File PDF

Commenti

Transcript

File PDF
TAORMINA FILM FEST IN SICILIA
JUNE 13-20 2009
Comunicato stampa
Il regista Giancarlo Scarchilli e gli attori Paolo Briguglia e Stefania Orsola Garello
hanno tenuto banco all’incontro svoltosi al Palazzo dei congressi nell’ambito di
Campus Taormina. Un interessante scambio di opinioni, esperienze, ricordi e
aneddoti sull’arte della recitazione ha animato la mattinata della quarta giornata
del Taormina FilmFest.
“Fino a 18 anni facevo il calciatore - ha spiegato Giancarlo Scarchilli - e ho anche
vinto i campionati Allievi e Juniores. Dopo aver svolto il servizio di leva sono
andato tre settimane a Londra e lì ho capito di sapere scrivere. Da una storia
particolare mi sono reso conto che essere amati è la cosa più bella del mondo”.
“Io ho deciso di diventare siciliana da un momento all’altro - ha detto Stefania Orsola
Garello - e non è un caso se la mia vita l’ho trovata a Favignana. Questa è una
terra che dà energia e la possibilità di essere donne rispettate ma forti è
sicuramente una bella cosa. Come sono entrata nel mondo del cinema? Mia
madre, da giovanissima, mi accompagnò alla scuola serale di recitazione e poi la
notte me ne andavo a ballare. Il primo grande impulso me lo diede Pupi Avati,
prima di imbarcarmi nel cinema degli Anni Novanta. Adesso, se Dio vuole - ha
concluso la Garello tra gli applausi incoraggianti del pubblico giovanile presente a settembre ci sarà il mio primo ciak”.
“I film sulla mafia di Riina e Provenzano sono ormai superati - ha detto Paolo
Briguglia - e non capisco perché nessuno realizza più film sulla mafia di adesso e
sui colletti bianchi che le girano attorno”.