scheda Stasera ho vinto anch`io.qxd

Commenti

Transcript

scheda Stasera ho vinto anch`io.qxd
GLI INTROVABILI
STASERA HO VINTO ANCH’IO
(The Set-Up)
Regia: Robert Wise
Interpreti principali: Robert Ryan, Audrey Totter, George Tobias, Alan
Baxter
Usa, 1949, b/n, 72’
G
irato in tempo reale nell’arco di una serata, il film narra l’ultimo
incontro di Bill “Stocker” Thompson, bravo boxeur a fine carriera
costretto a incrociare i guantoni in circuiti di second’ordine.
Obbligato da un manager senza scrupoli, a partecipare a sua insaputa ad un
incontro truccato nel quale dovrebbe finire al tappeto nel corso della seconda ripresa, Stocker, una volta venuto a conoscenza della combine, si ribella
decidendo di andare sino in fondo, vincendo alla fine l’incontro. Sarà l’ultimo della sua carriera: per vendetta e per punirlo dello sgarro, gli verrà massacrata irrimediabilmente la mano.
Il cinema ha da sempre posto un’attenzione particolare al mondo dello sport, soprattutto al pugilato, disciplina particolarmente “cinegenica” (basti ricordare capolavori quali Toro Scatenato di Martin Scorsese, Città
amara, di John Huston, Il colosso d’argilla, di Mark Robson).
Stasera ho vinto anch’io, interpretato da un ottimo attore qual è Robert Ryan (lo ricordiamo anche in Odio
implacabile, Lo sperone nudo, Giorno maledetto), è uno fra i migliori film del filone pugilistico; parabola
amara di un uomo obbligato ad affrontare una delle prove più difficili della sua vita. Stocker incarna la figura classica dell’antieroe, incapace di arrendersi alla vecchiaia e, soprattutto, incapace di rinunciare alla propria dignità di uomo di fronte ad altri uomini che vorrebbero soverchiarlo, usarlo, calpestarne la personalità.
Ma Stocker, a fronte di tanta miseria, avrà sempre un gesto, uno sguardo di amara tenerezza verso quei suoi
compagni, giovani pugili alle prime armi o vecchi boxeur sfiancati, sbattuti su un ring come vacche mandate al macello.
Al termine dell’incontro Stocker e la sua donna – la brava Audrey Totter – avranno vinto la loro partita più
difficile, quella contro l’annientamento morale e la sopraffazione dell’uomo sull’uomo.
Robert Wise
(1914)
Statunitense, assunto inizialmente come tecnico del suono e poi come montatore
presso la casa di produzione Rko. Collaborò con Orson Welles in Quarto potere
(1941) e ne L’orgoglio degli Amberson (1942). Si dedicò in seguito alla regia realizzando numerosi film appartenenti ai generi più disparati.
Tra le sue opere migliori, Stasera ho vinto anch’io (1949), premiato al festival di
Cannes e tratto, cosa molto anomala nel cinema, da un poema di Joseph Moncure
March, giornalista e scrittore degli anni Venti; Lassù qualcuno mi ama (1956), ispirato alla vita del pugile Rocky Marciano; West Side Story (1961), musical vincitore
di dieci Oscar, storia d’amore e di contrasti razziali nel West Side newyorkese.
Numerosi i polizieschi realizzati da Wise. Fra gli altri Perfido inganno (1947), La città prigioniera (1949)
e Strategia di una rapina (1959). Non disdegnò il western (La legge del capestro, 1956) e la fantascienza
(Ultimatum alla Terra, 1951, o la trasposizione cinematografica della saga televisiva di Star Trek, 1979).
Nonostante tutto questo Wise, fra i grandi del cinema hollywoodiano, è quello che gode di minor visibilità.
A torto, in quanto raramente un regista ha saputo contribuire così tanto e così bene alla definizione e all’evoluzione dei generi cinematografici.
FILMOGRAFIA ESSENZIALE
Il giardino delle streghe
(The Curse of the Cat People)
regia di Robert Wise e Gunther von Frisch
con Simone Simon, Ann Carter
Usa, b/n, 1944
La iena (L’uomo di mezzanotte)
(The Body Snatcher)
con: Boris Karloff, Bela Lugosi, Henri Daniell
Usa, b/n, 1945
Perfido inganno
(Born To Kill)
con: Claire Trevor, Lawrence Tierney
Usa, b/n, 1947
La collana insanguinata
(Mistery in Mexico)
con: William Lundigan, Jacqueline White
Usa, b/n, 1948
Sangue sulla luna
(Blood on the Moon)
con: Robert Mitchum, Robert Preston
Usa, b/n, 1948
Stasera ho vinto anch’io
(The Set-Up)
con: Robert Ryan, Audrey Totter
Usa, b/n, 1949
Due bandiere all’ovest
(Two Flags West)
con Joseph Cotte, Jeff Chandler, Linda Darnell
Usa, col., 1950
Ho paura di lui
(The House of Telegraph Hill)
con: Richard Basehart, Valentina Cortese
Usa, b/n, 1951
Ultimatum alla terra
(The Day the Earth Stood Still)
con: Michael Rennie, Patricia Neal
Usa, b/n, 1951
La città prigioniera
(Captive City)
con: John Forsythe, Joan Camden
Usa, b/n, 1952
Solo per te ho vissuto
(So Big)
con: Jane Wyman, Sterling Hayden
Usa, b/n, 1953
I topi del deserto
(The Desert Rats)
con: Richard Burton, James Mason, Robert Newton
Usa, b/n, 1953
La sete del potere
(Executive Suite)
con: William Holden, June Allyson Walter Pidgeon
Usa, b/n, 1954
La legge del capestro
(Tribute to a Bad Man)
con: James Cagney, Irene Papas, Don Dubbins
Usa, col., 1956
Lassù qualcuno mi ama
(Somebody Up There Like Me)
con: Paul Newman, Anna Maria Pierangeli
Usa, b/n., 1956
Non voglio morire
(I Want to Live!)
con: Susan Hayward, Simon Oackland
Usa, b/n, 1958
Strategia di una rapina
(Odds Against Tomorrow)
con: Harry Belafonte, Robert Ryan, Gloria Graham
Usa, b/n, 1959
West Side Story
Regia di Robert Wise, Jerome Robbins
con: Natalie Wood, Richard Beymer, Rita Moreno
Usa, col., 1961
Tutti insieme appassionatamente
(The Sound of Music)
con: Julie Andrews, Christopher Plummer
Usa, col., 1965
Quelli della “San Pablo”
(The Sand Pebbles)
con: Steve McQueen, Candice Bergen,
Richard Attenborough
Usa, col., 1966
Andromeda
(The Andromeda Strain)
con: Arthur Hill, David Wayne, James Olson
Usa, col., 1971
Hindemburg
(The Hindemburg)
con: Anne Bancroft, George C. Scott
Usa, col., 1975
Audrey Rose
con: Marsha Mason, Anthony Hopkins
Usa, col., 1977
Star Trek
(Star Trek - The Motion Picture)
con: William Shatner, Leonard Nimoy
Usa, col., 1979
Combat Dance - A colpi di musica
(Rooftops)
con: Jason Gedrick, Troy Beyer
Usa, col., 1989
Luci nel cuore
(A Storm in Summer)
con Peter Falk, Nastassjia Kinski
Usa, col., 2000