Magazine n. 58 del 4 aprile 2012

Transcript

Magazine n. 58 del 4 aprile 2012
MAGAZINE
CORRIERE
ilD E L L A
S I C U R E Z Z A
t
edizioni MEDIASPEED - 4 APRILE 2012. SINTESI SETTIMANALE DA ILCORRIEREDELLASICUREZZA.IT
FRODITELEMATICHE:
ITALIA-PROGRAMMI.NET NEL MIRINO
DELLA GUARDIA DI FINANZA
FORESTALE INTENSIFICA
CONTROLLI
SUI REATI AMBIENTALI
Suicidi e diritti:
itanti problemi
di Apple in Cina
VIGILANZA PRIVATA:
NEL 2011 IN CRESCITA LA
CASSA INTEGRAZIONE
MAGAZINE
CORRIERE
ilD E L L A
S I C U R E Z Z A
Torino, infortuni sul lavoro: delegazione parlamentare svolge inchiesta
Trasferta torinese prevista lunedì per una delegazione della Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno degli
infortuni sul lavoro che, guidata dal presidente Oreste Tofani, che sarà in missione nel capoluogo piemontese, per incontrare
i soggetti istituzionali e sociali della Regione Piemonte, competenti per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. La missione mira ad acquisire informazioni su alcuni recenti infortuni sul lavoro verificatasi in Piemonte, con particolare riguardo a quello
avvenuto lo scorso 26 marzo presso lo stabilimento della ditta Lafumet di Villastellone, dove effettuerà anche un sopralluogo,
nonché a verificare i progressi e le problematiche del processo di attuazione delle nuove leggi in materia di salute e sicurezza sul
lavoro, in un percorso di approfondimento che la Commissione sta effettuando in tutte le regioni italiane. Per questo la delegazione svolgerà una serie di audizioni presso la Prefettura di Torino, con i vertici delle istituzioni regionali, della magistratura, delle
autorità competenti in materia e, delle organizzazioni rappresentative dei lavoratori e dei datori di lavoro.
W W W . I L C O R R I E R E D E L L A S I C U R E Z Z A . I T
FRODITELEMATICHE: ITALIA-PROGRAMMI.NET
NEL MIRINO DELLA GUARDIA DI FINANZA
I finanzieri del Nucleo Speciale
Frodi Telematiche, hanno
finalmente stretto il cerchio
attorno alla fantomatica società
“Italia-Programmi.net”, che sta
da tempo tempestando di mail
e di lettere decine di migliaia
di persone
I
finanzieri del Nucleo Speciale Frodi
Telematiche stringono il cerchio attorno
alle attività di una fantomatica società di
servizi infornatici che richiedeva indebitamente soldi agli internauti. I finanzieri del
Nucleo Speciale Frodi Telematiche, comandato dal Colonnello Umberto Rapetto, hanno
finalmente stretto il cerchio attorno alla fantomatica società “Italia-Programmi.net”, che
sta da tempo tempestando di mail e di lettere
decine di migliaia di persone con la pretesa di
ricevere quote per circa un centinaio di euro
da versare a fronte un presunto abbonamento a
servizi telematici.
“Italia-Programmi.net”, già sanzionata dal
Garante Antitrust e nel mirino di numerose
Procure della Repubblica, sta continuando a
inviare messaggi dal tono minaccioso prima
richiedendo il pagamento, poi comunicando
di aver adito alle vie legali. Qualora i precedenti avvisi non fossero ancora sufficienti,
informano le vittime dell’esistenza di un
procedimento civile nei loro confronti presso
un fantasiosissimo e non meglio identificato
“tribunale regionale giudiziario” precisando,
inoltre, di aver affidato la pratica a una società
specializzata nel recupero-crediti.
Le indagini dirette della Procura della
Repubblica di Roma e affidate agli “007 informatici” del Nucleo Speciale Frodi Telematiche
(conosciuto anche con il nome di G.A.T.),
hanno visto confluire circa 500 denunce
fornendo così ai finanzieri numerosi spunti
investigativi. Un intreccio di società e l’indirizzamento del flusso di denaro indebitamente
riscosso verso un conto corrente cipriota sono
contorni già ben definiti dagli uomini delle
fiamme gialle, così com’è ben chiaro il ruolo
di un sessantacinquenne ungherese avrebbe il
ruolo di regista della gigantesca truffa messa
in atto. Le attività investigative condotte dal
Nucleo Speciale Frodi Telematiche della
Guardia di Finanza hanno innescato una serie
di collaborazioni con le Autorità giudiziarie
e le Forze di Polizia estere, grazie alle quali
è stata avviata sorta di staffetta operativa
internazionale che vede in campo Austria,
Germania, Grecia, Cipro, Seychelles e Stati
Uniti. La vicenda – che ricalca il modello
fraudolento delle già nota “easy-download.
info” – ha origine nell’offerta via Internet di
software gratuiti. I numerosissimi utenti della
Rete a caccia di “free-software” trovano sui
motori di ricerca il sito “Italia-programmi.net”
come contenitore di tutte le informazioni utili
per scaricare (apparentemente senza spese) le
applicazioni di proprio interesse.
Una volta raggiunto il sito web e individuato
il software che si vuol scaricare, “Italia-
Programmi.net” chiede di compilare una
scheda dove solo da poco tempo si parla
della sottoscrizione a titolo oneroso di un
abbonamento del costo di 8 euro (scritta ben
evidenziata) e con il pagamento anticipato di
96 euro per il primo anno (circostanza scritta a
caratteri minuscoli).
Tale indicazione risulta essere visibile solo
negli orari diurni (durante i quali le autorità
possono effettuare controlli) mentre in altri
periodi della giornata – in assenza di “avvisi”
– l’utente rischia di inciampare nell’illusione
della totale gratuità.
VIGILANZA PRIVATA: NEL 2011
IN CRESCITA LA CASSA INTEGRAZIONE
Sono aumentate dell’3,2% le ore di
cassa integrazione straordinaria nel 2011
nel settore della vigilanza privata. Le cifre, elaborate dall’Assiv, l’associazione
delle imprese di vigilanza aderente a
Confindustria, indicano un totale di 756.464
ore autorizzate nell’intero anno rispetto a
732.550 ore del 2010. Nel corso del 2011
la crescita è stata costante in tutti i trimestri
e il maggior numero di ore si è concentrato
negli ultimi tre mesi dell’anno. In media nel
corso del 2011 hanno beneficiato della Cigs
1.534 addetti contro 694 nel 2010, mentre
le aziende che ne hanno fatto ricorso sono
state 34, più del doppio rispetto al 2010. In
aumento anche le ore di Cig in deroga, salite
di circa il 7% rispetto al 2010 e ammontate
a 563.590 ore. Le domande di mobilità nel
PAG I N A 2
2011 sono state 1.079, concentrate per oltre
il 70% nelle regioni meridionali, mentre le
domande di disoccupazione sono ammontate a 3.442, di cui il 47% nel Sud dove la
Puglia detiene il record nazionale con 522
domande.
Suicidi e diritti: i tanti problemi di Apple in Cina
La Foxconn di Zhengzhou (Taiwan) che produce Iphone per la Apple, ha ricevuto la visita di Tim Cook, amministratore delegato dell’azienda di Cupertino. La fabbrica (120.000
addetti) è nota soprattutto per le pessime condizioni di lavoro alle quali sono costretti i
dipendenti e all’anomalo numero di suicidi verificatosi tra di essi. Altra anomalia è la notizia
che l’azienda avrebbe fatto firmare ai suoi dipendenti una clausola di “non suicidio” con
sanzioni nella macabra eventualità. Trattandosi della Cina (anche se Taiwan) e del diritto
del lavoro in un paese che sta attraversando una fase di sviluppo ancora quasi selvaggio,
ogni notizia va presa con il beneficio dell’inventario, ma i sindacati americani hanno chiesto
attenzione alle condizioni di lavoro dei “colleghi” asiatici e così Cook si è imbarcato in questo
suo primo viaggio in Cina dove i problemi da affrontare sono tanti. Tra l’altro il nuovo Ceo
di Apple dovrà tentare di dirimere il contenzioso con la Proview, l’azienda taiwanese che
sostiene di aver registrato prima della Apple il marchio iPad e che ha già vinto una serie di
battaglie legali chiedendo il blocco delle vendite dell’iPad. In questi giorni la Cina è il crocevia
dell’hi-tech mondiale. Sullo stesso volo privato di Cook c’era anche il fondatore e presidente
di Facebook Mark Zuckerberg e in Cina ci sono anche l’amministratore delegato di Nokia
Stephen Elop, che ha presentato qui la serie di telefonini Lumia con Windows, e John
Chambers, presidente di Cisco System al centro di molte polemiche per il presunto aiuto
dato ai cinesi per il “Great Firewall” che sta agevolando la censura di internet nel paese.
W W W . I L C W
O RWRWI E. IRL ECDOE RL RL IA ES RI EC DU ER LE LZ AZ S AI .CI UT R E Z Z A . I T
FORESTALE INTENSIFICA
CONTROLLI
SUI REATI AMBIENTALI
I
risultati di prevenzione e repressione
dei reati ambientali, su tutto il territorio
nazionale, da parte del Corpo forestale
dello Stato hanno fatto registrare, nel
corso del 2011, circa 800 mila controlli ed
hanno consentito di accertare oltre 16 mila
reati, con un incremento del 17 per cento
rispetto all’anno precedente.
L’intensa attività di controllo del territorio
rurale rappresenta il comune denominatore delle operazioni svolte dal personale
della Forestale, che è stato particolarmente
impegnato, nell’anno appena trascorso, su
più fronti. Basti pensare che nel 2011 sono
pervenute oltre 280mila chiamate al 1515,
il numero gratuito di pronto intervento
per qualsiasi tipo di emergenza ambientale, attivo 24 ore su 24, grazie al quale il
Corpo forestale dello Stato risponde alle
diverse richieste di tutela del patrimonio
naturale e paesaggistico, di tutela del patrimonio agroambientale, di difesa contro
gli incendi boschivi, di protezione civile
e di pubblico soccorso, segnalate direttamente ai cittadini.
Nella prevenzione e repressione dei crimini incendiari, un andamento climatico
particolarmente anomalo, con un’estate
lunga e calda, ha favorito, soprattutto nelle
regioni centro meridionali, un significativo numero di incendi boschivi con un
conseguente impegno straordinario delle
strutture del Corpo forestale.In particolare, la Forestale ha accertato 6.515 reati
di incendio boschivo, un numero quasi
doppio rispetto all’anno precedente, denunciato 446 persone e tratto in arresto 9.
Le violazioni amministrative contestate
sono state 2.289 per un importo complessivo di oltre un milione e trecentotrenta
mila euro. I risultati dell’attività di indagine sono stati raggiunti anche grazie alla
capillare organizzazione delle pattuglie
della Forestale, prontamente intervenute
sugli incendi, riducendo così l’estensione
media delle superfici boschive bruciate.
Oltre all’emergenza incendi il personale
del Corpo forestale dello Stato è stato
quotidianamente impegnato nell’attività
di contrasto all’abusivismo edilizio e
alla corretta gestione e smaltimento dei
rifiuti. Sono stati accertati nel settore dei
rifiuti 1.951 reati, denunciate oltre 2mila
persone e contestate 4.546 violazioni
amministrative, con un importo record notificato pari a più di 13milioni di euro, con
un incremento superiore al 60 per cento
rispetto al 2010. Il Corpo forestale, con le
proprie strutture operative, nel corso del
2011 ha condotto un’azione mirata al contrasto dell’inquinamento degli ecosistemi
naturali avvalendosi di strumenti tecnologici sofisticati, come i magnetometri e i
laboratori mobili.
Lo smaltimento illecito dei rifiuti è, altresì, un indicatore delle ferite inferte al
territorio e del degrado ambientale che
costituiscono un campanello d’allarme
per gli aspetti connessi alle frane e al
dissesto idrogeologico. Fenomeni che
hanno toccato, nel corso del 2011, punte
preoccupanti. La nostra Penisola, infatti, è
caratterizzata da una particolare instabilità
del suolo, dovuta non solo alla conformazione orografica, ma anche a quella serie
di interventi, poco oculati, che determinano situazioni di degrado, devastazione
degli ambienti naturali ed alterazione dei
corsi d’acqua.
Tra i compiti istituzionali del Corpo forestale dello Stato, inoltre, riveste particolare
importanza la lotta al maltrattamento nei
confronti degli animali. Nel 2011, sono
stati effettuati quasi 8 mila controlli, in
materia di benessere animale e denunciate
199 persone all’Autorità Giudiziaria.
Oggetto delle indagini del Corpo forestale
dello Stato sono stati in particolare gli
annunci di vendita di tartarughe e rettili in
genere nonché di oggetti preziosi in avorio e corno di rinoceronte, ponendo sotto
controllo transazioni e scambi di informazioni via internet. In particolare nel corso
del 2011, i maggiori interventi hanno
riguardato la tutela dei prodotti di qualità
certificata e quelli del “Made in Italy” .
Per la sicurezza della montagna innevata,
il Corpo forestale dello Stato si avvale del
Servizio Meteomont, svolto in collaborazione con le Truppe Alpine, il Servizio
Meteorologico dell’Aeronautica Militare
e il Corpo forestale Siciliano..
PAG I N A 3
Pronto il parterre
di e-Health
Conference 2012
R
esi noti i nomi dei primi relatori che parteciperanno a
Roma, alla quarta edizione del convegno sull’informatizzazione sanitaria. Procede spedita l’organizzazione
del convegno sull’evoluzione digitale del settore sanitario,
che si svolgerà a Roma all’ATA Hotel Villa Pamphili il
prossimo 18 aprile 2012. Considerata dagli operatori IT
un’occasione nevralgica per aggiornarsi sui processi in atto
e sulle tecnologie da impiegare, l’appuntamento interessa, in
qualità di protagonisti, i professionisti più esperti che hanno
saputo distinguersi nel settore grazie a progetti particolarmente innovativi. In un momento in cui l’Agenda Digitale
costringe il sistema ad introdurre importanti trasformazioni
tecnologiche, e-Health Conference 2012 si candida ad assumere il ruolo di eccellente collettore di idee, progetti di
ricerca e best practice in tema di sanità elettronica. Grazie a
queste e ad altre iniziative quali i corsi d’approfondimento di
AIIC – Associazione Italiana Ingegneri Clinici, l’evento mira
a portare alla luce i trend principali del fenomeno guidando
gli attori del settore nella scelta degli strumenti e delle procedure più adatti all’ammodernamento delle proprie strutture.
E’ per ottemperare a quest’obiettivo, che verranno coinvolti
relatori di primaria importanza in grado di esaminare l’argomento da punti di vista complementari, analizzando temi
importanti tra cui le normative
vigenti e le procedure di dematerializzazione documentale cui
uniformarsi. Infine, il seminario
non mancherà di fare il punto sulla
diffusione di nuovi strumenti digitali, come certificazioni
elettroniche e carte sanitarie di servizi, oltre che sui sistemi
volti a garantire la sicurezza e la privacy dei dati sensibili,
quale ad esempio la firma digitale. Interverranno nelle due
sessioni plenarie di e-Health Conference 2012, fra gli altri, i
seguenti relatori: Michele Bartolo, Dirigente Responsabile
- UoS di Telemedicina AO S. Giovanni Addolorata Roma,
Gianni Bestente, Smart Health Manager - Istituto Superiore
Mario Boella (ISMB) di Torino, Corrado Bibbolino, Direttore
de “Il Radiologo”, Mario Dal Co, Direttore Generale
- Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione, Claudio Dario, Direttore Generale - AZIENDA
ULSS N. 9 TREVISO, Lidia Di Minco, Direttore Ufficio
III - DG del Sistema Informativo del Ministero della Salute,
Paolo Donzelli, Direttore - Ufficio Studi e Tecnologie del
Dipartimento per la Digitalizzazione della PA, Paola Freda,
Presidente - AIIC – Associazione Italiana Ingegneri Clinici,
Andrea Lisi, Presidente – ANORC, Massimo Mangia,
Area eHealth - Federsanità, Mario Fregonara Medici,
Direttore Informatica e Telematica - Azienda OspedalieroUniversitaria Maggiore della Carità di Novara, Sergio Pillon,
Direttore UOD di Telemedicina AO San Camillo Forlanini
- Direttore Medico CIRM, ROMA, Filomena Polito,
Presidente APIHM, Fabrizio Ricci, Unità Sanità Elettronica
ITB CNR, Alberto Sanna, Responsabile dell’Unità e-Services
for Life and Health - Istituto Scientifico Universitario San
Raffaele di Milano*, Bruno Beomonte Zobel, Professore
Ordinario di Diagnostica per Immagini e Radioterapia Facoltà di Medicina e Chirurgia.
Con l’analisi dei media
la tua rassegna stampa
può dirti di più...
Quanto si è parlato
di te. E chi
ne ha parlato
Com’è percepita
l’immagine
della tua azienda
Quanti lettori
e ascoltatori
sono stati raggiunti
L’efficacia
dei tuoi
Key Message
Qual è il valore
economico
della tua
comunicazione
Quanto lo spazio
dedicato ai
vertici aziendali
... e tante altre
cose che puoi
chiederci allo:
06-35.40.80.1
[email protected]
www.datastampa.it
data
lab
(gruppo Data Stampa)

Documenti analoghi