Attività giovanile GAF - Federazione Ginnastica d`Italia

Transcript

Attività giovanile GAF - Federazione Ginnastica d`Italia
03_50 Il Ginnasta Nov-Dic
21-12-2006
18:51
Pagina 34
34
Attività giovanile GAF:
ITALIA-CINA: LE AZZURRE MISURANO
LA FURIA GIALLA
L
o scorso 11 novembre, al PalaPiantanida di Busto Arsizio, si è disputato un incontro internazionale che ha visto impegnate sul campo le nazionali juniores di
Cina ed Italia. In una splendida cornice di pubblico e con l’eccellente organizzazione della Pro
Patria Bustese, la manifestazione ha vissuto
momenti di alto valore tecnico, soprattutto alla trave e alle parallele asimmetriche.
La nostra rappresentativa - formata da
Serena Licchetta (La Rosa di Brindisi) seguita da Barbara Spagnolo, Emily Armi
(Lixonum di Lissone) allenata da Claudia
Ferrè e Paolo Bucci, da Valentina Muollo
e Anna Reschiglian, entrambe della Ardor
Padova e preparate da Valentina Spongia, da Erika Erbacci (Velitrae) allenata da
Mauro Di Rienzo e
Valeria Beltrame,
nonchè da Alice
Roffinoli della società Asa Cinisello di Marta Cerri
(che da settembre
è nel C.T.R. di Milano) - ha dato vita
ad una competizione
più che onorevole, cercando di esprimere, con assoluta determinazione, tutto il
repertorio tecnico disponibile. La prima differenza tra le due
squadre era già evidente nella composizione. Infatti, mentre la squadra azzurra schierava due ginnaste del ‘93 e quattro del ‘92, la rappresentativa cinese aveva quattro ginnaste
nate nel 1991 e due nel 1992. Tutte, dunque, atlete utili per
il mondiale qualificante del prossimo anno. A titolo di cronaca, erano assenti per infortunio Georgia Bonanni e Silvia
Zanolo, artefici del 4° posto agli Europei di Volos, ed era ancora convalescente la giovanissima, ma già collaudata, Paola Galante. L’Italia, nonostante alcuni errori, ha tirato fuori
una performance complessiva di buon livello, soprattutto al
corpo libero. Le cinesi, da par loro, hanno dimostrato grandi potenzialità, evidenziate pure dai punteggi ottenuti alla
trave e alle parallele. Al contrario, alcune sbavature nel vol-
teggio e sulla pedana del corpo libero hanno permesso alla
nostra squadra di contenere il distacco nella classifica finale. La formula di gara prevedeva l’impiego di tutte
le sei ginnaste nei quattro apparati. Tuttavia al fine del
computo del punteggio
erano utili solo i migliori quattro esercizi. Al
termine delle prove il
risultato premiava la
Cina con il punteggio
di 229.15, mentre l’Italia totalizzava un
218.15. Nella classifica
individuale prima delle azzurrine è risultata Valentina
Mollo, al 4° posto ad un decimo e ? dalla seconda, nonostante
un problema al ginocchio. Ma anche le altre ginnaste di casa nostra hanno dimostrato buoni
margini di miglioramento, con routine farcite di nuove difficoltà, testate per l’occasione. Complimenti,
quindi, a tutte le ginnaste e ai tecnici che hanno saputo onorare con decoro una sfida sulla cui difficoltà,
sicuramente, nessuno nutriva alcun dubbio.
Di Mauro Di Rienzo
Concorso Individuale
GINNASTA
JIANG YUYUAN (CHN)
NAI RUOYU (CHN)
DENG LINLIN (CHN)
MUOLLO VALENTINA (ITA)
TIAN MENGSI (CHN)
HU YUHONG (CHN)
GUO WEI (CHN)
EMILY ARMI (ITA)
ERBACCI ERIKA (ITA)
LICCHETTA SERENA (ITA)
RESCHILIAN ANNA (ITA)
ROFFINOLI ALICE (ITA)
14,750
12,150
14,600
13,250
12,800
13,800
13,000
12,800
13,100
13,400
12,600
13,350
15,150
13,600
13,350
15,000
13,500
14,450
13,950
13,100
14,050
12,750
13,150
13,100
15,500
15,300
14,450
13,950
14,750
13,400
14,300
14,450
13,650
13,500
13,950
12,900
14,450
14,450
13,000
13,150
13,950
12,750
12,850
13,550
12,800
13,750
13,300
12,850
TOT.
59,850
55,500
55,400
55,350
55,000
54,400
54,100
53,900
53,600
53,400
53,000
52,200
56,150
53,100
57,150
55,300
60,000
56,000
55,850
53,750
TOT.
229,150
218,150
Classifica Squadre
NAZIONE
CINA
ITALIA
03_50 Il Ginnasta Nov-Dic
21-12-2006
18:51
Pagina 35
35
ITALIA-UNGHERIA:
AZZURRINE
“PIGLIATUTTO”
Facile vittoria, il 31 ottobre scorso, per la squadra juniores femminile che non ha avuto problemi ad aggiudicarsi l’incontro di ritorno con le pari età ungheresi. Un anno
fa a Tata, nei pressi di Budapest, le azzurrine si erano
imposte nella gara a squadre, lasciando però alle
avversarie il primo posto individuale. Questa
volta,
nella
manifestazione
di
Montevarchi, egregiamente organizzata dalle società locali Aurora e Giglio,
non ci sono storie: la supremazia italiana è totale ed indiscussa. Le
nostre, infatti, primeggiano in termini di correttezza di esecuzione,
di contenuti tecnici e, trascinate
dall’effetto “Ferrari”, sfoderano una
prestazione all’insegna della perfezione (un solo errore su 24 esercizi)
aggiudicandosi anche il podio della
classifica individuale. Sapientemente condotte da Mauro Di Rienzo, Valentina Spongia e
Claudia Ferrè l’Italia, oltre alle già collaudate
Valentina Muollo ed Anna Reschiglian (entrambe
dell’Ardor Padova), nonché Erika Erbacci (Velitrae
Velletri), ha schierato tre esordienti: Alice Roffinoli (Asa
Cinisello) - Serena Licchetta (La Rosa Brindisi) ed Emily
Armi. Ques’ultima, nata a Montevarchi e trasferitasi a
Lissone nella GAL, era la beniamina del pubblico di casa.
Senza nulla togliere alle altre, i tre nuovi innesti hanno
mostrato la grinta tipica di chi ha voglia di arrivare in alto.
Ma torniamo alla cronaca. Nel volteggio collezioniamo 6
salti buoni, ai quali rispondono le ungheresi con esercizi
alle parallele non proprio impeccabili in termini di esecuzione, tanto da incorrere in parecchi errori. La seconda
rotazione vede impegnate le azzurre proprio alle parallele dove registriamo l’unico errore di giornata: una distrazione di Erika Erbacci in una kippe verticale abbondante
che le fa interrompere l’esercizio. Subito dopo sale
Valentina Mollo, che non si lascia condizionare dall’indecisione della compagna e mette a segno una prova davvero lodevole. Le ungheresi, di turno alla trave, poco
riescono a fare per recuperare il gap accumulato, anche
perchè continuano ad incorrere in parecchi errori, pale-
sando
modesti
livelli esecutivi. Il risultato,
dunque, era ormai al sicuro
quando saliamo alla trave, un
attrezzo sempre insidioso. Le
azzurrine perfezionano il proprio esercizio una dopo l’altra e
senza eccessivi patemi, proprio
mentre le rivali tentano un disperato recupero al corpo libero.
Nell’ultima rotazione siamo ormai certi
della vittoria e anche se l’Ungheria mette a
segno dei buoni volteggi (l’unico apparato dove ci hanno
battuto) la nostra serie sulla pedana decreta definitivamente il trionfo azzurro in termini di qualità, preparazione artistica e tecnica.
Di Giorgio Colombo
Classifica Squadre
NAZIONE
ITALIA
UNGHERIA
53,40
53,85
55,30
45,60
57,30
52,25
53,90
49,70
13,50
13,30
12,85
12,60
14,10
13,40
13,20
13,20
12,70
13,40
13,15
12,40
14,80
13,35
13,15
13,50
12,50
13,15
13,65
10,15
11,45
11,50
9,70
14,45
14,15
14,50
14,20
13,40
13,45
14,00
13,65
12,80
11,60
10,90
13,20
13,50
13,65
13,55
12,85
12,80
11,75
13,10
11,80
11,95
10,05
TOT.
219,90
201,40
Concorso individuale
GINNASTA
MUOLLO VALENTINA (ITA)
LICCHETTA SERENA (ITA)
ARMI EMILY (ITA)
RESCHIGLIAN ANNA (ITA)
BOCZOGO DORINA (HUN)
ROFFINOLI ALICE (ITA)
ERBACCI ERICA (ITA)
KEKEGYI SZANDRA (HUN)
LONAI HAJNALKA (HUN)
CSILLAG TUNDE (HUN)
SZABADFI SZILVIA (HUN)
KEKEGYI ADRIENN (HUN)
TOT.
55,95
54,30
54,15
53,85
52,85
52,80
52,60
50,10
48,75
48,45
43,80
12,40

Documenti analoghi