La Ferrari fa il prodigio In pole dopo tre anni

Commenti

Transcript

La Ferrari fa il prodigio In pole dopo tre anni
L’ECO DI BERGAMO
Sport Varie 55
DOMENICA 20 SETTEMBRE 2015
La Ferrari di Vettel impegnata sul meraviglioso circuito di Marina Bay, il quartiere «avveniristico» di Singapore FOTO ANSA
La Ferrari fa il prodigio
In pole dopo tre anni
Formula 1. A Singapore Vettel straccia tutti: oggi partirà in prima posizione
L’ultima volta nel 2012. Il tedesco: «Macchina fantastica». Bene Kimi, terzo
SINGAPORE
Nel caldo afoso di Singapore l’astronave Mercedes torna sulla terra, mentre decolla la
Ferrari. Sotto le luci del circuito
di Marina Bay, lento e tortuoso,
la Rossa si è presa la pole con
Sebastian Vettel (1’43”885). Un
appuntamento che mancavano
da tempo: il tedesco da quasi due
anni (novembre 2013 in Brasile),
la scuderia di Maranello addirittura da tre (Germania 2012).
Nell’era dell’ibrido, è la prima
volta che un motore non Mercedes precede tutti.
Della «minicrisi» Mercedes
ha approfittato anche la Red
Bull, mettendo Daniel Ricciardo
in prima fila dietro Vettel
(+0.543), mentre in seconda partiranno l’altro ferrarista Kimi
Raikkonen (staccato di 0.782
millesimi) e Daniil Kvyat (Red
Bull, +0.860).
Giustamente raggiante Vettel:
«So che è solo sabato e non si
assegnano punti, ma lasciatemi
godere questo momento. Era
tanto che aspettavamo questa
pole, non solo il team, ma anch’io. La macchina è stata fantastica ed è andata sempre migliorando. Sono sorpreso perché credevo di vedere le Mercedes più
avanti. La gara? Sarà lunga. Spero che riusciremo ad essere veloci come in prova: allora sì che
nQx4Xy1pd+Eub8V+I9Dt3xFv6mKhXbcHF7ecZtqzR9A=
La griglia di partenza
La gioia di Vettel dopo la fine delle qualifiche di Singapore: per il tedesco ferrarista miglior tempo FOTO ANSA
potrebbe essere un gran giorno.
Comunque non c’è motivo di
avere paura».
Vettel è stato sempre il più
veloce, superando la Q1 con le
soft. Come lui solo Raikkonen e
Ricciardo.
«Sono felice per il terzo posto
- ha commentato Kimi - conside-
1 Eradalgranpremio 1 Piccola «crisi»
diGermania
del2012
cheuna«Rossa»
non partiva davanti
LA STORIA IL RICEVITORE DEL RIMINI (BASEBALL)
Quando la fantasia supera la realtà
Spinelli positivo alla cannabis
omen
omen»
dicevano gli antichi. Il destino di una persona è già scritto nel suo nome.
Se al secolo ti chiami Giuseppe Spinelli, sei un fan della
«Maria Salvador» (non solo
come hit estiva del rapper J-
«N
rate le difficoltà avute oggi rispetto a ieri. Ho lottato tutto il
giorno con l’assetto della mia vettura, cercando di trovare grip e
il giusto bilanciamento».
Non vedere Lewis Hamilton
né Nico Rosberg ospiti della conferenza stampa Fia dedicata ai
migliori tre delle qualifiche è un
evento eccezionale. Il leader del
mondiale inseguiva l’ottava pole
consecutiva (per eguagliare il record di Ayrton Senna), che sarebbe stata anche la 24ª delle frecce
d’argento.
Invece, al termine della Q3 il
bilancio è deficitario: Hamilton,
quinto, ha incassato un distacco
di 1”415. Il compagno di scuderia
Rosberg, sesto in griglia, addirittura a + 1”530. Fine settimana fin
qui da dimenticare per la Mercedes, il primo dall’inizio della stagione, sempre zavorrata da ritardi inusuali. E se nelle libere era
sembrata pretattica, la pole ha
certificato che la difficoltà invece
è reale.
Difficoltà che Hamilton ha addebitato alle gomme: «Non hanno funzionato - il lapidario commento -. Per qualche motivo che
non sappiamo spiegarci le gomme non vanno. Vincere? Nella
situazione attuale non è possibile». In scia Rosberg: «Abbiamo
provato di tutto, ma la macchina
continuava a scivolare, senza
grip. In gara sarà difficile». «Una
Ferrari così non ce l’aspettavamo
- ha ammesso poi - Vettel ha fatto
davvero una grande qualifica».
Sia Hamilton che Rosberg sono
stati costretti a usare subito le
supersoft, facendo anche due
tentativi veloci nella Q2, ma senza risultati apprezzabili.
Ax) e, come giocatore professionista di baseball, sei soggetto ai
controlli antidoping questa locuzione sembra scritta apposta
per te.
«Spinelli positivo alla cannabis»: pare un gioco di parole, invece la notizia è rimbalzata qualche giorno fa sul web come un
pesce d’aprile fuori stagione.
Quella che sembrava una barzelletta, la classica bufala sguinzagliata sui social a caccia di qualche click, si è rivelata invece la
pura verità: come ha comunicato
il Coni, il 4 settembre Spinelli, di
ruolo interno del Rimini, è stato
infatti trovato positivo al controllo medico dopo gara 2 del
derby scudetto vinto dai roma-
1. Sebastian Vettel 1:43.885 Ferrari; 2. Daniel Ricciardo 1:44.428
Red Bull; 3. Kimi Raikkonen
1:44:667 Ferrari; 4. Daniil Kvyat
1:44.745 Red Bull; 5. Lewis Hamilton 1:45.300 Mercedes; 6. Nico Rosberg 1:45.415 Mercedes; 7.
Valtteri Bottas 1:45.676 Williams; 8. Max Verstappen
1:45.798 Toro Rosso; 9. Felipe
Massa 1:46.077 Williams; 10. Romain Grosjean 1:46.413 Lotus; 11.
Nico Hulkenberg 1:46.305 Force
India; 12. Fernando Alonso
1:46.328 McLaren; 13. Sergio Perez 1:46.385 Force India; 14. Carlos Sainz 1:46.894 Toro Rosso; 15.
Jenson Button 1:47.019 McLaren; 16. Felipe Nasr 1:46.965 Sauber; 17. Marcus Ericsson 1:47.088
Sauber; 18. Pastor Maldonado
1:47.323 Lotus; 19. Will Stevens
1:51.021 Manor; 20. Alexander
Rossi 1:51.523 Manor.
improvvisa
per le Mercedes:
Hamilton e
Rosberg solo 5° e 6°
La gara in tv
gnoli contro il favoritissimo Bologna, match valevole per l’assegnazione del titolo italiano di
categoria. Nella circostanza Spinelli non ha nemmeno imbracciato la mazza, restandosene in
panchina per tutta la durata della contesa.
Il che, probabilmente, è stato
un fattore determinante -viste
le sue condizioni- per l’affermazione dei suoi compagni; per una
volta il fuoricampo vincente potrebbe averlo giocato il coach di
Rimini. È chiaro che gli appassionati degli sport «minori»
(senza offesa!) vorrebbero vedere balzare agli onori della cronaca i loro beniamini per ben altre
gesta ma, come si suol dire, l’im-
portante è che se ne parli, anche
nel caso si tratti di situazioni
«fumose». Considerato com’è diventato -suo malgrado- popolare
lo sconosciuto Giuseppe (che in
Jamaica, guarda il destino, sarebbe Bob) possiamo solo immaginare che dimensioni avrebbe
potuto prendere la vicenda se il
protagonista del fattaccio fosse
stato l’asso argentino del Paris
Saint-Germain Di Maria...
«Nomen omen», sembra quasi una maledizione. Come quella
di Tutankhamon che colpì l’Atalanta nel celeberrimo 3-3 col Novara. Per i piemontesi doppietta
di? Felice Evacuo.
La gara - che a Singapore si corre
in orario notturno per via dei fusi
orari - oggi sarà trasmessa in diretta alle 14 da SkySportF1 e anche da Rai 1.
Block notes
TAMBURELLO COPPA ITALIA
CERESARA-CISERANO 11-13
CESESARA: Facchetti, Sala, Bertagna,
Vaccari, Pezzini, Vimbelli. Dt. Bresciani.
CISERANO: Ghezzi, D. Medici, Trionfini,
Testa, Gelpi, P. Medici, Ubiali. Dt.
Bianzina.
CAMBI:2-1,4-2,5-4,6-6,6-9,8-10,1011,11-13. Pari 40: 3-8. Durata 210’.
Il Ciserano archivia da imbattuto la
fase eliminatoria della Coppa Italia
della serie cadetta qualificandosi per le
semifinali. L’ultima vittoria l’ha conquistata ieri con il minimo scarto (13 a 11)
in casa del Ceresara. Le due squadre
hanno deliziando il pubblico con ottime
giocate. Ben undici sono stati i games
assegnati dopo il 40 pari. Il Ceresara è
rimasto in vantaggio nel parziale per
metà gara. Al termine del quarto
cambio campo il Ciserano l’ha raggiunto (6 pari) e poi pur senza mai dare
l’impressione di aver vita facile, ha
allungato il passo e chiuso la sfida.
SERIE C - Il Castelli Calepio disputerà le
semifinali del campionato nazionale di
serie C. La certezza l’ha acquisita ieri
davanti al suo pubblico vincendo
l’ultima gara delle fasi di qualificazione. Opposto al Bleggio con cui divideva
il primato del secondo girone, s’è
imposto per 13 a 6 pur commettendo
qualche errore. Molti di più ne ha però
infilati la compagine ospite nella parte
centrale della gara e questo è bastato ai
ragazzi di Rocco Belotti per fare la
differenza nel punteggio. Il tutto in
poco più di due ore e una gara modesta
per quanto riguarda lo spettacolo
offerto. (B.G.)
AMICHEVOLI DI RUGBY
IN CAMPO LE BERGAMASCHE DI C2
Week end di test ovali. La Rugby
Bergamo ha concluso ieri il suo miniritiro a Fino del Monte di due giorni. Oggi
in campo le squadre di serie C2. Alle 14
l’Orobic Brat è a Como per un quadrangolare amichevole contro Rugby Como,
Tradate e Valcuvia. Test impegnativo
per l’Elav Dalmine: alle 19 sfida a
Piacenza la seconda squadra dei Lyons.
BASKET COPPA LOMBARDIA
A2 DONNE, ALBINO A OMBRIANO È in
programma nel tardo pomeriggio (ore
18 PalaCremonesi via Pandino ad
Ombriano di Crema) il match d’esordio
della Fassi Gru Edelweiss Albino in
Coppa Lombardia, manifestazione che
vede impegnate le sei compagini di A2
della nostra regione. Le seriane, che
dovranno con ogni probabilità fare a
meno delle titolari Isacchi e Silva, alle
prese con problemi muscolari, incroceranno di nuovo le armi col Crema, già
affrontato sabato scorso nel Trofeo
Brixia. In quell’occasione le seriane
(Bedalov 13, Penna 11, Fumagalli 8)
furono battute 55-72 crollando nella
ripresa (31-34 al 20’). (Ger. Fo.)
WHEELCHAIR TENNIS
A MOROTTI IL DOPPIO NEL «CAMOZZI»
Buoni risultati degli atleti Sbs nel
Camozzi Open, torneo internazionale
di wheelchair tennis, tenutosi nello
scorso weekend a Brescia, sui campi
del Tennis club Forza e Costanza. Silvia
Morotti – insieme alla piemontese
Stefania Galletti – ottiene il titolo nel
doppio, anche se non riesce a confermare il successo ottenuto nel 2014 nel
singolo, uscendo in questo caso in
semifinale. Per la Special Bergamo
Sport, bene anche Anna Bertola,
Vanessa Ricci e Paolo Cancelli.
EQUITAZIONE
INIZIATO IL CITTÀ DI SERIATE Ultimo
scampolo di estate a cavallo con il
Trofeo equestre Summer Granger Tour
2015, organizzato dal Centro equitazione bergamasco in collaborazione
con Cascina Granger. La quinta edizione
del torneo di salto ostacoli è in corso in
questi giorni: tra ieri e oggi è in programma il primo round, con il Trofeo
Città di Seriate. La seconda tappa è il
Trofeo Città di Bergamo, in programma
il 3 e 4 ottobre. Il palcoscenico è a
Seriate, area Paderno, zona Granger,
dalle 8 alle 23, con ingresso libero.
Gabriele Pigolotti
©RIPRODUZIONE RISERVATA
Giuseppe Spinelli

Documenti analoghi

Porsche Tribute - Raid dell`Etna

Porsche Tribute - Raid dell`Etna successo con un ottimo «stint» con le gomme soft e poi anche con un sorpasso in pista (quello ai danni di Vettel) per riprendersi la leadership appena concessa per un po’. Segno che le Mercedes era...

Dettagli

Magazine 347_15_0

Magazine 347_15_0 Gran Premio d'Australia. Nelle 30 precedenti edizioni (comprese quelle disputate ad Adelaide) non era mai accaduto: o meglio, non ve n'è traccia nelle statistiche, visto che proprio l'alfiere Red B...

Dettagli