*
551 Gx
I 118
552
553
564 Gx
568 Gx
I 119 Gx
I1709 Gx
561 Gx
565 Gx
I 120 Gx
I 122
562 Gx
I 121 Gx
572 Gx
I 123 Gx
I1707
576 Gx
566 Gx
570 Gx
574 Gx
569 Gx
I 124
*
I 125 Gx
559 OC
602 C+N
583 Gx
I 126 Gx
I 127 Gx
571 Gx
578 Gx
577 Gx
580
575 Gx
I1710
573 Gx
I1711 Gx
584 Gx
I 128 Gx
I1712
I 130
586 Gx
I 129 Gx
579 Gx
585 Gx
582 Gx
597 Gx
593 Gx
587 Gx
I1717
589 Gx
588 Kt
I1713 Gx
599 Gx
I 141 Gx
596 Gx
I1714
594 Gx
I 138 Gx
600 Gx
581 OC
592 Kt
I 131 Nb
I 135 Nb
I 136 Nb
601
I 132 Nb
I 133 Nb
I 134
*
591 Gx
595 Kt
I1716
*
590 Gx
I 137 Nb
I1715 Gx
I 139
*
I 140
*
598 Gx
617 Gx
I 142 Nb
612 Gx
I 143 Nb
607
610
611
613 Gx
603 ***
604 Kt
619 Gx
606 Gx
623 Gx
605 Gx
615 Gx
625 Gx
643 Gb
626 Gx
608 Gx
630 Gx
624 Gx
614 Gx
616 D*
622 Gx
618
633 Gx
621 Gx
628 Gx
= M74
631 Gx
620 Gx
627
609 OC
632 Gx
646 Gx
I1719 Gx
I 144 Gx
634 Gx
635
I1718
641 Gx
648 Gx
I 145 Gx
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
26.9
27.1
27.1
27.2
27.2
27.2
27.2
27.3
27.4
27.4
27.6
27.6
27.8
27.8
27.8
27.9
27.9
27.9
28.2
28.2
28.2
28.2
28.4
28.4
28.6
28.8
28.8
28.9
29.0
29.0
29.0
29.1
29.2
29.3
29.5
29.6
29.7
29.8
29.8
29.9
30.5
30.7
30.7
30.8
30.8
30.9
30.9
31.3
31.3
31.4
31.5
31.6
31.6
31.7
31.7
31.9
32.2
32.3
32.5
32.5
32.6
32.7
32.7
32.8
32.8
32.9
32.9
33.0
33.0
33.1
33.2
33.2
33.2
33.2
33.2
33.3
33.3
33.3
33.4
33.5
33.5
33.5
33.6
33.6
33.6
33.7
33.7
33.9
33.9
33.9
34.0
34.1
34.3
34.3
34.3
34.3
34.4
34.5
34.8
34.9
35.0
35.1
35.1
35.1
35.1
35.2
35.4
35.6
35.7
35.8
36.0
36.0
36.3
36.4
36.7
36.7
+14
-20
-18
-22
-22
-22
+14
-01
-01
-01
+37
-05
+33
+33
-01
-35
-02
-35
+34
-01
-01
-14
+48
+02
-39
+02
+33
-51
+32
-00
-35
+11
-01
-13
+63
-73
-18
-01
-06
+32
-22
-01
-02
+21
+21
+41
+17
-06
-12
-06
-15
-06
-12
+33
-00
+33
-33
-12
+35
-67
-12
+30
+35
-12
-14
-07
-13
-16
-00
-07
+60
+30
+30
+30
+30
-12
+30
+30
+30
+35
+30
-12
+44
+30
+12
+30
+30
+30
-09
+30
-36
+30
-07
-20
-20
-29
+30
+30
-36
+21
-36
+41
-07
-41
-75
-39
+33
-39
-10
+33
+33
+00
+33
-37
+35
+15
43
02
38
43
45
42
47
58
55
52
11
00
28
28
53
43
03
43
19
18
55
50
23
31
18
27
36
36
21
57
35
09
56
18
18
33
19
59
59
31
40
59
00
26
26
16
11
52
38
52
35
54
41
38
55
30
29
21
22
32
02
40
20
11
49
02
30
32
42
19
42
39
45
28
30
12
57
53
53
41
42
19
56
31
34
28
29
39
47
45
30
47
25
09
08
25
11
48
28
26
29
16
20
26
33
08
41
21
00
42
46
40
24
18
32
47
d
c
r
r
r
D
v
v
s
x
r
d
r
r
s
r
v
c
r
s
v
d
s
u
r
m
d
c
r
s
r
r
x
m
s
r
r
x
v
r
s
r
D
r
x
r
u
s
m
x
d
s
m
r
r
r
r
r
r
d
r
r
m
r
m
s
d
r
u
s
s
r
x
x
x
r
x
x
x
r
r
F
r
x
u
x
x
s
r
x
s
x
D
r
r
s
A
r
r
r
r
r
s
s
A
r
r
r
r
r
r
s
D
r
r
s
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
Cet
Cet
Cet
And
Cet
Psc
Psc
Cet
Scl
Cet
Scl
And
Cet
Cet
Cet
And
Cet
Scl
Cet
Psc
Phe
Psc
Cet
Scl
Psc
Cet
Cet
Cas
Hyi
Cet
Cet
Cet
Psc
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
And
Psc
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Tri
Cet
Tri
Scl
Cet
Tri
Hyi
Cet
Tri
Tri
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cas
Tri
Tri
Tri
Tri
Cet
Tri
Tri
Tri
And
Tri
Cet
And
Tri
Psc
Tri
Tri
Tri
Cet
Tri
Scl
Tri
Cet
Cet
Cet
Scl
Tri
Tri
Scl
Psc
Scl
And
Cet
Phe
Hyi
Scl
Tri
Scl
Cet
Tri
Tri
Cet
Tri
Scl
Tri
Psc
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
36.8
37.0
37.1
37.2
37.3
37.4
37.6
37.7
38.2
38.3
38.4
38.7
38.7
38.7
+05
+42
+33
+64
+05
-64
-33
-13
+35
-19
+33
-42
-17
+00
51
20
35
33
53
55
55
19
23
56
21
31
50
44
r
r
D
s
r
s
c
m
r
r
d
r
r
m
Psc
And
Tri
Cas
Psc
Hyi
Scl
Cet
Tri
Cet
Tri
Phe
Cet
Cet
1.4
1.4
0.7
2.3
1.8
1.6
2.7
1.6
1.5
1.2
0.4
1.2
2.5
0.4
4.
2.1
4.8
2.7
3.8
0.8
1.6
1.0
2.2
1.0
3.5
1.4
3.5
6.
0.8
62.
5.8
4.0
3.0
2.0
10.2
3.
2.1
0.6
0.6
pB, pS, dif, iF, gvlbM
vF, vS, R, sbMN
14. p vF, pS, lE, bMN, sev F st nr
15. p eF, vS, E, 1st of 3, *11 f
15. p eF, S, iR, 2nd of 3
eF, vS, R, 3rd of 3
F, S, dif, vlbM
eF, S, E, *10 p; = IC 117
12.9 vF, vS, iE, p of 2
pF, S, dif, 560 sf
13. p vF, S, E, vglbM, *13 nr
vF, vS, R, lbM
vS, stellar, p of 2; RA?
vS, stellar, f of 2; RA?
12.5 vF, vS, iF, f of 2
vF, S, R
F, E pf, dif, 564 n
eF, pS, R, v diffic; = 568
14. p eF, pL, R
15. p S, E (biN?)
F, S, dif
pB, S, bM
15. p eF, pS, R, D* nr s
14. p F, S, R, gbM
eF, S, att to S*, B* nr
15. p F, S, R, sbM
eF, dif, *13.3 close
F, S, R, bM, am st 11
14. p vF, S, R
14. p vF, pL, R, mbMN
vS, D* pos 225deg
inv
14. p eF, vS, R
vF, vS, dif
15. p vF, vS, R, lbM
9.5 Cl, B, pL, pRi
B, S, R, psbM*, r
15. p eF, S, R
16. p eF, stellar, 557 f
F, pS, dif, *11.5 close
15. p vF, pS, *13-14 sp
10.9 B, L, pmE, gpmbM
14. p F
pF, pS, R; = 577
14. p eF, pL, iR; = IC 1710
F, pL, dif, *13.5 att; = 575
13. p vF, vS, R, gbM
15. p F, pL, E 260deg , gbM
10.4 vB, pL, R, mbM, p of 2; = IC 1712
14. p F, R, S, N
no descr; = 584
vF, S, dif
13.2 vF, vS, R
14. p F, pL, R, dif
13. p vF, pL, gbM
14. p vF, S, R, bM
13. p vF, pL, pmE, *12 p
F, S, R, bM
14. p vS Cl, lE, nebulous
13. p vvF, S, S Cl?
eF, eS, mE 25deg , stell N
14. p vF, S, R, gbMN, *10 sp 2'
F, p of 2
13. p *13, nebs ?
13. p F, S, iF, er
14. p pB, S, R, N 11.5 excentr
10.9 pB, R, bM, R, *6 f 12'
eeF, S, lE, v dif, *8 n
14. p F, pS, E, glbM
15. p no description
12.4 eeF
7.4 Cl, pL, B, R, Ri, st 10...11; = M103
F, pL, f of 2
vF, close to *13.5
vF
eF, diffic, *10 np 3'
vF, vS, R, 4' sf 599
vF, D* (13, 13) close
vF, S, vlb south, dif
vF, susp, *9 n 3'
14. p eF, pS, R, lbM, B* sf
vF, S, R, inv in M33
eF, r, neb?
14. p F, vS, rr?
vF, pL, dif
14. p F, S, R, N, r
vF, v dif, vlbM
vF, dif
5.7 ! eB, eL, R, vgbMN; = M33
15. p eF, S, lE
vF, stellar, or *13 inv
13.2 F, vS, R, *12 p
vF, S, dif, *13 f 0'.6
*11, *14 close s
eF, vS, R, vgbM, *10 p 2'
eF, vS (F*?), 30" nf 610
10.0 vB, vL, vmE 118deg , sbM, *10 nf
only an eF*?
B, vS, R, vvlbM
eeF, vS, R, p of 2
14. p eF, pS, R, vlbM, r?
F, S, R, f of 2
14. p vF, vS, R, bM
11.5 pB, pL, ilE, gbM, r, *8 np 10'
12. p B, L, mE, gpmbM
13. p vF, pS, R, vglbM
pF, S, R, bM
14. p vF, psbM, stellar
pF, S, R, bM
14. p eF, S, am vS st
14. p pF, psbM, stellar
neb D*, *8 np
14. p eF, pL, dif
nonexistent
pB, S, R, gbM, ** np
14. p vF, eS, R, bMN
9.2 glob. cl. , F, vL, R, vg, psmbM, rr;
15. p vF, S, gbM
14. p eF, vS, R, lbM
nonexistent
11.0 Cl, S, pRi, st 14...
13. p pB, S, R, psbM
vF, iR, vglbM
vF, S, R, cF, * nr nf
15. p eF, eS, stellar
14. p eF, eS, sev F st inv
eF, vS, R
F, pS, pR, *13.5 att
F, S, R, gpmbM, p of 2
14. p vF, vS, vlE, sbMN
15. p F, S, dif
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
I 146 Gx
639 Gx
644 Gx
642 Gx
636 Gx
640 Gx
638 Gx
647 Gx
649 Gx
I 147 Gx
645 Gx
629
I1720 Gx
652 Gx
I1721 Gx
2573 Gx
Australis
655 Gx
658 Gx
650 Pl
651 Pl
653 Gx
656 Gx
I 148
I 149 Gx
637 OC
660 Gx
I 150 Gx
I1722 Gx
I1723 Gx
I1724 Gx
657 OC
664 Gx
I 151
654 OC
I 152
659 OC
661 Gx
662 Gx
I 153
665 Gx
667 Gx
I1725
I 154 Gx
I1726 Gx
I 156 Gx
I 157
I 158
663 OC
666 Gx
668 Gx
I 160 Gx
I 159 Gx
671 Gx
669 Gx
670 Gx
I 155
I1727 Gx
I1728 Gx
685 Gx
690 Gx
672 Gx
I1729 Gx
673 Gx
692 Gx
I 161
I 162 Gx
675 Gx
676 Gx
682 Gx
686 Gx
677 Gx
I 164
674
681 Gx
I 163 Gx
I1734 Gx
678 Gx
696 Gx
683 Gx
698 Gx
679 Gx
680 Gx
689 Gx
I1730 Gx
684 Gx
I 165
?
I1731 Gx
I1739
693 Gx
I 168
1mag )
687 Gx
699 Gx
I 169
691 Gx
I1733
688 Gx
I1732 Gx
I1735
I1736 Gx
694 Gx
701 Gx
I 167 Gx
I1738 Gx
695 Gx
707 Gx
697 Gx
702 Gx
I1740
I1737
706 Gx
I1741 Gx
I 170
700 Gx
711 Gx
I 166 OC
725 Gx
704 Gx
703 Gx
705 Gx
708 Gx
709 Gx
716 Gx
I1743 Gx
710 Gx
720 Gx
I1745
712 Gx
715
718 Gx
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
38.7
38.9
38.9
39.0
39.1
39.3
39.6
39.8
40.0
40.0
40.2
40.3
40.4
40.7
41.4
42.
-17
-29
-42
-29
-07
-09
+07
-09
-09
-14
+05
+72
-28
+07
+08
-89
50
55
35
54
31
23
14
13
14
52
44
53
55
59
30
20
c
r
r
r
s
r
r
r
r
m
r
r
c
r
u
c
Cet
Scl
Phe
Scl
Cet
Cet
Psc
Cet
Cet
Cet
Psc
Cas
Scl
Psc
Psc
Oct
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
42.0
42.2
42.3
42.3
42.4
42.4
42.4
42.4
42.9
43.0
43.0
43.0
43.2
43.2
43.7
43.8
44.0
44.1
44.1
44.2
44.2
44.5
44.6
44.8
45.1
45.2
45.3
45.3
45.5
45.7
45.9
46.0
46.0
46.3
46.4
46.5
46.9
47.2
47.4
47.5
47.5
47.7
47.8
47.8
47.9
47.9
48.4
48.7
48.7
48.9
49.0
49.0
49.0
49.0
49.1
49.1
49.2
49.2
49.3
49.3
49.4
49.4
49.6
49.6
49.7
49.8
49.9
50.0
50.2
50.2
50.2
50.4
50.5
50.5
-13
+12
+51
+51
+35
+26
+13
-16
+64
+13
+04
-34
+08
-34
+55
+04
+13
+61
+13
+60
+28
+37
+12
+10
-22
+21
+10
+04
+10
+12
-06
+61
+34
+36
-13
-08
+13
+35
+27
+59
+27
-33
-52
-16
+27
-26
+11
-48
+10
+10
+13
+05
-14
-23
+13
-03
+22
-10
+20
-32
+22
-34
+11
-34
+35
+21
-27
+21
+27
+27
+27
-34
+06
-08
04
35
34
35
39
09
39
18
00
38
12
11
53
15
53
14
12
53
02
42
42
41
38
26
56
47
39
37
33
52
56
15
23
27
15
39
06
33
53
47
20
36
47
43
26
53
32
39
22
31
02
54
59
48
02
55
20
26
42
45
00
55
41
50
47
58
28
58
39
38
12
03
09
32
r
s
s
d
r
r
d
m
s
s
u
c
v
c
r
s
d
s
d
s
s
s
d
r
r
d
u
z
u
d
d
s
r
s
m
m
r
s
s
d
s
c
s
r
s
c
s
c
d
u
r
s
r
r
r
D
r
s
t
c
s
r
r
r
s
s
r
m
s
x
v
d
s
d
Cet
Psc
Per
Per
And
Psc
Psc
Cet
Cas
Psc
Psc
Scl
Psc
Scl
Cas
Psc
Psc
Cas
Psc
Cas
Tri
And
Psc
Psc
Cet
Psc
Psc
Psc
Psc
Psc
Cet
Cas
Tri
And
Cet
Cet
Ari
Tri
Tri
Cas
Tri
For
Eri
Cet
Tri
For
Ari
Phe
Psc
Psc
Ari
Psc
Cet
For
Ari
Cet
Ari
Cet
Ari
For
Ari
For
Ari
For
And
Ari
For
Ari
Tri
Tri
Tri
For
Psc
Cet
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
50.6
50.6
50.6
50.7
50.7
50.8
50.8
50.9
50.9
51.0
51.1
51.1
51.1
51.2
51.2
51.3
51.3
51.3
51.7
51.8
51.9
52.0
52.2
52.5
52.5
52.6
52.7
52.8
52.8
52.8
52.9
52.9
52.9
53.0
53.0
53.0
53.2
53.2
53.2
+36
-12
-12
+21
+33
+35
+35
+33
+18
+22
-09
+21
-09
+22
-08
+22
-04
-29
+36
+06
-16
-08
+36
+17
+61
-16
+36
+36
+36
+36
+36
+12
+12
+36
-13
-16
+36
-12
+04
21
03
41
46
06
16
55
06
18
00
42
55
47
35
30
21
03
57
15
18
47
32
04
30
50
31
06
09
08
10
13
32
43
02
44
40
48
50
12
r
r
d
s
d
r
u
d
u
s
s
v
v
s
r
s
s
d
d
s
m
d
r
r
s
r
r
s
r
s
r
A
v
r
s
d
r
D
s
And
Cet
Cet
Ari
Tri
Tri
And
Tri
Ari
Ari
Cet
Ari
Cet
Ari
Cet
Ari
Cet
For
And
Psc
Cet
Cet
And
Ari
Cas
Cet
And
And
And
And
And
Ari
Ari
And
Cet
Cet
And
Cet
Psc
1.4
2.3
0.8
1.3
1.2
3.6
3.2
4.8
F, vS, R, lbM; = 648
15. p vF, vS, p of 2
F, S, vlE, glbM, f of 2
14. p vF, pS, R, gbM, * f nr, f of 2
11.3 pB, vS, R, mbM, r
15. p eF, S, lE 170deg , lbMN, *10 s 4'
14. p vF, pS, R
14. p eF, pS, lE 160deg , bMN, *8 f 16s
15. p eF, S, E 0deg , bM D*?
14. p F, vS, R, vF* close
14. p F, pL, mE
iF, 3 st + neb
eF, eS, R, B, * p
14. p eeF, pS, R, v diffic
14. p pB, pS, E pf, gbM, r
13.5 F, S, R, glbM, Polarissima
14.
14.
12.
12.
14.
13.
p
p
p
p
p
p
1.0
4.
9.1
1.0
1.8
3.5
1.6
14. p
8.2
10.8
15. p
1.8
14. p
5.
5.
2.2
1.0
6.5
7.9
13. p
14.3
13. p
1.3
1.8
16.
2.3
0.8
0.6
3.4
2.5
6.2
1.4
4.1
6.6
1.9
2.4
2.4
1.9
4.3
2.8
1.8
1.5
5.0
15. p
15. p
15. p
7.1
13. p
14. p
14. p
16. p
14. p
13. p
12.1
11.6
12. p
14. p
10.8
13. p
15.
15.
11.
13.
13.
14.
p
p
p
p
p
p
11.8
14. p
13. p
15. p
2.3
2.9
0.6
3.9
12.4
13. p
15. p
15. p
13. p
1.7
2.7
3.5
1.7
1.4
0.8
2.5
3.0
1.2
0.7
4.7
1.5
2.2
0.7
5.
1.5
3.3
2.1
4.4
2.8
14. p
eF, eS, gbMN
pF, pS, mE, mbM
vB, p of Dneb; = M76
vB, f of Dneb; = M76
vF, pL, mE, lbM, sev st inv
F, vS, R, r?
eeF, pS, v diffic, 660 sf
F, pS, E pf, lbM
Cl, pS, B & vF st
pB, pL, E, bM, r
F, S, R, dif, *10.5 near, 664 f
F, S, cE 45deg
F, pL, E 200deg , glbM
F, S, cE 175deg
Cl, pRi, st 12
vF, S, R
eF, pS, np of 2
Cl, iF, Ri, one *6-7, st 11...14
eF, S, R, vF* close, sf of 2
Cl, lRi, st B
F, S, R, bM, r
F, S, R, mbM
eF, pS, R, sp of 2
F, S, lE, bM, r
eF, S, R, *10 np 100"
F, S, pR, dif
F, vS, lbM, *11.5 sp
F, vS, gbM, *13.5 close
pB, S, R, mbMN = *12
eeF, S, R, D* p, nf of 2
vF, vS, R, mbM
Cl, B, L, eRi, st pL
vF* in eF, eS neby
pF, pS, R, gbM
F, stellar, 13m
pB, S, R, mbM
eF, pS, R, bet D* & *
pF, pL, mE, gbM
F, S, lE
vF, eL, dif
F, L, st inv, 672 nf
F, S, E 160deg , mbM
F, vL, R, vgvlbM
vF, vS, R, lbM
F, pL, mE 80deg
pB, eS, alm stell, rr?
pF, pL, E, lbM, *11 nf 3'
B, S, R, gbM
eeF, vS, R
eeF, S, lE
vF, S, R, lbM, sp of 2
vF, E 161deg , sbM *9
cF, S, R, gvlbM
vF, vS, R, gbM, er, 2 st nr
eeF, S, R, nf of 2
pF, S, R, bet 2 st (S Cl?)
pB, vmE, *14 f 8s ; = 697?
pF, cL, R, glbM, S* p 90"
F, pS, R, bM
vF, pS, lE 100deg , bM
pB, S, iR, mbM, p of 2
F, S, R
eF, 2 st 14 p 90"
eF, S
F, stellar
pB, S, iR, mbM, f of 2
vF, pL, R, gbM
F, S, R, gbM
F, vlE, *13 f 100"; = IC 165
eF, S, lE, vF* close f; = 684
F, E npsf, bM, prob spir
cF, cS, R, mbM
pF, S, E 90deg , vglbM, *10 nf
vF, stellar, *10 f 4' (707 f
13. p vF, stellar
14. p eF, pS, E 105deg , bnp, curved
F, S, E pf, bM, r
12. p F, cL, vglbM
F, vS, pR, r
13. p vF, vS, r?
15. p vF, pS, mbM; eF st inv?
vF, vS, R
15. p F, pS, E 210deg , glbM
14. p F, S, R, bet 2 st 15
12.2 F, pL, E, vgvlbM, r
eF, *10.5 n 4'
eF, vS, 701 p
14. p vS, stellar
14. p vF, F* in centre
13. p F, cL, E, mbM
14. p eF, vlE 0deg , *13 s 90"
pB, eS, lE, like D*
eF, 3 or 4 vF st in neb
13. p F, S, bM, *13 n 1'
14. p eF, eS; = 690?
F, vS, R, stellar
15. p eF, vS, R, sp 703
14. p vF* in vF, vS neby
11.7 S Cl, nebulous?
14. p vF, vS, R
14. p vF, vS, R, 2nd of 4
15. p vF, vS, R, 1st of 4
14. p vF, vS, R, 3rd of 4
15. p F, pL, bM, 4th of 4
15. p vF, pS, bet 2 st, group sp
eF, S, R, B* f
vF, pS, lbM, dif; = 716?
14. p vF, pS, 2 st s
10.2 cB, pL, lE, psmbM
eF, eS
14. p vF, R, am pB st
eF, S, gbMN
11.7 pB, S, iR, psmbM
I1742 Gx
714 Gx
I1744 Gx
719 Gx
727 Gx
724
723 Gx
717 Gx
729 D*
745 Gx
I1746 Gx
754 Gx
756 Gx
721 Gx
722 Gx
734 Gx
731 Gx
I 172 Nb
713 Gx
728 ***
I 171 Gx
730
*
726 Gx
749 Gx
758 Gx
I 173 Gx
I1748 Gx
747
I1749 Gx
I 174 Gx
I 175 Nb
733 Gx
741 Gx
748 Gx
755 Gx
757
I1750 Gx
I1751
732 Gx
742 Gx
735 Gx
736 Gx
737
796 C+N
738 Gx
740 Gx
I 176 Gx
I1754 Gx
I1758
739 Gx
I1756
762 Gx
I 177
I1757
764 D*
I1755 Gx
I1752
I1753
763
750 Gx
173deg
I1760
751 Gx
I1747 Pl
753 Gx
752 OC
759 Gx
760 D*
761 Gx
782 Gx
I1762 Gx
746 Gx
I1759 Gx
744 OC
775 Gx
743 OC
766 Gx
768 Gx
765 Gx
I1763
767 Gx
I 178
I1761 Gx
773 Gx
802 Gx
770 Gx
772 Gx
774 Gx
769 Gx
I 183 Gx
779 Gx
795 Gx
I 182 Gx
776 Gx
I 184 Gx
I 180 Gx
I 181 Gx
I1767
781 Gx
I 185 Gx
777 Gx
I 179
778 Gx
I 186 Gx
I1764 Gx
780 Gx
I1765
I1768 Gx
I1769
787 Gx
783 Gx
788 Gx
I1766
784 Gx
786 Gx
790 Gx
813 Gx
791 Gx
785 Gx
I 187
I 189 Gx
I 188
I 190 Gx
I1770
792 Gx
799 Gx
800 Gx
I1771
789 Gx
794 Gx
I 191
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
53.2
53.6
53.6
53.7
53.7
53.8
53.9
54.0
54.0
54.2
54.3
54.4
54.5
54.8
54.8
54.8
54.9
54.9
55.1
55.1
55.2
55.3
55.6
55.6
56.0
56.0
56.1
56.2
56.2
56.3
56.3
56.4
56.4
56.4
56.4
56.4
56.4
56.4
56.5
56.5
56.6
56.7
56.7
56.7
56.9
56.9
56.9
56.9
56.9
57.0
57.0
57.1
57.1
57.1
57.2
57.2
57.3
57.3
57.4
57.5
+22
+36
+19
+19
-35
-23
-23
+36
-35
-56
+04
-56
-16
+39
+20
-17
-09
+00
-09
+04
+35
+05
-10
-29
-03
+01
+17
-09
+06
+03
+01
+33
+05
-04
-09
-08
+04
+05
+36
+05
+34
+33
+33
-74
+33
+33
-02
+04
-16
+33
-00
-05
-00
-00
-16
+14
+28
+28
-08
+33
43
12
50
49
52
52
46
13
49
41
48
46
43
23
41
03
01
49
05
12
17
37
49
57
06
17
39
28
45
46
20
04
38
28
04
55
05
38
48
38
11
03
03
13
03
01
01
02
32
14
28
26
09
29
02
34
37
36
59
13
m
r
u
r
r
r
r
r
A
c
v
c
r
s
r
r
s
x
r
r
u
r
r
r
r
v
u
r
u
u
x
r
s
v
v
r
u
x
r
s
s
s
D
r
r
s
u
u
d
r
d
r
d
d
F
u
d
d
r
s
Ari
And
Ari
Ari
For
For
Cet
And
For
Eri
Psc
Eri
Cet
And
Ari
Cet
Cet
Cet
Cet
Psc
Tri
Psc
Cet
For
Cet
Cet
Ari
Cet
Psc
Psc
Cet
Tri
Psc
Cet
Cet
Cet
Psc
Psc
And
Psc
Tri
Tri
Tri
Hyi
Tri
Tri
Cet
Psc
Cet
Tri
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Ari
Tri
Tri
Cet
Tri
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
57.5
57.6
57.6
57.7
57.8
57.8
57.8
57.8
57.8
57.8
57.9
57.9
58.4
58.5
58.7
58.7
58.7
58.8
58.8
58.9
58.9
58.9
59.0
59.1
59.2
59.3
59.4
59.5
59.6
59.7
59.8
59.8
59.9
59.9
00.0
00.0
00.0
00.1
00.1
00.2
00.2
00.3
00.4
00.4
00.5
00.6
00.8
00.9
01.0
01.1
01.1
01.2
01.3
01.5
01.5
01.6
01.7
01.8
01.9
01.9
02.0
02.1
02.2
02.3
02.3
02.3
02.3
02.5
02.5
02.5
-32
+33
+63
+35
+37
+36
+33
+33
-57
-33
+44
-32
+55
-26
+60
+08
+00
+24
-27
-09
+36
+00
-11
-67
+18
+19
+14
+30
-05
-05
-55
+07
+23
-06
+23
+23
-11
+12
-01
+31
+38
+31
-01
+24
+28
+31
-25
-31
-09
+31
-06
+31
+28
+15
-05
-68
+08
+31
+26
+23
+27
+23
+09
+15
-00
-00
+09
+32
+18
+18
00
12
20
55
41
20
21
23
46
14
56
59
29
18
11
20
31
53
47
35
37
34
31
52
57
01
01
54
22
58
49
25
38
50
37
40
07
38
31
26
02
17
33
34
13
51
02
55
00
52
49
47
50
38
23
26
29
49
28
33
02
32
59
42
06
08
58
04
22
22
d
s
s
s
s
s
r
s
s
c
s
c
s
r
s
r
r
r
d
r
d
z
r
c
s
s
r
r
m
s
c
u
r
m
z
z
d
r
m
s
D
r
z
u
r
x
c
d
r
s
s
x
s
r
r
c
r
r
d
m
d
m
d
r
r
r
d
r
r
x
For
Tri
Cas
And
And
And
Tri
Tri
Eri
For
And
For
Per
For
Cas
Psc
Cet
Ari
For
Cet
And
Cet
Cet
Hyi
Ari
Ari
Ari
Tri
Cet
Cet
Eri
Psc
Ari
Cet
Ari
Ari
Cet
Ari
Cet
Tri
And
Tri
Cet
Ari
Tri
Tri
For
For
Cet
Tri
Cet
Tri
Tri
Ari
Cet
Hyi
Psc
Tri
Tri
Ari
Tri
Ari
Psc
Ari
Cet
Cet
Psc
Tri
Ari
Ari
0.7
1.4
15.
14.
15.
14.
p
p
p
p
13. p
14. p
1.5
1.9
0.7
2.0
1.7
0.1
15. p
13.4
14. p
13. p
15. p
2.5
14. p
14. p
14. p
1.2
1.2
15. p
1.2
1.7
0.2
15. p
15. p
3.2
2.9
4.0
11.3
1.1
15. p
0.2
2.0
2.0
15. p
15. p
14. p
12.2
1.7
2.4
1.1
15.
15.
15.
15.
p
p
p
p
15. p
13. p
1.6
15. p
1.6
12.2
1.3
0.2
2.9
50.
2.1
12.5
14. p
12.4
5.7
14. p
1.6
2.1
1.7
1.9
1.8
11.
15. p
13. p
13. p
7.9
14. p
5.
14. p
14. p
14. p
14. p
15. p
14. p
0.7
1.3
7.1
1.0
4.1
1.5
2.0
1.0
0.5
3.0
1.7
14. p
10.3
14. p
13. p
15. p
11.0
15.
13.
14.
15.
16.
p
p
p
p
p
14. p
16. p
12. p
14.
15.
14.
14.
p
p
p
p
1.9
1.8
1.8
6.2
13. p
13. p
12.3
11.8
14. p
13. p
1.3
15. p
14. p
0.7
15. p
0.3
15. p
14. p
14. p
14. p
14. p
14. p
F, S, lE pf, glbM
F, vS, R, 2 st 13 p and np
F, S, R, glbM
eF, R, vF* f
F, S, R, bM
vF, pL, R, gbM, S* ssp; = 723
pF, vS, R, vgbM
vF, pS, *15 sf 1'
eeF, S, R
pB, S, R, gbM
F, S, pR, gbM
vF, S, R, bM
F, vS, R, bMN
eF, pL
vF, vS, R, beta Ari n
vF, vS, R, bMN, *11 p 11s
eF, stellar
pB, S, R, bM
eF, pS, E 90deg , glbMN, *14 np
suspected neb
pB, pS, cE, * nf
vF, very stellar
vF, pL, iR, *9 3' f
pB, S, E, bM
vF, vS
F, pS, R, lbM
vF
eF, pS, lE 180deg
F, S, E ns, biN, r
neb *13
vF, dif, diffic
vF, 2' p 736
pF, S, R, p of 2, pos 102deg
pF, *9 np
vF, pS, vlE
F, S, gbMN; = 755?
vF, vS, pR, N
pB, pS, R, *9 np; = 741
vF* in vF, vS, R neby
vF, vS, R, sbM, f of 2
eeF, stellar
pB, R, bM
only a faint star
eF, vS, R, * np 25"
neb, 75" nf 736
F, L, cE
pB, S
F, S, gbM
F, eS, sbM *11
cF, vS, R, in triangle of st
vF, E npsf, *13 close sf
vF, S, lE, vglbM
F, vS, R, dif
eF, vS, R
eF, vS, iR, gbM
F, S, dif
F, vS, *14.5 att
F, vS, dif, 14.5 close
vF, pL, E 65deg , gbMN
cB, pL, R, D with 751 at 25", pos
eF, pS, R, (decl 1deg farther s?)
pF, eS, R, bM, Dneb with 750
PN , stell
pB, pL, R, gmbM
Cl, vvL, Ri, st L & sc
Cl, vS, R
vF, R, 761 nf
pF, cL, 4 F st nr
pB, pL, lE, *12 att
eeF, pS, R, *7 nf
vF, pS, lE, sev st nr
pB, vS, R, bM, *10 close sp
Cl, pL, pRi, iF, st 11...13
pF, S, R, glbM
Cl, not Ri, D* (h 1098)
vF, S, R, *11 at 2', pos 75deg
eF, pS, R, *8 f 30s
vF, vS
eeF, S, R, *8 ssf
eF, pS, E 160deg
pF, N = 13m
vF, vS, R, gbMN
cF, pL, E 0deg , glbM
eeF, vS, R, *13 p 100"
vF, S, R, sp 772
B, cL, R, gbM, r
vF, stellar
vF, vS, iR, bM, F* att
F, vS, R, lbM
cB, L, mE 162deg , mbM
pF, S, R, 2 st 11 nr
F, pL, biN
F, pL
eF, vS
vF, eS, R, stellar, sf 776
eF, eS, stellar
eF, pS, bet 2 st 10.5, 2 st n
eF, stellar
eF, vS, dif
pB, pL, R, glbM
pB, S, lE, *9.5 nf
eF, vS, R, lbM
F, double, dist 15"
F, vS, R, lbM
vF, vS, E, 3 st p
S* att p; = 783
eeF, pS, R, 3 st 9 sf, v diffic
eF, eS, mE 80deg
vF, S
eF, S, iR, vF st att; = IC 1765
pF, pS, R, bM
no descr; = 785
vF, L, E (double?)
eF, vS
cF, cS, R, bM
pF, S, R, gbM
vF, S, *14 f 3'
eF, eS, vF* att; = IC 1766
eeF, R
vF, vS, R, *13.5 close
eeF, vS, R
F, vS, R, mbM
F, vS, R, stell
eF, S, R, *11 75deg
eeF, pS, R, n of 2
eeF, S, R, s of 2
F, vS, R, stell
vF, S, lE
vF, cS, stellar; = IC 191
pB, pL, lE; = 794
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
103
I 192 Gx 2 02.5
I1772 Gx 2 02.6
I 193
2 02.7
793
- 2 02.9
814 Gx 2 02.9
815 Gx 2 02.9
I 194 Gx 2 03.1
771
- 2 03.4
797 Gx 2 03.4
798 Gx 2 03.4
806 Gx 2 03.6
801 Gx 2 03.7
I 195 Gx 2 03.7
803 Gx 2 03.8
804 Gx 2 03.9
I 196 Gx 2 03.9
I1774 Gx 2 03.9
808 Gx 2 04.0
I1773 Gx 2 04.0
I 197 Gx 2 04.1
805 Gx 2 04.4
809 Gx 2 04.4
811 Gx 2 04.7
807 Gx 2 04.8
I1776 Gx 2 05.2
810 Gx 2 05.3
I1775 Gx 2 05.3
I 198 Gx 2 06.1
I1777 Gx 2 06.1
I 199 Gx 2 06.3
I1778
2 06.3
I1779 Gx 2 06.5
822 Gx 2 06.6
812 Gx 2 06.8
824 Gx 2 06.8
I1781 Gx 2 06.9
I1780 Gx 2 07.0
823 Gx 2 07.3
I 201
2 07.3
I1782 Gx 2 07.3
I 200
2 07.4
I 204
2 07.4
I 205 Gx 2 07.4
I 202 Gx 2 07.5
I 203
2 07.5
I 206
2 07.5
I 207
2 07.7
816 Gx 2 08.0
817
2 08.4
820 Gx 2 08.4
821 Gx 2 08.4
I 208 Gx 2 08.4
819 Gx 2 08.5
825 Gx 2 08.5
818 Gx 2 08.7
829 Gx 2 08.7
827 Gx 2 08.8
852 Gx 2 08.9
830 Gx 2 09.0
I 209 Gx 2 09.0
833 Gx 2 09.3
826 Gx 2 09.4
835 Gx 2 09.4
I 210
2 09.4
831 Gx 2 09.5
838 Gx 2 09.6
839 Gx 2 09.7
842 Gx 2 09.8
832 Gx 2 10.1
I1783 Gx 2 10.1
828 Gx 2 10.2
840 Gx 2 10.2
844 Gx 2 10.2
849 Gx 2 10.2
848 Gx 2 10.3
837 Gx 2 10.4
836 Gx 2 10.5
834 Gx 2 11.0
843 *** 2 11.1
I 211 Gx 2 11.1
850 Gx 2 11.2
851 Gx 2 11.2
841 Gx 2 11.3
854 Gx 2 11.6
853 Gx 2 11.8
846 Gx 2 12.2
847 Gx 2 12.2
845 Gx 2 12.3
858 Gx 2 12.5
857 Gx 2 12.6
862 Gx 2 13.0
856 Gx 2 13.6
I 212 Gx 2 13.6
859
2 13.9
855 Gx 2 14.0
I 213 Gx 2 14.0
I 214 Gx 2 14.0
I 215 Gx 2 14.2
863 Gx 2 14.6
866
2 14.6
885
2 14.6
860 Gx 2 15.1
872 Gx 2 15.4
inv
864 Gx 2 15.5
861 Gx 2 15.8
I 216 Gx 2 15.8
I1788 Gx 2 15.8
867
2 15.9
868 Gx 2 16.0
I1786 Gx 2 16.0
865 Gx 2 16.1
874
2 16.1
I 217
2 16.2
I1784 Gx 2 16.2
I1787
2 16.2
I1785
2 16.4
873 Gx 2 16.6
879 Gx 2 16.8
875 Gx 2 17.1
I 218 Gx 2 17.1
870 Gx 2 17.2
871 Gx 2 17.2
888 Gx 2 17.5
I1790
2 17.6
I1791 Gx 2 17.7
878 Gx 2 17.8
876 Gx 2 17.9
877 Gx 2 18.0
166deg , 285"
I1789
2 18.2
104
+16
+07
+11
+32
-14
-14
+02
+72
+38
+32
-09
+38
+14
+16
+30
+14
+15
-23
+30
+02
+28
-08
-10
+28
+06
+13
+13
+09
+15
+09
+09
+03
-41
+44
-36
-00
+14
-25
+09
-25
+31
-01
-02
+09
+09
-07
-06
+29
+17
+14
+11
+06
+29
+06
+38
-07
+07
-56
-07
-07
-10
+30
-10
-09
+06
-10
-10
-07
+35
-32
+39
+07
+06
-22
-10
-22
-22
+37
+32
+03
-01
+03
+37
-35
-09
+44
+44
+37
-22
-31
-42
-00
+16
-00
+27
+16
+05
-06
-00
-00
-00
+30
-17
01
44
05
00
38
42
36
25
07
04
56
15
42
02
49
43
18
19
49
47
48
43
06
59
06
14
31
17
12
13
13
41
09
34
28
31
44
27
06
27
10
23
06
10
07
02
59
15
12
20
00
23
14
19
47
47
58
44
46
04
08
44
08
40
06
09
11
45
32
56
12
50
03
19
19
26
04
40
06
52
30
47
30
51
18
34
34
29
27
57
04
44
36
44
53
28
11
47
46
46
46
47
48
u
m
d
r
A
A
u
s
r
r
r
r
u
s
r
a
u
v
u
u
r
r
r
r
u
r
m
v
z
u
d
z
r
s
r
z
m
r
d
c
d
d
u
u
d
d
d
r
D
r
s
m
r
r
s
v
r
r
r
h
s
r
s
d
r
s
s
v
r
s
s
s
r
r
s
r
r
r
r
v
r
s
s
r
r
r
D
r
s
r
r
r
z
F
r
z
u
m
s
F
F
r
r
Ari
Psc
Ari
Tri
Cet
Cet
Cet
Cas
And
Tri
Cet
And
Ari
Ari
Tri
Ari
Ari
Cet
Tri
Psc
Tri
Cet
Cet
Tri
Psc
Ari
Ari
Psc
Ari
Psc
Psc
Cet
Phe
And
For
Cet
Ari
For
Cet
For
Tri
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Tri
Ari
Ari
Ari
Cet
Tri
Cet
And
Cet
Cet
Eri
Cet
Cet
Cet
Tri
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Tri
For
And
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
And
Tri
Cet
Cet
Cet
And
For
Cet
And
And
And
Cet
For
Phe
Cet
Ari
Cet
Tri
Ari
Cet
Cet
Cet
Cet
Cet
Tri
Cet
1.1
0.6
+06
+35
-02
-31
+01
-00
+05
+28
-23
-11
+32
-11
+32
-11
-08
+01
+01
+14
+14
-59
+12
+12
-23
+14
+14
00
55
01
12
03
44
09
36
11
56
39
57
39
20
58
14
18
33
33
52
30
29
22
31
33
s
r
z
s
F
r
z
r
D
d
s
d
d
r
r
r
m
r
s
c
d
u
r
v
s
Cet
Tri
Cet
For
Cet
Cet
Cet
Tri
Cet
Cet
Tri
Cet
Tri
Cet
Cet
Cet
Cet
Ari
Ari
Hor
Ari
Ari
Cet
Ari
Ari
4.6
+32 24 d
Tri
1.7
1.5
3.3
2.1
1.6
1.4
1.0
2.3
0.6
1.4
1.6
3.2
0.6
2.2
1.1
1.6
3.5
1.5
3.2
1.4
0.8
1.9
1.4
1.7
1.8
2.0
3.2
2.5
1.9
2.5
1.5
2.0
1.6
0.9
1.0
1.4
2.5
15. p F, L, R, lbM
15. p F, S, slbM, *8.5 166" n
eF, pS, lE, B* sf, F* f
vvF, bet 2 st, sf 789
16. p eF, S, R, gbM
16. p eF, vS, R, gbM
15. p vF, vS, R, *9.5 f 15s
4.0 suspected neb* (50 Cas)
13. p vF, S, iR, sbM, * nr
14. p eF, vS
14. p eeF, S, R, v diffic, pB* n
13. p eF, pS, iR, D* close f
14. p eeF, S, R, F* s
12.4 vF, S, iR, glbM, *10 p 3s .5
14. p eeF, vS, R, lbM
pF, pS, R, 3 st nr
15. p vF, dif
vF, pS, vlE
15. p vF, vS, gbM, r
14. p pB, S, E 225deg gbM
14. p eF, eS, R, 2 st 14 p
14. p vF, S, R
14. p eF, eS, R (neb?), *10 s 1'
14. p vF, vS, iR, bet 2 st n & sp
14. p F, pL, iR, dif
15. p vF, vS, R, bM
15. p F, S, dif, *13.5 nr
pB, pS, R, bM
16. p F, eS, R, stell
15. p F, S, R, bM
F, S, R, gbMN
15. p F, S, R, *14 nr
cF, vS, R, sbM, r
13. p eF, pL, E 45deg , bM
F, S, R, vsvmbM *13
15. p F, vS, R, N
15. p F, S, dif, sev st 9-10 nr
14. p vF, vF D* inv
vF, S, dif
vF, D* in neb; = 823
pB, pL, R, bM
no description
15. p pB, vS, irr R
15. p vF, vS, dif
vF, vS, R, *10 sf
pF, S, irr R
pF, S, irr R
15. p vF, vS, iF
14. p eF, vS, R, 2 st nr
13. p F, vS, R, bM
10.8 pB, vS, vlE, svmbM, *10 np 1'
13. p vF, pL, dif
14. p pF, vS, R, *13 n
14. p F, S, mE
13. p pB, cL, lE, mbM
F, S, *11 s, 1st of 3
14. p vF, S, E, bM, am st
pF, pS, R, glbM, r
14. p pF, vS, R, 2nd of 3
13. p pB, S, dif
12.7 F, S, R, 1st of 4
15. p eF, S, R, lbM
12.2 F, S, R, 2nd of 4
no description
15. p vF, pS
12.8 vF, vS, R, 3rd of 4
13.0 vF, pS, R, 4th of 4
vF, vS, R, psbM, 3rd of 3
F, vS, *9-10 sp
13. p pF, vS, mE ns, F* p
13. p pB, S, iR, D* f 15s
15. p eF, vS
15. p F, S
eF, vS, R (neb?)
13.1 eeF, pL, v diffic, * nf
15. p eF, pS, mE 0deg , *10 n 1'
14. p eF, S, R, gbMN
13. p vF, S, lE
glob. cl. , F, S, R
F, pS, R, bM, 851 sf
14. p eF, eS, iF
15. p eF, pS, R, v diffic
13. p pB, vS, mbMN = *13-14
cF, pS, lE 0deg , gbM
13. p F, S, E
13. p eF, vS, R, gbM
vF, pL, R; = 846
14. p vF, iF, stellar
13. p eF, pL, R
13. p cB, S, E, psmbM
F, vS, svmbM
14. p eF, S, lE, F* close f
16. p F, vS, R, stellar
pF, pS, R, lbM; = 856
13. p F, S, lE 90deg , bM
15. p F, S, gbM, *13.5 close
14. p pB, S, gbM, r
15. p pB, E pf
14. p vF, R, bM, stellar
pF, pS, R, lbM; = 863
vF, pS, R, lbM; = 863
15. p *13 in F neb
14. p vF, pS, mE 0deg , gvlbM, sev F st
11.0
15. p
16. p
12.4
15. p
15. p
14. p
1.6
13.2
13. p
0.7
1.3
1.3
1.2
2.1
2.3
14. p
15. p
16. p
13.5
15. p
15. p
11.8
eF, cL, R, gbM, *12 sf att
vF, S, D* att sp
vF, eS, R, lbM
pF, pS, R, 2 st nf
eF, vS, R, bM; = 875
eF, pS, R
vF, vS, R, N
eF, eS, iR
no neby; = D*?
F, pL, E ns
F, L, E pf, gbM
eF, vmE, bet 2 st pf, *8 nf
F, S, R, stell
F, pL, R, vglbM
eF, pS, iR, bM
vF, vS
vF, S, dif, *13.5 close, 875 sf
eF, stellar, 2 vF st sp, s of 871
vF, vS, E, *10 sf 5'
eF, S, R, 2 or 3 vF st nr
F, S, dif
S, R, like neb *11
eF, vS, R
eF, S, R, 107" sp 877
pF, pL, lE, pgbM, *12 sf 1', *9
880
I 219
881
869
883
I1792
889
I 220
887
882
893
892
897
I1794
894
895
I1793
899
890
I 223
884
902
891
905
I 221
I 222
I1796
907
908
898
886
900
901
903
904
I 224
896
922
906
909
910
I1797
915
916
911
912
913
918
914
917
926
919
I1798
939
I 225
I1795
921
927
944
I 228
924
925
929
I 229
923
934
936
928
I 226
920
930
932
I 227
935
I1801
931
938
941
947
945
I1800
I1799
I1802
948
951
I 230
954
933
942
943
950
I1803
940
I1804
I1810
937
I1812
I1806
I 231
I1807
963
I1808
955
I1811
946
958
949
I1813
(sic)
964
I1814
953
961
I 232
952
979
960
I 233
I1809
I 234
966
I1816
967
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
18.4
18.6
18.7
19.0
19.0
19.0
19.1
19.2
19.6
19.7
20.0
20.7
21.1
21.5
21.6
21.6
21.6
21.9
22.0
22.0
22.4
22.4
22.6
22.6
22.7
22.7
22.8
23.0
23.1
23.3
23.5
23.5
23.6
23.8
24.0
24.7
24.8
25.1
25.2
25.4
25.4
25.5
25.7
25.7
25.8
25.8
25.8
25.9
26.1
26.1
26.1
26.2
26.3
26.4
26.5
26.5
26.6
26.6
26.7
26.7
26.8
27.3
27.3
27.4
27.6
27.6
27.6
27.7
27.7
27.8
27.9
27.9
28.0
28.2
28.2
28.3
28.5
28.5
28.5
28.6
28.6
28.7
28.7
28.8
28.8
28.8
28.9
29.2
29.2
29.2
29.2
29.3
29.4
29.4
29.4
29.5
29.5
29.6
30.0
30.4
30.5
30.5
30.6
30.6
30.7
30.7
30.8
30.8
-04
-06
-06
+57
-06
+34
-41
-12
-16
+15
-41
-23
-33
+15
-05
-05
+32
-20
+33
-20
+57
-16
+42
-08
+28
+11
-41
-20
-21
+41
+63
+26
+26
+27
+27
-12
+61
-24
+42
+42
+41
+20
+27
+27
+41
+41
+41
+18
+42
+32
-00
+27
+13
-44
+01
+62
-15
+12
-14
-14
+20
+33
-12
-23
+41
-00
-01
+27
+28
+45
+20
+20
+28
+19
+19
+31
+20
-01
-19
-10
+31
+45
+23
-10
-22
-10
-41
+45
-10
-10
-11
+23
+31
+23
-43
+42
-42
+22
+01
+22
-04
-04
-01
-34
+42
-02
+37
-34
11
55
35
09
45
29
45
47
04
49
23
07
42
46
30
31
34
48
16
45
07
40
21
43
16
38
22
43
14
57
47
31
34
22
21
34
54
47
06
03
50
24
14
15
59
47
48
30
09
14
20
13
27
26
09
04
50
09
30
31
30
35
05
49
59
14
09
14
11
58
20
19
10
36
35
19
17
09
04
32
24
58
07
31
20
50
25
56
50
50
01
09
39
10
04
16
49
57
10
57
14
14
07
16
15
57
08
13
F
d
s
s
r
u
r
d
r
r
r
r
r
x
r
s
u
s
s
c
s
r
s
r
u
m
c
s
s
s
r
r
r
r
r
m
s
s
s
r
s
u
r
r
r
r
r
s
r
r
s
r
d
r
u
x
r
s
r
m
r
s
r
d
r
r
s
r
u
r
r
u
u
r
d
r
r
s
s
s
x
u
d
s
r
d
v
r
s
v
r
d
r
d
c
r
c
d
u
z
F
m
s
c
r
s
s
c
Cet
Cet
Cet
Per
Cet
Tri
Phe
Cet
Cet
Ari
Phe
Cet
For
Ari
Cet
Cet
Tri
Cet
Tri
Cet
Per
Cet
And
Cet
Tri
Ari
Phe
Cet
Cet
And
Cas
Ari
Ari
Ari
Ari
Cet
Cas
For
And
And
And
Ari
Ari
Ari
And
And
And
Ari
And
Tri
Cet
Ari
Ari
Eri
Cet
Cas
Cet
Ari
Cet
Cet
Ari
Tri
Cet
Cet
And
Cet
Cet
Ari
Tri
And
Ari
Ari
Tri
Ari
Ari
Tri
Ari
Cet
Cet
Cet
Tri
And
Ari
Cet
Cet
Cet
Eri
And
Cet
Cet
Cet
Ari
Tri
Ari
Eri
And
Eri
Ari
Cet
Ari
Cet
Cet
Cet
For
And
Cet
Tri
For
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
31.1
31.1
31.2
31.2
31.2
31.3
31.5
31.6
31.6
31.6
31.7
31.8
31.9
32.2
-36
-36
+29
-06
+01
+34
-44
-09
+02
+22
-00
-19
-36
-17
01
02
36
54
15
45
31
17
49
55
08
53
40
13
r
c
r
r
u
r
r
r
z
u
z
r
c
r
For
For
Tri
Cet
Cet
Tri
Eri
Cet
Cet
Ari
Cet
Cet
For
Cet
Gx
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Nb
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Nb
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Nb
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
OC
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
Gx
2.9
30.
1.7
4. p
13. p
15. p
13. p
15. p
3.6
1.8
1.9
2.9
1.4
30.
13.5
2.2
0.6
1.5
1.9
5.5
2.1
11.8
15. p
13. p
12. p
4. p
14. p
10.0
14. p
14. p
13. p
10.2
14. p
15. p
0.5
27.
1.9
2.0
2.3
1.2
15. p
14. p
12.2
14. p
14. p
15. p
15. p
15. p
15. p
14. p
15. p
3.4
13. p
14. p
2.5
14. p
15. p
1.8
20.
15. p
1.4
0.8
9.8
5.2
2.3
1.9
2.3
14. p
15. p
14. p
14. p
14. p
10.0
15. p
14. p
14. p
10.1
14. p
16. p
15. p
13. p
14. p
15. p
14. p
2.8
2.6
2.5
14. p
14. p
12.4
12. p
12. p
1.3
15. p
1.4
14. p
15. p
15. p
14. p
14. p
13. p
1.4
15. p
2.1
1.1
15. p
16. p
0.6
3.0
1.9
14. p
12.0
2.8
2.8
1.6
2.1
1.7
1.2
1.9
14. p
12.2
11.9
eF, vS, R, sbMN
pB, S, stellar
F, pS, E, bM, 2 or 3 st nr
! Cl, vvL, vRi, st 7...14
pF, pS, vlE, bM, D* nr
F, S, pR, gbM, r
vF, vS, R, bM, *7 sf
vF, dif, vlbM
F, S, iR, pgbM
eF, R, gbM, *16 nr
pF, pS, R, lbM, *8 f 4'
eF, eS, E?, neb?
pB, S, R, psbM, *10 f 35"
F, vS, dif, r
vF, E, bM, Dneb with 895, conn
F, vL, iR, gbM, Dneb with 894, conn
F, S, E 200deg , glbM
pB, S, gbM, r, D* p
B, S, R, bM, 3 F st sp
vF, S, dif, vF stell N
! Cl, vL, vRi, ruby * M
eF, vS, R
! B, vL, vmE 22deg
eF, eS, R, *?
F, pL, R
F, S, irr, N, excentr
vF, vS, R
F, S, E 90deg , gbM
cB, vL, E
eF, vS, lE
Cl, L, lC, sc, st 9...13
vF, vS, stellar
eF, vS; = 900?
eF, eS, R
vF, vS, R, lbM
F, S, irr R, lbM
eF, pL, iF
cF, pL, R, gpmbM
eF, iE
vF, vS, vS* inv
vF, pS, stellar
F, vS, iF, dif
eF, vS, stellar
eF
eF, vS, R, bM
F, vS, R, bM
eF, vS, lbM
pF, L, R, *10 sf 3'
eF, pL, dif
vF, S, R, 4 st nr (vS Cl?)
vF, pS
eF
vF, vS, sbM *15
vvF, S, R, gvlbM
F, S, R, vlbM, *14 nf 2'
patch of neby
eF, S, R, gbM
F, S, bM
eF, S, mE 0deg , sbM; = IC 228
vS, R, gbM
eF, vS, iR
cF, cL, E, vgbM, 2 st 13 np
eF, S, E 170deg , *8.5 n 4'
neb, 10m
vF, S, R, gsbM
vF, eS, PN ?
vB, vL, R, mbMN, p of 2
eF, vS, stellar
pF, S, R, bM, 2 F st n
eF, eS, R, 1 or 2eF st nr
eF, S, iR, vgbM, 932 sf 1'
F, S, lE, 3 st inv
F, pS, R, lbM
pB, pS, R, * f 6s
F, S, glbM, dif
F, pL, iR
pB, S, R, lbM, *11 sf
vF, cL, R, f of 2
pB, E, gbM
vF, L, iR, glbM
eF, S; eS Cl?
vF, S, lbM, *13 p 0'.5
*11 np 1'
vF, S, R
eF, S, E 0deg , D*?
eF, S, *9.4 np 9'
vF, pL, lE, gbM, *8 sf 3'
eF, eS, R, B* nf
vF, R, Dneb with 943, F Nucl
vF, R, Dneb with 942, F Nucl
eF, S, gbM
stell N
F, S, R, bM
no descr
vF, R, stell N
vF* slightly nebulous
vF, bM
F, vS, R, bMN
F, vS, R, stellar
F, vS, R, lbM
eF, S, R, gbM, r; = IC 1808
F, vS, R, gbM, r
pB, S, E, psbM
eeF, S, R, 2 st p, np of 2 (sic)
F, S, R, glbM
pF, ilE, bM
cB, L, E, vgbM
eF, eS, R, F* n, 2 st np, sf of 2
pB, pS, mE 215deg
pB, pS, mE; = 964
14. p pF, S, R, mbM
eF, pS, E 230deg , *10 att
14. p vF, S, R, (= IC 231?)
vF, vS, R, bM
F, S, R, bet 2 st in par
14. p eF, vS, R, neb?, *9 sp
15. p pF, S, R, lbM, vF* s 1'
15. p pB, pL, E 135deg , gbM
15. p F, S, dif, r
14. p eF, R, *9.5 sp 1'
vF, S, R, 2 st nr p
14. p F, S, iR, gbM
F, S, iF, ?
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
105
106
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
107
108
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
109
110
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
111
112
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
113
114
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
115
116
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
117
118
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
119
120
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
121
122
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
123
124
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
125
STORIA DEI CAMBIAMENTI DEL MANUALE
1.5.2 19/10/2010 Aggiunta descrizione per auto guida per camere tipo QHY6 e
documentazione dei comandi Celestron riconosciuti.
126
PALOMAR Manuale Utente Rev. 1.6.9 – © DTA 2009-2012 Tutti I Diritti Riservati
INDICE
A
ACCENSIONE E SPEGNIMENTO........................................................................................................16
ACCETTATI...................................................................................................................................25
AGGIORNAMENTO DEL SOFTWARE...................................................................................................80
ALIMENTAZIONE...........................................................................................................................14
APPENDICE A - ALLINEAMENTO POLARE PRECISO..............................................................................89
APPENDICE B - FUSI ORARI............................................................................................................91
APPENDICE C - ELENCO DELLE PRIME 100 DI 200 STELLE DI RIFERIMENTO..........................................95
APPENDICE D - SCHEMA ELETTRICO PALOMAR I/O.............................................................................97
APPENDICE E - CATALOGO OGGETTI NGC2000..................................................................................98
AUTOGUIDA.................................................................................................................................60
C
COLLEGAMENTO JOYSTICK.............................................................................................................60
COLLEGAMENTO PALOMAR ST4.......................................................................................................60
COLLEGAMENTO SERIALE...............................................................................................................56
CAVO DI PROGRAMMAZIONE.......................................................................................................59
COMANDI SERIALI PROPRIETARI.....................................................................................................64
CMF Legge il frazionamento impostato..........................................................................................71
DAC Imposta una tensione su uno dei due convertitori D/A..............................................................77
ECT Legge il numero di conteggi degli encoder. .............................................................................73
EDE Abilita/Disabilita lettura encoder............................................................................................78
EDR Legge un numero reale dalla EEPROM all’indirizzo specificato.....................................................69
EDW Scrive un numero floating point in EEPROM............................................................................68
EER Legge un byte della EEPROM all’indirizzo specificato..................................................................68
EEW Scrive un byte in EEPROM....................................................................................................67
ELR Legge una long word dalla EEPROM all’indirizzo specificato ........................................................69
ELW Scrive una long word (32bit) in EEPROM.................................................................................68
ESF Imposta la frequenza di campionamento degli encoder..............................................................73
ETK Abilita il tracking su un asse..................................................................................................75
EWR Legge una word dalla EEPROM all’indirizzo specificato .............................................................69
EWW Scrive una word (16bit) in EEPROM......................................................................................67
FRC Imposta il frazionamento dei motori ......................................................................................71
GTL Legge dalla porta amplificata TTL a 4 bit.................................................................................77
HST Ritorna la temperatura del dissipatore....................................................................................65
ILP Legge la porta a 14 bit..........................................................................................................70
IOP Legge gli ingressi opto-isolati degli encoder.............................................................................76
JOY Legge la porta joystick..........................................................................................................78
MEN Abilitazione motori..............................................................................................................70
MMC Imposta la max corrente dei motori......................................................................................65
MPF Imposta la massima frequenza di posizionamento....................................................................72
OFF Spegne il PALOMAR..............................................................................................................66
OLP Scrive la porta a 16 bit.........................................................................................................70
PCT Legge il numero di conteggi che i motori devono eseguire..........................................................74
POS Esegue un posizionamento su entrambi gli assi........................................................................74
RES Resetta l’AMS.....................................................................................................................72
REV Ritorna la revisione del programma........................................................................................65
RMC Ritorna la max corrente dei motori........................................................................................66
RTC Legge l’orologio interno........................................................................................................78
RTH Ritorna la temperatura di soglia.............................................................................................67
SEC Imposta il numero di conteggi degli encoder............................................................................74
SEF Legge la massima frequenza di campionamento degli encoder....................................................73
SID Imposta il numero identificativo.............................................................................................79
SME Legge l’attivita’ dei motori....................................................................................................71
SMF Legge la massima frequenza di posizionamento.......................................................................72
SOC ON/OFF dell’uscita open collector..........................................................................................76
SRC Imposta l’orologio interno.....................................................................................................77
STO Scrive sulla porta amplificata TTL a 4 bit.................................................................................76
THS Soglia azione ventilatore......................................................................................................66
TKS Verifica dell’attivita’ di tracking..............................................................................................75
TRK Imposta un tracking su entrambi gli assi.................................................................................75
CONTROLLO REMOTO.....................................................................................................................82
CONTROLLO REMOTO PROPRIETARIO...............................................................................................86
I
INTRODUZIONE..............................................................................................................................6
M
MODELLI........................................................................................................................................7
BASE.........................................................................................................................................7
GPS...........................................................................................................................................7
SDK...........................................................................................................................................7
MOTORI...........................................................................................................................................
COLLEGAMENTO........................................................................................................................18
SCELTA....................................................................................................................................17
O
ORGANIZZAZIONE PANNELLI E ATTIVITÀ..........................................................................................21
P
PALOMAR.........................................................................................................................................
DISPLAY ..................................................................................................................................23
EDITING DI UN PANNELLO..........................................................................................................24
FILOSOFIA INTERATTIVA............................................................................................................20
PRIMA INSTALLAZIONE..............................................................................................................25
COMANDI RICONOSCIUTI DAL TUNEUP.....................................................................................30
LISTA MONTATURE RICONOSCIUTE DAL WIZARD.......................................................................28
SENSO DI ROTAZIONE............................................................................................................31
SISTEMA DI TRASMISSIONE....................................................................................................33
TUNEUP................................................................................................................................29
VELOCITA’ POSIZIONAMENTO..................................................................................................32
TASTIERA.................................................................................................................................22
VISTA DI INSIEME E CONNETTORI.................................................................................................8
PANNELLO PRINCIPALE..................................................................................................................34
CARICAMENTO SALVATAGGIO DI UNA CONFIGURAZIONE................................................................43
COMANDI RICONOSCIUTI...........................................................................................................35
CONFIGURAZIONE.....................................................................................................................53
EFFEMERIDI..............................................................................................................................54
GPS.........................................................................................................................................45
INSEGUIMENTI ARBITRARI SU ENTRAMBI GLI ASSI........................................................................55
MICRO/MACRO CORREZIONI.......................................................................................................42
OGGETTO DA PUNTARE..................................................................................................................
BRIGHT STAR LIST.................................................................................................................38
BY KEYBOARD.......................................................................................................................40
HOME...................................................................................................................................40
MONTATURA A FORCELLA........................................................................................................36
MONTATURA ALLA TEDESCA....................................................................................................36
NGC/IC MESSIER...................................................................................................................39
PARKING..............................................................................................................................40
SOLAR SYSTEM......................................................................................................................39
USER CATALOG......................................................................................................................40
PEC.........................................................................................................................................46
PERFEZIONAMENTO INSEGUIMENTO SIDERALE..............................................................................51
SELEZIONE INSEGUIMENTO........................................................................................................44
TIMERS....................................................................................................................................50
PROTOCOLLO SERIALE PROPRIETARIO.............................................................................................62
S
SCHEMA CAVO JOYSTICK ED AUTOGUIDA.........................................................................................12
25
128

Documenti analoghi