leggi il libro on-line - La chiave dei due mondi

Commenti

Transcript

leggi il libro on-line - La chiave dei due mondi
Ludovica Viganò
Gli Exotic Shorthair e i Persiani
QUESTO LIBRO NASCE
DAL MIO AMORE VERSO GLI EXOTIC
E VERSO IL MIO GATTO ARTU’
2
GLI EXOTIC SHOTHAIR E I PERSIANI
Artù il mio gatto
3
Come leggere questa enciclopedia degli esotici?
Questa enciclopedia è divisa in quattro parti.
La prima è la preparazione prima di avere un gatto (in questo caso
l’esotico).
La seconda, la terza e la quarta parte parlano di quando s’è preso l’esotico
e di come curarlo.
La cosa migliore da fare per leggere questa enciclopedia è: guardare
l’indice e leggere ciò che non si sa. Se no si può anche leggere tutta la
prima parte e la seconda quando si ha il gatto per rispondere a delle
domande necessarie.
L’unica cosa da ricordare è:
Ogni gatto è unic o,
de v e e s s e re ac c e ttato c os ì c om ’è .
A m ate lo s inc e ram e nte pe rc hé m e rita c iò.
4
INDICE
PARTE 1 Chi è l’exotic?
1.1 Il più bel esotico del mondo
§
§
§
§
§
§
§
§
§
§
Aspetto generale
Testa
Arti
Andatura
Corporatura
I colori del manto
Quanto pesa?
Anche l’esotico può avere difetti normali
Età del gatto
Caratteri
1.2 La bellezza di essere gatto
{ Vista
{ Udito
{ Tatto
{ Previsioni del tempo
{ Gusto
{ Olfatto
{ Ritorni a casa
{ Comfort e comodità gattesca
Allevamento Persian Cat Breeders
1. 3 Qual è la sua origine?
•
•
•
•
•
•
Chi è il suo cugino?
Com’è nato?
Quando l’hanno registrato nelle razze?
La storia dei gatti
Per riconoscere le razze
Exotic Shorthair protagonista
5
1.4 I segnali con il corpo
Quando fa le fusa
Quando lecca
Quando non si fa toccare la pancia
Quando soffia
Quando inarca la schiena
Quando salta zigzagando verso di te
Quando ringhia e soffia
Quando ti corre addosso e poi scappa
Come capire la coda
Come capire i movimenti del suo corpo
Come evitare un attacco
Come capire le vibrisse
Come capire i miagolii
1.5 Capire il tuo esotico
Quando è calmo
Quando è stressato
Graffi
Urine
Feromoni
Quando vuole aggredire
Quando si ritiene dominante della casa
Quando non si ritiene dominante della casa
Quando vuole le coccole
Quando vuole giocare
Che giochi fa?
1.6 Il gatto non è un cane
Il suo comportamento
Emozioni, sentimento e un po’ di regole
Non bisogna farlo ingrassare!
Come sistemargli le sue stanze?
6
Zone riparate, sono indispensabili per la
riservatezza che hanno
1.7 Come nutrirlo
Dove comprare il cibo migliore?
Gatti schizzinosi
Un passo alla volta
Cibi corretti
Vietato dargli cibi che mangiamo noi
Quanti pasti al giorno?
Quante porzioni?
Cibo umido
Cibo secco
Ciotole
Acqua fresca
Piatti in casa
Spuntini
Come capire se il tuo gatto è obeso
Come capire se il tuo esotico è sottopeso
Il veterinario
Erba gatta o creme
Cibo per mamma gatta prima parto e dopo parto
1.8 Problemi del tuo esotico
Esotico ceco
Esotico sordo
Esotico senza
capacità di sentire il dolore
PARTE 2 Finalmente arrivato!
Perché un Esotico e non un Norvegese delle
Foreste?
L’esotico è il gatto che fa per te?
7
È la razza ideale per:
Un esotico è la scelta peggiore per chi
Perché certe persone non vogliono l’Esotico?
Le maggiori attenzioni per:
Bambini & Esotici
Altri gatti o animali domestici?
Non tutti gli Esotici sono uguali
Adulto o cucciolo
Dove non comprare il proprio micio
Maschio o femmina?
Chi si occuperà di lui/lei?
Come trovare l’allevamento
L’allevatore
Domande all’allevatore
Test dall’allevatore
Indizi di un allevatore di dubbia onestà
Adottare un adulto
Come scegliere il cucciolo ideale?
Esotico di esposizione e da compagnia
Come scegliere il nome
Gli Esotici vanno a coppie?
Le cose da comprare per un arrivo
felice
2.2 Benvenuto a casa
Il viaggio lasciando l’allevatore
Il primo giorno a casa
Lasciarli a mano a mano più stanze
Come far conoscenza col proprio
micio
Per stabilire un dolce rapporto
Osserva
Calendario degli appuntamenti
Come comportarsi se fa un putiferio
in casa
Come comportarsi con un gatto nel
letto
8
Come comportarsi se aggredisce (bambini e
sconosciuti)
La prima visita dal veterinario
La prima uscita nel giardino di casa
Collare
2.3 fasi di crescita
Cresci, cresci
Allevamento “Muffin” Exotic & Persian Cattery
La muta
Come spazzolarlo?
2.4 problemi del gatto
Problemi comuni
Zecche
Pulci
Cancro
Problemi comuni e malattie (pkd e calcoli)
Intossicazioni
2.5 Come curare il gatto?
◊ Toelettature e pulizie generali
◊ Dove lavarlo
◊ Come tagliare gli artigli?
2.6 La nascita dell’esotico
Fasi della madre esotica. Segni di calore
9
Parto problematico – parto facile
Sterilizzazione o castrazione
Perché non far figliare il gatto?
Il maschio ideale per Miss esotica
Quando farli accoppiare
Chi sarà presente al parto?
Dopo la nascita (controllare i segni vitali
dei cuccioli, i riflessi dei neonati,
accertarsi che i neonati mangino
sufficientemente
allattamento dei mici, inizio fusa e versi,
controllare che sia al caldo, controllare
feci e urine)
Problemi di deformità nei cuccioli
Dopo la nascita
Cuccioli orfani: Nutrire i cuccioli senza
mamma
Orari delle poppate
Cibo: cosa e quanto
FALCO D’ORO
2.7 Vaccinazioni
o Quando fare le vaccinazioni?
o A cosa servono?
o È obbligatorio farle?
2.8 Il microchip
Cos’è ?
10
È obbligatorio?
Quando bisogna metterlo e come?
2.9 Proteggere il micio
Attenzione alle piante velenose e alle spine!
Attenzione a piccoli giochi, li può ingurgitare
Attenzione ai buchi in giardino, può scappare
e farsi investire
Attenzione alle finestre aperte se il gatto è
casalingo rischia di uscire e perdersi
Nel resto il gatto se la sa cavare! Come?
2.10 Ordini
Bisogna insegnare comandi al proprio gatto:
No”, “bravo”, “vieni”
2.11 Comportamenti lattanti
Fare la pasta
Ciucciare le cose o il pollice della persona
2.12 Viaggiare con il tuo gatto
Tipi di stress
Mostrare il trasportino
Viaggiare in macchina
Anti – vomito
Consigli per il viaggio
Viaggio in aereo
Cosa mangia in aereo o in macchina?
Traslocare insieme al tuo esotico
2.13 Partecipare alle gare di bellezza
Preparamento (come curarlo)
11
Falco D’Oro
Cosa fare arrivati? (tranquillizzarlo)
I giudici
Dopo la gara, anche se non vince cosa
dargli
2.14 Esotico anziano
Viva la tranquillità
Quanti anni ha il tuo gatto?
I bisogni del tuo amato vecchio esotico
Parte 3: La morte del mio protetto
§ Come consolarsi
§ Dove fare il funerale?
Parte 4: Consigli su dove comprare e come fabbricare gli
oggetti per il tuo gatto
Dove prendergli una pettorina
Come fargli una cuccia
Che giochi prendergli
Come costruirgli dei giochi
12
Come costruirgli il tiragraffi?
Come deve essere la lettiera aperta?
Come deve essere la lettiera chiusa?
Le ciotole migliori
Il fiocco. Accessorio elegante
13
Allevamento Falco D’Oro
14
Parte 1:
Agli occhi dei gatti tutto appartiene ai gatti.
Proverbio inglese
Dell’ Arcobaleno
Chi è l’e x otic?
15
IL PIU’ BEL ESOTICO DEL MONDO
COSA DICE L’EXOTIC SHORTHAIR
Ebbene sì. Io sono l’esotico e il mio motto è
VIVI E LASCIA VIVERE.
Questo non significa però che sono solitario
e non bisognoso di coccole, attività, cibo e
un ambiente pulito e lettiera pulita perché
me la so cavare anche da solo. Lo so nel
resto sono bravo, ma ho bisogno anche di un
po’ di aiuto
ASPETTO GENERALE
L’Exotic Shorthair è un gatto di media grandezza dall’aspetto molto
accattivante. Ha una corporatura rotondeggiante, raccolta e pesante. La
coda è corta ma proporzionata al corpo. È un gatto pieno di sottopelo ma il
suo pelo è molto morbido e folto, non aderente al corpo. L’esotico ha il
viso rotondo con le guance piene, per la sua faccia per così dire “infantile”,
in termini migliori bambolotto, evoca richiami infantili.
Il suo temperamento è paziente e docile come un bambolotto. I bambini lo
adorano al primo sguardo, perché sembra un orsetto di peluche, quello
che ha accompagnato le notti di diversi di loro.
L’esotico può avere diversi caratteri, ma in quasi tutte le specie è molto
curioso e si caccia in situazioni pericolose, come dalla cuccia in cima del
tiragraffi ritrovarsi attaccato al lampadario. I suoi caratteri possono essere:
• Solitario ma dolce
• Coccolone e giocherellone
• Dolce, giocherellone e un po’ più compagnone
Gli ultimi di questi comportamenti possono essere più rari ma presentarsi
in vare specie:
• Territoriale
16
• Territoriale e giocherellone.
L’esotico è un gatto molto dolce, tranquillo, raramente aggressivo ma con
un forte temperamento. Adatto a grandi e piccini essendo molto paziente.
È a suo agio in appartamento, fuori non riesce a resistere. Però se si ha un
giardino è un buon cacciatore. È socievole con altri gatti e anche con altri
animali.
È un pigrone, dolce socievole e affettuosissimo.
Il suo motto è “VIVI E LASCIA VIVERE”.
È un gatto facile da gestire e curare il pelo, tranne nel periodo di muta, è
perfetto per chi ha poco tempo per curarlo.
Tendenzialmente taciturno, non è certo il tipo di gatto che disturba la
quiete dei vicini di casa!. Rispetta la privacy di chi vive con lui, offrendosi
con discrezione per fare e ricevere coccole. La sua tranquillità non deve
però far pensare che abbia perso la voglia di giocare e di cacciare, attività
che svolge con piacere a qualsiasi età, anche avanzata.
Il temperamento dell’Exotic è tranquillo, affettuoso, tenero, seducente.
Non è un gatto “chiacchierone” e quando fa sentire la sua voce, questa è
sempre modulata e mai urlata. Si potrebbe dire che sia un gatto che
“prende la vita con filosofia” perché ben poche cose lo spaventano o lo
mettono
in
agitazione.
Avere in casa un Exotic significa vivere con un compagno fedele e
affezionato; pacifico ed equilibrato. Non sarà un gatto di quelli che si
arrampicano sui pantaloni per attirare la vostra attenzione, ma si
accoccolerà al vostro fianco ogni volta che voi sarete seduti da qualche
parte o ai vostri piedi, quando la sera andrete a letto. Molti vanno a
sistemarsi direttamente in grembo o sul petto delle persone che amano,
17
infilando
il
naso
nel
collo
e
inondandole
di
fusa.
L’Exotic che vive in famiglia non si affeziona ad una persona sola, ma
gratifica tutti con il suo affetto, anche se probabilmente riserverà
smancerie particolari alla persona che abitualmente lo nutre.
È un gatto rispettoso della privacy umana, mai invadente. Vi segue
ovunque in casa, ma senza disturbare, con garbo; sempre al vostro fianco
senza però essere invadente: una presenza amica, quasi come un angelo
custode, ma senza ali!
Allevamento Scirocco
Ama il gioco e non bisogna fargli mai mancare qualche oggetto tintinnante
da rincorre, in modo da consentirgli anche di fare un po’ di sport! Se non
gli procurerete un gioco per gatti, sceglierà lui qualcosa di suo gusto tra i
vostri oggetti (una penna, una matita, una foglia, ecc…) e lo trasformerà in
una preda da rincorrere senza tregua o si apposterà in agguato davanti ad
un insetto che vola o una goccia che cade dal rubinetto.
Il suo temperamento dolce fa sì che facilmente socializzi con altri gatti e
giochi volentieri con i propri simili. Per lo stesso motivo si può
acquistare o adottare un Exotic a qualsiasi età senza alcun timore che
18
manifesti disagio per il cambio di ambiente. La casa di un Exotic è là
dove c’è qualcuno che lo ama.
TESTA
L’esotico ha una testa grossa, rotonda, pelosa e paffuta. La sua testa,
essendo molto grande, contiene una scatola cranica grossa e rotonda, per
questo l’esotico è un gatto molto intelligente.
Difetti
Testa troppo schiacciata e piatta
Attaccate alla testa ha le orecchie, con le punte arrotondate, piccole, non
aperte alla base ben distanziate e piazzate basse sul cranio. Sono molto
sviluppate per captare ogni minimo rumore.
Gli occhi dell’esotico sono rotondi e leggermente schiacciati, di colore
intenso, brillanti ed espressivi. Espressione da bambolotto.
La linea superiore del naso, deve essere all’altezza della linea bassa degli
occhi. Stop ben marcato.
Difetti
Gli occhi possono avere dei difetti come essere troppo a palla, in fuori o
strabici, anche se ci vedono lo stesso. Vedono sfocato ma hanno una
Allevamento Arcobaleno
buona visuale.
questo gatto è strabico
I denti dell’esotico sono affilati, bianchi e a forbice, è ammesso un leggero
prognatismo. Da piccoli i gattini, dovendo perdere i denti, preferiscono
19
cibi morbidi per non masticare e staccarseli mentre mangia, a mano a
mano che cresce, infatti i croccantini sono più duri e il gatto inizierà a
masticarli al posto di ingurgitarli interi.
Guance piene
GLI ARTI
Gli arti sono corti e robusti; con ossatura pesante e muscolatura solida.
Piedi grandi e rotondi. L’esotico ha bisogno di fare esercizio. Dovrebbe
fare almeno quindici minuti di gioco al giorno. Oltre a ciò, per soddisfare i
suoi bisogni, ha bisogno di arrampicarsi. Per questo è il caso del
tiragraffi, un oggetto alto simile a un albero dove il gatto si può
arrampicare. Per abituarlo a ciò, attaccatelo ai pali di paglia o ricoperti di
pelle, spingeteli leggermente e loro saliranno. Se non lo fanno bisogna
pazientare e provare ad esempio a mettere un boccone in una zona bassa
del tiragraffi, mostrarglielo e lasciarlo lì. Se non salirà, conducetelo lì con
un gioco, se non si arrampica lo stesso, pazientate. Per mostrargli il
tiragraffi, lo si può mettere su una zona bassa, controllatelo, così che
imparerà anche la caduta e potrà marchiarlo strofinando la testa o
leccando il tiragraffi. Oltre ad arrampicarsi, il tiragraffi ha un’altra
funzione, se il gatto graffia i divani, i mobili, i letti ecc. chiamate
marcature visive, è il caso di mettere il tiragraffi vicino a dove ha già
graffiato.
Cuccioli nel tiragraffi. Allevamento “Muffin” Exotic & Persian Cattery
ANDATURA
20
L’esotico ha un’andatura flessuosa e signorile. Camminano lentamente
senza far rumore come se fossero in punta di piedi, anche se sorreggono
un corpo pesante. Muovono i fianchi, con la coda dritta verso l’alto (si
sente felice) e la testa dritta. Per correre invece sono molto buffi,
muovono velocemente gli arti con le orecchie dritte. Se invece corrono
perché sono arrabbiati tengono le orecchie schiacciate al capo.
Difetti
Zampe troppo in dentro o troppo in fuori.
CORPORATURA
L’esotico si è già capito, ha una corporatura rotondeggiante e robusta.
Raccolta dalle sue resistenti e muscolose zampe. Essendo un gatto pieno
di sottopelo, non ha un proprio profilo.
Arcobaleno
I COLORI DEL MANTO
Esiste in tutte le combinazioni di colore ( sia del mantello, sia degli occhi).
Ha la stessa morfologia del Persiano ma un'indole più vivace.
E’ una razza che è stata creata dall’uomo in meno di trent’anni di
allevamento per avere un gatto dal carattere e dall’aspetto del Persiano ma
con un mantello meno impegnativo dal punto di vista della toelettatura.
Anche se l’Exotic ha il pelo corto la sua pelliccia è particolare perché il
suo pelo è spesso e molto folto e questo fa si che il mantello sia un po’
21
sollevato e vaporoso.
Per mantenere in ordine il mantello del vostro Exotic dovrete pettinarlo e
lavarlo regolarmente
Baral’s Zawa
L’esotico Solido è la più antica varietà selezionata, ma nonostante questo
non hai mai sofferto della concorrenza della miriade di colori che con il
tempo sono venute a crearsi.
• Il colore del mantello dell’Esotico Solido può essere nero, rosso,
blu, crema e bianco. Molto rari i colori chocolate e lilac.
Il colore nero deve essere il più intenso e uniforme possibile, il
colore rosso intenso e caldo, il colore blu (tonalità grigio argentata)
il più chiaro possibile, il colore crema chiaro e delicato.
• L’esotico Tabby unisce il fascino dell’Exotic Shorthair con il
disegno tipico del gatto selvaggio, dell'esotico, del naturale creando
una combinazione davvero spettacolare e originale. A seconda delle
varianti del disegno del mantello i Tabby possono essere:
- Blotched caratterizzati sui fianchi da un disegno molto marcato in cerchi
concentrici (detti conchiglie), dalle cosiddette ali di farfalla sulle spalle e
tra le scapole; da tre linee larghe ben marcate sulla spina dorsale; da
striature parallele sulla testa, zampe e coda sempre ben marcate.
- Tigre' o Mackerel muso zampe e coda sono caratterizzati da leggere
striature. Sul dorso sottili striature, sui fianchi linee verticali e parallele
( linee da cui prende il nome tigre).
22
- Spotted presenta un mantello con delle maculature tonde sui fianchi e
leggere striature sul muso, sulle zampe e sulla coda.
I tabby sono riconosciuti nei colori nero, rosso, blu, crema ,black tortie
(squama di tartaruga), blue tortie (blu-crema). Molto rari chocolate ,lilac ,
tortie chocolate, tortie lilac .
Gli occhi devono essere sempre arancio o marroni chiaro (il più intenso e
brillante possibile).
Tutti questi colori sono riconosciuti anche con la base del mantello
argentata e vengono detti in base al colore del mantello Silver o Cameo.
• Gli Exotic Shorthair Bicolor a seconda dell'estensione della
pezzatura
tra
bianco
e
colore
si
dividono
in:
- Bicolori /Tricolori (calico solide o diluite, sempre femmine). In questi
esotici la pezzatura bianca oscilla da un terzo ad un mezzo (al massimo)
alternato a due terzi, fino ad un mezzo (al massimo) di colore unito (o
Tabby).
- Arlecchino. Questi persiani devono avere un sesto di colore alternato
a cinque sesti di colore bianco. Lo standard prevede che la pezzatura
ideale debba estendersi in piccole zone colorate distribuite sul corpo.
- Van. Il corpo di questi esotici è interamente bianco (sono ammesse al
massimo tre piccole macchie di colore) con due pezzature,
moderatamente estese, posizionate solo sulla testa (fronte) e sulla coda.
I colori riconosciuti nelle tre le ripartizioni Bicolore Arlecchino Van
sono: bianco e nero, bianco e rosso, bianco e blu, bianco e crema, black
tortie & white (calico solida), black tortie & white (calico diluita).
Molto rari bianco e chocolate, bianco e lilac, bianco e tortie chocolate,
bianco
e
tortie
lilac.
Gli occhi devono essere arancio (il più intenso e brillante possibile);
esistono (anche se molto rari) e sono ammessi anche ad occhi impari (un
occhio arancione ed uno azzurro).
Gli Exotic Shorthair Parti-color hanno la caratteristica di essere nella
quasi loro totalità di sesso femminile.
I rarissimi maschi sono sterili.
23
I colori sono miscelati tra loro e possono avere le seguenti tonalità black
tortie (squama di tartaruga) e blue tortie (blu-crema).
Molto rari i colori tortie chocolate e tortie lilac .
Gli occhi devono essere sempre arancio o marroni chiari.
• L’Exotic Colourpoint o Himalayan (così viene chiamato negli Stati
Uniti) colpiscono subito i magnifici occhi blu zaffiro.
Questo tipo di esotico ha la caratteristica di avere il colore del
mantello del gatto Siamese con il colore del mantello che sfuma sulle
punte (maschera, orecchie, zampe, coda). Il resto del corpo deve
essere di una tonalità chiara che va dal bianco al beige a seconda dei
colori che sono: seal point, blu point, chocolate point, lilac point, red
point, cream point, seal tortie point, blu tortie point, chocolate tortie
point, lilac tortie point.
Tutti questi colori sono riconosciuti anche con il disegno tabby sulle
punte.
Gli occhi di questi gatti oltre ovviamente a dover essere grandi e
rotondi devono essere di colore blu il più brillante e intenso
possibile.
Tutti i cuccioli colorpoint nascono bianchi e colorano il mantello
sulle punte (muso, zampe e coda) dopo una quindicina di giorni,
mantenendo il corpo di una tonalità molto chiara (quasi panna).
Gli Exotic Shorthair Colourpoint, pur essendo tranquilli, hanno
fama di essere, tra tutti i tipi di esotici, i più vivaci e chiacchieroni,
caratteristiche che derivano dagli incroci con i siamesi.
Tutte queste combinazioni di colori, sono più frequenti nei Persiani.
Però per tutte le tipologie di colori, l’Esotico dovrebbe avere gli occhi
arancioni (il più brillante e intenso possibile), tranne nel Colorpoint che
ha gli occhi il più intenso e azzurro possibile
Jackpot del Plumbago
24
Un altro colore esistente solo nel Persiano è il Chinchillà.
Questa razza è caratterizzata dall’avere il pelo bianco e gli occhi verdi (il
più intenso e brillante possibile)
Allevamento Gens Julia
QUANTO PESA?
Può pesare dai 4,5 kg ai 6,5 kg per un’esemplare adulto.
PESO DEL GATTO
ADULTO
INATTIVO
ATTIVO
FEMMINA GRAVIDA
ATTIVITA DELL’
ADULTO
INATTIVO
ATTIVO
GATTINA IN DOLCE
ATTESA
GATTINA IN
ALLATTAMENTO
2,5 Kg
120-180 Kcal
170-230 Kcal
250 Kcal
4 Kg
6,5 Kg
200-280 Kcal 320-455 Kcal
280-360 Kcal 450-590 Kcal
400 Kcal
650 Kcal
CIBO SECCO
CIBO IN LATTINA
50 – 100 gr
45 – 90 gr
150-300 gr
120 – 250 gr
70 – 110 gr
200-330 gr
150-280 gr
450-800 gr
25
MICIO ANZIANO
ETA’ DEL GATTINO
DUE MESI
TRE MESI
SEI MESI
50 – 80 gr
220 gr
FABBISOGNO GIORNALIERO
175 Kcal
270 Kcal
280 Kcal
Difetti
Se pesa di meno è sintomo di anoressia. Troppo di obesità. Portarlo in
questi casi dal veterinario
ANCHE L’ESOTICO PUO’ AVERE DIFETTI
NORMALI
L’esotico può avere due difetti normali se è un perfetto esemplare:
• La lacrimazione. Avendo gli occhi grossi e rotondeggianti, questo
gatto lacrima dagli occhi continuamente. È perciò indispensabile
lavargli gli occhi due o tre volte al giorno, con dell’acqua borica o
con salviettine specializzati, uno di questi tipi è OCULVET con tante
garze impregnate in un farmaco molto utile per lavare gli occhi, non
quelle per bambini o animali utilizzate per lavargli il posteriore
perché gli arrosserebbe gli occhi.
• Il naso. Avendo il muso schiacciato, può avere secrezioni nasali,
difficoltà di respiro o russare la notte. Per non far accadere ciò, pulire
il naso del piccolo con cotone bagnato o con le garze usate per gli
occhi.
Naso sporco
Naso pulito
26
Un difetto l’ha preso invece dal persiano, non è un difetto ma una malattia,
la PKD (malattia del Rene Policistico). La PKD è una patologia che
colpisce molto di più i Persiani di qualsiasi altra razza felina. I suoi
sintomi e il suo decorso sono quelli tipici dell’insufficienza renale.
Fortunatamente è possibile diagnosticare precocemente questa malattia, o
anche solo la predisposizione a contrarla, essendo una patologia di origine
genetica. Con un semplice esame del sangue o della saliva si può sapere
se il gatto è portatore di questo gene e quindi intervenire nella sua dieta,
fornendogli un’alimentazione adatta a conservarlo in buona salute per
molti anni. Per ovvi motivi etici i soggetti portatori di gene per la Malattia
del Rene Policistico non devono essere usati come riproduttori.
Occhi rotondi e
schiacciati ai lati. Non
strabico (Attenzione! Nei
cuccioli si può accettare
perché verso la crescita
passa. Da adulti no, ma
nelle gare si può accettare
se è una cosa leggera), o
troppo sporgenti. Puliti e
senza secrezioni evidenti.
Sì
No
Orecchie pulite.
Sì
No
Peso corretto. Non obeso
o sottopeso.
Sì
No
Denti puliti. Si accetta un
leggero prognatismo o
mandibole spostate (di
Sì
No
27
poco)
Coda corta ma
proporzionata al corpo.
Pelo soffice, morbido e
senza nodi.
Sì
No
Naso schiacciato e stop
ben marcato
Sì
No
Nel posteriore non si
Sì
No
trovano
segni
di
dissenteria o sangue
Mettete una croce su sì o no controllando il vostro gatto.
Pelle senza arrossamenti
Camminata con piedi dritti e
non in dentro o in fuori
Sì
No
Sì
No
Cercate di curare il vostro gatto abbastanza per rispondere a queste otto
domande tutto giusto.
ETA’ DEL GATTO
In questa tabella, c’è l’età del gatto confrontata a quella dell’uomo.
Uomo
Gatto
1 mese
3 mesi
6 mesi
9 mesi
1 anno
2 anni
3 anni
5-6 mesi
3-4 anni
10 anni
14 anni
18 anni
24 anni
28 anni
32 anni
28
4 anni
6 anni
7 anni
8 anni
10 anni
12 anni
14 anni
16 anni
18 anni
20 anni
40 anni
45 anni
48 anni
56 anni
65 anni
72 anni
80 anni
88 anni
95 anni
CARATTERI
Il miglior carattere dell’esotico, sarebbe tranquillo e pacioccone. Ma altri
esemplari possono essere di caratteri simili come scatenati e giocherelloni.
Fannulloni e dolci. Il carattere più brutto fra quelli dell’Exotic Shorthair, è
l’essere territoriale. Un’esemplare territoriale è peggiore in 4
comportamenti:
1. Marcare con urine puzzolenti i confini del territorio
2. Montare tutto (coperte, giochi …).
3. Stare in pace senza troppi disturbi (come non volere le coccole)
4. Essere aggressivo nei confronti delle persone non accettate nel suo
territorio (ciò può essere molto brutto)
29
Dell’Arcobaleno
30
LA BELLEZZA DI ESSERE GATTO
L’affetto del gatto è qualcosa che ogni volta deve essere interpretato,
decifrato, capito attraverso mille sfumature.
Giorgio Saviane
VISTA
Il gatto vede meglio di noi. Avendo più bastoncelli e una pupilla che si può
aprire e chiudere fino ad una striscia di vista o completamente vedendo il
buio completo, perciò il gatto può guardare la luce del sole di traverso
senza bisogno di occhiali da sole.
Vede così bene che non si perde un movimento di ciò che succede intorno
a lui, vede tutto.
Il gatto vede da lontano sfocato e da vicino correttamente.
Secondo l’ipotesi dello scienziato francese Joel Dehasse che ha scritto il
libro “Tutto sulla psicologia del gatto”, quest’animale confonde il rosso, il
verde e il giallo.
Un detto molto popolare, è quello che dice che, il gatto vede meglio di noi
al buio.
È vero, la notte si vede tutto sfocato e per il gatto non è un problema. Noi
non riusciamo bene a dividere le cose che guardiamo. Il gatto per vedere
meglio, allarga la pupilla più che può per catturare anche fino all’ultima
particella di luce.
Questo non significa che il gattino molto piccolo non abbia paura del
buio!.
I gatti cacciano al buio soltanto per avere la strada libera quando seguono
una preda ed è anche nella fase della giornata dove le sue prede dormono
o, se sveglie non riescono a vedere bene come il gatto quindi avere meno
probabilità di vita.
UDITO
31
Il gatto ha un udito molto sviluppato. Una decina di volte meglio
dell’uomo e, quasi come il cane.
Avendo una capacità uditiva molto elevata, quest’animale capta ogni
minimo rumore e ciò lo aiuta anche a osservare con orecchi e occhi i
minimi movimenti di ciò attorno a lui.
TATTO
Il gatto ha una percezione del tatto molto elevata. Tocca le cose attorno a
lui captandole con i polpastrelli e sente con il corpo ogni minimo tocco.
Un organo che lo aiuta particolarmente nel tatto sono le vibrisse, poste
sulla fronte, a volte nell’interno delle zampe anteriori e posteriori e vicino
al naso (così chiamate baffi).
. Le vibrisse
captano ogni minimo tocco. Infatti ti consiglio una ciotola veramente
piatta come un normale piattino (di quelli per poggiare sopra una tazza)
per due motivi:
v Non ci arriva
v Gli dà fastidio toccare con le vibrisse il bordo della ciotola.
Da sapere: anche se le vibrisse crescono e si allungano sembrando quasi
una barba, ti consiglio di non tagliargliele mai perché, oltre ad avere la
funzione del tatto, ha anche la funzione dell’equilibrio. Se si tagliano non
riuscirà più a reggersi in piedi, giocare e fare salti da un comodino
all’altro. Sarà per lui finita la bella vita.
PREVISIONI DEL TEMPO
32
Molti gatti prevedono il tempo. Si nascondono in casa anche se il cielo
sembra bello anticipando un temporale che può venire anche dopo un’ ora.
Prevedere il tempo serve ai gatti. Quando erano selvatici, potevano
nascondersi quando sentivano qualche temporale, terremoto ecc. inoltre,
potendo vedere in faccia il sole, osservavano anche quando era nascosto
dietro le nuvole e perciò scoprire che tempo farà.
Insomma i gatti si costruiscono da soli una “mamma del tempo” con
segnali di riconoscimento come oggetti, feromoni e urine.
GUSTO
Il gatto non ha una percezione del gusto grande come l’uomo. Percepisce
soprattutto l’amaro ma anche il dolce (lo zucchero).
Ci sono stati diversi casi parlanti di un gatto che adorava lo zucchero e i
cibi dolci.
OLFATTO
I gatti hanno un olfatto molto sviluppato. Hanno almeno un olfatta
cinquanta volte migliore dell’uomo.
Se il tuo gatto non mangia un cibo inodore ma odoroso, buono e di prima
marca, significa che gli piacciono i cibi con odorini stuzzicanti.
RITORNI A CASA
Sono tantissimi i casi di gatti tornati a casa dopo mesi o addirittura pochi
anni di assenza.
Fino ad adesso gli scienziati non hanno scoperto come fanno.
Parecchi sono stati i casi di un gatto portato via dalla sua casa e fatto
traslocare in un’altra città, che ritorni nel suo vecchio territorio
oltrepassando zone mai viste.
Nei laboratori, gli scienziati sperimentano questi casi con esercizi nei
labirinti. Ci mettono vari gatti e, quasi tutti di questi, riescono a uscire
dalla porta che si trova verso la loro casa.
33
COMFORT E COMODITÀ GATTESCA
Il gatto vive nel comfort.
Abituato com’è a mangiare, pulirsi, giocare e dormire, non si annoia mai e
sembra eternamente stanco quando, svegliatasi da un riposino nell’armadio
ti guarda con le palpebre abbassate e con l’aria di dirti: Oh che bella
dormita! Sono ancora stanco…vado a dormire.
È questo il bello della vita felina, lui la prende con filosofia, pace,
saggezza e tranquillità.
Non è mica uno sfaticato che dorme tutto il giorno, anzi fa ciò che deve
fare, se la prende con calma e comodità ma, fa ciò che deve fare alla fine.
Segni di benessere di un gatto:
v Sbadigli;
v Stiracchiamenti;
v Fusa
Come passa il giorno il tuo Esotico?
v Un gatto che vive in giardino, caccia quattro - cinque ore, e può far
giusto un tentativo su quindici. Visto che l’Esotico non è mica creato
per vivere in giardino, non deve cacciare e quindi la metà delle
quattro ore le passerà a giocare, pulirsi e sonnecchiare.
Vede un uccello, emette un suono curioso,
si appiattisce, striscia come un serpente,
corre senza badare dove mette i piedi. I
suoi occhi iniziano a danzare.
Emily Dickinson
v Il gioco con il tuo Esotico dovrebbe durare almeno tre - quattro ore:
Es.: una la mattina, un’altra volta il pomeriggio, verso sera e l’ultima
quarta ora, un paio di ore prima di andare a dormire.
v Il gatto è famoso per la sua igiene. La maggior parte del tempo la
passa a lustrarsi il pelo. Il gatto ha una saliva corrosiva che aiuta a
bruciare il cibo e anche delle papille dure che servono a prendere i
34
peli morti dal suo manto. Visto che la pulizia occupa le maggiori ore
insieme ai sonnellini, il gatto accumulerà sempre più peli nello
stomaco da rigurgitarli o, nei casi peggiori soffocherà. Leggete il
capitolo “Erba gatta e creme” pag. 84 al riguardo se volete sapere la
soluzione a questo problema
v Il riposo è essenziale per il gatto che dorme la maggior parte del
tempo. Esistono due fasi di sonno: sonno profondo e sogno allerta.
Nelle fasi di sonno profondo, il gatto sogna non avendo stimoli
esterni interessanti il cervello cade nel sonno. Si notano movimenti
oculari come se stesse sveglio, delle zampe e perfino miagolare
mentre dorme.
Nelle fasi di sonno allerta, si riposa dividendo una dormita in piccoli
sonnellini. Nelle fasi di sonno allerta, appena sente un rumore si
sveglierà di botto e, se è un suo conoscente è pronto ad
addormentarsi dopo pochi secondi.
35
QUAL E’ LA SUA ORIGINE?
CHI E’ IL SUO CUGINO?
L’Exotic Shorthair, è nato dall’incrocio tra Persiano e Americano a pelo
corto, in altri allevamenti provarono a ricostruire questa razza facendo
accoppiare un Persiano con un British Shorthair e nacque perciò un gatto
più simile (diciamo che è la vera razza dell’Esotico) all’Esotico. Quindi si
può dire che esso è nato dall’incrocio di varie razze e per questo è difficile
dire perciò quali sono i suoi cugini, su uno siamo altrettanti sicuri al cento
per cento: il Persiano.
Esso ha il pelo più lungo e folto, ricco di sotto pelo. Questa è l’unica
differenza con l’Esotico e ha perciò bisogno di più cure. L’Esotico invece
è perfetto per chi ha poco tempo da dedicare al suo pelo.
Gli amanti del pelo corto preferiscono il nostro Exotic Shorthair, ma il
Persiano è un nobile, nel 1889 la regina Vittoria elevò questa razza al
rango di aristocratica.
Allevamento Arcobaleno
Allevamento Falco D’Oro
Il Persiano ha gli stessi difetti dell’Exotic Shorthair e, a parte il pelo è
identico al nostro Esotico. Chi vuole prendere il Persiano può comprare
questo libro, anche se parla del suo cugino, sono due razze quasi uguali,
sono solo diverse per il pelo, perciò il Persiano essendo ricco di sottopelo,
va spazzolato cinque volte al giorno, ingurgitando troppo pelo, può perfino
soffocare.
36
Come ho detto prima un altro dei possibili cugini dell’Esotico è il British
Shorthair, di corporatura compatta, orecchie poco più a punta del Persiano
ma con il muso di un gatto normale.
La corte di Artù
COM’E’ NATO?
È nato dall’incrocio tra Persiano
e Americano a pelo corto. Come
ho detto prima, alcuni allevatori
hanno provato anche Persiano e
British e alla fine è spuntata la razza attuale
Allevamento Fashion Star
COSA DICE L’EXOTIC
SHORTHAIR
Sono nato in una cucciolata in un
allevamento, i miei genitori uno era un
Persiano e mia madre un Americano a
pelo corto. L’allevatore voleva fare
questo esperimento di razze per
ottenere un gatto dolce come il Persiano
ma con il pelo corto. Così uscii io. Ero
uguale a mio padre ma il pelo corto l’ho
ereditato da mia madre. Così mi
registrarono nelle razze con il nome di
Exotic Shorthair che significa pelo
corto.
37
QUANDO L’HANNO REGISTRATO NELLE RAZZE?
È una razza felina relativamente nuova: è stata selezionata nella seconda
metà del secolo scorso, proprio a partire dai Persiani. I primi Exotic sono
stati selezionati negli anni ’60 negli USA, a partire da incroci fra American
Shorthair, Burmesi, Blu di Russia e Persiani; negli anni successivi in
Europa altri allevatori hanno invece utilizzato i British Shorthair,
giungendo a risultati analoghi.
La prima proposta di registrazione di questa nuova razza venne presentata
nel 1966 al Direttivo del CFA (la maggior associazione gattofila presente
negli USA). Ovviamente i primi esemplari erano molto differenti da quelli
che conosciamo oggi ma l’opera paziente degli allevatori ha consentito di
ottenere, nel giro di qualche decennio, un Persiano a pelo corto.
38
Persiana femmina del Falco D’Oro
39
LA STORIA DEI GATTI
Se si sa come è nato l’Esotico, bisogna sapere come è nato il gatto.
Le prime scoperte di felini, risalgono dall’Egitto. Gli Egizi avevano una
religione politeista (veneravano molti dei). I loro dei li rappresentavano
come ciò che vedevano. In Egitto vivevano sciacalli, coccodrilli, gatti,
leoni, aquile e falchi. Perciò ogni animale diventò un dio con il proprio
nome. Un esempio è il dio sciacallo Anubi o Bastet, figlia del dio sole Ra,
dea gatta che si trasformava in Seckmet che era una leonessa.
Ovviamente i gatti avevano un ruolo importante in Egitto, proteggevano le
stoffe preziose e i granai dai topi.
I navigatori che trasportavano il materiale da vendere a Creta, dai Fenici e
dai Micenei, si portavano anche i gatti per proteggere le scorte di cibo. E
perciò i gatti si sparsero in tutto il mondo essendo comprati per la
protezione dei granai dai Cretesi, dalla Palestina (Fenici) e dai Micenei che
si occuparono di spargere il gatto nei diversi paesi del mondo.
Mescolando il gatto con altri tipi di gatti selvatici come:
il gatto selvatico europeo, il gatto selvatico scozzese, il gatto selvatico
della corea, il gatto selvatico dell’africa e molti altri, ebbero le razze.
Il punto più critico della vita del gatto è stato il Medio Evo. Qui si
credevano agli dei, ai fantasmi, alle streghe ed ai sortilegi. Furono proprio
i cristiani a rappresentare il gatto come il diavolo e a farlo bruciare vivo
insieme alle donne che facevano medicina e facevano grand’uso delle erbe
(che venivano infatti chiamate streghe. Nel Medio Evo, l’uomo era l’unico
che poteva conoscere la medicina, le donne che conoscevano questo
“lavoro” magico e avevano perfino un gatto, venivano immediatamente
messe al rogo).
Migliaia di gatti randagi e donne venivano bruciate ogni giorno. Per gli
uomini era difficile metterli al rogo poiché avevano il diritto di essere
medici.
Dopo il Medio Evo, il gatto tornò a essere quello di prima e si pensò di più
a tenerli nelle case. Ma mai più vennero venerati come facevano in Egitto.
40
Per riconoscere le razze
COSA DICE L’EXOTIC
SHORTHAIR
Su riconoscetemi. Sono tanto carino
anche se simile ai miei cugini ho quel
che di mio.
Allevamento dell’Arcobaleno
Che razza è?..................................
Allevamento Scirocco
Che razza è?: ………………………
Allevamento La corte di Artù
Che razza è?: ……………………….
41
EXOTIC SHORTHAIR PROTAGONISTA
Ho incontrato molti gatti e molti filosofi,
ma la saggezza dei gatti è infinitamente superiore.
Hippolyte Adolphe Taine.
Il gatto è stato usato molte volte in:
§ Poesie
§ Libri
§ Film e cartoni
§ Giornali e fumetti
Il perché di ciò è dovuto al suo comportamento enigmatico detto da Joel
Dehasse “La scatola nera”, cioè le sue emozioni, i suoi sentimenti ecc.
GATTO NEI FILM:
Il gatto è stato usato molte volte nei film. Soprattutto nei cartoni come Il
gatto con gli stivali ecc.
In un cartone è usato come protagonista anche un gatto simile all’esotico
ma che può essere anche un Persiano. Questo cartone si chiama
GARFIELD. Il protagonista di questo cartone, è appunto un Exotic
Shorthair rosso a strisce nere di nome Garfield.
NEI LIBRI
Il gatto è stato usato anche nei libri visto il suo carattere enigmatico come
il libro: Cercasi Ben disperatamente, Quello che i gatti insegnano alle
donne ecc..
42
Poi ci sono altri libri che parlano di gatti ma sono enciclopedie per capire il
loro carattere come Tutto sulla psicologia del gatto ecc.
POETI E PITTORI
I gatti sono soggetti molto enigmatici e attraenti, tantoché anche i pittori e i
poeti famosi o non come Tom Poston, ne hanno parlato, scritto e dipinto.
Un gatto non si compra: è lui che vi possiede.
Tom Poston
NEI FUMETTI
Al momento non mi ricordo i nomi dei fumetti sui gatti, ma se ne trovano
parecchi che raccontano la vita di un padrone con il gatto di tutti i giorni
oppure avventure inventate.
43
I SEGNALI CON IL CORPO
Si presume che voi che siete il suo “padrone” e convivete con lui ogni
giorno avete imparato a capire il linguaggio del vostro protetto, ma vorrei
spiegare più precisamente il suo linguaggio magico e speciale come
d’altronde il vostro gatto è assai SPECIALE!!!
L’importanza del suo linguaggio è enorme, esso era un gatto selvatico nell’antichità e anche se è di razza, è sempre un gatto. Quando era piccolo, parlava con la sua mamma e i suoi fratelli col vocabolario “gattesco”, comune hai gatti. Quando è venuto a vivere da noi, ha iniziato a comunicare sia con il suo linguaggio sia con uno inventato che solo tu e lui capite. Per questo ogni gatto è speciale Artù di Ludovica Viganò che sbadiglia
IN CHE SENSO LINGUAGGIO?
L’uomo non riesce a vivere in pace se non crede di sapere tutto, perciò si
fa degli schemi e analizzandoli capisce ciò che fa l’animale (in questo caso
il gatto).
Es.:
Se vedi un gatto strisciare inseguendo un altro gatto e graffiandolo tutto, si
capisce che un gatto sta facendo guerra a un altro.
Se vedi un gatto rincorrere una preda, si capisce che la vuole mangiare
come pasto.
Se vedi un gatto inseguire un altro senza fargli male, diciamo invece che è
per gioco.
L’uomo si fa questi schemi e sorpassa la domanda perché?
44
Osserviamo il primo caso. Perché un gatto dovrebbe aggredire l’altro?. La
maggior probabilità è che sia entrato uno sconosciuto nel suo territorio.
Osserviamo il secondo caso che può essere sia giusto che sbagliato. Il
gatto caccia per cacciare non sempre per mangiare. Il gatto mangia solo
quando sente che ha fame (ha un calo di zucchero dopo i molti tentativi
fatti di caccia).
Torniamo al nostro Esotico. E posizioniamoci sulla questione cibo che è la
più facile.
Quando esso ha fame miagola finché non gli apri una scatoletta di cibo.
Il gatto selvatico quando ha fame caccia.
Se vedi che il tuo gatto si avvicina al gioco e ti guarda, capisci che vuole
giocare. Queste piccole cose sono già un primo passo per capire il
linguaggio del gatto, adesso ti voglio spiegare il linguaggio più complesso:
quello corporeo.
QUANDO FA LE FUSA
Quello che fa le fusa accanto ai nostri caminetti è in realtà
un animale selvaggio, impavido e indipendente come
nessun altro al mondo.
Alan Devoe
I gatti hanno una loro specialità. Quando sono felici fanno le fusa. L’uomo
non può copiare le fusa del gatto, può invece imitarle solo con un prr. Il crr
(che è il verso delle fusa del gatto) se detto da noi non inganna esso, il prr
invece fa capire che stai imitando le fusa e il gatto capisce che sei felice.
Le fusa nascono dalle corde vocali ed escono dalla gola facendo vibrare
tutto il corpo. Si possono vedere anche gatti che, mentre dormono fanno le
fusa, forse perché ciò che stanno sognando è un bel sogno. Il gatto fa le
fusa anche quando gioca. Infine i piccoli appena nati, la prima cosa che
imparano dei versi, non sono i miagolii ma le fusa che iniziano a fare dopo
poche settimane di vita quando hanno ancora gli occhi chiusi. In questa
fase, fanno le fusa quando poppano e alle loro fusa che fanno capire alla
madre che stanno bene essa gli risponde.
Ci sono però due tipi di fusa.
45
1. quando è felice si rilassa, si stiracchia, sbadiglia, dorme o gioca
2. quando sta male o ferma il gioco con la bocca, cambia fusa e raschia
la gola con un verso molto simile all’attuale fusa.
QUANDO LECCA
Il gatto non è un cane, perciò non tende a mostrarsi in smancerie davanti al
padrone leccandolo tutto.
COSA DICE L’EXOTIC
L’esotico invece, essendo
più compagnone e affettuoso
SHORTHAIR
può ricambiare i baci che gli
da il padrone sulle guance
con tante leccate continuanti e
insistenti sulle mani, fra le dita
e nelle altre parti del corpo.
Però se il gatto lecca troppo
insistentemente le mani del padrone
e le tiene ferme con le zampe, non
Io lecco il mio padrone
è sinonimo di amore verso il padrone,
perché gli voglio bene. Non
ma significa che si trattiene
dall’ “assaggiare” le mani del padrone. mi prendete in giro per
È molto raro però un comportamento questo. Sono un gatto che
ama la compagnia. E all’ora
del genere nelle razze Exotic
voi umani, abituati ai gatti
Shorthair e in diverse razze.
che mostrano il loro
affetto senza bacini, non
ridete di me. Io lo faccio
con affetto!
Che misteriosa ricetta conoscono i gatti per
saper dosare in modo così perfetto dolcezza e
crudeltà, timidezza e aggressività, docilità e
spirito selvaggio?
Mary S. Emilson
46
QUANDO NON SI FA TOCCARE LA PANCIA
Può capitare che, il gatto si sdraia a pancia in su davanti a te. All’ora credi
che vuole le coccole e che gli accarezzi la pancia. Però appena lo tocchi,
esso ti prenda le mani con le zampe artigliate graffiandole brutalmente. Lo
fa perché non si fida abbastanza di te per farsi accarezzare la pancia. Ma
può capitare anche che esso, se abituato fin da cucciolo si rotoli a terra
appena ti vede e si fa accarezzare e baciare la pancia. Un esempio di gatto
che si fa toccare, baciare e spazzolare delicatamente la pancia è il mio
gatto abituato fin da piccolo.
QUANDO SOFFIA
Il gatto ha dei comportamenti innati o appresi. Ad esempio: per proteggersi
dai predatori inarcano la schiena istintivamente. Questo è un
comportamento innato. Ma torniamo alla domanda principale che ci
poniamo: quando soffia e perché.
Soffiare è un comportamento innato, istintivo. Lo fa per intimorire o
scacciare dal proprio territorio un altro gatto.
47
Allevamento Falco D’oro
48
Stringe le pupille o le tiene rotonde, inarca la schiena, piega ai lati le
orecchie se è arrabbiato o se invece vuole attaccare le schiaccia al cranio e
soffia. È raro che si attacchino fra gatti. Per la maggior parte dei casi,
succede che, dopo che l’avversario ha soffiato contro il nemico, esso
scappa. Se il nemico non scappa, non fa la ritirata ma soffia anch’esso,
dall’avversario all’ora sale l’urlo di guerra (pag. 40 L’urlo di guerra), per
sfociare ad un combattimento. Nel combattimento, il nemico può tendere
la ritirata o continuare a combattere.
Questo nei casi di gatto contro gatto. Ma può benissimo succedere che
soffi al padrone inarcando la schiena. Bé, all’ora terminate ciò che stavate
facendo come accarezzarlo mentre mangia o disturbarlo. Vi mando al
capitolo COME EVITARE GLI ATTACCHI per sapere cosa fare oltre a
smettere tutto ciò che si sta’ facendo.
QUANDO INARCA LA SCHIENA
Comportamento istintivo e protettivo. Lo fanno se un gatto entra nel
territorio di un altro. L’altro per proteggere la “sua proprietà”, appena
adocchiato il gatto gli corre in contro soffiando e inarcando la schiena.
Spesso ciò serve subito per scacciare l’intruso. Infatti quando si gonfiano è
perché vogliono sembrare più grandi per spaventare il nemico. Se l’intruso
non se ne va all’ora emettono l’urlo di guerra (leggi il capitolo: L’urlo di
guerra) prima di iniziare ad attaccare.
QUANDO SALTA ZIGZAGANDO VERSO DI TE
I gatti hanno molti comportamenti istintivi. Può capitare che vedi il tuo
gatto venirti in contro saltellando prima a destra poi a sinistra incontro a te
(pilo erezione) con un’avanzata lenta e a testa bassa, pelo irto, pupille
completamente aperto e con urla. Non è per giocare, ma è piuttosto un
comportamento “predatorio”. Nel senso che saltando verso di te, ti vuole
scacciare dal proprio territorio. Bèh, se succede mantenete lo sguardo
basso, non guardatelo e andatevene.
Ci sono due modi però di questa pilo erezione, se ti va incontro con pupille
neutre, pelo liscio e senza urla, vuole giocare
49
QUANDO RINGHIA E SOFFIA
Come abbiamo detto prima, il SOFFIARE è un atteggiamento usato per
spaventare il nemico. Come se il vostro esotico che vive anche in giardino,
vede un altro gatto randagio che supera il suo territorio. All’ora inizia
guerra.
Spesso il gatto insegue il povero gatto randagio per poi raggiungerlo
soffiandogli contro.
Il RINGHIARE, è raro se prodotto da solo ed è un verso strano. Molto più
spesso, il ringhio viene accompagnato da numerosi soffi, prima di
attaccare. Così detto URLO DI GUERRA
QUANDO TI CORRE ADDOSSO E POI SCAPPA
Spesso, se il gatto vuole essere territoriale, tende a essere il capo della
casa. Ciò lo tende a sottomettervi. Spesso corre incontro di voi per
spaventarti, ma avvicinandosi sempre di più, capisce che siete troppo
grandi e spaventosi per essere sottomessi. All’ora inizia la ritirata prima
che voi lo rincorriate credendo che voglia giocare, invece si nasconderà
spaventato.
Ci sono due significati, il primo è che ti corre incontro con la schiena a
gobba, occhi con pupille compresse e il pelo irto significa che ti vuole
scacciare dal territorio, come ho detto prima.
Se invece ti corre incontro normale, con gobba, pelo irto, pupille neutre,
vuole giocare.
COME CAPIRE LA CODA
Il gatto parla con noi tramite i movimenti del corpo. Le orecchie, la coda,
il verso (soffi, fusa).
LA CODA:
50
• Quando la coda è ritta verso l’alto quando cammina o ferma
immobile quando è seduto, sdraiato, dorme, gioca o mangia.
Significa la stessa cosa però.
Il significato è che il gatto si sente “normale”, cioè non nervoso,
arrabbiato… felice diciamo.
• Quando la coda è arcuata verso il basso significa che vuole
divertirsi e correre per tutte le stanze facendo di quelle cose…
terribili.
• Quando la coda è ritta verso l’alto e la punta si muove
leggermente, significa che è nervoso
• Quando muove a scatti la coda (tutta non solo la punta) significa che
è arrabbiato e se c’è un cane sconosciuto nel suo territorio, prevede
l’attacco istantaneo.
• Quando ha la coda dritta con la punta ricurva in fuori significa che è
curioso
COME CAPIRE I MOVIMENTI DEL CORPO
I gatti comunicano con tutto il corpo.
GLI OCCHI:
Il gatto si fa capire anche tramite gli occhi e le pupille.
Quando le sue pupille sono rotonde e grosse, il gattino può essere curioso
o affamato.
Le pupille dilatate al massimo, il gattino è in panico o arrabbiato.
Le pupille strettissime quando il gatto è felice.
51
Le palpebre abbassate, il gatto è molto rilassato.
LA SCHIENA: Quando ha la schiena arcuata, è un atteggiamento di
difesa e abbassa anche le orecchie schiacciandole al cranio.
LE ORECCHIE: Le orecchie erette, aperte sulla fronte e con occhi
rotondi: sta per attaccare
Le orecchie appiattite all’indietro, con pupille sottili: sta per attaccare, si
difende o è spaventato
Le orecchie aperte sulla fronte, occhi semichiusi, pupille sottili: gatto
felice.
Le orecchie appiattite con le punte girate in fuori: gatto arrabbiato.
IL CORPO:
<< Sono felice >>: Quando strofina la testa o la coda contro le tue gambe: è
felice di esserti vicino e vuole condividere il suo odore con te.
<< Ciao >>: Quando si rotola a terra non appena ti vede: è segno di
sottomissione e significa che si sente molto rilassato.
<< Mi fido di te >>: Quando si fa toccare la pancia e l’addome, il gattino si
fida di te, è docile ed è facile educarlo; se non lo fa, il suo carattere va
ancora formato e può sfociare in reazioni inaspettate e attaccarsi alla tua
mano quando gli tocchi la pancia.
<< Non sto molto bene >>: Quando il gatto si accuccia in un angolo, sta
sempre da solo, non si pulisce, ha il pelo arruffato, non mangia e si gratta
in continuazione, è malato. Portalo subito dal veterinario.
<< Mi sento in imbarazzo >>: Quando tiene le zampe in avanti, vorrebbe
evitare una zuffa ma è pronto a difendersi
<< Sono timido >>: Quando tiene le zampe indietro è per timidezza
<< Non sono a mio agio >>: Quando non è a suo agio o in imbarazzo, tiene
il corpo accucciato, occhi chiusi o socchiusi, orecchie con le punte
all’esterno
TEST DA FARE AL GATTO: Test di socializzazione: se il tuo gatto
gioca con le tue cose e si strofina contro di te, è perché ha raggiunto una
confidenza adeguata. Se invece scappa quando ti avvicini, non è in
confidenza con te e devi ricercarla giocando con lui e curandolo.
52
Test del rumore: batti forte le mani facendoti vedere dal gattino. Se il
piccolo è curioso e rimane calmo, significa che è cresciuto in un ambiente
pieno di stimoli. Se invece scappa, devi metterlo in relazione al più presto
con i rumori e stimoli del mondo esterno.
I poeti generalmente amano i gatti, perché i
Poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità.
Marion C. Garretty
COME EVITARE UN ATTACCO
Quasi mai gli Esotici sono territoriali o aggressivi ma se il vostro gatto vi
vuole attaccare, non fissatelo, guardate per terra e arretrate lentamente
senza spaventarlo o guardarlo. È raro però che un gatto di questa razza
voglia aggredire veramente e gravemente. In questo caso lanciategli una
scarpa o un mazzo di chiavi per distoglierlo.
TANTI TIPI DI ATTACCHI
Vocalizzazzione
Debole
Ringhi sordi
Media
Ringhi
Forte
soffi, ringhi
COME CAPIRE LE VIBRISSE
Quando il gatto ha le vibrisse neutre, le pupille neutre e la coda neutra o
puntata in alto (socializzazione, eccitazione e felicità), significa che si
sente neutro.
Se tiene le vibrisse in avanti, le pupille più rotonde me non troppo grosse
(quando è terrorizzato), la coda neutra o con la punta che si muove
(nervoso) e la punta delle orecchie leggermente in fuori verso il davanti o
di lato, significa che è in collera.
Se tiene le pupille più rotonde (non come quando è terrorizzato), coda a
scatti, orecchie con la punta all’esterno significa che ti mette in guardia
prima di: attaccare, soffiare, iniziare un attacco ecc.
Se le pupille sono strettissime o più rotonde, vibrisse in avanti, orecchie
appiattite sul cranio, coda a scatti o immobile, schiena inarcata o non,
soffia o ringhia: vuole attaccare.
53
COME CAPIRE I MIAGOLII
Il gatto ha una estesa gamma di miagolii per parlare con il padrone. Gli
etologi ne hanno scoperti solo la metà e l’hanno analizzata bene.
I suoni più conosciuti sono le fusa, i ringhi, i soffi, i versetti come e-e-e-e,
i “ma”, i “miaoù” ecc..
e–e–e
Ma, ma, mia
Miaoù
Quando vuole un gioco
ma non riesce a
prenderlo. Es.: una
farfalla che vola.
È una protesta. Es.:
Se vuole mangiare o
uscire dalla sua stanza.
Nell’ultimo caso,
zampetta nervosamente
dietro la porta chiusa e
miagola insistentemente.
Quando si sente solo e
triste. Es.: se lo si ha
chiuso in una stanza.
Se anche i gatti potessero parlare,
deciderebbe di tacere.
Nan Porter
54
ALLEVAMENTO:
LaFontayn
55
CAPIRE IL TUO ESOTICO
Cosa dice l’Exotic Shorthair?
QUANDO È CALMO
È importante capirmi. Io non
sono un cane che, se
scodinzola significa che è
felice. No, se scodinzolo
significa che sono nervoso e,
se muovo la coda a scatti,
arrabbiato.
Se studierete il mio
linguaggio, sarà molto più
semplice comunicare e farci
capire.
Il nostro esotico, quando è calmo.
Sta’ nella posizione normale, cioè:
coda immobile, orecchie erette
e aperte sulla fronte, palpebre socchiuse
o se veramente rilassato
al massimo chiuse.
Se invece è curioso perché vede
qualche cosa che lo attrae, le orecchie
sono erette con le punte
leggermente in fuori (non troppo
perché se no significa che è arrabbiato).
LaFontayn
56
QUANDO È STRESSATO
Muove la punta della coda (significa che è nervoso). Se è attratto dalla
preda, miagola insistentemente oppure segni nevrotici quando si lecca,
come continuare pesantemente come se si stesse strappando la pelle.
In questo caso portatelo dal veterinario, potrebbe soffrire di una malattia
psicologica da stress.
GRAFFIO
Quando è stressato, il gatto marca anche il suo territorio. Con o marcatura
visiva o olfattiva. Cioè graffi e/o urine o feromoni.
Quando graffia la carta da parati, il legno ecc. significa che sta marcando il
suo territorio sentendo che qualche altro gatto è entrato nel suo territorio.
Quando graffia una parete, è anche un modo di esercizio; si stende con le
zampe in alto e si accorcia fino in basso.
In altri casi è una marcatura visiva ma anche olfattiva perché lascia mentre
graffia i feromoni dei cuscinetti.
URINE
Quando uno sconosciuto è quasi entrato nel suo territorio, il tuo Esotico
può mostrarsi o aggressivo o stressato. In questo caso si mette a urinare in
un muro o altro oggetto verticale, con la coda sollevata mandando fuori
vari getti di urine
FEROMONI
Il ferormone, è completamente inesistente per noi, perché non lo possiamo
percepire. Il gatto sì. Il perché è facile, ha un organo sul palato chiamato
organo di Jacobson che permette di sentire il feromone.
Quando annusa, tiene la bocca socchiusa e arriccia il naso di modo che
l’odore del feromone passi all’interno della bocca.
57
Per trasmettere il ferormone, o si usano i cuscinetti delle zampe e
strofinano il muso.
Attorno al muso hanno delle ghiandole per far fuoriuscire il ferormone.
Non è un fatto scelto la fuoriuscita del feromone, è istintiva.
Ci sono vari tipi di feromoni:
♣ Feromoni tranquillizzanti: li tramanda la madre ai piccoli che,
percepiti si rilassano. Significa: << è
tutto a posto >>.
♣ Feromoni di allarme: li fa fuoriuscire istintivamente dai cuscinetti.
Succede quando un gatto passa una
brutta esperienza. Quando tornerà in
quel posto (o anche un altro gatto),
annuserà la marcatura messa da lui
stesso e andrà via dal quell’ambiente.
Significa: << qui è successo qualcosa di
brutto, meglio andare >>.
♣ Feromoni territoriali: fuoriusciti dai cuscinetti plantari quando
graffia o quando sparge il suo odore per
marcare il territorio (urine). Significa:
<< vai via dal mio territorio. Tutto ciò
che ho marcato (anche il mio padrone)
è di mia proprietà.>>
QUANDO VUOLE AGGREDIRE
Quando vuole aggredire, si appiattisce al suole, emettendo l’urlo di guerra
e tiene le orecchie appiattite al cranio con le punte in fuori. Se è arrabbiato
muove a scatti nervosi la coda.
Invece, quando si arruffa e soffia, non è un vero attacco, serve solo per
spaventare l’avversario.
Ci sono diversi tipi di aggressioni:
AGRESSIONE DA SVEZZAMENTO
58
Queste forme di aggressioni si ritrovano fra gatti e umani. Sono:
• Zampata: i colpi di zampa vengono dati con le unghie ritratte oppure
no,in direzione della mano dell’uomo che s’avvicina alla gatta che si
isola al momento dello svezzamento; è una forma di aggressione da
irritazione.
• Placaggio al suolo avviene sulla mano o sul piede con tentativi di
morso (controllato) a livello del pugno o della caviglia.
• Lotta con graffiate delle zampe posteriori: la gatta (o il gatto) cattura
la mano o il piede e bloccandolo dà dei colpi con le zampe posteriori
con le unghie ritratte oppure no.
La presenza di questi comportamenti aggressivi riconoscibili non significa
che la funzione di questi comportamenti sia la stessa dei gattini.
Essi possono avere altre funzioni, come il mantenere a distanza o, più
spesso, un’aggressione da predazione su una finta preda, una parte del
corpo umano di dimensioni convenienti e movimenti appropriati.
AGRESSIONE DA GIOCO
Il gioco non ha alcuna intenzione aggressiva e s’accompagna a
un’emozione ludica e giocosa, non un’emozione intensa come la collera o
la paura. Il gioco tuttavia può essere violento e fare male se il gatto manca
di autocontrollo, se manca d’esercizio o se ha appreso a giocare in modo
violento, soprattutto se lo si è lasciato mordere e graffiare senza educarlo a
controllarsi.
AGGRESSIONE DA TORMENTO
Anche l’uomo, come capita di vedere tra gatti, può essere la vittima di un
un gatto o gattino che in mancanza di attività, fissa lo sguardo sulla
persona e perciò ne attacca i piedi o le mani.
AGGRESSIONE TERRITORIALE
Quando uno sconosciuto (gatto o uomo) entra nel suo territorio. Il gatto
accetta l’uomo nei suoi spazi sperando che non li sconvolga troppo.
59
Questo non può accadere con un gatto sconosciuto venuto in giardino.
All’ora è guerra aperta.
AGGRESSIONE DI DIFESA DEI GATTINI
Succede che la protettrice della nidiata di gattini lasci entrare nel suo
territorio solo una persona fidata. Solo se la femmina è sicura, potrà non
scacciare la persona. Se la ritiene poco accetta, la scaccierà.
Il comportamento è considerato anche nei gatti castrati o molto affezionati
particolarmente a un gattino.
Succede anche che certe madri gatte, abbiano un finto parto, non essendo
nato nessuno, la gatta difenderà gli oggetti considerati come dei gattini.
AGGRESSIONE DA PAURA
È l’aggressione critica, da paura.
Si mostra violenta, così forte che il gatto avendo troppa paura, vuole
attaccare lui stesso il soggetto che lo minaccia. Per evitarla è sufficiente
non stringere il gatto, non avvicinarsi, né toccarlo.
QUANDO SI RITIENE DOMINANTE DELLA CASA
Quando si ritiene dominante della casa, è territoriale, cavalca gli oggetti,
scaccia chi vuole e quando vuole qualcuno dal suo territorio se vede che
glielo sta sconvolgendo e spesso, quando fa i bisogni non li ricopre come
fanno gli altri.
Accade perché il gatto crede che facendo spargere “l’odore di casa”, gli
altri capiscano che è lui il dominante e che lo devono rispettare.
Diciamo che si ritiene il re con la corona e non accetta assolutamente che
venga sconvolto il suo territorio con cambiamenti gravi.
60
Allevamento LaFonteyn
QUANDO NON SI RITIENE DOMINANTE DELLA CASA
Quando non si ritiene dominante della casa, ricopre i bisogni ritenendo che
l’odore che si deve sentire in casa, deve essere quello di un altro familiare
ritenuto il capo (uomo, altro gatto, cane di casa).
Non dominante significa solo che ti lascia varcare il suo territorio senza
limitarti a dove vuole lui.
Il gatto non dominante spera che tu che sei il padrone e gli altri, non gli
sconvolgano troppo il suo territorio.
QUANDO VUOLE LE COCCOLE
Si capisce subito quando un gatto vuole le coccole. Fa le fusa, si sistema
accanto a te, ti lecca le mani, si sistema nell’incavo tra il collo e la spalla,
vi accarezza il braccio, la faccia ecc.
61
Artù di Ludovica Viganò
È impossibile non riconoscere quando vuole fare e ricevere coccole.
Un gatto non vuole che tutto il mondo lo ami,
solo quelli che lui ha scelto di amare.
Helen Thompson
QUANDO VUOLE GIOCARE
L’Esotico è molto giocherellone. Per stimolare a giocare un gatto pigrone
bisogna fargli una stanza fitness. Si potrebbe iniziare a giocare con lui un’
ora ogni giorno e poi arrivare fino a quattro ore. Si può attaccare a un
bastone un filo con attaccato all’estremità una piuma. Potrete tenere quel
gioco dal bastone facendolo muovere per le stanze con il gatto alle
calcagna o, se si sdraia portarci la piuma sopra il suo capo, di modo che
l’afferra. Se non gli interessa il gioco, provate quello dell’estrazione di
cibo da una scatola: prendi una scatoletta poco profonda e mettici pochi
bocconcini, chiudi la scatola e facci dei buchi di poco più grandi della
zampa del gatto, con la zampina esso proverà a mangiare i bocconcini,
ricorda di levarglieli prima che marciscano.
Stimolante sarebbe anche il gioco dell’acqua: si prende una bacinella
d’acqua alta tre dita, la si mette sopra ad un tappetino per non fare bagnare
il pavimento e sull’acqua ci si mette un gioco che galleggi.
È bene stimolare molto il gatto con giochi con sonagli o interessanti.
62
Il tiragraffi è molto utile per l’esercizio del gatto e anche per non farlo
graffiare in casa. Leggi il capitolo riguardante gli “Arti” che parla del
tiagraffi.
Falco D’oro
CHE GIOCHI FA?
L’esotico fa diversi giochi, uno è
1. La box:
Da zampate al gioco tenuto in aria dal bastoncino.
2. La preda:
Con un bastoncino con attaccato un topo di peluche, scappi dal gatto
che insegue il pupazzo
3. Il predatore:
Rincorri il gatto per finta senza spaventarlo
4. Il topo:
Carichi il topo con la molla che si tira e cammina, il gatto l’afferra
63
5. La bacinella:
Riempi una bacinella d’acqua alta tre dita e ci metti un gioco
galleggiante
6. La salita:
Compri un tiragraffi o un legnetto con attaccate delle pedane per
salire
7. Gli artigli:
Prendi un gioco e quando il gatto è a pancia in su, glielo posi sulla
pancia e lui vi ci si attaccherà.
Ogni oggetto in movimento serve a interessare e divertire
il gatto. Egli è convinto che la natura
lo tenga occupato con le sue distrazioni.
F.A Paradis de Moncrif
64
IL GATTO NON È UN CANE
Nella mia vita ci sono stati molti cani, ma c’è
stato il gatto.
Sidonie Gabrielle Colette
IL SUO COMPORTAMENTO
Il gatto non è un cane, il cane ha questi comportamenti:
v Fa tutto ciò che gli dice il padrone per renderlo felice
v Fa i bisogni in casa se non abituato in giardino e bisogna portarlo
fuori
v È stupidino ma ha un cuore enorme
v Vive in branco che per lui è la famiglia ed è tristissimo quando il
padrone esce fuori casa perché crede di essere stato escluso dal suo
branco
v È molto vivace
Mentre il gatto:
v Fa ciò che vuole e si sente in dovere di fare
v Fa i bisogni nella lettiera e non bisogna portarlo fuori
v È molto intelligente e vuole bene solo a chi lo cura
v Sa quando il padrone torna e aspetta pazientemente
v È molto tranquillo e silenzioso
Jerry chihuahua di Ludovica Viganò
65
EMOZIONI, SENTIMENTO E UN PO’ DI REGOLE
Il gatto ha un carattere molto enigmatico ed intelligente.
Di solito è solitario, ma per convivere con altri (animali o persone), deve
farsi capire adottando un suo linguaggio che capisci solo tu o l’animale di
casa.
Ha delle regole da seguire se vive in un gruppo di gatti:
1. Dividersi il territorio.
2. Non cambiare mai odore
3. Seguire le regole.
Approfondiamo ciò che ho scritto:
DIVIDERSI IL TERRITORIO
Se si vive in gruppo, o anche da soli, i gatti si dividono il territorio che può
superare dai 100m ai 6 km. I gatti d’appartamento, la maggior parte delle
volte non hanno nemmeno 50m.
Il gatto divide il suo territorio in diverse parti: Parte dove si può aggredire
(parte aggressione), parte comfort, parte caccia, parte accoppiamenti e
parte bisogni.
Vediamo i significati di ciò:
1. Parte aggressione: dove si protegge il territorio. Normalmente la
parte iniziale e finale del territorio. Ma anche quella centrale.
2. Parte comfort: dove il gatto si può rilassare. Può accettare a sua
scelta chi far entrare e bloccare il passaggio a chi no.
3. Parte caccia: normalmente è la parte dove si trovano più prede (in
casa dove si mangia). Questa parte può decidere di condividerla con
altri gatti se ci sono molte prede o aggredire se ci sono poche prede.
4. parte accoppiamenti: dove preferisce accoppiarsi
5. parte bisogni: un posto piccolo dove eliminare.
NON CAMBIARE MAI ODORE
66
Questo non succede con l’Esotico ma con altri gatti. Se un gatto vive in
casa e anche in un gruppo di gatti randagi, se viene lavato, perderà il suo
odore e, gli altri membri annusandolo non lo riconosceranno soffiandogli
contro.
SEGUIRE LE REGOLE
Seguire le regole del territorio. Es: se hai molti gatti, il tuo Esotico potrà
anche avere un piccolissimo territorio, come avere l’accesso solo sopra i
comodini e armadi, costringendoti a mettergli il cibo e la lettiera sugli
armadi.
Seguire le regole dell’accoppiamento (non entrare nel territorio di uno con
lo stesso suo sesso), spesso i maschi oltre ad entrare nel territorio delle
femmine nell’accoppiamento, entrano anche in quelli del suo stesso sesso.
NON BISOGNA FARLO INGRASSARE
Si pensa che dare da mangiare al gatto, è una dimostrazione di affetto,
certa gente crede che facendo ingrassare e curando il proprio gatto, mostra
che lo ama, per certe persone amare è cucinare e cucinare è amare. Ma
non bisogna di certo esagerare con le porzioni!
Guardate a pag 23 quanto pesa il vostro gatto per vedere quanto è grasso e
il capitolo “Come capire se il tuo gatto è obeso”.
Se si è fatto ingrassare, leggete il prossimo capitolo per farlo riprendere
con un po’ di fitness.
Come tutti i nobili, lui si diletta nella caccia e
nella pesca, ma detesta ogni tipo di esercizio.
Thomas Brown
COME SISTEMARGLI LE SUE STANZE?
Se il vostro gatto gira per tutta la casa, non fatelo entrare nelle stanze con
mobili antichi e bellissimi, statuette in avorio e in oro o specchi e gioielli.
Il resto della casa potrete trasformarlo nella sala fitness del gatto, nella
67
stanza di riposo con il letto e la stanza dello studio trasformata in stanza
curiosità per il vostro esotico.
Se il vostro esotico è obeso, non permettetegli di dormire sempre.
Chiudete la stanza da letto, apritela solo sei volte al giorno finché non
raggiungerete solo quattro volte al giorno.
Se lo sorprendete a dormire in un altro luogo, svegliatelo tranquillamente
ma solo nella fase di sogno allerta, cioè quando si sveglia a ogni minimo
rumore. Capitolo “Comfort e comodità gattesca”
Nelle altre sale, potete metterci uno o due tiragraffi, una vaschetta con
dell’acqua del livello di due dita, un’altra con sopra il gioco ma con un
livello d’acqua più alta, scrivanie non in legno dove può salire sulla sedia e
poi sulla scrivania dove, se ce lo vedete potete giocare con lui con un topo
di peluche attaccato a un bastoncino facendolo salire nei punti vicino alla
scrivania. Es.:
la scrivania ha abbastanza vicino un mobile lungo e basso con sopra cose
interessanti per stimolare il gioco.
Nelle sale studio, una scrivania con delle carte, delle penne e delle matite
sono veramente interessanti per il micio. Meglio sistemare le carte senza
fargliele toccare per non rischiare la loro caduta e che si perdano
disordinatamente sul pavimento.
Beh, per sistemargli le stanze usate tutta la vostra fantasia
ZONE RIPARATE, SONO INDISPENSABILI PER LA
RISERVATEZZA CHE HANNO
Vari esotici sono molto timidi e perciò occorrono nascondigli
tranquillizzanti per il proprio gatto. Anche tutti gli altri gatti hanno bisogno
di un nascondiglio o anche di vari.
Infatti nei tiragraffi ci sono questi nascondigli per migliorare la comodità
del vostro gatto.
Se non volete comprare né una cuccia morbida con una coperta, né un
tiragraffi,
costruitegli voi una cuccia. Leggete il capitolo “Come fargli una cuccia”.
Se non volete preparargli niente, lui/lei troverà subito nascondigli come:
sotto il divano, fra i libri della libraria o nascosto dentro l’armadio.
68
COME NUTRIRLO?
Gatto: un leone pigmeo che ama i topi,
odia i cani e tratta con condiscendenza
gli esseri umani.
Oliver Herford
Il cibo è una delle fonti più importanti, il segreto per far stare bene il tuo
esotico.
Dal momento che è molto importante, vi consiglio di cucinarlo o
comprarlo delle migliori marche.
Il veterinario o l’allevatore possono consigliarti al meglio sul tipo di
programma alimentare per il tuo esotico.
Sei tu, però, che devi capire il gusto e le preferenze del tuo gatto. Per
permettergli una vita lunga, sana e felice, devi essere consapevole di ciò
che gli dai. Devi conoscere i fondamenti dell’alimentazione. Dovresti
dargli pasti con vitamine, carboidrati, proteine, acidi grassi e sali minerali.
Se non alimentati bene, l’Exotic Shorthair possono avere disturbi di
intestino, vomito, diarrea, allergie e gas intestinali. Sarete entrambi felici e
andrete poche volte a fare visite in più dal veterinario se lo nutrirete
responsabilmente
Se avete preso un gatto in allevamento, ti consiglio di dargli il cibo che gli
dava l’allevatore, per non rischiare problemi intestinali o rifiuto del nuovo
cibo.
Vi do dei consigli sul cibo che dovete dargli:
Ø Le crocchette:
vanno molto bene per un Exotic Shorthair cucciolo o non e
quando ha la diarrea per solidificarla. Inoltre fanno bere di più,
ciò che l’esotico fa poco
Ø Il cibo semi-umido:
non è giusto per una sana alimentazione, perché essendo molle,
69
si appiccica ai denti producendo microbi o infezioni
Ø Il cibo umido:
è più costoso (dipende dal vostro portafoglio) ma molto
nutrizionale. Si consiglia per un gatto che soffre di denti e non
riesce a masticare o problemi intestinali.
È un alimento da conservare in frigo e contiene tutte le
Vitamine necessarie
Il vostro esotico, pretende un cibo:
Ø Gustoso
Ø Saporito
Ø Di prima marca
Il cibo che darai al tuo micio dovrà avere almeno un po’ di queste funzioni
come:
v Aiutare la digestione;
v Aiutare l’apparato urinario;
v Aiutare lo sviluppo;
v Aiutare alla pulizia dei denti (poiché se si da una crocchetta che
si frantuma, i pezzi della crocchetta fabbricheranno
sempre più microbi).
v Aiutare la digestione di peli;
v Far brillare il pelo
E molte altre funzioni.
Dovete sapere che prima che decida il cibo nuovo da dargli quando ha
superato i sei mesi dovrete cambiare molte marche se è un gatto
schizzinoso.
Se siete un padrone di una cucciolata di esotici, per svezzargli, dovresti
dare alla madre il cibo per cuccioli ma quello umido perché più delicato
per una prima volta, di modo che essi mangeranno il cibo per normali
cuccioli.
70
Da sapere:
Non dovete dare il cibo di un cucciolo
all’adulto (se non è in fase di svezzamento) o il
cibo di un adulto a un cucciolo.
Anche se il vostro gatto ha otto mesi e rifiuta il
cibo che avete cambiato a sei mesi.
Piuttosto cercategli una marca di cibo diversa
Da ricordare!
Non tutti gli esotici accettano che mentre stanno mangiando tu li vada ad
accarezzare. Non disturbateli perciò, lasciateli mangiare in santa pace.
DOVE COMPRARE IL CIBO MIGLIORE?
Ovviamente non posso consigliarvi una marca di cibo per il vostro gatto
ma consigliarvi come sceglierla.
Guardate la confezione o la scatoletta e leggete gli ingredienti. Di solito
iniziano con pollo o pesce. Non prendete prodotti che iniziano con farina
di pesce o di carne perché può scatenare allergie a volte.
Le migliori carni sono manzo, pollo e pesce. La trippa fa ingrassare ma,
una volta alla settimana può andare.
Osserva la scadenza e prendi sempre quello che scade non subito ma dopo
tanto.
Osserva quali vitamine contiene per non dargli paste multivitaminiche con
la stessa vitamina.
E infine osserva che cosa fa (lucida il pelo, aiuta l’apparato urinario ecc.)
Se non ha queste cose, cerca un altro alimento per gatti.
GATTI SCHIZZINOSI
Il tuo esotico può essere molto schizzinoso sul tema CIBO.
Potrebbe non accettare il pasto ricco di vitamine che gli date e digiunare
finché non cambiate menù. Può alle volte volere tante marche di cibo:
71
una volta quelli al pesce e un’altra volta il pollo o i fegatini.
Mi raccomando non fate il pieno di cibo pesce e carne in frigo, potrebbe
smettere di mangiare la carne e prendere il pesce per un mese per poi
smettere e mangiare la carne. In questo caso però potrebbero scadere.
Meglio nutrirlo con i croccantini al gusto pesce e pollo.
UN PASSO ALLA VOLTA
Se il proprio Esotico o tu, vuoi cambiargli il cibo, vacci piano.
Prendi solo una scatola o busta di croccantini perché al gatto potrebbe non
piacere.
Mettigli nel suo solito pasto un cucchiaio del cibo nuovo e osservate se gli
piace.
Se gli piace ogni giorno levate più cucchiai del cibo vecchio scambiandolo
con il nuovo, alla fine rimarrà il nuovo cibo.
Se non gli piace cercate un altro cibo.
Artù il mio gatto
CIBI CORRETTI
Al proprio esotico non bisogna dare i cibi che mangiamo noi.
Per migliorargli l’alimentazione, una volta alla settimana si potrebbe
mettere un cucchiaino della grandezza di quelli da caffè con dell’ olio di
oliva che serve a fargli espellere le matasse di peli che inghiotte tramite le
feci.
Se lo si nutre con i cibi di casa, vi consiglio cosa non o dovrebbe prendere:
72
COSA POTREBBE PRENDERE
v Le carni bovine possono essere somministrate crude o cotte. Gli altri
tipi di carne o il pesce devono essere sempre cotti, diversamente
potrebbero essere veicoli di microrganismi fonte di infezioni, come ad
esempio la coccidiosi nel caso di carni avicole o il morbo di Aujeszky
nel caso di carni suine. Preferibilmente accettate pollo lesso e manzo a
pezzetti.
v Riso e pasta potranno essere somministrati, se graditi, tenendo
presente che qualche gatto ha difficoltà a digerire i carboidrati, con
conseguenti disturbi intestinali. Attenzione quindi a non trasferire
pedestremente ai gatti il principio valido per gli esseri umani che una
diarrea si possa curare con una bella dose di riso bollito. L'effetto
ottenuto potrebbe essere l'opposto di quello atteso!
v Non abbondare mai con le frattaglie, somministrarle comunque
sempre cotte e al massimo una volta la settimana. In particolare,
evitare il polmone che non apporta praticamente alcun nutrimento e
quindi può provocare un senso di sazietà nel gatto senza però
soddisfarne le esigenze nutrizionali.
v Le ossa in genere (comprese le spine di pesce) possono causare danni
all'apparato digerente; se riesci a ridurle in polvere però possono
costituire un valido integratore dietetico contenente calcio.
v Sì alla verdura che contribuisce, con le sue vitamine, alla bellezza del
pelo e può essere somministrata in forma di minestroni, bollita, stufata
o cotta al vapore. È quindi importante che il gatto - se nutrito di solo
cibo casalingo - ne abbia ogni giorno a disposizione una piccola
quantità. Quelle più apprezzate dai gatti sono: spinaci, broccoli,
fagioli, fagiolini, bietole, carote, zucchine e cavolfiori.
v Non esagerare con latticini e formaggi freschi; evita quelli piccanti.
Può anche prendere lo yogurt magro.
COSA NON DOVREBBE PRENDERE
73
v No il sale o lo zucchero
v No ai dolciumi
v No Alcolici
v No uva o uvetta
v No Tè e caffè
v No Uova crude
v Non deve prendere troppi latticini.
v Non deve prendere le carni piene di grasso come la trippa, il maiale,
pelle di pollame, farina di pesce o di carne e il vitello.
v No piante velenose
74
Cosa dice l’Exotic Shorthair?
Uffa! Ho cambiato cibo e il padrone me ne sta dando uno nuovo che a
me non piace proprio. Perché non mi da il cibo che prendevo a sei
mesi?
Allevamento LaFonteyn
75
VIETATO DARGLI CIBI CHE MANGIAMO NOI
Possiamo dargli solo certi cibi che mangiamo noi, altri gli fanno male.
Ciò che può prendere ve lo scrivo qui di seguito.
No al cioccolato o cibi con la stessa
sostanza!
Ha la teobromina ed è
una sostanza tossica per cani e gatti.
Più è piccolo più la crisi è peggiore.
Può avere dissenteria, vomito nei casi
migliori. Crisi epilettiche, problemi
cardiaci o la morte nei casi terribili
QUANTI PASTI AL GIORNO?
Il miglior programma alimentare dipende dall’età e dallo stile di vita. La
tabella qui sotto fornisce un’indicazione generale.
FASI DELLA VITA
DELL’ESOTICO
Cuccioli (da 6 settimane
a 3 mesi)
Cuccioli da 3 – 6 mesi
Cuccioli da 6 mesi a 1
anno
Da 1 anno a 7 anni
PASTI AL GIORNO
4
Attenzione! I cuccioli
hanno bisogno di essere
nutriti quattro volte al
giorno perché possono
soffrire di ipoglicemia.
3
2
2
76
Da 7 anni a più
2+
QUANTE PORZIONI?
Fate conto che il cibo che gli si deve dare è un’intera porzione e, visto che
il vostro micio non la mangia tutta perché è molto grossa, l’uomo ha
deciso di dividerla in più pasti al giorno. Ovviamente, quando gli si danno
i pasti, si prende una metà del cibo totale e l’altra gliela si da in un altro
momento del giorno.
Se fa tre pasti, il suo totale è diviso in tre quarti.
Se gli si da il cibo nelle scatolette, nel retro della lattina, ci dovrebbe essere
scritto quante buste bisogna dargli al giorno, certi pasti che vanno bene da
due mesi fino all’età adulta, dovrebbero avere segnati i pasti da dargli da
due mesi, sei mesi e infine a un anno o più.
Consultate il capitolo “Quanto pesa” e pesatelo regolarmente se volete
avere un bel esotico.
Allevamento LaFontayn
CIBO UMIDO
Il cibo umido è fatto apposta per il gatto, con tutte le vitamine occorrenti.
Però può essere di marche giuste o anche “sbagliate”.
Sbagliate nel senso che sono già scadute.
Il cibo umido costa di più delle crocchette e quando lo si è aperto, bisogna
metterlo in frigo.
Non fate scorte di cibo, perché potrebbe stufarsi di quelle scatolette e
volerne di altre marche.
77
Mai prendere i sottoprodotti perché possono contenere:
pelle, mais ammuffito, verdure di tanti tipi, pelliccia, becchi, artigli, cuore,
polmoni e trippa
CIBO SECCO
È meno costoso, nutriente e adatto a cuccioli e adulti. Perfetto per far
passare la dissenteria e bere il giusto (visto che questa razza non beve
molto come il Persiano e possono avere perciò problemi di reni e calcoli).
Vi consiglio crocchette con tutte le vitamine necessarie e per fargli brillare
il pelo come della marca Royal Canin Persian 32 e 30. Ovviamente non
posso consigliarvi le marche che potrebbero anche non piacere al tuo
esotico.
Chiedigli consiglio al veterinario. Sarà per lui un argomento un po’ seccato
perché tanti fabbricatori di cibo lo tartassano per fargli fare pubblicità.
Il cibo secco può anche essere ammorbidito con dell’acqua mischiata
insieme o, se un hai una cucciolata di gatti e i piccoli appena svezzati,
dagli le crocchette sciolte nel latte tiepido (il latte fa i batteri se lasciato
asciugare. Buttalo appena vedi che si sta seccando. Consiglio di dargli una
piccola manciata di crocchette per non buttarle tutte. Oltretutto non
bisogna dare al piccolo il latte di mucca: troppo dolce e povero di
vitamine, esiste un latte fatto apposta a base del latte della madre gatta ).
CIOTOLE
L’Esotico e il Persiano hanno il muso schiacciato, quindi non possono
mangiare in ciotole profonde o normali.
Nei negozi per animali, si trovano anche delle ciotole alte e piatte senza
profondità.
78
Artù il gatto di Ludovica Viganò
Per l’acqua invece le ciotole sono tutte profonde, ti consiglio di prenderle
alte e poco profonde, riempite fino all’orlo. Ti consiglio di riempirle di
nuovo quando ha bevuto fino a un dito di altezza, di più non ci arriva.
ACQUA FRESCA
È importantissimo dargli una ciotola con dell’acqua fresca.
Il bello per il vostro micio è che la ciotola d’acqua la si lascia tutto il
giorno senza levarla come con il cibo.
Bisogna riempire fino all’orlo la ciotola e poi cambiarla tre volte al giorno.
Mettetegli dell’acqua della bottiglia perché quella del rubinetto è troppo
piena di calcare e rovina il fiuto.
PIATTI IN CASA
I piatti cucinati in casa, possono o non avere tutte le vitamine necessarie
per nutrire il vostro piccolo.
Guardate la tabella di ciò che può mangiare e non preparategli cibi con le
cose che non può mangiare. Ovviamente se mangia qualcosa in più e non
ha niente, si vede che va bene, ma se gli date un cibo che vi indico e che
può prendere e gli viene la dissenteria, mi scuso, ma ogni gatto e diverso
dall’altro e certi possono essere più forti di altri oppure altri possono avere
intolleranze o stomaco debole.
Vi consiglio di preparargli del pollo lesso con un po’ di riso senza sale.
Oppure tonno senza sale, riso e un’altra tipologia di pesce come sogliola.
Oppure formaggio e pollo.
O tonno e pollo.
79
O ancora pollo e riso.
State attenti ai piatti fatti in casa, dovrete prepararvi uno schemino con le
porzioni da dargli, misurarle con la bilancia e sprecare tempo per
prepararlo.
Il cibo a casa può essere o non troppo ricco di proteine e perciò tendere
all’obesità, se è l’opposto vi consiglio di prendere le paste
multivitaminiche per gatti che si comprano nei negozi per animali.
Non ve lo consiglio! Ma se al vostro Exotic Shorthair piace e non lo rende
obeso, è giusto per lui.
SPUNTINI
Solitamente si danno ai cani, ma se il vostro gatto è particolarmente
birichino e si è comportato bene, o quando usa il tiragraffi per la prima
volta, lo si può lodare con degli spuntini così che capisce che quell’azione
(buona) che ha fatto è collegata con Ho fatto questo e adesso mi deve dare
lo spuntino. Mentre quando lo sgriderete se fa qualcosa di brutto lo
collegherà con Ho fatto questo e non so perché il padrone non mi loda,
meglio non farlo.
Ma… c’è un ma, gli spuntini sono cose in più del pasto e troppi al giorno
possono farlo tendere all’obesità.
Spuntino significa snak per gatti perché esistono per cani e gatti. Si
vendono in negozio a base di tonno e merluzzo o coniglio e anatra. Ma
leggete attentamente la marca perché può avere sottoprodotti o coloranti.
Lo snak è un bastoncino diviso in quadretti, vi consiglio di dargli al giorno
un bastoncino.
Si vendono in pacchetti di più bastoncini divisi.
Da sapere
Puoi farlo a casa lo snak o (premietto per il gatto). Prendi tre strisce di
carne, quella che mangi e farla seccare. Potete vedere se gli piacerà
80
COME CAPIRE SE IL TUO GATTO È OBESO
È facile capire quando è obeso. Ma quando lo sta per diventare osservatelo
attentamente quando:
• Cammina. Se ti siedi per terra e guardi il tuo esotico, puoi osservargli
la sua pancia. Se la vedete poco più grossa è segno di obesità. Ma
può essere anche una ciste se sembra una gatta in cinta, portatelo dal
veterinario che vi saprà dire.
• Tastategli la pancia. Provate a capire qual è il pelo e qual è la pancia,
spazzolatelo perché può essere anche sottopelo.
• Pesatelo subito dopo avergli tolto con la spazzola il sottopelo per
sapere il vero peso.
Se ti risulta obeso, pensate al perché può essere ingrassato, fate i conti
sulle porzioni che gli dai o su quanta attività fa.
Portalo dal veterinario e chiedi se è veramente obeso. Leggi il capitolo
“Non farlo ingrassare”.
COME CAPIRE SE IL TUO ESOTICO È SOTTOPESO
Se vedi le ossa delle scapole e delle gambe, è sottopeso, tastagli la pancia
e guarda quanto pesa.
Spazzolalo molto per vedere quant’è veramente magro.
81
Se ti risulta veramente troppo magro, può soffrire di rachitismo.
Pensa il perché può essere sottopeso. Guarda quanto mangia o se lascia
tutto lì, osserva le porzioni che gli dai e osserva sotto la ciotola. Avendo il
muso piatto può, mentre mangia, schiacciare la pappa col muso
mandandola quasi tutta fuori.
Prima di dargli integratori alimentari, portatelo immediatamente dal
veterinario.
IL VETERINARIO
È l’unica persona che ti può aiutare se il tuo esotico soffre di malattie e
farlo rifiorire guarendolo del tutto e facendolo risplendere nella
magnifica bellezza dell’Exotic Shorthair.
Se hai un dubbio o non sai cosa fare se il tuo gatto digiuna, portalo da lui.
Ragiona sul perché fa così, quando sarete là, lo aiuterete a fare la diagnosi.
Se hai qualsiasi cosa da chiedergli o affrontare per il bene del tuo gatto, vai
da lui.
Non andare sempre dal veterinario per ogni piccola sciocchezza, oppure
non decidere di sapere tutto sulla razza senza mai andare dal veterinario
tranne che per i vaccini per non spendere troppi soldi. Può avere un
problema in tutto il tempo e tu gli daresti farmaci troppo potenti o
sbagliati.
Il veterinario sa tutto su tutti gli animali. Lì puoi portargli il tuo gatto se
soffre di malattia, se deve fare un vaccino, se vuoi fargli mettere il
microchip ecc.
Non dare mai farmaci o medicine al tuo esotico prima che il veterinario te
le prescriva e non esagerare mai sulle porzioni perché può avere brutti
effetti collaterali.
Il veterinario per il bene del tuo gatto 82
LaFontayn
ERBA GATTA E CREME
Erba gatta: Tutti gli animali hanno bisogno di mangiare l’erba. Il cane per vomitare
e il gatto per due motivi:
• Vomitare
• Espellere i peli ingurgitati per non soffocare
Nel tuo appartamento possono esserci piante velenose. Il gatto se ha
bisogno di espellere i peli le mangerà e allora dovrai subito portarlo dal
veterinario per non rischiare soffocamento o perfino la morte!.
Per evitare ciò, è il caso dell’erba gatta.
È molto saporita per il vostro gatto, potete piantarla e tenere anche in casa
perché ha bisogno solo di acqua, sole e ovviamente terra non secca e ricca
di minerali.
Quest’erba è molto naturale e saporita, fa espellere i peli molto più
facilmente evitando troppi rigurgiti e facendoli espellere nelle feci.
Se non volete prendere l’erba gatta, ci sono varie creme con la stessa utilità
di quest’ultima come il Remover (ovviamente potete comprargli ciò che
volete). Essa è molto dolce e piace a tutti i gatti, se non gli piace, potete
mettergliela sulle zampe o sui denti così che se la lecchi.
Va data una volta al dì per 2-3 giorni e poi due volte alla settimana.
Creme: Esistono varie creme per la salute del tuo gattone. Quelle per fargli
prendere le vitamine (paste multivitaminiche), altre se il tuo esotico soffre
83
di malattie. L’uomo ha inventato molte creme/pastelle per la salute del
nostro amato a quattro zampe.
Non gli date integratori se non ve lo dice il veterinario. La cosa peggiore è
darglieli quando segue già una dieta alimentare sana con calcio, fosforo e
tutte le vitamine necessarie.
CIBO PER MAMMA GATTO PRIMA PARTO E DOPO
PARTO
Prima del parto consiglierei di dargli il cibo che gli davate anche prima
con le vitamine e creme necessarie che farebbero nascere bene anche i
cuccioli.
IL CALCIO ALLA GATTA:
Gli allevatori tendono ad avere pareri contrastanti sul dargli calcio prima il
parto. Ma s’è deciso di no.
A tutte neo mamme che hanno partorito, soprattutto a quelle che sono in
allattamento, anziché calcio, si consiglia il cibo per cuccioli di qualità,
altamente energetico, suddiviso in tre ma anche quattro pasti al giorno.
Allevamento Fata Morgana
ATTENZIONE!
Non fare ingrassare la gatta prima del parto perché sarebbe molto più
complicato e bisognerebbe fare il parto cesareo
84
PROBLEMI DEL TUO ESOTICO
ESOTICO CECO
Se il tuo esotico è ceco, si capisce subito dallo sguardo vuoto quando
guarda e il suo comportamento appena arrivato a casa (sbatte contro gli
oggetti, annusa l’aria, guarda il vuoto con le pupille dilatate al massimo).
Prima di dire subito è ceco, portatelo dal veterinario per un’analisi più
accurata.
Se il vostro piccolo micino è ceco, dovrete curarlo di più, non spaventarlo
con rumori troppo forti o gesti bruschi e tranquillizzarlo con coccole e
parole dolci.
I gatti capiscono tutto, puoi raccontargli chi siete se non può vedervi e
tranquillizzarlo con parole di conforto. Se ti graffia e non si fa prendere,
lasciatelo nascosto senza disturbarlo e state immobili a guardarlo. Dopo
che è uscito dal nascondiglio e ha familiarizzato con la casa, puoi iniziare a
parlare di nuovo. Il legame che vi stringerà, sarà fortissimo, dovrai curarlo
benissimo e amarlo il doppio in modo che si senta sicuro. Da vecchio si
sarà abituato al suo difetto.
ESOTICO SORDO
Se il tuo gatto è sordo, dovrai parlare con lui a gesti, non farli troppo
spaventosi, potrebbe scappare terrorizzato. Avvicinati e accarezzalo piano,
metti il dito davanti al suo nasino e lascia che te lo annusi. È facile vivere
con un esotico sordo, anche se non gli puoi parlare, capisce i tuoi
sentimenti, quando lo lodi con lo snak e che lo ami, è l’unica cosa di cui ha
bisogno.
Attenzione! Se continuate a parlare con lui a gesti, lo terrorizzerete in
eterno, solo la prima volta potrete.
Qual è l’esotico sordo?
Questo problema possono averlo tutti gli esotici ma, è maggiormente
frequente in quelli bianchi o albini.
85
ESOTICO SENZA CAPACITÀ DI SENTIRE IL DOLORE
È un grosso difetto. Non sentire il dolore significa non regolarsi.
Già da piccolo non potrà regolarsi giocando con gli altri della cucciolata e,
con te vorrà giocare ma il problema è che non si saprà regolare e perciò
non riuscirà a capire quanto dolore ti ha fatto e, se lo sgriderai non capirà
nemmeno il perché.
È un grosso problema questo. Portalo dal veterinario se ha questo
problema e chiedi come aiutarlo a migliorare.
86
Allevamento Fata Morgana
87
Parte: 2
Amare un gatto significa apprezzare la natura:
essi scelgono chi amare e non dipendono da
nessuno.
Michael Fox
Allevamento Falco D’Oro
Finalme nte ar r ivato!
88
PERCHÈ UN ESOTICO E NON UN NORVEGESE
DELLE FORESTE?
Pensa tre motivi e annotali qui sotto del perché ti piace un Esotico.
1) ……………………………………………………………..
2) ……………………………………………………………..
3) ……………………………………………………………..
Secondo me il primo motivo per prendere un Esotico è volere veramente
un Exotic Shorthair perché adori questa razza e poter dedicarti a lei/lui
amandola/amandolo
L’ESOTICO È IL GATTO CHE FA PER TE?
Sebbene siano tutti i gatti bellissimi, l’Esotico e il Persiano sono i più
meravigliosi del pianeta con quel visino meraviglioso e sempre bambino,
però non sono adatti a tutti.
Un Esotico chiede compagnia e un cuore enorme e compassionevole, ha
una fame insaziabile di coccole e amore e tende come il cane a leccare e
seguire il padrone dappertutto!
Con il suo musino, i suoi occhioni perfetti, l’andatura fiera e un
atteggiamento elegante e saggio ma nello stesso tempo dolce e pacioccone,
è la bellezza e il carattere migliore in persona impacchettata in un regalo
per te.
In poche parole, l’Esotico, il British e il Persiano si sentono i protettori dei
propri padroni, ascoltatori dei loro racconti e consolatori delle loro
tristezze.
COSA DICE L’EXOTIC SHORTHAIR?
Io rimango sempre con l’aspetto di un cucciolo, anche da adulto. Cosa
c’è di meglio di un cucciolo?
89
È LA RAZZA IDEALE PER:?
È ideale per:
Ø Chi abita in città
anche se può vivere anche in ambienti urbani, suburbani e
rurali
Ø Per chi trascorre la maggior parte del tempo in casa
gli esotici sono felicissimi di stare in compagnia col padrone e
non sempre soli. Inoltre hanno bisogno di cure amorevoli
Ø “Per chi cerca un amore molto lungo”
se curato bene, non fatto ingrassare, giocando con lui e
facendogli fare sport l’Exotic Shorthair può vivere fino a 20
anni.
Attenzione:
gli esotici mal curati vivono meno
Ø Per chi deve spostarsi poco
l’Esotico non adora viaggiare, come d’altronde gli altri gatti. Si
stressa troppo a cambiare territorio
Allevamento Fata Morgana
90
UN ESOTICO È LA SCELTA PEGGIORE PER CHI
v Sta sempre fuori o al lavoro fino a sera.
L’esotico ha bisogno di compagnia, in questo caso meglio
comprare due esotici per farsi compagnia a vicenda.
Un altro problema legato a ciò è quello dei peli. Non si ha
abbastanza tempo per curarlo e spazzolarlo
v Lo tratta come un cane.
Nel senso voler giocare con lui anche quando dorme
svegliandolo ecc..
v Lo terrebbe sempre in giardino e mai in casa.
L’Esotico non è di certo un gatto da giardino. Se hai un
giardino, bene potrà allargare il suo territorio ma, è assurdo
farlo vivere sempre in giardino.
v Chi vorrebbe sempre la casa pulita
L’Esotico è ricco di pelo e non è per niente adatto per chi vuole
la casa senza peli
PERCHÈ CERTE PERSONE NON VOGLIONO
L’ESOTICO?
L’esotico non va bene a tutti ma si adatta al problema 4 mancanza di
spazio.
Affezione: quando una persona ha avuto un gatto che però gl’è morto, non
ne vuole più sapere di altri gatti
Mancanza di tempo: non si ha abbastanza tempo per badare il gatto
Mancanza di interesse: non si riesce a capire il suo carattere
Mancanza di soldi: non si ha abbastanza soldi per curarlo e comprare tutte
le sue cose
91
Mancanza di spazio: non si ha un appartamento abbastanza grande
Costrizione: non si vuole avere un gatto perché è indipendente, salta sui
mobili, perde peli dappertutto ecc.
LE MAGGIORI ATTENZIONI PER:
BAMBINI & ESOTICI
È meglio non lasciare un bambino troppo piccolo o un neonato in
presenza del gatto o viceversa.
Neonati perché il gatto può soffocarli sedendocisi sopra.
Bambini troppo piccoli perché gli farebbero del male (prenderlo per la
coda, svegliarlo per giocarci ecc.).
Ancora peggio se il gatto è territoriale, morderebbe e graffierebbe il
bambino. Invece se i bambini sono un po’ più cresciuti e si comportano
bene con il gatto, (come Artù con me. L’ho preso quando aveva due mesi e
l’ho curato come una mamma, lui si è affezionato a me. Lavato, curato e
amato sempre, per questo mi ascolta sempre e mi lecca la faccia la
mattina) se invece il bambino non si comporta bene, lasciateli vicini
tenendoli d’occhio.
Diversi sperimenti dicono tutti che, un bambino cresciuto con un gatto,
viene stimolato per diventare una grande persona molto intelligente e
diventa anche più sensibile
ALTRI GATTI O ANIMALI DOMESTICI?
Questo gatto è molto paziente. Quindi perfetto per vivere con altri animali.
CON UN GATTO:
Se avete un altro gatto e prendete l’esotico cucciolo, esso giocherà con
l’altro gatto seccandolo un po’, bisognerebbe controllare l’altro in modo
che non graffi il cucciolo.
CON UN CANE:
Se avete un esotico e prendete un cucciolo di cane, esso sarà geloso
dell’affetto che darai al cane e soffierà contro esso se lo disturberà.
92
Non esiste un vero conflitto tra cane e gatto, loro iniziano a litigare solo
perché parlano due lingue diverse. Non tutti litigano, parecchi gatti e cani
parlano una lingua mista abbastanza facile da capirsi e dormono uno a
fianco all’altro. Se i due si capiscono ma il cane è turbolento e per chiedere
di giocare mordicchia le guance al gatto, controllali. Se proprio litigano
sempre, separali.
Se avete un cane adulto, controlla che non morda il gatto seccato dal suo
comportamento giocherellone.
Il gatto quando scodinzola è arrabbiato o nervoso, il cane se fa questo
gesto con la coda è felice.
CON L’UCCELLO:
Con l’uccello di casa, il vostro esotico, se nutrito poco, non costruirà un
rapporto sull’amicizia, piuttosto sulla fame vedendo quel bel uccellino
saporito. Ti consiglio di nutrirlo bene ma non troppo, un gatto ben nutrito
può dormire perfino a fianco all’uccello.
COL CONIGLIO:
Se nutrito bene, ci può anche dormire, sta attento a quando vuole giocare!
Potrebbe giocare nel coniglio a fare il predatore e graffiarlo, inseguirlo e
cappottarlo.
NON TUTTI GLI ESOTICI SONO UGUALI
Non si può sapere come diventerà da adulto il tuo esotico. La maggior
parte da piccolo ha gli occhi in fuori e strabuzzati e da adulti diventano
sempre più belli con gli occhi perfetti.
Non tutti però seguono questo ritmo, da cuccioli certi sono bruttini e da
adulti rimangono così.
Ci sono di esotici simpatici e vivaci; altri scorbutici e vivaci; altri ancora
paciocconi e pigroni.
Non sono giochi che, se diventano brutti si abbandonano nelle strade o
si buttano via, è per questo che la scelta di un animale è molto seria.
93
Adrenalina. Dell’Arcobaleno
ADULTO O CUCCIOLO
Si può scegliere se prendere l’Exotic Shorthair adulto o cucciolo.
Spesso le persone anziane credendo di non vivere abbastanza per curare il
gatto o quelle che hanno poco tempo per starci insieme preferiscono un
adulto.
Le altre persone un cucciolo da curare e vedere crescere.
L’adulto rispetto al cucciolo ha già imparato a usare la lettiera, non
graffiare i mobili o le tende ecc., la cosa più bella di prenderlo da adulto è
che è già andato/andata in calore e quindi la persona anziana non deve
starci dietro sempre. Se la persona è in pensione, può benissimo leggersi
un libro rilassandosi con il suo gatto seduto a fianco e senza il bisogno di
giocare troppo con esso (attenzione, anche se il gatto è adulto ha sempre
bisogno di giocare. Intendevo non sempre come vogliono i cuccioli).
Inoltre da adulto è un migliore ascoltatore e consolatore.
Il cucciolo invece non ha esperienze. Bisogna educarlo solo a non graffiare
i mobili o graffiare le tue mani (il resto dovrebbe averglielo insegnato
l’allevatore). Il cucciolo andrà in calore, ha un bisogno enorme di amore e
dipenderà sempre da te, perché se non ci sei tu a dargli da mangiare, la
casa dove dormire morirebbe.
Quando sarà adulto avrai la gran gioia di guardare le foto che hai fatto
quando era piccolo e sorridere guardandolo adesso da adulto.
DOVE NON COMPRARE IL PROPRIO MICIO
Bisogna avvertirti dove non comprare il tuo micio.
94
È importante saperlo per non ritrovarsi un esemplare malaticcio e fragile.
v Non nei siti di internet dove mettono foto di bellissimi esotici
che in realtà sono di un allevamento e ti ritrovi a casa con un
esotico completamente diverso.
AVVERTENZA!
È meglio non farsi spedire un animale a casa, ti consiglio di andare a
vederlo assolutamente in allevamento per vederlo veramente quando lo si
porta a casa.
v Nei siti di internet che dicono Esotico in vendita a quattrocento
euro e poi quando li chiami ti dicono di andare là. Ti mostrano
un Esotico e poi tu lo paghi e quando vai a ritirarlo te ne danno
uno completamente diverso
CONSIGLIO
Vacci due volte là all’allevamento. La prima volta per vederlo, la seconda
volta per pagarlo. Prima di prenderlo, controllalo bene e informati negli
allevamenti di internet per saperne di più.
v Non Esotici vendita gratis perché anche se belli e non si notano
problemi, può avere una malattia che non sai mentre
l’allevatore sì
AVVERTENZA
Chiedi sempre il libretto delle vaccinazioni, contatta il suo veterinario e
informati sull’Esotico che dovevi comprare
v Non guardare nei giornali. Alle volte possono imbrogliare, altre
volte invece possono aiutarti e dirti un allevamento migliore
dove comprare il tuo gatto
v No ai negozi per animali. Certi possono essere affidabili ma
altri venderti un gatto malato gravemente ma con l’aspetto
bello e perfetto. Ti consiglio di prenderlo in allevamenti
affidabili.
95
CONSIGLIO
Se hai trovato un allevamento, informati su internet o tramite amici che
hanno preso un gatto e avendo più esperienza conoscono gli allevamenti
più affidabili. Se è affidabile informati un po’ sulla razza, soglia delle
riviste di gatti prima di andare a vedere il cucciolo che hai scelto.
MASCHIO O FEMMINA?
È difficile la scelta del sesso. Ti do dei consigli per scegliere l’esemplare
migliore per te.
Femmina
Più intelligente
A volte lunatiche e aggressive
(intendiamoci, solo quando sono
in calore possono avere questi
due comportamenti)
Vivace e ascoltatrice
Maschio
Meno intelligente (intendiamoci,
non andicappato. Ci sono gatti
maschi che hanno imparato
anche a fare i bisogni nel wc)
Buoni e simpatici
Vivace e pacioccone
Seguono il padrone in tutte le
stanze della casa
Secondo me, e di sicuro altre veterinarie e scienziati dei gatti consigliamo
che la femmina riesce a rapportarsi meglio con l’uomo.
Il maschio con la donna.
La donna preferisce il gatto perché è molto meglio di un marito, può fare e
ricevere coccole non come fa con il marito. Appena lo accarezza crede che
significhi di più.
L’uomo preferisce la gatta perché è molto meglio di una donna, può
instaurare un legame con essa non solo per la sua bellezza ma perché
riesce a farsi capire meglio esprimendo ciò che vuole senza permettere
altro e dicendolo. Cosa che la maggior parte delle donne non fa, è proprio
l’essere timide, il non dire al marito/fidanzato che non voleva fare cose di
più se gli accarezza il collo. L’uomo vissuto con il gatto capisce in modo
felino come la donna
96
CHI SI OCCUPERÀ DI LUI/LEI?
Prima di comprare un gatto, ti consiglio di prendere un taccuino dove
scrivere delle fondamentali domande con risposte:
v Quando vai al lavoro e non torni a pranzo o a cena, chi darà al tuo
Esotico da mangiare? Chiedi ai tuoi amici o familiari. Se riesci a
tornare a pranzo e a cena è molto meglio.
v Se vai a fare un viaggio per lavoro o in vacanza e non puoi portare il
tuo gatto, chi si occuperà di lui standoci vicino tutto il giorno?
Chiedi a amici intimi o familiari.
Le domande più importanti prima di parlare di quando s’è deciso di
prendere un gatto sono le più importanti:
I. Sarai tu a curare sempre il gatto e amarlo senza abbandonarlo in strada
a morire perché non riesci ad avere tempo per curarlo? ( sì ) o ( no )
II. Hai abbastanza soldi per occuparti delle cure, oggetti da comprare per
un arrivo felice e innumerevoli visite veterinarie e medicinali se il tuo
gatto sta male? ( sì ) o ( no )
III. Hai abbastanza tempo per rimanere con lui? ( sì ) o ( no )
Se non riesci a rispondere a queste domande essenziali, è meglio
riparlarne di questo argomento quando potrai rispondere a tutte le
domande di sì.
COME TROVARE L’ALLEVAMENTO?
Ti consiglio di informarti tramite giornali, amici e internet. Sui siti
internet, puoi vedere i migliori allevamenti della tua regione.
Trovato il sito, guardate gli esemplari in vendita, di cuccioli o adulti. Sotto
la foto dei gatti in vendita dovrebbe esserci scritto il sesso, il nome se già
dato dall’allevatrice e a volte anche il pedigree. Trovata la foto del gatto
che vuoi, osservala per capire se ha difetti e infine chiamate il numero
97
dell’allevatrice. Se c’è un unico gatto cucciolo in vendita, anche se
bruttino, ti consiglio di andarlo a vedere in allevamento perché il micino
potrebbe essere un bellissimo esemplare, solo che l’allevatrice non sa
scattare foto.
L’ALLEVATORE
Trovato l’allevamento informatevi sul tipo di allevatore se è affidabile o meno
e controllate il numero di gatti venduti da egli.
Le regole importanti che dovrebbero essere seguite dall’allevatore sono:
Curare sempre e amorevolmente i loro gatti
Avere i gatti col pedigree perché significa che tiene a cuore la razza
Non venderli mai prima dei due o tre mesi di età perché più carini e
quindi più venduti.
Se non segue queste lettere, non è un allevatore affidabile.
Cercane un altro
DOMANDE ALL’ALLEVATORE
Quando avete trovato la foto del gatto che volete, chiamate l’allevatore per
chiedergli se non ci sono già scritte sotto:
◊
◊
◊
◊
◊
◊
◊
Di che sesso è
Quanti mesi (o anni nell’adulto) ha
Se ha il pedigree
Il nome se già dato
La madre l’ha già allontanato/a?
Che cosa mangia?
In che lettiera fa i bisogni?
98
◊
◊
◊
◊
◊
◊
◊
◊
Se soffre di malattie psicologiche o genetiche
Se è un esemplare d’accoppiamento o da malattia
Se ha dei difetti
Ha fatto i primi vaccini?
Come si comporta dal veterinario?
Qual è il suo veterinario?
La via specifica per raggiungere l’allevamento
E infine prendere l’appuntamento per quando andarlo a vedere
Se l’allevatore non risponde a tutte le domande per nascondere se ha
malattie genetiche o difetti, cambiate l’allevamento.
Se è un adulto:
◊
◊
◊
◊
◊
◊
◊
Come è cresciuto/a?
Come è stato trattato/a?
È stato/a fatto socializzare con bambini, adulti e altri animali?
Ha imparato dove fare i bisogni e tutte le cose importanti?
Ha problemi di salute?
È abituato/a a un particolare stile di vita?
Ha fatto tutti i vaccini?
Se è una femmina oltre alle domande di prima chiedere ciò:
◊
◊
◊
◊
Ha partorito bene?
Ha fatto il taglio cesareo?
Ha partorito i cuccioli o sono morti?
È già andata in calore?
Se l’allevatore è molto bravo, dovrebbe avere avuto almeno un cucciolo
sformato e che abbia pianto in silenzio mentre moriva.
Una cucciolata cresciuta tanto bene e alla fine mostratasi un vero disastro.
La morte di una madre Esotica mentre partoriva.
99
Queste esperienze mostrano che l’allevatore per non rifare questo
problema leggerà e s’informerà su tutti i libri per migliorare la sua
sapienza e diventare un vero, bravo allevatore.
TEST DALL’ALLEVATORE
1. Quando sei arrivato in allevamento, fatti spiegare come tenere il
gatto.
2. Siediti su un divano con il micino e giocaci un po’.
3. Osserva se è un perfetto esemplare.
4. Chiedi all’allevatore di mostrarti come tagliargli le unghie.
5. Chiedi all’allevatore come si comporta spazzolandolo.
Con questi test, saprai come curare il tuo gatto.
CONSIGLIO
Esigi la garanzia se il tuo Esotico è gravemente malato.
Appena ritirato e pagato, portalo per una visita dal veterinario, è bene che
lo scopri prima di esserci affezionato.
INDIZI DI UN ALLEVATORE DI DUBBIA ONESTÀ
Continua a ripetere i termini “purosangue” e “puro”.
Dice che è un campione perché CH ( significa campione), ma non
significa di certo che o i suoi genitori o lui/lei sarà un campione
Non vuole dare la garanzia o qualunque contratto
Consegna i piccoli troppo presto
Attenzione:
100
se l’allevatore si comporta in un modo o dice qualcosa che non ti piace
vattene subito
ADOTTARE UN ADULTO
Se pensi di adottare un adulto, un’attenta valutazione è importantissima.
Poni domande sulla storia e il comportamento di questo esotico.
Domanda all’allevatore perché danno via l’esotico e, se appartiene
all’allevamento chiedi:
{ Se ha finito la sua carriera espositiva perciò lo vendono
{ Se ha partorito e ha finito il ruolo di mamma
{ Se ha avuto i tagli cesarei
{ È sterilizzata?
{ È castrato?
{ Se è stato preso da cucciolo e riportato in allevamento, chiedi il
motivo.
Chiedete anche com’è cresciuto/a leggendo il capitolo “Domande
all’allevatore” a pag. 99.
Controlla la sua corporatura molto attentamente.
ADOTTARE UNA CUCCIOLATA
Se hai fatto figliare una mamma, che è riuscita a partorire i cuccioli ma è
morta, bisogna controllarli:
TORACE: osservatelo bene guardando se ci sono segni di ferite o la
colonna vertebrale con anomalie.
Controlla l’ombelico che non ci siano infiammazioni o anomalie.
Controlla ano o genitali per guardare che siano normali.
Osserva e tasta la coda per vedere se ha eventuali nodi.
ARTI: ispeziona gli arti, che non abbiano ossa troppo lunghe, deformità e
numero delle dita.
Controlla i cuscinetti che non abbiano ferite o arrossamenti.
Controlla gli speroni delle zampe.
101
PELLE E PELO: controllate che la pelle non sia arrossata.
Controlla che il pelo copra tutto il corpo.
Attenzione!:
vocalizzazione e debolezza, silenziosità possono essere segni di malattia,
tu dovrai essere la mamma del tuo esotico:
« Nutrirli
« Tenerli al caldo
« Insegnargli a fare i bisogni nella lettiera
Dovresti parlarne con il tuo veterinario perché possono determinare la
sopravvivenza dei tuoi gattini
Qualcuno di loro presenta deformità?
Qual è stata la causa della morte della madre dei gattini?
Quale età hanno?
Quanto pesavano alla nascita?
Quanto pesano adesso?
Leggete il capitolo “Cuccioli orfani: Nutrire i cuccioli senza mamma”
COME SCEGLIERE IL CUCCIOLO IDEALE?
È difficilissima la scelta del cucciolo ideale se ci sono ancora i suoi fratelli.
Ti troverai di fronte a una stanza dove vedrai parecchi gattini giocare tra di
loro.
Immagina che ci siano cinque gattini di così bei colori da avere
l’imbarazzo della scelta.
È importante che il potenziale padrone possa toccare, scrutare, accarezzare
e chiedere sul cucciolo per riuscire a scegliere.
Scegliere attentamente comporta un’accurata analisi dopo un’attenta
riflessione, e in base alle informazioni date dall’allevatore/proprietario
dove lo adottate/comprate.
Nel tempo che l’allevatore vi parlerà, giocate con il micino che avete
scelto per farvelo amico e farvi conoscere meglio
102
Tieni a mente ciò che ho detto tra i maschi e le femmine.
La scelta del più bello non è mai esatta
Non scegliere un Esotico che ha un cambiamento che lo distingue dagli
altri perché in realtà è un difetto, se anche lo rende più bello
distinguendolo dagli altri, può causare nella crescita brutti problemi anche
gravi.
Fate una scelta responsabile ma, nello stesso tempo bella e accurata. Non
bisogna mica scegliere un Esotico strabico!
Artù in allevamento
ESOTICO DA COMPAGNIA O DA ESPOSIZIONE
L’allevatore se è affidabile, dovrebbe assolutamente dire se l’esemplare
che vuoi comprare è da compagnia o da esposizione/accoppiamento. Se
non te lo dice domandaglielo.
DA COMPAGNIA
DA ESPOSIZIONE
L’esotico da compagnia non ha il L’esotico da esposizione ha il
pedigree.
pedigree ed entrambi i genitori
sono campioni.
COME SCEGLIERE IL NOME
103
La scelta del nome è assai difficile.
Il nome deve adattarsi all’Esotico che prenderai, non deve farlo sembrar
ridicolo diminuendo la sua stima.
Il nome però deve essere non lungo come Penelope ma composto da vocali
e consonanti semplici e le migliori vocali sarebbero accentate come Artù.
Le vocali accentate permettono di essere semplici e meglio ascoltate e
capite. Se stai insegnando al tuo gatto a rispondere al nome Leonardo, esso
non si affaccerà se lo chiami. In casi dove hai insegnato ad esso a
rispondere al nome Leo, potrai prolungarlo fino a Leonardo.
SE NON SAI CHE NOME DARGLI
Cerca su internet nei siti degli allevamenti e leggi i nomi dei gatti, da lì
potresti ispirarti.
QUANDO DARGLI IL NOME?
Il mio consiglio è di andarlo a vedere due volte in allevamento, la prima
volta per vederlo. Tornato a casa, potrai pensare a un nome per lui.
Nella seconda visita, tornare con il nome per lui e pagarlo portandolo a
casa
COME INSEGNARE IL NOME AL GATTO?
1. Ripetigli il suo nome lentamente e scandendo bene consonanti e
vocali.
2. Prova a chiamarlo con il suo nome mostrandogli ciò che gli piace
mangiare (come del prosciutto), quando verrà al suo nome, lo
premierai. Ripeti quest’operazione fino a che lo chiamerai e lui verrà
senza bisogno di premiarlo
Anche se gl’insegnerai il nome, esso si affaccerà solo quando vorrà
pensando che ha qualcosa di meglio da fare e tu puoi benissimo fare ciò
per cui lo vuoi lì presente.
104
Non lo punite se viene quando vuole lui, è normalissimo.
GLI ESOTICI VANNO A COPPIE?
I gatti selvatici non sono sociali. I maschi s’incontrano solo per gli
accoppiamenti, mentre le femmine oltre che per gli accoppiamenti fino a
che i suoi cuccioli non si sviluppano.
I gatti domestici che vivono nello stesso appartamento, possono fare uno
strappo alla regola. Capita a volte che i maschi riescano a curare i cuccioli
insieme alla loro madre e starci insieme.
Questo fatto è maggior presente nei gatti sociali come l’Esotico.
Un consiglio per farli accoppiare
Se hai un Esotico di colore lilac (un colore molto raro) e vuoi avere un
cucciolo suo dello stesso colore, ti consiglio di farlo/a accoppiare con una
femmina/maschio dello stesso colore. I cuccioli nasceranno di quel colore.
Se fai accoppiare il tuo gatto color tartaruga con uno rosso e crema,
nasceranno piccoli marroni, neri, bianchi, rossi e crema.
Un consiglio
Se farai accoppiare un Esotico con un altro della stessa razza, nasceranno
quasi tutti esotici e pochissimi Persiani o anche nessuno.
Se farai accoppiare un Esotico e un Persiano, sarà molto raro trovare nella
cucciolata anche solo un Esotico.
Se farai accoppiare due Persiani, nasceranno tutti Persiani.
Se farai accoppiare un Esotico con un British, nasceranno di tutti e due i
tipi (stessa cosa con Persiano e British).
LE COSE DA COMPRARE PER UN ARRIVO FELICE
Adesso che puoi permetterti un gatto, devi comprare prima di adottarlo,
tutto il necessario per un arrivo felice.
Obbligatorie:
105
Lettiera: compra una lettiera che sia spaziosa (non contate la grandezza del
cucciolo, prendete una abbastanza grossa anche quando sarà adulto) e con
ghiaia, sabbia ecc. ben pulite e sempre controllate buttando via i bisogni.
La miglior lettiera è quella aperta, oltre ad un maggior controllo della
pulizia, fa anche non sentire l’odore senza immagazzinarlo dentro un
piccolo spazio.
Ciotole: le ciotole sono molto importanti per l’alimentazione del tuo gatto,
senza di quelle non potrebbe mangiare. Essendo una razza un po’
schizzinosa non mangerebbe sempre per terra. Leggete il capitolo “ciotole”
a pagina 70.
Cibo: l’elemento più indispensabile. Senza quello morirebbe
Salviette: per pulire gli occhi, il naso e altre parti del corpo
Giochi: assolutamente importanti per la crescita del gatto
Qualcosa su cui fare esercizio: come un tiragraffi o altri oggetti come una
bacinella d’acqua.
Spazzola: indispensabile per non fargli ingurgitare troppi peli
Cose che si possono fare a mano
Cuccia: dove il gatto può riposare
Giochi: essenziali e si possono fare a mano
In più
Snak: succulenti bocconcini per far venire appetito se il gatto non mangia
più.
Erba gatta: per il benessere del tuo gattone
Creme e paste multivitaminiche: per il benessere del tuo gattone
106
BENVENUTO A CASA!
IL VIAGGIO LASCIATO L’ALLEVATORE
Finalmente puoi andare a ritirare il tuo micino in allevamento! Che
emozione che si prova. Ti consiglio di scrivere nel quaderno dove hai
scritto anche le domande e risposte che ti chiedevo questo meraviglioso
giorno pieno di emozioni.
Il mio consiglio è quello di andare a prendere il gatto con un’altra persona,
così nel viaggio di ritorno, potrai dedicarti a lui/lei mentre il tuo
compagno/compagna guida.
Ti consiglio di preparare la macchina con un trasportino di taglia media
con dentro una coperta morbida.
Quando hai preso il tuo micino e sei dall’allevatrice, mostragli il
trasportino dove lo metterai e fallo ambientare all’interno. Accarezzalo
rassicurandolo quando sei in macchina e mettiti vicino a lui. Se ha paura di
scendere dal sedile, potrai non metterlo nel trasportino e farti annusare le
mani. Se vuole scendere dal sedile, mettilo nel trasportino rassicurandolo.
COME TENERE LA MACCHINA?
Ti consiglio di non aprire le finestre.
1. potrebbe scappare
2. potrebbe prendere freddo se è un giorno di vento o altro.
Non accendere l’aria condizionata perché, anche se a te non arriva in
faccia, al tuo piccolo micino sì e potresti portarlo a casa malato.
PROBLEMI DI MACCHINA
Se soffre di macchina e o l’allevatrice s’è scordata di dirtelo o ti sei
scordato l’anti-vomito, rassicuralo ogni volta che vomita, accarezzalo non
107
sulla testa, sotto il mento, le orecchie o la pancia. Mettigli l’asciugamano
davanti e assolutamente non ti arrabbiare se per sbaglio vomita sul sedile
della macchina, anzi tienilo nel trasportino mentre pulisci, evita di fargli
toccare il vomito mentre pulisci e prima. Se lo sgriderai, potrebbe
stressarlo e fargli peggiorare il problema.
Scrivi tre emozioni che hai provato quando hai preso il tuo ……… (metti
il nome del tuo gatto).
1. ……………………………
2. ……………………………
3. ……………………………
IL PRIMO GIORNO A CASA
Arrivato a casa, tenetelo in una stanza. Sistema tutte le sue cose in angoli
della stanza adatti. Non mettetelo in una stanza piccola come in uno
sgabuzzino delle scarpe, scegliete una grossa stanza, spaziosa e di
temperatura media.
Appena portato a casa dal viaggio, sistematelo nella sua stanzetta e, se è
l’ora della sua pappa, provate a mettergliela nella ciotola. Non ti
preoccupare se non mangia tutto il giorno, è normale. Se invece è un
esemplare che si adatta subito e mangia, sei a posto.
Se invece non deve mangiare, chiudetelo nella sua stanza e state insieme a
lui. Osservate ciò che fa annotandolo nel suo diario. Se miagola spaventato
e preoccupato, consolatelo senza troppi stritolamenti non graditi.
SE HAI UN ALTRO ANIMALE
Dopo averlo fatto ambientare nella sua stanza.
Con un gatto.
Fatevi annusare la mano, in modo che ti lasci i suoi feromoni nella mano.
Vai nella stanza dove c’è l’altro animale e fagli annusare i feromoni. Poi
prendi i feromoni del gatto che c’era già e fallo annusare al nuovo arrivato.
108
Per aiutare la convivenza, puoi spalmare oggetti con l’odore del micio sui
muri. Quando libererete il gatto dalla prima stanza, controllateli in una
stanza pronti a tutto. Se non convivono aspetta pazientemente.
Se è un cane, nel primo incontro, portate il gattino in braccio e fategli
toccare il suo naso con quello del cane. Se è troppo esuberante, tieni il
gatto in braccio e abbassalo lentamente pronto a tirarlo su. Se il cane
mostra disinteresse o felicità, tieni il gatto e abbassalo per terra. Quando
sei sicuro che si sono conosciuti, lascialo libero.
LASCIARLI A MANO A MANO PIÙ STANZE
Appena portato a casa, tenetelo in una stanza, dopo che si è ambientato,
potete lasciargli a mano, a mano più stanze. Con calma mostrandogliele
tutte e chiudendo quelle private dove per adesso, non può andare.
Non mostrategli tutte le stanze per volta e, se siete in città e non avete
giardini, ti consiglio di mettere le zanzariere alle finestre perché, se il tuo
gatto scappasse, verrebbe investito o morirebbe dopo un giorno.
L’Esotico non è un gatto normale o un orientale. Ha bisogno di cure
continue e, se scappa, non riuscirà a vivere nemmeno un giorno.
COME FAR CONOSCENZA COL PROPRIO MICIO
Per costruire un legame stretto con il proprio gatto, non essere troppo
strafalcione o stritolatore negli abbracci.
Vi spiego i caratteri che non o potete fare:
☻ Assolutamente non credete che sia un pupazzo svegliandolo e
giocandoci quando volete.
☻ Non prenderlo sempre in braccio stritolandolo e sbaciucchiandolo.
☻ Non trascurarlo
☻ Non tornate troppo tardi
109
Cosa potete fare:
☻ Accarezzatelo dietro le orecchie e soprattutto sotto il collo
☻ Fatevi annusare facendovi mettere i suoi feromoni.
☻ Nutrilo sempre tu per farlo affezionare a te.
☻ Curalo sempre di più per farlo affezionare a te.
☻ Giocaci quando ha voglia
PER STABILIRE UN DOLCE RAPPORTO
♥ Come ho detto prima, per stabilire un dolce rapporto, curalo e non
stritolarlo… amalo
OSSERVA Annota qui sotto, il carattere del tuo Esotico.
Es.: buono, aggressivo, dolce, pacioccone, saggio, giocherellone, solitario,
se la sa godere, è un dormiglione ecc.
………………………………………………………………………………
Vai a pag. 28 rispondendo alle domande e osservando il tuo piccolo
gattino.
Scrivi qua sotto l’allevamento dove l’hai preso:
…………………………………………………………………………….
È un esemplare da compagnia o da esposizione?:
……………………………………………………………………………
110
Quanti mesi ha?:
…………………………………………………………………………..
Quando è nato?: …………………………………………………………
In quanti erano nella cucciolata?:
………………………………………………………………………………
CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI
Ovviamente, quando eri in allevamento, l’allevatore ti avrà sicuramente
dato il libretto sanitario del gatto con su scritto la razza, il giorno della
nascita e gli appuntamenti dal veterinario. Ti consiglio di farti una tabella
sul diario che hai scritto per il tuo gatto facendoci una tabella simile a
questa:
Appuntamenti
Giorno
importanti
dell’appuntamento
Veterinario
(ad
esempio si potrebbe
scrivere
perché
deve andare dal
veterinario
come
scrivere
ad
esempio:
Veterinario (rabbia)
Lavaggio
Cibo da comprare
Gare di bellezza o
viaggi
Data
COME COMPORTARSI SE FA UN PUTIFERIO IN
CASA
111
Per alcune persone è molto difficile sgridare il proprio gatto per via dei
suoi occhioni e del suo faccino da angioletto. In questo caso, un secco no
va bene, se non si riesce a farlo smettere,una spruzzatina d’acqua.
Per chi riesce a sgridarlo, consiglio di non dargli le sculacciate anche se ti
viene tanta voglia perché forse ha quasi distrutto la casa. Mantenete la
calma e urlate un: “No” secco oppure un battito di mani o una spruzzatina
d’acqua per farlo allontanare.
Non consiglio le punizioni perché se lunghe o corte, il gatto non le capirà.
Infatti chi non ha buona memoria, si dice che ha la memoria da gatto
Allevamento Scirocco
COME COMPORTARSI CON UN GATTO NEL LETTO
I primi giorni che si è preso un gattino, lui vorrà stare sempre in compagnia e
quindi la notte giocare o stare con te miagolando continuamente finché non
vai ad aprirgli la porta.
112
Non ti preoccupare, quando si sarà abituato, smetterà. Quando si è in questo
periodo, ti consiglio una cosa ovvia:
v Tappi per le orecchie
Se vuoi provare a dormire con lui, portalo a letto con te.
Non sarà facile dormire. Ti sveglierà aggrappandosi alla camicia da notte,
miagolerà per svegliarti e, nei peggiori casi giocherà con parti del tuo corpo.
Prova ad evitarlo girandoti su un fianco e dandogli la schiena.
La cosa migliore è far dormire nella stanza del gattino un gatto che lo distragga
e diverta senza doverti svegliare tu.
COME COMPORTARSI SE AGGREDISCE (BAMBINI E
SCONOSCIUTI)
Di solito il temperamento dell’Esotico o del Persiano è dolce e buono e, se
vede uno sconosciuto in casa, o si nasconde spaventato o se è territoriale gli
soffierà contro e se è veramente possessivo lo attaccherà perfino. Beh, questo è
un bene se è un ladro ma, un male se è una vostra amica. Dovete insegnargli
bene chi aggredire e chi no. Ti do un consiglio:
se aggredisce uno sconosciuto che però è tuo amico, fermalo in qualche modo
e chiedi al tuo amico/a di avvicinare la mano al nasino del gatto per farglielo
annusare. Se morde la sua mano e continua ad aggredire, quando entra qualche
tuo amico sconosciuto al gatto, chiudilo in una stanza fino a che egli se ne sia
andato.
Se peggiora, portalo a fare un corso di rieducazione psicologica.
Se invece aggredisce i bambini, scopri il perché.
Es.:
osserva cosa fanno i bambini al gatto (se gli tirano la coda ecc.), se gli fanno
male spiegagli come si devono comportare. Se non gli fanno niente, all’ora è
un problema del carattere del gatto (ad esempio non ha pazienza o è
territoriale) in questo caso bisogna dire ai bambini di non toccarlo e, se li
morde e graffia di brutto, portatelo ad un corso di rieducazione.
Ricorda che questi comportamenti o sono dovuti allo stress o alla possessività
della casa.
Cioè voler proteggere te e la casa da qualsiasi sconosciuto.
113
LA PRIMA VISITA DAL VETERINARIO
La cosa migliore è portarlo per la prima volta tu stesso, così non si sentirà
troppo spaesato in un ambiente nuovo.
Se è molto timido, tenderà a scappare, all’ora consiglio di bloccarlo
accarezzandolo e tranquillizzandolo con la tua voce e, mentre parli con la
veterinaria mostrargli il trasportino dove potrà nascondersi.
Se è un esemplare aggressivo, bisogna controllarlo e bloccargli le zampe nel
caso voglia graffiare. Rimettilo nel trasportino subito dopo che la veterinaria
l’abbia visitato e tranquillizzalo.
La prima visita dal veterinario deve essere apprezzata dal gatto, se no nelle
prossime visite sarà ingestibile se aggressivo e proverà a scappare più volte se
pauroso. Cerca di fargli piacere la prima visita così sarà apposto nella seconda.
CONSIGLIO:
Se è un esemplare timoroso, consiglio di far visitare il tuo gatto dallo stesso
veterinario della prima visita e, se non c’è, fargli conoscere al meglio la nuova
veterinaria finché quella già conosciuta non torni.
LA PRIMA USCITA NEL GIARDINO DI CASA
Se hai un giardino, è inutile tenere il tuo gatto dentro o tanto meno tenerlo
sempre fuori.
Appena preso, se cucciolo non tenderà a scappare ma solo a ispezionare il
territorio circostante.
Se invece hai preso un adulto timido, si sentirà così spaesato da voler scappare,
consiglio di tenerlo finché non si abitua e si tranquillizza, poi potrete
mostrargli cautamente e a piccole zone il tuo giardino.
Quando dovrai iniziare a farlo uscire in giardino, mostraglielo a piccole zone e
tienilo d’occhio.
Controlla tutte le piante di giardino per vedere quali sono quelle velenose e
buttarle o metterle in zone recintate impossibili da riuscire a farle scavalcare
dal gatto.
Ricorda che avere il gatto in giardino significa che esso potrà scavalcare anche
il cancello ispezionando nuove zone e tornando in dietro per mangiare. Per
114
questo può essere soggetto a malattie, accoppiamenti imprevisti, investimenti o
perfino la sua sparizione.
Ricorda: se può correre in giardino, non potrà di certo diventare obeso!
Consiglio: avendo un giardino potrai piantare l’erba gatta per il benessere del
tuo gatto.
COLLARE E GUINZAGLIO
115

Documenti analoghi