N° 5 del 2010

Transcript

N° 5 del 2010
i
n
4
5
10
14
17
20
22
24
26
q
u
e
s
t
o
n
u
m
e
r
o
editoriale
Orgoglio Italia
di Mario Scarzella
arcieri
La Rivista della Federazione Italiana
Tiro con l’arco
world cup
N. 5 settembre - ottobre 2010
Re di coppa
di Guido Lo Giudice
Direttore Responsabile
Gianfranco Colasante
28
campionati europei 3D
Trionfo italiano
di Francesca Capretta
mondiali universitari
Azzurri promossi a pieni voti
di Filippo Clini
campionati italiani targa
La prima del mixed
di Ardingo Scarzella
campionati italiani 3D
Successo senza fine
di Ardingo Scarzella
fitarco/fiarc
Uniti dalla stessa passione
di Roberto Gotelli
preparazione atletica
Pronti per un campionato
prof. Roberto Finardi
marketing &
comunicazione
Sport presentation 2
di Ardingo Scarzella
30
32
34
38
39
udienza in vaticano
La Fitarco dal Papa
di Guido Lo Giudice
notiziario federale
in ricordo di...
campionati mondiali
A Stupinigi il Mondiale di Torino 2011
di Guido Lo Giudice
risultati
Redattore
Guido Lo Giudice
Amministrazione e Redazione
FITARCO - Via Vitorchiano, 115
00189 Roma
Tel. 06.36856503-Fax 06.36856658
Sito web: www.fitarco-italia.org
e-mail: [email protected]
Progetto grafico e impaginazione
Digitalia Lab srl
Stampa
Grafica Giorgetti srl
00155 Roma
finito di stampare
nel mese di novembre 2010
La riproduzione parziale o totale
degli articoli è consentita solo
citando la fonte
Concessionaria esclusiva
per la pubblicità
Greentime S.p.A.
Via Ugo Bassi, 7 - 40121 Bologna
Tel. 051.223327 - Fax 051.222946
Anno XXXVI - N.5
Settembre-Ottobre 2010
iscrizione Tribunale di Roma
n. 291 del 17/05/1988
In copertina:
Sergio Pagni vincitore
della World Cup 2010
Foto Dean Alberga
para archery
Dove vogliamo andare?
di Riccardo Cafagno
settembre - ottobre 2010
arcieri
3
e
d
i
t
o
r
i
a
l
e
ORGOGLIO ITALIA
Il Presidente Mario Scarzella
insieme ad Adriano Galizzo in
tribuna ad Edimburgo.
Nello scorso numero di Arcieri avevo scritto che gli
atleti azzurri si sarebbero fatti valere nella finale di
Coppa del Mondo ad Edimburgo. Sono felice di essere stato un buon profeta, ma la convinzione derivava dal fatto che avevamo in gara tre arcieri che
da anni occupano il gotha dell’arceria internazionale. Naturalmente devo ringraziare in primis il grande Sergio Pagni per non avermi smentito. La sua è
stata una vittoria storica, visto che in questa competizione nessuno era riuscito a vincerla due volte
e, oltretutto, consecutivamente. Il nostro alfiere ha
dimostrato per l’ennesima volta di essere uno dei
migliori compoundisti del mondo. La sua è stata
una vera impresa se consideriamo che ha incontrato in finale Braden Gellenthien, lo statunitense che
aveva già battuto nella finale dello scorso anno a
Copenaghen, col quale da tempo si sta disputando
il primo posto nella ranking internazionale. È chiaro
che il suo avversario aveva grandissime motivazioni dopo la bruciante sconfitta ottenuta in Danimarca, ma Sergio è stato più forte di ogni pressione, dimostrando grande padronanza, forza psicologica,
oltre alle già note qualità tecniche e atletiche. Bravo
Sergio, sei il nostro orgoglio!
Mi ritengo molto soddisfatto anche delle prove disputate ad Edimburgo nel ricurvo dagli avieri Marco Galiazzo e Michele Frangilli. Hanno tirato molto
bene, ma gli avversari sono riusciti a fare ancora
meglio. Quindi, come è giusto in questi casi, bisogna fare i complimenti a chi li ha superati. La loro
presenza nella finale di World Cup conferma di per
sé la grande qualità di questi atleti che riescono
sempre ad essere presenti nei match che contano.
Non so se sia stato un caso, ma pochi giorni prima
di partire per la Scozia, una delegazione del tiro con
l’arco è stata ricevuta in Vaticano in udienza da Papa Benedetto XVI: è stata davvero una grandissima
emozione e sono felice di essere riuscito a portarvi
una nutrita rappresentanza di atleti e il Segretario
FITA Tom Dielen. Il breve colloquio avuto con il Pontefice, che nei giorni successivi sarebbe partito anch’egli per la Gran Bretagna, forse ci ha dato una
maggiore serenità per affrontare al meglio la trasferta di Coppa.
Serenità e grande consapevolezza dei propri mezzi
si sono viste anche a Sassari in occasione dei Campionati Europei 3D. I tecnici Giorgio Botto e Vincenzo Scaramuzza ancora una volta hanno formato un
gruppo capace di annichilire la concorrenza. Nel
corso di una lunga diretta televisiva su Rai Sport 1
gli azzurri hanno elargito spettacolo, vincendo con
una sicurezza disarmante il medagliere della competizione. In pratica, ad eccezione di una finale, i
nostri atleti sono stati presenti in tutte i match valevoli per l’oro individuale. Questo Europeo è stato
un successo sotto ogni punto di vista, perché se sul
versante sportivo era impossibile ottenere di più,
sul lato organizzativo gli Arcieri Torres Sassari hanno dimostrato una qualità senza precedenti per
una manifestazione di questa specialità. Tutto è andato alla perfezione, dalle splendide location dei
campi di gara, all’accoglienza della quale hanno
goduto le nazionali estere, davvero entusiaste e
prodighe di complimenti nei confronti degli italiani, che hanno potuto contare sull’ausilio logistico
delle Fiamme Azzurre e dell’Aeronautica.
Sono sicuro che questa ennesima affermazione internazionale sarà un ottimo viatico in vista degli
impegni internazionali che ci attendono nella prossima stagione: gli Europei Campagna in Toscana e
gli attesissimi Campionati Mondiali di Torino, che
coniugheranno la gara di qualificazione olimpica e
i titoli iridati para archery.
Rimanendo nei nostri confini, ci tengo a concludere
questo editoriale ricordando l’ultimo impegno Federale della stagione 2010, rappresentato dalla
Coppa Italia Centri Giovanili. La competizione, ospitata a Taranto ed organizzata dagli Arcieri dello Jonio, è molto importante per il nostro movimento
proprio perché rivolta agli arcieri del futuro. Sapete
quanto consideri importante il lavoro dedicato al
settore giovanile e la Coppa Italia rappresenta un
appuntamento al quale tutte le società Fitarco dovrebbero ambire a prendervi parte. Non mi stancherò mai di ripetere che le vittorie dei “grandi” sono fondamentali per veicolare la nostra immagine,
ma è poi con il lavoro giornaliero delle società rivolto ai giovani che l’arcieria italiana può ambire ad
avere una crescita costante e duratura.
Mario Scarzella
Presidente FITARCO
4
arcieri
settembre - ottobre 2010
w
o
r
l
d
c
u
p
–
f
i
n
a
l
e
RE DI COPPA
Dopo il trionfo dello scorso anno, Sergio Pagni scrive
la storia della Coppa del Mondo vincendo
anche la finalissima di Edimburgo
di Guido Lo Giudice
foto Dean Alberga
Stesso avversario, stesso risultato. Il compoundista
azzurro Sergio Pagni ha scritto il suo nome nella
storia della World Cup vincendo la finalissima di
Edimburgo contro lo statunitense Braden Gallenthien, proprio come aveva fatto lo scorso anno nel
match decisivo di Copenaghen. È la prima doppietta in questa competizione, risultato che pone
l’arciere toscano in pianta stabile tra i migliori del
mondo nella sua specialità.
Dopo la vittoria nel 2010, sei riuscito nell’impresa di ripeterti nella finale di Edimburgo: cosa si
settembre - ottobre 2010
prova ad aver scritto il proprio nome nella storia
di questa manifestazione?
“Semplicemente un gran senso di compiutezza.
Non è certo facile completare una bella annata con
la vittoria di coppa, ma di sicuro chiudere il cerchio
vincendo ad un anno di distanza ti fa rendere conto
che forse non è stato un caso. La storia del tiro con
l’arco e della coppa del mondo sarà sicuramente
lunga e per adesso il mio è l’unico nome ripetuto
due volte”.
Qual è stato il momento più difficile nel corso
Sergio Pagni, vincitore per
il secondo anno consecutivo
della World Cup.
arcieri
5
w
o
r
l
d
c
u
p
–
f
i
n
a
l
e
gio per 4 a 2 e mi sentivo l’acqua alla gola.
Quali sensazioni hai provato al termine della
finale?
“È stata la prima volta che ho esultato in maniera
liberatoria, più che altro mi sentivo felice per
come ero riuscito a rimontare senza nemmeno
una sbavatura. La sensazione più profonda è arrivata la sera quando, lontano dai premi, dai podi e
dai fotografi, ti rendi finalmente conto dell’impresa che hai compiuto”.
A chi dedichi la vittoria?
“Come sempre alla mia famiglia, ma un pensiero
particolare va a mia nipote di soli 4 anni che quando torno da una gara mi chiede “Hai vinto zio?” e ad
una mia risposta affermativa mi abbraccia e mi dice
“Bravo zio!”, che sia stato un campionato del mondo
o un campionato regionale. La ringrazio perché mi
ricorda cosa sia la semplicità”.
È stata più stimolante rispetto allo scorso anno
la nuova formula della finale che prevede la presenza dei migliori 8 atleti?
“Più che stimolante direi pericoloso. Già i migliori 4
sono abbastanza, 8 poi vuole dire che potresti uscire
al primo scontro e vanificare i sacrifici di un’intera stagione in sole 9 frecce. Alla fine sono comunque contento perché sarei rimasto fuori quest’anno, ma
spero che non continuino ad aumentare il numero”.
Parliamo del nuovo regolamento del compound: quali sono le differenze rispetto a prima
e come ti ci sei trovato?
“I cambiamenti sono stati tanti, a partire dal Set
In alto Sergio Pagni e sotto
l’aviere Marco Galiazzo,
classificatosi al 4° posto.
dei match scozzesi?
“Due in particolare: il primo scontro contro Damsbo,
quando ci siamo trovati alla pari e allo shoot off ho
sinceramente pensato al peggio. Poi sono riuscito a
portarmi a casa l’unica freccia di spareggio vinta dell’intera stagione (un po’ sfortunata fino a quel
momento). Il secondo momento, ovvio, in finale contro Gellenthien, quando mi sono trovato in svantag-
6
arcieri
System che ritengo una delle idee migliori che
siano mai state introdotte. La vera forza di questo
regolamento è che non esiste più l’errore che ti
compromette tutto, ma adesso possiamo anche
permetterci di sbagliare una freccia.
L’altro regolamento invece è l’Hit or Miss che personalmente credo sia una formula sbagliata sotto
ogni aspetto: quello di semplicità, quello mediatico
settembre - ottobre 2010
w
o
r
l
d
c
u
p
–
f
i
n
a
l
e
e quello del valore tecnico.
Quest’anno ho spinto quasi solamente sul 70mt
“Set System” dove mi sono allenato (4 finali su 5
competizioni), lasciandomi alle spalle l’HorM a 50
metri (solo due competizioni). Direi che alla fine mi
sono giocato bene le mie carte in una stagione
dove si sapeva che la finale sarebbe stata a 70 metri
sul Set System”.
Nel 2011 ci sarà il Campionato Mondiale di Torino: voi azzurri avrete tanta tensione perché giocate in casa. L’obiettivo è salire sul podio?
“L’ultima volta che ho giocato in casa a Torino era
l’Europeo indoor del 2008 e l’ho vinto, quindi non
mi dispiacerebbe dovermi ricordare ancora una
volta di questa città in questi termini!
Giocare in casa purtroppo non ci dà vantaggi evidenti, dall’altra parte c’è anche la consapevolezza
che non sono mai riuscito a raggiungere un podio
Mondiale fino ad oggi e questo mi è di sprone più
di ogni altra cosa. Rispetto all’ultimo mondiale di
Ulsan del 2009, di una cosa però sono certo: ho
vinto tutte e due le Coppe del Mondo, quindi non
sarò certo io a temere gli avversari”.
L’ATTREZZATURA DI SERGIO PAGNI
ARCO UTILIZZATO 2009/2010
Compound Hoyt VANTAGE Elite
Flettenti XT2000
Cam Cam 1\2 Plus n°1
Allungo 28 1\2 AMO
Potenza effettiva 60#
Mirino Shibuya Ultima Carbon CRX
Stabilizzazione Beiter (37”)
Diottra Beiter 39mm con lente 0.75
Rest SPOT 3 C.D. a caduta con doppia regolazione
Sgancio Cascade X8 Spot Hogg
Frecce Aste: Easton X10 Protour – 420 C4
Punte: Tungsteno 120 grani
Cocche: Beiter Pin\Out
Impennaggio: Easton Diamond vanes 1 3/4
L’esultanza di Brady Ellison (Usa) vincitore nel ricurvo maschile
e l’aviere Michele Frangilli, 6° classificato.
SFUMA IL BIS DI GALIAZZO
L’Italia era in corsa per la vittoria con due atleti
anche nell’olimpico maschile, ma non è riuscito a
difendere la vittoria del 2009 l’olimpionico Marco
Galiazzo, che termina al 4° posto, battuto nella finalina dall’indiano Jayanta Talukdar per 6-2. Un match
che ha visto prevalere Talukdar nei primi due set
per 30-29 e 29-28, Galiazzo nel terzo per 27-26 e nel
quarto e conclusivo set il decisivo 29-28 che ha
dato il bronzo all’arciere indiano. Questi aveva
anche sconfitto 6-4 ai quarti di finale l’altro azzurro
in corsa per il podio, l’aviere Michele Frangilli, che
chiude al 6° posto.
Marco Galiazzo aveva invece superato ai quarti il
giovane sud coreano Kim Woojin 6-4, ma è poi stato
un altro coreano, Im Dong-Hyun (titolare del terzetto che vinse l’oro contro l’Italia a Pechino 2008), ad
avere la meglio sull’aviere padovano in semifinale,
andando a vincere 6-2. Dopo aver pareggiato i
settembre - ottobre 2010
arcieri
7
w
o
r
l
d
c
u
p
–
f
i
n
a
l
e
le è la sudcoreana Yun Ok Hee ad aggiudicarsi la
Coppa del Mondo 2010, battendo in finale l’ucraina
Victoriya Koval 7-3.
Nel compound femminile vince la russa Albina
Loginova, che batte in finale la canadese Ashley
Wallace 6-5 dopo la freccia di spareggio (10-9).
Nella prova a squadre miste olimpico si aggiudica il
trofeo il duo degli Stati Uniti (Nichols-Ellison) che
batte i britannici Terry-Folkard 138-133. Nel compound oro per la Gran Bretagna (White-Hunt) contro i messicani Ochoa-Jaime (155-150).
Il podio compound e quello olimpico femminile della World Cup 2010.
primi due set 28-28, Im si è imposto nei restanti due
set 29-28 e 29-25.
Per la cronaca, la vittoria finale nell’olimpico va allo
statunitense Brady Ellison, che ha messo sotto il
coreano Im Dong-Hyun 6-2. Nell’olimpico femmini-
8
arcieri
Marco Galiazzo, come è solito fare, ha preso con filosofia la mancata vittoria finale: “Contro Kim non è
stato un match facile – ha detto l’Aviere azzurro –
ma sappiamo che i coreani sono dei grandi rivali.
Alla fine ho vinto, anche perché con un clima così
freddo riesco ad esprimermi bene. Nella semifinale
e nella finale per il bronzo ho fatto quello che dovevo, ma Im e Talukdar hanno tirato alla grande. Un
po’ di delusione per non aver vinto anche quest’anno c’è, ma non mi rimprovero niente. Cosa mi aspetto per il futuro? Tutte le mie attenzioni saranno
dedicate alla prossima stagione all’aperto. L’indoor
lo prenderò molto poco in considerazione, visto che
nel 2011 vogliamo arrivare all’appuntamento dei
Mondiali di Torino al massimo della condizione. In
gioco ci saranno anche le qualificazioni olimpiche e
non possiamo sbagliare”.
Il Presidente Mario Scarzella: “Quella di Sergio Pagni
è una vittoria straordinaria, ottenuta da un grande
campione. Gli faccio i complimenti, perché è riuscito con grande impegno e professionailtà e ritagliarsi stabilmente un posto tra i migliori arcieri del
mondo nel compound e regalare grandi soddisfazioni a tutti gli italiani. Dopo il successo di Sergio è
arrivato il 4° posto di Marco Galiazzo, un risultato
che comunque lo mantiene ai vertici. Per come ha
tirato, credo che se avesse incontrato ai quarti Im e
in semifinale Kim sarebbe arrivato a giocarsi l’oro.
Non ho nulla da rimproveragli, ha fatto degli ottimi
punteggi e gli avversari hanno risposto con prestazioni stratosferiche. Sono soddisfatto anche della
prova di Michele Frangilli, che è uscito contro
l’indiano Talukdar per un 9 di riga. Di certo non è
stato fortunato, ma nel complesso l’Italia si è confermata una delle migliori Nazioni al mondo. Ora tutti
i nostri sforzi verranno rivolti ai Mondiali Targa di
Torino 2011. Giochiamo in casa, avremo tutti gli
occhi puntati addosso, ma abbiamo anche le qualità per ottenere risultati di prestigio. Non dimentichiamoci infatti che oltre a puntare ai titoli iridati, a
Torino abbiamo anche la grande responsabilità di
guadagnarci le carte olimpiche per Londra 2012”.
RISULTATI A PAG. 50
settembre - ottobre 2010
www.aams.it
Aams. Il governo dei giochi.
Aams per il gioco sicuro:
regole chiare, massima trasparenza,
sicurezza per tutti.
c
a
m
p
i
o
n
a
t
i
e
u
r
o
p
e
i
3
D
TRIONFO ITALIANO
Organizzazione perfetta, scenari stupendi
e competizione dominata dagli azzurri che si
aggiudicano il 1° posto nel medagliere in diretta tv
di Francesca Capretta
Foto Emanuele Sanna
Gli Azzurri sul podio.
Italia al 1° posto del medagliere.
10
arcieri
Dal 6 al 9 ottobre si è svolto in Sardegna il Campionato Europeo 3D, evento organizzato dalla società
Arcieri Torres di Sassari. Un campionato straordinario, coronato da un incredibile successo, sia in termini organizzativi che sportivi. Una pioggia di
medaglie per la squadra azzurra, in contrapposizione allo splendido sole che ha regnato sovrano per
l’intera durata della manifestazione, regalando a
tutti giornate di piena estate nella straordinaria cornice offerta da una Sardegna spettacolare e già lontana dall’assalto dei turisti.
Spiagge deserte, calette mozzafiato, scorci di una
bellezza commovente sul lago di Baratz, in un clima
assolutamente perfetto, caldo e ventilato. Un campionato indimenticabile sotto molteplici aspetti.
Doverosamente partirei dai ringraziamenti agli
Arcieri Torres che, presenti sul territorio dal 1987,
sono ormai avvezzi ad organizzare eventi di grande
portata ma credo che stavolta abbiano davvero
superato loro stessi. Il presidente Bruno Derudas, il
gruppo dirigente e la folta schiera di volontari,
hanno dato sfoggio di capacità ineguagliabili e a
loro vanno le più sentite congratulazioni. E che dire
del grande direttore d’orchestra, Paolo Poddighe,
presidente del Comitato Organizzatore? Sembrava
possedere il dono dell’ubiquità, sempre sorridente
ed efficientissimo. Altro personaggio straordinario
ed immancabile, Mario Scarzella, nel suo duplice
ruolo di presidente Fitarco ed EMAU, altrettanto rassicurante e sorridente, sempre dalla parte degli atle-
settembre - ottobre 2010
c
a
m
p
i
o
ti, pronto ad incoraggiare, consolare, ascoltare e
incentivare, pur svolgendo in contemporanea e in
assoluta scioltezza il suo importante ruolo politico.
E il nostro mitico Roberto Gotelli? Sempre in prima
linea, con la sua grinta leggendaria a contrastare e
risolvere problemi in commissione arbitrale, così
come sui campi di gara. Ho lasciato in fondo il dolce
e qui sono di parte, visto il duplice ruolo di cronista
e atleta… Vorrei abbracciare oltre che ringraziare
coloro che hanno condiviso ogni momento con noi.
Quante tensioni, quante emozioni, quante lezioni,
quanto impegno, quante attenzioni: sto parlando
dei due angeli custodi della squadra azzurra, Vincenzo Scaramuzza e Giorgio Botto, rispettivamente
allenatore e commissario tecnico. Semplicemente il
massimo di quello che puoi aspettarti da due figure come queste. Grazie con tutto il cuore a questi
personaggi che rendono possibile il sogno di ogni
atleta. Contribuire oggi a tenere alta la bandiera
dello sport è quanto mai encomiabile.
Passiamo quindi alla descrizione dell’evento per
quanto attiene le giornate di gara e l’avvenimento
sportivo in sé. Lago di Baratz, un altro mondo da
scoprire, nell’isola del mare più bello d’Italia, il paesaggio lacustre non ha deluso, bensì meravigliato.
Folaghe, garzette, gallinelle, gabbiani, aironi e chi
più ne ha più ne metta, nelle acque brillanti di sole,
centinaia di animali svolgevano le loro faccende
noncuranti dell’anomalo afflusso di persone. Un territorio bellissimo, sfruttato con saggezza per la creazione di campi di gara che offrivano scenari incantati con ambientazioni assai credibili, sfruttando
pendenze e giochi di luce. Nessun tiro banale ma
nessuna esasperazione, campi gradevolissimi, non
faticosi da percorrere, dove gli atleti hanno dovuto
misurarsi solo con le proprie capacità.
Due gare da venti piazzole ciascuna per il primo
giorno, una al mattino e l’altra a seguire dopo
un’oretta di pausa ristoratrice, per estrapolare i
primi sedici di ogni categoria. Il secondo giorno, la
tensione era decisamente più palpabile. Al mattino
dodici sagome per decretare i migliori otto e al
pomeriggio altre dodici che ne lasciano in gioco
solo quattro. Adrenalina ai massimi livelli per tutti,
rimpianti per qualche freccia buttata via, volti tesi,
campi disseminati di fotografi, allenatori, speaker
televisivi, l’evento entrava di gran carriera verso
l’apoteosi delle finali.
Dopo la “carneficina” dei quarti di finale per molti
non era ancora finita e si sono svolte le eliminatorie
a squadre, terminate col sole che calava, gli atleti
allucinati dalla stanchezza e dallo sforzo di una concentrazione mantenuta per quasi 10 ore, massacranti e decisive. La nostra squadra femminile ha
perso contro le francesi per un punto, rimandando
al giorno dopo la battaglia per il bronzo, mentre i
“maschietti” si sono difesi bene guadagnandosi la
finalissima, sempre contro i francesi, che li ha poi
visti trionfare nella conquista del titolo.
La sera a cena molti i volti contratti dalla fatica e
settembre - ottobre 2010
n
a
t
i
e
u
r
o
segnati dal rimpianto. Quasi tutti i partecipanti
erano alloggiati nello stesso bellissimo albergo.
Quante occhiate, scambi, abbracci e sfide fra atleti e
gruppi delle varie nazioni che dopocena si riunivano
come di consueto per discutere strategie, impegni e
rafforzare il gruppo. I francesi hanno urlato a squarcia gola tutta la sera in vista delle finali a squadre del
giorno dopo, mentre noi raccoglievamo tutti i racconti e l’ottimismo elargito a piene mani per irrorare di luce il giorno delle finalissime che ci attendeva
di lì a poche ore nel Parco Baddimanna di Sassari.
Ed ecco l’alba dell’ultimo, decisivo giorno, quello
dove si aggiudicano le medaglie e si raccolgono i
frutti di tanto lavoro. Sembra che sia passata una
settimana, in realtà solo due giorni prima nello stesso parco si era svolta la cerimonia di inaugurazione,
commovente, grandiosa, con oltre trecento persone
fra atleti, tecnici e accompagnatori; sedici nazioni
rappresentate per questo Campionato Europeo che
torna nel parco per dare spettacolo, per regalare
p
e
i
3
D
In alto Paolo Bucci, campione
europeo long bow. Sotto, gli
spalti gremiti durante le finali al
Parco di Baddimanna a Sassari.
arcieri
11
c
a
m
p
i
o
n
a
t
i
e
u
r
o
p
e
i
3
D
A destra, il podio istintivo
femminile con Concetta
Lementini (argento) e Francesca
Capretta (bronzo).
A fianco il podio long bow
femminile con Giulia Barbaro
(argento) e Iuana Bassi (4a
classifiacata).
Sotto, Sonia Bianchi e Ilario
Munari, entrambi medaglia
d’oro nel compound.
emozioni al vasto pubblico presente ma soprattutto agli atleti, che qui vivranno i momenti di massimo pathos.
Gli atleti della squadra italiana viaggiano su un pul-
12
arcieri
lman dell’Aeronautica, scortati dai motociclisti della
Polizia Penitenziaria, uno spiegamento di forze che
rincara la sensazione di vivere un evento importante, aumentando il peso delle aspettative e con esso
la tensione, che la mattina delle finali era davvero
palpabile.
Si sono svolte per prime le eliminatorie individuali
che vedevano lo scontro diretto del secondo contro
il terzo e del primo contro il quarto. Nel femminile
due eliminatorie tutte italiane. Giulia Barbaro si
scontra con Iuana Bassi e vince, mentra Concetta
Lementini ha la meglio su Francesca Capretta, la
quale, dopo aver dominato le eliminatorie, non brilla nelle finali e si aggiudica infine la medaglia di
bronzo contro l’avversaria austriaca, mentre Iuana
Bassi nello scontro seguente si deve accontentare
del quarto posto. Tutti gli altri italiani, impegnati in
eliminatorie non fratricide, passano alle finalissime
del pomeriggio, coronate da una diretta su Rai Sport
della durata di un’ora e mezza davvero ben realizzata che pare sancire l’ingresso ufficiale del nostro
sport fra gli eventi mediatici degni di interesse.
Dopo aver aggiudicato le medaglie di bronzo nell’individuale, si passa alle finali a squadre. La nostra femminile perde, ancora una volta, per un solo punto
dalle austriache ma sarà questo l’ultimo dispiacere
della giornata che proseguirà regalando all’Italia solo
grandi soddisfazioni e una cascata di titoli.
Dopo pranzo le finalissime: tribuna, pubblico e atleti ovunque, speaker, telecamere, tabelloni per i
punti, tifo, applausi, pianti. Cosa chiedere di più da
un evento sportivo?
Aprono le danze i ragazzi della squadra maschile, i
quali soffrono fino all’ultima piazzola contro i francesi e vendicano le compagne deluse, aggiudicandosi il titolo europeo. E poi via, di lì una lunga serie di
trionfi: medaglia d’oro per Ilario Munari e Sonia
Bianchi nel compound, oro per Paolo Bucci nel long
bow, sempre oro per uno straordinario Giuseppe
Seimandi che deve lottare fino alla fine con uno spareggio da cardiopalma e oro anche per Fabio Pittaluga che si scontra col compagno di squadra Enzo
settembre - ottobre 2010
c
a
m
p
i
o
Lazzaroni, il quale stavolta si “accontenta” della
medaglia d’argento. Altri due argenti si vanno ad
aggiungere ai sei ori: uno conquistato da Concetta
Lementini nell’istintivo e l’altro, forse il meno atteso,
dalla divina Giulia Barbaro, la quale cede il titolo pur
continuando a confermarsi grandissima, apre la finalissima con una freccia in terra, uno zero, la peggior
cosa che possa succederti in un frangente come
questo, eppure stringe i denti e con lo sguardo velato da delusione e rabbia, realizza due spot consecutivi e chiude con un 11, facendo commuovere gli
spalti. La spagnola ha colto con bravura la sua grande occasione ma Giulia resta sempre capace di vincere con se stessa, anche in caso di sconfitta.
Infine ancora occhi lucidi per atleti, dirigenti ed
n
a
t
i
e
u
r
o
organizzatori durante le premiazioni, perfetto coronamento di questo evento straordinario. Fra sbandieratori e musici, inni nazionali, discorsi multilingue, lacrime, abbracci, il coro sublime del gruppo
musicale sardo, la soddisfazione dei dirigenti, i volti
felici degli organizzatori.
Bravi, davvero bravi a tutti e grazie, ancora grazie.
Per le emozioni, per la fatica, per la gioia, per le
esperienze che torneranno a casa con noi ad arricchire ancora una volta il bagaglio dell’andata.
Appuntamento il prossimo anno ai campionati
Mondiali in Austria, che daranno un bel po’ da fare
per confrontarsi con i livelli organizzativi raggiunti
in Sardegna.
RISULTATI A PAG 39
p
e
i
3
D
I RINGRAZIAMENTI
Un abbraccio ai tecnici Vincenzo e
Giorgio, i nostri angeli custodi, a
tutti i dirigenti federali che sono
stati i migliori capo famiglia che
potevamo attenderci. Un saluto a
Pietro, il nostro insostituibile Caporalmaggiore autista che ci ha scarrozzato e sopportato per una settimana e più in generale un ringraziamento al supporto delle Fiamme
Azzurre e dell’Aeronautica. Grazie a
Gianfranco Ganau, Sindaco di Sassari, a Bruno Derudas, presidente
degli Arcieri Torres, a Maria Lucia
Baire per la collaborazione fornita
dall’Assessorato allo sport della
regione sarda. Ancora grazie ad
Alessandra Giudici, Presidente della
Provincia, ad Alessio Marras, assessore allo sport del comune, Mario
Boninu, presidente regionale Fitarco, Roberto Desini assessore provinciale, Gianfranco Fara e Gian
Nicola Montalbano, rispettivamente alla presidenza regionale e provinciale del CONI. Un tripudio di ringraziamenti a Mario Scarzella,
Paolo Poddighe e Roberto Gotelli
che vanno ad unirsi al ringraziamento verso tutti coloro che non
ho potuto citare per ragioni di spazio o lacune della memoria ma che
hanno comunque contribuito alla
creazione di questo magico ed indimenticabile evento…
Sopra, il podio istintivo maschile
con Fabio Pittaluga (oro) ed Enzo
Lazzaroni (argento).
A fianco il campione europeo
arco nudo Giuseppe Seimandi.
settembre - ottobre 2010
arcieri
13
m
o
n
d
i
a
l
i
u
n
i
v
e
r
s
i
t
a
r
i
AZZURRI PROMOSSI
A PIENI VOTI
Ai Mondiali Universiatari di Shenzen, in Cina, gli italiani
conquistano 1 oro, 2 argenti e 1 bronzo. Un ottimo
bottino in vista delle Universiadi 2011
di Filippo Clini
Il coach azzurro Filippo Clini con
gli avieri Pia Lionetti e Mauro
Nespoli, vincitori della gara a
squadre miste olimpico.
14
arcieri
Anche quest’anno i nostri atleti universitari sono
stati impegnati in una manifestazione di carattere
internazionale di altissimo livello, siamo infatti tornati nella lontana Cina e più precisamente nella città di Shenzhen, patria mondiale della produzione
di computer delle marche più famose, che si presenta come un formicaio densamente popolato da
persone intente ad andare chissà dove.
Gli arcieri azzurri impegnati nella 8ª edizione dei
Mondiali Universitari sono stati Mauro Nespoli,
Massimiliano Mandia, Amedeo Tonelli nel ricurvo
maschile, Pia Lionetti, Elena Tonetta e Sara Violi nel
ricurvo femminile; per il compound Andrea Leotta,
Federico Pettenazzo e Matteo Uggeri nel maschile
e Katia D’Agostino, Alessia Foglio e Laura Longo nel
femminile. Tecnici Clini e Suk. La missione è stata
capeggiata da Mauro Nasciuti, presidente della
commissione tecnica del CUSI e da Leonardo Coiana presidente del CUSI.
L’evento è stato utilizzato come test dal comitato
organizzatore delle Universiadi estive che si terranno proprio a Shenzhen durante la prossima estate.
A tal proposito siamo stati sottoposti a continui
controlli di sicurezza dalle numerose forze dell’ordine impiegate, che ci hanno addirittura scortato in
ogni spostamento da e per il campo. Ci hanno inoltre muniti di pass innovativi a lettura a distanza,
che permettevano al personale addetto alla sicurezza di identificare chiunque si avvicinasse agli impianti, qualche metro prima del suo ingresso.
La gara ha visto impegnati gli atleti dell’arco ricurvo in una tradizionale gara a settanta metri con
scontri individuali a match set, come ormai da regolamento internazionale, mentre per la gara a
squadre si è utilizzata la consueta formula dell’academy round con bersaglio hit or miss sempre a settanta metri con una zona utile di ventiquattro centimetri. I ragazzi del compound hanno invece testato ancora una volta la gara sperimentale a cinquanta metri con il bersaglio hit or miss già affrontato in
due edizioni della World Cup 2010, che prevede
una zona utile di soli 10 centimetri sia nella gara individuale che in quella a squadre. Entrambe le divisioni hanno inoltre svolto, come ormai di consueto,
la gara a squadre miste.
Arrivati a destinazione la sera, gli atleti sono stati
impegnati dalla mattina seguente nei tiri di prova
ufficiali, per poi potersi rilassare in una rapida
quanto spettacolare cerimonia di apertura che ha
visto sfilare, in perfetto stile cinese, lunghi e colorati
dragoni, seguiti da giocolieri mascherati da cani
che hanno rischiato l’osso del collo in cima a piccoli
appoggi, dando vita ad uno spettacolo divertente.
Il secondo giorno, entrando nel vivo della competizione, si sono svolte le settantadue frecce di qualificazione a settanta metri per il ricurvo e a cinquanta
per i compound. Nell’arco ricurvo l’aviere Nespoli si
settembre - ottobre 2010
m
o
n
d
i
piazza all’undicesimo posto, seguito da Massimiliano Mandia al quattordicesimo e dall’altro aviere Tonelli che si posiziona diciassettesimo. Nel femminile
le due porta colori dell’Aeronautica Militare Lionetti e Tonetta si classificano rispettivamente ottava e
diciassettesima, mentre l’atleta di Sarzana Sara Violi
si inserisce tra le due al quattordicesimo posto. Nel
compound maschile Pettenazzo si piazza ottavo,
mentre i suoi compagni di squadra Uggeri e Leotta
si classificano dodicesimo e tredicesimo a pari punti. Nel femminile Longo e D’Agostino, anch’esse a
pari merito, si classificano settima ed ottava, mentre Alessia Foglio diciannovesima. Le squadre dell’arco ricurvo si posizionano entrambe in quarta
posizione come anche la squadra mista composta
da Nespoli e Lionetti. Anche i ragazzi del compound classificano tutte le squadre, compresa
quella mista formata da Pettenazzo-Longo, in terza
posizione.
È il momento della competizione individuale, nella
quale ben figura, nell’olimpico femminile, l’aviere
Pia Lionetti che stacca un biglietto per la finale dell’ultimo giorno nella quale dovrà arrendersi contro
la coreana Jo Eun Ae in una finale combattuta che
a
l
i
u
n
i
v
e
r
vale l’argento per la nostra atleta. Le sue compagne
di avventura sono invece costrette ad arrendersi ai
sedicesimi di finale, classificandosi entrambe al diciassettesimo posto. Nel maschile Tonelli e Mandia
si arrendono ai sedicesimi, mentre Nespoli prose-
s
i
t
a
r
i
Mauro Nespoli e Pia Lionetti
durante la finale a mixed team
vinta con il Giappone.
Dean Alberga
Fotografo ufficiale di:
FITA, EMAU, FITARCO
settembre - ottobre 2010
arcieri
15
m
o
n
d
i
a
In alto, il podio con Leotta,
Pettenazzo e Uggeri, argento a
squadre compound.
Sopra, il trio olimpico maschile
Nespoli, Mandia, Tonelli
medaglia di bronzo
con il tecnico Filippo Clini.
16
arcieri
l
i
u
n
i
v
e
r
gue fino ai quarti, dove viene fermato dal coreano
Jin Jae Wang che poi si piazzerà in seconda posizione. Le atlete della divisione compound, nella ricerca
del piccolo spot da dieci centimetri, trovano un diciassettesimo posto con Alessia Foglio, mentre Katia D’Agostino si ferma agli ottavi piazzandosi nona
e Laura Longo perdendo ai quarti guadagna una
sesta posizione. Nel maschile Uggeri e Leotta si
classificano noni, mentre Pettenazzo si piazza in
quinta posizione.
La competizione a squadre vedrà entrambe le compagini femminili ai piedi del podio in quarta posizione a causa anche di un po’ di sfortuna, mentre nel
maschile, i ragazzi dell’olimpico, dopo aver ceduto il
s
i
t
a
r
i
passo alla Corea per 18 a 20, stravincono una finale
per il bronzo con Taipei per 22 a 18, lasciando solo
due frecce fuori dal giallo. I ragazzi del compound dopo aver sconfitto Singapore per 6 a 2 e la Corea per 5
a 1, si presentano in finale per l’oro contro gli Stati
Uniti d’America, ai quali devono cedere il passo aggiudicandosi un meritato argento.
Ancora emozioni ci arrivano dalle squadre miste,
dove Longo e Pettenazzo nel compound, fermati
dall’Iran in semifinale, devono lasciare il bronzo alla
forte squadra Finlandese, classificandosi in quarta
posizione. Nell’olimpico è invece un’altra storia, infatti Lionetti e Nespoli iniziano la loro camminata
battendo la Polonia al primo turno utile dopo un
bye ai sedicesimi, dopo di che spazzano via letteralmente la Corea per presentarsi in finale contro il
Giappone nella finale per l’oro. Contro la nazionale
nipponica danno vita ad uno scontro eccezionale
nel quale, partendo in svantaggio, sono costretti a
rimontare e lo fanno senza più sbagliare un tiro fino ad arrivare in parità all’ultima serie. A questo
punto sono costretti a giocarsela allo spareggio
che si aggiudicano al primo errore dei giapponesi
che avviene alla seconda volée. Avvincente ed
emozionante finale che porta i nostri sul gradino
più alto del podio.
Si conclude così una bella manifestazione, nel caldo
umido cinese, che vede la nostra squadra aggiudicarsi 1 oro, 2 argenti ed 1 bronzo: buona speranza
in vista delle Universiadi estive della prossima stagione.
RISULTATI A PAG. 48
settembre - ottobre 2010
c
a
m
p
i
o
n
a
t
i
i
t
a
l
i
a
n
i
t
a
r
g
a
LA PRIMA DEL MIXED
Ai tricolori tenutisi nella Cittadella di Alessandria
si è assistito ad una competizione eccezionale,
con l’esordio ufficiale dei titoli a squadre miste
di Ardingo Scarzella
Foto Ferruccio Berti
Ci si aspettavano tante novità dai Campionati Italiani Targa di Alessandria: le modifiche regolamentari
del 2009 entrate a pieno regime, con le nuove età
delle classi giovanili, i mixed team e i set lasciavano
presagire una competizione nuova per interesse e
partecipazione. Sospese rimanevano al momento,
invece, l’adozione delle nuove distanze per i master
– solo per i Campionati, decisione italiana – e
l’introduzione del 50 metri match round hit or miss
– fino alla fine dell’anno, decisione Fita.
Ma se tutte queste novità, avremo modo di parlarne, erano attese e ormai sino a fondo analizzate, la
vera sorpresa di questi Campionati è stato il livello,
assolutamente eccezionale della competizione. La
scelta di ospitare il 49° Campionato Italiano targa
all’interno di una struttura storica come la Cittadella di Alessandria ha permesso agli Arcieri Città della
Paglia, capitanati da un Federico Panico colmo di
passione ed entusiasmo, di offrire un campionato
che entrerà nella storia, ricco di fascino e incanto.
Se si aggiungono i grandi investimenti – complimenti per la conferma del maxischermo anche in
questo evento che ha permesso di seguire tutta la
gara e soprattutto le finali singole nel migliore dei
modi – e un’organizzazione capillare – che ha permesso di rispettare, contro ogni previsione, i tempi
quasi impossibili di un programma pieno come mai
prima – si avrà un quadro di assoluta eccellenza,
che corona in modo sublime una stagione eccezionale sotto il profilo qualitativo.
Indoor a Padova, campagna a Stroncone e targa ad
Alessandria, sono stati indubbiamente, ognuno nella rispettiva categoria, tra i migliori campionati di
sempre, segno che gli sforzi per incrementare il livello degli Eventi Federali negli ultimi anni sono
valsi ad offrire agli atleti, ed è questo ciò che conta,
momenti di alto agonismo, creando una consapevolezza di necessaria qualità che continuerà, ne siamo sicuri, ad offrire grandi risultati anche nei prossimi anni.
Il campionato, secondo uno schema cristallizzato
nelle ultime edizioni, ma che dovrà mutare in futu-
settembre - ottobre 2010
ro a causa delle modifiche di cui abbiamo parlato,
ha avuto inizio con la gara giovanile del venerdì,
strutturata in un classico FITA – per i risultati di classe si rimanda, come sempre ad altra parte della rivista – per l’assegnazione dei titoli di classe e delle
wild card per gli assoluti del sabato e domenica: 3
per gli AM e AF con entrambi gli archi; a seguire, ed
I campioni italiani 2010 arco
olimpico Natalia Valeeva
e Marco Galiazzo.
c
a
m
p
i
o
Sopra, i campioni italiani 2010 arco
compound Katia D’Agostino
e Antonio Tosco.
Sotto, il podio a squadre miste
arco olimpico.
18
arcieri
n
a
t
i
i
t
a
l
ecco la prima novità, la competizione mixed team
ad eliminazione diretta, che ha visto opporsi le
squadre allievi olimpiche in assenza di numeri sufficienti per i compound.
Ranking rispettata e finale tra la prima squadra in
qualifica, Val di Non di Sole (Cavallar e Dal Piaz) e la
seconda, Sentiero Selvaggio (Vieceli e D’Adamo);
non basta alla squadra di Trento il secondo miglior
punteggio di giornata (138) perché l’accoppiata
piemontese realizza proprio in finale un incredibile
146 (su 160) che vale il primo titolo italiano mixed
team della storia della Fitarco.
Il sabato, come sempre, è la giornata dei compound
con i titoli di classe in palio al mattino e le finali del
pomeriggio per gli assoluti individuali (JMS più i 3
allievi del giorno precedente), per le squadre e per i
mixed team; il regolamento di gara prevedeva
squadre mixed per gli juniores e per senior e master assieme, per permettere di concorrere ai vari
nuovi record ma, almeno nei compound, in assenza
di coppie juniores, si sono disputate unicamente le
seconde.
Partendo ancora con i mixed team, i quasi omonimi
Vailati Facchini Francesco e Francesca portano in finale la squadra dell’Aurora, ad incontrare ancora
una rappresentativa torinese, questa volta gli Arcieri delle Alpi con Seimandi (super anche nel compound) e D’Agostino. Ed anche questo titolo mixed
rimane in Piemonte, con i torinesi che si aggiudicano la finale per 154 a 149.
Se è vero che le squadre miste hanno dovuto accontentarsi di finali in contemporanea – ma le ore
di luce sono quelle che sono e, salvo abolire ogni tipo di pausa, è umanamente impossibile concentrare ulteriormente i tempi – le finali a squadre “classi-
i
a
n
i
t
a
r
g
a
che” e individuali, sono state invece ospitate sul
campo centrale; emozioni, immagini, riprese dal vivo, web tv, musica, racconto in diretta della gara, sono solo alcune di tutte le meraviglie che accompagnano questo tipo di gara, specie quando, come ad
Alessandria, ospitata in una cornice da sogno amplificata dalla luce soffusa del tardo pomeriggio.
Ed ecco allora in questo quadro suggestivo sfilare
le 4 finali del giorno: si inizia con le squadre assolute femminili; è proprio D’Agostino, fresca oro mix,
con Tikka e Pierugia a portare in finale gli Arcieri
delle Alpi dove li aspetta il Kappa Kosmos con Foglio, Fontana e Boni. Un solo punto alla fine dividerà le due squadre, consegnando il primo assoluto
della giornata al Kappa Kosmos.
Nel maschile è di nuovo Sentiero Selvaggio (Greco,
Fanti, Lodetti) questa volta contro il Città di Pescia
di Pagni, Boccali e Del Ministro. Vittoria per 227 a
219 ancora per il Selvaggio.
Le finali individuali si aprono con il compound femminile dove è di nuovo un’ottima Katia D’Agostino,
dopo aver eliminato Laura Longo in semifinale, ad
imporsi per 6 a 4 su Irene Franchini. Emozionantissima la finale maschile tra Pagni e Tosco 5 a 5 dopo 5
volée, il titolo è assegnato alla prima freccia di spareggio (immediatamente la più vicina al centro) al
torinese Antonio Tosco.
Si chiude con la giornata degli olimpici che ricalca
nelle forme e nei ritmi la gara dei compound con
l’eccezione del controllo anti doping arrivato la domenica mattina e causa di un breve ritardo nell’inizio del programma del pomeriggio, e della doppia
gara mix.
Sfide da dream team nei senior con la coppia del
Kappa Kosmos, Tonelli e Tonetta che, dopo aver
eliminato l’altra supersquadra Frangilli-Frangilli (a
loro volta vincitori sull’altra rappresentativa familiare Botto-Botto) accede alla finale per vedersela
con il Pinè di Bertolini e Tomasi. Sfida bellissima
conclusa con un solo punto di distacco – niente
set per le squadre – a favore dello squadrone di
Rovereto.
Tra i giovani ancora un oro per la Kappa Kosmos,
stavolta rappresentata da Giori e Filippi (proprio
super Gloria quest’anno nelle gare mix) che sconfiggono in finale la Iuvenilia di Morello e Rolle.
Si torna sul campo centrale per la finale femminile
a squadre che vede ancora protagonista il Kappa
che presenta le due “fresche di medaglia” Tonetta
e Filippi, assieme a Cristina Ioriatti, contro il Rotaio
di Matteucci, Marchetti e Chelini: 200 a 190 il risultato finale in favore ancora delle trentine. La finale
maschile presenta un’inedita Iuvenilia (Morello,
Ghiotti, Picchio), squadra giovanissima con una
media di diciotto anni scarsi, contro il Rotaio (entrambe le finali assolute per i toscani) di Tonarelli,
Tessitore e Fubiani. Vittoria di misura per i ragazzini torinesi 204 a 201.
Protagonista nel femminile sempre lei, Natalia Valeeva, che raggiunge la finale in scioltezza (4-0, 6-0,
settembre - ottobre 2010
c
a
m
p
i
o
n
a
t
i
i
t
a
l
i
a
n
i
t
a
r
g
a
In alto, i podi a squadre arco olimpico maschile e femminile.
Sopra, i podi compound e sotto, il podio a squadre miste compound.
6-0) dove incontra – e sconfigge per 6-2 – la seconda delle qualificazioni, Pia Lionetti; indice del fatto,
se ve ne fosse bisogno, che i set non hanno per nulla modificato i valori in campo.
Clamorosa, se non nel risultato nello svolgimento,
la finalissima maschile dove, meraviglia del set system, Marco Galiazzo, in vantaggio per 5 a 1, complice un erroraccio viene raggiunto all’ultimo set da
Lorenzo Giori.
Gran finale allo spareggio e vittoria per il Campione
Olimpico che con una freddezza eccezionale, si fa
perdonare dello svarione precedente con un 10
perfetto.
Si conclude con questa bellissima finale una delle
migliori edizioni dei Campionati Italiani Targa; in attesa che l’anno del cinquantenario Fitarco, tra dodici mesi, ci porti in regalo gli splendidi scenari della
Capitale.
RISULTATI A PAG. 44
settembre - ottobre 2010
arcieri
19
c
a
m
p
i
o
n
a
t
i
i
t
a
l
i
a
n
i
3
D
SUCCESSO SENZA FINE
A Castion della Presolana record di atleti partecipanti
e grande attesa per i risultati degli aspiranti azzurri in
vista degli Europei in Sardegna
di Ardingo Scarzella
Sembra passato un secolo dalla prima edizione
del Campionato Italiano 3D, quando la Federazione diede vita a quello che allora sembrava un
esperimento rispolverando la formula, anni prima
utilizzata per il Campagna, del Campionato Open.
Parteciparono a quella prima edizione 217 atleti e,
da allora, è stato un continuo crescendo con 306
partecipanti a Massarosa, 244 a Baratz, con la difficoltà di raggiungere la Sardegna, fino ad arrivare
ai 413 del 2010.
È evidente che, nonostante la complessità oggettiva di comparare i risultati di differenti gare 3D, in
assenza di quei pur minimi parametri di omogeneità che caratterizzano invece la gara di campagna,
20
arcieri
sarà presto necessario porre un freno a questa crescita vertiginosa che ha reso l’organizzazione dei
Campionati una vera e propria sfida impossibile.
Certo il 3D è ancora una specialità giovane per la Fitarco e quindi col passare degli anni e l’accumulo
di esperienza tutto diverrà più gestibile, ma è evidente che qualcosa in questo meccanismo deve essere ripensato, anche perché, in un calendario sempre più saturo il rischio di trovarsi dei Campionati
semi autunnali flagellati dalle intemperie, richiede
di pensare a soluzioni più agevoli con percorsi che
possano essere conclusi in tempi più adeguati al ridotto numero di frecce tirate. Con i numeri attuali,
pattuglie bis e sei atleti per percorso, nonostante il
settembre - ottobre 2010
grandissimo impegno e passione dei davvero tanti volontari degli
Arcieri Cesano Boscone, hanno richiesto un prezzo elevato in termine di lunghezza della gara di qualifica.
Il tempo e l’altitudine di Castion della Presolana, d’altro canto,
sembravano promettere giornate quasi invernali. Con un certo
stupore, invece, tutti i partecipanti hanno potuto godersi due
buone giornate di gara (anche se il primo giorno si sono avuti
molti ritiri a causa di difficoltà e clima), la seconda delle quali, addirittura, rischiarata da un piacevole tepore.
Sul versante tecnico altissima era l’attesa per i risultati che avrebbero accompagnato gli aspiranti azzurri al successivo Campionato
Europeo di Baratz che così tante soddisfazioni avrebbe poi regalato. Una prova più che ottima, questo avvicinamento, se la selezione che qui ha concluso il suo percorso ha poi meritato l’autentica
pioggia di ori continentali a distanza di dieci giorni.
Dopo una simpatica cerimonia di apertura – al chiuso – con esibizioni tipiche locali, il Campionato ha avuto il via con la gara di classe, per cui si rimanda alle consuete classifiche, che ha impegnato il
primo dei due giorni di gara; tra i risultati che meritano, comunque, di essere segnalati, l’eccezionale 336 di Enzo Lazzaroni nell’Istintivo Maschile (+33 punti sul compagno di squadra Pittaluga),
il 356 di Giuseppe Seimandi nel nudo maschile (+26 punti sul secondo classificato, anche qui un compagno di squadra, Ferruccio
Berti), il 305 nel nudo femminile di Luciana Pennacchi (+51 su Patrizia Becchelli), la corsa a due di Ullio e De Rovere nel Long Bow
maschile, conclusasi a favore del primo, e i 244 di Iuana Bassi nel
femminile.
La seconda giornata, come di consueto in queste gare, inizia con i
gironcini eliminatori a otto, da cui sono emersi i semifinalisti; molto impegno è stato dedicato dagli organizzatori e dai Giudici di
Gara, per permettere lo svolgimento di semifinali e finali sul campo centrale, senza che mai un atleta ripetesse in alcuna fase gli
stessi picchetti già affrontati. Degna conclusione la piazzola finale
e quella di spareggio riprese dalle consuete telecamere del service televisivo, che poi avrebbero originato la sintesi di gara sui canali Rai.
Non è oggettivamente facile raccontare finali che si concludono
dopo solo 4 frecce, soprattutto per chi è abituato a numeri ben
differenti; ma lo spettacolo è stato sicuramente interessante ed
emozionante come dimostra la presenza di tanti atleti ormai fuori
dai giochi che si sono fermati a seguire gli scontri a bordo campo.
Nel Compound la vittoria assoluta è andata a Davide Bazzani ed
Irene Franchini; nell’Arco Istintivo a Fabio Pittaluga e Francesca
Capretta; nell’Arco Nudo a Daniele Bellotti e Giuliana Comino; infine nel Long Bow titoli assoluti per Marco Pontremolesi e Iuana
Bassi.
Molto seguita e, come sempre, ricca di tifo ed emozioni, la gara a
squadre, compresa quella Juniores andata agli Arcieri Torres Sassari; la gara, che prevede direttamente gli scontri diretti, racchiude
il meglio dei tre archi di ogni club in gara (con l’eccezione della
coesistenza di nudi e istintivi), ha visto nel maschile la vittoria del
Villa Serra di Monge, Malvasio e Lazzaroni sugli Arcieri delle Alpi.
Vittoria femminile per gli Arcieri di Misa di Bonettini, Bassi e Gambetti ai danni della Compagnia D’Archi.
Come abbiamo già avuto modo di ricordare il Campionato Italiano 3D, che solitamente conclude la stagione all’aperto, questa volta è stato solamente l’antipasto di quello che sarebbe successo a
breve in terra di Sardegna; miglior viatico per questa specialità
non poteva davvero esserci.
RISULTATI A PAG. 41
settembre - ottobre 2010
Dida
f
i
t
a
r
c
o
/
f
i
a
r
c
UNITI DALLA STESSA PASSIONE
Concluso con la prova di San Marino
il circuito di tre tappe che ha visto partecipare
gli arcieri Fitarco e Fiarc
di Roberto Gotelli
I vincitori della competizione con i
rappresentanti delle Federazioni
coinvolte nell'evento: Mandò,
Salvanti e Mazza FIARC;
Gotellli e Cozzo FITARCO;
Luciano Zanotti, Davide Filippucci
e Marino Bartolini FSTA.
Nella pag. a fianco il campo
delle finali allestito nella
Cava dei Balestrieri presso
la Rocca di San Marino.
Si conclude con questo concorso di San Marino il
ciclo delle gare FITARCO/FIARC svolte all’insegna di
“Uniti dalla stessa passione”.
Esperimento assolutamente positivo confortato da
una partecipazione qualitativamente qualificata
anche se, in qualche caso, quantitativamente non
numerosa. Esperienza che, ancora una volta, ha permesso di constatare come sia tra le due Federazioni
che tra i tiratori di entrambe siano caduti preconcetti e riserve antiche quanto infondate.
Prima d’ogni altra cosa è doveroso sottolineare la
straordinaria ospitalità degli amici sammarinesi che
hanno saputo, con la loro simpatia e cordialità unita a grande capacità tecnica ed organizzativa, ren-
dere piacevoli ed indimenticabili due giornate alle
quali hanno ininterrottamente presenziato Eolo e
Giove Pluvio. Temperatura e precipitazioni, infatti,
hanno creato non poche difficoltà ai partecipanti
specie nella giornata di sabato, nel corso dello svolgimento della prova sui 24 bersagli tracciata a
Montegiardino su un percorso di grande validità
tecnica ed ambientale.
I risultati confermavano la qualità degli arcieri in
gara con affermazione di Alessandra Puntoni ed
Enzo Lazzaroni nel ricurvo, Donatella Rizzi e Giuseppe Di Prima nel long bow, Cinzia Ferrari e Marco
Morara nel compound ed infine Maurizio Robasto
nell’arco nudo.
f
i
t
a
r
c
o
/
f
i
a
r
c
La domenica ancora pioggia che ci risparmiava solo sul finire delle fasi finali del Concorso terminato
con lo shoot-off tra i semifinalisti nella splendida
cornice della Cava dei Balestrieri al culmine della
Rocca di San Marino.
Questi i podii oro, argento e bronzo nell’ordine:
COMPOUND Maschile: Luca Ravaioli, Andrea Guerzoni, Giovanni Ragessi – Femminile: Maria Matilde
Garzoni, Cinzia Ferrari, Jessica Ragessi.
LONG BOW Maschile: Massimo Pancani, Giuseppe
Capponi, Giampiero Ercolani – Femminile: Luana
Bassi, Donatella Rizzi, Franca Grifoni.
ARCO RICURVO (ISTINTIVO) Maschile: Mario Rolli,
Nicola Cassoli, Enzo Lazzaroni – Femminile: Alessandra Puntoni, Paola Rossi
ARCO NUDO Maschile: Maurizio Robasto, Roberto
Giani.
Ospiti della Federazione di San Marino nella persona del Presidente della Federazione di San Marino
Luciano Zanotti, hanno presenziato alle gare ed alla
premiazione il Presidente FIARC Mauro Mandò, il
Vice Presidente FITARCO Paolo Poddighe con il Presidente Regionale Giuseppe Cozzo che, indirizzando ai “Lunghi Archi di San Marino” i più vivi ringraziamenti, rinnovavano la promessa a ritrovarci ancora per nuove ed interessanti iniziative.
settembre - ottobre 2010
arcieri
23
p
r
e
p
a
r
a
z
i
o
n
e
a
t
l
e
t
i
c
a
PRONTI PER UN CAMPIONATO
Alcuni consigli pratici per pianificare e farsi trovare
preparati atleticamente in occasione
di un singolo evento agonistico
Prof. Roberto Finardi
Preparatore Atletico Nazionale FITARCO
L’iter attinente alla preparazione fisica rispetto ad un
singolo evento agonistico riveste certamente una
notevole importanza, se nel caso di atleti di alta qualificazione ciò è più facilmente gestibile e
controllabile in virtù dell’elevato numero di sedute
di allenamento e alla loro combinazione, differente
può essere il discorso in relazione ad arcieri che non
hanno la possibilità di svolgere per lunghi periodi
“blocchi” di allenamento.
Inoltre l’arciere professionista, ad eccezione di stagioni agonistiche particolari come l’anno Olimpico,
difficilmente vede la sua attività pianificata in riferimento ad un singolo evento ma molto spesso più
“spalmata” su di un lasso temporale decisamente
ampio, dove la necessità di ordine fisico non è un
periodo ristretto di ottima condizione, ma un
periodo lungo di buona condizione (in pratica viene
privilegiata la media piuttosto che il “picco”).
In ogni caso alcuni accorgimenti possono essere
estremamente redditizi anche per chi ha come
evento clou della sua stagione agonistica un campionato italiano e non ha a disposizione sette mesi
per prepararlo, ma può comunque dedicare tre o
quattro sedute a settimana al condizionamento
fisico per un totale di 7-8 settimane.
Le priorità debbono essere nell’ordine:
• sviluppo delle capacità aerobiche
• articolabilità e flessibilità
• controllo postura
• muscolazione dei distretti agonisti
Naturalmente bisogna sempre ricordarsi che la progressività del carico è condizione assolutamente
indispensabile al fine del raggiungimento degli
obiettivi preposti e che il recupero è una parte
necessariamente integrante dell’allenamento.
Un modello sicuramente efficace in termini di distribuzione del volume può essere il seguente: 7-8
settimane di lavoro con quattro sedute nelle prime
due; tre nella terza, quarta e quinta settimana; due
nei 14-20 giorni antecedenti la competizione.
Analizziamo le prime due settimane: la priorità sarà
certamente il miglioramento dell’efficienza cardio-
24
arcieri
vascolare ottenibile con tratti di corsa lenta continua
(magari intervallati da tratti in camminata) a velocità
bassa e costante, una velocità che ci consenta per
esempio di parlare senza troppo affanno con un ipotetico compagno di corsa, quindi al di sotto della
soglia anaerobica (non vengono indicate le frequenze cardiache di lavoro in quanto l’assoluta
eterogeneità dei lettori non lo consente). Si cercherà
di seduta in seduta di aumentare la durata della
corsa sempre mantenendo la medesima velocità:
l’obiettivo non è aumentare l’intensità dell’esercizio,
ma la sua durata.
Al termine della corsa possiamo dedicarci ad esercizi
di articolabiltà e più specificatamente a quelle articolazioni che hanno maggior attinenza con la nostra
attività sportiva: cingolo scapolo-omerale, coxofemore, colonna vertebrale, tibio-tarso e mani.
Naturalmente attueremo anche esercizi di flessibilità attraverso lo stretching, soffermandoci in
particolar modo sui muscoli che sentiamo più affaticati o sofferenti. È probabile che se non
svolgevamo attività motoria da un po’ di tempo le
gambe ed in particolare i polpacci (gastrocnemio e
soleo) saranno i primi distretti muscolari ad andare
in difficoltà.
Dopo due settimane (otto sedute) dovremmo aver
migliorato l’efficienza del nostro sistema cardiovascolare e quindi possiamo cominciare ad occuparci
anche di altro!
Le parti di corsa non vengono abbandonate, semplicemente si ridurrà la durata delle stesse, magari
alzandone leggermente il ritmo, mantenendo articolabilità e stretching: questo diverrà in pratica il
nostro riscaldamento.
Il secondo step è la creazione di una struttura
muscolare che ci sostenga dalla prima all’ultima freccia, consentendoci di poter espletare i compiti
tecnici dall’inizio alla fine con la medesima efficacia.
Ciò è ottenibile con le esercitazioni denominate
“posturali”, sia a terra che in movimento (vedi articolo
Arcieri N.3-2009). Quindi prevalentemente muscolazione di dorso e addome, sia in forma dinamica che
settembre - ottobre 2010
p
r
e
p
a
isometrica.
Parallelamente cominceremo a lavorare sia sui
distretti muscolari denominati agonisti, ovvero quei
muscoli o gruppi di muscoli che partecipano attivamente alle azioni di tiro (romboide, tricipite, trapezio
basso, deltoide e muscolatura di mano, braccio e
avambraccio) oltre che sui distretti antagonisti (pettorali per esempio). Sui primi agiremo eseguendo
esercitazioni con leggeri sovraccarichi, un paio di
serie di circa venti ripetizioni sono sufficienti per
dare tonicità e qualche kg di forza in più. Mentre sui
secondi (antagonisti) ricercheremo soprattutto lo
sviluppo della capacità di allungarsi previa contrazione del corrispondente distretto agonista, quindi
utilizzando soprattutto elastici ad angoli esecutivi
molto aperti.
Anche gli arti inferiori necessitano di essere potenziati, in quanto non dobbiamo mai dimenticare che
la prima parte da “stabilizzare”, dalla quale dipende
tutto il resto della catena cinetica, sono appunto le
gambe. Possiamo quindi eseguire semplici esercizi a
carico naturale come le divaricate, gli affondi, gli
step-up, le accosciate, anche solo per una serie di
circa dieci ripetizioni per ogni tipo di esercizio.
Nell’ultima parte di questa pianificazione (2-3 settimane) continueremo ad incrementare le nostre
capacità aerobiche attraverso la corsa, daremo
ancora più solidità al “posturale”, eseguendo le
posture con leggeri sovraccarichi o elastici e ridurremo le ripetizioni degli esercizi cosiddetti di forza,
innalzando parallelamente il carico di un 10-20%. Lo
stretching e le esercitazioni di articolabilità restano
parte pregnante del lavoro all’inizio e alla fine delle
sedute (riscaldamento e defaticamento).
Seduta tipo x 4 sedute alla settimana
(durata 2 settimane):
• Riscaldamento con corsa lenta continua a ritmo
costante con incremento di seduta in seduta del
tempo di corsa
• Articolabilità (variare nelle 4 sedute la priorità dei
distretti interessati: principalmente scapola-ome-
settembre - ottobre 2010
r
a
z
i
o
n
e
a
t
l
e
t
i
c
a
ro, rachide cervicale, rachide nella sua interezza,
coxo-femore, tibio-tarso, radio-carpo)
• Stretching generale
• Esercitazioni di slancio sia a carico di arti inferiori che superiori
• Durata media della seduta circa 45’
Seduta tipo x 3 sedute alla settimana
(durata 3 settimane):
• Riscaldamento con corsa lenta continua
• Articolabilità e stretching sia attivo che passivo
• Esercitazioni posturali sia a terra che in stazione
eretta (posturale classico isometrico, deambulazioni con carichi di 3-5 kg in sospensione), in alternativa potenziamento arti inferiori
• Esercitazioni di potenziamento per addome, lombari, dorsali ed obliqui. A rotazione nelle tre sedute di muscolazione interessare distretti diversi:
A) Deltoide e Tricipite (allungando massicciamente bicipite brachiale)
B) Trapezio e Romboide
C) Avanbraccio e Dorso (allungando pettorali)
• 2 esercizi di 15-20 ripetizioni a circa il 50-60% dell’ipotetico massimale per distretto sono sufficienti
Seduta tipo x 2 sedute alla settimana
(durata 2-3 settimane):
• Riscaldamento con corsa, articolabilità e stretching
• Esercizi di potenziamento addome, lombari,
dorsali, obliqui e dorso
• Alternare posturale a muscolazione parte superiore e inferiore (1 serie x 8-10 ripetizioni x 70%
circa di ipotetico massimale).
Nel prossimo numero verranno indicati gli esercizi
maggiormente utilizzati in riferimento ai distretti
muscolari sopraindicati.
È vietata la riproduzione totale o parziale dell’articolo, che può essere autorizzata solo dall’autore.
arcieri
25
p
a
r
a
a
r
c
h
e
r
y
DOVE VOGLIAMO ANDARE?
di Riccardo Cafagno
Sotto il podio Visually Impaired agli
Europei di Vichy (Fra) e, a fianco,
il mirino tattile citato nell’articolo.
A Vichy, in Francia, in occasione dei Campionati Europei Para Archery abbiamo assistito a quello che
non avremmo mai voluto si verificasse: la pressoché totale assenza sulla linea di tiro di atleti apparteneneti alla categoria Visually Impaired.
A questo devono aggiungersi alcune “interpretazioni” a dir poco estensive del Regolamento Tecnico FITA. Spieghiamo perché.
In totale erano tre gli atleti non vedenti sulla linea
di tiro: tra questi due italiani ed un francese. Quindi c’è stata la impossibilità di assegnare il titolo
europeo.
Il francese Gabriele Noel ha utilizzato un mirino tattile al “limite del Regolamento”. Infatti dalla sfera
(diottra) che dovrebbe essere solo a contatto con la
mano fuoriesce una parte del perno di fermo. Questo perno va ad inserirsi fra le dita, creando così un
corpo unico con la mano stessa: soluzione questa
proibita dal regolamento, ma sulla quale gli arbitri
hanno sorvolato. È vero che siamo ancora agli inizi
e tutto può accadere, però...
Cosa succede a livello internazionale? Grazie alla
collaborazione del nostro prezioso Marco Carpignano (Delegato Tecnico della FITA) ho cercato di
apprendere le problematiche attraverso vari colloqui con i delegati stranieri.
Ne è uscito un quadro a dir poco disarmante dove
è emerso che l’IPSA (Organismo Internazionale dei
V.I.) ha accettato il riconoscimento della Fita ed
Emau ma nulla, o poco di più, ha fatto per “invitare”
i propri associati ad aderire appieno al protocollo.
Ne è emersa la volontà dei V.I. di partecipare a gare
solo a loro riservate, a propri esclusivi campionati
ecc. Nella Repubblica Ceca, per esempio, non viene
riconosciuto il mirino tattile (Fita), ma un mirino
con filo, in pratica una sorta di canna da pesca.
Dispiace dirlo, ma ci sembra di avere a che fare con
una lobby…
Simile situazione avviene in Italia dove, in un primo
momento, all’Assemblea Federale di Riccione 2010
ci fu un tentativo di alzata di scudi dei V.I., poi rientrato per gli impegni assunti dalla Fitarco (che sono
stati tutti mantenuti). Ma poi, ai Campionati Italiani
di Poggibonsi, buona parte degli atleti appartenenti alla categoria non si sono presentati.
La Fitarco ha fatto ciò che era possibile allo stato attuale: ha per esempio “aperto” le porte ai V.I. nelle
gare interregionali, anticipando qualsiasi federazione internazionale aderente alla Fita. Ad ottobre è
partito il Corso Istruttori per Disabili ed altre iniziative sono stata intraprese. In pratica è stato fatto il
massimo, con il massimo della volontà.
Credo che i vari Organismi Nazionali ed Internazionali dei V.I. debbano rivedere, seduti intorno a un
tavolo con i Comitati preposti, le proprie intenzioni
e soprattutto fare chiarezza.
Noi abbiamo bisogno di una risposta che vada al di
là di qualsiasi logica di estrazione “politica”, perché
siamo del tutto estranei alle diatribe interne delle
varie Associazioni Ciechi.
Bisogna prendere delle decisioni, perché se ai Campionati Mondiali di Torino 2011 si ripeterà la stessa situazione, per i V.I. potrebbe essere il “canto del cigno”.
p
a
r
a
a
r
c
h
e
r
y
GIORNATA DELLO SPORT PARALIMPICO
(gu.l.g.) Lo scorso 14 ottobre l’azzurra Elisabetta
Mijno ha partecipato a Roma alla Giornata Nazionale dello Sport Paralimpico 2010.
La manifestazione organizzata nella Capitale,
così come quelle sparse nelle altre città d’Italia,
è stata un successo di pubblico e partecipanti.
Presso lo Stadio delle Terme di Caracalla, la campionessa della Nazionale Fitarco (nella foto
insieme all’atleta delle Fiamme Gialle Andrea
Barberi) si è ritrovata sommersa da un nugolo di
bambini, tra altri testimonial d’eccezione come
Mariagrazia Cucinotta, Annalisa Minetti, il
comico Dado, che hanno voluto prendere parte
ad una giornata di spettacolo e sport davvero
eccezionale.
All’interno dello stadio era stato anche allestito
un campo di tiro con l’arco dove, un tecnico della
società capitolina Arco Sport, ha fatto fare innumerevoli prove di tiro a tanti bambini entusiati.
settembre - ottobre 2010
arcieri
27
m
a
r
k
e
t
i
n
g
e
c
o
m
u
n
i
c
a
z
i
o
n
e
SPORT PRESENTATION 2
di Ardingo Scarzella
Nel numero precedente abbiamo esaminato
la natura della sport presentation e le motivazioni che spingono l’organizzatore ad implementarla nel proprio evento.
Volendo scendere nel particolare degli strumenti e delle professionalità necessarie, lasciando le strategie ad un momento successivo, chiariamo che approfondiremo esclusivamente le necessità tipiche del tiro con l’arco,
tralasciando quanto non inerente – allo stato
attuale – il nostro sport.
L’attualizzazione delle esigenze è un aspetto
da non tralasciare, posto che la rapida evoluzione della tecnologia – si pensi alla computer graphic – e dello sport stesso – confrontare il tiro con l’arco pre e post Olimpiadi di Barcellona – rende rapidamente indispensabile
quanto inutile solo alcuni anni prima.
Non vi è dubbio che lo strumento d’impatto
maggiore per il pubblico remoto e gli spettatori on site sia quello legato alle riprese video. In uno sport come il tiro con l’arco dove,
senza adeguato strumento – binocolo o cannocchiale – l’esito dello scontro rimane assolutamente ignoto, non è pensabile di attirare
l’interesse del pubblico non appassionato –
ma spesso nemmeno dei praticanti stessi –
senza un adeguato impianto video. Per contro, come le stesse Olimpiadi dimostrano, laddove venga implementato un sistema – anche basilare – di ripresa, lo scontro diretto –
grazie ai suoi tempi ridotti e all’equilibrio che
spesso lo caratterizza – diventa un momento
di alto impatto emotivo.
Il rovescio della medaglia si rinviene nei costi
e nel personale necessario per il funzionamento di questo strumento, che suggeriscono l’impiego di strutture esterne quantomeno semiprofessionali, indirizzate e coordinate
da persone con esperienza nelle riprese del
nostro sport; numerosi sono, infatti, gli errori
tecnici commessi anche da personale esperto
che si avvicini per la prima volta alle riprese
del tiro con l’arco, come dimostrato in più oc-
28
arcieri
Le strategie e gli strumenti che consentono
di trasmformare una gara
di tiro con l’ arco in uno spettacolo
casioni, come l’utilizzo di focali lunghe dietro
gli arcieri per le riprese dei bersagli – che causano un fastidioso effetto “terremoto” - in luogo di piccole camere sotto i bersagli, la mancata previsione di un corretto allestimento
del campo dietro i tiratori, con la conseguenza di mostrare un poco serio assembramento
di persone sullo sfondo, e così via.
La strumentazione necessaria di base non è
comunque proibitiva e prevede un minimo di
due microcamere fisse sotto ai bersagli e di
una, o due, mobili per gli atleti; il tutto coordinato da un piccolo mixer video e da un sistema di distribuzione. Discorso molto diverso
per gli schermi, che affronteremo in un secondo momento.
La strumentazione che possiamo invece considerare di livello “top” prevede, secondo il
nuovo standard qualitativo introdotto ai
Mondiali di Corea, dodici telecamere ad alta
definizione posizionate in svariati punti del
campo per permettere inquadrature spettacolari. È evidente che, se nel primo caso la necessità è di due tre operatori, nel secondo –
ben al di sopra di qualunque ripresa mai effettuata anche dalla RAI – si arriva ad equipes
di quindici, venti persone con costi veramente fuori portata.
Un aspetto molto importante, che può veramente rappresentare il “di più” nella presentazione del tiro con l’arco, è sicuramente la parte di computer graphic che, se correttamente
predisposta ed utilizzata, può fornire moltissime informazioni allo spettatore. Si pensi a
quanto impatto ha la statistica, anche su altri
sport, tra tutti il baseball e, in maniera meno
invasiva, si pensi ora al punteggio necessario
per vincere lo scontro rispetto a quanto possa
fare uno speaker.
L’evoluzione dei prodotti consumer permette
oggi di integrare una grafica di base con uno
sforzo economico davvero limitato; per gli
esperti della materia possiamo dire che una
qualunque immagine con trasparenza in ca-
nale alfa può essere più che sufficiente se utilizzata su un’uscita video in chiave – anche
chroma – con un mixer video idoneo. Anche
in questo caso sistemi più evoluti – ma difficilmente alla portata di tutti – permetteranno
gestioni più spettacolari con slow motion,
animazioni grafiche e quant’altro.
Per concludere il capitolo video rimane da
esaminare lo strumento per l’output, ossia il
vero e proprio display sul quale le riprese così
effettuate possono essere presentate al pubblico. Nonostante nel corso degli anni siano
stati tentati diversi esperimenti con video o
retro proiettori o altri strumenti analoghi, non
è mai stato possibile offrire agli spettatori
un’esperienza paragonabile a quella offerta
da maxi schermi a led. Tralasciando completamente causa costi, anche di gestione,
l’acquisto di simili attrezzature, rimane la soluzione del noleggio che, se preventivamente
concordato riesce a rimanere su prezzi quantomeno accettabili.
Molto più complesso è invece lo studio del
posizionamento dello schermo stesso che,
purtroppo, spesso vanifica il comunque pesante investimento.
Per poter offrire quell’impatto che il costo
sostenuto merita, lo schermo deve essere
posizionato in funzione della disposizione
del pubblico. Se si pensa ai Campionati indoor di Padova o a quelli targa di Alessandria, si noterà immediatamente come gli
spettatori non dovessero distogliere
l’attenzione dalla loro visuale (atleti-bersagli) per poter usufruire del di più offerto dal
maxischermo. Posizionamenti alle spalle degli spettatori, o in fondo al campo di gara vicino ai bersagli – salvo il caso dell’indoor –
risultano invece assolutamente controproducenti, in quanto, distraendo dalla visuale,
o richiedendo a loro volta l’ausilio di strumenti visivi come i cannocchiali, rappresentano un elemento di disturbo del pathos
che si cerca invece di creare.
settembre - ottobre 2010
u
d
i
e
n
z
a
i
n
v
a
t
i
c
a
n
o
LA FITARCO DAL PAPA
Lo scorso 15 settembre una delegazione della
Federazione italiana ed internazionale è stata ricevuta
in udienza da Papa Benedetto XVI
di Guido Lo Giudice
Papa Benedetto XVI saluta
il Presidente Federale Mario
Scarzella e l’aviere Marco Galiazzo.
Alle loro spalle il Segretario
Generale FITA Tom Dielen.
30
arcieri
Una grande emozione per chi vi ha partecipato e una
giornata storica per il tiro con l’arco italiano ed internazionale. Lo scorso 15 settembre, presso il Vaticano,
una rappresentativa della FITARCO e della FITA è stata
ricevuta in udienza dal pontefice Benedetto XVI.
Era la prima volta che accadeva e coloro che sono
stati presenti hanno rimarcato quanto si siano sentiti fortunati nel poter aver rappresentato un
intero movimento sportivo in un’occasione tanto
suggestiva.
Erano presenti all’incontro il Presidente FITARCO ed
EMAU Mario Scarzella, il Segretario della FITA Tom
Dielen, il Segretario FITARCO Alvaro Carboni, il
responsabile della sezione sport dell’Aeronautica
colonnello Alessandro Loiudice.
Non potevano mancare poi alcuni dei migliori atleti
della nazionale italiana. L’olimpionico Marco Galiazzo,
che è stato l’unico tra i suoi colleghi a potersi incontrare personalmente con il pontefice, l’aviere Mauro
Nespoli, l’iridata Natalia Valeeva, le atlete dell’Aeronautica Pia Lionetti ed Elena Tonetta, Gloria Filippi
(fresca vincitrice dell’oro a squadre miste ai Giochi
Olimpici Giovanili di Singapore) il pluridecorato Sergio Pagni e l’azzurro della nazionale paralimpica
Oscar De Pellegrin.
A stringere la mano al pontefice in rappresentanza
del gruppo sono stati il Presidente Mario Scarzella, il
Segretario FITA Tom Dielen e, come detto, l’aviere
Marco Galiazzo.
Messa da parte l’emozione, il Presidente Scarzella
ha presentato a Papa Bendetto XVI gli altri due
convenuti e nel donargli un arco in argento, lo ha
invitato scherzosamente alla finale di Coppa del
Mondo che si sarebbe disputata di lì a pochi giorni
ad Edimburgo.
Il Papa, proprio in quei giorni, è infatti andato in
visita in Gran Bretagna e con un sorriso ha detto:
“Saremo vicini…”, per poi fare gli auguri agli atleti italiani per i prossimi impegni sportivi.
“È stata una grande emozione per noi tutti poter stringere la mano al Santo Padre – ha detto il Presidente
Scarzella al termine dell’incontro – Sa trasmetterti qualcosa di profondo anche solo con un gesto. Lo
ringraziamo di cuore, così come il Vicario di Sua Santità
Angelo Comastri, presente all’udienza. Ho visto i ragazzi
molto commossi per questo incontro. Sicuramente il
ricordo di questa giornata ci accompagnerà per sempre, non meno di una vittoria internazionale”.
settembre - ottobre 2010
n
o
t
i
z
i
a
r
i
o
f
e
d
e
r
a
l
e
NOTIZIARIO FEDERALE
Estratto del 324° CONSIGLIO FEDERALE
Alessandria 10 Settembre 2010
COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE
Il Presidente Federale riferisce sui seguenti argomenti:
Udienza del Capo dello Stato – in occasione
delle celebrazioni del 50° anniversario dei
Giochi Olimpici di Roma 1960, il Capo dello
Stato ha ricevuto in udienza gli atleti italiani
vincitori di medaglie d’oro ai Giochi Olimpici.
Nel corso dell’evento, a cui hanno partecipato
i nostri atleti Marco Galiazzo e Gloria Filippi, è
stato trasmesso, su un maxischermo collocato
nelle sale del Quirinale, un filmato sui campioni olimpici che si è concluso con le suggestive immagini del volo di una freccia. Per
questo inaspettato splendido omaggio alla
disciplina del Tiro con l’Arco il Presidente ha
ringraziato l’Ufficio Stampa del CONI.Attività Internazionale – I Giochi Olimpici Giovanili 2010 di Singapore sono stati un’esperienza entusiasmante, conclusa ancora una volta
con un risultato prestigioso: la medaglia d’oro
dell’atleta Gloria Filippi. All’evento hanno partecipato i tecnici Stefano Carrer e Paola Bertone;
inoltre, la Fitarco è riuscita ad ottenere due ulteriori accrediti internazionali per il Presidente e il
Vice Presidente federale.
- La squadra italiana paralimpica, inoltre, ha
rinnovato i consueti successi, con la vittoria di
numerosissime medaglie ai Campionati Europei Outdoor di Vichy (Francia). Ringrazia il
Consigliere Federale Riccardo Cafagno, che
ha partecipato all’evento, e lo invita ad estendere i suoi complimenti agli atleti vincitori.
Per quanto riguarda il settore atleti “non vedenti”, evidenzia lo scarso numero di iscrizioni
agli Europei di Vichy, che ha visto la partecipazione solo delle nazionali italiana e francese. La questione sarà affrontata con il Comitato Paralimpico Europeo.
- Campionati del Mondo Tiro di Campagna: Il
Presidente formula i più vivi complimenti alla
Nazionale di Tiro di Campagna e al Capo Delegazione Fiorella Bendinelli per i successi recentemente ottenuti.
-informa che il prossimo anno avranno luogo
in Italia, a Lignano Sabbiadoro (Udine), i Master Games Europei, sfortunatamente in concomitanza con i Campionati Europei di Tiro di
Campagna. Per l’evento è stata chiesta la nomina di un Delegato Tecnico individuato nel-
32
arcieri
la persona di Luca Stucchi.
-Varie
Accesso ai campi di gara – è stata rilevata una
scarsa informazione sulle norme, a suo
ìempo pubblicate, che regolano l’accesso degli accompagnatori sui campi di gara. Le circolari federali devono essere rispettate e non
è ammessa disinformazione al riguardo.
Onorificenze CONI – comunica che sono state
assegnate le onorificenze CONI per l’anno
2008; inoltre, a breve sarà pubblicato sul sito
federale il bando per la richiesta di onorificenze relative all’anno 2009.
Tesseramenti – il Presidente annuncia con grande compiacimento che i tesseramenti federali
si sono attestati al di sopra dei ventimila iscritti.
Argomenti Tecnici - Interpretazioni regolamentari – il Presidente invita il Consiglio Federale a pronunciarsi sulle seguenti questioni
regolamentari, per le quali è sorta necessità di
interpretazioni delle norme vigenti:
- Annullamento gare – è stato riscontrato un
contrasto normativo circa l’annullamento di
gare per mancanza di iscrizioni (art.39 commi 3
e 4 del Regolamento Organico e art. 7.5 del Regolamento Sportivo Si osserva che le norme
sono ispirate al principio che occorre scoraggiare il ricorso all’annullamento della gara qualora uno scarso numero di iscritti non ne compensi le spese di organizzazione; infatti, sul piano sportivo, occorre fornire delle garanzie agli
atleti iscritti in quanto l’annullamento di una
gara programmata potrebbe causare loro un
danno nella pianificazione dell’attività sportiva.
- Partecipazione ai Campionati Regionali – è
stata più volte riscontrata la partecipazione ai
Campionati Regionali di atleti non ufficialmente qualificati e provenienti da regione diversa. Il Consiglio Federale, esaminate le vigenti norme al riguardo, in particolare quanto disposto dall’art. 20 del Regolamento Sportivo,
stabilisce che, salvo diversamente stabilito dal
Consiglio Regionale, è consentita la partecipazione ai Campionati Regionali di atleti non
qualificati e di atleti di altre regioni, con esclusione della fase finale (scontri diretti), a condizione che vi sia disponibilità di posti.
- Partecipazione a gare “doppio FITA” – si evidenzia la necessità di chiarire se è consentita la partecipazione ad 1 solo FITA, il primo o il secondo
giorno, in gare di tipo “doppio FITA”, considerato
che l’art. 4.5.1.3 del Regolamento Tecnico recita
“La doppia gara FITA di Tiro alla Targa all’Aperto
consiste in due gare FITA di Tiro alla Targa al-
l’Aperto, disputate consecutivamente”. Al riguardo viene evidenziato che è consuetudine,
ai fini della qualificazione ai Campionati Italiani,
che il risultato sia scorporato in 1 FITA + 1 FITA
ed uno dei due sommato ad un’altra gara FITA.
Il Consiglio Federale al riguardo stabilisce che
le gare “Doppio FITA”, e analogamente le gare
18+25 possono essere scorporate.
-Abbandono della gara per incidente tecnico –
fatto salvo quanto disposto dall’art. 9.5.1.7
del Regolamento Tecnico di Tiro, esaminato
quanto segnalato dalla Commissione Ufficiali
di Gara in merito all’argomento in oggetto, il
Consiglio Federale accoglie la proposta della
Commissione e stabilisce che l’abbandono
della gara (uscita dal campo di gara o dal percorso), che sia dovuto a guasto dell’attrezzatura sportiva o per motivi di salute, comporta
l’esclusione dalla competizione
- Consuntivo semestrale 2010 - Nell’illustrare
brevemente il contenuto del Consuntivo Semestrale 2010, il Presidente evidenzia che il
documento è redatto anche sulla base della
situazione contabile della struttura territoriale al 30 giugno 2010. A tal proposito deve
purtroppo segnalare che si ripetono, per alcuni Comitati Regionali, ritardi nella presentazione della documentazione necessaria per la
compilazione del bilancio che, per l’ufficio
amministrativo federale, sono causa di notevole disagio dal punto di vista organizzativo.
Detti Comitati devono essere pertanto richiamati al rispetto delle regole.
Il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti Fausto Pennestrì dichiara che, effettuata la
verifica dei dati in chiusura del semestre e accertata la regolarità di detti dati, il Collegio
dei Revisori dei Conti esprime parere favorevole al Consuntivo Semestrale 2010.
Il Consiglio Federale delibera all’unanimità (delibera n. 95) di approvare il Consuntivo Semestrale al 30 giugno 2010 allegato alla presente
delibera, di cui costituisce parte integrante e sostanziale che dovrà essere trasmesso al CONI
entro i termini previsti.
- 2a Nota di variazione al preventivo Economico 2010
Il Presidente dà lettura della prescritta relazione alla nota di variazione in oggetto ed illustra
le principali integrazioni agli stanziamenti. Per
quanto concerne l’attività paralimpica, informa che nuovi finanziamenti ricevuti dal CIP
consentono l’organizzazione del corso di specializzazione per istruttori per arcieri disabili.
settembre - ottobre 2010
n
o
Il Consiglio Federale, preso atto del parere positivo espresso dal Collegio dei Revisori dei
Conti, delibera all’unanimità (delibera n. 96)
di approvare la II Nota di Variazione al Preventivo Economico 2010, così come risulta dal
documento che, allegato alla deliberazione,
ne forma parte integrante e sostanziale.
DELIBERE AMMINISTRATIVE DEL CONSIGLIO FEDERALE
Realizzazione DVD didattico per la scuola
(personaggio di Pinocchio)
Il Consiglio Federale, preso atto della proposta della Commissione Attività Giovanile di
realizzare, con l’immagine di Pinocchio ed in
collaborazione e con le strutture della Fondazione Collodi, un DVD con il personaggio di
Pinocchio, da distribuire a scopo didatticopromozionale nelle scuole, ne delibera all’unanimità la realizzazione
Acquisto spazi pubblicitari su testate giornalistiche sportive
A seguito delledelle trattative intercorse con lo
Studio Ghiretti di Parma e la scelta delle testate
giornalistiche Tuttosport e Corriere dello Sport
per la pubblicazione degli spazi pubblicitari federali risultate più vantaggiose dal punto di vista economico.Il Consiglio Federale delibera all’unanimità di acquistare sulle testate giornalistiche sportive “Tuttosport” e “Corriere dello
Sport” n. 12 piedoni tabellari a colori (mm
348x140) e relative spese per l’impianto grafico, Fatta salva l’approvazione da parte dei competenti Organi del Coni della II Nota di Variazione del Preventivo Economico 2010. La spesa
per i restanti piedoni verrà assunta con successiva deliberazione, a carico dell’esercizio 2011.
Assegnazione organizzazione Eventi federali
Il Vice Presidente Spigarelli informa che la città di Roma si propone per l’organizzazione
dei Campionati Italiani di Tiro alla Targa all’Aperto 2011, in occasione dei quali avranno
luogo i festeggiamenti del 60° anniversario
della FITARCO. Evidenzia l’importanza dell’opportunità di poter finalmente utilizzare per
un evento la struttura federale in corso di realizzazione a Tor Pagnotta; inoltre, è in programma l’effettuazione delle prove finali nella splendida cornice dello Stadio dei Marmi al
Foro Italico, Il Consiglio Federale, preso atto
delle richieste pervenute in merito all’organizzazione di eventfederali, delibera all’unanimità:di assegnare l’organizzazione dei seguenti eventi federali:
settembre - ottobre 2010
t
i
z
i
a
r
i
o
- al Comitato Organizzatore del 50° Campionato Italiano di Tiro alla Targa all’Aperto 2011,
l’organizzazione dell’evento a Roma
- alla società “ASD Archery Team Barletta” di
Barletta cod. 16/031 l’organizzazione del Campionato Italiano a Squadre di Società 2012
- alla società “ASD Compagnia Arcieri Il Delfino” di Silvi (Te) cod. 13.014 l’organizzazione
del Trofeo Pinocchio 2013
- di annullare l’assegnazione alla Società “Arcieri Valli di Non e di Sole” (05/017) del Campionato Italiano Indoor Para Archery 2011.
Comitati Regionali Liguria e Calabria – progetti di sviluppo attività regionale
Il Consiglio Federale delibera all’unanimità di
erogare ai Comitati Regionali Liguria e Calabria il seguente contributo straordinario per
la realizzazione dei progetti di sviluppo dell’attività del tiro con l’arco e della visibilità
presentati: Comitato Regionale Liguria €
2.500,00; Comitato Regionale Calabria
3.000,00.
Nomina Delegato Provinciale BAT (Barletta
Andria Trani)
Il Consiglio Federale, vista la comunicazione
pervenuta dal Comitato Regionale Puglia con
la quale informa che, a seguito della costituzione dell’Organo territoriale del CONI nella
provincia BAT (Barletta Andria Trani), la Segreteria di detto comitato ha invitato la FITARCO
a designare il proprio rappresentante territoriale e preso atto della proposta di nomina
del Delegato Provinciale ricevuta dal Comitato Regionale Puglia, delibera all’unanimità di
nominare, fino al termine del Quadriennio
Olimpico 2009/2012, Delegato Provinciale
per la provincia BAT (Barletta Andria Trani) il
sig. Michele Lionetti.
Commissariamento Organo Territoriale Regionale Molise
Il Presidente informa brevemente il Consiglio
Federale sulle problematiche locali che rendono necessario un intervento sulla gestione dell’attività federale nella regione del Molise e propone, per la carica di Commissario Straordinario, il Segretario Generale Alvaro Carboni. Il
Consiglio Federale delibera all’unanimità di nominare Commissario Straordinario della Regione Molise il Segretario Generale FITARCO Alvaro Carboni con l’incarico di convocare in tempi
brevi una riunione delle società della regione
affiliate alla FITARCO al fine di esaminare le problematiche relative alla gestione e allo sviluppo
dell’attività territoriale.
f
e
d
e
r
a
l
e
REGOLAMENTI FEDERALE E REGOLAMENTO
UFFICIALI DI GARA
Il Consigliere Stefano Vettorello illustra al
Consiglio Federale le norme di detto regolamento che è necessario modificare, in materia di tesseramento dei Giudici di Gara e degli
atleti appartenenti ai Gruppi Sportivi Militari
e l’attribuzione, per questi ultimi, dei titoli e
dei voti plurimi.
Le nuove norme comprendono l’iscrizioni diretta alla FITARCO degli Ufficiali di Gara, per il
tramite del Collegio, che viene istituito e per il
quale vengono sancite le funzioni. Il governo
del Collegio è demandato alla Commissione
Ufficiali di Gara, che ne attua le funzioni e
provvede al suo funzionamento.
Il Consiglio Federale delibera all’unanimità (delibera n. 111) quanto segue:
• di istituire il Collegio Giudici di Gara, che ha
sede in Roma presso la Fitarco, con lo scopo
di tesserare, reclutare, organizzare, formare e
designare i Giudici di Gara, disciplinandone
l’attività e curando l’esatta applicazione dei
regolamenti di gara
• di modificare gli artt. 14 e 31, commi 5, 10,
11, 12 e 13 del Regolamento Organico federale come indicato nel documento allegato
alla delibera, di cui forma parte integrante e
sostanziale.
Per quanto concerne il Regolamento Ufficiali
di Gara , la Commissione Ufficiali di Gara dovrà
formulare la proposta di adeguamento del regolamento al nuovo Statuto, incluse eventuali norme transitorie che ne derivano.
CONTRIBUTI IMPIANTISTICA
Il Presidente informa che improrogabili impegni dei componenti della Commissione Impianti non hanno consentito a tutt’oggi lo
svolgimento di una riunione per l’esame delle
richieste pervenute.
Come concordato dal Consiglio di Presidenza
nella riunione del 27 luglio u.s., propone di integrare di €72.000,00 lo stanziamento dei contributi previsti dal bando e di destinare una
quota di 28.000 € a supporto delle spese sostenute dalle società per danni causati all’impiantistica da eventi straordinari (per uno stanziamento totale, pertanto, di € 150.000,00). Il
Consiglio Federale approva.
Il Consiglio Federale delibera all’unanimità
quanto segue (delibera n. 114):
• di integrare il bando per l’assegnazione di
contributi alle società affiliate per la riqualifi-
arcieri
33
n
o
t
i
z
i
a
r
i
o
f
e
d
e
r
a
l
e
NOTIZIARIO FEDERALE
cazione degli impianti sportivi nell’anno
2010 approvato dal Consiglio Federale con
delibera n. 96/2010 come segue:
• di integrare lo stanziamento previsto all’art.
1 – punto 3 di € 72.000,00 (importo complessivo stanziato € 122.00,00) per le opere
di cui all’art. 2 – punto 5 superiori ai 50.000,00
€ (oneri fiscali compresi) l’importo massimo
di €15.000,00 potrà essere erogato fino ad un
massimo di € 10.000,00 nell’esercizio 2010.
L’ulteriore annualità sarà eventualmente erogata a carico del Preventivo Economico 2011,
fatta salva la disponibilità dei fondi. sono ammesse al bando le domande pervenute successivamente ai termini previsti all’art. 4
comma 1 e, comunque, entro la data della
presente deliberazione.
• di delegare la Commissione all’uopo designata di assegnare i contributi sulla base del
bando approvato con delibera del Consiglio
Federale n. 16 del 9 gennaio 2010, fatta salva
l’approvazione da parte dei competenti Organi del CONI della sopra menzionata Nota
di Variazione al Preventivo Economico.
VARIE ED EVENTUALI
Verbali gara – avendo riscontrato che i Comitati Regionali non ricevono i verbali gara delle
manifestazioni svolte sul territorio di propria
competenza, e ravvisata l’assoluta necessità
che i comitati siano a conoscenza del contenuto dei verbali, si concorda di dare disposizione alla Segreteria federale di provvedere al regolare inoltre di detti documenti.
Assemblea Nazionale 2011 – il Presidente comunica che il dott. Pier Francesco Bernacchi,
Segretario della Fondazione Collodi e Direttore delle Terme di Cianciano, ha offerto la disponibilità della città di Cianciano ad ospitare la
prossima Assemblea Federale. Incarica pertanto la Segreteria federale di verificare le offerte
di candidatura di Chianciano e di Riccione.
Settore Tecnico – il Presidente illustra brevemente l’esito dei lavori della Commissione
Tecnica, che si è riunita ieri, 10 settembre
2010. Il principale argomento trattato riguarda la ristrutturazione dei Campionati Italiani.
Con riferimento all’attività delle Squadre Nazionali, comunica che, nella prossima riunione del Consiglio Federale verrà convocato il
Direttore Tecnico delle Squadre Nazionali Vella per una verifica sullo stato di realizzazione
del programma dell’attività del quadriennio,
in vista dei Giochi Olimpici di Londra 2012
Per quanto concerne la struttura tecnica, viene evidenziata la necessità di mantenere alta
l’attenzione sull’assetto dello staff e dei ruoli
con la finalità di ottimizzare il lavoro di preparazione degli atleti in vista dell’importante
impegno di qualificazione olimpica.
Supporto tecnico alla Squadra Nazionale Seniores Olimpica femminile - Il Presidente comunica che, considerati i poco soddisfacenti
risultati ottenuti di recente dalla Squadra Nazionale femminile Olimpica, il Di. T. Vella, ravvisata la necessità di adottare con urgenza delle misure volte a fornire un più ampio e qualifica supporto alle atlete in vista degli impegni
per la qualificazione olimpica, propone di avvalersi della professionalità del tecnico coreano sig.ra Young-Sook Park, contattata per il
tramite del tecnico Suk ed altamente qualificata, in quanto titolare del diploma di allenatore di 1° livello dell’Accademia Coreana ed
attualmente allenatore della squadra nazionale di Singapore, oltre ad essere stata per
due anni allenatrice della squadra nazionale
giovanile coreana.
Il C.F. Preso atto della relazione del D. T. Vella al
riguardo ed esaminato con il curriculum della
sig.ra Young. Delibera, , all’unanimità quanto
segue (delibera n. 125):
di dare incarico al Presidente e ai due Vice
Presidenti federali di effettuare un incontro
con il succitato tecnico coreano sig.ra YoungSook Park per verificare la disponibilità della
stessa a ricoprire l’incarico di allenatore del
settore femminile seniores olimpico.
di concordare con la stessa le modalità
d’impegno e di definire la parte economica.
IN RICORDO DI…
UN GRANDE ABBRACCIO NICOLA
Se n’è andato nel suo stile, ci ha lasciati sgomenti a cercarne i motivi nei meandri della
sua sensibilità, nei passaggi della memoria,
nelle domande senza risposta…
Nicola Bucci non è più tra noi, il caporedattore
di Arco, l’amico puntuale e attento, l’uomo
che ha sognato, realizzato e diretto la prima rivista del settore, l’uomo che volle imparare a
scoccare frecce, perché il suo scrivere non fosse vuoto o lontano dai contenuti.
Nicola era un filosofo, un sognatore. Ha diretto Arco dalla sua fondazione e ne costituiva
l’anima, il motore, sempre presente nelle occasioni importanti, talvolta fondamentale nel
suo delicato ruolo di catalizzatore, fra i dirigenti delle varie Federazioni. Nicola sognava
un’arceria forte, unita, grande. Credeva nel futuro del nostro sport e ci ha insegnato a pensare in grande, lontani dalle piccole diatribe,
dagli orticelli, dai personalismi, con lo sguardo
34
arcieri
alto sulla linea dell’orizzonte, per non perdere
di vista i sogni.
Nicola ha lasciato questa terra con tutte le ingiustizie che non poteva capire, alla ricerca
forse di spazi più ampi, di quelle vastità cui
anelava la sua anima inquieta. L’amore per il
bello, l’arte e la poesia non sono stati sufficienti a salvaguardarlo. Ci lascia un vuoto assurdo, un’eco di silenzi che non potremo
colmare con le parole. L’urlo occultato nella
sua scelta silente, rimbalza nella nostra vita
e ci lascia attoniti, increduli, privati di una
luce che rischiarava i nostri passi, gli stessi
che mi auguro procedano nelle direzioni da
lui indicateci.
Fratellanza, amicizia, unione, sviluppo, questo era quello che lui sognava e per cui lavorava: adesso abbiamo un motivo in più per
realizzarlo.
Ciao Nicola.
F.C.
settembre - ottobre 2010
96 .3 *[email protected] #!%! '
%.3*> .33 ===-0*8,6,64 25/6-0*8,[email protected]
'2* "*,252 % %.3 *> ===*84.82*02562: 25/6*84.82*02562:
'2* 26<*552 (( '#!$ %.3 .33 :*9,6495,*32,.2:
'2* ".9.5:2 ' # % %.3 .33 ===*8,1.8?91672: 25/6*8,1.8?91672:
'2* $,2.9* #% '
%.3 *> ===*8,[email protected]: 25/6*8,[email protected]:
'2*3. . *97.82 ))! #! %.3 *> ===*8,6./8.,,.2: 25/6*8,6./8.,,.2:
'2* '2::6826 4*5;.3. # %.3 %.3*> ===+65*8-6*8,1.8?2: B ===+65*8-62:
25/6+65*8-6+65*8-6*8,1.8?2:
'2* -.33,*,2* "#&
%.3*> ===:6>652: :6>659768:<28023262:
'2* 28*5.9. # ! '
%.3*> .33 ===*8,.82*4*8252: 25/6*8,.82*4*8252:
'2* "*7* 26<*552 "*636 $ &$"" $$! '
%.3 *> ===-29768:2: 25/6-29768:2:
96 .3 *[email protected] #!%! '
%.3*> .33 ===-0*8,6,64 25/6-0*8,[email protected]
<<4AB> =4; E4A34 2>=C4BC>
<>=C0=> 34;;0 +0;;4 0D38=0
08 ?8438 34;;0 20C4=0 <>=CD>B0
34; %0AC4=8> A2> >55A4 0
CDCC8 2>;>A> 274 0<0=> 8; C8A>
2>= ;0A2> ?A>3>CC8 =D>E8 38
E0A84 <0A274 0 ?A4II8 2><?4C8
C8E8 43 4;4E0C0 ?A>54BB8>=0;8CJ
=4;;0 <4BB0 0 ?D=C> 38 CDCC8 8
C8?8 38 0A2> =4;;0 B24;C0 4 =4;;0
A40;8II0I8>=4 34;;0 5A42280 ?8O
0??A>?A80C0 0;;0A284A4 5580=
20C> 30;;0BB>280I8>=4 A284A8
34;;0 (C4;;0 A2> >A60=8II0
60A4 A82>=>B28DC4 30; 20;4=30A8> 34;;0 8
C0A2> 4 D=C4A84;3 BD CA02280C8 4 20<?8 0 38
B?>B8I8>=4 0=274 ?4A 0;;4=0<4=C> A2>
A40;8II0 ?A4E4=C8E8 6A0CD8C8 ?4A ;0 5>A=8CDA0 38
<0C4A80;4 ?4A ;0;;4BC8<4=C> 38 20<?8 30 C8A> 03
0BB>280I8>=8 B>284CJ 4 B8=6>;4 ?4AB>=4 2>= CA0
B?>AC> 6A0CD8C> ?4A 38BC0=I4 8=54A8>A8 0 :<
+4=8C428 0 CA>E0A4 >??DA4 2>=BD;C0C4 8; =>BCA>
=D>E> B8C> 8= 50B4 38 A40;8II0I8>=4 4 2>=C0CC0
C428 0;;4<08; 8=5>360A2>18I '/ )*)) ;8 >A0A8 38 0?4ACDA0 0;;4 >A4 0;;4
4 30;;4 >A4 0;;4 >A4 278DB>
8; ;D=43M <0CC8=0 4 8 54BC8E8
'2* 26<*552 ((A '#!$ %.3 .33 :*9,6495,*32,.2:
?>20 38BC0=I0 30;;0 5A>=C84A0 2>= ;0 A0=280
2VL D= =D>E> ?D=C> E4=38C0 4 0BB8BC4=I0 ?4A
CDCC8 6;8 0<0=C8 34;;0A24A80 =48 B4CC>A8 2><
?>D=3 A82DAE> 4 >EE80<4=C4 CA038I8>=0;4 ;
=>BCA> =46>I8> B8 CA>E0 0 +0;;42A>B80 8= +80 8>
E0==8 -- 0; =P )A0CC80<> <0C4A80;4 38 0A
24A80 0A278 4 0224BB>A8 34;;4 <86;8>A8 <0A274
2>= 0AA8E8 B4CC8<0=0;8 0CC4=C8 B4<?A4 0 CDCC4 ;4
=>E8CJ 34; B4CC>A4 8 ?A4680<> 38 5>A=8A4 ;0 =>
BCA0 ?8O 2><?;4C0 2>;;01>A0I8>=4 0 CDCC8 2>;>A>
274 E>6;8>=> 0EE828=0AB8 0 @D4BC> 14;;8BB8<>
B?>AC 08DC0=3>;8 0 2>=>B24A;> 30 E828=> 43 0?
?>6680=3>28 0 38E4AB8 20<?8 38 C8A> =4;;4 8<<4
380C4 E828=0=I4 3>E4 ?>C4A ?A>E0A4 ;411A4II0
34; ?A8<> C8A> >A=80<> 0;CA4BM ;0 =>BCA0 2><
?4C4=I0 ?4A @D0=C> A86D0A30 ;0 <4BB0 0 ?D=C>
34;;0A2> 4 38 CDCC> 28N 274 A86D0A30 ;4 5A4224 2>=
8; A4;0C8E> 8<?4==0668> 02280<> ?A4E4=C8E8
6A0CD8C8 0 CDCC4 ;4 0BB>280I8>=8 ?4A 6;8 0;;4BC8
<4=C8 348 20<?8 4 ;0 3>C0I8>=4 38 4E4=CD0;8
20<?8 B2D>;0 C4<?> ?4AB> 28 ?A4BC80<> ?>A
C0=3> 2>= =>8 8; <0C4A80;4 =424BB0A8> 0 30A4
;4I8>=8 6A0CD8C4 =4;;4 B2D>;4 34; 38BCA4CC> +4=8C4
0 CA>E0A28 B0A4<> ;84C8 38 2>=B86;80AE8 =48 E>BCA8
[email protected] 24A20=3> B4<?A4 38 30AE8 8; <86;8>A
?A>3>CC> 0; <8=8<> 2>BC> ?>BB818;4 ;8 >A0A8
B>=> 30; <0AC43M 0; E4=4A3M 30;;4 0;;4 4 30;;4 0;;4 B010C> 30;;4 0;;4 278DB> 8; ?><4A8668> ;D=43M 4 54BC8E8 CDCC> 8;
68>A=>
'2*3. . *97.82 *@@6 -2 #16 2
%.3 *> ===*8,6./8.,,.2:
25/6*8,6./8.,,.2:
'2* $,2.9* #% '
%.3 *> ===*8,[email protected]: 25/6*8,[email protected]:
A274AH / A8==>E0 ;0
60<<0 = 0BB>AC8<4=C> 28
B>=> 8 <86;8>A8 ?A>3>CC8 4 ;4
D;C8<4 =>E8CJ 34;;4 ?8O 8<
?>AC0=C8 <0A274 <>=380;8
>;CA4 0 CDCC0 ;0 60<<0 34;;0
H 4A=0A38=8 4 34;;0 )>?
A274AH 38 2D8 B80<> 38BCA8
1DC>A8 W D= 0==> A822> 38
20A1>=8> 8; 2><?>D=3 >HC
0A1>= "0CA8G 8 A8B4A ,,
==> -) ( 0A1>= %A> 4
814A>F 8; =D>E> A4BC
8= 20A1>=8> 34;;0 (410BC80=
;DC4 43 8; 0A1>= ;82:4A
,, B>=> B>;> 0;2D=4 ;46
64A4 ?A>?>BC4 )A0 8 5;4CC4=C8
D=0 =>E8CJ <>;C> 0CC4B0 L
B82DA0<4=C4 ;0 60<<0
0H0 274 70 A8C>220C> 8; A42>A3 34;
<>=3> ) 308 C>? +?4A5 06;8 >CC8<8
40CDA4 58=> 0;;4 E4AB8>=8 42>=><8
274 )><20C 4 )><20C 0A1>= 0 B4
6=0;0A4 CA0 8 ?A>3>CC8 )>? A274AH ;0
BC018;8II0I8>=4 2>= 8 A8E>;DI8>=0A8 B8BC4<8 38
B>??A4BB8>=4 38 E81A0I8>=8 +81A> 8;;4A (H
BC4< 8; =D>E> 6A8;;4CC> A46>;018;4 030CC> 0;;0
<0668>A ?0AC4 346;8 B60=28 8= 2><<4A28> ?4A
030CC0A4 ;> B60=28> 0;;0 ?A>?A80 <0=> 8
=D>E8 4BCA0CC>A8 <06=4C828 ?4A 5A4224 4 ;4
?D=C4 <>3D;0A8 30 58=> 0 6A0=8 ?4A
5A4224 !867C (?443 4 0A1>= G?A4BB)A0
8 A8B4A H 4A=0A38=8 BC0 A8B2D>C4=3> D=
6A0=34 BD224BB> CA0 8 ?>38 34;;4 60A4 ?8O 8<
?>AC0=C8 8; P() ?A4B4=C0C> 8= >220B8>=4 34;
P 0==8E4AB0A8> 34;;0 20B0 274 A0??A4B4=C0
8; 2>=24=CA0C> 34;;4 <86;8>A8 8==>E0I8>=8 8=CA>
3>CC4 8= @D4BC> 20<?> CA0 2D8 ;V4B2;DB8E> B8
BC4<0 38 ?A420A820 0 B20CC8 B4=I0
2>=CA>1;>22> 8; 24=CA0668> 348 5;4CC4=C8 8=C4
6A0C> 274 ?4A<4CC4 5028;8 A46>;0I8>=8 03 0A2>
20A82> 8 ?4B8 8=C46A0C8 <>3D;0A8 ;V0CC022> 34;
2;82:4A A46>;018;4 8= 0;C4II0 ;0 ?>BB818;8CJ 38
<>=C0A4 B4CC4 38554A4=C8 6A8? =58=4 1D>=4
=>C8I84 0AA8E0=> 0=274 30; A4?0AC> E0;8684 4
I08=8 E4=6>=> ?A>?>BC4 0 ?A4II8 <>;C> 2><
?4C8C8E8 B80 E0;8684 H 4A=0A38=8 30 >;8<?82>
4 30 2><?>D=3 2>= 4 B4=I0 AD>C4 274 1>AB4
<>A1834 ?4A 2><?>D=3 4 I08=8 ?4A A82DAE>
)>? A274AH $A0A8> ;D=43M 30 <0A
C43M 0 E4=4A3M B010C> * 8,6 8.,,. :86<*:. 3. 42032682
4*8,1. -2 *8,12 :8*[email protected]*32 ,;9:64
-2 *8,12 632472,2 . ,6476;57.8 23 :286 *33* :*80*
. 6<<2*4.5:. 23 4.0326 -.032 *,,.99682
-* 6052 7*8:. -.3 465-6
1180<> 8= BC>2: CDCC> 28N 38 2D8 0E4C4 18B>
6=>S >??DA4 ?>BB80<> ?A>2DA0A;> %A4II8
2><?4C8C8E8 2><?4C4=I0 2>AC4B80 4S 0<>A4
?4A 8; C8A> 2>= ;V0A2>
C*8,2.82* * A
786/.9926529:2 -.33C*8,2.82*
+8B8C0C4 BD; =>BCA> B8C> ;0 B4I8>=4
E834> 38 A2>A4224
FFF0A2>45A42248C
0A284A80
E834>0B?
+834> B4<?;828 4 2780A8 ?4A B?8460A4 ;4 20A0C
C4A8BC8274 4 8 34CC06;8 C42=828 34;;4 =>E8CJ 34;
<4A20C>
'2* '2::6826 4*5;.3. # %.3 %.3*> ===+65*8-6*8,1.8?2:
25/6+65*8-6+65*8-6*8,1.8?2:
!4 =>E8CJ ;4 CA>E8 30 >=0A3> A274AH = ?A8<>
?80=> ;0 ;8=40 >HC B80 2><?>D=3 274 A82DAE>
(>=> 38B?>=818;8 0 <060II8=> >HC >=C4=34A
4 >=C4=34A ;8C4 +0=C464 ;8C4 "0GG8B 4
=4;;0 B4A84 D=C4A ;?701DA=4A +8G24= 50
E>;>B8 A8B4A '- >A<D;0 2>= 8 5;4CC4=C8 20A1>=
F>>3 B278D<0 "0C74FB )A8D<?7
/ ">=BC4A %0BB8>= ,, =D>E4 ;8=44
%( ?A>?>=4 8 =D>E8 "03=4BB -! =D>E4 ;4=C8 4 <8A8=8 ?4A 2><
?>D=3 >8=:4A 0BC>= ?A>?>=4 =D>E0 ;8=40 ;02:
,83>F (C0;:4A #0E09> 0
>=0A3> A274AH 2VL ;0 =D>E0
;8=40 38 0224BB>A8 ?4A 0A284A8 50
A4CA4 8= ?4;;4 30 B2784=0 30
580=2> 584;3 4 C8A> (2>CC A274AH
0AC4A (C0= )AD 0;; 0A1>= G
?A4BB 0BC>= 0A1>= )427 >;3
)8? )42=828 @D0;85820C8 0; E>BCA>
B4AE8I8> 4B?4A84=I4 <0CDA0C4 BD8
20<?8 38 60A0 8=C4A=0I8>=0;8 343820C4 0 278
ED>;4 B>;> B4=C8A ?0A;0A4 38 0A2> &D0;8CJ 2>A
C4B80 4 2>=E4=84=I0 B>=> 8; =>BCA> <>CC> %4A
@D0;B80B8 8=5>A<0I8>=4 =>= 4B8C0C4 0 2>=C0C
C0A28 B0A4<> B4<?A4 0 E>BCA0 38B?>B8I8>=4 E8
0B?4CC80<> =D<4A>B8 ?A4BB> 8; =>BCA> =D>E>
?D=C> E4=38C0 38 A0 D>=4 5A4224 0 CDCC8
'2* "*,252 *:*52*
%.3 *> ===*84.82*02562:
25/6*84.82*02562:
!VA<4A80 8=>
70 0EE80C> 2>=
;4 B>284CJ B?>A
C8E4 0A284A8BC8274
8C0;80=4
D=0
?0AC82>;0A4 2>=
E4=I8>=4 B0
A0==> ?A0C820C8
?A4II8
0;;8=
6A>BB> BB4=I80;4 ?4A ;0 2>=E4=I8>=4
6;8 [email protected] 34E>=> 4BB4A4 4554CCD0C8
30;;4 B>284CJ B?>AC8E4
4BB4A4 A46>;0A<4=C4 8B2A8CC4 8= 8C0A2>
4 ?>BB434A4 8; 2>3824 58B20;4 ;CA8 34CC0
6;8 E8 B0A0==> 30C8 8= B46D8C> 0;;0 E>BCA0
A82784BC0
'2* ".9.5:2 ' # % %.3 .33 ===*8,1.8?91672: 25/6*8,1.8?91672:
A0=38 =>E8CJ =4;;0DCD==> A274AHB7>? >=
8; ?A8<> 38 B4CC4<1A4 B0AJ >?4A0C8E0 ;0 =>BCA0
=D>E0 B434 38 +8;;0 !060A8=0 E828=8BB8<> 0;
;DB28C0 0DC>BCA030;4 38 '>E4A4C> =>A3 !0
=D>E0 BCADCCDA0 38B?>AAJ 38 D=0 B7>FA>><
?4A C>220A4 2>= <0=> 8; E0BC> 0BB>AC8<4=C> 38
0A278 4 0224BB>A8 4 38 D= 6A0=34 <060II8=>
38 BC>220668> ?4A 2>?A8A4 CDCC4 ;4 A82784BC4 38
34CC06;8> 4 8=6A>BB> "86;8080 38 0AC82>;8 B4<
?A4 38B?>=818;8 8= ?A>=C0 2>=B46=0 B>=> 8; =>
BCA> ?D=C> 38 5>AI0 =>BCA8 [email protected]
?A>E4=6>=> @D0B8 4B2;DB8E0<4=C4 308 ?A>
3DCC>A8 4 @D4BC> 28 ?4A<4CC4 38 0E4A4 B4<?A4
8; <86;8>A4 ?A4II> 38 <4A20C> B80 8= =46>I8>
274 E80 8=C4A=4C 30; =>BCA> B8C> FFF0A274AH
B7>?8C )84=8 B4<?A4 3>2278> 8; =>BCA> B8C> ?4A
0??A>58CC0A4 34;;4 =D<4A>B4 >554AC4 =D>E>
DB0C> B4<?A4 0668>A=0C4
''.($%)
! +!$ $#+##)
=>BCA8 5>A=8C>A8 018CD0;8 B80 30 D= B4;4I8>=0C>
=D<4A> 38 0AC8680=8 274 0AA82278B2>=> 2>= ;4
;>A> T>?4A4U ;4 =>BCA4 4B?>B8I8>=8 %4A 8; A4BC>
E8 0B?4CC> 8= =46>I8> 0 %4AD680 BD; B8C>
FFFC>G>=8C 4 0; =>BCA> BC0=3 08 0<?8>=0C8
C0;80=8 =3>>A 38 %03>E0
'2* 28*5.9. # ! '
%.3*> .33 ===*8,.82*4*8252:
25/6*8,.82*4*8252:
'2* -.33,*,2* "#&
%.3*> ===:6>652: :6>659768:<28023262:
)0=C8 A460;8 0=C828?0C8 ?A><4CC>=> 8 =>BCA8 5>A=8
C>A8 !0 >HC ?4A 8; 70 68J ?A4B4=C0C> =D>E8 A8B4A ;V>A8I>= 4A434 34;;V2;8?B4 4 8;
>A<D;0 G24; 4 8 =D>E8 2><?>D=3 ;?70<0G
;8C4 0A1>= ;4<4=C 8; '- 4 8; '- 8;
'0<?064 4 8; '0<?064 -) 8; 'D2:DB 4 ;4 A8438
I8>=8 %;DB 34; 0A1>= "0CA8G 4 34; +0=C064 ;8C4
274 A0??A4B4=C4A0==> 8=B84<4 0; >=C4=34A
;8C4 ;0 ?D=C0 38
380<0=C4
34;
=D>E> 0==> (4
6D>=> 2>= 34BC8
=0I8>=8 38E4AB4 8
2><?>D=3 +82
G4= ;?701DA=4A "0GG8B %A>70F: 4
?4A 278 24A20 D= 2><?>D=3 T;D=6>U 8; +0=C064
!C3 2>= 8 BD>8 T 0BB40BB4 #D>E8 2>;>A8 ?4A
CDCC8 2>=54A<0C> 0=274
8; "- 8; >A<D;0 '- 4
CDCC0 ;0 60<<0 5;4CC4=C8
(4<?A4 BD; 5A>=C4 2><
?>D=3 L 30 B46=0;0A4
;V8=6A4BB> 8= 20B0 %B4
34; =D>E> ><8=0C>A
0A2> 2>= 4BC4C820 68J
E8BC0 8= 0;CA8 <0A278 <0
?0AC82>;0A<4=C4 E4;>24
BC018;4 4 ?A428B>S 50AJ ?0A;0A4 38 BK =>;CA4
68J 30 <4CJ >CC>1A4 70 A4B> 38B?>=818;4 8;
=D>E> A8B4A T>;8<?82>U -??4;B "0C74FB 70
A8==>E0C> ;0 B4A84 4 ?4A 8; 0EAJ =4; <>
34;;> "2%74AB>=Q (4A84 ">=BC4A (050A8QR 8; BD>
0BB> =4;;0 <0=820 D= 0A2> 274 60A0=C8AJ T5>AI0
4 ?A4BC0I8>=8U 08 <0BB8<8 ;8E4;;8 38 20C46>A80 !0
,, 2>=C8=D0 0 E4=34A4 8 A8==>E0C8 A8B4A -)
4 8 5;4CC4=C8 G%>F4A #>E8CJ 0=274 8= 20B0 0A
1>= G?A4BB 2>= ;0 =D>E0 0BC0 -DBC4A 30 8=
3>>A #4;;V0224BB>A8BC820 C0=C4 =>E8CJ )0=C4
1>AB4
E0;8680 <8A8=8 BC0
18;8II0I8>=8 C01 E0A84 <0
0=274 C0=C> T)A038I8>
=0;4U 0 C4<?> >A<08
01180<> =>C4E>;<4=C4
?>C4=I80C> @D4BC> B4CC>A4
4 ;4 B>338B50I8>=8 BC0==>
0AA8E0=3> B80 CA0<8C4 8
'2* "*7* 26<*552 "*636 $ &$"" $$! '
%.3 *> ===-29768:2: 25/6-29768:2:
c
a
m
p
i
o
n
a
t
i
m
o
n
d
i
a
l
i
A STUPINIGI IL MONDIALE
DI TORINO 2011
Firmato l’accordo che vedrà la Palazzina di Caccia
e il Parco di Stupinigi sede dei prossimi Campionati
Mondiali, validi anche come qualificazione Olimpica
di Guido Lo Giudice
Sotto, la firma dell’accordo fra
Tiziana Nasi, Cristiana Maccagno e
Roberto Saini. In fondo i testimonial
azzurri Sergio Pagni, Marco
Galiazzo, Natalia Valeeva ed
Elisabetta Mijno con il presidente
Fitarco Mario Scarzella e le autorità
presenti alla conferenza stampa.
Il Comitato Organizzatore, presieduto da Tiziana
Nasi, da tempo è a lavoro per l’organizzazione dei
Campionati Mondiali di Torino 2011.
La prima conferenza stampa di avvicinamento a
questa importantissima manifestazione, che sarà
valida anche come gara di qualificazione olimpica,
si è svolta lo scorso 25 ottobre a Stupinigi, in provincia di Torino.
Nell’occasione il Comitato Organizzatore Torino
2011 con il presidente Tiziana Nasi, la Fondazione
Ordine Mauriziano con il vice commissario vicario
Cristiana Maccagno e l’Ente Parco Naturale di Stupinigi con il commissario straordinario Roberto Saini
hanno firmato l’accordo che vedrà nella Palazzina di
Caccia e nel Parco di Stupinigi la sede principale
delle gare e della cerimonia di apertura, a cui si affiancherà piazza Castello a Torino per la disputa delle finali e per le premiazioni.
Alla presentazione ufficiale dell’evento, tenutasi
nella Sala dei Camini della Palazzina di Caccia juvarriana, sono intervenuti anche gli assessori allo
sport della Regione Piemonte Alberto Cirio, della
Provincia di Torino Gianfranco Porqueddu, della Città di Torino Giuseppe Sbriglio, il coordinatore degli
Eventi Sportivi del Comitato 150° Franco Ferraresi, il
sindaco di Nichelino Giuseppe Catizone oltre al
presidente della FITARCO Mario Scarzella.
“Sarà un campionato unico nella storia del tiro
con l’arco per molti aspetti – ha affermato il presidente Scarzella – Oltre al formidabile scenario
storico delle due sedi di gara proprio nell’anno
delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia,
il Mondiale rappresenterà l’unica prova valida per
la qualificazione alle Olimpiadi e Paralimpiadi di
Londra 2012. E, soprattutto, per la prima volta vedrà disputare insieme in un unico evento le gare
per atleti normodotati e paralimpici. Nelle prossime settimane il Comitato Organizzatore sarà impegnato anche nel risolvere la questione relativa
alla copertura televisiva dell’evento, perché il
Mondiale ci offre un’occasione unica per dare visibilità alla nostra disciplina”.
Alla conferenza stampa sono intervenuti in qualità di testimonial gli azzurri Marco Galiazzo, olimpionico ad Atene 2004, il due volte vincitore della
coppa del mondo Sergio Pagni, l’iridata Natalia
Valeeva e la torinese paralimpica di Pechino 2008
Elisabetta Mijno.
r
i
s
u
l
t
a
t
i
CAMPIONATI EUROPEI 3D
Sassari (ITA), 13/19 ottobre 2010
ARCO NUDO
MASCHILE
1 Seimandi Giuseppe (ITA)
2 Gutfried Thomas (FRA)
3 Kerschbacher August (AUT)
4 Larsson Bobby (SWE)
5 Doat Corentin (FRA)
6 Kocourek Richard (CZE)
7 Podrzaj Marjan (SLO)
8 Drame Sandi (SLO)
9 Puttemans Pieter (BEL)
10 Ottosson Martin (SWE)
11 Marencic Zoran (CRO)
12 Juanola Codina Sebastian (ESP)
13 Berti Ferruccio (ITA)
14 Garcia Fernandez David (ESP)
15 Peterbencze Istvan (HUN)
16 Trapani Giovanni (ITA)
Atleti partecipanti 24
Gli incontri degli italiani
Semifinali
Seimandi Giuseppe
Finale 1° e 2° posto
Seimandi Giuseppe
Qual.
352
325
332
352
366
363
349
342
325
352
334
357
343
342
321
335
1/8
107
110
105
110
110
102
108
101
101
100
96
95
93
90
87
85
1/4
109
104
105
112
101
98
97
90
S.F.
39
36
26
32
Gli incontri degli italiani
Semifinali
Munari Ilario
Finale 1° e 2° posto
Munari Ilario
b. Kerschbacher August (AUT)
39-26
b. Gutfried Thomas (FRA)
FEMMINILE
1 Bjorklund Lina (SWE)
2 Gauthe Christine (FRA)
3 Porte Chantal (FRA)
4 Vavtar Nina (SLO)
5 Raigel Andrea (AUT)
6 Carlsson Eivor (SWE)
7 Fajdiga Spela (SLO)
8 Gambetti Debora (ITA)
9 Noziglia Cinzia (ITA)
10 Savenkova Maria (RUS)
11 Muntadas Abanco Anna (ESP)
12 Rogazzo Marianna (ITA)
13 Pergel Attila (HUN)
14 Salvoni Gianmario (ITA)
15 Mustapic Ivan (CRO)
16 Szedlar Janos (HUN)
Atleti partecipanti 31
Fin.
36 (8)
36 (5)
37
36
36-36; 8-5
Qual.
357
331
319
282
330
292
246
272
248
281
251
260
1/8
100
106
87
95
92
81
84
81
78
77
75
67
1/4
108
106
102
104
95
91
91
87
S.F.
34
37
23
29
Qual.
390
397
393
403
393
393
405
402
392
382
386
388
1/8
122
124
127
125
124
122
123
125
120
119
118
115
1/4
118
122
125
122
117
117
114
111
S.F.
43
42
39
36
Fin.
37
26
32
26
settembre - ottobre 2010
b. Hjerpe Jari (SWE)
43-39
b. Herfindal Christofer (SWE)
39-37
FEMMINILE
1 Bianchi Sonia (ITA)
2 Tofaj-Gutman Dragica (SLO)
3 Goebel Petra (AUT)
4 Merida Moreno Shenaida (ESP) 373
5 Sjowall Ulrika (SWE)
6 Saubion Violette (FRA)
7 Franchini Irene (ITA)
8 Bonettini Barbara (ITA)
9 Olofsson Ingrid (SWE)
10 Rozmanec Darja (SLO)
11 Buemberger Karin (AUT)
12 Lebedeva Alexandra (RUS)
13 Benito Castelo Nieves (ESP)
Gli incontri delle italiane
Semifinali
Bianchi Sonia
Finale 1° e 2° posto
Bianchi Sonia
115
114
113
107
Qual.
367
345
343
116
354
326
348
375
368
334
309
320
297
1/8
114
104
107
109
107
106
115
106
103
100
97
89
84
1/4
111
108
108
37
107
101
99
90
S.F.
38
37
36
30
Fin.
31
18
34
1/4
97
93
101
99
93
84
83
81
S.F.
37
38
32
34
Fin.
31
28
31
21
b. Goebel Petra (AUT) 38-36
b. Tofaj-Gutman Dragica (SLO) 31-18
ARCO ISTINTIVO
ARCO COMPOUND
MASCHILE
1 Munari Ilario (ITA)
2 Herfindal Christofer (SWE)
3 Hjerpe Jari (SWE)
4 Diaz Plaza Alberto (ESP)
5 Girard Benoit (FRA)
6 Tursic Slavko (SLO)
7 Pompeo Antonio (ITA)
8 Rodriguez Jose Maria (ESP)
9 Merida Rodriguez Joaquin (ESP)
10 Knudsen Flemming (DEN)
11 Schuhmaier Rainer (AUT)
12 Puig Christel (FRA)
393
398
400
383
Fin.
39
37
40
37
MASCHILE
1 Pittaluga Fabio (ITA)
2 Lazzaroni Enzo (ITA)
3 Hernando Sanchez Antonio (ESP)
4 Kocman Marjan (SLO)
5 Sota Garcia Carlos (ESP)
6 Dondi Alfredo (ITA)
7 Ocenasek Wolfgang (AUT)
8 Riedl Carsten (AUT)
9 Fischer Jean-Luc (SUI)
10 Lecea Jean-Pierre (FRA)
11 Hofer-Hoerndler Rene (AUT)
12 Klaapbakken Ola (NOR)
13 Molnar Ferenc (HUN)
14 Morley Steve (EST)
15 Zajac Igor (SVK)
16 De Wrangel Simon (BEL)
17 Heine Jean-Marc (BEL)
Qual.
326
349
308
311
297
322
288
299
274
275
303
270
314
252
259
244
235
1/8
97
115
96
110
98
102
96
92
89
89
86
84
83
72
71
62
arcieri
39
r
i
s
u
Gli incontri degli italiani
Semifinali
Pittaluga Fabio
Lazzaroni Enzo
Finale 1° e 2° posto
Pittaluga Fabio
l
t
a
i
b. Kocman Marjan (SLO)
b. Hernando Sanchez Antonio (ESP)
37-34
38-32
b. Lazzaroni Enzo
31-28
FEMMINILE
1 Ocenasek Christa (AUT)
2 Lementini Concetta (ITA)
3 Capretta Francesca (ITA)
4 Fuschlberger Gisela (AUT)
5 Oblak Doroteja (SLO)
6 Boxho Claudine (BEL)
7 Toussaint Mireille (BEL)
8 Finessi Monica (ITA)
9 Pap Mihalyne (HUN)
10 Puech Marjorie (FRA)
11 Waltenspiel Petra Andrea (AUT)
Gli incontri delle italiane
Semifinali
Lementini Concetta
Finale 3° e 4° posto
Capretta Francesca
Finale 1° e 2° posto
Ocenasek Christa (AUT)
t
Qual.
278
244
295
238
254
269
237
254
186
251
243
1/8
87
75
76
77
78
75
68
78
68
67
60
1/4
85
78
82
76
73
67
61
56
S.F.
29
26
23
25
Fin.
29
26
21
18
Barbaro Giulia
Finale 3° e 4° posto
Sangenis Vaque Gloria (ESP)
Finale 1° e 2° posto
Garrido Lazaro Encarna (ESP)
26-23
1/4
82
83
86
84
79
72
54
36
S.F.
29
33
18
29
Fin.
31
27
25
16
b. Bassi Iuana
33-29
b. Bassi Iuana
25-16
b. Barbaro Giulia
31-27
b. Fuschlberger Gisela (AUT)
21-18
b. Lementini Concetta
29-26
Qual.
298
305
328
99
287
279
293
276
268
271
294
271
275
260
273
295
1/8
93
91
94
104
95
87
88
89
86
85
84
76
74
72
70
66
1/4
101
103
111
28
89
83
82
75
S.F.
34
33
29
31
Fin.
28
23
34
MASCHILE
1 Italia
2 Francia
3 Svezia
4 Spagna
5 Ungheria
6 Slovenia
6 Austria
8 Belgio
9 Danimarca
10 Croazia
11 Russia
Qual.
1055
1064
1036
1054
993
1013
1013
1008
962
953
889
1/4
219
206
207
196
201
186
186
177
S.F.
105
101
90
99
Gli incontri degli italiani
Quarti
Italia (Pompeo, Bucci, Seimandi) b. Belgio
Semifinali
Italia
b. Spagna
Finale 1° e 2° posto
Italia
b. Francia
FEMMINILE
1 Francia
2 Spagna
3 Austria
4 Italia
5 Slovenia
6 Russia
b. Verrier Serge (BEL)
34-29
b. Corvino Serge (FRA)
28-23
Fin.
101
98
105
100
219-177
105-99
101-98
Qual.
915
911
938
934
881
792
1/4
195
205
172
146
S.F.
75
85
82
74
Fin.
36
31
94
93
Gli incontri delle italiane
Semifinali
Francia
Finale 3° e 4° posto
Austria
arcieri
1/8
80
75
76
89
74
78
60
70
57
56
43
TITOLI A SQUADRE
b. Capretta Francesca
MASCHILE
1 Bucci Paolo (ITA)
2 Corvino Serge (FRA)
3 Verrier Serge (BEL)
4 Nielsen Tom Hauberg Rask (DEN)291
5 Johansson Jan (SWE)
6 Nahoczki Peter (HUN)
7 Ullio Andrea (ITA)
8 Anzjoen Stein (NOR)
9 Hervas Valles Jose Luis (ESP)
10 Oblak Franc (SLO)
11 Iriarte Larumbe Jose Luis (ESP)
12 Pontremolesi Marco (ITA)
13 Johansson Kenneth (SWE)
14 From John (DEN)
15 Schoiswohl Klaus (AUT)
16 Schoiswohl Horst (AUT)
Atleti partecipanti 26
40
Qual.
273
264
287
247
258
265
254
191
154
251
127
Gli incontri delle italiane
Semifinali
LONGBOW
Gli incontri degli italiani
Semifinali
Bucci Paolo
Finale 1° e 2° posto
Bucci Paolo
FEMMINILE
1 Garrido Lazaro Encarna (ESP)
2 Barbaro Giulia (ITA)
3 Sangenis Vaque Gloria (ESP)
4 Bassi Iuana (ITA)
5 Ramos Daniele (FRA)
6 Fritz Ines (AUT)
7 Nolimal Renata (SLO)
8 Kopernick Galina (RUS)
9 Koort Kadi (EST)
10 Rizzi Donatella (ITA)
11 Vanker Heidi (EST)
b. Italia (Bonettini, Barbaro, Capretta)
75-74
b. Italia
94-93
settembre - ottobre 2010
r
i
s
u
l
t
a
t
i
CAMPIONATI ITALIANI 3D
Castione della Presolana (Bg), 25/26 settembre 2010
LONG BOW
MASCHILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Pontremolesi Marco (Arcieri Fivizzano)
252
56
21
26
2 Turconi Claudio (Compagnia D’Archi)
249
52
21
10
3 Botto Giorgio (Arcieri Delle Alpi)
237
46
15
26
4 De Rovere Gian Franco (Il Falcone)
276
49
10
24
5 Ullio Andrea (Arcieri Delle Alpi)
280
45
6 Malvasio Roberto (Arcieri Villa Serra)
256
44
7 Di Tullio Damiano (Arcieri Di Cuneo)
248
41
8 Cocchi Umberto (Arcieri Di Misa)
242
29
9 Minera Luciano (Arcieri Trecatesi) 236; 10 Orvieto Raul (Arcieri Tigullio) 232; 11 Carraro Sergio
(Arcieri Cameri) 216; 12 Riva Marco (Compagnia D’Archi) 216; 13 Previdi Tonino (Arcieri Aurora)
216; 14 Arca Vincenzo (Arcieri Torres Sassari) 208; 15 Tiana Ignazio Efisio (Arcieri Della Quercia)
206; 16 Ricco Osvaldo (Arcieri Cesano Boscone) 206; 17 Demartis Albino (Arcieri Della Quercia)
203; 18 Fumarola Saverio (Arcieri Iuvenilia) 201; 19 Caselli Elia (Arcieri Del Valdarno) 197; 20 Corni
Paolo (Ki Oshi) 197; 21 Pagliano Pierfranco (G.A.M.) 191; 22 Bonando Fiorenzo (Arcieri
Dell`airone) 190; 23 Melucci Federico (Arcieri Del Valdarno) 189; 24 Altomare Claudio Giancarlo
(Arcieri dell`Airone) 188; 25 Zanotto Giorgio (Arcieri Lodigiani) 185; 26 Visintin Alessandro (Il Falcone) 185; 27 Righini Fulvio (Arcieri Del Micco) 185; 28 Bonazzi Benedetto (Arcieri Città Di Pescia)
183; 29 Dei Danilo (Arc. Villa Serra) 182; 30 De Berti Silvano (Compagnia D’Archi) 182; 31 Furlan
Paolo (Il Falcone) 174; 32 Coppone Carlo (Arcieri Pino E Chierese) 173; 33 Cesari Marco (Arcieri
Della Real Villa) 173; 34 Pierini Marco (Arcieri Dell’Ortica) 172; 35 De Vonderweid Maurizio (Il Falcone) 171; 36 Grandi Maurizio (Arc.G.L. D’Appiano) 169; 37 Carminati Giovan Battista (Arcieri
Solese) 167; 38 Conti Andrea (Arcieri Del Micco) 167; 39 Piva Flavio (Archery Club Montebelluna)
166; 40 Meroni Giuliano (Compagnia D’Archi) 164; 41 Tortorici Giuseppe (Arcieri Pino e Chierese)
157; 42 Pauselli Marco (Arcieri dell`Airone) 153; 42 Bruna Mario (Arc.San Bartolomeo) 153; 44
Scotti Massimo (Arcieri Tigullio) 146; 45 Spanu Giuseppe (Arcieri Uras) 145; 46 Parrini Gianluca
(Frecce Pisane) 144; 47 Lucano Maurizio (Arcieri Delle Alpi) 140; 48 Craciun Mircea (Arcieri Iuvenilia) 132; 49 Genovesi Corrado (G.A.M.) 130; 50 Parodi Alessandro (A.G.A.) 120; 51 Sperone Piercarlo (Arcieri Clarascum) 116; 52 Casartelli Marco (Pol.Cucciago ‘80) 110; 53 Romeo Giuseppe
(Arcieri Le Rondini) 107; 54 Fusari Fulvio (Arcieri La Meridiana) 95.
FEMMINILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Bassi Iuana (Arcieri Di Misa)
244
38
18
21
2 Rizzi Donatella (Arcieri Della Rupe)
213
31
20
20
3 Canale Laura (Arcieri Cesano Boscone)
218
36
13
15
4 Tesio Marina (Arclub I Falchi)
161
30
5
10
5 Vianzone Marina (Arcieri Pino E Chierese)
189
28
6 Monticone Giulia (Arcieri Iuvenilia)
158
25
7 Griffini Lucia Maria (Compagnia D’Archi)
191
15
8 Zanibellato Franca (Sentiero Selvaggio)
115
0
9 Pavan Marta (Arcieri Delle Alpi) 106; 10 Giannini Estera (Arcieri Città Di Pescia) 89; 11 Aranil
Soledad (A.G.A.) 82; 12 Melis Anna Gioia (Arcieri Uras) 74.
UNDER 18 MASCHILE
1 Pierri Samuele Domenico (Arcieri Pesaro)
2 Lucano Marco (Arcieri Delle Alpi)
3 Poddighe Gabriele (Arcieri Torres Sassari)
4 Demuru Alex (Arcieri Uras)
5 Lai Francesco (Arcieri Torres Sassari)
6 Mobiglia Luigi (Sentiero Selvaggio)
7 Pacor Federico (Arco Club Monfalcone)
8 Barbieri Emanuele (Arcieri Dell’Ortica)
9 Capalbo Emilio (Arcieri San Bartolomeo)
settembre - ottobre 2010
Qual. Elim.
179
41
105
28
117
38
123
23
148
20
138
18
84
10
157
5
46
S.F. Fin.
26
13
5
8
0 0 (10)
10 0 (5)
UNDER 18 FEMMINILE
1 Spanu Ilaria (Arcieri Uras)
2 Spano Viviana (Arcieri Torres Sassari)
3 Aru Giulia (Arcieri Uras)
4 Cancedda Denise (Arcieri Uras)
5 Meloni Cristiana (Arcieri Uras)
Qual. Elim.
110
31
97
15
82
18
78
15
48
10
S.F.
10
10
0
0
Fin.
10
0
18
5
ARCO NUDO
MASCHILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Bellotti Daniele (Arcieri Fivizzano)
326
57
35
32
2 Pastorino Claudio (Arcieri Villa Serra)
317
64
34
26
3 Praderi Walter (Prodesenzano S.C.S.D.)
320
63
29
33
4 Seimandi Giuseppe (Arcieri Delle Alpi)
356
72
34
32
5 Avoni Alessandro (Arcieri Di Misa)
310
55
6 Berti Ferruccio (Arcieri Delle Alpi)
330
55
7 Trapani Giovanni (Arcieri Delle Alpi)
311
46
8 Sacconi Marco (Arcieri Livornesi)
320
40
9 Zadro Natale (Arcieri Ciliensi) 308; 10 D’Ulivo Luca (Arcieri Città Di Pescia) 307; 11 Mammi
Umberto XL Archery Team Castellarano) 306; 12 Basile Giuseppe (Arcieri Città Di Pescia) 304; 13
Pisola Simone (Arcieri Uras) 300; 14 Mazzanti Sergio (Arcieri Del Cimone) 297; 15 Iaccarino Vincenzo (Arcieri Delle Alpi) 296; 16 Bonfiglioli Bruno (Compagnia D’Archi) 292; 17 Mazzoni Graziano (Arcieri Città Di Pescia) 289; 18 De Bortoli Rino (Prodesenzano S.C.S.D.) 286; 19 Della Mea Dorino (Arcieri Ciliensi) 284; 20 Pacini Massimiliano (Arcieri Città Di Pescia) 283; 21 Corni Carlo (XL
Archery Team Castellarano) 281; 22 Lanza Franco (Arcieri Pino E Chierese) 281; 23 Benvenuti
Daniele (Arcieri Della Signoria) 280; 24 Turrini Claudio (Arcieri Del Cimone) 276; 25 Serafini Paolo
(Prodesenzano S.C.S.D.) 276; 26 Turchi Eros (Ki Oshi) 276; 27 Spingardi Marco (Apd Bernareggese) 275; 28 Cicciarello Rodolfo (Frecce Pisane) 274; 29 Miceli Gianfranco (Arcieri Delle Alpi) 273;
30 Venturelli Giuliano (Ki Oshi) 273; 31 Cappelli Emanuele (Arcieri Tigullio) 273; 32 Accorsi Alberto (Pol.Cucciago ‘80) 271; 33 Vendramini Michele (Archery Club Montebelluna) 271; 34 Babini Vito
(Arcieri Faentini) 268; 35 Randon Bruno (Arc.G.L. D’Appiano) 267; 36 Baiada Carlo (Ki Oshi) 267;
37 Bertoncelli Davide (Arcieri Del Forte) 266; 38 Riboni Renato (Arcieri San Bernardo) 265; 39
Alberti Diego (Arc.Audax Brescia) 264; 40 Zini Valerio (A.G.A.) 264; 41 Prato Corrado (Arcieri Delle
Alpi) 262; 42 Vho Gianluigi (Arcieri Lodigiani) 261; 43 Frittoli Emanuele (Cremarchery Team) 260;
44 Tondelli William (Arcieri Dell’Ortica) 259; 45 Paonessa Domenico (Primavera Cardito) 256; 46
Moriconi Andrea (A.D. Kentron Dard) 256; 47 Todesco Lino (Ar.Co. Arc. Collegno) 254; 48 Rubinetti Massimo (Arcieri Pino E Chierese) 252; 49 Cocchi Valterino (Arc. M.A.Sf.) 251; 50 Zuddas Antonio (Arcieri Tigullio) 251; 51 Barbieri Andrea (Arcieri Alpignano) 250; 52 Giavazzi Tazio (Prodesenzano S.C.S.D.) 250; 53 Gualdani Fabrizio (Arc. Villa Serra) 248; 54 Bignardi Lucio (Arcieri Orione)
248; 55 De Angelis Umberto (Arcieri Dell’Ortica) 246; 56 Dominici Francesco (Arc. Villa Serra) 246;
57 Bellardi Luigi (A.G.A.) 246; 58 Canneva Luciano (Arc. Villa Serra) 243; 59 Gentilucci Mauro
(Arcieri Iuvenilia) 242; 60 Gorlero Francesco (Arcieri Imperiesi) 242; 61 Giusti Fabrizio (Frecce Pisane) 239; 62 Pedrazzoli Roberto (Arcieri Dell’Ortica) 236; 63 Diari Fabio (Aces) 235; 64 Parodi Marco
(A.G.A.) 232; 65 Semprini Giampiero (Arcieri Di Malpaga B.Colleoni) 228; 66 Spatola Zito Fernando (Sentiero Selvaggio) 227; 67 Beretta Luigi (Compagnia D’Archi) 227; 68 Roncoroni Enrico
Osvaldo (Every Archery) 222; 69 Ramella Paolo (Arcieri Castiglione Olona) 221; 70 Melone Fabio
(Arcieri Castiglione Olona) 217; 71 Pulisci Gian Luigi (Arcieri Uras) 215; 72 Pellas Ennio (Arcieri
Della Signoria) 209; 73 Rovaro Brizzi Fabio Egidio Guido (Arcieri Di Malpaga B.Colleoni) 207; 74
Prette Cesare (Arc.San Bartolomeo) 206; 75 Morano Claudio (Arcieri Iuvenilia) 200; 76 Cossutti
Luca (Ki Oshi) 194; 77 Sacchi Giorgio (Arc. Villa Serra) 194; 78 Cesari Luciano (Arcieri Borgo Al Cornio)189; 79 Marlia Nicola (Kentron Dard) 187; 80 Miani Alberto (Il Falcone) 168; 81 Muzio Diego
(Every Archery) 149.
arcieri
41
r
i
s
u
l
t
a
t
i
FEMMINILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Comino Giuliana (Arcieri Delle Alpi)
248
43
26
31
2 Pennacchi Luciana (Arcieri Città Di Pescia)
305
50
26
18
3 Giudice Angela (Arcieri Delle Alpi)
240
52
26
23
4 Gambetti Debora (Arcieri Di Misa)
252
52
23
16
5 Botta Susanna (Arcieri Iuvenilia)
249
39
6 Becchelli Patrizia (Ki Oshi)
254
30
7 Cappelletti Arianna (Arcieri Città Di Pescia)
250
20
7 Zagaria Fanny (Arcieri Delle Alpi)
237
20
9 Consonni Marianna (Arcieri Tre Torri) 235; 10 Rogazzo Marianna (Primavera Cardito) 234; 11
Frassinetti Franca (Arcieri Di Misa) 228; 12 Gervasi Giuseppina (Arcieri Arcos) 228; 13 Nannei
Patrizia (Arcieri Della Signoria) 218; 14 Bignardi Jessica (Arcieri Orione) 215; 15 Ricevuto Rosalba
(A.G.A.) 214; 16 Noziglia Cinzia (Arcieri Tigullio) 213; 17 Marchetti Lucia (Arcieri Della Signoria)
211; 18 Craciun Ana Ioana (Arcieri Iuvenilia) 201; 19 Cullino Anna Maria (Arcieri Iuvenilia) 194; 20
Donati Michela (Arco Club Monfalcone) 192; 21 Grassi Nadia (Agm) 192; 22 Sercis Maria Rita
(Arcieri Uras) 186; 23 Battini Francesca (Arcieri Livornesi) 182; 24 Cantatore Maria Giovanna (Ki
Oshi) 182; 25 Campanacci Sandra (Arcieri Tigullio) 181; 26 Formenti Paola (Pol.Aurora Arc.Drago
Azz.) 173; 27 Campanelli Cinzia (Arcieri Romani) 170; 28 Cochetti Anna (Apd Bernareggese) 165;
29 Traiano Elvira (Arcieri Dell’Ortica) 164; 30 Ticca Pietrina (Arcieri Arcos) 128.
UNDER 18 MASCHILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Steccherini Matteo (Arco Club Monfalcone)
283
57
26
32
2 Spano Marco Andrea (Arcoclub Torre Rossa)
313
56
29
16
3 Ben Fekih Ali Saber (Arc.San Bartolomeo)
269
54
18
34
4 Mara Mattia Arcieri (Torres Sassari)
226
50
23
10
5 Prette Francesco (Arc.San Bartolomeo)
238
48
6 Melucci Marco (Arcieri Del Valdarno)
205
28
7 Noceti Alessio (Arcieri Tigullio)
226
26
8 Cataldo Angelo (Arcieri Vecchio Castello)
205
8
9 Pedrazzoli Mattia (Arcieri Dell’Ortica) 199; 10 Briozzo Daniele (Arc.San Bartolomeo) 194; 11
Demarchi Davide (Arcieri Imperiesi) 191; 12 Licari Francesco (Arcieri Delle Alpi) 183; 13 Sega Jacopo (Arc.San Bartolomeo) 170; 14 Serra Giuseppe (Arcoclub Torre Rossa) 154; 15 Sacchi Lorenzo
(Arc. Villa Serra) 98.
UNDER 18 FEMMINILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Fara Marta (Arcoclub Torre Rossa)
248
32
34
20
2 Capalbo Francesca (Arc.San Bartolomeo)
158
38
34
19
3 Cataldo Evelina (Arcieri Vecchio Castello)
273
34
30
21
4 Gennuso Serena (Ki Oshi)
240
39
23
18
5 Sanna Andrea (Arcoclub Torre Rossa)
253
32
6 Briozzo Serena (Arc.San Bartolomeo)
171
26
7 Fara Giovanna (Arcoclub Torre Rossa)
223
25
8 Repetto Manola (Arcieri Tigullio)
152
23
9 Pecorari Martina Irene (Arc.Cormòns) 127; 10 Sacchi Angelica (Arc. Villa Serra) 114; 11 Cossutti
Silvia (Ki Oshi) 104; 12 Aggio Camilla (Arc. Villa Serra) 30.
ARCO ISTINTIVO
MASCHILE
1 Pittaluga Fabio (Arc. Villa Serra)
2 Cavanna Massimo (Arc. Villa Serra)
3 Lazzaroni Enzo (Arc. Villa Serra)
4 Lolli Ivano (Arcieri Di Misa)
5 Villa Ermanno (Compagnia D’Archi)
6 Vicini Davide (Arcieri Tigullio)
42
arcieri
Qual. Elim.
303
61
290
55
336
63
262
67
292
52
289
51
S.F.
29
8
15
5
Fin.
25
20
25
21
7 Longo Franco (Compagnia D’Archi)
263
51
8 Carlomagno Giovanni (Arcieri Cesano Boscone)
265
50
9 Govoni Davide (Arcieri Di Misa) 262; 10 Zanaboni Roberto (Arcieri Lodigiani) 259; 11 Dondi
Alfredo (Arcieri Tigullio) 258; 12 Mercati Maurizio (Arcieri Aurora) 251; 13 Lombardi Luciano
(Arcieri Cesano Boscone) 250; 14 Bernardini Walter (Arc. Poggibonsi) 244; 15 Carbone Gian Massimo (Arc. Villa Serra) 235; 16 Calloni Paolo (Frecce Pisane) 229; 17 Branchetti Mauro (Arc.Del Torrazzo) 227; 18 Olivero Gabriele (Arcieri Astarco) 219; 19 Pecchi Elio Ernesto (Agm) 196; 20 Fumagalli Vincenzo (Pol.Aurora Arc.Drago Azz.) 193; 21 Longo Stefano (Compagnia D’Archi) 191; 22
Villa Luigi (Compagnia D’Archi) 189; 23 Mornata Paolo (Compagnia D’Archi) 186; 24 Peretti Claudio (Arcieri Del Finale) 184; 25 Natalini Massimo (Arcieri Del Forte) 179; 26 Conca Alan (Polisp.
L’Usignolo) 178; 27 Coccapani Eros (Ki Oshi) 174; 28 Aurilio Nicola (Arcieri Fivizzano) 174; 29
Novelli Roberto (Compagnia D’Archi) 173; 30 Predieri Ermanno (Ki Oshi) 147.
FEMMINILE
1 Capretta Francesca (Arcieri Del Valdarno)
2 Bertoglio Rossella (Polisp. L’Usignolo)
3 Lementini Concetta (Compagnia D’Archi)
4 Forni Marilena (Arcieri Tigullio)
5 Arippa Loredana (Arc. Villa Serra)
6 Finessi Monica (G.S. Fiamme Azzurre)
7 Barzaghi Franca (Compagnia D’Archi)
8 Gianesini Stefania (Ki Oshi)
9 Iungano Angela (Agm)
Qual. Elim.
251
46
186
44
209
57
203
48
251
35
217
33
126
30
130
10
96
S.F.
18
13
8
0
Fin.
23
20
20
5
UNDER 18 MASCHILE
1 Bortolin Daniele (Il Falcone)
2 Melis Lorenzo (Arcieri Uras)
3 Bruna Nicolò (Arc.San Bartolomeo)
4 Achenza Federico (Arcieri Torres Sassari)
5 Demuru Gianluca (Arcieri Uras)
6 Re Alessio (Arcieri Torres Sassari)
Qual. Elim.
262
48
63
23
83
18
94
18
90
15
66
10
S.F.
10
11
0
5
Fin.
19
15
15
8
ARCO COMPOUND
MASCHILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Bazzani Davide (Compagnia D’Archi)
366
71
39
34
2 Novara Fabrizio (Compagnia D’Archi)
365
74
34
31
3 Di Nardo Fabrizio (Arco Sport Roma)
372
74
29
42
4 Salvoni Gianmario (Arcieri Lodigiani)
368
75
35
34
5 Pompeo Antonio (Compagnia D’Archi)
381
71
6 Bassi Andrea (Arcieri Faentini)
363
67
7 Monge Madro Marco (Arc. Villa Serra)
365
64
8 Zaniboni Antonio (Cremarchery Team)
352
0
9 Maffioli Alberto (Arcieri Stadium Besozzo) 350; 10 Giuseppin Gianni (Arcieri Bassano) 349; 10
Radice Roberto (Compagnia D’Archi) 349; 12 Tortore Claudio (Arcieri Clarascum) 345; 13 Lusignani Dario (Arco Sport Roma) 344; 14 Salvoni Oscar (Arcieri Lodigiani) 341; 15 Rossi Antonio (Arcieri Castiglione Olona) 339; 16 Salimbeni Ezio (Arcieri Delle Alpi) 339; 17 Morara Marco (Arcieri Della
Rupe) 338; 18 Ruggeri Fabio (Arco Sport Roma) 337; 19 De Priori Pier Angelo (Compagnia D’Archi)
336; 20 Venturelli Alberto (Ki Oshi) 336; 21 Giacca Carlo (Arcieri Cesano Boscone) 335; 22 Carrubo
Giovanni (Arcieri Città Di Pescia) 331; 23 Villa Alberto (Compagnia D’Archi) 330; 24 Munari Ilario
(Arcieri Bassano) 330; 25 Ciaccarini Walter (Arco Sport Roma) 327; 26 De Marni Emanuele (Arco
Club Pontino) 324; 27 Castelli Pietro (V.A.T.) 319; 28 Borsari Roberto (Arcieri Dell’Ortica) 319; 29
Zuntini Claudio (Arcieri Di Misa) 315; 30 Vezzani Gianmario (Cremarchery Team) 315; 31 Biagetti
Fausto (Aces) 311; 32 Castelli Emanuele Angelo (Bernareggese) 311; 33 Destefani Radames
(A.G.A.) 307; 34 Carosso Cristiano (Arcieri Delle Alpi) 307; 35 Biancardi Alessio (Arcieri Fivizzano)
settembre - ottobre 2010
r
305; 36 Calautti Francesco (Arcieri Cesano Boscone) 304; 37 Rodi Leonardo (Arcieri Lodigiani) 303;
38 Bianchi Umberto (Arcieri Iuvenilia) 297; 39 Micucci Mirco (Arcieri Tifernum) 296; 39 Battilana
Loris (Archery Club Montebelluna) 296; 41 Candini Marco (Arcieri Bondeno) 293; 42 Dalla Zonca
Paolo (Arc.Biella) 290; 43 Striuli Luigi (Archery Club Montebelluna) 288; 44 Ballis Ivano (Arcieri
Del Castello) 284; 45 De Lucia Fiore Giuseppe (Arc. Della Stella) 283; 46 Lauria Raffaele (Agm) 282;
47 Destefani Marco (A.G.A.) 282; 48 Canestrini Moreno (Quarry) 281; 49 Liccese Mimmo (Arcieri
Clarascum) 278; 50 Ciaburri Teresio (Arc. Della Stella) 277; 51 Baldassarre Mauro (Arc. Del Basso
Reno) 276; 52 Mantero Riccardo (A.G.A.) 272; 53 Bove Marco (Il Sagittario Dlf Roma) 270; 54
Castagner Renzo Società (Arcieri Del Castello) 268; 55 De Santis Giovanni (Arco Sport Roma) 266;
56 Raviola Simone (Arcieri Pino E Chierese) 265; 57 Chiodi Gaetano (Arcieri Lodigiani) 263; 58
Mobiglia Alberto (Sentiero Selvaggio) 262; 59 Righetti Fabio (Ki Oshi) 258; 60 De Serio Savino
(Arcieri Cesano Boscone) 254; 61 Saronni Gianluca (Cremarchery Team) 252; 62 Brina Agostino
(Arcieri Le Rondini) 250; 63 Carniato Claudio (Archery Club Montebelluna) 247; 64 Frangilli Vittorio (Arcieri Monica) 241; 65 Monticone Claudio (Arcieri Iuvenilia) 239; 66 Rossi Cesare (Ki Oshi)
229; 67 Pasquali Emilio (Sentiero Selvaggio) 227; 68 Capalbo Giuseppe (Arc.San Bartolomeo)
203.
FEMMINILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Franchini Irene (G.S. Fiamme Azzurre)
297
59
32
34
2 Mazzali Simona (Arc. Duca Obizzo III D’Este)
287
62
34
29
3 Gomes Saraiva Alzira Maria (Il Sagittario)
294
62
23
34
4 Bonettini Barbara (Arcieri Di Misa)
329
66
29
29
5 Gaudioso Silvia (XL A.T. Castellarano)
288
59
6 Bianchi Sonia (Arcieri Delle Alpi)
340
58
7 Calesella Laura (Compagnia D’Archi)
324
52
8 Tavella Marina (Arc. Del Basso Reno)
273
44
9 Ferrari Cinzia (Arco Sport Roma) 270; 10 Castagneri Emanuela (Sentiero Selvaggio) 263; 11
Scarzella Fiammetta (Arcieri Iuvenilia) 261; 12 Crocioni Tiziana (Arcieri Città Di Pescia) 245; 13
Sideri Roberta (Arcieri Uras) 236; 14 Garzoni Maria Matilde (A.G.A.) 231; 15 Barale Laura (Arcieri
Del Chisone) 223; 16 Robusto Antonietta (Arcieri Villa Guidini) 204; 17 Boglietti Cristina (V.A.T.)
201; 18 Giuri Maria Maddalena (Arc. Della Stella) 199; 19 Maraviglia Francesca (Arcieri Città Di
Pescia) 142.
UNDER 18 MASCHILE
1 Caneva Andrea (Arcieri Delle Alpi)
2 Concas Francesco (Arcieri Uras)
3 Mastroiacovo Gennaro Alessio (Pol. Pegasus)
Qual. Elim.
269
58
281
55
257
57
S.F.
29
34
25
Fin.
29
24
28
i
s
u
l
t
a
t
4 Roversi Daniele (Arcieri Dell’Ortica)
245
67
29
5 Gobbi Riccardo (Arcieri Duca Obizzo III D’Este)
297
53
6 Ibba Fabio (Arcieri Uras)
257
49
7 Paulesu Federico (Arcieri Torres Sassari)
225
41
8 Trenti Vittorio (Ki Oshi)
201
23
9 Pisa Alessandro (Arcieri Dell’Ortica) 182; 10 Sezzi Alberto (Arcieri Dell’Ortica) 125.
i
26
TITOLI A SQUADRE
MASCHILE
Qual. Elim. S.F. Fin.
1 Arcieri Villa Serra (Monge Madro, Malvasio, Lazzaroni)
957
75
76
78
2 Arcieri Delle Alpi (Salimbeni, Ullio, Seimandi)
975
86
97
75
3 Compagnia D’Archi (Pompeo, Turconi, Villa)
922
65
73
65
4 Arcieri Fivizzano (Biancardi, Pontremolesi, Bellotti)
883
81
70
57
5 Arcieri Lodigiani (Salvoni, Zanotto, Zanaboni)
814
65
6 Ki Oshi (Venturelli, Corni, Turchi)
809
63
7 Arcieri Città Di Pescia (Carrubo, Bonazzi, D’Ulivo)
821
60
8 Arcieri Di Misa (Zuntini, Cocchi, Avoni)
867
58
9 Arcieri Cesano Boscone (Giacca, Ricco, Carlomagno) 806; 10 Arcieri Dell’Ortica (Borsari, Pierini,
Tondelli) 750; 11 Arcieri Iuvenilia (Bianchi, Fumarola, Gentilucci) 740; 12 Archery Club Montebelluna (Battilana, Piva, Vendramini) 733; 13 Arcieri Pino E Chierese (Raviola, Coppone, Lanza) 719;
14 A.G.A. (Destefani, Parodi, Zini) 691; 15 Arc.San Bartolomeo (Capalbo, Bruna, Prette) 562.
FEMMINILE
1 Arcieri Di Misa (Bonettini, Bassi, Gambetti)
2 Compagnia D’Archi (Calesella, Griffini, Lementini)
3 Arcieri Delle Alpi (Bianchi, Pavan, Comino)
4 Arcieri Iuvenilia (Scarzella, Monticone, Botta)
5 Arcieri Città Di Pescia (Crocioni, Giannini, Pennacchi)
6 Arcieri Uras (Sideri, Melis, Sercis)
7 A.G.A. (Garzoni, Aranil, Ricevuto)
UNDER 18 MASCHILE
1 Arcieri Torres Sassari (Paulesu, Lai, Mara)
2 Arcieri Dell’Ortica (Roversi, Barbieri, Pedrazzoli)
3 Arcieri Delle Alpi (Caneva, Lucano, Licari)
4 Arcieri Uras (Concas, Demuru A., Demuru G.)
Qual. Elim.
825
724
71
694
64
668
62
639
58
496
36
527
31
S.F.
72
72
54
65
Fin.
69
58
66
57
Qual.
599
601
557
494
S.F.
51
56
39
36
Fin.
70
58
70
47
Gli azzurri Seimandi, Bucci e Pompeo campioni d’Europa a squadre 3D
insieme al trio francese battuto nella finale di Sassari
r
i
s
u
l
t
a
t
i
CAMPIONATI ITALIANI TARGA
Alessandria, 10/12 settembre 2010
ARCO OLIMPICO
SENIORES MASCHILE
1 Nespoli Mauro (Cus Pavia)
668
2 Galiazzo Marco (Arcieri Rio)
662
3 Frangilli Michele (Arcieri Monica)
661
4 De Pellegrin Oscar (Arcieri Del Piave) 655; 5 Tonelli Amedeo (Kappa Kosmos Rovereto) 654; 6
Tessitore Nicola (Arc.di Rotaio) 647; 7 Palazzi Luca (Arcieri Orione) 646; 8 Fissore Matteo (Arclub
Fossano) 640; 9 Gargari Federico (Arcieri Città Di Pescia) 640; 10 Castelli Pietro (V.a.t.) 638; 11
Tonarelli Mario (Arc.di Rotaio) 638; 12 Moccia Tommaso (Arcieri Vecchio Castello) 638; 13 Zagami
Alberto (Arcieri Della Signoria) 631; 14 Artuso Lorenzo (Arcieri Maniago) 629; 15 Cheloni Alberto
(Arcieri Della Signoria) 628; 16 Mazza Gabriele (Castenaso A.T.) 627; 17 Seri Marco (Arcieri Del
Medio Chienti) 624; 18 Botto Giorgio (Arcieri Delle Alpi) 622; 19 Galdangelo Stefano (Arcieri Tre
Torri) 620; 20 Zuffi Aldo (Arcieri 5 Stelle) 618; 21 Masini Federico (Arcieri Felsinei) 618; 22 Fubiani Paolino (Castenaso A.T.) 618; 23 Fogli Francesco (Ar.co. Monza) 615; 24 Chiodo Carlo (Arcieri
Falisci) 613; 25 Amendolia Luca (Arcieri Delle Alpi) 612; 26 Bonafè Marco (Arcieri Città Della
Paglia) 612; 27 Palmioli Giuliano (Arcieri Del Medio Chienti) 611; 28 Nanni Massimo (Castenaso
A.T.) 606; 29 Rossi Maurizio (Maremmana Arcieri) 605; 30 Gaspari Roberto (Arcieri Prince Thomas
1Er) 604; 31 Brusa Marco (Castenaso A.T.) 603; 32 Murador Simone (Arc.padovani) 603; 33 Marchetti Marco (Arc.di Rotaio) 602; 34 Vernocchi Ivan (Arcieri Cesena) 602; 35 Maiocchi Pietro (Arcieri Solese) 602; 36 Basaglia Roberto (Arcieri Gonzaga) 600; 37 Elentri Massimo (Arcieri D.l.f. Voghera) 599; 38 Luponetti Raimondo (Arcieri Città Di Rimini) 597; 39 Gallarate Luca (Oscar Oleggio Bellinzago) 597; 40 Coviello Andrea (Arcieri Alpignano) 594; 41 Mannu Roberto (Cus Roma) 590; 42
Mozzillo Arturo (Arcieri Normanni Aversa) 588; 43 Montigiani Daniele (Kappa Kosmos Rovereto)
586; 44 Del Monte Paolo (Arcieri Del Tolerus) 583; 45 Barbiani Davide (Arcieri Città Di Rimini) 583;
46 Bennati Jacopo (Arcieri Castiglionesi) 575; 47 Bartoli Alex (Arcieri Dell’ortica) 549; 48 Casella
Paolo (Arcieri Del Santerno) 548; 49 Gobbi Federico (Kappa Kosmos Rovereto) 541.
SENIORES FEMMINILE
1 Valeeva Natalia (Arcieri Re Astolfo)
650
2 Lionetti Pia Carmen Maria (Arcieri Del Sud)
641
3 Tomasi Jessica (Arcieri Altopiano Pinè)
640
4 Tonetta Elena (Kappa Kosmos Rovereto) 627; 5 Matteucci Silvia (Arc.di Rotaio) 615; 6 Frangilli
Carla (Arcieri Monica) 598; 7 Melchionna Giusj (Primavera Cardito) 594; 8 Botto Anna (Arcieri
Delle Alpi) 589; 9 Perosini Elena (Prodesenzano S.c.s.d.) 589; 10 Mijno Elisabetta (Arcieri Delle
Alpi) 583; 11 Calloni Ilaria (Arcieri Monica) 581; 12 Mento Simona (Toxon Club) 581; 13 Arduini
Daniela (Zac) 580; 14 Mauro Deborah (Fiamme Cremisi) 577; 15 Iacovoni Nicolina (Cus Roma)
576; 16 Monaco Grazia Pina (Arco Club Catania) 574; 17 Barale Laura (Arcieri Del Chisone) 569; 18
Ioriatti Cristina (Kappa Kosmos Rovereto) 569; 19 Tansella Francesca (Sentiero Selvaggio) 564;
20 Maccarinelli Lara (Arcieri Altopiano Pinè) 562; 21 Sartori Guendalina (Arc. Padovani) 560; 22
Tagliani Rita (Castenaso A.T.) 560; 23 Franceschelli Stefania (Castenaso A.T.) 558; 24 Carnevali
Alessandra (Castenaso A.T.) 554; 25 Frigeri Maura (Arcieri Della Francesca) 550; 26 Tikhomirova
Tatyana (Arcieri Monica) 537; 27 Cavallini Patrizia (Arcieri Delle Alpi) 259.
MASTER MASCHILE
1 Bertolini Alvise (Arcieri Altopiano Pinè)
640
2 Fubiani Marco (Arcieri di Rotaio)
624
3 Tramontozzi Claudio (Arcadia A.s.c.s.)
616
4 Maresca Alfredo (Arcieri Catania) 614; 5 Quargnolo Romualdo (Arcieri Udine) 608; 6 Carraro
Bruno (Arcieri Della Saccisica) 607; 7 Gorini Oberdan (Arcieri Del Titano) 606; 8 Freddi Augusto
(Arcieri Gonzaga) 605; 9 Rinaldi Alessandro (Arcieri Torrevecchia) 603; 10 Paganin Andrea (Arcieri Decumanus Maximus) 601; 11 De Agazio Ugo (Polisp.grand Paradis) 600; 12 Panosetti Mario
(Arco Sport Roma) 599; 13 Severi Oreste (XL Archery Team Castellarano) 598; 14 Veranda Paolo
44
arcieri
(Arcieri Del Brenta) 597;15 Cenni Mauro (Arcieri Del Brenta) 592;16 Lucato Roberto (Arcieri Delle
Alpi) 580; 17 Gazzelloni Marcello (Latina Archery Team) 575; 18 Toso Graziano (Arcieri Delle Alpi)
573; 19 Marconi Fabio (Arc. Poggibonsi) 571; 20 Tarsi Alberto (Maremmana Arcieri) 537.
MASTER FEMMINILE
1 Gnocchi Laura (Arcier Vicenza)
573
2 Pierini Silvana (Assta Senigallia)
570
3 Di Pasquale Carla (Castenaso A.T.)
563
4 Sacchet Valeria (Arcieri Del Piave) 513; 5 Di Nardo Isabella (Arcieri Il Falco) 490; 6 Ciceri Marinella (Ar.co. Monza) 482; 7 Colombini Marina (Arcieri 5 Stelle) 426;
JUNIORES MASCHILE
1 Giori Lorenzo (Kappa Kosmos Rovereto)
655
2 Mandia Massimiliano (Arcieri Arechi Salerno)
644
3 Morello Marco (Arcieri Iuvenilia)
643
4 Cazzaniga Giorgio (Arcieri Varese) 633; 5 Mancione Luca (Mirasole Ambrosiana) 629; 6 Pianesi
Lorenzo (Arcieri Delle 5 Torri) 629; 7 Anzolin Andrea (Arc. Marano) 629; 8 Melotto Luca (Sentiero
Selvaggio) 617; 9 Demeo Federico (Arc. Lucani Potenza) 617; 10 Verga Francesco (Arcieri Il Falco)
615; 11 Innocenti Niccolò (Arcieri Della Signoria) 609; 12 Stefenelli Luca (Kappa Kosmos Rovereto) 608; 13 Rossato Andrea (Us San Marco Stigliano) 600; 14 Picchio Luca (Arcieri Iuvenilia) 595;
15 Magnani Gioele (Arcieri Cesena) 585; 16 Paoletta Matteo (Arcieri Solese) 580; 17 Duranti
Mattia (M.a.sf.) 574.
JUNIORES FEMMINILE
1 Filippi Gloria (Kappa Kosmos Rovereto)
640
2 Mandia Claudia (Arcieri Arechi Salerno)
626
3 Violi Sara (Arcieri Sarzana)
618
4 Carta Andreamartina (Arcieri Alpignano) 586; 5 Sarti Eleonora (Arcieri Della Signoria) 574; 6
Scommegna Sabrina (Archery Team Barletta) 568; 7 Rolle Stefania (Arcieri Iuvenilia) 562; 8 Marchesini Flavia (Arc. Marano) 556; 9 Miria Gaia Cristiana (Arc. Catania) 554; 10 Morabito Elena
(Arcieri Iuvenilia) 550; 11 Fusano Marialbina (Mirasole Ambrosiana) 547; 12 Agamennoni Annalisa (Arcieri Del Medio Chienti) 526; 13 Trapani Gloria (Arcieri Iuvenilia) 516.
ALLIEVI MASCHILE
1 Maran Luca (Arcieri Varese)
1.300
2 Vieceli Mattia (Sentiero Selvaggio)
1.269
3 Guerra Gianfranco (Arcieri Pesaro)
1.263
4 Cavallar Samuel (Arcieri Valli Di Non E Di Sole) 1.261; 5 Damiani Paolo (Arcieri Varese) 1.261;
6 Fancello Fabio (A.g.a.) 1.257; 7 Papa Alessio (Prodesenzano S.c.s.d.) 1.252; 8 Ralli Paolo (Arcieri Della Francesca) 1.252; 9 Spinatelli Edoardo (Maremmana Arcieri) 1.248; 10 Alibrandi Francesco Maria (Arcieri Orsini) 1.246; 11 Brusa Andrea (Castenaso A.T.) 1.237; 12 Masetti Davide (Arcieri La Meridiana) 1.235; 13 Galfione Marco (Arcieri Del Chisone) 1.226; 14 Mellinato Michele (Arco
Club Monfalcone) 1.221; 15 Ghisolfi Gianluca (Arcieri Tre Torri) 1.216; 16 Ferrarini Nelson (Arcieri
Dell’Ortica) 1.214; 17 Kodermaz Massimo (Arc. Cormòns) 1.204; 18 Lai Francesco (Arcieri Torres
Sassari) 1.197; 19 Marotto Sebastiano (Arcieri Del Piave) 1.195; 20 Alberti Luca (Arcieri Del Sole)
1.183; 21 Merlino Michele (Arcieri Celti) 1.179; 22 Paccani Dario (Mirasole Ambrosiana) 1.178; 23
Donfrancesco Guido (Latina Archery Team) 1.174; 24 Tiberi Carlo (Maremmana Arcieri) 1.152; 25
Sinibaldi Nicola (Arcieri Torres Sassari) 1.146; 26 Gioberti Luca (Arcieri Delle Alpi) 1.142; 27 Calì
Marco (Arcieri Celti) 1.137; 28 Mattiello Mario (Arcieri Normanni Aversa) 1.134; 29 Maran Andrea
(Arcieri Varese) 1.129; 30 Ferilli Damiano (Arcieri Del Mugello) 1.116; 31 Sbaraglia Francesco
(Arcieri Città Di Terni) 1.110; 32 Berti Roberto (Arc. Poggibonsi) 1.107; 33 Orrù Simone (Kappa
Kosmos Rovereto) 1.070; 34 Lamarmora Alessio (Arcieri Liberi) 1.053.
settembre - ottobre 2010
r
ALLIEVI FEMMINILE
1 Rota Gaia (Arcieri Alto Sebino)
1.298
2 Dalpiaz Silvia (Arcieri Valli di Non e di Sole)
1.280
3 Stianti Sara (Arcieri Ugo Di Toscana)
1.277
4 Baldelli Laura (Braccio Fortebraccio) 1.276; 5 Domenici Federica (Castenaso A.T.) 1.264; 6
Spessot Giulia (Arc. Cormòns) 1.258; 7 Quatrini Ramona (Arco Club Tarkna 1989) 1.251; 8 Padovan Arianna (Arcieri Del Sole) 1.249; 9 Fortunato Anna (Arcieri Del Cangrande) 1.247; 10
D’Adamo Claudia (Sentiero Selvaggio) 1.246; 11 Carlini Lara (Phoenix Archers) 1.237; 12 Caversazio Giulia (Mirasole Ambrosiana) 1.218; 13 Fagherazzi Sara (Arcieri Del Piave) 1.200; 14 Delsante Laura (XL Archery Team Castellarano) 1.196; 15 Conte Francesca (Arc. d’Arneo) 1.185; 16
Vacca Francesca (Arco Club Capri) 1.158; 17 Nicchi Elena (Arcieri Astarco) 1.151; 18 Detela Sara
(Arc. Cormòns) 1.149; 19 Bajno Francesca (Arcieri Astarco) 1.131.
RAGAZZI MASCHILE
1 Magrini Emanuele (Arcieri Della Signoria)
1.349
2 Andrich Tommaso (Arcieri Del Piave)
1.338
3 Mobiglia Luigi (Sentiero Selvaggio)
1.336
4 Artico Andrea (Arc. Del Roccolo) 1.333; 5 Dalle Luche Filippo (Arc.di Rotaio) 1.331; 6 Balsamo
Nicolò (Arcieri Di Cuneo) 1.325; 7 Marini Marcello (Mirasole Ambrosiana) 1.320; 8 Pasqualucci
David (Tempio Di Diana) 1.318; 9 De Rosa Luca (Arcieri Pino e Chierese) 1.310; 10 Maresca Paolo
(Arc. Catania) 1.310; 11 Monteverdi Mario (Arco Club Monfalcone) 1.303; 12 Villari Francesco
(Toxon Club) 1.294; 13 Rivaroli Cristiano (Arch. Club Ospedaletti) 1.293; 14 Caliandro Leonardo
(Arcieri Dello Jonio) 1.286; 15 Dal Magro Mirco (Arcieri Del Piave) 1.285; 16 Cardo Davide (Arcieri Alpignano) 1.285; 17 Lapenna Nicolò (Sentiero Selvaggio) 1.279; 18 Schiavone Vincenzo
(Arcieri Normanni Aversa) 1.276; 19 Matteucci Matteo (Arc.di Rotaio) 1.276; 20 Di Giusto Luca
(Arc.di Rotaio) 1.267; 21 Bovet Christophe (Polisp.grand Paradis) 1.266; 22 Scappi Kevin (Arcieri
La Meridiana) 1.262; 23 Pezzi Marco (M.a.sf.) 1.259; 24 Profeti Tommaso (Arc. Poggibonsi)
1.258; 25 D’Alonzo Vittorio (Mirasole Ambrosiana) 1.257; 26 Polla Simone (Arcieri Del Piave)
1.249; 27 Antonello Enrico (Arcieri Del Cangrande) 1.235; 28 Vieceli Andrea (Sentiero Selvaggio)
1.234; 29 Piotto Eric (Kappa Kosmos Rovereto) 1.232; 30 D’Agaro Eugenio (Arcieri Udine) 1.227;
31 Degrandi Luca (Arco Bussero) 1.224; 32 Gonzato Stefano (Arcieri Tre Torri) 1.214; 33 Iodice
Roberto (Archery Team Barletta) 1.195.
RAGAZZI FEMMINILE
1 Caggiano Gina (Arcieri Isonzo)
1.348
2 Andreoli Nikita (Arcieri Iuvenilia)
1.319
3 Santoro Federica (Arcieri Isonzo)
1.314
4 Romano Chiara (Arcieri Vecchio Castello) 1.310; 5 Rebagliati Chiara (Arcieri 5 Stelle) 1.302; 6
Boari Lucilla (A.t.a.) 1.297; 7 Mammi Giulia (XL Archery Team Castellarano) 1.296; 8 Spera Loredana (Archery Team Barletta) 1.286; 9 Marzari Margherita (Arc.Tridentini) 1.277; 10 Alfarano
Martina (Archery Team Barletta) 1.265; 11 Dellaferrera Giulia (Arclub Fossano) 1.263; 12 Pettini
Rebecca (Arc. Poggibonsi) 1.263; 13 De Martino Silvia (Arcieri Delle 5 Torri) 1.254; 14 Giaccheri
Tanya (Compagnia D’archi) 1.247; 15 Schiavoni Caterina (Sentiero Selvaggio) 1.238; 16 Fiorito
Chiara (Arcieri Isonzo) 1.234; 17 Campi Chiara Eleonora (Arcieri Del Sole) 1.228; 18 Scarpazza
Gaia (Arcieri Tre Torri) 1.212; 19 Leonetti Erica (Arcieri Varian) 1.211; 20 Morselli Gloria (Acieri
Del Forte) 1.201.
TITOLI A SQUADRE
SENIORES MASCHILE
1 Arcieri di Rotaio (Tessitore,Tonarelli, Marchetti)
1.887
2 Castenaso A.T. (Mazza, Fubiani, Nanni)
1.851
3 Arcieri Delle Alpi (Botto, Amendolia, Lucarelli)
1.819
4 Arcieri Del Medio Chienti (Seri, Palmioli, Cruciani) 1.813; 5 Arcieri Del Piave (De Pellegrin, Viel,
Case) 1.809; 6 Arcieri Felsinei (Masini, Righi,Segato) 1.798; 7 Arc. Kappa Kosmos Rovereto (Tonelli, Montigiani, Gobbi) 1.781; 8 Cus Roma (Mannu, Ricciotti, Quattrocchi) 1.744; 9 Arcieri Iuvenilia
(Ghiotti, Bellizzi, Bianchi) 1.678.
settembre - ottobre 2010
i
s
u
l
t
a
t
i
SENIORES FEMMINILE
1 Arcieri di Rotaio (Matteucci, Marchetti, Chelini)
1.746
2 Kappa Kosmos Rovereto (Tonetta, Ioriatti, Fedrizzi)
1.738
3 Arcieri Monica (Frangilli, Calloni, Tikhomirova)
1.716
4 Arcieri Altopiano Pinè (Tomasi, Maccarinelli, Strobbe) 1.711; 5 Cus Roma (Lanzetta, Iacovoni,
Pineschi) 1.710; 6 Castenaso A.T. (Tagliani, Franceschelli, Carnevali) 1.672; 7 Fiamme Cremisi
(Mauro, Zoccolan, Patriarca) 1.644; 8 Arcieri Del Piave (De Nardin, Zamperoni, Tormen) 1.642; 9
Arcieri Re Astolfo (Valeeva, Caruso, Maccaferri) 1.598; 10 Arcieri Delle Alpi (Botto, Mijno, Cavallini) 1.431.
MASTER MASCHILE
1 Arcieri Del Brenta (Veranda, Cenni, Fortunati)
1.739
2 Arcieri Torrevecchia (Rinaldi, Fabi, Fabriani)
1.737
3 Arcieri Delle Alpi (Lucato, Gioberti, Toso)
1.732
4 Arcieri Della Francesca (Milesi, Frigeri, Pedroncelli) 1.727; 5 Latina Archery Team (Magagna, Gazzelloni, Viziani) 1.702; 6 Arc. Poggibonsi (Marconi, Bartoli, Limberti) 1.674; 7 Arcieri Solese (Sinigagliesi, Biondan, Pick) 1.633.
MASTER FEMMINILE
1 Cus Roma (Mazzarotta, Giulietti, Nelli)
1.216
JUNIORES MASCHILE
1 Mirasole Ambrosiana (Mancione, Germani, Artoni)
1.763
2 Kappa Kosmos Rovereto (Giori, Stefenelli, Saviola)
1.759
3 Arcieri Varese (Cazzaniga, Albizzati, Fioroli)
1.699
4 Arcieri Iuvenilia (Morello, Picchio, Rizzo) 1.687; 5 Arcieri Udine (Bennici, Marcon, Quarino) 1.674;
6 Us San Marco Stigliano (Rossato, Beggiora, Bianco) 1.673; 7 Arcieri 5 Stelle (Losi, Astegiano,
Calabria) 1.515.
JUNIORES FEMMINILE
1 Arcieri Iuvenilia (Rolle, Morabito,Trapani)
2 Archery Team Barletta (Scommegna, Spera, Filannino)
SQUADRE MISTE ALLIEVI MASCHILE
1 Sentiero Selvaggio (Vieceli, D’Adamo)
2 Arcieri Valli di Non e di Sole (Cavallar, Dalpiaz)
3 Arcieri Del Sole (Alberti, Padovan)
4 Castenaso A.T. (Brusa, Domenici)
5 Arcieri Del Piave (Marotto, Fagherazzi)
5 Arcieri Cormòns (Kodermaz, Spessot)
5 Mirasole Ambrosiana (Paccani, Caversazio)
1.628
1.618
Qual.
2.515
2.541
2.432
2.501
2.395
2.462
2.396
1/4
134
131
125
124
122
120
S.F.
135
137
134
134
Fin.
146
138
138
128
ARCO COMPOUND
SENIORES MASCHILE
1 Pagni Sergio (Arcieri Città di Pescia)
706
2 Greco Pietro (Sentiero Selvaggio)
704
3 Di Michele Luigi (Arcieri Clarascum)
691
4 Ferracin Daniele (Arcieri Celti) 689; 5 Seimandi Giuseppe (Arcieri Delle Alpi) 689; 6 Girardi Fabio
(Arcieri Del Cangrande) 688; 7 Baselli Sergio (Arcieri Maniago) 687; 8 Tosco Antonio (Arcieri Alpignano) 687;9 Pettenazzo Federico (Arc. Padovani) 687;10 Gubbini Riccardo (Arcieri Di Assisi) 686;
11 Palandri Valerio (Arcieri Livornesi) 686;12 Campea Roberto (Il Sagittario Pol.dlf Roma) 686;13
Boccali Herian (Arcieri Città Di Pescia) 685; 14 Capovilla Claudio (Arcieri Pusteresi) 685; 15 Bonelli Giovanni (Arcieri Del Titano) 684; 16 Mazzi Stefano (Arcieri Alpignano) 684; 17 Venturelli Alberto (Ki Oshi) 684; 18 Penna Filippo (Arcieri Novegro) 683; 19 Frigerio Stefano (Ar.co. Monza) 682;
20 Lodetti Alessandro (Sentiero Selvaggio) 682;21 Pompeo Antonio (Compagnia D’archi) 681;22
Rossi Nello (Arc.del Torrazzo) 681; 23 Del Ministro Marco (Arcieri Città Di Pescia) 678; 24 Milani
Giuseppe (Arcieri Del Cangrande) 678; 25 Chinotti Danilo (Arcieri Delle Alpi) 678; 26 Bertagnoli
Davide (Arcieri Del Cangrande) 677; 27 Dragoni Luigi (Arc. Del Roccolo) 677; 28 Mietto Michele
(Arcieri Del Brenta) 677; 29 Bonardo Andrea (Arcieri Clarascum) 675; 30 Bovini Mauro (Arcieri
arcieri
45
r
i
s
u
l
t
a
t
i
Montalcino) 670; 31 Carminio Antonio (Arcieri Torres Sassari) 668; 32 Cafagna Antonio (Arcieri
Novegro) 667; 33 Benedini Fabio (Arcieri Franciacorta) 666; 34 Di Giovanni Marco (Arcieri Delle
Alpi) 666; 35 Franceschetti Denis (Arcieri Maniago) 666; 36 Borghi Roberto (Arcieri Duca Obizzo
III D’Este) 664; 37 Pagnoni Federico (Arcieri Franciacorta) 664; 38 Boni Stefano (Compagnia D’archi)
664; 39 Peruzzini Franz (Arcieri Del Medio Chienti) 664; 40 Leotta Andrea (Arcieri Solese) 663; 41
Magni Alessandro (Arc. Kappa Kosmos Rovereto) 661;42 Slaviero Claudio (Arcieri Alpignano) 660;43
Martinalli Simone (Arcieri Valtellina) 659;44 Matteucci Arturo (Arc.di Rotaio) 659;45 Ciampolillo Vincenzo (Arcieri Delle Alpi) 658;46 Careggio Mattia (Arcieri Prince Thomas 1Er) 657.
SENIORES FEMMINILE
1 Franchini Irene (G.S. Fiamme Azzurre)
683
2 Longo Laura (Arcieri Decumanus Maximus)
674
3 Tonioli Marcella (Arc.Laghesi)
673
4 Vailati Facchini Francesca (Arcieri Aurora) 670; 5 Stucchi Amalia (Arcieri Di Malpaga B.Colleoni)
668; 6 D’Agostino Katia (Arcieri Delle Alpi) 667; 7 Mazzali Simona (Arcieri Duca Obizzo III D’Este)
667; 8 Crespi Elena (Agm) 664; 9 Foglio Alessia (Kappa Kosmos Rovereto) 662; 10 Pierugia Monica (Arcieri Delle Alpi) 652; 11 Chiti Sarah (Sportclub Meran) 648; 12 Peracino Francesca (Arcieri
Delle Alpi) 644; 13 Boni Serena (Kappa Kosmos Rovereto) 643; 14 Baldo Elisa (Arcieri Decumanus
Maximus) 641; 15 Sederino Monica (Arcieri Normanni Aversa) 637; 16 Aleo Sandra Fabiana
(Fiamme Cremisi) 632; 17 Cucchi Nadia (Arc.del Torrazzo) 623; 18 Fubiani Jessica (Kentron Dard)
623; 19 De Leonardis Laura Francesca (Agm) 620; 20 Pernazza Cristina Arcieri (Augusta Perusia)
619; 21 Motta Mariaraffaella (Arc. Della Martesana) 618; 22 Carboni Patrizia (Arco Club Tarkna
1989) 616; 23 Gaudioso Silvia (XL Archery Team Castellarano) 614; 24 Castagneri Emanuela (Sentiero Selvaggio) 611.
MASTER MASCHILE
1 Vailati Facchini Francesco (Arcieri Aurora)
691
2 Vidale Guglielmo (Arco Club Tolmezzo)
683
3 Salimbeni Ezio (Arcieri Delle Alpi)
683
4 Stanizzi Antonio (Arcieri Selva Castagnola) 682; 5 Salvoni Gianmario (Arcieri Lodigiani) 675; 6
Mulliri Dario (Arcieri Pusteresi) 675; 7 Ternavasio Flavio (Arcieri Alpignano) 673; 8 Origgi Roberto
(Arcieri Stadium Besozzo) 672; 9 Bazzarello Daniele (Arcieri Delle Alpi) 670; 10 De Petri Giuseppe
(Arcieri Valtellina) 669; 11 Ticci Fabio (Arc.g.l. D’Appiano) 668; 12 Bovini Maurizio (Arcieri Montalcino)
668; 13 Lauria Raffaele (Agm) 664; 14 Celi Giuseppe (Arcieri Decumanus Maximus) 663; 15 Golfieri
Marco (Castenaso A.T.) 660; 16 Del Nista Paolo (Arcieri Livornesi) 658; 17 Guglielmino Giacomo (Arcieri Duca Obizzo III D’Este) 658; 18 Coppa Claudio (Arcieri Delle Alpi) 651; 19 Testi Gianfranco (Arc.della
Chimera) 638; 20 Canestrini Moreno (Quarry) 635; 21 Stafforini Ottavio (Cus Pavia) 620.
MASTER FEMMINILE
1 Salvi Eugenia (Prodesenzano S.c.s.d.)
691
2 Tikka Sirkka (Arcieri Delle Alpi)
663
3 Fontana Iosè (Arc. Kappa Kosmos Rovereto)
658
4 Montagnoni Maria Stefania (Arco Club Tarkna 1989) 657; 5 Goggioli Anna Maria (Castenaso
A.T.) 654; 6 Marchetti Gabriella (Arcieri Prince Thomas 1Er) 643; 7 Atorino Assunta (Arcieri Decumanus Maximus) 628.
JUNIORES MASCHILE
1 Fanti Luca (Sentiero Selvaggio)
692
2 Polidori Jacopo (Arcieri Torrevecchia)
679
3 Pavanello Riccardo (Arcieri Tre Torri)
678
4 Tombesi Filippo (Arcieri Città Di Terni) 672; 5 Ragni Matteo (Arcieri Città Di Terni) 671; 6 Uggeri
Matteo (Arcieri Tre Torri) 661; 7 Vincenzi Fabio (Arcieri Duca Obizzo III D’Este) 654; 8 Capocci Valerio (Arcieri Città Di Terni) 646; 9 Baselli Loris (Arcieri Maniago) 645.
JUNIORES FEMMINILE
1 Anastasio Anastasia (Arco Club Tarkna 1989)
662
2 Landi Elisabetta (Arcieri di Rotaio)
657
3 Zanotti Federica (Arcieri Lupi Neri)
650
4 Boggiatto Debora (Arc. Collegno) 642; 5 Cavalleri Giulia (Arcieri Solese) 642; 6 Frandi Jasmil
(Arcieri Sarzana) 631.
46
arcieri
ALLIEVI MASCHILE
1 Maresca Alessandro (Arcieri Catania)
1.380
2 Rota Emanuele (Arcieri Cesano Boscone)
1.364
3 Zucchiatti Michele (Fiamme Cremisi)
1.358
4 Sartorello Manuel (Arcieri San Donà Di Piave) 1.350; 5 Pardini Leonardo (Arc.di Rotaio) 1.329;
6 Vincenti Daniele (Arcieri Sarzana) 1.314.
ALLIEVI FEMMINILE
1 Grillo Deborah (Arcieri Maniago)
1.399
2 Franzoi Sabrina (Arcieri Altopiano Pinè)
1.345
3 Dicuonzo Ortensia (Arcieri Del Sud)
1.310
4 Febo Carlotta (Arcieri Del Cangrande) 1.309; 5 Nozzolillo Gelsomina (Arc. Aphrodite) 1.308.
RAGAZZI MASCHILE
1 Specogna Raffaele (Arc. Cormòns)
2 Allegra Carmelo (Arc. Catania)
3 Spessot Alessandro (Arc. Cormòns)
4 Buonacquisto Andrea (Arcieri Livornesi)
1.406
1.402
1.375
1.368.
RAGAZZI FEMMINILE
1 Romano Tiziana (Arco Club Tolmezzo)
1.366
TITOLI A SQUADRE
SENIORES MASCHILE
1 Arcieri Città di Pescia (Pagni, Boccali, Del Ministro)
2.069
2 Arcieri del Cangrande (Girardi, Milani, Bertagnoli)
2.043
3 Sentiero Selvaggio (Greco, Lodetti, Scollo)
2.038
4 Arcieri Delle Alpi (Seimandi, Chinotti, Di Giovanni) 2.033; 5 Arcieri Alpignano (Tosco, Mazzi, Slaviero) 2.031; 6 Arcieri Novegro (Penna, Monticelli, Cafagna) 2.018; 7 Arcieri di Rotaio (Antonetti,
Matteucci M., Matteucci A.) 1.994; 8 Arcieri Valtellina (Martinalli, Ceciliani, Bellati) 1.956; 9 Arcieri Tre Torri (Pojaghi, Colombo, Zara) 1.946.
SENIORES FEMMINILE
1 Arcieri delle Alpi (D’Agostino, Pierugia, Peracino)
1.963
2 Arcieri Laghesi (Tonioli, Vallieri, Vitali)
1.848
3 Kappa Kosmos Rovereto (Foglio, Boni, Pellegrini)
1.833
4 Arcieri Duca Obizzo III D’Este (Mazzali, Chiericati, Veronesi) 1.813; 5 Arcieri del Torrazzo (Cucchi,
Bottazzi, Comi) 1.801; 6 Arcieri Decumanus Maximus (Longo, Baldo, Rigo) 1.779.
MASTER MASCHILE
1 Arcieri delle Alpi (Salimbeni, Bazzarello, Coppa)
2.004
2 Il Sagittario Pol.dlf Roma (Belli, Testa, Spanò)
1.971
3 Mirasole Ambrosiana (Surace, Tassan, Mancione)
1.921
4 Arcieri Duca Obizzo III D’Este (Guglielmino, Bergonzini, Veronesi) 1.915; 5 Arcieri Kappa Kosmos
Rovereto (Faldini, Romano, Tabaglio) 1.907; 6 Arcieri Valtellina (De Petri, Mazzoleni, Reda) 1.904;
7 Arcieri del Torrazzo (Andreoli, Campioli, Spagni) 1.901.
MASTER FEMMINILE
1 Arcieri delle Alpi (Tikka, Bonato, Medico)
1.931
JUNIORES MASCHILE
1 Arcieri Città di Terni (Tombesi, Ragni, Capocci)
2 Arcieri Tre Torri (Pavanello, Uggeri, Falaschi)
1.989
1.975
TITOLI ASSOLUTI
ARCO OLIMPICO
MASCHILE
1 Galiazzo Marco (Arcieri Rio)
2 Giori Lorenzo (Kappa Kosmos Rovereto)
3 Frangilli Michele (Arcieri Monica)
Qual.
662
655
661
1/8
4
4
4
1/4
7
7
7
S.F. Fin.
6 6 (10)
6
5 (7)
0
6
settembre - ottobre 2010
r
4 Nespoli Mauro (Cus Pavia)
5 Tonelli Amedeo (Kappa Kosmos Rovereto)
6 Gargari Federico (Arcieri Città di Pescia)
7 Morello Marco (Arcieri Iuvenilia)
8 Mandia Massimiliano (Arcieri Arechi Salerno)
9 Tonarelli Mario (Arcieri di Rotaio)
9 Moccia Tommaso (Arcieri Vecchio Castello)
9 De Pellegrin Oscar (Arcieri del Piave)
9 Palazzi Luca (Arcieri Orione)
9 Tessitore Nicola (Arcieri di Rotaio)
9 Bertolini Alvise (Arcieri Altopiano Pinè)
9 Fissore Matteo (Arclub Fossano)
9 Castelli Pietro (V.a.t.)
668
654
640
643
644
638
638
655
646
647
640
640
638
4
4
4
4
4
3
3
2
2
0
0
0
0
6
3
3
1
0
FEMMINILE
1 Valeeva Natalia (Arcieri Re Astolfo)
2 Lionetti Pia Carmen Maria (Arcieri Del Sud)
3 Tomasi Jessica (Arcieri Altopiano Pinè)
4 Mandia Claudia (Arcieri Arechi Salerno)
5 Filippi Gloria (Arcieri Kappa Kosmos Rovereto)
6 Violi Sara (Arcieri Sarzana)
7 Tonetta Elena (Arcieri Kappa Kosmos Rovereto)
8 Matteucci Silvia (Arcieri di Rotaio)
9 Calloni Ilaria (Arcieri Monica)
9 Frangilli Carla (Arcieri Monica)
9 Melchionna Giusj (Primavera Cardito)
9 Botto Anna (Arcieri Delle Alpi)
9 Perosini Elena (Prodesenzano S.c.s.d.)
9 Carta Andreamartina (Arcieri Alpignano)
9 Mijno Elisabetta (Arcieri Delle Alpi)
9 Mento Simona (Toxon Club)
Qual.
650
641
640
626
640
618
627
615
581
598
594
589
589
586
583
581
1/8
4
4
4
4
4
4
4
5
2
1
0
0
0
0
0
0
1/4
6
7
6
6
4
1
0
0
MASCHILE
1 Tosco Antonio (Arcieri Alpignano)
2 Pagni Sergio (Arcieri Città Di Pescia)
3 Di Michele Luigi (Arcieri Clarascum)
4 Campea Roberto (Il Sagittario Pol.dlf Roma)
5 Ferracin Daniele (Compagnia Arcieri Celti)
6 Boccali Herian (Arcieri Città Di Pescia)
7 Vailati Facchini Francesco (Arcieri Aurora)
8 Girardi Fabio (Arcieri Del Cangrande)
9 Baselli Sergio (Arcieri Maniago)
9 Pettenazzo Federico (Arc. Padovani)
9 Gubbini Riccardo (Arcieri Di Assisi)
9 Palandri Valerio (Arcieri Livornesi)
9 Greco Pietro (Sentiero Selvaggio)
9 Capovilla Claudio (Arcieri Pusteresi)
9 Fanti Luca (Sentiero Selvaggio)
9 Seimandi Giuseppe (Arcieri Delle Alpi)
Qual.
687
706
691
686
689
685
691
688
687
687
686
686
704
685
692
689
1/8
4
5
4
4
4
5
4
4
3
3
2
2
1
1
0
0
1/4
6
6
6
6
5
4
2
2
FEMMINILE
1 D’Agostino Katia (Arcieri Delle Alpi)
2 Franchini Irene (G.S. Fiamme Azzurre)
3 Longo Laura (Arcieri Decumanus Maximus)
4 Vailati Facchini Francesca (Arcieri Aurora)
5 Fontana Iosè (Arcieri Kappa Kosmos Rovereto)
6 Salvi Eugenia (Prodesenzano S.c.s.d.)
7 Stucchi Amalia (Arcieri Di Malpaga B.Colleoni)
Qual.
667
683
674
670
658
691
668
1/8
4
4
4
4
4
4
4
1/4
6
7
6
6
5
4
1
2
4
s
u
8 Tonioli Marcella (Arc.Laghesi)
9 Montagnoni Maria Stefania (Arco Club Tarkna 1989)
9 Anastasio Anastasia (Arco Club Tarkna 1989)
9 Landi Elisabetta (Arcieri di Rotaio)
9 Grillo Deborah (Arcieri Maniago)
9 Mazzali Simona (Arcieri Duca Obizzo III D’Este)
9 Crespi Elena (Agm)
9 Tikka Sirkka (Arcieri Delle Alpi)
9 Foglio Alessia (Arcieri Kappa Kosmos Rovereto)
673
657
662
657
683
667
664
663
662
l
t
4
3
2
2
0
0
0
0
0
a
t
i
0
ARCO OLIMPICO SQUADRE
S.F.
6
7
0
3
Fin.
6
2
6
2
MASCHILE
1 Arcieri Iuvenilia (Morello, Ghiotti, Picchio)
2 Arcieri di Rotaio (Tessitore, Tonarelli, Fubiani M.)
3 Kappa Kosmos Rovereto (Giori, Tonelli, Stefenelli)
4 Castenaso A.T. (Mazza, Fubiani P., Nanni)
Qual.
1.850
1.909
1.917
1.851
S.F.
210
212
209
196
Fin.
204
201
220
204
FEMMINILE
1 Arc. Kappa Kosmos Rovereto (Filippi, Tonetta, Ioriatti)
2 Arcieri di Rotaio (Matteucci, Marchetti, Chelini)
3 Arcieri Altopiano Pinè (Tomasi, Maccarinelli, Strobbe)
4 Arcieri Monica (Frangilli, Calloni, Tikhomirova)
Qual.
1.836
1.746
1.711
1.716
S.F.
199
185
179
183
Fin.
200
190
193
177
1/4
141
138
141
144
138
127
122
115
S.F.
140
143
139
138
Fin.
136
135
139
135
MASCHILE
1 Sentiero Selvaggio (Greco, Fanti, Lodetti)
2 Arcieri Città di Pescia (Pagni, Boccali, Del Ministro)
3 Arcieri Delle Alpi (Seimandi, Salimbeni, Chinotti)
4 Arcieri Alpignano (Tosco, Mazzi, Ternavasio)
Qual.
2.078
2.069
2.050
2.044
S.F.
230
230
221
220
Fin.
227
219
226
214
FEMMINILE
1 Kappa Kosmos Rovereto (Foglio, Fontana, Boni)
2 Arcieri Delle Alpi (D’Agostino, Tikka, Pierugia)
3 A.C. Tarkna 1989 (Anastasio, Montagnoni, Carboni)
4 Arcieri Decumanus Maximus (Longo, Baldo, Atorino)
Qual.
1.963
1.982
1.935
1.943
S.F.
213
211
209
208
Fin.
213
212
218
207
1/4
151
143
147
145
145
145
142
139
S.F.
152
146
143
143
Fin.
154
149
144
141
SQUADRE MISTE SENIOR E MASTER
1 Arc. Kappa Kosmos Rovereto (Tonelli, Tonetta)
2 Arcieri Altopiano Pinè (Bertolini, Tomasi)
3 Castenaso A.T. (Mazza, Di Pasquale)
4 Arcieri Monica (Frangilli M., Frangilli C.)
5 Arcieri di Rotaio (Tessitore, Matteucci)
5 Arcieri Delle Alpi (Botto G., Botto A.)
5 Cus Roma (Mannu, Iacovoni)
5 Arcieri Del Piave (De Pellegrin, Sacchet)
ARCO COMPOUND
settembre - ottobre 2010
i
S.F. Fin.
7 6 (10)
7
5 (9)
1
6
1
4
S.F. Fin.
6
6
6
4
4 6 (8*)
4 5 (8)
Qual.
1.281
1.280
1.190
1.259
1.262
1.211
1.166
1.168
ARCO COMPOUND SQUADRE
SQUADRE MISTE SENIOR E MASTER
1 Arcieri delle Alpi (Seimandi, D’Agostino)
2 Arcieri Aurora (Vailati F., Vailati F.)
3 Arcieri Decumanus Maximus (Celi, Longo)
4 Agm (Lauria, Crespi)
5 Kappa Kosmos Rovereto (Magni, Foglio)
5 Sentiero Selvaggio (Greco, Castagneri)
5 Arcieri Duca Obizzo III D’Este (Borghi, Mazzali)
5 Castenaso A.T. (Golfieri, Goggioli)
Qual.
1.356
1.361
1.337
1.328
1.323
1.315
1.331
1.314
arcieri
47
r
i
s
u
l
t
a
t
i
CAMPIONATI MONDIALI UNVIERSITARI
Shenzhen (CHN), 23/26 Settembre 2010
ARCO OLIMPICO
SENIORES MASCHILE
Qual.
1 Kim Seong Hoon (KOR)
679
2 Jin Jae Wang (KOR)
669
3 Piatek Piotr (POL)
663
4 Cuesta Cobo Elias (ESP)
656
6 Nespoli Mauro (ITA)
656
17 Mandia Massimiliano (ITA) 654
17 Tonelli Amedeo (ITA)
642
Atleti partecipanti 43
Gli incontri degli italiani
Sedicesimi
Banno Taichi (JPN)
Croft Glen (GBR)
Nespoli Mauro
1/32
-
1/16
6
6
6
7
6
2
0
1/8
6
7
7
6
6
1/4
6
6
6
6
4
S.F.
6
6
4
0
Fin.
7
3
6
4
b. Tonelli Amedeo
6 (26,27,30) - 0 (25,25,23)
b. Mandia Massimiliano 6 (28,28,24,29) - 2 (24,26,29,25)
b.Vaziri Teymoorlooei Milad (IRI)
6 T.9* (26,25,26,24,27)
5 T.9 (25,23,29,25,27)
Ottavi
Nespoli Mauro b. Nishimura Yoshitaka (JPN) 6 T.9 (23,29,28,26,27) - 5 T.8 (26,28,27,26,28)
Quarti
Jin Jae Wang (KOR)
b. Nespoli Mauro
6 (27,27,28,27,29) - 4 (26,27,28,28,19)
SENIORES FEMMINILE
Qual.
1 Jo Eun Ae (KOR)
664
2 Lionetti Pia Carmen Maria (ITA) 643
3 Kim Ye Seul (KOR)
656
4 Hayakawa Ren (JPN)
660
17 Violi Sara (ITA)
620
17 Tonetta Elena (ITA)
615
Atlete partecipanti 33
1/32
-
1/16
6
6
5
4
1/8
7
6
7
6
1/4
7
6
7
7
S.F.
6
6
4
4
Fin.
7
3
6
2
Gli incontri delle italiane
Sedicesimi
Xu Yumei (CHN)
b. Tonetta Elena
6 (28,26,25,23,28) - 4 (25,23,26,24,27)
Mickelberry Erin (USA)
b. Violi Sara 6 T.10 (24,25,26,28,28) - 5 T.7 (26,26,26,27,27)
Ottavi
Lionetti Pia Carmen Maria b.Winter Karina (GER)
6 (28,28,28) - 0 (26,27,27)
Quarti
Lionetti Pia Carmen Maria b. Xu Yumei (CHN)
6 (27,25,29,28) - 2 (26,28,17,26)
Semifinali
Lionetti Pia Carmen Maria b. Kim Ye Seul (KOR) 6 (26,25,30,27,28) - 4 (24,28,28,29,25)
Finale 1° e 2° posto
Jo Eun Ae (KOR) b. Lionetti Pia Carmen Maria
7 (25,28,29,27,26) - 3 (29,25,29,26,24)
ARCO COMPOUND
SENIORES MASCHILE
1 Gallant Adam (USA)
2 Wido Daniel (USA)
3 Hernandez Roberto (ESA)
4 Depoitier Julien (BEL)
5 Pettenazzo Federico (ITA)
9 Uggeri Matteo (ITA)
48
arcieri
Qual.
700
688
693
686
683
1/16
6
6
6
680
1/8
5
5
5
6
5
5
1/4
5
5
5
5
3
3
S.F.
5
6
2
3
Fin.
7
6
8
0
9 Leotta Andrea (ITA)
Atleti partecipanti 30
Gli incontri degli italiani
Sedicesimi
Leotta Andrea
Uggeri Matteo
Pettenazzo Federico
Ottavi
Depoitier Julien (BEL)
Smith John (IRL)
Pettenazzo Federico
Quarti
Gallant Adam (USA)
680
2
b. Aerts Gregory (BEL)
5 (1,2,3) - 1 (1,3)
b. Kim Sung Jin (KOR) 5 T.1,M,1 (2,1,2,3) - 4 T.1,M,M (3,1,2,2)
b. Chen Hsin An (TPE)
6 (3,2,3) - 0 (1,1,2)
b. Leotta Andrea
b. Uggeri Matteo
b. Gatto Steve (USA)
6 (3,3,3,2) - 2 (3,1,3)
5 (1,3,2,3) - 3 (2,3,1)
5 (3,3,3) - 1 (3,2,2)
b. Pettenazzo Federico
SENIORES FEMMINILE
1 Avval Seyedeh Vida Halimian (IRI)
2 Seok Ji Hyun (KOR)
3 Anschutz Erika (USA)
4 Lantee Anne (FIN)
6 Longo Laura (ITA)
9 D’Agostino Katia (ITA)
17 Foglio Alessia (ITA)
Atlete partecipanti 26
Gli incontri delle italiane
Sedicesimi
Huang I Jou (TPE)
D’Agostino Katia
Longo Laura
Ottavi
Lantee Anne (FIN)
Longo Laura
Quarti
Anschutz Erika (USA)
5
Qual.
682
684
686
677
678
678
662
1/16
5
5
5
3
5 (3,3,2,3) - 3 (2,2,3,3)
1/8
5
6
5
5
5
3
1/4
5
5
6
5
2
S.F.
5
5
1
3
Fin.
7
5
8
2
b. Foglio Alessia
b. Rani Sunita (IND)
b. Kaur Gaganjot (IND)
5 (2,1,2,2) - 3 (1,2,2)
5 (2,3,2,2) - 3 (3,2,2)
5 (3,1,2) - 1 (1,1,1)
b. D’Agostino Katia
b. Lebecque Pascale (FRA)
5 (2,1,2,2) - 3 (2,1,2)
5 (2,2,3) - 1 (2,1,2)
b. Longo Laura
6 (3,3,2,3) - 2 (1,2,3,2)
ARCO OLIMPICO A SQUADRE
SENIORES MASCHILE
1 Giapppne
2 Corea
3 Italia
4 Taipei
Squadre partecipanti 13
Gli incontri degli italiani
Ottavi
Italia (Nespoli, Mandia, Tonelli) b. Singapore
Quarti
Italia
b. Stati Uniti
Semifinali
Corea b. Italia 20-18
Qual.
1968
1989
1952
1974
1/8
19
-
1/4
23
19
18
20
S.F.
16
20
18
12
Fin.
21
17
22
18
19-10
18-14
settembre - ottobre 2010
r
Finale 3° e 4° posto
Italia b. Taipei 22-18
SENIORES FEMMINILE
1 Corea
2 Taipei
3 Giappone
4 Polonia
5 Italia
Squadre partecipanti 9
Gli incontri delle italiane
Quarti
Polonia
Qual.
1969
1929
1920
1865
1878
1/4
20
19
16
18
17
S.F.
16
15
14
14
b. Italia (Lionetti, Tonetta, Violi)
SQUADRE MISTE
1 Italia
2 Giappone
3 Taipei
4 Corea
Squadre partecipanti 12
Gli incontri degli italiani
Quarti
Italia (Nespoli, Lionetti)
Semifinali
Italia
Finale 1° e 2° posto
Italia
1/8
-
Qual.
1299
1324
1337
1343
1/8
-
Fin.
17
16
17
12
18-17
1/4
11
14
15
15
S.F.
15
12
12
14
Fin.
13
13
12
7
b. Polonia
11-10
b. Corea
15-14
b. Giappone
i
s
u
Gli incontri delle italiane
Quarti
Italia (D’Agostino, Foglio, Longo) b. Malesia
Semifinali
Iran
b. Italia
Finale 3° e 4° posto
Corea
b. Italia
SQUADRE MISTE
1 Stati Uniti
2 Iran
3 Finlandia
4 Italia
Squadre partecipanti 9
l
t
a
t
i
6 (3,2,4,4) - 2 (2,3,1,3)
5 (2,6,4,5) - 3 (4,3,4,1)
8 (5,2,3,3,4,5) - 4 (4,2,4,2,4,3)
Qual.
1386
1378
1361
1361
1/8
-
1/4
5
5
6
5
S.F.
5
6
3
2
Fin.
5
3
6
2
Gli incontri degli italiani
Quarti
Italia (Pettenazzo, Longo)
Semifinali
Iran
Finale 3° e 4° posto
Finlandia
b. Corea
5 (3,3,2,3) - 3 (2,3,4,2)
b. Italia
6 (3,3,4,4) - 2 (3,3,2,3)
b. Italia
6 (2,4,4,3) - 2 (3,2,1,1)
13 T2,1 – 13 T2,1
ARCO COMPOUND A SQUADRE
SENIORES MASCHILE
1 Stati Uniti
2 Italia
3 Belgio
4 Corea
Squadre partecipanti 8
Gli incontri degli italiani
Quarti
Italia (Leotta, Pettenazzo, Uggeri) b. Singapore
Semifinali
Italia
b. Corea
Finale 1° e 2° posto
Stati Uniti
b. Italia
SENIORES FEMMINILE
1 Stati Uniti
2 Iran
3 Corea
4 Italia
Squadre partecipanti 7
settembre - ottobre 2010
Qual.
2070
2043
2013
2002
1/4
6
6
5
5
S.F.
5
5
3
1
Fin.
8
2
7
6
6 (5,4,5,4) - 2 (3,5,4,2)
5 (4,3,4) - 1 (3,3,3)
8 (3,6,6,6,4) - 2 (4,4,3,1,3)
Qual. 1/4
S.F. Fin.
2040
5
7
2039
5
5
1
2013
6
1
8
2018
6
3
4
arcieri
49
r
i
s
u
l
t
a
t
i
COPPA DEL MONDO (FINALE)
Edimburgo (GBR), 18/19 Settembre 2010
ARCO OLIMPICO
ARCO COMPOUND
SENIORES MASCHILE
1 Ellison Brady (USA)
2 Im Dong-Hyun (KOR)
3 Talukdar Jayanta (IND)
4 Galiazzo Marco (ITA)
5 Kim Woojin (KOR)
6 Frangilli Michele (ITA)
7 Terry Simon (GBR)
8 Wills Alan (GBR)
SENIORES MASCHILE
1 Pagni Sergio (ITA)
2 Gellenthien Braden (USA)
3 Willet JR. Rodger (USA)
4 Teasdale Shaun (NZL)
5 Jimenez Jorge (ESA)
6 Damsbo Martin (DEN)
7 Trillus Dietmar (CAN)
8 White Chris (GBR)
Gli incontri degli italiani
Quarti
Talukdar Jayanta (IND)
Galiazzo Marco
Semifinali
Im Dong-Hyun (KOR)
Finale 3° e 4° posto
Talukdar Jayanta (IND)
Gli incontri degli italiani
Quarti
b. Frangilli Michele 6 (26,25,28,30,29) - 4 (26,27,26,26,29)
b. Kim Woojin (KOR) 6 (27,28,29,27,29)- 4 (29,28,26,27,27)
b. Galiazzo Marco
6 (28,28,29,29)-2 (28,28,28,25)
b. Galiazzo Marco
6 (30,29,26,29)-2 (29,28,27,28)
SENIORES FEMMINILE
1 Loginova Albina (RUS)
2 Wallace Ashley (CAN)
3 Anschutz Erika (USA)
4 Gales Andrea (GBR)
5 Hunt Nicky (GBR)
6 Ochoa Linda (MEX)
7 Van Natta Jamie (USA)
8 Vandionant Sandrine (FRA)
SENIORES FEMMINILE
1 Yun Ok-Hee (KOR)
2 Koval Victoriya (UKR)
3 Ki Bo Bae (KOR)
4 Mospinek Justyna (POL)
5 Kumari Deepika (IND)
6 Folkard Naomi (GBR)
7 Kuzniatzova Alena (BLR)
8 Banerjee Dola (IND)
SQUADRE MISTE
SQUADRE MISTE
Stati Uniti
Pagni Sergio
b. Damsbo Martin (DEN) 6 (28,28,30,28,29-T9* )-5 (27,30,29,30,29-T9)
Semifinali
Pagni Sergio
b. Willet JR. Rodger (USA)
6 (29,30,29,28,29)-4 (29,27,29,30,28)
Finale 1° e 2° posto
Pagni Sergio
b. Gellenthien Braden (USA)
6 (28,29,27,30,30)-4 (28,29,29,28,29)
b. Gran Bretagna
138-133
Gran Bretagna
b. Messico
155-150

Documenti analoghi