CSR Report 2012 - Poltrona Frau Group

Commenti

Transcript

CSR Report 2012 - Poltrona Frau Group
Poltrona Frau S.p.A.
Relazione Finanziaria annuale al 31 dicembre 2012
Poltrona Frau S.p.A.
Relazione Finanziaria annuale al 31 dicembre 2012
Il presente fascicolo è disponibile sul sito internet della Società,
all‟indirizzo www.poltronafraugroup.com,
nella sezione Investor Relations
Poltrona Frau S.p.A.
Sede legale: Torino, Via Vincenzo Vela n. 42
Sede operativa ed amministrativa: Tolentino (MC), Via Sandro Pertini, 22
Capitale sociale: Euro 35.068.789,75 i.v
Codice Fiscale e Partita IVA: 05079060017
Iscritta alla C.C.I.A.A. di Torino – R.E.A. n. 682039
DATI DI SINTESI ED INFORMAZIONI GENERALI
Organi sociali
Prospetti contabili di sintesi del Gruppo Poltrona Frau
Prospetti contabili di sintesi di Poltrona Frau S.p.A
Società operative del Gruppo al 31 dicembre 2012
Compagine azionaria ed azioni detenute da
Amministratori e Sindaci
L‟andamento del titolo nell‟anno e le comunicazioni
Finanziarie
4
5
7
9
10
11
RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE
INDICE
Relazione Finanziaria Annuale
Il profilo del Gruppo Poltrona Frau
Ripartizione dei ricavi annui di Gruppo per settori di
attività e segmento geografico
Commento ai principali dati economici e patrimoniali
del Gruppo Poltrona Frau
Commento ai principali dati economici e patrimoniali di
Poltrona Frau S.p.A
Raccordo tra il risultato di periodo ed il patrimonio
netto del Gruppo di Poltrona Frau S.p.A.
Evoluzione della gestione
Fatti di rilievo dopo la chiusura dell‟esercizio
Corporate Social Responsibility
Il sistema di Corporate Governance
24
26
30
33
34
35
38
65
BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO POLTRONA FRAU
AL 31 DICEMBRE 2012
Situazione Patrimoniale Finanziaria consolidata
Conto Economico consolidato
Conto Economico Complessivo consolidato
Rendiconto finanziario consolidato
Prospetto delle variazioni del Patrimonio netto
Consolidato
Note illustrative
Principi contabili
Fatti di rilievo dopo la chiusura dell‟esercizio
Attestazione del Bilancio Consolidato
Relazione Società di Revisione
AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA
17
71
73
74
75
76
77
79
138
139
140
BILANCIO DI ESERCIZIO DI POLTRONA FRAU S.P.A. AL
31 DICEMBRE 2012
Situazione Patrimoniale Finanziaria
Conto Economico
Conto Economico Complessivo
Rendiconto Finanziario
Prospetto delle variazioni del Patrimonio netto
Note illustrative
Principi Contabili
Informazione ai sensi dell‟Art.149 duodecies del
Regolamento Emittenti Consob
Piani di compensi basati su strumenti finanziari
Relazione Collegio Sindacale
Attestazione di Bilancio
Relazione Società di Revisione
Proposta di delibera
145
146
147
148
149
150
151
189
190
194
197
198
200
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
3
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
DATI DI SINTESI ED INFORMAZIONI GENERALI
ORGANI SOCIALI
Consiglio di Amministrazione (1)
Presidente
Vice Presidente
Amministratore Delegato
Consiglieri
Franco Moschini
Matteo Cordero di Montezemolo
Dario Rinero
Tommaso Beolchini (2)
Innocenzo Cipolletta (2) (3)
Luca Cordero di Montezemolo (2)
Libero Milone (2) (3)
Mario Paolo Moiso (2)
Lorenzo Romani (2)
Luigi Sala (2)
Irene Tinagli (2) (3)
Collegio Sindacale (1)
Presidente
Sindaci Effettivi
Sindaci Supplenti
Mario Stefano Luigi Ravaccia
Alfonso Donadio
Barbara Zanardi
Nazareno Minnozzi
Gianluca Settepani
Società di revisione (4)
Reconta Ernst & Young S.p.A.
Comitati
Comitato Controllo e Rischi
Innocenzo Cipolletta (2) (3) – Presidente
Mario Paolo Moiso (2)
Libero Milone (2) (3)
Comitato per la Remunerazione
Innocenzo Cipolletta (2) (3) – Presidente
Tommaso Beolchini (2)
Libero Milone (2) (3)
Comitato Operazioni Parti Correlate
Innocenzo Cipolletta (2) (3) – Presidente
Irene Tinagli (2) (3)
Libero Milone (2) (3)
Lead Independent Director
(1)
(2)
(3)
(4)
Innocenzo Cipolletta (2) (3)
Nominati dall‟Assemblea del 27 Aprile 2012 ed in carica sino all‟approvazione del bilancio della capogruppo Poltrona Frau S.p.A. al 31 dicembre
2014
Amministratore non esecutivo
Amministratore indipendente ai sensi del Codice di Autodisciplina
In carica sino all‟approvazione del bilancio della capogruppo Poltrona Frau S.p.A. al 31 dicembre 2014
4
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
PROSPETTI CONTABILI DI SINTESI DEL GRUPPO POLTRONA FRAU (*)
Conto Economico Consolidato
(in migliaia di Euro)
Anno 2012
Anno 2011
238.497
8.491
246.988
(175.453)
(45.503)
26.032
244.789
6.746
251.535
(181.377)
(44.572)
25.586
EBITDA %
10,5%
10,2%
Costi di ristrutturazione
(3.906)
-
Ricavi di vendita
Altri ricavi e proventi
Ricavi
Costi per materie prime e servizi
Costo del personale
EBITDA (1)
di cui di natura non ricorrente
Ammortamenti, accantonamenti e perdite di valore
Risultato Operativo
Risultato Operativo %
Oneri finanziari netti e da partecipazioni
(3.906)
(6.593)
15.533
(6.766)
18.820
6,3%
7,5%
(7.002)
(7.155)
di cui di natura non ricorrente
(1.438)
Risultato prima delle imposte
8.531
11.665
Risultato prima delle imposte %
3,5%
4,6%
(3.970)
4.561
(3.675)
886
(6.563)
5.102
(457)
4.645
Imposte correnti, anticipate e differite
Utile o (Perdita) delle attività in funzionamento
Utile o (Perdita) delle attività destinate alla vendita
Utile (Perdita) netto dell‟esercizio
(1) L‟EBITDA è rappresentato dal risultato operativo al lordo degli ammortamenti, accantonamenti, perdite di valore
e costi di ristrutturazione. L‟EBITDA così definito non è identificato come misura contabile nell‟ambito degli IFRS
e pertanto il criterio di determinazione applicato dal Gruppo Poltrona Frau potrebbe essere non omogeneo con
quello adottato da altre società e quindi non comparabile.
(*)
I valori al 31 dicembre 2011 all‟interno della Relazione Finanziaria Annuale sono stati riesposti per renderli
omogenei e comparabili con quanto esposto nell‟esercizio in corso; tale intervento si è reso necessario a seguito
della cessione della Divisione Luci, che ha comportato una riclassifica dei costi e ricavi nella voce “Utile e
perdita delle attività destinate alla vendita” e per tener conto della nuova metodologia di contabilizzazione
delle società JV PF Emirates Interiors LLC e Casa Décor Private Ltd, valutate secondo il metodo del patrimonio
netto al fine di meglio rappresentare la situazione finanziaria patrimoniale del Gruppo Poltrona Frau.
5
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Prospetto del capitale investito consolidato
(in migliaia di Euro)
Impieghi
Capitale circolante netto
Immobilizzazioni ed altre attività a lungo termine
Passività a lungo termine
Attività / (passività) destinate alla vendita
Capitale investito netto
Fonti
Posizione finanziaria netta
Patrimonio netto
Totale fonti di finanziamento
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
32.727
149.935
(33.279)
500
149.883
44.150
145.649
(31.413)
158.386
79.073
70.810
149.883
87.989
70.397
158.386
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
1,12
3,04
32,0%
13,3%
10,4%
1,3%
46,5%
1,25
3,44
35,0%
17,6%
11,9%
6,6%
56,3%
(1,8%)
1,7%
(17,5%)
(26,9%)
(80,9%)
n/a*
n/a*
n/a*
n/a*
n/a*
Principali indici di bilancio consolidato
Indicatori economico-patrimoniali
Rapporto mezzi di terzi / mezzi propri
Indice di leva finanziaria (1)
Incidenza della posizione finanziaria netta sui ricavi
Incidenza del capitale circolante netto sui ricavi
ROI (2)
ROE (3)
Tax rate (4)
Indicatori di crescita
Ricavi
EBITDA
Risultato operativo
Risultato prima delle imposte
Utile netto
(1)
(2)
(3)
(4)
Pari al rapporto tra posizione finanziaria netta ed EBITDA.
Pari al rapporto tra risultato operativo e capitale investito netto.
Pari al rapporto tra risultato netto e patrimonio netto.
Pari al rapporto tra il saldo delle imposte correnti, anticipate e differite ed il risultato prima delle imposte.
(*)
A seguito della riesposizione dei valori al 31 dicembre 2011 gli indicatori di crescita non sono stati
ricalcolati dal momento che detti valori non sarebbero omogenei con quelli calcolati al 31 dicembre 2012.
6
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
PROSPETTI CONTABILI DI SINTESI DI POLTRONA FRAU S.P.A.
Conto Economico Bilancio separato
(in migliaia di Euro)
Ricavi di vendita
Altri ricavi e proventi
Ricavi
Costi per materie prime e servizi
Costo del personale
EBITDA (1)
EBITDA %
Costi di ristrutturazione
di cui di natura non ricorrente
Ammortamenti, accantonamenti e perdite di valore
Risultato Operativo
Risultato Operativo %
Proventi (Oneri) finanziari netti e da partecipazioni
Risultato prima delle imposte
Risultato prima delle imposte %
Imposte correnti, anticipate e differite
Utile (Perdita) netto dell‟esercizio
Anno 2012
106.202
11.478
117.680
(84.678)
(22.379)
10.623
Anno 2011
111.901
9.939
121.840
(88.149)
(22.738)
10.953
9,0%
9,0%
(1.924)
(1.924)
(3.821)
4.878
4,1%
(6.094)
(1.216)
(1,0%)
(944)
(2.160)
(3.642)
7.311
6,0%
(7.301)
10
0,0%
(2.438)
(2.428)
(1) L‟EBITDA è rappresentato dal risultato operativo al lordo degli ammortamenti, accantonamenti, perdite di valore
e costi di ristrutturazione. L‟EBITDA così definito non è identificato come misura contabile nell‟ambito degli IFRS
e pertanto il criterio di determinazione applicato dal Poltrona Frau potrebbe essere non omogeneo con quello
adottato da altre società e quindi non comparabile.
Prospetto del capitale investito Bilancio separato
(in migliaia di Euro)
Impieghi
Capitale circolante netto
Immobilizzazioni ed altre attività a lungo termine
Passività a lungo termine
Capitale investito netto
Fonti
Posizione finanziaria netta
Patrimonio netto
Totale fonti di finanziamento
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
13.963
96.182
(7.742)
102.403
30.413
92.929
(13.314)
110.028
62.809
39.594
102.403
68.345
41.683
110.028
7
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Principali indici di bilancio separato
Indicatori economico-patrimoniali
Rapporto mezzi di terzi / mezzi propri
Indice di leva finanziaria (1)
Incidenza della posizione finanziaria netta sui ricavi
Incidenza del capitale circolante netto sui ricavi
ROI (2)
ROE (3) (5)
Tax rate (4) (5)
Indicatori di crescita
Ricavi
EBITDA
Risultato operativo
Risultato prima delle imposte (5)
Utile netto (5)
(1)
(2)
(3)
(4)
(5)
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
1,59
5,91
53,4%
11,9%
4,8%
n/a
77,6%
1,64
6,24
56,1%
25,0%
6,6%
n/a
n/a
(3,4%)
(3,0%)
(33,3%)
n/a
n/a
10,0%
17,2%
56,3%
n/a
n/a
Pari al rapporto tra posizione finanziaria netta ed EBITDA.
Pari al rapporto tra risultato operativo e capitale investito netto.
Pari al rapporto tra risultato netto e patrimonio netto.
Pari al rapporto tra il saldo delle imposte correnti, anticipate e differite ed il risultato prima delle imposte.
L‟indice non viene conteggiato se la grandezza reddituale assume un segno negativo o non rappresentativo
dell‟andamento dell‟indicatore.
8
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
SOCIETÀ OPERATIVE DEL GRUPPO AL 31 DICEMBRE 2012
9
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COMPAGINE AZIONARIA ED AZIONI DETENUTE DA AMMINISTRATORI E SINDACI
La composizione azionaria di Poltrona Frau S.p.A. alla data del 31 dicembre 2012, come risultante dal Libro Soci e
dalle comunicazioni ricevute, è riportata di seguito.
Nazionalità
Numero
azioni
% su capitale
ordinario
Lussemburgo
Italia
72.877.000
13.269.626
52,0%
9,5%
U.K.
3.501.660
2,5%
Azioni proprie
1.036.671
0,7%
Altri azionisti con quote inferiori al 2% del capitale
49.590.202
35,3%
Totale
140.275.159
100,0%
Azionista Diretto
Charme Investments S.C.A. (1) (2)
Moschini S.r.l. (3)
Invesco Ltd.
(1) Charme Investments S.C.A. è una società in accomandita per azioni di diritto lussemburghese, con sede in 18 Rue
de l'Eau L-1449, Lussemburgo, il cui unico accomandatario, e quindi socio di controllo, è Charme Management
S.r.l., con sede a Milano in via Santa Margherita 4. Al 31 Dicembre 2012 nessuna persona fisica o giuridica
controlla Charme Management S.r.l., il cui capitale è posseduto quanto al 50% per via indiretta da Luca Cordero
di Montezemolo e Matteo Cordero di Montezemolo, e per il restante 50% da una società di diritto
lussemburghese posseduta da tre imprenditori internazionali.
(2) Alla data del 31 dicembre 2012 il capitale sociale di Charme Investments S.C.A. è posseduto, per via diretta ed
indiretta, quanto al 14,5% da Luca Cordero di Montezemolo, quanto a 13,4% da Matteo Cordero di
Montezemolo, quanto al 15,7% da Franco Moschini, quanto al 10,0% da Charme Management S.r.l. e quanto al
restante 46,4% da altri azionisti di minoranza.
(3) Società controllata da Franco Moschini, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Poltrona Frau S.p.A., che
detiene il 95% del capitale.
35%
52%
Charme
Investments
S.C.A.
Moschini S.r.l.
1%
Invesco Ltd.
3%
9%
Si segnala, ai sensi dell‟articolo 79 del Regolamento Emittenti relativamente alle azioni di Poltrona Frau S.p.A. e delle
sue controllate detenute dai componenti degli organi di amministrazione e controllo, dai dirigenti con responsabilità
strategiche, nonché dai coniugi non legalmente separati e dai figli minori, direttamente o per il tramite di società
controllate, di società fiduciarie o per interposta persona, che il Dr. Franco Moschini, attraverso la società Moschini
S.r.l. di cui detiene il 95% del capitale, possiede circa il 9,5% delle azioni di Poltrona Frau S.p.A.; possiede inoltre il
15,7% di Charme Investments S.C.A. Relativamente agli altri componenti del Consiglio di Amministrazione della
Società si segnala che al 31 dicembre 2012 il Dr. Dario Rinero possiede 390.085 azioni, pari al 0,28% del capitale, il
Dr. Matteo di Montezemolo 50.000 azioni, pari al 0,04% del capitale e l‟Avv. Luca di Montezemolo 235.000 azioni,
pari al 0,17% del capitale.
10
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
L‟ANDAMENTO DEL TITOLO NELL‟ANNO E LE COMUNICAZIONI FINANZIARIE
Poltrona Frau è una società per azioni di diritto italiano con sede in Torino, via Vincenzo Vela 42. Il capitale
sociale, interamente sottoscritto e versato, è pari ad Euro 35,1 milioni suddiviso in n. 140.275.159 azioni
ordinarie del valore di Euro 0,25 ciascuna. Da metà novembre 2006 la capogruppo Poltrona Frau S.p.A. è
quotata sul Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana, segmento STAR (codice ISIN IT 0004114846).
Di seguito viene riportata la tabella relativa all‟andamento di mercato del titolo Poltrona Frau nel corso del
2012.
1,15
1,1
B
1,05
A
1
0,95
D
C
0,9
0,85
0,8
Mil.
1
0
gen-12
A.
B.
C.
D.
feb-12 mar-12
apr-12 mag-12 giu-12
lug-12
ago-12
set-12
ott-12
nov-12
dic-12
13 marzo. Pubblicazione risultati finanziari 2011
10 maggio. Pubblicazione risultati finanziari 1Q 2012.
29 agosto. Pubblicazione risultati finanziari 1H 2012.
13 novembre. Pubblicazione risultati finanziari 9M 2012.
I volumi medi di azioni scambiati sul mercato nel corso dell‟intero anno 2012 sono stati pari a circa 105.000
titoli al giorno. Sulla base del prezzo medio registrato dalle azioni nei primi giorni di marzo, pari a circa 0,97
Euro, il valore della capitalizzazione di Borsa del Gruppo Poltrona Frau è pari a circa Euro 137 milioni.
11
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
12
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Chester, Collezione Storica Poltrona Frau, 1912
13
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
14
Vanity Fair, Collezione Storica Poltrona Frau, 1930
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Poltrona Frau S.p.A.
Relazione degli amministratori sulla gestione
al 31 dicembre 2012
15
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
16
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
IL PROFILO DEL GRUPPO POLTRONA FRAU
La storia
La mission e i valori
Una storia che affonda le sue radici nel 1912 con la
fondazione di Poltrona Frau e che prosegue con la
creazione di Cassina nel 1927 e di Cappellini nel
1946.
La mission
Perseguire l‟eccellenza e la qualità dei prodotti
attraverso la continua ricerca e l‟innovazione in
tutte le fasi del processo produttivo, in coerenza
con la vocazione di essere interprete di un design
consapevole della tradizione e dello stile italiani.
I valori
Nel corso del 2009 il Gruppo ha formalizzato i sette
valori chiave che guidano l'operato delle società e
dei dipendenti del Gruppo Poltrona Frau.
Senso di responsabilità - Adoperarsi per mantenere
le promesse e gli impegni presi e stimolare il senso
di responsabilità dei singoli individui nel
raggiungimento degli obiettivi prestabiliti.
Leadership - Esprimere la leadership in ogni ruolo e
missione, per soddisfare le esigenze e promuovere
gli interessi degli stakeholder (azionisti, clienti,
fornitori, istituzioni e ambiente), assicurare lo
sviluppo dei collaboratori ed il rispetto delle
comunità di riferimento.
Qualità e design - Focalizzarsi sulla qualità totale
di materiali, prodotti e servizi; per assicurare i più
alti canoni di bellezza, lusso e perfezione, simboli
della migliore tradizione italiana.
Attenzione alle persone - Creare un ambiente di
lavoro piacevole e sereno, rispettare e motivare le
persone fornendo opportunità di formazione e
sviluppo.
Integrità - Perseguire e mantenere elevati standard
etici esprimendo apertamente e onestamente le
proprie idee. Attenzione all'ambiente e alla
sicurezza al fine di assicurare una crescita
sostenibile.
Teamwork - Collaborare con spirito di squadra,
condividere sia le esperienze di successo sia gli
errori commessi per migliorare continuamente e
assicurare una comunicazione efficace a tutti i
livelli.
Cambiamento e innovazione - Mettere passione in
quello che si fa, creando soluzioni sempre migliori e
innovative, pronti ad affrontare nuove sfide e a
promuovere il cambiamento.
Nel 2005 nasce Poltrona Frau Group, leader
internazionale nel settore dell‟arredamento di alta
gamma, che racchiude al suo interno Poltrona Frau,
Cassina e Cappellini. Poltrona Frau Group ha
confermato negli anni la propria capacità di
interpretare, ma soprattutto anticipare, l‟evoluzione
dell‟abitare
contemporaneo.
Grazie
alla
lungimiranza di imprenditori e manager che, nel
corso degli anni, hanno compreso l‟importanza di
osare, sperimentare incessantemente e sfidare le
regole, il Gruppo è oggi il punto di riferimento
dell‟arredamento di alta gamma per i più
importanti designer ed architetti internazionali.
1912 Fondazione di Poltrona Frau
Renzo Frau a Torino deposita il marchio alla
Camera di Commercio. È anche l‟anno in cui viene
lanciato lo storico modello Chester, ancora oggi
simbolo con la sua lavorazione a “plissè” della
capacità artigianale unica di Poltrona Frau.
1927 Fondazione di Cassina
Cassina, fondata a Meda da Cesare e Umberto
Cassina nel 1927, inaugurerà nell‟Italia degli anni
„50 l‟industrial design. Da autentica apripista
Cassina è la prima azienda, in quell‟epoca
complessa e ricca di fermenti, ad assumere
un‟attitudine di ricerca e di innovazione
coinvolgendo importanti architetti e designer
nell‟immaginare nuove forme e soprattutto a
tradurre le loro intuizioni in realtà, una
caratteristica che ancora oggi distingue l‟azienda.
1946 Fondazione di Cappellini
1962 Franco Moschini entra in Poltrona Frau
Poltrona Frau viene acquisita dalla Nazareno
Gabrielli e gestita da Franco Moschini, attuale
Presidente.
1963: Poltrona Frau si trasferisce da Torino a
Tolentino con 6 artigiani
17
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
1984 Nasce la divisione Car – Interiors in Motion
Poltrona Frau disegna gli interni della Thema 8:32
con motore Ferrari.
1984 Nasce la divisione Contract
Poltrona Frau arreda la sala del teatro di Spoleto.
1990 Franco Moschini acquista il 100% di Poltrona
Frau
2003 Il fondo Charme acquisisce il 30% di Poltrona
Frau
Ottobre 2004 Charme incrementa la sua quota al
60%
Viene presentato il nuovo piano industriale di
sviluppo strategico con l‟ingresso del fondo Charme
della famiglia Montezemolo al 60%.
Dicembre 2004 Poltrona Frau acquisisce il 100% di
Cappellini
Poltrona Frau acquisisce il 100% di Cappellini,
azienda nota in tutto il mondo per la sua
innovazione e per il talento nel lanciare i designer
oggi più affermati a livello internazionale come, tra
gli altri, Tom Dixon, Jasper Morrison e Marc
Newson.
2008 Joint Venture Casa Décor
Nasce Casa Decor, joint venture paritetica tra il
Gruppo Poltrona Frau e Tata Group in India, che
porta all‟apertura del primo flagship store di
Gruppo a Mumbai nel 2010.
2009 in occasione del Fuori Salone, nasce il Milano
Design Village che registra oltre 50.000 visite
2010 il fotovoltaico a Tolentino
Attivazione negli stabilimenti di Tolentino del
nuovo impianto fotovoltaico di 18mila moduli, 1,4
megawatt di potenza e oggi produttore di circa 1
milione e 680 mila k/h annui.
Dicembre 2010 Cassina diventa per il 100% di PFG
2005 Poltrona Frau acquisisce l‟80% di Cassina
Poltrona Frau acquisisce Cassina, l‟azienda che, con
la sua straordinaria capacità progettuale, più di
ogni altra ha reso famoso il design contemporaneo
italiano nel mondo.
Maggio 2011 Siglato accordo strategico con
Haworth per gli Stati Uniti
Luglio 2006 Charme raggiunge il 75% di Poltrona
Frau
2012 Centenario di Poltrona Frau
Novembre 2006 Gruppo Poltrona Frau, IPO nel
segmento Star di Borsa Italiana
Poltrona Frau diventa Gruppo Poltrona Frau e si
quota alla Borsa Italiana raccogliendo circa 2 mld
di euro di domanda a fronte di una offerta di 150
mln di euro.
2007 Joint Venture PF Emirates
Nasce PF Emirates, joint venture tra PFG e
Mubadala negli Emirati Arabi Uniti e apertura del
primo flagship store di Gruppo ad Abu Dhabi.
Dicembre 2011 Aperto a Miami il più grande
showroom di Gruppo al mondo
18
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Il Business Model e la Strategia
Il Business Model
L‟organizzazione del Gruppo Poltrona Frau si
caratterizza per una struttura “a matrice”, in cui il
Board è a capo delle principali funzioni aziendali,
per garantire il massimo presidio dei mercati e la
migliore integrazione tra i diversi marchi del
Gruppo sul mercato. La struttura, nello specifico, è
composta dalle seguenti funzioni:
– Brand Director per i marchi Poltrona Frau,
Cassina, Cappellini e Responsabili Interiors
in Motion e Contract, che si occupano delle
azioni di marketing, comunicazione e
sviluppo prodotto;
– Market Director, ovvero i responsabili
commerciali dei diversi mercati in cui il
Gruppo opera: Italia, EMEA (Europa, Medio
Oriente, Africa); Asia e Oceania ed
Americhe;
Le attività delle precedenti funzioni sono
supportate da una struttura centralizzata a livello
di Gruppo, che fa capo a:
– Chief Corporate Officer e Chief Financial
Officer (CCO / CFO), per le attività di staff
trasversali
all‟azienda,
quali
l‟amministrazione, finanza e controllo,
risorse umane, servizi legali e affari
generali, servizi informativi;
– Chief Operating Officer (COO), per le
attività di natura industriale, quali acquisti,
produzione e logistica, qualità, per tutti i
plant del Gruppo.
–
La strategia competitiva
Il Gruppo è il risultato di un programma strategico
definito con gli azionisti a fine 2003 e realizzato
dal management di Poltrona Frau, che si è
sviluppato attraverso il rafforzamento e la
maggiore internazionalizzazione delle attività della
Società, l‟acquisizione dell‟azienda Cappellini nel
dicembre 2004, l‟assunzione del controllo di
Cassina nel giugno 2005 e la quotazione della
capogruppo Poltrona Frau a fine 2006 presso la
Borsa di Milano.
Con la realizzazione di tale programma Poltrona
Frau ha attuato, con notevoli vantaggi in termini di
tempistica, un modello competitivo diverso da
quelli finora perseguiti dai concorrenti, agendo in
qualità di soggetto aggregante in un settore
fortemente frammentato ed avviando un innovativo
percorso di sviluppo. In particolare, la realizzazione
del programma sopra indicato ha consentito al
Gruppo di:
- disporre di tre marchi di assoluto rilievo
(Poltrona Frau, Cassina e Cappellini),
ciascuno dotato di una chiara identità, che
consentono di coprire i diversi stili di
prodotto (classico, moderno ed innovativo)
nel segmento dell‟arredamento alto di
gamma, senza sovrapposizioni;
- beneficiare, nel Residenziale, di una
rilevante completezza della propria gamma
(divani, poltrone, mobili, sedie, tavoli, letti
e arredi ufficio), con una rilevante presenza
di prodotti iconici del design (fra cui la
Vanity Fair di Poltrona Frau, la chaiselongue LC4 di Le Corbusier, Pierre
Jeanneret, Charlotte Perriand di Cassina, la
S Chair di Tom Dixon realizzata da
Cappellini) che costituiscono una base di
long seller che non trova uguale nel
mercato di riferimento;
- ottenere una forte presenza sul territorio
con circa 70 negozi mono e multibrand di
Gruppo aperti con partner selezionati e 23
DOS Directly Owned Stores (di cui 5 aperti
nel 2012: Londra per Cassina, Monaco,
Colonia, New Delhi e Dubai con tutti i
marchi del Gruppo) in ubicazioni primarie
nelle principali città italiane ed
internazionali;
- mantenere
rapporti
commerciali
consolidati e di lungo periodo con una
selezionata rete di distributori multimarca
a livello mondiale, consentendo così una
presenza diretta e distintiva nei principali
mercati mondiali;
- rafforzare una posizione di leadership
quale operatore a livello mondiale nel
Contract di alto livello, disporre di una
organizzazione qualificata in grado di
competere a livello internazionale in
commesse prestigiose, realizzando interni
di importanti opere architettoniche, di
19
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
-
-
hotel e showroom di alcuni dei più
prestigiosi marchi della moda;
acquisire il diritto di utilizzo di alcune tra
le più significative opere dell‟ingegno di
designer ed architetti – tra cui Le
Corbusier, Charles Rennie Mackintosh, Gio
Ponti, Vico Magistretti, Gaetano Pesce,
Philippe Starck, Jasper Morrison, Tom
Dixon, Piero Lissoni, Pierluigi Cerri e Giulio
Cappellini – ed architetti – tra cui Renzo
Piano, Norman Foster, Herzog & de
Meuron, Santiago Calatrava e Frank O.
Gehry – che rappresentano la grande
storia, nonché la dimensione attuale e
prospettica, del design e dell‟architettura a
livello mondiale. Questo ha consentito di
creare
un
catalogo
di
prodotti
particolarmente ampio, in grado di
rispondere alle più evolute tendenze
estetiche e tecnologiche del mercato;
allargare
il
know-how
aziendale,
abbinando
specifiche
competenze
artigianali, capacità di sviluppo prodotto,
conoscenze di industrializzazione e
competenze distintive sui materiali, e
diventare
quindi
un
interlocutore
privilegiato per i principali designer ed
architetti a livello mondiale, così come un
creatore di prodotti esclusivi e a forte
contenuto esperienziale.
Dal 2009, dopo un importante cambio del vertice e
l‟ingresso del nuovo Amministratore Delegato Dario
Rinero, è stato definito un piano di riorganizzazione
e strategico che si è sviluppato in due fasi.
La prima fase, realizzata negli anni 2009-2010, ha
permesso di ridurre e razionalizzare i costi, creare
sinergie e semplificare la struttura del Gruppo, al
fine di migliorarne la profittabilità.
Durante tale fase, a supporto della crescita del
turnover, è stato introdotto un nuovo modello
operativo, sono stati aperti nuovi canali di
distribuzione e sviluppati maggiormente le divisioni
Contract ed Interiors in Motion. In ottica di
miglioramento dei margini è stata rivista la
struttura della catena di fornitura, ridotti i costi
fissi e centralizzate le attività di acquisti e logistica.
Infine, la ristrutturazione di Cappellini e la
centralizzazione di tutte le figure di supporto del
Gruppo, insieme ad una serie di interventi relativi ai
costi del personale ed alla dismissione di attività
non strettamente correlate al core business, hanno
permesso di aumentare le efficienze e ridurre i costi
per l‟intero Gruppo.
La seconda fase, partita nel 2011 si è orientata
sulla crescita e sullo sviluppo della Top Line nei
diversi segmenti di Business e sul continuo
miglioramento del margine.
In termini di rete commerciale PFG mira a
incrementare il numero di punti vendita,
principalmente attraverso lo sviluppo di negozi
multibrand di Gruppo con spazi fortemente
caratterizzati, dedicati ai diversi marchi e gestiti da
partner qualificati. Con riferimento ai canali di
distribuzione la seconda fase ha previsto la
realizzazione di specifici accordi commerciali e di
distribuzione con partner di rilievo a livello
internazionale con focus sui mercati in forte
crescita, in particolare i cosiddetti BRIC (Brasile,
Russia, India e Cina). Per il management rimane
prioritario il continuo miglioramento dei margini,
facendo leva sulla riduzione dei costi di produzione
nel Residenziale, e focalizzando le attività contract
su commesse a più alta marginalità e migliore
gestione del rischio. Il Gruppo tende quindi a
privilegiare l‟assunzione di commesse più piccole, e
altamente qualificanti come lo sviluppo della rete
retail internazionale per marchi del lusso o luxury
boutique hotel, teatri e auditorium.
20
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Poltrona Frau Museum, Tolentino (MC)
Poltrona Frau Museum, Tolentino (MC)
21
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Azioni proprie e azioni o quote di società controllanti
Alla data del 31 dicembre 2012, la Società dispone di 1.036.671 azioni proprie, pari a circa il 0,7% del capitale
sociale, come di seguito riportato:
Numero di
azioni proprie
Azioni proprie al 1° gennaio 2012
Prezzo medio
di acquisto /
cessione
Controvalore
(in Euro/000)
1.010.331
0,844
853
Azioni vendute nell‟esercizio
(1.066.665)
0,897
(957)
Azioni comprate nell‟esercizio
1.093.005
0,939
1.026
Azioni proprie al 31 dicembre 2012
1.036.671
0,890
922
Piani di stock options
Si rimanda all‟Allegato della Relazione Finanziaria
Annuale.
Area di consolidamento
Poltrona Frau S.p.A., oltre a svolgere direttamente
significative attività produttive e commerciali, è
una holding di partecipazioni che svolge anche
attività di indirizzo strategico e coordinamento del
Gruppo e delle attività esercitate dalle società da
esso controllate.
Il bilancio consolidato dell‟esercizio 2012 include
quelli della capogruppo Poltrona Frau S.p.A. e quelli
delle società nelle quali essa detiene, direttamente
o indirettamente, il controllo, come definito dallo
IAS 27 – Bilancio consolidato e separato.
In relazione al confronto tra l‟area di
consolidamento al 31 dicembre 2012 e quella al 31
dicembre 2011 si segnala quanto segue:
a) Uscita di PF Qatar Ltd. dal perimetro del
Gruppo sulla base della perdita del controllo
della Società e della cessione della quota del
49% ad un operatore locale, il tutto
nell‟ambito del processo di riorganizzazione
societaria avviato nell‟area del Medio Oriente
nella seconda parte del 2011;
b) Costituzione da parte di Cassina S.p.A., di due
nuove Società, una a Shanghai (Cina) e l‟altra a
Hong Kong, per lo sviluppo principalmente in
Asia del business degli arredamenti di punti
vendita retail per i più importanti Gruppi
internazionali della moda
c) Fusione per incorporazione di Casanova S.r.l. in
Poltrona Frau S.p.A. nonché di Meccanica
Valbona S.r.l. in Cassina S.p.A.;
d) Uscita di Frau Arabia FZ-LLC dal perimetro del
Gruppo a seguito della cessazione dell‟attività
avvenuta nel corso del secondo semestre del
2012.
Le società controllate incluse nell'area di
consolidamento al 31 dicembre 2012 sono le
seguenti:
22
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
%
detenuta
100%
100%
67%
100%
100%
% di
Gruppo
100%
100%
67%
100%
100%
Cassina S.p.A.
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
Cassina S.p.A.
Cassina S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
60%
60%
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
Cassina S.p.A.
100%
100%
Cassina S.p.A.
100%
100%
Denominazione sociale
Sede
Controllante diretta
Poltrona Frau UK Ltd.
Poltrona Frau PTE Ltd.
Frau U.S.A. Corporation
Frau France S.a.r.l.
Cap Design S.p.A.
Poltrona Frau Group North America
Inc.
Cassina S.p.A.
Cassina France S.A.
Artelux S.A.
DieciDieci S.r.l.
Londra – UK
Singapore – S
New York – USA
Parigi – Francia
Meda, Milano – I
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
New York – USA
Poltrona Frau Deutschland GmbH
Beijing Casanova Furniture Design Co.
Ltd.(*)
Meno Warehandels GmbH (*)
Zhejiang Casanova Furniture Design
Co. Ltd.
Cassina Pacific Ltd
Cassina Shanghai Trading Co. Ltd
Meda, Milano – I
Parigi – Francia
Tremblay – Francia
Bologna – I
Monaco di Baviera –
Germ.
Beijing – Rep. Pop.
Cinese
Vienna – Austria
Zhejiang – Rep. Pop.
Cinese
Hong Kong – Rep. Pop.
Cinese
Shanghai – Rep. Pop.
Cinese
(*) Società entrata in liquidazione nel corso del secondo semestre 2012
23
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
RIPARTIZIONE DEI RICAVI ANNUI DI GRUPPO PER
SETTORI DI ATTIVITÀ E SEGMENTO GEOGRAFICO
I settori operativi attraverso cui opera il Gruppo
sono stati determinati sulla base della reportistica
utilizzata dall‟Amministratore Delegato del Gruppo
al fine di prendere le decisioni strategiche. Tale
reportistica, che riflette l‟attuale assetto
organizzativo e societario del Gruppo, è basata sui
settori di attività contraddistinti dai marchi
attraverso i quali il Gruppo, tramite le proprie
aziende, caratterizza i propri prodotti e gestisce la
propria attività. Ciascun marchio beneficia di un
rapporto prodotto/mercato fortemente connotato e
contraddistinto dagli altri, strettamente collegato
alla storia ed ai valori di ciascuno di essi, che
risponde ad un‟esigenza di diversificazione,
attraverso l‟offerta di prodotti che, per quanto tutti
appartenenti al settore dell‟arredamento di lusso,
hanno mercati con caratteristiche assolutamente
autonome e distintive. In particolare sono stati
identificati tre segmenti principali (Poltrona Frau,
Cassina e Cappellini) ed un segmento residuale
Settore di attività
(in migliaia di Euro)
Poltrona Frau
Cassina
Cappellini
Altri
Elisioni
Totale ricavi
2012
131.624
110.274
12.877
(7.787)
246.988
Incidenza
% sul
totale
ricavi
53,4%
44,6%
5,2%
0,0%
(3,2%)
100,0%
chiamato “Altri” che comprende principalmente la
divisione luce (Nemo) di Cassina. In data 28
dicembre 2012 si è perfezionata la cessione del
ramo d‟azienda “Nemo”, con effetto dal 31
dicembre 2012, alla società neo costituita Nemo
S.r.l., di proprietà della società Omikron Design
S.r.l..
L‟operazione prevede inoltre la sottoscrizione, da
parte di Cassina S.p.A., di un aumento di capitale
della Nemo S.r.l. per un ammontare pari al 49%
delle quote della società mediante il conferimento
della partecipazione detenuta in Artelux S.A..
In accordo quindi con quanto previsto dal Principio
Contabile Internazionale IFRS 5, tutte le attività e
passività della società Artelux S.A. sono state
riclassificate nella Situazione Patrimoniale
Finanziaria Consolidata al 31 dicembre nelle voci
“Attività destinate alla vendita” e “Passività
destinate alla vendita”. Gli effetti economici delle
operazioni sopra descritte sono stati esposti
separatamente, al netto dei relativi effetti fiscali
nel conto economico in un‟unica voce “Utile o
(Perdita) delle attività destinate alla vendita”.
2011
129.829
115.960
12.422
800
(7.476)
251.535
Incidenza
% sul
totale
ricavi
51,6%
46,1%
4,9%
0,4%
(3,0%)
100,0%
variazione
1.795
(5.686)
455
(800)
(311)
(4.547)
variazione
%
1,4%
(4,9%)
3,7%
(100,0%)
4,2%
(1,8%)
Il Gruppo ritiene inoltre utile fornire ulteriori informazioni relativamente ai tre segmenti di business in cui opera
(residenziale, contract ed interiors) nonché ai ricavi per area geografica. In particolare sono state identificate
quattro aree geografiche principali: Italia, EMEA (che comprende tutti i paesi europei – escluso l‟Italia – i paesi
del Medio Oriente e l‟Africa), Americhe (principalmente Stati Uniti d‟America) e Asia e Oceania.
Segmento geografico
(in migliaia di Euro)
Italia
EMEA
Americhe
Asia e Oceania
Totale ricavi
2012
91.186
92.564
34.180
29.058
246.988
Incidenza
% sul
totale
ricavi
36,9%
37,5%
13,8%
11,8%
100,0%
2011
102.196
101.108
24.345
23.886
251.535
Incidenza
% sul
totale
ricavi
40,6%
40,2%
9,7%
9,5%
100,0%
variazione
(11.010)
(8.544)
9.835
5.172
(4.547)
variazione
%
(10,8%)
(8,5%)
40,4%
21,7%
(1,8%)
24
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Segmento di business
(in migliaia di Euro)
Residenziale
Contract
Interiors
Totale ricavi
2012
143.205
50.813
52.970
246.988
Incidenza
% sul
totale
ricavi
58,0%
20,6%
21,4%
100,0%
Di seguito vengono riportati alcuni commenti
relativi ai ricavi di vendita sviluppati nel corso del
2012 dai settori di attività, dalle aree geografiche e
dai segmenti di business di cui sopra.
Settore Poltrona Frau
I ricavi del 2012 evidenziano un aumento dell‟1,4%
rispetto all‟esercizio precedente dovuto all‟effetto
combinato della diminuzione registrata nel
segmento residenziale e dalla crescita registrata nel
segmento contract (+4,4%) ed interiors (+15,5%).
In particolare, il segmento interiors mostra per il
secondo anno consecutivo una crescita dei ricavi a
doppia cifra, grazie al forte impulso delle attività
automotive svolte negli Stati Uniti per il cliente
Chrysler. Il segmento residenziale evidenzia una
diminuzione dei ricavi vicina al 10%,
principalmente attribuibile alle aree Italia ed EMEA
che più di altre stanno risentendo dell‟attuale stato
di incertezza e debolezza dell‟economia mondiale.
In particolare l‟Italia, che ancora rappresenta circa
il 50% dei ricavi del segmento residenziale, è l‟area
che, per il secondo anno consecutivo, sta
maggiormente soffrendo la pesante fase recessiva
che ha comportato, da metà 2011, una riduzione
del PIL del paese per sei trimestri consecutivi. La
riduzione dei ricavi registrata nel segmento
rappresenta un buon risultato se paragonata alla
performance media del settore e ad una
contrazione del consumo interno nel 2012 stimata
in una percentuale superiore al 20%.
Settore Cassina
La diminuzione dei ricavi del 4,9% nel 2012
rispetto all‟anno precedente è ascrivibile
all‟andamento negativo del business residenziale
che riporta una contrazione pari a circa il 10%,
controbilanciato dalla forte accelerazione del
segmento contract.
Per quanto riguarda il segmento residenziale la
contrazione dei ricavi rimane in linea con quanto
2011
158.032
47.661
45.842
251.535
Incidenza
% sul
totale
ricavi
62,9%
18,9%
18,2%
100,0%
variazione
(14.827)
3.152
7.128
(4.547)
variazione
%
(9,4%)
6,6%
15,5%
(1,8%)
evidenziato negli scorsi trimestri e conferma del
difficile contesto macro-economico che sta
caratterizzando i mercati europei ed in particolare
l‟Italia.
Il segmento contract conferma invece il trend di
crescita veicolato dallo sviluppo del business degli
arredamenti dei punti vendita retail di altissimo
livello commissionati dai più importanti gruppi
internazionali della moda. Al fine di poter sfruttare
al meglio le possibilità di crescita presenti nei
mercati emergenti del Far East nel corso
dell‟esercizio sono state costituite due società
operanti in Hong Kong (Cassina Pacific Ltd.) ed in
Shanghai (Cassina Shanghai Trading Company Ltd.).
Il primo anno di attività si è chiuso con risultati
soddisfacenti ed in linea con le aspettative di
crescita che il Gruppo si è prefissato. Attualmente
le due società occupano 13 persone e, in relazione
ai risultati raggiunti, si prevede un continuo
potenziamento della struttura.
Settore Cappellini
I ricavi del 2012 evidenziano una crescita pari al
3,7%, tutta ascrivibile al segmento residenziale in
quanto Cappellini non opera in altri segmenti. Tale
risultato viene ritenuto decisamente soddisfacente
in considerazione della difficile congiuntura
economica che si sta attraversando e conferma che
la strada di ristrutturazione intrapresa negli scorsi
esercizi sta velocemente portando il brand nella
direzione voluta.
Settore Altri
Il settore “Altri” al 31 dicembre 2012 non è più
presente a seguito della riclassifica della Divisione
Luci di Cassina S.p.A. e della società Artelux S.A.
nella voce “Utile o (perdita) delle attività destinate
alla vendita” per effetto dell‟operazione di cessione
meglio descritta a seguire nella Relazione
Finanziaria Annuale.
25
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COMMENTO AI PRINCIPALI DATI ECONOMICI E PATRIMONIALI DEL GRUPPO POLTRONA FRAU
Ricavi
Nel 2012 il Gruppo ha evidenziato una diminuzione dei ricavi dell‟1,8% causata principalmente dalla
contrazione del business residenziale -9,4% e soltanto parzialmente controbilanciata dall‟ottimo andamento
del segmento interiors +15,5% e dalla buona performance del segmento contract +6,6%. La contrazione
registrata nel segmento residenziale è principalmente attribuibile alla fase di recessione in atto nei principali
Paesi europei che tuttora rappresentano un importante mercato di sbocco per il Gruppo. In particolare l‟Italia,
che ancora rappresenta un percentuale superiore al 30% circa del giro d‟affari complessivo del segmento, ha
evidenziato una riduzione dei ricavi del 19% rispetto all‟anno precedente.
Gli investimenti realizzati nel corso degli ultimi anni per sviluppare nuove aree geografiche di business stanno
portando i loro frutti; in particolare il mercato americano ha registrato un incremento pari al 14%. La crescita
complessiva realizzata in quest‟ultimo mercato e nell‟area asiatica non è stata tuttavia ancora in grado di
compensare la riduzione della domanda registrata nei mercati maturi.
Per un commento più dettagliato per singolo settore di attività si rimanda a quanto già riportato nel paragrafo
“ripartizione dei ricavi annui di Gruppo per settori di attività e segmento geografico”.
EBITDA
L‟incremento di circa 1,7% dell‟EBITDA – da Euro 25,6 milioni del 2011 ad Euro 26 milioni dell‟esercizio 2012 –
è riconducibile agli effetti riportati in tabella.
(in milioni di Euro)
EBITDA 2011(*)
Effetto volumi di vendita
Effetto margine di contribuzione
Effetto costi fissi, di struttura e discrezionali
EBITDA 2012
25,6
(5,6)
2,5
3,5
26,0
(*) Il valore EBITDA al 31 dicembre 2011 è stato riesposto per un importo incrementale pari a circa 0,6 milioni di Euro al fine di allineare
i dati comparativi
L‟effetto volumi di vendita, negativo per circa Euro 5,6 milioni, è interamente riconducibile alla contrazione del
volume d‟affari del segmento residenziale, parzialmente compensato dalla crescita registrata negli altri due
segmenti di business.
L‟effetto margine di contribuzione, positivo per circa Euro 2,5 milioni, è principalmente riconducibile al
miglioramento del margine del segmento residenziale di circa 1 punto percentuale rispetto all‟esercizio 2011;
tale crescita è attribuibile principalmente alle crescenti sinergie industriali e ad una attenta politica di pricing. I
restanti segmenti registrano importanti incrementi di margine a seguito sia di una attenta politica di
acquisizione delle commesse da parte del business contract e di una continua ricerca ed innovazione nel
business interiors, volta all‟ottenimento di importanti efficienze industriali.
I costi fissi, di struttura e discrezionali si riducono di circa Euro 3,5 milioni rispetto all‟anno precedente a
beneficio e salvaguardia del conto economico consolidato nonché a conferma della grande attenzione nel
contenimento delle spese generali e di un trend di riduzione del sistema costi. A tal proposito, al fine di meglio
26
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
adeguare la struttura organizzativa del Gruppo alla prevedibile mancata ripresa del mercato nel corso dei
prossimi mesi, è stata avviata nel corso dell‟esercizio una importante operazione di ristrutturazione che ha
interessato principalmente il personale indiretto; questa operazione è stata avviata nel corso del quarto
trimestre del 2012 e porterà i benefici attesi nel conto economico del 2013.
Si riporta di seguito la tabella riassuntiva dell‟EBITDA realizzato per segmento di business:
Settore di attività
(in migliaia di Euro)
Poltrona Frau
Cassina
Cappellini
Altri
EBITDA
2012
10.968
14.788
276
26.032
Incidenza
% sui
ricavi del
settore
8,3%
13,4%
2,1%
10,5%
2011
11.366
14.334
(418)
304
25.586
Incidenza
% sui
ricavi del
settore
8,8%
12,4%
(3,4%)
38,0%
10,2%
variazione
(398)
454
694
(304)
446
variazione
%
(3,5%)
3,2%
n.a.
(100,0%)
1,7%
La riduzione dell‟EBITDA del segmento di Poltrona Frau è principalmente imputabile all‟incremento dei costi
fissi, dovuti anche all‟apertura di nuovi DOS; la contrazione dei ricavi residenziali è stata compensata dalla
crescita della marginalità e dall‟incremento dei ricavi del segmento interiors. Il miglioramento della redditività
di Cassina deriva principalmente dalla migliore profittabilità del segmento contract nonché dalla riduzione dei
costi fissi e discrezionali. Il ritorno ad una redditività positiva di Cappellini è riconducibile alla buona crescita
dei ricavi associata ad un miglioramento del margine di contribuzione nonché all‟ulteriore riduzione dei costi
fissi e di struttura. Il dato relativo al 2011 del segmento “Altri” era riconducibile al provento non ricorrente
derivante dalla gestione caratteristica di Euro 300 mila conseguito nella prima parte del 2011 a fronte dalla
cessione del marchio Gebrüder Thonet Vienna. A seguito dell‟avvenuta cessione della divisione Luci, come
meglio sopra descritta, il segmento “Altri” non presenta più alcun valore.
Risultato operativo
Il risultato operativo è in peggioramento – da Euro 18,8 dell‟esercizio 2011 ad Euro 15,5 milioni dell‟esercizio
2012 – principalmente a causa dei costi sostenuti per l‟operazione di ristrutturazione sopra descritta, pari a
circa Euro 3,9.
Risultato prima delle imposte
Il risultato prima delle imposte dell‟esercizio 2012 evidenzia un utile di circa Euro 8,5 milioni, contro l‟utile di
circa Euro 11,7 milioni realizzato nel corso del 2011; la contrazione è attribuibile ai a seguito dei costi di
ristrutturazione sostenuti nel corso del 2012.
Risultato netto
Il risultato netto dell‟esercizio 2012 evidenzia un utile di circa Euro 0,9 milioni rispetto all‟utile di circa Euro 4,6
milioni realizzato nel corso del 2011. Si segnala che, a seguito dell‟avvenuta cessione della divisione luci, il
risultato netto di tale operazione, pari ad una perdita di Euro 3,7 milioni, è stato evidenziato così come previsto
dal principio contabile IFRS 5 in un'unica voce di conto economico chiamata “Utile/(Perdite) attività destinate
alla vendita”; tale importo viene esposto tra il Risultato prima delle imposte ed il Risultato netto.
27
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Note di commento alle variazioni patrimoniali e finanziarie
Capitale Circolante Netto
(in migliaia di Euro)
Crediti commerciali
Rimanenze
Debiti commerciali
Altre attività / (passività) correnti
Capitale Circolante Netto
31 dicembre
2012
52.110
53.989
(59.197)
(14.175)
32.727
31 dicembre
2011
58.920
58.206
(58.655)
(14.321)
44.150
variazione
(6.810)
(4.217)
(542)
146
(11.423)
La riduzione dei crediti commerciali è attribuibile ad una sempre più attenta politica di affidamento dei clienti e
di gestione dei tempi di incasso rispetto alle scadenze contrattuali pattuite, nonché alla revisione e
standardizzazione delle condizioni di pagamento. Tale decremento è inoltre riconducibile, per circa 1,7 milioni,
alla cessione della Divisione Luci, descritta in precedenza.
Il decremento delle rimanenze è quasi esclusivamente riconducibile alla cessione della Divisione Luci.
L‟incremento dei debiti commerciali al 31 dicembre 2012 è conseguenza della maggiore attenzione alle
condizioni di pagamento nei confronti dei fornitori e di maggiori investimenti realizzati nel corso dell‟ultimo
trimestre del 2012 rispetto a quanto registrato nel precedente esercizio. La cessione della Divisione Luci ha
comportato minori debiti commerciali per circa Euro 1,1 milione.
Le altre attività/passività correnti sono in linea con quanto evidenziato nell‟esercizio precedente; tale voce
include i saldi delle voci di bilancio “altre attività correnti”, “debiti tributari” ed “altre passività correnti”.
Posizione finanziaria netta
(in migliaia di Euro)
Debiti verso banche a breve termine
Quota corrente dei finanziamenti a medio / lungo termine
Altre passività finanziarie
Debiti a breve termine
Debiti finanziari a medio / lungo termine
Totale debito lordo
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
Altre attività finanziarie
Indebitamento finanziario netto
31 dicembre
2012
(32.755)
(13.082)
(1.360)
(47.197)
(46.263)
(93.460)
9.068
5.319
(79.073)
31 dicembre
2011
(30.512)
(12.023)
(1.127)
(43.662)
(57.423)
(101.085)
12.036
1.060
(87.989)
variazione
(2.243)
(1.059)
(233)
(3.535)
11.160
7.625
(2.968)
4.259
8.916
L‟indebitamento finanziario netto migliora di circa Euro 8,9 milioni rispetto al 31 dicembre 2011 a seguito di
effetti con segni contrapposti così riassumibili:
28
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(i)
con segno positivo:
 il flusso potenziale di cassa (EBITDA) del periodo pari a Euro 26 milioni,
 la riduzione di circa Euro 11,4 milioni del capitale circolante netto operativo,
 il credito finanziario derivante dalla cessione della divisione Luci per Euro 0,7 milioni,
(ii)
con segno negativo:
 il pagamento dell‟indennità ai dipendenti del Gruppo a seguito dell‟avvio del piano di
ristrutturazione, indennità di agenzia ed altri pagamenti per complessivi Euro 2,2 milioni;
 gli investimenti netti in immobilizzazioni del periodo, pari a Euro 12,5 milioni;
 oneri finanziari netti ed imposte a conto economico per complessivi Euro 10,1 milioni,
 Il versamento di capitale nella società Casa Décor Private Ltd. per Euro 0,7 milioni;
 altre variazioni pari a circa Euro 3,7 milioni derivante dalla cessione della divisione Luci.
29
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COMMENTO AI PRINCIPALI DATI ECONOMICI E PATRIMONIALI DI POLTRONA FRAU S.p.A.
Ricavi
L‟esercizio appena concluso evidenzia una diminuzione di circa il 10% dei ricavi conseguiti dal segmento
residenziale ed una buona performance sia del settore interiors (+5,2%) che del contract (+3,2%). Il segmento
residenziale soffre l‟attuale stato di incertezza e debolezza dell‟economia mondiale ed in particolare delle aree
Italia ed EMEA che ad oggi rappresentano ancora i mercati di riferimento della società.
Complessivamente, sulla base delle prime analisi e risultanze elaborate dal Centro Studi
Cosmit/FederlegnoArredo, (elaborate sulla base del consuntivo a novembre 2012) si stima che il macrosistema
dell‟arredamento italiano possa aver chiuso il 2012 con una contrazione (-10,3%) delle vendite totali, causata
principalmente da una importate flessione registrata dai consumi interni (-19,7%) e da una sostanziale tenuta
delle esportazioni (+0,5%). I confronti sono sempre difficili perché le categorie merceologiche che rientrano
nelle statistiche di cui sopra non corrispondono esattamente ai settori in cui opera Poltrona Frau;
complessivamente è comunque evidente una performance della Società migliore dell‟andamento del mercato di
riferimento.
Si riportano di seguito due tabelle riassuntive della ripartizione dei ricavi per area geografica e per segmento di
business:
(in migliaia di Euro)
2012
Italia
EMEA
Americhe
Asia e Oceania
Totale ricavi
67.949
31.907
7.970
9.854
117.680
(in migliaia di Euro)
2012
Residenziale
58.782
45.931
12.967
117.680
Interiors
Contract
Totale ricavi
Incidenza
% sul
totale
ricavi
57,7%
27,1%
6,8%
8,4%
100,0%
Incidenza
% sul
totale
ricavi
50,0%
39,0%
11,0%
100,0%
2011
77.008
29.347
6.585
8.900
121.840
2011
65.617
43.653
12.570
121.840
Incidenza
% sul
totale
ricavi
variazione
variazione
%
63,2%
24,1%
5,4%
7,3%
100,0%
(9.059)
2.560
1.385
954
(4.160)
(11,8%)
8,7%
21,0%
10,7%
(3,4%)
Incidenza
% sul
totale
ricavi
variazione
variazione
%
53,9%
35,8%
10,3%
100,0%
(6.835)
2.278
397
(4.160)
(10,4%)
5,2%
3,2%
(3,4%)
L‟Italia, che ancora rappresenta oltre il 50% dei ricavi del segmento residenziale, è l‟area che sta maggiormente
soffrendo la pesante crisi economica che ha colpito l‟Europa da metà del 2011 e la riduzione dei ricavi pari a
circa il 16% rappresenta un risultato soddisfacente se paragonata alla performance media del settore che
presenta una riduzione del 20% circa del giro d‟affari. Il 2012 è stato inoltre caratterizzato dall‟estendersi ai
principali mercati europei della situazione di incertezza economica che negli ultimi due anni ha colpito il
mercato domestico. L‟area EMEA ha registrato nel segmento residenziale una riduzione di circa il 10%,
controbilanciata dal buon andamento delle vendite realizzate nel segmento Interiors e Contract. Nel complesso
risultano soddisfacenti le crescite realizzate nei mercati più lontani.
30
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
EBITDA
La diminuzione del 3% circa dell‟EBITDA – da Euro 11 milioni del 2011 ad Euro 10,6 milioni dell‟esercizio 2012
– è dovuta agli effetti di seguito rappresentati:
(in milioni di Euro)
EBITDA 2011
Effetto volumi di vendita
Effetto margine di contribuzione
Effetto costi fissi, di struttura e discrezionali
EBITDA 2012
11,0
(2,3)
1,7
0,2
10,6
La riduzione dell‟EBITDA è esclusivamente attribuibile alla flessione registrata dai ricavi nel segmento
residenziale, solo parzialmente compensata dai maggiori volumi di vendita realizzati nel segmento Interiors e
Contract. Il miglioramento del margine di contribuzione è ascrivibile esclusivamente al settore residenziale in
quanto il segmento contract e interiors evidenziano una sostanziale stabilità. Il significativo incremento della
marginalità registrato nel segmento residenziale è principalmente dovuto alle efficienze produttive realizzate
nell‟esercizio, congiuntamente ad una ridefinizione delle politiche di pricing.
I costi fissi di struttura evidenziano un decremento rispetto all‟esercizio precedente di circa Euro 0,2 milioni a
seguito principalmente di una riduzione dei costi del personale indiretto e delle spese di marketing,
parzialmente controbilanciato da maggiori costi relativi alle spese generali connesse a progetti speciali avviati
nel corso dell‟esercizio.
Risultato operativo
Il risultato operativo evidenzia un utile di Euro 4,9 milioni contro un risultato positivo pari a Euro 7,3 milioni
riportati nel 2011. Da evidenziare che il risultato del 2012 è penalizzato da costi di ristrutturazione pari ad Euro
1,9 milioni; tale operazione, volta ad adeguare la struttura organizzativa alla attuale fase recessiva di mercato,
è stata avviata nel corso del quarto trimestre del 2012 e porterà i benefici attesi nel conto economico del 2013.
Risultato prima delle imposte
Il risultato prima delle imposte evidenzia un risultato negativo pari a Euro 1,2 milioni contro un risultato
positivo pari ad Euro 10 mila del 2011. Nel corso del 2012 gli oneri su partecipazioni hanno avuto un effetto
netto di Euro 2,7 milioni contro gli Euro 4,2 milioni del 2011.
Risultato netto
Il risultato netto dell‟esercizio 2012 evidenzia una perdita di Euro 2,2 milioni rispetto ad una perdita di Euro 2,4
milioni del 2011. Le imposte sul reddito sono pari a Euro 0,9 milioni contro gli Euro 2,4 milioni al 31 dicembre
2011.
31
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Note di commento alle variazioni patrimoniali e finanziarie
Capitale Circolante Netto
(in migliaia di Euro)
Crediti commerciali
Rimanenze
Debiti commerciali
Altre attività / (passività) correnti
Capitale Circolante Netto
31 dicembre
2012
31.322
24.501
(35.001)
(6.859)
13.963
31 dicembre
2011
41.236
24.293
(32.255)
(2.861)
30.413
variazione
(9.914)
208
(2.746)
(3.998)
(16.450)
La forte contrazione registrata dal Capitale Circolante Netto è principalmente attribuibile alla riduzione dei
crediti commerciali; tale effetto è principalmente connesso ad una migliore gestione delle partite commerciali
verso le società controllate ed ad una politica di gestione del credito sempre più attenta al rispetto delle
condizioni di pagamento contrattualmente pattuite.
L‟aumento dei debiti commerciali è in linea con le politiche impostate nel corso dell‟esercizio volte al
miglioramento dell‟investimento nel capitale circolante netto ed ad una concentrazione degli investimenti
nell‟ultima parte dell‟esercizio.
Le altre attività/passività correnti includono i saldi delle voci di bilancio “altre attività correnti”, “debiti
tributari” ed “altre passività correnti”. L‟incremento della voce è dovuto principalmente alla rinuncia da parte
della Capogruppo al finanziamento erogato alla controllata Meno Warehandels GmbH per Euro 3,7 milioni.
L‟incidenza del capitale circolante netto rispetto ai ricavi annui si attesta al 31 dicembre 2012 intorno al 11,9%
rispetto ad una percentuale di circa il 26% rilevata a fine anno 2011.
Posizione finanziaria netta
(in migliaia di Euro)
Debiti verso banche a breve termine
Quota corrente dei finanziamenti a medio / lungo
termine
Altre passività finanziarie
Debiti a breve termine
Debiti finanziari a medio / lungo termine
Totale debito lordo
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
Altre attività finanziarie
Indebitamento finanziario netto
31
dicembre
2012
(17.299)
31
dicembre variazione
2011
(17.588)
289
(5.388)
(5.767)
379
(24.582)
(47.269)
(24.392)
(71.661)
3.291
5.561
(62.809)
(26.500)
(49.855)
(27.478)
(77.333)
4.991
3.997
(68.345)
1.918
2.586
3.086
5.672
(1.700)
1.564
5.536
L‟indebitamento finanziario netto migliora di circa Euro 5,5 milioni rispetto al 31 dicembre 2011 a seguito di
effetti con segni contrapposti così riassumibili:
32
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(iii)
con segno positivo:
 il flusso potenziale di cassa (EBITDA) del periodo pari a Euro 10,6 milioni,
 la riduzione di circa Euro 16,4 milioni del capitale circolante netto operativo,
(iv)
con segno negativo:
 il pagamento dell‟indennità ai dipendenti della Capogruppo a seguito dell‟avvio del piano di
ristrutturazione, indennità di agenzia ed altri pagamenti per complessivi Euro 1,2 milioni,
 gli investimenti netti in immobilizzazioni del periodo, pari a Euro 5 milioni,
 gli investimenti in partecipazioni per Euro 11,0 milioni relativi ad aumenti di capitale sociale,
 oneri finanziari netti ed imposte a conto economico per complessivi Euro 4,3 milioni.
33
RACCORDO TRA RISULTATO DI PERIODO ED IL PATRIMONIO NETTO DEL GRUPPO DI POLTRONA FRAU S.P.A.
(in migliaia di Euro)
Patrimonio netto Poltrona Frau S.p.A.
Risultati pro-quota conseguiti dalle partecipate
Eliminazione dei dividendi infragruppo
Eliminazione degli utili e delle perdite infragruppo
inclusi nel magazzino
Svalutazione partecipazioni in società controllate
Impairment avviamento da consolidamento
Impairment intangibili a VUI destinati alla vendita
Disavanzo di fusione
Riserva adeguamento al Fair Value delle AFS
Riserva da acquisto partecipazioni in società
controllate
Altre rettifiche minori
Totale Patrimonio Netto di Gruppo
Totale Patrimonio Netto di Terzi
Totale Patrimonio Netto Consolidato
Patrimonio
Utile
Netto 31
(Perdita)
dicembre
dell'esercizio
2012
2012
39.594
(2.160)
8.532
683
(4.365)
-
Patrimonio
Utile
Netto 31
(Perdita)
dicembre
dell'esercizio
2011
2011
41.683
(2.428)
7.849
3.187
(4.365)
-
(1.342)
(263)
(1.079)
(377)
35.862
(1.902)
(2.960)
2.676
(6.554)
2.921
-
33.178
(1.902)
(2.960)
2.676
(6.516)
4.217
-
1.838
-
1.838
-
(303)
71.076
(266)
70.810
(169)
1.012
(126)
886
1.622
72.024
(1.627)
70.397
4.599
46
4.645
Operazioni significative, non ricorrenti, atipiche e/o inusuali
Ai sensi della Delibera Consob n. 15519 del 27 luglio 2006 in merito agli schemi di bilancio, relativamente agli
effetti derivanti da eventi o operazioni il cui accadimento risulta non ricorrente ovvero da quelle operazioni o
fatti che non si ripetono frequentemente nel consueto svolgimento dell‟attività si evidenziano i costi di
ristrutturazione, pari ad Euro 3,9 milioni.
Per dettagli si veda anche quanto riportato alla nota n. 32 “Costi di ristrutturazione”;
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Continuità aziendale, rischi ed incertezze
Il bilancio consolidato è stato redatto sul presupposto della continuità aziendale in quanto, nonostante il
difficile contesto economico e finanziario, il Gruppo ritiene che non sussistano significative incertezze riguardo
la capacità di continuare nella sua esistenza operativa per un futuro prevedibile, anche in virtù delle linee
operative già individuate, e la cui attuazione è ad oggi in corso, per adeguarsi ai mutati trend della domanda
oltre che alla flessibilità industriale e finanziaria del Gruppo stesso.
Gestione dei rischi finanziari
Si rimanda al paragrafo inserito nelle Note Illustrative relative al Bilancio Consolidato “Principali rischi ed
incertezze a cui Poltrona Frau S.p.a. ed il Gruppo sono esposti”.
EVOLUZIONE DELLA GESTIONE
Il Gruppo Poltrona Frau intende mantenere e rafforzare ulteriormente la propria posizione di leadership nel
mercato dell‟arredamento di alta gamma nella casa, nell‟ufficio, nel viaggio e nei luoghi dell‟ospitalità/
divertimento, migliorando e completando sia la propria struttura distributiva sia l‟offerta dei propri prodotti e
servizi. Nel corso del 2012, coerentemente con gli obiettivi sopra definiti, il Gruppo ha proceduto alla cessione
della propria divisione “Luci”, precedentemente riportata nell‟informativa di segmento nella categoria “Altri”.
Sempre nel corso dell‟esercizio, nell‟ottica di semplificazione delle struttura societaria si è proceduto alla
fusione di Meccanica Valbona S.r.l. in Cassina S.p.A. e di Casanova S.r.l. in Poltrona Frau S.p.A., mentre si è
conclusa la liquidazione di Frau Arabia FZ-LLC ed sono stati avviati i processi di liquidazione di Meno
Warenhandels GmbH e di Beijing Casanova Furniture Design Co. Ltd., che dovrebbero concludersi entro la prima
metà del 2013.
La debolezza della domanda relativa al segmento residenziale, evidenziatasi soprattutto a partire dalla seconda
metà del 2011, è proseguita per tutto il 2012 e ciò particolarmente a causa della recessione in atto che ha
colpito anche i principali Paesi europei. Il mercato domestico ha registrato una profonda contrazione della
domanda per tutto il 2012 e, stante l‟attuale situazione di incertezza, non si prevede uno scenario positivo per il
2013. La quota di fatturato residenziale realizzato in Italia dal Gruppo nel 2012 è stato pari al 30,5%, contro un
34% registrato nel corso del 2011. L‟area EMEA, a seguito principalmente del momento di debolezza della
domanda dei principali Paesi Europei, ha mantenuto la propria quota di fatturato al 42%, facendo però segnare
una contrazione del fatturato del 10% circa. Si evidenzia che nel corso dell‟ultimo trimestre del 2012 il Gruppo
ha aperto 3 nuovi DOS, di cui 2 in Germania (Monaco e Colonia) ed uno in Inghilterra (Londra); i positivi
risultati di queste aperture sono attesi per l‟esercizio 2013. L‟area “Americhe”, a conferma della bontà della
politica commerciale intrapresa, ha proseguito il positivo trend di crescita in corso negli ultimi esercizi; la quota
di fatturato complessivamente realizzata nell‟area è passata dal 10,5% al 13%. L‟area “Asia e Oceania”
rappresenta il 14,5% circa del fatturato ed ha evidenziato una crescita più contenuta rispetto alla serie storica
(+1,5%) in quanto alla fine del 2011 si è interrotto il rapporto commerciale con un grosso distributore operante
sul mercato cinese che aveva realizzato significativi fatturati nel 2011. Nel corso dell‟esercizio 2012 si è riusciti
a recuperare il mancato fatturato, gettando le basi per più proficui rapporti per il futuro.
I primi due mesi dell‟anno sono stati ancora caratterizzati da instabilità e debolezza della domanda, soprattutto
quella Nazionale, anche a causa del clima di incertezza politica dovuto alle elezioni elettorali tenutesi nel corso
del mese di febbraio. Le operazioni intraprese nel corso del 2012, volte da una parte ad incrementare la
presenza del Gruppo con l‟apertura di nuovi DOS e di nuovi distributori in esclusiva, congiuntamente
all‟operazione di riorganizzazione, che comporterà una forte riduzione dei costi del personale indiretto,
permettono di affrontare fiduciosi l‟attuale situazione di recessione economica che, si presume, possa perdurare
per buona parte del 2013. Il ritorno del Gruppo al Salone Internazionale del Mobile nel prossimo mese di Aprile
e le novità in approntamento per tale occasione creano un clima di fiducia sulla capacità del Gruppo di ottenere
34
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
buone performance, anche in assenza di una ripresa del mercato di riferimento. Infine è importante evidenziare
che, anche in presenza di una minore crescita del residenziale nel 2013 rispetto alle previsioni di piano, la
Società è in grado di attivare una serie di meccanismi di protezione quali la riduzione delle spese di
comunicazione e marketing ed un ulteriore contenimento dei costi di struttura, con l‟obiettivo di preservare la
redditività del segmento di business.
L‟obiettivo del segmento contract è quello di mantenere nel medio periodo una crescita sostenibile, ridurre i
rischi e migliorare la redditività complessiva del business grazie alla posizione di leadership internazionale
ormai acquisita dal Gruppo. In particolare la riduzione del rischio si contraddistinguerà sempre più quale
obiettivo primario del segmento contract e la decisione di ritornare a sviluppare in maniera importante il
business degli arredamenti di punti vendita retail di altissimo livello per i più importanti gruppi internazionali
della moda è esattamente in linea con gli obiettivi di cui sopra. L‟apertura avvenuta nel corso del 2012 di un
importante hub nel Far East, tramite la presenza diretta in quell‟area con proprie società interamente
controllate in Hong Kong e Shanghai ha permesso di chiudere l‟esercizio 2012 con una progressione del
fatturato del 6,6% rispetto al 2011 e permette di prevedere un buon risultato in linea con le attese anche per
l‟anno 2013.
Il segmento interiors continua invece la propria penetrazione in un mercato mondiale molto ampio ma
connotato da tempi di progetto piuttosto lunghi. La crescita registrata nel corso del 2012, pari al 15,5%, e
successiva al già importante incremento realizzato nell‟esercizio precedente, conferma che le scelte strategiche
avviate nel corso degli ultimi anni vanno nella direzione voluta e fanno prevedere anche per il 2013 una
crescita significativa.
Le azioni e le strategie avviate dal management del Gruppo ed i risultati conseguiti sono oggetto di un costante
lavoro di analisi, elaborazione ed integrazione per tenere conto della rapida evoluzione del contesto
macroeconomico. Il risultati del 2012 sono confortanti, sia in termini di miglioramento della redditività che di
generazione di cassa (e quindi di riduzione dell‟indebitamento finanziario del Gruppo), e oggi non sono presenti
elementi che possano non far ritenere il Gruppo in grado di raggiungere risultati economico-finanziari in
ulteriore crescita anche nel corso dell‟esercizio 2013.
FATTI DI RILIEVO DOPO LA CHIUSURA DELL‟ESERCIZIO
Si segnala che, nell‟ambito del processo di semplificazione e di riorganizzazione delle attività non redditizie, nel
corso del mese di febbraio del 2013 si è proceduto alla cessione del 51% della controllata cinese Zheijang
Casanova Furniture Ltd. alla società cinese Wenzhou Opal Furniture Co. Ltd. Tale società era stata costituita dal
Gruppo nel corso del 2006 con lo scopo precipuo di produrre a costi contenuti sedute per il settore contract da
commercializzare a marchio Gufram. A seguito della contrazione della domanda, avvenuta negli ultimi anni, per
questi prodotti di fascia media la società si è trovata con una capacità produttiva di gran lunga superiore alle
esigenze di mercato; capacità produttiva non sfruttabile per altre esigenze produttive del Gruppo.
Sempre nel corso del mese di febbraio 2013 si è conclusa, attraverso il conferimento della partecipazione
detenuta nella società francese Artelux S.a. in Nemo S.r.l., la cessione della divisione Luce del Gruppo. A seguito
di tale conferimento il Gruppo detiene una quota di partecipazione del 49% nella società Nemo S.r.l., a cui fa
capo l‟intera divisione Luce prima appartenuta al Gruppo. Nell‟ambito dell‟accordo siglato tra le parti è prevista
una opzione put e call da esercitarsi a partire dal quarto anno successivo alla cessione.
35
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Allestimento Poltrona Frau – Design Village 2012
Allestimento Cassina – Design Village 2012
36
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Allestimento Cappellini – Design Village 2012
Allestimento Poltrona Frau – Design Village 2012
37
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY
I brand e i segmenti di business
I marchi del Gruppo: Poltrona Frau, Cassina,
Cappellini
La creazione del Gruppo è stata ispirata da una
strategia basata sulla volontà di preservare il valore
distintivo di ciascun marchio, ognuno dei quali
beneficia di un rapporto prodotto / mercato
fortemente connotato, strettamente collegato alla
storia ed ai valori di ciascuno di essi. I marchi del
Gruppo Poltrona Frau, Poltrona Frau, Cassina e
Cappellini sono altresì caratterizzati da distinte
filosofie ed approcci al mercato.
Poltrona Frau: Lusso, heritage, artigianalità,
materie prime esclusive, archivio storico, stile e
glamour: artigianalità moderna.
Cassina: Storia del design, artigianalità combinata
all‟industria, catalogo di primari designer storici e
contemporanei: industrializzazione del design.
Cappellini: design contemporaneo, ricerca estetica
ed innovazione, materiali innovativi: avanguardia
del design.
Il Residenziale si riferisce all‟ideazione, produzione
e distribuzione di prodotti standard a catalogo di
arredamento di alta gamma (divani, poltrone,
mobili, sedie, tavoli, letti e arredi) destinati alla
clientela retail e a selezionata clientela business.
Residenziale – Poltrona Frau
Poltrona Frau, fra i leader nel settore
dell‟arredamento di alta gamma, è un marchio di
grande tradizione fondato in Italia nel 1912.
Poltrona Frau produce e distribuisce arredi esclusivi
di alta qualità (di design classico e
contemporaneo), ha una forte presenza retail (più
di 50 negozi monobrand in Italia e all‟estero, di cui
6 gestiti direttamente – DOS – in location primarie
a Milano, Roma, Napoli, Bologna, Parigi, New York)
e controlla direttamente l‟intero ciclo produttivo
che prevede numerose fasi artigianali. Il marchio
Poltrona Frau è connotato da un forte contenuto di
stile e glamour, abbinato a un grande rispetto della
tradizione e ad un archivio storico creato a partire
dal 1912. In Poltrona Frau convivono prodotti
classici e prodotti contemporanei, che soddisfano le
esigenze di una clientela esclusiva e internazionale
che pone i valori della durevolezza, dell‟eleganza e
della riconoscibilità al centro dei propri criteri di
scelta. Poltrona Frau si contraddistingue da sempre
per un elevato contenuto di artigianalità, per
l‟attenzione ai dettagli e per l‟uso di materie prime
di alta qualità.
La collezione storica di Poltrona Frau è costituita
da prodotti ideati fra il 1912 ed il 1934. Tra questi
alcune icone dell‟arredamento quali la poltrona
Vanity Fair (1930) ed il divano Chester (1912), long
seller con i quali l‟azienda viene identificata a
livello mondiale. Alla collezione storica l‟azienda
affianca una gamma importante di prodotti
contemporanei a maggiore contenuto di design.
Poltrona Frau è anche attiva nella produzione e
distribuzione di arredamento da ufficio di alta
gamma.
Poltrona Frau ha sviluppato nel tempo capacità
specifiche nella lavorazione della pelle, per la quale
ha definito un proprio standard qualitativo
concordato e condiviso con i propri selezionati
fornitori ed identificato con il marchio registrato
“Pelle Frau”, che esprime elevata qualità e
longevità. L‟azienda utilizza pelle pieno fiore in più
di 120 colori.
Nel 2012, in occasione del Centenario, Poltrona
Frau ha colto l‟occasione per raccontare le sue nelle
anime di realtà italiana leader nel settore di
riferimento attraverso tre progetti diversi: un libro,
un design contest di giovani designer per lanciare
la “poltrona del centenario” con una giuria di
eccezione e la nascita del primo museo Poltrona
Frau a Tolentino. Una serie di investimenti
importanti per celebrare i primi suoi primi 100 anni.
Il libro. Dal titolo “L‟intelligenza delle mani”, è un
volume che percorre in modo anticonvenzionale
cento anni di storia. Ogni decennio si apre sugli
arredi Poltrona Frau dell‟epoca, ma la visione subito
si allarga agli eventi chiave di quegli anni. Curatore
del libro è Mario Piazza, direttore di Abitare. Le
immagini sono di Giovanni Gastel, artista e
fotografo dalla sensibilità raffinata, noto in tutto il
mondo.
Il design contest ha coinvolto 12 giovani designer
tra i più talentuosi e noti nel mondo. A ciascuno di
38
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
loro Poltrona Frau ha chiesto di progettare la
poltrona simbolo del centenario, proiettandola fin
d‟ora nel futuro. Il tema del design contest è la
poltrona come luogo dove raccogliersi, meditare,
rilassarsi, pensare, rivestita in Pelle Frau® e
realizzata con le tecniche esclusive degli artigiani
di Poltrona Frau a Tolentino.
Il museo, un nuovo spazio espositivo aziendale
progettato da Michele De Lucchi, ospitato in una
porzione dell‟edificio industriale di Poltrona Frau a
Tolentino, diventerà un luogo di incontro tra la
realtà produttiva e il mondo esterno.
Lo spazio custodisce una collezione di materiale e
di documenti originali, testimonianze della storia e
dell‟evoluzione dell‟azienda. Un museo che per
Poltrona Frau vuole rappresentare un omaggio al
proprio territorio dove la lavorazione della pelle è
una tradizione consolidata. Un‟eccellenza del made
in Italy che in questo distretto trova la sua origine
ed è riconosciuta in tutto il mondo.
Residenziale – Cassina
Fondata nel 1927, Cassina ha avviato fin dai
primissimi anni una collaborazione costante con gli
architetti italiani ed internazionali portatori dei
valori di ricerca ed innovazione ed è oggi
considerata uno tra i marchi più rappresentativi del
design italiano nel mondo.
Cassina è tra i leader mondiali nel mercato di alta
gamma grazie alla notorietà dei suoi prodotti
inclusi nelle collezioni “I Maestri” (tra cui i prodotti
di Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte
Perriand, icone del design mondiale del „900) e “I
Contemporanei” (con prodotti dei più importanti
architetti e designer contemporanei).
L‟identità di Cassina si incontra in un originale
connubio dove l‟attitudine tecnologica è
strettamente connessa ad una artigianalità di
grande tradizione. L‟azienda infatti fonda la sua
attività su un rigoroso controllo diretto dell‟intero
ciclo produttivo, che include attività di alta
falegnameria.
Cassina è molto attiva nel settore culturale
sponsorizzando mostre come “L‟Italia di Le
Corbusier” presso il MAXXI di Roma per diffondere i
valori culturali dei maestri che fanno parte della
collezione. Inoltre, le icone di Cassina sono esposte
nei più importanti musei del mondo come il
Museum of Modern Art di New York e il Centre
Pompidou di Parigi, nonché in gallerie d‟arte ed
istituzioni culturali.
Il marchio Cassina ha una forte presenza retail in
tutto il mondo e gestisce direttamente 5 DOS in
ubicazioni primarie a Milano, Parigi, Londra e New
York (2). L‟azienda fa parte dal 2005 del Gruppo
Poltrona Frau, leader mondiale nel settore
dell‟arredamento di alta gamma e portavoce sulla
scena internazionale del migliore design made in
Italy.
Il marchio Cassina è parte della storia del design
italiano dal 1927, nel cui ambito si è distinta per
aver fatto leva su due elementi caratteristici. Il
primo è la collaborazione istituzionale con
progettisti esterni (designer ed architetti) di fama
internazionale, che ha consentito la creazione di un
catalogo che, per ogni momento storico, ha
rappresentato e continua a rappresentare
l‟avanguardia dell‟evoluzione del design. Il secondo
è rappresentato dalla propria cultura industriale. La
combinazione di tali elementi ha contribuito
all‟affermazione del marchio ed al suo sviluppo nei
principali mercati internazionali.
La grande forza di Cassina viene riconosciuta dal
mercato nella capacità di ideare e sviluppare il
prodotto come un mix unico di design ed
industrializzazione. Questo importante assunto
strategico della società guida tutte le fasi del
processo di sviluppo del prodotto, processo che
beneficia della capacità di Cassina di lavorare vari
tipi di materiali, anche quelli più innovativi quando
lo sviluppo del progetto lo richiede, e comprende
tutte le fasi che vanno dalla ricerca, allo sviluppo
del progetto, alla realizzazione dei prototipi,
all‟ingegnerizzazione e alla presentazione sul
mercato.
Il catalogo prodotti del segmento residenziale è
articolato in due collezioni, “I Maestri” e “I
Contemporanei”.
La collezione “I Maestri” nasce nel ‟64 con
l‟acquisizione dei diritti di riproduzione di quattro
modelli disegnati da Le Corbusier (allora vivente)
insieme a Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand.
Negli anni a seguire la collezione raccoglierà in
esclusiva mondiale, lavorando in stretto contatto
con gli eredi e le fondazioni ufficiali, alcuni arredi
dei più famosi architetti del XX secolo (Le
Corbusier, Charlotte Perriand, Gerrit T. Rietveld,
Charles Rennie Mackintosh, Eric Gunnar Asplund,
Frank Lloyd Wright, Franco Albini). Ogni prodotto
39
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
della collezione deriva dal design originale, rivisto
nel rispetto degli elementi caratteristici e dei valori
originari del modello ed in funzione della sua
produzione industriale. Il successo di questo
prestigioso catalogo ha dato un respiro fortemente
internazionale all‟attività di Cassina e ha
contribuito a formare un rilevante insieme di
prodotti icona e long seller nel proprio catalogo
creando sia una solida base economica, sia
un‟immagine di riferimento per lo sviluppo
dell‟attività futura.
La collezione “I Contemporanei” comprende alcuni
dei più famosi nomi del design tra cui Mario Bellini
(creatore della Cab, una serie di prodotti che
rappresentano uno dei più importanti long seller di
Cassina), Rodolfo Dordoni, Toshiyuki Kita, Piero
Lissoni, Vico Magistretti (creatore del divano
Maralunga), Luca Nichetto, Gaetano Pesce, Gio
Ponti, Philippe Starck, Hannes Wettstein.
Residenziale – Cappellini
Cappellini inizia la propria attività nel 1946 e
costituisce una realtà di spicco nel settore
dell‟arredamento di alta gamma grazie ad un
notevole catalogo di designer internazionali ed alla
produzione di pezzi di grande avanguardia creativa,
immagine e notorietà. L‟azienda ha svolto negli
ultimi 30 anni un‟attenta attività di ricerca e
selezione di giovani designer emergenti e ad alto
potenziale, divenendo di fatto il trampolino di
lancio di significativi talenti internazionali del
design contemporaneo. L‟immagine dell‟azienda è
fortemente legata al mondo della sperimentazione
e della ricerca, che danno al marchio Cappellini una
riconoscibilità ed una visibilità internazionale.
Cappellini dispone di una presenza selettiva, ma di
rilievo nei DOS di Milano, Roma, Parigi e New York,
ed in alcuni negozi monobrand nelle più importanti
città del mondo (ad esempio Parigi, Bruxelles e
Manila), nonché di una presenza capillare nei
migliori negozi multibrand di design. Alcuni dei
suoi prodotti sono esposti nei più importanti musei
del mondo come il Moma di New York, il Centre
Pompidou di Parigi ed il V&A di Londra.
Cappellini è uno dei marchi più rappresentativi del
design contemporaneo, con particolare attenzione
alla ricerca estetica ed all‟innovazione, perseguite
attraverso l‟indagine sulle nuove tendenze
dell‟abitare e l‟utilizzo di materiali innovativi.
Il segmento residenziale si articola nei cataloghi
“Collezione” e “Sistemi”, che rappresentano un
insieme organico di prodotti che copre in maniera
ampia ed articolata le esigenze del vivere
contemporaneo.
Il catalogo “Collezione” comprende divani, poltrone,
sedie, tavoli, letti, armadi, librerie, mensole e piccoli
contenitori: prodotti iconici fortemente connotati
ed altamente riconoscibili (come la S-Chair di Tom
Dixon) nonché prodotti per l‟utilizzo quotidiano.
Alcuni prodotti del catalogo “Collezione” vengono
realizzati anche in edizione limitata e vengono
presentati in occasione di fiere internazionali. Tali
serie limitate accrescono nel mondo l‟immagine del
marchio Cappellini e rappresentano prodotti
ricercati da clienti e collezionisti anche per il
potenziale di incremento del loro valore nel tempo.
Il catalogo “Sistemi” raccoglie un‟ampia varietà di
soluzioni di arredamento per l‟uso domestico e per
progetti di ufficio o di altre realizzazioni di mobili
per il segmento forniture – contenitori, armadi,
librerie e sistemi di mensole. La qualità di
realizzazione dei prodotti, la continua innovazione
di contenuto e di design, la versatilità dei prodotti e
la varietà delle finiture sono i tratti distintivi del
catalogo “Sistemi”: una continua ricerca volta a
proporre al mercato un progetto di arredamento
innovativo.
L‟attività nel segmento residenziale dell‟azienda
Cappellini ha fatto della collaborazione con i
designer emergenti un elemento distintivo nel
perseguire l‟innovazione di forme e materiali nel
settore dell‟arredamento. Molti dei designer che
hanno iniziato a collaborare con Cappellini fin
dall‟inizio della loro attività, rappresentano ad oggi
l‟avanguardia nell‟architettura e nel design
internazionale e costituiscono un patrimonio
creativo e di immagine con positive ricadute
commerciali per l‟azienda.
Con il termine Contract si fa riferimento alla
fornitura di arredamenti su misura di alta qualità
per spazi pubblici e collettività (teatri, auditorium,
cinema, alberghi, ristoranti e aeroporti).
Il Contract fornisce infatti assistenza completa e
offre soluzioni chiavi in mano per i progetti di
interni, con servizi che spaziano dalla progettazione
e assistenza tecnica di progettazione, passando per
i disegni tecnici, la produzione e la logistica, fino
all‟installazione ed ai controlli di qualità lungo
40
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
l‟intero processo. Operando in diverse parti del
mondo la divisione Contract sviluppa, disegna e
realizza tutti gli elementi che compongono un
progetto d‟interni: arredi su misura (FF&E), infissi,
opere in pietra e vetro, pavimentazioni,
illuminazione, finiture personalizzate. La divisione
del Gruppo segue anche la supervisione dell‟intero
progetto, la logistica, i servizi e le pratiche
doganali, l‟installazione degli arredi e l‟assistenza
post-vendita.
La divisione Contract del Gruppo è composta da
due differenti anime, la prima legata al mondo
Poltrona Frau che afferma come il produttore di
sedute più importante al mondo, con commesse per
teatri, sale da concerto, interni di aeroplani e navi
da crociera, palazzi, ambasciate, hotel di lusso e
molti altri spazi collettivi pubblici e privati. La
seconda, legata a Cassina, che realizza
principalmente progetti su misura degli interni
chiavi in mano. L‟azienda si è affermata, in
particolare, nei settori dell‟hospitality e del retail.
Contract – Poltrona Frau
Poltrona Frau Contract Division, affianca progettisti
di tutto il mondo, per sviluppare insieme arredi
speciali di teatri, auditorium, musei, aeroporti,
alberghi e ristoranti. Una competenza maturata a
360°, risultato di una forte esperienza artigianale e
di un sapiente uso di materiali e di tecnologie
innovative. Una realtà di alto livello, fondata sulla
grande tradizione per il “fatto su misura”, che risale
agli anni „30, quando Poltrona Frau era fornitrice di
arredi per navi e transatlantici da crociera.
Oggi, partner d‟eccezione a livello internazionale,
Poltrona Frau Contract Division è capace di seguire
la stessa filosofia progettuale dell‟architetto e di
rispondere a tutte le esigenze di prodotto, di
servizio e di normative. Oltre 500 progetti, in più di
20 paesi, con 20 collezioni di poltroncine
personalizzabili, 1.200 certificazioni di conformità,
per sogni, idee, sfide di esigenti architetti
internazionali.
Contract – Cassina
Il segmento contract di Cassina nasce fra gli anni
‟50 e ‟60, una avventura che porta alla
realizzazione degli arredi per altre celebri navi da
crociera come l‟Andrea Doria, la Raffaello e la
Michelangelo. In questo periodo Cassina Contract
affina, da vero apripista negli interni per spazi
collettivi, il concetto di design sartoriale. Un
approccio che unisce manualità e cura artigianale a
processi produttivi e tecnologie su scala industriale.
Centinaia di hotel, bar, ristoranti, residence. Negli
anni ‟90 viene creata, nell‟ambito del contract, una
divisione dedicata per offrire servizi di
progettazione e realizzazione degli arredamenti di
punti vendita retail di alto livello. Oggi la Divisione
spazia con competenza in molteplici settori. Dal
retail ai musei, fino alle sedi di istituzioni
governative e all‟hospitality. Una presenza
affermata nei luoghi dell‟arte e della cultura, della
politica e dell‟imprenditoria, dei viaggi e del
lifestyle. Con la capacità di intervenire in contesti
storici dalla lunga tradizione, ma anche nei progetti
dell‟architettura più avanzata, sperimentale e
futuribile.
Infine, con riferimento al segmento Interiors in
Motion, Poltrona Frau ha sviluppato negli ultimi
decenni un fortissimo know-how nell‟allestimento
di interni in pelle per automobili di alta gamma,
yacht, treni ed elicotteri e per la first class di
alcune delle principali linee aeree.
Il debutto di Poltrona Frau nel settore Car risale al
1984 con la realizzazione degli interni in pelle della
Lancia Thema 8:32. Per la collaborazione con
Ferrari la data clou è invece il 1998, quando
Poltrona Frau realizza gli interni della nuova 456M
della scuderia di Maranello.
La pelle, è così passata dal Residenziale alle quattro
ruote, ai treni, alle rotte aeree, alle traversate
marittime. Punto di forza è la capacità di
progettazione in co-design, in grado di unire
innovazione e lavoro artigianale, una capacità che
alimenta partnership tecnologiche e sostiene lo
studio della ricerca & sviluppo.
Il segmento Interiors in Motion si occupa dello
sviluppo,
della
produzione
e
della
commercializzazione
di
prodotti,
quasi
esclusivamente in pelle, destinati agli interni
principalmente del settore automotive.
La divisione, nel corso degli ultimi anni, ha
sviluppato partnership con alcuni tra i maggiori
marchi presenti nel settore automotive quali:
Ferrari, Bugatti, Maserati, Lancia, BMW, Mini, Alfa
Romeo, Fiat, Gruppo Volkswagen, Chrysler. Le
41
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
collaborazioni di Poltrona Frau coinvolgono anche
altri settori quali lo yachting (Pershing Yachts del
Gruppo Ferretti), treni (Nuovo Trasporto Viaggiatori
– NTV) ed elicotteri per alcuni dei più grandi marchi
attivi nei diversi settori a livello mondiale e si
occupa inoltre dei progetti “in the air”, dedicati alle
cabine di prima classe per le maggiori compagnie
aeree mondiali (Etihad, compagnia aerea di
bandiera degli Emirati Arabi Uniti).
Il segmento Interiors in Motion di Poltrona Frau ha
sede esclusiva negli stabilimenti di Tolentino, dove
si trovano gli uffici per la progettazione in codesign e la produzione, e di Detroit, dove Poltrona
Frau segue la produzione per gli interni di Chrysler.
Pelle Frau®. La pelle rappresenta l‟ingrediente
principe del suo successo, la pelle rappresenta per
Poltrona Frau molto più di una semplice materia di
progetto: pelle e cuoio sono “icone materiali” da
utilizzare in quanto simbolo di eleganza, prestigio,
qualità. La divisione Interiors in Motion di Poltrona
Frau ha sviluppato nel tempo processi esclusivi di
lavorazione delle pelli bovine in un continuo
scambio di idee ed esperienze con il settore
arredamento. Le sensazioni tattili, i colori e le
atmosfere di un salotto sono state trasferite anche
nel viaggio, nel rispetto della destinazione d‟uso,
delle normative e dei capitolati delle più esigenti
case automobilistiche.
Solo pelli in grado di garantire caratteristiche di
impermeabilità, traspirazione, resistenza allo
sfregamento e alle macchie, vengono definite Pelle
Frau®.
La divisione Interiors in
Motion rappresenta
un‟evoluzione del marchio Poltrona Frau in un altro
segmento di business; ciò ha permesso di
accrescere la brand awareness soprattutto nei Paesi
emergenti (es. Cina), nei quali gli interni delle auto
di lusso vengono direttamente associati al marchio
stesso.
Il Gruppo è attivo in diversi paesi del mondo sia
attraverso la rete commerciale che grazie alle joint
ventures ed agli accordi commerciali posti in essere
durante gli anni.
In particolare sono due le joint venture siglate dal
Gruppo:
PF Emirates: la realizzazione della joint
venture con PF Emirates, società che opera

nelle divisioni retail e contract, costituita
nell‟aprile 2007 con Mubadala Development
Company PJSG, ha permesso per il settore
retail di aprire, nel novembre 2008, il primo
negozio multibrand del Gruppo Poltrona Frau
ad Abu Dhabi sviluppando in questo modo il
segmento retail, seguito nel 2012 con
l‟apertura del primo negozio multibrand del
Gruppo a Dubai; per quel che concerne invece
la divisione contract l‟accordo ha permesso di
agire come fornitore esclusivo per progetti
contract di alto profilo sviluppati negli
Emirati;
 Casa Décor: la società, costituita nel 2008
e frutto di un accordo paritetico tra il Gruppo
Poltrona Frau ed il Gruppo indiano TATA, ha
l‟obiettivo, da un lato, di essere un veicolo
esclusivo per lo sviluppo dei marchi del
Gruppo nel mercato indiano e, dall‟altro, di
sviluppare partnership industriali con il
Gruppo TATA. Ha permesso di aprire due
negozi multibrand di Gruppo, il primo a
Mumbai nel 2010 ed il secondo a New Delhi
nel 2012.
Il Gruppo ha inoltre siglato accordi commerciali
importanti, tra cui in particolare quello raggiunto
con Haworth, leader mondiale nella progettazione e
produzione di ambienti di lavoro flessibili e
sostenibili, per il canale ufficio negli Stati Uniti, con
oltre 600 dealer. Quest‟accordo permetterà un
ulteriore sviluppo della copertura geografica negli
Stati Uniti grazie alla capillare rete di distribuzione
del marchio americano che integrerà i suoi prodotti
ufficio con quelli del Gruppo Poltrona Frau. Inoltre,
in base all‟accordo, sono previsti crescenti
investimenti in comunicazione e marketing negli
Stati Uniti, da effettuare congiuntamente con
Haworth a supporto della brand awareness dei
marchi del Gruppo.
Ricerca e sviluppo
L‟attività di ricerca e sviluppo rappresenta la
principale fonte di innovazione tecnologica e
stilistica della gamma dei prodotti delle aziende del
Gruppo.
Nello specifico, le attività di ricerca e sviluppo
svolte da ciascuna società del Gruppo in piena
42
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
coerenza con il rispettivo business model sono
focalizzate sulle seguenti attività:
- definizione del piano di sviluppo prodotto;
- realizzazione dei modelli di stile sia
internamente che in collaborazione con i
designer;
- progettazione e industrializzazione dei
prodotti nel rispetto delle forme di stile
definite e dei target di costo e tempi
assegnati.
Lo sviluppo dei nuovi prodotti avviene in
conformità con i requisiti di qualità e in
applicazione delle normative internazionali relative
al settore.
Le risorse investite nel processo di ricerca e
sviluppo hanno lo scopo di migliorare
continuamente le competenze specifiche del
Gruppo che costituiscono un elemento di
distinzione rispetto alla concorrenza, ed in
particolare:
- rapporto diretto e complementare con alcuni
dei più importanti designer, attività che
consente di anticipare le attività di
ingegnerizzazione già in fase di realizzazione
dei modelli di stile;
- competenza artigianale nella lavorazione e
nell‟utilizzo dei materiali (pelle, tessuto,
legno);
- capacità di coniugare lavorazioni di prodotti
di alta qualità con la continua innovazione
tecnologica e di processo, utilizzando le
tecnologie e gli strumenti informatici
all‟avanguardia
sul
mercato
(come
modellazione 3D, rapid prototyping,
iniezione, finiture estetiche).
La ricerca e sviluppo si avvale inoltre di un
laboratorio prove interno di eccellenza, che utilizza
strumenti e risorse dedicate a prove di laboratorio
per materiali, semilavorati e prodotti finiti (test di
durata, sollecitazioni dinamiche e statiche, test di
temperatura, etc.).
Le collaborazioni già avviate o in fase di
consolidamento con alcune Università italiane
contribuiscono a mantenere elevato il processo di
interscambio con i settori della ricerca e
innovazione, specificamente per ciò che riguarda:
- ricerca stilistica e formale;
- nuovi modi di modellazione e analisi
strutturale 3D;
- ricerca e sperimentazione di nuovi materiali;
- ricerca e sperimentazione di nuove
tecnologie e processi produttivi.
Tutte le attività sono finalizzate, oltre che alla
sperimentazione di nuovi materiali e tecnologie,
anche alla ottimizzazione dei tempi del ciclo di
sviluppo dei nuovi prodotti, per mantenere il
vantaggio competitivo in termini di time-to-market
rispetto alla concorrenza.
I costi esterni di ricerca e sviluppo imputatati nel
conto economico nel corso dell‟esercizio 2012 sono
stati pari ad Euro 195 migliaia, mentre i costi di
sviluppo capitalizzati nel periodo sono stati pari ad
Euro 1.980 migliaia.
43
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
LE ATTIVITA‟ DI CSR
Il Governo della CSR
Il piano triennale di Corporate Responsibility del
Gruppo Poltrona Frau identifica quattro principali
aree di azione:
 perseguire l‟eccellenza e l‟innovazione nei
prodotti;
 integrare l‟ambiente nella cultura d‟impresa;
 giocare un ruolo attivo per lo sviluppo delle
comunità locali;
 essere squadra e valorizzare i talenti.
Il Gruppo Poltrona Frau ha realizzato, nel corso del
2012, un assessment specifico sui temi della
Corporate Responsibility, volto a rafforzare il
presidio sulle quattro principali aree identificate dal
piano.
Sulla base di quanto previsto dal piano triennale di
Corporate Responsibility, il Gruppo ha realizzato un
assessment in accordo alle Linee Guida ISO 26000
che supportano le organizzazioni nella fase di
integrazione, implementazione e promozione di
comportamenti socialmente responsabili. Le linee
guida classificano in sette categorie i temi della
responsabilità sociale e per ognuna di esse
definiscono dei sotto temi, detti issues, e delle
“action required”. L‟assessment ha permesso di
condurre una gap analysis per identificare le azioni
di
miglioramento
finalizzate
anche
all‟aggiornamento del piano di Corporate
Responsibility.
Il Gruppo ha inoltre proseguito nel percorso di
certificazione dei propri siti produttivi . Ad oggi il
sito di Tolentino ha conseguito le certificazione ISO
9001, ISO 14001, OHSAS 18001, ISO/TS 16949; il
sito di Meda la certificazione ISO 9001, il sito di
Shengzhou le certificazioni ISO 9001, ISO 14001.
Entro la fine dell‟anno 2013 il sito di Meda
conseguirà le certificazioni ISO 14001 ed OHSAS
18001. Il Gruppo, inoltre, anche a valle dell‟accordo
realizzato con Haworth, ha deciso di certificare, in
ambito sicurezza, le cinquanta famiglie di prodotti
più importanti dei marchi Poltrona Frau, Cassina e
Cappellini.
Mappatura degli stakeholder
Il Gruppo Poltrona Frau si confronta
quotidianamente con i propri stakeholder di
riferimento che possono essere classificati in
quattro gruppi:
• Governance: organi di controllo; azionisti, tra
cui il fondo Charme, azionista di maggioranza;
• Mercato: fornitori di materie prime, fondazioni
e terzisti; clienti, tra cui general contractor,
rivenditori e clienti finali; designer e architetti;
associazioni di categoria; banche;
• Comunità: enti pubblici, tra cui le
amministrazioni locali; media; istituzioni
nazionali e internazionali;
• Collaboratori: dipendenti; agenti; sindacati;
Per i diversi stakeholder con cui il Gruppo
intrattiene relazioni, sono state avviate una serie di
iniziative che verranno meglio dettagliate nei
successivi capitoli: Profit, Planet e People.
Rapporti con parti correlate
Con riferimento ai rapporti infragruppo e con parti
correlate, le società del Gruppo hanno regolato i
relativi interscambi di beni e servizi alle normali
condizioni di mercato. Tali interscambi hanno
riguardato prevalentemente rapporti di natura
commerciale nonché servizi di carattere
amministrativo, finanziario e di servizi generali.
Per dettagli si rimanda alla nota n. 41 “Rapporti
con parti correlate” delle note al bilancio
consolidato.
44
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
John-John Bed, designer: Jean-Marie Massaud, Poltrona Frau
Miloe, designer: Piero Lissoni, Cassina
45
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Superheroes, designer: Glimpt Studio – Drop, designer: Nendo, Cappellini
Naidei, designer: Gabriele e Oscar Buratti, Poltrona Frau
46
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
IL MERCATO
Attività e Segmenti di Business Risultati e progetti
Nel 2012 il Gruppo ha realizzato circa il 58% dei
ricavi consolidati nel segmento residenziale, il
20,5% nel segmento contract ed il restante circa
21,5% nel segmento interiors.
La struttura commerciale delle aziende del Gruppo
copre tutti i principali mercati geografici e
raggiunge oltre 65 Paesi con una rete di circa 70
negozi monobrand ed oltre 1.000 rivenditori
multimarca.
Al 31 dicembre 2012 il Gruppo contava 972
dipendenti rispetto ai 916 al 31 dicembre 2011. La
struttura produttiva del Gruppo è articolata in 2
stabilimenti principali in Italia: quello del distretto
marchigiano presso la sede della Capogruppo a
Tolentino (MC) e quello del distretto della Brianza
presso la sede storica di Cassina a Meda (MB), uno
in Cina ed uno a Detroit (USA).
Residenziale
Nel corso dell‟anno i tre marchi del Gruppo hanno
presentato i propri prodotti destinati al mercato
residenziale durante il Fuori Salone 2012, evento
realizzato nella settimana del design all‟interno del
Milano Design Village, che per la prima volta è
stato ospitato presso la Fondazione Arnaldo
Pomodoro. Una location di notevole fascino e
prestigio che si colloca nella parte più antica del
complesso delle ex acciaierie Riva & Calzoni.
Di seguito una breve descrizione dei più importanti
prodotti proposti sul mercato dai brand del Gruppo.
Juliet: la poltrona simbolo del centenario di
Poltrona Frau, disegnata da Benjamin Hubert si
compone di un tradizionale telaio in legno che, più
stretto nel basamento, si allarga a sbuffo nella
seduta ed esprime tutta la maestria degli artigiani
di Poltrona Frau richiedendo solo per le cuciture 16
ore di lavoro.
Ginger Ale: Ginger Ale di Roberto Lazzeroni è la
variante informale e semplificata della poltroncina
Ginger, ideale anche come seduta attorno al tavolo
del living.
John John Bed: Jean-Marie Massaud riprende lo
stile sofisticato e disinvolto del divano John-John e
ne formula una nuova, originale interpretazione in
John-John-Bed. Nel letto la struttura si mantiene
volutamente lineare e leggera lasciando il ruolo di
protagonista alla testata.
Naidei: ideato da Gabriele e Oscar Buratti, è un
divano di giorno, letto di notte. I braccioli, grazie a
un meccanismo di ribaltamento a più posizioni fino
ad un angolo di 90°, si trasformano da pratici piani
d‟appoggio di giorno a moderni comodini di notte.
Con l‟obiettivo di valorizzare ancora di più
l‟artigianalità e la cura per i dettagli nel corso
dell‟anno è stata ampliata la collezione Atelier, una
collezione di oggettistica, composta principalmente
da piccole creazioni in pelle dove si uniscono
capacità artigianale e cura del dettaglio.
Miloe: Piero Lissoni ha presentato un sistema di
sedute versatile, dal design sobrio e accogliente.
Uno skyline da modellare nelle configurazioni di
volta in volta più confortevoli. La struttura interna
è costituita da un telaio con cinghiatura elastica e
poliuretano espanso, privo di CFC.
La Mise è un nuovo divano frutto della
collaborazione con il designer italiano Luca
Nichetto. La Mise è un divano avvolgente, il cui
tratto distintivo è l‟abito che indossa: un
rivestimento leggermente imbottito, un pezzo unico
e continuo. Un‟interpretazione contemporanea, che
pone l‟accento sui tessuti e sulla capacità di
realizzare rivestimenti “sartoriali”.
Nuage: una famiglia di librerie e contenitori firmati
Charlotte Perriand che Cassina ha rieditato per la
prima volta, in esclusiva mondiale, per la Collezione
Cassina “I Maestri”. Si tratta di un‟operazione di
cultura del design, per ricostruire in tutta la sua
autenticità un modo nuovo di fare e pensare gli
arredi, realizzata lavorando sempre in stretta
collaborazione con Pernette Perriand-Barsac, figlia
di Charlotte Perriand e sua erede universale.
Poltrona LC2 Villa Church e chaise-longue LC4 Villa
Church: Cassina ha rieditato la chaise-longue LC4 e
la poltrona LC2 nelle primissime versioni. I modelli
sono stati disegnati da Le Corbusier, Pierre
47
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Jeanneret e Charlotte Perriand nel 1928 per gli
interni dell‟innovativa architettura del Pavillon Villa
Church, un‟abitazione nei pressi di Parigi progettata
da Le Corbusier e Pierre Jeanneret per una coppia
americana. Le nuove riedizioni sono realizzate in
esclusiva mondiale da Cassina in stretta
collaborazione con la Fondazione Le Corbusier e
Pernette Perriand-Barsac, figlia di Charlotte
Perriand e sua erede universale.
Drop: una famiglia di librerie bifacciali a colonna
proposte in tre altezze, realizzate in lamiera di
metallo tagliata a laser e laccata opaco, che è stata
proposta dal designer Nendo per Cappellini.
Candy Table: Candy Collection, disegnata da Sylvain
Willenz per Cappellini, sfrutta le potenzialità delle
barre di rinforzo in acciaio normalmente utilizzate
per strutture in cemento armato che grazie ad un
processo di verniciatura industriale acquisiscono
una nuova identità.
Superheroes: L'idea delle sedute Superheroes è nata
da un viaggio in Vietnam durante il quale i Glimpt,
nuovi designer che collaborano con Cappellini,
hanno visitato diversi laboratori artigiani per
studiare le loro tecniche di lavorazione, la ricerca
sui materiali e i colori ispiratori. Particolari filati
avvolgono come un tessuto un tubo agganciato ad
un telaio metallico. I Superheroes vengono
realizzati in Vietnam dalla manodopera femminile
locale.
Cappellini NEXT è un progetto di scouting lanciato
durante il Salone del Mobile 2012, una selezione di
progetti provenienti da tutto il mondo che esprime
al massimo l‟animo di esplorazione e di ricerca di
Giulio Cappellini.
Contract
L‟obiettivo principale della divisione è quello di
mantenere nel medio termine una crescita
sostenibile aumentando la marginalità e
migliorando la gestione del rischio, per fare ciò la
divisione ha deciso di ritornare a sviluppare in
maniera importante il business degli arredamenti di
punti vendita retail di altissimo livello per i più
importanti Gruppi internazionali della moda, e di
focalizzarsi sulla realizzazione di Boutique Luxury
Hotel. Tra i principali progetti realizzati nel 2012
dal Contract si ricordano:
Hospitality: Cassina Contract ha partecipato alla
ristrutturazione dell‟Hotel Maria Cristina, in
occasione del suo 100° anniversario. L‟edificio è
considerato uno degli hotel più grandi Europa,
originariamente progettato dal famoso architetto
francese Charles Mewès per la regina Maria
Cristina.
Cassina ha collaborato con uno dei più importanti
studi specializzati nell‟ambito di interior design,
HBA Londra, nel progetto di riportare in auge i
concetti audaci che diedero vita al Hotel Maria
Cristina in San Sebastian (Spagna). Cassina ha
fornito ed installato arredi su misura per 107
lussuose camere e 29 suite. Cassina ha anche
fornito arredi personalizzati per gli spazi pubblici.
Retail: il department store DLT è stato fondato nel
1909, uno dei primi department store in tutta la
Russia. La struttura, fortemente danneggiata
durante la seconda guerra mondiale, è stata
sottoposta ad una ristrutturazione durata 6 anni. Il
rinnovato department store, oggi, vanta non meno
di 32.000 mq. di spazi commerciali e uffici,
sviluppati su sei piani. Cassina Contract ha
realizzato ed installato gli interni personalizzati per
i piani destinati all‟esposizione degli accessori
moda, idee regalo, collezioni uomo, e
abbigliamento donna, ed aree multibrand. Cassina
ha fornito mobili unici e finiture pregiate, come ad
esempio colonne rivestite con polvere d'oro bianca
appositamente sviluppata nel Regno Unito, unità di
espositori in Corian con vetro extra-trasparente,
camerini di prova dotati di pannelli 3D su misura.
Auditorium: il Vodafone Theatre è un
auditorium/teatro progettato per 380 persone su
una superficie totale di circa 1.100mq, adiacente
alla Torre del Vodafone Village di Milano.
L‟architetto Dante O. Benini ha voluto raggiungere
il perfetto connubio tra comfort, benessere
ambientale, sostenibilità, prestazioni acustiche di
eccellenza, illuminotecnica e scenari audio-video
all‟avanguardia. Tutte le scelte progettuali
rispettano le caratteristiche di green building.
Lo spazio è reso ulteriormente confortevole ed
ergonomico dalla scelta del sistema di sedute
Pitagora di Poltrona Frau, con rivestimento in
48
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
ecopelle. Le sedute sono state personalizzate con
un impianto di climatizzazione sotto poltrona, in
modo da rendere silenzioso e omogeneo il flusso
dell‟aria calda o fredda nella sala.
Theatre: Progettato dagli architetti norvegesi
RatioArk, la nuova Concert Hall della cittadina
norvegese di Stavanger dispone di due sale: la
Orchestra Hall e la Sala polifunzionale.
Poltrona Frau Contract ha confermato di essere il
partner ideale per dare vita al progetto della nuova
Orchestra Hall fornendo 1.500 sedute per
l‟auditorium. Poltrona Frau ha inoltre collaborato
alla progettazione, realizzazione ed installazione di
tutte le sedute su misura, con un rivestimento in
velluto. I sedili pieghevoli sono stati progettati
tramite un importante trattamento acustico per
garantire la miglior resa acustica all‟interno del
teatro.
Travel Lounge: Malpensa Terminale 3 SEA. La Sala
Montale è un ulteriore vanto dell‟ipertecnologico
terzo satellite di Malpensa. La nuova area di attesa
firmata SEA è un incontro tra marmi lussuosi e
immense vetrate che danno sulla pista e vanta
parecchie preziosità, dalle poltroncine rilassanti ai
giochi hi-tech per i bambini, dalle postazioni per la
navigazione free alle docce hi-tech. Poltrona Frau
Contract ha fornito ed installato tutti gli arredi
della Sala Montale composta di business lounge,
SPA, cigar room, kid‟s room, meeting room.
Office: Italcementi i.lab è il nuovo centro di ricerca
e innovazione di Italcementi all‟interno del Parco
Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso, di
Bergamo. Poltrona Frau Contract ha fornito ed
installato le sedute West Coast per l‟auditorium.
Sono stati, inoltre, creati ed installati arredamenti
su misura per le aree pubbliche, come reception e
sale riunioni. Italcementi i.lab è un punto di
riferimento nella progettazione sostenibile in
Europa. L'edificio è stato progettato da Richard
Meier per essere il più autosufficiente possibile dal
punto di vista energetico.
Interiors in Motion
La divisione Interiors in Motion collabora da
trent‟anni con clienti leader nei loro settori di
appartenenza tra cui Ferrari, Maserati, BMW, Fiat,
Lancia e Alfa Romeo, nelle auto, Ferretti e Pershing,
per gli yacht, Singapore Airline, Ethiad , nel settore
aereonautico e con NTV, società attiva nel settore
ferroviario.
Nel corso del 2012 si è consolidata la
collaborazione con Chrysler, avviata nel 2011,
realizzando la plancia, gli interni ed i sedili della
nuova Chrysler 300 Luxury Series.
Il Gruppo è inoltre stato scelto, all‟inizio del 2012,
da Volkswagen per l‟allestimento, con Pelle Frau®,
della concept car Phaeton Exclusive. I sedili sono
rivestiti in pelle color Beige Silkway, come gli
inserti delle porte, la cappelliera e il bracciolo
centrale anteriore.
Questo importante accordo si affianca a quello
siglato con il Gruppo Fiat-Chrysler per le
piattaforme overseas ed a quello con il marchio
Jaguar Land Rover, del gruppo indiano Tata, di cui
Poltrona Frau ha curato alcuni componenti della
nuova Range Rover.
Sempre nel corso dell‟anno Poltrona Frau ha
realizzato gli interni dei treni Italo di NTV (Nuovo
Trasporto Viaggiatori), grazie a un meticoloso
progetto in co-design, in grado di intervenire non
solo sull‟idea di lusso in movimento ma anche sulla
definizione degli spazi. Per NTV, Poltrona Frau ha
sviluppato una pelle ignifuga ed estremamente
leggera perché i treni ultraveloci sono tenuti a
pesare il meno possibile.
Al Salone di Parigi 2012 Lancia ha presentato una
special edition della nuova Flavia realizzata in
collaborazione con Poltrona Frau. Si tratta di un
esemplare unico che ha debuttato, in anteprima
mondiale, alla 69ma Mostra Internazionale d‟Arte
Cinematografica di Venezia.
Contraddistinta dai sedili e dai braccioli
completamente risellati con Pelle Frau® pieno fiore
di colore rosso grazie alla maestria degli artigiani di
Tolentino.
49
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Stavanger Concert Hall, design RatioArk
Sala Montale, Malpensa Terminale 3 SEA
50
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Ferrari
Arcadia Yachts, plancia di comando
51
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
52
Il supporto alla rete commerciale
Nel corso del 2012 sono stati aperti 12 showroom, di cui 5 DOS.
Group
DOS - Monaco
Group
DOS - Colonia
DOS - Londra
Calgary
Bruxelles
Group
DOS – New Delhi
Manila
Group
DOS - Dubai
Cape Town
Singapore
Taipei e Kaoshiung
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le iniziative commerciali
In continuità rispetto agli anni precedenti, anche
nel 2012 il Gruppo Poltrona Frau ha realizzato una
serie di iniziative volte a valorizzare e supportare al
meglio i propri canali di vendita. Di seguito si
riporta una breve descrizione dei principali
interventi.
“Bella è la notte” è un‟iniziativa promossa da
Poltrona Frau in collaborazione con il mensile
gCasa nata a completamento del pubbliredazionale
dedicato alla collezione letti Poltrona Frau Notte®.
L‟iniziativa ha visto la promozione sui letti Poltrona
Frau presso la rete distributiva italiana DOS e
Retail, affiancata ad una serie di appuntamenti
itineranti. Sono stati coinvolti direttamente una
selezione di rivenditori di Poltrona Frau in tutta
Italia.
“Vanity 3 e 100”. Per i suoi primi 100 anni Poltrona
Frau ha presentato la poltrona Vanity Fair edizione
del Centenario “3 e 100”, in edizione numerata e
con uno speciale prezzo al pubblico. Poltrona Frau
ha dato l‟occasione ai suoi clienti di festeggiare
insieme all‟azienda i suoi primi100 anni, iniziativa
valida solo presso i rivenditori aderenti.
Nuova Pelle Frau® Century. Pelle Frau® Century è il
risultato di un nuovo, accurato procedimento di
tintura artigianale della pelle che l‟azienda ha
sviluppato in oltre due anni di ricerca. Una pelle
sottoposta a lunghe ore di lavorazione per
raccontare da subito, in ogni piega e in ogni segno,
cento anni di storia. Pelle Frau® Century viene
proposta nelle due tonalità tabacco e piombo ed è
disponibile per il rivestimento esclusivo di una
ristretta selezione di arredi icona di Poltrona Frau.
Sleeping Authentic. Cassina ha lanciato alla fine di
settembre Sleeping Authentic, la sua originale
interpretazione della zona notte; una nuova
collezione di letti d‟autore, firmati da Rodolfo
Dordoni, Piero Lissoni e Philippe Starck. Ogni letto
offre una sintesi ben calibrata tra forma e funzione,
estetica e contenuto, cultura e industria ed è
l‟evoluzione naturale del concetto di comodità e
stile di un divano già presente nella Collezione
Cassina “I Contemporanei”.
I centri Frau. Nel corso del 2012 sono proseguite le
iniziative a supporto dei Centri Frau, negozi gestiti
da imprenditori che operano e allestiscono i propri
punti vendita come veri e propri DOS di Poltrona
Frau. è. Il programma, strutturato in 15 diversi
servizi esclusivi forniti dal Gruppo, prevede, ad
esempio, la possibilità per i Centri di usufruire della
consegna prioritaria dei prodotti o del supporto
nella realizzazione delle vetrine.
Branded Space. E‟ proseguito lo sviluppo di spazi
dedicati alla vendita di prodotti del Gruppo
all‟interno di negozi che propongono anche
prodotti di altri marchi. Durante l‟anno, ad esempio,
sono stati reaIizzati sei spazi Cassina in Benelux, ed
uno spazio Cappellini a Bruxelles di una grandezza
media compresa tra i 100 mq e i 300 mq. Questo
tipo di spazi, denominati branded space, risultano
quindi, dall‟esterno, dei veri e propri monobrand
con significativi vantaggi in termini di visibilità del
marchio.
La valorizzazione degli showroom
Il Gruppo Poltrona Frau può contare su una rete di
negozi di proprietà, DOS (Directly Owned Store)
aperti in tutto il mondo che sono destinati anche
ad ospitare eventi e iniziative culturali.
Nel corso del 2012 sia Poltrona Frau che Cassina
hanno rivisto i loro sistemi di visual merchandising.
Il nuovo concept di Poltrona Frau “Pallet concept”
prende in prestito un elemento industriale come il
pallet, ri-creato e adattato per Poltrona Frau nei
toni delicati del bianco semi-trasparente in legno di
abete sbiancato, creando un contrasto con i colori
dei prodotti stessi abbinati. Il nuovo concept,
implementato nei DOS, e messo a disposizione dei
rivenditori, colpisce tutti i sensi, una nuova musica,
nuove fragranze e candele. Poltrona Frau in questo
modo è stata in grado di creare una nuova
shopping experience.
Cassina ha sviluppato la nuova in-store Philosophy
2.0, con la volontà di creare e far vivere al cliente
una nuova shopping experience. Una modalità
espositiva che permette di realizzare ambienti e
spazi che siano più funzionali alla presentazione
del prodotto, senza tradire la vocazione intrinseca
verso il design, che da sempre caratterizza i
53
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
prodotti Cassina. Lo showroom di Milano è
l‟emblema di questa nuova filosofia.
Il negozio di Milano di Cappellini si è confermato
come punto di riferimento per architetti ed interior
designer della città. Lo showroom ha ospitato nel
corso dell‟anno mostre, eventi dedicati al lancio di
nuovi prodotti, come la lampada Meltdown del
giovane designer Johan Lindst, e vari interventi e
lecture di Giulio Cappellini, poi riproposte nei
principali punti vendita Cappellini nel mondo.
Gli showroom americani del Gruppo sono stati
molto attivi nell‟organizzare e ospitare eventi
importanti. Cassina a New York ha ospitato un
importante evento di presentazione del Veliero, di
Franco Albini, che ha visto la partecipazione di
Marco Albini in rappresentanza della fondazione e
della famiglia. Tale evento è stato ripetuto presso i
dealer di Chicago e Los Angeles.
Lo showroom di Gruppo di Miami ha ospitato
l‟installazione Le Cabanon, che è stata valorizzata
da una conferenza del prof. Cohen, in occasione di
Art Basel.
A novembre gli showroom di Giappone, Korea e
Singapore hanno ospitato una serie di eventi con
Luca Nichetto, per Cassina. Da agosto a dicembre i
partner dell‟area Asia Pacifico (Melbourne, Tokyo,
Osaka, Seoul, Singapore, Taipei) hanno ospitato
eventi dedicati al Centenario di Poltrona Frau.
Nell‟area EMEA, gli showroom dei 3 brand di
Gruppo sono stati protagonisti nel corso dell‟anno
di una serie di mostre, fiere del settore ed eventi
itineranti, in particolare: Authentic Icons per
Cassina, Atelier e Centenario per Poltrona Frau, Cap
Heroes per Cappellini.
Il web e le campagne pubblicitarie
Nel 2012 il Gruppo Poltrona Frau ha confermato le
due campagne pubblicitarie per Cassina e Poltrona
Frau, e il proprio impegno verso una comunicazione
digitale sempre più strategica.
Nel corso del 2012 Poltrona Frau ha portato avanti
la campagna stampa pubblicitaria firmata da
Saffirio Tortelli Vigoriti dal titolo: “Poltrona Frau,
l‟intelligenza nelle mani”. Protagonisti della
campagna sono i dettagli dei divani, delle poltrone
e dei letti. Dettagli intesi come cuciture, finiture,
impunture, pieghe e rughe della pelle nei prodotti
Vanity Fair, John-John, Ginger, Pillow e Archibald,
che nel loro insieme rappresentano l‟anima di
Poltrona Frau. Le fotografie della campagna sono
state realizzate dal fotografo Giovanni Gastel.
Cassina ha proseguito con la campagna
pubblicitaria “il design prima di tutto”. La
campagna nel 2012 si è concentrata su cinque
prodotti: la chaise-longue LC4 e la poltrona LC2 di
Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand,
dando valore alla nuova gamma di colori, il divano
Maralunga di Vico Magistretti, e i divani Toot e
Moov realizzati da Piero Lissoni. La campagna
raffigura i prodotti in abitazioni in ristrutturazione,
sottolineando così come i prodotti siano i veri
protagonisti della futura abitazione, in cui tutto il
resto risulta essere un dettaglio secondario.
Anche durante il 2012 il Gruppo ha confermato la
propria strategia di comunicazione digitale per
essere sempre più vicino ai mercati e alle esigenze
dei propri Clienti.
E‟ possibile, sia tramite i siti web, ma anche tramite
le App da mobile, realizzate per i 3 marchi del
Gruppo, accedere a tutte le informazioni inerenti i
prodotti: catalogo, immagini, dimensioni, finiture e
designer. Le App permettono di consultare il
catalogo dei diversi marchi e di condividere i
prodotti sui social network, visualizzare i prodotti
in 3D, personalizzarli con i colori desiderati e
ambientare il prodotto selezionato nel proprio
spazio abitativo. I siti web raggiungono ormai i 2,4
milioni di visite
all‟anno e permettono di
comunicare la bellezza dei prodotti del Gruppo,
esportando il concetto di ”Italian lifestyle” in tutti i
paesi del mondo tramite un semplice “click”.
I premi
La riedizione outdoor della poltroncina LC1 ideata
da Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte
Perriand ha conseguito il premio Wallpaper Design
Awards 2012 nella sezione Best Domestic Design.
La riedizione della poltroncina è stata premiata
come miglior “outdoor chair”.
54
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
La lotta alla contraffazione
Sono proseguite le azioni già avviate dal Gruppo
Poltrona Frau nel 2011 per la difesa del design
contro la contraffazione, con particolare
riferimento ai marchi Poltrona Frau e Cassina che
detengono i diritti di riproduzione per alcuni degli
architetti più importanti del design moderno.
Anche durante il 2012 sono proseguite le azioni
legali sia in Europa (dove ormai la normativa di
riferimento e la giurisprudenza in materia è
consolidata) sia in Italia in attesa della scadenza
del 2014 (frutto del Decreto Mille Proroghe del
2012) in cui finalmente entrerà in pieno vigore la
direttiva europea sulla tutela del design d'autore.
Proprio per contestare questo emendamento, nel
febbraio
2012,
Fondazione
Altagamma,
Confindustria, Fondazione ADI, Fondazione Valore
Italia, Assarredo, Assoluce, Indicam e Federlegno
hanno indetto una conferenza stampa per
contestare la proroga dell‟applicazione della
protezione del diritto d‟autore sulle opere di design.
Dopo cinque giorni dall‟entrata in vigore del
decreto “milleproroghe”, all‟inizio di marzo, le
associazioni FederlegnoArredo e Indicam hanno
depositato la denuncia dello Stato Italiano alla
Commissione Europea contro la conversione in
legge del decreto, in quanto la moratoria al 2014
legalizzerebbe di fatto i copiatori nel campo del
design per un tempo eccessivo, vanificando lo
scopo della direttiva che è entrata in vigore ad
aprile del 2001.
Sono poi state realizzate una serie di distruzioni di
mobili contraffatti in Europa volte a proteggere il
diritto d‟autore e a tutelare i prodotti del Gruppo
contro i falsari.
Nel giugno 2012 il Tribunale di Bologna ha emesso
una sentenza storica nel panorama italiano che
riconosce la tutela del diritto d‟autore e
dell‟ingegno di carattere creativo anche sulle opere
del design. La sentenza è destinata ad aprire nuovi
orizzonti nel nostro Paese, è stato infatti
riconosciuto il diritto di Cassina e degli eredi di Le
Corbusier contro un rinomato rivenditore bolognese
operante in tutta Europa che riproduceva la chaise
longue del celebre architetto e designer svizzero
naturalizzato francese.
Sempre nel corso del 2012, Elle Decor UK ha
lanciato la campagna “Equal rights for design” per
sensibilizzare l‟opinione pubblica riguardo la
legislazione in tema di tutela del design in Gran
Bretagna. La campagna è stata lanciata con una
lettera scritta dalla Direttrice di Elle Decor,
Michelle Ogundehin, e apparsa sul numero di
febbraio 2012. Contestualmente è stata promossa
una petizione online, rivolta al governo inglese, per
far sì che la legislazione che tutela il diritto
d‟autore sulle opere del design venga parificata a
quella che oggi tutela le opere di letteratura,
musica, arte e film. Ad oggi infatti le opere di
design in UK (contrariamente a tutto il resto
d‟Europa) sono tutelate dalle copie per soli 25 anni
dalla data di creazione, a differenza delle opere
d‟arte, la cui tutela è estesa per tutta la vita
dell‟autore e per i 70 anni successivi alla sua
scomparsa.
Il mese di novembre 2012 ha visto il lancio ufficiale
dell‟iniziativa Be Original di Elle Decor Italia,
progetto che ha l‟obiettivo di essere portavoce di
tutti i protagonisti interessati – Istituzioni,
associazioni, consumatori, aziende, designer e tutto
il sistema del mobile Italiano – al tema della tutela
del diritto d‟autore e della lotta alla contraffazione
del design industriale.
Dal 19 al 26 novembre 2012 in occasione del lancio
ufficiale del progetto Be Original, Cassina è stata
presente, insieme alle principali aziende di
arredamento colpite maggiormente dal fenomeno
della contraffazione, presso le vetrine della
Rinascente di Milano con la chaise-longue icona
LC4 (Le Corbusier, Pierre Jeanneret, Charlotte
Perriand). Il progetto Be Original continuerà anche
nel corso del 2013 attraverso l‟organizzazione di
una serie di tavole rotonde con gli imprenditori, le
associazioni e i creativi (designer, eredi, Fondazioni)
con lo scopo di realizzare un documento
“Manifesto” che raccoglierà le migliori idee emerse,
che sarà pubblicato da Elle Decor Italia e verrà
infine presentato alle Istituzioni durante un
convegno conclusivo del progetto.
55
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Poltrona Frau Group Showroom New Delhi
Cassina Showroom Londra
56
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Poltrona Frau Group Showroom Dubai
57
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
L‟AMBIENTE
Nel corso del 2012 il Gruppo Poltrona Frau ha
proseguito il percorso di contenimento dei propri
impatti ambientali agendo, in particolare, sulla
riduzione delle emissioni di anidride carbonica
attraverso la produzione di energia rinnovabile, la
razionalizzazione del sistema di logistica e la
minimizzazione degli spostamenti effettuati in
automobile dai propri dipendenti.
Produzione e consumi di energia
L‟installazione dell‟impianto fotovoltaico presso lo
stabilimento di Tolentino, effettuata nel 2010, con
una potenza di 1,4 MW, ha prodotto nel 2012,
Consumi elettrici (kWh)
Tolentino
Meda
Shengzhou
Detroit*
1.510.516 KWh di energia elettrica (a fronte di una
potenza nominale dell‟impianto pari a 2.100.000
KWh), evitando l‟emissione in atmosfera di 950
tonnellate di CO2. L‟impianto, costituito da 18.000
moduli fotovoltaici, è perfettamente integrato con
le coperture del sito produttivo in modo da ridurre
al minimo l‟impatto paesaggistico. Lo stabilimento
utilizza circa il 60% dell‟energia prodotta
dall‟impianto; la restante energia viene ceduta alla
rete. Il sito di Meda segna una riduzione dei
consumi effettuati rispetto il 2011, utilizzando
1.993.118 KWh nel corso del 2012. Nell‟impianto di
Shengzhou (Cina) i consumi di energia elettrica
sono diminuiti di circa il 18% tra il 2011 e il 2012.
2010
2011
2012
2.069.000
2.028.000
165.852
n/a
1.500.000
2.012.606
131.921
n/a
1.599.064
1.993.118
108.471
726.960
*attività relativa al periodo Aprile-Dicembre 2012
Nello stabilimento di Meda la sostituzione delle
caldaie a gasolio con caldaie più efficienti, a
condensazione alimentate da gas metano, ha
consolidato e confermato la drastica riduzione di
emissioni di CO2, già avviata nel 2011. In
particolare, è stato ulteriormente ridotto del 65% il
consumo di gasolio tra l‟anno 2011 (81.000 litri) e
il 2012 (28.000), allo stesso tempo, a fronte
dell‟attivazione delle nuove caldaie, si sono
registrati aumenti dei consumi di gas naturale per il
sito di Meda pari al 35%.
Il consumo di gasolio presso il sito di Shengzhou ha
registrato un andamento altalenante nel corso
dell‟ultimo triennio. Il sito è alimentato da una
centrale idroelettrica la cui operatività dipende
dalla piovosità registrata durante il corso dell‟anno.
In anni di particolare siccità quindi, come nel caso
del 2010, il sito produttivo ricorre maggiormente
alla produzione di energia elettrica attraverso
l‟utilizzo del gasolio. Nel corso del 2012 i consumi
di gasolio sono aumentati rispetto a quelli registrati
nel corso dell‟anno precedente.
Consumi gasolio (lt.)
2010
2011
2012
Meda
Shengzhou (kWh eq.)
Detroit*
175.000
6.264
n/a
81.000
2.070
n/a
28.000
4.346
4.500
Nel corso dell‟ultimo anno, i consumi di gas
naturale per i siti italiani del Gruppo, hanno
registrato un sensibile aumento rispetto al 2011.
Tale dato riflette, in parte, una riduzione di consumi
di gas naturale registrata per il sito di Tolentino il
Consumi gas naturale (m3)
Tolentino
Meda
Detroit*
2011 e il 2012, in parte compensata dall‟aumento
dei consumi di gas registrati per il sito di Meda
causati, come descritto sopra, dalla sostituzione
delle caldaie a gasolio.
2010
2011
2012
676.825
142.220
n/a
384.799
181.962
n/a
346.536
246.528
7.198
58
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Produzione dei rifiuti
La produzione di rifiuti non pericolosi risulta essere
crescente per i siti produttivi italiani del Gruppo
nell‟ultimo anno.
Nel sito di Meda, la causa di tale andamento è
imputabile all‟insediamento di alcune importanti
attività (Logistica Contract, Officina prototipi R&D,
uffici Servizio Ingegneria di Cassina e Cap Design,
Uffici Divisione Luci) nel sito di Lentate sul Seveso,
che ha comportato nel corso delle attività di
cantiere e durante l‟insediamento, lo smaltimento
di ingenti quantitativi di materiali e semilavorati.
Rifiuti non pericolosi (Ton)
Il sito di Tolentino ha aumentato la produzione di
rifiuti non pericolosi di circa il 19%, passando dalle
249 tonnellate del 2011 alle 298 tonnellate del
2012, tale aumento è legato sostanzialmente a
rottamazioni straordinarie di componenti a marchio
Gufram e Thonet.
Al contrario, il sito di Shengzhou registra una
produzione di rifiuti non pericolosi in linea con il
dato del 2011, pari a 14 tonnellate, riportandosi al
dato rilevato per il 2009.
2010
2011
2012
306
759
21
n/a
249
601
15
n/a
298
671
14**
431
Tolentino
Meda
Shengzhou
Detroit*
**Stima
Nel 2011 l‟incremento dei rifiuti pericolosi nel sito
Meda era imputa alla riorganizzazione dello
stabilimento che ha comportato lo smaltimento di
ingenti quantitativi di semilavorati e materiali
stoccati, il dato del 2012 riflette una situazione
tornata a regime, e in linea con gli anni precedenti.
Nel sito di Tolentino, i rifiuti pericolosi prodotti nel
corso del 2012 risultano essere in sensibile
aumento rispetto l‟anno precedente, dovuto
sostanzialmente a rottamazioni straordinarie di cui
sopra.
Rifiuti pericolosi (Ton)
2010
2011
2012
Tolentino
Meda
Shengzhou
Detroit*
9,30
0,18
0
n/a
9,70
5
0
n/a
11,9
1,07
0
0,5
Consumi idrici
I siti produttivi italiani confermano sostanzialmente
invariato il trend dei consumi tra il 2011 e il 2012.
Il sito di Tolentino ha incrementato i propri
consumi di 100 m3, equivalenti a circa l‟1,5%
rispetto al dato del 2011. Il sito di Meda ha invece
ridotto del 3,3% i propri consumi idrici, con un
risparmio complessivamente 187 m3 di acqua nel
2012 rispetto al 2011.
Lo stabilimento di Shengzhou ha visto diminuire i
propri consumi approssimativamente dell‟8%
rispetto all‟anno 2011. È comunque utile
sottolineare come i consumi siano riferibili
principalmente all‟utilizzo igienico sanitario. Nel
sito infatti l‟acqua non viene utilizzata per alcun
tipo di processo produttivo. L‟aumento dell‟utilizzo
della risorsa idrica è quindi direttamente imputabile
alla diminuzione del numero di dipendenti operanti
in questo sito produttivo nel corso dell‟anno.
Consumi idrici (m3)
2010
2011
2012
Tolentino
Meda
Shengzhou
Detroit*
6.963
6.124
6.103
n/a
6.500
5.625
7.048
n/a
6.600
5.438
6.474
118.000
59
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Razionalizzazione della logistica
Nel 2012 è proseguito con successo il progetto di
razionalizzazione del processo di consegna dei
prodotti al Gruppo (detto logistica inbound),
iniziato nel 2011, da parte di partner importanti
come i fornitori delle pelli.
Attraverso un processo di ascolto delle esigenze dei
fornitori, il Gruppo ha preso in carico e
centralizzato la logistica inbound, precedentemente
gestita da ogni singolo fornitore attraverso mezzi
propri.
L‟utilizzo di un unico trasportatore ha comportato
una riduzione dei costi per i fornitori e per il
Gruppo e, allo stesso tempo, il contenimento
dell‟impatto ambientale ottimizzando i carichi di
trasporto. Il Gruppo conferma anche per il 2012 il
dato registrato nel 2011, che ha portato un calo del
numero di viaggi pari a 60.000 Km percorsi, che
corrispondono alla riduzione di 53 tonnellate di
CO2.
Minimizzazione degli spostamenti effettuati in
automobile dai dipendenti
Un ulteriore contributo alla riduzione dalle
emissioni di anidride carbonica è stato raggiunto
incentivando ed estendendo il sistema di delle
infrastrutture per le videoconferenza. Il ricorso a
questa tecnologia, oltre a generare risparmi dal
punto di vista economico legati al costo evitato per
gli spostamenti, ha permesso di non immettere in
atmosfera circa 700 tonnellate di CO2 nel corso del
2012. Il ricorso a videoconferenze inoltre ha
favorito un maggiore bilanciamento tra vita privata
e vita lavorativa.
-
In particolare la tecnologia “solid Ink” utilizzata
(Xerox-ColorQube) elimina il concetto di toner,
tipico delle multifunzione laser classiche,
adottando delle cartucce a cera prive di
contenitore.
L‟impatto ambientale calcolato in termini di “Totale
rifiuti prodotti per stampare 22.000 pagine al mese
in 4 anni” è pari al 90% di rifiuti in meno rispetto
ad una Multifunzione laser colore equivalente
(37Kg rispetto 370kg).
Certificazioni
Il Gruppo Poltrona Frau ha proseguito anche nel
corso del 2012 nel percorso di certificazione dei
propri siti produttivi.
Le certificazioni ottenute dal Gruppo garantiscono
la possibilità di operare nei mercati in cui è
impegnato e sono sinonimo dell'impegno nei
confronti dell'ambiente e della salute e sicurezza di
tutti i propri collaboratori.
Poltrona Frau ha ottenuto a luglio 2012 la
certificazione del Sistema di Gestione per la
Sicurezza e Salute dei Lavoratori BS OHSAS
18001:2007.
Ad oggi, quindi, il plant di Tolentino detiene tutto il
set completo delle certificazioni:


Ambiente di stampa sostenibile
Il Gruppo Poltrona Frau ha affrontato un progetto
per incentivare un “ambiente di stampa
sostenibile”. In particolare:
- Ha incentivato i propri dipendenti ad
utilizzare il digitale - “leggi, invia ed
archivia i documenti in digitale”
- Ha eliminato dispositivi “mono funzione”
adottando solo dispositivi “multifunzione”
e al tempo stesso riducendo il numero di
apparati presenti in Azienda
- Ha scelto dispositivi ENERGY STAR®
Ha scelto apparati che adottano la
tecnologia a cartucce “solid Ink”


UNI EN ISO 9001:2008 (per il Sistema
Qualità – Raggiunta per tutte le Divisioni
aziendali)
ISO/TS 16949:2009 (per il Sistema
Qualità Automotive – Raggiunta per la
Divisione Interiors in Motion)
UNI EN ISO 14001:2004 (per il Sistema
Ambientale – Raggiunta aggiunta per tutte
le Divisioni aziendali
BS OHSAS 18001:2007 (per il Sistema
Salute e Sicurezza – Raggiunta per tutte le
Divisioni aziendali)
L‟impegno per l‟anno 2013 è quello di proseguire
con il consolidamento delle certificazioni già
ottenute (con particolare riferimento alla
giovanissima OHSAS 18001).
60
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Nel corso del 2011 è stato implementato il
progetto "zero waste" per il sito di Tolentino. Tale
progetto ha permesso di portare a regime la
raccolta differenziata dei rifiuti all'interno di tutto
il sito. Nel corso del 2012 l‟attività di raccolta
differenziata è stata confermata e consolidata, ed è
parte del Sistema di Gestione Ambientale
certificato ISO 14001.
stato superato positivamente nel corso del
2012).
Ad oggi, il sito produttivo di Meda è certificato, con
riguardo a Cappellini:


Ad oggi, il sito produttivo di Meda è certificato, con
riguardo a Cassina:



UNI EN ISO 9001:2008 (per il Sistema
Qualità)
UNI EN ISO 14001:2004 (per il Sistema
Ambientale) il conseguimento previsto
entro il 2013 (il primo stage è stato
superato positivamente nel corso del 2012)
BS OHSAS 18001:2007 (per il Sistema
Salute e Sicurezza) il conseguimento
previsto entro il 2013 (il primo stage è
UNI EN ISO 9001:2008 (per il Sistema
Qualità)
UNI EN ISO 14001:2004 (per il Sistema
Ambientale).
Entrambe le certificazioni sono state conseguite nel
corso del 2012.
Il sito produttivo di Shengzhou è certificato, sin dal
2008, anno di avvio della produzione


UNI EN ISO 9001:2008 (per il Sistema
Qualità)
UNI EN ISO 14001:2004 (per il Sistema
Ambientale.
Tetto dello stabilimento Poltrona Frau di Tolentino, composto da 18.000 moduli
61
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
62
LE PERSONE
Il Gruppo Poltrona Frau pone una forte attenzione
alle persone rappresentate dai dipendenti e le
comunità in cui opera. Nel corso dell‟anno il
Gruppo ha realizzato diverse iniziative rivolte sia ai
propri dipendenti che alla società, promuovendo la
creazione di una cultura del design e supportando
iniziative locali o di carattere umanitario.
2011 passando dalle 916 alle 972 unità del 2012.
Tale aumento è principalmente riconducibile
all‟avvio della produzione del plant di Detroit ed
allo sviluppo commerciale estero.
A livello nazionale la popolazione del Gruppo è
rimasta sostanzialmente invariata nel corso
dell‟ultimo triennio, si è passati dalle 734 unità del
2010 alle 723 del 2011 per attestarsi a fine 2012
complessivamente a 733 dipendenti, in aumento
dell‟1,3%
rispetto
all‟anno
precedente.
I dipendenti
A livello internazionale il Gruppo segna un lieve
aumento del numero dei dipendenti rispetto al
Composizione del Gruppo a livello mondiale
2010
N
Dirigenti
Quadri
Donne %
33
413
0
161
2011
Uomini %
0%
39%
N
33 100%
252
61%
Donne %
37
394
0
2012
Uomini %
0%
158
40%
37
236
N
Donne
%
Uomini
%
100% 29
0
0%
29
100%
71
21
30%
50
70%
338
176
52%
162
48%
60%
Impiegati
Operai
538
163
30%
375
70%
485
155
32%
330
68% 534
168
31%
366
69%
Totale
984
322
33%
662
67%
916
313
34%
603
66% 972
365
38%
607
62%
Composizione del Gruppo a livello nazionale
2010
N
Donne
2011
% Uomini
25
0
Impiegati
49
242
13
114
47%
36
128
Operai
418
121
29%
Totale
734
248
34%
Dirigenti
Quadri
0%
27%
25
% N
100%
74%
Donne %
28
0
0%
28%
53%
53
253
297
71%
389
15
122 48%
107 28%
486
66%
723
244
Con riferimento al territorio nazionale, con la
conclusione del processo di ristrutturazione nel
2010, è ritornato su livelli standard il tasso di
turnover aziendale, calcolato come somma
algebrica tra entrati e usciti nell‟anno rispetto al
numero medio dei dipendenti. Nel 2010 il tasso di
turnover registrato era del 25,1%, contro il 14%
34%
2012
Uomini %
N
28
23
0
0%
23
100%
14
136
29%
54%
35
116
71%
46%
112
27%
297
73%
262
36%
471
64%
100%
72%
38
131
282
49
52% 252
73% 409
479
66% 733
Donne
%
Uomini
%
registrato nel 2011. Nel corso del 2012 il tasso di
turnover aziendale si è attestato, in linea al dato
dell‟anno precedente, al14,4%. Resta invariato
rispetto il 2011 il dato sull‟anzianità aziendale che
si attesta per il 2012 a 12 anni. Il tasso di
dipendenti assunti con contratto a tempo
indeterminato registra un leggero calo rispetto al
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
2011 attestandosi al 95,1% contro il 96,1%
dell‟anno precedente, così come l‟età media dei
dipendenti, che è scesa dai 43 anni del 2011 ai 41,5
anni del 2012. La composizione per genere nel
2012 è pari al 36% di donne e 64% di uomini,
rispetto al 34% di donne e 66% di uomini dell‟anno
precedente.
Le ore di sciopero registrate in Italia durante l‟anno
2012 sono state 448, all‟incirca 0,6 ore a
dipendente.
Le ore di Cassa Integrazione Ordinaria utilizzate nel
2012 sono state 15.440,5 all‟incirca pari a 2,5
giornate lavorative per dipendente.
Gli infortuni, seppur di lieve entità, nel corso del
2012 sono aumentati nel sito di Tolentino in
ragione dell‟aumento della popolazione impiegata
in produzione e delle tempistiche legate alla
consegna delle commesse del settore automotive,
mentre sono diminuiti nel sito di Meda dove tale
riduzione degli infortuni ha portato ad una ad una
positiva diminuzione degli indici di frequenza,
gravità e incidenza.
Indici degli infortuni per il sito di Meda
Sito di Meda
Indice di frequenza[1]
Indice di gravità [2]
Indice di incidenza[3]
Numero di infortuni
2010
9,04
0,14
1,74
5
2011
15,8
0,16
2,5
7
2012
4,69
0,14
0,74
2
2010
6,09
0,11
3,88
15
2011
10,82
0,15
1,7
8
2012
14,87
0,46
2,51
12
Indici degli infortuni per il sito di Tolentino
Sito di Tolentino
Indice di frequenza[1]
Indice di gravità [2]
Indice di incidenza[3]
Numero di infortuni
Con riferimento al sito di Shengzhou, la
rendicontazione dell‟ultimo biennio mostra come si
sia passati da 6 ad 4 infortuni. La sostanziale
riduzione del numero dei dipendenti ha portato
tuttavia ad un contestuale innalzamento degli
indici di frequenza e incidenza, di contro è molto
confortante l‟abbassamento dell‟indice di gravità.
Nel plant di Detroit non si sono registrati infortuni
nel corso del 2012.
Indici degli infortuni per il sito di Shengzhou
Sito di Shengzhou
Indice di frequenza[1]
Indice di gravità [2]
Indice di incidenza[3]
Numero di infortuni
2010
12,56
0,03
3,33
6
2011
6,28
0,49
1,31
6
2012
8,9
0,224
5
4
[1]Indice di frequenza: tale indice rappresenta il rapporto tra il numero di infortuni, escludendo quelli in itinere, verificatosi in un anno e
le ora totali lavorabili nello stesso anno. Il rapporto viene moltiplicato per 1.000.000 per rendere il dato leggibile.
[2] Indice di gravità: è il rapporto tra i giorni d‟assenza dal lavoro registrati in un anno, escludendo quelli imputabili agli infortuni in
itinere, e le ore totali lavorabili nel medesimo anno. Il rapporto viene moltiplicato per 1.000 per rendere il dato più leggibile.
[3] Indice di incidenza: dato dal rapporto tra il numero di infortuni annuale, escludendo quelli in itinere, ed il numero di dipendenti, il
risultato è moltiplicato per 100.
63
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
E‟ proseguito il percorso avviato negli scorsi anni
del Performance Management & Development,
strumento che permette di sviluppare una cultura
aziendale orientata alla performance e fornisce gli
input per premiare e accrescere le competenze
della popolazione aziendale. Il Gruppo ha inoltre
rafforzato il sistema di compensation, legando
maggiormente le performance di ciascun
dipendente ai premi riconosciuti. In ultimo, sono
state avviate diverse iniziative che hanno coinvolto
l‟intera popolazione aziendale come, ad esempio,
l‟implementazione di un completo sistema di wi-fi
aziendale per i siti produttivi italiani e l‟incremento
delle iniziative di job posting dedicate al personale
interno.
Infine, a conferma dello stretto legame tra Poltrona
Frau e il territorio marchigiano, a dicembre è stata
celebrata la cerimonia di intitolazione dell‟Istituto
Professionale per l‟Industria e l‟Artigianato IPIA di
Tolentino a Renzo Frau, fondatore di Poltrona Frau.
Poltrona Frau in quest‟occasione ha siglato un
accordo con l‟Istituto IPIA, che ha sede a Sarnano,
Tolentino e San Ginesio, con il progetto di ospitare
in azienda gli studenti nell‟ambito dei percorsi
formativi di alternanza scuola/lavoro. Questo
consentirà agli studenti di avvicinarsi al contesto
lavorativo dell‟azienda e di meglio comprenderne i
meccanismi produttivi. La volontà dell‟azienda è
quella di essere parte attiva della formazione dei
futuri artigiani, sostenendo un progetto in grado di
valorizzare i mestieri e soprattutto le potenzialità
dei giovani.
Le iniziative sociali e le iniziative solidali
Anche nel 2012 sono state realizzate diverse azioni
volte a supportare la cultura del design, orientate a
preservare e valorizzare le creazioni dei designer del
passato e contemporanei.
Cassina è stata attivamente coinvolta in iniziative
culturali volte a valorizzare il valore autentico del
design e a rivelarne la storia creativa. Come main
sponsor della mostra “L‟ITALIA DI LE CORBUSIER”,
presso il museo MAXXI di Roma, l‟azienda ha
arredato una sala lettura con le icone firmate Le
Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand. E‟
continuata anche la mostra itinerante Authentic
Colour, che presenta le caratteristiche distintive,
valori e il patrimonio contenuti nelle opere di Le
Corbusier, Pierre Jeanneret, Charlotte Perriand.
Per il secondo anno di seguito, Cappellini è stata
protagonista di “Abitare il Tempo 100% Project”,
dove è stata raccontata la collaborazione tra Giulio
Cappellini e l‟architetto giapponese Shiro
Kuramata: sono stati esposti oltre ai prodotti icona
che tutt‟ora fanno parte del catalogo Cappellini,
anche riproduzioni di disegni originali e la
riedizione della celebre cassettiera Dinah, pezzo
realizzato in poche copie negli anni ‟80 poi andato
fuori produzione e ora quotatissimo nelle aste di
modernariato.
Oltre all‟attenzione per la cultura Poltrona Frau è
da sempre attiva sul territorio marchigiano, in
particolare ha supportato: il centro di formazione
NEMETRIA di Foligno, che organizza ogni anno la
Conferenza Etica ed Economia e la Stagione lirica
di Macerata. Inoltre, è stata sponsor tecnico, per le
Giornate Internazionali del Pio Manzù a Rimini e il
Festival dei Due Mondi di Spoleto.
Sempre nel 2012, Franco Moschini, Presidente di
Poltrona Frau Group, ha ricevuto il premio “Guido
Carli”: come “imprenditore che ha saputo
tramandare l‟eredità di Renzo Frau e portare il
marchio al successo di oggi”. L‟ambito
riconoscimento gode dell‟Alto Patronato del
Presidente della Repubblica e viene consegnato
ogni anno da una giuria di eccezione a dodici
personaggi di eccellenza che si sono distinti in
settori
chiave
quali
economia,
cultura,
imprenditoria.
Nel corso del 2012, il Gruppo in partnership con
British Telecom, ha realizzato la posa di oltre 40
Km di fibra ottica nell‟entroterra marchigiano, nei
pressi di Tolentino, per servire tutta l‟area. Questo
tipo di iniziativa fornirà un‟importante opportunità
di sviluppo tecnologico per tutto il territorio, ad
oggi ancora non servito dalla fibra ottica.
Nel corso dell‟anno, il Gruppo Poltrona Frau ha
supportato diverse iniziative di carattere solidale, in
particolare, sono stati donati arredi per allestire la
nuova casa famiglia “La Casa di Fata” di Cesano
Boscone (MI) realizzata dalla Onlus La Casa di Fata.
Un edificio di 600 mq che ospita e sostiene
bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori
allontana dalla famiglia di origine per
maltrattamento, violenza o grave disagio.
64
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
IL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE
Poltrona Frau S.p.A. è un emittente con azioni
quotate sul Mercato Telematico Azionario gestito
da Borsa Italiana S.p.A., segmento STAR. Il quadro
completo del sistema di Corporate Governance
della Società è analiticamente descritto nella
“Relazione sul governo societario e gli assetti
proprietari” predisposta ai sensi dell‟art. 123-bis del
D. Lgs. n. 58/1998 (di seguito anche “Testo Unico
della Finanza”) e approvata dal Consiglio di
Amministrazione di Poltrona Frau il 14 marzo 2013.
Le informazioni di seguito riportate intendono
fornire una sintesi della relazione, tenendo conto
del contenuto minimo richiesto dalla citata norma
e delle raccomandazioni del Codice di
Autodisciplina di Borsa Italiana, cui Poltrona Frau
aderisce.
La relazione sul governo societario e gli assetti
proprietari, pubblicata contestualmente con la
relazione sulla gestione, è disponibile nella sezione
Investor Relations / Governance del sito internet
della società, all‟indirizzo:
http://www.poltronafraugroup.com.
Adesione al Codice di Autodisciplina di Borsa
Italiana S.p.A. e Codice Etico di Poltrona Frau S.p.A.
In linea con i valori affermati nel Codice Etico, sono
i principi che Poltrona Frau persegue nel delineare
un assetto di amministrazione e controllo adeguato
alle proprie dimensioni ed alla complessità della
propria struttura operativa, nell‟adottare un sistema
di controllo interno adeguato ed efficace, nel
comunicare con gli azionisti e gli altri stakeholder,
curando particolarmente l‟aggiornamento delle
informazioni disponibili sul sito internet.
La Relazione sul Governo Societario di Poltrona
Frau recepisce le raccomandazioni del Codice di
Autodisciplina di Borsa Italiana, le adegua alla
realtà della Società, declinandole rispetto alle
specificità organizzative e dimensionali, al
contempo valorizzandole. A seguito dell‟adozione
delle disposizioni richiamate dal Codice di
Autodisciplina, il Consiglio di Amministrazione ha
attuato alcuni principi atti a rinforzare le
disposizioni richiamate dal Codice di Autodisciplina,
in particolare:
(i)
il Consiglio di Amministrazione
mantiene una posizione di assoluta
(ii)
(iii)
centralità nel sistema di Corporate
Governance della Società, con ampie
competenze, anche in materia di
organizzazione della Società e del
Gruppo e di sistema di controllo
interno;
le operazioni più rilevanti, della
Società e delle controllate, sono
sottoposte
all‟approvazione
del
Consiglio, che presta particolare
attenzione alle situazioni nelle quali gli
amministratori siano portatori di
interessi propri o di terzi ed alle
operazioni con parti correlate;
è stato riservato un ruolo centrale al
Consiglio di Amministrazione nella
definizione
delle
politiche
di
sostenibilità, cui fra l‟altro è
demandata l‟approvazione del Bilancio
di Sostenibilità.
La struttura di Corporate Governance
La struttura di Corporate Governance di Poltrona
Frau è articolata secondo il modello tradizionale,
che – fermi i compiti dell‟Assemblea – attribuisce la
gestione aziendale al Consiglio di Amministrazione,
le funzioni di controllo al Collegio Sindacale e
quelle di revisione legale dei conti alla società di
revisione incaricata dall‟Assemblea degli azionisti.
Il Consiglio di Amministrazione, nominato
dall‟Assemblea degli Azionisti in data 27 aprile
2012 è composto da 11 membri, tre dei quali
indipendenti in coerenza con le disposizioni
regolamentari di cui al Codice di Autodisciplina ed
al Regolamento di Borsa Italiana.
Il modello prescelto sancisce inoltre la netta
distinzione tra le funzioni di Presidente, Vice
Presidente e quelle di Amministratore Delegato, ai
quali compete, come previsto nello Statuto, la
rappresentanza della Società.
Il Consiglio ha costituito al suo interno tre comitati
con funzioni consultive e propositive: il Comitato
Controllo e Rischi, il Comitato Nomine e
Remunerazione ed il Comitato Parti Correlate.
Il Comitato Controllo e Rischi, oltre ad avere
funzioni consultive e propositive nei confronti del
Consiglio relativamente al sistema del controllo
65
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
interno, ha anche il compito di vigilare
sull‟osservanza e sul periodico aggiornamento delle
regole di corporate governance e sul rispetto dei
principi di comportamento eventualmente adottati
dalla Società e dalle sue controllate. Il Comitato
Nomine e Remunerazione svolge funzioni
consultive e propositive. In particolare, formula al
Consiglio di Amministrazione proposte in merito
alla nomina e trattamento economico spettante
agli Amministratori Delegati ed agli altri
Amministratori titolari di particolari cariche,
nonché valuta periodicamente i criteri adottati per
la remunerazione dei dirigenti con responsabilità
strategiche e presenta al Consiglio di
Amministrazione raccomandazioni in merito
all‟utilizzo dei piani di stock option e di altri sistemi
di incentivazione basati sulle azioni, sulle politiche
di remunerazione in genere e sulla relazione
annuale sulla remunerazione. Il Comitato Parti
Correlate svolge funzioni consultive, propositive e
di vigilanza in materia di Operazioni con Parti
Correlate ai sensi di quanto previsto dal
Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e
successive modifiche e integrazioni. I tre comitati si
sono riuniti rispettivamente sette, quattro e una
volta nel corso dell‟anno.
Nella figura seguente si riporta la struttura della
Governance della Società riferita al 31 dicembre
2012.
La funzione Internal audit del Gruppo ha l‟obiettivo
di monitorare e verificare il corretto funzionamento
del sistema di controllo interno aziendale; a far
data dal 1 settembre 2012, il ruolo di Responsabile
Internal Audit è risultato vacante a seguito delle
dimissioni da Poltrona Frau S.p.A. del Dott. Luca
Russo che ha ricoperto tale incarico dal 2009.
Pertanto, il CCR ha tempestivamente richiesto
all‟Amministratore Delegato e al Chief Corporate
Officer del Gruppo Poltrona Frau di attivarsi al fine
di individuare possibili soluzioni alternative.
In tal senso, dapprima è stato avviato un processo
di selezione finalizzato ad individuare un candidato
che ricoprisse il ruolo vacante, successivamente la
Società ha optato, e condiviso con il CCR, di
esternalizzare le attività di internal audit per il
2013 a una società di consulenza specializzata in
materia.
A seguito di opportune analisi e valutazioni, la
Società ha affidato l‟incarico a Protiviti. Nel corso
del Consiglio di Amministrazione del 14 marzo
2013, sarà nominato anche il Responsabile Internal
Audit nella figura di Giacomo Galli, Managing
Director Protiviti.
A partire dal mese di gennaio 2013 Protiviti ha
avviato il proprio incarico attraverso la
predisposizione del piano di audit per il 2013,
approvato dal CCR in data 5 marzo 2013.
Contestualmente Protiviti ha intrapreso le attività
propedeutiche ai fini dell‟attestazione, ai sensi
dell‟art. 154 bis c. 2 del TUF da parte, dell‟Organo
Amministrativo Delegato e del Dirigente Preposto
dei documenti contabili societari per l‟esercizio
2012.
Di seguito si riportano le principali attività svolte
dal Responsabile Internal Audit fino al 31 agosto
2012, e i principali ambiti di attenzione, così come
esplicitati all‟interno della Relazione trasmessa al
CCR (Relazione del 7 agosto 2012).
Il CCR, dal mese di settembre 2012, ha garantito il
monitoraggio sull‟adeguatezza del sistema di
controllo interno, attraverso le adunanze
periodiche, il costante coinvolgimento del Collegio
Sindacale, il confronto con il Vertice
Aziendale/management e il periodico reporting al
Consiglio di Amministrazione.
Nel corso del 2012 è stata realizzata la mappatura
di alcuni processi presso le società del Gruppo, è
stato intrapreso un percorso di miglioramento del
sistema di controllo interno, sono state riviste ed
aggiornate alcune procedure amministrative,
mantenendo la logica con descrizione del processo,
guida operativa, compliance integrata e matrice
rischi/controlli. In particolare sono state riviste la
procedura per la gestione di agenti ed intermediari
nel segmento contract, la procedura di Travel
Policy, il modus operandi per la stima delle
provvigioni di intermediazione e dei margini di
commessa;
la struttura della procedura
amministrativa per la gestione delle riconciliazioni
bancarie, individuando tra l‟altro ruoli e
responsabilità del personale coinvolto; la richiesta
delle attestazioni sui dati nei reporting package
implementando un capillare processo di richiesta
attestazione, su un form standard; l‟ esecuzione dei
test sull‟efficacia operativa dei controlli chiave nel
processo di gestione dei crediti; la revisione ed
66
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
aggiornamento del Manuale della Tesoreria;
l‟aggiornamento della procedura amministrativa a
regolamentazione delle attività di chiusura dei
periodi contabili; l‟avanzamento del Manuale
Contabile.
La funzione ha inoltre proseguito nell‟attività di
definizione e mantenimento del sistema di
controllo interno in tema di financial reporting per
far fronte all‟attestazione richiesta ai sensi dell‟art.
154 bis c. 2 del TUF.
esclusivamente a Poltrona Frau S.p.A., esso sarà
soggetto ad un processo di revisione ed
integrazione che sarà eseguito nel corso
dell‟esercizio 2013. Sempre nel corso del 2013 si
prevede di estendere l‟applicazione del Modello
Organizzativo alle due principali società
controllate: Cassina S.p.A. e Cap Design S.p.A..
Nella figura seguente si riporta in forma grafica la
struttura della Governance della Società riferita al
14 marzo 2013:
Per quanto riguarda il Modello Organizzativo ai
sensi del D.Lgs. 231/01, applicato ad oggi
Informativa ai sensi della legge sulla privacy
Ai sensi del D.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e successive modificazioni, si conferma l‟avvenuto aggiornamento
volontario e deposito presso la sede amministrativa della Società del documento programmatico sulla sicurezza.
67
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
68
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Poltrona Frau S.p.A.
Bilancio consolidato al 31 dicembre 2012
69
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Meltdown, Johan Lindstén, Cappellini, 2012
70
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Situazione Patrimoniale Finanziaria consolidata
ATTIVO
(in migliaia di Euro)
ATTIVITA' NON CORRENTI
Avviamento
Marchi a vita utile indefinita
Altre immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
Partecipazioni
Attività finanziarie disponibili per la vendita
Altre attività non correnti
Note
1
2
3
4
5
6
7
di cui vs parti correlate
Attività per imposte anticipate
TOTALE ATTIVITA' NON CORRENTI
ATTIVITA' CORRENTI
Rimanenze
Crediti commerciali
31 dicembre
2011(*)
17.465
63.820
4.842
40.214
10.516
1.344
7.443
3.600
16.939
63.820
3.860
36.700
10.653
1.390
7.235
3.600
8
6.457
152.101
6.935
147.532
9
10
53.989
52.110
58.206
58.920
di cui vs parti correlate
Altre attività correnti
31 dicembre
2012
71
4.766
11
di cui vs parti correlate
6.673
14.264
4.942
9.462
2.769
Strumenti derivati
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
TOTALE ATTIVITA' CORRENTI
12
13
15
9.068
129.446
12.036
138.624
Attività destinate alla vendita
TOTALE ATTIVO
14
1.072
282.619
286.156
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Situazione Patrimoniale Finanziaria consolidata
PASSIVO
Note
(in migliaia di Euro)
Capitale sociale
Riserva sovrapprezzo azioni
Riserva da adeguamento al fair value di attività finanziarie disponibili per la vendita
Altre riserve
Utili / (perdite) di esercizi precedenti
Utile / (perdita) di pertinenza del Gruppo
31 dicembre
2012
TOTALE PATRIMONIO NETTO DI GRUPPO
PATRIMONIO NETTO DI TERZI
Capitale e riserve di terzi
Utile / (perdita) di pertinenza di terzi
TOTALE PATRIMONIO NETTO DI TERZI
TOTALE PATRIMONIO NETTO
PASSIVITA' NON CORRENTI
Finanziamenti a medio-lungo termine
Benefici ai dipendenti
Fondi rischi e oneri
Imposte differite passive
Altre passività non correnti
TOTALE PASSIVITA' NON CORRENTI
PASSIVITA' CORRENTI
Debiti commerciali
15
16
17
18
19
20
21
di cui vs parti correlate
Debiti verso banche e altri finanziatori
Debiti tributari
Strumenti derivati
Altre passività correnti
di cui vs parti correlate
Passività destinate alla vendita
34.816
2.593
497
8.601
20.918
4.599
71.076
72.024
(140)
(126)
(266)
70.810
(1.673)
46
(1.627)
70.397
48.429
5.450
5.092
22.183
554
81.708
59.306
5.450
2.958
22.390
615
90.719
59.197
45.837
2.513
1.360
20.622
42.535
3.925
1.127
18.798
519
129.529
125.040
572
-
TOTALE PASSIVITA'
211.809
215.759
TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO
282.619
286.156
(*)
26
58.655
777
132
TOTALE PASSIVITA' CORRENTI
31 dicembre
2011(*)
34.810
2.530
459
6.748
25.517
1.012
973
22
23
24
25
72
I valori al 31 dicembre 2011 sono stati riesposti per renderli omogenei e comparabili con quanto esposto nell‟esercizio in corso;
tale intervento si è reso necessario per tener conto della nuova metodologia di contabilizzazione delle società JV.
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Conto Economico consolidato
(in migliaia di Euro)
31 Dicembre
2012
Note
Ricavi di vendita
27
28
29
Utile / (perdita) per azione base (Euro)
Utile / (perdita) per azione diluito (Euro)
251.535
(93.098)
(86.969)
(1.503)
(1.281)
(45.503)
(843)
(3.906)
(3.906)
33
34
-
-
36
36
37
38
(44.572)
(1.310)
-
(6.568)
(25)
(231.455)
15.533
(858)
35
di cui di natura non ricorrente
Di cui attribuibile a:
Soci della controllante
Interessenze di pertinenza di terzi
1.799
246.988
(96.340)
(78.270)
30
31
32
di cui di natura non ricorrente
Oneri finanziari
Proventi finanziari
RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE
Imposte sul reddito
UTILE O (PERDITA) DELLE ATTIVITA‟ IN FUNZIONAMENTO
Utile o (Perdita) delle attività destinate alla vendita
UTILE O (PERDITA) DELL'ESERCIZIO
6.746
1.465
di cui vs parti correlate
Ammortamenti e svalutazioni
Rettifiche di valore di attività e altri accantonamenti
TOTALE COSTI OPERATIVI
RISULTATO OPERATIVO
Risultato delle società collegate valutate con il metodo del Patrimonio Netto
33.413
8.491
di cui vs parti correlate
Costo del personale
Altri costi operativi
Costi di ristrutturazione
244.789
32.378
Altri ricavi e proventi
RICAVI
Costi per materie prime e materiali di consumo
Costi per servizi
31 Dicembre
2011(**)
238.497
di cui vs parti correlate
73
(6.466)
(300)
(232.715)
18.820
(1.793)
(1.438)
(7.631)
1.487
8.531
(3.970)
4.561
(3.675)
886
(8.071)
2.709
11.665
(6.563)
5.102
(457)
4.645
1.012
(126)
4.599
46
0,01
0,01
0,03
0,03
(**)I valori al 31 dicembre 2011 sono stati riesposti per renderli omogenei e comparabili con quanto esposto nell‟esercizio in corso; tale
intervento si è reso necessario per tener conto della nuova metodologia di contabilizzazione delle società JV e della cessione della
Divisione Luci.
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Conto Economico Complessivo consolidato
(in migliaia di Euro)
UTILE / (PERDITA) DELL‟ESERCIZIO
Utili / (perdite) dalla rideterminazione di attività finanziarie disponibili per la vendita
("available for sale")
Utili / (perdite) derivanti dalla conversione dei bilanci di imprese estere
Effetto fiscale relativo agli Altri utili / (perdite)
Totale Altri utili / (perdite) al netto dell'effetto fiscale
TOTALE UTILE / (PERDITA) COMPLESSIVO
Di cui attribuibile a:
Soci della controllante
Interessenze di pertinenza di terzi
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
886
4.645
(38)
(258)
(296)
262
424
(15)
671
590
5.316
716
(126)
5.263
53
74
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Rendiconto Finanziario Consolidato
(in migliaia di Euro)
Note
FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' OPERATIVE
Utile / (perdita) dell'esercizio
31 dicembre
2012
75
31 dicembre
2011(**)
886
4.645
6.568
456
218
2.951
(486)
(137)
(124)
271
(5.956)
6.466
2.376
(467)
228
(600)
(1.570)
(345)
1.045
(1.510)
6.810
4.217
542
1.480
(258)
(6.586)
4.037
(7.616)
FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO (ASSORBITO) DALLE ATTIVITA' OPERATIVE (A)
17.696
(155)
FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' DI INVESTIMENTO
Incassi dalla vendita di immobilizzazioni materiali e immateriali
Incassi dalla vendita di Marchi a Vita Utile Indefinita
Immobilizzazioni materiali acquistate
Immobilizzazioni immateriali acquistate
Incasso dalla vendita di altre partecipazioni
Partecipazioni acquistate/aumenti di capitale in società controllate/collegate e JV
Variazione netta nelle altre attività non correnti
195
(8.713)
(3.759)
(725)
146
569
702
(3.200)
(2.435)
50
(1.538)
(25)
(12.856)
(5.877)
3.000
(13.127)
(3.877)
70
6.359
957
(1.026)
-
2.000
(11.813)
(4.402)
136
15.842
4.102
(853)
242
FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO (ASSORBITO) DALL'ATTIVITA' FINANZIARIA (C)
(7.644)
5.254
FLUSSO DI CASSA COMPLESSIVO (D=A+B+C)
(2.804)
(778)
(50)
103
Rettifiche per riconciliare l'utile (perdita) del periodo al flusso di cassa generato (assorbito) dalle attività
operative:
Ammortamenti
Accantonamenti e Svalutazioni
Variazione fair value strumenti finanziari
Accantonamenti a fondi relativi al personale
Pagamento trattamento di fine rapporto
Pagamento altri fondi ed incentivi
Minusvalenze (Plusvalenze) su vendite di attività non correnti
Variazioni di imposte anticipate e imposte differite
Imposte pagate nell‟esercizio
33
12/24
17/18
17
18
8/19
Variazioni nelle attività e passività operative:
Crediti commerciali
Rimanenze
Debiti commerciali
Altre - nette
10
9
21
2
4
3
5
5
FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO (ASSORBITO) DALLE ATTIVITA' DI INVESTIMENTO (B)
FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' FINANZIARIA
Erogazioni di finanziamenti bancari a medio - lungo termine
Rimborso di finanziamenti bancari a medio - lungo termine
Interessi pagati nell‟esercizio
Interessi incassati nell‟esercizio
Variazione netta delle altre passività finanziarie a breve / medio termine
Vendita azioni proprie
Acquisto azioni proprie
Aumento di capitale sociale
EFFETTO DEI CAMBI SULLE DISPONIBILITA' LIQUIDE (E)
DISPONIBILITA‟ LIQUIDE NETTE DA ATTIVITA‟ DESTINATE ALLA VENDITA (F)
DISPONIBILITA' LIQUIDE NETTE ALL'INIZIO DELL'ESERCIZIO (G)
DISPONIBILITA' LIQUIDE NETTE ALLA FINE DELL'ESERCIZIO (H=D+E-F+G)
16
16
36
36
15
15
15
114
-
12.036
12.711
9.068
12.036
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
76
Prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato
(in migliaia di Euro)
Saldi al 31 dicembre 2010
Aumento capitale sociale
Utilizzo riserva per copertura perdita
esercizio precedente
Distribuzione dividendi
Riserva
Capitale
sovrapprezz
sociale
o azioni
33.879
4.322
69
173
(4.322)
Utili
(Perdite)
portati a
nuovo
Riserva da
traduzione
Riserva per
adeguament
o al fair
value delle
AFS1
15.648
66
250
5.270
Altre
Riserve
9.975
(948)
Interessenze
Totale
di
Patrimonio
pertinenza
netto
di terzi
Totale
64.140
(1.467)
62.673
242
242
-
-
-
-
Acquisto azioni proprie
(253)
(600)
(853)
(853)
Vendita azioni proprie
Rilevazione costi piani di stock
1.121
2.981
4.102
4.102
147
147
-
-
options
147
Variazione area di consolidamento
Altri movimenti
39
Totale Utile / (Perdita) complessivo
Saldi al 31 dicembre 2011
34.816
2.593
(1.056)
4.599
417
247
25.517
483
497
8.118
Aumento capitale sociale
Utilizzo riserva per copertura perdita
esercizio precedente
Distribuzione dividendi
Acquisto azioni proprie
Vendita azioni proprie
Rilevazione costi piani di stock
(1.230)
53
5.316
72.024
(1.627)
70.397
-
-
-
-
-
-
(753)
(1.026)
(1.026)
267
690
957
957
140
140
140
(1.735)
(1.735)
1.487
716
(126)
590
6.523
71.076
(266)
70.810
Variazione area di consolidamento
-
Altri movimenti
Totale Utile / (Perdita) complessivo
1Attività
(213)
5.263
(273)
options
Saldi al 31 dicembre 2012
(1.017)
34.810
2.530
1.012
(258)
(38)
26.529
225
459
finanziarie disponibili per la vendita (Available For Sale)
(248)
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
NOTE ILLUSTRATIVE
FORMA E CONTENUTO
Poltrona Frau S.p.A., fondata nel 1912, è uno dei principali gruppi italiani leader internazionale nel design e nel
settore dell‟arredamento di alta gamma, che attorno allo storico marchio di arredamento ha creato un vero e
proprio “polo del design”, con lo scopo di coniugare l‟autonomia e la specificità di ognuno dei brand e delle
rispettive storie aziendali che compongono il Gruppo, con una visione unitaria della crescita e della
penetrazione all'estero, della promozione e delle strategie commerciali.
La pubblicazione del bilancio consolidato della Poltrona Frau S.p.A. per l‟esercizio chiuso il 31 dicembre 2012 ai
sensi dello IAS 10, è stata deliberata dal Consiglio di Amministrazione della Società del 14 marzo 2013.
La sede legale della Società è a Torino, Via Vincenzo Vela, 42.
Il bilancio consolidato del Gruppo Poltrona Frau al 31 dicembre 2012 è stato redatto in conformità agli
International Financial Reporting Standards (di seguito anche “IFRS”) emanati dall‟International Accounting
Standards Board (“IASB”) e adottati dall‟Unione Europea secondo la procedura di cui all‟art. 6 del Regolamento
(CE) n. 1606/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 luglio 2002 nonché ai provvedimenti emanati
in attuazione dell‟art. 9 del D. Lgs n. 38/2005.
Il Gruppo ha applicato gli stessi principi contabili dell‟esercizio precedente ad eccezione della metodologia di
contabilizzazione delle Joint Venture o società a controllo congiunto che sono state valutate a partire
dall‟esercizio in corso secondo il metodo del patrimonio netto. Il Gruppo ritiene che tale metodo di
consolidamento permetta di fornire una rappresentazione finanziaria e patrimoniale maggiormente
rappresentativa del business, anche in considerazione del nuovo principio contabile IFRS 11, la cui
omologazione è avvenuta nello scorso mese di dicembre, che renderà obbligatoria tale metodologia a decorrere
dal 1 gennaio 2014.
Tale modifica ha comportato la riesposizione, come stabilito dal principio contabile internazionale IAS 8, dei
dati comparativi della Situazione patrimoniale finanziaria al 31 dicembre 2010 e 31 dicembre 2011 come da
seguente tabella:
Partecipazioni (*)
Altre attività non correnti
6.707
139.461
6.380
(658)
31
dicembre
2010
riesposto
13.087
138.803
Attività non correnti
Attività correnti
Totale attivo
146.168
151.854
298.022
5.722
(20.539)
(14.817)
151.890
131.315
283.205
Patrimonio Netto di Gruppo
Patrimonio Netto di Terzi
Passività non correnti
Passività correnti
Totale passivo
64.140
(1.467)
102.935
132.414
298.022
(104)
(14.713)
(14.817)
64.140
(1.467)
102.831
117.701
283.205
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
aggiustamento
2010
77
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Partecipazioni (*)
Altre attività non correnti
5.535
136.555
6.508
(1.066)
31
dicembre
2011
riesposto
12.043
135.489
Attività non correnti
Attività correnti
Totale attivo
142.090
150.508
292.598
5.442
(11.884)
(6.442)
147.532
138.624
286.156
Patrimonio Netto di Gruppo
Patrimonio Netto di Terzi
Passività non correnti
Passività correnti
Totale passivo
72.024
(1.627)
90.878
131.323
292.598
(159)
(6.283)
(6.442)
72.024
(1.627)
90.719
125.040
286.156
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
aggiustamento
2011
(*) la voce include anche il saldo della voce: “attività finanziarie disponibili per la vendita” che accoglie la valutazione al fair value della
partecipazione in Cassina IXC.
Il bilancio consolidato è stato redatto in base al principio del costo, ad eccezione degli strumenti finanziari
derivati e delle “attività finanziarie disponibili per la vendita”, la cui valutazione è stata effettuata in base al
principio del “valore equo” (“fair value”). Il bilancio consolidato è stato redatto sul presupposto della continuità
aziendale in quanto, nonostante il difficile contesto economico e finanziario, il Gruppo ritiene che non
sussistano significative incertezze riguardo la capacità di continuare nella sua esistenza operativa per un futuro
prevedibile, anche in virtù delle azioni in corso per adeguarsi ai mutati trend della domanda oltre che alla
flessibilità industriale e finanziaria del Gruppo stesso.
Nessuna deroga all‟applicazione degli IFRS è stata applicata nella redazione del presente bilancio consolidato.
Il Conto economico consolidato è classificato in base alla natura dei costi, includendo altresì la voce “costi di
ristrutturazione” nella quale sono classificati i costi di natura non ricorrente legati al progetto di
riorganizzazione del Gruppo Poltrona Frau, al fine di consentire una migliore comprensibilità e misurabilità
dell‟andamento effettivo della normale gestione operativa. In ogni caso si riporta all‟apposito paragrafo nelle
note al bilancio il dettaglio dei costi di ristrutturazione. Il Prospetto della Situazione patrimoniale finanziaria
consolidata è classificato in attività e passività correnti/non correnti, mentre il Prospetto dei Flussi di cassa
consolidati è presentato utilizzando il metodo indiretto.
Il bilancio consolidato è presentato in Euro e tutti i valori sono arrotondati alle migliaia di Euro tranne quando
diversamente indicato.
Si precisa infine che, con riferimento alla Delibera Consob n. 15519 del 27 luglio 2006 in merito agli schemi di
bilancio, sono state evidenziate, qualora di importo significativo, le seguenti sotto-voci: nel Prospetto della
Situazione patrimoniale finanziaria consolidata, nel Conto economico consolidato e nel Rendiconto Finanziario
consolidato gli ammontari delle posizioni o transizioni con parti correlate; nel prospetto di conto economico, i
componenti di reddito (positivi e/o negativi) derivanti da eventi o operazioni il cui accadimento risulta non
ricorrente ovvero da quelle operazioni o fatti che non si ripetono frequentemente nel consueto svolgimento
dell‟attività. Tali componenti di reddito sono evidenziati nelle voci di costo o di ricavo di riferimento.
78
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
PRINCIPI CONTABILI
PRINCIPI DI CONSOLIDAMENTO
La situazione patrimoniale, economica e finanziaria del Gruppo Poltrona Frau comprende la situazione
patrimoniale, economica e finanziaria della società Poltrona Frau S.p.A. e delle imprese sulle quali la stessa ha il
diritto di esercitare il controllo. La definizione di controllo non è basata esclusivamente sul concetto di
proprietà legale. Il controllo esiste quando il Gruppo ha il potere, direttamente o indirettamente, di governare le
politiche finanziarie e operative di un‟azienda al fine di ottenerne i benefici relativi. Generalmente si presume
l‟esistenza del controllo quando il Gruppo detiene, direttamente o indirettamente, più della metà dei diritti di
voto, tenendo in considerazione anche quelli potenziali immediatamente esercitabili. I bilanci delle imprese
controllate sono inclusi nel bilancio consolidato a partire dalla data in cui si assume il controllo fino al
momento in cui tale controllo cessa di esistere. Le quote del patrimonio netto e del risultato attribuibili ai soci
di minoranza sono indicate separatamente rispettivamente nello stato patrimoniale, nel conto economico
consolidato e nel conto economico complessivo consolidato.
I principali





criteri di consolidamento adottati sono di seguito indicati:
per le partecipazioni consolidate secondo il metodo dell'integrazione globale, è eliminato il valore di
carico delle singole partecipazioni consolidate in contropartita al relativo patrimonio netto, con
l‟assunzione delle attività, delle passività, dei costi e dei ricavi delle società controllate, prescindendo
dall‟entità della partecipazione detenuta, la quota del capitale e delle riserve di pertinenza dei soci di
minoranza nelle controllate e la quota di pertinenza dei soci di minoranza dell‟utile o perdita di
esercizio delle controllate consolidate sono identificate separatamente nella situazione patrimoniale
finanziaria e nel conto economico consolidati;
per la contabilizzazione delle acquisizioni di controllate viene utilizzato il metodo dell‟acquisto cosi
come previsto dall‟IFRS 3 Revised (vedi paragrafo “ Aggregazioni aziendali”);
vengono eliminati tutti i saldi e le operazioni significative tra società del gruppo, così come gli utili e le
perdite (queste ultime se non rappresentative di un effettivo minor valore del bene ceduto) derivanti da
operazioni commerciali o finanziarie infragruppo non ancora realizzati nei confronti di terzi;
gli incrementi/decrementi del patrimonio netto delle società consolidate imputabili ai risultati
conseguiti successivamente alla data di acquisto della partecipazione, in sede di elisione vengono
iscritti in un‟apposita riserva di patrimonio netto denominata “Utili (Perdite) portati a nuovo”;
i dividendi distribuiti dalle imprese del Gruppo sono stati eliminati dal conto economico in sede di
consolidamento.
Consolidamento di imprese estere


I bilanci di ciascuna società appartenente al Gruppo vengono preparati nella valuta dell‟ambiente
economico primario in cui essa opera (valuta funzionale);
tutte le attività e le passività di imprese estere in moneta estera diversa dall‟Euro che rientrano
dell‟area di consolidamento sono convertite utilizzando i tassi di cambio in essere alla data di
riferimento del bilancio (metodo dei cambi correnti). Proventi e costi sono convertiti al cambio medio
dell‟esercizio. Le differenze cambio di conversione risultanti dall‟applicazione di questo metodo sono
rilevate nelle altre componenti del conto economico complessivo accumulate in una specifica riserva di
patrimonio netto fino alla cessione della partecipazione.
79
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
PARTECIPAZIONI
La voce include le partecipazioni in società collegate e società soggette a controllo congiunto. Tali
partecipazioni sono valutate con il metodo del patrimonio netto.
Il bilancio consolidato include la quota di pertinenza del Gruppo dei risultati delle collegate partecipazioni
contabilizzate con il metodo del patrimonio netto, a partire dalla data in cui inizia l‟influenza notevole o il
controllo congiunto fino al momento in cui tale influenza notevole o controllo congiunto cessino di esistere. Gli
utili infragruppo non ancora realizzati nei confronti di terzi sono eliminati per la quota di pertinenza del Gruppo
nella partecipata. Le perdite infragruppo non ancora realizzate nei confronti di terzi sono anch‟esse eliminate se
non rappresentative di un effettivo minor valore del bene ceduto.
Le eventuali perdite eccedenti il patrimonio netto sono rilevate in bilancio nella misura in cui la partecipante è
impegnata ad adempiere ad obbligazioni legali od implicite nei confronti dell‟impresa partecipata o comunque
a coprire le sue perdite.
Imprese collegate
Le imprese collegate sono quelle in cui il Gruppo esercita un‟influenza notevole, ma non il controllo o il
controllo congiunto, sulle politiche finanziarie ed operative.
Joint venture o società soggette a controllo congiunto
Sono considerate joint venture o società soggette a controllo congiunto le società sulle quali il potere del
Gruppo di governare le politiche operative e finanziarie richiede unanime consenso delle altre parti che
esercitano il controllo congiuntamente. Le partecipazioni in joint venture o società a controllo congiunto sono
consolidate con il metodo del patrimonio netto utilizzando principi contabili omogenei rispetto a quelli del
Gruppo.
AGGREGAZIONI AZIENDALI
Le aggregazioni aziendali sono rilevate secondo il metodo dell‟acquisizione ( acquisition method). Secondo tale
metodo il corrispettivo trasferito in un‟aggregazione aziendale è valutato al fair value, calcolato come la somma
dei fair value delle attività trasferite e delle passività assunte dal Gruppo alla data di acquisizione e degli
strumenti di capitale emessi in cambio del controllo dell‟impresa acquisita. Gli oneri accessori alla transazione
sono generalmente rilevati nel conto economico nel momento in cui sono sostenuti.
Alla data di acquisizione, le attività identificabili acquisite e le passività assunte sono rilevate al fair value alla
data di acquisizione.
L‟avviamento è determinato come l‟eccedenza tra la somma dei corrispettivi trasferiti nell‟aggregazione
aziendale, del valore del patrimonio netto di pertinenza di interessenze di terzi e del fair value dell‟eventuale
partecipazione precedentemente detenuta nell‟impresa acquisita rispetto al fair value delle attività nette
acquisite e passività assunte alla data di acquisizione. Se il valore delle attività nette acquisite e passività
assunte alla data di acquisizione eccede la somma dei corrispettivi trasferiti, del valore del patrimonio netto di
pertinenza di interessenze di terzi e del fair value dell‟eventuale partecipazione precedentemente detenuta
nell‟impresa acquisita, tale eccedenza è rilevata immediatamente nel conto economico come provento
derivante dalla transazione conclusa.
Le quote del patrimonio netto di interessenza di terzi, alla data di acquisizione, possono essere valutate al fair
value oppure al pro-quota del valore delle attività nette riconosciute per l‟impresa acquisita. La scelta del
metodo di valutazione è effettuata transazione per transazione.
Eventuali corrispettivi sottoposti a condizione previsti dal contratto di aggregazione aziendale sono valutati al
fair value alla data di acquisizione ed inclusi nel valore dei corrispettivi trasferiti nell‟aggregazione aziendale ai
80
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
fini della determinazione dell‟avviamento. Eventuali variazioni successive di tale fair value sono rilevate nel
Conto Economico.
Area di consolidamento
In relazione al confronto tra l‟area di consolidamento al 31 dicembre 2012 e quella al 31 dicembre 2011 si
segnala quanto segue:
a) uscita di PF Qatar Ltd. dal perimetro del Gruppo sulla base della perdita del controllo della Società e della
cessione della quota del 49% ad un operatore locale, il tutto nell‟ambito del processo di riorganizzazione
societaria avviato nell‟area del Medio Oriente nella seconda parte del 2011;
b) costituzione da parte di Cassina S.p.A., di due nuove Società, una a Shanghai e l‟altra a Hong Kong, per lo
sviluppo principalmente in Asia del business degli arredamenti di punti vendita retail per i più importanti
Gruppi internazionali della moda;
c) fusione per incorporazione di Casanova S.r.l. in Poltrona Frau S.p.A. nonché quella di Meccanica Valbona
S.r.l. in Cassina S.p.A.;
d) uscita di Frau Arabia FZ-LLC dal perimetro del Gruppo a seguito della cessazione dell‟attività avvenuta nel
corso del secondo semestre 2012;
Le società controllate incluse nell'area di consolidamento al 31 dicembre 2012 sono le seguenti:
Denominazione sociale
Poltrona Frau UK Ltd.
Poltrona Frau PTE Ltd.
Frau U.S.A. Corporation
Frau France S.a.r.l.
Cap Design S.p.A.
Poltrona Frau Group North
America Inc.
Cassina S.p.A.
Cassina France S.A.
Artelux S.A.
DieciDieci S.r.l.
Poltrona Frau Deutschland
GmbH
Beijing Casanova Furniture
Design Co. Ltd.(*)
Meno Warehandels GmbH(*)
Zhejiang Casanova Furniture
Design Co. Ltd.
Cassina Pacific Ltd.
Cassina Shanghai Trading Co.
Ltd
Londra – UK
Singapore – S
New York – USA
Parigi – F
Meda, Milano – I
GBP
SGD
USD
Euro
Euro
Capitale sociale
(in unità di
valuta)
2.100.000
2
100
920.960
4.000.000
New York – USA
USD
102.000
Meda, Milano – I
Parigi – F
Tremblay – F
Bologna – I
Euro
Euro
Euro
Euro
Monaco di Baviera – G
Sede
Beijing – Rep. Pop.
Cinese
Vienna – A
Zhejiang – Rep. Pop.
Cinese
Hong Kong - Rep. Pop.
Cinese
Shanghai - Rep. Pop.
Cinese
Valuta
Controllante diretta
%
detenuta
% di
Gruppo
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
67%
100%
100%
100%
100%
67%
100%
100%
Cassina S.p.A.
100%
100%
15.975.422
400.000
457.200
91.800
Poltrona Frau S.p.A.
Cassina S.p.A.
Cassina S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
Euro
60.000
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
RMB
1.200.000
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
Euro
35.000
Poltrona Frau S.p.A.
60%
60%
RMB
38.961.176
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
HKD
1.000.000
Cassina S.p.A.
100%
100%
RMB
950.760
Cassina S.p.A.
100%
100%
(*) Società poste in liquidazione nel corso del secondo semestre 2012
81
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le partecipazioni in società collegate e Joint Venute valutate al patrimonio netto e in altre società valutate al
costo o al fair value, sono le seguenti:
Denominazione sociale
PARTECIPAZIONI IN SOCIETA‟ COLLEGATE e JV
K.B.R. S.a.r.l.
Sede
Valuta
Capitale
sociale (in
unità di
valuta)
%
detenuta
% di
gruppo
Poltrona Frau S.p.A.
Cassina S.p.A.
Frau U.S.A.
Corporation
20%
20%
49%
49%
30%
20%
Società partecipante
Tunisi – Tunisia
TND
18.000
Grumello del Monte – I
Euro
510.308
Washington - USA
USD
100.000
Casa Décor Private Ltd.(**)
Mumbai - India
INR
213.377.660
Poltrona Frau S.p.A.
50%
50%
PF Emirates Interiors LLC(**)
Abu Dhabi - UAE
AED
10.000.000
Poltrona Frau S.p.A.
49%
49%
5%
12%
5%
12%
0,4%
0,4%
Alias S.p.A.
Spazio Washington LLC
PARTECIPAZIONI IN ALTRE SOCIETA‟ VALUTATE AL COSTO (CELI E FONDAZIONE) ED AL FAIR VALUE (CASSINA IXC)
Celi S.p.A.
Stroncone – I
Euro
2.363.837
Poltrona Frau S.p.A.
Cassina IXC Ltd.
Tokio – J
Yen
400.294
Cassina S.p.A.
Fondazione Studio - Museo Vico
Magistretti
Milano – Italia
Euro
248.500
Cassina S.p.A.
(**) Società valutata secondo il metodo del patrimonio netto a partire dall‟esercizio 2012
I principi contabili adottati per la redazione del bilancio consolidato al 31 dicembre 2012 sono omogenei a
quelli adottati nell‟esercizio precedente, salvo quanto riportato al paragrafo “Principi contabili, emendamenti ed
interpretazioni applicati dal 1° gennaio 2012” in conclusione della sintesi dei principali criteri contabili adottati
dal Gruppo di seguito esposta.
Avviamento
L‟avviamento derivante dall‟acquisizione di società controllate o collegate è inizialmente iscritto al costo, e
rappresenta l‟eccedenza del costo d‟acquisto rispetto alla quota di pertinenza dell‟acquirente del fair value dei
valori identificabili delle attività, delle passività e delle passività potenziali delle società acquisite. L‟eventuale
differenza negativa (“avviamento negativo”) è rilevata a conto economico al momento dell‟acquisizione.
L‟avviamento relativo a partecipazioni in società collegate è incluso nel valore di carico di tali società.
Dopo l‟iniziale iscrizione, l‟avviamento viene decrementato delle eventuali perdite di valore; esso viene
sottoposto ad impairment test con frequenza annuale o inferiore all‟anno, nel caso in cui si verifichino eventi o
cambiamenti che possano far emergere eventuali perdite di valore.
Ai fini di tali analisi di congruità, l‟avviamento acquisito con aggregazioni aziendali è allocato, dalla data di
acquisizione, a ciascuna delle unità (o gruppi di unità) generatrici di flussi finanziari del Gruppo che si ritiene
beneficeranno degli effetti sinergici dell‟acquisizione, a prescindere dall‟allocazione di altre attività o passività a
queste stesse unità (o gruppi di unità).
Nei casi in cui l‟avviamento sia attribuito a una unità generatrice di flussi finanziari (o gruppo di unità) il cui
attivo viene parzialmente dismesso, l‟avviamento associato all‟attivo ceduto viene considerato ai fini della
determinazione dell‟eventuale plus(minus)valenza derivante dall‟operazione. In tali circostanze l‟avviamento
ceduto è misurato sulla base dei valori relativi dell‟attivo alienato rispetto all‟attivo ancora detenuto con
riferimento alla medesima unità.
In sede di prima adozione degli IFRS il Gruppo ha scelto di non applicare l‟IFRS 3 Aggregazioni di imprese in
modo retroattivo alle acquisizioni di aziende avvenute antecedentemente al 1° gennaio 2004; di conseguenza,
l‟avviamento generato su acquisizioni antecedenti la data di transizione agli IFRS è stato mantenuto al
82
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
precedente valore determinato secondo i Principi Contabili Italiani, previa verifica e rilevazione di eventuali
perdite di valore.
Altre Immobilizzazioni immateriali
Le immobilizzazioni immateriali acquisite separatamente sono iscritte nell‟attivo al costo di acquisto quando è
probabile che l‟uso dell‟attività genererà benefici economici futuri e quando il costo dell‟attività può essere
determinato in modo attendibile. Le immobilizzazioni immateriali acquisite attraverso operazioni di
aggregazione di imprese sono iscritte al valore equo definito alla data di acquisizione, se tale valore corrente
può essere determinato in modo attendibile.
Le immobilizzazioni immateriali prodotte internamente, ad eccezione dei costi di sviluppo, non sono
capitalizzate e si rilevano nel conto economico dell‟esercizio in cui sono state sostenute.
Le immobilizzazioni immateriali possono avere vita utile definita o indefinita. Nel Gruppo sono presenti le
seguenti categorie di immobilizzazioni immateriali, la cui vita utile è stata definita come descritto:
–
–
–
–
marchi
costi di sviluppo
diritti di brevetto ind.le di utilizzazione di opere dell‟ingegno
concessioni, licenze e diritti similari
vita utile indefinita
vita utile definita
vita utile definita
vita utile definita
Dopo la rilevazione iniziale, le immobilizzazioni immateriali a vita utile definita sono iscritte al costo al netto
dei fondi di ammortamento e di eventuali perdite di valore accumulate. Il periodo e il metodo di ammortamento
ad esse applicato viene riesaminato alla fine di ciascun esercizio finanziario o più frequentemente se
necessario.
Le aliquote di ammortamento utilizzate con riferimento alle attività immateriali a vita utile definita sono le
seguenti:
–
–
–
costi di sviluppo
diritti di brevetto ind.le di utilizzazione delle opere dell'ingegno
concessioni, licenze e diritti similari
5 anni
10 anni
3 anni
Le immobilizzazioni immateriali con vita utile definita, oltre ad essere sottoposte al citato processo di
ammortamento, basato sulla durata della loro vita utile, vengono altresì sottoposte a test di congruità (c.d.
impairment test) o nel caso esistano indicazioni di una possibile perdita di valore.
Dopo la rilevazione iniziale, le immobilizzazioni immateriali a vita utile indefinita non sono ammortizzate e
vengono mantenute al valore di costo al netto di eventuali perdite di valore accumulate. Le immobilizzazioni
immateriali a vita utile indefinita vengono sottoposte ad impairment test con frequenza annuale o inferiore
all‟anno a livello individuale o a livello di unità generatrice di cassa, nel caso in cui si verifichino eventi o
cambiamenti che possano far emergere eventuali perdite di valore.
Costi di ricerca e sviluppo
I costi di ricerca vengono spesati direttamente a conto economico nel periodo in cui vengono sostenuti.
I costi di sviluppo sostenuti in relazione a un determinato progetto sono capitalizzati solo quando il Gruppo può
dimostrare la possibilità tecnica di completare l‟attività immateriale in modo da renderla disponibile per l‟uso o
per la vendita, la propria intenzione di completare detta attività per utilizzarla o cederla a terzi, le modalità in
cui essa genererà probabili benefici economici futuri, la disponibilità di risorse tecniche, finanziarie o di altro
tipo per completare lo sviluppo, la sua capacità di valutare in modo attendibile il costo attribuibile all‟attività
83
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
durante il suo sviluppo e l‟esistenza di un mercato per i prodotti e servizi derivanti dall‟attività ovvero
dell‟utilità a fini interni. I costi di sviluppo capitalizzati comprendono le sole spese sostenute che possono essere
attribuite direttamente al processo di sviluppo.
Successivamente alla rilevazione iniziale, i costi di sviluppo sono iscritti al costo al netto dei fondi
ammortamento e di ogni eventuale perdita di valore rilevata secondo le modalità precedentemente descritte per
le immobilizzazioni immateriali a vita utile definita.
Immobilizzazioni materiali
Le immobilizzazioni materiali sono iscritte al costo storico d‟acquisto al netto del relativo fondo di
ammortamento e di eventuali perdite per riduzione di valore accumulate. L‟ammortamento è calcolato a quote
costanti in base alla vita utile stimata del bene.
L‟ammortamento, che inizia quando il bene diviene disponibile per l‟uso ed entra a far parte del ciclo produttivo
del Gruppo, è calcolato a quote costanti in base alla vita utile stimata del bene e tenuto conto del suo valore
residuo. Le aliquote di ammortamento utilizzate, che rispecchiano la vita utile generalmente attribuita alle varie
categorie di beni, non modificate rispetto all‟esercizio precedente, sono le seguenti:
–
–
–
–
fabbricati
impianti e macchinari
attrezzature industriali e commerciali
altre
da 10 a 33 anni
8 anni
4 anni
da 4 a 8 anni
I terreni, avendo una vita utile illimitata, non sono soggetti ad ammortamento.
Il valore contabile delle immobilizzazioni materiali è sottoposto a verifica per rilevare eventuali perdite di valore
quando eventi o cambiamenti indicano che il valore contabile non può essere recuperato, secondo il piano di
ammortamento stabilito. Se esiste un‟indicazione di questo tipo e nel caso in cui il valore contabile ecceda il
valore presumibile di realizzo, le attività o le unità generatrici di flussi finanziari a cui i beni sono allocati
vengono svalutate fino a riflettere il loro valore di realizzo.
Il valore residuo del bene, la vita utile e i metodi applicati sono rivisti con frequenza annuale e adeguati se
necessario alla fine di ciascun esercizio.
Beni in locazione finanziaria e operativa
I contratti di locazione finanziaria, che sostanzialmente trasferiscono al Gruppo tutti i rischi ed i benefici
derivanti dalla proprietà del bene locato, sono capitalizzati tra le immobilizzazioni materiali dalla data di inizio
del leasing al fair value del bene locato o, se minore, al valore attuale dei canoni di leasing. Nel passivo viene
iscritto un debito di pari importo, che viene progressivamente ridotto in base al piano di rimborso delle quote di
capitale incluse nei canoni contrattualmente previsti.
I canoni di leasing sono ripartiti tra quota capitale e quota interessi, in modo da ottenere l‟applicazione di un
tasso di interesse costante sul saldo residuo del debito (quota capitale). Gli oneri finanziari sono addebitati a
conto economico. I beni sono ammortizzati applicando il criterio e le aliquote indicate nel paragrafo precedente
“Immobilizzazioni materiali”.
I contratti nei quali il locatore conserva sostanzialmente tutti i rischi ed i benefici tipici della proprietà sono
classificati come operativi. I canoni di leasing operativo sono imputati a conto economico negli esercizi di
durata del contratto.
84
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le eventuali operazioni di vendita (sale) e concomitante operazione di leasing finanziario (lease back) per il
"riacquisto" - attraverso un contratto di leasing - del bene originariamente di proprietà sono rilevate
contabilmente quale operazione di finanziamento. I beni oggetto dell‟operazione sono mantenuti nell‟attivo
patrimoniale del Gruppo in continuità di trattamento contabile, ed un debito viene rilevato nel passivo in
contropartita ai flussi finanziari derivanti dalla vendita. L'eventuale plusvalenza derivante dalla vendita che si
dovesse determinare è rilevata nel conto economico secondo il criterio della competenza. Ciò comporta
l'iscrizione tra i risconti passivi e l'imputazione graduale tra i proventi del conto economico, in base alla durata
del contratto di leasing.
Perdite di valore delle attività (impairment)
Ad ogni data di bilancio, il Gruppo rivede il valore contabile delle proprie attività materiali e immateriali a vita
utile definita per determinare se vi siano indicazioni che queste attività abbiano subito riduzioni di valore
(impairment indicator) . Qualora queste indicazioni esistano, viene stimato l‟ammontare recuperabile di tali
attività per determinare l‟importo della svalutazione (impairment test). Dove non è possibile stimare il valore
recuperabile di un‟attività individualmente, il Gruppo effettua la stima del valore recuperabile dell‟unità
generatrice di flussi finanziari a cui l‟attività appartiene.
L‟ammontare recuperabile è il maggiore fra il fair value dedotti i costi di vendita e il valore d‟uso. Il fair value, in
assenza di un accordo di vendita vincolante, è stimato sulla base dei valori espressi da un mercato attivo, da
transazioni recenti ovvero sulla base delle migliori informazioni disponibili per riflettere l‟ammontare che
l‟impresa potrebbe ottenere dalla vendita del bene.
Nella valutazione del valore d‟uso i flussi di cassa futuri stimati sono scontati al valore attuale utilizzando un
tasso al netto delle imposte che riflette le valutazioni correnti del mercato del valore del denaro e dei rischi
specifici dell‟attività.
Se l‟ammontare recuperabile di un‟attività (o di un‟unità generatrice di flussi finanziari) è stimato essere
inferiore rispetto al valore contabile, il valore contabile dell‟attività è ridotto al minor valore recuperabile. La
perdita di valore è rilevata a conto economico.
Quando una svalutazione non ha più ragione di essere mantenuta, il valore contabile dell‟attività (o di un‟unità
generatrice di flussi finanziari) è incrementato al nuovo valore contabile derivante dalla stima del suo valore
recuperabile, ma non oltre il valore netto di carico che l‟attività avrebbe avuto se non fosse stata effettuata la
svalutazione per perdita di valore. Il ripristino del valore è imputato a conto economico.
L‟avviamento e le attività immateriali a vita utile indefinita sono sottoposte a verifica per riduzione di valore
ogni anno o più frequentemente, ogniqualvolta vi sia indicazione che l‟attività possa aver subito una perdita di
valore.
Attività finanziarie disponibili per la vendita
Le attività finanziarie disponibili per la vendita sono strumenti finanziari non derivati esplicitamente designati
in questa categoria, ovvero che non trovano classificazione in nessuna delle precedenti categorie e sono
compresi nelle attività non correnti a meno che il management intenda cederli nei dodici mesi successivi alla
data di chiusura del bilancio.
Le attività finanziarie disponibili per la vendita, composte da partecipazioni in altre società e da altre attività
finanziarie non correnti, sono rilevate al fair value con imputazione degli effetti al patrimonio netto. Nel caso in
cui sussistano evidenze obiettive che l‟attività abbia subito una riduzione prolungata o significativa di valore, la
perdita deve essere rilevata a conto economico anche se l‟attività finanziaria non è stata ceduta. Quando il fair
85
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
value non può essere attendibilmente misurato le partecipazioni sono valutate al costo rettificato per eventuali
perdite di valore.
Altre attività non correnti
I crediti ed i finanziamenti inclusi fra le attività non correnti sono valutati in base al metodo del costo
ammortizzato. I crediti con scadenza superiore ad un anno, infruttiferi o che maturano interessi inferiori al
mercato, sono attualizzati utilizzando i tassi di mercato.
Rimanenze
Le rimanenze sono iscritte al minore tra il costo di acquisto o di produzione e il valore netto di realizzo
rappresentato dall‟ammontare che l‟impresa si attende di ottenere dalla loro vendita nel normale svolgimento
dell‟attività. La configurazione di costo adottata è quella del metodo del costo medio ponderato. Il costo medio
ponderato include gli oneri accessori di competenza riferiti agli acquisti del periodo. La valutazione delle
rimanenze di magazzino include i costi diretti dei materiali e del lavoro e i costi indiretti di produzione. Sono
inoltre stanziati dei fondi svalutazione per materiali, prodotti finiti, pezzi di ricambio e altre forniture
considerate obsolete o a lenta rotazione, tenuto conto del loro atteso utilizzo futuro e del loro valore di
realizzo.
I lavori su ordinazione sono valutati in base alla percentuale di completamento determinata sulla base del
rapporto tra i costi di commessa sostenuti alla data di bilancio e la stima dei costi totali e sono esposti al netto
degli acconti fatturati ai clienti. Eventuali perdite su tali contratti sono rilevati a conto economico nella loro
interezza nel momento in cui diventano note.
Crediti commerciali
I crediti commerciali sono iscritti al loro fair value identificato dal valore nominale e successivamente ridotto
per le eventuali perdite di valore attraverso lo stanziamento di un apposito fondo svalutazione crediti. I crediti
commerciali la cui scadenza non rientra nei normali termini commerciali e che non sono produttivi di interessi,
vengono attualizzati. I crediti oggetto di cessioni pro-soluto sono rimossi dalla voce di bilancio quando tutti i
rischi connessi alla cessione del credito sono in capo alla società di factor.
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
La cassa e le altre disponibilità liquide equivalenti sono iscritte, a seconda della loro natura, al valore nominale
ovvero al costo ammortizzato.
Attività destinate alla vendita
Nella voce Attività destinate alla vendita sono incluse le attività (o gruppi di attività in dismissione) il cui valore
contabile sarà recuperato principalmente attraverso la vendita piuttosto che attraverso l‟utilizzo continuativo.
Le attività destinate alla vendita sono valutate al minore tra il loro valore netto contabile e il fair value al netto
dei costi di vendita.
Finanziamenti a lungo termine
I finanziamenti a lungo termine, sono inizialmente iscritti al fair value incrementato dei costi dell‟operazione;
successivamente vengono valutati al costo ammortizzato, rappresentato dal valore iniziale, al netto dei rimborsi
in linea capitale già effettuati, rettificato (in aumento o in diminuzione) in base all‟ammortamento (utilizzando
il metodo dell‟interesse effettivo) di eventuali differenze fra il valore iniziale e il valore alla scadenza.
86
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Benefici ai dipendenti
I benefici garantiti ai dipendenti erogati in coincidenza o successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro
attraverso programmi a benefici definiti (per le società italiane, il trattamento di fine rapporto) sono
riconosciuti nel periodo di maturazione del diritto.
La passività relativa ai programmi a benefici definiti, al netto delle eventuali attività al servizio del piano, è
determinata sulla base di ipotesi attuariali ed è rilevata per competenza coerentemente alle prestazioni di
lavoro necessarie per l‟ottenimento dei benefici; la valutazione della passività è effettuata da attuari
indipendenti.
Altri benefici ai dipendenti
Secondo quanto stabilito dall‟IFRS 2 (Pagamenti basati su azioni), le stock options a favore dei dipendenti
vengono valorizzate al fair value al momento dell‟assegnazione delle stesse (“grant date”) secondo certi modelli
che tengono conto di fattori ed elementi (il prezzo di esercizio dell‟opzione, la durata dell‟opzione, il prezzo
corrente delle azioni sottostanti, il tasso d‟interesse per un investimento a rischio zero lungo la vita
dell‟opzione) vigenti al momento dell‟assegnazione.
Se il diritto diviene esercitabile dopo un certo periodo e/o al verificarsi di certe condizioni di performance
(“vesting period”), il valore complessivo delle opzioni viene ripartito pro rata temporis lungo il periodo suddetto
e iscritto in una specifica voce di patrimonio netto denominata con contropartita la voce di conto economico
“Costi del personale” (trattandosi di un corrispettivo in natura erogato al dipendente avente lo scopo di
fidelizzarlo e di incentivarlo alle performance aziendali).
Alla fine di ogni esercizio il fair value di ogni opzione precedentemente determinato non viene rivisto né
aggiornato, ma rimane acquisito nel patrimonio netto a titolo definitivo; a tale data viene invece aggiornata la
stima del numero di opzioni che matureranno fino alla scadenza (e quindi del numero dei dipendenti che
avranno diritto a esercitare le opzioni). La variazione di stima viene portata a incremento o riduzione della
citata voce di patrimonio netto con contropartita nella voce di conto economico “Costi del personale”.
Alla scadenza dell‟opzione l‟importo iscritto nella citata voce di patrimonio netto viene riclassificato come
segue: la quota parte di patrimonio netto relativa alle opzioni esercitate viene riclassificata alla “Riserva da
sovrapprezzo delle azioni”, mentre la parte relativa alle opzioni non esercitate viene riclassificata alla voce “Utili
(perdite) a nuovo”.
I piani di assegnazione azionaria a favore dei dipendenti regolati per contanti (“ cash-settled share-based
payment”) sono inizialmente valutati al valore equo alla data di assegnazione usando un calcolo attuariale e
tenendo conto della formula per determinare il prezzo di rivendita alla società e dei termini e condizioni che
disciplinano l‟attribuzione dello strumento. Tale valore equo è spesato nel periodo fino alla maturazione con
rilevazione di una passività corrispondente. La passività viene ricalcolata a ciascuna data di chiusura di bilancio
fino alla data di regolamento compresa, con tutte le variazioni del valore equo rilevate a conto economico.
Il Gruppo si è avvalso delle esenzioni previste dal paragrafo 25B dell‟IFRS 1 e non ha pertanto applicato l‟IFRS 2
ai piani di Stock Options assegnati anteriormente al 7 novembre 2002 in considerazione anche del fatto che
non sono intervenute modifiche ai termini e alle condizioni di tali piani.
Fondi rischi ed oneri
I fondi per rischi e oneri riguardano costi e oneri di natura determinata e di esistenza certa o probabile che alla
data di chiusura del periodo di riferimento sono indeterminati nell‟ammontare o nella data di sopravvenienza.
Gli accantonamenti sono rilevati quando si è in presenza di una obbligazione attuale (legale o implicita) che
deriva da un evento passato, qualora sia probabile un esborso di risorse per soddisfare l‟obbligazione e possa
essere effettuata una stima attendibile sull‟ammontare dell‟obbligazione.
Gli accantonamenti sono iscritti al valore rappresentativo della migliore stima dell‟ammontare che l‟impresa
pagherebbe per estinguere l‟obbligazione ovvero per trasferirla a terzi alla data di chiusura del periodo. Se
87
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
l‟effetto di attualizzazione del valore del denaro è significativo, gli accantonamenti sono determinati
attualizzando i flussi finanziari futuri attesi ad un tasso di sconto ante imposte che riflette la valutazione
corrente del mercato del costo del denaro in relazione al tempo. Quando viene effettuata l‟attualizzazione,
l‟incremento dell‟accantonamento dovuto al trascorrere del tempo è rilevato come onere finanziario.
Debiti commerciali ed altre passività correnti diverse dagli Strumenti finanziari
I debiti commerciali, la cui scadenza rientra nei normali termini commerciali, sono iscritti inizialmente al costo
(identificato dal valor nominale) e non sono attualizzati.
Strumenti finanziari derivati
Il Gruppo utilizza strumenti finanziari derivati quali swap su tassi di interesse e contratti a termine in valuta a
copertura dei rischi derivanti principalmente dalle fluttuazioni dei tassi di interesse e di cambio. Questi
strumenti finanziari derivati sono inizialmente rilevati al fair value (o valore equo) alla data in cui sono
stipulati; successivamente tale fair value viene periodicamente rimisurato. Sono contabilizzati come attività
quando il valore equo è positivo e come passività quando è negativo.
Eventuali utili o perdite risultanti da variazioni del valore equo di derivati non idonei per l‟hedge accounting
sono imputati direttamente a conto economico nell‟esercizio.
Il valore equo dei contratti a termine in valuta è determinato con riferimento ai tassi di cambio a termine
correnti per contratti di simile profilo di scadenza. Il valore equo dei contratti di swap su tassi d‟interesse è
determinato con riferimento al valore di mercato per strumenti similari.
Rilevazione dei ricavi
I ricavi sono rilevati nella misura in cui è probabile che i benefici economici siano conseguiti dal Gruppo e il
relativo importo possa essere determinato in modo affidabile. I seguenti criteri specifici di rilevazione dei ricavi
devono essere rispettati prima dell‟imputazione a conto economico:
Vendita di beni
I ricavi delle vendite di beni sono rilevati a conto economico quando i rischi ed i benefici relativi alla proprietà
dei beni sono trasferiti all‟acquirente e ciò normalmente coincide con il momento di spedizione della merce. I
ricavi sono rappresentati al netto di sconti e abbuoni.
Prestazioni di servizi
I ricavi per la prestazione di servizi sono rilevati al momento della fornitura degli stessi.
Proventi finanziari
Sono rilevati come proventi finanziari a seguito dell‟accertamento di interessi attivi di competenza (effettuato
utilizzando il metodo dell‟interesse effettivo che è il tasso che attualizza esattamente i flussi finanziari futuri
attesi in base alla vita attesa dello strumento finanziario al valore contabile netto dell‟attività finanziaria).
Dividendi
I dividendi sono rilevati quando è maturato il diritto degli azionisti a riceverne il pagamento.
88
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Oneri e proventi finanziari
Gli oneri finanziari sostenuti a fronte di investimenti in attività per le quali normalmente trascorre un
determinato periodo di tempo per rendere l‟attività pronta per l‟uso o per la vendita, sono capitalizzati ed
ammortizzati lungo la vita utile della classe di beni cui essi si riferiscono.
Tutti gli altri oneri finanziari sono rilevati a conto economico nel corso dell‟esercizio nel quale sono sostenuti.
Imposte sul reddito
Imposte correnti
Le imposte correnti attive e passive per l‟esercizio corrente e precedenti sono valutate all‟importo che ci si
attende di recuperare o corrispondere alle autorità fiscali. Le aliquote e la normativa fiscale utilizzate per
calcolare l‟importo sono quelle emanate alla data di chiusura di bilancio.
Imposte differite
Le imposte sul reddito differite e anticipate sono calcolate utilizzando il c.d. liability method sulle differenze
temporanee tra i valori patrimoniali iscritti nel bilancio e i corrispondenti valori riconosciuti ai fini fiscali. Sono
inoltre rilevate attività per imposte anticipate sulle perdite fiscali riportabili a nuovo delle società.
Le imposte differite passive sono rilevate a fronte di tutte le differenze temporanee tassabili, ad eccezione:
–
–
di quando le imposte differite passive derivino dalla rilevazione iniziale dell‟avviamento o di un‟attività o
passività in una transazione che non è una aggregazione aziendale e che, al tempo della transazione stessa,
non comporti effetti né sull‟utile dell‟esercizio calcolato a fini di bilancio né sull‟utile o sulla perdita
calcolati a fini fiscali;
con riferimento a differenze temporanee tassabili associate a partecipazioni in controllate, collegate e joint
venture, nel caso in cui il rigiro delle differenze temporanee può essere controllato ed è probabile che esso
non si verifichi nel futuro prevedibile.
Le imposte differite attive sono rilevate a fronte di tutte le differenze temporanee deducibili e per le attività e
passività fiscali portate a nuovo, nella misura in cui sia probabile l‟esistenza di adeguati imponibili fiscali futuri
che possano rendere applicabile l‟utilizzo delle differenze temporanee deducibili e delle attività e passività
fiscali portate a nuovo, eccetto il caso in cui:
–
–
l‟imposta differita attiva collegata alle differenze temporanee deducibili derivi dalla rilevazione iniziale di
un‟attività o passività in una transazione che non è un‟aggregazione aziendale e che, al tempo della
transazione stessa, non influisce né sull‟utile dell‟esercizio calcolato a fini di bilancio né sull‟utile o sulla
perdita calcolati a fini fiscali;
con riferimento a differenze temporanee tassabili associate a partecipazioni in controllate, collegate e joint
venture, le imposte differite attive sono rilevate solo nella misura in cui sia probabile che le differenze
temporanee deducibili si riverseranno in futuro e che vi siano adeguati imponibili fiscali a fronte dei quali
le differenze temporanee possano essere utilizzate.
L‟iscrizione di attività per imposte anticipate è effettuata quando il loro recupero è ritenuto probabile, in base
alla stimata disponibilità futura di imponibili fiscali sufficienti al realizzo delle imposte anticipate stesse. La
recuperabilità delle attività per imposte anticipate viene riesaminata ad ogni chiusura di periodo.
89
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le imposte differite attive e passive sono misurate in base alle aliquote fiscali che ci si attende vengano
applicate all‟esercizio in cui tali attività si realizzano o tali passività si estinguono, considerando le aliquote in
vigore e quelle già emanate o sostanzialmente emanate alla data di bilancio.
Le imposte sul reddito relative a poste rilevate direttamente a patrimonio netto sono imputate direttamente a
patrimonio netto e non a conto economico.
Le imposte differite attive e passive vengono compensate, qualora esista un diritto legale a compensare le
attività per imposte correnti con le passività per imposte correnti e le imposte differite facciano riferimento alla
stessa entità fiscale ed alla stessa autorità fiscale.
Conversione delle poste in valuta
La valuta funzionale e di presentazione adottata dal Gruppo è l‟Euro. Le transazioni in valuta estera sono
rilevate, inizialmente, al tasso di cambio in essere alla data dell‟operazione.
Le attività e le passività monetarie denominate in valuta estera sono riconvertite nella valuta funzionale al
tasso di cambio in essere alla data di chiusura del bilancio.
Le differenze devono essere rilevate a conto economico con l‟eccezione degli elementi monetari che
costituiscono parte di un investimento netto in una gestione estera. Tali differenze devono essere rilevate
inizialmente nel prospetto di conto economico complessivo fino alla cessione dell‟investimento netto, momento
in cui saranno rilevate a conto economico. Le imposte e i crediti d‟imposta attribuibili alle differenze cambio
sugli elementi monetari, devono anch‟essi essere rilevati nel prospetto di conto economico complessivo.
Le poste non monetarie valutate al costo storico in valuta estera sono convertite utilizzando il tasso di cambio
in vigore alla data di iniziale rilevazione dell‟operazione. Le poste non monetarie iscritte al fair value sono
convertite utilizzando il tasso di cambio alla data di determinazione di tale valore.
Azioni proprie
Le azioni proprie sono iscritte in riduzione del patrimonio netto. In particolare, il valore nominale delle azioni
proprie è contabilizzato in riduzione del capitale sociale emesso mentre l‟eccedenza del valore di acquisto
rispetto al valore nominale è portata a riduzione delle “Altre riserve”.
Cancellazione di strumenti finanziari
La cancellazione degli strumenti finanziari avviene quando il Gruppo non detiene più i diritti contrattuali degli
strumenti finanziari. Questo normalmente avviene quando lo strumento viene venduto, o quando i flussi
finanziari generati dallo strumento passano attraverso una terza parte indipendente.
Stime e valutazioni particolari
La redazione del bilancio e delle relative note in applicazione degli IFRS richiede da parte della direzione il
ricorso a stime e assunzioni che hanno effetto sui valori delle attività e delle passività di bilancio e
sull‟informativa relativa ad attività e passività potenziali alla data di bilancio. Le stime e le assunzioni utilizzate
sono basate sull‟esperienza e su altri fattori considerati rilevanti. I risultati che si consuntiveranno potrebbero
comunque scostarsi da tali stime.
Le stime sono utilizzate per rilevare gli accantonamenti per rischi su crediti, obsolescenza di magazzino,
ammortamenti, svalutazioni di attivo, benefici ai dipendenti, fondi di ristrutturazione, imposte, altri
accantonamenti, fondi e le valutazioni degli strumenti derivati.
Le stime e le assunzioni sono riviste periodicamente, e gli effetti di ogni variazione ad esse apportate sono
riflessi a conto economico nell‟esercizio in cui avviene la revisione di stima se la revisione stessa ha effetti solo
su tale esercizio, o anche negli esercizi successivi se la revisione ha effetti sia sull‟esercizio corrente che su
90
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
quelli futuri. In questo contesto, la situazione determinata dall‟attuale crisi economica e finanziaria ha
comportato la necessità di effettuare assunzioni riguardanti l‟andamento futuro che sono caratterizzate da una
significativa incertezza, per cui non si può escludere il concretizzarsi, nel prossimo esercizio, di risultati diversi
da quelli stimati, con un impatto oggi non prevedibile, ma che potrebbe anche risultare significativo, sul valore
contabile delle relative voci, quale viene qui rappresentato.
Utile per azione
L‟utile per azione è calcolato dividendo l‟utile netto del periodo attribuibile agli azionisti ordinari della Società
per il numero medio ponderato delle azioni ordinarie in circolazione nel periodo di riferimento.
Ai fini del calcolo dell‟utile diluito per azione, la media ponderata delle azioni in circolazione è modificata
assumendo la conversione di tutte le potenziali azioni aventi effetto diluitivo. Anche il risultato netto del
Gruppo è rettificato per tener conto degli effetti della conversione, al netto delle relative imposte.
Principi contabili, emendamenti e interpretazioni efficaci dal 1° gennaio 2012 e non rilevanti per il Gruppo
In data 7 ottobre 2010, lo IASB aveva pubblicato alcuni emendamenti al principio IFRS 7 – Strumenti finanziari:
Informazioni integrative, da applicarsi per il Gruppo dal 1° gennaio 2012 in maniera prospettiva. Gli
emendamenti sono stati emessi con l‟intento di migliorare la comprensione delle transazioni di trasferimento
(derecognition) delle attività finanziarie, inclusa la comprensione dei possibili effetti derivanti da qualsiasi
rischio rimasto in capo all‟impresa che ha trasferito tali attività. Gli emendamenti, inoltre, richiedono maggiori
informazioni nel caso in cui un ammontare sproporzionato di tali transazioni sia posto in essere in prossimità
della fine di un periodo contabile.
L‟adozione di tale modifica non ha prodotto significativi effetti sull‟informativa fornita nella presente Relazione
finanziaria annuale e sulla valutazione delle relative poste di bilancio.
In data 20 dicembre 2010, lo IASB ha emesso un emendamento minore allo IAS 12 – Imposte sul reddito che
chiarisce la determinazione delle imposte differite sugli investimenti immobiliari valutati al fair value. La
modifica introduce la presunzione che le imposte differite relative agli investimenti immobiliari valutati al fair
value secondo lo IAS 40 devono essere determinate tenendo conto che il valore contabile sarà recuperato
attraverso la vendita. Conseguentemente a tale emendamento il SIC-21 – Imposte sul reddito: Recuperabilità di
un‟attività non ammortizzabile rivalutata non sarà più applicabile. L‟emendamento deve essere applicato in
modo retrospettivo dal 1° gennaio 2012.
91
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Principi contabili, emendamenti ed interpretazioni non ancora applicabili e non adottati in via anticipatadal
Gruppo
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 10 – Bilancio Consolidato, che sostituirà il SIC-12 Consolidamento: Società a destinazione specifica (società veicolo) e parti dello IAS 27 – Bilancio consolidato e
separato, il quale sarà rinominato Bilancio separato e disciplinerà il trattamento contabile delle partecipazioni
nel bilancio separato. Il nuovo principio muove dai principi esistenti, individuando nel concetto di controllo il
fattore determinante ai fini del consolidamento di una società nel bilancio consolidato della controllante. Esso
fornisce, inoltre, una guida per determinare l‟esistenza del controllo laddove sia difficile da accertare. Il
principio deve essere applicato in modo retrospettivo, al più tardi, dagli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1°
gennaio 2014.
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 11 – Accordi a controllo congiunto, che sostituirà
lo IAS 31 – Partecipazioni in Joint Venture ed il SIC-13 – Imprese a controllo congiunto: Conferimenti in natura
da parte dei partecipanti al controllo. Il nuovo principio fornisce dei criteri per l‟individuazione degli accordi di
compartecipazione basati sui diritti e sugli obblighi derivanti dagli accordi piuttosto che sulla forma legale degli
stessi e stabilisce, come unico metodo di contabilizzazione delle partecipazioni in imprese a controllo congiunto
nel bilancio consolidato, il metodo del patrimonio netto. Il principio deve essere applicato in modo
retrospettivo, al più tardi, dagli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2014. A seguito dell‟emanazione
del principio, lo IAS 28 – Partecipazioni in imprese collegate e stato emendato per comprendere nel suo ambito
di applicazione, dalla data di efficacia del principio, anche le partecipazioni in imprese a controllo congiunto.
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 12 – Informativa sulle partecipazioni in altre
entità, che costituisce un nuovo e completo principio sulle informazioni addizionali da fornire su ogni tipologia
di partecipazione, ivi incluse quelle su imprese controllate, gli accordi a controllo congiunto, imprese collegate,
società a destinazione specifica ed altre società veicolo non consolidate. Il principio deve essere applicato in
modo retrospettivo, al più tardi, dagli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2014.
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 13 – Misurazione del fair value, che chiarisce come
deve essere determinato il fair value ai fini del bilancio e si applica a tutti i principi IFRS che richiedono o
permettono la misurazione del fair value o la presentazione di informazioni basate sul fair value. Il principio
deve essere applicato in modo prospettico dal 1° gennaio 2013.
In data 16 giugno 2011, lo IASB ha emesso un emendamento allo IAS 1 – Presentazione del bilancio, che
richiede alle imprese di raggruppare tutti i componenti presentati tra gli Altri utili/(perdite) complessivi a
seconda che essi possano o meno essere riclassificati successivamente a conto economico. L‟emendamento deve
essere applicato dagli esercizi aventi inizio dopo o dal 1° luglio 2012.
In data 16 giugno 2011, lo IASB ha emesso un emendamento allo IAS 19 – Benefici ai dipendenti applicabile in
modo retrospettivo dall‟esercizio avente inizio dal 1° gennaio 2013. L‟emendamento modifica le regole di
riconoscimento dei piani a benefici definiti e dei termination benefits. Le principali variazioni apportate in
merito ai piani a benefici definiti riguardano il riconoscimento totale, nella situazione patrimoniale e
finanziaria, del deficit o surplus del piano, l‟introduzione dell‟onere finanziario netto e la classificazione degli
oneri finanziari netti sui piani a benefici definiti.
In data 16 dicembre 2011, lo IASB ha emesso alcuni emendamenti allo IAS 32 – Strumenti Finanziari:
esposizione nel bilancio, per chiarire l‟applicazione di alcuni criteri per la compensazione delle attività e delle
passività finanziarie presenti nello IAS 32. Gli emendamenti devono essere applicati in modo retrospettivo per
gli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2014.
92
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
In data 16 dicembre 2011, lo IASB ha emesso alcuni emendamenti all‟IFRS 7 – Strumenti finanziari:
informazioni integrative. L‟emendamento richiede informazioni sugli effetti o potenziali effetti derivanti da
diritti alla compensazione delle attività e passività finanziarie sulla situazione patrimoniale-finanziaria. Gli
emendamenti devono essere applicati per gli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2013 e periodi
intermedi successivi a tale data. Le informazioni devono essere fornite in modo retrospettivo.
Alla data della presente Relazione finanziaria annuale, inoltre, gli organi competenti dell‟Unione Europea non
hanno ancora concluso il processo di omologazione necessario per l‟adozione dei seguenti principi contabili ed
emendamenti:


In data 12 novembre 2009, lo IASB ha pubblicato il principio IFRS 9 – Strumenti finanziari;
In data 17 maggio 2012, lo IASB ha emesso un insieme di modifiche agli IFRS (“Annual Improvement to
IFRS‟s –2009-2011 Cycle”).
PRINCIPALI RISCHI ED INCERTEZZE A CUI POLTRONA FRAU S.P.A. ED IL GRUPPO SONO ESPOSTI
La gestione operativa di tutti i flussi finanziari correlati all‟applicazione delle “linee guida per la gestione dei
rischi finanziari” approvate dal Consiglio di Amministrazione di Poltrona Frau S.p.A., sono di responsabilità
esclusiva della Tesoreria Centrale del Gruppo, in capo alla Capogruppo, per tutte le società controllate italiane.
Per le società estere controllate da Poltrona Frau S.p.A. la gestione dei fabbisogni finanziari e dei relativi rischi è
svolta dalle singole società sulla base di linee guida definite dal direttore amministrazione, finanza e controllo
di Gruppo ed approvate dall‟Amministratore Delegato.
Le linee guida per la gestione finanziaria del Gruppo Poltrona Frau sono finalizzate all‟individuazione
dell‟ambito di riferimento dell‟operatività in strumenti finanziari, ad assicurare la necessaria separazione tra
funzioni operative e di controllo e a consentire la misurazione ed il monitoraggio dei principali rischi finanziari.
In tale contesto sono quindi definiti:

i poteri delegati e gli indirizzi generali per la gestione finanziaria di Gruppo: sono definiti gli strumenti
finanziari negoziabili dall‟Area Finanza ed il relativo sistema di limiti operativi;

la struttura organizzativa per l‟operatività finanziaria e le mission/responsabilità delle unità
organizzative coinvolte.
A tale scopo, l‟Area AF&C ha il compito di allineare la gestione e il controllo dei principali Rischi finanziari cui è
esposto il Gruppo, derivanti dalla normale attività di business, agli obiettivi aziendali definiti nel piano di
Budget e nel piano di Medio Lungo termine approvato dal Consiglio di Amministrazione, come di seguito
riportati:

Rischio Liquidità definito come il rischio della mancanza di risorse finanziarie sufficienti per far fronte
puntualmente ed economicamente alle obbligazioni finanziarie alle scadenze dovute;

Rischio Tasso di Interesse definito come il rischio che variazioni nella curva dei tassi d‟interesse
possano apportare variazioni (i) ai risultati economici e ai flussi di cassa, (ii) al valore di attività e
passività patrimoniali e, (iii) in ultima istanza, al valore dell‟azienda;
93
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012

Rischio Tasso di Cambio definito come il rischio che variazioni nei tassi di cambio possano apportare
variazioni ai risultati economici e ai flussi di cassa, al valore di attività e passività patrimoniali;

Rischio di Controparte Finanziaria definito come il rischio che il merito di credito di una controparte
finanziaria si deteriori o che la controparte diventi insolvente.
Gli strumenti di finanziamento maggiormente utilizzati sono rappresentati da:

finanziamenti a medio/lungo termine con piano di ammortamento pluriennale, per coprire gli
investimenti nell‟attivo immobilizzato;

finanziamenti a breve termine, anticipi salvo buon fine di portafoglio commerciale, cessioni prosolvendo di crediti commerciali, per finanziare il capitale circolante.
Il costo medio dell‟indebitamento risulta tendenzialmente parametrato all‟andamento del tasso EURIBOR a 3 ed
a 6 mesi, più uno spread che dipende principalmente dalla tipologia di strumento di finanziamento utilizzato. In
generale i margini applicati sono in linea con i migliori standard di mercato.
Gestione del rischio di tasso di interesse
Il rischio di tasso di interesse a cui le società del Gruppo sono esposte è originato dal debito netto verso il
sistema bancario, compreso il debito verso le società di leasing a fronte dei contratti di locazione finanziaria in
essere alla data del bilancio.
La policy seguita dal Gruppo è quella di coprire il rischio di cash flow sui tassi di interesse con riferimento
esclusivamente ai finanziamenti a medio / lungo termine. La copertura avviene attraverso il ricorso a contratti
derivati con strutture semplici, tipicamente interest rate swap (i cosiddetti plain vanilla) o cap, che trasformano
il tasso variabile in tasso fisso. Ove si ritenesse che l‟andamento dei tassi d‟interesse dovesse tendere verso una
loro forte riduzione a breve termine, si valuta anche l‟inserimento di ulteriori variabili (l‟introduzione di soglie)
per ridurre il tasso fisso. Si rimanda alle note n. 12 e 24 per il dettaglio dei contratti di copertura in essere alla
data del 31 dicembre 2012.
La parte a breve del debito verso banche, che serve principalmente a finanziare le esigenze di capitale
circolante, non è invece oggetto di copertura del rischio di tasso di interesse.
L‟importo complessivo degli interessi passivi è quindi influenzato da variazioni intervenute nei tassi di interesse.
La tabella che segue evidenzia il potenziale impatto di variazioni nel tasso medio di riferimento rappresentato
dall‟EURIBOR a tre mesi, rispetto al tasso medio dell‟esercizio 2012, sugli interessi passivi consolidati,
mantenendo invariate tutte le altre variabili.
Tasso di interesse
Variazioni
EURIBOR 3 mesi
Effetto sugli interessi
passivi consolidati
(in milioni di Euro)
EURIBOR
(0,6%)
0,4
(0,4%)
0,3
(0,2%)
0,1
0,0%
0,0
0,2%
(0,1)
0,4%
(0,3)
0,6%
(0,4)
94
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Il dato relativo all‟esercizio precedente viene di seguito riportato:
Effetto sugli interessi passivi
consolidati
Tasso di interesse
Variazioni
EURIBOR 3 mesi
EURIBOR
(0,6%)
(in milioni di Euro)
0,5
(0,4%)
0,3
(0,2%)
0,2
0,0%
0,0
0,2%
(0,2)
0,4%
(0,3)
0,6%
(0,5)
La tabella che segue evidenzia il potenziale impatto di variazioni nel tasso medio di riferimento rappresentato
dall‟EURIBOR a tre mesi, rispetto al tasso medio dell‟esercizio 2012, sugli interessi passivi del Bilancio Separato,
mantenendo invariate tutte le altre variabili.
Tasso di interesse
Variazioni
EURIBOR 3 mesi
Effetto sugli interessi
passivi consolidati
(in milioni di Euro)
EURIBOR
(0,4%)
0,1
(0,2%)
0,1
0,0%
0,0
0,2%
(0,1)
0,4%
(0,2)
Il dato relativo all‟esercizio precedente viene di seguito riportato:
Tasso di interesse
Variazioni
EURIBOR 3 mesi
Effetto sugli interessi passivi
consolidati
(in milioni di Euro)
EURIBOR
(0,4%)
0,3
(0,2%)
0,1
0,0%
0,0
0,2%
(0,1)
0,4
(0,2)
Gestione del rischio di credito
Il Gruppo tratta con una clientela selezionata composta per la parte residenziale prevalentemente da
distributori monomarca (che commercializzano esclusivamente prodotti del Gruppo) e distributori multimarca,
principalmente ubicati nelle più importanti città italiane ed internazionali, e per la parte contract da grandi
95
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
appaltatori ed enti pubblici (Ambasciate, Ministeri, Musei, alcune case automobilistiche di prestigio). Ad oggi
vengono richieste garanzie collaterali alla clientela soltanto in casi limitati.
La funzione di credit management ha permesso di monitorare con maggiore puntualità le criticità emerse a
seguito delle restrizioni creditizie registrate nei mercati finanziari. Ciò ha permesso di minimizzare le perdite su
crediti e di ridurre le posizioni creditizie scadute.
Il rischio di credito riguardante le altre attività finanziarie del Gruppo, che comprendono disponibilità liquide e
mezzi equivalenti, attività finanziarie disponibili per la vendita e alcuni strumenti derivati, presenta un rischio
massimo pari al valore contabile di queste attività in caso di insolvenza della controparte.
Si segnala infine che alla data di chiusura del bilancio lo scaduto è pari al 22% dell‟esposizione complessiva
verso clienti; questa percentuale, in forte miglioramento rispetto al 30% registrato al 31 dicembre 2011, è
ancora significativamente elevata a causa soprattutto ad alcuni crediti relativi al business contract che, per loro
natura, presentano tempi di incasso subordinati a temi specifici riconducibili alla gestione della commessa e
quindi meno facilmente prevedibili.
Rischi connessi alla presenza del Gruppo in mercati emergenti
Il Gruppo opera in diversi paesi emergenti attraverso joint venture ed accordi di natura commerciale.
L‟esposizione del Gruppo all‟andamento di questi paesi è aumentata nel recente passato, in particolare con
riferimento alla joint venture PF Emirates LCC che opera negli Emirati Arabi Uniti. Il verificarsi di sviluppi politici
o economici sfavorevoli in tale area, ivi incluse crisi economiche o instabilità politica, potrebbero incidere in
futuro sulle prospettive di business del Gruppo, nonché sui suoi risultati economici e/o sulla sua situazione
finanziaria.
Gestione del rischio di liquidità
Una parte dei ricavi che viene realizzata dal Gruppo presenta rilevanti fenomeni di stagionalità, con una
concentrazione nel completamento delle commesse soprattutto nella seconda parte dell‟anno. Questa
stagionalità dei ricavi associata ad una maggiore concentrazione dei costi di comunicazione e marketing (legati
in particolare al Salone Internazionale del Mobile di Milano) nel primo semestre, determina solitamente un
assorbimento di risorse finanziarie nei primi tre trimestri dell‟esercizio ed una importante generazione di cassa
soltanto nel quarto trimestre.
Il Gruppo gestisce il rischio di liquidità attraverso il controllo degli elementi componenti il capitale circolante
operativo ed in particolare dei crediti verso clienti e dei debiti verso fornitori. La Capogruppo utilizza anche la
cessione con clausola pro-soluto dei crediti del settore interiors (in particolare relativi agli allestimenti in pelle
per il settore automotive) e di primari clienti contract, al fine di incrementare la liquidità e ridurre l‟esposizione
verso banche. La negoziazione delle condizioni di pagamento verso i fornitori permette inoltre di ridurre
parzialmente la durata dell‟assorbimento di risorse finanziarie.
Per far fronte alle necessità di cassa, legate alla gestione del capitale circolante, il Gruppo dispone di
affidamenti bancari. Tali affidamenti sono utilizzabili per cassa, validi a revoca e disponibili prevalentemente
nella forma di affidamenti ad ombrello ad uso promiscuo incluso l‟emissione di garanzie. Il Gruppo dispone
inoltre di affidamenti per crediti dedicati all‟emissione di garanzie commerciali. Si segnala che al 31 dicembre
2012 l‟utilizzo delle suddette linee, garanzie incluse, da parte del Gruppo è circa del 35%.
Tenuto conto di quanto sopra esposto si ritiene pertanto che il rischio di liquidità in capo al Gruppo sia ad oggi
modesto.
96
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Gestione del rischio di cambio
Il Gruppo sviluppa circa il 28% dei propri ricavi in Paesi esterni all‟area euro ed una quota di questi ricavi sono
denominati in dollari americani o in valute locali ancorate all‟andamento del dollaro americano. Il Gruppo è
esposto invece soltanto marginalmente all‟andamento di altre valute estere diverse dal dollaro americano.
Il Gruppo copre il rischio di cambio euro / dollaro verso le controllate americane, mediante accensione di
contratti a termine o FX collar. Relativamente al segmento contract, in caso di commesse di importo
significativo espresse in valute estere, viene di volta in volta valutata l‟opportunità di effettuare contratti di
copertura, in funzione dell‟esistenza o meno di costi di commessa denominati in valuta estera (natural hedging).
Il bilancio consolidato non risulta quindi influenzato in maniera significativa da variazioni del tasso di cambio
euro / dollaro.
Si riporta di seguito una tabella relativa di sintesi dei potenziali effetti sull‟utile consolidato e del Bilancio
Separato ante imposte 2012 derivanti da variazione del tasso di cambio Euro/USD calcolato sull‟esposizione
netta media delle attività e passività finanziarie espresse in tale valuta. I valori sono espressi in milioni di Euro.
Valuta
Tasso di cambio
euro/dollaro
Effetto sul Risultato Ante
Imposte consolidato
USD
1,25
0,3
1,30
0,0
1,35
(0,2)
1,40
(0,4)
1,45
(0,6)
1,50
(0,7)
Valuta
Tasso di cambio
euro/dollaro
Effetto sul Risultato Ante
Imposte Separato
USD
1,25
0,1
1,30
0,0
1,35
(0,1)
1,40
(0,1)
1,45
(0,2)
1,50
(0,2)
Gestione del capitale
L‟obiettivo primario del Gruppo è garantire che sia mantenuto un continuo equilibrio tra indici di redditività
(capacità del Gruppo di generare utili), indici di liquidità (capacità del Gruppo di trasformare gli utili generati in
flussi di cassa), indici di solidità (capacità del Gruppo di mantenere una struttura del passivo coerente con la
struttura dell‟attivo) e indici di crescita (capacità del Gruppo di garantire una crescita continua dei ricavi senza
peggiorare la solidità patrimoniale complessiva).
Con riferimento in particolare alla gestione del capitale, il Gruppo ritiene fondamentale mantenere un‟elevata
solidità patrimoniale per massimizzare il rating creditizio e quindi continuare a disporre, alle migliori condizioni
economiche, di linee di credito a breve e medio/lungo termine per supportare i piani di crescita del Gruppo.
97
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Il Gruppo gestisce la struttura del capitale e lo modifica in funzione di variazioni nelle condizioni economiche –
interne al Gruppo e di mercato – e degli obiettivi presenti a budget e nel piano triennale. Per mantenere o
adeguare la struttura del capitale, il Gruppo può rivedere la politica di distribuzione dei dividendi, cedere azioni
proprie in portafoglio o emettere nuovi strumenti di equity.
Nessuna variazione è stata apportata agli obiettivi, politiche o procedure durante gli esercizi 2011 e 2012.
Il Gruppo verifica continuamente la propria solidità patrimoniale attraverso l‟indice di indebitamento (pari al
rapporto tra debito oneroso e patrimonio netto del Gruppo) e l‟indice di leva finanziaria (pari al rapporto tra
debito netto oneroso ed EBITDA dei 12 mesi precedenti). La politica del Gruppo mira a mantenere il primo
indice in un range compreso tra 1 e 1,5 ed il secondo indice in un range compreso tra 2 e 3 e comunque non
superiore a 4, coerentemente con il piano triennale consolidato approvato dal Consiglio di Amministrazione.
Il Gruppo include nel debito netto tutte le esposizioni – a breve e medio / lungo termine – verso il mondo
bancario, compreso le società di leasing, al netto delle disponibilità liquide e di altre attività finanziarie. Il
capitale include tutte le voci di patrimonio netto di pertinenza della capogruppo.
Bilancio Separato (in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
Debito lordo oneroso
Disponibilità liquide ed altre attività finanziarie
Debito netto
71.661
(8.852)
62.809
77.333
(8.988)
68.345
Capitale sociale
Riserve ed utile del periodo
Patrimonio netto
34.810
4.784
39.594
34.816
6.867
41.683
Indice di indebitamento (debito netto / patrimonio netto)
1,59
1,64
Indice di leva finanziaria (debito netto / EBITDA)
5,91
6,24
Bilancio Consolidato (in migliaia di Euro)
Debito lordo oneroso
Disponibilità liquide ed altre attività finanziarie
Debito netto
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
93.460
(14.387)
79.073
101.085
(13.096)
87.989
34.810
36.266
71.076
34.816
37.208
72.024
Indice di indebitamento (debito netto / patrimonio netto del Gruppo)
1,11
1,22
Indice di leva finanziaria (debito netto / EBITDA)
3,04
3,44
Capitale sociale
Riserve ed utile del periodo
Patrimonio netto del Gruppo
Si ricorda che nel mese di luglio 2010 il Gruppo ha sottoscritto, con sette primari istituti di credito, tre contratti
di finanziamento, per un importo complessivo di Euro 60 milioni, con l‟obiettivo di rimodulare le scadenze
dell‟indebitamento a medio termine nonché di consolidare una parte importante di linee finanziarie a breve
termine.
I contratti, di natura chirografaria, quindi non assistiti da alcuna garanzia, prevedono il rispetto di specifici
indicatori di carattere finanziario quali il rapporto tra la Posizione finanziaria netta consolidata ed il Patrimonio
Netto Consolidato e tra la Posizione finanziaria netta consolidata e l‟EBITDA consolidato verificati, con cadenza
annuale, in base alle risultanze del bilancio consolidato a decorrere dal 31 dicembre 2010.
98
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Inoltre, come di consueto per operazioni di tale natura, il contratto prevede vincoli ed impegni tra i quali
limitazioni alla concessione di garanzie (negative pledge), alla vendita di attività strategiche, all‟effettuazione di
investimenti ed alle operazioni di finanza straordinaria.
Alla data di bilancio gli indicatori, vincoli e impegni sopra menzionati sono stati rispettati.
Rischi e vertenze in essere
Il 3 ottobre 2011 Cassina S.p.A. aveva ricevuto comunicazione da BNL S.p.A. in merito alla richiesta avanzata
dal PEO di escussione di un performance bond per Rial (Qatar) 23.382.148 (pari a circa Euro 4,8 milioni) emesso
dalla Commercial Bank of Qatar a favore del PEO per conto di Cassina e contro garantito dalla stessa BNL .
Cassina ha ritenuto tale escussione del tutto abusiva in quanto, tra l‟altro, il contratto cui la garanzia si riferiva
era stato consensualmente risolto nel marzo 2010. Cassina S.p.A. ha presentato al Tribunale di Monza un
ricorso in via d‟urgenza per l‟inibizione di qualsiasi rivalsa nei confronti della società. Il Tribunale ha sospeso il
pagamento e la rivalsa. A seguito di tale provvedimento cautelare - poi confermato in senso favorevole alla
società anche in sede di reclamo - Cassina S.p.A. ha avviato una causa di merito contro il PEO innanzi al
Giudice di Desio (MB), per ottenere conferma del saldo del prezzo delle opere eseguite. Il PEO ha poi avviato, nel
gennaio 2012, una causa di merito presso il tribunale di Doha, contro Commercial Bank of Qatar e Cassina
S.p.A. in qualità di soggetto garantito. Nel frattempo, con sentenza non definitiva del 30 gennaio 2013, il
Tribunale di Desio ha dichiarato: (i) la propria incompetenza, per difetto di giurisdizione sulla causa di merito
avviata da Cassina; (ii) la propria competenza a decidere la causa, ancillare, promossa contro BNL per sentir
accertare l‟estinzione di ogni performance bond e ogni connesso obbligo di pagare le commissioni. Si prevede
che la sentenza circa i rapporti con BNL venga emessa non prima del 2015. Per quanto riguarda la vicenda
Qatarina, i legali che difendono Cassina in Qatar non sono in grado di esprimere una plausibile indicazione
temporale sulla chiusura del contenzioso, in quanto dal gennaio 2012 ad oggi la causa è stata oggetto di meri
rinvii tecnici per consentire la regolarità delle notificazioni internazionali, senza che vi sia mai stata alcuna
discussione sul merito.
In data 26 luglio 2010 sono stati notificati a Cassina S.p.A. due avvisi di accertamento riferiti all‟IRAP, all‟IVA e
all‟IRES relativi a rilievi riguardanti il periodo d‟imposta 2006. Nel relativo verbale di accertamento l‟unico
punto di rilievo è relativo al riaddebito del management fee da Poltrona Frau S.p.A. alla Società, del quale per
un importo di Euro 2,3 milioni circa viene contestata l‟inerenza e congruità e quindi la deducibilità dello stesso
dal reddito imponibile fiscale. La Società, alla luce dei consistenti elementi di cui dispone per ritenere
difendibile il comportamento fiscale adottato, ha presentato ricorso avverso ai due citati avvisi di accertamento
in data 7 febbraio 2011. Le Commissioni Tributarie Provinciali di Milano e di Torino si sono pronunciate in
relazione ai ricorsi in esame, accogliendo in toto la linea difensiva prospettata dalla società. . L‟Agenzia delle
Entrate ha presentato appello alle due sentenze a lei avverse. Le date per la trattazione degli appelli non sono
ancora state fissate.
LE INCERTEZZE SULL‟UTILIZZO DI STIME
Non si segnala la presenza di stime che potrebbero presentare un elevato rischio di dar luogo, entro il prossimo
esercizio, a significative rettifiche di valori di attività presenti a bilancio.
99
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
AGGREGAZIONI AZIENDALI
Per le aggregazioni aziendali avvenute nel corso dell‟esercizio si rimanda a quanto argomentato alla nota 1 del
presente documento.
ACQUISIZIONE DI QUOTE DI MINORANZA
Non si segnalano variazioni rispetto al 31 dicembre 2011.
INFORMATIVA DI SETTORE
I settori operativi attraverso cui opera il Gruppo sono stati determinati sulla base della reportistica utilizzata
dall‟Amministratore Delegato del Gruppo al fine di prendere le decisioni strategiche. Tale reportistica, che
riflette l‟attuale assetto organizzativo e societario del Gruppo, è basata sui settori di attività contraddistinti dai
marchi attraverso i quali il Gruppo, tramite le proprie aziende, caratterizza i propri prodotti e gestisce la propria
attività. Ciascun marchio beneficia di un rapporto prodotto/mercato fortemente connotato e contraddistinto
dagli altri, strettamente collegato alla storia ed ai valori di ciascuno di essi, che risponde ad un‟esigenza di
diversificazione, attraverso l‟offerta di prodotti che, per quanto tutti appartenenti al settore dell‟arredamento di
lusso, hanno mercati con caratteristiche assolutamente autonome e distintive.
Di seguito vengono fornite alcune informazioni sui settori rappresentati:

Poltrona Frau: marchio della Capogruppo che opera nel settore dell‟arredamento di alta gamma, produce e
distribuisce prodotti di altissima qualità, contraddistinti principalmente da uno stile classico. L‟attività di
Poltrona Frau si suddivide in tre principali segmenti: (i) residenziale, ossia ideazione, produzione e
distribuzione di prodotti di arredamento di alta gamma destinati a selezionata clientela per la casa e
l‟ufficio, (ii) contract, che comprende la fornitura di arredamento di qualità per spazi pubblici e collettività
(c.d. arredi), e (iii) interiors , ossia allestimento degli interni di automobili, aerei, elicotteri e barche di alta
gamma.

Cassina: società acquisita da Poltrona Frau nel mese di giugno 2005, produce e commercializza poltrone,
divani, tavoli, sedie, mobili, contenitori e letti, sia nel mondo residenziale sia dell‟ufficio. Nell‟ambito del
Gruppo, Cassina rappresenta un importante elemento di diversificazione grazie ad un catalogo di prodotti
straordinari firmati dai più importanti designer storici e contemporanei. Cassina è anche considerata un
operatore di riferimento nella realizzazione di attività contract di ambienti (inclusi showroom e hotel) e,
ove specificamente richiesto, di yacht e navi da crociera.

Cappellini: entrata nel Gruppo a dicembre del 2004, la sua attività si sviluppa nel segmento residenziale,
con prodotti di design contemporaneo e d‟avanguardia contraddistinti da una ricerca continua di materiali
innovativi.
Nelle tabelle che seguono viene presentata l‟informativa dell‟esercizio 2012 e 2011 relativa ai settori operativi
sopra descritti.
100
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
2012 (in migliaia di Euro)
Poltrona
Frau
Cassina
Cappellini
Altre
Totale
consolidato
Elisioni
Ricavi
Totale Ricavi
131.624
110.274
12.877
-
(7.787)
246.988
(126.894)
(98.903)
(13.445)
-
7.787
(231.455)
4.730
11.371
(568)
-
-
15.533
-
-
-
-
-
-
(3.625)
(2.500)
(19)
-
-
(6.144)
Risultati
Costi di settore
Risultato di settore
Costi non allocati
Proventi (oneri) finanziari netti
Utile (Perdite) da società collegate valutate con il
metodo del patrimonio netto
Risultato prima delle imposte
Imposte sul reddito
Risultato netto delle attività in funzionamento
Risultato delle attività destinate ad essere cedute
Risultato netto
(858)
-
-
-
-
(858)
247
8.871
(587)
-
-
8.531
(3.970)
4.561
(3.675)
886
Poltrona
Frau
Cassina
Cappellini
Att. / pass.
dest. alla
dismissione
Altre
Totale attività di settore
121.261
144.362
15.924
-
1.072
282.619
Totale passività di settore
103.874
102.979
4.384
-
572
211.809
1.914
1.036
283
-
3.233
4.692
3.925
96
-
8.713
(4.290)
(1.542)
(736)
-
(6.568)
(1.923)
(1.875)
(108)
-
(3.906)
(25)
31
-
-
-
(25)
31
Investimenti in
· Immobilizzazioni immateriali
· Immobilizzazioni materiali
Ammortamenti delle immobilizzazioni
immateriali e materiali
Costi di ristrutturazione
Perdite di valore
Rivalutazioni (Svalutazioni) di partecipazioni
101
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
2011 (in migliaia di Euro)
Poltrona
Frau
Cassina
Cappellini
Altre
Totale
consolidato
Elisioni
Ricavi
Totale Ricavi
129.829
115.960
12.422
800
(7.476)
251.535
(122.981)
(103.437)
(13.259)
(514)
7.476
(232.715)
6.848
12.523
(837)
286
-
18.820
-
-
-
-
-
-
(3.077)
(1.966)
(198)
(121)
-
(5.362)
(355)
(1.438)
-
-
-
(1.793)
3.416
9.119
(1.035)
165
-
Risultati
Costi di settore
Risultato di settore
Costi non allocati
Proventi (oneri) finanziari netti
Utile (Perdite) da società collegate valutate con il
metodo del patrimonio netto
Risultato prima delle imposte
Imposte sul reddito
Risultato netto delle attività in funzionamento
Risultato delle attività destinate ad essere cedute
Risultato netto
11.665
(6.563)
5.102
(457)
4.645
Poltrona
Frau
Cassina
Cappellini
Altre
Totale attività di settore
114.555
158.089
11.667
1.845
286.156
Totale passività di settore
104.062
106.540
4.545
612
215.759
1.535
619
263
18
2.435
1.657
1.115
303
125
3.200
(4.247)
(1.811)
(390)
(18)
(6.466)
-
-
-
-
-
(271)
-
-
(29)
-
-
(300)
-
Investimenti in
· Immobilizzazioni immateriali
· Immobilizzazioni materiali
Ammortamenti delle immobilizzazioni
immateriali e materiali
Costi di ristrutturazione
Perdite di valore
Rivalutazioni (Svalutazioni) di partecipazioni
102
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
103
Il Gruppo ritiene inoltre utile fornire ulteriori informazioni relativamente ai tre segmenti di business in cui opera
(residenziale, contract ed interiors).
(in migliaia di Euro)
Poltrona Frau
2011
2012
2011
Residenziale
12.877
12.422
-
420
(5.975)
(5.725)
143.205
158.032
Contract
16.987
16.277
35.638
32.755
-
-
-
380
(1.812)
(1.751)
50.813
47.661
Car
52.970
45.842
-
-
-
-
-
-
-
-
52.970
45.842
131.624
129.829
110.274
115.960
12.877
12.422
-
800
(7.787)
(7.476)
246.988
251.535
II Mg Residenziale
31.559
33.238
39.386
44.314
4.816
4.295
-
363
(831)
(777)
74.930
81.433
% su Ricavi
51,2%
49,1%
52,8%
53,3%
37,4%
34,6%
-
86,4%
13,9%
13,6%
52,3%
51,5%
5.805
6.058
6.131
4.307
-
-
-
75
(26)
(1)
11.910
10.439
34,2%
37,2%
17,2%
13,1%
-
-
-
19,7%
1,4%
0,1%
23,4%
21,9%
10.670
8.693
-
-
-
-
-
-
-
-
10.670
8.693
20,1%
19,0%
-
-
-
-
-
-
-
-
20,1%
19,0%
Totale II Margine
48.034
47.989
45.517
48.621
4.816
4.295
-
438
(857)
(778)
97.510
100.565
% su Ricavi
36,5%
37,0%
41,3%
41,9%
37,4%
34,6%
-
54,8%
11,0%
10,4%
39,5%
40,0%
Totale Costi Fissi
37.066
36.623
30.729
34.287
4.540
4.713
-
134
(857)
(778)
71.478
74.979
Totale EBITDA
10.968
11.366
14.788
14.334
276
(418)
-
304
-
-
26.032
25.586
8,3%
8,8%
13,4%
12,4%
-
38,0%
-
-
10,5%
10,2%
% su Ricavi
% su Ricavi
2012
2,1%
2011
(3,4%)
2012
2011
2012
TOTALE
83.205
II Mg Car
2011
Elisioni
74.636
% su Ricavi
2012
Altri
67.710
II Mg Contract
2011
Cappellini
61.667
Totale Ricavi
2012
Cassina
Per i commenti relativi ai dati sopra riportati si rimanda a quanto descritto nel paragrafo “Ripartizione dei ricavi
annui di gruppo per settori di attività e segmento geografico” incluso nella Relazione degli Amministratori sulla
Gestione.
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COMMENTO ALLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRMIONIALE FINANZIARIA CONSOLIDATA
I valori al 31 dicembre 2011 sono stati riesposti per renderli omogenei e comparabili con quanto esposto
nell‟esercizio in corso, tale intervento si è reso necessario a seguito della riclassifica nella voce “Utile e perdita delle
attività destinate alla vendita” della Divisione Luci al 31 dicembre 2012, e della nuova metodologia di
contabilizzazione delle Joint Venture PF Emirates Interiors LLC e Casa Décor Private Ltd. valutate secondo il metodo
del patrimonio netto.
1. AVVIAMENTO
Si fornisce di seguito la composizione della voce al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011:
(in migliaia di Euro)
Acquisizione del Gruppo Cassina – quota allocata al segmento Cassina
Altri avviamenti
Totale Avviamento
31 dicembre
2012
15.398
2.067
17.465
31 dicembre
2011
15.398
1.541
16.939
variazione
526
526
In data 15 febbraio 2012 la controllata Poltrona Frau Group North America Inc. ha portato a termine
l‟acquisizione di un ramo d‟azienda dalla società Acord Holdings LLC., società operante nel settore automotive
nel mercato nord americano. Tale operazione si è resa necessaria al fine di permettere un completo e costante
controllo sulle varie fasi lavorative relative al rivestimento in pelle di interni destinati al settore automotive per
il cliente Chrysler. Questa acquisizione permette inoltre al Gruppo di presidiare direttamente il mercato
geografico del Nord America, che rappresenta, per il settore automotive, un importante mercato di riferimento.
Tale operazione rientra nella definizione di aggregazione aziendale secondo quanto previsto dal principio
contabile IFRS 3 “Business Combination” ed, in quanto tale, è stata contabilizzata secondo il “purchase
method”.
Dal confronto tra il costo della business combination e la quota di interessenza dell‟acquirente nel fair value
delle passività nette è emerso in avviamento positivo residuo pari a Euro 526 migliaia, contabilizzato nel corso
del 2012 tra le immobilizzazioni immateriali alla voce “avviamento” e sottoposto ad impairment test.
Impairment test
Gli intangibili a vita indefinita, rappresentati dagli avviamenti e dai marchi del Gruppo, classificati nelle
rispettive voci di bilancio, sono stati assoggettati da impairment test al 31 dicembre 2012.
Il Gruppo ha identificato le Unità Generatrici di Flussi Finanziari (o Cash Generating Unit) con i settori d‟attività
oggetto di informativa quali settore primario, e corrispondenti con i marchi “Poltrona Frau”, “Cassina”,
“Cappellini”. A ciascun segmento/Unità Generatrice di Flussi Finanziari è stata allocata la quota parte del valore
degli intangibili a vita utile indefinita, ai fini dell‟impairment test.
Operativamente l‟impairment test è stato effettuato sul valore contabile di ciascuna Unità Generatrice di Flussi
Finanziari, facendo riferimento al capitale investito netto di ciascuna Unità, corrispondente alle sue attività
operative al netto delle sue passività operative.
La recuperabilità dei valori iscritti è verificata confrontando il valore netto contabile delle singole Cash
Generating Unit, con il valore attuale dei flussi finanziari che si stima deriveranno dall‟uso continuativo dei beni
che costituiscono le Cash Generating Unit stesse e del loro valore terminale attribuibile.
104
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le principali ipotesi utilizzate dal Gruppo per il calcolo del valore recuperabile (valore in uso) riguardano:
a) la stima dei flussi operativi futuri;
b) il tasso di sconto;
c) il tasso finale di crescita.
Con riguardo al punto a) il Gruppo ha formulato un‟ipotesi della possibile evoluzione delle attività nel periodo
2013 – 2015 presentata in occasione del Consiglio di Amministrazione nel mese di novembre 2012.
I tassi di attualizzazione utilizzati rappresentano le correnti valutazioni di mercato del valore temporale danaro
e dei rischi specifici dell‟attività caratteristica aziendale. A fronte di quanto sopra esposto, in particolare
relativamente alla fase recessiva che sta caratterizzando il mercato domestico, si segnala che tali tassi
comprendono anche un country risk premium determinato analiticamente per ciascuna delle tre CGU tenendo
conto della ripartizione geografica del volume d‟affari dalle stesse realizzato. In particolare, sono stati utilizzati
i seguenti tassi rappresentativi del costo del capitale di rischio unlevered:

CGU “Segmenti Poltrona Frau”: il 9,8%;

CGU “Segmento Cassina”: il 9,8%;

CGU “Segmento Cappellini”: il 11,3%.
Nell‟elaborazione del test di impairment il valore terminale è stato determinato utilizzando un tasso di crescita
(“g rate”) dell‟1%.
Tutti gli avviamenti, assoggettati ad impairment test al 31 dicembre 2012, hanno confermato i valori già
presenti a bilancio. Si precisa che al 31 dicembre 2012 non vi sono perdite accumulate sugli avviamenti iscritti
in bilancio.
Inoltre, anche sulla base delle indicazioni contenute nel documento congiunto di Banca d‟Italia, Consob e ISVAP
n. 4 del 4 marzo 2010, il Gruppo ha provveduto ad elaborare analisi di sensitività sui risultati del test rispetto
alle variazioni degli assunti di base che condizionano il valore d‟uso delle Cash Generating Unit, senza che siano
emersi ulteriori indicatori di perdita.
Considerato che il valore recuperabile è stato determinato sulla base di stime, il Gruppo non può assicurare che,
stante l‟incertezza che grava sull‟evoluzione della crisi globale in corso, non si manifesti in futuro la necessità di
rivedere le stime stesse. Il Gruppo terrà costantemente controllata l‟evoluzione della situazione, onde rivedere
se nel caso le assunzioni che fondano le stime effettuate.
2. MARCHI A VITA UTILE INDEFINITA
Di seguito si espone la composizione della voce Marchi a vita utile indefinita al 31 dicembre 2012 e alla stessa
data dell‟esercizio precedente:
(in migliaia di Euro)
Frau
Cassina
Cappellini
Totale Marchi a vita utile indefinita
31 dicembre 2012
3.316
56.000
4.504
63.820
31 dicembre 2011
3.316
56.000
4.504
63.820
variazione
-
105
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
I valori dei marchi Frau, Cassina e Cappellini sono stati oggetto di perizie da parte di terzi indipendenti a
supporto delle valutazioni effettuate dagli amministratori della Società e sono stati sottoposti ad impairment
test al 31 dicembre 2012 per identificare eventuali riduzioni di valore che hanno confermato i valori già
presenti a bilancio. Si precisa che al 31 dicembre 2012 non vi sono perdite accumulate sui marchi a vita utile
indefinita iscritti in bilancio.
3. ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI
Si fornisce di seguito la composizione delle Altre immobilizzazioni immateriali al 31 dicembre 2012 ed al 31
dicembre 2011:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2011
2.719
1.163
242
718
4.842
Costi di sviluppo
Diritti di brevetto industriale e di util.ne delle opere dell'ingegno
Concessioni, licenze e diritti simili
Altre
Totale delle Altre immobilizzazioni immateriali
variazione
1.883
1.183
248
546
3.860
836
(20)
(6)
172
982
Di seguito si espone la movimentazione delle voci che compongono le Altre immobilizzazioni immateriali nel
corso dell‟esercizio in esame:
(in migliaia di Euro)
Valore netto contabile al 31 dicembre 2011*
Acquisti
Dismissioni
Ammortamenti
Svalutazioni
Riclassifiche
Effetto variazione cambi e altri movimenti
Valore netto contabile al 31 dicembre 2012
Costi di
sviluppo
1.883
1.980
(941)
(225)
66
(44)
2.719
Diritti brevetti
ind.li e opere
d‟ingegno
Concessioni,
licenze e diritti
simili
1.183
965
(948)
(37)
1.163
Altre
248
38
(29)
(15)
242
Totale
546
250
(31)
(12)
(31)
(4)
718
3.860
3.233
(1.949)
(274)
20
(48)
4.842
L‟incremento dei “costi di sviluppo capitalizzati” e dei “diritti di brevetto industriale e di utilizzazione delle
opere dell‟ingegno” si riferiscono a investimenti sostenuti dalla Capogruppo e dalle principali società controllate
nel corso dell‟esercizio.
4. IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI
Si riporta di seguito la composizione al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 della voce immobilizzazioni
materiali:
(in migliaia di Euro)
Terreni e fabbricati
Impianti e macchinario
Attrezzature industriali e commerciali
Altre
Immobilizzazioni in corso ed acconti
Totale delle Immobilizzazioni Materiali
31 dicembre
2012
26.225
9.913
974
2.887
215
40.214
31 dicembre
2011
24.141
8.853
1.142
2.483
81
36.700
variazione
2.084
1.060
(168)
404
134
3.514
106
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Si riporta di seguito il dettaglio del costo storico e dei fondi ammortamenti relativi alle Immobilizzazioni
Materiali al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011:
(in migliaia di Euro)
Terreni e
fabbricati
Impianti e
macchinario
Attrezzature
ind.li e
comm.li
Altre
Immob. in
c.so ed
acconti
Totale
Costo storico al 31 dicembre 2011
Fondo ammortamento al 31 dicembre 2011
Valore netto contabile al 31 dicembre 2011
35.502
(11.361)
24.141
20.722
(11.869)
8.853
20.019
(18.877)
1.142
12.280
(9.797)
2.483
81 88.604
- (51.904)
81
36.700
Costo storico al 31 dicembre 2012
Fondo ammortamento al 31 dicembre 2012
Valore netto contabile al 31 dicembre 2012
39.269
(13.044)
26.225
22.981
(13.068)
9.913
14.974 12.682
(14.000) (9.795)
974
2.887
215 90.121
- (49.907)
215 40.214
Si riporta di seguito la movimentazione delle Immobilizzazioni Materiali per l‟esercizio chiuso al 31 dicembre
2012:
(in migliaia di Euro)
Valore netto contabile al 31 dicembre 2011*
Acquisti
Dismissioni
Ammortamenti
Svalutazioni
Riclassifiche
Effetto variazione cambi e altri movimenti
Valore netto contabile al 31 dicembre 2012
Terreni e
fabbricati
24.141
3.895
(1.756)
(21)
(15)
(19)
26.225
Impianti e
macchinario
8.853
2.648
(62)
(1.522)
(27)
33
(10)
9.913
Attrezzature
ind.li e
comm.li
1.142
526
(1)
(491)
(199)
3
(6)
974
Altre
2.483
1.441
(9)
(850)
(73)
28
(133)
2.887
Immob.
in c.so ed
acconti
81
203
(69)
215
Totale
36.700
8.713
(72)
(4.619)
(320)
(20)
(168)
40.214
L‟incremento della voce Terreni e Fabbricati è relativo alle migliorie effettuate nel nuovo stabile di Lentate sul
Seveso (MB), presso cui dal mese di luglio 2012 sono stati trasferiti il centro ricerche e ingegneria di Cassina e
Cappellini, ed all‟apertura del nuovo spazio museale nel sito di Tolentino, realizzato in occasione del
compimento dei 100 anni della Capogruppo.
Relativamente alle altre voci delle Immobilizzazioni materiali, gli incrementi registrati nell‟esercizio 2012 sono
relativi ad investimenti di natura ordinaria.
5. PARTECIPAZIONI
Si riporta di seguito un dettaglio della movimentazione delle Partecipazioni nel corso dell‟esercizio chiuso al 31
dicembre 2012:
107
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
31
dicembre
2011
9
4.000
143
6.365
AcquistiAumenti
Capitale
725
-
10.517
Celi S.p.A.
Fondazione Vico Magistretti
Altre Partecipazioni
(in migliaia di Euro)
Spazio Washington LLC
Alias S.p.A.
Casa Décor Private Ltd(*)
PF Emirates Interiors LLC(*)
Partecipazioni in società collegate e JV
Totale Partecipazioni
31
(418)
(475)
Variazione
dell'area di
consolidamento
-
725
(862)
-
10.380
133
3
-
-
-
133
3
136
-
-
-
136
10.653
725
(862)
-
10.516
Rivalutazioni(Svalutazioni)
31 dicembre
2012
40
4.000
450
5.890
(*) Società valutata secondo il metodo del patrimonio netto a partire dall‟esercizio 2012
Di seguito si riportano i dati relativi all‟ultimo bilancio approvato al 31 dicembre 2011 o al 31 dicembre 2012,
se già disponibili in quanto approvati dal competente organo amministrativo, riferiti al patrimonio netto e
risultato di esercizio delle società partecipate, confrontati con il valore iscritto nel bilancio consolidato al 31
dicembre 2012:
(in migliaia di Euro)
KBR S.a.r.l.
Spazio Washington LLC
Celi S.p.A (**)
Fondazione Vico Magistretti
Casa Décor Private Ltd (*)
PF Emirates Interiors LLC (*)
Alias S.p.A.
Totale Partecipazioni
% possesso
Patrimonio
Netto
Quota di PN del
Gruppo
20%
30%
5%
n/a
50%
49%
49%
(16)
133
1.765
n/a
900
12.020
1.467
(3)
40
88
n/a
450
5.890
719
Valore al 31
dicembre 2012
40
133
3
450
5.890
4.000
10.516
Maggior (minor)
valore del PN
(3)
(45)
n/a
(3.281)
(*) Società valutata secondo il metodo del patrimonio netto a partire dall‟esercizio 2012
(**) Dati relativi al bilancio approvato al 31.12.11
Le rivalutazioni e svalutazioni delle altre società collegate sono determinate dagli effetti della valutazione delle
partecipazioni secondo il metodo del patrimonio netto e riflettono i risultati economici conseguiti dalle stesse.
Relativamente alla partecipazione detenuta in Alias si segnala che il maggior valore rispetto al patrimonio netto
di competenza determinato sulla base dei principi contabili italiani, è supportato dagli accordi contrattuali
sottoscritti con la controparte Akron Design S.r.l. in sede di cessione della quota di maggioranza. In particolare,
tenuto conto delle perdite degli ultimi due anni e del difficile contesto economico caratterizzato dalla fase di
recessione che interessa in particolare l‟Italia e diversi altri Paesi europei, in cui si sviluppa in misura
significativa il business della Società, il valore di iscrizione della partecipazione al 31 dicembre 2012 non è
mutato rispetto a quanto evidenziato nel corso del 2011 mantenendolo allineato al valore minimo dell‟opzione
put, ovvero senza tener conto dell‟earn out in considerazione di un piano industriale rivisto significativamente
al ribasso, prevista contrattualmente a favore della società controllata Cassina S.p.A. ed esercitabile nel 2015.
Si segnala che nel corso del 2012 il Gruppo ha modificato la metodologia di contabilizzazione delle due società
Casa Décor Private Ltd e PF Emirates Interiors LLC utilizzando il metodo del patrimonio netto.
108
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
6. ATTIVITA‟ FINANZIARIE DISPONIBILI PER LA VENDITA
La voce “Attività Finanziarie disponibile per la vendita” include la partecipazione detenuta in Cassina IXC
(società quotata alla Borsa di Tokyo JASDAQ). Coerentemente a quanto previsto dallo IAS 39, la variazione del
rapporto di cambio euro/yen rilevata nel periodo e l‟adeguamento della stessa alla quotazione del titolo è stata
accreditata ad apposita riserva di patrimonio netto.
7. ALTRE ATTIVITA‟ NON CORRENTI
Riportiamo di seguito un dettaglio della composizione al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 dei crediti
verso altri con scadenza oltre 12 mesi:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
Depositi cauzionali
Altre voci
Totale dei Crediti verso altri - oltre 12 mesi
5.277
2.166
7.443
31 dicembre
2011
5.352
1.883
7.235
variazione
(75)
283
208
Si segnala che la voce “Depositi cauzionali” include il deposito cauzionale, pari ad Euro 3.600 migliaia, versato a
gennaio 2006 dalla controllata Cassina S.p.A. alla correlata PF Real Estate S.r.l., come riportato al successivo
paragrafo n. 41 “Rapporti con parti correlate”. Il residuo della voce è principalmente relativo ai depositi
cauzionali pagati a fronte dei contratti di locazione dei negozi di New York gestiti dalle controllate americane.
Le “Altre voci” includono il credito finanziario di circa Euro 0,6 milioni sorto a fronte della cessione della
controllata IL America Inc. ed il credito finanziario di Euro 0,6 milioni erogato a favore di Milano Progetti S.r.l. a
seguito dell‟escussione di una fideiussione da parte del Tribunale di Como in relazione alla chiusura del
concordato preventivo di Cappellini S.p.A., di cui Cap Design S.p.A. era garante. Inoltre, la voce include il credito
finanziario pari Euro 700 mila nei confronti della società Nemo S.r.l. a seguito della cessione dell‟omonimo
ramo d‟azienda perfezionata da Cassina S.p.A. nel mese di dicembre 2012.
8. ATTIVITA‟ PER IMPOSTE ANTICIPATE
Di seguito si riporta il saldo e la composizione per natura del credito per imposte anticipate al 31 dicembre
2012 ed al 31 dicembre 2011:
(in migliaia di Euro)
Accantonamenti tassati
Ammortamenti
Fair value dei contratti derivati
Margini sulle rimanenze
Differenze cambio da valutazione
Perdite riportabili e da controllate estere
Altre voci
Totale delle attività per imposte anticipate
31 dicembre
2012
3.103
366
246
1.049
138
1.437
118
6.457
31 dicembre
2011
3.030
800
173
926
54
1.817
135
6.935
variazione
73
(434)
73
123
84
(380)
(17)
(478)
Gli accantonamenti tassati riguardano gli stanziamenti fiscalmente non deducibili ai fondi svalutazione crediti,
ai fondi obsolescenza magazzino ed ai fondi rischi e oneri.
109
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
La voce ammortamenti è composta principalmente dai crediti iscritti a fronte di differenze temporanee sorte in
relazione agli ammortamenti di spese per attività immateriali che ai fini fiscali sono capitalizzate e poi dedotte
dal reddito in più esercizi sotto forma di ammortamenti, mentre ai fini della redazione del bilancio secondo gli
IFRS sono interamente addebitate al conto economico nell'esercizio in cui sono sostenute. Nella voce sono
inoltre iscritti i crediti relativi a differenze temporanee originate dall'applicazione di aliquote di ammortamento
differenti ai fini fiscali ed ai fini della redazione del bilancio consolidato.
Il fair value dei contratti derivati riguarda gli effetti della contabilizzazione a conto economico del fair value dei
contratti derivati stipulati dalla Capogruppo e dalla società controllata Cassina S.p.A..
Nella voce relativa ai margini sulle rimanenze sono classificati gli effetti fiscali differiti relativi allo storno dei
margini sulle rimanenze derivanti da operazioni infragruppo.
Le imposte anticipate su perdite riportabili e da controllate estere sono relative in parte alle perdite fiscali
illimitatamente riportabili delle controllate estere e dalle imposte anticipate iscritte dalla controllata Poltrona
Frau Group North America Inc. a seguito di differenze temporanee sorte a seguito dei costi sostenuti per
l‟apertura dei DOS operanti nel mercato nord-americano.
Nella voce Altre voci sono principalmente iscritte le imposte anticipate sulle differenze da conversione di
partite di valuta estera ed i crediti relativi alle spese di rappresentanza.
9. RIMANENZE
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione della voce delle Rimanenze al 31 dicembre 2012 e al 31
dicembre 2011:
(in migliaia di Euro)
Materie prime
Semilavorati
Prodotti finiti
Lavori in corso su ordinazione
Acconti
Totale delle Rimanenze
31 dicembre
2012
20.191
5.336
19.027
8.045
1.390
53.989
31 dicembre
2011
21.519
6.983
19.658
9.090
956
58.206
variazione
(1.328)
(1.647)
(631)
(1.045)
434
(4.217)
La riduzione delle rimanenze è principalmente imputabile all‟avvenuta cessione della divisione Luci ed al trend
delle rimanenze relative alla valorizzazione delle commesse contract in corso che evidenziano un calo a fine
2012. Infine si segnala la crescita di oltre Euro 2 milioni delle rimanenze relativa al segmento interiors
ascrivibile alla crescita a doppia cifra registrata nel segmento per il secondo anno consecutivo ed all‟inizio della
collaborazione con Chrysler avviata dalla controllata Poltrona Frau Group North America Inc. durante l‟esercizio
in esame.
Si riporta di seguito il valore delle rimanenze con l'indicazione dell'importo del fondo obsolescenza stanziato in
bilancio al 31 dicembre 2012 al fine di adeguare il valore delle rimanenze al presumibile valore di recupero:
(in migliaia di Euro)
Rimanenze lorde
Fondo obsolescenza
Totale delle Rimanenze
31 dicembre
2012
57.344
(3.355)
53.989
31 dicembre
2011
63.547
(5.341)
58.206
variazione
(6.203)
1.986
(4.217)
110
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
La movimentazione del fondo obsolescenza magazzino al 31 dicembre 2012 rispetto alla stessa data del periodo
precedente è riportata di seguito:
(in migliaia di Euro)
Saldo al 31 dicembre 2011
5.341
Accantonamento
Utilizzi
Riclassifica ad attività destinate alla vendita
Effetto dei cambi
305
(2.223)
(75)
7
Saldo al 31 dicembre 2012
3.355
L‟accantonamento al fondo è conseguenza dell‟attenta politica nella valutazione dei rischi di svalutazione su
materie prime e prodotti finiti contraddistinti da indici di rotazione particolarmente bassi, anche tenuto conto
dell‟attuale situazione di mercato.
Gli utilizzi sono principalmente riconducibili alla controllata Cassina S.p.A. per un totale di circa Euro 1,2
milioni ed alla Capogruppo per un totale di Euro 0,5 milioni, a seguito di cessione di materiale obsoleto e
coperto da fondo.
Il valore del fondo riclassificato tra le attività destinate alla vendita, pari ad Euro 75 mila, si riferisce al fondo
svalutazione magazzino della controllata Artelux S.A. il cui totale attivo e passivo è stato riclassificato, in
accordo al principio contabile IFRS 5, come destinato alla vendita a seguito dell‟accordo di cessione del ramo
d‟azienda “Nemo” perfezionatosi in data 28 dicembre 2012. Per maggiori dettagli si rimanda alla nota n. 14
“attività destinate alla vendita”.
10. CREDITI COMMERCIALI
I crediti commerciali al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 sono composti come riepilogato di seguito:
(in migliaia di Euro)
Crediti vs clienti terzi
Crediti vs società collegate
Totale dei Crediti Commerciali
31 dicembre
2012
50.793
1.317
52.110
31 dicembre
2011
58.263
657
58.920
Variazione
(7.470)
660
(6.810)
La riduzione dei crediti commerciali, nonostante la debolezza di alcuni mercati ed il difficile contesto
economico-finanziario, è principale conseguenza delle oculate politiche di credit management intraprese negli
ultimi tre esercizi il cui scopo è quello di ottimizzare la politica di affidamento dei clienti e le relative classi di
credito, l‟accelerazione degli incassi ed il rispetto delle scadenze contrattuali.
Questa attenta politica del credito, che ha permesso di ridurre drasticamente nel corso del 2012 i crediti scaduti
delle tre principali società italiane, unitamente al rinnovato ricorso a cessioni pro-soluto di fine periodo per
circa Euro 19,8 milioni (Euro 16,7 milioni al 31 dicembre 2011), ha determinato un‟ulteriore riduzione dei
giorni medi di incasso rispetto alla già importante riduzione registrata nel corso del 2011.
Si riporta di seguito il valore dei crediti commerciali con l'indicazione dell'importo del fondo svalutazione,
stanziato in bilancio al 31 dicembre 2012, al fine di adeguare il valore nominale dei crediti al presumibile valore
di realizzo:
111
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Crediti vs clienti
Fondo svalutazione crediti
Totale dei crediti commerciali
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
55.225
(3.115)
52.110
Variazione
62.307
(3.387)
58.920
(7.082)
272
(6.810)
Il fondo svalutazione crediti ha subito, nel corso dell‟esercizio 2012, la seguente movimentazione:
(in migliaia di Euro)
Saldo al 31 dicembre 2011*
3.387
Accantonamento
Utilizzi
Effetto dei cambi
589
(799)
(62)
Saldo al 31 dicembre 2012
3.115
L‟accantonamento al fondo è conseguenza dell‟attenta analisi da parte della funzione di credit management
nella valutazione dei rischi di insolvenza effettuata puntualmente in base alle singole posizioni creditizie e
tenuto conto dell‟attuale situazione di mercato.
Gli utilizzi sono principalmente relativi allo stralcio di crediti in contenzioso in capo alla Capogruppo e a
Cassina S.p.A. in considerazione della loro inesigibilità.
Non esistono crediti di durata contrattuale superiore a 5 anni.
11. ALTRE ATTIVITÀ CORRENTI
La voce Altre attività correnti si riferisce essenzialmente ai crediti tributari e alle altre attività correnti come
riportato di seguito:
(in migliaia di Euro)
Crediti tributari
Altre attività
Totale delle Altre attività correnti
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
5.385
8.879
14.264
variazione
1.033
8.429
9.462
4.352
450
4.802
Il dettaglio della composizione dei crediti tributari è riportato di seguito:
(in migliaia di Euro)
Crediti IVA
Crediti tributari esteri
Altri crediti
Totale dei crediti tributari
31 dicembre
2012
1.064
584
3.737
5.385
31 dicembre
2011
variazione
42
516
475
1.033
La variazione del credito IVA è riconducibile principalmente alla Società Cassina S.p.A..
1.022
68
3.262
4.352
112
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
113
La variazione della voce Altri crediti si riferisce principalmente al credito Ires, per Euro 1,7 milioni ed al credito
relativo al rimborso Ires per mancata deduzione dell‟Irap relativa alle spese per il personale dipendente e
assimilato per le società Poltrona Frau S.p.A., Cassina S.p.A. e Cap Design S.p.A., per Euro 1,5 milioni.
Il dettaglio della composizione delle altre attività è riportato di seguito:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2011
variazione
Anticipi a fornitori per servizi
Ratei e risconti attivi
Crediti finanziari correnti
Altre
1.731
529
5.304
1.315
2.057
333
3.830
2.209
(326)
196
1.474
(894)
Totale delle Altre attività correnti
8.879
8.429
450
La voce Crediti finanziari correnti include principalmente il finanziamento a breve termine erogato dalla
Capogruppo a favore della joint venture PF Emirates, pari a circa Euro 4,9 milioni (Euro 2,8 milioni al 31
dicembre 2011) e la riclassifica della quota a breve termine dei finanziamenti a favore di IL America Inc. e
Milano Progetti S.r.l..
La voce “Altre” si riferisce a crediti minori di varia natura principalmente riferibili alla Capogruppo ed alla
società Cassina S.p.A..
12. STRUMENTI DERIVATI
La voce degli Strumenti derivati, pari ad Euro 15 migliaia al 31 dicembre 2012 accoglie la valutazione al fair
value dei contratti per la copertura del rischio cambio Euro dollaro USA relativamente ai flussi commerciali
derivanti dal mercato americano.
Da un punto di vista di rappresentazione contabile, gli utili o le perdite derivanti dalla valutazione al fair value
di tali strumenti finanziari derivati vengono iscritti direttamente a conto economico.
Si riporta di seguito un dettaglio dei contratti in essere al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 (valori
esposti in migliaia di Euro):
Società intestataria
Poltrona Frau S.p.A.
Tipologia
Collar Export (Cassa di Risparmio
Fabriano e Cupramontana)
Scadenza
26/06/2013
31 dicembre 2012
Valore
Nozionale
equo
31 dicembre 2011
Valore
Nozionale
equo
38
15
-
-
38
15
-
-
Si veda inoltre quanto riportato alla nota n. 24 “Strumenti derivati”.
13. DISPONIBILITÀ LIQUIDE E MEZZI EQUIVALENTI
Il saldo in oggetto rappresenta le disponibilità liquide e l‟esistenza di numerario e di valori alla data di
chiusura del periodo contabile.
(in migliaia di Euro)
Depositi bancari
Denaro e valori in cassa
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
31 dicembre
2012
8.988
80
9.068
31 dicembre 2011
11.693
343
12.036
variazione
(2.705)
(263)
(2.968)
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Si rimanda al Prospetto dei Flussi di cassa consolidati per il dettaglio delle fonti e degli impieghi che hanno
originato la variazione delle disponibilità alla data del 31 dicembre 2012.
14. ATTIVITA‟ DESTINATE ALLA VENDITA
In data 28 dicembre 2012 si è perfezionata la cessione del ramo d‟azienda “Nemo”, con effetto dal 31 dicembre
2012. Tale accordo ha previsto la cessione del ramo d‟azienda di Cassina S.p.A. “Nemo” alla società neo
costituita Nemo S.r.l. di proprietà della società Omikron Design S.r.l. a fronte di un corrispettivo che verrà
corrisposto allo scadere del quinto anno dalla data di effetto della cessione.
L‟operazione prevede inoltre la sottoscrizione, da parte di Cassina S.p.A., di un aumento di capitale della Nemo
S.r.l. per un ammontare pari al 49% delle quote della società mediante il conferimento della partecipazione in
Artelux S.A..
In accordo quindi con quanto previsto dal Principio Contabile Internazionale IFRS 5, tutte le attività e passività
della società Artelux S.A. sono state riclassificate nella Situazione Patrimoniale Finanziaria Consolidata al 31
dicembre nelle voci “Attività destinate alla vendita” e “Passività destinate alla vendita”. Gli effetti economici
delle operazioni sopra descritte sono stati esposti separatamente, al netto dei relativi effetti fiscali nel conto
economico in un‟unica voce “Utile o (Perdita) delle attività destinate alla vendita”.
Per dettagli sull‟operazione si veda anche quanto riportato nella nota relativa “Fatti di rilievo dopo la chiusura
dell‟esercizio”.
Il saldo della voce “Attività destinate alla vendita” ammonta ad Euro 1.072 mila (non presente al 31 dicembre
2011) e comprende la contribuzione all‟attivo consolidato della società Artelux S.A.. Il dettaglio per le principali
voci di bilancio è il seguente:
(in migliaia di Euro)
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
Altre attività non correnti
Totale attività non correnti
Rimanenze
Crediti commerciali
Altre attività correnti
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
31 dicembre
2012
15
13
15
43
201
643
20
165
Totale attività correnti
1.029
TOTALE ATTIVITA‟ DESTINATE ALLA VENDITA
1.072
Il saldo della voce “Passività destinate alla vendita” ammonta ad Euro 572 mila (non presente al 31 dicembre
2011) e comprende la contribuzione al passivo consolidato delle passività direttamente correlate alle attività
destinate alla vendita relative alla società Artelux S.A.. Il dettaglio per le principali voci di bilancio è il seguente:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2012
Debiti commerciali
Debiti tributari
Altre passività correnti
356
73
143
Totale passività correnti
572
TOTALE PASSIVITA‟ DESTINATE ALLA VENDITA
572
114
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
15. PATRIMONIO NETTO
Si fornisce di seguito la composizione della voce al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2011
variazione
Capitale sociale
Riserva sovrapprezzo azioni
Riserva da adeguamento al fair value di attività finanz. disponibili per la vendita
34.810
2.530
459
34.816
2.593
497
(6)
(63)
(38)
Altre riserve
Utili (perdite) riportati a nuovo
Utile (perdita) di pertinenza del Gruppo
6.748
25.517
1.012
8.601
20.918
4.599
(1.853)
4.599
(3.587)
Totale Patrimonio Netto di Gruppo
71.076
72.024
(948)
Capitale e riserve di terzi
Utile (perdita) di pertinenza di terzi
(140)
(126)
(1.673)
46
1.533
(172)
Totale Patrimonio Netto di Terzi
(266)
(1.627)
1.361
70.810
70.397
413
TOTALE PATRIMONIO NETTO
Il capitale sociale è rappresentato da n° 140.275.159 azioni ordinarie del valore nominale di Euro 0,25 ciascuna.
Si segnala che, come da delibera dell‟Assemblea dei Soci della Capogruppo, tenutasi in data 27 aprile 2012, la
perdita di esercizio pari ad Euro 2.427.791 è stata riportata a nuovo.
Il decremento della voce capitale sociale e riserva sovrapprezzo azioni è conseguente alla compravendita di
azioni proprie, incluso la parte a servizio dell‟esercizio dei diritti di stock option, per complessivi Euro 69 mila.
La variazione della riserva da adeguamento al fair value delle attività finanziarie disponibili per la vendita si
riferisce alla variazione del fair value della partecipazione di minoranza nella Cassina IXC Ltd..
La riduzione del patrimonio netto negativo di terzi è principalmente dovuta alla copertura delle perdite
accumulate nel corso degli esercizi precedenti dalla controllata Meno Warehandels GmbH..
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione della voce Altre Riserve:
(in migliaia di Euro)
Riserva Legale
Riserva Straordinaria
Utile (perdita) a nuovo da consolidamento
Riserva piani di stock options
Riserva da traduzione
Riserva di prima adozione degli IFRS
Altre
Totale Altre Riserve
31 dicembre
2012
571
3.535
2.776
577
225
(294)
(642)
6.748
31 dicembre
2011
571
3.535
2.776
437
483
(294)
1.093
8.601
variazione
140
(258)
(1.735)
(1.853)
La riserva per piani di stock options, in accordo a quanto previsto dall‟IFRS 2, accoglie la contropartita del costo,
pari al fair value delle opzioni alla data di assegnazione, riconosciuto a conto economico lungo il periodo nel
quale maturano le condizioni per l‟esercizio delle stesse.
115
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
La voce riserva di traduzione, che accoglie le differenze cambio da conversione, derivanti dall‟applicazione di
cambi diversi per le attività e passività, per il patrimonio netto e per il conto economico, si decrementa
principalmente per effetto dell‟andamento del rapporto EUR/USD.
La variazione della voce “Altre” è principalmente riconducibile alla copertura delle perdite accumulate nel corso
degli esercizi precedenti dalla controllata Meno Warehandels GmbH.
Per la movimentazione delle voci di Patrimonio Netto per i periodi chiusi al 31 dicembre 2012 ed al 31
dicembre 2011 si rinvia al "Prospetto dei movimenti di patrimonio netto consolidato".
16. FINANZIAMENTI A MEDIO-LUNGO TERMINE
La voce dei finanziamenti a medio lungo termine, che al 31 dicembre 2012 è pari ad Euro 48.429 migliaia (Euro
59.306 migliaia al 31 dicembre 2011), è composta dalla quota non corrente dei finanziamenti erogati da istituti
di credito e finanziari e dei debiti verso altri finanziatori iscritti nel bilancio consolidato in applicazione del
metodo finanziario di contabilizzazione delle operazioni di leasing.
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione della voce Finanziamenti a medio-lungo termine:
Rif.
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
a)
Finanziamento Banca delle Marche erogato a Poltrona Frau S.p.A.
b)
Finanziamento Banca Popolare di Ancona erogato a Cap Design S.p.A.
31 dicembre
2011
393
1.162
1.070
2.084
c)
Finanziamento in pool erogato a Poltrona Frau S.p.A.
14.380
16.807
d)
Finanziamento in pool erogato a Cassina S.p.A.
30.050
35.387
e)
Finanziamento Carilo erogato a Poltrona Frau S.p.A.
Finanziamento Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana erogato a Poltrona Frau
S.p.A.
Finanziamento Banco Popolare erogato a Poltrona Frau S.p.A.
537
733
-
1.306
2.250
-
48.680
57.479
12.831
13.850
61.511
71.329
(13.082)
(12.023)
48.429
59.306
f)
g)
Finanziamenti concessi da Istituti di credito
Leasing finanziari
Totale finanziamenti a medio-lungo termine
Meno quota corrente
Quota non corrente dei finanziamenti a medio-lungo termine
Il decremento della voce Finanziamenti concessi da Istituti di credito è relativo alle quote rimborsate, nel corso
dell‟esercizio in esame, dei finanziamenti in essere al 31 dicembre 2011. Tale decremento è in parte compensato
dal finanziamento pari ad Euro 2.250 migliaia al 31 dicembre 2012, erogato dal Banco Popolare.
Si riporta di seguito un dettaglio dei finanziamenti concessi dagli Istituti di credito alle società del Gruppo:
a)
si tratta di un finanziamento erogato alla Capogruppo dalla Banca delle Marche con scadenza 30 giugno
2013;
b)
si tratta di un finanziamento erogato a Cap Design S.p.A. a dicembre 2008 con scadenza 31 dicembre
2013, utilizzato per finanziare l‟acquisto di macchinari industriali;
c, d) nel mese di luglio 2010 il Gruppo con l‟obiettivo di rimodulare le scadenze dell‟indebitamento a medio
termine nonché di consolidare una parte importante di linee finanziarie a breve termine ha sottoscritto
due contratti di finanziamento in pool, erogati alla Capogruppo e a Cassina S.p.A. per un importo totale
di Euro 59 milioni, con BNL (in qualità di banca agente), Unicredit, Intesa Sanpaolo, Popolare di Sondrio,
UGF e Banca Popolare di Verona. La concessione di questi finanziamenti ha determinato l'estinzione
anticipata di quelli esistenti con i medesimi istituti. I contratti, che prevedono un piano di
116
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
ammortamento a rate semestrali a decorrere dal mese di giugno 2011 con scadenza al 30 giugno 2016,
sono di natura chirografaria, quindi non assistiti da alcuna garanzia e prevedono il rispetto di specifici
indicatori di carattere finanziario quali il rapporto tra la Posizione finanziaria netta consolidata ed il
Patrimonio Netto Consolidato e tra la Posizione finanziaria netta consolidata e l‟EBITDA consolidato
verificati, con cadenza annuale, in base alle risultanze del bilancio consolidato. Inoltre, come di consueto
per operazioni di tale natura, i contratti prevedono vincoli ed impegni tra i quali limitazioni alla
concessione di garanzie (negative pledge), alla vendita di attività strategiche, all‟effettuazione di
investimenti ed alle operazioni di finanza straordinaria.
Alla data di bilancio gli indicatori, vincoli e impegni sopra menzionati sono stati rispettati.
e)
nel mese di luglio 2010 la Cassa di Risparmio di Loreto ha erogato alla Capogruppo un finanziamento di
Euro 1 milione che prevede un piano di ammortamento a rate mensili con scadenza 27 luglio 2015;
f)
finanziamento pari ad Euro 2 milioni erogato dalla Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana alla
Capogruppo nel mese di giugno 2011 con scadenza al 31 dicembre 2012.
g)
nel mese di marzo 2012 il Banco Popolare ha erogato alla Capogruppo un finanziamento di Euro 3
milioni con scadenza al 31 marzo 2015 contro-garantito da Sace al 70% in quanto finalizzato alla
promozione dei brand del gruppo nel mercato internazionale ed allo sviluppo del mercato Middle East. Si
veda anche quanto riportato alla nota n. 22 “Debiti verso banche e altri finanziatori”.
I debiti per canoni di leasing sono generati dall'applicazione del metodo finanziario per la contabilizzazione dei
beni in leasing e rappresentano il debito residuo alla data di bilancio verso le società di leasing. Tali debiti si
riferiscono principalmente al leasing della Capogruppo relativo alla costruzione nel 2010 di un impianto
fotovoltaico situato sul tetto dello stabilimento di Tolentino (MC) nonché agli edifici industriali di Tolentino
comprensivi di impianti e macchinari e completati nel corso del 2009, che hanno permesso di integrare in un
unico sito produttivo attività e depositi in precedenza localizzati esternamente, e destinati al magazzino della
divisione residenziale, al reparto produttivo e al magazzino della divisione car, al reparto produttivo e al
magazzino e uffici della divisione contract.
17. BENEFICI AI DIPENDENTI
Nel corso dell‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 la voce Benefici ai dipendenti ha subito la seguente
movimentazione:
(in migliaia di Euro)
Valutazione attuariale “Benefici ai dipendenti ”al 31 dicembre 2011
Service Cost
Interest Cost
Prestazioni pagate
Utili/perdite attuariali
Valutazione attuariale “Benefici ai dipendenti ”al 31 dicembre 2012
5.378
230
(486)
328
5.450
Per quanto concerne il TFR, a seguito delle modifiche legislative intervenute negli esercizi precedenti che hanno
interessato tale piano, il Gruppo ha continuato a rilevare l‟obbligazione per le quote maturate al 31 dicembre
2006 secondo le regole dei piani a benefici definiti, mentre ha rilevato l‟obbligazione per le quote che maturano
dal 1 gennaio 2007, dovute alla previdenza complementare o al Fondo di Tesoreria INPS, sulla base dei
contributi dovuti nel periodo.
Il trattamento di fine rapporto rientra nei piani a benefici definiti. Per la determinazione di tale passività è stata
utilizzata la metodologia denominata Project Unit Cost in cui l'ammontare della passività per i benefici acquisiti
117
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
deve riflettere la data di dimissioni attesa e deve essere attualizzata. Le ipotesi economico-finanziarie alla base
delle valutazioni attuariali sono così sintetizzabili: tasso d‟inflazione previsto 2%, tasso di sconto 4,0%, futuri
incrementi salariali 3% e frequenza annua dimissioni/licenziamenti 3%.
Il decremento dei fondi relativi al personale è principalmente imputabile al pagamento dei trattamenti di fine
rapporto a seguito del normale turnover aziendale.
18. FONDI RISCHI ED ONERI
Il saldo al 31 dicembre 2012 pari ad Euro 2.634 migliaia (Euro 2.958 al 31 dicembre 2011) si compone come di
seguito riportato:
(in migliaia di Euro)
Fondo indennità suppletiva di clientela
Fondo ristrutturazione
Altri fondi rischi
Totale dei Fondi rischi ed oneri
31 dicembre
2012
1.653
2.617
822
5.092
31 dicembre
2011
variazione
1.645
224
1.089
2.958
8
2.393
(267)
2.134
Si fornisce di seguito la movimentazione dei fondi per l‟esercizio 2012:
(in migliaia di Euro)
Saldo al 31 dicembre 2011
Accantonamenti del periodo
Utilizzi del periodo
Riclassifiche
Altri movimenti
Saldo al 31 dicembre 2012
Fondo indennità
suppletiva di clientela
1.645
275
(82)
(185)
1.653
Fondo
ristrutturazione
Altri fondi per
rischi
224
2.393
2.617
1.089
(55)
(212)
822
Totale
2.958
2.688
(137)
(212)
(185)
5.092
I fondi rischi ed oneri includono principalmente le seguenti tipologie di stanziamenti:
 il fondo per indennità suppletiva di clientela viene stanziato annualmente sulla base delle provvigioni
maturate dagli agenti dalla Capogruppo e dalle altre società consolidate e calcolato in conformità alle
normative vigenti. Il decremento registrato negli altri movimenti si riferisce alla cessione della divisione Luci;
 il fondo di ristrutturazione si incrementa per effetto dell‟operazione di ristrutturazione che ha interessato
principalmente il personale indiretto; per maggiori dettagli si rimanda alla nota n. 32;
 gli altri fondi sono connessi a potenziali passività fiscali e a contenziosi contrattuali.
19. IMPOSTE DIFFERITE PASSIVE
Si espone di seguito la composizione del saldo al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 per natura delle
differenze temporanee:
118
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Purchase accounting
Leasing finanziari
Storno ammortamenti avviamenti, marchi e terreni
Ammortamenti anticipati
Valutazione attuariale del TFR
Altre
Totale Imposte differite passive
31 dicembre
2012
17.584
953
3.223
24
219
180
22.183
31 dicembre
2011
variazione
17.584
1.035
3.149
35
263
324
22.390
(82)
74
(11)
(44)
(144)
(207)
Il saldo al 31 dicembre 2012 include principalmente le seguenti voci:
 purchase accounting. Il saldo si riferisce alle imposte differite calcolate sulla differenza fra il valore
contabile misurato al fair value delle attività nette acquisite in sede di aggregazione aziendale ed il
valore delle medesime attività nette riconosciuto fiscalmente;
 la voce “leasing finanziari” si riferisce agli effetti fiscali differiti derivanti dalla contabilizzazione dei
beni in leasing in conformità al metodo finanziario;
 storno ammortamenti. Il saldo è riferibile allo storno nel bilancio consolidato di ammortamenti di
immobilizzazioni materiali ed immateriali rilevati nei bilanci di esercizio e riconosciuti ai fini fiscali;
 ammortamenti anticipati. Le imposte differite maturano sugli ammortamenti anticipati non
contabilizzati in bilancio, ma effettuati solo in sede di dichiarazione dei redditi;
 valutazione attuariale del TFR. Come riportato in precedenza, ai fini del bilancio consolidato IFRS, il
TFR viene valutato determinando la passività a finire verso i dipendenti, attraverso ipotesi attuariali
ed attualizzando tale passività. Gli effetti di tale contabilizzazione generano differenze di natura
economica rispetto ai valori riconosciuti fiscalmente, richiedendo pertanto lo stanziamento delle
imposte differite.
20. ALTRE PASSIVITA‟ NON CORRENTI
Si espone di seguito la composizione del saldo delle Altre passività non correnti al 31 dicembre 2012 ed al 31
dicembre 2011:
(in migliaia di Euro)
Risconti passivi di durata pluriennale
Altre voci residuali
Totale Altre passività non correnti
31 dicembre
2012
509
45
554
31 dicembre
2011
554
61
615
variazione
(45)
(16)
(61)
La voce “Risconti passivi di durata pluriennale” è relativa allo storno della plusvalenza realizzata dalla
Capogruppo per la vendita di una porzione di terreno destinata all‟ampliamento dello stabilimento industriale di
Tolentino ed alla costruzione di una palazzina uffici, oggetto di un contratto di lease-back stipulato dalla
Capogruppo a dicembre 2007, i cui lavori iniziati nell‟esercizio 2008 sono terminati nel mese di giugno 2009.
119
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
21. DEBITI COMMERCIALI
La voce dei debiti commerciali pari a Euro 59.197 migliaia al 31 dicembre 2012 (Euro 58.655 migliaia al 31
dicembre 2011) è composta dai debiti di natura commerciale sorti nelle transazioni con fornitori terzi e,
marginalmente, con fornitori del gruppo esclusi dall'area di consolidamento. Tali debiti sono iscritti al netto
degli sconti commerciali e di rettifiche di fatturazione (resi e/o abbuoni) nella misura corrispondente
all‟ammontare definito con la controparte.
Il valore dei debiti commerciali al 31 dicembre 2012 è conseguenza della dinamica degli acquisti ed
investimenti dell‟ultima parte del 2012 e rimane sostanzialmente in linea con il valore al 31 dicembre 2011.
22. DEBITI VERSO BANCHE E ALTRI FINANZIATORI
I debiti verso banche e altri finanziatori sono relativi a scoperti su conti correnti e anticipi concessi da istituti di
credito, da finanziamenti a breve termine e dalla quota corrente dei finanziamenti a medio lungo termine.
Si riporta di seguito il dettaglio della composizione della voce al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011:
(in migliaia di Euro)
Utilizzi delle linee di credito a breve termine
Quota corrente dei finanziamenti a m/l termine
Totale debiti verso banche e altri finanziatori
31 dicembre
2012
32.755
13.082
45.837
31 dicembre
2011
30.512
12.023
42.535
variazione
2.243
1.059
3.302
Relativamente all‟utilizzo delle linee di credito a breve, gli strumenti principalmente adottati dal Gruppo sono
rappresentati da presentazioni di portafoglio commerciale al salvo buon fine e da anticipi export, regolati in
base a tassi di mercato presentati al momento dell‟accensione dell‟operazione. Si segnala che l‟incremento degli
utilizzi delle linee di credito a breve termine rispetto al 31 dicembre 2011 è principalmente conseguenza dei
rimborsi delle quote in scadenza dei finanziamenti a medio-lungo termine.
Si rimanda inoltre a quanto riportato alla nota n. 16 “Finanziamenti a medio-lungo termine” per ulteriori
dettagli.
L‟esposizione a breve relativa agli utilizzi delle linee di credito a breve termine, pari complessivamente a Euro
32.755 migliaia al 31 dicembre 2012 (Euro 30.512 migliaia al 31 dicembre 2011), è riferibile alle seguenti
società del Gruppo:
(in migliaia di Euro)
Poltrona Frau S.p.A.
Cassina S.p.A.
Cap Design S.p.A.
Zhejiang Casanova Furniture Design Co. Ltd.
Poltrona Frau UK Ltd.
Totale Utilizzi delle linee di credito a breve termine
31 dicembre
2012
17.299
14.223
794
387
52
32.755
31 dicembre
2011
17.588
11.476
777
665
6
30.512
variazione
Le quote a breve termine dei finanziamenti a medio-lungo termine sono di seguito esposte:
(289)
2.747
17
(278)
46
2.243
120
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Quota in
scadenza
entro 12
mesi
393
1.070
203
1.000
3.220
6.519
677
(in migliaia di Euro)
Finanziamento Banca delle Marche erogato a Poltrona Frau S.p.A.
Finanziamento Banca Popolare di Ancona erogato a Cap Design S.p.A.
Finanziamento Carilo erogato a Poltrona Frau S.p.A.
Finanziamento Banco Popolare erogato a Poltrona Frau S.p.A.
Finanziamento in pool erogato a Poltrona Frau S.p.A.
Finanziamento in pool erogato a Cassina S.p.A.
Leasing finanziari Poltrona Frau
13.082
Totale quota non corrente dei finanziamenti a medio-lungo termine
Per i dettagli delle singole operazioni di finanziamento a medio-lungo termine si rinvia a quanto descritto in
precedenza alla nota n. 16 "Finanziamenti a medio-lungo termine".
23. DEBITI TRIBUTARI
La voce è principalmente composta da debiti verso l'erario per trattenute operate ai dipendenti o ai
collaboratori, da debiti relativi all'IVA e dai debiti per le imposte sul reddito di competenza del periodo. Si
riporta di seguito un dettaglio della composizione del saldo al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
Debiti tributari per imposte sul reddito
Debiti tributari altri
Totale debiti tributari
31 dicembre
2011
706
1.807
2.513
variazione
2.290
1.635
3.925
(1.584)
172
(1.412)
La voce “Debiti tributati altri” è composta principalmente da ritenute fiscali su redditi da lavoro dipendente.
Si segnala che la Capogruppo ha optato per l‟utilizzo del consolidato fiscale nazionale e che per il periodo
d‟imposta 2012 il perimetro di consolidamento è rimasto invariato rispetto a quello del precedente esercizio.
24. STRUMENTI DERIVATI
Si riporta di seguito un dettaglio dei contratti in essere al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 (i valori
sono esposti in migliaia di Euro):
Società intestataria
Tipologia
Scadenza
31 dicembre 2012
Valore
Nozionale
equo
31 dicembre 2011
Valore
Nozionale
equo
Cassina S.p.A.
Interest Rate Swap (BNL)
31/12/2013
2.000
(68)
4.000
(175)
Cassina S.p.A.
Interest Rate Swap (BNL)
30/06/2016
8.348
(371)
8.233
(230)
Cassina S.p.A.
Interest Rate Swap (Unicredit)
30/06/2016
7.346
(323)
7.245
(199)
Cassina S.p.A.
Flexi Terme (BNL)
12/04/2012
-
-
746
(25)
Poltrona Frau S.p.A.
Interest Rate Swap (BNL)
31/12/2013
2.000
(68)
4.000
(175)
Poltrona Frau S.p.A.
Interest Rate Swap (BNL)
30/06/2016
4.675
(209)
4.610
(129)
Poltrona Frau S.p.A.
Interest Rate Swap (Banco Popolare)
30/06/2016
4.007
(175)
3.952
(104)
Poltrona Frau S.p.A.
Interest Rate Swap (Unicredit)
30/06/2016
3.339
(146)
3.293
(90)
31.715
(1.360)
36.079
(1.127)
121
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Si tratta di contratti a copertura del rischio tasso d‟interesse relativo ai finanziamenti a medio termine; tali
contratti, già in essere al 31 dicembre 2011, sono principalmente relativi a Interest Rate Swap che prevedono
l‟incasso di un tasso variabile (EURIBOR a 3/6 mesi) ed il pagamento di un tasso fisso.
Si precisa che da un punto di vista di rappresentazione contabile, gli utili o le perdite derivanti dalla valutazione
al fair value di tali strumenti finanziari derivati vengono iscritti direttamente a conto economico.
Si veda anche quanto riportato sopra alla nota n. 12 “Strumenti Derivati”.
25. ALTRE PASSIVITA‟ CORRENTI
Si fornisce di seguito la composizione della voce al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011:
(in migliaia di Euro)
Acconti da clienti
Debiti per provvigioni e royalties
Debiti verso personale dipendente
Debiti verso istituti previdenziali
Debito per acquisto partecipazioni
Debiti verso altri
Totale Altre Passività Correnti
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
7.172
3.583
3.681
2.336
3.850
20.622
5.518
4.123
3.409
2.255
500
2.993
18.798
Variazione
1.654
(540)
272
81
(500)
857
1.824
La voce “acconti da clienti” accoglie gli anticipi ricevuti dai clienti relativi a forniture di beni e servizi e relativi
principalmente a commesse contract.
La riduzione della voce “debiti per provvigioni e royalties” è legata al trend dei ricavi del business residenziale e
della conseguente riduzione dei costi per provvigioni e royalties sostenuti nell‟esercizio.
Il decremento della voce “debito per acquisto partecipazioni”, che al 31 dicembre 2011 si riferiva all‟acquisto
del residuo 20% della partecipazione in PF Arabia FZ LLC da parte della Capogruppo, è conseguente al
pagamento alla controparte dell‟ultima tranche avvenuto nel corso del 2012.
26. PASSIVITA‟ DESTINATE ALLA VENDITA
Si veda quanto riportato alla nota n. 14 “Attività destinate alla vendita”.
122
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COMMENTO ALLE VOCI DEL CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO
Per i commenti relativi all‟andamento reddituale del Gruppo nel corso dell‟esercizio in esame si rimanda anche
all‟apposito paragrafo della Relazione sulla Gestione.
27. RICAVI
Si fornisce di seguito la composizione dei ricavi per categoria di attività dell‟esercizio chiuso al 31 dicembre
2012 confrontati con quelli relativi al periodo precedente:
(in migliaia di Euro)
Vendita prodotti
Altri ricavi
Totale Ricavi
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
238.497
8.491
246.988
244.789
6.746
251.535
variazione
(6.292)
1.745
(4.547)
Per quanto concerne l‟analisi dei ricavi per settore ed area geografica si rimanda a quanto già commentato al
paragrafo “Informativa di settore”.
Gli altri ricavi sono di natura residuale e gli importi maggiormente significativi sono riferibili a ricavi per
assistenza, consulenza, recupero spese di trasporto e contributi pubblicitari.
28. COSTI PER MATERIE PRIME E MATERIALI DI CONSUMO
Tale voce accoglie le voci relative ai costi della produzione per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci e
le variazioni delle rimanenze.
I Costi per materie prime e materiali di consumo passano da Euro 93.098 migliaia per l‟esercizio chiuso al 31
dicembre 2011 ad Euro 96.340 migliaia per l‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 con un‟incidenza sui ricavi
che aumenta di circa 2 punti percentuali rispetto all‟esercizio precedente a seguito principalmente di un mix di
ricavi meno favorevole (una diminuzione nel segmento residenziale, storicamente con una marginalità
maggiore, ed una forte crescita negli altri segmenti di business).
Per quanto concerne l‟analisi della redditività operativa si rimanda alle note di commento alle variazioni
reddituali riportate nella Relazione sulla gestione.
29. COSTI PER SERVIZI
Si fornisce di seguito la composizione dei costi per servizi dell‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 confrontati
con quelli relativi al periodo precedente:
123
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Lavorazioni di terzi
Provvigioni e royalties
Consulenze
Comunicazione e marketing
Trasporti e logistica
Manutenzioni
Costi per utenze
Canoni di affitto e noleggio
Altri costi per servizi
Totale Costi per servizi
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
variazione
23.700
8.466
7.994
4.551
9.460
2.203
2.505
9.740
28.237
9.518
8.495
8.627
9.267
1.867
2.372
9.149
(4.537)
(1.052)
(501)
(4.076)
193
336
133
591
9.651
9.437
214
78.270
86.969
(8.699)
I Costi per servizi evidenziano una contrazione complessiva del 10% circa, principalmente attribuibile alla
riduzione dei costi variabili di vendita connessi ai ricavi del settore residenziale; il decremento dei costi di
comunicazione e marketing è il risultato della grande attenzione posta dal management al contenimento delle
spese.
L‟aumento dei costi di canoni di affitto è principalmente imputabile all‟apertura dei nuovi DOS (principalmente
Londra e Colonia) ed al nuovo plant produttivo di Detroit riconducibile a Poltrona Frau Group North America Inc
e relativo al business automotive.
Gli “altri costi per servizi” si riferiscono principalmente alle spese sostenute per spese di viaggio e
rappresentanza, compensi di amministratori e sindaci, costi di ricerca e sviluppo e per altre spese di minore
entità.
30. COSTO DEL PERSONALE
Si fornisce un dettaglio della composizione della voce al 31 dicembre 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
Salari e stipendi
Oneri sociali e previdenziali
Accantonamento TFR
Altri costi del personale
Totale Costo del personale
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
33.278
8.821
1.692
1.712
45.503
31.236
8.745
1.708
2.883
44.572
variazione
2.042
76
(16)
(1.171)
931
L‟incremento del costo del personale rispetto allo scorso esercizio è legato all‟aumento del numero medio di
dipendenti riscontrato nel 2012.
La seguente tabella riporta il numero medio dei dipendenti impiegati dalle società del Gruppo al 31 dicembre
2012 ed al 31 dicembre 2011, ripartiti secondo le principali categorie:
Dirigenti
Quadri e Impiegati
Operai
Totale
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
32
386
539
957
36
365
482
883
124
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
L‟aumento del numero medio dei dipendenti è principalmente riconducibile all‟acquisizione del ramo d‟azienda
a Detroit e relativo al business automotive effettuato dalla controllata Poltrona Frau Group North America Inc.
ed alla costituzione, da parte di Cassina S.p.A., di due nuove società attive nel mercato Far East. Tali eventi
hanno più che compensato la riduzione di personale dovuta al programma di ristrutturazione avviato nella
seconda metà dell‟esercizio 2012.
31. ALTRI COSTI OPERATIVI
Si riporta di seguito il dettaglio degli altri costi operativi al 31 dicembre 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
Oneri diversi di gestione
Svalutazione di crediti
Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni
Imposte e tasse
Totale Altri costi operativi
1.338
396
(1.603)
712
843
31 dicembre 2011
1.022
967
(1.236)
557
1.310
variazione
316
(571)
(367)
155
(467)
32. COSTI DI RISTRUTTURAZIONE
Nel corso del 2012 il Gruppo ha avviato un processo di ristrutturazione che ha interessato principalmente la
Capogruppo Poltrona Frau S.p.A. e la controllata Cassina S.p.A.. Nello specifico, la voce “costi di
ristrutturazione” (Euro 3,9 milioni al 31 dicembre 2012) comprende sia gli incentivi all‟esodo pagati nel corso
dell‟esercizio (Euro 1,5 milioni) che gli oneri che si prevede di sostenere al termine del processo di
ristrutturazione (Euro 2,4 milioni).
Gli obiettivi di tale ristrutturazione sono volti a:


snellire le strutture indirette e le funzioni di staff non collegate agli stabilimenti produttivi e che
risultano sovradimensionate in uno scenario di mercato caratterizzato da una significativa e persistente
flessione della domanda;
realizzare un piano di veloce recupero di redditività e riduzione costi.
Tale processo ha coinvolto le strutture indirette delle due principali società del Gruppo ( Poltrona Frau S.p.A. e
Cassina S.p.A.); il Gruppo ha, infatti, sia rinunciato ad alcune posizioni dirigenziali che avviato le procedure
sindacali per il perfezionamento di due rispettive procedure di mobilità, dichiarando un totale di 30 esuberi
nelle diverse sedi delle Aziende. Le due procedure si sono concluse con due accordi (entrambi siglati nel 4°
trimestre 2012) tra le Aziende e le rispettive parti sindacali che prevedono un periodo di Cassa Integrazione
Guadagni Straordinaria di 12 mesi prima della conclusione del periodo di validità della procedura di mobilità.
Durante il 2012 si è inoltre ricorso alla CIGO (Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria ) per un numero pari a 5
giornate lavorative oltre a trattative gestite su base individuale, che hanno coinvolto tutto il personale delle
Società sopra citate.
33. AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI
Si riporta di seguito il dettaglio degli ammortamenti al 31 dicembre 2012 e 2011:
125
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Ammortamento delle Immobilizzazioni Immateriali
Ammortamento delle Immobilizzazioni Materiali
Totale Ammortamenti
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
1.949
4.619
6.568
variazione
1.741
4.725
6.466
208
(106)
102
34. RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITA‟ E ALTRI ACCANTONAMENTI
La voce “rettifiche di valore di attività e altri accantonamenti “evidenziava un importo pari ad Euro 300 migliaia
al 31 dicembre 2011, principalmente relativo alla chiusura del contratto di locazione degli uffici corporate di
Parigi. Il saldo della voce al 31 dicembre 2012 è pari ad Euro 25 mila e si riferisce ad importi di natura
residuale.
35. RISULTATO DELLE SOCIETA‟ COLLEGATE VALUTATE CON IL METODO DEL PATRIMONIO NETTO
La voce in oggetto comprende gli effetti della valutazione al patrimonio netto delle partecipazioni in società
collegate e Joint Venture, come già illustrato nella nota n. 5 “Partecipazioni”.
Si ricorda che le due Joint Venture PF Emirates LLC e Casa Décor Private Ltd. sono valutate secondo il metodo
del patrimonio netto a partire dall‟esercizio 2012.
36. ONERI E PROVENTI FINANZIARI
La composizione degli oneri e dei proventi finanziari al 31 dicembre 2012 e 2011 è riportata di seguito:
(in migliaia di Euro)
Variazione fair value degli strumenti derivati
Perdite su cambi
Interessi passivi, commissioni ed altri oneri finanziari
Totale Oneri finanziari
Variazione fair value degli strumenti derivati
Utile su cambi
Interessi attivi ed altri proventi finanziari
Totale Proventi finanziari
TOTALE (ONERI) E PROVENTI FINANZIARI NETTI
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
variazione
882
1.273
5.476
7.631
1.112
950
6.009
8.071
(230)
323
(533)
(440)
254
1.049
184
1.487
(6.144)
702
1.762
245
2.709
(5.362)
(448)
(713)
(61)
(1.222)
(782)
Il peggioramento del risultato della gestione finanziaria rispetto all‟esercizio 2011 è principalmente
riconducibile alle maggiori perdite nette derivanti da fair value di contratti di copertura e dalle perdite nette su
cambi realizzate nell‟esercizio pur a fronte dei minori oneri finanziari sostenuti dal Gruppo.
37. IMPOSTE SUL REDDITO
Si riportano di seguito i dati relativi alle imposte sul reddito al 31 dicembre 2012 e 2011:
126
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Imposte correnti
Imposte differite
Totale Imposte
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
4.012
(42)
3.970
5.809
754
6.563
variazione
(1.797)
(796)
(2.593)
Per quanto attiene la fiscalità differita, oltre a quanto rinveniente dal bilancio di esercizio della Capogruppo
Poltrona Frau S.p.A. e delle altre società incluse nell‟area di consolidamento, si ricorda che vengono rilevati gli
effetti fiscali differiti sulle scritture effettuate in sede di consolidamento, dove applicabile, comprese le
rettifiche per adeguare i valori dei bilanci di periodo (predisposti in conformità ai principi contabili del Paese
sede della società controllata) agli IFRS adottati dall'Unione Europea.
La riconciliazione fra l‟onere fiscale da bilancio consolidato e l‟onere fiscale teorico determinato in base
all‟aliquota IRES applicabile alla Capogruppo rispettivamente per l‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 e 2011
è di seguito presentata:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
Risultato prima delle imposte
aliquota IRES in vigore per l'esercizio
Onere fiscale teorico
8.531
27,5%
2.346
11.665
27,5%
3.208
Perdite di controllate considerate non recuperabili
Differenze derivanti da differenti aliquote – IRAP e altre
Altri costi non deducibili
Totale delle differenze
715
568
341
1.624
754
1.906
695
3.355
Totale Imposte da Conto Economico
3.970
6.563
46,5%
56,3%
Aliquota fiscale effettiva
Il carico fiscale complessivo è di ammontare significativo principalmente per la presenza dell‟IRAP – un‟imposta
determinata sul valore aggiunto e particolarmente penalizzante per i gruppi che presentano un costo del
personale elevato ed un indebitamento finanziario – nonché di costi non deducibili a fini IRES.
38. UTILE O (PERDITA) DELLE ATTIVITA‟ DESTINATE ALLA VENDITA
Nella tabella che segue è riportato il dettaglio delle voci di conto economico relative alla contribuzione della
società Artelux S.A. e del ramo d‟azienda “Nemo” al consolidato:
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
6.974
(12.020)
8.474
(9.111)
(1.500)
(2.909)
Risultato operativo
(5.046)
(637)
(4.409)
Proventi/oneri finanziari netti
Imposte
Utile / (perdita) delle attività destinate alla vendita
(47)
1.418
(3.675)
(4)
184
(457)
(43)
1.234
(3.218)
(in migliaia di Euro)
Ricavi
Costi operativi
variazione
127
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Per maggiori dettagli si rimanda a quanto ampiamente illustrato nella Relazione degli Amministratori sulla
Gestione alla note presente nel suddetto documento n.14.
39. UTILE PER AZIONE
L‟utile base per azione è calcolato dividendo l‟utile netto dell‟anno attribuibile agli azionisti ordinari della
Capogruppo per il numero medio ponderato delle azioni ordinarie in circolazione durante il periodo.
L‟utile per azione diluito non evidenzia differenze rispetto all‟utile base per azione in quanto l‟effetto diluitivo
delle potenziali azioni ordinarie legate al piano di stock options non è significativo.
Di seguito si riportano le informazioni utilizzate ai fini del calcolo dell‟utile per azione:
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
1.012
4.599
Numero di azioni ordinarie all‟inizio dell‟esercizio
Azioni emesse nell‟esercizio (giorni di possesso)
140.275.159
-
140.000.000
275.159
Numero di azioni ordinarie alla fine dell‟esercizio
140.275.159
140.275.159
140.275.159
140.275.159
0,01
0,03
-
293.190
140.275.159
140.465.246
0,01
0,03
Utile (perdita) netto attribuibile agli azionisti (Euro/000)
Numero medio ponderato di azioni ordinarie ai fini dell‟utile base per azione
Utile (perdita) base per azione (Euro)
Opzioni su azioni
Numero medio ponderato di azioni ordinarie ai fini dell‟utile diluito per azione
Utile (perdita) diluito per azione (Euro)
(A)
(B)
(C)=(A)/(B)
128
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
40. POSIZIONE FINANZIARIA NETTA
Secondo quanto richiesto dalla comunicazione Consob del 28 luglio 2006 n. DEM/6264293 e in conformità con
la Raccomandazione del CESR del 10 febbraio 2005 “Raccomandazioni per l‟attuazione uniforme del
regolamento della Commissione Europea sui prospetti informativi”, si segnala che la Posizione finanziaria netta
del Gruppo al 31 dicembre 2012 è la seguente:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
variazione
A. Cassa
B. Altre disponibilità liquide
C. Titoli detenuti per la negoziazione
D. Liquidità (A) + (B) + (C)
E. Crediti finanziari correnti
F. Debiti bancari correnti
G. Parte corrente dell‟indebitamento non corrente
H. Altri debiti finanziari correnti
I. Indebitamento finanziario corrente (F)+(G)+(H)
J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) – (E) – (D)
K. Debiti bancari non correnti
L. Obbligazioni emesse
M Altri debiti non correnti
N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M)
O. Indebitamento finanziario netto (J) + (N)
80
8.988
9.068
5.319
(32.755)
(13.082)
(1.360)
(47.197)
(32.810)
(36.265)
(12.164)
(48.429)
(81.239)
343
11.693
12.036
1.060
(30.512)
(12.023)
(1.127)
(43.662)
(30.566)
(46.462)
(12.844)
(59.306)
(89.872)
(263)
(2.705)
(2.968)
4.259
(2.243)
(1.059)
(233)
(3.535)
(2.244)
10.197
680
10.877
8.633
Di cui:
- vs parti correlate
- vs terzi
4.942
(86.181)
2.768
(92.640)
2.174
6.495
La posizione finanziaria netta indicata nella tabella sopra riportata si riconcilia con il totale indebitamento
finanziario netto consolidato presentato in Relazione sulla gestione nel modo seguente:
O. Indebitamento finanziario netto (J) + (N)
Altri crediti finanziari non correnti
Totale Indebitamento finanziario netto
(81.239)
(89.872)
8.633
2.166
1.883
283
(79.073)
(87.989)
8.916
L‟indebitamento finanziario netto migliora di circa Euro 8,9 milioni rispetto al 31 dicembre 2011 a seguito di
effetti con segni contrapposti così riassumibili:
(v)
con segno positivo:
 il flusso potenziale di cassa (EBITDA) del periodo pari a Euro 26 milioni;
 la riduzione di circa Euro 11,4 milioni del capitale circolante netto operativo;
 il credito finanziario derivante dalla cessione della divisione Luci per Euro 0,7 milioni;
(vi)
con segno negativo:
 il pagamento dell‟indennità ai dipendenti del Gruppo a seguito dell‟avvio del piano di
ristrutturazione, indennità di agenzia ed altri pagamenti per complessivi Euro 2,2 milioni;
 gli investimenti netti in immobilizzazioni del periodo, pari a Euro 12,5 milioni;
 oneri finanziari netti ed imposte a conto economico per complessivi Euro 10,1 milioni,
 Il versamento di capitale nella società Casa Decor Private Ltd per Euro 0,7 milioni;
 altre variazioni pari a circa Euro 3,7 milioni derivante dalla cessione della divisione Luci.
129
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
41. RAPPORTI CON PARTI CORRELATE
Rapporti con società Controllate
Le operazioni poste in essere rientrano nella normale gestione dell‟impresa, nell‟ambito dell‟attività tipica di
ciascun soggetto interessato, e sono regolate e concluse a condizioni di mercato.
La seguente tabella mostra la movimentazione dei crediti di natura finanziaria verso le società controllate al 31
dicembre 2012 rispetto all‟esercizio precedente:
(in migliaia di Euro)
Poltrona Frau (UK) Ltd.
Zhejiang Casanova Furniture Co. Ltd.
Cassina France S.A.
Totale
31 dicembre
2011
369
2.032
6.000
8.401
incrementi
decrementi
673
92
765
-
effetto dei
cambi
31 dicembre
2012
1.050
2.089
6.000
9.139
8
(35)
(27)
Rapporti con società Collegate e Joint Venture
I rapporti economici e patrimoniali con le società collegate e Joint Venture sono riepilogati di seguito:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
VENDITE DEL GRUPPO VERSO :
Spazio Washington LLC
Cassina IXC Ltd
K.B.R. Sarl
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
216
7.325
2.076
747
3
146
6.697
58
1.539
605
10
10.367
9.055
4
75
2
12
20
126
8
266
225
288
6
1
7
481
2
9
5
426
495
442
ALTRI RICAVI DEL GRUPPO VERSO
Spazio Washington LLC
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
COSTI DEL GRUPPO VERSO :
K.B.R. Sarl
Cassina IXC Ltd
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
130
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
31 dicembre 2012
(in migliaia di Euro)
CREDITI COMM.LI DEL GRUPPO VERSO :
Spazio Washington LLC
K.B.R. S.a.r.l.
Cassina IXC Ltd.
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
31 dicembre 2011
97
82
1.639
665
443
37
194
111
1.399
1.676
1.007
19
2.963
4.406
4.942
2.769
4.942
2.769
2
2
104
7
203
104
6
126
316
238
96
500
19
96
519
ALTRI CREDITI DEL GRUPPO VERSO :
PF Emirates Interiors LLC
DEBITI COMM.LI DEL GRUPPO VERSO :
K.B.R. S.a.r.l.
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
ALTRI DEBITI DEL GRUPPO VERSO
Firas Alsalih
Alias S.p.A.
Rapporti con Altre parti correlate
Si riportano di seguito i rapporti con le altre parti correlate alla data del 31 dicembre 2012 rispetto all‟esercizio
precedente.
a) Gebrüder Thonet Vienna GmbH
I rapporti in essere si riferiscono alle royalty corrisposte alla società per la commercializzazione dei prodotti a
marchio Thonet da parte dalla Capogruppo. I ricavi conseguiti nell‟esercizio precedente si riferivano alla
cessione del marchio Thonet da parte della società controllata Meno Warehandels GmbH alla Gebrüder Thonet
Vienna GmbH, società austriaca riconducibile al Presidente del Consiglio di Amministrazione di Poltrona Frau
Franco Moschini.
La seguente tabella illustra il dettaglio dei rapporti al 31 dicembre 2012 rispetto al periodo precedente:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
Altri Ricavi
Servizi
10
31 dicembre 2012
300
10
31 dicembre 2011
10
10
Crediti commerciali
Debiti commerciali
131
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
b) PF Real Estate S.r.l.
La PF Real Estate S.r.l. è stata costituita in data 23 dicembre 2005 ed è partecipata al 60% da Charme
Investments S.C.A., al 38% da Moschini S.p.A. e per il residuo 2% da Mosconi & Associati S.r.l. Nel dicembre
2005 la PF Real Estate S.r.l. è stata parte attiva dell‟operazione immobiliare avente ad oggetto la
razionalizzazione del patrimonio immobiliare facente capo a Cassina S.p.A. Si precisa che tale operazione di
razionalizzazione immobiliare rientra nella politica di Gruppo volta a non mantenere la proprietà degli asset
immobiliari delle aziende del Gruppo, anche con l‟obiettivo di agevolare iniziative di investimento future.
La società controllata Cassina S.p.A. ha sottoscritto un contratto di locazione avente ad oggetto il complesso
immobiliare di Meda con la PF Real Estate S.r.l., per un canone mensile oggi pari ad Euro 96 migliaia.
Relativamente a tale contratto a gennaio 2006 Cassina S.p.A. ha versato un deposito cauzionale pari ad Euro
3.600 migliaia ed al 31 dicembre 2012 ha contabilizzato canoni di affitto per l‟esercizio in esame pari ad Euro
1.146 migliaia (Euro 1.146 migliaia al 31 dicembre 2011). Durante l‟esercizio 2012 PF Real Estate S.r.l. ha
fatturato a Cassina S.p.A. un importo pari ad Euro 187 mila relativo a manutenzioni straordinarie eseguite
presso lo stabile di Meda.
c) Ferrari S.p.A.
Poltrona Frau intrattiene da tempo rapporti commerciali con Ferrari S.p.A. il cui presidente del Consiglio di
Amministrazione è il Consigliere Avv. Luca Cordero di Montezemolo. Tali rapporti sono a condizioni di mercato e
sono relativi alla fornitura di interni nonché alla predisposizione di allestimenti personalizzati. La seguente
tabella illustra i rapporti economici intercorsi con Ferrari S.p.A. nel corso dell‟esercizio in esame confrontati con
il periodo precedente:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
Vendite
Altri ricavi
Acquisti
Servizi
21.988
1.144
305
31 dicembre 2012
1.750
206
22.892
1.143
193
36
31 dicembre 2011
1.314
138
Crediti commerciali
Debiti commerciali
d) Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A (“NTV”).
Poltrona Frau ha in essere rapporti commerciali con NTV, in cui il Consigliere Luca Cordero di Montezemolo è
azionista ed ha rivestito la carica di Presidente fino al mese di Ottobre 2012. Si è dunque provveduto a non
indicare NTV come parte correlata per l‟esercizio 2012. I rapporti sono a condizioni di mercato e sono relativi
alla fornitura degli interni per i nuovi treni ad alta velocità. La seguente tabella illustra il dettaglio di tali
rapporti al 31 dicembre 2012:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
Vendite
31 dicembre 2012
-
1.294*
31 dicembre 2011
892**
Crediti commerciali
* di cui al 31 dicembre 2011 ricavi fatturati a società di leasing Euro 1.226 migliaia
** di cui al 31 dicembre 2011 crediti comm.li verso società di leasing Euro 460 migliaia
132
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
e) Firas Alsalih
Nell‟ambito del processo di semplificazione delle strutture societarie ed operative, il Consiglio di
Amministrazione della Capogruppo ha approvato in data 10 maggio 2011 l‟acquisto del 20% del capitale di
Frau Arabia FZ–LLC, permettendo con questa operazione di raggiungere il possesso del 100% della società che
detiene i diritti di commercializzazione in esclusiva nell‟area del Medio Oriente (ad eccezione degli Emirati
Arabi Uniti).
L‟operazione, valutata dal Comitato degli Amministratori Indipendenti e sottoposta ad un parere di congruità
del prezzo pattuito da parte di un esperto indipendente in quanto il socio venditore è l‟Amministratore Delegato
della joint venture PF Emirates Interiors LLC e pertanto parte correlata, è stata finalizzata a fine luglio 2011 con
il pagamento della prima tranche di Euro 730 migliaia e della seconda tranche di Euro 500 migliaia liquidata
nel mese di gennaio 2012.
Al 31 dicembre 2012 non risultano altri rapporti in essere con tale parte correlata.
f) Altri rapporti di natura residuale
Di seguito i saldi al 31 dicembre 2012 confrontati con l‟esercizio precedente relativamente a rapporti di natura
residuale che riguardano principalmente la compravendita di prodotti e servizi con membri del Consiglio di
Amministrazione o società a loro riconducibili.
(In migliaia di Euro)
Vendite
Altri ricavi
Costi per servizi
Crediti commerciali
Debiti commerciali
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
23
172
96
143
68
74
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
53
64
61
26
Ai fini riepilogativi si veda di seguito la tabella che evidenzia l‟incidenza dei saldi verso parti correlate rispetto
al totale della voce di bilancio a cui si riferiscono:
133
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Ricavi di vendita vs parti correlate
Ricavi di vendita - Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
Altri Ricavi e proventi vs parti correlate
Altri Ricavi e proventi- Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
Costi per materie prime e materiali di consumo vs parti correlate
Costi per materie prime e materiali di consumo - Totale consolidato
31 dicembre 2012
32.378
238.497
33.413
244.789
14%
14%
1.465
8.491
1.799
6.746
17%
27%
789
96.340
620
93.098
1%
1%
1.503
78.270
1.281
86.969
2%
1%
Incidenza sulla voce di bilancio
Costi per servizi vs parti correlate
Costi per servizi - Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
(in migliaia di Euro)
Crediti commerciali vs parti correlate
Crediti commerciali - Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
Altre attività non correnti vs parti correlate
Altre attività non correnti - Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
Altre attività correnti vs parti correlate
Altre attività correnti - Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
Debiti commerciali vs parti correlate
Debiti commerciali – Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
Altre passività correnti vs parti correlate
Altre passività correnti – Totale consolidato
Incidenza sulla voce di bilancio
31 dicembre 2011
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
4.766
52.110
6.673
58.920
9%
11%
3.600
7.443
3.600
7.235
48%
50%
4.942
14.264
2.769
9.462
35%
29%
973
59.197
777
58.655
2%
1%
132
20.622
519
18.798
1%
3%
134
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
42. PARTECIPAZIONI IN SOCIETA‟ A CONTROLLO CONGIUNTO
La Capogruppo detiene una partecipazione del 49% in PF Emirates LLC, impresa a controllo congiunto. La quota
delle attività che Poltrona Frau S.p.A. controlla congiuntamente e la quota delle passività per le quali è
congiuntamente responsabile, nonché la quota dei ricavi e costi dell‟entità a controllo congiunto sono di
seguito dettagliate:
(in migliaia di Euro)
Attività non correnti
Attività correnti
TOTALE ATTIVO
Patrimonio Netto
Passività non correnti
Passività correnti
TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO
RICAVI
COSTI OPERATIVI
ONERI E PROVENTI FINANZIARI
RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE
IMPOSTE SUL REDDITO
UTILE (PERDITA) DELL‟ESERCIZIO
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
1.170
8.665
9.835
5.890
103
3.842
9.835
997
12.757
13.754
6.365
114
7.275
13.754
5.295
(5.600)
(53)
(358)
(358)
6.766
(6.674)
(11)
81
81
Si segnala inoltre che la Capogruppo detiene una partecipazione del 50% in Casa Décor Private Limited,
impresa a controllo congiunto. La quota delle attività che Poltrona Frau S.p.A. controlla congiuntamente e la
quota delle passività per le quali è congiuntamente responsabile, nonché la quota dei ricavi e costi dell‟entità a
controllo congiunto sono di seguito dettagliate:
(in migliaia di Euro)
Attività non correnti
Attività correnti
TOTALE ATTIVO
Patrimonio Netto
Passività non correnti
Passività correnti
TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO
RICAVI
COSTI OPERATIVI
ONERI E PROVENTI FINANZIARI
RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE
IMPOSTE SUL REDDITO
UTILE (PERDITA) DELL‟ESERCIZIO
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
54
2.778
2.832
450
61
2.321
2.832
68
1.862
1.930
143
44
1.743
1.930
2.755
(3.097)
(76)
(418)
(418)
1.984
(2.335)
(84)
(435)
(435)
Non vi sono passività potenziali o impegni finanziari in capo alla Capogruppo derivanti dalle società a controllo
congiunto.
135
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
IMPEGNI E PASSIVITA‟ POTENZIALI
Alla data del 31 dicembre 2012 risultano in essere fideiussioni, per complessivi Euro 11.208 migliaia (Euro
9.653 migliaia al 31 dicembre 2011), rilasciate principalmente a favore di clienti del settore contract.
OPERAZIONI SIGNIFICATIVE NON RICORRENTI, ATIPICHE E/O INUSUALI
Ai sensi della Delibera Consob n. 15519 del 27 luglio 2006 in merito agli schemi di bilancio, relativamente agli
effetti derivanti da eventi o operazioni il cui accadimento risulta non ricorrente ovvero da quelle operazioni o
fatti che non si ripetono frequentemente nel consueto svolgimento dell‟attività si evidenziano i costi di
ristrutturazione, pari ad Euro 3,9 milioni.
Per dettagli si veda anche quanto riportato alla nota n. 32 “Costi di ristrutturazione”;
CONVERSIONE DEI BILANCI DI IMPRESE ESTERE
I tassi di cambio utilizzati per la conversione in Euro dei bilanci delle società estere sono stati i seguenti:
Dollaro Statunitense (USD)
Sterlina (GBP)
Renminbi (CNY)
Yen Giapponese (JPY)
Dirham (AED)
Dinaro Tunisino (TND)
Rial Qatar (QAR)
Rupia Indiana (INR)
Dollaro Hong-Kong (HKD)
Al 31 Dicembre 2012
Medi 2012
Al 31 Dicembre 2011
Medi 2011
1,319
0,816
8,221
113,610
4,846
2,046
4,804
72,560
10,226
1,285
0,811
8,105
102,492
4,719
2,006
4,678
68,597
9,969
1,294
0,835
8,159
100,200
4,752
1,936
4,712
68,713
n/a
1,392
0,868
8,996
110,959
5,113
1,957
5,069
64,847
n/a
136
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Altre informazioni
PARTECIPAZIONI IN SOCIETÀ CONTROLLATE E COLLEGATE AL 31 DICEMBRE 2012 (AI SENSI DELL‟ART. 38,
COMMA 2, DEL D.LGS. 127/91)
Elenco delle partecipazioni in società controllate consolidate con il metodo integrale
%
detenuta
100%
100%
67%
100%
100%
% di
Gruppo
100%
100%
67%
100%
100%
Cassina S.p.A.
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
Cassina S.p.A.
Cassina S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
Poltrona Frau S.p.A.
60%
60%
Poltrona Frau S.p.A.
100%
100%
Cassina S.p.A.
100%
100%
Cassina S.p.A.
100%
100%
Denominazione sociale
Sede
Controllante diretta
Poltrona Frau UK Ltd.
Poltrona Frau PTE Ltd.
Frau U.S.A. Corporation
Frau France S.a.r.l.
Cap Design S.p.A.
Poltrona Frau Group North America
Inc.
Cassina S.p.A.
Cassina France S.A.
Artelux S.A.
DieciDieci S.r.l.
Londra – UK
Singapore – S
New York – USA
Parigi – Francia
Meda, Milano – I
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
New York – USA
Poltrona Frau Deutschland GmbH
Beijing Casanova Furniture Design Co.
Ltd.(*)
Meno Warehandels GmbH (*)
Zhejiang Casanova Furniture Design
Co. Ltd.
Cassina Pacific Ltd
Cassina Shanghai Trading Co. Ltd
Meda, Milano – I
Parigi – Francia
Tremblay – Francia
Bologna – I
Monaco di Baviera –
Germ.
Beijing – Rep. Pop.
Cinese
Vienna – Austria
Zhejiang – Rep. Pop.
Cinese
Hong Kong – Rep. Pop.
Cinese
Shanghai – Rep. Pop.
Cinese
(*) Società entrata in liquidazione nel corso del secondo semestre 2012
Elenco delle partecipazioni valutate con il metodo del Patrimonio Netto
Grumello del Monte – I
Euro
Capitale sociale (in unità di
valuta)
510.308
Mumbai – India
INR
213.377.660
Poltrona Frau S.p.A.
50%
50%
PF Emirates Interiors LLC (**)
Milano – Italia
AED
10.000.000
(**) Società valutata secondo il metodo del patrimonio netto a partire dall‟esercizio 2012
Poltrona Frau S.p.A.
49%
49%
Denominazione sociale
Alias S.p.A.
Casa Décor Private Ltd (**)
Sede
Valuta
Società
partecipante
Cassina S.p.A.
%
detenuta
49%
% di
gruppo
49%
137
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Elenco delle partecipazioni in altre società
Denominazione sociale
Sede
Valuta
Cassina IXC Ltd.
Celi S.p.A.
Fondazione Studio - Museo Vico Magistretti
Tokio – J
Stroncone – I
Milano – Italia
Yen
Euro
Euro
K.B.R. S.a.r.l.
Spazio Washington LLC
Capitale sociale (in
unità di valuta)
400.294
2.363.837
248.500
Cassina S.p.A.
Poltrona Frau S.p.A.
Cassina S.p.A.
%
detenuta
12%
5%
0,4%
% di
gruppo
12%
5%
0,4%
Società partecipante
Tunisi – Tunisia
TND
18.000
Poltrona Frau S.p.A.
20%
20%
Washington - USA
USD
100.000
Frau U.S.A. Corporation
30%
20%
FATTI DI RILIEVO DOPO LA CHIUSURA DELL‟ ESERCIZIO
Con riferimento ai fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell‟esercizio 2012, si rimanda a quanto illustrato
nella Relazione degli Amministratori sulla Gestione.
138
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
ATTESTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO AI SENSI DELL‟ART. 81-TER DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971
DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI
1. I sottoscritti Dario Rinero, Amministratore Delegato e Cesare Parachini, Dirigente preposto alla redazione
dei documenti contabili societari di Poltrona Frau S.p.A. attestano, tenuto anche conto di quanto previsto
dall‟art. 154-bis, commi 3 e 4, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58:


l‟adeguatezza in relazione alle caratteristiche dell‟impresa e
l‟effettiva applicazione delle procedure amministrative e contabili per la formazione del bilancio
consolidato nel corso dell‟esercizio 2012.
2. Al riguardo, sono state definite le procedure amministrative e contabili per la formazione del bilancio
consolidato al 31 dicembre 2012 e la valutazione della loro adeguatezza è stata effettuata sulla base di
una metodologia definita da Poltrona Frau S.p.A. in coerenza con il framework “Il sistema di controllo
interno” e tiene anche conto del documento “Il controllo interno per l‟attendibilità del financial reporting –
Strumenti di riferimento per il management”, entrambi elaborati dal Committee of Sponsorizing
Organizations of the Treadway Commission (CoSO), che rappresentano un modello di riferimento
generalmente accettato a livello internazionale.
3. Si attesta, inoltre, che:
3.1 il bilancio consolidato al 31 dicembre 2012:
a) è redatto in conformità ai principi contabili internazionali applicabili riconosciuti nella Comunità
europea ai sensi del regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19
luglio 2002;
b) corrisponde alle risultanze dei libri e delle scritture contabili;
c) è idoneo a fornire una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale, economica
e finanziaria dell‟emittente e dell‟insieme delle imprese incluse nel consolidamento.
3.2 La relazione sulla gestione comprende un‟analisi attendibile dell‟andamento e del risultato della
gestione, nonché della situazione dell‟emittente e dell‟insieme delle imprese incluse nel consolidamento,
unitamente alla descrizione dei principali rischi e incertezze cui sono esposti.
Milano, 14 marzo 2013
L‟Amministratore Delegato
Dario Rinero
Il Dirigente preposto alla redazione
dei documenti contabili societari
Cesare Parachini
139
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
140
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
141
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Cassina, Volage, Philippe Starck, 2012
142
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Poltrona Frau S.p.A.
Bilancio d‟esercizio al 31 dicembre 2012
143
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
144
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Situazione Patrimoniale Finanziaria
(valori espressi in Euro)
ATTIVITA' NON CORRENTI
Avviamento
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
Partecipazioni
Altre attività non correnti
Note
1
2
3
4
5
di cui vs parti correlate
Attività per imposte anticipate
TOTALE ATTIVITA' NON CORRENTI
ATTIVITA' CORRENTI
Rimanenze
Crediti commerciali
3.139.327
7
8
24.500.708
31.322.090
24.292.884
41.237.822
10.559.223
9
TOTALE PATRIMONIO NETTO
PASSIVITA' NON CORRENTI
Finanziamenti a medio-lungo termine
Benefici ai dipendenti
Fondi rischi e oneri
Imposte differite passive
Altre passività non correnti
TOTALE PASSIVITA' NON CORRENTI
20.359.654
10.680.410
9.010.078
15.371
3.291.141
69.001.694
165.690.268
4.990.706
81.201.822
174.729.740
34.809.622
2.529.888
5.193.178
(778.880)
(2.159.787)
34.816.207
2.592.501
5.053.438
1.648.912
(2.427.791)
12
39.594.021
41.683.267
13
14
15
16
17
24.898.999
2.823.602
2.304.684
2.103.507
509.272
32.640.064
28.077.305
2.682.801
7.880.267
2.197.136
554.208
41.391.717
18
di cui vs parti correlate
TOTALE PASSIVITA' CORRENTI
9.872.384
5.446.228
10
11
di cui vs parti correlate
2.400.773
1.308.561
93.527.918
Strumenti derivati
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
TOTALE ATTIVITA' CORRENTI
TOTALE ATTIVO
PATRIMONIO NETTO
Capitale sociale
Riserva sovrapprezzo azioni
Altre riserve
Utili / (perdite) di esercizi precedenti
Utile / (perdita) dell‟esercizio
Debiti verso banche e altri finanziatori
Debiti tributari
Strumenti derivati
Altre passività correnti
5.191.195
24.929.869
58.906.546
3.191.747
1.644.452
96.688.574
di cui vs parti correlate
PASSIVITA' CORRENTI
Debiti commerciali
499.162
5.588.724
25.676.107
59.463.513
3.816.616
31 dicembre
2011
6
di cui vs parti correlate
Altre attività correnti
31 dicembre
2012
145
35.002.061
3.262.875
19
20
21
22
22.686.827
1.079.385
598.080
34.089.830
26.678.071
32.254.605
2.137.168
23.354.970
3.005.381
498.659
32.541.142
26.850.178
93.456.183
91.654.756
TOTALE PASSIVITA'
126.096.247
133.046.473
TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO
165.690.268
174.729.740
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Conto Economico
(valori espressi in Euro)
Note
Ricavi di vendita
106.201.765
di cui vs parti correlate
33.202.103
Altri ricavi e proventi
11.477.521
di cui vs parti correlate
7.080.134
RICAVI
23
Costi per materie prime e materiali di consumo
24
di cui vs parti correlate
Costi per servizi
25
26
27
28
RISULTATO OPERATIVO
30
31
31
RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE
Imposte sul reddito
UTILE O (PERDITA) DELL'ESERCIZIO
(32.479.268)
(22.379.060)
(366.640)
(1.923.896)
(1.923.896)
29
TOTALE COSTI OPERATIVI
Proventi (Oneri) da partecipazioni
Oneri finanziari
Proventi finanziari
(51.831.679)
(2.014.796)
di cui di natura non ricorrente
Ammortamenti e svalutazioni
117.679.286
(1.122.064)
di cui vs parti correlate
Costo del personale
Altri costi operativi
Costi di ristrutturazione
31 dicembre 2012
32
31 dicembre 2011
111.901.132
32.994.521
9.938.736
7.452.007
121.839.868
(52.754.233)
(1.967.227)
(35.206.410)
(2.532.277)
(22.738.082)
(188.102)
-
(3.820.822)
(3.642.373)
(112.801.365)
(114.529.200)
4.877.921
7.310.668
(2.738.899)
(4.110.016)
755.399
(4.204.206)
(4.148.856)
1.052.240
(1.215.595)
9.846
(944.192)
(2.437.637)
(2.159.787)
(2.427.791)
146
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Conto Economico Complessivo
(valori espressi in Euro)
UTILE / (PERDITA) DELL‟ESERCIZIO
Utili / (perdite) dalla rideterminazione di attività finanziarie disponibili per la vendita
("available for sale")
Disavanzo relativo alla fusione per incorporazione di società controllate
Effetto fiscale relativo agli Altri utili / (perdite)
Totale Altri utili / (perdite) al netto dell'effetto fiscale
TOTALE UTILE / (PERDITA) COMPLESSIVO
31 dicembre
2012
147
31 dicembre
2011
(2.159.787)
(2.427.791)
-
-
(2.159.787)
(2.427.791)
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Rendiconto Finanziario
(in migliaia di Euro)
Note
FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' OPERATIVE
Utile / (perdita) dell'esercizio
31
dicembre
2012
148
31
dicembre
2011
(2.160)
(2.428)
3.821
1.436
84
338
(197)
(78)
(92)
(428)
(1.175)
3.643
4.619
302
40
(88)
(142)
(58)
638
(3.674)
6.594
(208)
2.746
(1.916)
(5.426)
(3.219)
898
1.066
8.765
(3.829)
143
(3.356)
(1.660)
(1.133)
504
(1.104)
(1.701)
37
(1.674)
(6.006)
(3.938)
3.000
(5.428)
(2.069)
32
(669)
744
957
(1.026)
-
2.000
(4.764)
(2.096)
31
(67)
10.054
4.102
(853)
242
FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO (ASSORBITO) DALL'ATTIVITA' FINANZIARIA (C)
(4.459)
8.649
FLUSSO DI CASSA COMPLESSIVO (D=A+B+C)
(1.700)
882
DISPONIBILITA' LIQUIDE NETTE ALL'INIZIO DELL'ESERCIZIO (E)
4.991
4.109
DISPONIBILITA' LIQUIDE NETTE ALLA FINE DELL'ESERCIZIO (F=D+E)
3.291
4.991
Rettifiche per riconciliare l'utile (perdita) del periodo al flusso di cassa generato (assorbito) dalle attività
operative:
Ammortamenti
Accantonamenti e Svalutazioni
Variazione fair value strumenti finanziari
Accantonamenti a fondo trattamento di fine rapporto
Pagamento trattamento di fine rapporto
Pagamento indennità suppletiva clientela
Minusvalenze (Plusvalenze) su vendite di attività non correnti
Variazioni di imposte anticipate e imposte differite
Imposte pagate nell‟esercizio
29
10/21
14
14
15
6/16
Variazioni nelle attività e passività operative:
Crediti commerciali
Rimanenze
Debiti commerciali
Altre - nette
8
7
18
FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO (ASSORBITO) DALLE ATTIVITA' OPERATIVE (A)
FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' DI INVESTIMENTO
Incassi dalla vendita di immobilizzazioni materiali e immateriali
Immobilizzazioni materiali acquistate
Immobilizzazioni immateriali acquistate
Cessione partecipazioni
Acquisizione partecipazioni / versamenti aumenti capitale sociale o copertura perdite
3
2
4
4
FLUSSO DI CASSA NETTO GENERATO (ASSORBITO) DALLE ATTIVITA' DI INVESTIMENTO (B)
FLUSSO DI CASSA DA ATTIVITA' FINANZIARIA
Erogazioni di finanziamenti bancari a medio - lungo termine
Rimborso di finanziamenti bancari a medio - lungo termine
Interessi pagati nell‟esercizio
Interessi incassati nell‟esercizio
Variazione netta delle altre attività / passività non correnti
Variazione netta delle altre passività finanziarie a breve / medio termine
Vendita azioni proprie
Acquisto azioni proprie
Aumento di capitale sociale
13
13
31
31
12
12
12
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto
(migliaia di Euro)
Saldi al 31 dicembre 2010
Aumento capitale sociale
Utilizzo riserve per copertura perdita esercizi precedenti
Pagamento dividendi
Rilevazione costi piani di stock options
Acquisto azioni proprie
Vendita azioni proprie
Altri movimenti
Totale Utile (Perdita) complessivo
Saldi al 31 dicembre 2011
Aumento capitale sociale
Utilizzo riserve per copertura perdita esercizi precedenti
Pagamento dividendi
Rilevazione costi piani di stock options
Acquisto azioni proprie
Vendita azioni proprie
Altri movimenti
Totale Utile (Perdita) complessivo
Saldi al 31 dicembre 2012
Capitale
sociale
Riserva
sovrapprezzo
azioni
33.879
4.322
69
173
(4.322)
Altre
Riserve
Disavanzo
di fusione
8.562
(2.667)
(949)
Utili
(perdite)
riportati a
nuovo
(3.623)
34.816
(600)
2.981
39
2.593
(2.428)
(780)
41.683
1
(2.160)
140
(1.026)
957
(2.160)
(2.939)
39.594
(39)
7.721
(2.667)
140
(273)
267
(753)
690
(1)
34.810
2.530
7.860
(2.667)
40.473
242
147
(853)
4.102
(2.428)
5.271
147
(253)
1.121
Totale
Patrimonio
netto
149
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
NOTE ILLUSTRATIVE
FORMA E CONTENUTO
Poltrona Frau S.p.A., fondata nel 1912, è una società di diritto italiano con sede legale a Torino, via Vincenzo
Vela, 42. Poltrona Frau S.p.A., società quotata al segmento Star della Borsa di Milano, è la Capogruppo di uno
dei principali gruppi italiani leader internazionale nel design e nel settore dell‟arredamento di alta gamma, che
attorno allo storico marchio di arredamento ha creato un vero e proprio “polo del design”, con lo scopo di
coniugare l‟autonomia e la specificità di ognuno dei brand e delle rispettive storie aziendali che compongono il
Gruppo, con una visione unitaria della crescita e della penetrazione all‟estero, della promozione e delle strategie
commerciali.
Il bilancio separato di Poltrona Frau S.p.A. al 31 dicembre 2012 è stato redatto in conformità agli International
Financial Reporting Standards (di seguito anche “IFRS”) emanati dall‟International Accounting Standards Board
(“IASB”) e adottati dall‟Unione Europea secondo la procedura di cui all‟art. 6 del Regolamento (CE) n.
1606/2002 del Parlamento Europeo e dal Consiglio del 19 luglio 2002, nonché ai provvedimenti emanati in
attuazione dell‟art. 9 del D. Lgs. N. 38/2005.
I principi contabili adottati per la redazione del bilancio d‟esercizio al 31 dicembre 2012 sono omogenei a quelli
utilizzati al 31 dicembre 2011 fatta eccezione per quanto riportato di seguito al paragrafo “Variazioni di
principi contabili e informativa”. Nessuna deroga all‟applicazione degli IFRS è stata applicata nella redazione
del presente bilancio d‟esercizio.
Il bilancio separato è costituito dalla situazione patrimoniale finanziaria, dal conto economico, dal prospetto
delle variazioni del patrimonio netto e dal rendiconto finanziario, redatti secondo quanto previsto dallo IAS 1 e
dalle note al bilancio redatte secondo quanto previsto dagli IFRS.
Si specifica che il conto economico è classificato in base alla natura dei costi, includendo altresì la voce “costi
di ristrutturazione” nella quale sono classificati i costi di natura non ricorrente legati al progetto di
riorganizzazione della società, al fine di consentire una migliore comprensibilità e misurabilità dell‟andamento
effettivo della normale gestione operativa. In ogni caso si riporta all‟apposito paragrafo nelle note al bilancio il
dettaglio dei costi di ristrutturazione. Lo stato patrimoniale in attività e passività correnti/non correnti, mentre
il rendiconto finanziario è presentato utilizzando il metodo indiretto.
Il bilancio separato è stato redatto in base al principio del costo, ad eccezione degli strumenti finanziari derivati
la cui valutazione è stata effettuata in base al principio del “valore equo” (“ fair value”). Gli schemi del bilancio
d‟esercizio sono presentati in unità di Euro, mentre tutti gli altri valori sono arrotondati alle migliaia di Euro
tranne quando diversamente indicato.
Si precisa infine che, con riferimento alla Delibera Consob n. 15519 del 27 luglio 2006 in merito agli schemi di
bilancio, sono stati evidenziati, qualora di importo significativo, le seguenti sottovoci: nei prospetti di stato
patrimoniale, conto economico e rendiconto finanziario gli ammontari delle posizioni o transizioni con parti
correlate; nel prospetto di conto economico, i componenti di reddito (positivi e/o negativi) derivanti da eventi o
operazioni il cui accadimento risulta non ricorrente ovvero da quelle operazioni o fatti che non si ripetono
frequentemente nel consueto svolgimento dell‟attività. Tali componenti di reddito sono evidenziati nelle voci di
costo o di ricavo di riferimento.
150
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
PRINCIPI CONTABILI
Immobilizzazioni immateriali
Le immobilizzazioni immateriali acquisite separatamente sono iscritte nell‟attivo al costo di acquisto quando è
probabile che l‟uso dell‟attività genererà benefici economici futuri e quando il costo dell‟attività può essere
determinato in modo attendibile. Le immobilizzazioni immateriali acquisite attraverso operazioni di
aggregazione di imprese sono iscritte al valore equo definito alla data di acquisizione, se tale valore corrente
può essere determinato in modo attendibile.
Le immobilizzazioni immateriali prodotte internamente, ad eccezione dei costi di sviluppo, non sono
capitalizzate e si rilevano nel conto economico dell‟esercizio in cui sono state sostenute.
Le immobilizzazioni immateriali possono avere vita utile definita o indefinita, in particolare sono presenti le
seguenti categorie di immobilizzazioni immateriali, la cui vita utile è stata definita come descritto:
-
marchi
-
costi di sviluppo
-
diritti di brevetto ind.le di utilizzazione di opere dell‟ingegno
-
concessioni, licenze e diritti similari
vita utile indefinita
vita utile definita
vita utile definita
vita utile definita
Dopo la rilevazione iniziale, le immobilizzazioni immateriali a vita utile definita sono iscritte al costo al netto
dei fondi di ammortamento e di eventuali perdite di valore accumulate. Il periodo e il metodo di ammortamento
ad esse applicato viene riesaminato alla fine di ciascun esercizio finanziario o più frequentemente se
necessario.
Le aliquote di ammortamento utilizzate con riferimento alle attività immateriali a vita utile definita sono le
seguenti:
-
costi di sviluppo
5 anni
-
diritti di brevetto ind.le di utilizzazione delle opere dell'ingegno
10 anni
-
concessioni, licenze e diritti similari
3 anni
I costi di ricerca vengono spesati direttamente a conto economico nel periodo in cui vengono sostenuti.
I costi di sviluppo sostenuti in relazione a un determinato progetto sono capitalizzati solo quando si può
dimostrare la possibilità tecnica di completare l‟attività immateriale in modo da renderla disponibile per l‟uso o
per la vendita, la propria intenzione di completare detta attività per utilizzarla o cederla a terzi, le modalità in
cui essa genererà probabili benefici economici futuri, la disponibilità di risorse tecniche, finanziarie o di altro
tipo per completare lo sviluppo, la sua capacità di valutare in modo attendibile il costo attribuibile all‟attività
durante il suo sviluppo e l‟esistenza di un mercato per i prodotti e servizi derivanti dall‟attività ovvero
dell‟utilità a fini interni. I costi di sviluppo capitalizzati comprendono le sole spese sostenute che possono essere
attribuite direttamente al processo di sviluppo.
Successivamente alla rilevazione iniziale, i costi di sviluppo sono iscritti al costo al netto dei fondi
ammortamento e di ogni eventuale perdita di valore rilevata secondo le modalità precedentemente descritte per
le immobilizzazioni immateriali a vita utile definita.
151
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le immobilizzazioni immateriali con vita utile definita, oltre ad essere sottoposte al citato processo di
ammortamento, basato sulla durata della loro vita utile, vengono altresì sottoposte a test di congruità (c.d.
impairment test) nel caso esistano indicazioni di una possibile perdita di valore.
Dopo la rilevazione iniziale, le immobilizzazioni immateriali a vita utile indefinita non sono ammortizzate e
vengono mantenute al valore di costo al netto di eventuali perdite di valore accumulate. Le immobilizzazioni
immateriali a vita utile indefinita vengono sottoposte ad impairment test con frequenza annuale o maggiore a
livello individuale o a livello di unità generatrice di cassa, nel caso in cui si verifichino eventi o cambiamenti
che possano far emergere eventuali perdite di valore.
Immobilizzazioni materiali
Le immobilizzazioni materiali sono iscritte al costo storico d‟acquisto al netto del relativo fondo di
ammortamento e di eventuali perdite per riduzione di valore accumulate. L‟ammortamento è calcolato a quote
costanti in base alla vita utile stimata del bene.
L‟ammortamento, che inizia quando il bene diviene disponibile per l‟uso ed entra a far parte del ciclo
produttivo, è calcolato a quote costanti in base alla vita utile stimata del bene e tenuto conto del suo valore
residuo. Le aliquote di ammortamento utilizzate, che rispecchiano la vita utile generalmente attribuita alle varie
categorie di beni, non modificate rispetto all‟esercizio precedente, sono le seguenti:
-
fabbricati
da 10 a 33 anni
-
impianti e macchinari
da 8 a 11 anni
-
attrezzature industriali e commerciali
4 anni
-
altre
da 4 a 8 anni
I terreni, avendo una vita utile illimitata, non sono soggetti ad ammortamento.
Il valore contabile delle immobilizzazioni materiali è sottoposto a verifica per rilevare eventuali perdite di valore
quando eventi o cambiamenti indicano che il valore contabile non può essere recuperato, secondo il piano di
ammortamento stabilito. Se esiste un‟indicazione di questo tipo e nel caso in cui il valore contabile ecceda il
valore presumibile di realizzo, le attività o le unità generatrici di flussi finanziari a cui i beni sono allocati
vengono svalutate fino a riflettere il loro valore di realizzo.
Il valore residuo del bene, la vita utile e i metodi applicati sono rivisti con frequenza annuale e adeguati se
necessario alla fine di ciascun esercizio.
Beni in locazione finanziaria e operativa
I contratti di locazione finanziaria, che sostanzialmente trasferiscono alla Capogruppo tutti i rischi ed i benefici
derivanti dalla proprietà del bene locato, sono capitalizzati tra le immobilizzazioni materiali dalla data di inizio
del leasing al fair value del bene locato o, se minore, al valore attuale dei canoni di leasing. Nel passivo viene
iscritto un debito di pari importo, che viene progressivamente ridotto in base al piano di rimborso delle quote di
capitale incluse nei canoni contrattualmente previsti.
I canoni di leasing sono ripartiti tra quota capitale e quota interessi, in modo da ottenere l‟applicazione di un
tasso di interesse costante sul saldo residuo del debito (quota capitale). Gli oneri finanziari sono addebitati a
conto economico. I beni sono ammortizzati applicando il criterio e le aliquote indicate nel paragrafo precedente
Immobilizzazioni materiali.
152
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
I contratti nei quali il locatore conserva sostanzialmente tutti i rischi ed i benefici tipici della proprietà sono
classificati come operativi. I canoni di leasing operativo sono imputati a conto economico negli esercizi di
durata del contratto.
Le eventuali operazioni di vendita (sale) e concomitante operazione di leasing finanziario (lease back) per il
"riacquisto" - attraverso un contratto di leasing - del bene originariamente di proprietà sono rilevate
contabilmente quale operazione di finanziamento. I beni oggetto dell‟operazione sono mantenuti nell‟attivo
patrimoniale in continuità di trattamento contabile, ed un debito viene rilevato nel passivo in contropartita ai
flussi finanziari derivanti dalla vendita. L'eventuale plusvalenza derivante dalla vendita che si dovesse
determinare è rilevata nel conto economico secondo il criterio della competenza. Ciò comporta l'iscrizione tra i
risconti passivi e l'imputazione graduale tra i proventi del conto economico, in base alla durata del contratto di
leasing.
Perdite di valore delle attività (impairment)
Ad ogni data di bilancio, il Gruppo rivede il valore contabile delle proprie attività materiali e immateriali a vita
utile definita per determinare se vi siano indicazioni che queste attività abbiano subito riduzioni di valore
(impairment indicator) . Qualora queste indicazioni esistano, viene stimato l‟ammontare recuperabile di tali
attività per determinare l‟importo della svalutazione (impairment test). Dove non è possibile stimare il valore
recuperabile di un‟attività individualmente, il Gruppo effettua la stima del valore recuperabile dell‟unità
generatrice di flussi finanziari a cui l‟attività appartiene.
L‟ammontare recuperabile è il maggiore fra il fair value dedotti i costi di vendita e il valore d‟uso. Il fair value, in
assenza di un accordo di vendita vincolante, è stimato sulla base dei valori espressi da un mercato attivo, da
transazioni recenti ovvero sulla base delle migliori informazioni disponibili per riflettere l‟ammontare che
l‟impresa potrebbe ottenere dalla vendita del bene.
Nella valutazione del valore d‟uso i flussi di cassa futuri stimati sono scontati al valore attuale utilizzando un
tasso al netto delle imposte che riflette le valutazioni correnti del mercato del valore del denaro e dei rischi
specifici dell‟attività.
Se l‟ammontare recuperabile di un‟attività (o di un‟unità generatrice di flussi finanziari) è stimato essere
inferiore rispetto al valore contabile, il valore contabile dell‟attività è ridotto al minor valore recuperabile. La
perdita di valore è rilevata a conto economico.
Quando una svalutazione non ha più ragione di essere mantenuta, il valore contabile dell‟attività (o di un‟unità
generatrice di flussi finanziari) è incrementato al nuovo valore contabile derivante dalla stima del suo valore
recuperabile, ma non oltre il valore netto di carico che l‟attività avrebbe avuto se non fosse stata effettuata la
svalutazione per perdita di valore. Il ripristino del valore è imputato a conto economico.
L‟avviamento e le attività immateriale a vita utile indefinita sono sottoposte a verifica per riduzione di valore
ogni anno o più frequentemente, ogniqualvolta vi sia indicazione che l‟attività possa aver subito una perdita di
valore.
Partecipazioni
Le partecipazioni in società controllate e collegate sono iscritte al costo rettificato in presenza di perdite
durevoli di valore, determinate sulla base di un apposito test di impairment.
153
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Altre attività non correnti
I crediti ed i finanziamenti inclusi fra le attività non correnti sono valutati in base al metodo del costo
ammortizzato. I crediti con scadenza superiore ad un anno, infruttiferi o che maturano interessi inferiori al
mercato, sono attualizzati utilizzando i tassi di mercato.
Rimanenze
Le rimanenze sono iscritte al minore tra il costo di acquisto o di produzione e il valore netto di realizzo
rappresentato dall‟ammontare che l‟impresa si attende di ottenere dalla loro vendita nel normale svolgimento
dell‟attività. La configurazione di costo adottata è quella del metodo del costo medio ponderato. Il costo medio
ponderato include gli oneri accessori di competenza riferiti agli acquisti del periodo. La valutazione delle
rimanenze di magazzino include i costi diretti dei materiali e del lavoro e i costi indiretti di produzione. Sono
inoltre stanziati dei fondi svalutazione per materiali, prodotti finiti, pezzi di ricambio e altre forniture
considerate obsolete o a lenta rotazione, tenuto conto del loro atteso utilizzo futuro atteso e del loro valore di
realizzo.
I lavori su ordinazione sono valutati in base alla percentuale di completamento determinata sulla base del
rapporto tra i costi di commessa sostenuti alla data di bilancio e la stima dei costi totali e sono esposti al netto
di eventuali fondi svalutazione. Eventuali perdite su tali contratti sono rilevati a conto economico nella loro
interezza nel momento in cui diventano note.
Crediti commerciali
I crediti commerciali sono iscritti al loro fair value identificato dal valore nominale e successivamente ridotto
per le eventuali perdite di valore attraverso lo stanziamento di un apposito fondo svalutazione crediti. I crediti
commerciali la cui scadenza non rientra nei normali termini commerciali e che non sono produttivi di interessi,
vengono attualizzati.
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
La cassa e le altre disponibilità liquide equivalenti sono iscritte, a seconda della loro natura, al valore nominale
ovvero al costo ammortizzato.
Finanziamenti a lungo termine
I finanziamenti a lungo termine, sono inizialmente iscritti al fair value incrementato dei costi dell‟operazione;
successivamente vengono valutati al costo ammortizzato, rappresentato dal valore iniziale, al netto dei rimborsi
in linea capitale già effettuati, rettificato (in aumento o in diminuzione) in base all‟ammortamento (utilizzando
il metodo dell‟interesse effettivo) di eventuali differenze fra il valore iniziale e il valore alla scadenza.
Fondi relativi al personale
I benefici garantiti ai dipendenti erogati in coincidenza o successivamente alla cessazione del rapporto di lavoro
attraverso programmi a benefici definiti (per le società italiane, il trattamento di fine rapporto) sono
riconosciuti nel periodo di maturazione del diritto.
La passività relativa ai programmi a benefici definiti, al netto delle eventuali attività al servizio del piano, è
determinata sulla base di ipotesi attuariali ed è rilevata per competenza coerentemente alle prestazioni di
lavoro necessarie per l‟ottenimento dei benefici; la valutazione della passività è effettuata da attuari
indipendenti.
154
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Altri benefici ai dipendenti
Secondo quanto stabilito dall‟IFRS 2 (Pagamenti basati su azioni), le stock options a favore dei dipendenti
vengono valorizzate al fair value al momento dell‟assegnazione delle stesse (grant date) secondo modelli che
tengono conto di fattori ed elementi (il prezzo di esercizio dell‟opzione, la durata dell‟opzione, il prezzo corrente
delle azioni sottostanti, il tasso d‟interesse per un investimento a rischio zero lungo la vita dell‟opzione) vigenti
al momento dell‟assegnazione.
Se il diritto diviene esercitabile dopo un certo periodo e/o al verificarsi di certe condizioni di performance
(vesting period), in tal caso il valore complessivo delle opzioni viene ripartito pro-rata temporis lungo il periodo
suddetto e iscritto in una specifica voce di patrimonio netto denominata con contropartita la voce di conto
economico Costi del personale (trattandosi di un corrispettivo in natura erogato al dipendente avente lo scopo
di fidelizzarlo e di incentivarlo alle performance aziendali).
Alla fine di ogni esercizio il fair value di ogni opzione precedentemente determinato non viene rivisto né
aggiornato, ma rimane acquisito nel patrimonio netto a titolo definitivo; a tale data viene invece aggiornata la
stima del numero di opzioni che matureranno fino alla scadenza (e quindi del numero dei dipendenti che
avranno diritto a esercitare le opzioni). La variazione di stima viene portata a incremento o riduzione della
citata voce di patrimonio netto con contropartita nella voce di conto economico Costi del personale.
Alla scadenza dell‟opzione l‟importo iscritto nella citata voce di patrimonio netto viene riclassificato come
segue: la quota parte di patrimonio netto relativa alle opzioni esercitate viene riclassificata alla Riserva da
sovrapprezzo delle azioni, mentre la parte relativa alle opzioni non esercitate viene riclassificata alla voce Utili
(perdite) a nuovo.
I piani di assegnazione azionaria a favore dei dipendenti regolati per contanti ( cash-settled share-based
payment) sono inizialmente valutati al valore equo alla data di assegnazione usando un calcolo attuariale e
tenendo conto della formula per determinare il prezzo di rivendita alla società e dei termini e condizioni che
disciplinano l‟attribuzione dello strumento. Tale valore equo è spesato nel periodo fino alla maturazione con
rilevazione di una passività corrispondente.
La passività viene ricalcolata a ciascuna data di chiusura di bilancio fino alla data di regolamento compresa,
con tutte le variazioni del valore equo rilevate a conto economico.
Debiti commerciali ed altre passività correnti diverse dagli strumenti finanziari
I debiti commerciali, la cui scadenza rientra nei normali termini commerciali, sono iscritti inizialmente al costo
(identificato dal valor nominale) e non sono attualizzati.
Fondi rischi ed oneri
I fondi per rischi e oneri riguardano costi e oneri di natura determinata e di esistenza certa o probabile che alla
data di chiusura del periodo di riferimento sono indeterminati nell‟ammontare o nella data di sopravvenienza.
Gli accantonamenti sono rilevati quando si è in presenza di una obbligazione attuale (legale o implicita) che
deriva da un evento passato, qualora sia probabile un esborso di risorse per soddisfare l‟obbligazione e possa
essere effettuata una stima attendibile sull‟ammontare dell‟obbligazione.
Gli accantonamenti sono iscritti al valore rappresentativo della migliore stima dell‟ammontare che l‟impresa
pagherebbe per estinguere l‟obbligazione ovvero per trasferirla a terzi alla data di chiusura del periodo. Se
l‟effetto di attualizzazione del valore del denaro è significativo, gli accantonamenti sono determinati
attualizzando i flussi finanziari futuri attesi ad un tasso di sconto ante imposte che riflette la valutazione
corrente del mercato del costo del denaro in relazione al tempo. Quando viene effettuata l‟attualizzazione,
l‟incremento dell‟accantonamento dovuto al trascorrere del tempo è rilevato come onere finanziario.
155
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Strumenti finanziari derivati
La Società utilizza strumenti finanziari derivati quali swap su tassi di interesse e contratti a termine in valuta a
copertura dei rischi derivanti principalmente dalle fluttuazioni dei tassi di interesse e di cambio. Questi
strumenti finanziari derivati sono inizialmente rilevati al fair value (o valore equo) alla data in cui sono
stipulati; successivamente tale fair value viene periodicamente rimisurato. Sono contabilizzati come attività
quando il valore equo è positivo e come passività quando è negativo.
Eventuali utili o perdite risultanti da variazioni del valore equo di derivati non idonei per l‟hedge accounting
sono imputati direttamente a conto economico nell‟esercizio.
Il valore equo dei contratti a termine in valuta è determinato con riferimento ai tassi di cambio a termine
correnti per contratti di simile profilo di scadenza. Il valore equo dei contratti di swap su tassi d‟interesse è
determinato con riferimento al valore di mercato per strumenti similari.
Rilevazione dei ricavi
I ricavi sono rilevati nella misura in cui è probabile che i benefici economici siano conseguiti dalla Società e il
relativo importo possa essere determinato in modo affidabile. I seguenti criteri specifici di rilevazione dei ricavi
devono essere rispettati prima dell‟imputazione a conto economico:
Vendita di beni
I ricavi delle vendite di beni sono rilevati al fair value quando i rischi ed i benefici della proprietà dei beni sono
trasferiti all‟acquirente e ciò normalmente coincide con il momento di spedizione della merce. I ricavi sono
rappresentati al netto di sconti e abbuoni.
Prestazioni di servizi
I ricavi per la prestazione di servizi sono rilevati al momento della fornitura degli stessi.
Dividendi
I dividendi sono rilevati quando è maturato il diritto degli azionisti a riceverne il pagamento.
Oneri e proventi finanziari
I proventi e gli oneri finanziari sono rilevati per competenza sulla base degli interessi maturati sul valore netto
delle relative attività e passività finanziarie utilizzando il tasso di interesse effettivo.
Imposte sul reddito
Imposte correnti
Le imposte correnti attive e passive per l‟esercizio corrente e precedenti sono valutate all‟importo che ci si
attende di recuperare o corrispondere alle autorità fiscali. Le aliquote e la normativa fiscale utilizzate per
calcolare l‟importo sono quelle emanate alla data di chiusura di bilancio.
Imposte differite
Le imposte sul reddito differite e anticipate sono calcolate utilizzando il c.d. liability method sulle differenze
temporanee tra i valori patrimoniali iscritti nel bilancio e i corrispondenti valori riconosciuti ai fini fiscali. Sono
inoltre rilevate attività per imposte anticipate sulle perdite fiscali riportabili a nuovo della Società.
156
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le imposte differite passive sono rilevate a fronte di tutte le differenze temporanee tassabili, ad eccezione:
–
–
di quando le imposte differite passive derivino dalla rilevazione iniziale dell‟avviamento o di un‟attività o
passività in una transazione che non è una aggregazione aziendale e che, al tempo della transazione stessa,
non comporti effetti né sull‟utile dell‟esercizio calcolato a fini di bilancio né sull‟utile o sulla perdita
calcolati a fini fiscali;
con riferimento a differenze temporanee tassabili associate a partecipazioni in controllate, collegate e joint
venture, nel caso in cui il rigiro delle differenze temporanee può essere controllato ed è probabile che esso
non si verifichi nel futuro prevedibile.
Le imposte anticipate sono rilevate a fronte di tutte le differenze temporanee deducibili e per le attività e
passività fiscali portate a nuovo, nella misura in cui sia probabile l‟esistenza di adeguati imponibili fiscali futuri
che possano rendere applicabile l‟utilizzo delle differenze temporanee deducibili e delle attività e passività
fiscali portate a nuovo, eccetto il caso in cui:
–
–
l‟imposta differita attiva collegata alle differenze temporanee deducibili derivi dalla rilevazione iniziale di
un‟attività o passività in una transazione che non è un‟aggregazione aziendale e che, al tempo della
transazione stessa, non influisce né sull‟utile dell‟esercizio calcolato a fini di bilancio né sull‟utile o sulla
perdita calcolati a fini fiscali;
con riferimento a differenze temporanee tassabili associate a partecipazioni in controllate, collegate e joint
venture, le imposte differite attive sono rilevate solo nella misura in cui sia probabile che le differenze
temporanee deducibili si riverseranno in futuro e che vi siano adeguati imponibili fiscali a fronte dei quali
le differenze temporanee possano essere utilizzate.
L‟iscrizione di attività per imposte anticipate è effettuata quando il loro recupero è ritenuto probabile, in base
alla stimata disponibilità futura di imponibili fiscali sufficienti al realizzo delle imposte anticipate stesse. La
recuperabilità delle attività per imposte anticipate viene riesaminata ad ogni chiusura di periodo.
Le imposte differite attive e passive sono misurate in base alle aliquote fiscali che ci si attende vengano
applicate all‟esercizio in cui tali attività si realizzano o tali passività si estinguono, considerando le aliquote in
vigore e quelle già emanate o sostanzialmente emanate alla data di bilancio.
Le imposte sul reddito relative a poste rilevate direttamente a patrimonio netto sono imputate direttamente a
patrimonio netto e non a conto economico.
Le imposte differite attive e passive vengono compensate, qualora esista un diritto legale a compensare le
attività per imposte correnti con le passività per imposte correnti e le imposte differite facciano riferimento alla
stessa entità fiscale ed alla stessa autorità fiscale.
Conversione delle poste in valuta
La valuta funzionale e di presentazione adottata dalla Società è l‟Euro. Le transazioni in valuta estera sono
rilevate, inizialmente, al tasso di cambio in essere alla data dell‟operazione.
Le attività e le passività monetarie denominate in valuta estera sono riconvertite nella valuta funzionale al
tasso di cambio in essere alla data di chiusura del bilancio.
Le poste non monetarie valutate al costo storico in valuta estera sono convertite utilizzando il tasso di cambio
in vigore alla data di iniziale rilevazione dell‟operazione. Le poste non monetarie iscritte al fair value sono
convertite utilizzando il tasso di cambio alla data di determinazione di tale valore.
157
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Azioni proprie
Le azioni proprie sono iscritte in riduzione del patrimonio netto. In particolare, il valore nominale delle azioni
proprie è contabilizzato in riduzione del capitale sociale emesso mentre l‟eccedenza del valore di acquisto
rispetto al valore nominale è portata a riduzione delle Altre riserve.
Cancellazione di strumenti finanziari
La cancellazione degli strumenti finanziari avviene quando la Società non detiene più i diritti contrattuali degli
strumenti finanziari. Questo normalmente avviene quando lo strumento viene venduto, o quando i flussi
finanziari generati dallo strumento passano attraverso una terza parte indipendente.
Uso di stime
La redazione del bilancio e delle relative note in applicazione degli IFRS richiede da parte della Società
l‟effettuazione di stime e di ipotesi che hanno effetto sui valori delle attività e delle passività del bilancio e
sull‟informativa relativa ad attività e passività potenziali alla data della stessa. I risultati a consuntivo
potrebbero differire da tali stime. Le stime sono utilizzate per rilevare gli accantonamenti per rischi su crediti,
per obsolescenza di magazzino, ammortamenti, svalutazioni di attivo, benefici ai dipendenti, imposte ed
accantonamenti per rischi ed oneri. Le stime e le ipotesi sono riviste periodicamente e gli effetti di ogni
variazione sono riflessi immediatamente a conto economico.
I principali processi valutativi per i quali la Società ha fatto ricorso ad uso di stime sono relativi all‟esecuzione
delle verifiche di perdite di valore delle attività (impairment test).
Utile per azione
L‟utile per azione è calcolato dividendo l‟utile netto del periodo attribuibile agli azionisti ordinari della Società
per il numero medio ponderato delle azioni ordinarie in circolazione nel periodo di riferimento.
Ai fini del calcolo dell‟utile diluito per azione, la media ponderata delle azioni in circolazione è modificata
assumendo la conversione di tutte le potenziali azioni aventi effetto diluitivo.
Variazioni di principi contabili e informativa
I principi contabili adottati per la redazione del bilancio separato al 31 dicembre 2012 sono omogenei a quelli
adottati nell‟esercizio precedente.
Principi contabili, emendamenti e interpretazioni efficaci dal 1° gennaio 2012 e non rilevanti per la Società
In data 7 ottobre 2010, lo IASB aveva pubblicato alcuni emendamenti al principio IFRS 7 – Strumenti finanziari:
Informazioni integrative, da applicarsi per la Società dal 1° gennaio 2012 in maniera prospettiva. Gli
emendamenti sono stati emessi con l‟intento di migliorare la comprensione delle transazioni di trasferimento
(derecognition) delle attività finanziarie, inclusa la comprensione dei possibili effetti derivanti da qualsiasi
rischio rimasto in capo all‟impresa che ha trasferito tali attività. Gli emendamenti, inoltre, richiedono maggiori
informazioni nel caso in cui un ammontare sproporzionato di tali transazioni sia posto in essere in prossimità
della fine di un periodo contabile.
L‟adozione di tale modifica non ha prodotto significativi effetti sull‟informativa fornita nella presente Relazione
finanziaria annuale e sulla valutazione delle relative poste di bilancio.
158
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
In data 20 dicembre 2010, lo IASB ha emesso un emendamento minore allo IAS 12 – Imposte sul reddito che
chiarisce la determinazione delle imposte differite sugli investimenti immobiliari valutati al fair value. La
modifica introduce la presunzione che le imposte differite relative agli investimenti immobiliari valutati al fair
value secondo lo IAS 40 devono essere determinate tenendo conto che il valore contabile sarà recuperato
attraverso la vendita. Conseguentemente a tale emendamento il SIC-21 – Imposte sul reddito: Recuperabilità di
un‟attività non ammortizzabile rivalutata non sarà più applicabile. L‟emendamento deve essere applicato in
modo retrospettivo dal 1° gennaio 2012.
Principi contabili, emendamenti ed interpretazioni non ancora applicabili e non adottati in via anticipatadalla
Società
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 10 – Bilancio Consolidato, che sostituirà il SIC-12 Consolidamento: Società a destinazione specifica (società veicolo) e parti dello IAS 27 – Bilancio consolidato e
separato, il quale sarà rinominato Bilancio separato e disciplinerà il trattamento contabile delle partecipazioni
nel bilancio separato. Il nuovo principio muove dai principi esistenti, individuando nel concetto di controllo il
fattore determinante ai fini del consolidamento di una società nel bilancio consolidato della controllante. Esso
fornisce, inoltre, una guida per determinare l‟esistenza del controllo laddove sia difficile da accertare. Il
principio deve essere applicato in modo retrospettivo, al più tardi, dagli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1°
gennaio 2014.
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 11 – Accordi a controllo congiunto, che sostituirà
lo IAS 31 – Partecipazioni in Joint Venture ed il SIC-13 – Imprese a controllo congiunto: Conferimenti in natura
da parte dei partecipanti al controllo. Il nuovo principio fornisce dei criteri per l‟individuazione degli accordi di
compartecipazione basati sui diritti e sugli obblighi derivanti dagli accordi piuttosto che sulla forma legale degli
stessi e stabilisce, come unico metodo di contabilizzazione delle partecipazioni in imprese a controllo congiunto
nel bilancio consolidato, il metodo del patrimonio netto. Il principio deve essere applicato in modo
retrospettivo, al più tardi, dagli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2014. A seguito dell‟emanazione
del principio, lo IAS 28 – Partecipazioni in imprese collegate e stato emendato per comprendere nel suo ambito
di applicazione, dalla data di efficacia del principio, anche le partecipazioni in imprese a controllo congiunto.
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 12 – Informativa sulle partecipazioni in altre
entità, che costituisce un nuovo e completo principio sulle informazioni addizionali da fornire su ogni tipologia
di partecipazione, ivi incluse quelle su imprese controllate, gli accordi a controllo congiunto, imprese collegate,
società a destinazione specifica ed altre società veicolo non consolidate. Il principio deve essere applicato in
modo retrospettivo, al più tardi, dagli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2014.
In data 12 maggio 2011, lo IASB ha emesso il principio IFRS 13 – Misurazione del fair value, che chiarisce come
deve essere determinato il fair value ai fini del bilancio e si applica a tutti i principi IFRS che richiedono o
permettono la misurazione del fair value o la presentazione di informazioni basate sul fair value. Il principio
deve essere applicato in modo prospettico dal 1° gennaio 2013.
In data 16 giugno 2011, lo IASB ha emesso un emendamento allo IAS 1 – Presentazione del bilancio, che
richiede alle imprese di raggruppare tutti i componenti presentati tra gli Altri utili/(perdite) complessivi a
seconda che essi possano o meno essere riclassificati successivamente a conto economico. L‟emendamento deve
essere applicato dagli esercizi aventi inizio dopo o dal 1° luglio 2012.
159
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
In data 16 giugno 2011, lo IASB ha emesso un emendamento allo IAS 19 – Benefici ai dipendenti applicabile in
modo retrospettivo dall‟esercizio avente inizio dal 1° gennaio 2013. L‟emendamento modifica le regole di
riconoscimento dei piani a benefici definiti e dei termination benefits. Le principali variazioni apportate in
merito ai piani a benefici definiti riguardano il riconoscimento totale, nella situazione patrimoniale e
finanziaria, del deficit o surplus del piano, l‟introduzione dell‟onere finanziario netto e la classificazione degli
oneri finanziari netti sui piani a benefici definiti.
In data 16 dicembre 2011, lo IASB ha emesso alcuni emendamenti allo IAS 32 – Strumenti Finanziari:
esposizione nel bilancio, per chiarire l‟applicazione di alcuni criteri per la compensazione delle attività e delle
passività finanziarie presenti nello IAS 32. Gli emendamenti devono essere applicati in modo retrospettivo per
gli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2014.
In data 16 dicembre 2011, lo IASB ha emesso alcuni emendamenti all‟IFRS 7 – Strumenti finanziari:
informazioni integrative. L‟emendamento richiede informazioni sugli effetti o potenziali effetti derivanti da
diritti alla compensazione delle attività e passività finanziarie sulla situazione patrimoniale-finanziaria. Gli
emendamenti devono essere applicati per gli esercizi aventi inizio dal o dopo il 1° gennaio 2013 e periodi
intermedi successivi a tale data. Le informazioni devono essere fornite in modo retrospettivo.
Alla data della presente Relazione finanziaria annuale, inoltre, gli organi competenti dell‟Unione Europea non
hanno ancora concluso il processo di omologazione necessario per l‟adozione dei seguenti principi contabili ed
emendamenti:


In data 12 novembre 2009, lo IASB ha pubblicato il principio IFRS 9 – Strumenti finanziari;
In data 17 maggio 2012, lo IASB ha emesso un insieme di modifiche agli IFRS (“Annual Improvement to
IFRS‟s –2009-2011 Cycle”).
160
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COMMENTO ALLE VOCI DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE FINANZIARIA
1. AVVIAMENTO
Il saldo della voce al 31 dicembre 2012 ammonta ad Euro 500 mila e si riferisce all‟avviamento derivante dalla
fusione per incorporazione di Casanova S.r.l. avvenuta nel corso del 2012.
2. IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI
Si fornisce di seguito la composizione delle Immobilizzazioni Immateriali al 31 dicembre 2012 e 2011:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2011
1.083
971
3.535
5.589
Costi di sviluppo
Diritti di brevetto industriale e di util.ne delle opere dell'ingegno
Concessioni, licenze e diritti simili
Totale delle Altre immobilizzazioni immateriali
variazione
744
950
3.497
5.191
339
21
38
398
e la loro relativa movimentazione:
(in migliaia di Euro)
Valore netto contabile al 31 dicembre 2011
Acquisti
Dismissioni
Ammortamenti
Valore netto contabile al 31 dicembre 2012
Costi di
sviluppo
capitalizzati
744
786
(447)
1.083
Diritti brevetti
ind.li e opere
d‟ingegno
950
836
(815)
971
Concessioni,
licenze e diritti
simili
3.497
38
3.535
Totale
5.191
1.660
(1.262)
5.589
I costi di sviluppo, pari ad Euro 1.083 migliaia al 31 dicembre 2012, si sono incrementati per la prototipazione
di nuovi prodotti, principalmente riferiti al business residenziale.
I diritti di brevetto industriale, pari ad Euro 971 migliaia al 31 dicembre 2012, si riferiscono alle spese per la
tutela e la registrazione di brevetti su modelli ornamentali nonché ai costi relativi all‟acquisto ed
implementazione di software gestionali. L‟incremento del periodo è principalmente relativo ad acquisto e
sviluppo di nuovi software.
La voce relativa a Concessioni, licenzee diritti simili è composta principalmente dal marchio "Frau", posseduto
dalla Società ed iscritto per un valore pari ad Euro 3.316 migliaia. Tale intangibile, è stato considerato a vita
utile indefinita e pertanto sottoposto ad impairment test per identificare eventuali riduzione di valore. Tale
verifica, effettuata al 31 dicembre 2012 non ha comportato alcuna rettifica del valore iscritto.
161
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
3. IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI
Si riporta di seguito la composizione al 31 dicembre 2012 e 2011 della voce Immobilizzazioni materiali:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2011
16.641
7.203
330
1.395
107
25.676
Terreni e fabbricati
Impianti e macchinario
Attrezzature industriali e commerciali
Altre
Immobilizzazioni in corso ed acconti
Totale delle Immobilizzazioni Materiali
variazione
16.256
7.309
328
1.004
33
24.930
385
(106)
2
391
74
746
Si riporta di seguito il dettaglio del costo storico e dei fondi ammortamenti relativi alle Immobilizzazioni
Materiali al 31 dicembre 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
Terreni e
fabbricati
Impianti e
macchinario
Attrezzature
ind.li e
comm.li
Altri
beni
Immob. in
c.so ed
acconti
Totale
Costo storico al 31 dicembre 2011
Fondo ammortamento al 31 dicembre 2011
Valore netto contabile al 31 dicembre 2011
23.840
(7.584)
16.256
13.139
(5.830)
7.309
3.928
5.486
(3.600) (4.482)
328
1.004
33 46.426
- (21.496)
33
24.930
Costo storico al 31 dicembre 2012
Fondo ammortamento al 31 dicembre 2012
Valore netto contabile al 31 dicembre 2012
25.255
(8.614)
16.641
14.067
(6.864)
7.203
4.707
6.051
(4.377) (4.656)
330
1.395
107 50.187
- (24.511)
107 25.676
Si riporta di seguito la movimentazione delle Immobilizzazioni Materiali per l'esercizio chiuso al 31 dicembre
2012:
(in migliaia di Euro)
Valore netto contabile al 31 dicembre 2011
Acquisti
Dismissioni
Ammortamenti
Riclassifiche
Valore netto contabile al 31 dicembre 2012
Terreni e
fabbricati
16.256
1.222
(857)
20
16.641
Impianti e
macchinario
7.309
1.020
(51)
(1.075)
7.203
Attrezzature
ind.li e
comm.li
328
180
(178)
330
Altri
beni
1.004
840
(449)
1.395
Immob.
in c.so ed
acconti
33
94
(20)
107
Totale
24.930
3.356
(51)
(2.559)
25.676
La voce dei Terreni e fabbricati, pari ad Euro 16.641 migliaia al 31 dicembre 2012, è composta sia dagli
immobili di proprietà che da quelli in leasing finanziario detenuti da Poltrona Frau S.p.A. (stabilimenti produttivi
ed uffici siti in Tolentino - MC).
Gli Impianti e macchinari, che comprendono sia beni di proprietà che in leasing finanziario, ammontano ad Euro
7.203 migliaia al 31 dicembre 2012. Gli impianti in leasing finanziario comprendono principalmente l‟impianto
fotovoltaico integrato sul tetto del fabbricato industriale presso la sede di Tolentino (MC) e che può vantare
una capacità produttiva nominale pari a 1,4 Megawatt. Gli incrementi dell‟esercizio sono riconducibili agli
investimenti in macchine ed impianti impiegati nella produzione e nella realizzazione del nuovo Museo Poltrona
Frau costruito presso la sede di Tolentino (MC) e la cui inaugurazione è avvenuta nel corso del mese di Febbraio
2013.
162
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
La voce delle attrezzature industriali e commerciali pari ad Euro 330 migliaia al 31 dicembre 2012 riguarda gli
investimenti per l‟acquisto di stampi ed attrezzature per la produzione.
La variazione degli Altri beni, che ammontano ad Euro 1.395 migliaia, è relativa principalmente all‟acquisto di
mobili, arredi e macchine d‟ufficio elettroniche.
4. PARTECIPAZIONI
Si riporta di seguito un dettaglio della movimentazione delle Partecipazioni nel corso dell'esercizio chiuso al 31
dicembre 2012:
(in migliaia di Euro)
Imprese controllate
Imprese collegate e JV
Altre imprese
Totale Partecipazioni
31 dicembre 2011
57.614
1.160
133
58.907
Incrementi
6.482
725
7.207
Decrementi
(6.232)
(418)
(6.650)
31 dicembre 2012
57.864
1.467
133
59.464
Le partecipazioni rappresentano un investimento duraturo e strategico da parte della società e sono valutate,
nel rispetto del principio della continuità dei criteri di valutazione, al costo di acquisto o di sottoscrizione,
comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione.
Si precisa inoltre che su nessuna partecipazione esistono restrizioni alla disponibilità da parte della società
partecipante, né esistono diritti d'opzione o altri privilegi.
Gli incrementi dell‟esercizio si riferiscono a versamenti in conto capitale o rinunce a crediti e finanziamenti a
favore delle società controllate. Poltrona Frau S.p.A. ha effettuato aumenti di capitale sociale per Euro 1.550
migliaia nella controllata Zhejiang Casanova Furniture Design Co. Ltd. e per Euro 1.598 migliaia nella
controllata Poltrona Frau UK Ltd. Nel corso dell‟esercizio poi, la Capogruppo ha effettuato una rinuncia al
credito finanziario di Euro 3.724 vantato verso la controllata Meno Warehandels GmbH ed erogato nel corso dei
precedenti esercizi in diverse tranche. Infine, Poltrona Frau S.p.A. ha effettuato due rinunce di crediti
commerciali a favore di Frau France S.a.r.l. per un totale di Euro 4 milioni e a favore della controllata Beijing
Casanova Furniture Design Co. Ltd. per Euro 32 migliaia.
In relazione alle partecipazioni detenute da Poltrona Frau S.p.A. è stato condotto un test di impairment
verificando l‟eventuale esistenza di perdite di valore per le partecipazioni in società controllate, confrontando il
valore recuperabile delle stesse al netto della posizione finanziaria al 31 dicembre 2012 (“Valore Economico”)
con i relativi valori contabili di carico alla data del 31 dicembre 2012; a seguito del risultato dei test si è
proceduto a svalutare le suddette partecipazioni per un valore rispettivamente pari a Euro 1,5 milioni,
riconducili a Euro 0,7 milioni relativi alla società Poltrona Frau UK Ltd, Euro 0,4 milioni relativi alla società Casa
Décor Private Ltd ed Euro 0,4 relativi alla società Frau France Sarl.
Si rileva inoltre l‟adeguamento della partecipazione detenuta in Zhejiang Casanova Furniture Design Co. Ltd per
Euro 0,8 milioni al valore presunto di mercato. Per maggiori di dettagli si veda quanto descritto nel paragrafo
“Fatti significativi successivi al 31 dicembre 2012” del Bilancio Consolidato.
163
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
164
Le principali ipotesi utilizzate dalla Capogruppo per il calcolo del valore recuperabile (valore in uso) riguardano:
a) La stima dei flussi operativi futuri;
b) Il tasso di sconto;
c) Il tasso finale di crescita.
Con riguardo al punto a) la Capogruppo ha formulato un‟ipotesi della possibile evoluzione delle attività nel
periodo 2013 – 2015 presentata in occasione del Consiglio di Amministrazione nel mese di novembre 2012.
I tassi di attualizzazione utilizzati rappresentano le correnti valutazioni di mercato del valore temporale danaro
e dei rischi specifici dell‟attività caratteristica aziendale. In particolare, si è ritenuto corretto utilizzare un tasso
rappresentativi del costo del capitale di rischio unlevered pari al 9,8%.
Nell‟elaborazione del test di impairment il valore terminale è stato determinato utilizzando un tasso di crescita
(“g rate”) dell‟1%.
Inoltre, anche sulla base delle indicazioni contenute nel documento congiunto di Banca d‟Italia, Consob e ISVAP
n.4 del 4 marzo 2010, il Gruppo ha provveduto ad elaborare analisi di sensitività sui risultati del test rispetto
alle variazioni degli assunti di base che condizionano il valore d‟uso delle Cash Generating Unit, senza che siano
emersi ulteriori indicatori di perdita diversi da quelli sopra citati.
Si riporta di seguito una tabella riepilogativa delle partecipazioni detenute alla data del 31 dicembre 2012,
riportante i valori di patrimonio netto e del risultato di esercizio registrati al 31 dicembre 2012 (ovvero relativi
all‟ultimo bilancio approvato), il valore di carico, il valore del fondo svalutazione partecipazioni ed il valore
dell‟eventuale fondo rischi accantonato al passivo (valori espressi in Euro migliaia):
% di
possesso
PN in
quota
(359)
(1.014)
(296)
231
657
(364)
444
(8)
23
(754)
(71)
(1.511)
100%
100%
67%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
100%
60%
1.183
(141)
356
1.039
2.219
4.234
42.379
(99)
53
736
4
51.963
Valore al
31
dicembre
2012
5.574
2.157
751
497
19.834
49.751
259
154
4.217
6.234
89.428
(16)
12.020
900
12.904
(2)
(475)
(418)
(895)
20%
49%
50%
(3)
5.890
450
6.337
1.765
1.765
81
81
5%
88
88
Patrimonio
netto
Risultato
Frau France S.a.r.l.
Poltrona Frau U.K. Ltd.
Frau USA Corporation
Diecidieci S.r.l.
Poltrona Frau (Asia Pacific) PTE Ltd.
Cap Design S.p.A.
Cassina S.p.A.
PF Deutschland GmbH
Beijing Casanova Furniture Co. Ltd.
Zhejiang Casanova Co. Ltd.
Meno Warehandels GmbH
Totale Società Controllate
1.183
(141)
532
1.039
2.219
4.234
42.379
(99)
53
736
7
52.142
KBR S.a.r.l.
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Totale Società Collegate e JV
Denominazione
Celi S.p.A.
Totale Altre imprese
Totale
Valore partecipazioni al netto del fondo svalutazione
F.do
svalutazione
partecipazioni
F.do rischi
partecipazioni
(4.390)
(1.935)
(15.236)
(259)
(90)
(3.480)
(6.174)
(31.564)
(91)
(91)
3
1.020
1.669
2.692
(3)
(1.222)
(1.225)
-
133
133
-
-
92.253
59.464
(32.789)
(91)
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
5. ALTRE ATTIVITA‟ NON CORRENTI
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione della voce al 31 dicembre 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2011
Finanziamenti ad imprese controllate
Depositi cauzionali
Altre voci
Totale altre attività non correnti
2.401
192
599
3.192
Incrementi
Decrementi
1.124
1.124
31 dicembre 2012
(385)
(22)
(92)
(499)
3.140
170
507
3.817
Gli incrementi sono principalmente riconducibili all‟erogazione di un finanziamento alla controllata Poltrona
Frau UK Ltd. per Euro 682 migliaia ed all‟effetto della variazione dei cambi sui finanziamenti in valuta in essere
con le controllate estere; i decrementi sono relativi al parziale rimborso di un finanziamento in essere con la
società Il America Ltd ed alla riclassifica della quota a breve dello stesso finanziamento nella voce “Altre
attività correnti”.
6. ATTIVITA‟ PER IMPOSTE ANTICIPATE
Si riporta di seguito la composizione per natura delle differenze temporanee del saldo dei crediti per imposte
anticipate al 31 dicembre 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
Accantonamenti tassati
Differenze temporanee su immobilizzazioni
Altre differenze temporanee
Totale delle Attività per imposte anticipate
31 dicembre
2012
1.402
160
82
1.644
31 dicembre
2011
1.036
174
99
1.309
variazione
366
(14)
(17)
335
Gli accantonamenti tassati riguardano accantonamenti a fondi rettificativi di poste dell‟attivo (svalutazione
crediti e magazzino) ed a fondi rischi non deducibili fiscalmente.
Le differenze temporanee su immobilizzazioni sono relative allo storno della plusvalenza realizzata nel 2007
sulla vendita di una porzione di terreno destinata all‟ampliamento dello stabilimento industriale di Tolentino,
oggetto di un contratto di lease-back.
Nella voce Altre differenze temporanee sono iscritte le imposte anticipate sulle differenze da valutazione di
partite in valuta estera, sulle quote delle spese di rappresentanza deducibili negli esercizi successivi a quello di
sostenimento, sui compensi spettanti agli amministratori non erogati nell‟esercizio nonché sulle spese
deducibili fiscalmente con criterio di cassa.
165
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
7. RIMANENZE
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione della voce delle Rimanenze per gli esercizi 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
Materie prime
Semilavorati
Prodotti finiti
Lavori in corso su ordinazione
Acconti
Totale delle Rimanenze
31 dicembre
2012
15.034
1.451
6.437
1.455
124
24.501
31 dicembre
2011
variazione
14.384
1.772
6.126
1.554
457
24.293
650
(321)
311
(99)
(333)
208
Si riporta di seguito il valore delle rimanenze con l'indicazione dell'importo del fondo obsolescenza stanziato in
bilancio al 31 dicembre 2012 al fine di adeguare il valore delle rimanenze al presumibile valore di recupero:
(in migliaia di Euro)
Rimanenze lorde
Fondo obsolescenza
Totale delle Rimanenze
31 dicembre
2012
26.210
(1.709)
24.501
31 dicembre
2011
variazione
26.270
(1.977)
24.293
(60)
268
208
La variazione del “Fondo obsolescenza” rappresenta l‟effetto netto tra quanto recepito nell‟esercizio a seguito
della fusione per incorporazione di Casanova S.r.l. e quanto utilizzato a seguito di cessione e smaltimento di
merce obsoleta. L‟importo del fondo viene calcolato sulla base dell‟indice di rotazione delle materie prime e
prodotti finiti.
8. CREDITI COMMERCIALI
I crediti commerciali al 31 dicembre 2012 e 2011 sono composti come riepilogato di seguito:
(in migliaia di Euro)
Crediti vs clienti terzi
Crediti vs società controllate
Crediti vs società collegate
Totale dei Crediti Commerciali
31 dicembre
2012
22.537
7.766
1.019
31.322
31 dicembre
2011
22.592
17.390
1.254
41.236
variazione
(55)
(9.624)
(235)
(9.914)
La diminuzione dei crediti commerciali è quasi esclusivamente imputabile alla voce “Crediti vs società
controllate”. A tal proposito si ricorda la rinuncia a crediti commerciali, pari ad Euro 4 milioni, in favore della
controllata Frau France S.a.r.l. ed il pagamento, da parte delle controllate italiane, delle management fee
maturate nei primi nove mesi dell‟esercizio.
166
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Si segnala che alla data del 31 dicembre 2012 la Società aveva in essere cessioni di crediti pro-soluto, pari ad
Euro 14,5 milioni (Euro 11,6 milioni al 31 dicembre 2011), relativi a clienti di primaria solvibilità appartenenti
prevalentemente al settore interiors.
Il fondo svalutazione crediti iscritto in bilancio è ritenuto adeguato a ricondurre il valore nominale dei crediti a
quello di presumibile realizzo. Si riporta di seguito un dettaglio dei crediti esposti al loro valore lordo ed al
netto del fondo svalutazione crediti ad essi riferito:
(in migliaia di Euro)
Crediti vs clienti
Fondo svalutazione crediti
Totale dei crediti vs clienti terzi
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
23.826
(1.289)
22.537
variazione
23.691
(1.099)
22.592
135
(190)
(55)
Il fondo svalutazione crediti ha subito, nel corso dell'esercizio 2012, la seguente movimentazione:
(in migliaia di Euro)
Saldo al 31 dicembre 2011
1.099
Accantonamento
Utilizzi
Fusione per incorporazione di Casanova S.r.l.
240
(133)
83
Saldo al 31 dicembre 2012
1.289
L‟accantonamento al fondo è conseguenza di una valutazione specifica e analitica dei rischi di inesigibilità dei
singoli crediti. L‟utilizzo registrato nel periodo è conseguenza della chiusura definitiva di posizioni accantonate
negli scorsi esercizi anche a seguito dell‟applicazione dell‟art. 33, comma 5, del D.L. 22 giugno 2012, n.83
“nuovo regime di deducibilità delle perdite su crediti” che ha introdotto significative modifiche in materia di
deducibilità delle perdite su crediti regolata dall‟art. 101, comma 5 del T.U.I.R.
Non esistono crediti di durata contrattuale superiore a 5 anni.
9. ALTRE ATTIVITA‟ CORRENTI
Il dettaglio della composizione delle altre attività correnti al 31 dicembre 2012 e 2011 è riportato di seguito:
(in migliaia di Euro)
Crediti tributari
Altri crediti vs controllate
Crediti vs società collegate e JV
Anticipi a fornitori per servizi, provvigioni e royalty
Ratei e risconti attivi
Altre attività finanziarie vs terzi
C/C corrispondenza vs società del Gruppo
Totale delle altre attività correnti
31 dicembre
2012
3.498
4.942
371
457
99
505
9.872
31 dicembre
2011
90
5.863
2.769
547
183
849
379
10.680
variazione
3.408
(5.863)
2.173
(176)
274
(750)
126
(808)
167
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
168
I crediti tributari sono composti da crediti Iva, ed altri crediti tributari vari. L‟incremento registrato nel 2012 è
attribuibile principalmente all‟istanza di rimborso Irap presentata da Poltrona Frau S.p.A. per le società del
Gruppo (Euro 1,5 milioni) ed al credito Ires derivante dal consolidato fiscale (Euro 1,7 milioni).
La voce “Altri crediti verso controllate” al 31 dicembre 2011 accoglieva principalmente il finanziamento erogato
alla controllata Meno Warehandels GmbH per Euro 3,5 milioni (oggetto nel corso dell‟esercizio della rinuncia da
parte della controllante) ed i crediti verso Cassina S.p.A. e Diecidieci S.r.l. relativi al consolidato fiscale.
I “Crediti verso società collegate e JV” sono rappresentati da un finanziamento concesso alla JV PF Emirates
Interiors LLC oggetto di ri-negoziazione nel corso dell‟esercizio.
Le “Altre attività finanziarie verso terzi” sono costituite dalla quota a breve del finanziamento concesso alla
società Il America Ltd. Al 31 dicembre 2011 la voce comprendeva il credito finanziario sorto a seguito della
cessione del marchio Thonet per Euro 0,5 milioni.
La voce “C/C di corrispondenza verso società del Gruppo” evidenzia i rapporti finanziari regolati attraverso la
procedura di tesoreria centralizzata, le cui condizioni economiche sono allineate alle condizioni normalmente
applicate dagli istituti bancari.
10. STRUMENTI DERIVATI
Si riporta di seguito un dettaglio dei contratti in essere al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 (i valori
sono esposti in migliaia di Euro):
Società intestataria
Poltrona Frau S.p.A.
Tipologia
Collar Export (Cassa di Risparmio
Fabriano e Cupramontana)
Scadenza
26/06/2013
31 dicembre 2012
Valore
Nozionale
equo
31 dicembre 2011
Valore
Nozionale
equo
38
15
-
-
38
15
-
-
La voce degli Strumenti derivati, pari ad Euro 15 migliaia al 31 dicembre 2012 accoglie la valutazione al fair
value dei contratti per la copertura del rischio cambio Euro dollaro USA relativamente ai flussi commerciali
derivanti dal mercato americano.
Da un punto di vista di rappresentazione contabile, gli utili o le perdite derivanti dalla valutazione al fair value
di tali strumenti finanziari derivati vengono iscritti direttamente a conto economico.
11. DISPONIBILITÀ LIQUIDE E MEZZI EQUIVALENTI
Il saldo al 31 dicembre 2012 è pari ad Euro 3,3 milioni, rispetto al saldo del 31 dicembre 2011, pari ad Euro 4,9
milioni.
(in migliaia di Euro)
Depositi bancari
Denaro e valori in cassa
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti
31 dicembre 2012
3.237
54
3.291
31 dicembre 2011
4.769
222
4.991
variazione
(1.532)
(168)
(1.700)
Il saldo in oggetto rappresenta le disponibilità liquide e l‟esistenza di numerario e di valori alla data di chiusura
dell‟esercizio.
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Si rimanda al Prospetto dei flussi finanziari di cassa per il dettaglio delle fonti e degli impieghi che hanno
originato la variazione delle disponibilità alla data del 31 dicembre 2012 ed a quanto esposto nella Relazione
sulla Gestione al bilancio d‟esercizio, relativamente ai commenti sulla posizione finanziaria netta.
12. PATRIMONIO NETTO
Si fornisce di seguito la composizione della voce al 31 dicembre 2012 e 2011:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
Capitale sociale
Riserva sovrapprezzo azioni
Riserva legale
Riserva straordinaria
Altre riserve
Disavanzi di fusione
Utile (perdite) riportati a nuovo
Utile (perdita) di pertinenza dell‟esercizio
TOTALE PATRIMONIO NETTO
31 dicembre
2011
variazione
34.810
2.530
571
34.816
2.593
571
(6)
(63)
-
4.861
4.861
2.429
(2.668)
(779)
(2.160)
39.594
2.289
(2.668)
1.649
(2.428)
41.683
140
(2.428)
268
(2.089)
Il capitale sociale è rappresentato da n° 140.275.159 azioni ordinarie del valore nominale di Euro 0,25 ciascuna.
Si segnala che, come da delibera dell‟Assemblea dei Soci della Capogruppo, tenutasi in data 27 aprile 2012, la
perdita di esercizio pari ad Euro 2.427.791 è stata riportata a nuovo.
Il decremento della voce capitale sociale e riserva sovrapprezzo azioni è conseguente alla compravendita di
azioni proprie, incluso la parte a servizio dell‟esercizio dei diritti di stock option, per complessivi Euro 69 mila.
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione della voce “altre riserve”:
(in migliaia di Euro)
Riserva piani di stock options
Riserva di prima adozione degli IFRS
Altre
Totale Altre Riserve
31 dicembre
2012
573
1.326
530
2.429
31 dicembre
2011
433
1.326
530
2.289
variazione
140
140
La riserva per stock options, in accordo a quanto previsto dall‟IFRS 2, accoglie la contropartita del costo, pari al
fair value delle opzioni alla data di assegnazione, riconosciuto a conto economico lungo il periodo nel quale
maturano le condizioni per l‟esercizio delle stesse. L‟incremento registrato nell‟esercizio è frutto
dell‟accantonamento della quota di competenza del 2012, pari a Euro 140 mila.
La voce “Altre” comprende le riserve per ammortamenti anticipati accantonate negli anni precedenti e girate a
riserve disponibili a seguito del cambiamenti della normativa civilistica.
La classificazione del patrimonio netto in funzione della possibilità di utilizzazione è di seguito dettagliata:
169
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Possibilità di
utilizzo
Importo
Capitale sociale
Valore nominale azioni proprie
Totale capitale
Riserve di capitale
Riserva da sovrapprezzo azioni
Valore azioni proprie eccedente nominale
Totale riserve di capitale
Quota
disponibile
Riepilogo utilizzi effettuati nei
precedenti tre esercizi
Per copertura
perdite
Per altre
ragioni
35.069
(259)
34.810
3.193
(663)
A, B, C
2.530
14.749
B
A, B, C
571
2.193
949
A, B, C
A, B, C
530
(779)
(2.160)
2.530
Riserve di utili
Riserva legale
Riserva straordinaria
Disavanzi di fusione
Riserva first-time adoption IFRS
Riserva stock option
Riserva ammortamenti anticipati
Utili (perdite) portati a nuovo
Utile del periodo
Totale riserve di utile
571
4.861
(2.668)
1.326
573
530
(779)
(2.160)
Totale
39.594
1.649
2.254
2.885
Quota non distribuibile *
(7.526)
Residua quota distribuibile
-
A = per aumento di capitale
B = per copertura perdite
C = per distribuzione soci
*rappresenta per 1.083 la quota non distribuibile destinata a copertura dei costi di sviluppo non ancora ammortizzati e per 6.443 la
quota della riserva sovrapprezzo azioni necessaria ad integrare la riserva legale per il raggiungimento del quinto del capitale sociale.
Per la movimentazione delle voci di Patrimonio Netto per gli esercizi chiusi al 31 dicembre 2012 e 2011 si
rinvia al "prospetto delle variazioni nelle voci di patrimonio netto”.
13. FINANZIAMENTI A MEDIO-LUNGO TERMINE
La voce dei “Finanziamenti a medio-lungo termine”, che al 31 dicembre 2012 è pari ad Euro 24,9 milioni (Euro
28,1 milioni al 31 dicembre 2011), è composta dalla quota non corrente dei finanziamenti erogati da istituti di
credito e finanziari e dai debiti verso altri finanziatori iscritti in applicazione del metodo finanziario di
contabilizzazione delle operazioni di leasing.
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione della voce Finanziamenti a medio-lungo termine:
(in migliaia di Euro)
Finanziamenti su beni in leasing
Debiti vs banche ed altri finanziatori
Totale dei Finanziamenti a medio-lungo termine
31 dicembre
2012
12.154
12.745
24.899
31 dicembre
2011
12.830
15.247
28.077
variazione
(676)
(2.502)
(3.178)
170
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
I finanziamenti su beni in leasing sono generati dall'applicazione del metodo finanziario per la
contabilizzazione dei beni in leasing e rappresentano principalmente il debito residuo alla data di bilancio verso
le società di leasing. Il decremento registrato nel periodo è attribuibile principalmente al rimborso delle quote
correnti.
Si riporta di seguito un dettaglio dei debiti verso banche e altri finanziatori al 31 dicembre 2012 e 2011:
Rif.
(in migliaia di Euro)
a)
Finanziamento Banca delle Marche erogato a Poltrona Frau S.p.A.
b)
Finanziamento in pool erogato a Poltrona Frau S.p.A.
c)
Finanziamento Carilo erogato a Poltrona Frau S.p.A.
Finanziamento Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana erogato a Poltrona Frau
S.p.A.
Finanziamento Banco Popolare erogato a Poltrona Frau S.p.A.
d)
e)
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
393
1.162
14.380
16.807
537
733
-
1.306
2.250
-
Finanziamenti concessi da Istituti di credito
17.560
20.008
Meno quota corrente
(4.815)
(4.761)
Quota non corrente dei finanziamenti a medio-lungo termine
12.745
15.247
Il decremento della voce Finanziamenti concessi da Istituti di credito è relativo alle quote rimborsate, nel corso
dell‟esercizio in esame, dei finanziamenti in essere al 31 dicembre 2011. Tale decremento è in parte compensato
dal finanziamento pari ad Euro 2.250 migliaia al 31 dicembre 2012, erogato dal Banco Popolare.
Si riporta di seguito un dettaglio dei finanziamenti concessi dagli Istituti di credito alle società del Gruppo:
a) si tratta di un finanziamento erogato alla Capogruppo dalla Banca delle Marche con scadenza 30 giugno
2013, di originari Euro 20 milioni, concesso per l‟acquisizione del Gruppo Cassina. Il parziale rimborso
anticipato di Euro 15 milioni è stato effettuato mediante i proventi derivanti dalla quotazione;
b) nel mese di luglio 2010 il Gruppo con l‟obiettivo di rimodulare le scadenze dell‟indebitamento a medio
termine nonché di consolidare una parte importante di linee finanziarie a breve termine ha sottoscritto due
contratti di finanziamento in pool, erogati alla Capogruppo e alla controllata Cassina S.p.A. per un importo
totale di Euro 59 milioni, con BNL (in qualità di banca agente), Unicredit, Intesa Sanpaolo, Popolare di
Sondrio, UGF e Banca Popolare di Verona. La concessione di questi finanziamenti ha determinato
l'estinzione anticipata di quelli esistenti con i medesimi istituti.
I contratti, che prevedono un piano di ammortamento a rate semestrali a decorrere dal mese di giugno
2011 con scadenza al 30 giugno 2016, sono di natura chirografaria, quindi non assistiti da alcuna garanzia
e prevedono il rispetto di specifici indicatori di carattere finanziario quali il rapporto tra la Posizione
finanziaria netta consolidata ed il Patrimonio Netto Consolidato e tra la Posizione finanziaria netta
consolidata e l‟EBITDA consolidato verificati, con cadenza annuale, in base alle risultanze del bilancio
consolidato a decorrere dal 31 dicembre 2010.
Inoltre, come di consueto per operazioni di tale natura, i contratti prevedono vincoli ed impegni tra i quali
limitazioni alla concessione di garanzie (negative pledge), alla vendita di attività strategiche,
all‟effettuazione di investimenti ed alle operazioni di finanza straordinaria.
Alla data di bilancio gli indicatori, vincoli e impegni sopra menzionati sono stati rispettati;
c)
nel mese di luglio 2010 la Cassa di Risparmio di Loreto ha erogato alla Capogruppo un finanziamento di
Euro 1 milione che prevede un piano di ammortamento a rate mensili con scadenza 27 luglio 2015;
171
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
d)
finanziamento pari ad Euro 2 milioni erogato dalla Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana alla
Capogruppo nel mese di giugno 2011 con scadenza al 31 dicembre 2012;
e) nel mese di marzo 2012 il Banco Popolare ha erogato alla Capogruppo un finanziamento di Euro 3 milioni
con scadenza al 31 marzo 2015 contro-garantito da Sace al 70% in quanto finalizzato alla promozione dei
brand del gruppo nel mercato internazionale ed allo sviluppo del mercato Middle East.
Si veda anche quanto riportato alla nota n. 19 “Debiti verso banche e altri finanziatori”.
14. BENEFICI AI DIPENDENTI
Nel corso dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 il “Fondo Trattamento di Fine Rapporto” ha subito la
seguente movimentazione:
(in migliaia di Euro)
Valore attuale dell'obbligazione TFR al 31 dicembre 2011
2.683
Service cost
Interest cost
116
(197)
222
2.824
Benefici erogati
Utili (perdite) attuariali
Valore attuale dell'obbligazione TFR al 31 dicembre 2012
Per quanto concerne il TFR, a seguito delle modifiche legislative intervenute negli esercizi precedenti che hanno
interessato tale piano, il Gruppo ha continuato a rilevare l‟obbligazione per le quote maturate al 31 dicembre
2006 secondo le regole dei piani a benefici definiti, mentre ha rilevato l‟obbligazione per le quote che maturano
dal 1 gennaio 2007, dovute alla previdenza complementare o al Fondo di Tesoreria INPS, sulla base dei
contributi dovuti nel periodo.
Il trattamento di fine rapporto rientra nei piani a benefici definiti. Per la determinazione di tale passività è stata
utilizzata la metodologia denominata Project Unit Cost in cui l'ammontare della passività per i benefici acquisiti
deve riflettere la data di dimissioni attesa e deve essere attualizzata. Le ipotesi economico-finanziarie alla base
delle valutazioni attuariali sono così sintetizzabili: tasso d‟inflazione previsto 2%, tasso di sconto 4,0%, futuri
incrementi salariali 3% e frequenza annua dimissioni/licenziamenti 3%. Il decremento dei fondi relativi al
personale è principalmente imputabile al pagamento dei trattamenti di fine rapporto a seguito del normale
turnover aziendale.
15. FONDI RISCHI ED ONERI
Il saldo al 31 dicembre 2012 pari ad Euro 2,3 milioni (Euro 7,9 milioni al 31 dicembre 2011) si compone come di
seguito riportato:
(in migliaia di Euro)
Saldo al 31 dicembre 2011
Accantonamenti
Fusione per incorporazione Casanova S.r.l.
Utilizzi
Riclassifiche
Saldo al 31 dicembre 2012
Fondo indennità
suppletiva di clientela
941
140
(78)
1.003
Fondo
ristrutturazione
1.148
1.148
Altri fondi per
rischi
6.939
8
49
(6.842)
154
Totale
7.880
1.296
49
(78)
(6.842)
2.305
172
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
I fondi rischi ed oneri al 31 dicembre 2012 includono principalmente le seguenti tipologie di stanziamenti:
 Il fondo per indennità suppletiva di clientela viene stanziato annualmente sulla base delle provvigioni
maturate dagli agenti ed è calcolato in conformità alle disposizioni contrattuali. Il decremento rappresenta
invece gli utilizzi avvenuti nel corso dell‟esercizio;
 Il fondo ristrutturazione si compone degli stanziamenti effettuati nel corso dell‟esercizio a seguito del piano
di ristrutturazione intrapreso nella seconda metà del 2012; per maggiori dettagli si rimanda a quando
descritto nel Bilancio Consolidato;
 Gli “altri fondi per rischi” erano composti al 31 dicembre 2011 quasi esclusivamente dal fondo per rischi su
partecipazioni per Euro 6,9 milioni. Alla data di chiusura tale fondo rischi rimane aperto per Euro 91 mila dal
momento ed Euro 6,8 milioni risultano riclassificati a fondo svalutazione partecipazioni. Per quanto riguarda
gli altri movimenti si segnala l‟acquisizione di un fondo, pari ad Euro 261 mila, a seguito della fusione per
incorporazione di Casanova S.r.l. ed al suo successivo utilizzo per Euro 212 mila.
16. IMPOSTE DIFFERITE PASSIVE
Si espone di seguito la composizione del saldo al 31 dicembre 2012 e 2011 per natura delle differenze
temporanee.
(in migliaia di Euro)
Leasing finanziari
Storno ammortamenti avviamenti e marchi
Valutazione attuariale del TFR
Altre
Totale Imposte differite passive
31 dicembre
2012
791
1.045
148
120
2.104
31 dicembre
2011
853
1.045
148
151
2.197
variazione
(62)
(31)
(93)
Il saldo al 31 dicembre 2012 include principalmente le seguenti voci:
 Leasing finanziari: si riferisce agli effetti fiscali differiti derivanti dalla contabilizzazione dei beni in
leasing in conformità al metodo finanziario;
 Storno ammortamenti: il saldo è riferibile alla deduzione degli ammortamenti dei marchi non operata
in conto economico, ma riconosciuta fiscalmente ai sensi dell‟art. 103, comma 3-bis del DPR 917/86;
 Valutazione attuariale del TFR: come accennato in precedenza, il TFR viene valutato determinando la
passività a finire verso i dipendenti attraverso ipotesi attuariali ed attualizzando tale passività. Gli
effetti di tale contabilizzazione hanno generato differenze di natura economica rispetto ai valori
riconosciuti fiscalmente e richiedendo pertanto lo stanziamento delle imposte differite;
 Altre differenze temporanee: sono principalmente relative all‟iscrizione delle imposte sulle differenze
da conversione di partite denominate in valuta estera, e sulla rateazione ai fini fiscali della
plusvalenza relativa alla vendita di una porzione di terreno destinata all‟ampliamento dello
stabilimento industriale di Tolentino, oggetto di un contratto di lease-back.
173
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
17. ALTRE PASSIVITA‟ NON CORRENTI
La voce “Altre passività non correnti” pari ad Euro 509 migliaia al 31 dicembre 2012 (Euro 554 migliaia al 31
dicembre 2011) è relativa alla plusvalenza residua (originariamente pari ad Euro 674 migliaia) realizzata dalla
Società per la vendita di una porzione di terreno destinata all‟ampliamento dello stabilimento industriale di
Tolentino, oggetto di un contratto di lease-back.
18. DEBITI COMMERCIALI
La voce dei debiti commerciali pari a Euro 35 milioni al 31 dicembre 2012 (Euro 32,3 milioni al 31 dicembre
2011) è composta dai debiti di natura commerciale sorti nelle transazioni con fornitori terzi e, in misura meno
significativa, con fornitori infragruppo. Tali debiti sono iscritti al netto degli sconti commerciali e rettificati in
presenza di rettifiche di fatturazione (resi e/o abbuoni) nella misura corrispondente all‟ammontare definito con
la controparte.
Si fornisce il dettaglio dei debiti commerciali per l'esercizio chiuso al 31 dicembre 2012:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre
2012
Debiti vs terzi
Debiti vs società controllate
Debiti vs società collegate e JV
Totale debiti commerciali
31.939
3.013
49
35.001
31 dicembre
2011
30.208
2.024
23
32.255
variazione
1.731
989
26
2.746
19. DEBITI VERSO BANCHE E ALTRI FINANZIATORI
I “debiti verso banche e altri finanziatori” sono relativi a scoperti su conti correnti e anticipi concessi da istituti
di credito, da finanziamenti a breve termine e dalla quota corrente dei finanziamenti a medio lungo termine.
Si riporta di seguito il dettaglio della composizione della voce al 31 dicembre 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
Debiti vs banche
Quota corrente dei finanziamenti a m/l termine
Altri debiti finanziari a breve termine
Totale debiti verso banche e altri finanziatori
31 dicembre
2012
17.288
5.388
11
22.687
31 dicembre
2011
17.554
5.767
34
23.355
variazione
(266)
(379)
(23)
(668)
Relativamente all‟utilizzo delle linee di credito a breve, gli strumenti principalmente adottati dalla Società sono
rappresentati da presentazioni di portafoglio commerciale al salvo buon fine, da finanziamenti a brevissima
scadenza “hot money”, regolati in base a tassi di mercato presentati al momento dell‟accensione
dell‟operazione.
174
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
20. DEBITI TRIBUTARI
La voce è principalmente composta da debiti verso l'erario per trattenute operate ai dipendenti o ai
collaboratori e dai debiti per le imposte sul reddito di esercizio.
Si riporta di seguito un dettaglio della composizione del saldo al 31 dicembre 2012 e 2011:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
Debiti per imposte sul reddito
Debiti per ritenute d‟acconto su collaborazioni
Debiti per IRPEF dipendenti
Totale debiti tributari
31 dicembre
2011
40
78
961
1.079
2.095
16
894
3.005
variazione
(2.055)
62
67
(1.926)
I debiti per imposte sul reddito evidenziavano, al 31 dicembre 2011, il debito Ires per Euro 1,9 milioni ed il
debito Irap per Euro 0,2 milioni.
Si segnala che la Società ha optato per l‟adesione al consolidato fiscale nazionale e che per il periodo d‟imposta
2012 il perimetro di consolidamento è rimasto invariato rispetto all‟esercizio precedente e comprende le società
Cassina S.p.A., Cap Design S.p.A. e Diecidieci S.r.l..
21. STRUMENTI DERIVATI
Si riporta di seguito un dettaglio dei contratti in essere al 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011 (i valori
sono esposti in migliaia di Euro) con i relativi fair value.:
Tipologia
Scadenza
31 dicembre 2012
Valore
Nozionale
equo
31 dicembre 2011
Valore
Nozionale
equo
Interest Rate Swap (BNL)
31/12/2013
2.000
(68)
4.000
(175)
Interest Rate Swap (BNL)
30/06/2016
4.675
(209)
4.610
(129)
Interest Rate Swap (Banco Popolare)
30/06/2016
4.007
(175)
3.952
(104)
Interest Rate Swap (Unicredit)
30/06/2016
3.339
(146)
3.293
(90)
14.021
(598)
15.855
(498)
Si tratta di contratti a copertura del rischio tasso d‟interesse relativo ai finanziamenti a medio termine; tali
contratti, già in essere al 31 dicembre 2011, sono principalmente relativi a Interest Rate Swap che prevedono
l‟incasso di un tasso variabile (EURIBOR a 3/6 mesi) ed il pagamento di un tasso fisso.
Si precisa che da un punto di vista di rappresentazione contabile, gli utili o le perdite derivanti dalla valutazione
al fair value di tali strumenti finanziari derivati vengono iscritti direttamente a conto economico.
Si veda anche quanto riportato sopra alla nota n. 10 “Strumenti Derivati”.
175
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
22. ALTRE PASSIVITA‟ CORRENTI
Si fornisce di seguito la composizione della voce al 31 dicembre 2012 confrontata con il precedente esercizio:
(in migliaia di Euro)
Debiti vs controllate per consolidato fiscale
Debiti vs istituti previdenziali
Debiti per provvigioni e royalty
Debito vs personale dipendente
Altri debiti
C/C corrispondenza vs società del Gruppo
Totale altri debiti
31 dicembre
2012
2.615
1.202
1.597
2.399
2.293
23.984
34.090
31 dicembre
2011
346
1.133
1.689
1.997
1.375
26.001
32.541
variazione
2.269
69
(92)
402
918
(2.017)
1.549
La voce Debiti verso controllate per consolidato fiscale accoglie i debiti derivanti dal conferimento delle perdite
fiscali di Cap Design S.p.A. e la differenza tra gli acconti versati a Poltrona Frau S.p.A. nel corso dell‟esercizio da
Diecidieci S.r.l. ed il saldo derivante dal trasferimento dei redditi imponibili di queste ultime. La voce include
inoltre le ritenute subite dalle società controllate italiane aderenti al contratto di consolidato fiscale nazionale.
La voce Debiti verso istituti previdenziali è formata dai debiti previdenziali maturati sulle retribuzioni al
personale dipendente ed ai collaboratori; il saldo è rappresentato dal debito maturato nell'ultimo mese degli
esercizi presentati.
La voce Altri debiti è principalmente rappresentata dagli anticipi ricevuti da clienti, pari ad Euro 1,6 milioni.
La voce C/C di corrispondenza verso società del Gruppo evidenzia i rapporti finanziari regolati attraverso la
procedura di tesoreria centralizzata le cui condizioni economiche sono allineate alle condizioni normalmente
applicate dagli istituti bancari.
176
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COMMENTO ALLE VOCI DEL CONTO ECONOMICO
Per ulteriori commenti ai dati economici si rimanda all‟apposito paragrafo della Relazione sulla Gestione al
bilancio d‟esercizio.
23. RICAVI
Si fornisce di seguito la composizione dei ricavi per categoria di attività degli esercizi 2012 e 2011:
31 dicembre
2012
(in migliaia di Euro)
Ricavi di vendita
Altri ricavi e proventi
Totale Ricavi
31 dicembre
2011
106.202
11.478
117.680
111.901
9.939
121.840
variazione
(5.699)
1.539
(4.160)
Per quanto concerne il dettaglio dei ricavi per area geografica si veda la tabella riportata di seguito:
(in migliaia di Euro)
Italia
Ricavi al 31 dicembre 2012
Ricavi al 31 dicembre 2011
Variazione
Variazione %
EMEA
Americhe
Asia e Oceania
Totale
67.949
77.008
31.907
29.347
7.970
6.585
9.854
8.900
117.680
121.840
(9.059)
(11,8%)
2.560
8,7%
1.385
21,0%
954
10,7%
(4.160)
(3,4%)
24. COSTI PER MATERIE PRIME E MATERIALI DI CONSUMO
Tale voce accoglie i costi della produzione per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci e le variazioni
delle rimanenze.
I Costi per materie prime e materiali di consumo passano da Euro 52,8 milioni per l‟esercizio chiuso al 31
dicembre 2011 ad Euro 51,8 milioni per l‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, aumentando l‟incidenza sui
ricavi delle vendite dell‟1,6%, passando da un 47,1% dell‟esercizio 2011 al 48,7% registrato nel 2012.
Tale dinamica è conseguente ad una diversa ripartizione dei ricavi delle vendite nei due esercizi a confronto,
che vede una presenza più significativa del settore interiors, caratterizzato da una marginalità più contenuta
rispetto alla divisione residenziale.
25. COSTI PER SERVIZI
Si fornisce di seguito la composizione dei costi per servizi dell‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 confrontati
con quelli relativi al periodo precedente:
177
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(in migliaia di Euro)
Lavorazioni di terzi
Provvigioni e royalty
Consulenze
Comunicazione e marketing
Trasporti e logistica
Canoni di affitto e noleggio
Altri costi per servizi
Totale Costi per servizi
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
variazione
10.561
5.003
2.129
1.737
3.466
2.166
11.082
5.715
1.776
2.448
3.035
2.262
(521)
(712)
353
(711)
431
(96)
7.417
8.888
(1.471)
32.479
35.206
(2.727)
Il costo relativo alla voce “lavorazioni di terzi” diminuisce a seguito di minori volumi lavorati nell‟anno.
Il decremento della voce “provvigioni e royalties” è attribuibile al decremento dei volumi di fatturato registrata
nel corso del 2012. La riduzione percentuale di tale voce sui ricavi di vendita, passata dal 5,1% del 2011 al
4,7% del 2012, è anche attribuibile ad un diverso mix di prodotto e di Paese.
Gli Altri costi per servizi sono composti principalmente da spese di viaggio e trasferta (Euro 1,7 milioni), dai
compensi erogati al Consiglio di Amministrazione (Euro 0,9 milioni), da costi per manutenzioni (Euro 1 milione),
costi per utenze (Euro 1 milione) ed altri costi vari (Euro 2,2 milioni).
26. COSTO DEL PERSONALE
Accolgono le voci relative ai costi relativi alle retribuzioni, agli oneri sociali, all'accantonamento TFR ed agli
altri costi del personale.
Si fornisce un dettaglio della composizione della voce al 31 dicembre 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
Salari e stipendi
Oneri sociali e previdenziali
Accantonamenti fondi del personale
Altri costi del personale
Totale costi del personale
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
15.319
4.898
1.015
1.147
22.379
14.677
4.864
992
2.205
22.738
variazione
642
34
23
(1.058)
(359)
La seguente tabella riporta il numero puntuale e medio dei dipendenti impiegati dalla Società al 31 dicembre
2012 e 2011, ripartiti secondo le principali categorie:
Organico a fine anno
Dirigenti
Quadri e Impiegati
Operai
Totale
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
variazione
20
167
252
439
25
156
230
411
(5)
11
22
28
178
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Organico medio
2012
2011
variazione
Dirigenti
Quadri e Impiegati
Operai
Totale
23
163
247
433
24
152
232
408
(1)
11
15
25
27. ALTRI COSTI OPERATIVI
Gli Altri costi operativi pari ad Euro 367 mila al 31 dicembre 2012 (Euro 188 mila al 31 dicembre 2011), si
riferiscono principalmente ad accantonamento per Rischi su Crediti, per costi associativi e ad altre voci di costo
residuali di importo non significativo.
28. COSTI DI RISTRUTTURAZIONE
Nel corso del 2012 il Gruppo ha avviato un processo di ristrutturazione che ha interessato principalmente
Poltrona Frau S.p.A. e la controllata Cassina S.p.A. Nello specifico, la voce “costi di ristrutturazione” (Euro 1,9
milioni al 31 dicembre 2012) comprende sia gli incentivi all‟esodo erogati pagati nel corso dell‟esercizio (Euro
0,8 milioni) che gli oneri che si prevede di sostenere al termine del processo (Euro 1,1 milioni).
29. AMMORTAMENTI
Sono formati dagli ammortamenti e svalutazioni delle immobilizzazioni materiali ed immateriali, come di
seguito dettagliato:
(in migliaia di Euro)
Ammortamenti e svalutazioni delle Immobilizzazioni immateriali
Ammortamenti e svalutazioni delle Immobilizzazioni materiali
Totale Ammortamenti
31 dicembre
2012
1.262
2.559
3.821
31 dicembre
2011
1.071
2.571
3.642
variazione
191
(12)
179
L‟aumento della quota degli ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali è legata agli investimenti
effettuati nell‟esercizio, mentre gli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali rimangono sostanzialmente
in linea con quelli registrati nello scorso esercizio.
30. PROVENTI E ONERI DA PARTECIPAZIONI
Al fine di permettere una migliore rappresentazione dell‟apporto della gestione delle partecipazioni al risultato
di esercizio, è stata previsto nello schema di conto economico questa sezione ove viene evidenziato l‟apporto
delle singole società:
179
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Alienazioni
Ripristini
Svalutazioni
Acc.to F.do
Rischi
Totale
Controllate
Frau France S.a.r.l.
Poltrona Frau (UK) Ltd.
Frau Arabia FZ-LLC
Zhejiang Casanova Furniture Co. Ltd.
Poltrona Frau Qatar Ltd.
50
-
(359)
(710)
(535)
(767)
-
-
(359)
(710)
(535)
(767)
50
Totale controllate
Collegate e JV
50
-
(2.371)
-
(2.321)
Casa Décor Private Ltd.
-
-
(418)
-
(418)
Totale collegate e JV
-
-
(418)
-
(418)
50
-
(2.789)
-
(2.739)
Totale proventi (oneri) da partecipazioni
Per i relativi commenti si rimanda a quanto esposto alla nota 4 del presente documento.
31. ONERI E PROVENTI FINANZIARI
La composizione degli oneri finanziari per gli esercizi 2012 e 2011 è riportata di seguito:
(in migliaia di Euro)
Interessi passivi
Fair value degli strumenti derivati
Oneri finanziari da attualizzazione
Commissioni su finanziamenti
Perdite su cambi
Altri oneri finanziari
Totale Oneri finanziari
31 dicembre
2012
2.069
452
348
190
252
799
4.110
31 dicembre
2011
variazione
2.096
469
36
149
307
1.092
4.149
(27)
(17)
312
41
(55)
(293)
(39)
Il saldo degli oneri finanziari risulta sostanzialmente in linea rispetto al dato rilevato al 31 dicembre 2011. Tale
effetto è dovuto all‟effetto combinato tra la riduzione del costo per interessi dovuto al miglioramento della
posizione finanziaria netta ed i maggiori oneri da attualizzazione registrati nell‟esercizio ad effetto della
contabilizzazione del TFR secondo IAS 19.
La composizione dei proventi finanziari per gli esercizi 2012 e 2011 è riportata di seguito:
(in migliaia di Euro)
Interessi attivi
Fair value degli strumenti derivati
Altri proventi finanziari
Utile su cambi
Totale Proventi finanziari
31 dicembre
2012
32
122
274
327
755
31 dicembre
2011
31
167
388
466
1.052
variazione
1
(45)
(114)
(139)
(297)
Il saldo dei proventi finanziari si riduce rispetto allo scorso esercizio principalmente a causa dei minori utili su
cambi (essenzialmente legati al trend del cambio Euro/USD) ed ai minori proventi attivi maturati sui c/c in cash
pooling con le società controllate italiane.
180
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Per quanto riguarda il Fair value degli strumenti derivati si veda anche quanto riportato alle note n. 10 e n. 21
“Strumenti derivati”.
32. IMPOSTE SUL REDDITO
Si riportano di seguito i dati relativi alle imposte sul reddito per gli esercizi 2012 e 2011:
(in migliaia di Euro)
Imposte correnti
Imposte differite e anticipate
Rettifica imposte anni precedenti
Totale Imposte
31 dicembre
2012
31 dicembre
2011
2.116
(326)
(846)
944
1.845
638
(45)
2.438
variazione
271
(964)
(801)
(1.494)
Si riporta di seguito la riconciliazione fra le imposte teoriche ed effettive:
(in migliaia di Euro)
Risultato prima delle imposte
aliquota IRES in vigore per l'esercizio
Onere fiscale teorico
IRAP e altre imposte di competenza dell‟esercizio
Altri costi non deducibili
Svalutazione partecipazioni
Altre differenze minori
Totale delle differenze
Totale Imposte da Conto Economico
Aliquota fiscale effettiva
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
(1.216)
27,5%
(334)
10
27,5%
3
241
341
753
(57)
1.278
1.160
155
1.160
(40)
2.435
944
n/a
2.438
n/a
L‟incidenza del carico fiscale complessivo sul risultato prima delle imposte evidenzia un dato poco significativo
poiché, malgrado il risultato stesso sia negativo, il reddito imponibile è fortemente influenzato dalla
svalutazione di partecipazioni non deducibile, per totali Euro 2,7 milioni, e da imposte che presentano una base
imponibile diversa dal risultato ante imposte (IRAP e altre imposte).
181
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
33. POSIZIONE FINANZIARIA NETTA
Secondo quanto richiesto dalla comunicazione Consob del 28 luglio 2006 n. DEM/6264293 e in conformità con
la raccomandazione del CESR del 10 febbraio 2005 “Raccomandazioni per l‟attuazione uniforme del
regolamento della Commissione Europea sui prospetti informativi”, si segnala che la Posizione finanziaria netta
della Società al 31 dicembre 2012 è la seguente:
(in migliaia di Euro)
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
54
221
(167)
3.237
4.770
(1.533)
-
-
-
D. Liquidità (A) + (B) + (C)
3.291
4.991
(1.700)
E. Crediti finanziari correnti
5.561
3.997
1.564
(17.299)
(17.588)
289
(5.388)
(5.767)
379
H. Altri debiti finanziari correnti
(24.582)
(26.500)
1.918
I. Indebitamento finanziario corrente (F)+(G)+(H)
(47.269)
(49.855)
2.586
J. Indebitamento finanziario corrente netto (I) – (E) – (D)
(38.417)
(40.867)
2.450
K. Debiti bancari non correnti
(12.745)
(15.247)
2.502
-
-
-
M. Altri crediti (debiti) non correnti
(12.154)
(12.830)
676
N. Indebitamento finanziario non corrente (K) + (L) + (M)
(24.899)
(28.077)
3.178
O. Indebitamento finanziario netto (J) + (N)
(63.316)
(68.944)
5.628
Di cui:
verso parti correlate
verso terzi
(18.537)
(44.779)
(22.854)
(46.090)
4.317
1.311
A. Cassa
B. Altre disponibilità liquide
C. Titoli detenuti per la negoziazione
F. Debiti bancari correnti
G. Parte corrente dell‟indebitamento non corrente
L. Obbligazioni emesse
variazione
La posizione finanziaria netta indicata nella tabella sopra riportata si riconcilia con il totale indebitamento
finanziario netto consolidato presentato in Relazione sulla gestione nel modo seguente:
O. Indebitamento finanziario netto (J) + (N)
(63.316)
(68.944)
5.628
Altri crediti e altre attività finanziarie non correnti
507
599
(92)
Indebitamento finanziario netto Relazione Gestione
(62.809)
(68.345)
5.536
L‟indebitamento finanziario netto migliora di circa Euro 5,5 milioni rispetto al 31 dicembre 2011 a seguito di
effetti con segni contrapposti così riassumibili:
(vii)
con segno positivo:
 il flusso potenziale di cassa (EBITDA) del periodo pari a Euro 10,6 milioni,
 la riduzione di circa Euro 16,4 milioni del capitale circolante netto operativo,
182
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
(viii)
183
con segno negativo:
 il pagamento dell‟indennità ai dipendenti della Capogruppo a seguito dell‟avvio del piano di
ristrutturazione, indennità di agenzia ed altri pagamenti per complessivi Euro 1,2 milioni,
 gli investimenti netti in immobilizzazioni del periodo, pari a Euro 5 milioni,
 gli investimenti in partecipazioni per Euro 11,0 milioni relativi ad aumenti di capitale sociale,
 oneri finanziari netti ed imposte a conto economico per complessivi Euro 4,3 milioni.
Si segnala che, ai fini di una migliore rappresentazione, la posizione finanziaria netta non comprende i crediti
finanziari non correnti, pari ad Euro 3,1 milioni al 31 dicembre 2012 (Euro 2,4 milioni al 31 dicembre 2011) ed i
crediti finanziari correnti, assenti al 31 dicembre 2011 (Euro 3,6 milioni al 31 dicembre 2011), vantati nei
confronti di società controllate.
34. RAPPORTI CON PARTI CORRELATE
Si riportano di seguito i rapporti con parti correlate alla data del 31 dicembre 2012 ed al 31 dicembre 2011:
ATTIVO
31 dicembre 2012
(in migliaia di Euro)
Altre attività
non correnti
Crediti
commerciali
31 dicembre 2011
Altre attività Altre attività
correnti
non correnti
Crediti
commerciali
Altre attività
correnti
Controllate
Cassina S.p.A.
Cap Design S.p.A.
Diecidieci S.r.l.
Casanova S.r.l.
Meccanica Valbona S.r.l.
Frau France S.a.r.l.
Poltrona Frau Deutschland GmbH
Frau U.S.A. Corp.
Poltrona Frau (UK) Ltd.
Poltrona Frau PTE Ltd.
Meno Warehandels GmbH
Frau Arabia FZ-LLC
Beijing Casanova Furniture Design Co. Ltd.
Zhejiang Casanova Furniture Co. Ltd.
Poltrona Frau Group North America Inc.
Poltrona Frau Qatar Ltd.
1.050
2.089
-
2.368
292
377
1.720
558
233
573
86
40
7
1.512
-
446
58
-
369
2.032
-
6.417
338
215
5.361
354
205
1.736
119
140
172
82
487
1.617
146
1.714
158
77
301
3.647
344
-
-
75
97
587
261
-
4.942
-
-
75
194
418
566
-
2.769
-
3.139
1.723
50
10.559
5.446
2.401
1.212
469
37
20.360
9.010
Collegate
KBR S.a.r.l.
Spazio Washington LLC
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
Altre parti correlate
Ferrari S.p.A.
Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A.
Firas Alsalih
Altri
Totale
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
PASSIVO
31 dicembre 2012
(in migliaia di Euro)
Debiti
commerciali
31 dicembre 2011
Altri debiti
Debiti
commerciali
Altri debiti
Controllate
Cassina S.p.A.
Cap Design S.p.A.
Diecidieci S.r.l.
Casanova S.r.l.
Meccanica Valbona S.r.l.
Frau France S.a.r.l.
Cassina France S.A.
Poltrona Frau Deutschland GmbH
Frau U.S.A. Corp.
Poltrona Frau (UK) Ltd.
Poltrona Frau PTE Ltd.
Meno Warehandels GmbH
Frau Arabia FZ-LLC
Beijing Casanova Furniture Design Co. Ltd.
Zhejiang Casanova Furniture Co. Ltd.
Poltrona Frau Group North America Inc.
Poltrona Frau Qatar Ltd.
1.137
268
1
429
1
32
69
972
80
26
-
25.915
86
597
-
203
50
2
131
1
48
128
711
440
49
222
33
6
23.098
2.176
975
1
97
-
7
3
7
46
80
3
6
14
3
66
119
3.263
26.678
53
37
2.137
500
26.850
Collegate
KBR S.a.r.l.
Spazio Washington LLC
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
Altre parti correlate
Ferrari S.p.A.
Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A.
Firas Alsalih
Altri
Totale
184
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
RICAVI
31 dicembre 2012
(in migliaia di Euro)
Ricavi di
vendita
31 dicembre 2011
Altri ricavi
Ricavi di
vendita
Altri ricavi
Controllate
Cassina S.p.A.
Cap Design S.p.A.
Diecidieci S.r.l.
Casanova S.r.l.
Meccanica Valbona S.r.l.
Frau France S.a.r.l.
Cassina France S.A.
Poltrona Frau Deutschland GmbH
Frau U.S.A. Corp.
Poltrona Frau (UK) Ltd.
Poltrona Frau PTE Ltd.
Meno Warehandels GmbH
Frau Arabia FZ-LLC
Beijing Casanova Furniture Design Co. Ltd.
Zhejiang Casanova Furniture Co. Ltd.
Poltrona Frau Group North America Inc.
Poltrona Frau Qatar Ltd.
1.540
112
480
1.255
223
712
266
27
96
5.028
-
4.994
619
19
3
3
1
108
1
28
-
1.270
149
698
1.645
9
914
304
8
80
135
2.219
49
5.425
633
21
1
19
3
103
4
-
216
778
512
-
4
48
12
-
146
782
380
4
2
8
8
-
21.934
23
33.202
1.144
96
7.080
22.804
1.273
126
32.995
1.141
84
7.452
Collegate
KBR S.a.r.l.
Spazio Washington LLC
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
Altre parti correlate
Ferrari S.p.A.
Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A.
Altri
Totale
185
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
COSTI
31 dicembre 2012
(in migliaia di Euro)
Mat. Prime e
mat. consumo
31 dicembre 2011
Mat. Prime e
mat. consumo
Servizi
Servizi
Controllate
Cassina S.p.A.
Cap Design S.p.A.
Diecidieci S.r.l.
Casanova S.r.l.
Meccanica Valbona S.r.l.
Frau France S.a.r.l.
Cassina France S.A.
Poltrona Frau Deutschland GmbH
Frau U.S.A. Corp.
Poltrona Frau (UK) Ltd.
Poltrona Frau PTE Ltd.
Meno Warehandels GmbH
Frau Arabia FZ-LLC
Beijing Casanova Furniture Design Co. Ltd.
Zhejiang Casanova Furniture Co. Ltd.
Poltrona Frau Group North America Inc.
Poltrona Frau Qatar Ltd.
157
121
1
8
581
31
-
21
421
192
181
853
27
117
-
285
268
292
10
9
10
65
878
-
95
10
4
593
191
377
813
30
204
85
4
42
7
-
36
2
5
-
181
1.122
196
2.015
114
1.967
37
82
2.532
Collegate
KBR S.a.r.l.
Spazio Washington LLC
PF Emirates Interiors LLC
Casa Décor Private Ltd.
Alias S.p.A.
Altre parti correlate
Ferrari S.p.A.
Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A.
Firas Alsalih
Altri
Totale
Tra i rapporti con Parti correlate avvenuti nel corso del 20112 con società non appartenenti al Gruppo si
segnalano i seguenti:
Ferrari S.p.A.
Poltrona Frau intrattiene da tempo rapporti commerciali con Ferrari S.p.A., il cui presidente del consiglio di
amministrazione è il Consigliere Luca Cordero di Montezemolo. Tali rapporti sono a condizioni di mercato e
sono relativi alla fornitura degli interni nonché alla predisposizione di allestimenti personalizzati.
Firas Alsalih
Nel corso del 2011, Poltrona Frau S.p.A. ha proceduto all‟acquisto del 20% del capitale sociale di Frau Arabia
FZ-LLC per un importo pari a Euro 1.230 migliaia dal dott. Firas Alsalih, consigliere di amministrazione di PF
Emirates PLL. Il debito residuo, pari a Euro 0,5 milioni, esposto in bilancio alla data del 31 dicembre 2011 è
stato corrisposto nel corso del mese di gennaio del 2012, come contrattualmente previsto.
186
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Altri
Sono rapporti di minore entità intrattenuti con diverse parti correlate, per importi unitari non significativi.
A fini riepilogativi si veda di seguito la tabella che evidenzia l‟incidenza dei saldi verso parti correlate rispetto al
totale della voce di bilancio a cui si riferiscono:
(in migliaia di Euro)
Ricavi di vendita vs parti correlate
Ricavi di vendita - Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
Altri Ricavi vs parti correlate
Altri Ricavi - Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
Costi per materie prime e materiali di consumo vs parti correlate
Costi per materie prime e materiali di consumo - Totale
31 dicembre 2012
33.202
106.202
32.995
111.901
31%
29%
7.080
11.478
7.452
9.939
62%
75%
1.122
51.832
1.967
52.755
2%
4%
2.015
32.479
2.532
35.206
6%
7%
Incidenza sulla voce di bilancio
Costi per servizi vs parti correlate
Costi per servizi - Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
(in migliaia di Euro)
Crediti commerciali vs parti correlate
Crediti commerciali - Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
Altre attività non correnti vs parti correlate
Altre attività non correnti - Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
Altre attività correnti vs parti correlate
Altre attività correnti - Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
Debiti commerciali vs parti correlate
Debiti commerciali – Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
Altre passività correnti vs parti correlate
Altre passività correnti – Totale
Incidenza sulla voce di bilancio
31 dicembre 2011
31 dicembre 2012
31 dicembre 2011
10.559
31.322
20.360
41.236
34%
49%
3.139
3.817
2.401
3.192
82%
75%
5.446
9.872
9.010
10.680
55%
84%
3.263
35.001
2.137
32.255
9%
7%
26.678
34.090
26.850
32.541
78%
83%
35. IMPEGNI E PASSIVITA‟ POTENZIALI
Alla data del 31 dicembre 2012 risultano in essere fidejussioni concesse a terzi per un totale di Euro 2,2 milioni,
di cui Euro 1,8 milioni rilasciate a favore di clienti del settore contract ed Euro 0,4 milioni rilasciate a titolo di
garanzia per affitti.
187
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Le funzioni di tesoreria di Gruppo sono accentrate presso la Società che ha rilasciato fidejussioni a garanzia di
affidamenti concessi ad alcune società controllate, per un importo pari a Euro 3,3 milioni; l‟utilizzo di questi
affidamenti da parte delle controllate alla data del 31 dicembre 2012 era pari a Euro 4,6 milioni. Inoltre sono in
essere linee di affidamento “ad ombrello” utilizzabili dalle società italiane e quindi garantite dalla Società per
un importo complessivo pari a Euro 43 milioni; l‟utilizzo alla data del 31 dicembre 2011 di tali linee di
affidamento da parte delle controllate era pari a Euro 6,1 milioni, di cui Euro 2,4 milioni per impegni di firma.
36. OPERAZIONI SIGNIFICATIVE NON RICORRENTI, ATIPICHE E/O INUSUALI
Ai sensi della Delibera Consob n. 15519 del 27 luglio 2006 in merito agli schemi di bilancio, sono stati
considerati gli effetti derivanti da eventi o operazioni il cui accadimento risulta non ricorrente ovvero da quelle
operazioni o fatti che non si ripetono frequentemente nel consueto svolgimento dell‟attività. In particolare
nell‟esercizio in esame non si evidenziano eventi non ricorrenti, atipici o inusuali.
188
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
INFORMAZIONI AI SENSI DELL‟ART. 149-DUODECIES DEL REGOLAMENTO EMITTENTI CONSOB
Il seguente prospetto, redatto ai sensi dell‟art. 149-duodecies del Regolamento Emittenti Consob, evidenzia i
corrispettivi di competenza dell‟esercizio 2012 per i servizi di revisione e per quelli diversi dalla revisione resi
dalla stessa società di revisione e da entità appartenenti alla sua rete.
In migliaia di Euro
Revisione Contabile
Altri servizi
Totale
Soggetto che ha erogato il servizio
Reconta Ernst &Young S.p.A.
Reconta Ernst &Young S.p.A.
Reconta Ernst &Young Network estero
Destinatario del servizio
Capogruppo – Poltrona Frau S.p.A.
Società controllate italiane
Società controllate estere
Corrispettivo di
competenza del
2012
209
127
41
377
189
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
PIANI DI COMPENSI BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI
Piani di stock options
In data 22 giugno 2009 l‟Assemblea della Capogruppo ha approvato due piani di stock options di cui uno
riservato all‟Amministratore Delegato e l‟altro a taluni amministratori, dipendenti e collaboratori del Gruppo
Poltrona Frau.
Le caratteristiche del piano di stock options riservato all‟Amministratore Delegato sono indicate nella tabella
che segue:
Caratteristiche del piano
Attribuzione di diritti di opzione non cedibili a terzi per la sottoscrizione di azioni ordinarie di
Poltrona Frau S.p.A. di futura nuova emissione o, a scelta di quest‟ultima, per acquistare azioni
proprie.
Condizioni per l‟esercizio delle opzioni
Mantenimento della carica di amministratore delegato alle date di esercizio.
Prezzo unitario di sottoscrizione/acquisto delle
azioni
Ciascuna opzione attribuita dà diritto a sottoscrivere / acquistare una azione ordinaria della Società
al prezzo di Euro 0,74 cadauna.
Periodo di esercizio delle opzioni
Sino al 31 marzo 2014 secondo il seguente calendario: un terzo a partire dal 31 marzo 2010, un
terzo a partire dal 31 marzo 2011 ed un terzo a partire dal 31 marzo 2012. Il piano non prevede
obiettivi di performance.
Numero massimo di opzioni
Il piano non prevede un numero massimo di opzioni assegnabile in ogni anno. Il numero di opzioni
assegnate con il piano è di n. 1.200.000 opzioni, che attribuiscono il diritto di acquistare /
sottoscrivere n. 1.200.000 azioni ordinarie della Società.
Le caratteristiche del piano di stock options riservato a taluni amministratori, dipendenti e collaboratori del
Gruppo Poltrona Frau sono indicate nella tabella che segue:
Caratteristiche del piano
Attribuzione di diritti di opzione non cedibili a terzi per la sottoscrizione di azioni ordinarie di
Poltrona Frau S.p.A. di futura nuova emissione o, a scelta di quest‟ultima, per acquistare azioni
proprie.
Destinatari
Dipendenti, amministratori e consulenti della Società e sue controllate che ricoprano ruoli o funzioni
rilevanti nella Società o sue controllate.
Condizioni per l‟esercizio delle opzioni
Mantenimento del rapporto di lavoro o della carica di amministratore o del rapporto di consulenza
alle date di esercizio.
Prezzo unitario di sottoscrizione/acquisto delle
azioni
Ciascuna opzione attribuita dà diritto a sottoscrivere / acquistare una azione ordinaria della Società
al prezzo di Euro 0,88 cadauna.
Periodo di esercizio delle opzioni
Sino al 31 marzo 2014 secondo il seguente calendario: un terzo dopo 12 mesi dalla data di
assegnazione, un terzo dopo 24 mesi dalla data di assegnazione e qualora il beneficiario abbia
raggiunto gli obiettivi individuati di performance al medesimo assegnati ed un terzo dopo 36 mesi
dalla data di assegnazione e qualora il beneficiario abbia raggiunto gli obiettivi individuati di
performance al medesimo assegnati
Numero massimo di opzioni
Il piano non prevede un numero massimo di opzioni assegnabile in ogni anno. Il numero massimo di
opzioni complessivamente attribuibili con il piano è di n. 2.800.000 opzioni, che attribuiscono il
diritto di acquistare / sottoscrivere n. 2.800.000 azioni ordinarie della Società.
Il numero complessivo dei diritti d‟opzione assegnati alla data del 31 dicembre 2012 è pari a 1.316.669
(1.663.334 al 31 dicembre 2011), di cui nessuno attribuito a membri del Consiglio di Amministrazione (ad
eccezione di quanto riportato sopra relativamente all‟Amministratore Delegato), 160.000 attribuiti a
componenti del Consiglio di Amministrazione di società controllate, 723.334 attribuiti a dirigenti rilevanti ex
190
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
art. 152-sexies, comma 1, lettera c)-c.2 del Regolamento Emittenti
collaboratori della Capogruppo e delle società controllate .
e 433.335 ad altri dipendenti e
L‟adozione di un piano di stock options implica la rilevazione contabile di un costo pari al fair value delle
opzioni alla data di assegnazione. Tale costo va riconosciuto lungo il periodo nel quale maturano le condizioni
per l‟esercizio delle stesse ed in contropartita viene alimentata una apposita riserva di patrimonio netto.
Le opzioni sono state valutate da un esperto indipendente e le principali ipotesi alla base dello sviluppo del
calcolo sono di seguito riportate:
- metodo di calcolo:
modello binomiale Cox Ross Rubinstein
- prezzo corrente del sottostante:
Euro 0,831
- prezzo d‟esercizio dell‟opzione:
Euro 0,88 (Euro 0,74 per il piano dell‟Amministratore Delegato)
- volatilità annua attesa:
30%
- tasso privo di rischio:
3,52%
- payout return:
1,5%
Si riporta di seguito la movimentazione delle stock options avvenuta nell‟esercizio 2012:
Numero di
azioni
Esercizio 2012
Diritti esistenti al 1° gennaio 2012
Nuovi diritti assegnati nel periodo
(Diritti esercitati nel periodo)
(Diritti scaduti nel periodo)
Diritti esistenti al 31 dicembre 2012
Prezzo medio di
esercizio
2.863.334
(166.665)
(180.000)
2.516.668
Prezzo di
mercato
0,824
0,880
0,880
0,880
0,880
0,994
0,994
Compensi ad Amministratori e Sindaci
Le tabelle che seguono indicano i compensi maturati nel periodo a favore dei componenti degli organi di
amministrazione e di controllo e ai direttori generali, così come richiesto dall‟Allegato 3C schema 1 previsto dal
Regolamento Emittenti.
Consiglio di Amministrazione (in migliaia di Euro)
Nome e Cognome
Carica Ricoperta
Periodo
per cui è
stata
ricoperta
la carica
Franco Moschini
Matteo Cordero di Montezemolo
Dario Rinero
Luca Cordero di Montezemolo
Tommaso Beolchini
Lorenzo Romani
Libero Milone
Innocenzo Cipolletta
Mario Paolo Moiso
Luigi Sala
Irene Tinagli
Presidente
Vice Presidente
Amm. Delegato
Amministratore
Amministratore
Amministratore
Amministratore
Amministratore
Amministratore
Amministratore
Amministratore
2012
2012
2012
2012
2012
2012
2012
2012
2012
2012
2012
Scadenza
della
carica
Costo per la
carica ricoperta
nella società che
redige il bilancio
Benefici
non
monetari
Bonus e
altri
incentivi
Altri
compensi
(1)
(1)
(1)
(1)
(1)
(1)
(1)
(1)
(1)
(2)
(2)
21
770
7
14
13
7
7
4
2
-
-
10
36
-
(1) rinnovo carica nell‟assemblea degli azionisti del 27 aprile 2012
sino ad approvazione del bilancio al 31 dicembre 2014
(2) nominato nell‟assemblea degli azionisti del 27 aprile 2012 ed in carica sino ad approvazione del bilancio al 31 dicembre 2014
191
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
Collegio sindacale (in migliaia di Euro)
Nome e Cognome
Mario Stefano Luigi Ravaccia
Alfonso Donadio
Barbara Zanardi
Giacomo Ramenghi
Nazzareno Minnozzi
Gianluca Settepani
Carica Ricoperta
Periodo per cui
è stata
ricoperta la
carica
Scadenza
della
carica
Costo per la
carica ricoperta
nella società che
redige il bilancio
Benefici
non
monetari
Bonus e
altri
incentivi
Altri
compensi
Presidente
Sindaco Effettivo
Sindaco Effettivo
Sindaco Effettivo
Sindaco Supplente
Sindaco Supplente
2012
2012
2012
2012
2012
2012
(1)
(2)
(1)
(3)
(1)
(1)
25
18
6
11
-
-
-
-
(1) rinnovo carica nell‟assemblea degli azionisti del 27 aprile 2012 sino ad approvazione del bilancio al 31 dicembre 2014
(2) sindaco in carica dal 27 aprile 2012 sino ad approvazione del bilancio al 31 dicembre 2014
(3) sindaco in carica sino al 27 aprile 2012
Compensi ai dirigenti con responsabilità strategica
I dirigenti con responsabilità strategica, ossia quelli che hanno il potere e la responsabilità, direttamente o
indirettamente, della pianificazione, della direzione e del controllo delle attività del Gruppo sono stati
individuati nelle figure degli amministratori delegati, dei direttori generali e dei principali dirigenti. I compensi
spettanti a questa categoria di dirigenti, in relazione all‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 sono pari ad Euro
3.386 migliaia (Euro migliaia 3.732 al 31 dicembre 2011), totale costo azienda incluso Amministratore
Delegato, e si riferiscono sostanzialmente ai benefici a breve termine.
192
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
193
Juliet, Benjamin Hubert, Poltrona Frau, 2012
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
194
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
195
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
196
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
ATTESTAZIONE DEL BILANCIO SEPARATO AI SENSI DELL‟ART. 81-TER DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971 DEL
14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI
1. I sottoscritti Dario Rinero, Amministratore Delegato e Cesare Parachini, Dirigente preposto alla redazione
dei documenti contabili societari di Poltrona Frau SpA attestano, tenuto anche conto di quanto previsto
dall‟art. 154-bis, commi 3 e 4, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58:


l‟adeguatezza in relazione alle caratteristiche dell‟impresa e
l‟effettiva applicazione delle procedure amministrative e contabili per la formazione del bilancio
d‟esercizio nel corso dell‟esercizio 2012.
2. Al riguardo, sono state definite le procedure amministrative e contabili per la formazione del bilancio
d‟esercizio al 31 dicembre 2012 e la valutazione della loro adeguatezza è stata effettuata sulla base di una
metodologia definita da Poltrona Frau S.p.A. in coerenza con il framework “Il sistema di controllo interno” e
tiene anche conto del documento “Il controllo interno per l‟attendibilità del financial reporting – Strumenti
di riferimento per il management”, entrambi elaborati dal Committee of Sponsorizing Organizations of the
Treadway Commission (CoSO), che rappresentano un modello di riferimento generalmente accettato a
livello internazionale.
3. Si attesta, inoltre, che:
3.1 il bilancio separato al 31 dicembre 2012:
a) è redatto in conformità ai principi contabili internazionali applicabili riconosciuti nella Comunità
europea ai sensi del regolamento (CE) n. 1606/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19
luglio 2002;
b) corrisponde alle risultanze dei libri e delle scritture contabili;
c) è idoneo a fornire una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale, economica
e finanziaria dell‟emittente.
3.2 La relazione sulla gestione comprende un‟analisi attendibile dell‟andamento e del risultato della
gestione, nonché della situazione dell‟emittente unitamente alla descrizione dei principali rischi e
incertezze cui è esposto.
Milano, 14 marzo 2013
__________________________________
__________________________________
Amministratore Delegato
F.to Dr. Dario Rinero
Dirigente preposto alla redazione dei
documenti contabili societari
F.to Dr. Cesare Parachini
197
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
198
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
199
POLTRONA FRAU S.P.A
___________________________________________________________RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2012
BILANCIO D‟ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 - PROPOSTA DI DELIBERA
Signori Azionisti,
a conclusione della nostra relazione, confidando nel Vostro consenso all‟impostazione ed ai criteri adottati,
nella redazione del bilancio al 31 dicembre 2012, vi proponiamo di deliberare:
1. l‟approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2012 e della Relazione degli Amministratori
sull‟andamento della gestione nell‟esercizio chiuso al 31 dicembre 2012, così come Vi sono stati sottoposti;
2. di riportare a nuovo la perdita d‟esercizio di Euro 2.159.787.
Milano, 14 marzo 2013
Per il Consiglio di Amministrazione
L‟Amministratore Delegato
Dario Rinero
200

Documenti analoghi