Pagina 1 di 2 Il made in Italy sotto attacco informatico

Transcript

Pagina 1 di 2 Il made in Italy sotto attacco informatico
Il made in Italy sotto attacco informatico - Rai News
Pagina 1 di 2
TECH
SICUREZZA: CYBERCRIME DANNEGGIA IL SISTEMA ITALIA PER 20-40 MILIARDI ANNUI
IL MADE IN ITALY SOTTO ATTACCO
INFORMATICO
Persino i servizi segreti nella relazione al Parlamento sottolineano come il cybercrime sia
ormai in testa alle minacce per le imprese italiane. L'allarme viene indirettamente
confermato dal rapporto Arbor Network/The Economist: la situazione italiana è
drammatica. "Non ci resta che aspettare il primo caso clamoroso", dice un esperto in
sicurezza.
di Celia Guimaraes
Roma - 18 marzo 2014 - Per la prima volta i servizi segreti italiani hanno messo gli attacchi informatici
in testa alle minacce per la sicurezza nazionale. L’accento sul cybercrime è stato posto durante la
presentazione della Relazione sulla politica dell’Informazione per la Sicurezza 2013, presentata
giorni fa al Parlamento, a cura del Sistema di Informazione per la Sicurezza della presidenza del
Consiglio.
Uno dei dodici esperti che affiancano il super consulente Francesco Caio per l’Agenda digitale, Andrea
Rigoni, sul notiziario del Corriere delle Comunicazioni sottolinea un dato grave: il made in Italy in
particolare è affidato a pmi incapaci di difendersi.
Il danno annuale degli attacchi informatici stimato dal Tno, il centro studi e ricerche della difesa
olandese, ammonta a più di un punto percentuale di Pil. E la situazione italiana potrebbe essere
peggiore. “Non vi sono ragioni per ipotizzare che questo numero in Italia sia inferiore. Tutt’altro: la
minor protezione delle nostre aziende e la minore preparazione da parte dello stato di fronteggiare
queste minacce lascia presumere che il numero possa essere tra l’uno e i due punti di Pil”.
Rigoni sottolinea: “Stiamo parlando di cifre astronomiche: tra i 20 ed i 40 miliardi l’anno! E’ proprio
sulla base di questi numeri che altri governi hanno stanziato cifre ingenti a supporto della Strategia
Nazionale di Cyber Security. Il Governo Italiano, nonostante tutta l’attenzione data al tema non ha
ancora stanziato nulla a supporto della realizzazione del Piano Nazionale di Sicurezza”.
Il Rapporto Arbor/Economist
A conferma di una situazione preoccupante ci sono i risultati di un’indagine internazionale condotta da
The Economist, in collaborazione con Arbor Networks, dal titolo: La risposta ai cyber-attacchi: gli
imprenditori sono pronti?
Il report raccoglie le testimonianze di 360 senior business leader di tutto il mondo sul grado di
preparazione delle proprie aziende di fronte ai cyber-attacchi, le minacce informatiche e la violazioni di
dati e mostra come, nonostante il 77% abbia subìto un incidente nel corso degli ultimi due anni, solo il
17% degli interpellati si senta completamente preparato a una possibile violazione online della
sicurezza.
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/attacchi-informatici-mettono-a-rischio-impre... 19/03/2014
Il made in Italy sotto attacco informatico - Rai News
Pagina 2 di 2
“I risultati di questo sondaggio globale sono particolarmente importanti proprio se confrontati con la
situazione italiana. Più di tre quarti degli intervistati hanno registrato incidenti di sicurezza informatica
nei due anni passati, e un quarto delle aziende europee sostiene che gli incidenti sono in aumento. Se
consideriamo il panorama mondiale, il 34,4% delle aziende condivide informazioni sugli incidenti con
altre organizzazioni per diffondere best practice comuni, mentre nel nostro continente il 28% dichiara
di pubblicare o condividere informazioni relative agli incidenti al fine di migliorare globalmente le
procedure di risposta”.
A parlare è Marco Gioanola, Consulting engineer di Arbor Networks, informatico che si è laureato con
una tesi sulla crittografia a chiave pubblica, consulente e esperto in soluzioni anti-DDos. Gioanola
conferma che nel nostro Paese la situazione è preoccupante oltre che caotica:
“In Italia non esistono fonti in grado di fornire informazioni analoghe: non esistono, ad esempio,
obblighi di comunicazione di attacchi informatici che possano aver compromesso i dati personali dei
clienti, e in generale c'è pochissima predisposizione da parte degli interessati a condividere
apertamente le proprie esperienze a proposito. In molti casi, purtroppo, le aziende sottovalutano i
rischi informatici semplicemente perché non hanno gli strumenti per rilevarli, mancano di personale
dedicato al tema, o si limitano a nascondere la testa sotto la sabbia. Anche se stiamo rilevando un
crescente interesse verso i nostri strumenti di rilevamento delle anomalie e di incident response, la
situazione delle società italiane dal punto di vista della sicurezza informatica è estremamente arretrata
rispetto al resto dei paesi occidentali, e purtroppo temo che non resti che attendere che venga alla
luce il primo caso clamoroso per poter sperare in qualche cambiamento di rotta”.
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/attacchi-informatici-mettono-a-rischio-impre... 19/03/2014

Documenti analoghi