Switch per barra DIN per installazioni estreme da Hirschmann

Commenti

Transcript

Switch per barra DIN per installazioni estreme da Hirschmann
Switch per barra DIN
per installazioni estreme
da Hirschmann
Motore con azionamento integrato
da Homberger
I nuovi switch managed della famiglia RSR di Hirschmann
Automation and Control, disponibili in versione Fast (RSR20) e
Gigabit Ethernet (RSR30), sono stati progettati per resistere a
pesanti sollecitazioni quali urti, vibrazioni, temperature estreme
e per garantire una perfetta funzionalità in presenza di elevato
inquinamento elettromagnetico, rendendoli ideali per applicazioni
nell’ambito delle sottostazioni elettriche, nel settore ferroviario,
nel settore navale e in quello dei sistemi militari. Possiedono
un involucro metallico compatto e molto robusto e possono
essere montati su barra DIN o direttamente a parete. Gli switch,
componibili in diverse strutture secondo un principio di modularità,
dispongono al più di nove porte Fast Ethernet e massimo tre
Gigabit Uplinks realizzati come porte combo, in solo rame o in
fibra con moduli SFP in grado di raggiungere distanze fino a 120
km. Il raffreddamento senza ventola e un’alimentazione totalmente
ridondante contribuiscono all’elevata disponibilità operativa. Lo
stato diagnostico dello switch può essere rilevato sia tramite un
doppio contatto di fault a relé, sia mediante l’interfaccia grafica
tramite un normale browser o tramite un software di gestione che
utilizzi la messaggistica SNMP.
Tra i meccanismi di protezione informatica, i switch offrono un
controllo di accesso secondo IEEE 802.1x, la sicurezza per porte
basata su indirizzi IP e MAC, la criptazione delle password e
la SSH. Oltre ai tipici robusti metodi di ridondanza presenti su
tutti gli switch Hirschmann, questa serie offre Fast HIPER Ring,
nuova versione del protocollo HIPER Ring, che garantisce tempi
di commutazione reali inferiori a 10 millisecondi in qualsiasi
condizione di guasto in una struttura ad anello. Fast HIPER Ring,
supportato anche negli switch della famiglia MACH 1000, è
particolarmente adatto per applicazioni critiche e progressivamente
sarà esteso a tutti gli switch gestiti dalla casa.
I nuovi switch sono stati progettati per
resistere a pesanti sollecitazioni e vibrazioni.
Homberger ha recentemente introdotto il servomotore con
azionamento integrato KSD da 120 a 600w. È disponibile in due
range di alimentazione, 24-60 VDC, con retroazione encoder e 230
VAC monofase e con retroazione revolver. A richiesta è fornito con
retroazione da encoder assoluto mono e multigiro, con o senza
riduttori e se necessario con freno e integrato. I motori possono
essere distribuiti come posizionatori in qualsiasi parte dell’impianto
tramite rete di comunicazione CANopen e Profibus. Configurazione,
ingegneria e costi accessori dell’hardware sono ridotti, in
quanto l’allacciamento al sistema è semplificato. Molteplici le
applicazioni ideali: dai sistemi di assemblaggio e movimentazione,
ai meccanismi medicali e macchinario di produzione elettronica,
solo per menzionarne alcuni. Fra le principali caratteristiche dei
servomotori ricordiamo che sono esenti da manutenzione, in
quanto brushless; offrono alta dinamica e una vasta gamma di
controllo della velocità; vantano classe di isolamento F, protezione
termica integrata da termistore PTC, design con flangia secondo
DIN 42677 e rotore equilibrato dinamicamente. I servoazionamenti
integrati sono dotati di loop di controllo per corrente, velocità e
posizione completamente digitali Tutte le impostazioni possono
essere memorizzate e riprodotte in altri azionamenti KSD tramite
software PC-Link. Dato che i servo azionamenti possono essere
utilizzati in una vasta gamma di applicazioni, le diverse modalità
operative, come coppia, velocità e posizione, possono essere
selezionate tramite software. Due sono i possibili modi operativi:
command mode e program mode. Nel primo caso la gestione
delle funzioni motore avviene tramite controllo esterno, utilizzando
per le comunicazioni CANopen, Profibus, Seriale RS485 a scelta.
Nel secondo caso le sequenze di movimento possono essere
gestite direttamente dall’azionamento tramite input/output digitali
programmabili internamente.
Il servomotore con azionamento integrato KSD vanta classi di isolamento F.
automazioneintegrata
• 53 •
maggio 2008