La giustizia può attendere

Transcript

La giustizia può attendere
TORINO - CNS/CBPA - NO2376/2007 del 21.12.2007 - La testata fruisce dei contributi statali di cui alla L. 7/8/1990 n.250
È attivo l’abbonamento on-line a
e
e la versione digitale dei due giornali: www.ecodelchisone.it
Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, CNS/
MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2015 - ANNO 110 - N. 35
EURO 1,30 [ CON L’ECO MESE - L’EM 2,50 ]
SETTIMANALE DEL PINEROLESE
Trovi tutta la qualità dei
pneumatici Vredestein da:
PINEROLO (TO)
Pinerolo (TO) - viale Primo Maggio, 7 - Editrice: Cooperativa Cultura e Comunicazioni Sociali srl
::
Pubblicità: Publieco srl - Pinerolo (TO) - piazza Barbieri, 2
Chiesa
Occupazione
Pinerolo
Orbassano
Teatro
L’arcivescovo Nosiglia
mercoledì a Pinerolo,
sabato a Cavour
Problemi alla Cmi di
Bricherasio, esuberi
alla Dytech di Airasca
Nel Pd c’è un altro
candidato sindaco:
è Luigi Pinchiaroglio
Bimbo di 17 mesi
intrappolato in auto:
liberato dai Carabinieri
Nuove stagioni
al Superga di Nichelino
e al Sociale di Pinerolo
ALBERTO MARANETTO PAG. 9
PAOLO POLASTRI PAG. 30
ARMANDO E MIÈ PAGG. 6 E 24
I POPOLI
CHE PREMONO
AI CONFINI
DELL’EUROPA
La strategia della politica-spettacolo, che Renzi
ha ereditato da Berlusconi, sta naufragando contro scogli imprevisti. Due
eventi di rilevanza storica
stanno infatti sconvolgendo la nostra vita quotidiana e lo stesso difficile
cammino dell’Europa: la
crisi finanziaria del 2008,
con le sue pesanti conseguenze sull’occupazione
e sul futuro dei giovani, e
un’ondata migratoria che
dall’Africa e dal Medio
Oriente, ma anche da alcuni Paesi dell’Asia, attraverso il Mediterraneo
si è rovesciata soprattutto
sull’Italia e la Grecia. Con
centinaia di naufragi e migliaia di morti.
La crisi finanziaria, che
ha a che fare con la globalizzazione dell’economia,
ha favorito il dilagare della
disoccupazione e l’esplodere di una polemica sempre più accesa sull’austerity e sulle responsabilità
dell’euro. L’anti-politica ed
il populismo hanno cavalcato questo disagio sociale
assumendo subito forti colori nazionalisti. Su questa
difficile crisi economica
si è proiettata un’ondata
migratoria di dimensioni
bibliche che ha a che fare
con le guerre e con il terrorismo dell’Isis ma anche
con la fame di molte regioni
dell’Africa.
Per rispondere a queste sfide epocali, sarebbe
necessaria più Europa,
un’Europa più unita, più
solidale e più forte. Ed
invece l’intreccio delle
questioni politiche che
dominano questo tempo,
la crisi sociale provocata
dal declino del modello
neo-liberista, la fuga dalla crudeltà dei califfati
ed il disagio sociale che
si accompagna al dovere
di accogliere migliaia di
profughi, stanno alimentando l’anti-politica ed i
movimenti populisti.
Questo populismo si è
inizialmente caratterizzato per la polemica contro
la moneta unica europea,
considerata responsabile
di tutti i mali ed ha subito
assunto i caratteri di una
rivolta con forti connotati
reazionari. Alcuni Governi
hanno deciso di militarizzare le frontiere. Dove porta questa riscoperta delle
frontiere nazionali? Alla
dissoluzione dell’Unione
europea.
Guido Bodrato
■ Segue a pag.2
PAG.
7
Via Bignone, 85
Tel. 0121 377579 -Fax 0121 395509
[email protected]
www.ecodelchisone.it - [email protected]
Fondato nel 1906
Calcio
Brutto esordio
del Pinerolo in casa:
subisce 5 reti
CAPITANI E PANACCIULLI PAG. 39
LAURA MINOLFI PAG. 41
Amministratore condominiale a processo nel febbraio 2018
Intesa con Regione Piemonte e Comune di Barge
Il legale delle vittime: «Una vergogna: il rischio è la prescrizione»
Itt: altre 100 assunzioni
La giustizia può attendere Cresce il centro ricerche
PRIMO GIORNO DI SCUOLA,TRA GIOIE E TIMORI
Anno scolastico al via il 14 settembre in tutto il Pinerolese, per circa 30mila studenti, tra entusiasmi e ansie.
A Vigone, nella foto, gli alunni della primaria sono rientrati nelle classi solo martedì 15 grazie alla festa del
santo patrono.
(Foto Costantino)
Pagg. 5 e 27 ■ di Polastri e Rivolo
Entro l’anno un bando per l’affidamento?
Le prime denunce risalgono al maggio 2014, per fatti
risalenti ad almeno due anni
prima. Nel maggio scorso la
Procura (pm Chiara Maina)
aveva chiuso le indagini e
formulato il capo d’imputazione: appropriazione indebita aggravata per complessivi 650mila euro. Per Paolo
Maurino, noto amministratore di condominio di cui
“L’Eco” da tempo si occupa
e scrive, non restava che attendere la data dell’inizio del
processo. Oggi c’è pure quella: 12 febbraio 2018. Tempi
biblici che lasciano l’amaro
in bocca non solo alle molte vittime (di questa come
di altre truffe), ma anche a
tutti i pinerolesi che si sentono ormai messi ai margini
di una giustizia sempre più
“metropolitana”.
Lucia Sorbino
■ Segue a pag.2
nelle pagine interne
PINEROLO
Partono le asfaltature ma la collina
protesta
PAG. 9 di M. MAGGIA
CUMIANA
Ancora discussioni per la gestione
dell’asilo nido
PAG. 13 di F. FARAUDO
PINASCA
Pro loco in crisi: si dimette tutto il
direttivo
PAG. 15 di F. GIUSTETTO
VALLE PO
“Monviso Unesco” tra cultura, natura
PAG. 21 di G. CHIARENZA
e tradizioni
RIVALTA
Le delibere rimosse: giallo all’Albo
PAG. 29 di D. BEVILACQUA
pretorio
BOCCE
La Perosina tricolore nella categoria
PAG. 45 di M. CHIAPPERO
C a coppie
Porterà all’assunzione di oltre un centinaio di addetti, almeno il 25 per cento
di essi molto qualificati, il nuovo Centro
ricerche che verrà realizzato a Barge
accanto all’attuale stabilimento dell’Itt. Il
progetto avrà piena realizzazione nell’arco di un triennio.
Si tratta
del contenuto
dell’intesa formalizzata venerdì scorso a
Torino tra multinazionale, Regione Piemonte
e Comune di
Barge, mentre
intanto l’azienPag. 34 di P. Polastri
da ha già acquisito un terreno
per stabilirvi il cuore pulsante delle continue attività di ricerca e innovazione.
Dallo stabilimento bargese (oltre 1.000
dipendenti attuali) escono ogni anno 4
milioni di pastiglie dei freni. Un’eccellenza territoriale.
Pag. 7 ■ di A. Peinetti
LA BANDA DEL
BANCOMAT:
ARRESTI A
BRUINO, VINOVO
E SAN SECONDO
L’azienda bargese L’Autin affinerà 2.500 bottiglie alla Gianna
A Nichelino
buoni pasto
A Pinerolo associazioni in cerca di spazi espositivi ed evasori Del medesimo territorio “Il blanc de Lissart” premiato in Corea
Sant’Agostino conteso
we
IL FINE
SETTIMANA
PINEROLO
In gioco al “Murialdo” pag. 11
S. SECONDO
Sagra dij fujot
pag. 12
PEROSA
Poggio Oddone e la
fiera del Plaisentif
pag. 16
BOBBIO PELLICE
MangiaCammina
da Villanova al Prà
pag. 19
La richiesta dell’associazione En Plein Air di poter
usare lo spazio della chiesa di Sant’Agostino per poter
allestire una mostra di arte contemporanea ha sollevato un polverone. Lo spazio è del Comune di Pinerolo,
ma da sempre è usato dal Centro studi e museo di Arte
Preistorica come sede espositiva per le proprie mostre.
Un uso che è diventato consuetudinario, seppure non
ci sarebbero delibere che sanciscano un uso esclusivo.
A luglio la richiesta accordata per poter usare la
chiesa e poi la sospensione della delibera di giunta e
le proteste del Cesmap che aveva già fatto domanda
per l’uso da luglio 2015 a luglio 2016.
Il sindaco Buttiero: «Faremo presto un bando».
Bella sorpresa per le famiglie: la Giunta comunale ha tagliato il costo del
buono pasto della mensa
scolastica (sia il massimo
sia il minimo). Una misura
per aiutare i nichelinesi
in un momento di crisi
economica. In parallelo
partirà un’operazione per
il recupero delle morosità: l’obiettivo è incassare
400mila euro.
Pag. 9 ■ di P. Molino
Pag. 35 ■ di M. Bertello
LUSERNA S.G.
Spizzica e cammina
pag. 19
BAGNOLO
La Fiera della pietra
pagg. 22-23
GARZIGLIANA
Festa al santuario
di Montebruno
pag. 24
CARDÈ
pag. 25
La biciclettata
BURIASCO
Patronale di S. Michele pag. 26
PANCALIERI
Viverbe
BRUINO
Settembre in piazza
pag. 28
pag. 29
ORBASSANO/VOLVERA
Festa dello sport
pagg. 29-30
COAZZE
Sette corali con l’Ana pag, 31
NICHELINO
S. Matteo
pag. 35
TENNIS
Finali dei Campionati
pinerolesi
pag. 44
PODISMO
Heritage run a Scalenghe
pag. 45
VOLLEY
Il Pinerolo in
Coppa Piemonte
pag. 45
Il vino finisce anche in miniera
In Val Pellice
DEBUTTA LA VALPE DI CURCIO
IN 400 PER LA
FIACCOLATA PER
L’AMBULATORIO
E LA SANITÀ
IN VAL CHISONE
Pag. 17 di L. Prot
“Rimborsi” più bassi
«Vogliamo
il servizio
ferroviario»
Val Sangone
in guerra
per l’acqua
L’obiettivo è uno solo,
anche se le strade per
raggiungerlo possono essere diverse. Le Amministrazioni della Val Pellice
e il comitato Trenovivo
vogliono il ripristino del
servizio ferroviario sulla
Torre-Pinerolo. E sono
convinti che la possibilità di ottenere questo risultato sia concreta: «In
Regione la sensibilità è
cambiata». Si può contare
sul lavoro del consigliere
del M5S Federico Valetti
ed è decisivo l’interesse
dell’assessore ai Trasporti Francesco Balocco (Pd).
I Comuni della Val Sangone non ci stanno a vedersi
ridotti dalla Città metropolitana, le “compensazioni”,
cioè quei fondi (previsti per
legge) destinati dall’Ato ai
Comuni montani in cambio
della cessione della sua acqua. Si stabilì che i Comuni
delle Terre alte avessero
in cambio il 5 per cento
dei proventi delle tasse
idriche, nel Cuneese sono
addirittura l’8 per cento.
Ora la Città metropolitana
vorrebbe ridurre al 3 per
cento, limite minimo stabilito per legge, e i sindaci
montani insorgono.
Pag. 19 ■ di D. Arghittu
Agli ordini dell’allenatore Pat Curcio, l’Hc Valpellice
Bodino Engineering prepara sul ghiaccio del Cotta
Morandini di Torre la nuova stagione in serie A. La
squadra non è ancora al completo, ma il debutto è
previsto sabato 19, alle 20,30, in trasferta in Val di
Fassa.
(Foto Allaix)
Pag. 41 ■ di Lasagno e Arghittu
Portare 2.500 bottiglie di spumante ad affinarsi a
trecento metri di profondità nelle gallerie in disuso
della miniera Gianna, in Val Germanasca, dove un
tempo si estraeva il talco e oggi è di fatto un museo.
Dieci gradi costante e umidità perfetta, il posto ideale
per affinare, per almeno due anni, il prezioso ricavato di una complicata lavorazione dell’uva. L’idea è
venuta a Mauro Camusso, contitolare dell’azienda
vitivinicola L’Autin di Barge. «La vera sfida in realtà confida Camusso - è produrre “bollicine” in una terra
tradizionalmente vocata al vino rosso, è dimostrare in
questo modo che, come indicano gli enologi, sarebbe
meglio fare il contrario».
Pag. 31 ■ di E. Bevilacqua
Pag. 7 ■ di Barale e Di Francesco
Il segretario
della Lega
Nord Matteo
Salvini è stato
in visita in
Piemonte.
Venerdì ha
tenuto un
comizio a
Saluzzo,
dopo di che
si è trasferito
in Valle Po.
Sabato mattina
nuovo comizio
nel piazzale
di Pian della
Regina, dove
si è esibito
anche nella
preparazione
della polenta.
(Foto Tevino)
Pag. 2 ■
Quanto son
Quando gli stupidi scendono in piazza belle le miss
Un costo per la collettività per colpa di bande di ignoranti di Villafranca!
lato (danni in Val Troncea);
Villar Perosa (arredo urbano
e segnaletica stradale); Rivalta (parco giochi); Nichelino (parco del Boschetto);
Moretta (svastiche e scritte
ingiuriose sui muri); Pinerolo (devastata la sede della
società di pallavolo); Piossasco (gravi danni alla cappella di S. Valeriano). Ma non
basta ancora: a Porte hanno
bruciato banchi in chiesa, a
Pramollo appiccato fuoco
in Comune, per non parlare
dell’allagamento alle scuole
di Vigone nell’autunno 2014
o dell’incendio di cassonetti
come accaduto in Valle Po.
Pier Giovanni Trossero
■ Segue a pag.2
A ORBASSANO
I VANDALI
COLPISCONO
ANCORA
Pag. 30 di P. Polastri
Pag. 33 di F. Rabbia
LA POLENTA DI SALVINI A PIAN DELLA REGINA
Il vandalismo, fenomeno sempre più allarmante nel Pinerolese
Sono centinaia le notizie
che ogni settimana pubblichiamo su “L’Eco del
Chisone” ma sapete qual
è il tema più ricorrente? Il
vandalismo.
Scorriamo velocemente
le notizie degli ultimi due
anni e troviamo: Sangano
(colpiti auto e proprietà
pubbliche e private); Prage-
PROTESTANO
A NONE
«S. DALMAZZO
È UNA FRAZIONE
DIMENTICATA»
Martina, Erica, Silvia e ora
Giorgia: quattro Miss cresciute sulle sponde del Po.
Davvero vien da dire, quanto
son belle le villafranchesi!
Dopo Martina Allasia, che
già ha inanellato vari riconoscimenti, l’ultima arrivata è
Giorgia Gila, 21 anni.
Pag. 25 ■ di C. Chinnici
Inchiesta su “L’Eco mese - L’Em”
L’amianto killer
attorno a noi
C’è stata un’epoca in cui l’amianto veniva promosso per
le sue straordinarie e poliedriche caratteristiche. Sulle gravi conseguenze che le fibre d’amianto potevano avere sulla
salute delle persone si è taciuto a lungo. L’amianto è un
killer silenzioso, che in Italia ha già provocato 3.000 morti.
Dove si trova? Chi ne è responsabile? Come si fa a
eliminarlo dagli edifici dove viviamo e lavoriamo? L’inchiesta “Dieci pagine” pubblicata su “L’Eco mese - L’Em”
di settembre, a cura di Sara Perro e Luca Prot, prova a
rispondere a queste domande, con l’aiuto di mappe e dati
forniti dall’Arpa Piemonte.

Documenti analoghi