Promozione e diffusione della cultura digitale: strumenti

Commenti

Transcript

Promozione e diffusione della cultura digitale: strumenti
PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO
in tema di
“Promozione e diffusione della cultura digitale:
strumenti innovativi e procedure web in ambito
scolastico”
Premessa
La rivoluzione tecnologica che stiamo vivendo non riguarda solo l’introduzione e l’uso massiccio
della tecnologia, ma anche il modo in cui il sapere si crea, si alimenta e si diffonde. Oggi tutte le
istituzioni e le figure coinvolte nel processo educativo devono tenere in considerazione l’incidenza e
l’impatto della tecnologia nella vita di tutti i giorni. Nella Scuola, più che altrove, si impone una
riflessione profonda circa i modi, gli strumenti e le fonti che i ragazzi utilizzano per imparare,
informarsi e lavorare. Parlare di “nativi digitali” è erroneo più che riduttivo. Noi preferiamo parlare
di “educazione al digitale ed al suo corretto utilizzo”. Oggi, i ragazzi devono imparare a pensare in
termini computazionali: devono, cioè, applicare la logica per capire, controllare, sviluppare
contenuti e metodi, per risolvere i problemi e cogliere tutte le opportunità che il sistema ci offre.
Saper utilizzare gli strumenti informatici è imprescindibile per creare nuove possibilità e trovare
nuove soluzioni. L’informatica deve essere parte integrante di ogni indirizzo scolastico, in cui sarà
fondamentale svolgere esperienze pratiche, attivando azioni sinergiche tra la Scuola e
l’aggregazione di associazioni, università e imprese.
Obiettivi formativi
L’obiettivo è quello di promuovere la didattica multidisciplinare che metta l’informatica al centro
della vita quotidiana di ogni classe, come strumento utile per facilitare e rendere l’apprendimento
coinvolgente e condiviso in tutte le materie.
Capacità e competenze da acquisire
Il corso si propone di fornire ai partecipanti conoscenze utili al fine di acquisire un bagaglio di
conoscenze e strategie valide per l’impiego delle nuove strumentazioni informatiche, capaci di
sviluppare anche capacità cognitive e digitali.
Metodologie didattiche
La didattica tiene conto della necessità, non solo di sviluppare conoscenze, ma anche di affinare
l’utilizzo di strumenti e comportamenti professionali. A tal fine, sono assicurate attività di progetto
sul campo e prove pratiche mirate a verificare l’applicazione degli strumenti e dei comportamenti
proposti in situazioni reali, con testimonianze e trattazione di casi.
Le lezioni si svolgeranno in modalità frontale.
Il calendario delle lezioni sarà pubblicato sul sito ufficiale dell’Ateneo: www.unipegaso.it alla
voce INPS- Corsi Valore P.A.
Destinatari
Il corso è rivolto al rivolti al personale direttivo, docente, educativo, amministrativo, tecnico,
ausiliario della scuola, iscritto alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.
Struttura del corso
Il percorso formativo prevede un impegno complessivo di 40 ore di formazione pari a dieci giornate
articolate in n. 4 moduli didattici, come di seguito illustrato:
Modulo I – Linee guida per la formazione e le competenze digitali





La dimensione funzionale dell’analfabetismo digitale
Il concetto di media (McLuhan)
Analisi dei linguaggi digitali e le loro ripercussioni in ambito culturale e sociale.
Studio delle figure della cultura digitale e il loro rapporto con la società.
Caratteristiche dei nuovi media. Le interfacce culturali. Estetiche dei nuovi media.
Modulo II – La tecnopsicologia
 Analisi delle trasformazione che la tecnologia impone al modo di pensare, di sentire e di
strutturare l’informazione, al fine di orientare alla comprensione dei modi attraverso cui la
società orienti le forme relazionali.
 La convergenza mediale
 Norman e il "computer invisibile"
 Sterling e gli SPIME
 L'uso creativo dei media: forme e storia
Modulo III - Figure e metafore della cultura digitale







Hacker, hacktivist e media hacker.
La cultura della condivisione: open source. Identità ibride: il cyborg.
La cultura dei videogame.
Comunità e mondi virtuali: Web 2.0 e social network.
Mondi virtuali: da Luther Blissett a Anonymous.
Nanotecnologie. Hacker e Haking.
Dal cyborg al transumanesimo. Facebook e You Tube dal videogioco alle installazioni
interattive di altre possibili identità.
Modulo IV - Esperienze formative innovative
 Individuazione e visibilità dei modelli di intervento e strumenti per la diffusione della cultura
digitale
 Sviluppo di percorsi formativi al fine di riconoscere alla scuola il ruolo cruciale, per il
territorio e sul territorio, quale centro di produzione di cultura digitale e cittadinanza attiva e
consapevole.
 Applicazione di Tool per l’elaborazione di progetti formativi