gli uffici ei loro servizi

Transcript

gli uffici ei loro servizi
0
Con questa Carta dei Servizi, l’Agenzia Territoriale della Casa di Novara e
V.C.O. intende promuovere un nuovo rapporto con i cittadini e con gli
utenti.
Lo scopo della Carta dei Servizi è infatti quello di sancire un patto con gli
utenti, offrendo precise garanzie sulla qualità dei servizi offerti, e rendendo
più chiari i diritti e i doveri dei cittadini nei confronti dell’ente.
La Carta dei Servizi è uno strumento di comunicazione volto anche a
sollecitare l’attenzione, da parte degli utenti, verso le problematiche
ambientali, come il risparmio energetico e la raccolta dei rifiuti; sono casi in
cui l’inquilino di alloggi pubblici non può assumere atteggiamenti diversi
dall’utente privato. Entrambi sono prima di tutto cittadini che fanno parte
del più ampio contesto della società, e che quindi alle regole devono
sottostare.
Il linguaggio semplice e la stesura della carta in diverse lingue hanno lo
scopo di rendere il più chiare possibili le dinamiche che regolano la
costruzione e la gestione degli alloggi, al fine di migliorare il rapporto con
utenti e cittadini, non solo dal punto di vista lavorativo, ma anche e
soprattutto per quanto riguarda la qualità e la cortesia.
A tale scopo la Carta dei Servizi contiene anche una parte dedicata ai
suggerimenti e reclami dei cittadini stessi, utile al fine di rendere il servizio
migliore con la partecipazione di tutti i soggetti interessati, in particolare
con il nostro utente di riferimento, che è e rimane “l’inquilino”.
Il Presidente
Mauro GAVINELLI
Il Vice Presidente
Adriano FANCHINI
1
SOMMARIO
Pag.
L’ENTE
3
STRUTTURA ORGANIZZATIVA
4
LA STORIA
5
PRINCIPI ISPIRATORI
7
IMPEGNI PER IL FUTURO
8
GLI UFFICI E I LORO SERVIZI
9
AREA AMMINISTRATIVA
10
AREA TENICA
13
REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L’USO DEGLI ALLOGGI
14
USO E GESTIONE
14
CONSEGNA E RILASCIO DELL’ALLOGGIO
15
PULIZIA E RACCOLTA RIFIUTI
16
IMPIANTI ASCENSORE
16
IMPIANTI SMALTIMENTO LIQUAMI
16
IMPIANTO CENTRALE DI RISCALDAMENTO,
PRODUZIONE ACQUA CALDA
17
IMPIANTI ILLUMINAZIONE E SUONERIA – PARTI COMUNI
17
AREE VERDI
18
MANUTENZIONI E FORNITURE IN GENERE RELATIVE ALLE
PARTI COMUNI E ALL’INTERNO DELL’ALLOGGIO LOCATO
18
PARTI COMUNI
18
PARTI INTERNE
19
RILASCIO DELL’ALLOGGIO
19
SONO COMUNQUE A CARICO DELL’ASSEGNATARIO
20
DISDETTA E RICALCOLO AFFITTO
21
MODULI
22
SUGGERIMENTI E RECLAMI
23
2
ENTE
L’ENTE
L’Agenzia Territoriale della Casa è un ente pubblico non economico, ausiliario della
Regione, con una vocazione imprenditoriale diretta alla costruzione e alla gestione degli
alloggi, tramite realizzazione in proprio o per conto terzi (Comuni, Pubbliche
Amministrazioni), destinati in particolare ai ceti sociali deboli.
La prima importante attività dell’ATC consiste nel provvedere all’amministrazione e alla
manutenzione del patrimonio immobiliare proprio e, su delega, anche di patrimoni di
proprietà di altri enti pubblici.
Altre attività importanti sono connesse al campo tipicamente edilizio: progettazione ed
esecuzione di opere pubbliche e private e di interventi di rilevanza urbanistica e di
riqualificazione urbana, partecipazione a società, imprese o consorzi che abbiano scopi
compatibili con quello dell’ente.
Per finanziare queste attività, l’ATC utilizza i proventi delle locazioni, delle vendite, dei
finanziamenti pubblici a ciò finalizzati, nonché quelli derivanti da mutui bancari.
Le proprietà immobiliari dell’ATC nelle Province di Novara e del V.C.O. sono attualmente
così suddivise:
Provincia di Novara
Provincia del V.C.O.
3282 ALLOGGI - 59,7%
1638 ALLOGGI - 59,4%
2174 AUTORIMESSE - 39,5%
1090 AUTORIMESSE - 39,5%
43 NEGOZI - 0,8%
28 NEGOZI - 1%
3
STRUTTURA ORGANIZZATIVA
STRUTTURA
Consiglio di
Amministrazione
Collegio
Sindacale
Presidente
Presidente
Mauro GAVINELLI
Mario TAMINI
Vice Presidente
Sindaco
Adriano FANCHINI
Fabio MARGARA
Consigliere
Sindaco
Sandro PORZIO
Alessandra FABRIS
Consigliere
Salvatore VOLPE
Consigliere
Giuseppina BELLETTI
Consigliere
Franco BIONDO
Consigliere
Saverio RESTUCCIA
Struttura
Operativa
Direttore generale
Paolo SCARPELLO
Settore
PROGRAMMAZIONE
E PROGETTAZIONE
Umberto Maria LUONI
Settore
AMMINISTRAZIONE
E CONTABILITA’
Settore
PATRIMONIO
E LAVORI
Paolo SCARPELLO
Sergio NIFANTANI
(ad interim)
Uff. Progettazione e
Direzione Lavori
Uff. Manutenzione
Gianni RIVOLTA(ordinaria)
Giuseppe RIZZI(straordinaria)
Olivo TONOLLI
URP e Uff. Assegnazioni
Laura RAINA
Uff. Inquilinato
Paola PELLO’
Uff. Affari Generali
Paolo SCARPELLO
Uff. Ragioneria
Alfredo DE ROSE VELTRI
Uff. Legale
Fabio MARTELLI
4
LA STORIA
Il problema casa
STORIA
L’abitazione, per le famiglie meno abbienti, ha sempre rappresentato nel nostro
Paese un’esigenza primaria, e l’evoluzione socio-economica non ha ridimensionato il
bisogno, mantenendo inalterata l’attenzione e il grado di priorità nelle esigenze
sociali dell’attuale società.
La prima legge sulle case popolari, che porta la data del 31 marzo 1903, era nata per
favorire la costruzione di alloggi da cedere in affitto o in proprietà a soggetti con
redditi bassi; nel 1919 viene emanato il “Testo Unico delle Leggi per le Case Popolari
e l’attività costruttiva”, che dà l’avvio alla creazione in tutte le province degli Istituti
Autonomi per le Case Popolari.
Il percorso storico dell’A.T.C. a Novara
Nel 1922 il Comune di Novara costituisce un “istituito autonomo per la costruzione di
case popolari” (I.A.C.P.), la cui prima sede è in viale Dante Alighieri; la competenza
originariamente è locale, e si estende poi all’intera provincia novarese nel 1938.
La “Legge Regionale 11” del 26 aprile 1993 avvia concretamente la riforma degli ex
Istituti Autonomi Case Popolari trasformandoli in “Agenzie Territoriali per la Casa”,
dotati di autonomia organizzativa, patrimoniale, amministrativa e contabile, con lo
scopo di provvedere alla gestione del proprio patrimonio e di quello affidatole da altri
enti pubblici, con compiti anche in materia di progettazione, direzione ed esecuzione
di opere pubbliche anche per conto terzi.
Villadossola, Villaggio Sisma
Le prime importanti realizzazioni e lo sviluppo in tempi recenti
Il quartiere VELA rappresenta sicuramente un punto di riferimento importante, dove
tra l’altro hanno sede gli uffici dell’ente; gli alloggi realizzati in questo quartiere sono
5
486; nel 1946 il Villaggio Dalmazia, destinato ad accogliere i profughi provenienti
dalla Dalmazia, viene costruito in soli due anni; in tempi recenti, il Villaggio SISMA di
Villadossola è sicuramente il più significativo intervento fatto dall’ATC di Novara nel
V.C.O.
Per conto terzi non si può non citare la progettazione e realizzazione della sede di
Novara dell’Università degli Studi Amedeo Avogadro.
L’attività costruttiva dell’Ente è andata progressivamente sviluppandosi, così come
quella di progettazione, realizzando opere di urbanizzazione secondaria, come asili,
ambulatori, uffici postali, sede universitaria, abitazioni destinate a studenti
universitari, e prossimamente anche di case di riposo.
Novara, Ex Caserma Perrone
La sede e l’organico dell’A.T.C.
L’allora Istituto Case Popolari, dall’originaria sede di viale Dante, si trasferisce nel
corso degli anni nei nuovi locali costruiti appositamente in via Boschi, dove si trova
ancora oggi. La nuova sede, inaugurata il 1° ottobre del 1961, contava allora sedici
dipendenti, con un solo ingegnere e sette geometri. Oggi ha una dotazione organica
di 40 persone, di cui un Direttore Generale e 3 Dirigenti, e un patrimonio immobiliare
di circa 5 mila alloggi e 3 mila autorimesse, a cui si aggiunge la gestione di oltre mille
alloggi di proprietà dei Comuni.
Da pochi anni l’A.T.C. si è dotata di una struttura tecnica operativa, una s.r.l.
denominata “Società Casa Piemonte Orientale”, alla quale vengono affidate attività di
progettazione e di manutenzione ordinaria (soprattutto nel V.C.O.), secondo gli
indirizzi operativi dell’A.T.C., che ne mantiene il controllo sulla gestione affidata. Nel
gennaio 2007 è stato acquistato un immobile a Gravellona Toce, destinato a
diventare sede decentrata dell’ATC per la provincia del Verbano-Cusio-Ossola.
6
PRINCIPI ISPIRATORI
Le linee guida su cui si basa questa Carta dei Servizi sono:
• uguaglianza di trattamento nell’offerta dei servizi agli utenti;
• imparzialità e continuità, garantendo obiettività e regolarità del servizio;
PRINCIPI
• cortesia e flessibilità, nei confronti degli utenti e delle loro esigenze;
• partecipazione degli utenti, dei sindacati, delle associazioni;
• efficienza ed efficacia, per un continuo miglioramento della qualità del servizio.
Tali linee guida sono in tutto e per tutto affini alle finalità dell’Agenzia Territoriale della
Casa, la quale:
• concorre al soddisfacimento del fabbisogno abitativo espresso nell’ambito territoriale
di competenza, in particolare dei ceti sociali meno abbienti;
• persegue la sua finalità attraverso l’incremento del patrimonio residenziale e dei
relativi servizi e la riqualificazione dell’esistente;
• provvede inoltre alla gestione del patrimonio proprio e, su delega, di altri soggetti
pubblici e privati, nel rispetto della vigente legislazione nazionale e regionale;
• espleta tutti i compiti inerenti la progettazione urbanistica esecutiva di direzione ed
esecuzione di opere pubbliche, che le possono essere affidate da enti locali;
• favorisce ogni innovazione, cercando di far risparmiare l’utenza ma anche di
preservare l’ambiente.
La sede dell’ATC di Novara
7
IMPEGNI PER IL FUTURO
Tra le principali finalità dell’ATC c’è senza dubbio quella di offrire il maggior numero
possibile di alloggi per il mercato dell’edilizia residenziale pubblica; a detta finalità
primaria si accompagna la gestione e manutenzione del patrimonio immobiliare
esistente.
IMPEGNI
Per le nuove realizzazioni si conferma in gran parte il quadro degli interventi già in atto,
garantendo la necessaria continuità amministrativa rispetto ai progetti approvati e
condivisi.
Negli obiettivi dell’ATC è da inserire prioritariamente la partecipazione al prossimo
bando regionale denominato “10.000 alloggi in Piemonte”; L’Assessorato regionale alle
Politiche territoriali, edilizia e programmazione del Piemonte ha predisposto un organico
“Programma casa” che, sulla base dell’analisi del fabbisogno rilevato, prevede la
realizzazione in Piemonte di 10.000 alloggi entro il 2012.
Un obiettivo di questa portata non può prescindere dalla condivisione di strategie di
intervento formulate di concerto tra Regione e Comuni interessati con il contributo
diretto dell’ATC di Novara.
Gli obiettivi strategici che dovrebbero coinvolgere l’attività del biennio 2007-2008 sono:
• semplificazione dei processi interni;
• miglioramento della comunicazione interna ed esterna;
• recupero e redditività degli alloggi sfitti;
• contenimento delle spese di gestione o incremento delle entrate correnti;
• riduzione della morosità;
• completamento del piano di adeguamento impianti secondo la normativa di
sicurezza;
• esecuzione degli interventi di manutenzione straordinaria del patrimonio esistente;
• adozione di tecniche costruttive dirette a produrre risparmio energetico;
• incremento del patrimonio immobiliare dell’Ente;
• ammodernamento delle centrali termiche, volto a un uso più razionale delle fonti
energetiche.
8
GLI UFFICI E I LORO SERVIZI
L’ATC di Novara intende promuovere la comunicazione con gli utenti e favorire il diritto
di accesso e di partecipazione. In questo contesto, da circa quattro anni è stato istituito
l’Ufficio Relazioni con il Pubblico.
Il cittadino che abbia necessità di richiedere informazioni o interventi, può farlo
presentandosi, negli orari indicati sul retro della Carta dei Servizi, presso l’Ufficio
Relazioni con il Pubblico, dove sarà possibile richiedere interventi di manutenzione,
ritirare moduli, e ottenere altre informazioni relative alla casa, già occupata o che si
desidera ricevere in assegnazione.
Tutti gli utenti hanno il diritto di segnalare eventuali disservizi, proporre possibili
soluzioni, presentare reclami.
Tali segnalazioni devono essere presentate all’URP, che provvede poi ad attivare il
Servizio competente.
Entro breve tempo sarà inoltre disponibile per l’utenza un call-center, che fornirà
assistenza telefonica per tutte le esigenze dell’inquilinato.
Informazioni più specifiche in materia di canoni, conguaglio dei servizi e morosità sono
comunque fornite dall’Ufficio Inquilinato e dall’Ufficio Legale, oppure possono essere
reperite sul sito Internet www.atc.novara.it.
U
U
Novara, Via Mantova
9
SERVIZI
AREA AMMINISTRATIVA
Ufficio Relazioni con il Pubblico:
• fornisce agli utenti le informazioni primarie, riceve suggerimenti e reclami;
• promuove e facilita l’accesso da parte degli utenti alle informazioni e ai servizi;
• rileva il livello di soddisfazione degli utenti per i servizi erogati;
• collabora con tutti gli altri uffici al fine di semplificare e standardizzare le procedure;
• raccoglie le informazioni provenienti dai referenti de vari Servizi e le rende disponibili.
SERVIZI
Ufficio Affari Generali e Personale:
AREA AMMINISTRATIVA
• svolge tutte le mansioni riferibili alla gestione giuridica del personale;
• provvede al protocollo della corrispondenza;
• cura l’informazione interna e i rapporti con le Rappresentanze Sindacali;svolge il
servizio di centralino telefonico;
• si occupa dei servizi ausiliari per gli altri Uffici;
• svolge compiti di segreteria per la Direzione Generale e per la Presidenza;
• predispone quanto necessario per la seduta del Consigli di Amministrazione.
10
Ufficio Assegnazioni:
• cura la predisposizione e la pubblicazione dei bandi per l’assegnazione degli alloggi,
nonché dei bandi di mobilità; autorizza le ospitalità temporanee e le volture;
• cura la predisposizione e la pubblicazione dei bandi di assegnazione per i locali a uso
diverso dall’abitazione;
• provvede a dare attuazione alle graduatorie formulate dalle Commissioni di
Assegnazione Alloggi;
• segnala periodicamente al Direttore la situazione degli alloggi sfitti, indicando tempi e
motivazioni.
Ufficio Inquilinato:
• cura l’aggiornamento dell’anagrafe dell’utenza, sia dal punto di vista del nucleo
familiare, sia dal punto di vista del reddito, al fine di determinare i canoni di
locazione;
• cura la bollettazione mensile, registrandone anche le variazioni, sia d’ufficio sia su
richiesta di parte;
• effettua il conguaglio dei servizi;
• predispone il contratto di locazione con l’inquilino ed esegue le pratiche fiscali relative
ai contratti di locazione;
• gestisce il patrimonio immobiliare dell’ente per quanto riguarda gli aspetti fiscali;
• si occupa dei tributi locali e dell’imposta di bollo.
11
Ufficio Ragioneria:
• emette ordinativi di pagamento a favore dei fornitori e ordinativi di incasso nei
confronti dei clienti;
• elabora le dichiarazioni fiscali dell’ente, curandone direttamente la trasmissione al
Ministero delle Finanze;
• redige il bilancio, dopo la necessaria elaborazione informatica dei dati;
• svolge il Servizio di Cassa interno ed economale;
• svolge il servizio paghe e contributi, inclusi gli adempimenti fiscali derivanti dalla
gestione economica del personale.
Ufficio Legale:
• esamina la situazione debitoria degli inquilini, invia solleciti per il recupero dei crediti,
anche accordando dilazioni di pagamento, e cura le azioni legali per lo sfratto
• cura l’erogazione del fondo sociale finanziato dalla Regione, per saldare le morosità
“incolpevoli” (disoccupazione o grave malattia);
• inoltra al Comune le informazioni necessarie per eventuali provvedimenti di
decadenza;
• provvede agli adempimenti amministrativi e legali relativi all’affidamento, all’appalto e
alla stipulazione dei contratti;
• partecipa o indice assemblee condominiali per gli stabili di proprietà;
• predispone la documentazione necessaria per gli atti di vendita;
• redige convenzioni e stipula atti per conto dell’Ente.
12
AREA TECNICA
Ufficio Progettazione e Direzione Lavori:
• progetta, costruisce o recupera il patrimonio edilizio esistente, occupandosi anche
della direzione dei lavori;
• individua e accerta l’idoneità delle aree e studia le tipologie edilizie (risanamento,
recupero, nuova costruzione);
• contatta Enti o privati richiedendo l’assegnazione dei suoli;
• elabora i piani parcellari, i relativi grafici e i computi metrici estimativi;
SERVIZI
• chiede, gestisce e contabilizza i finanziamenti pubblici relativi agli interventi edilizi;
AREA TECNICA
• formula e aggiorna l’elenco dei prezzi e dei capitolati speciali;
• provvede agli adempimenti previsti dalla legge 494/1996 (sicurezza nei cantieri);
• segue il rilascio delle concessioni edilizie e cura i rapporti con gli Enti;
• si occupa dell’accatastamento dei fabbricati, dell’elaborazione delle tabelle millesimali
e del passaggio alla gestione immobiliare.
Ufficio Manutenzione:
• provvede alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli alloggi e degli impianti
mediante gare d’appalto o esecuzione dei lavori in economia;
• compila e aggiorna l’elenco dei prezzi della Manutenzione, per gestire i rapporti con
gli appaltatori;
• elabora le perizie e i computi metrici estimativi;
• gestisce lo specifico budget di bilancio, procedendo alla liquidazione delle fatture;
• riprende in carico le unità immobiliari oggetto di disdetta, verificando stato d’uso,
condizioni di abitabilità, necessità di lavori di manutenzione ed eventuali danni da
addebitare agli inquilini;
• in collaborazione con l’ufficio Assegnazioni, consegna agli inquilini le unità
immobiliari, insieme alla documentazione relativa agli impianti;
• promuove e partecipa, anche con personale di altri uffici, ad assemblee condominiali
per stabili in comproprietà.
13
REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L’USO
DEGLI ALLOGGI
L’assegnatario è tenuto a stipulare il contratto di locazione, con versamento delle spese
relative. In caso di mancato adempimento perde il diritto all’assegnazione dell’alloggio.
USO E GESTIONE
Gli utenti sono tenuti a:
• Avere la più ampia cura dell’alloggio assegnato e degli spazi comuni. L’Ente
chiederà il rimborso delle spese sostenute per danni e inosservanze. Qualora vi
siano danni alle parti comuni e gli autori non vengono identificati le spese di
ripristino graveranno su tutti assegnatari della scala/fabbricato.
• Servirsi dell’alloggio ad uso esclusivo di abitazione.
• Comunicare ogni persona occupante l’alloggio, e occupare lo stesso stabilmente,
salvo autorizzazione A.T.C.. E’ fatto divieto di subaffittare o permettere a terzi
l’utilizzo dell’immobile.
REGOLAMENTO
Agli utenti è fatto divieto di:
• effettuare modifiche e migliorie negli alloggi e nelle pertinenze comuni senza
autorizzazione scritta dell’Agenzia;
• mettere in opera verande, tende, senza preventiva autorizzazione scritta dell’ATC
e del Comune;
• installare, in qualsiasi luogo, antenne radio, impianti di ricezione satellitare di
qualsiasi genere senza autorizzazione scritta dell’ATC;
• installare i vasi per i fiori o piante all’esterno di ringhiere o parapetti dei balconi.
L’innaffiamento deve essere fatto in modo tale da non recare disturbo o pericolo e
stillicidio alcuno;
• appropriarsi a qualsiasi titolo o utilizzare per fini personali parti delle aree verdi
comuni o altre pertinenze;
• lavare autovetture e motocicli negli spazi comuni;
• innaffiare con acqua potabile le aree verdi ove non autorizzati;
• recare disturbo ai vicini con schiamazzi o rumori;
14
• tenere nell’alloggio e negli spazi comuni animali che possono recare disturbo o
pericolo e lasciare circolare negli spazi comuni i cani senza guinzaglio e
museruola, e comunque provocare a causa di tali animali situazioni antigieniche
negli alloggi e negli spazi comuni;
• depositare nei corridoi, negli ingressi e nelle cantine ciclomotori e motoveicoli se
non negli spazi autorizzati;
• lasciare aperti i cancelli, accessi di uso comune e passi carrai ove dotati di
apposita chiusura;
• entrare nell’area del fabbricato e percorrere i cortili con qualunque tipo di veicolo,
ad eccezione delle esigenze di carico e scarico;
• parcheggiare all’interno del fabbricato camper o altri veicoli speciali.
CONSEGNA E RILASCIO DELL’ALLOGGIO
• All’atto della consegna dell’alloggio deve essere effettuato un sopralluogo nello stesso
da parte dell’assegnatario e di un incaricato dell’Agenzia. Le eventuali eccezioni sullo
stato
dell’alloggio
dovranno
essere
immediatamente
presentate
per
iscritto
all’Agenzia.
• Qualora vengano constatati danneggiamenti in genere o asportazioni di arredi o
apparecchiature a servizio dell’alloggio, l’ATC richiederà all’inquilino uscente il costo
relativo ai necessari ripristini.
• Qualora, trascorso il termine relativo alla disdetta, il disdettante non consegni le
chiavi dell’alloggio, ATC eserciterà il diritto della ripresa del possesso dei locali,
provvedendo alla forzatura e sostituzione della serratura, anche in assenza
dell’assegnatario.
• In caso di alloggio dotato di impianto autonomo di riscaldamento, l’assegnatario
uscente dovrà consegnare all’ATC il libretto di caldaia con le annotazioni delle
operazioni di manutenzione eseguite da ditta specializzata, ai sensi del DPR n.
412/93.
15
PULIZIA E RACCOLTA RIFIUTI
• In tutti i Comuni della Provincia è attiva la raccolta differenziata dei rifiuti, pertanto
tutti gli inquilini sono tenuti a rispettare le nome comunali vigenti e a differenziare i
rifiuti, avendo poi cura di riporli negli appositi cassonetti condominiali.
• All’assegnatario compete la pulizia degli spazi comuni e privati.
• Ad A.T.C. la pulizia e lo sgombero dopo gli interventi di manutenzione.
TIPO INTERVENTO
A CURA DI
A SPESE DI
Pulizia completa, secondo la normale diligenza, delle
parti comuni del fabbricato, di ogni pertinenza dello
stesso e dei marciapiedi antistanti il perimetro.
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
IMPIANTI ASCENSORI
• Ad A.T.C. compete l’installazione e la manutenzione straordinaria.
• All’assegnatario la manutenzione ordinaria e periodica e i relativi canoni in
abbonamento.
TIPO INTERVENTO
Sostituzione cabina motore, argano, quadro
elettrico, ammortizzatore e di tutte le parti
meccaniche ed elettriche relative alle parti di cui
sopra.
Lavori di adeguamento prescritti dalla normativa
in materia.
Riparazione in caso di guasti delle parti
meccaniche ed elettriche, ivi compresi pavimenti e
rivestimenti.
Manutenzione in abbonamento.
A CURA DI
A SPESE DI
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
A CURA DI
A SPESE DI
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
IMPIANTI SMALTIMENTO LIQUAMI
TIPO INTERVENTO
Sostituzione
componenti
e
rifacimento
dell’impianto di sollevamento e depurazione per
vetustà o caso fortuito, sostituzione tratti della
rete di scarico.
Spurgo fosse biologiche e disotturazione delle
colonne di scarico e relativi pozzetti, pulitura e
disotturazione della rete orizzontale di fognatura e
relativi pozzetti.
16
IMPIANTO CENTRALE DI RISCALDAMENTO, PRODUZIONE ACQUA CALDA
• Ad A.T.C. spetta la prima installazione, la riparazione o sostituzione di impianti o di
parti notevoli di questi, dovute ad usura.
• All’Assegnatario gli interventi di ordinaria manutenzione, compreso quello periodico
previsto per legge. Tutti gli interventi devono essere svolti da ditte qualificate.
TIPO INTERVENTO
A CURA DI
A SPESE DI
Manutenzione edile, ovvero muraria del locale
centrale termica.
Sostituzione di apparecchiature come valvole,
saracinesche, bruciatori, pompe vasi di espansione
in genere, termoregolatori, radiatori, piastre,
termoconvettori, pannelli radianti, sfoghi d'aria,
serbatoi bollitori, serbatoi in genere, canali da fumi,
canne montanti, tratti di tubazioni, coibentazioni,
pompe di sollevamento.
Lavori di adeguamento imposti da norme o
regolamenti comunali, ecc..
Approvvigionamento del combustibile liquido e
gassoso necessario al riscaldamento degli stabili.
Governo delle caldaie effettuato, secondo quanto
disposto dall'art. 16 della Legge 13.7.1966 n. 615 e
Legge 9.1.1991 n. 10 e relativi regolamenti di
attuazione, compilazione Libretto Centrale.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
Verifica
del
costante
funzionamento
delle
apparecchiature di depurazione o di addolcimento
dell'acqua da immettere nell'impianto ove esistenti.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
Lettura contatori acqua calda e riscaldamento, spese
relative a canoni telefonici per teleriscaldamento.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
Operazioni di manutenzione ordinaria delle
apparecchiature e componenti da affidare a “terzo
responsabile” e operazioni di “messa a riposo”.
Riparazione e sostituzione di valvole e detentori dei
radiatori all'interno degli alloggi.
IMPIANTI ILLUMINAZIONE E SUONERIA DELLE PARTI COMUNI
TIPO INTERVENTO
Sostituzione di tutte le parti per cause di forza
maggiore e rifacimento delle linee.
Riparazione della pulsantiera esterna, inserimento e
sostituzione targhetta nome. Piccole sostituzioni di
parti come lampade, interruttori, starters, reattori,
porta lampade, copertura eventuali punti luce,
plafoniere ingressi, scale, corridoi, cantine, porticati.
Manutenzione o sostituzione impianto citofoni o
videocitofoni nella parte interna dell'alloggio.
A CURA DI
A SPESE DI
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
17
AREE VERDI
• A.T.C. provvede al primo impianto delle zone a verde, la manutenzione successiva
compete agli Assegnatari.
TIPO INTERVENTO
Primo impianto di alberi, cespugli, piante fiorite e
rifacimento dei tappeti erbosi e dell'eventuale
impianto di irrigazione, abbattimento, potature e
eventuale sostituzione di albero ad alto fusto.
Sostituzione alberi di basso fusto, cespugli, piante
fiorite. Taglio dell’erba, potature alberi di basso fusto
e
siepi,
annaffiature,
acquisto
concimi,
manutenzione in genere del giardino. Canone in
abbonamento per manutenzione e sostituzione
piante e fiori ornamentali, disinfestazione piante.
A CURA DI
A SPESE DI
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
MANUTENZIONE E FORNITURE IN GENERE RELATIVE ALLE PARTI COMUNI E
ALL’INTERNO DELL’ALLOGGIO LOCATO
• All’A.T.C. compete la prima installazione, la sostituzione per vetustà.
• All’Assegnatario compete l’onere per le riparazioni di piccole dotazioni.
PARTI COMUNI
TIPO INTERVENTO
Sostituzione e riparazione grondaie e pluviali,
impermeabilizzazione di canali di gronda, di
coperture fabbricati e box.
Riparazione e sostituzione canne fumarie e dei
comignoli. Riparazione tubazioni esterne o incassate
dell’impianto idrico sanitario.
Opere murarie di manutenzione delle murature e
strutture dello stabile, manutenzione dei pavimenti
dei porticati e zone asfaltate.
Sostituzione e riparazione causa vetustà inferiate,
cancellate, cancelli. Ripristino tinteggiatura e
rivestimenti murali parti comuni, causa vetustà.
Pulizia canne fumarie, in comune a più alloggi, con
esclusione delle derivazioni per I singoli alloggi.
Riparazione di infissi e seminfissi a seguito dell’uso
o danneggiamento.
Riparazione e sostituzione di serrature e
chiudiporte. Sostituzione dei vetri delle parti comuni
per danni.
A CURA DI
A SPESE DI
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
A.T.C./Autogestione
ASSEGNATARIO
18
PARTI INTERNE
TIPO INTERVENTO
In caso di manutenzione straordinaria generalizzata,
per vetustà: sostituzione delle rubinetterie, persiane
e serrande, infissi esterni.
Sostituzione o adeguamento impianto elettrico in
caso di manutenzione straordinaria generalizzata.
Manutenzione e sostituzione della caldaia autonoma
per il riscaldamento e produzione dell’acqua calda,
nonché ove presenti delle unità termoventilanti per
ogni singolo alloggio, con le contribuzioni per gli
assegnatari
previste
specificatamente
nei
Regolamenti.
Riparazione o sostituzione di tubazioni dell’impianto
idrico-sanitario e cassette WC, incassate.
Riparazioni apparecchi sanitari, rubinetteria dei
raccordi, dei sifoni, dei rubinetti di ferro.
Riparazione delle serrande avvolgibili, cinghie molli.
Riparazione infissi esterni ed interni e relativi vetri.
Riparazione
apparecchiature
elettriche
quali
interruttori, prese, ecc.
Manutenzione e mantenimento in efficienza
caldaiette
autonome,
conformemente
ai
Regolamenti. Contratto manutenzione ordinaria in
abbonamento.
Controllo tenuta tubazioni gas. Installazione,
manutenzione e sostituzione dello scaldabagno.
A CURA DI
A SPESE DI
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
A.T.C.
E ASSEGNATARIO *
TPF
A.T.C.
A.T.C.
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
Verniciatura serramenti esterni, saracinesca box,
pareti interne.
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
Derattizzazione, sgombero masserizie, interventi di
pulizia.
ASSEGNATARIO
ASSEGNATARIO
FPT
RILASCIO DELL’ALLOGGIO
All’inquilino compete:
• sgombero completo e pulizia dell’alloggio a carico del disdettante;
• sgombero di masserizie all’interno della cantina, del solaio, o del box di pertinenza
dell’alloggio.
L’alloggio deve comunque essere consegnato in perfetto stato di agibilità e fruibilità
nelle strutture e negli impianti.
*
TP
PT
In base alle disposizioni previste dal Regolamento Interno dell’ATC.
19
SONO COMUNQUE A CARICO DELL’ASSEGNATARIO
• Qualunque modifica o innovazione richiesta dagli assegnatari per migliorie compresa
la istruzione delle pratiche relative ai necessari permessi, previo benestare della
Proprietà. Tutte le riparazioni e sostituzioni conseguenti a manomissioni per atti
vandalici, negligenza o colpa all’interno della scala.
• A.T.C. addebiterà agli inquilini i costi per i danni dovuti a colpe, vandalismi,
manomissioni e uso improprio delle parti comuni, anche quando sono ignoti gli autori.
A.T.C. valuterà, caso per caso, l’opportunità di mantenere il danno, in tutto o in parte,
a carico della proprietà, qualora gli inquilini abbiano comunque esercitato la diligenza
del buon padre di famiglia nella conduzione e nella custodia dei beni.
• In ogni caso l'Ente amministratore è autorizzato ad intervenire nei confronti di servizi
o manutenzioni di competenza degli assegnatari, addebitando loro gli oneri relativi,
nel caso in cui la mancata riparazione o sostituzione possa produrre un maggior
danno.
Borgomanero, Viale Pio X
20
DISDETTA E RICALCOLO AFFITTO
Per richiedere la disdetta di un alloggio o di un’autorimessa, è necessario
presentare domanda tre mesi prima; invece, in caso di decesso, la domanda ha
decorrenza di un mese.
Per la disdetta di un negozio, il tempo per la disdetta varia in base al cntartto di
locazione stipulato.
Per il ricalcolo dell’affitto, ogni variazione reddituale e familiare deve essere
comunicata all’Ufficio Inquilinato.
È possibile ritirare il modulo per il ricalcolo dell’affitto presso la sede dell’ATC (Novara,
Via Boschi 2), oppure scaricarlo dal Sito Internet www.atc.novara.it .
U
U
La modifica del canone di locazione avverrà a partire dal mese successivo alla
presentazione della domanda.
DISDETTA
Arona, Via S. Luigi
21
MODULI
Elenco dei moduli disponibili presso la sede dell’ATC di Via Boschi 2, a Novara, oppure
scaricabili dal sito Internet www.atc.novara.it .
U
U
• DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI: dichiarazione, compilata
dall’utente, utile ai fini di comunicare all’ATC i propri dati personali.
• RICHIESTA VOLTURA CONTRATTO DI LOCAZIONE
(+ ALLEGATO):
un membro del
nucleo familiare del locatario chiede all’ATC la voltura del contratto di locazione a suo
favore, a causa di decesso, trasferimento o separazione dell’originale assegnatario.
• RICALCOLO DEL CANONE DI LOCAZIONE
(+ ALLEGATO):
il locatario chiede che il
proprio canone di locazione venga ricalcolato in seguito a modifiche riguardanti il
proprio reddito o la composizione del nucleo familiare.
• DISDETTA
AUTORIMESSA:
il
locatario
comunica
all’ATC
la
disdetta
dell’autorimessa occupata.
MODULI
• DISDETTA ALLOGGIO: il locatario comunica all’ATC la
disdetta dell’alloggio
occupato.
• RICHIESTA AUTORIZZAZIONE OSPITALITA’: il locatario chiede all’ATC di poter
ospitare, nel proprio alloggio, persone esterne al nucleo familiare dichiarato.
22
SUGGERIMENTI E RECLAMI
All’Ufficio Relazioni con il Pubblico
dell’ATC di Novara
Via Boschi, 2
28100 NOVARA
Il/la sottoscritto/a
_______________________________________________________________________
Residente in
_______________________________________________________________________
Recapito telefonico
_______________________________________________________________________
Intende segnalare
_______________________________________________________________________
_______________________________________________________________________
_______________________________________________________________________
_______________________________________________________________________
_______________________________________________________________________
_______________________________________________________________________
_______________________________________________________________________
______________
SUGGERIMENTI
Luogo e data ________________________
Firma
_____________________
□
Autorizzo al trattamento dei dati in base al D. Lgs. 196/2003.
23
RECAPITI E ORARI
ATC della Provincia di Novara e V.C.O.
SEDE LEGALE: Via Boschi 2, 28100 NOVARA
Tel. Segreteria:
0321 445 111
848 800 294
(tariffa agevolata)
Tel. URP:
0321 445 102
0321 445 103
0321 445 104
Fax:
0321 478 798
Sito Internet: www.atc.novara.it
E-mail: [email protected]
SEDE DECENTRATA: C.so Marconi 22
(1° piano),
28883 GRAVELLONA TOCE
ORARI D’UFFICIO
Dal lunedì al Venerdì: dalle ore 08:00 alle ore 13:00
Lunedì, Mercoledì, Giovedì: dalle ore 14:20 alle ore 18:00
ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO
Dal lunedì al Venerdì:
dalle ore 09:00 alle ore 12:00
Lunedì, Mercoledì, Giovedì:
dalle ore 17:00 alle ore 18:00
ORARI E GIORNI DI APERTURA DELLE SEDE DECENTRATA DI GRAVELLONA TOCE
SARANNO COMUNICATI SUCCESSIVAMENTE
24

Documenti analoghi