regione del veneto 0^1

Transcript

regione del veneto 0^1
Consiglio Regionale del Veneto - UPA - 10/12/2014 - 0023256
0^1
REGIONE DEL VENETO
giunta regionale
Data
-9DIC2OI4
ProtocolloN" i X é - g - i - ' : /
Class: A.000.01.6
Prat.
Allegati N. 1
Fase.
Oggetto: Risposta alllNTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA n. 185 del 16 ottobre 2014
presentata dal Consigliere FRACASSO Stefano
"CHE FINE HA FATTO IL PROGETTO DI BIGLIETTAZIONE UNICA REGIONALE?".
^ Consiglio Regionale del Veneto
Idei 10/12/2014
Prot : 0023256 Titolarlo 2.16.1.1
CRV
CRV
spc-UPA
Al Consigliere regionale
FRACASSO Stefano
Palazzo Ferro Fini
e, p.c.
Al Signor PRESIDENTE
del Consiglio Regionale
Palazzo Ferro Fini
LORO SEDI
Si trasmette la risposta, approvata dalla Giunta, all'interrogazione indicata i n oggetto e da
Lei presentata i n data 16 ottobre 2014.
Distinti saluti.
Il Responsabile Segreteria Direzione del Presidente
Alessandro Romano
tel. P41 2793625
Segreterìa della Giunta
Sezione Verìfìca e gestione atti del Presidente e della Giunta
Dorsoduro, 3901 -30123 Venezia- Te!. 041/2793637-8-Fax 041/279362.7
e-mail: uff, giunta. consialio(dìreaione. veneto, it
pec: protocollo.Qenerale&nec.reaione.veneto.it
C o i . Fise. 80007580279
P. IVA 02392630279
ma
REGI ONE DEL VENETO
giunta regionale
IX Legislatura
PUNTO 99 DELL'ODO DELLA SEDUTA DEL 27/11/2014
r
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 172 / UM del 27/11/2014
OGGETTO:
Risposta all'interrogazione a risposta scritta n. 185 del 16.10.2014, presentata dal Consigliere
FRACASSO, avente per oggetto: "Che fine ha fatto il progetto di bigliettazione unica regionale?".
MotJ. B - copia
pag. 1
COMPONENTI DELLA GIUNTA REGIONALE
Presidente
Vicepresidente
Assessori
Luca Zaia
Marino Zorzato
Presente
Presente
RiiOerto Ciarnae
Luca Coletto
Presente
Ab
Segretario verbalizzante
Elena Donazzan
Marino Finozzi
Massimo Giorgetti
Franco Manzato
Daniele Stivai
Mario Caramel
Presente
Presente
Presente
Presente
Presente
RELATORE ED EVENTUALI CONCERTI
ELENA DONAZZAN
1 STRUTTURA PROPONENTE
AREA INFRASTRUTTURE
I APPROVAZIONE:
i
I
j Sottoposto a votazione, il provvedimento è approvato con voti unanimi e palesi.
Mod B - copia
pag. 2
Dgrn.l72/IIM
del 27 novembre 2014
OGGETTO:
Risposta all'interrogazione a risposta scritta del 16 ottobre 2014, n. 185 presentata dal
consigliere Fracasso Stefano, avente per oggetto "che fine ha fatto il progetto di bigliettazione
unica regionale?".
L'Assessore Elena Donazzan propone alla Giunta di adottare la seguente risposta:
Le aziende che hanno superato la verifica degli standard per l'attivazione del sistema di bigliettazione
automatica (SBA) regionale previsti nel "Protocollo operativo di verifica" contenuto nell'allegato A della
deliberazione di Giimta Regionale n. 1610 del 15 giugno 2010 sono:
ACTT S.p.A. (Treviso);
ACTV S.p.A. (Venezia);
APS Holding S.p.A. (Padova);
ATVO S.p.A. (Venezia);
ATV S.r.l. (Verona);
Busitalia Sita Nord S.r.l. (Padova);
CTM S.p.A. (Castelfi-anco V.to - TV);
FTV S.p.A. (Vicenza);
La Marca S.p.A. (Treviso);
Le suddette aziende svolgono servizi di trasporto pubblico locale (TPL) in ambito urbano ed extraxirbano. Si
precisa che le aziende ACTT S.p.A., CTM S.p.A. e La Marca S.p.A. sono state oggetto di un processo di
fiisione societaria costituendo la società Mobilità di Marca S.p.A. (MOM S.p.A.).
Tutte le aziende elencate provvedono a trasmettere i dati di domanda e fruizione delle reti alla Sezione
Mobilità che provvede ad inserire le informazioni nel Sistema Informativo della Mobilità della Regione
Veneto (S.I.MO.VE.) e ad inoltrare i dati al Ministero delie Infi-astrutture e dei Trasporti per l'aggiornamento
del Programma statistico nazionale.
In tale proficua direzione si sta pertanto proseguendo, a completamento del programma di realizzazione di un
sistema di bigliettazione automatico unificato per tutte le aree del territorio veneto, anche mediante linee di
finanziamento inserite negli strumenti di programmazione generale della Regione del Veneto (PAR-FSC e
POR-FESR).
LA GIUNTA REGIONALE
Udito il relatore, il quale dà atto che la sttiittura proponente ha attestato l'avvenuta regolare istruttoria della
pratica anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale;
DELIBERA
1. di approvare, nel testo riportato in premessa, la risposta all'interrogazione a risposta scritta n. 185 del 16
ottobre 2014 presentata dal consigliere Fracasso Stefano, allegata, avente per oggetto "chefineha fatto il
progetto di bigliettazione unica regionale?";
Mod. B - copia
pag. 3
Dgr n. 172 /IIM
del 27 novembre 2014
2. di incaricare dell'esecuzione del presente atto la Segreteria della Giunta- Sezione verifica e gestione atti
del Presidente e della Giunta.
IL SEGRETARIO
F.to Aw. Mario Caramel
Mod. B-copia
BL PRESIDENTE
F.to Dott. Luca Zaia
pag. 4
Dgrn.l72/UM
del 27 novembre 2014
CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO
NONA LEGISLATURA
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA N. 185
C H E FINE H A F A T T O H . P R O G E T T O DI B I G L I E T T A Z I O N E UNICA
REGIONALE?
presentata il 16 ottobre 2014 dal Consigliere Fracasso
Premesso che:
con la DGR n. 2505 del 28 luglio 2000 l'allora Giunta regionale (Presidente
della Giunta Giancarlo Galan e assessore alla mobilità Renato Chisso) ha
sottoscritto un accordo di programma tra la Regione Veneto e i l Ministero per
l'Ambiente relativo ad interventi nel settore dei trasporti per ridurre le immissioni
di gas ad effetto serra, al fine di raggiungere gli obiettivi fissati dal Protocollo di
Kyoto del 1997 e con successiva DGR n. 2052/2001 ha adottato le direttive
riguardanti la bigliettazione del trasporto pubblico locale ed i connessi sistemi
tecnologici per il controllo e la gestione operativa della mobilità regionale;
con la DGR n. 4138/2003 ha approvato i l programma regionale di
investimenti per tecnologie nel settore del trasporto pubblico locale per il biennio
2003/2004 mettendo a disposizione delle aziende del settore, per i l tramite degli
enti locali affidatari, 17.217.122,09 di euro per consentire l'attivazione di progetti
per complessivi 39 milioni di euro. L'obiettivo del programma è la realizzazione
di un sistema di bigliettazione automatico unificato su base regionale e
caratterizzato dalla interoperabilità tra i sistemi adottati dalle aziende di trasporto
pubblico per permettere l'utilizzo dei mezzi pubblici della Regione con un'unica
tessera;
con la DGR n. 2002/2004 è stato autorizzato l'avvio delle procedure di gara
per l'affidamento del servizio di assistenza tecnica alla gestione operativa delle
undici proposte progettuali presentate dalle aziende ed ammesse al previsto
finanziamento e con successive DGR n. 1386/2005, 1736/2006 e 1920/2007 sono
stati prorogati i termini fissati per i l completamento delle procedure di gara per
l'affidamento delle commesse e per la conclusione dei progetti;
con la DGR n. 4310/2007 sono state apportate alcune modifiche al
programma di interventi approvato nel 2003, tra cui il trasferimento del contributo
originariamente assegnato alla Società A.I.M di Vicenza e ACTT Spa di Treviso;
con la DGR n. 404/2009 sono state deliberate ulteriori modifiche in quanto: i l
Comune di Vicenza non ha proceduto all'assegnazione della commessa e
all'avviamento del progetto presentato entro il prescritto termine; il progetto unico
del sistema di bigliettazione automatica del bacino padovano, che coinvolgeva
l'APS S.p.A. di Padova per il trasporto urbano, la SITA S.p.A. di Padova per i l
trasporto extraurbano e Trenitalia S.p.A. per i l trasporto ferroviario, dopo una
prima fase di sperimentazione non ha dato esito positivo, infatti è stato sospeso il
contratto di fornitura con l'avvio di procedura di contenzioso da parte del
fornitore e la richiesta di proroga dei termini da parte di APS S.p.A. e SITA
S.p.A.; la Dolomiti Bus S.p.A. non ha proceduto all'assegnazione della commessa
relativa al progetto di bigliettazione automatica a suo tempo presentato, ma ha
proposto di consolidare i l sistema di controllo della flotta e i l sistema di
informazione all'utenza. Di conseguenza i 4,9 milioni di euro non utilizzati sono
stati ripartiti tra le aziende di trasporto per la realizzazione di nuovi progetti di
bigliettazione automatica e sono state approvate le prescrizioni ai fini dell'accesso
ai contributi tra cui l'erogazione del saldo del contributo non inferiore al 30 per
cento dopo la verifica di interoperabilità del sistema e il termine del 31 dicembre
2010 per la conclusione dei progetti;
nel giugno 2010, dopo sette anni dall'approvazione del programma, l'allora
assessore regionale alla mobilità Renato Chisso nel formalizzare l'esito positivo
delle prove tecniche di interoperabilità di tre forme diverse di bigliettazione
elettronica realizzate da differenti System Integrator (quelle del trasporto pubblico
di Venezia ACTV, Verona A T V e del Veneto orientale ATVO) ha annunciato che
"Per la prima volta in Italia è stata verificata da una commissione tecnica la
piena compatibilità tra sistemi diversi rispetto alle operazioni di carica, ricarica,
validazione, estensione di vari tipi di tìtoli simulando un sistema tariffario
comune. Questo significa che i l sistema veneto di "bigliettazione unica" ha
dimostrato difiinzionare,facendole interagire e dialogare tra loro forme diverse
di bigliettazione e aprendo la strada alla bigliettazione unica". Nel contempo è
stata fissata la proroga per la conclusione dei rimanenti 8 progetti di
"bigliettazione automatica" al 30 settembre 2011 ;
nell'ottobre 2013 le quattro società di trasporto pubblico locale del trevigiano
nel dare avvio al processo di fiisione hanno chiesto 150.000 euro per integrare i
loro sistemi di bigliettazione;
nel 2014, dopo dieci anni e l'attivazione di circa 38,8 milioni di euro, il
biglietto unico regionale è ancora sulla carta. Il Programma Attuativo Regionale
dei fondi europei FAS, presentato dal Veneto nel 2011, ha destinato altri 10
milioni di euro per la realizzazione di questo importante progetto che ad oggi non
risultano ancora impegnati. Anche i l documento di programmazione per i fondi
europei 2014-2020 prevede uno stanziamento di 13 milioni di euro per la
realizzazione di un "Sistema di trasporto intelligente", attraverso l'erogazione di
contributi per "l'attivazione di sistemi di bigliettazione elettronica (...) per quelle
realtà che ancora non ne sono dotate ";
il sistema di bigliettazione unica è strategico all'avvio del Sistema Ferroviario
Metropolitano Regionale per garantire i collegamenti principali con i treni
cadenzati e quelli tra il territorio e le stazioni con il trasporto su gomma.
Tutto ciò premesso il sottoscritto consigliere regionale
chiede alla Giunta regionale
quali tra le aziende beneficiarie del contributo abbiano superato la verifica dei
previsti standard e trasmettano i dati di domanda e fhiizione delle reti
all'Osservatorio Permanente della Mobilità (programma gestionale Sistema
Informativo Regione Veneto - SIRV) come previsto dalle delibere sopracitate.
Pagina 1 di 1
XLegalmail
Allegato/i:
Mar 09/12/2014 13:27
[email protected]
[email protected]
Risposta INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA
n. 185 del 16 ottobre 2014presentata dal cons.
Fracasso
09132607.PDF('d/mens/one 455 KB)
segnatura.xrr\\(dimensione 1 KB)
T r a s m i s s i o n e n o t a p r o t . n . 526224 d e l 9 diceit±)re
2014 .
https://webmail.legalmail.infocert.it/webmail/stampa.jsp ?w_id=Wl 418133059999
09/12/2014

Documenti analoghi