• LUPUS ERITEMATOSO DISCOIDE (LED) Denominato anche

Commenti

Transcript

• LUPUS ERITEMATOSO DISCOIDE (LED) Denominato anche
• LUPUS ERITEMATOSO DISCOIDE (LED)
Denominato anche lupus eritematoso cronico, interessa solo la cute.Lesioni eritematose con
ipercheratosi aderente ed esito in atrofia cicatriziale. Interessa prevalentemente il volto e le
altre zone fotoesposte; le lesioni del cuoio capelluto determinano alopecia cicatriziale. Le
lesioni possono essere uniche o multiple, localizzate o disseminate. Considerando il ruolo del
sole, la fotoprotezione costituisce la prima misura terapeutica. Nei casi più estesi la terapia è
l’ idrossiclorochina e in particolari casi i corticosteroidi per via sistemica.
Lupus eritematoso
discoide
• Dermatomiosite
Affezione infiammatorio-degenerativa dei muscoli striati (in particolare dei cingoli) con tipica
compromissione cutanea. In circa la metà dei casi si associa a tumori. Le lesioni cutanee sono
molto tipiche e costituite da : eritema rosso lilla ed edema del volto (in particolare palpebre);
eritema ed edema a striscia al dorso delle mani. Più raramente, nelle forme croniche, bolle,
erosioni e calcificazioni.
Esami di laboratorio : aumento LDH, CPK e aldolasi
Terapia: steroidi ad alte dosi e immunosoppressori
100
• Dermatosi precancerose
Affezioni che possono trasformarsi in carcinomi. Le principali sono :
1. cheratosi attinica (o solare) : lesione circoscritta eritematosa coperta da squame
aderenti grigiastre e ruvida al tatto. Aree fotoesposte (volto, dorso delle mani) con
preferenza per soggetti di pelle chiara che si sono esposti a lungo al sole. Quando la
lesione diventa rilevata o ulcerata bisogna già pensare ad un carcinoma
2. Cheilite attinica : cheratosi solare localizzata al labbro inferiore con eritema, edema,
secchezza e desquamazione e placche grigiastre; nell’evoluzione verso il carcinoma
compare un nodulo verrucoso o un’ulcerazione
Cheilite attinica
Cheratosi attinica
3. Leucoplachia : papula o placca biancastra delle mucose con superficie irregolare o
verrucosa. Tra i fattori favorenti: fumo
4. Eritroplasia : colpisce più frequentemente le mucose genitali (glande, prepuzio, vulva)
con una placca di colore rosso che evolve in tempi relativamente brevi verso il
carcinoma
Leucoplachia
Eritroplasia
101
• Carcinoma (epitelioma) spinocellulare
- Neoplasia maligna che deriva dai cheratinociti; mostra grado variabile di cheratinizzazione
e tende a metastatizzare
- Fattori favorenti: sole, radiazioni UV, radiazioni ionizzanti, fattori individuali (alcune
genodermatosi, fototipo chiaro) altre malattie cutanee (ulcere croniche, radiodermiti
croniche, cicatrici da usione ecc)
- Sulla cute : nelle aree fotoesposte spesso preceduto dalla cheratosi attinica; a livello
mucoso sulla leucoplasia o eritroplasia
- Metastasi linfonodali e poi a distanza (le forme mucose danno più frequentemente e
rapidamente metastasi)
- Clinica: nodulo di colore rosa-rosso, irregolare, a margini sfumati, con superficie cheratosica
e tendenza all’ulcerazione
- Terapia :
1) asportazione chirurgica: trattamento di elezione;
2) terapia radiante: soggetti anziani in condizioni scadenti o con lesioni estese
3) diatermocoagulazione o criochirurgia per lesioni iniziali o per le precancerosi
Carcinoma spinocellulare
•
Carcinoma (epitelioma) basocellulare
- Neoplasia epiteliale maligna composta da cellule simili a quelle dello strato basale
- Fattori favorenti: sole, radiazioni UV, radiazioni ionizzanti, fattori individuali (alcune
genodermatosi, fototipo chiaro)
- Colpisce solo la cute, preferendo la testa e il collo
- Decorso lento e progressivo e le metastasi sono eccezionali
102
Clinica
- Tipo nodulare: inizia come una papula lucida per poi diventare un nodulo rosa rosso, con
superficie liscia e teleangectasie, che può andare incontro a ulcerazioni. Talora può essere
già dall’inizio rapidamente ulcerativo ed infiltrante (ulcus rodens)
- Tipo superficiale : placca eritematosa con bordo rilevato (perle epiteliomatose) e parte
centrale spesso desquamante e atrofica
- Tipo sclerodermiforme (più raro) : placca di colore giallo-avorio rilevata o depressa con
margini indefiniti
Terapia : come il carcinoma spinocellulare
Carcinoma
basocellulare nodulare
Carcinoma
basocellulare superficiale
Carcinoma basocellulare
sclerodermiforme
• Nevi melanocitici
Derivano dalla proliferazione dei melanociti e mostrano caratteristiche assai varie.
I principali sono :
1. Nevo melanocitico congenito: lesione di colore bruno presente alla nascita o a comparsa
nelle prime settimane di vita. Possono essere piccoli (diametro <1,5 cm), grandi e giganti
(>20 cm). Il colore tende a intensificarsi con la maturità del soggetto e a schiarirsi
nell’età anziana. Per quelli medi, grandi o giganti c’è il rischio di insorgenza di melanoma
Nevo melanocitico
congenito gigante
2.
Nevo melanocitico acquisito: lesione
pigmentata comune nei soggetti di razza
caucasica ( la maggior parte degli adulti ha
da 15 a 30 elementi), di diametro da pochi
mm ad 1 cm. Il colore è bruno omogeneo
nelle varie tonalità e di solito più scuro al
centro e sfumato alla periferia. La forma
è rotonda, ovalare o angolata, di solito
simmetrica. La superficie è liscia o
leggermente mammellonata. Quando ha
dimensioni maggiori oppure è asimmetrico,
con irregolare distribuzione del colore, o
103
ha bordi indentati prende il nome di nevo atipico (diagnosi differenziale con melanoma). Con
l’età tendono a scomparire.
3.
Nevi melanocitici
acquisiti
Nevo blu: papula o placca pigmentata
di colore blu o blu nero che compare di
solito al dorso delle mani e dei piedi
4.
Lentiggine : macula di colore bruno
chiaro, di forma rotonda o ovale
Da non confondere con le efelidi
lentiggini
Nevo blu
• Melanoma
Tumore maligno che origina dai melanociti della cute e delle mucose. E’ in forte espansione: in
Italia mostra un’incidenza superiore ai 12 casi/anno/100.000 abitanti. Colpisce di preferenza
soggetti tra 30 e 60 anni. Fattori di rischio: predisposizione familiare, elevato numero di nei,
presenza di nevi congeniti medi o grandi, fenotipo a pelle chiara, ustioni solari in giovane età.
Può insorgere de novo oppure su un nevo melanocitico congenito o meno spesso su un nevo
melanocitico acquisito.
Nella sua evoluzione naturale tende a crescere e a dare metastasi per via ematica o linfatica
Metastasi satelliti : intorno al melanoma
Metastasi in transit : tra la lesione e la prima stazione linfonodale
Metastasi regionali: linfonodi drenanti
Metastasi a distanza : cute, sottocute, polmoni, fegato, cervello e ossa sono le sedi più
comuni
Varietà cliniche del melanoma
Melanoma a diffusione superficiale
Melanoma nodulare con crescita verticale per cui i melanociti atipici infiltrano rapidamente il
derma
Melanoma su lentigo maligna : soggetti anziani; volto; compare sulla cosiddetta lentigo
maligna
Melanoma acrale lentigginoso: alle regioni palmo-plantari
104
Melanoma a crescita superficiale
Melanoma a crescita superficiale
Melanoma nodulare
Melanoma su lentigo maligna
Melanoma acrolentiginoso
Diagnosi del melanoma: Regola mnemonica ABCDE
• A : Asimmetria della lesione
• B: Bordi irregolarmente indentati
• C: Colore distribuito in maniera disomogenea (o omogeneo intensamente scuro)
• D: Dimensione superiore a quella di un nevo comune (> 6mm)
• E: Età prevalente dopo i 15 anni
Evoluzione con cambiamento dell’aspetto clinico
In caso di sospetto (confermato dalla dermoscopia): biopsia escissionale (asportazione totale
della lesione)
Prognosi del melanoma
• Varia a seconda della sede della lesione, del diametro, dello spessore secondo Breslow
(valutazione istologica in millimetri dello spessore massimo della lesione dall’epidermide
fino al punto più profondo di invasione)
• Stadio I : melanoma senza metastasi
105
•
•
Stadio II : melanoma con metastasi regionali e/o a distanza
Stadio III : melanoma con metastasi a distanza
Terapia del melanoma
• Chirurgica: profondamente fino alla fascia muscolare e con un bordo di cute sana di 1
cm se la lesione ha uno spessore inferiore a 2 mm e di 3 cm se il melanoma ha spessore
superiore a 3 mm
• Linfoadenectomia radicale se presenti metastasi
• Biopsia del cosiddetto linfonodo sentinella quando lo spessore del melanoma è
superiore a 0,75 mm
• Chemioterapia nello stadio III
• Immunoterapia
• Sifilide
Malattia a trasmissione sessuale causata dal Treponema pallidum
Dopo una incubazione di circa 3 settimane si manifesta nella sede di inoculo la lesione iniziale
che è un nodulo eroso e tipica linfoadenite satellite (sifiloma primario), ricco di treponemi
Il sifiloma, che guarisce spontaneamente senza reliquati, si localizza di solito nel maschio a
livello del solco coronarico e della lamina interna del prepuzio, nella donna a livello cervicale e
più raramente alla vulva.
Dopo circa 30 giorni dalla comparsa del
sifiloma si hanno le lesioni secondarie
(sifiloderma roseofiliforme o papuloso)
associate a lieve febbre serotina, cefalea,
linfoadenopatia, epatosplenomegalia
Il sifiloderma guarisce nel giro di 1-2 mesi
Le manifestazioni terziarie compaiono
dopo anni con le tipiche gomme a livello
della cute, delle ossa, dell’apparato
cardiovascolare e del SNC
La trasmissione al feto (sifilide
connatale) avviene solo se la madre è
nella fase secondaria florida.
Papule lenticolari rameiche della sifilide
secondaria
106
Diagnosi e terapia della sifilide
- Sifilide primaria : ricerca microscopica del treponema
- Sifilide secondaria: reazioni sierologiche specifiche (VDRL, TPHA ed FTA/abs)
- La penicillina G e la penicillina benzatina sono i farmaci di scelta
- Attenzione: le reazioni sierologiche possono rimanere positive anche dopo la guarigione
• Uretriti
1.
Da gonococco: flogosi acuta purulenta con uretrite nel maschio (epididimite e
prostatite come complicazioni) e cervicite nella femmina (infezione degli annessi e del
peritoneo come complicazioni). Possibile proctite e faringite
2.
Non gonococciche: da Chlamydia, micoplasma e altri batteri: Il quadro clinico è molto
sfumato con un’uretrite modesta siero mucosa: nella donna cervicite con possibili
complicanze agli annessi e al peritoneo
UNG
Uretrite gonococcica
107

Documenti analoghi

Tumori cutanei Cheratosi seborroica

Tumori cutanei Cheratosi seborroica • Clinica: Nodulo di pochi millimetri, tondo, duro, appena sotto l’epidermide alla quale è adeso. Spesso multiplo. Un tipico segno diagnostico è che se si comprime da entrambi i lati la lesione, qu...

Dettagli

nevi e melanoma - Medicina Sport On-Line

nevi e melanoma - Medicina Sport On-Line Con il termine terapia medica si intende una terapia che si effettua con farmaci. Nel caso dei tumori, in particolare del melanoma, essa può essere effettuata con lo scopo di cercare di ridurre il...

Dettagli