lauree specialistiche insegnamenti attivati per l`aa 2007/08

Commenti

Transcript

lauree specialistiche insegnamenti attivati per l`aa 2007/08
1
LAUREE SPECIALISTICHE
INSEGNAMENTI ATTIVATI PER L’A.A. 2007/08
Avvertenze
I programmi elencati in questa sezione della “Guida dello studente” si riferiscono agli insegnamenti e ai
moduli che sono presenti solo nei piani di studio dei Corsi di Laurea Specialistica. Per gli insegnamenti
comuni ai Corsi di Studio triennali si rimanda alla parte dedicata agli insegnamenti dei trienni..
2
INDICE
Antropologia filosofica............................................................................................................................... 6
Archeologia e storia dell’arte del vicino Oriente antico ............................................................................. 6
Archeologia e storia dell’arte greca e romana ............................................................................................ 6
Archeologia fenicio-punica ........................................................................................................................ 6
Bibliografia - Sistemi di recupero dell'informazione.................................................................................. 6
Biblioteca digitale....................................................................................................................................... 7
Bioetica....................................................................................................................................................... 7
Cultura e civiltà serba e croata ................................................................................................................... 7
Didattica del greco...................................................................................................................................... 7
Didattica dell’italiano ................................................................................................................................. 8
Didattica della storia antica ........................................................................................................................ 8
Didattica della scienza................................................................................................................................ 8
Didattica della storia contemporanea ......................................................................................................... 8
Didattica della storia medievale ................................................................................................................. 9
Documenti visivi per la ricerca storica contemporanea.............................................................................. 9
Dottrine politiche europee .......................................................................................................................... 9
Dottrine politiche europee .......................................................................................................................... 9
Economia politica..................................................................................................................................... 10
Epigrafia latina ......................................................................................................................................... 10
Ermeneutica filosofica.............................................................................................................................. 10
Estetica ..................................................................................................................................................... 10
Filologia classica ...................................................................................................................................... 10
Filologia e critica del testo musicale ........................................................................................................ 11
Filologia germanica.................................................................................................................................. 11
Filologia greca.......................................................................................................................................... 11
Filologia latina.......................................................................................................................................... 12
Filologia romanza..................................................................................................................................... 12
Filologia slava .......................................................................................................................................... 12
Filosofia del linguaggio............................................................................................................................ 12
Filosofia della cultura............................................................................................................................... 13
Filosofia della religione............................................................................................................................ 13
Filosofia della scienza .............................................................................................................................. 13
Filosofia della storia ................................................................................................................................. 14
Filosofia morale........................................................................................................................................ 14
Filosofia morale........................................................................................................................................ 14
Filosofia teoretica ..................................................................................................................................... 15
Fondamenti di scienza dell’informazione................................................................................................. 15
Geografia.................................................................................................................................................. 15
Geografia.................................................................................................................................................. 15
Gestione e organizzazione della impresa musicale................................................................................... 16
Gnoseologia.............................................................................................................................................. 16
Grammatica greca..................................................................................................................................... 16
Grammatica italiana ................................................................................................................................. 17
Grammatica latina .................................................................................................................................... 17
Il Cattolicesimo in età moderna e contemporanea.................................................................................... 17
Informatica applicata al giornalismo ........................................................................................................ 17
Informazione e politica in età contemporanea.......................................................................................... 18
Informazione e politica in età moderna .................................................................................................... 18
Istituzioni di lingua e letteratura latina ..................................................................................................... 18
3
Istituzioni di storia dell’arte...................................................................................................................... 18
Legislazione dei beni culturali.................................................................................................................. 19
La geografia dell’Emilia-Romagna .......................................................................................................... 19
Letteratura artistica................................................................................................................................... 19
Letteratura cristiana antica ....................................................................................................................... 19
Letteratura francese (per tutte le Lauree Specialistiche) .......................................................................... 20
Letteratura francese contemporanea......................................................................................................... 20
Letteratura e filologia del Rinascimento .................................................................................................. 20
Letteratura francese I................................................................................................................................ 21
Letteratura francese II .............................................................................................................................. 21
Letteratura greca....................................................................................................................................... 21
Letteratura inglese I.................................................................................................................................. 22
Letteratura inglese II ................................................................................................................................ 22
Letteratura ispano americana.................................................................................................................... 22
Letteratura italiana.................................................................................................................................... 22
Letteratura italiana.................................................................................................................................... 23
Letteratura italiana.................................................................................................................................... 23
Letteratura italiana contemporanea .......................................................................................................... 23
Letteratura italiana contemporanea e sistema editoriale........................................................................... 24
Letteratura latina....................................................................................................................................... 24
Letteratura latina....................................................................................................................................... 24
Letteratura latina medievale ..................................................................................................................... 24
Letteratura latina umanistica .................................................................................................................... 25
Letteratura per l’infanzia e l’adolescenza................................................................................................. 25
Letteratura portoghese I............................................................................................................................ 25
Letteratura portoghese II .......................................................................................................................... 26
Letteratura portoghese e brasiliana........................................................................................................... 26
Letteratura provenzale .............................................................................................................................. 26
Letteratura russa I..................................................................................................................................... 26
Letteratura russa II.................................................................................................................................... 27
Letteratura spagnola I ............................................................................................................................... 27
Letteratura spagnola II.............................................................................................................................. 27
Letteratura tedesca I ................................................................................................................................. 27
Letteratura tedesca II ................................................................................................................................ 28
Letteratura tedesca moderna e contemporanea......................................................................................... 28
Letterature comparate (modulo A) ........................................................................................................... 28
Lingua araba ............................................................................................................................................. 28
Lingua e letterature della Cina e dell’Asia sud orientale.......................................................................... 29
Lingua e traduzione- lingua francese I ..................................................................................................... 29
Lingua e traduzione – lingua francese II .................................................................................................. 29
Lingua e traduzione – lingua inglese I...................................................................................................... 29
Lingua e traduzione - lingua inglese II ..................................................................................................... 30
Lingua e traduzione - lingua portoghese I ................................................................................................ 30
Lingua e traduzione - lingua portoghese II............................................................................................... 30
Lingua e traduzione - lingua russa I ......................................................................................................... 31
Lingua e traduzione – lingua russa II ....................................................................................................... 31
Lingua e traduzione – lingua spagnola I e II ............................................................................................ 31
Lingua e traduzione - lingua tedesca I...................................................................................................... 31
Lingua e traduzione – lingua tedesca II.................................................................................................... 32
Linguaggio del giornalismo...................................................................................................................... 32
Lingua italiana scritta ............................................................................................................................... 33
Lingua latina............................................................................................................................................. 33
Lingue e letterature ispanoamericane ....................................................................................................... 33
4
Linguistica e filologia italiana .................................................................................................................. 33
Linguistica generale ................................................................................................................................. 34
Linguistica regionale ................................................................................................................................ 34
Logica....................................................................................................................................................... 34
Metodologia della ricerca storica in età moderna..................................................................................... 35
Metodologia della ricerca musicale.......................................................................................................... 35
Metodologia della ricerca archeologica.................................................................................................... 35
Metodologia e critica dello spettacolo...................................................................................................... 35
Metrica greca............................................................................................................................................ 36
Numismatica greca e romana ................................................................................................................... 36
Paleografia latina...................................................................................................................................... 36
Papirologia ............................................................................................................................................... 36
Pedagogia generale................................................................................................................................... 37
Politica economica ................................................................................................................................... 37
Psicologia delle comunicazioni sociali..................................................................................................... 37
Scienze dell’antichità e informatica ......................................................................................................... 38
Sociologia del diritto ................................................................................................................................ 38
Sociologia dei processi culturali e comunicativi ...................................................................................... 38
Sociologia della comunicazione ............................................................................................................... 38
Sociologia della globalizzazione: i processi comunicativi ....................................................................... 39
Sociologia generale .................................................................................................................................. 39
Specialità del giornalismo ........................................................................................................................ 39
Stilistica latina .......................................................................................................................................... 40
Storia contemporanea ............................................................................................................................... 40
Storia contemporanea ............................................................................................................................... 40
Storia contemporanea ............................................................................................................................... 41
Storia contemporanea ............................................................................................................................... 41
Storia del pensiero politico....................................................................................................................... 41
Storia dei movimenti e dei partiti politici ................................................................................................. 41
Storia del Risorgimento............................................................................................................................ 41
Storia del teatro classico........................................................................................................................... 42
Storia del teatro contemporaneo ............................................................................................................... 42
Storia del teatro e dello spettacolo............................................................................................................ 42
Storia dell’architettura .............................................................................................................................. 43
Storia dell’architettura e del design .......................................................................................................... 43
Storia dell’arte contemporanea................................................................................................................. 43
Storia dell’arte contemporanea................................................................................................................. 43
Storia dell’arte medievale......................................................................................................................... 43
Storia dell'arte moderna............................................................................................................................ 43
Storia dell’arte moderna ........................................................................................................................... 44
Storia dell’arte moderna ........................................................................................................................... 44
Storia della critica d’arte .......................................................................................................................... 44
Storia della critica letteraria...................................................................................................................... 44
Storia della cultura inglese ....................................................................................................................... 45
Storia della cultura materiale.................................................................................................................... 45
Storia della filosofia ................................................................................................................................. 45
Storia della filosofia antica....................................................................................................................... 45
Storia della filosofia contemporanea ........................................................................................................ 46
Storia della filosofia medievale ................................................................................................................ 46
Storia della filosofia moderna .................................................................................................................. 46
Storia della filosofia morale ..................................................................................................................... 46
Storia della filosofia politica .................................................................................................................... 47
Storia della fotografia ............................................................................................................................... 47
5
Storia della geografia e delle esplorazioni................................................................................................ 47
Storia della lingua greca ........................................................................................................................... 47
Storia della lingua italiana ........................................................................................................................ 48
Storia della lingua latina........................................................................................................................... 48
Storia della lingua spagnola...................................................................................................................... 48
Storia della lingua tedesca ........................................................................................................................ 48
Storia della logica..................................................................................................................................... 49
Storia della miniatura ............................................................................................................................... 49
Storia della pedagogia .............................................................................................................................. 49
Storia della produzione musicale.............................................................................................................. 49
Storia della scienza e della tecnica ........................................................................................................... 49
Storia della scuola e delle istituzioni educative........................................................................................ 50
Storia della stampa e dell’editoria ............................................................................................................ 50
Storia della storiografia antica.................................................................................................................. 50
Storia della teologia.................................................................................................................................. 50
Storia delle dottrine politiche ................................................................................................................... 51
Storia delle dottrine politiche ................................................................................................................... 51
Storia delle poetiche ................................................................................................................................. 51
Storia e critica del cinema ........................................................................................................................ 52
Storia e metodi della direzione artistico e musicale ................................................................................. 52
Storia e metodologia della programmazione musicale radiotelevisiva..................................................... 52
Storia e tecnica del restauro...................................................................................................................... 52
Storia economica e sociale del mondo antico........................................................................................... 53
Storia greca............................................................................................................................................... 53
Storia medievale ....................................................................................................................................... 53
Storia medievale ....................................................................................................................................... 54
Storia moderna ......................................................................................................................................... 54
Storia romana ........................................................................................................................................... 54
Teorie del linguaggio e della mente ......................................................................................................... 55
Teoria e storia dei generi letterari............................................................................................................. 55
Teoria e tecnica dei nuovi media.............................................................................................................. 55
Urbanistica antica ..................................................................................................................................... 56
6
Antropologia filosofica
Prof. Alessandra Greppi
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: L’immaginario antropologico del gioco
Modulo C. Si approfondisce la valenza ermeneutica della figura aporetica del gioco.
Tra gioco giocante e gioco giocato: Gadamer e Agamben.
Archeologia e storia dell’arte del vicino Oriente antico
Prof. Frances Pinnock
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
II semestre
Il corso si articola in un modulo da 5 crediti, nel corso del quale verrà analizzata nel dettaglio la struttura
amministrativa di due regioni del Vicino Oriente antico, al fine di individuare, da un lato i dettagli del
processo amministrato dal punto di vista dell’organizzazione del controllo territoriale e della burocrazia e,
dall’altro, i modi di espressione simbolica, visuale e scritta, dei medesimi processi.
Archeologia e storia dell’arte greca e romana
Prof. Sara Santoro
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del corso: Gallia Cisalpina, flos Italiae
Dopo un breve excursus sul concetto di archeologia delle province romane e di arte provinciale nella
storia degli studi, saranno esaminati gli aspetti dell’insediamento, della produzione artigianale ed artistica
della Gallia Cisalpina. La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso, che si articolerà in
lezioni frontali, seminari e ricerche guidate, visite a musei e aree archeologiche ed un viaggio di studio ad
Aquileia, Cividale, Zuglio, Trieste, Pola.
Archeologia fenicio-punica
Prof. Frances Pinnock
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
I semestre
Cfr. Archeologia e storia dell’arte del vicino Oriente antico (Prof. Frances Pinnock)
Argomento delle lezioni saranno la formazione della cultura della Siria nell’età del Ferro, la formazione
di colonie ed empori “fenici” sulle coste del Mediterraneo occidentale, le produzioni suntuarie, la
formazione e l’affermazione della cultura di Cartagine.
Il corso si articola nel modulo seguente: elementi di storia della Siria; l’architettura, l’arte e l’artigianato
della Siria pre-classica; il mondo fenicio; il mondo punico.
Bibliografia - Sistemi di recupero dell'informazione
Prof. Elisa GrignaniI
Dipartimento dei Beni culturali e dello Spettacolo
I semestre
7
Titolo del corso: Il processo di recupero dell'informazione.
Verranno esaminati diversi sistemi di recupero dell'informazione, con attenzione alla loro struttura
sottesa. Sono previste varie esercitazioni di ricerca ed almeno una presentazione orale da parte di ogni
studente. La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Biblioteca digitale
Prof. Anna Maria Tammaro
Dipartimento di Beni Culturali e dello Spettacolo
I semestre
Titolo del corso: Biblioteca digitale e didattica delle Scienze umane.
Lo scopo del corso è quello di introdurre i modelli attuali di biblioteca digitale, focalizzando l’impatto
nella didattica e nell’apprendimento delle Scienze umane.
Il corso sarà affiancato da seminari su applicazioni avanzate della biblioteca digitale.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Bioetica
Prof. Federica Gardini
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Obiettivi: sensibilizzazione ai problemi morali, filosofici e sociali insiti nella pratica medica e nella
politica sanitaria. Riflessione sulle tradizioni e le responsabilità dello sviluppo delle scienze mediche per
rilevare le criticità nella valutazione morale e filosofica dell’attuale avanzamento scientifico.tecnologico
in Medicina. Il metodo dell’approccio alle problematiche basato sui principi.
Cultura e civiltà serba e croata
Prof. Nicoletta Cabassi
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: Funzione comunicativa e funzione simbolica nella lingua serbo-croata
Descrizione: Il corso (5 CFU) prenderà avvio da un profilo storico-linguistico di Croati e Serbi; dalle
origini fino alla dissoluzione della ex-Yugoslavia. A questa seguirà l'anlisi del sistema grammaticale e
della formazione degli standards nazionali nell'area linguistica serbo-croata.
La bibliografia verrà indicata dal docente durante lo svolgimento del corso.
Cfr. Filologia slava (Prof. N. Cabassi)
Didattica del greco
Prof. Gabriele Burzacchini
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
I semestre
8
Cfr. Letteratura greca SP (5 CFU)
Programma specifico da concordare col docente.
Didattica dell’italiano
Prof. Marco Mezzadri
Dipartimento di Italianistica
Cfr. Didattica dell’italiano LT
Didattica della storia antica
Prof. Ugo Fantasia
Dipartimento di Storia
I semestre (seconda metà)
Titolo del corso: L’epigrafia e la storia dell’impero ateniese del V secolo a.C.
Il corso (5 CFU) si aprirà con alcune lezioni introduttive, di carattere propedeutico e metodologico, sulla
scrittura epigrafica greca, e proseguirà con lo studio, a impianto prevalentemente seminariale, di una serie
di documenti epigrafici che illustrano la storia della Lega delio-attica e dell’impero ateniese del V secolo
a.C., la sua organizzazione politica ed economica, l’ideologia imperiale e le relazioni fra Atene e le città
alleate/suddite.
Didattica della scienza
Prof. Andrea Sereni
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: "Su ciò che vi è": semantica e ontologia.
Il corso (5 CFU) sarà svolto in forma seminariale.
Saranno discussi alcuni testi che riguardano la nozione di impegno ontologico relativa a linguaggi e
teorie, con particolare riferimento al criterio di impegno ontologico individuato da W.V.O. Quine. Si
cercherà di capire la portata e i limiti del criterio quineano, la sua rilevanza e le possibili alternative
emerse nel dibattito recente. Si esamineranno i rapporti tra quel criterio e il cosiddetto argomento di
indispensabilità, particolarmente rilevante per il dibattito tra platonismo e nominalismo in filosofia della
matematica.
L’esame consisterà nella stesura e nella discussione di una tesina su un argomento concordato con il
docente. E’ richiesta inoltre la partecipazione attiva dello studente ai seminari.
Coloro che intendono seguire il corso e sostenere l’esame sono pregati di prendere contatto con il docente
([email protected]).
Didattica della storia contemporanea
Prof. Piergiovanni Genovesi
Dipartimento di Storia
I semestre
9
Titolo del corso: Utilità della storia.
Il corso approfondisce i caratteri, le problematiche ed i metodi dell’insegnare-storia alla luce dello stretto
nesso che tali questioni instaurano con le dinamiche del fare-storia.
Didattica della storia medievale
Prof. Roberto Greci
Dipartimento di Storia
II semestre
Cfr. Storia medievale (Prof. Roberto Greci)
Documenti visivi per la ricerca storica contemporanea
Prof. Giuseppe Papagno
Dipartimento di Storia
I semestre
Titolo del corso: La storia visibile.
Il corso sarà diviso in due parti. Nella prima si daranno le indicazioni generali e specifiche del problema
delle immagini e del loro uso. In tale parte vi sarà il concorso di esperti che illustreranno la loro
esperienza nel campo delle immagini come attività storico- culturale.
La seconda parte sarà dedicata a "laboratori", vale a dire sulla sperimentazione da parte degli studenti
sull'uso delle immagini in ambito storico-culturale. I testi saranno comunicati all'inizio delle lezioni.
Dottrine politiche europee
Prof. Matteo Truffelli
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
II semestre
Titolo del corso: Lessico della politica
Il corso si articola in due moduli così suddivisi:
Modulo A (5 crediti): sarà dedicato alle principali teorie elaborate nell’ambito del pensiero politico
occidentale, con particolare attenzione ai temi legati alla riflessione sulla libertà di pensiero, di parola e di
stampa. Oggetto di studio saranno pertanto i concetti di libertà, opinione pubblica, tolleranza,
eguaglianza, nella loro evoluzione storica.
Modulo B (5 crediti) approfondimento delle principali teorie del pensiero politico europeo, con
particolare attenzione agli assi portanti della politica Otto e Novecentesca. Si prenderanno perciò in
esame i concetti di democrazia, rappresentanza, nazione, ideologia, rivoluzione, antipolitica.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso
Dottrine politiche europee
Prof. Matteo Truffelli
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
Corso di Studio in “Arti Letterarie e Musicali dal Medioevo all’Età contemporanea”
II semestre
10
Titolo del corso: Elementi di dottrine politiche
Il corso prenderà in considerazione i concetti fondamentali e le principali tradizioni del pensiero politico
occidentale, analizzandone genesi ed evoluzione in rapporto alle diverse fasi politiche ed istituzionali
della storia continentale. La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso
Economia politica
Prof. Renata Livraghi
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
I semestre
Cfr. Politica economica (Prof. R. Livraghi)
Epigrafia latina
Prof. Nicola Criniti
Dipartimento di Storia
I semestre
Cfr. Storia Romana (Prof. Nicola Criniti).
Ermeneutica filosofica
Prof. Chiara Cotifava
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: la teoria del comprendere di Hans Georg Gadamer
Il corso intende offrire una lettura della seconda parte di Verità e metodo (1960).
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Estetica
Prof. Rita Messori
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: La flânerie e l’esperienza dell’apparire.
La flânerie, così come è stata delineata da Benjamin nel Passagenwerk, costituisce una modalità di
attraversamento dello spazio la cui unica meta è quella di guardarsi intorno. Il corso si propone di
indagare tale forma del camminare quale esperienza estetica dell’apparire delle cose.
Filologia classica
Prof. Massimo Magnani
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
II semestre
11
Cfr. Filologia greca (5 CFU)
Programma specifico da concordare col docente.
Filologia e critica del testo musicale
Prof. Francesco Luisi
Dipartimento di Filologia classica e medievale
II semestre
Titolo del corso: Edizione e critica del testo musicale
Il corso si occuperà dell’edizione critica di un testo musicale, riscontrata sulle fonti concordanti e
finalizzata alla corretta interpretazione esecutiva. In modo particolare verranno discusse le circostanze
attraverso le quali il testo critico raggiunge una definizione plausibile sul piano storico ed esegetico, e
verranno indagate le problematiche connesse ad una corretta prassi esecutiva.
Filologia germanica
Prof. Alfonso Margani
Dipartimento di lingue
I e II semestre
Titolo del corso:Il gotico e le altre lingue germaniche
Il corso è suddiviso in due moduli, A e B (5 crediti ciascuno).
Il modulo A è di tipo istituzionale: definizione della disciplina; il germanico nell’ambito delle lingue
indoeuropee; l’apofonia e le sette classi dei verbi forti; la seconda mutazione consonantica dell’alto
tedesco antico.
Il modulo B è di topo prevalentemente monografico e comprende:i principali mutamenti dal germanico
alle singole lingue germaniche antiche di tutti e tre i raggruppamenti.
L’analisi linguistica di alcuni versi della traduzione gotica del Vangelo di S.Luca (VI,1 sgg.)
Nonché se sarà possibile alcuni brani dello Heliand. La bibliografia verrà fornita nel corso delle lezioni.
Filologia greca
Prof. Massimo Magnani
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
II semestre
Titolo del corso: Omero ad Alessandria. L’attività erudita ellenistica e la tradizione manoscritta dei
poemi omerici.
Il corso monografico tenterà di fornire un panorama il più possibile chiaro e completo delle prospettive
critiche dell’omeristica odierna, con particolare riferimento alle vicende dei poemi omerici in età
alessandrina. Il libro XXII dell’Iliade sarà specimen privilegiato a illustrazione dei problemi più
importanti di esegesi ed ecdotica omerica.
Una bibliografia dettagliata sarà fornita durante il corso.
Il corso (5 cfu) si articola nel solo modulo SP ed è opzionabile per il corso di studio triennale in Civiltà
letterarie e storia delle civiltà.
12
Filologia latina
Prof. Alessandra Minarini
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
I semestre (5 crediti)
Parodia e paratragedia nella palliata latina..
Paradigmi tragici si danno volentieri all’interno della commedia latina, specialmente in Plauto, a partire
dalla famosa e programmatica definizione dell’Amphitruo quale tragicommedia fino ai numerosi
spunti di paratragedia e parodia, volti spesso ad amplificare l’effetto comico. Il corso prenderà in esame i
casi più famosi e significativi.
Il corso prevede approfondimenti di storia della filologia e critica del testo, con seminari specifici e
l’eventuale elaborazione di una ricerca individuale.
E’ prevista la conoscenza di un manuale.
Bibliografia e testi saranno indicati durante il corso.
Filologia romanza
Prof. Gabriella Ronchi
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: Il mito di Tristano nelle letterature europee.
Il corso tratterà delle principali opere medievali, nelle diverse letterature europee, legate al
mitotristaniano, con lettura e analisi dei testi.
Filologia slava
Prof. Nicoletta Cabassi
Dipartimento di Lingue e Letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: Slavo ecclesiastico e antico russo. Problemi di bilinguismo e di diglossia.
Descrizione: il corso (5CFU) intende fornire un quadro sulle varie ipotesi circa la formazione dell’antica
lingua letteraria russa e sul rapporto slavo-ecclesiastico - russo. La situazione linguistica dell’antica Rus’
verrà affrontata in termini di interazione dinamica e di coesistenza di due sistemi linguistici che si
integravano a vicenda. La parte strettamente filologica sarà dedicata alla lettura e commento linguisticofilologico di passi tratti sia da alcuni codici del corpus paleoslavo che dalle primissime testimonianze
della letteratura dell’antica Rus’. Il materiale per le esercitazioni pratiche viene fornito durante il modulo.
Filosofia del linguaggio
Prof. Marco Santambrogio
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Proposizioni
13
Il corso sarà svolto in forma seminariale, in collaborazione con l'insegnamento di
Teorie del Linguaggio e della Mente (Prof. Andrea Bianchi). Saranno discussi alcuni testi che mettono a
fuoco una questione centrale per la filosofia del linguaggio contemporanea, quella dell’esistenza e della
natura delle proposizioni. In particolare, si cercherà di capire se esistano ragioni decisive per assumere
l’esistenza di enti come le proposizioni, attraverso un esame approfondito dei ruoli teorici (oggetto degli
atteggiamenti proposizionali, significato dei proferimenti, valore semantico delle cosiddette thatclauses) che a esse sono solitamente attribuiti.
L’esame consisterà nella stesura e nella discussione di una tesina su un argomento concordato con il
docente. E’ richiesta inoltre la partecipazione attiva dello studente ai seminari.
Coloro che intendono seguire il corso e sostenere l’esame sono pregati di prendere contatto con il docente
([email protected]).
Filosofia della cultura
Prof. Faustino Fabbianelli
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: Libertà e necessità nella Fenomenologia dello spirito di Hegel
Il corso intende approfondire l’idea hegeliana di fenomenologia come «scienza dell’esperienza della
coscienza» a partire dai concetti di «libertà» e «necessità».
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Modulo C: analisi delle seguenti forme del sapere: Lo Spirito, La Religione, Il sapere assoluto.
Filosofia della religione
Prof. Fabio Rossi
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: Lévinas e la “sofferenza inutile”.
Lo scopo del corso è duplice: da una parte quello di analizzare il saggio, La sofferenza inutile (1982),
che può essere considerato la summa delle riflessioni di Lévinas sul tema della sofferenza; dall’altra
quella di valutare l’originalità della riflessione levinassiana sulla “sofferenza inutile” confrontandola con
quelle, note e meno note, prospettate su questo stesso tema da altri autori.
Filosofia della scienza
Prof. Gisèle Fischer
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: Modellare la mente o Come essere ottimisti sul futuro dell’Intelligenza Artificiale.
La ricerca contemporanea mira a scoprire una teoria universale, una “teoria del tutto”, che spieghi in
forma semplice ed elegante ogni aspetto del mondo e del cosmo di cui fa parte. Analogamente molti
filosofi si propongono di scoprire una spiegazione semplice e compatta di come facciamo a sapere ciò che
accade nel nostro corpo, nella nostra mente e nel mondo esterno. Il corso svilupperà l’idea che la mente,
al contrario, è descrivibile mediante una combinazione di teorie non unificate,
ciascuna delle quali è calibrata su un tipo di attività.
14
Modulo B (5 crediti) – attività mentali spiegate mediante reti neurali, concetti liquidi e mini agenti
(Churchland, Hofstaster, Minsky): molte cause ciascuna delle quali con pochi effetti.
Modulo C – Quale futuro per l’Intelligenza Artificiale? (Kurzweil): speculazioni sul rapporto tra caos e
ordine.
(Per la laurea specialistica sono richiesti i moduli B e C)
Filosofia della storia
Prof. Ferruccio Andolfi
Dipartimento di Filosofia
II Semestre
L’individualismo di Nietzsche in alcuni dei suoi primi interpreti: Simmel, Toennies, Lou Salomé
Già negli anni ’90 dell’Ottocento Nietzsche viene considerato un maestro di pensiero che ha sottoposto le
tradizioni a una critica severa in nome dello «spirito libero» e di nuove tavole di valori. Il suo contributo
alla elaborazione di una morale ‘individualistica’ è diversamente valutato. Alcuni (come Simmel) vedono
in essa una forma molto particolare di evoluzionismo che fa dipendere l’incremento di valore
dell’umanità dalle qualità e dalle azioni dei suoi individui «eccellenti» , altri – è il caso di Toennies –
segnalano la pericolosità di questa posizione, altri ancora, come Lou Salomé, ritrovano il senso (ma anche
i limiti) della proposta teorica di Nietzsche nella tormentata vicenda spirituale del pensatore, diviso tra
umiliazione di sé e autoglorificazione. Il programma d’esame sarà reso noto in aprile. Gli studenti della
laurea specialistica sono pregati di contattare il docente all’inizio dei corsi (in febbraio)
Filosofia morale
Prof. Mara Meletti
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: Corpo proprio e intersoggettività: sentire l’altro e pensare l’altro.
Il corso approfondirà la lezione fenomenologia intorno alle valenze cognitive ed etiche della corporeità
nello scambio di esperienze tra soggetti, seguendo le indicazioni di Husserl, Scheler, Merleau-Ponty.
Filosofia morale
Prof. Fabio Rossi
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Il tema della menzogna in Vladimir Jankélévitch
«È dunque venuto proprio il momento di dirlo chiaro: ci sono dei furfanti in mezzo a noi e questo non ci
fa onore. Ciascuno ha i mentitori che si è meritato e che gli rinviano fedelmente la sua immagine, così
come allo spettatore poco esigente gli spettacoli mediocri rinviano fedelmente l’immagine della sua
volgarità e del suo cattivo gusto» (V. JANKÉLÉVITCH, Du mensonge, in ID., Philosophie morale,
Flammarion, Paris 1998, p. 239 [tr. it.: La menzogna e il malinteso, Raffaello Cortina Editore, Milano
2000, p. 45]). Pubblicata nel 1942, l’opera Du mensonge conserva ancora oggi una straordinaria attualità.
Lo scopo del corso è quello di analizzarne i contenuti fondamentali.
15
Filosofia teoretica
Prof. Wolfgang Huemer
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Universali: alle origini del problema
Si leggeranno il Parmenide di Platone e il libro 3 della Metafisica cercando di cogliere alcuni aspetti
legati all’ontologia della sostanza. Il corso avrà in parte natura seminariale e le lezioni saranno comuni
all’insegnamento di storia della logica.
1) B. Maioli, Gli universali: alle origini del problema, Bulzoni, Roma 1973
2) B. Maioli, Gli universali: storia-antologica del problema da Socrate al 12. secolo, Bulzoni, Roma 1974.
Fondamenti di scienza dell’informazione
Prof. Alberto Salarelli
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
II semestre
Oggetto della disciplina e suo sviluppo storico tra teoria e prassi. Scienza dell’informazione e
biblioteconomia. I sistemi informativi. Il Codice dell’amministrazione digitale.
Geografia
Prof. Giovanni Ridolfi
Dipartimento di Scienze Ambientali
I semestre
Titolo del corso: Geografia e rischi ambientali
Le catastrofi naturali comportano ogni anno ingenti costi sociali per i popoli del pianeta; il problema è
molto grave sia per i Paesi economicamente forti sia per quelli arretrati, che sopportano un elevatissimo
numero di perdite di vite umane e che vedono frequentemente compromesse le loro già ridotte possibilità
di sviluppo.
La valutazione dei rischi ambientali ai fini di una loro mitigazione è quindi fondamentale per qualsiasi
programma razionale di pianificazione del territorio. In questo campo la geografia può fornire un
validissimo contributo scientifico, essendo una disciplina che ha come obiettivo primario lo studio delle
interazioni fra aspetti naturali ed antropici di una regione. La bibliografia verrà indicata durante lo
svolgimento del corso.
Geografia
Prof. Luisa Rossi
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
II semestre
Titolo del corso: Paesaggio e valorizzane del patrimonio storico-culturale
16
Il corso dà centralità al tema del paesaggio, una delle categorie geografiche più
importanti e discusse nel campo delle scienze umane: dalla geografia all’urbanistica, dalla storia all’
archeologia, dalla storia dell’arte alla storia della letteratura.
La parte finale del corso sarà dedicata alle applicazioni della geografia in vari campi della progettazione
culturale.
Gestione e organizzazione della impresa musicale
Prof. Alessandro Gilleri
Dipartimento di Filologia classica e medievale
Sezione Musicologia
II semestre
Programma del Corso : Il corso si propone di fornire gli strumenti base per la comprensione delle
problematiche della gestione funzionale aziendale,con particolare riguardo alle aziende dello spettacolo
musicale.
Gli argomenti trattati sono:
- le configurazioni organizzative della aziende dello spettacolo;
- ciclo di vita dell’impresa dello spettacolo;
- differenziazione delle imprese e specificità dei vari settori;
- politiche funzionali ed istituzionali;
- il sistema competitivo;
- il controllo;
- la formulazione delle strategie;
- la gestione delle risorse umane;
- la comunicazione organizzativa;
- la misurazione delle performance aziendali;
- formazione in azienda;
- i Teatri lirici.
- Organizzazione degli spettacoli in distribuzione
- Esercitazioni attività di management musicale
Gnoseologia
Prof. F. D’Agostini
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Il corso di Gnoseologia per gli studenti della laurea specialistica sarà destinato alla riflessione sulla
problematica metafisica nel suo complesso, attraverso la lettura e discussione di passi scelti da autori
contemporanei.
Grammatica greca
Prof. Anika Nicolosi
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
II semestre
Titolo del corso: L’episodio del Ciclope nel IX canto dell’Odissea.
Parte istituzionale: approfondimento dello studio del greco universitario; istituzioni di grammatica storica,
lingua e dialettologia greca; letture domestiche di testi scelti; una lettura critica a scelta.
Parte monografica: lettura e commento con analisi filologico-letteraria, linguistica e
stilistica del IX canto dell’Odissea.
Le indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso.
17
Grammatica italiana
Prof. Marco Mezzadri
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: Acquisizione e didattica dell’italiano come L2.
Modulo SP (5 crediti): dopo una prima parte dedicata ai meccanismi che sottendono l’acquisizione
linguistica, il corso affronterà gli aspetti relativi alle applicazioni glottodidattiche nell’ambito dell’italiano
come L2. L’enfasi sarà posta principalmente sulla creazione e sulla didattizzazione di materiali a scrittura
controllata.
Grammatica latina
Prof. Giuseppina Allegri
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
II Semestre
Titolo del corso: Lingua e stile di Sallustio
Attraverso una lettura antologica dell’opera sallustiana il corso intende mettere in evidenza la novità dello
stile storico determinato dalla scelta dell’impianto monografico. Saranno analizzati i modelli e la fortuna
dello stile di Sallustio
I testi e la bibliografia saranno indicati durante le lezioni.
Gli studenti dovranno svolgere una ricerca di livello scientifico da concordare con il docente.
Il Cattolicesimo in età moderna e contemporanea
Prof. Gigliola Fragnito
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del corso: Interpretazioni della Riforma protestante in Italia tra Cinquecento e Novecento.
Il corso di 5 crediti si articolerà in una prima parte generale in cui verranno criticamente delineate le
principali linee interpretative del problema; e in una seconda parte, di carattere seminariale, dedicata a
specifiche letture sull’argomento.
La bibliografia verrà indicata all’inizio del corso.
Informatica applicata al giornalismo
Prof. Lelio Alfonso
Dipartimento di Italianistica
II semestre
18
Il corso si articola in una serie di lezioni teoriche e di esercitazioni pratiche con
supporti informatici. Scopi del corso sono la conoscenza e lo studio delle tecnologie informatiche
applicate al giornalismo nonché le evoluzioni professionali e sociali dei mezzi di comunicazione di massa
e il loro utilizzo. Agli studenti – per i quali è vivamente consigliata la frequenza – verranno richieste
prove pratiche di tecnologia editoriale durante il corso, con la realizzazione di un proprio blog e
l’implementazione condivisa. L’analisi dei giornali online, i confronti con le esperirne straniere e le
nuove frontiere dell’informatica anche al di là di internet completeranno il percorso formativo, al termine
del quale gli studenti affronteranno la prova d’esame orale.
Informazione e politica in età contemporanea
Prof. Giorgio Vecchio
Dipartimento di Storia
II semestre
Cfr. Storia contemporanea (Prof. Vecchio)
Informazione e politica in età moderna
Prof. Elena Bonora
Dipartimento di Storia
I semestre
Titolo del corso: Lotta politica e conflitti religiosi ai vertici della Chiesa nella prima età moderna
Modulo C (5 crediti): il corso con andamento seminariale riguarda i rapporti tra assolutismo pontificio e
Inquisizione in età moderna.
Istituzioni di lingua e letteratura latina
Prof. Stefania Voce
Dipartimento di Filologia classica e medievale
I e II Semestre
Il corso si articola in due fasi distinte: 1) laboratorio di traduzione: sono previste prove di traduzione su
passi scelti di autori latini, con analisi morfosintattiche, fonetiche, prosodiche e metriche laddove il testo
lo richieda. Il corso prepara alla prova scritta di latino e presupposto essenziale è la conoscenza di base
della lingua latina; 2) introduzione alla Letteratura latina: verranno presi in esame i diversi generi
letterari, analizzate le peculiarità, le caratteristiche e i vari esponenti di ciascun genere.
Il corso è destinato agli studenti che si iscrivono alle Lauree specialistiche in cui è presente l’esame
curricolare di Letteratura latina, pur provenendo da corsi di laurea in cui non è previsto l’accertamento
delle competenze di lingua latina (Letteratura latina 5CFU) e/o Letteratura latina. Allo stesso corso sono
invitati ad accedere anche gli studenti delle lauree triennali che intendano completare la preparazione di
latino, considerata come prerequisito dell’esame di Letteratura latina 10 CFU.
Istituzioni di storia dell’arte
Prof. Arturo Carlo Quintavalle
Dipartimento di Beni culturali e dello spettacolo
I semestre
Cfr. Storia dell’arte medievale (Arturo Carlo Quintavalle)
19
Legislazione dei beni culturali
Prof. Paola Torretta
Dipartimento di Beni culturali e dello spettacolo
II semestre
Titolo del corso: Legislazione dei beni culturali.
Il modulo C (5 crediti) intende fornire agli studenti un'adeguata conoscenza del diritto dei beni culturali e
del paesaggio nell’ambito di una prospettiva sovranazionale e comparata. A tale scopo, il regime
giuridico dei beni culturali previsto dall’ordinamento italiano sarà esaminato alla luce della tutela
internazionale dei beni culturali, della normativa comunitaria e di alcuni modelli giuridici nazionali.
Testo consigliato:
D. AMIRANTE, V. DE FALCO (a cura di), Tutela e valorizzazione dei beni culturali. Aspetti
sovranazionali e comparati, Torino, Giappichelli, 2005 (Cap. I, II, IV).
La geografia dell’Emilia-Romagna
Prof. Davide Papotti
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
II semestre
Titolo del corso: La regione emiliano-romagnola: struttura, evoluzione, prospettive di sviluppo nell’età
della globalizzazione
Il corso illustrerà le caratteristiche e le specificità della regione emiliano-romagnola attraverso gli
strumenti d’indagine della geografia regionale. L’Emilia-Romagna nasce come accorpamento di più
entità statali pre-unitarie, includendo territori di differente tradizione insediativa ed economica. Nel
secondo dopoguerra essa si caratterizza come un modello di gestione amministrativa e di coesione
politica, consolidando una struttura economica diffusa che la renderà protagonista di quella che Bagnasco
ha definito la “terza Italia”. Oggi la regione è chiamata a rinnovati sforzi di pianificazione e di gestione
legati a processi di riconversione economica e a contesti di accresciuta competizione.
Letteratura artistica
Prof. Arturo Carlo Ottaviano Quintavalle
Dipartimento dei Beni culturali e dello Spettacolo
Cfr. Storia della miniatura (Prof. A.C. Quintavalle)
Letteratura cristiana antica
Prof. Giovanni Torti
Dipartimento di Filologia classica e medievale
II semestre
Titolo del corso: Figure minori della polemica antiariana in Occidente.
Il corso verterà in particolare sul trattato De fide di Gregorio di Elvira.
20
Letteratura francese (per tutte le Lauree Specialistiche)
Prof. Françoise Fiquet
Dipartimento di Lingue e Letterature straniere
I semestre
Titolo del corso: Il racconto d’infanzia in Giono e Yourcenar
A un certo momento della loro vita molti scrittori sentono il bisogno di ripensare al loro passato e di
parlare della loro infanzia. Il programma intende mostrare, partendo da due racconti d’infanzia del
Novecento: Jean le Bleu (1932) di Jean e Quoi? L’Éternité (1988) di Margherite Yourcenar che, per
quanto profonda sia la volontà di adesione alla realtà e di totale sincerità dell’autore, il racconto
d’infanzia non può che essere una ricostruzione e che, nella scrittura autobiografica, realtà e
immaginazione finiscono col fondersi…Il corso si soffermerà su quegli elementi (in particolare le
fotografie e i quadri) che, uniti alle sensazioni (odori e saperi), suscitano la rimemorazione e alimentano
la fantasia dello scrittore.
Le lezioni saranno svolte in italiano.
Letteratura francese contemporanea
Prof. Alba Pessini
Dipartimento di Lingue e Letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: Scrivere e viaggiare o letteratura di viaggio: Nicolas Bouvier (1929-1998)
Il corso si propone, attraverso la lettura di L’Usage du monde (1963) dello scrittore svizzero Nicolas
Bouvier, di riflettere sul genere della letteratura di viaggio. Il corso si dividerà in due parti, una parte
introduttiva in cui si illustrerà il genere nella sua nascita e nel suo sviluppo. Una seconda parte si
concentrerà sulla figura di Nicolas Bouvier e sul suo primo romanzo che esce dagli stretti confini del
genere per diventare letteratura tout court.
Il corso è rivolto agli studenti di lingue e agli studenti di altri corsi di studi e corrisponde a 5cfu.
Letteratura e filologia del Rinascimento
Prof. Giovanna Rabitti
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: Le rime di Torquato Tasso
Il modulo prende in esame più approfonditamente la storia, complessa e per molti versi paradigmatica,
della produzione lirica di Torquato Tasso, soffermandosi soprattutto sull’aspetto filologico della
questione. Verranno pertanto illustrate e discusse le varie proposte di edizione critica. A tal fine saranno
più dettagliatamente illustrate le problematiche tecniche inerenti alle varianti d’autore e alla filologia dei
testi a stampa.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso, all’inizio del modulo.
Gli studenti potranno concordare con la docente, se lo desiderano, una piccola ricerca personale sulle
rime tassiane.
21
Letteratura francese I
Prof. Françoise Fiquet
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: Il mito di Elettra nell’opera di Margherite Yourcenar.
Il corso è articolato in 2 moduli, così suddivisi:
Modulo A (5 cfu): Dalla Chanson de Roland al Barocco.
Il modulo A ha l’obiettivo di dare un quadro della letteratura francese dal Medioevo alla fine del
Cinquecento, con particolare riferimento al romanzo, indicando le linee generali riconoscibili nelle scelte
degli scrittori e approfondendo i caratteri e le operre di alcuni romanzieri considerati tra i maggiori del
periodo preso in esame. Il manuale consigliato è Méridiennes a cura di Mario Richter e Alberto Capatti
(Padova, Cleup).
Modulo B (5 cfu): Yourcenar e il mito di Elettra.
I tre drammi di Margherite Yourcenar ispirati al mito greco – Le Mystère d’Alceste, Électre ou la Chute
des masques e Qui n’a pass on Minotaure? - sono stati scritti in gran partedurante la Seconda Guerra
mondiale. Come Gide, Cocteau e Giraudoux, Margherite Yourcenar ha cercato nell’universalità del mito
una risposta alle angosce del mondo moderno e, negli anni più bui del conflitto, i miti le sono apparsi
come una delle poche vie percorribili per sfuggire al mutismo e ritrovare la fiducia nei confronti
dell’uomo. Il corso si soffermerà in particolare sulla rivisitazione del mito di Elettra in “Clytemnestre ou
le crime” (Feux 1936, L’imaginaire 1974) e Electre ou la Chute des Masques (1943; ora in Théatre II,
Gallimard, 1971). Il corso si prefigge di evidenziare come, prendendo lo spunto dalla sanguinosa
leggenda degli Atridi, la scrittrice abbia messo in scena soprattutto un conflitto generazionale, riflettendo
sul modo in cui l’umiliazione condiziona la giustizia e la trasforma in vendetta.
Letteratura francese II
Prof. Alba Pessini
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: La Letteratura haitiana di lingua francese
Il corso si propone di individuare le grandi tappe della nascita e dell’affermarsi della letteratura haitiana
(letteratura coloniale, indigénisme, littérature di dedans et du dehors) dall’indipendenza (1804) ai gironi
nostri. Saranno analizzati brani tratti dagli autori più significativi di questi periodi.
La bibliografia verrà fornita all’inizio del corso.
Letteratura greca
Prof. Gabriele Burzacchini
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
I semestre
Titolo del corso: Gli Epodi di Strasburgo: analisi filologico-letteraria.
Parte istituzionale: letture domestiche di testi concordati col docente; una lettura critica a scelta.
AVVERTENZA – Indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso.
22
Letteratura inglese I
Prof. Laura Bandiera
Dipartimento di Lingue
II semestre
Titolo del corso: ‘The Cenci di P. B. Shelley e il teatro romantico’
Il corso affronta la lettura della tragedia di soggetto italiano del poeta romantico P. B. Shelley,
esplorandone i molteplici contesti: il pensiero estetico di Shelley e la sua ideologia politica, la produzione
del poeta nel suo complesso e la coeva produzione letteraria di matrice radicale. Ma, soprattutto, il corso
si propone di situare The Cenci nell’ambito del teatro romantico inglese, una realtà storica a lungo
disattesa e, oggigiorno, oggetto di un’intensa attività di ricerca e motivate rivalutazioni.
Letteratura inglese II
Prof. Diego Saglia
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: Writing/Staging the Contemporary: British Literature 1956-2000
Il corso, in lingua inglese, si propone di esaminare alcuni tra i temi, le opere ed i protagonisti di maggior
rilevanza nella stagione delle lettere britanniche più recente e, per tanti aspetti, fortemente innovativa.
Soffermandosi sulla produzione letteraria e le trasformazioni culturali dalla metà degli anni Cinquanta
fino alla fine del secolo, si vuole, in particolare, mettere a fuoco come la letteratura della Gran Bretagna
odierna tenda specialmente all’osservazione ed alla rappresentazione di una realtà socio-culturale in
rapido cambiamento, nonché allo sviluppo di nuove tecniche di rappresentazione e di messa in scena del
reale. In questo contesto saranno analizzati alcune tra le opere più significative di questa produzione sia
nel romanzo che nella drammaturgia “post-1956”. Materiali e riferimenti bibliografici saranno forniti
durante il corso.
Letteratura ispano americana
Prof. Giorgia Delvecchio
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Cfr. Lingue e letterature ispanoamericane (Prof. Del vecchio)
Letteratura italiana
Prof. Annamaria Cavalli
Dipartimento di Italianistica
II semestre - inizio lezioni : 28 aprile 2008
Titolo del corso: Saggistica critica e reportage di viaggio
Il corso, dopo aver affrontato la trattazione della saggistica come genere letterario, con particolare
riguardo alle sue varie tipologie e forme comunicative, tratterà del reportage di viaggio, con riferimento a
testi e autori del Novecento
La bibliografia sarà indicata all’inizio del corso e sarà comunque visibile nel sito del Dpt. di Italianistica e
nella bacheca della docente a partire da settembre.
23
Il programma sarà integrato dalla stesura di un saggio critico o di una recensione di
circa 3 cartelle di 2000 battute.
I possibili argomenti, ai quali lo studente assegnerà un proprio titolo, saranno concordati con la docente
del corso
Gli elaborati dovranno essere consegnati almeno 15 giorni prima dell’esame orale, durante il quale si
procederà alla loro discussione e valutazione.
Letteratura italiana
Prof. Francesca Fedi
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: La seduzione dell’antico: paradigmi della classicità nella letteratura italiana del
Settecento.
Modulo 5: specialistico (5 crediti) – Oggetto del corso saranno le principali linee di svolgimento del
dibattito settecentesco sull’antico e sul concetto stesso di ‘classicità’, assunto non solo nelle arti
figurative, ma anche in letteratura come punto di riferimento per il giudizio estetico. L’attività di
laboratorio, incentrata sull’analisi testuale, sarà rivolta a mettere in evidenza diverse tipologie di
declinazione di questo ‘culto’ dell’antico (dalla traduzione all’ecfrasis, dal poemetto didascalico
all’inno), sempre più investito, con l’approssimarsi dell’età rivoluzionaria, di una netta valenza
ideologica.
Letteratura italiana
Prof. Rinaldo Rinaldi
Dipartimento di Italianistica
I semestre
Modulo C (5 CREDITI)
Il corso si compone di due parti:
1. Libri in maschera. Citazioni e riscritture umanistiche
Il reimpiego dei materiali letterari e della tradizione classica fra Umanesimo e Rinascimento
(il modulo è la continuazione del modulo B, che si consiglia di seguire preliminarmente).
Per l’esame si richiede la lettura di:
- Rinaldo Rinaldi, Libri in maschera. Citazioni e riscritture umanistiche, Roma, Bulzoni, 2007
- Quattro titoli scelti fra le opere (citate a lezione) di Francesco Petrarca, Leon Battista Alberti, Leonardo
Bruni, Enea Silvio Piccolomini, Francesco Filelfo, Antonio Averlino detto Filarete, Cristoforo Landino.
2. Seminario su Esegesi parodistica nel Cinquecento (dott. Nicola Catelli)
Per l’esame si richiede la lettura di:
Cum notibusse et comentaribusse. L’esegesi parodistica e giocosa del Cinquecento, a cura di A. Corsaro e
P. Procaccioli, Manziana, Vecchiarelli, 2002.
[altri testi saranno forniti in fotocopia durante le lezioni]
Per l’ammissione all’esame scritto e/o orale è richiesta un’iscrizione personale presso il docente. Gli
studenti potranno iscriversi negli orari di ricevimento del docente, a partire dal 25 settembre fino al 30
novembre compreso.
Letteratura italiana contemporanea
Prof. Paolo Briganti
Dipartimento di Italianistica
II semestre
24
Titolo del corso: Rivolte e svolte letterarie nel primo Novecento.
Il corso si articola in due sottomoduli:
Sottomodulo SP.1: si esamineranno alcuni campioni esemplari di scrittura creativa del primo Novecento,
prendendo in considerazione autori gruppi movimenti utili all’individuazione e definizione del
rinnovamento letterario nel secolo XX. Sottomodulo SP.2: dopo la trattazione dell’argomento di cui al
sottomodulo SP.1, alcuni dei temi già proposti saranno approfonditi, sia tramite un più capillare
scandaglio analitico sia attraverso ulteriori letture. La bibliografia di entrambi i sottomoduli (testi d’autore
e supporti storico-letterari e critici) verrà indicata durante il corso.
Letteratura italiana contemporanea e sistema editoriale
Prof. Gian Carlo Ferretti
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: “Editori, scrittori, pubblico. Letteratura e editoria nel Novecento italiano”
L’editore-protagonista: Mondadori, Rizzoli, Bompiani, Einaudi. Il letterato-editore: Longanesi, Vittorini,
Calvino, Sereni. Strategie produttive e mercato, lettura e non-lettura.
Testi: Gian Carlo Ferretti, Storia dell’editoria letteraria in Italia. 1945-2003, Torino, Einaudi, 2004, pp.
IX-XIV, 3-302
Letteratura latina
Prof. Giuseppe Gilberto Biondi
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
I semestre
Titolo del corso: La satira ovvero una summa letteraria latina
Modulo SP/C (5 CFU)
Ermeneutica, esegesi e saggi critici sul linguaggio satirico di Giovenale in rapporto a quello dei suoi
predecessori con particolare riguardo alla presenza e riuso di stilemi satirici ed epici.
Una bibliografia dettagliata verrà fornita a lezione. Gli studenti sono tenuti a elaborare una ricerca di
livello scientifico da concordare con il docente.
Letteratura latina
Prof. Mariella Bonvicini
Dipartimento di Filologia classica e medievale
Cfr. Storia della lingua latina (Prof. Bonvicini)
Letteratura latina medievale
Prof. Marino Mengozzi
Dipartimento di Filologia classica e medievale
II semestre
Titolo del corso: Agiografia uguccioniana: fra expositio e vita.
25
Il corso è così articolato: a) inquadramento della Letteratura latina medievale; b) la produzione dei secoli
XII-XIII; c) Uguccione da Pisa: lessicografo, canonista e agiografo; d) lettura, analisi e commento di
UGUCCIONE DA PISA, Vita sancti Maurelii martyris episcopi ferrariensis.
I testi e la bibliografia saranno indicati all’inizio delle lezioni.
Letteratura latina umanistica
Prof. Stefania Voce
Dipartimento di Filologia classica e medievale
II semestre
Titolo del corso: La figura femminile nella letteratura umanistica: Sofonisba nell’Africa di Francesco
Petrarca.
Il corso è così articolato: a) inquadramento della Letteratura latina umanistica; b) illustrazione dell’ opera
epica di Petrarca l’Africa; c) lettura, analisi e commento di Africa 5, 20-70 in cui il poeta mostra, nella
descrizione della bellezza femminile, una considerevole consuetudine coi poeti classici (numerose le
reminiscenze da Virgilio, Ovidio ecc.) e nel contempo una sensibilità che travalica la fissità medievale
nella descriptio personae, e che troverà applicazione anche nella produzione lirica in volgare.
I testi e la bibliografia saranno indicati all’inizio delle lezioni.
Letteratura per l’infanzia e l’adolescenza
Prof. Angelo Nobile
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
II semestre
Titolo del corso: La fiaba: storia, struttura, caratteri distintivi, problematica psico-pedagogica
Modulo C (5 crediti)
Il modulo ripercorrerà la storia della fiaba popolare e di quella letteraria o d’autore, ne indagherà
l’universalità, la struttura, i motivi della sua rispondenza alla psiche infantile e ne individuerà le ragioni
della perenne attualità e congenialità all’infanzia attraverso un approccio psico-pedagogico che sottoporrà
a vaglio critico le obiezioni mosse al genere fiabesco dalle origini ad oggi. La bibliografia verrà indicata
durante lo svolgimento del corso.
Letteratura portoghese I
Prof. Enrico Martines
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo: L’edizione critico-genetica di testi contemporanei.
Il corso propone di analizzare il testo letterario come risultato di un processo evolutivo che ha portato alla
sua fissazione, mettendo in rilievo l’aspetto dinamico della produzione letteraria. Verranno studiati i
diversi approcci e i differenti metodi di lavoro utilizzati dalla critica genetica per rendere il percorso della
genesi di un’opera all’interno di un’edizione. Oggetto di analisi saranno i casi più interessanti presentati
in questo ambito dalle letterature in lingua portoghese, e in particolare, quelli di Eça de Queirós,
26
Fernando Pessoa, José Régio e Mário de Andrade. Inoltre, lo studente verrà
chiamato a mettere in pratica le nozioni studiate, producendo un semplice esempio di edizione di un testo
breve.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso. Letteratura Brasiliana mutua da
Letteratura Portoghese e Brasiliana SP I-II.
Letteratura portoghese II
Prof. Enrico Martines
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
I semestre
Cfr. Letteratura portoghese I (Prof. E. Martines)
Letteratura portoghese e brasiliana
Prof. Enrico Martines
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
Cfr. Letteratura portoghese I
Letteratura provenzale
Prof. Paolo Rinoldi
Dipartimento di Italianistica
I semestre
Titolo del corso: Il testo trasgressivo.
Il corso si propone di esplorare attraverso sondaggi a vari livelli il versante ‘trasgressivo’ e ‘parodico’
della lirica erotica d’oc, senz’altro meno famoso e celebrato, ma di grande interesse anche letterario. Data
la natura tendenzialmente seminariale delle lezioni della specialistica, dopo una breve presentazione degli
strumenti per la conoscenza del provenzale antico, abbastanza intuitiva e affidata in gran parte al lavoro
domestico dello studente, si arriverà presto alla lettura e al commento dei testi, che costituiranno anche
l’oggetto di una tesina scritta (traduzione o altro) parte integrante dell’esame finale.
La Bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento delle lezioni.
Letteratura russa I
Prof. Maria Candida Ghidini
Dipartimento di Lingue e Letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: Figure dell'immaginario europeo. Amleto (e Ofelia) in Russia
All'origine della coscienza individuale e della modernità, figura emblematica e carica di contraddizione,
Amleto ha ispirato i poeti e gli scrittori russi fin dal Settecento. Il corso, dopo un excursus storico, si
concentrerà in particolare sulla lettura novecentesca di questo mito letterario (A. Blok, A. Achmatova,
M. Bulgakov, B. Pasternak). Compatibilmente con le esigenze degli studenti, il corso potrà soffermarsi su
problematiche traduttive interlinguistiche (la traduzione di Amleto pasternakiana) e, eventualmente,
intersemiotiche (la riduzione cinematografica di tale traduzione di G. Kozincev con musiche di D.
Šostakovič). La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
27
Letteratura russa II
Prof. Maria Candida Ghidini
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
II semestre
Cfr. Letteratura russa I (Maria Candida Ghidini)
Letteratura spagnola I
Prof. Giuseppe Paglia
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
I semestre
Titolo del corso: La poesia moderna spagnola: inquadramento e lettura.
Il corso proporrà il commento di alcuni dei testi poetici più significativi dell’epoca contemporanea a
partire del XIX secolo. L’inquadramento letterario sarà completato da una parallela analisi linguistica e
stilistica.
Letteratura spagnola II
Prof. Laura Dolfi
Dipartimento Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: Letture e interpretazioni di testi letterari.
Le lezioni offriranno esempi di inquadramento e interpretazione critica di noti autori/testi della letteratura
spagnola. Analizzeremo i brani scelti tenendo conto delle loro molteplici componenti: semantiche,
metrico-ritmiche, stilistiche, fonosimboliche, ecc. Saranno prese in considerazione diverse modalità di
approccio metodologico.
Letteratura tedesca I
Prof. M.E. D’Agostini
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: “Avanguardie tra Medioevo e Novecento”
Il Medioevo, la lirica e l'epica cortese anticipano nel loro contesto culturale molte peculiarità del secondo
millennio. Il corso intende rileggere nelle figure di Parzival, Tristano, Sigfrido le simbologie tipiche del
linguaggio musicale, filmico, teatrale, letterario sviluppatesi nel ‘900. Sia il Medioevo che il '900
vengono proposti nella loro prospettiva di avanguardie culturali e letterarie e si intende in particolare
metterne in luce la struttura di interferenza linguistica, soprattutto nelle opere di J. Roth, H. Broch, W.
Benjamin, F. Dürrenmatt, E. Canetti, C. Ransmayr, nelle figure emblematiche di Hiob, di Virgilio,
Ovidio, e il del profeta Elia.
28
Letteratura tedesca II
Prof.Teresina Zemella
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
I semestre
Titolo del corso: Lo sperimentalismo nella letteratura di lingua tedesca dal 1947 al oggi.
Attraverso letture dei romanzi e racconti più rappresentativi del periodo si intende mettere in rilievo la
sperimentazione avvenuta nel corso del secolo nell’ambito della prosa, che a partire dal romanzo di Carl
Einstein Bebuquin oder die Dilettanten des Wunders segnala, oltre a nuovi parametri strutturali
su cui riflettere, i mutamenti culturali e politici susseguitisi dal primo decennio del secolo fino alla caduta
del muro . Saranno pertanto presi in esame alcuni testi di : Hoffmansthal, Kafka, C. Einstein, G. Benn, E
Jünger, Arno Schmidt, W. Hildesheimer, N.E.Nossack,, G. Grass, Th. Bernhard, etc.,e riprese e
approfondite alcune letture oggetto di studio degli anni precedenti.
Letteratura tedesca moderna e contemporanea
Prof. Teresina Zemella
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
Cfr. Letteratura tedesca II
Letterature comparate (modulo A)
Prof. Giulio Iacoli
Dipartimento di Italianistica
I semestre
Titolo del corso: La consolazione del paesaggio. La costruzione storica di un tema
Il corso si articolerà in una sezione teorica preliminare, volta a illustrare metodi e finalità della letteratura
comparata in prospettiva critica (qual è il punto della riflessione sul suo statuto e sulle implicazioni con
alcuni nuclei sociali, ideologici e filosofici della contemporaneità), per poi soffermarsi su un esercizio di
critica tematica. Il macrotema del paesaggio, che investe la storia delle forme letterarie a partire dalla
grecità (Teocrito), verrà letto accanto al contributo fondamentale di Michael Jakob (Paesaggio e
letteratura, 2005) come momento essenziale di affermazione della modernità letteraria, conquista
conoscitiva e specchio di un rinnovato sentimento della natura (Haller, Goethe, Saint-Pierre...). Il corso
intende propriamente analizzare la funzione consolatoria, di conforto e di affinamento morale del
paesaggio per il soggetto moderno, leggendone i presupposti a partire dall’antichità e ripensando la sua
storia come tema affettivo.
Lingua araba
Prof. ssa Rania Kassem
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
I semestre
Titolo del corso: Lingua Araba
29
Il Corso si articolerà secondo le seguenti impostazioni: Insegnamento di grammatica
avanzata, conversazione avanzata, Insegnamento di Composizione, Traduzione di base ( italiano-arabo,
arabo-italiano), Approccio alla letteratura araba.
Lingua e letterature della Cina e dell’Asia sud orientale
Prof. Bettina M.R. Mottura
Dipartimento Lingue e letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: Fondamenti di lingua cinese.
La finalità del corso è insegnare i fondamenti della lingua cinese standard (putonghua) parlata e scritta a
studenti che non abbiano esperienze pregresse nell’apprendimento della lingua cinese. A tale scopo
verranno presentate le caratteristiche di base della lingua in termini di strutture grammaticali e
morfosintattiche, di scrittura in caratteri (hanzi) e di fonetica (trascrizione in hanyu pinyin). Una
particolare attenzione verrà rivolta all’effettivo sviluppo di abilità linguistiche fondamentali nella lettura,
nello scritto e nell’orale, di conseguenza gli studenti saranno chiamati ad una partecipazione attiva al
corso fin dalle prime lezioni.
Il testo adottato per il corso è: Bulfoni C., Corso di lingua cinese elementare, Milano: CUEM, 2006.
Lingua e traduzione- lingua francese I
Prof. Mariolina Bertini
Dipartimento Lingue e letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: Elementi di traduzione letteraria dal Francese in Italiano.
Il corso consisterà nell’analisi e nel commento di alcune traduzioni letterarie “d’autore”, cui si
alterneranno esercitazioni guidate di traduzione letteraria dal Francese in Italiano. E’ rivolto agli studenti
del primo anno della Laurea magistrale e corrisponde a 5 CFU; può essere fruito anche da studenti di altri
corsi di laurea che posseggano una buona conoscenza del francese.
Lingua e traduzione – lingua francese II
Prof. Elena Pessini
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
I semestre
Titolo del corso: Variazioni linguistiche del francese in ambito francofono.
Il corso si propone di indagare le variazioni del francese nell’ampio bacino della francofonia intesa come
insieme culturale e appunto linguistico. In particolare verranno considerate le aree francofone
extraeuropee, i creoli caraibici e il problema della diglossia, il francese del Québec e le realtà africane.
La bibliografia verrà fornita all’inizio del corso.
Lingua e traduzione – lingua inglese I
Prof. Michela Canepari
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
30
Titolo del corso: Traduzione e tipologie testuali
Il corso intende fornire un’introduzione alle problematiche traduttive presentate da varie tipologie
testuali. Durante i moduli si analizzeranno dunque documenti di carattere legale, economico e tecnicoscientifico, analizzati ora in lingua originale, ora in traduzione. Verranno brevemente contemplate anche
questioni relative a testi letterari, in visione di un approfondimento delle problematiche presentate dalla
trasposizione cinematografica degli stessi.
Gli studenti dovranno altresì seguire le esercitazioni dei Collaboratori ed Esperti Linguistici durante
entrambi i semestri e svolgere un percorso di auto-apprendimento in Aula Multimediale da concordare
con il docente.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Lingua e traduzione - lingua inglese II
Prof. G. Mansfield
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II Semestre
Titolo del corso: I Corpora e la traduzione
Scopo di questo corso è un approfondimento degli argomenti trattati nell’anno precedente riguardo
l’analisi della lingua attraverso i corpora. In modo particolare, si riprenderà il discorso della pratica della
traduzione utilizzando i corpora, ma introducendo anche altri mezzi tecnologici di supporto, come
translation memory, allo scopo di familiarizzare gli studenti con tutti quei mezzi tecnologici e non
che possano servire loro come futuri traduttori. Verrà inoltre chiesto loro di creare un corpus specializzato
di loro scelta, concordato con il docente, che servirà nella pratica stessa della traduzione di testi di vario
genere oltre a quelli letterari.
Gli studenti dovranno seguire le esercitazioni di approfondimento grammaticale e lessicale oltre ad un
percorso di auto-apprendimento in aula multimediale da concordare con il docente.
Si consiglia vivamente agli studenti di continuare nella pratica della traduzione nel 1° semestre con
attività da concordare con il docente nelle ore di ricevimento.
Lingua e traduzione - lingua portoghese I
Prof. Michela Graziani
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
II semestre
Il corso, suddiviso in due moduli, nasce con l’intento di introdurre lo studente allo studio della traduzione
letteraria, da un punto di vista teorico e, successivamente, pratico.
Nel primo modulo verranno fornite nozioni sul concetto di traduzione, a cui seguirà un excursus storico
generale, per poi focalizzare l’attenzione sulla traduzione letteraria e, precisamente, sulla traduzione
poetica.
Nel secondo modulo verranno analizzati e portati esempi pratici di traduzioni da e verso la lingua
portoghese, al fine di una maggiore comprensione sullo studio della traduzione e sulle varie
problematiche e metodologie che essa pone.
Lingua e traduzione - lingua portoghese II
Prof. Michela Graziani
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
II semestre
31
Cfr. Lingua e traduzione - lingua portoghese I
Lingua e traduzione - lingua russa I
Prof .Kumusch Imanalieva
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: Traduzione in russo dei libretti delle opere di Verdi.
Il corso si prefigge di analizzare le problematiche della traduzione poetica (tra cui quelli riguardanti il
metro e la rima) sull’esempio dei libretti verdiani tradotti in russo.
Lingua e traduzione – lingua russa II
Prof. Nicoletta Cabassi
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: La lingua letteraria russa contemporanea
Descrizione: il corso (5 CFU) tratterà la differenziazione stilistico-funzionale della lingua letteraria russa
contemporanea. In particolare si occuperà della lingua letteraria dotta, intenta a conservare il testo
(letterario, scientifico, pubblicistico o di altro genere) e a servire ambiti svariati della vita della società,
accogliendo stili funzionali differenti, caratterizzati da un uso particolare dei mezzi linguistici. Il corso
affronterà alcuni testi appartenenti a stili funzionali eterogenei, con esercitazioni di espressione orale e
scritta.
Lingua e traduzione – lingua spagnola I e II
Prof. María Valero Gisbert
Dip. di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: La traduzione audiovisiva: modalità di sottotilazione
Il corso si propone di analizzare le caratteristiche della traduzione audiovisiva e di offrire una panoramica
sulle sue diverse modalità. In particolare verrà approfondita la sottotitolazione evidenziando le difficoltà
più comuni e le soluzioni più adeguate.
La riflessione teorica si affiancherà all’analisi e alla traduzione del testo filmico scelto.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Lingua e traduzione - lingua tedesca I
Prof. Beatrice Sellinger
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: Il prodotto industriale e la sua codificazione linguistica: dalla
scheda tecnica in lingua originale alla versione tradotta
32
Il corso propone nella prima parte teorica un’analisi della mediazione linguistica quale può essere colta
nell’ atto denominativo, nella coniazione di unità lessicali destinate a contrassegnare in modo chiaro e
appropriato delle novità, merceologiche e non. La parte pratica prevede esercizi di traduzione settoriale
con particolare riguardo per i problemi terminologici.
Lingua e traduzione – lingua tedesca II
Prof. E. Longhi
Dipartimento di lingue e letterature straniere
II semestre
Titolo del corso: Problemi dei linguaggi settoriali e la loro traduzione.
Il corso prevede la formazione di una figura professionale di elevate competenze linguistiche attraverso
l’acquisizione di una particolare padronanza nel campo dei linguaggi settoriali (tecnologico, giuridico,
scientifico, economico, commerciale ed altro), ponendo una specifica attenzione alle problematiche
terminologiche ed in generale ai linguaggi specialistici. Il corso, continuazione del lavoro svolto nel
primo anno, è incentrato sui problemi dei linguaggi settoriali e la loro traduzione in italiano. Il
programma prevede, oltre all'approfondimento degli aspetti teorici, esercitazioni pratiche su testi
giuridico-legali, economici e tecnici di elevata difficoltà.
Linguaggio del giornalismo
Prof. M. Tarantino
Dipartimento di Italianistica
Programma per frequentanti
Libro di testo obbligatorio
M. Boldrini, Il quotidiano. Teorie e tecniche del linguaggio giornalistico, Milano, Mondadori, 2006
Libri di testo facoltativi (almeno uno a scelta)
M. Medici – D. Proietti, Il linguaggio del giornalismo, Milano, Mursia, 1992 (Linguistica)
S. Petrone, Il linguaggio delle news. Strumenti e regole del giornalismo televisivo, Milano, ETAS, 2004
(Giornalismo televisivo)
M. Pratellesi, New Journalism, Milano, Bruno Mondadori, 2004 (Giornalismo on line)
N. Graziani, Lezioni di giornalismo: 100 articoli che hanno raccontato il Novecento italiano, Roma,
Nutrimenti, 2005 (Storia del giornalismo)
A. M. Lorusso – P. Violi, Semiotica del testo giornalistico, Roma- Bari, Laterza, 2006 (Semiotica)
Programma per non frequentanti
Libro di testo obbligatorio
A. Papuzzi, Professione giornalista: tecniche e regole di un mestiere, Roma, Donzelli, 1998
Libri di testo facoltativi (almeno due a scelta)
A. M. Lorusso – P. Violi, Semiotica del testo giornalistico, Roma- Bari, Laterza, 2006 (Semiotica)
M. Loporcaro, Cattive notizie, Milano, Feltrinelli, 2005 (Linguistica)
N. Graziani, Lezioni di giornalismo: 100 articoli che hanno raccontato il Novecento italiano, Roma,
Nutrimenti, 2005 (Storia del giornalismo)
M. Pratellesi, New Journalism, Milano, Bruno Mondadori, 2004 (Giornalismo on line)
33
In aggiunta lo studio degli articoli presenti nella dispensa resa disponibile presso la
segreteria del Dipartimento di Italianistica. Su questi sarà richiesta, in sede di esame, un’analisi
grammaticale, sintattica e di organizzazione ed esposizione dei contenuti.
Lingua italiana scritta
Prof. Donatella Martinelli
Dipartimento di Italianistica
I semestre
Titolo del corso: Approfondimenti di grammatica e di lessico italiani.
Prendendo avvio dall’analisi di testi di grandi autori del Novecento, il corso approfondisce la conoscenza
di grammatica e lessico italiani con il ricorso ai maggiori strumenti di consultazione e alla bibliografia
specialistica. Vi si affiancano esercizi di scrittura che mirano a sfruttare le conoscenze acquisite. La
bibliografia sarà fornita durante lo svolgimento del corso. L’esame prevede inoltre la lettura di una serie
di testi (da concordare con lo studente ) utili alla redazione di un testo complesso che sarà presentato e
discusso all’esame orale. N.B. Per ragioni organizzative gli interessati sono pregati di dare quanto prima
notizia dell’iscrizione alla docente per posta elettronica.
Lingua latina
Prof. Giuseppe Gilberto Biondi
Dipartimento di Filologia classica e medievale
I semestre
Cfr. Letteratura latina (mod. C) (Prof. G. G. Biondi)
Lingue e letterature ispanoamericane
Prof. Giorgia Delvecchio
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
II semestre
Titolo del corso: La parabola dell’eroe nella letteratura ispanoamericana del Novecento.
Adottando l’approccio metodologico fondato sull’interesse per la relazione fra mito e letteratura, il corso
sarà dedicato all’analisi del modello archetipico dell’eroe e delle forme di adesione e sovversione rispetto
a tale modello nelle opere narrative e poetiche di alcuni degli autori più rappresentativi del Novecento
ispanoamericano. Saranno inoltre prese in esame le valenze che l’assunzione di questo archetipo acquista
di volta in volta rispetto al tema della specificità della letteratura ispanoamericana. L’analisi sarà
supportata dalle letture dei testi e dai riferimenti alla bibliografia teorica, i quali verranno indicati
all’inizio del corso.
Linguistica e filologia italiana
Prof. Giulia Raboni
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: Filologia manzoniana: l’edizione critica del Fermo e Lucia e degli Sposi promessi.
34
Il corso sarà dedicato alla disamina dell’edizione critica del Fermo e Lucia e degli Sposi promessi, la
seconda stesura del romanzo manzoniano, preparatoria alla edizione Ventisettana dei Promessi sposi. Si
affronteranno i problemi generali posti dall’edizione dei testi in prosa e specifici dei due manoscritti
confrontando le soluzioni adottate da altri editori nelle più recenti edizioni genetiche. La bibliografia
relativa verrà fornita durante il corso.
Linguistica generale
Corso di Studio in “Arti letterarie e musicali dal Medioevo all’età contemporanea”
e “Civiltà antiche e archeologia” (biennio)
Prof. Davide Astori
Dipartimento di Filologia classica e medievale
I semestre
Titolo del corso: Fondamenti di Linguistica generale
Modulo B (5 crediti): si ripercorrerà, in una breve panoramica, la storia della disciplina, dall’antichità ai
giorni nostri, approfondendone le principali teorie con particolare attenzione alla comparatistica da un
lato e, dall’altro, al Novecento.
Avvertenza:
Affiancheranno le lezioni delle esercitazioni differenziate a seconda delle esigenze dei partecipanti dei
diversi corsi di studio.
Linguistica regionale
Prof. Giovanni Petrolini
Dipartimento di Italianistica
I semestre.
Titolo del corso: Principi di fonetica e di semantica applicati alla ricerca etimologica sul lessico
dialettale e italiano regionale.
Il corso si prefigge di illustrare problemi e metodi della ricostruzione storico-etimologica.
Logica
Prof. Roberto Pinzani
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Linguaggio naturale e forma logica in R. Montagne
Le opere di Montague si collocano all’intersezione di ambiti disciplinari diversi quali quelli della logica,
della linguistica, della filosofia del linguaggio: La teoria linguistica condivide con la grammatica
generativa di Chomsky il carattere formale e con quella categoriale di Ajdukiewicz l’uso di tipi
implicativi. Gli aspetti che verranno approfonditi in questo corso sono quelli collegati alla traduzione
simbolica delle proposizioni assertive del linguaggio naturale e alla definizione categoriale di alcune
espressioni, in particolare nomi comuni, nomi propri e verbi intransitivi.
35
Metodologia della ricerca storica in età moderna
Prof. Lisa Roscioni
Dipartimento di Storia
II semestre
Cfr. Storia moderna
Titolo del corso: Storie tragiche: alle origini della cronaca nera
A partire dall’esame di fonti relative a processi ed esecuzioni capitali, il corso affronterà l’evolversi dei
resoconti di cronaca, dai fogli volanti alla nascita della cronaca giudiziaria.
Metodologia della ricerca musicale
Prof. Paolo Russo
Dipartimento di Filologia classica e medievale
I semestre
Titolo del corso (5 cfu): La storiografia musicale: strumenti e profilo della disciplina
Il corso si articola in due parti.
Attraverso l’analisi di alcuni testi esemplari, la prima parte illustrerà le principali linee di ricerca che
hanno guidato la storiografia musicale dell’ultimo secolo.
La seconda introdurrà agli strumenti bibliografici della ricerca, e alle convenzioni bibliografiche per la
redazione di brevi saggi musicologici.
Metodologia della ricerca archeologica
Prof. Alessia Morigi
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
I semestre
Cfr. Topografia antica
La frequenza del corso è vivamente consigliata. Gli studenti sono invitati a prendere contatto con la
docente concordando bibliografia e modalità d’esame.
Metodologia e critica dello spettacolo
Prof. Andrea Bisicchia
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
II semestre
Titolo del corso: Il linguaggio della rappresentazione, da Pirandello a Brecht.
L’autonomia della lingua scenica ha permesso il rinnovamento delle tecniche e delle strutture del testo
teatrale, la cui storia ha finito per legarsi a quella delle sue messinscene. Mettendo a confronto autori
come Pirandello e Brecht, attori come Benassi, Valli, Randone, Carraio, Branciaroli, registi come
Strehler, Squarzina, Missiroli, Vassiliev, si cercherà di capire come la ricerca degli studiosi entri spesso in
dialettica con gli strumenti della rappresentazione.
36
Metrica greca
Prof. Gualtiero Rota
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
IIsSemestre
Titolo del corso: Sequenze anapestiche e docmiache nella lirica greca.
Parte istituzionale: approfondimento dello studio della metrica; letture domestiche di testi scelti; una
lettura critica a scelta.
Parte monografica: lettura e commento con analisi filologico-letteraria, linguistica e metrica di alcuni
exempla lirici attestanti la commistione di sequenze anapestiche docmiache.
Le indicazioni bibliografiche saranno fornite durante il corso.
Numismatica greca e romana
Prof. Domenico Vera
Dipartimento di Storia
I semestre
L’insegnamento tace per l’anno accademico 2007/2008
Paleografia latina
Prof. Silvana Gorreri
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
II semestre
Titolo del corso: La scrittura latina nella sua evoluzione storica e il suo supporto.
Il corso si articola in due moduli così suddivisi:
Modulo A (5 crediti): la scrittura in alfabeto latino dall’età arcaica al Rinascimento: criteri, terminologia e
strumenti metodologici dell’analisi paleografica.
Modulo B (5 crediti): la scrittura latina libraria in rapporto ai fattori materiali e culturali della confezione
del libro manoscritto e alla sua conservazione.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Papirologia
Prof. Isabella Andorlini
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del corso: Testo e contesto nei papiri del villaggio egiziano di Tebtynis.
Corso per la Laurea Specialistica (5 CFU). Coincide in parte col Modulo B del Corso per la Laurea
Triennale. I papiri di Tebtynis, nell'Arsinoite, saranno trattati come testimonianza letteraria, documentaria
e archeologica della vicenda culturale e amministrativa della periferia egiziana. Il contesto archeologico e
la storia degli scavi. Esame paleografico, lettura e interpretazione di una scelta di papiri, con
approfondimenti ed esercitazioni su testi, anche inediti, di età ellenistica e romana (letture condotte su
riproduzioni degli originali e in traduzione). AVVERTENZA: testi in fotocopia e bibliografia saranno
forniti durante lo svolgimento del corso. Sono previste esercitazioni didattiche, e
seminari di gruppo su papiri inediti (= Seminario Papirologico su testi inediti 2007/2008).
37
Pedagogia generale
Prof. Enver Bardulla
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
I Semestre
Titolo del corso: Pedagogia, pedagogie e scienze dell’educazione.
Modulo C (5 crediti): di approfondimento delle problematiche affrontate nel modulo A, verterà sul
confronto tra approccio filosofico, scientifico, storico e letterario allo studio dei processi educativi..
Politica economica
Prof. Renata Livraghi
Dipartimento di Studi politici e sociali
I semestre
L’«economia della conoscenza» (knowledge economics) è una nuova disciplina della teoria economica
che si occupa della conoscenza come bene economico e dei relativi effetti sia sul benessere individuale
sia su quello collettivo, mentre con l’espressione «economia fondata sulla conoscenza» (knowledge
economy) si indica un nuovo periodo storico: un cambiamento epocale, come già accaduto in passato con
l’avvento in economia della grande industria, genera l’esigenza di una nuova teoria economica. La nuova
fase storica è caratterizzata da processi di innovazione permanente che richiedono più alti livelli di
formazione, capacità di apprendimento continuo, competenze particolari che presuppongono adattabilità,
mobilità, flessibilità e investimenti in sistemi di accesso all’informazione (tecnologica, commerciale,
legale), nonché procedure di coordinamento complesse tanto per la ricerca e per lo sviluppo quanto per la
progettazione, la fabbricazione e la commercializzazione dei prodotti. In altre parole vi è un massiccio
ricorso al «capitale immateriale», a differenza del primo periodo della rivoluzione industriale, in cui la
crescita economica poggiava piuttosto sull’accumulazione del «capitale materiale» come le macchine.
Nuovi strumenti e modelli di analisi economica si impongono per spiegare e gestire i mutamenti che
sempre più radicalmente improntano la nostra realtà.
Psicologia delle comunicazioni sociali
Prof. Paolo Sacchetti
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: Psicologia delle Comunicazioni Sociali.
Nel corso verranno presentate le principali prospettive teoriche ed applicative utilizzate nella psicologia della
comunicazione per lo studio dei processi sottostanti l’interazione umana e le comunicazioni tramite vecchi e
nuovi media nell’epoca del digitale.
La prima parte del corso sarà dedicata all’analisi dei fondamenti della comunicazione umana analizzandone la
struttura e le funzioni, i livelli di contesto e significato, gli aspetti conversazionali - narrativi, i meccanismi sociali
di controllo e di influenza sociale, le interazioni diadiche e quelle gruppali.
La comunicazione verrà trattata anche dalla prospettiva antropologica ed etnologica per analizzare come si
costruiscono e rappresentano i contesti culturali, le identità personali e le ‘active audience’.
38
Nelle seconda parte del corso saranno esaminate alcune applicazioni delle teorie
della comunicazione al fine di sviluppare competenze critiche ed abilità da utilizzare nell’ambito di codifica e
decodifica di messaggi/linguaggi audiovisivi. Lo studio dei processi comunicativi verrà finalizzato anche alla
predisposizione e gestione di interviste e/o questionari.
Scienze dell’antichità e informatica
Prof. Alex Agnesini
Dipartimento di Filologia classica e medievale
II semestre
Titolo del corso: Testi classici e informatica: analisi stilistiche e intertestuali di testi poetici
Lo studio di un testo classico non può prescindere da un’analisi condotta con delle banche dati testuali e
bibliografiche digitali che necessitano di alcune attenzioni, affinché i loro punti deboli non vanifichino le
loro potenzialità.
Una bibliografia dettagliata verrà fornita a lezione. Gli studenti sono tenuti a elaborare una ricerca di
livello scientifico da concordare con il docente.
PARTE ISTITUZIONALE
Conoscenza delle banche dati testuali e bibliografiche.
Il corso (5cfu) si articola nel modulo C per gli studenti di Civiltà antiche e archeologia (15/S) e di Arti
letterarie e musicali dal Medioevo all'età contemporanea (16/S).
Sociologia del diritto
Prof. Carlo G. Rossetti
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
II semestre
Cfr. Sociologia della devianza Cds. Scienze dell’educazione (Prof. Carlo G. Rossetti)
Sociologia dei processi culturali e comunicativi
Prof. Marco Deriu
Dipartimento di Studi Politici e sociali
II semestre
Titolo del corso: L’“Occidente” e l’altro. Rappresentazioni culturali dell’alterità
Finalità del corso: Accompagnare lo studente in un percorso di riflessione critica sulle cornici culturali
che predispongono e orientano le forme e i contenuti delle relazioni nell’incontro con le alterità.
Programma del corso: Attraverso l’analisi di immagini fotografiche e pubblicitarie e di testi selezionati il
corso approfondirà lo studio dei processi di costruzione dell’immagine degli altri paesi e delle altre
culture nella nostra società, con particolare attenzione alla tematica dei “rapporti nord-sud” e del dibattito
su sviluppo e decrescita.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso
Sociologia della comunicazione
Prof. Giuseppe Padovani
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
I semestre
39
Titolo del corso: Critica della comunicazione.
Approfondimento con esercitazioni della semiotica, in particolare dell’immagine
Critica del modello ‘classico’ di comunicazione.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Sociologia della globalizzazione: i processi comunicativi
Prof. Sergio Manghi
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
II semestre
Titolo del corso: Forme della comunicazione nella società globalizzata.
Dopo la trattazione, in via preliminare, della teoria della comunicazione nota come Coordinated
Management of Meanings (B. Pearce), il corso affronterà, alla luce di tale teoria, l’emergenza storica di
varie forme della comunicazione umana: monoculturale, etnocentrica, modernista, cosmopolita.
Confrontando queste diverse forme della comunicazione, verranno discusse in particolare le
trasformazioni in corso nella rappresentazione dell’interazione io-altri fatta propria dai comunicanti
nell’ambito della modernità liquida (Bauman).
Sociologia generale
Prof. Alessandro Bosi
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
II semestre
Titolo del corso: Indirizzi di teoria sociale nel XXI secolo
Il corso analizza tre indirizzi di teoria sociale che si vengono affermando nel XXI secolo:
il costruzionismo umanista, la società della conoscenza, la via narrativa alla conoscenza.
Specialità del giornalismo
Prof. Bruno Rossi
Dipartimento di Italianistica
I semestre
Titolo del corso: figure esemplari di redattori, cronisti, inviati, fotoreporter.
Il corso intende analizzare criticamente come il giornalismo si specializza nelle sue varie forme
(quotidiano, periodico, radio, televisione, web) e nelle diversemansioni: redattori, cronisti, inviati,
direttori, fotoreporter ecc., riferendosi per ogni tipo di mansione a figure esemplari di giornalisti.
Specializzazioni che si modificano attraverso la storia del giornalismo stesso. Le stesse mansioni si
diversificano in ordine ai vari settori e ai vari temi di interesse (cronaca, politica interna ed estera, cultura,
scienza, spettacolo, sport) e ai differenti target del prodotto giornalistico. Sono previste esercitazioni
scritte.
40
Stilistica latina
Prof. Silvia Condorelli
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
II Semestre
Titolo del corso: L’epistolografia latina in versi
Modulo SP/C (5 CFU)
Il corso prevede l'analisi stilistica e metrico-verbale di testi epistolari latini in versi: in particolare, la
lettura di testi in esametri (Orazio), in distici (Ovidio), in metri vari (Ausonio). L’obiettivo del corso è
quello di approfondire la combinazione fra lo statuto proprio del genere epistolare e l'articolazione del
contenuto nella forma poetica.
È prevista, inoltre, l’elaborazione di una ricerca di livello scientifico, su un argomento concordato con il
docente. Bibliografia e testi saranno forniti nel corso delle lezioni. PARTE ISITUZIONALE Conoscenza
dei fondamenti di stilistica e di prosodia e metrica.
Storia contemporanea
Prof. Daniele Marchesini
Dipartimento di Storia
I semestre
Titolo del corso: Sport e società di massa in Italia tra le guerre mondiali
I temi indicati per il modulo B del corso della laurea triennale in Studi filosofici saranno svolti con
particolare attenzione al ventennio fascista, periodo nel quale lo sport e i suoi eroi diventano parte
essenziale della cultura di massa.
La bibliografia sarà indicata all’inizio delle lezioni.
Storia contemporanea
Prof. Antonio Parisella
Dipartimento di studi politici e sociali;
I semestre
Titolo del corso: Fonti orali e fonti audiovisive per la storia e le scienze sociali
PRIMO (da concordare con il Coordinatore)
sintetica descrizione, senza la bibliografia
La oralità come fonte della storia scritta fin dall’esperienza erodotea della nascita della storiografia come
storiografia contemporaneistica. Le diverse modalità d’intendere il rapporto tra oralità e scrittura
nell’approccio storico alle culture delle classi egemoni e non egemoni. Conflitti di memoria come
conflitti di/per il potere (J. Le Goff, N. Gallerano). Rapporto tra culture popolari e cultura di massa (A.
Portelli). Storia orale e storia con le fonti orali. La “storia dal basso” di Eric J. Hobsbawm e la “storia del
mondo popolare subalterno” di Gianni Bosio. Dislivelli di cultura e dislivelli di potere (A. M. Cirese). Le
tesi di J. Scott sul dominio e l’arte della resistenza: “verbali pubblici” e “verbali segreti”. Arte e
comunicazione (A. C. Quintavalle)
Implicazioni sul fare storia dell’impiego degli strumenti audiovisivi, sia in sede di raccolta delle fonti
orali sia in sede di realizzazione dell’opera storiografica. Cenni sull’ipertestualità.
41
Storia contemporanea
Prof. Piergiovanni Genovesi
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del corso: Educazione e politica nell’Italia fascista
Il corso approfondisce il tema della ricerca-creazione-gestione del consenso in età contemporanea, con
particolare attenzione alla dimensione educativa durante il regime fascista.
Storia contemporanea
Prof. Giorgio Vecchio
Dipartimento di Storia
II semestre
Verranno approfonditi alcuni aspetti della storia del Novecento, tra i quali la costruzione dell’unità
europea dopo il 1945.
È prevista la partecipazione attiva, con l’assegnazione di letture e la discussione in classe. Sono pure
previsti incontri con esperti, allo scopo di mostrare le relazioni tra storia, politica e informazione.
La bibliografia per l’esame verrà comunicata all’inizio del corso.
N.B.: Il corso è aperto a studentesse e studenti di tutti i corsi di studio e di laurea.
Storia del pensiero politico
Prof. Mario Tesini
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
II semestre
Titolo del corso: Impero, Stato, Nazione. Percorsi e ritorni nella storia delle idee politiche.
Il corso si articolerà in una parte introduttiva dedicata ai concetti di fondo nella storia del pensiero
politico e in una parte dedicata all’approfondimento di alcuni autori classici.
Storia dei movimenti e dei partiti politici
Prof. Antonio Parisella
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
I semestre
Cfr. Storia contemporanea (Prof. Antonio Parisella)
Storia del Risorgimento
Prof. Alba Mora
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del corso: La figura di Garibaldi tra realtà e mito.
42
Durante il corso verrà affrontata la complessa mitografia garibaldina nella trama
evenemenziale e nella funzione simbolica che vedono “l’eroe dei due mondi” tra i protagonisti del
Risorgimento italiano
Il corso si articola in un solo modulo di 5 CFU.
Le indicazioni bibliografiche saranno fornite durante lo svolgimento delle lezioni.
Storia del teatro classico
Prof. Alessandra Minarini
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
I semestre (5 crediti)
Parodia e paratragedia nella palliata latina..
Paradigmi tragici si danno volentieri all’interno della commedia latina, specialmente in Plauto, a partire
dalla famosa e programmatica definizione dell’Amphitruo quale tragicommedia fino ai numerosi spunti
di paratragedia e parodia, volti spesso ad amplificare l’effetto comico. Il corso prenderà in esame i casi
più famosi e significativi.
Il corso prevede approfondimenti di storia del teatro, con seminari specifici e l’eventuale elaborazione di
una ricerca individuale.
E’ prevista la conoscenza di un manuale.
Bibliografia e testi saranno indicati durante il corso.
Cfr. Filologia latina Mod. C (Prof. Alessandra Minarini)
Storia del teatro contemporaneo
Prof. Roberta Gandolfi
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
II Semestre
Titolo del corso: Identità e radici del teatro contemporaneo: scritture di scena di e intorno a Bertolt
Brecht
Il repertorio brecthiano è un classico della cultura teatrale europea del secondo Novecento e
contemporanea: il corso discute criticamente tale eredità. Si prevede l’analisi di alcune importanti
rappresentazioni, a partire dal Berliner Ensemble, e con speciale attenzione agli sviluppi italiani: la
stagione brechtiana del Piccolo Teatro, la Madre Courage di Squarzina, per arrivare sino al recente I
Pescecani dellaCompagnia della Fortezza.
Storia del teatro e dello spettacolo
Prof. Luigi Allegri
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
I semestre
Titolo del corso: Laboratorio di analisi del testo drammaturgico
Il corso procederà, con struttura seminariale, all’analisi dettagliata di un testo esemplare, scelto assieme
agli studenti, individuandone la struttura e i significati ma anche il contesto storico, le modalità dello
spettacolo per il quale è stato scritto, le ipotesi possibili di messa in scena, le analisi in video degli
spettacoli effettivamente rappresentati.
43
Storia dell’architettura
Prof. Francesca Zanella
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
II semestre
Cfr. Storia dell’architettura e del design (Prof. F. Zanella)
Storia dell’architettura e del design
Francesca Zanella
Dipartimento dei beni culturali e dello spettacolo
II semestre
Modulo C Walter Benjamin: architettura città oggetti
Partendo dalla analisi dei Passagen-Werk di Walter Benjamin si ricostruirà la ‘fortuna’ di questo testo
nell’ambito della teoria progettuale e della critica della architettura e del design dagli anni ’50 del
novecento ad oggi.
Storia dell’arte contemporanea
Francesca Zanella
Dipartimento dei beni culturali e dello spettacolo
Cfr. Storia dell’architettura e del design
Storia dell’arte contemporanea
Prof. Gloria Bianchino
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
II semestre
Il corso indagherà la figura di Picasso e il significato della sua ricerca nell’Italia del dopoguerra
Storia dell’arte medievale
Prof. Arturo Carlo Quintavalle
Dipartimento dei Beni Culturali
II semestre
Modulo C: Indagine su una serie di temi specifici legati alla elaborazione dei modelli della Riforma
Gregoriana fra Montecassino, Roma, Salerno nella seconda parte del secolo XI.
Storia dell'arte moderna
Prof. Maria Giulia Aurigemma
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
II semestre
Titolo del corso: Il ritratto.
Il programma sarà comunicato quanto prima.
44
Storia dell’arte moderna
Prof. Giuliana Ferrari
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
II semestre
Titolo del corso: L’Atlante di Mnemosine.
Si esaminerà la figura di Aby Warburg e, in particolare, il suo “Atlante della Memoria” per giungere alla
formulazione di un ipertesto.
Il corso si articola in un modulo unico.
Storia dell’arte moderna
Prof. Massimo Mussini
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
I semestre
Titolo del corso: Jacopo de’ Barbari
Pittore e incisore di origine veneziana, Jacopo de’ Barbari ha sempre rivestito un ruolo marginale nei testi
di storia dell’arte. La sua figura, tuttavia, si rivela di grande interesse quando si vuole comprendere quali
siano state le vie della diffusione della cultura umanistica e le modalità della sua trasformazione primo
rinascimentale. Egli, infatti, attraverso i suoi soggiorni oltralpe ha esportato i modelli classicisti dell’arte
italiana e ha contribuito a importare in patria lo stile dei grandi artisti tedeschi di fine secolo. Attraverso il
suo lavoro di pittore e soprattutto di incisore, dunque, si coglie la trama continua che ha dato forma e
consistenza al tessuto dell’arte rinascimentale, non fatta soltanto da pochi maestri geniali, ma dal
contributo di generazioni di artisti collegati da relazioni e da scambi ininterrotti di esperienze.
La bibliografia per la preparazione dell’esame verrà indicata all’inizio del corso.
Il corso si articola su un modulo unico.
Storia della critica d’arte
Prof. Vanja Strukelj
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
II semestre
Modulo C (laurea magistrale): L’eredità di Walter Benjamin.
Le lezioni, che prevedono anche un lavoro seminariale interdisciplinare, si concentreranno sulla lettura di
alcuni testi di Walter Benjamin ( L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Parigi
capitale del XIX secolo, Eduard Fuchs, il collezionista e lo storico, ecc.), per poi riflettere sulla ripresa di
numerosi temi del pensiero del filosofo tedesco da parte della storiografia artistica degli ultimi decenni.
Storia della critica letteraria
Prof. Giulio Iacoli
Dipartimento di Italianistica
Cfr. Teoria e storia dei generi letterari (Prof. G. Iacoli)
45
Storia della cultura inglese
Prof. Diego Saglia
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
II semestre
Cfr. Storia della cultura inglese Cds. Civiltà e lingue straniere e moderne (Prof. Diego Saglia)
Storia della cultura materiale
Prof. Mario Turci
Dipartimento dei beni culturali e della spettacolo
II semestre
Titolo del corso: Oggetti desueti e oggetti migranti: corpo, spazio e strategie dell’oggetto.
Il corso prevedrà una introduzione ai saperi della demo-etno-antropologia, a partire dai concetti di cultura
e di identità, per poi svilupparsi sui seguenti ambiti:
Antropologia della cultura materiale
Lo statuto materiale e simbolico dell’oggetto. Gli oggetti, quali unità culturali significative, indagati
attraverso la sostanza della loro partecipazione alle dimensioni del corpo e della percezione dello spazio.
Strategie dell’oggetto: oggetti desueti, oggetti migranti
Analisi interpretativa delle “comunità” di oggetti che, fra le maglie del quotidiano e nell’ infra-ordinario
contemporaneo, seguono traiettorie della mutazione e della metamorfosi.
Il corso prevedrà lo svolgimento di una esercitazione sull’ etnografia della cultura materiale: la città degli
oggetti. La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso
Storia della filosofia
Prof. Beatrice Centi
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Le differenze dell’intenzionalità.
Nella Classificazione dei fenomeni psichici Franz Brentano ha mostrato la grande complessità degli atti
intenzionali, che non solo rappresentano e giudicano ma esprimono anche affetti, sentimenti e valutazioni.
Attraverso l’analisi dei differenti aspetti dell’intenzionalità, il corso metterà in luce concetti che sono stati
fondamentali anche per Meinong e Husserl, per Searle e McDowell.
Storia della filosofia antica
Prof. Stefania Nonvel Pieri
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
II semestre
Titolo del corso: La dialettica degli antichi.
Modulo A (2,5 crediti) = Modulo B del triennio
Modulo B (2,5 crediti)
La dialettica antica nella prospettiva di Nietzsche e di Colli.
Il corso sarà integrato dai seminari delle Dott.sse Patrizia Giuberti e Federica Montevecchi.
N:B: Gli iscritti al biennio della laurea specialistica sono invitati a presentarsi dalla
docente
all’inizio del semestre.
46
Storia della filosofia contemporanea
Prof. Fiorenza Toccafondi
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: Analisi dell’esperienza e conoscenza sensibile
Diverse metodologie d’indagine mettono capo a diverse concezioni di esperienza sensibile.
Il corso affronterà la questione prendendo le mosse dalle prospettive di Hermann von
Helmholtz e di Wolfgang Koehler.
Storia della filosofia medievale
Prof. Fabrizio Amerini
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: La dimostrazione dell’esistenza di Dio: il Proslogion di Anselmo di Aosta
Il corso ha per oggetto la lettura e il commento del Proslogion di Anselmo di Aosta. Scopo del corso è
ricostruire il cosiddetto argomento ontologico o a priori di Anselmo, valutare le critiche che ha ricevuto,
confrontarlo infine con le prove a posteriori proposte da Anselmo nel Monologion.
Storia della filosofia moderna
Prof. Stefano Caroti
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Le passioni e la società. Morale e politica nel Trattato sulla natura umana di David
Hume.
Partendo dall’analisi del II (Of the Passions) e III (Of Morals) libro del Trattato sulla natura
umana, il corso si propone di studiare il dibattito sulla natura e la funzione delle passioni nella
formazione dello stato. Particolare attenzione sarà dedicata alla critica humeana alle soluzioni
giusnaturalistiche, nonché agli interventi coevi, da Francis Hutcheson a Thomas Reid.
Storia della filosofia morale
Prof. F. De Capitani
Dipartimento di Filosofia
II semestre
Titolo del corso: La filosofia morale di S. Agostino nel contesto delle filosofie dell’epoca.
47
Leggeremo e commenteremo, in particolare, un’opera di S. Agostino: I costumi
della chiesa cattolica e dei Manichei, avendo cura di inserirla nel contesto generale del pensiero
agostiniano e dei suoi contemporanei.
Ulteriore bibliografia verrà data durante il corso
Storia della filosofia politica
Prof. Italo Testa
Dipartimento di Filosofia
II Semestre
Titolo del corso: Ontologia sociale e politica
Il corso avrà forma seminariale e prenderà in considerazione alcuni momenti della storia dell’ontologia
sociale, dalla filosofia classica tedesca al pensiero filosofico contemporaneo, mettendone in luce il
significato per la comprensione dei fondamenti dell’interazione politica.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso e in relazione alle necessità di
approfondimento maturate dagli studenti della laurea specialistica.
Storia della fotografia
Prof. Cristina Casero
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
II semestre
Il corso si propone di riflettere sulle questioni teoriche riguardanti la fotografia, con particolare interesse
nei confronti del dibattito avviatosi nel secondo dopoguerra.
Storia della geografia e delle esplorazioni
Prof. Luisa Rossi
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
II semestre
Titolo del corso: Scoperta, percezione e rappresentazione del mondo
Attraverso fonti scritte e iconografiche (relazioni di viaggio, mappe, documenti fotografici) è possibile
ricostruire la conquista conoscitiva della terra da parte dell’uomo. Il corso si propone come studio degli
eventi e come riflessione sui momenti fondamentali di questo processo, dalle prime esplorazioni del
bacino mediterraneo al viaggio moderno, anche femminile.
Il corso comprende un solo modulo da 5 crediti.
Storia della lingua greca
Prof. Massimo Magnani
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
II semestre
Titolo del corso: La lingua della poesia epica arcaica.
Il corso monografico verterà sull’analisi della lingua della poesia epica arcaica, con specifico interesse
per la lingua omerica e per le prospettive critiche contemporanee. Una parte delle lezioni sarà dedicata ai
48
lineamenti di storia della lingua greca, con particolare attenzione per testi
documentari e letterari di provenienza epigrafica.
Una bibliografia dettagliata sarà fornita durante il corso.
Il corso (5 cfu) si articola nel solo modulo SP ed è opzionabile per il corso di studio triennale in Civiltà
letterarie e storia delle civiltà.
Storia della lingua italiana
Prof. Paolo Bongrani
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: I vocabolari italiani e la ricerca storico-linguistica.
Il corso intende illustrare le caratteristiche e le funzioni dei principali vocabolari di cui oggi si dispone per
intraprendere una ricerca specialistica di tipo storico-linguistico ed etimologico nel campo della storia
della lingua (letteraria e non letteraria) e dei dialetti italiani.
Storia della lingua latina
Prof. Mariella Bonvicini
Dipartimento di Filologia classica e medievale
I semestre
Titolo del corso: Locus amoenus e locus horridus nella poesia augustea.
Modulo SP/C (5 CFU)
Si commenteranno sul piano contenutistico, lessicale, linguistico e stilistico la prima Bucolica, Hor. epod.
13; carm. 1, 4; 1,9; 3, 13; Ovidio trist. 3,10; Pont. 1, 2; 4, 7.
Si approfondiranno le soluzioni lessicali, stilistiche e retoriche impiegate per dare alla descrizione del
paesaggio una valenza emblematica. In particolare si esamineranno i rapporti intratestuali nelle elegie
ovidiane per chiarire l’operazione letteraria compiuta sul locus horridus dal sulmonese.
Sono previsti approfondimenti mirati, relativi allo sviluppo della lingua latina e ai suoi esiti romanzi e
l’elaborazione di una ricerca di livello scientifico concordata col docente. I testi e la bibliografia saranno
indicati durante le lezioni. PARTE ISTITUZIONALE Conoscenza approfondita dell’evoluzione della
lingua latina dalle origini al II sec. d. C.
Storia della lingua spagnola
Prof. Giuseppe Paglia
Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
I semestre
Titolo del corso: Modelli fonico-grafici dalle prime manifestazioni romanze agli albori del Rinascimento.
Si intende riproporre, mediante un circostanziato confronto lessicale, l’evoluzione vocalica e
consonantica a partire dai testi pre-letterari.
Storia della lingua tedesca
Prof. Alfonso Margani
Dipartimento di Lingue e letterature straniere
Cfr. Filologia Germanica
49
Storia della logica
Prof. Roberto Pinzani
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Universali: alle origini del problema
Si leggeranno il Parmenide di Platone e il libro 3 della Metafisica cercando di cogliere alcuni aspetti
legati all’ontologia della sostanza. Il corso avrà in parte natura seminariale e le lezioni saranno comuni
all’insegnamento di filosofia teoretica.
Storia della miniatura
Prof. Arturo Carlo Ottaviano Quintavalle
Dipartimento dei Beni culturali e dello Spettacolo
Titolo del corso: Tramitazione di modelli narrativi attraverso i codici del secolo XI e del primo XII in
occidente
Modulo C: I manoscritti miniati, a ben indagarne, alcuni sia finiti che non finiti, recano traccia della
esistenza di altri generi di volumina che erano usati nelle officine medioevali; questi manoscritti sono uno
dei principali tramiti della Riforma Gregoriana in Occidente.
Storia della pedagogia
Prof. Cristiano Casalini
Dipartimento di Scienze della formazione e del territorio
I semestre
Titolo del corso: Campi storici e profili filosofici delle pedagogie nel Novecento.
Modulo C (5 crediti): si tenterà di delineare il profilo del dibattito contemporaneo relativo alla ricerca
storico-educativa con particolare riguardo per le questioni inerenti a fonti, metodi, modelli, contenuti.
Storia della produzione musicale
Prof. Marco Capra
Dipartimento di Filologia classica e medievale
II semestre
Modulo (5 crediti): il corso è dedicato alla definizione del concetto di produzione musicale e di
condizionamento materiale dell’espressione artistica, e all’approfondimento di alcuni aspetti della musica
in epoca moderna e contemporanea, con particolare riferimento alla gestione teatrale e alla nascita di un
sistema informativo a essa collegato.
Storia della scienza e della tecnica
Prof. F. De Capitani
Dipartimento Filosofia
I Semestre
50
Titolo del corso: Due sistemi scientifici a confronto: Ippocrate e Galileo.
La nascita della medicina antica costituisce un momento assai importante per la formazione di un metodo
scientifico di tipo empiristico per lo studio della realtà; ma la nascita del metodo scientifico vero e proprio
si ha nell’ambito della fisica galileiana. Di questi due momenti storici importanti per la scienza
Occidentale indicheremo autori e opere, cercando di approfondirne alcuni e alcune in particolare.
Ulteriore bibliografia verrà data durante il corso.
Storia della scuola e delle istituzioni educative
Docente: Prof. Giovanni Gonzi
Dipartimento di Scienze della formazione e del territorio
I semestre
Titolo del corso: Scuola e handicap
Il modulo (5 crediti), di carattere monografico, dopo un rapido excursus storico sul problema
dell’handicap, esaminerà le principali disposizioni normative per l’integrazione scolastica dei
diversamente abili.
Storia della stampa e dell’editoria
Prof. Arnaldo Ganda
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
I semestre (Modulo C, 5 crediti)
Dall’oralità alla scrittura; la nascita della stampa; fabbricazione e descrizione del libro antico.
Approfondimento di alcuni temi legati al codice manoscritto, al prodotto tipografico e ad alcuni
protagonisti dell’arte della stampa nel secolo XV a Venezia.
Il programma con l’indicazione dei testi per l’esame (frequentanti e non frequentanti) è distribuito
all’inizio delle lezioni; è reperibile nella Segreteria del Plesso Beni Librari, ed inoltre è esposto nelle
bacheche del plesso stesso, in via M. D’Azeglio, 85 (chiostro e II piano).
Storia della storiografia antica
Prof. Maria Teresa Schettino
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del Corso: Realtà storica e deformazione storiografica: ragioni, modalità e sviluppi
Modulo Specialistico: Analisi della metodologia storiografica delle fonti antiche. Attraverso l’esame del l.
3 delle Historiae di Polibio e delle fonti parallele (Livio, Diodoro, Appiano, Cassio Dione), si
approfondiranno i processi della deformazione storica nelle fonti antiche.
Storia della teologia
Prof. Alberto Siclari
Dipartimento di Filosofia
I semestre
51
Titolo del corso: Storia ed etica in Hegel.
Sulla base di un’analisi testuale saranno delineate la concezione della storia e la concezione dell’etica di
Hegel. La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Storia delle dottrine politiche
Prof. Nicola Antonetti
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
I semestre
Titolo del Corso: I caratteri dello Stato europeo
Nel corso saranno proposte le più rilevanti concezioni dello Stato emerse nelle dottrine politiche dal
Cinquecento all’età contemporanea.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso
Il corso si articola in due moduli:
Modulo A (5 CFU): sarà dedicato alla parte istituzionale relativa all’evolversi nella storia del pensiero
politico dei principali concetti che distinguono lo sviluppo dello Stato: sovranità, legittimità,
rappresentanza politica.
Modulo B (5 CFU) marte monografica dedicata ad approfondimenti sull’affermarsi dello Stato/Nazione e
sulle ragioni della sua crisi.
Storia delle dottrine politiche
Laurea specialistica in Filosofia
Prof. Nicola Antonetti
Dipartimento di Studi Politici e Sociali
I semestre
Titolo del Corso: La crisi dello Stato/Nazione
Nel corso si analizzeranno le principali teorie politiche relative al progressivo declino dello Stato/Nazione
nel Novecento. Particolare attenzione sarà dedicata agli sviluppi delle diverse culture costituzionalistiche
europee. La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso
Storia delle poetiche
Prof. Marzio Pieri
Dipartimento di Scienze della Formazione e del Territorio
II semestre
Titolo del corso: Poetiche occidentali. Casi.
Testi-base: P. de Man, Allegorie della lettura (Biblioteca Einaudi); N. Frye, On Education (Fitzhenry &
Whiteside, Ontario); L. Pulci, Il Morgante, ed. Pieri (la Finestra); W. Shakespeare, Cymbeline; A. Onofri,
Nuovo rinascimento come arte dell’io (La Finestra); A. M. Ripellino, Poesie di Chlébnikov (Einaudi);
Sergio Leone, Giù la testa; P.P. Pasolini, Petrolio (Einaudi). N.B. Si sconsigliano dall'iscriversi al corso i non-
52
frequentanti, per i quali sarà ad ogni modo a suo tempo comunicato un programma specifico. Il corso si
indirizza in particolare agli studenti in grado di leggere correntemente almeno una delle principali lingue moderne.
Storia e critica del cinema
Prof. Roberto Campari
Dipartimento dei Beni culturali e dello spettacolo
I semestre
Dall'analisi del linguaggio cinemagrafico e degli elementi culturali che formano il cinema di Ermanno
Olmi, il corso si articolerà in una breve trattazione delle trattazioni teoriche e degli aspetti problematici
che hanno fatto del mezzo filmico "l'occhio del Novecento"
Storia e metodi della direzione artistico e musicale
Prof. Eugenio Gianni Tangucci
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
II semestre
Il corso comprenderà lo studio di un’opera in programmazione al Teatro Regio di Parma e la
frequentazione della produzione dalle prove iniziali alla prova generale. Visita ai settori tecnici di un
teatro d’opera fuori Parma. Dalla nascita dell’opera ai giorni nostri. La conduzione del teatro musicale.
Le trasformazioni con l’evoluzione della società. Gli artefici dello spettacolo musicale. Tempi e metodi
della programmazione. La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso
Storia e metodologia della programmazione musicale radiotelevisiva
Prof. Giovanni Conti
Dip. Filologia classica e medievale
Sez. Musicologia
II semestre
Il Corso propone una lettura del rapporto tra la musica e il mezzo di comunicazione radiofonico e
televisivo e le sue implicazioni storiche, culturali e sociologiche. Si offriranno gli strumenti per valutarne
i cambiamenti intervenuti, nel corso dei decenni, all'interno della programmazione musicale delle
emittenti di diversi contesti europei: emittenti dapprima classificabili "generaliste" e nel tempo divenute
veri e propri centri di irradiazione culturale. Un cammino, quindi, che aprirà la strada a ulteriori
approfondimenti verificando i cambiamenti significativi registrati dall'avvento della radio e della
televisione, indirizzati ora verso un maggiore assecondamento dei gusti del pubblico (orientamento di
mercato), ora verso i contenuti più specifici ed élitari (orientamento culturale).
È prevista la possibilità di partecipazione degli studenti a fasi di produzioni radiofoniche e televisive
finalizzate alla programmazione musicale, una realtà questa che è inconfutabilmente sintesi e testimone di
un momento della cultura odierna che ha fatto proprio, ormai in maniera inscindibile, il rapporto musicamass media.
Storia e tecnica del restauro
Prof. Silvia Simeti
Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo
II semestre
Modulo C ( 5 crediti)
53
Il corso ripercorrerà le tappe principali della vicenda storica del concetto di
“restauro”, dall’antichità alle moderne carte del restauro italiane ed europee, soffermandosi in maniera
particolare sull’insegnamento di Cesare Brandi e la sua Teoria del restauro.
Successivamente si analizzeranno i materiali costitutivi ed i principali fattori di degrado di alcune classi
di manufatti artistici : dipinti murali , dipinti su tavola e su tela , stucchi , materiali lapidei , mosaici. Si
indicheranno alcune metodologie di intervento relative alle principali problematiche di conservazione
attraverso la presentazione di casi esplicativi.
Storia economica e sociale del mondo antico
Prof. Nicola Criniti
Dipartimento di Storia
I semestre
Titolo del corso: Storia, epigrafia, economia e società del mondo romano: linee di tendenza.
L'insegnamento [5 CFU], dopo una breve parte introduttiva di carattere propedeutico e metodologico
dedicata alla storia (antica) e alle fonti, epigrafiche in particolare, svilupperà seminarialmente una ricerca
dedicata alle strutture e ai ceti sociali nell'Italia romana, con esemplificazioni socio-economiche ed etnoantropologiche. Questo lo schema di massima (la BIBLIOGRAFIA verrà presentata all'inizio e nel
prosieguo delle lezioni; le FONTI illustrative, con traduzione, saranno distribuite in fotocopia durante il
corso):
– femmine e maschi: donne (atte e inadatte al parto [impuberi, anziane]), uomini (idonei e non idonei alla
guerra [impuberi, anziani]), bambini – non liberi (schiavi urbani e rurali, privati e pubblici [imperiali,
municipali, ecc.], ...) e liberi (a pieno titolo [ingenui] ed ex-schiavi [liberti]) – plebei e patrizi – poveri
e ricchi – cavalieri, senatori, imperatori.
Nell'ambito del corso verranno organizzate esercitazioni bibliografiche e informatiche (con possibilità di
operare in "Ager Veleias" [http://veleia.unipr.it]) e incontri a più voci sulla vita socio-economica di
donne e uomini dei ceti inferiori e sull'area geo-antropica di Veleia, con visite guidate al Veleiate, al
Parmense e ad altri centri d'interesse
Storia greca
Prof. Ugo Fantasia
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del corso: Anatomia di una stasis: la guerra civile di Corcira ( 427-425 a.C.)
Il corso (5 CFU), che si innesta sull’argomento trattato nel Modulo B dell’insegnamento di Storia greca
triennale, sarà dedicato all’analisi ravvicinata, nell’ambito sia di lezioni frontali che di incontri
seminariali, del resoconto tucidideo (III 69-85; IV 46-48) della guerra civile che infuriò nell’isola di
Corcira nei primi anni della guerra del Peloponneso e delle riflessioni generali che, in questo stesso
contesto, lo storico conduce sul fenomeno della stasis nelle città greche.
Storia medievale
Prof. Pier Maria Giusteschi Conti
Dipartimento di Storia
I semestre
54
Titolo del corso: Vocazione carismatica, elezione ed ereditarietà nella trasmissione del regno nell’età
barbarica.
Le fonti e la bibliografia saranno indicate durante il corso.
Storia medievale
Prof. Roberto Greci
Dipartimento di Storia
II semestre (II parte)
Titolo del corso: Il soprannaturale nella storia.
Modulo C (5 crediti): Il corso, a partire da recenti studi e da fonti specifiche, analizzerà il ruolo della
santità e del profetismo nella vita religiosa e politica del basso medioevo.
La bibliografia verrà indicata durante lo svolgimento del corso.
Storia moderna
Prof. Lisa Roscioni
Dipartimento di Storia
II semestre
Titolo del corso: Storie tragiche: alle origini della cronaca nera
A partire dall’esame di fonti relative a processi ed esecuzioni capitali, il corso affronterà l’evolversi dei
resoconti di cronaca, dai fogli volanti alla nascita della cronaca giudiziaria.
Storia romana
Prof. Nicola Criniti
Dipartimento di Storia
I semestre
Titolo del corso: "Imbecillus sexus": donne, sesso e società nell'Italia tardo-antica.
L'insegnamento [5 CFU] concluderà una ricerca pluriennale dedicata al rapporto tra donne, sesso e
società in età classica: nella prima parte monografica affronterà l'idea, le paure e i tabù del femminino nel
mondo maschile cristiano del tardo impero, con particolare attenzione alla documentazione iscritta (la
BIBLIOGRAFIA verrà presentata all'inizio e nel prosieguo del corso; le FONTI illustrative, con traduzione,
saranno distribuite in fotocopia durante le lezioni). Questo lo schema generale del percorso storiografico:
– femminile e maschile nel Mediterraneo antico; – sessualità ed erotismo nel mondo classico; – il crollo
dell'etica patriarcale a Roma: dal matrimonium alla libido; – eros e sexus nell'Italia antica: miti e tabù
d'origine; – tipologie del femminile: matronae, mulieres, meretrices; – inferiorità, subalternità ed
emarginazione: libere e schiave; – le donne in età imperiale: dal mondo pagano al mondo cristiano; – le
donne cristiane nell'Italia tardo-antica. — Nella seconda parte, in forma seminariale, si toccheranno vita
quotidiana e memoria di donne e uomini dei ceti inferiori, in particolare attraverso i messaggi e le
immagini dell’epigrafia latina, e si analizzeranno le diverse tipologie monumentali iscritte (la Tabula
alimentaria di Veleia, anzitutto), studiandone tecnica compositiva e contenuti. Nell'ambito del corso
verranno organizzate esercitazioni bibliografiche e informatiche (con possibilità di operare in "Ager
Veleias" [http://veleia.unipr.it]) e incontri a più voci sulle scienze storico-ausiliarie dell'antichità e sul
55
Veleiate, con visite guidate alle città dei vivi / città dei morti dell'Italia antica
(Bologna, Libarna, Parma, Reggio Emilia, Veleia). Per gli studenti di Epigrafia Latina sono altresì
previste attività di laboratorio specifiche sulle "scritture ultime" (iscritte) antiche e moderne.
Teorie del linguaggio e della mente
Prof. Andrea Bianchi
Dipartimento di Filosofia
I semestre
Titolo del corso: Proposizioni
Il corso sarà svolto in forma seminariale, in collaborazione con l'insegnamento di Filosofia del linguaggio
(Prof. Marco Santambrogio). Saranno discussi alcuni testi che mettono a fuoco una questione centrale per
la filosofia del linguaggio contemporanea, quella dell’esistenza e della natura delle proposizioni. In
particolare, si cercherà di capire se esistano ragioni decisive per assumere l’esistenza di enti come le
proposizioni, attraverso un esame approfondito dei ruoli teorici (oggetto degli atteggiamenti
proposizionali, significato dei proferimenti, valore semantico delle cosiddette that-clauses) che a esse
sono solitamente attribuiti.
L’esame consisterà nella stesura e nella discussione di una tesina su un argomento concordato con il
docente. E’ richiesta inoltre la partecipazione attiva dello studente ai seminari.
Coloro che intendono seguire il corso e sostenere l’esame sono pregati di prendere contatto con il docente
([email protected]).
Teoria e storia dei generi letterari
Prof. Giulio Iacoli
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Titolo del corso: Forme brevi per un lungo dominio: il secolo del racconto americano
Accompagnati dalla lettura di un’eccellente antologia, Storie di solitari americani, curata da due scrittori,
Gianni Celati e Daniele Benati, rintracceremo nel corso le vicende che hanno portato, dagli ultimi decenni
dell’Ottocento al Modernismo, fino alle sue propaggini più tarde, al riconoscimento della maestria degli
scrittori statunitensi nella forma racconto. La linea che procede da Melville e Poe, per giungere a
Flannery O’Connor e oltre, verrà integrata dall’analisi di alcuni racconti di una voce del Modernismo
nero, Zora Neale Hurston, come da una prospezione sugli sviluppi tardonovecenteschi del genere, nelle
forme del cosiddetto minimalismo (Carver, Yates), a dimostrazione della vitalità della forma breve nella
scrittura americana contemporanea, e di un rapporto ancora da descrivere tra posizione degli USA
nell’ordine mondiale, rappresentazioni e risvolti della società americana, e, per riprendere Celati e Benati,
la solitudine, l’intimità del singolo, e la sua visione del mondo.
Teoria e tecnica dei nuovi media
Prof. Andrea Gavazzoli
Dipartimento di Italianistica
II semestre
Attraverso Internet, la televisione satellitare e digitale, la telefonia cellulare e un ampio ventaglio di
media, nuovi o rinnovati, la convergenza ha modificato profondamente la vita di ogni giorno, i
comportamenti collettivi, l’economia, la distinzione tra sfera privata e personale e quella pubblica sociale.
56
I concetti di tempo e spazio ne risultano così stravolti: la comunicazione di massa è
sempre più multimediale, personalizzata, interattiva, mobile ed in tempo reale. Globalizzazione e
convergenza multimediale dunque per molti aspetti coincidono e sono forme del medesimo processo. Il
corso fornirà una preparazione di base sul funzionamento dei nuovi media e sui differenti utilizzi. Inoltre
prevederà una dettagliata storia dell’evoluzione della televisione italiana nel corso dei decenni, dalle
origini ai reality show, attraverso l’analisi delle singole professionalità. Una parte del lavoro sarà anche
dedicata alla realizzazione diretta di un prodotto radiocinetelevisivo e online per concretizzare la
cosiddetta transizione italiana verso l’Information and comunication technology (Itc). Le lezioni vedranno
inoltre gli interventi di numerosi e qualificati esperti del settore e la visione di alcuni film e documentari
che forniranno ulteriori elementi per l’integrazione del corso e la miglior comprensione del ruolo del
giornalista divulgatore di contenuti.
Urbanistica antica
Prof. Alessia Morigi
Dipartimento di Filologia Classica e Medievale
I semestre
Titolo del corso: Da villaggio a città: l'acquisizione della forma urbana nei contesti d'altura e di piano
della Cispadana romana
Il corso completa l’analisi dell’evoluzione della forma urbana antica mediante l’esame della sua
acquisizione da parte di due insediamenti limitrofi e culturalmente affini, Sarsina e Forum Popili. I due
centri, pur preesistendo alla conquista romana, solo dopo il suo intervento rivendicano il ruolo di città,
assumendo tuttavia forme proprie dell'ambiente che li ospita. Anche grazie ai dati recentemente scaturiti
dall'aggiornamento delle conoscenze sulla forma urbis sarsinate e dall'edizione di quella forlimpopolese,
si propone quindi una riflessione sulle dinamiche della loro strutturazione urbana, con valutazione
incrociata dell'applicazione delle formule insediative canoniche, della loro rimodulazione in rapporto alle
preesistenze ed ai diversi contesti archeoambientali, delle modalità di organizzazione e ripartizione di
spazi, plessi e infrastrutture.
La frequenza del corso è vivamente consigliata. Ad integrazione delle lezioni frontali sono previste
esercitazioni didattiche di supporto e la partecipazione ad un laboratorio GIS. Gli studenti sono invitati a
prendere contatto con la docente concordando bibliografia e modalità d’esame.