ristorante “la parolaccia”

Commenti

Transcript

ristorante “la parolaccia”
RISTORANTE “LA PAROLACCIA”
So’ annàto giù, a Trastevere, a fa’ cena,
ar Ristorante de “La Parolaccia”
e quella sera me sentivo ‘n vena
da rimedia’ ‘n’insurto sulla faccia
e sì perché là dentro er cameriere
te guarda in fonno a l’occhi e, poi, te dice:
“Che magni co’ la bocca o cor sedere?
Tu moje è ‘na vorgare meretrice,
‘na zòccola, ‘na vera prostituta,
se vede dall’aspetto che va a ‘batte’
e tu ci hai ‘n’aria stàtica, sbattuta,
co’ certe guance bianche come er latte!”.
“La Parolaccia” è ‘n posto rinomato
perché c’è ‘n turpiloquio romanesco
e ‘n clima d’offese. E’ prenotato
da tutta gente in cerca der grottesco !
Mi moje sorideva e acconsentiva,
sapeva che all’interno der locale
s’usava ‘na parlata ‘n po’ offensiva
pe’ mantené l’usanza rituale.
… Pe’ cena: la bruschetta, l’affettato,
la matriciana, penne all’arrabbiata,
salsicce, carne, abbacchio prelibato,
le patatine fritte, l’insalata,
e er dorce cor caffè pe’ chiude er conto,
co’ quarche oltraggio, offesa e scortesia
de tipo sessuale, pe’ l’affronto …
ma tutto va accettato co’ ironia !
La musica sonàta alla pianola,
cambiànno le parole alle canzoni,
pe’ sfotte quarche pezzo de fijola
che nun accetta le provocazioni.
I “vaffa” sono all’ordine del giorno,
ce so’ le frasi sconce, colorite,
apprezzamenti spinti, pe’ contorno,
co’ tante parolacce trasgredite.
E, poi, quann’è finita la serata
er cameriere t’obbliga a compra’
‘na t-shirt, co’ sopra prestampata,
“La parolaccia” e tu … devi paga’ …
… se te rifiuti … lui te lo rinfaccia
e, poi, te tira … er tovajolo in faccia !!!
Magliano dei Marsi
22 novembre 2010
Garbellini Sergio

Documenti analoghi