Il lavoro domestico. Gestione di colf e badanti

Commenti

Transcript

Il lavoro domestico. Gestione di colf e badanti
AVANGUARDIA GIURIDICA Collana a cura di Marco Antoniol
MA8
STUDI APPLICATI
LORENZA ALBANESE
professionisti
pubblica amministrazione
AVANGUARDIA GIURIDICA Collana a cura di Marco Antoniol
MA8
Lorenza Albanese
IL LAVORO
DOMESTICO
GESTIONE DI
COLF E BADANTI
STUDI APPLICATI
professionisti
pubblica amministrazione
fax: 049 9711446 – tel: 049 9711446 martedi e giovedi 12:30 > 14:00
e–mail: [email protected] it
Il testo analizza la normativa inerente alla gestione del rapporto di lavoro domestico,
aggiornata con le ultime novità entrate in vigore il 1° aprile 2011. L’opera è suddivisa in
capitoli che si susseguono con il medesimo ordine logico che si deve adottare nella
gestione di tale rapporto di lavoro: si parte dalla costituzione del rapporto fino ad
arrivare alla cessazione dello stesso, passando per i vari aspetti della gestione (obblighi
retributivi, contributivi e fiscali). L’opera è destinata a chi si occupa della gestione del
rapporto di lavoro domestico: essa spiega in maniera completa e semplice, con il
supporto di formule e di fac-simili di lettere, tutte le operazioni da compiere nelle
diverse situazioni. A completamento dell’opera, nella parte finale, si trovano i più
rilevanti testi normativi di riferimento.
Copyright © 2011 Exeo S.r.l.. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale e con
qualsiasi mezzo senza l’autorizzazione scritta dell’editore. È consentita la stampa ad esclusivo uso
personale del soggetto abbonato, e comunque mai a scopo commerciale. Il pdf può essere utilizzato
esclusivamente dall’acquirente nei propri dispositivi di lettura. Ogni diffusione, con qualsiasi mezzo,
con qualsiasi scopo e nei confronti di chiunque, totale o parziale di contenuti è vietata senza il
consenso scritto dell’editore.
edizione: agosto 2011 - collana: Avanguardia Giuridica, a cura di Marco Antoniol
materia: diritto del lavoro - tipologia: studi applicati - formato: digitale, pdf
codice prodotto: MA8 - ISBN: 978-88-95578-50-7- prezzo: € 15,00
autore: Lorenza Albanese, laureata in giurisprudenza
editore: Exeo srl CF PI RI 03790770287 REA 337549 ROC 15200/2007 c.s.i.v. € 10.000,00, sede legale
piazzetta Modin 12 35129 Padova – sede operativa: via Dante Alighieri 6 int. 1 35028 Piove di Sacco PD
casella postale 76/A 35028 Piove di Sacco PD [email protected] Luogo di elaborazione presso la
sede operativa.
L’editore ringrazia per ogni segnalazione o suggerimento inviato a [email protected]
professionisti
pubblica amministrazione
www.territorio.it - www. exeoedizioni. it
ALBANESE -
Il lavoro domestico - Sommario
SOMMARIO
INTRODUZIONE ...................................................................................................7
CAPITOLO I - LA COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO...........9
1. Il datore di lavoro ed il prestatore di lavoro domestico............................. 9
2. Casi particolari di datori di lavoro e dipendenti........................................ 9
2.1. Il rapporto di parentela, affinità o coniugio .............................................. 10
2.2. Le comunità religiose o militari................................................................ 10
2.3. Il lavoratore minorenne............................................................................. 11
2.4. Il lavoratore sia domestico che comune (il caso dell’autista)................... 11
3. I documenti necessari per l’assunzione .................................................... 12
4. La comunicazione di assunzione agli uffici competenti ........................... 12
5. La lettera di assunzione ............................................................................ 15
6. L’assunzione di lavoratori domestici stranieri......................................... 16
6.1. I lavoratori comunitari .............................................................................. 16
6.2. I lavoratori extracomunitari già residenti in Italia .................................... 17
6.3. I lavoratori extracomunitari residenti all’estero........................................ 18
6.4. La comunicazione di cessione di alloggio a stranieri ............................... 21
6.5. Casi particolari di assunzione di lavoratori stranieri ................................ 21
6.6. Le differenze tra l’assunzione di lavoratori italiani ed extracomunitari... 22
CAPITOLO II - LO SVOLGIMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO
DOMESTICO .........................................................................................................23
1. L’inquadramento....................................................................................... 23
2. Il periodo di prova .................................................................................... 25
3. L’orario di lavoro e sue modifiche ........................................................... 26
4. Il riposo giornaliero e settimanale ........................................................... 27
5. Le festività ................................................................................................. 28
6. Il lavoro notturno, le discontinue prestazioni notturne e le prestazioni di
attesa notturna ................................................................................................. 29
7. Il lavoro straordinario .............................................................................. 29
8. Le ferie ...................................................................................................... 30
9. I permessi .................................................................................................. 32
9.1. Il congedo matrimoniale ........................................................................... 32
9.2. I permessi per visite mediche.................................................................... 32
9.3. I permessi per motivi familiari.................................................................. 33
9.4. I permessi per motivi di studio.................................................................. 33
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
4
ALBANESE -
Il lavoro domestico - Sommario
9.5. I permessi per formazione professionale .................................................. 34
9.6. I permessi per cariche sindacali ................................................................ 34
10. Le variazioni del rapporto di lavoro......................................................... 34
CAPITOLO III - LA SOSPENSIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO
DOMESTICO .........................................................................................................36
1. La malattia ................................................................................................ 36
2. L’infortunio sul lavoro e la malattia professionale.................................. 37
3. La maternità.............................................................................................. 38
CAPITOLO IV - LA RETRIBUZIONE ...............................................................41
1.
2.
3.
4.
5.
Il cedolino paga ........................................................................................ 41
Il minimo contrattuale............................................................................... 42
Gli scatti d’anzianità................................................................................. 44
L’indennità sostitutiva di vitto e alloggio ................................................. 44
La tredicesima mensilità ........................................................................... 45
CAPITOLO V - LA CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO
DOMESTICO .........................................................................................................47
1. Il preavviso................................................................................................ 47
2. Licenziamento e dimissioni ....................................................................... 48
3. Gli obblighi del datore di lavoro .............................................................. 49
CAPITOLO VI - GLI ADEMPIMENTI CONTRIBUTIVI................................51
1. Le prestazioni previdenziali ed assicurative............................................. 51
2. I contributi INPS ....................................................................................... 52
2.1 Il calcolo dei contributi INPS ................................................................... 52
2.2. Le modalità di versamento dei contributi INPS ....................................... 54
2.3. Casi particolari di versamento dei contributi INPS .................................. 56
3. I contributi CAS.SA.COLF........................................................................ 57
3.1. Le prestazioni della CAS.SA.COLF a favore del dipendente .................. 58
3.2. Le prestazioni della CAS.SA.COLF a favore del datore di lavoro .......... 60
3.3. Il calcolo dei contributi CAS.SA.COLF e le modalità di versamento ..... 61
CAPITOLO VII - GLI ADEMPIMENTI FISCALI .............................................63
1. Gli adempimenti fiscali a carico del lavoratore....................................... 63
2. Le agevolazioni fiscali a favore del datore di lavoro ............................... 63
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
5
ALBANESE -
Il lavoro domestico - Sommario
CAPITOLO VIII - CATEGORIE PARTICOLARI DI CONTRATTI DI
LAVORO DOMESTICO.......................................................................................66
1.
2.
3.
4.
Il contratto di lavoro a termine................................................................. 66
Il contratto di lavoro ripartito o job sharing ............................................ 67
Il contratto di lavoro interinale ................................................................ 67
Il rapporto di lavoro occasionale accessorio (i voucher) ........................ 68
CONCLUSIONI.....................................................................................................70
ALLEGATI...............................................................................................................71
Allegato 1 – Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro sulla disciplina del
rapporto di lavoro domestico .......................................................................... 72
Allegato 2 – Circolare INPS n. 49 dell’11 marzo 2011 .................................. 89
Allegato 3 – Tabelle minimi retributivi. Decorrenza 1° gennaio 2011........... 94
Allegato 4 – Fac-simile lettera di assunzione di badante convivente ............. 95
Allegato 5 – Fac-simile lettera di assunzione di collaboratrice domestica non
convivente ........................................................................................................ 96
Allegato 6 – Fac-simile lettera di licenziamento con preavviso ..................... 97
Allegato 7 – Fac-simile lettera di licenziamento senza preavviso .................. 98
BIBLIOGRAFIA......................................................................................................99
SITOGRAFIA........................................................................................................100
GLOSSARIO DELLE ABBREVIAZIONI..........................................................101
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
6
ALBANESE -
Il lavoro domestico - Introduzione
INTRODUZIONE
Il lavoro domestico è una tipologia di lavoro subordinato caratterizzato
dalla realizzazione di una prestazione lavorativa compiuta al fine di soddisfare le
esigenze di funzionamento della vita familiare del datore di lavoro. Infatti il
lavoratore domestico si impegna a prestare la propria attività per far fronte ai
bisogni personali o familiari del datore di lavoro.
Ne consegue che la disciplina del rapporto di lavoro domestico non si
applica al lavoratore che svolge la propria prestazione nell’esercizio di un’attività
d’impresa o professionale del datore di lavoro1.
Per cominciare si ritiene opportuno analizzare a grandi linee le tappe
fondamentali della produzione legislativa e giurisprudenziale che nel corso degli
anni ha regolamentato il rapporto di lavoro domestico.
Il Codice Civile ha fornito la prima disciplina in materia (dall’art. 2240
all’art. 2246). All’art. 2068, però, si negava espressamente la possibilità di una
regolamentazione con apposito contratto collettivo. Questa posizione è stata
superata con la sentenza della Corte Costituzionale n. 68 del 9 aprile 1969, che ha
dichiarato l’illegittimità costituzionale del citato articolo del Codice Civile.
Con la legge n. 339 del 2 aprile 1958, per la prima volta è stata fornita una
disciplina organica e dettagliata del rapporto di lavoro domestico. Questa legge,
però, era applicabile solo ai domestici assunti per almeno quattro ore giornaliere
presso lo stesso datore di lavoro. Tale limitazione applicativa della normativa è
stata criticata da più parti, tanto da richiedere una valutazione di legittimità
costituzionale. La sentenza della Corte Costituzionale n. 585 del 25 dicembre
1987, si è pronunciata definitivamente in materia dichiarando la costituzionalità
della legge del 1958. È stata confermata, quindi, l’esclusione dell’estensione
applicativa per i lavoratori impiegati per una prestazione inferiore alle quattro ore
giornaliere. Per questi ultimi permaneva l’applicabilità della disciplina del Codice
Civile.
Nel 1971, con il D.P.R. n. 1403, sono stati regolamentati anche gli aspetti
previdenziali del rapporto di lavoro domestico. È stato disciplinato, infatti,
l’obbligo delle assicurazioni sociali per tutti i lavoratori, indipendentemente dal
numero di ore di lavoro giornaliere.
Allo stato attuale, la regolamentazione più completa del rapporto di lavoro
domestico si trova nel CCNL2, così come avviene per tutte le altre tipologie di
rapporti lavorativi. Il CCNL attualmente in vigore, stipulato il 16 febbraio 2007,
è scaduto il 28 febbraio 2011, ma non è stato ancora stipulato un nuovo accordo3.
1
Così confermato in Cass. 14 dicembre 2005, n. 27578.
Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori domestici stipulato il 16.02.2007: cfr. glossario delle
abbreviazioni.
3
A completamento di quanto esposto fino a qui, in merito alle fonti legislative del rapporto di lavoro domestico,
2
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
7
ALBANESE -
Il lavoro domestico - Introduzione
Da quanto fin qui esposto si deduce che il rapporto di lavoro domestico è
assoggettato ad una disciplina particolare. Il lavoratore, per esempio, non soggiace
alla medesima normativa sui licenziamenti applicata a tutti gli altri lavoratori4, ed
il datore di lavoro è esonerato dalla tenuta del Libro Unico del Lavoro5.
In questa opera si vuole analizzare il rapporto di lavoro domestico, con
particolare attenzione alla costituzione del rapporto di lavoro, al suo svolgimento,
fino ad arrivare alla sua estinzione.
L’intenzione è quella di fornire uno strumento utile e completo al
professionista che deve gestire tale rapporto. Per questo motivo, oltre alla
spiegazione teorica e dottrinale dei diversi istituti, si vuole dare anche una
soluzione pratica delle diverse problematiche.
§§§
si ritiene opportuno citare la legge n. 940 del 1953, relativa alla corresponsione della tredicesima mensilità ai
lavoratori domestici e la legge n. 297 del 29 maggio 1982 per la disciplina del trattamento di fine rapporto.
4
Ex art. 4, L. n. 108 dell’11 maggio 1990.
5
Ex art. 39, L. n. 133 del 2008.
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
8
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
CAPITOLO I LA COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO
1. Il datore di lavoro ed il prestatore di lavoro domestico
Nel rapporto di lavoro domestico il datore di lavoro è un soggetto privato
(gruppo familiare o singola persona).
Il datore di lavoro è colui rispetto al quale viene soddisfatto, da parte del
prestatore di lavoro, un bisogno personale o familiare. Ciò non significa che il
datore di lavoro debba sempre e necessariamente coincidere con il diretto
destinatario della prestazione lavorativa. Si prenda come esempio il caso di chi
voglia assumere una badante per accudire il proprio genitore anziano. Il datore di
lavoro è il figlio che, sebbene non sia il diretto beneficiario dell’attività di cura
svolta dalla badante, è colui che, impegnandosi al pagamento periodico della
retribuzione, vede soddisfare il proprio bisogno personale di assistenza del
proprio genitore1.
Di contro, il lavoratore domestico è quel soggetto che presta la propria
attività a favore della vita familiare del datore di lavoro. Esso può essere assunto
per lo svolgimento di prestazioni d’opera manuali specializzate (per esempio le
badanti) o generiche (per esempio le colf).
Non rientrano, invece, nella categoria dei lavoratori domestici le cosiddette
persone “alla pari”. Si tratta solitamente di studenti che si impegnano a compiere
limitate attività di lavoro domestico in cambio di alloggio, ma che non possono
essere assicurati come lavoratori domestici2.
2. Casi particolari di datori di lavoro e dipendenti
Dopo aver brevemente presentato il datore di lavoro ed il lavoratore
domestico si ritiene utile fare una rapida analisi dei casi particolari che si possono
verificare in occasione della costituzione di un rapporto di lavoro domestico.
1
Così stabilito con sentenza del Tribunale di Roma n. 6571 del 13 maggio 2005, in base alla quale «il datore di
lavoro è colui che promette la retribuzione e riceve l’impegno a collaborare e non necessariamente il destinatario
delle prestazioni, sicché ben può essere il figlio dell’anziano assistito da badante, se contatta la lavoratrice non per
mandato ricevuto dal genitore ma per sua iniziativa».
2
AA.VV., Memento pratico. Lavoro 2011, Ipsoa Francis Lefebvre, 2011, pag. 408; BRADASCHIA S., Il lavoro domestico.
Manuale per la gestione del rapporto, 2011, pag. 5.
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
9
ALBANESE -
2.1.
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
Il rapporto di parentela, affinità o coniugio
In presenza di un rapporto di parentela o affinità tra datore di lavoro e
lavoratore sussiste la presunzione di gratuità della prestazione lavorativa in
quanto si ritiene che l’attività tipica di lavoro domestico sia resa per motivi
affettivi.
Tale presunzione, però, non esclude la possibilità di instaurare un vero e
proprio rapporto di lavoro con la conseguente, e quindi necessaria, assicurazione
del lavoratore.
Le denunce di costituzione del rapporto di lavoro domestico tra parenti o
affini non possono essere escluse a priori. È necessario, infatti, valutare ogni
singolo caso tenendo presente la situazione effettiva nell’ambito della quale è
sorto il rapporto. Si deve considerare l’eventuale convivenza, la periodicità del
pagamento della retribuzione e dei contributi, la presenza di una lettera di
assunzione e l’applicazione del CCNL3.
Questi elementi, che attestano l’esistenza di un vero e proprio rapporto di
lavoro subordinato, sono oggetto di una prova rigorosa che sta a carico del
lavoratore e che può fornire solo a posteriori, essendoci «un’evidente difficoltà
nell’accertamento preventivo dei requisiti (prova della reale esistenza del rapporto
di lavoro e della relativa retribuzione) quando il rapporto non si è ancora
instaurato»4. Non sussiste l’onere della prova nel caso in cui al datore di lavoro
sia stato riconosciuto il diritto all’indennità di accompagnamento.
Il rapporto di lavoro domestico tra coniugi o conviventi more uxorio,
invece, è ammissibile solo per l’assistenza di persone non autosufficienti che
percepiscono l’indennità di accompagnamento o di persone che rivestono un
determinato status (sacerdoti secolari e componenti di comunità religiose)5.
2.2.
Le comunità religiose o militari
Affinché una comunità possa ricoprire la veste di datore di lavoro deve
soddisfare i seguenti requisiti:
- assenza di uno scopo di lucro;
- osservanza del principio di mutua assistenza, tipico delle famiglie basate su
vincoli di sangue;
- stabilità, continuità e permanenza dei soggetti che costituiscono la comunità;
- solidarietà fra soggetti aventi comunanza di vitto e alloggio6.
3
Ex art. 13, D.P.R. n. 1403 del 1971.
Testualmente in Messaggio INPS n. 15451 del 12 giugno 2007.
5
Ex art. 13, D.P.R. n. 1403 del 1971.
6
Requisiti che si deducono dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 2354 del 31 marzo 1983.
4
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
10
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
Possono, per esempio, rientrare in questa categoria di datori di lavoro i
conventi e le caserme militari.
2.3.
Il lavoratore minorenne
Nel rapporto di lavoro domestico è ammessa l’assunzione di lavoratori di
età inferiore ai 18 anni, ma superiore ai 16 anni7.
L’assunzione del minore è ammessa solo se è stato assolto l’obbligo
scolastico e se risulta compatibile con l’esigenza di tutela della salute8. Il datore di
lavoro, infatti, si impegna alla cura del minore, per favorirne lo sviluppo ed il
rispetto della personalità fisica, morale e professionale9.
Per il perfezionamento del rapporto lavorativo, il minore, oltre a presentare
i documenti necessari per l’assunzione di qualsiasi domestico10, deve esibire anche
il certificato di idoneità al lavoro, rilasciato previa visita medica presso l’Ufficio
sanitario.
Solo per l’assunzione in regime di convivenza, è necessario anche il
consenso dei genitori o di chi ne esercita la potestà, affinché il figlio viva presso
l’abitazione del datore di lavoro. Tale autorizzazione deve essere vidimata dal
Sindaco del Comune di residenza del minore.
Il datore di lavoro non può impiegare il minore durante l’orario notturno,
se non in casi eccezionali.
2.4.
Il lavoratore sia domestico che comune (il caso dell’autista)
Come già scritto, il lavoratore domestico svolge la propria attività per il
soddisfacimento delle esigenze familiari e private del datore di lavoro.
Potrebbero sorgere delle problematiche se il domestico, oltre a lavorare
presso l’unità abitativa del datore di lavoro e del suo nucleo familiare, presta
determinate mansioni anche presso i locali utilizzati dal datore di lavoro per lo
svolgimento della sua attività professionale o imprenditoriale. In questo caso non
vi è dubbio che il lavoratore debba essere assoggettato ad una doppia
assicurazione: sia come lavoratore domestico, sia come lavoratore subordinato11.
Il lavoratore domestico con mansioni di autista, invece, costituisce un caso
7
Ex art. 25 del CCNL.
Ex L. n. 977 del 17 ottobre 1967.
9
In linea generale, il datore di lavoro che assume un minore, è obbligato a rispettare determinati obblighi sanciti
dalla legge (L. n. 977 del 17 ottobre 1967, modificata con D.Lgs. n. 345 del 4 agosto 1999). Il mancato rispetto di
tali disposizioni legislative comporta la comminazione di sanzioni penali ed amministrative.
10
Cfr. infra, paragrafo 3.
11
VOLPI M.C., Colf e badanti, Seac, 2011, pag. 13.
8
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
11
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
ulteriormente particolare. Se il dipendente viene assunto come autista per
soddisfare solo ed unicamente le esigenze del nucleo familiare del datore di
lavoro, deve essere assicurato solo come lavoratore domestico. Se invece l’autista
viene assunto anche per esigenze inerenti all’attività economico-professionale del
datore di lavoro, deve essere assicurato solamente come lavoratore subordinato. In
quest’ultimo caso, come prescritto dall’art. 1 della legge n. 1003 del 31 luglio
195612, è esclusa la doppia assicurazione del lavoratore.
3. I documenti necessari per l’assunzione
L’art. 4 del CCNL prevede che, ai fini dell’assunzione, il personale
domestico debba esibire al datore di lavoro la documentazione sotto elencata:
- carta d’identità o altro documento equivalente in corso di validità;
- codice fiscale;
- tessera sanitaria aggiornata con le attestazioni previste dalle norme di legge in
vigore;
- eventuali documenti assicurativi e previdenziali;
- eventuali diplomi o attestazioni professionali riconosciuti in Italia13.
Sebbene non sia espressamente previsto da alcuna normativa, anche il
datore di lavoro deve presentare la carta d’identità o altro documento equivalente
in corso di validità ed il codice fiscale. Trattasi di documentazione necessaria per
procedere alla comunicazione di assunzione di cui si tratterà nel paragrafo
successivo.
4. La comunicazione di assunzione agli uffici competenti
Per assumere un lavoratore domestico il datore di lavoro deve rispettare
una precisa procedura.
Il primo adempimento da assolvere, dopo aver raggiunto un accordo tra le
parti, è l’obbligo di assicurazione del lavoratore14. Poiché il dipendente è
12
«Gli autisti che prestano la loro opera alle dipendenze di titolari di impresa ovvero di titolari di attività
comunque soggette alle norme sugli assegni familiari o del nucleo familiare, anche se addetti a servizi personali del
titolare medesimo o dei componenti del suo nucleo familiare, sono soggetti alle stesse forme di previdenza e di
assistenza sociale alle quali i titolari medesimi sono tenuti per i propri dipendenti addetti all’impresa o all’attività
esercitata».
13
L’obbligo di presentazione di determinati documenti da parte del dipendente era vigente già nel 1958. L’art. 3, L.
n. 339 prevedeva, infatti, che «ai fini dell’assunzione il lavoratore deve presentare i seguenti documenti personali:
1) libretto di lavoro ai sensi della L. 10 gennaio 1935, n 112; 2) tessere e libretto delle assicurazioni sociali di cui al
regolamento approvato con R.D. 28 agosto 1924, n. 1422, in quanto ne sia in possesso; 3) carta d’identità o
documento equipollente; 4) tessera sanitaria ai sensi della L. 22 giugno 1939, n. 1239».
14
Già l’art. 2, L. n. 339 del 1958, prevedeva l’obbligo di comunicazione da parte del datore di lavoro:
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
12
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
chiamato a svolgere un’attività subordinata (il lavoratore deve agire sotto le
direttive del datore di lavoro) e retribuita (in denaro o in natura sottoforma di
vitto e alloggio), sorge l’obbligo assicurativo a carico del datore di lavoro.
L’assicurazione del lavoratore va fatta anche se la prestazione è saltuaria e
discontinua ed indipendentemente dalla durata dell’attività lavorativa. Vanno
comunicati, infatti, sia i contratti a termine ed, al limite, anche quelli che
prevedono una sola ora lavorativa al mese. Vanno, inoltre, assicurati sia i
pensionati che i lavoratori già assicurati per altre attività lavorative presso altri
datori di lavoro15.
Nello specifico l’assicurazione, e quindi l’assunzione del dipendente,
avviene mediante apposita comunicazione all’INPS16. Il datore di lavoro può agire
direttamente o, come più spesso avviene, mediante un intermediario qualificato.
La denuncia è pluriefficace: è perfezionata solo nei confronti dell’INPS che,
a sua volta, provvede a trasmetterla in via informatica ai centri per l’impiego, al
Ministero del Lavoro ed all’INAIL17. Per cui l’iniziale denuncia all’istituto di
previdenza assolve tutti gli obblighi legali nei confronti degli altri enti
sopracitati18.
La comunicazione di assunzione va necessariamente fatta entro, e non oltre
le ore 24 del giorno precedente, anche se festivo, a quello dell’assunzione stessa 19.
In caso di mancata o tardiva comunicazione, il datore di lavoro è sanzionato con
il pagamento alla DPL20 di una somma compresa tra € 100,00 ed € 500,00 per
ciascun lavoratore occupato21. A tale sanzione amministrativa possono essere
cumulate le sanzioni previste per l’omessa iscrizione all’INPS e per il conseguente
omesso versamento dei contributi22.
«L’assunzione del personale domestico avviene direttamente, con l’obbligo per il datore di lavoro di denunciare,
entro trenta giorni dal compimento del periodo di prova, l’avvenuta assunzione al competente Ufficio di
collocamento, di cui alla L. 29 aprile 1949, n. 264».
15
VOLPI M.C., pag. 39. Per quanto concerne la doppia assicurazione del lavoratore, cfr. infra paragrafo 2.
16
Istituto Nazionale Previdenza Sociale: cfr. glossario delle abbreviazioni.
17
Istituto Nazionale Assicurazioni Infortuni sul Lavoro: cfr. glossario delle abbreviazioni.
18
A completamento di quanto esposto facciamo presente che fino al 16 febbraio 2009 le comunicazioni dovevano
essere inviate al centro per l’impiego nel cui ambito territoriale era ubicata la sede lavorativa.
La legge n. 2 del 2009 ha semplificato la procedura di comunicazione delle assunzioni indicando l’INPS come
unico destinatario. L’art. 16-bis11,12 della citata legge prevede che: «In deroga alla normativa vigente, per i datori di
lavoro domestico gli obblighi di cui all’articolo 9bis del decreto legge 1 ottobre 1996, n. 510, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 novembre 1996, n. 608, e successive modificazioni, si intendono assolti con la
presentazione all’Istituto nazionale della previdenza sociale (Inps), attraverso modalità semplificate, della
comunicazione di assunzione, cessazione, trasformazione e proroga del rapporto di lavoro.
L’Inps trasmette, in via informatica, le comunicazioni semplificate di cui al comma 11 ai servizi competenti, al
Ministero del Lavoro, della salute e delle politiche sociali, all’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli
infortuni sul lavoro (Inail), nonché alla Prefettura-Ufficio territoriale del Governo, nell’ambito del Sistema
pubblico di connettività (Spc) e nel rispetto delle regole tecniche di sicurezza, di cui all’articolo 71, comma 1bis,
del Codice di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, anche ai fini di quanto previsto dall’articolo 4bis,
comma 6, del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, e successive modificazioni».
19
Ex art. 9bis2, D.L. n. 510 del 1996, convertito con modifiche dalla L. n. 608 del 1996 e modificato dall’art. 11180
della L. 296 del 2006.
20
Direzione Provinciale del Lavoro: cfr. glossario delle abbreviazioni.
21
Ex art. 193, D.Lgs. n. 276 del 2003.
22
Cfr. capitolo VI, nota 8.
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
13
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
L’eventuale annullamento della denuncia di assunzione è ammesso entro
cinque giorni di calendario a decorrere dalla data indicata come inizio del
rapporto lavorativo23. Superato tale termine, l’unica possibilità per chiudere il
rapporto di lavoro è quella di procedere alla comunicazione della cessazione.
Per quanto riguarda le modalità di comunicazione, la circolare INPS n. 49
dell’11 marzo 2011 prevede che a decorrere dal 1° aprile 2011, la denuncia non
può più essere fatta in forma cartacea utilizzando il modello “SC38 COLD-ASS”,
e facendo pervenire tutta la documentazione all’INPS personalmente, a mezzo fax
o raccomandata. Da tale data è obbligatorio l’invio telematico attraverso il sito
dell’INPS (www.inps.it).
La denuncia può essere fatta personalmente dal datore di lavoro come
privato cittadino. In questo caso la procedura da seguire è la seguente: dalla
homepage del sito dell’INPS, scegliere “Servizi online”, “Per tipologia di utente”,
“Cittadino”, “Al servizio del cittadino”, quindi inserire il proprio codice fiscale e
PIN identificativo ed accedere ai “Servizi rapporto di lavoro domestico” e
“Iscrizione rapporto di lavoro”.
Se invece il datore di lavoro decide di agire per mezzo di un intermediario,
come ad esempio un consulente del lavoro, quest’ultimo deve provvedere alla
denuncia accedendo alla homepage del sito dell’INPS, scegliendo “Servizi online”,
“Per tipologia di utente”, “Aziende, consulenti e professionisti”, “Lavoratori
domestici”. A questo punto è necessario l’accreditamento del professionista
inserendo il proprio codice fiscale e relativo PIN. Successivamente si apre la
finestra per l’accesso alle diverse procedure ed attività per la gestione del rapporto
di lavoro domestico. Nello specifico si deve scegliere “Iscrizione rapporto di
lavoro”.
La denuncia di assunzione deve essere compilata riportando i dati
anagrafici del datore di lavoro e del lavoratore. Inoltre, devono essere specificati
gli elementi caratterizzanti il rapporto di lavoro, come ad esempio l’orario di
lavoro e la retribuzione concordati.
Per ogni domanda d’assunzione inviata può essere stampata la relativa
ricevuta di presentazione contenente tutti i dati inseriti manualmente, il numero
del codice rapporto di dodici cifre attribuito dall’INPS e la data di invio.
In alternativa alla denuncia telematica è ammessa la comunicazione
telefonica, contattando il numero verde 803.164 del Contact Center Multicanale e
fornendo, così, tutti i dati inerenti all’assunzione, previa identificazione del
soggetto dichiarante. Anche per le comunicazioni effettuate tramite il Contact
Center Multicanale, l’identificazione del soggetto dichiarante avviene tramite
PIN24.
23
Sul punto si rileva un’ulteriore differenza tra la gestione del rapporto di lavoro domestico e quella del rapporto
di lavoro “ordinario”. Nel primo caso, come detto, è possibile l’annullamento dell’assunzione entro cinque giorni
dalla data prevista per l’inizio del rapporto lavorativo. Nel secondo caso, invece, l’annullamento deve essere fatto
entro il giorno stesso dell’inizio del rapporto che, di fatto, non si è instaurato.
24
La circolare INPS n. 49 dell’11 marzo 2011, precisa che fino al 30 settembre 2011 saranno accettate anche le
comunicazioni di soggetti sprovvisti di PIN. Contestualmente all’accettazione della comunicazione verrà attivato
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
14
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
5. La lettera di assunzione
Il privato cittadino, datore di lavoro, con l’assunzione del lavoratore
domestico, si impegna a sottoscrivere un regolare contratto di lavoro contenente i
diritti ed i doveri a capo di entrambe le parti.
Il rapporto di lavoro domestico costituisce un vero e proprio rapporto
contrattuale ex art. 1321 c.c., in cui il dipendente si impegna a prestare la propria
attività lavorativa, alle dipendenze e sotto la direzione del proprio datore di
lavoro, che si obbliga al pagamento della relativa retribuzione.
Il contratto di lavoro, come ogni altro contratto di diritto privato, si
caratterizza per gli elementi essenziali che lo costituiscono. Tali elementi nello
specifico sono: l’accordo tra le parti, cioè l’incontro delle manifestazioni di
volontà tra datore di lavoro e prestatore dell’attività lavorativa; la causa,
consistente nello scambio tra l’attività prestata dal dipendente e la retribuzione;
l’oggetto, costituito dall’impegno del domestico a svolgere la prestazione pattuita
e del datore di lavoro di corrispondere la retribuzione; la forma, di regola è
prevista la forma libera. Alcune clausole, però, devono risultare da atto scritto a
pena di nullità: si tratta in particolare della determinazione del periodo di prova,
dell’applicazione del termine e del patto di non concorrenza.
Di regola è consigliabile la forma scritta attraverso la redazione di una
lettera di assunzione che, così come avviene per gli altri rapporti di lavoro
subordinato, rappresenta una garanzia per entrambe le parti.
L’art. 6 del CCNL specifica il contenuto del contratto di lavoro:
- data di decorrenza del rapporto lavorativo, ed eventuale data di cessazione nel
caso di contratto a termine. A tal proposito si specifica che il contratto si
presume a tempo indeterminato a meno che le parti non si accordino su un
termine finale per la cessazione del rapporto;
- livello, mansione ed eventuale anzianità maturata nella qualifica da parte del
lavoratore;
- durata del periodo di prova;
- esistenza o meno della convivenza totale o parziale. Nel caso in cui sia prevista
la convivenza è necessario indicare la presenza di un apposito spazio idoneo, per
il dipendente, a riporre gli oggetti personali;
- residenza del lavoratore;
- orario di lavoro e sua distribuzione nell’arco della giornata e della settimana;
- eventuale obbligo di tenere una divisa che deve essere fornita dal datore di
lavoro;
- collocazione della mezza giornata di riposo in aggiunta alla domenica. Le parti
l’iter per l’assegnazione del PIN.
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
15
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
possono pattuire un giorno diverso dalla domenica, se il lavoratore professa una
fede religiosa che prevede un giorno solenne diverso;
- indicazione della retribuzione oraria o mensile, e delle eventuali condizioni di
vitto e alloggio;
- luogo di svolgimento della prestazione lavorativa, con eventuale previsione di
spostamenti temporanei per motivi di vacanza o cura del datore di lavoro o del
suo nucleo familiare;
- eventuale periodo di godimento delle ferie.
Le condizioni accordate tra le parti non possono essere peggiorative per il
dipendente rispetto a quanto previsto dalla legge e dal CCNL.
La lettera di assunzione deve essere firmata da entrambe le parti in duplice
copia in modo che sia in datore di lavoro che il dipendente possano trattenerne
una.
Si ritiene che nel caso di un rapporto di lavoro di durata inferiore al mese e
con orario inferiore alle 8 ore settimanali, non sia obbligatoria la redazione della
lettera di assunzione25.
6. L’assunzione di lavoratori domestici stranieri
Nei rapporti di lavoro domestico attualmente in essere molti dipendenti
hanno cittadinanza straniera. In tali casi l’assunzione e la gestione del rapporto di
lavoro devono seguire delle procedure peculiari che si differenziano nel caso di
contratti lavorativi con cittadini comunitari o extracomunitari, già residenti in
Italia o ancora nel loro paese d’origine.
Di seguito analizzeremo nel dettaglio le procedure che precedono
l’assunzione dei lavoratori stranieri e che si rendono necessarie per la
regolarizzazione del rapporto di lavoro.
6.1.
I lavoratori comunitari
In caso di assunzione di cittadini comunitari26 le regole e le procedure da
seguire sono le medesime previste per i lavoratori con cittadinanza italiana.
Sono equiparati ai cittadini comunitari coloro che provengono della
Svizzera e dagli Stati appartenenti allo Spazio Economico Europeo (SEE)27.
25
VOLPI M.C., pag. 17.
Ad oggi gli Stati membri dell’Unione Europea sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia,
Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia,
Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria.
27
Pertanto agli Stati già menzionati nella nota precedente si aggiungono Islanda, Liechtestein e Norvegia. Così
confermato nelle istruzioni del sito www.inps.it.
26
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
16
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
Per quanto riguarda i lavoratori provenienti dalla Bulgaria e dalla Romania
(ultimi Stati entrati a far parte dell’Unione Europea), fino al 31 dicembre 2011,
sono assoggettati a delle limitazioni per l’accesso al mercato del lavoro
subordinato. Tali restrizioni, però, non interessano il lavoro domestico.
Il datore di lavoro privato, quindi, può procedere all’assunzione dei
lavoratori che rientrano nei casi sopradetti senza particolari vincoli o
autorizzazioni, valendo le medesime regole previste per l’assunzione dei cittadini
italiani.
6.2.
I lavoratori extracomunitari già residenti in Italia
Nel caso di assunzione di lavoratori extracomunitari già presenti in Italia
con regolare permesso di soggiorno28, l’art. 53bis del T.U. Immigrazione prevede
l’obbligatoria stipulazione del contratto di soggiorno tra datore di lavoro e
dipendente29.
Nello specifico, il datore di lavoro s’impegna a compilare l’apposito
modello Q30, predisposto solo ed esclusivamente per le assunzioni di lavoratori
extracomunitari regolari, già residenti in Italia ed in possesso di permesso di
soggiorno in corso di validità. Questo modello non può essere usato per il primo
ingresso31.
Il datore di lavoro deve inviare il modello Q allo Sportello Unico per
l’Immigrazione, con raccomandata, entro cinque giorni dall’assunzione,
unitamente ad una copia del suo documento d’identità. Successivamente dovrà
consegnare al lavoratore una copia, sia del contratto di soggiorno, che della
ricevuta di avvenuta ricezione della raccomandata con il timbro dello Sportello
Unico.
Il modello Q contiene:
- la dichiarazione del datore di lavoro di concedere al cittadino
extracomunitario un alloggio idoneo, come specificato da apposita certificazione
rilasciata dal Comune o dall’ASL32;
- l’impegno del datore di lavoro al pagamento delle spese per il rientro nel paese
di origine del lavoratore straniero33;
- l’impegno del datore di lavoro di comunicare qualsiasi variazione del
28
Si tratta di permesso di soggiorno che permette lo svolgimento di attività di lavoro subordinato. Deve essere
rilasciato per motivi di lavoro non stagionale, per lavoro autonomo o per motivi familiari.
29
Sull’argomento si veda anche quanto specificato nella circolare del Ministero dell’Interno n. 465 del 29 gennaio
2008 e nelle istruzioni che si rinvengono nel sito www.inps.it.
30
Scaricabile, con le relative istruzioni per la compilazione, dai siti www.lavoro.gov.it o www.interno.it.
31
Per il primo ingresso del lavoratore in Italia valgono le regole riportate nel paragrafo che segue.
32
Per quanto concerne le citate certificazioni, cfr. quanto specificato nel paragrafo successivo in merito al
contenuto della domanda di nullaosta.
33
Per le specifiche sull’argomento, cfr. quanto esposto nel paragrafo successivo in merito al contenuto della
domanda di nullaosta.
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
17
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
contratto di assunzione;
- le caratteristiche e le condizioni del contratto di lavoro, come ad esempio la
durata del rapporto, la retribuzione, le mansioni, l’orario.
D’altra parte il dipendente extracomunitario deve essere in possesso di un
permesso di soggiorno valido ed idoneo per lo svolgimento dell’attività
lavorativa34 e deve collaborare con il datore di lavoro per la compilazione del
modello Q.
6.3.
I lavoratori extracomunitari residenti all’estero
La situazione si complica notevolmente qualora il datore di lavoro voglia
assumere un domestico extracomunitario che, però, non è ancora arrivato in
Italia. In questo caso l’unica procedura da adottare è quella di richiesta telematica
di nullaosta da parte del datore di lavoro.
La domanda di nullaosta può essere fatta solo successivamente alla
pubblicazione in G.U. del decreto flussi per l’anno in corso. Il citato decreto è
necessario per la determinazione dei Paesi stranieri e del relativo numero
massimo di cittadini ai quali è concesso il visto d’ingresso ed il permesso di
soggiorno per motivi di lavoro subordinato (anche stagionale) o autonomo.
Raggiunta la quota massima di ingressi di cittadini di un determinato Stato, non
può più entrare alcun cittadino di quel Paese fino al nuovo decreto35.
L’unico modo per gli extracomunitari per soggiornare e lavorare
regolarmente in Italia è quello di rientrare nel decreto flussi.
La prima fase per l’assunzione di un lavoratore extracomunitario prevede la
richiesta di nullaosta da parte del datore di lavoro, da compiere esclusivamente in
via telematica allo Sportello Unico per l’Immigrazione secondo la procedura
prevista dal Ministero dell’Interno36.
Nello specifico il datore di lavoro deve accedere al sito internet del
Ministero dell’Interno e registrarsi in un’apposita area dedicata, specificando il
proprio nome utente e password. Dopo l’arrivo dell’e-mail di conferma della
registrazione, può procedere con la compilazione della domanda che si intende
34
Nel caso in cui il soggetto non sia in possesso di un permesso di soggiorno per motivi di lavoro, ma per altri
motivi, può svolgere l’attività di lavoro subordinato previa richiesta di conversione del permesso di soggiorno
effettuata presso la Questura. Non tutti i permessi di soggiorno, però, possono essere convertiti.
Così specificato in VOLPI M.C., pag. 23.
35
I decreti flussi possono prevedere delle limitazioni all’ingresso di lavoratori di stati che non collaborano con
l’Italia alla lotta contro l’immigrazione clandestina o per il rimpatrio dei propri cittadini destinatari di apposito
provvedimento emesso in Italia. I decreti, inoltre, possono prevedere delle quote riservate a cittadini
extracomunitari di origine italiana per parte di almeno un genitore fino al terzo grado di ascendenza in linea retta,
per i quali sussiste una sorta di diritto di prelazione. Così specificato in ZARATTINI P. e PELUSI R., Manuale lavoro.
Rapporto di lavoro, previdenza, fisco, Novecento Media, 2011, pag. 95.
36
Essendo stata eliminata la spedizione a mezzo posta della domanda in formato cartaceo, manca l’apposizione
della marca da bollo. A tal riguardo, nella domanda telematica, vi è un apposito campo da compilare con il codice
identificativo della marca da bollo acquistata presso le rivendite autorizzate.
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
18
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
perfezionare, scegliendo tra le proposte di un apposito elenco. In conclusione,
effettua l’invio della domanda, che oltre ad essere trasmessa allo Sportello Unico
per l’Immigrazione, viene trasmessa anche alla DPL, alla Questura ed al Centro
per l’impiego.
La domanda di nullaosta deve contenere:
- i dati anagrafici del datore di lavoro e del cittadino extracomunitario;
- la dichiarazione del datore di lavoro circa l’impegno ad assumere il lavoratore
per almeno 20 ore settimanali;
- il numero di eventuali dipendenti già occupati nell’azienda;
- la predisposizione di un alloggio per il dipendente;
- l’impegno del datore di lavoro a sostenere le spese per il viaggio di rientro del
cittadino extracomunitario;
- la dichiarazione di capacità economica del datore di lavoro;
- l’impegno del datore di lavoro a comunicare qualsiasi variazione inerente il
rapporto di lavoro.
Riteniamo necessario specificare alcuni dei punti appena citati, costituenti
il contenuto della domanda di nullaosta.
In particolare, per quanto riguarda la sistemazione alloggiativa garantita dal
datore di lavoro, quest’ultimo deve essere in possesso di un certificato di idoneità
dell’abitazione rilasciato dal Comune in cui è ubicato lo stesso alloggio. Il
documento deve attestare il rispetto degli standard minimi di abitabilità. In
alternativa può farsi rilasciare dall’ASL di competenza un parere igienico-sanitario
che certifica l’idoneità abitativa dell’alloggio.
Per quanto concerne l’impegno del datore di lavoro al pagamento delle
spese per il viaggio di ritorno in patria del dipendente straniero, si deve
puntualizzare che si tratta di un impegno che il datore di lavoro prende nei
confronti dello Stato italiano e non del cittadino extracomunitario. Perciò il
datore di lavoro è interpellato per il pagamento solo in caso di rientro coatto su
richiesta dello Stato. L’obbligo al pagamento delle spese per il rientro del
dipendente grava anche sull’eventuale datore di lavoro che succede al primo,
autore della domanda di nullaosta37.
La capacità economica del datore di lavoro, per determinare l’esito positivo
della domanda di nullaosta, deve essere almeno il doppio della retribuzione
annuale da erogare al dipendente aggiungendo, anche, la somma da pagare a
titolo di contributi previdenziali38. È possibile l’eventuale cumulo con i redditi
dei parenti di primo grado anche se non conviventi o di soggetti legalmente
tenuti all’assistenza del datore di lavoro. Le regole appena citate non valgono per
il datore di lavoro con gravi patologie o handicap, tali da renderlo non
autosufficiente, e che si attiva per l’assunzione di un domestico per la propria
assistenza. Alla presenza di tali circostanze il datore di lavoro non deve fare
alcuna dichiarazione inerente alla capacità economica, bastando l’esibizione di un
37
38
L. 189 del 2002, c.d. legge Bossi-Fini.
Così previsto nella circolare del Ministero del Lavoro n. 1 del 25 gennaio 2005.
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
19
ALBANESE -
Il lavoro domestico – CAP I – La costituzione del rapporto
apposito certificato sanitario attestante la sua inabilità39.
Una volta che la domanda di nullaosta è stata inoltrata e non sussistono
motivi ostativi40, il datore di lavoro41 è convocato presso lo Sportello Unico per
l’Immigrazione per la consegna del nullaosta. Quest’ultimo ha validità sei mesi
dalla data di rilascio, ed entro tale termine il lavoratore, cittadino
extracomunitario, deve richiedere, nel proprio Paese d’origine, il visto d’ingresso.
Oltre al rilascio del nullaosta, il datore di lavoro, nella medesima sede, è
chiamato alla sottoscrizione del contratto di soggiorno e al rilascio della
documentazione concernente la sistemazione alloggiativa dello straniero,
all’impegno del pagamento delle spese per il viaggio di ritorno del dipendente, ed
all’impegno a comunicare qualsiasi eventuale successiva modifica del contratto di
lavoro.
Di contro, il lavoratore extracomunitario per prima cosa deve ritirare il
visto d’ingresso presso la rappresentanza diplomatica-consolare italiana all’estero.
Entro 8 giorni dall’arrivo in Italia deve presentarsi presso lo Sportello Unico per
l’Immigrazione che ha concesso il nullaosta per la firma del contratto di
soggiorno e la richiesta del permesso di soggiorno, da inviare per raccomandata
alla Questura. Nella stessa occasione al dipendente extracomunitario sono
consegnate anche la Carta dei valori e una guida alle leggi sull’immigrazione
tradotta nella lingua da lui meglio conosciuta. Queste sono incombenze che
devono necessariamente essere adempiute, altrimenti il soggetto è considerato uno
straniero irregolare nel territorio italiano.
In seguito lo straniero è convocato dalla Questura per il rilascio del
permesso di soggiorno per motivi di lavoro, la cui validità è legata a quella del
contratto di soggiorno. Può essere, comunque, valido al massimo per nove mesi
in caso di contratto di lavoro stagionale, un anno in caso di contratto di lavoro a
tempo determinato, due anni in caso di contratto a tempo indeterminato. Solo
per gli stranieri regolarmente presenti in Italia da almeno sei anni è concessa la
produzione della carta di soggiorno a tempo indeterminato.
A conclusione dell’argomento si fa presente la possibilità da parte del
datore di lavoro di rinuncia motivata all’assunzione del lavoratore
extracomunitario. Ciò non esclude la possibilità di ingresso in Italia del cittadino
straniero, se si verifica il subentro di un nuovo datore di lavoro che accetti di
assumerlo con un contratto uguale per tipologia e durata.
Il datore di lavoro può richiedere la revoca del nullaosta, sempre
motivando adeguatamente tale decisione. La revoca può essere accolta solo nel
39
Così previsto nella circolare del Ministero del Lavoro n. 7 del 7 marzo 2006.
La valutazione della domanda di nullaosta è subordinata anche all’accertamento di comportamenti pregressi del
datore di lavoro. Se in passato quest’ultimo ha fatto domanda di nullaosta ma non ha successivamente assunto il
dipendente extracomunitario o ha revocato, senza motivate giustificazioni, il nullaosta già rilasciato,
probabilmente non vedrà accolta la nuova richiesta. Così in APOSTOLICO E., Flussi stagionali 2011 in Pianeta lavoro
e tributi n. 7, Teleconsul Editore, 2011, pag. 22.
41
Le istruzioni del sito www.inps.it precisano che il datore di lavoro può delegare il coniuge, i figli o altro parente
entro il terzo grado per presentarsi allo Sportello Unico per l’Immigrazione in caso di sua impossibilità per motivi
di salute.
40
© Exeo - www.exeoedizioni.it – collana Avanguardia Giuridica
20

Documenti analoghi