Neo Cibalgina - Studio Arcobaleno

Transcript

Neo Cibalgina - Studio Arcobaleno
Brani letterari
© Studio Arcobaleno Multimedia - Anno 2014
Titolo opera
Titolo brano
Neo Cibalgina
Autore
Composizione
Una compressa contiene - Principi attivi: acido acetilsalicilico
mg 200; paracetamolo mg 150; caffeina mg 25 - Eccipienti: cellulosa;
gliceril-palmitato-stearato; amido di mais.
Forma farmaceutica
Confezione da 16 compresse
Confezione da 12 compresse
Categoria farmacoterapeutica
Antidolorifico antifebbrile.
Testo del brano
Titolare A.I.C.
Novartis Consumer Health S.p.A.
Origgio (VA)
Prodotto da
Novartis Farma S.p.A., Torre Annunziata (NA)
Indicazioni terapeutiche
Trattamento sintomatico di mal di testa, nevralgie, mal di denti, dolori
mestruali, dolori articolari, stati febbrili e sindromi da raffreddamento.
Controindicazioni
Ipersensibilità verso l'acido acetilsalicilico, i salicilati ed altri componenti del
prodotto. Accertata tendenza alle emorragie. Malattie a carico dello stomaco
(gastropatie quali ad esempio: ulcera gastro-duodenale). Asma. Insufficienza
renale. Ultimi 3 mesi della gravidanza. Per la presenza di caffeina non
somministrare ai bambini al di sotto dei 12 anni.
Precauzioni d'impiego
Utilizzare con cautela in soggetti con alterata funzionalità del fegato
(insufficienza epatica).
Nei rari casi di reazioni allergiche si deve sospendere la somministrazione.
Interazione con altri medicinali ed interazioni di qualsiasi altro genere
Neo-Cibalgina può interferire con medicinali che impediscono la coagulazione
1
Brani letterari
© Studio Arcobaleno Multimedia - Anno 2014
del sangue (anticoagulanti), medicinali che riducono l'acido urico nel sangue
(uricosurici), medicinali impiegati per via orale per la cura del diabete
(sulfaniluree ipoglicemizzanti); può potenziare il rischio di emorragie
gastrointestinali in caso di contemporaneo trattamento con corticosteroidi e gli
effetti o le manifestazioni secondarie di tutti gli antireumatici non steoridei.
Consultare il medico in caso di assunzione contemporanea di altri farmaci.
Avvertenze speciali
Non usare per trattamenti protratti. Dopo breve periodo di trattamento
senza risultati apprezzabili consultare il medico. Inoltre anche i pazienti con
carenza della glucosio-6-fosfato-deidrogenasi, con disturbi cronici o ricorrenti
dello stomaco o dell'intestino o con una compromessa funzionalità renale,
devono consultare il medico prima dell'utilizzo del farmaco.
Dosi elevate o prolungate del prodotto possono provocare malattie del fegato
(epatopatia) ad alto rischio ed alterazioni a carico del rene e del sangue anche
gravi. Nei ragazzi in caso di malattie virali, quali influenza o varicella, consultare
il medico prima della somministrazione. Se durante il trattamento compaiono
vomito prolungato e profonda sonnolenza, interrompere la somministrazione e
consultare il medico. È sconsigliato l'uso del prodotto se si è già in trattamento
con altri antinfiammatori. L'impiego prima di interventi chirurgici può
ostacolare l'eventuale arresto di una emorragia (emostasi) durante
l'operazione stessa.
Tenere il medicinale fuori della portata dei bambini.
Sovradosaggio
In caso di dosaggio eccessivo, per la presenza di paracetamolo, si può
provocare la distruzione di cellule del fegato (citolisi epatica), che può evolvere
verso la massiva ed irreversibile necrosi.
Per la presenza di caffeina, sempre per dosi elevate, si può verificare una
sindrome di iperstimolazione con eccitazione, insonnia, ronzii, tremore
muscolare, nausea, vomito, aumento dell'eliminazione di urina, alterazioni del
ritmo del cuore (tachicardia, extrasistolia), visione di macchie nere (scotoma).
Uso in gravidanza e durante l'allattamento
In caso di gravidanza e durante l'allattamento usare solo sotto diretto controllo
del medico.
Non usare negli ultimi tre mesi di gravidanza a meno che l'uso sia
specificamente prescritto dal medico.
Dose, modo e tempo di somministrazione
Adulti e bambini oltre i 12 anni
Da 1 a 4 compresse al giorno. Non superare le dosi consigliate; in particolare i
pazienti anziani dovrebbero attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati.
Assumere il prodotto a stomaco pieno.
Effetti indesiderati
Possono manifestarsi disturbi a livello dello stomaco e dell'intestino, vertigini,
fenomeni emorragici, reazioni di ipersensibilità quali manifestazioni cutanee,
2
Brani letterari
© Studio Arcobaleno Multimedia - Anno 2014
spasmi bronchiali. Per la presenza di acido acetilsalicilico possono manifestarsi
anche disturbi a carico dell'orecchio (ronzii, ecc.), fenomeni emorragici (a carico
del naso, delle gengive, ecc.), ritardo di parto e riduzione delle piastrine
(vedere anche alla voce sovradosaggio).
Qualsiasi effetto indesiderato non descritto nel presente foglio illustrativo,
va segnalato al proprio medico curante o al farmacista.
Link a audio
3

Documenti analoghi