Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali

Commenti

Transcript

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali
UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI NAPOLI
PARTHENOPE
(Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali)
Allegato al contratto di appalto (ai sensi dell'art. 3
comma 1, lettera a) della Legge 123/07 art. 26 del D.lsg. 81/08)
Relativo al SERVIZIO DI PULIZIA GIORNALIERA E PERIODICA DELLE SEDI
DELL'UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI NAPOLI "PARTHENOPE"
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Premessa
II presente D.U.V.R.I. documento unico di valutazione dei rischi interferenziali è un
allegato al contratto d'appalto e messo a disposizione delle società che partecipano alla
procedura per l'affidamento del servizio di pulizia giornaliera e periodica delle sedi
dell'Università degli Studi di Napoli "Parthenope"
così come descritto nel capitolato
speciale d'appalto.
L' Università di seguito denominata "committente" ha l'obbligo, in caso di presenza di
rischi interferenziali nelle attività oggetto dell'appalto, di redigere un documento "unico" di
valutazione dei rischi derivanti da eventuali "interferenze". Per "interferenza" s'intende
qualsiasi attività che nel corso del suo svolgimento può intralciare o interferire con un'altra
attività. Il concetto di "interferenza" ha come presupposto fondamentale la condivisione,
anche per brevissimi periodi, di parti di edifici, aree o spazi normalmente utilizzati dal
"committente" e, temporaneamente, concessi in uso alla ditta/e appaltatrici.
È appunto in tali aree che possono nascere possibili rischi per entrambi, committente ed
appaltatore.
L'obbligo della redazione del DUVRI è sancito dall'art. 26 comma 1, 3 lettera b, D. Lgs. 9
aprile 2008, n. 81 che recita: "II datore di lavoro committente promuove la cooperazione e
il coordinamento elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le
misure adottate per eliminare o, ove dò non è possibile ridurre al minimo i rischi da
interferenze. Tale documento è allegato al contratto di appalto o d'opera. Le disposizioni
del presente comma non si applicano ai rischi specifici propri dell'attività delle imprese
appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi".
I datori di lavoro, ivi compresi i subappaltatori, devono promuovere la cooperazione ed il
coordinamento, in particolare:
•
cooperano all'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul
lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto;
•
coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i
lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle
interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera
complessiva.
Prima dell'affidamento dei lavori si prowederà:
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
•
a verificare l'idoneità tecnico-professionale dell'impresa appaltatrice o del lavoratore
autonomo, attraverso I' acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di
commercio, industria e artigianato e dell'autocertificazione dell'impresa appaltatrice
dei lavoratori autonomi del possesso dei requisiti di idoneità tecnico-professionale;
•
fornire in allegato al contratto, il documento unico di valutazione dei rischi.
La ditta appaltatrice dovrà produrre un proprio piano operativo sui rischi connessi alle
attività specifiche, coordinato con il DVR unico definitivo.
Il DUVRI valuta unicamente i rischi derivanti da interferenze e non sostituisce le
valutazioni dei rischi dell'appaltatore e del committente relativamente alla propria attività.
Tale documento è previsto dagli art. 3 della Legge 123/08 ed in vigore dal 25 agosto
2007, dall'alt. 26 del D.Lgs. 81/08 in vigore dal 15 maggio 2008 e dall'alt. 68 e
dell'Allegato Vili del D.Lgs. 163/2006.
Il DUVRI deve essere messo a disposizione ai fini della formulazione dell'offerta e
costituisce specifica tecnica.
Allegati al D.U.V.R.I. sono:
o Verbale di cooperazione e coordinamento tra il "committente" e "l'appaltatore";
o La scheda informativa sui rischi presenti all'interno della sede dell'Ateneo ove
saranno eseguiti i lavori;
o La stima dei costi per la sicurezza;
o Piano di emergenza ed evacuazione della sede ove saranno eseguiti i lavori. Alla
documentazione di cui sopra possono accedere su richiesta, oltre gli organi di
vigilanza e controllo, istituzionalmente preposti a ciò, anche i rappresentanti dei lavoratori
per la sicurezza e le organizzazioni sindacali dei lavoratori più rappresentative.
Sospensione dei Lavori
In caso di inosservanza di norme in materia di sicurezza o in caso di pericolo imminente
per i lavoratori, il Responsabile dei Lavori owero il Committente, potrà ordinare la
sospensione dei lavori, disponendone la ripresa solo quando sia di nuovo assicurato il
rispetto della normativa vigente e siano ripristinate le condizioni di sicurezza e igiene del
lavoro.
Stima dei costi della sicurezza
Gli artt. 3 e 8 della Legge 123/2007, che modificano rispettivamente l'art. 7 del D. Lgs.
3
D.U. V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
626/94, l'art 26 del D.Lgs. 81/08 e l'art. 86 comma 3 bis del D.Lgs. 163/2006 prevedono
l'individuazione specifica dei costi riferìbili alla sicurezza.
I costi della sicurezza devono essere quantificati e non assoggettati a ribasso d'asta. In
analogia ai lavori sono quantificabili come costi per la sicurezza tutte quelle misure
preventive e protettive necessarie per l'eliminazione o la riduzione dei rischi interferenti
individuate nel DUVRI.
Essi dovranno risultare congrui rispetto all'entità e alle caratteristiche del lavori, dei servizi
e delle forniture.
Tali costi, finalizzati al rispetto delle norme di sicurezza e salute dei lavoratori, saranno
applicati all'intera durata delle lavorazioni previste nell'appalto. Essi sono determinati in
sede di redazione dell'importo dell'appalto come percentuale di quest'ultimo oppure
mediante uno specifico computo metrico.
Di seguito sono indicati i costi riferibili alla sicurezza:
•
i mezzi e servizi di protezione collettiva previsti nel DUVRI (come segnaletica di
sicurezza, eventuali recinzioni, dispositivi di protezione individuale e collettiva, ecc.).
•
tutte le misure atte a garantire la sicurezza rispetto ai rischi interferenziali che
durante lo svolgimento dei lavori potrebbero originarsi all'interno dei locali.
L'ammontare complessivo dell'appalto è di € 1.753.000,00 oltre IVA ed oneri di sicurezza
per €31.600,00 oltre IVA. Coordinamento delle Fasi Lavorative
Si stabilisce che eventuali inosservanze delle procedure di sicurezza, da parte della ditta
appaltatrice, che possano dar luogo ad un pericolo grave ed immediato, daranno il diritto
al "committente" di interrompere immediatamente le attività.
Esse potranno riprendere solo a condizione che vengano eliminate le cause che hanno
determinato la loro sospensione e previa redazione di verbale di coordinamento e
cooperazione dal quale si evinca l'effettiva sussistenza delle condizioni di sicurezza
antecedenti al verificarsi dell'evento.
Si stabilisce che la ditta appaltatrice è tenuta a segnalare al "committente" e per essa al
Responsabile Unico del Procedimento ed al referente di sede, l'eventuale esigenza di
utilizzo di nuove imprese o lavoratori autonomi.
Le lavorazioni di queste ultime potranno avere inizio solamente dopo la verifica tecnicoamministrativa, da eseguirsi da parte del Responsabile Unico del Procedimento, la firma
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
del verbale di coordinamento e cooperazione, la trasmissione dell'informativa dei rischi
della sede dell'Ateneo oggetto dell'appalto e l'indicazione dei costi per la sicurezza.
Nell'ambito dello svolgimento di attività, il personale, occupato dall'impresa appaltatrice o
subappaltatrice, deve essere munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di
fotografia, contenente le generalità del lavoratore, la data di nascita e l'indicazione del
datore di lavoro. I lavoratori sono tenuti ad esporre detta tessera di riconoscimento (art. 6
della Legge 123/2007). Ogni fase lavorativa dovrà essere preventivamente concordata con
il Responsabile del Procedimento e con il Responsabile della Sede. Dovranno essere date
le seguenti indicazioni prima di ogni fase lavorativa:
Responsabili che
Fasi lavorative
Procedure
sovrintendono alle
fasi lavorative
Prima della fase di fornitura del servizio deve essere
eseguito un sopralluogo presso i luoghi oggetto del
servizio. Tale sopralluogo ha l'obiettivo di verificare ogni
possibile rischio di tipo interferenziale che potrebbe
aversi durante le fasi lavorative. Sono presi accordi
logistici per la localizzazione di aree di deposito delle
attrezzature necessarie per la pulizia degli ambienti, e si
decide l'eventuale delimitazione e/o interdizione di aree
o vie di circolazione. Si concordano anche la tempistica
di intervento e l'eventuale sgombero di ambienti oggetto
della fornitura del servizio. Si verificano che gli accessi e
Fase preliminare
le vie di esodo possano sempre rimanere liberi. Nel caso
all'inizio del servizio
in cui ciò sia impossibile si dovrà provvedere alla
predisposizione di vie di esodo alternative. Sono date
indicazioni operative sugli eventuali interventi da
realizzare a cura dell'ufficio tecnico della sede. Si
concordano le fasi di pulizia all'interno dei locali tecnici.
Vengono date istruzioni sulle procedure operative di
pulizia all'interno dei locali tecnici, impartiti divieti e
prescrizioni ecc. Sono concordati i prodotti utilizzati per il
servizio ed i dispositivi di protezione collettivo ed
individuale da adottare. Nel caso di utilizzo di eventuali
piattaforme aeree e di disinfestazioni/disinfezioni la ditta
appaltatrice dovrà preventivamente comunicarne
Responsabile del
procedimento;
Responsabile
della ditta
appaltatrice;
Responsabile
ufficio tecnico
della sede;
Responsabile
della sicurezza
dell'Ateneo;
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
l'utilizzo concordando le fasi lavorative.
Durante lo svolgimento de! servizio sarà necessario
verificare la permanenza delle condizioni di sicurezza
decise nella fase precedente e segnalare ogni eventuale
variazione delle procedure già stabilite. In caso di
allacciamenti agli impianti occorrerà procedere alla
disattivazione degli stessi durante orari non lavorativi e/o
Responsabile
della ditta
con scarsa affluenza di pubblico (sabato). Le manovre
Fase dell'espletamento
sugli impianti dovranno essere effettuate unicamente dal
del servizio
personale tecnico della sede dell'Ateneo. Durante le
operazioni di pulizia dovranno essere idoneamente
appaltatrice;
Responsabile
della struttura
oggetto
delimitate le zone di intervento onde impedire l'accesso.
Qualunque nuovo utilizzo di dispositivo di protezione
dell'appalto;
individuale e collettivo dovrà essere preventivamente
comunicato al Responsabile della Sicurezza dell'Ateneo;
si dovrà prowedere preventivamente alla consegna delle
relative schede di sicurezza e dichiarazioni di conformità.
Ispezionare gli ambienti verificando di aver rimosso ogni
materiale oggetto della
Fase di chiusura delle
operazioni di fornitura
del servizio
Responsabile
fornitura. Rimuovere ogni
della ditta
dispositivo di protezione e procedere alla redazione del
appaltatrice;
verbale di chiusura della fornitura del servizio di pulizia
Responsabile
degli ambienti. In tale fase saranno consegnati i locali
ufficio tecnico
inizialmente destinati all'uso del personale delle pulizie.
della sede;
Verifica delle idoneità tecnico - professionali
-
La verifica delle idoneità tecnico - professionali consiste nella predisposizione, da parte
della ditta appaltatrice della seguente documentazione:
N.
Documentazione attestante i requisiti tecnicoprofessionali
1
iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con
oggetto sociale inerente alla tipologia dell' appalto ed indicazione
della fascia ai sensi del DM 7 luglio 1997 n. 274 se pertinente;
2
documento di valutazione dei rischi di cui all'articolo 17, comma 1,
lettera a) o autocertificazione di cui all'articolo 29, comma 5, del
presente decreto legislativo;
Presentata
In
Assente
predisposizione
6
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
3
specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni di
cui al decreto legislativo 81/08, di macchine, attrezzature e opere
provvisionali;
4
elenco dei dispositivi di protezione individuali torniti ai lavoratori;
5
nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione,
degli incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e
lotta antincendio; di evacuazione, di primo soccorso e gestione
dell'emergenza, del medico competente quando necessario;
6
nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
7
attestati inerenti la formazione delle suddette figure e dei
lavoratori prevista dal presente decreto legislativo;
8
9
10
elenco dei lavoratori risultanti dal libro matricola e relativa idoneità
sanitaria prevista dal decreto legislativo 81/08;
documento unico di regolarità contributiva di cui al Decreto
Ministeriale 24 ottobre 2007;
dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di
sospensione o interdittivi di cui all'art. 14 del D.Lgs. 81/08
(Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela
della salute e sicurezza dei lavoratori)
Identificazione dei soggetti responsabili
Committente
Ragione sociale
Università degli studi di Napoli "Parthenope"
Sede oggetto dell'appalto
Vedi capitolato speciale d'appalto
Sede Legale
Via Acton, 38 - 80133 NAPOLI
P.Iva
01877320638
Datore di Lavoro
Rettore Prof. Gennaro Ferrara
Dirigente (D.Lgs. 81/08)
Direttore amministrativo dott. Enrico De Simone
Preposti (D.Lgs. 81/08) presso la
Arch. Mariagrazia Taddeo
sede
Delegato dal Datore di Lavoro al
Rag. Luigi Scognamiglio
sopralluogo ed al coordinamento Resp. Unico del Procedimento
Responsabile
del
Servizio
di
Prof. Francesco Colangelo
Prevenzione e Protezione dai
Rischi
Addetti al Servizio di Prevenzione e Geom. Enrico Lupino, Arch. Mariagrazia Taddeo, geom. Salvatore Fucile,
Protezione dai Rischi
ing. Stefano Porreca, dott. Raffaele Andreozzi, sig. Vincenzo Rippa, arch.
Anna Gallo
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Medico Competente
Dott. Evaristo Ricci
Medico Autorizzato (se previsto)
Non previsto
Esperto qualificato (se previsto)
Prof. Mario Salvatore Festa
Addetti al "Primo Soccorso" ai
Personale interno in servizio presso la sede
sensi del D.M. 388/03
Addetti all'antincendio ai sensi
Personale interno in servizio presso la sede
del D.M. 10/03/1998
Addetti
alla
gestione
delle
Personale interno in servizio presso la sede
emergenze ed evacuazioni ai
sensi del D.M. 10/03/1998
Rappresentanti dei Lavoratori per
dott. Luciano Esposito, sig.ra Annarita Quartuccio, sig. Marco lermano.
la sicurezza aziendali
Rappresentanti dei Lavoratori per
Non presenti
la sicurezza territoriali
Appaltatore
Ragione sociale
Sede Amministrativa
Sede Legale
Cantiere operativo
Vedi capitolato speciale d'appalto
P.Iva
Datore di Lavoro
Dirigente (D.Lgs. 81/08)
Preposti
(D.Lgs.
relativamente
81/08)
al
cantiere
operativo
Delegato dal Datore di Lavoro al
sopralluogo ed al coordinamento
Responsabile
del
Servizio
di
Prevenzione e Protezione dai
Rischi
Addetti al Servizio di Prevenzione e
Protezione dai Rischi
Medico Competente
Addetti al "Primo Soccorso" ai
sensi del D.M. 388/03
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Addetti all'antincendio ai sensi del
D.M. 10/03/1998
Addetti
alla
gestione
delle
emergenze ed evacuazioni ai
sensi del D.M. 10/03/1998
Rappresentanti dei Lavoratori per
la sicurezza aziendali
Rappresentanti dei Lavoratori per
la sicurezza territoriali
Attività svolta
Committente
Università degli Studi di Napoli "Parthenope"
Attività didattica. Convegni e meeting.
Appaltatore
Servizio di pulizia degli ambienti
Identificazione dei luoghi
• L'appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di pulizia presso le sedi dell'Ateneo
di cui al capitolato speciale d'appalto.
Analisi dei rischi interferenziali
I rischi cosiddetti "interferenziali" sono stati analizzati considerando le due attività,
"committente" e "appaltatore" relativamente a tutti i tipi di rischi presenti.
Nello schema seguente sono evidenziati in maniera sintetica i rischi, la valutazione degli
stessi e gli interventi da attuare per l'eliminazione o almeno la riduzione al minimo degli
stessi.
Per la valutazione dei rischi è stata realizzata la seguente tabella di criticità con
l'attribuzione di una "scala" gerarchica di interventi e la relativa tempistica di intervento.
D.U.V.R.l. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Criticità
Identificazione del rischio
Assente
Non esiste il rischio
E presente il rischio ma in
maniera trascurabile. Il rischio è
minimo. Attuando le normali
procedure di prevenzione e
protezione previste nel sito
produttivo si elimina ogni pericolo
E presente il rischio. E necessario
attuare procedure speciali nel
caso ci sia possibile rischio da
interferenza
E presente il rischio. Le procedure
devono essere attuate
indipendentemente dal verificarsi
o meno dell'evento. Tali
procedure fanno parte integrante
dei piani di sicurezza dei singoli
soggetti coinvolti (committente,
_________ appaltatore) ________
Trascurabile
Moderato
Rilevante
Tempistica dì intervento
Al verificarsi dell'evento
Attuare le procedure al verificarsi
dell'evento (ore di lezione)
Sempre indipendentemente del
verificarsi dell'evento
1
0
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Rischio Rumore
Soggetti
coinvolti
Università
Parthenope
Appaltatore
Attività
oggetto di
analisi
Ubicazione
Attività
didattica,
convegni
meeting
Aree esterne,
corridoi, aree
interne di
transito e di
sosta
Servizi di
pulizia
Aree esterne,
corridoi, aree
interne di
transito e di
sosta
Soggetti
esposti
Presenza di rischio
interferenziale
Valutazione del
rischio
interferenziale
Misure di
prevenzione e
protezione
adottate
Rumore
Allievi, ospiti
di congressi
convegni
I livelli di esposizione al
rumore risultano essere
trascurabili in prossimità
dell'uscita delle aule e in
corrispondenza del piano
nobile ove hanno sede le
attività congressuali
Trascurabile
Nessuna
Rumore
Maestranze
della ditta
appaltatrice
Le attività non producono
rumori apprezzabili
Trascurabile
Nessuna
Tipologia
di rischio
valutata
Tempistìca
di
intervento
11
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Rischio Incendio
Soggetti
coinvolti
Attività
oggetto di
analisi
Ubicazione
Tipologia
di rischio
valutata
Soggetti
esposti
Arpp pcfprnp
Università
Parthenope
Attività
didattica,
convegni
meeting
ni CC CJLd 1 IC,
Allievi, ospiti
corridoi, aree
inf~orno r\\
convegni
interne ui
transito e di
SOSto
Arpp p^FPrrìP
r\\ cc COLCI 1 ICj
Appaltatore
Servizi di
pulizia
corridoi, aree
interne di
transito e di
Incendio
Maestranze
della ditta
appaltatrice
Presenza di rischio
interferenziale
II rischio incendio è limitato
alla zona oggetto delle
lavorazioni. I presidi
antincendio presenti sono
sufficienti a fronteggiare ogni
tipo di rischio incendio
derivante dall'attività oggetto
del presente documento.
Il rischio incendio è legato
all'utilizzo di prodotti
infiammabili. I presidi
antincendio presenti sono
sufficienti a fronteggiare ogni
tipo di rischio incendio
derivante dall'attività oggetto
del presente documento.
L'utilizzo di prodotti
infiammabili (alcool, sostanze
chimiche) deve essere
preventivamente comunicato
con indicazione delle zone di
deposito e delle modalità d'uso
Valutazione del
rischio
interferenziale
Misure di
prevenzione e
protezione
Tempistica
di
intervento
adottate
Presidi antincendio.
Procedure di
manipolazione e
stoccaggio prodotti
in idonei spazi
dedicati al deposito
di alcool,
detergenti,ecc.
Trascurabile
Presidi antincendio.
Procedure di
manipolazione e
stoccaggio prodotti
in idonei spazi
dedicati al deposito
di alcool,
detergenti,ecc.
--------------
12
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Rischio Chimico, Fisico, Biologico, Polveri, Vibrazioni,
Soggetti
coinvolti
Attività
oggetto di
analisi
Tipologia di
rischio
valutata
Ubicazione
Soggetti
esposti
Rischio
Università
Parthenope
Attività
didattica,
convegni
meeting
Aree esterne,
corridoi, aree
Chimico,
Fisico,
Biologico,
Polveri,
Vibrazioni
inforno r\\
IlìLcrric Ul
transito e di
sosta
Allievi,
ospiti di
congressi
convegni
Presenza di rischio
interferenziale
Valutazio
ne del
rischio
interfere
nziale
I rischi elettrici per il personale
dell'Ateneo dovuto all'allacciamento
delle attrezzature agli impianti
Hpll'Atpnpn
Udì rALd l^w.
h
Appaltatore
Servizi di
pulizia
Aree esterne,
corridoi, aree
interne di
transito e di
Rischio
Chimico,
Fisico,
Biologico,
Polveri,
Vibrazioni
Tempistica
di
intervento
personale tecnico
dell'Ateneo.
Efficienza degli
impianti.
Dichiarazioni di
conformità degli
impianti.
dell Ateneo sono trascurabili. Ogni
operazione agli impianti dovrà essere
effettuata dal personale tecnico
I rischi sono riferibili ai rischi elettrici
in caso di allacciamento agli impianti
esistenti.
Tale fase dovrà essere eseguita da
personale specializzato e dai
responsabili tecnici della sede
dell'Ateneo.
Maestranz e I rischi chimici sono legati all'utilizzo di
della ditta sostanze chimiche. Dovranno essere
appaltatri utilizzati prodotti non corrosivi e dotati
di schede di sicurezza. Il personale
dovrà utilizzare adeguati
dispositivi di protezione individuale e
collettivo.
Rischi fisici sono presenti nel caso di
utilizzo di piattaforme aeree, scale
ecc.
Misure di
prevenzione e
protezione
adottate
Assistenza alle
fasi lavorative
fornita dal
Moderato
Assistenza alle
fasi lavorative
fornita dal
personale tecnico
dell'Ateneo.
Utilizzo di
maestranze
specializzate.
Formazione ed
informazione delle
maestranze
utilizzate. Utilizzo
di dispositivi di
protezione
individuale.
Schede tecniche
dei prodotti e dei
materiali utilizzati.
Subito. All'atto
della
manipolazion
e di impianti
ed
attrezzature.
13
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Rischio Movimentazione materiali
Soggetti
coinvolti
Attività
oggetto
di analisi
Ubicazione
Tipologia di
rischio
valutata
Università
Parthenope
Attività
didattica,
convegni
meeting
Aree esterne,
corridoi, aree
Movimentazione
interne di
mezzi e materiali.
transito e di
sosta
Soggetti
esposti
Presenza di rischio
interferenziale
Valutazione del
rischio
interferenziale
Allievi,
ospiti di
congressi
convegni
II Rischio da
Movimentazione manuale
dei carichi non è applicabile
per il personale dell'Ateneo.
Assente
La movimentazione dei
Appaltatore
Servizi di
pulizia
Aree esterne,
corridoi, aree
Movimentazione
interne di
mezzi e materiali.
transito e di
sosta
materiali è limitata al
sollevamento di secchi
Maestranze
d'acqua, materiale di
della ditta
deposito ecc. In ogni caso di
appaltatrice
entità limitata e
sicuramente inferiore ai 30
Kg.
Trascurabile
,
D.U.V.R.I. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
Gestione delle emergenze ed evacuazione
Soggetti
coinvolti
Università
Parthenope
Attività
oggetto di
analisi
Attività
didattica,
convegni
meeting
Ubicazione
Aree esterne,
strade interne di
comunicazione
Tipologia
di rischio
valutata
Gestione
delle
emergenze
ed
evacuazion e
Soggetti
esposti
Allievi,
ospiti di
congressi
convegni
Presenza di rischio
interferenziale
La gestione delle emergenze e
delle evacuazioni avviene
secondo il piano di emergenza
ed evacuazione redatto per
l'intera sede dell'Ateneo. Le
maestranze devono
ottemperare alle istruzioni
impartite nel piano di
emergenza ed evacuazione.
Eventuali procedure previste
nel piano di emergenza della
società appaltatrice devono
essere integrate con il Piano di
emergenza per la sede
Valutazione del
rischio
interferenziale
Misure di
prevenzione
e protezione
adottate
Formazione ed
informazione.
Prove di esodo.
Adeguata
cartellonistica.
Provvedere a
delimitare
adeguatament
e le aree
oggetto di
Moderato
intprvpntTi p
C
II ILCI VCI \\-\J
quelle nelle
immediate
vicinanze. Nel
caso di
interdizione di
vie o uscite di
emergenza
provvedere alla
predisposizione
di percorsi
alternativi o
eseguire le
operazioni di
pulizia in giorni
di scarso
affollamento
(sabato)
Tempistica
di
intervento
Immediata.
Istruire le
maestranze
sulle
procedure di
esodo da
attuare in
caso di
emergenza.
15
D.U.V.R.l. Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali.
Allegato al contratto di appalto - L. 123/07 - D.Lgs. 81/08.
j.
Appaltatore
Servizi di
pulizia
Aree esterne,
corridoi, aree
interne di
transito e di
sosta
Gestione
Maestranze
delle
della ditta
emergenze
appaltatric e
ed
evacuazion e
La gestione delle emergenze e
delle evacuazioni avviene
secondo il piano di emergenza
ed evacuazione redatto per
l'intera sede dell'Ateneo. Le
maestranze devono
ottemperare alle istruzioni
impartite nel piano di
emergenza ed evacuazione.
Eventuali procedure previste nel
piano di emergenza della
società appaltatrice devono
essere integrate con il Piano di
emergenza per la sede
Formazione ed
informazione.
Prove di esodo.
Adeguata
cartellonistica.
Provvedere a
delimitare
adeguatament
i
Moderato
e le aree oggetto
di intervento e
quelle nelle
immediate
vicinanze. Nel
caso di
interdizione di
vie o uscite di
emergenza
provvedere alla
predisposizione
di percorsi
Immediata.
Istruire le
maestranze
sulle
procedure di
esodo da
attuare in
caso di
emergenza.
alternativi o
eseguire le
operazioni di
pulizia in giorni
di scarso
affollamento
(sabato)
16