leggi pdf.

Commenti

Transcript

leggi pdf.
54
HABEMUS PAPAM
Dopo una faticoavrei dubbi: far ricosissima ed estenuannoscere come nuove
te maratona elettoracategorie le redemple, finalmente si è
tion a ticket, le skill
trovato l’accordo sia
with prize e i giochi
di Tiziano Tredese
sul nuovo Pre-sidenon-line.
te della Sapar, sia
Questo è il futuro
sulla quaterna dei Vice-presidenti.
del gioco di pura abilità: se non verFortunatamente c’è stato un buon
ranno introdotte queste innovazioni
compromesso per cui ora la Sapar,
non solo spariranno tutti i giochi dai
finalmente, ha un consiglio di presibar, ma chiuderanno anche le sale
denza che ha tutte le caratteristiche
giochi.
per poter lavorare con la dovuta sereSono consapevole che i quotidianità nei prossimi tre anni.
ni problemi che nascono attorno ai
Paolo Dalla Pria, il neo presidencomma 6, comma 6a, totem e Vlt ci
te, ha il notevole vantaggio di essere
stanno togliendo anche il piacere del
contemporaneamente uno dei magriposo notturno e quindi meritano di
giori produttori e gestori italiani, per
essere discussi al più presto con i
cui conoscendo i problemi in prima
funzionari preposti, però cosa abbiapersona c’è la garanzia che, dovendo
mo ottenuto in questi tre anni, come
risolverli per se stesso, porterà dei
Associazioni in generale, rispetto a
benefici anche a tutta la categoria.
quanto più o meno diligentemente
Se le Commissioni lavoreranno
richiesto? Nulla, anzi, direi meno di
su obiettivi chiari e saranno coordinulla, perché ogni Ispettorato
nate tecnicamente dal nuovo
Compartimentale e ogni Compagnia
Segretario, la Sapar ritornerà a
della Guardia di Finanza, viste le difriscuotere quei consensi e a ottenere
ficoltà oggettive di essere costantequei successi che l’hanno resa granmente aggiornati sulle novità normade e indispensabile nel passato.
tive divenute oramai ‘quotidiane’, si
Ovvio che le priorità di interveninventano arbitrariamente richieste
to sarebbero infinite e non saprei pronuove mai scritte o conosciute e
prio, trovandomi nei loro panni, da
danno luogo a comportamenti diverche parte cominciare, per cui lascio
si a seconda della latitudine e longial Consiglio Direttivo e ai Delegati
tudine in cui risiedono.
Regionali dare indicazioni su quali
Per cui, consiglierei alla nuova
azioni intraprendere per prime; però,
presidenza di ‘seguire’ con la massiforse egoisticamente, se potessi conma attenzione ciò che avviene nel
sigliare al Presidente cosa chiedere ai
campo dell’azzardo, ma di fare
Monopoli (o ai Parlamentari) non
un’asfissiante pressione affinché si
HABEMUS
PAPAM
Following a tiring and extenuating
electoral marathon, finally an agreement has been reached on the new
President of SAPAR, and on its four
Vice-Presidents. Fortunately, a good
compromise was reached, and therefore SAPAR finally has a board that will
be able to work in harmony over the
next three years.
Paolo Dalla Pria, the new president, has the significant advantage of
being at the same time one of the
major Italian manufacturers and operators, and therefore, by understanding
the problems directly, guarantees that,
having to resolve them himself, will
benefit the entire business.
If the Commissions are able to
work to clear objectives and are technically coordinated by the new Secretary,
SAPAR will once again have the support and achieve the successes that
made it an important and essential
association in the past.
It is obvious that there are endless
priorities and I myself, in their shoes,
would not know where to begin, and so
I leave it up to the Board and the
Regional Delegates to define which
actions should be taken first; however,
perhaps selfishly, if I could suggest the
President what he should request from
the State Monopolies (or Parliament), I
would have no doubts: recognition of
redemptions with tickets, SWP and online games as new categories.
This is the future of games of pure
skill: if these changes are not introduced, not only will all games disappear from bars, but games arcades will
also have to close.
I am aware that the daily problems
that arise regarding paragraph 6, paragraph 6a, multimedia kiosks and VLT
are causing sleepless nights, and
therefore deserve to be discusse as
soon as possible with the relevant officials, however what have we achieved,
as Associations in general, over the
last three years, with our various
requests? Nothing, I would say even
less than nothing, because each local
Inspectorate and branch of Customs
and Excise, given the objective difficulties of staying constantly up-to-date
with the new regulations issued almost
daily, invent new requirements arbitrarily, requirements that have never been
written or known, and cause different
behaviour depending on the location.
Therefore I would suggest that the
new president should pay close attention to what is happening in the field of
gambling, while lobbying for laws on
the areas that are not yet regulated, in
the hope of being involved in writing the
rules for the regulations on these new
types of game.
In this regard, I would invite the various association representatives who
may be involved in such discussions to
refresh their memories on the topics in
question, in particular rereading the
articles published in this magazine in
55
October 2003, June 2004 and March
2005. There, they will find detailed
descriptions and operating modes of
these new games, as well as the technical criteria for testing and approving
them.
Photoplay, World Games 2006
I wanted to mention this meeting
not only to thank Mr. Josef Ohlinger
who kindly invited me to the event, but
also to analyse it politically.
Together with a strong Italian contingent, for four days we were guests
of the owner of FunWorld at a marvellous ‘all inclusive’ hotel in Palma de
Majorca, and we wondered more than
once: “why on earth does he spend a
fortune to host over 500 people for the
finals of an international touch screen
competition and hold a conference
lasting less than two hours to talk business?”
The response came, with the
usual simplicity, from Josef himself: “In
a market that offers very little to the
players, why shouldn’t manufacturers
of the games feel obliged to reward
them for their loyalty, even if only with
a splendid holiday? And if we didn’t do
it, would the others have done it?”
Ever since the first international
meeting in Marbella five-six years ago I
have been rebuking Mr. Ohlinger for
the unbalance between business and
pleasure. I remember that back then
sales did not need to be driven, as
everything went smoothly, without having to get the distributors involved in
special sales strategies.
Now that the entire European market is in a downturn, we wondered how
he could be still so convinced that
these meetings must continue, and
mainly for the purpose of entertaining
and bringing together the highest number of operators from different countries (27 countries on 4 continents).
We all, probably, have had the
chance to participate in meetings, congresses or presentations paid for by
someone else, and all of us, I believe,
have been forced to pay back with
interest, by signing orders with the representatives on hand with their order
books. Here at FunWorld, on the other
hand, the opposite is true: all you have
to do is have fun: if you remember to,
perhaps, say thanks, otherwise it’s fine
all the same!
This is the same anti-conventional
philosophy that the managers of this
Austrian company have applied in
never giving in to the request to add a
little more violence, sex and gambling
to their games to boost the success of
their machines. They are convinced
that by continuing to produce excellent
games and continuously organising
matches, while one market slows
down (i.e. Europe) others open up,
such as the United States, South
Africa, eastern Europe, etc. In addition,
they are confident that when governments such as the Italian one understand, finally, the harmless nature of
continued on p.58
ASCOLTANDO L’ESPERTO
legiferi su ciò che ancora non è normato, nella speranza di essere protagonista nella stesura delle regole per
la legittimazione di queste nuove
forme di gioco.
A questo proposito, inviterei i
vari rappresentanti associativi che
fossero chiamati a tale discussione a
rinfrescarsi la memoria sugli argomenti in oggetto, andando a rileggersi in particolare gli articoli apparsi su questa rivista rispettivamente
ad ottobre 2003, giugno 2004 e
marzo 2005. Sono lì raccolte, infatti,
molte descrizioni e modalità di funzionamento di questi nuovi giochi
oltre a dei criteri tecnici di valutazione e test per un’eventuale omologa
degli stessi.
Photoplay, World Games 2006
Desidero ricordare questo meeting non solo per ringraziare il
signor Josef Ohlinger che mi ha cortesemente invitato a tale manifestazione, ma per analizzare politicamente l’evento.
Assieme a una nutrita comitiva
italiana mi sono ritrovato per quattro
giorni ospite del Patron della
FunWorld in un meraviglioso hotel
‘all inclusive’ a Palma di Maiorca e
tutti ci siamo chiesti più volte: “Ma
chi glielo ha fatto fare di spendere una
fortuna per ospitare oltre 500 persone
per far svolgere le finali di una gara
internazionale di touch screen e tenere una conferenza di meno di due ore
per parlare di business?”
La risposta ce l’ha data, con la
solita semplicità, Josef stesso: “In
un mercato che dà realmente poco
ai giocatori, perché non considerare
che proprio i produttori dei giochi
dovrebbero sentirsi in obbligo di
ricompensarli per la loro fedeltà,
anche se solo regalando una bella
vacanza? E se non l’avessimo fatto
noi, chi altri l’avrebbe fatto?”
È dal primo meeting internazionale di Marbella di cinque-sei anni
fa che rimprovero il signor Ohlinger
per lo squilibrio fra il tempo che ci
fa dedicare al relax e quello per gli
affari. Ricordo che quelli erano
tempi in cui non occorreva spingere
le vendite perché tutto girava per il
meglio senza che venissero inventa-
Ticket
Troopers –
l’ultima
redemption
della BayTek a 3
giocatori
Ticket
Troopers –
the latest
redemption
machine
from BayTek for 3
players
te e trasmesse a noi distributori delle
particolari strategie di vendita.
Ora che tutto il mercato europeo
è in crisi, ci chiedevamo come facesse a rimanere così fermamente convinto che questi incontri devono
continuare ad esserci e principalmente con lo scopo di far divertire e
mettere in contatto il maggior numero di operatori dei più disparati paesi
(27 nazioni di quattro continenti).
Tutti noi, penso, abbiamo avuto
l’opportunità di partecipare a riunioni, convegni o presentazioni offerti
da qualcuno, e tutti, credo, alla fine
siamo stati costretti a ripagare, spesso con gli interessi, quanto ostentatamente offerto, firmando ordini che
dei solerti funzionari ci facevano
sottoscrivere sui loro blocchi commissione. Qui alla FunWorld invece
è tutto il contrario: ti viene chiesto
solo di stare bene e di divertirti: se ti
ricordi, magari, li ringrazi, altrimenti fa niente, va bene lo stesso!
È la stessa anticonvenzionale
filosofia in base alla quale i dirigenti
di questa azienda austriaca non
hanno mai ceduto alle richieste di
inserire un po’ più di violenza, sesso
e azzardo sui loro giochi al fine di
far conseguire un maggiore successo commerciale ai loro apparecchi.
Sono comunque convinti che continuando a produrre ottimi giochi e
organizzando continuamente delle
gare, se un mercato rallenta (vedi
continua a p.58
58
continued from p.55
the on-line games played on secure
machines made by professional companies, the interest in touch screens will
take off again in Italy too.
We are also convinced of this and,
unfortunately, it’s been a long time!
Photoplay
Sportster Xtreme
– un touch screen
con design e tecnologia d’avanguardia per il
gioco anche online
Photoplay
Sportster Xtreme –
a touch screen
with avant-garde
design and technology for on-line
games
continua da p.55
quello europeo) altri se ne aprono,
come gli Stati Uniti, il Sud africa, i
Paesi dell’Est eccetera. Inoltre sono
fiduciosi che quando governi come
quello italiano comprenderanno,
prima o poi, l’innocuità del gioco
on-line realizzato tramite apparecchi
sicuri da aziende serie, l’interesse
per il touch screen riprenderà anche
in Italia.
Ne siamo convinti anche noi e,
purtroppo, già da quel dì!
Conclusioni
È estate e seppur si sia venduto
veramente poco credo sia necessario
prendersi tutti una sana parentesi di
riposo che ci tenga almeno fisicamente lontani da furti quotidiani, circolari improvvise, incomprensibili
tabelle dei giochi proibiti, omologhe
che non arrivano, Preu sui defunti,
eccetera.
Auguro buone ferie a tutti i colleghi dell’automatico, ai neo onorevoli
che seguiranno il nostro settore e ai
funzionari dei Monopoli affinché
ritornino tutti, a settembre, con le
idee molto più chiare sul destino dei
giochi di pura abilità e sulle norme
tecniche su cui dovrebbero essere
basati i nuovi giochi con vincita in
denaro.
Siamo petulanti e ripetitivi?
Certo, però è sempre meglio che
farci passare sempre per fessi.
Quando ci hanno imposto l’attuale
comma 6 non avevamo alternative;
ora che il pane, seppur a malapena,
riusciamo a guadagnarcelo, dovremmo batterci per dei comma 6a che
procurino maggiori soddisfazioni ai
giocatori e … del companatico
anche per noi!
Ma non sarà certo utilizzando
una carta di credito per l’in e le
monete dell’hopper per l’out che
potremo competere, anche dal punto
di vista produttivo, in campo europeo. Chi ha avuto questa bella idea
probabilmente pensava di dare del
lavoro agli immigrati oppure ai cassaintegrati delle industrie tessili italiane.
Quanto potranno funzionare queste macchine, che avranno una
potenza almeno quadrupla di quelle
attuali, prima che si svuotino gli
hopper se non verranno alimentate
naturalmente con le monete in?
Ecco quindi il lavoro per i nostri
disoccupati: uno per ogni macchina,
posto dietro alla stessa con un secchio pieno di monete che, tramite un
imbuto tattico, continuerà a riempire
l’hopper man mano che questo si
svuoterà!
Non avremo grandi possibilità di
esportare questa tecnologia applicata
alle New Slot 2, però potremo sempre dire che l’industria italiana del
gambling è sicuramente molto originale e socialmente utile!
Il Principe e la Bestia!
Stiamo andando in stampa e
veniamo colpiti dal ‘ciclone Vittorio
Emanuele’, cioè lo scandalo del
Principe Savoia con i suoi “presunti”
interessi in casinò, prostitute e Nulla
Osta forzati.
Tralasciamo i primi due casi per
analizzare il terzo, molto più vicino a
noi.
Quanto lui personalmente sia
implicato nel rilascio di tali Nulla
Osta, sarà difficile dimostrarlo, però
continua a p.60
Conclusions
It is summer and even if we have
sold very little, I believe we all need a
welcome break to keep us away, at
least physically, from the daily “robberies”, sudden Memos, incomprehensible tables of prohibited games,
approvals that never arrive, PREU on
the decommissioned machines, etc.
I wish a happy holiday to all my colleagues from the coin-op sector, to the
new MPs who will have an interest in
our sector, and to the officials of the
State Monopolies, with the hope that
they all come back in September with
much clearer ideas on the destiny of
games of pure skill and on the technical
standards for the new games with cash
wins.
Are we petulant and repetitive?
Certainly, however this is always better
than seeming to be idiots. When they
defined the current paragraph 6 we had
no alternatives; now that we can manage, even if only just, to earn our daily
bread, we must fight for the paragraph
6a machines to allow the players more
satisfaction and… more butter for our
bread!
Yet it certainly won’t be by using a
credit card as IN and the coins from the
hopper as OUT that we can compete,
in manufacturing terms, with the rest of
Europe. Who had this splendid idea
probably imagined ensuring employment for immigrants or laid off workers
from the Italian textiles industry.
How long would these machines
operate, with a potential of at least four
times the current ones, before the hopper becomes empty, if not naturally fed
with coins IN?
This then is a job for our unemployed: one for each machine, standing
behind it with a bucket full of coins and
continuing to fill the hopper via a ‘funnel’ as it empties out!
We won’t have much chance to
export this technology applied to the
New Slot 2, however we can always
say that the Italian gaming industry is
surely very original and socially useful!
The Prince and the Beast!
As we are going to press we have
been struck by the ‘Vittorio Emanuele
tornado’, that is, the scandal surrounding the Prince of Savoy with his “presumed” interest in casinos, prostitution
and ‘compelled’ approvals.
We will leave aside the first two
cases and examine the third, relating to
our sector.
It will be hard to prove that he personally has been implicated in the issuing of these approvals, however the
fact that there were thousands of totally
unjustified approvals circulating in Italy,
suchas. Puzzle Bubble or Virtua Striker,
continued on p.60
60
ASCOLTANDO L’ESPERTO
continua da p.58
che circolassero in Italia migliaia di
Nulla Osta per la Distribuzione
totalmente ingiustificati, vedi Puzzle
Bubble o Virtua Striker, era un fatto
noto a tutti gli operatori del settore.
Bastava essere presenti a qualche
fiera o leggere i forum specializzati
per ottenere, previo lauto compenso,
un Nulla Osta alla Distribuzione per
il gioco Puzzle Bubble con annessa
scheda di slot avente nella schermata
iniziale la scritta “Puzzle Bubble” e
generalmente provvista di un giochino di introduzione molto simile a
quello delle bolle.
Il fatto che più mi inquieta è che
questo fenomeno era noto già da
tempo non solo agli operatori, ma
anche ai Monopoli, per cui mi chiedo:
1) come è possibile che abbiano
continuato a rilasciare migliaia di
Nulla Osta conoscendone l’uso illecito?
2) come mai gli operatori che
conoscevano l’illecito e hanno subito la concorrenza sleale di tali prodotti non lo hanno denunciato,
magari in unione con le proprie
Associazioni?
Forse, e dico forse, se la cosa
fosse stata opportunamente resa
pubblica già nel 2004, si sarebbero
potuti eliminare tutti i fastidi delle
omologhe e degli Rfid sui giochi
comma 7 che stanno facendo morire
tutto il mercato dei giochi di puro
intrattenimento.
Del senno del poi sono piene le
fosse, diceva qualcuno; speriamo
che questi fatti ci insegnino in futuro
ad amare di più il nostro lavoro!
Ultimissime
Comincio ad essere contento di
essermi fatto definire ‘coglione’:
questo nuovo governo è rimasto in
apnea per oltre due mesi e poi ha
tirato fuori dal cappello una manovra d’estate che mi fa pensare sia
composto da gente che, se non altro,
capisce qualcosa.
In particolare lo spostamento al
1° gennaio 2007 per l’abbassamento
del Preu al 12% (invece che l’attuale
13,5%): non mi ha certamente reso
felice, dato che uno 0,5% in più sia
all’operatore che all’esercente non
avrebbe fatto male, però applicarlo
fin dal 1° luglio sugli attuali comma
continued on p.58
was well known to all the operators in
the sector. By simply going to an exhibition or reading a specialist forum one
could, on paying the due sum, receive
approval for distribution of a Puzzle
Bubble game with connected slot
machine, the initial screen showing the
text “Puzzle Bubble” and generally with
an introductory game very similar to the
one with the bubbles.
The fact that most disturbs me is
that this phenomenon was already
widely known for some time, not only to
the operators, but also to the State
Monopolies, and therefore I ask myself:
1) how is it possible that they con-
6, secondo me, sarebbe stato un illogico tecnico.
Infatti, indipendentemente da
come viene interpretata la norma
specifica della Finanziaria 2006
(comunque chiarissima e relativa alle
sole nuove comma 6a), il buon senso
suggeriva che l’intento del legislatore
era che venissero introdotti dal 1°
luglio 2006 dei giochi molto più
sicuri e performanti degli attuali, per
cui un abbassamento del Preu di un
punto e mezzo avrebbe comportato
comunque un maggior utile per lo
Stato e si sarebbero potuti gratificare
anche i raccoglitori e i Concessionari
più zelanti. Era quindi ovvio che tale
riduzione non potesse essere adottata
per le attuali odiate comma 6 che
hanno la data di morte già sancita per
legge!
Altra dimostrazione di conoscenze tecniche superiori al precedente
Governo è stata la cancellazione
dell’obbligo di pagare “in moneta” le
vincite dei nuovi comma 6a. Non che
ci volesse un Einstein per capirlo,
però almeno hanno messo una prima
pezza a una legge che mi fa ribrezzo
ogni volta che la rileggo. Peccato
però per i disoccupati d’Italia, si sono
persi 170 mila posti di lavoro: magari
andranno a fare i tassisti nella speranza di non dover più aspettare 45
minuti per salire su un taxi all’aeroporto di Fiumicino!
Bravo Bersani, va avanti così che
sei sulla strada giusta!
Non si sa mai che proprio uno di
sinistra venga a liberalizzare anche il
gioco che, ironia della sorte, un
Governo liberal ha monopolizzato a
favore solo dello Stato. Lo dico da un
bel po’ che il buco dell’ozono fa
brutti scherzi! ❑
tinued to issue thousands of approvals, if
they knew about the illegal use of such?
2) why did the operators who were
aware of this illegal behaviour, and suffered from unfair competition against
these products, not report it, perhaps
through the associations?
Perhaps, if these facts had been
rightly made public in 2004, the problems
surrounding the approvals and the RFID
on paragraph 7 games could have been
avoided, problems that are ‘killing’ the
entire pure entertainment games market.
It’s easy to speak with hindsight, they
say; I hope that these facts will teach us
to care more for our profession in the
future!
Latest news
I am starting to be happy to have
been defined a “dickhead”: this new government held its breath for more than two
months and then pulled a summer move
out of the hat, which made me realise
that the new people in charge, if nothing
else, at least understand something.
In particular, the decision to delay to
January 1st, 2007 the reduction of the
PREU to 12% (from the current 13.5%);
this certainly didn’t make me happy,
given that an extra 0.5% for the operator
and the barkeeper would not have been
bad, however applying it from July 1st to
the current paragraph 6 machines, in my
opinion, would have been technically
illogical.
In fact, irrespective of how the specific regulations in the 2006 Budget Act are
interpreted (in any case they are clear
and refer only to new paragraph 6a
machines), common sense suggested
that the aim of the legislator was that
July 1st, 2006 would see the introduction
of safer and higher performance games
than the current ones, and therefore a
lowering of the PREU by 1.5 percent
would have meant in any case more
income for the State, whilst also rewarding the collectors and the more zealous
Licensees. It was obvious, thus, that this
reduction could not be adopted for the
current hated paragraph 6 machines,
whose date of death has already been
decreed by law!
Further proof of the higher technical
knowledge of the present Government if
compared to the previous one comes
from the cancellation of the obligation to
pay the wins for the new paragraph 6a
machines “in coins”.It didn’t need
Einstein to work this out, however at
least they have made the first move surrounding a law that makes me sick
whenever I read it. Shame, however, for
the unemployed in Italy, who have lost
170,000 potential jobs: perhaps they can
go and drive taxis, in the hope that we no
longer have to wait 45 minutes to get a
taxi at the Fiumicino airport!
Well done, Bersani, keep going in
the same way!
You never know, maybe someone
from the left may also liberalise the gaming sector that, ironically, a liberal government monopolised in favour of the State.
As I’ve been saying for some time, the
hole in the ozone layer is starting to play
tricks. I