oktober kombat - francoscorrano wfc italia

Commenti

Transcript

oktober kombat - francoscorrano wfc italia
"OKTOBER KOMBAT"
SAVONA 8 OTTOBRE 2011
Oltre cinquecento persone hanno affollato il Palazzetto dello Sport di Savona per assistere all'Oktober
Kombat, la grande rassegna di combattimento organizzata dall'ASD Kick Boxing Savate guidata dal Maestro
Andrea Scaramozzino.
Capire il perchè di tanto affetto ed entusiasmo da parte del pubblico è estremamente semplice e lo si
può riassumere in una sola parola: l'educazione. Educazione sportiva, educazione mentale ed educazione fisica
sono i requisiti minimi che ogni atleta ha dovuto portare sul ring, in questa magnifica serata. Bella scoperta
direte voi, ma per un appassionato delle discipline da combattimento, questa serata è stata una piacevolissima
eccezione rispetto a numerose altre cronache sportive.
Si sono disputati numerosi match, tra cui spiccano i tre match più importanti, il Titolo Italiano WFC di
K1, il Titolo Europeo WFC e il titolo Mondiale femminile di Savate.
Federico Antonelli, l'atleta di casa, dopo un match spettacolare, senza esclusione di colpi, sempre
in equilibio, deve piegarsi all'ultimo round a Lia Angelo, che riesce ad aggiudicarsi la Cintura di Campione
Italiano.
Per il Titolo Europeo, Roberto Scanu, arriva all'appuntamento con qualche linea di febbre. Ma senza
alcuna esitazione sale sul sul ring. Il suo avversario, Vivante Dilan (giovane promettente della scuderia Kacem
Nasser, reduce da un pari in Tailandia con avversario Thai), non ha nessuna intenzione di fare sconti. Fin dalle
prime battute, il francese si mostra deciso a conquistare il Titolo Europeo. Solo l'esperienza e la determinazione
di Roberto, fanno la differenza. Dopo i primi 3 rounds il francese è in vantaggio ai punti, Roberto stà per
mollare proprio nell'intervallo dice all'angolo "non riesco a respirare, ho il naso chiuso" Il pubblico percepisce il
suo momento di difficoltà e lo sostine "Roby stringi i denti", "non scambiare" "colpisci e gira" , "colpisci e lega"
ed è quello che ha fatto, fino all'arresto del match. Infatti l'atleta transalpino, sferra un terribile Midle Kick,
Roberto blocca alzando il ginoccnio, un sinistro rumore di ossa, accompagna l'impatto. Il francese termina a
terra, tenendosi il piede, che sembra essersi fratturato. La cintura viene consegnata a Roberto, ma il Fighter di
Savona con la sportività che lo conttraddisingue, dice "è lui il Campione" alzando il braccio del suo avversario.
Siamo tutti contenti per Roby, perchè sicuramente, ha raggiunto questo importante traguardo, sapendo soffrire
oltre il suo limite, e questa è la mentalità del Campione. Siamo convinti che anche lui tra qualche giorno
ripensando a quanto accaduto, prenda coscienza dell'impresa che ha compiuto. Per il suo avversario, non
mancherà l'opportunità di rifarsi, è giovane (19 anni) ed è un Astro nascente, tra qualche anno, sarà un valido
pretendente al titolo mondiale. Roberto Scanu, ha vinto per merito di una sua efficace difesa, su un un potente
attacco di Midle Kick, che ha impattato con il collo del piede anzichè, con la tibia. Purtroppo o per fortuna, il
nostro Sport è anche questo.
Niente da fare invece per una straordinaria Elisa Picollo nella sfida valida per il titolo mondiale di Savate
femminile categoria – 48 kg: la savonese ha dovuto alzare bandiera bianca contro una titanica Eloide Bermudez,
ma il sorriso e la serenità dipinte sul volto della stessa Picollo, a fine combattimento non lasciano segno al
rimpianto.
Ufficio Stampa W.F.C.