Procedura Whistleblowing

Commenti

Transcript

Procedura Whistleblowing
PROCEDURA WHISTLEBLOWING
INDICE
PREMESSA ....................................................................................................................................................... 2
DESTINATARI .................................................................................................................................................. 2
SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE .......................................................................................................... 2
RIFERIMENTI .................................................................................................................................................... 3
DESCRIZIONE DEL PROCESSO DELLE RESPONSABILITÀ ..................................................................... 4
ALLEGATI .........................................................................................................................................................8
Procedura whistleblowing
Pagina 1 di 10
Premessa
Per “whistleblowing” (di seguito “Segnalazione”) si intende qualsiasi notizia riguardante sospette condotte
non conformi a quanto stabilito dal Codice Etico e di Condotta del Gruppo Telecom Italia, dalla Policy per il
Rispetto dei Diritti Umani nel Gruppo e dal Modello Organizzativo 231 adottato dal Gruppo, dalle procedure
interne e dalla disciplina esterna comunque applicabile al Gruppo nonché denunce ed esposti ricevuti dai
Collegi Sindacali delle società nazionali del Gruppo TI per tematiche di competenza. Si evidenzia, in
particolare, che l’articolo 4 del Codice Etico e di Condotta di Telecom Italia definisce le linee guida per
richiedere chiarimenti o effettuare segnalazioni in merito a presunte violazioni del suddetto Codice.
Nessuna conseguenza negativa deriva in capo a chi abbia in buona fede effettuato una Segnalazione ed è
assicurata la riservatezza dell’identità del segnalante i. Al fine di agevolare tali modalità di segnalazione, è
operativo il “Portale Unico delle Segnalazioni” (in breve “Portale”), di seguito descritto.
1. Destinatari
Destinatari della presente procedura sono:
-
i Vertici aziendali ed i componenti degli organi sociali di Telecom Italia e delle società nazionali del
Gruppo e delle due controllate di diritto sammarinese Telecom Italia San Marino S.p.A. e Telefonia
Mobile Sammarinese S.p.A.;
-
tutti i dipendenti di Telecom Italia e delle società nazionali del Gruppo e delle due controllate di diritto
sammarinese Telecom Italia San Marino S.p.A. e Telefonia Mobile Sammarinese S.p.A;
-
i partner, i clienti, i fornitori, i consulenti, i collaboratori, i soci e, più in generale, chiunque sia in
relazione d’interessi con il Gruppo Telecom Italia (“Terzi”).
2. Scopo e campo di applicazione
Il presente documento (di seguito “Procedura”), che si applica a tutte le società nazionali non quotate del
Gruppo TI ed alle due controllate di diritto sammarinese Telecom Italia San Marino S.p.A. e Telefonia Mobile
Sammarinese S.p.A. e che costituisce un riferimento per le società nazionali quotate e per quelle estere ii, si
propone di disciplinare il processo di ricezione, analisi e trattamento delle Segnalazioni, da chiunque inviate
o trasmesse, anche in forma anonima.
Tali Segnalazioni riguardano, in particolare, i seguenti ambiti inerenti al sistema di controllo:
a) richieste di chiarimenti sulla correttezza di comportamenti propri o altrui ai fini della piena osservanza
del Codice Etico e di Condotta e dei valori richiamati anche nella Policy per il Rispetto dei Diritti Umani
(es: violazione di divieti e disposizioni aziendali, controlli sull’operato dei fornitori);
b) comunicazioni di presunte violazioni, di richieste o di induzioni alla violazione di norme di legge o
regolamento, di prescrizioni del Codice, di procedure interne, con riferimento alle attività e prestazioni
di interesse del Gruppo (es: inosservanza di clausole contrattuali, diffamazione, minacce, violazione
della privacy, frodi, improprio utilizzo di dotazioni aziendali);
Procedura whistleblowing
Pagina 2 di 10
c) comunicazioni di presunte violazioni del Modello Organizzativo 231 -di diretta competenza del Collegio
Sindacale di TI o di società del Gruppo (anche nel loro ruolo di Organismo di Vigilanza 231), o di singoli
Organismi di Vigilanza 231 presenti in alcune realtà del Gruppo-, anche a seguito di comportamenti a
rischio reato e/o illecito previsti dal Modello Organizzativo 231;
d) denunce, provenienti da Terzi aventi ad oggetto presunti rilievi, irregolarità e fatti censurabili;
e) complaints (esposti) riguardanti tematiche di contabilità, controlli
Ferme restando altre Policy o Procedure aziendali che regolano comunicazioni di dipendenti non
strettamente riconducibili al peculiare ambito delle Segnalazioni , sono escluse dal perimetro della presente
Procedura le segnalazioni inerenti a:
a) tematiche di security, per le quali si rimanda agli specifici canali informativi già esistenti, ovvero:
•
ERMES, per la segnalazione di incidenti di security che riguardano le risorse umane, materiali ed
immateriali (quali, ad esempio, malfunzionamenti software, guasti alla rete aziendale, smarrimento o
distruzione accidentale di documenti, incidenti di sicurezza ICT, furti);
•
Travel Security, per la richiesta di informazioni e segnalazioni inerenti a trasferte all’estero;
•
abusi on line, per la segnalazione di comportamenti o eventi riconducibili a casi di abuso nell’utilizzo dei
servizi di rete offerti da Telecom Italia, quali ad esempio SPAM, diffusione Virus e Malware, attacchi
informatici, phishing e furti d’identità, pubblicazione o diffusione di materiale offensivo, sovversivo,
pedopornografico, salvo che tali illeciti non siano riconducibili a fattispecie di interesse per il M.O. 231
(in tal caso dovranno essere, conseguentemente, trattate quali Segnalazioni disciplinate dalla presente
Procedura);
b) reclami commerciali per i quali si rimanda ai servizi 119, 187, 191, nonché al canale interno “Chi-ama
Telecom Italia” utilizzabile dai dipendenti per problematiche inerenti a clienti della sola telefonia
residenziale fissa.
Eventuali Segnalazioni rientranti nelle suddette tipologie, veicolate tramite il Portale, sono inoltrate verso le
funzioni preposte (come da Policy o Procedure aziendali rilevanti) a cura della Direzione Audit, che ne
monitora comunque gli esiti per rilevare eventuali debolezze del sistema di controllo interno e di gestione
dei rischi. Tali Segnalazioni sono ricomprese nella reportistica periodica di cui al successivo punto 4.2.5.
3. Riferimenti
•
Codice Etico e di Condotta di Gruppo (in particolare l’articolo 4)
•
Policy per il Rispetto del Diritti Umani del Gruppo Telecom Italia
•
Modello Organizzativo 231
•
Collegio Sindacale – Procedura per la gestione delle “segnalazioni” (versione del 15.7.2005)
•
Procedura per la gestione dei conflitti di interessi (cod. 2013 – 00154 – versione 2.0 del 10.03.2015)
•
Policy anticorruzione (cod. 2012 – 00234 – versione 1 del 12.12.2012)
•
D.Lgs 196/03 e le disposizioni legislative collegate in materia di privacy
•
Sezioni 301-302-806 del Sarbanes Oxley Act del 2 luglio 2002
•
Policy Definizione e Formalizzazione di Policy, Procedure ed Istruzioni Operative di Gruppo (cod. 2014 –
00152 – versione 1 del 27.11.2014)
•
Policy di Gruppo Business Process Management (cod. 2014 – 00151 – versione 1 del 27.11.2014)
Procedura whistleblowing
Pagina 3 di 10
4. Descrizione del processo e delle responsabilità
Nell’ambito del nuovo Business Process Framework di Telecom Italia, il processo di gestione delle
Segnalazioni, i cui principi, responsabilità ed attività sono descritte nei paragrafi che seguono, si inquadra
nell’area L0 ENTERPRISE MANAGEMENT con il seguente riferimento: L1 Enterprise Risk Management, L2
Audit Management.
4.1 Responsabilità
La gestione delle Segnalazioni è attribuita al Responsabile della Direzione Audit. Qualora siano ricevute
Segnalazioni riguardanti il Responsabile della Direzione Audit o le strutture dipendenti dallo stesso, le
suddette Segnalazioni saranno trasmesse direttamente al Consiglio di Amministrazione di TI S.p.A. (nella
persona del Consigliere con funzione di raccordo – se presente – o alternativamente al Presidente del
suddetto Consiglio ), quale Organo sociale da cui dipende tale Responsabile.
4.2 Processo
Il processo, che prevede le attività di seguito descritte, viene svolto dalla Direzione Audit nel pieno rispetto
dei principi stabiliti dagli Standard Internazionali per la pratica professionale dell’Internal Audit e dal Codice
Etico emanati dall’Institute of Internal Auditors (IIA), nonché dal Codice Etico e di Condotta del Gruppo
Telecom.
4.2.1 Invio delle segnalazioni
I dipendenti, i collaboratori, i consulenti, i prestatori di lavoro, i soci ed i Terzi inviano le Segnalazioni secondo
le modalità di seguito esposte, non appena vengano a conoscenza degli eventi che le hanno generate.
Qualora un dipendente dovesse ricevere una Segnalazione da altri soggetti (ad es. dipendenti/terzi), lo
stesso ha l’obbligo di trasmettere la Segnalazione medesima, con immediatezza ed in via esclusiva, sempre
secondo le modalità di seguito esposte, completa di tutta la eventuale documentazione di supporto
pervenuta, non trattenendone copia ed astenendosi dall’intraprendere alcuna iniziativa autonoma di analisi
e/o approfondimento. La mancata comunicazione di una Segnalazione ricevuta costituisce una violazione
della presente procedura (oltre che del Codice Etico e di Condotta del Gruppo TI), con l’applicazione da
parte della Funzione People Value Business Partner di riferimento, in caso di accertata malafede di tali
condotte, delle conseguenti sanzioni disciplinari.
4.2.2 Funzionamento del portale
Le Segnalazioni devono essere inserite dal segnalante nel Portale, reso disponibile in ambiente Intranet ed
Internet. In fase di inserimento, il segnalante viene guidato dal Portale stesso per la scelta della specifica
tipologia di segnalazione, in coerenza con la peculiarità dell’informazione che si vuole comunicare. Nel
Portale è presente una apposita sezione di Frequently Asked Questions (FAQ) che contiene le risposte alle
domande più frequenti. Per le Segnalazioni non rientranti nelle tipologie di competenza come sopra
definite, sono fornite nel Portale indicazioni per un corretto indirizzamento. Per le Segnalazioni inerenti a
tematiche di competenza dei Collegi Sindacali di TI o di società del Gruppo (anche nel loro ruolo di
Organismo di Vigilanza 231 e, esclusivamente per il Collegio Sindacale di TI, di Audit Committee) o degli
Organismi di Vigilanza 231 presenti in alcune realtà del Gruppo, oltre alla possibilità di inserimento tramite il
Portale, sono attive le caselle e-mail riportate in Allegato 2, a cui si aggiunge l’indirizzo di posta: Collegio
Sindacale, Telecom Italia S.p.A., Via Gaetano Negri, 1, 20123 – Milano. Si rammenta che le Segnalazioni
Procedura whistleblowing
Pagina 4 di 10
pervenute a chiunque verbalmente (di persona o telefonicamente) o per iscritto (posta esterna o interna, email, fax) devono essere inserite nel Portale con la massima tempestività dal soggetto ricevente. Tutte le
Segnalazioni, indipendentemente dalla modalità di ricezione/ inserimento, sono registrate nel Portale, che
costituisce il database riepilogativo sia dei dati essenziali di tali Segnalazioni, sia della loro gestione
(tracciata tramite workflow), assicurando, altresì, l’archivio di tutta la documentazione allegata, così come
di quella prodotta o acquisita nel corso delle attività di analisi. Il Portale non rileva in alcun modo, diretto o
indiretto, informazioni sul segnalante e sulla modalità di accesso (ad esempio, server, indirizzo IP, mac
address), garantendo il completo anonimato. Per ciascuna Segnalazione inserita, il Portale assegna un
codice identificativo univoco che permette a ciascun segnalante di verificarne lo stato di lavorazione, in
modo del tutto anonimo. Parimenti, nel caso in cui una Segnalazione risulti non adeguatamente
circostanziata, la Direzione Audit, avvalendosi del Portale e della sua strumentazione, avrà facoltà di
richiedere al segnalante, sempre e solo mediante tale codice, ulteriori elementi di dettaglio, ai fini di una
analisi approfondita della fattispecie segnalata. Semestralmente viene svolto un controllo di completezza, a
cura di una Funzione della Direzione Audit differente rispetto a quella che gestisce operativamente le
Segnalazioni, al fine di accertare che tutte le Segnalazioni pervenute siano state trattate (incluse quelle
richiamate al precedente capitolo 2 da veicolare verso le Funzioni preposte) ed inserite nella reportistica
periodica secondo quanto previsto dalla presente Procedura. Inoltre, i Presidenti dei Collegi Sindacali di TI
S.p.A. e delle società nazionali del Gruppo hanno accesso al Portale, tramite un apposito profilo in sola
visualizzazione, con possibilità di consultare le Segnalazioni di competenza della società di appartenenza, al
fine di verificarne la tracciabilità e la completezza rispetto alla reportistica predisposta dalla Direzione Audit
e di cui al punto 4.2.5.
4.2.3 Analisi preliminare
Tutte le Segnalazioni sono oggetto di analisi preliminare svolta dalla Direzione Audit al fine di verificare la
presenza di dati ed informazioni utili a consentire una prima valutazione della fondatezza della
Segnalazione stessa. Nello svolgimento della suddetta analisi la Direzione Audit si avvarrà -per specifici
aspetti trattati nelle Segnalazioni e qualora ritenuto necessario - principalmente del supporto delle Funzioni
People Value, Compliance e Legal Affairs, per quanto di loro competenza. Qualora a conclusione della fase
di analisi preliminare emerga l’assenza di elementi sufficientemente circostanziati o, comunque,
l’infondatezza dei fatti richiamati nella Segnalazione, quest’ultima è archiviata dalla Direzione Audit, con le
relative motivazioni, fatto salvo quanto previsto sub e) nel successivo punto 4.2.4. Se a conclusione della
fase di analisi preliminare emerga, invece, che la Segnalazione non rientra tra la tipologie di competenza
come sopra definite, la Direzione Audit provvederà all’inoltro verso le competenti Funzioni, come
precedentemente indicato.
4.2.4 Approfondimenti specifici
Con riferimento a ciascuna Segnalazione, laddove, a seguito delle analisi preliminari, emergano o siano
comunque desumibili elementi utili e sufficienti per una valutazione della fondatezza della Segnalazione
medesima, fatto salvo il diritto alla difesa del segnalato, il Responsabile della Direzione Audit provvederà a:
a) avviare analisi specifiche, avvalendosi delle strutture competenti della Direzione (eventualmente anche
tramite attività di audit), nonché coinvolgendo le funzioni aziendali interessate dalla Segnalazione;
b) concludere l’istruttoria in qualunque momento, se, nel corso dell’istruttoria medesima, sia accertata
l’infondatezza della Segnalazione, fatto salvo quanto previsto sub e);
c) avvalersi, se necessario, di esperti o periti esterni al Gruppo Telecom Italia;
d) concordare con il Management, responsabile della Funzione interessata dalla Segnalazione,
l’eventuale “action plan” necessario per la rimozione delle debolezze di controllo rilevate, secondo gli
standard operativi della Direzione Audit, garantendo, altresì, il monitoraggio dell’attuazione;
e) concordare con il Collegio Sindacale/Audit Committee interessato da particolari Segnalazioni, - ovvero
riguardanti tematiche relative a denunce ex art. 2408 c.c. (denunce da parte dei soci) e/o segnalazioni
rilevanti ai fini della normativa USA Sarbanes Oxley Act del 2 luglio 2002 Sezione 301 (denunce su
Procedura whistleblowing
Pagina 5 di 10
irregolarità contabili, controlli interni, tematiche di audit) - eventuali iniziative da intraprendere prima
della chiusura della Segnalazione stessa;
f) concordare con le Funzioni Legal Affairs (e/o con altre Funzioni interessate) eventuali iniziative da
intraprendere a tutela degli interessi del Gruppo Telecom Italia (ad es. azioni giudiziarie,
sospensione/cancellazione di fornitori dall’Albo di TI);
g) richiedere l’avvio, d’intesa con le Funzioni People Value e/o Legal Affairs, di un procedimento
disciplinare nei confronti del segnalante, nel caso di Segnalazioni in relazione alle quali siano accertate
la malafede del segnalante e/o l’intento meramente diffamatorio, eventualmente confermati anche
dalla infondatezza della stessa Segnalazione;
h) sottoporre alla valutazione della Funzione People Value gli esiti degli approfondimenti della
Segnalazione, qualora si riferisca a dipendenti e risulti fondata, affinché vengano intrapresi i più
opportuni provvedimenti verso i dipendenti segnalati. Sarà cura di People Value informare
tempestivamente il Responsabile della Direzione Audit di tali provvedimenti.
4.2.4 Approfondimenti specifici
Il Responsabile della Direzione Audit comunica i risultati degli approfondimenti e delle verifiche relative alla
Segnalazione al Vertice Aziendale (se destinatario originario della Segnalazione) ed ai Responsabili delle
strutture aziendali eventualmente interessate dai contenuti della Segnalazione medesima, che sarà cura di
People Value informare in merito ad eventuali provvedimenti da intraprendere verso i dipendenti segnalati.
Con periodicità trimestrale (se non diversamente richiesto), fornisce ai singoli Collegi Sindacali delle società
nazionali del Gruppo (o, per le fattispecie 231, agli Organismi di Vigilanza 231 presenti in alcune realtà del
Gruppo) un apposito report riepilogativo delle Segnalazioni pervenute, per competenza, ai medesimi Collegi
Sindacali o OdV, contenente gli esiti delle analisi, inclusa l’adozione (o la mancata adozione) di
provvedimenti disciplinari. Inoltre, sempre con periodicità trimestrale (se non diversamente richiesto),
fornisce al CCR di Telecom Italia un report riepilogativo di tutte le Segnalazioni pervenute, diverse da quelle
destinate e/o comunque di competenza dei singoli Collegi Sindacali/Organismi di Vigilanza 231.
4.2.5 Conservazione della documentazione
Al fine di garantire la gestione e la tracciabilità delle Segnalazioni e delle relative attività, il Responsabile
della Direzione Audit cura la predisposizione e l’aggiornamento di tutte le informazioni riguardanti le
Segnalazioni ed assicura –avvalendosi del Portale e della sua strumentazione informatical’archiviazione di
tutta la correlata documentazione di supporto per un periodo di 2 anni dalla ricezione della Segnalazione.
Procedura whistleblowing
Pagina 6 di 10
Procedura whistleblowing
Pagina 7 di 10
5
Allegati
Allegato 1: Tutela del trattamento dei dati personali
Allegato 1 bis: Informativa privacy
Allegato 2: Caselle e-mail dei Collegi Sindacali/OdV 231 delle società del Gruppo TI
Allegato 1
Tutela del trattamento dei dati personali
Le informazioni ed ogni altro dato personale acquisiti sono trattati – anche nel contesto del Portale- nel
rispetto della vigente normativa privacy (D.Lgs 196/03). In particolare, le Società del Gruppo interessate (le
“Società”) garantiscono che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti e delle libertà
fondamentali, nonché della dignità degli interessati, con particolare riferimento alla riservatezza ed alla
sicurezza dei dati, assicurando l’osservanza, tra l’altro delle disposizioni di seguito riportate. Ai sensi e per gli
effetti dell’articolo 11 del D.Lgs 196/03, i dati personali di cui le Società vengono a conoscenza ai fini della
presente procedura devono essere:
-
limitati a quelli strettamente e obiettivamente necessari per verificare la fondatezza della segnalazione
e per la relativa gestione;
-
trattati lecitamente e secondo correttezza.
Inoltre, è fatto obbligo che:
-
tutte le funzioni/posizioni organizzative del Gruppo Telecom Italia e delle relative Società controllate
interessate dalla eventuale diretta ricezione delle segnalazioni, assicurino l’assoluta riservatezza delle
persone segnalanti. Nel merito si ribadisce che, ai sensi dell’art. 4 del Codice Etico e di Condotta di
Telecom Italia, nessuna conseguenza negativa deriva in capo a chi abbia in buona fede effettuato una
segnalazione ed è assicurata la riservatezza dell’identità dei segnalanti;
-
sia resa disponibile agli interessati, anche tramite il Portale, l’informativa privacy di cui all’Allegato 1 bis,
che costituisce parte integrante e sostanziale della presente procedura;
-
sia comunicato ai soggetti terzi, non in rapporti d’affari diretti o indiretti con l’azienda, che i loro dati
personali sono trattati in relazione ad una segnalazione pervenuta alla Società, solo qualora non
sussista il rischio che, comunicando tale informazione, si comprometta la capacità di verificare
efficacemente la fondatezza della segnalazione;
-
non siano fornite al segnalato indicazioni sull’identità del segnalante, fatto salvo il caso in cui venga
accertato che quest’ultimo abbia dichiarato il falso in malafede;
-
in analogia con quanto previsto dall’ art. 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (T.U. sul
Pubblico Impiego), nell’ambito del procedimento disciplinare, eventualmente promosso nei confronti
del soggetto denunciato, l’identità del segnalante non può essere rivelata, senza il suo consenso,
sempre che la contestazione dell’addebito disciplinare sia fondata su accertamenti distinti e ulteriori
rispetto alla segnalazione. Qualora la contestazione sia fondata, in tutto o in parte, sulla segnalazione,
l’identità può essere rivelata ove la sua conoscenza sia assolutamente indispensabile per la difesa del
soggetto denunciato.
Per quanto non espressamente previsto al presente capitolo, con particolare riferimento ad eventuali
trasferimenti di dati all’estero, si rinvia al “Sistema delle regole per l’applicazione della normativa privacy nel
Gruppo Telecom Italia”, emesso dalla Funzione Privacy (codice 2009-00048), consultabile anche sul sito
Intranet della Funzione stessa.
Procedura whistleblowing
Pagina 8 di 10
Allegato 1 bis
Informativa privacy
(D.Lgs 196/03) Telecom Italia S.p.A. fornisce, qui di seguito, l’informativa sui trattamenti dei dati personali
dei segnalanti, segnalati ed eventuali altri soggetti terzi coinvolti (“Interessati”), effettuati dalla stessa in
relazione alla gestione delle segnalazioni disciplinate dalla “Procedura whistleblowing” emessa dalla
Direzione Audit di Telecom Italia.
1.
Finalità del trattamento e conferimento obbligatorio dei dati I dati personali degli interessati sono
trattati per le finalità connesse all’applicazione della procedura sopra citata e per adempiere gli
obblighi previsti dalla legge, dai regolamenti o dalla normativa comunitaria.
2.
Modalità e logica del trattamento I trattamenti dei dati sono effettuati manualmente (ad esempio, su
supporto cartaceo) e/o attraverso strumenti automatizzati (ad esempio, utilizzando procedure e
supporti elettronici), con logiche correlate alle finalità sopraindicate e, comunque, in modo da garantire
la sicurezza e la riservatezza dei dati.
3.
Titolare, Responsabili e categorie degli Incaricati I dati personali sono trattati dal Responsabile della
Direzione Audit di TI S.p.A in qualità di Responsabile del trattamento, nonché dalle competenti Funzioni
Audit, Compliance, People Value, Legal Affairs, BSO/Security, Administration, Finance and Control, dal
Comitato per il Controllo Interno e per la Corporate Governance, dai Collegi Sindacali e dagli Organismi
di Vigilanza ex M.O. 231. Il Titolare dei trattamenti dei Suoi dati personali è Telecom Italia S.p.A, con
sede in Milano, Via Gaetano Negri, 1. Il Responsabile dei trattamenti medesimi è il Responsabile della
Direzione Audit di TI S.p.A.
4.
Categorie di soggetti terzi ai quali i dati potrebbero essere comunicati in qualità di Titolari o che
potrebbero venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati Oltre che dai soggetti interni di
cui al precedente punto 3) alcuni trattamenti dei dati personali degli interessati potranno essere
effettuati anche da soggetti terzi, ivi incluse le società del Gruppo Telecom Italia. In tal caso gli stessi
soggetti saranno individuati come autonomi Titolari oppure designati come Responsabili o Incaricati
del trattamento, in conformità alle vigenti disposizioni di legge in materia di privacy. In ogni caso ai
Responsabili o agli Incaricati Telecom Italia fornirà adeguate istruzioni operative, con particolare
riferimento all’adozione delle misure minime di sicurezza, al fine di poter garantire la riservatezza e la
sicurezza dei dati. Tali soggetti, che in alcuni casi possono avere sede anche all’estero, sono ricompresi
nelle seguenti categorie:
a) Consulenti (Organizzazione, Contenzioso, Studi Legali, ecc.)
b) Società incaricate dell’amministrazione e gestione del personale, della conservazione dei dati personali
dei dipendenti, dello sviluppo e/o esercizio dei sistemi informativi a ciò dedicati
c) Società incaricate per la gestione degli archivi aziendali, ivi inclusi i dati personali dei dipendenti cessati
dal servizio
d) Società di Revisione/auditing
e) Istituzioni e/o Autorità Pubbliche, Autorità Giudiziaria, Organi di Polizia, Agenzie investigative.
5.
Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti ai sensi dell’articolo 7 del Codice in materia di
protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03) L’interessato ha diritto di accedere in ogni momento ai dati
che lo riguardano – fatto salvo quanto riportato nell’allegato 1 della vigente procedura - e di esercitare
gli altri diritti previsti dall’art. 7 del Codice privacy, rivolgendosi al Responsabile del trattamento indicato
al precedente punto 3). Allo stesso modo può chiedere l’origine dei dati, la correzione, l’aggiornamento
o l’integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in
violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta
Procedura whistleblowing
Pagina 9 di 10
Allegato 2
Caselle e-mail dei collegi sindacali/odv 231 delle società del gruppo ti
Caselle e-mail dei Collegi Sindacali/OdV 231 delle società del Gruppo TI
Collegio Sindacale TI
[email protected]
Audit Committee TI
[email protected]
Collegio Sindacale TIM Ventures
[email protected]
Collegio Sindacale 4 G Retail
[email protected]
Collegio Sindacale TI Sparkle
[email protected]
Collegio Sindacale Olivetti
[email protected]
Collegio Sindacale TI Digital Solutions
[email protected]
Collegio Sindacale Telecontact Center
[email protected]
Collegio Sindacale Telenergia
Collegio Sindacale TI Information Technology
Collegio Sindacale Telsy
[email protected]
[email protected]
[email protected]
Collegio Sindacale TI Trust Technology
[email protected]
Collegio Sindacale H. R. Services
[email protected]
Collegio Sindacale Trentino NGN
[email protected]
Collegio Sindacale Mediterranean Nautilus
Collegio Sindacale Advanced Caring Services
Collegio Sindacale TIESSE
Collegio Sindacale Olivetti Multiservices
Collegio Sindacale Persidera
Collegio Sindacale Fondazione TI
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
Collegio Sindacale Telecom Italia San Marino
[email protected]
Collegio Sindacale Telefonia Mobile Sammarinese
[email protected]
Organismo di Vigilanza BEIGUA
Organismo di Vigilanza TIM Tank
Procedura whistleblowing
[email protected]
[email protected]
Pagina 10 di 10

Documenti analoghi