Legionella

Commenti

Transcript

Legionella
Standard di qualità da rispettare: la normativa attuale
Aspetti critici del controllo della legionellosi
Dr Alessandro Lizioli
Dipartimento di Prevenzione Medico
ASL di Milano
Cos’è il biofilm
 Un biofilm è una complessa comunità di microrganismi adesi ad una
superficie solida
 Il complesso di microrganismi contenuti nel biofilm include batteri,
funghi, lieviti, protozoi e altri
 In poche ore o giorni su una superficie pulita e sterile, bagnata da uno
strato di acqua contenente nutrienti minimi, si forma un ecosistema
microbico costruito a partire da una massa di polisaccaridi extracellulari
prodotti dai m.o. stessi
 La formazione di biofilm non è un processo casuale, ma segue precise
regole.
Ciclo di produzione
La biodiversità del biofilm
 Circa un centinaio di anni fa Robert Koch raggiunse uno dei più
importanti traguardi della microbiologia: la possibilità di creare
monocolture batteriche
 Per quanto produttiva fosse tale idea, essa continua ad essere un
grande malinteso
 Le colture pure non sono mai presenti in natura
 Mutualità, commensalità, antagonismo e saprofitismo sono interazioni
comuni in tutti i sistemi organici
Dove si trova il biofilm
 Il biofilm può prodursi:
 su substrati solidi a contatto con ambienti umidi
 sulla superficie dei tessuti molli degli organismi viventi
 tra superfici di separazione aria acqua
 Tipicamente la produzione di biofilm è nelle rocce, negli ambienti marini
e nelle acque sorgive
Il rischio legionella
 Il batterio
 43 specie e 64 sierogruppi
 Prolifera nell’acqua stagnante tra 25°C e 43°C
 La contaminazione
 Essenzialmente attraverso aerosol di acqua
 Nessuna trasmissione interumana
 I serbatoi
 Acqua calda sanitaria
 Torri di refrigerazione
 … altro
Relazione dose effetto e dose risposta
 Non si conosce la dose necessaria per provocare infezione nell’uomo
 Esiste una correlazione tra dose e durata dell’esposizione
 Non esistono metodi standardizzati per la determinazione di Legionella
nell’aria
 La concentrazione di Legionella nei punti di prelievo di acqua calda non
è costante
Relazione tra UFC e allerta
 < 103 UFC
 Livello accettabile: nessun provvedimento
 = 103 UFC
 Livello di allerta:
• Allerta
• Verifiche e controlli
• Adozione correttivi
 104 UFC
 Livello di allerta massimo:
• Adozione di tutte le misure preventive
Sorveglianza ambientale
 Attivata solo in caso di focolai epidemici o casi nosocomiali o in
stabilimenti termali
 Individuazione dei punti prelievo (a seguito dell’indagine
epidemiologica)
 Uso della determinazione quantitativa per confermare l’efficacia
dell’intervento
Valutazione del rischio




suscettibilità degli esposti
vicinanza agli impianti e durata di esposizione agli aerosol
concentrazione batterica
potere patogeno della sorgente
Valutazione del rischio
L’esposizione globale nell’ambiente è la risultante di numerose esposizioni a
sorgenti diverse e con diverso potere patogeno
Cattiva conoscenza delle sorgenti !
Assunti di base
 La prevenzione della legionellosi si basa su una serie di provvedimenti
che si basano sui seguenti assunti:
 esistenza di una fonte di diffusione del batterio
 quantità di batterio inalato
 suscettibilità della persona alla malattia
 La legionellosi è dunque il risultato dell’avverarsi di una serie di eventi
(cause) che determinano il suo instaurarsi.
 Nessuno degli eventi connessi alla malattia è in grado da solo di essere
definito come sufficiente, tuttavia è definibile come necessario
Normativa vigente
 Accordo Stato Regioni del 4 aprile 2000, pubblicato nella G.U. n. 103
del 5 maggio 2000 “Linee guida per la prevenzione e il controllo della
legionellosi
 Accordi Stato-Regioni del 13 gennaio 2005:
 “Linee guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di
strutture turistico-recettive e termali” (rep. n. 2181)
 “Linee guida recanti indicazioni ai laboratori con attività di diagnosi
microbiologica e controllo ambientale della legionellosi” (rep. n.
2193)
 DGR 18853 del 30 settembre 2004 “Sorveglianza, notifica e controllo
delle infezioni: revisione e riordino degli interventi di prevenzione in
Regione Lombardia”
 DGR 1751 del 24 febbraio 2009 “Linee guida prevenzione e controllo
della legionellosi in Lombardia”
LR 38/2008
 All’art 2 la LR 38/2008 prevede:
 Al fine di prevenire la diffusione di malattie infettive trasmesse da
nebulizzazione derivante da impianti di distribuzione dell'acqua sanitaria e
di condizionamento, le strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e
private accreditate hanno l'obbligo, in modo continuativo in relazione agli
esiti riscontrati, di porre in atto le azioni di prevenzione, controllo e
manutenzione dei seguenti impianti:
• impianti di produzione e distribuzione dell'acqua calda sanitaria;
• impianti di condizionamento dell'aria;
• impianti per idroterapia non termale e aerosolterapia
 Le azioni di prevenzione, controllo e manutenzione, da effettuare con
cadenza minima annuale e in caso di provata contaminazione o di malattia
nei pazienti, sono indicate con decreto della direzione generale sanità. Gli
oneri sono a carico delle strutture sanitarie e sociosanitarie. Le operazioni
devono essere certificate dalle Aziende sanitarie locali (ASL), registrate e
controfirmate dal responsabile della struttura o suo preposto
Situazione attuale
 Le attuali politiche sanitarie di prevenzione e controllo prevedono:
 la necessità di individuare tempestivamente le legionellosi
ospedaliere
 l’identificazione delle fonti di infezione
 la valutazione del rischio di esposizione
 la scelta e l’applicazione dei metodi più appropriati per il
contenimento del rischio
Possibili disomogeneità del sistema
 Criteri e di procedure adottate per la diagnosi di infezione da Legionella
nei pazienti con polmonite e nella gestione delle sorgenti di infezione
 Coesistenza di sistemi di sorveglianza basati sulla ricerca attiva e di
sistemi di sorveglianza di tipo passivo
 Disomogeneità dell’iter diagnostico e dei metodi di laboratorio utilizzati
 Procedure di campionamento per la ricerca e conteggio di Legionella
negli impianti idrici, di condizionamento e nelle apparecchiature a
rischio di contaminazione
 Procedure per la bonifica o per l’abbattimento del rischio, causate:
 dalla difficoltà di interpretazione del livello di rischio associato alle
concentrazioni di Legionella riscontrate,
 dalle caratteristiche dei pazienti e da quelle dell’impianto,
 dalla differente efficacia dei metodi disponibili per la bonifica in
relazione alle caratteristiche degli impianti.
Obiettivi per il controllo dell’ambiente




Controlli durante le procedure di certificazione di qualità
Controlli relativi ad una sorveglianza specifica
Controlli in corso di inchiesta epidemiologica
Controllo di tipo conoscitivo pedagogico
Acque destinate alle cure
 La ricerca di P. aeruginosa è indicata come indicatore di una
contaminazione batterica che può essere responsabile di infezioni
nosocomiali
Raccomandazioni CTIN 2002
Acque calde
 La ricerca di Legionella presso i serbatoi, i boilers, gli impianti a rischio
ed i punti di distribuzione è raccomandata in Francia dal 1998 quale
parametro microbiologico per la prevenzione delle infezioni da L.
pneumophila
Esperienze di controllo
 Mantenimento della T dell’Acqua calda circolante oltre i 55°
 Addizione di monocloramina
 Ionizzazione con elettrodi rame argento
Esperienze in Lombardia




Filtrazione terminale
Clorazione continua in ingresso
Uso di disinfettanti diversi
Associazione di acido peracetico e perossido di idrogeno e biossido di
cloro in regime di mantenimento
Il perossido di idrogeno
 consigliato solo per trattamenti discontinui o choc
 dati disponibili solo su impianti di nuova costruzione
 rischio di decomposizione catalitica dell’acqua ossigenata con ossidi
metallici porosi
Proposte tecniche
 Definire linee guida sull’impiantistica acque sanitarie
 Definizione di linee di buona pratica per le torri refrigeranti
Sorveglianza delle acque




Fissare i parametri per la sorveglianza microbiologica
Definire i rischi legati alla sorveglianza ambientale
Inserire la sorveglianza ambientale in precisi programmi di intervento
Criteri di accreditamento dei Laboratori abilitati alla sorveglianza
ambientale
I livelli di intervento
 Definizione dei livelli di allerta in relazione a:
 rischio di acquisizione
 sorveglianza ambientale
 programmi di intervento
 programmi di mantenimento
Installazioni a rischio




Censimento delle installazioni a rischio
Linee guida per la bonifica
Programmi di intervento in urgenza
Programmi di mantenimento
Raccomandazioni generali
 Rinforzo della sorveglianza epidemiologica
 Definizione delle azioni di prevenzione e controllo
 Eliminazione delle condizioni favorenti la diffusione del germe per
aerosol

Documenti analoghi

ROTA MC

ROTA MC Nel 2014 sono stati diagnosticati in Italia 1497 casi di legionellosi. L’aumento rilevato negli ultimi anni è attribuibile al miglioramento della diagnosi e a una maggiore adesione alla notifica ob...

Dettagli

Il batterio della Legionella pneumophila

Il batterio della Legionella pneumophila Una volta penetrati nell’organismo, i batteri raggiungono i polmoni dove vengono fagocitati dai macrofagi alveolari, che però non sono in grado di ucciderli o di inibirne la crescita; le legionell...

Dettagli

La malattia da Legionella

La malattia da Legionella • other species (10%) L. longbeachae è stata associata con casi di malattia in Australia, USA e Giappone, a seguito dell’uso di terriccio da giardinaggio. ll meccanismo di infezione in questo caso ...

Dettagli

Presentazione standard di PowerPoint

Presentazione standard di PowerPoint tecniche, organizzative, procedurali ed igieniche idonee, si deve fare riferimento a quanto definito nelle Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi approvate in Conferenza S...

Dettagli

Presentazione di PowerPoint

Presentazione di PowerPoint Applicazione della metodica colturale nei serbatoi di acqua calda e ai punti d’uso terminali. Positività per Legionella?

Dettagli