Intervento dott.ssa Sapio GESP srl - PMI

Commenti

Transcript

Intervento dott.ssa Sapio GESP srl - PMI
CLUSTER SCC: il punto di vista di una azienda
Smau Milano 23 ottobre 2014
Vantaggi per una azienda: definizione ed obiettivi di un cluster
Definizione
Secondo la popolare definizione di M. Porter (Il
vantaggio competitivo delle nazioni, 1998), il cluster
è «un’agglomerazione geografica di imprese
interconnesse, fornitori specializzati, imprese di
servizi, imprese in settori collegati e organizzazioni
associate che operano tutti in un particolare campo,
e caratterizzata dalla contemporanea presenza di
competizione e cooperazione tra imprese.»
“imprese geograficamente vicine connesse da
relazioni verticali e orizzontali, comprese infrastrutture
localizzate di supporto alle stesse, che condividono
una visione evolutiva della crescita economica,
basata sulla competizione e sulla cooperazione in
uno specifico segmento di mercato” (Cooke e
Huggins 2001)
2
Vantaggi per una azienda: definizione ed obiettivi di un cluster
Obiettivo
L'obiettivo di stimolare imprese e organismi di ricerca a
lavorare insieme per affrontare e risolvere una o più
sfide sociali, servendosi di tecnologie abilitanti (Key
Enabling Technologies - KETs), cioè trasversali a
più settori.
L'elemento caratteristico dei clusters?
Dal punto di vista del valore economico, è dato dalla
loro capacità di usare prossimità e convivenza sul
territorio per costruire un circuito efficiente di divisione
del lavoro cognitivo, in cui singole imprese o persone
possono specializzarsi in un campo particolare del
sapere e del saper fare, entrando a far parte di un
sistema molto più grande di loro.
3
Vantaggi per una azienda: Indicatori di efficacia
European Innovation Scoreboard (EIS), che consente di
valutare le prestazioni di innovazione sulla base di un
definito set di indicatori strutturali; tale quadro di
valutazione
dell’innovazione
viene
realizzato
annualmente per comparare le dinamiche dei processi
di innovazione fra i vari Paesi membri. In particolare,
l’EIS prende in considerazione 17 indicatori principali,
suddivisi in 4 macro-categorie (European Commission
2002):
Risorse umane;
Creazione di conoscenza;
Trasmissione e applicazione di conoscenza;
Finanza per l’innovazione, output e mercati.
Indicatori
Gli indicatori proposti vengono raggruppati in alcune categorie omogenee:
variabili di performance delle attività di ricerca,
variabili di presenza e rilevanza delle strutture per il sostegno dell’innovazione,
….
variabili di struttura del sistema produttivo;
variabili di dinamica del sistema produttivo,
variabili di intensità di relazioni fra soggetti,
variabili di “qualità del capitale umano”,
……
4
Vantaggi per una azienda: Risorse umane
Nel cluster si sviluppano dinamiche di cooperazione e di
relazionei dei diversi attori.
Maskell (2001), infatti, sottolinea come i cluster costituiscano un
modello di sviluppo spontaneo e nello stesso tempo organizzato,
che contribuisce:
a ridurre la distanza cognitiva tra le imprese,
a favorire il trasferimento e l’utilizzo delle conoscenze,
a produrre nuova conoscenza.
Infatti, le imprese operanti in un cluster possono valorizzare la
vicinanza per discutere e confrontarsi su problemi simili, per
scambiarsi informazioni e quella parte di conoscenza tacita che
si diffonde attraverso canali informali e contatti face-to-face, e
per beneficiare della divisione del lavoro, che rafforza le
capacità di creazione di nuova conoscenza.
5
Chi siamo
Cluster tecnologici sono aggregazioni di:
imprese,
università,
enti pubblici o privati di ricerca,
distretti tecnologici già esistenti
altri soggetti (Aziende Ospedaliere,
Aziende Speciali, ecc.)
caratterizzati da una forte leadership e
operanti nelle aree tecnologiche.
Vantaggi per una azienda: Creazione della conoscenza
:
Parole chiave nelle politiche europee di innovazione
sono:
livinglabs, e- learning
Il cluster propone percorsi formativi per accrescere le
competenze delle PMI del settore ICT su temi specifici
quali:
partecipazione efficace ai bandi di
finanziamento
le tecniche di vendita per prodotti e servizi ICT
metodologie di preparazione di un business
plan etc.
6
Vantaggi per una azienda: Trasmissione e applicazione di conoscenza
Key aspect : cross fertilisation
Il cluster è composto da 8 tavoli tematici che
permettono di coprire tutte le tematiche necessarie ad
approfondire l’applicazione dell’ICT allo scopo di
raggiungere Smart city e una Smart communities.
8Tavoli tematici sono:
Efficienza energetica sostenilità ambientale
Sicurezza e monitoraggio del territorio
Mobilità
Salute patologie
Salute stili di vita
e.government
Istruzione e formazione
Cultura e turismo
7
.
Vantaggi per una azienda: Finanza per l’innovazione
ORIENTAMENTO e INFORMAZIONE PER LE IMPRESE
Offre i seguenti servizi:
Informazione, diffusione e accompagnamento a programmi di
finanziamento di R&S con integrazione del sistema produttivo e
della ricerca
Endorsement
Catalogo fornitori qualificati di servizi di finanziamento e di
rendicontazione
Abilitazione di cordate regionali, nazionali ed europee per
rispondere più efficacemente ai bandi
Attiva collaborazioni con Università e Centri di Ricerca
Segnala potenziali partner qualificati
.
Risultati
I primi risultati di queste attività sono 9 progetti finanziati
nell’ambito di bandi regionali e che sono frutto di un lavoro
congiunto tra imprese ed enti di ricerca.
8
Vantaggi per una azienda: output e mercati
Benefici per i soci del cluster
Contatti con i potenziali utenti
Coinvolgimenti degli utenti rappresentati dalla PA,
altre Piccole medie imprese
Contatti con altri cluster
9
Vantaggi per una azienda: processo di internazionalizzazione
"accorciare le distanze" attraverso le ICT,
grazie a questa caratteristica, l'e-Cluster realizza forme
complesse di condivisione cognitiva che permettono di
superare i confini e le dinamiche fortemente locali.
Come funziona
misure di accompagnamento verso nuovi
mercati, in particolare mediante la creazione
di contatti con acquirenti e distributori
Risultati
Partecipazione a meeting europei organizzati per i cluster e
partecipazione al bando COSME CLUSTER EXCELLENCE
PROGRAMME creando i primi contatti virtuosi che ci
permetteranno di accompagnare le ditte nella partecipazione ai
bandi europei
10
GESP
Sistemi informativi e soluzioni geospaziali per le reti tecnologiche, il trasporto e l'ambiente.
Dr. Francesca Sapio, Innovation manager
E-Mail: [email protected]
Mobile: +39. 3346762151
Viale L. Scarampo, 47 - 20148 Milano (Italy)
Tel. 02 33 000 904 - Fax 02 39 256 185
Via Marconi, 71 - 40122 Bologna (Italy)
Tel. 051 19 98 40 95 - Fax 051 42 10 419
Lungo Dora Colletta, 113/114 - 10153 Torino (Italy)
Tel. 011 24 40 983 - Fax 011 24 06 561
www.gesp.it