sinossi

Commenti

Transcript

sinossi
| OfCA
Giovedì 8 Dicembre
Thursday 8 December
ROMAN RESTAURANT RHYTHMS
by Michael Herzfeld, 2010, 38 minutes, color. Distributed by Berkeley Media , USA
This delightful and mouth-watering documentary provides a “backstage,” behind-thescenes foray into the rhythms of food preparation in four traditional restaurants in Rome.
Behind the stately courses of a modern Roman meal -- antipasto, pasta, perhaps a diversion into pizza, then a main course, vegetable specialty, and dessert -- lays another,
more frantic tempo, hidden behind the swing doors of the kitchens. This is the space, as
one restaurant owner remarks that the customer doesn’t get to see.
“This delicious film portrays in kinesthetic detail the chefs and kitchens of four Roman restaurants. Anthropologist and director Michael Herzfeld focuses his camera on
dexterous cooks as they steadily and rhythmically slice vegetables, chop octopus, peel
roasted peppers, knead pasta, slide pizza in and out of ovens, and flip frying pans to
stir gnocchi, mushrooms, and tomato-and-basil rigatoni. In both close-up shots of hands at work and wide angle pans of kitchens, the film reveals the hard physical work of
cooking, the skill and organization of the chefs, the fresh ingredients, and the Roman
pride in local food in simple honest restaurant kitchens. This film will delight and inform
aficionados and students of food, Italy, and anthropology.” -- Carole Counihan, Professor of Anthropology, Millersville University, author of Around the Tuscan Table: Food,
Family and Gender in Twentieth-Century Florence. Michael Herzfeld: Author of ten books (mostly about Greece but most recently, Evicted From Eternity: The Restructuring
of Modern Rome, 2009) and producer of two films about Rome, Herzfeld - who also
works in Thailand - is currently specializing in nationalism, bureaucracy, craft production
and apprenticeship, knowledge politics, and heritage conservation and its social impact
(with a comparative focus on Europe and Asia). A former editor of American Ethnologist,
editor at large (responsible for “Polyglot Perspectives”) for Anthropological Quarterly,
and series co-editor of New Anthropologies of Europe, he holds honorary degrees from
the Université Libre de Bruxelles and the University of Macedonia (Thessaloniki) and is
a past winner of the J.I. Staley Prize and the Rivers Memorial Medal.
BIRDS OF PASSAGE, FRAMMENTI DI INTERVISTE TRA NAPOLI E NEW YORK
di Simona Frasca, montaggio Lucio Fiorentino, min. 18‘ Roadrunners - 2010, Italia
Tratto dal libro omonimo di Simona Frasca edito da LIM, Lucca Birds of Passage è un
documentario lo-fi che cattura alcune riflessioni attorno alla grande questione della
diaspora degli italiani negli Stati Uniti nella prima metà del Novecento, è una piccola
collezione di interviste a musicisti, editori e collezionisti napoletani e italoamericani che
procedendo secondo la logica frammentata dei ricordi restituisce l‘immagine ricca e
talvolta bizzarra degli emigrati italiani attraverso il repertorio della canzone napoletana,
uno dei primi esempi moderni di musica transnazionale. È stato presentato alla conferenza internazionale Sviluppo, Lavoro, Emigrazione per i 150 anni dell‘unità d‘Italia del
Center for Italian Studies, Stony Brook University, New York, 10 dicembre 2010. È stato
finalista alla VII edizione del Concorso Video Memorie Migranti del Museo Regionale
dell‘emigrazione Pietro Conti di Gualdo Tadino, Perugia, 16 aprile 2011.
Simona Frasca, vive e lavora a Napoli. Dottore di ricerca in Storia e Analisi delle Culture
Musicali presso l‘Università La Sapienza di Roma (dip. di studi glottoantropologici – Facoltà di Lettere e Filosofia). Ha svolto attività di insegnamento presso la Cattedra di Storia della Musica dell‘Università Federico II di Napoli e presso l‘Università per Stranieri
di Perugia. Ha condotto studi di storia sociale della musica, in particolare sul free jazz
e sull‘inizio dell‘era discografica con riguardo alla produzione popolare e l‘emigrazione
italiana in nord America. A questo proposito ha vinto una borsa di ricerca Fulbright presso CUNY (distretto universitario di New York City). Ha tenuto letture in Italia e all‘estero
(CUNY Graduate Center, New York City; St John’s College, Oxford; FRIAS, Freiburg,
Germania; DAMS, Bologna; Università di Firenze; Facoltà di Sociologia de La Sapienza, Roma; Circolo dei Lettori, Torino). È giornalista free lance (Il Manifesto, Alias, Rumore, Radio Rai, Il Giornale della Musica), in questa veste ha pubblicato reportage sulla
musica riprodotta e sui nuovi scenari della musica rock nel panorama indipendente
americano e europeo. Ha pubblicato Norah Jones, Piano Girl [Arcana, 2004] e Birds Of
Passage: i musicisti napoletani a New York (1895-1940) [LIM, 2010]. Attualmente lavora con David Riondino al progetto ―Per un monumento sonoro al Musico Ignoto‖ sulla
vita di Giovanni Martini, trombettiere del Tenente Colonnello George A. Custer emigrato
in America nel 1873.
28 DAYS ON THE MOON
by Eda Elif Tibet, min. 30‘, Cappadocia
Cappadocia (Turkey), a UNESCO World Heritage Site and a popularly visited touristic
site by millions of visitors each year, for its surreal looking moonlike landscape and undeniably rich Christian Heritage (cave churches, monasteries and underground cities)
, still remains to be inhabited by its own secluded, hospitable yet conservative, friendly
but lonely people, mostly being displaced by the tourism development of the region
in seek for better opportunities and life, elsewhere... The film tells the story of three
different villages , 5 families, 7 individuals... All interlinked yet disattached from the
common realities of each others’ lives, they comment on the daily issues and highlight
the important themes that may be of interest not only for the curious anthropologists,
but for everyone who travels or traveled at some point, from home to someone else’s
home... Home, which has been the following focus of my internal and academic search
while seeking for some truth or trace on what is it or how is it to be a Cappadocian?, I
found my self being invited not only for delicious sofras (floor dinner table) where I got
to naturally learn and participate in the every day lives, being a native anthropologist
(having grandparents from Cappadocia but being raised abroad in the Mediterranean
shores of Portugal and later in the big city Istanbul), I actually felt I was out of space at
times, mostly somewhere in the moon far away of what I knew and what I was... So the
film represents my 28 days on the moon, in which I observed and participated for that
duration, during my once in a life time field work experience...
Eda ELif Tibet, currently as a Social Anthropology research student at the University of
Kent, I aim to broaden up my capabilities of understanding on infinitive variations of human behavior and life styles. I had always been fascinated by this tremendous cultural
diversity. I try to experiment by using different techniques and media means
XANGO PERNAMBUCANO
by Sonia Bartol min. 25.00, 2004, Brasile
Mi trabajo de campo fue en la ciudad de Recife, Brasil, en el año 2004. Allí conviví seis
meses con comunidades afrobrasileñas como el Terreiro Obá Ogunté, cuyo babalorixá
(sacerdote) es Manoel Nascimento da Costa (Papai) y el Ilé Asé Obá Nocheka Arira
Ibonã en Olinda del babalorixá Marcelo Antonio Efrem de Melo (Pai Marcelo). Este
documental etnográfico muestra la última parte de una ceremonia llamada Obrigação
(Obligación), que es la salida al público. La Obrigação se lleva a cabo por los devotos
de Xangô (así se le denomina al Candomblé en el estado de Pernambuco en Brasil),
para consagrarse en el culto y dar de comer a sus Orixás (divinidades de origen africano) regentes. La ceremonia completa tiene una duración de tres días y consta de los
siguientes rituales: el Borí o Dar de comer a la cabeza, el Baño de las Folhas: Amaci Ni
Ori, el Baño de Sangre: Sundidé y la Salida Pública.
Sonia Bartol Sánchez es doctora en Antropología de Iberoamérica por la Universidad
de Salamanca, con la especialidad de Antropología de la Religión. Su investigación
se basó en los cultos afrobrasileños como el Candomblé, la Umbanda y el CatimbóJurema. Se licenció en Antropología Social por la Universidad de Sussex del Reino
Unido y en Sociología por la Universidad de Salamanca. Ha publicado artículos sobre
religiosidad, medicina popular y diversidad religiosa. Trabajó como profesora asociada
en la Universidad de Salamanca enseñando Antropología Cultural de Iberoamérica,
Antropología Médica, Antropología y Folclore y Antropología Política. En la actualidad
trabaja en la Universidad Internacional de la Rioja e imparte clases en el Máster de
Antropología de Iberoamérica en la Universidad de Salamanca.
VENERDI SANTO. LA PROCESSIONE DEI MISTERI-PROCIDA
di Frank Herz, Teatri Uniti, min. 40‘17, 2005 Italia
Il documentario è stato girato e realizzato interamente sull‘isola di Procida in tre mesi
ed è dedicato alla tradizionale processione religiosa dei ‗misteri‘ pasquali. Il iflm è stato
montato dai giovani filmakers procidani Nico e Renato Muro col suono in presa diretta
di Daghi Rondanini a seguito del seminario teorico-pratico che Herz Frank ha tenuto a
Procida, nell‘ambito del festival Il Vento del cinema, da marzo a giugno 2005.
Sull’isola di Procida, vicino Napoli, una misteriosa Processione sta per cominciare sul
finire del venerdì santo… condotta dalla Confraternita dei Turchini fin dal 1627.
Herz Frank dopo gli studi in Legge a Mosca e l‘attività di giornalista, alla fine degli anni
Cinquanta lavora presso gli studi cinematografici di Riga come fotografo e in seguito
come sceneggiatore. Dal 1964 a oggi, nella sua lunga e prolifica carriera, realizza più
di trenta documentari, riconosciuti e premiati a livello internazionale, tra cui Pane e sale
(1965), Vysšij sud‘ (Tribunale supremo, 1988); Flashback (id., 2002) e Procida, i misteri
del Venerdì Santo (2005). Il suo film più noto, che ha fatto il giro del mondo è STARŠE
NA DESJAT‘ MINUT | Ten minutes older |Più grande di dieci minuti (1978) in cui un
bambino assiste a uno spettacolo di marionette, mentre la cinepresa osserva il suo
volto, cogliendo ogni sfumatura delle sue emozioni. Frank è stato ispiratore della scuola
del Cinema poetico di Riga, fondatore della casa di produzione Studio Efef, autore di
saggi, articoli e del libro La Carta di Tolomeo. Dal 1993 vive in Israele, pur proseguendo
nella propria attività di insegnante presso i principali istituti russi di Cinematografia. Ha
ricevuto numerosi premi Internazionali e molti volumi sulla sua opera sono stati pubblicati in tutto il mondo, tra cui un capitolo dell‘opera ―storia del film d‘arte sovietico‖.
GRAVIDUS
di Marco Iannaccone , min. 15.00, Italia
Travestiti. Follia. Urla. Parto e nascita. Una ricostruzione semi seria, del parto dei femminielli, che, in quel di Napoli mimavano il parto pur di appropriarsi di una femminilità
biologica che la natura aveva loro negato. Il parto simulato era una prerogativa del “re/
regina” del gruppo. L’idea nasce dal corso di Antropologia Culturale dell’Accademia di
Belle Arti di Napoli, come prova d’esame per l’anno accademico 2010/2011
Marco Iannaccone nasce a Pagani (Sa) alla fine degli anni ‘70. Si è avvicinato alla fotografia a 12 anni durante un corso di fotografia iniziato in seconda media. La passione,
durante gli anni, non l‘ha mai abbandonato ed ha continuato questo percorso formandosi con corsi di fotografia analogica e digitale. Ha frequentato, tra i vari corsi, la Nigma
Fotografi di Napoli e la scuola di fotografia ―Riccardo Bauer‖ di Milano con ottimi giudizi finali. Ha preso parte a varie mostre collettive sia a Napoli che in altre località italiane.
Nell‘anno 2010 ha esposto quattro progetti fotografici in varie personali tra Napoli (con
patrocinio del Comune di Napoli e del Sindaco) e Roma. Ha pubblicato delle proprie
opere su riviste nazionali ed intenazionali. E’ iscritto all’Accademia di belle Arti di Napoli.
| OfCA
venerdì 9 Dicembre
Friday 9 December
COSA MANGIANO GLI ITALIANI?
di Leone Contini, min. 2‘, Serbia-Firenze, 2008-2009
Nella Ex Jugoslavia è opinione diffusa che gli italiani siano mangiatori di rane, questa
convinzione è così radicata che esiste un termine, žabari, che viene utilizzato per designare gli italiani. Žabari è infatti traducibile come mangiatori di rane o ranocchiosi.
Oltre alle rane tuttavia, gli italiani sarebbero anche divoratori di serpenti, lucertole e
gatti. L‘origine di questo pre-giudizio rimane incognita, ma la sua fenomenologia appare
interessante in quanto mette in crisi uno dei principali pilastri dell‘italianità: noi ci consideriamo il popolo che ha la migliore cucina del mondo, e siamo convinti che questa
sia una verità oggettiva e pacificamente condivisa da tutti. Lo sguardo di cui siamo fatti
oggetto da parte dei nostri vicini è dunque spiazzante in quanto si inserisce in modo
distruttivo all‘interno di una nostra autorappresentazione: scopriamo improvvisamente che la nostra convivialità è percepita
nei termini di un‘alterità onnivora, di volta in volta percepita in modo scherzoso o angosciante.
KROV NAD GLAVOM - UN TETTO SULLA TESTA
di Leone Contini, min. 04:30, Požarevac, Serbia, 2008.
Il video documenta alcune fasi della costruzione di una casa da parte di una famiglia di
profughi Rom Kossovari, temporaneamente residenti in una baraccopoli nella periferia
di Požarevac, in Serbia orientale. L‘intera famiglia appare intensamente mobilitata per
la costruzione della casa, i materiali utilizzati sono un impasto di terra e paglia, legno
e materiali di riciclo. Questo progetto riattiva abilità e conoscenze tecniche di tipo tradizionale che tornano improvvisamente ad essere indispensabili. La costruzione della
casa rappresenta la speranza di una nuova sedentarietà, di un‘uscita dalla condizione
di sradicamento imposta dalla guerra. Ma il video racconta anche la mia interazione
con i profughi e le condizioni paradossali di un incontro che avviene nel segno di una
traduzione complessa, tra momenti di empatia, umorismo e malintesi. Il costo per la
realizzazione di questo tipo di abitazione è di soli 150 euro, i dettagli con il prezzo dei
vari materiali sono elencati in una lista al termine del video. Il video è stato proiettato nel
Padiglione Rom della 54a Biennale di Venezia nel 2011.
Leone Contini, Born in Florence, 1976. Contini‘s art interventions are the result of a
process that occurs within a specific network of relationships, within a community, and
refers to areas of intercultural contact. He studied anthropology and he borrows this
tool to short-circuit spheres of common feelings and significance. His work is often not
taking place in institutional art spaces. He has exhibited in collective shows in Reload, Roma; Villa Romana, Firenze; Nosadella.Due, Bologna; Galerija Doma Omladine,
Belgrade; HSF, New York; he has had solo shows in MAC,N Museum in Pistoia; Italian
Cultural Institute of Slovenia, Ljubljana. http://leonecontini.wordpress.com/
VENERDI SANTO. LA PROCESSIONE DEI MISTERI-PROCIDA
di Frank Herz, Teatri Uniti, min. 40‘17, 2005 Italia
Rom:la nostra umanità, uomo zingaro; Gagio:l’altra umanità, uomo non zingaro; Japigia: antico nome della Puglia. Secondo una leggenda Japige, figlio di Dedalo, scappò
da Creta alla guida di sette fanciulli e sette fanciulle. Sbarcò su questa terra e fondò
una città per ogni coppia di fanciulli in modo che ognuno avesse un luogo da cui non
emigrare o scappare mai più. Tra queste città il capoluogo pugliese, Bari. Oggi Japigia
è un quartiere alla periferia di Bari, e qui vive una piccola comunità di rom fuggiti dalla
Romania. Lungo una strada trafficata una giovane rom chiede l’elemosina agli automobilisti. E’ immersa in lunghe colonne d’auto: gli autisti sono invisibili, nascosti nelle loro
vetture. La donna passa di auto in auto: ha un viso teso, spesso si arrabbia. Sbuffa, ha
il broncio. Ma ad un tratto ecco finalmente uno spicciolo: sorride e cammina contenta.
Cosa c’è oltre questa immagine? Cosa si nasconde dietro il semaforo? Una piccola
strada non carreggiata unisce/divide il mondo grande dei gagi (Japigia Gagì) e il mondo
piccolo della comunità rom. Il campo fatto di baracche di legno è circondato dagli alti
ed enormi palazzi della periferia: un villaggio nel bel mezzo di una foresta, la cultura
circondata dalla natura o se si preferisce da un’altra cultura. Il campo è abusivo e sorge
su un terreno privato. Per motivi igienici il pericolo di sgombero da parte del Comune è
incombente. Due volontari seguono da vicino la vita nel campo. Per evitare lo sgombero, la parrocchia rionale e la diocesi mettono a disposizione alcuni prefabbricati ed un
terreno di loro proprietà. Ma in cambio i rom devono mandare i bambini a scuola. Nel
frattempo impariamo a conoscere la comunità attraverso gli occhi di alcuni suoi componenti: Dorina (detta Felicira), una ragazza di 17 anni rinchiusa in un istituto per minori
che attende che il giudice la rimandi dai genitori a Japigia; Dainef (detto Artisian), un
uomo di 35 anni che attende invece l’arrivo di sua figlia dalla Romania; Daniela (detta
Aida) di 14 anni, che sogna di fare la top model e Laura (detta Isaura) di 11 anni, che
anziché andare a scuola vorrebbe andare con la madre ai semafori.
Il film e‘ stato premiato con l‘Award of Eccelence Society Of Visual Antrhopology and
American Anthropology Association, Sasà International Film Awards, Celebration the
30 Years of the United Nations Environment Programme/Mediterranean Action Plan
(UNEP/MAP), Second Prix International Art Gipsy Competetion (Lanciano, Italia).
Giovanni Princigalli, laureato in Scienze Politiche a Bari, dove segue i corsi di antropologia
Rom con Piasere e sociologia con Cassano,
studia poi sceneggiatura a Cagli con Piccioni e
Contarello, cinema antropologico a Parigi con
Comolli (ex assistente di Jean Rouch), documentario con Pinelli (ex assistente di Fellini) alla
Scuola R. Flaherty. A Montreal si laurea con Silvestra Mariniello in cinema con una tesi in sceneggiatura “incanti e disincanti del fragile eroe”.
Per la rivista socioanthropologica Lares pubblica l‘articolo ―Il racconto di una realtà credibile,
riflessioni su documentario e film antropologico‖. I suoi documentari sono stati selezionati
in Canada, USA, Cuba, Argentina, Colombia,
Africa, China, Europe, vincendo premi in USA,
Serbia ed Italia; sono stati trasmessi da Planet,
Canal Vox, Rai, Repubblica TV e citati in storia
del documentario italiano di Marco Bertozzi ; Il
film etnografico in Italia di Francesco Marano,
e da riviste etno-sociali e di cinema in Canada,
Usa, Italia. Attualmente vive a Montreal dove è
titolare della società di produzione Heros Fragiles.
THE PLASTIC FLOWERS NEVER DIE
by Roxanne Varzi, 2008, 34 minutes, distributed through DER, USA/Iran
The war with Iraq was the largest mobilization of the Iranian population, achieved primarily by producing and promoting a culture of martyrdom based on religious themes
found in Shi’a Islam. Martyrdom became state policy. Khomeini made it clear the war
was a spiritual one that the people, and not a professional army, would fight. It would
be a sacred defense; a war of good against evil, of spirit against military might, where a
human wave of believers would form a wall of defense against the Iraqis. Over 800,000
people died.
Roxanne Varzi Anthropologist, writer and filmmaker spent twelve years researching and
writing about post-Revolution public culture in Iran. As an Iranian-American who was
born in Iran and left shortly after the Revolution she found that even though she had
missed the war with Iraq it was omnipresent. She spent a year in Iran without a film
permit speaking to ideologically driven mural painters, museum curators, war vets and
other cultural producers alongside the secular youth who were meant to consume the
culture created by the government. The result is an experimental documentary and meditation on the aftermath of the war, and especially the mourning after.
MAS ALLA’ DE LA SANTERIA
by Parsifal Reparato, min. 30‘50 2011, Cuba
L‘esperienza dell‘HIV ripercorsa attraverso la narrazione del protagonista che lascia
entrare lo spettatore nel profondo della sua esperienza di vita. Un viaggio attraverso
la Santería (la religione con più seguito a Cuba) e la lotta contro l‘aids a Cuba, dove il
Sistema Sanitario Nazionale promuove un discorso sulla prevenzione e le terapie alternative, combinando molteplici linguaggi al di là della biomedicina. Così come i sacerdoti
della Santería sono protagonisti di un discorso che va al di là della religione.
Un percorso antropologico che restituisce uno spaccato di Cuba, in merito all‘integrazione tra sistema sanitario e religione, attraverso il racconto del protagonista che riesce
a condividere la sua esperienza con l‘antropologo-spettatore, e a raccontarsi attraverso
un percorso dialogico che ha portato alla concretizzazione di questo lavoro. Dove la
rappresentazione visiva esprime facilmente il comportamento emotivo esteriorizzato e
gli indizi visivi dell‘identità. Il documentario nasce nel corso di una ricerca per una tesi
di laurea in Antropologia medica sull‘esperienza di malattia e percorsi terapeutici nella
Santería cubana in merito all‘HIV. La ricerca sul campo è durata 5 mesi ed il documentario ha ricevuto il patrocinio dell‘Università degli Studi di Roma.
Parsifal Reparato nasce nel maggio 1985, a Napoli dove vive fino al 2004. Poi si trasferisce a Roma per studiare Antropologia presso l‘Università degli Studi di Roma ―
Sapienza‖. Sin da bambino nutre una forte passioni per le arti visive, ma è negli anni
universitari che coltiva la sua passione per la fotografia e il cinema. Nel 2009, con un
gruppo di amici dà vita ad un progetto di produzione di audiovisivi. Partecipa ad un corso di direzione della fotografia tenuto da Roberto Girometti alla SAS Cinema.
Con l‘avanzare degli studi Parsifal cerca sempre più assiduamente una soluzione per
portare ad un concreto incontro l‘antropologia e il cinema, tentando di rinnovare anche
l‘ambiente accademico. Nel 2010 viene approvato il progetto di ricerca - sui percorsi
terapeutici nella Santería Cubana - dall‘Università. Nel corso della ricerca di laurea a
Cuba, Parsifal porta con sé la videocamera (Canon XH-A1), convinto di poter utilizzare
la videocamera come utile strumento d‘indagine etnografica: un «catalizzatore di eventi
che riesce a connettere due ―mondi‖ intimamente». Sulla scia degli insegnamenti di
maestri come Jean Rouch, Mac Dougall ed Edgar Morin che hanno definito questo stile
di regia come cinéma vérité, dove l‘idea enfatizza il fatto che si tratti della verità su un
incontro piuttosto che di una verità assoluta o innegabile, Parsifal rielabora queste teorie fino ad arrivare all‘ipotesi di utilizzo della videocamera come strumento terapeutico.
LA ZAMPOGNA TRADIZIONALE DELLA CAMPANIA
di Giuseppe MAURO, min. 60‘ , Italia
La zampogna (quale strumento musicale) viene collegata solo al Natale. Non è così.
In molte località della Campania, soprattutto in provincia di Salerno, in zone rurali, la
zampogna è protagonista in molte occasioni dell‘anno ed è presente in rituali, pellegrinaggi e processioni, feste, del periodo primaverile ed estivo. Si sono riprese varie località del salernitano, dove la pratica dello strumento (sia come costruzione che impiego)
è tutt‘oggi viva e ben radicata. Ci si è soffermati in particolar modo sui rituali, sacri e
profani, sulla realizzazione delle ―cente‖, una costruzione votiva di candele, e su come
queste vengano portate in processione, quale voto, penitenza, ringraziamento.
Il ballo della tarantella con le ―cente‖ rappresenta un retaggio di paganesimo a cui
tuttavia le popolazioni sono molto legate.
Il documentario , con marcata impostazione etnografica, ha una durata di 60 minuti,
riprende tredici località ( in feste e rituali ) diverse della Regione Campania con 36 suonatori complessi, sette modelli diversi di zampogne: al repertorio natalizio sono dedicati
solo tre minuti.
| Labyrintho
venerdì 9 Dicembre
Friday 9 December
TRA UOMINI E SANTI. RITUALI CON BOVINI NELL’ITALIA CENTRALE
di Gianfranco Spitilli e Marco Chiarini, min. 116, Italia
Una ricerca sul campo avviata dall’osservazione di un bue inginocchiato al passaggio
del santo, nella festa di san Zopito a Loreto Aprutino, ed estesasi all’Italia centrale per
cogliere le complesse valenze simboliche e culturali di altri otto eventi festivi, caratterizzati allo stesso mondo dall’uso cerimoniale di bovini: la Madonna della Neve a Bacugno di Posta, sant’Urbano a Bucchianico, san Pardo a Larino, il Bov Fint a Offida, la
ss. Croce a Pastena, la Madonna di Costantinopoli a Portocannone, la Madonna della
Pietà a Rocca di Mezzo e la Madonna Assunta a Valentano. Con un ricco apparato
iconografico e un DVD allegato contenente un documentario sulle nove feste, il volume
analizza le relazioni tra comunità, bovini e santi e il peculiare universo culturale segnato
dalla presenza di animali che, mediatori tra la comunità umana e la dimensione mitica,
si rivelano capaci di ampliare le facoltà percettive, interpretative ed operative dell’uomo.
Gianfranco Spitilli, nato nel 1975, è dottore di ricerca in Etnoantropologia (Università
―La Sapienza‖ di Roma). Svolge ricerche audiovisive dal 2002, realizzando filmati per
allestimenti museali e video di documentazione, in particolare sulle feste e le processioni dell‘Italia Centro-Meridionale. Nel 2003 ha realizzato il suo primo documentario
etnografico, ―Il Bue di San Zopito. Le Voci della Festa‖, con il cineasta Marco Chiarini.
RAPRESENT
by Ivana Todorović , 2008, Serbia
This film is a portrait of Bojan, a young man with a passion for graffiti and hip-hop. Bojan
was born in Split, Croatia. He lost his father during the civil war and escaped with his
mother and sister to Serbia. When he was 11 his mother died and he was put in an
orphanage. At the age of 18 he became homeless and lived on the streets of Belgrade.
He was 21 when he died from an overdose, one year after this film was shot. BOJAN
RAPRESENT (29.05.1988-11.06.2009) RESPECT RST ―A rare totally authentic, no
nonsense documentary etude of the highest order about a young, self-destructive graffiti artists living in the streets of Belgrade, homeless, but never hungry; there is a heartbreaking thing or two to be learned about eating food from garbage containers and
telling it with disarming honesty and yes, even charm, straight to the camera.
Major screenings: Premiere at London International Documentary Film Festival LIDF
Rotterdam Film Festival South Easter European Film Festival, LA NXNE Film @ Music Festival, Toronto International Woman‘s Film Festival, Cologne, Germany Canary
Wharf Film Festival, London , UK Awards: BEST STORY FILM award from audience at
FILM FOR PEACE Festival, Italy Best National Award at XVIII International Festival of
Ethnological Film Belgrade Serbia Other Festivals: THESS SHORT FILM FESTIVAL,
Greece; Uno Port Art Films Festival, Japan; A Film for Peace Festival, Italy; Gottingen
Ethnographic Film Festival, Germany;WordFilm Festival, Tartu, Estonia ; Kratki Metar Festival, Belgrade, Serbia; Astra Festival, Sibiu, Rumunia; Kino Kriterion, Sarajevo,
Bosnia;Balkan Festival, Moscow, Russia;Canary Wharf Film FEstival, London , UK;
Balkan Snapshots Festival, Amsterdam. Ivana Todorovic is social documentary filmmaker from Belgrade, Serbia. She has shot, directed and co-produced three short social
documentary films in Belgrade and New York City with the aim of both helping the people she filmed and producing social change. In 2009 ― A Harlem Mother‖ about mother
who after losing her only son, she decides to fight despair by organizing her Harlem neighborhood against gun violence. In 2008 ― Rapresent‖ about 19 years old homeless
young man Bojan who is passionate graffiti artist and hip hopper surviving on the streets
in Belgrade. In 2006 ― Everyday life of Roma children from Block 71‖ about Roma
children living in shanty town in Belgrade. Her documentary films have been shown
in over 50 International Film Festivals around the world (such as Festival de CannesShort Film Corner, Rotterdam,Rooftop,Palm Springs Shorts, Michael Moor’s Traverse
City Festival) and have been used in educational settings for high school and university
classrooms, including NGOs, in order to bring awareness to social issues. Films have
won acclaim in USA ( Utah, New York, North Carolina) , Italy, Russia, Serbia and Canada. Ivana is 2010 participant of the New York Foundation for the Arts Immigrant Artist
Project 2010. Currently, she is in editing room with her new short documentary ― Makis
City‖ supported by Museum of Contemporary Arts in Belgrade,Serbia . And in production with film “ Behind the Mirror” about four friends, transgender sex workers who will
shake up Belgrade with their choreography performance!
SITA SINGS THE BLUES
by Nina Paley, min. 80, India
Sita is a Hindu goddess, the leading lady of India‘s epic the Ramayana and a dutiful
wife who follows her husband Rama on a 14 year exile to a forest, only to be kidnapped by an evil king from Sri Lanka. Despite remaining faithful to her husband, Sita is
put through many tests. Nina (the filmmaker Nina Paley herself) is an artist who finds
parallels in Sita‘s life when her husband – in India on a work project - decides to break
up their marriage and dump her via email. Three hilarious Indonesian shadow puppets
with Indian accents – linking the popularity of the Ramayana from India all the way to
the Far East - narrate both the ancient tragedy and modern comedy in this beautifully
animated interpretation of the epic.
In her first feature length film, Paley juxtaposes multiple narrative and visual styles to
create a highly entertaining yet moving vision of the Ramayana. Musical numbers choreographed to the 1920’s jazz vocals of Annette Hanshaw feature a cast of hundreds:
flying monkeys, evil monsters, gods, goddesses, warriors, sages, and winged eyeballs.
A tale of truth, justice and a woman‘s cry for equal treatment. Sita Sings the Blues earns
its tagline as “The Greatest Break-Up Story Ever Told.”
Nina Paley (b. 1968, USA) is the creator of the animated musical feature film Sita Sings
the Blues, which has screened in over 150 film festivals and won over 35 international
awards including the Annecy Grand Crystal, The IFFLA Grand Jury Prize, and a Gotham Award. Her adventures in our broken copyright system led her to copyLeft her film,
and join QuestionCopyright.org as Artist-in-Residence. Prior to becoming an animator
Nina was a syndicated cartoonist; she is now re-Freely releasing all her old comics with
a Copyheart message. A 2006 Guggenheim Fellow, Nina is currently producing a series
of animated shorts about intellectual freedom called Minute Memes, and a new daily
comic strip, Mimi & Eunice.
I DREAM OF MUMMERS
by Adela Peeva, min. 26‘, Bulgaria
Decho (68) and Uncle Ivan (75) live in the small village of Sushitsa in southern Bulgaria. Decho is 68, and Uncle Ivan is 75. They have been friends for as long as they can
remember, and for over 50 years, in late summer, they dress as mummers (called ―
kukeri‖ in Bulgaria) and take part in the ―kukeri‖ dance in the village square. A custom
whose origins are hidden far back in the past, a tradition that has become part of the
history of an entire nation. This custom is found in many places in Bulgaria, but here, in
this village, it has almost completely preserved its authenticity and can still be seen as
it was performed centuries ago. For people here, this is the biggest feast of the year.
Bells are tinkling, costumes and masks are taken out of drawers and attics. Everything
looks just like in an old newsreel from 1942 found in the National Film Archives, footage
of the same celebration in the same village...
Adela Peeva hold a degree from the Academy for Film, Theathre and TV in Belgrade.
From 1973 till 1990 she worked at the Documentary Film Studio in Sofia. The films of
Adela Peeva are always dealing with controversial subjects. Some of her films (―In the
name of sports‖, ―Mothers‖) were prohibited by the communist regime. Later on, after
the democratic changes the were screened both in Bulgaria and abroad and awarded.
| OfCA
Sabato 10 Dicembre
Saturday 10 December
SONGS FROM THE NICKEL
by Alina Skrzeszewska, min 83, 2010, USA
Sirens, screams, laughter, singing, bartering: these are the sounds sweeping into the
rooms of Downtown Los Angeles’ old forgotten hotels. Their inhabitants’ stories tell of
lives lived on the margins. Some residents stay for a few months. Others have lived
there for as long as 40 years. According to Charlie, the desk clerk at the King Edward
Hotel, ―you can be anything you want; you can do anything you want - and nobody
gives a damn!‖ After all, we‘re on America‘s most notorious skid row, also known to oldtimers as the Nickel.
Alina Skrzeszewska was born in Wroclaw/Poland. During the politically charged years
after the
outbreak of the Solidarity movement her family emigrated to West Germany, and Alina
grew up in Munich. She studied Stage Design and Art&Media at the University of the
Arts in Berlin, and
received an MFA in Film&Video from the California Institute of the Arts. Alina’s work meanders between essayistic and documentary forms. Her films often talk about fringes,
borders, boundaries: be they spaces that carry borders within them, or people whose.
SAMMASTIANU
by Katia Ballacchino, min. 14.54, USA/Italia
Il documentario è stato girato nel 2006, durante la festa di San Sebastiano di Melilli, in
provincia di Siracusa, in cui il 3 e 4 Maggio di ogni anno si svolge un imponente pellegrinaggio dei cosiddetti ―nuri‖ – uomini, donne e bambini vestiti di bianco e con al fianco
una fascia rossa e in mano un mazzo di fiori – provenienti da molta parte della Sicilia
orientale e non solo. Si tratta di un primissimo lavoro di ricerca etnografica su questo
pellegrinaggio siciliano che richiama centinaia di devoti al Santo anche dall‘estero e,
in particolare, da Middletown, in Connecticut (Stati Uniti), città che ospita migliaia di
mellillesi emigrati all‘inizio del secolo scorso che, peraltro, ricreano la festa in contesto
migratorio con interessanti varianti. Questo prodotto visuale vuole essere semplicemente un primo breve resoconto dei principali passaggi dell‘istituto festivo in questione,
concentrandosi in particolar modo sulla carica emozionale che si nota all‘arrivo dei
pellegrini nella Chiesa intitolata al Santo, momento apicale e terminale di un percorso
di fatica dovuto al viaggio a piedi dei devoti provenienti dai paesi limitrofi.
Katia Ballacchino: nata a Augusta (SR) nel 2009 consegue il titolo di Dottore di Ricerca
in ―Etnologia e Etnoantropologia‖, alla Facoltà di Lettere dell‘Università di Roma ―
Sapienza‖ con una tesi sulla Festa dei Gigli di Nola, le sue migrazioni e i processi di
patrimonializzazione. Ha svolto ricerche in campo antropologico (in Italia centrale e meridionale, Romania e Stati Uniti), sviluppando le seguenti tematiche: migrazione, mediazione culturale e diritti umani; festa, patrimonio immateriale, cibo e processi identitari e
di patrimonializzazione. Ha realizzato la catalogazione tramite schede BDI del Canto
dei Battenti di Minori (SA) e della festa dei Gigli di Nola nel progetto di candidatura della ―Rete Italiana delle Macchine a Spalla‖ per la lista rappresentativa del Patrimonio
Culturale Immateriale dell‘Unesco. E‘ docente a contratto presso l‘Università del Molise
e docente nel Master di I livello in Mediazione culturale e religiosa dell‘A.S.U.S. (Accademia di Scienze Umane e Sociali) Università Pontificia Salesiana di Roma, Facoltà di
Filosofia. Tra le sue pubblicazioni: ―Chèrie ed Electra: crescere a Guidonia ricordando
la Romania”, (2006); ―Il Giglio di Nola a New York. Uno sguardo etnografico sulla festa
e i suoi protagonisti‖, (2008); (a cura) La Festa. Dinamiche socio-culturali e patrimonio
immateriale (2009), ―La zuppa, il fuoco e il lago. Cibo e identità intorno al lago di Bolsena‖, (2009, con Alessandra Broccolini), ―Embodying devotion, embodying passion.
The Italian tradition of the festa dei Gigli in Nola‖, in Encounters of body and soul in
contemporary religiosity. Anthropological reflections, Anna Fedele and Ruy Llera Blanes (ed.), (Berghahn Books, Oxford – New York, 2011).
A GROUSSA NAMOU
by Massimo Pizzocaro and Elissavet Laloudaki, min 52‘, 2011 Grecia
In Eastern Peloponnese, in a remote region in the shadow of Mt Parnon, live the Tsakonians, a stubborn group of native Greeks. For 3,000 years now, they have been
speaking an ancient dialect, the only surviving representative of the Doric language.
They never abandoned it, not even when the Attic-based Koiné (from which Modern
Greek derives) became the first common dialect of all Greeks and the lingua franca of
the entire Mediterranean. Having survived for a great many centuries, the Tsakonian
dialect entered a period of neglect in the 1960s, and may currently be approaching its
end. The national language was imposed through compulsory schooling, roads were
opened for the first time, tourists began to arrive, many locals emigrated or took to the
sea. Now the time has come to face a simple truth: when you lose your language, you
lose your world. Tsakonian is not unique in this respect. According to the UN, half of the
languages spoken today face the same threat of extinction and oblivion. This movie is
about the loss of identity: what it means to know that your language will have vanished
in a hundred years’ time.
Elissavet Laloudaki, born in Athens, Greece, she graduated from the University of
Athens in Modern Greek Literature and from La Sorbonne – Paris IV (DEA); her academic research and work were focused on the poetry of Nikos Karouzos. She is travelling
constantly around the world since 1996 working as a journalist and she published hundreds of travelling articles in Greece and abroad. She studied music and theater. She
speaks fluently Greek, French, English, Italian and some Arabic.
Massimo Pizzoccaro, born in Milan, Italy, he studied photography at the Istituto Europeo di Design. Since 1986 he is teaching at Focus school of Photography in Athens. In
1994, after a successful career as an advertising photographer, he decided to switch to
travel photography. He published his work in some of the major magazines worldwide
as Geo magazine, National Geographic, Conde Nast Traveller, Marie Claire, Elle, Focus, Panorama Travel, Gente Viaggi, Bell’Europa, D della Repubblica and in almost all
the Greek magazines. He participated in various exhibitions and glossy books editions.
During last years he works as director of photography for documentary films. He has
travelled around the globe and speaks Italian, Greek, English and a few words of Spanish and French.
FLYOVERDELHY
by Paolo Favero and Angelo Fontana, min. 53, 2005, Sweden/India
Based on an anthropological research on modernity and globalization in New Delhi,
FLYOVERDELHI offers a series of snapshots on the life of young middle class men and
women in
this Indian metropolis. Young managers, sports professionals, journalists, tourist guides, airline hostesses, and dj‘s tell their experiences of growing up in a country that
since 1991 has definitely opened up to the global market. The changes in lifestyles, the
relationship to tradition, the growth of feelings of pride
towards an India projected, in their visions, to become one of the leading powers in the
world, the
ideas of the ‗West‘, issues of love, sex and marriage, are the themes addressed by the
characters
presented in the film. With a visual language echoing the one of the video-clip alternated with more, stylistically speaking, ‗classical‘ moments, the film introduces the viewer
to a modern India seldom depicted in Western mass media, awakening also questions
regarding the meaning of globalization in today‘s world.
Paolo Favero. docente di antropologia all‘università di Lisbona e direttore del master in
Culture Visive Digitali. Cittadino italiano e svedese, autore di numerose pubblicazioni
in più lingue, membro dell‘Associazione Europea di Antropologia Culturale, Favero è
vissuto anche in India, per una decina di anni. Si è laureato a Stoccolma con un libro
sull‘identità culturale dei giovani della classe media a Nuova Delhi. Per un certo periodo
ha insegnato Cultura Visiva all‘Università di Londra.
Angelo Fontana. With a background as an anthropologist, Fontana lives and works since 1982 between Italy, Nepal and India. He has directed documentaries on behalf of the
Nepali TV like Jal Danab and Adrisha Satthru (1986 and 1987) and The Smiling Face
of the Moon (Tibet 1985). With What Does Om Prakash Do in Kathmandu he won the
prize as best documentary at the Festival Cinema Giovani, Turin, Italy 1992. Recently
he has been working for various TV-channels and directed documentaries in different
regions of Asia.
BASTARDS OF UTOPIA
by Maple Rasza and Pacho Velez, min. 54‘12
Three Croatian activists struggle to change the world. As children, they lived through
the violent collapse of Yugoslavia. But now, amid the aftershocks of socialism’s failure,
they fight in their own way for a new leftism. In the middle of the struggle, a skeptical
American is won over by their cause and even goes to jail with them. The activists,
whether clashing with police or squatting in an old factory, risk everything to live their
politics. But as the setbacks mount, will they give up the fight? The film, shot during
years of fieldwork with a Croatian anarchist collective, applies EnMasseFilm’s unique
blend of observation, direct participation and critical reflection to this misunderstood
political movement. Its portrayal of activism is both empathetic and unflinching—an
engaged, elegant meditation on the struggle to re-imagine leftist politics and the power
of a country’s youth.
Maple Razsa is an anthropologist, activist and documentary filmmaker. He is committed
to using text, images and sound to embody the experience and political imagination of
contemporary social movements. Maple‘s work from Croatia, Slovenia, Mozambique,
and the US has shown in such fora as the George Eastman House, The Harvard Film
Archive, Museum of Fine Arts, Boston and festivals from Taipei to Turin. Currently an
Assistant Professor of Global Studies at Colby College, Maine, USA, Razsa has previously held appointments at MassArt as well as Stockholm, Ljubljana and Harvard
Universities.
Pacho Velez is interested in personal stories that help to illuminate greater political
issues. He is proud to have worked for the Service Employees International Union, for
whom he co-directed a documentary about service workers at Harvard. His films have
screened at Silverdocs, the RIFF, and the Telluride Indiefest. He won the Best Documentary prize at the Ivy Film Festival two times, as well as a prize for humanitarian filmmaking from the New England Film Festival. In 2006, the US Department of Education
awarded him a Javits Fellowship. In 2010, he graduated from CalArts with a MFA in Film
/ Video and began to teach at Harvard University.
A HARLEM MOTHER
by Ivana Todorovic 13‘ USA/Serbia
In 1998, 18 year old LaTraun Parker made a documentary about the difficulties of
growing up in Harlem. Eights years later he was shot dead on the street. Today his mother Jean Corbett-Parker fights youth gun violence and helps other parents survive the
pain through her organization, Harlem Mothers. Weaving footage from LaTraun‘s own
film with scenes from Jean‘s new life today, A Harlem Mother is a short documentary
that tells this tragic and inspirational story from the dual perspectives of mother and son.
―By far the most intense contribution was A Harlem Mother, the story of a woman who
lost her son to gun violence. Directed by Ivana Todorovic, we are taken through the
pain and heartbreak that so many parents living in Harlem have endured and continue
to endure today. When the documentary ended and the credits rolled, the theatre was
silent – as we struggled with the emotional journey we had just taken‖ review from Susan Peake , http://www.reviewvancouver.org/sp_wiftv10.htm
Ivana Todorovic is social documentary filmmaker from Belgrade, Serbia. She has shot,
directed and co-produced three short social documentary films in Belgrade and New
York City with the aim of both helping the people she filmed and producing social change. In 2009 ― A Harlem Mother‖ about mother who after losing her only son, she decides to fight despair by organizing her Harlem neighborhood against gun violence. In
2008 ― Rapresent‖ about 19 years old homeless young man Bojan who is passionate
graffiti artist and hip hopper surviving on the streets in Belgrade. In 2006 ― Everyday life
of Roma children from Block 71‖ about Roma children living in shanty town in Belgrade.
Her documentary films have been shown in over 50 International Film Festivals around
the world (such as Festival de Cannes-Short Film Corner, Rotterdam,Rooftop,Palm
Springs Shorts, Michael Moor’s Traverse City Festival) and have been used in educational settings for high school and university classrooms, including NGOs, in order to bring
awareness to social issues. Films have won acclaim in USA ( Utah, New York, North
Carolina) , Italy, Russia, Serbia and Canada. Ivana is 2010 participant of the New York
Foundation for the Arts Immigrant Artist Project 2010. Currently, she is in editing room
with her new short documentary ― Makis City‖ supported by Museum of Contemporary Arts in Belgrade,Serbia . And in production with film “ Behind the Mirror” about four
friends, transgender sex workers who will shake up Belgrade with their choreography
performance!
L’UOMO, L’ANIMALE, LA MASCHERA. QUATTRO CARNEVALI ITALIANI
di Mauro Gioielli, min. 20‘ 2008, Italia
Dvd che documenta quattro tradizioni carnevalesche caratterizzate da maschere zoomorfe: Samugheo (Urtzu e Mamutzones), Castelnuovo al Volturno (Cervo), Tufara (Diavolo), Putignano (Orso) Palladino editore, Samnium Service, Campobasso, gennaio
2008 Collana di Antropologia Visiva, AV.7, durata 20’, Palladino Editore!
Mauro Gioielli è il fondatore del gruppo musicale “Il Tratturo”, con cui a tenuto più di
1000 concerti. E’ un cultore evoluto delle discipline demoetnoantropologiche ed ha pubblicato numerosi saggi e scritto numerosissimi articoli soprattutto di etnomusicologia
per la rivista Utriculus, organo informativo del Circolo della Zampogna, di cui è anche
curatore in collaborazione con Antonietta Caccia. Come filmaker ha realizzato diversi
lavori. Per maggiori ragguagli rimandiamo al suo sito. http://www.maurogioielli.net/homepage.htm
LA RINASCITA DEL CARNEVALE DI LAJETTO
di Piercarlo Grimaldi, Davide Porporato e Luca Percivalle Università degli Studi di
Scienze Gastronomiche, Dipartimento di Studi Umanistici dell‘Università degli Studi
del Piemonte Orientale e Laboratorio Ecomusei della Regione Piemonte, DVD, durata
21‘37‘‘, 2011 Italia
Già dalla sera precedente l’Epifania, quando tutti dormivano, i giovani rastrellavano tutti
quegli oggetti che venivano lasciati nei cortili come carrette, gerle, scale e tutto quello
che si può trovare davanti alle case, per ammucchiarli nella piazza della chiesa del
paese. Al risveglio le persone scoprivano la mancanza degli oggetti ed erano costrette ad andare in piazza per raccoglierli. Questi fatti erano denominati le ―disprezie‖!
Le ―buzaie‖ invece erano rime e scherzi letti davanti alla chiesa, all’uscita da messa,
da due uomini accompagnati da un terzo che reggeva un grande ombrello colorato ed
una candela. Le rime prendevano in giro ed a volte, scherzosamente, maritavano le
ragazze o alludevano a difficili accoppiamenti di persone. La domenica grassa finalmente si svolgeva il carnevale ed ognuno aveva il proprio personaggio da rappresentare. La festa popolare della frazione Lajetto ritorna a rivivere quest’anno, nel tempo di
Carnevale, dopo un silenzio durato oltre cinquant’anni, e grazie al libro ―Lou Carlevé
dou Lieut” di Piercarlo Grimaldi-Alfredo Re. Tavole: Giorgio Cinato raccolto da Tsambra
Francoprovensal, per Chambra d‘Oc, alla passione di alcuni abitanti e alla costanza di
una ex assessore alla montagna del comune di Condove, Emanuela Sarti, che hanno
ricostruito le forme e le pratiche di questo eccezionale Carnevale alpino. La serata sarà
accompagnata dal concerto dei Troveur Valdotain.
Piercarlo Grimaldi, professore di Antropologia Culturale presso l’Università degli Studi
di Scienze Gastronomiche di Polenzo [email protected]
Davide Porporato, ricercatore di Etnologia presso l’Università degli Studi del Piemonte
Orientale.
Luca Percivalle, regista e ricercatore di antropologia visiva.
BAM PHOTOGRAPHIC RESCUE PROJECT
by Màryàm Ràz - min. 18.56, Photography Archive Foundation, 2006, Iran
BAM PHOTOGRAPHIC RESCUE PROJECT è un documento che descrive il recupero
degli archivi fotografici della città di Bam dopo che è stata distrutta da un tremendo
terremoto. Il lavoro delle due cineaste diventa un impegno fisico nello scavare tra le
macerie, azione che sarà seguita dal lavoro di ripulitura e d’archiviazione. Segue una
galleria d’immagini legate all’emozione del quotidiano
Nel 2003 Bam, una città nel centro dell‘Iran, fu distrutta da un enorme terremoto. Più di
mezza della popolazione morirono durante questo terremoto. Poichè il terremoto successe alle 5 di mattina, molti si svegliarono in una situazione completamente diversa
della notte precedente. Tutte le case furono distrutte, perdendo anche persone a loro
care. La mattina la gente si svegliò senza alcun segno delle cose a cui dipendeva. Durante questi giorni, Parisa Damandan, la fotografa ed archivista Iraniana andò a Bam
per salvare le fotografie e i negativi che esistevano negli studi ed archivi fotografici che
anche questi furono distrutti.
Questo progetto ed anche questo documentario sono fatti per recuperare la memoria
con concentrazione sul valore fisico della fotografia come un simbolo dell‘attimo che è
passato e perciò considerato perso. Questo corto ha provato a documentare il processo
di salvare le fotografie di Bam, utilizzando queste foto che sono state scavate.
Màryàm Ràz, giovane cineasta iraniana si sta specializzando presso l’Accademia di
Belle Arti di Napoli in fotografia. Attratta dalla cultura dell’Italia meridionale, sta sviluppando i suoi progetti di ricerca in quest’area, in particolar modo nelle periferie della città
di Napoli dove sta documentando le vicende dell’Orchestra di San Giovanni a Teduccio.
IL PRANZO DEL PURGATORIO
di Marco Marcotulli, min. 21‘39‖, Italia
Ogni anno a Gradoli, il Mercoledi delle ceneri, ha luogo il Pranzo del Purgatorio. Esso
deve il suo nome alla Fratellanza del Purgatorio, una associazione laica di mutuo soccorso alla quale appartengo gli uomini a cui spetta il compito di cucinarlo. La Fratellanza
del Purgatorio di Gradoli e‘ una istituzione molto antica. Le fonti fanno risalire la sua
fondazione al periodo compreso tra la fine del 1600 e gli inizi del 1700. Piu‘ difficile stabilire l‘epoca a cui rimonta la tradizione del pranzo, anche se nel 1960 la Fratellanz ane
ha festeggiato i 400 anni. La notte tra il martedi grasso e il mercoledi delle ceneri viene
accesa la catasta di legna che servira‘ a fornire il fuoco col quale vengono cucinate tutte
le pietanze. La cucina e‘ organizzata per settori, ognuno sotto il comando di un responsabile. Ogni portata viene preparata secondo una procedura rigidamente codificata.
Marco Marcotulli, Inizia il suo percorso in compagnia delle immagini nel 1982 con l‘esplorazione e la documentazione delle attività umane nelle loro varie forme. Passando attraverso la fotografia pubblicitaria arriva al reportage nel 1989 e viene ammesso
nell‘Ordine dei giornalisti nel 1992. Segue costantemente l‘evoluzione del linguaggio
fotografico ed esplora l‘aumentare delle possibilità espressive ed artistiche insite nella
tecnologia digitale. Il suo lavoro è da molti anni orientato verso l‘editoria, la realizzazione di immagini finalizzate alla costruzione di ambienti in realtà virtuale ed alla ricerca nel
campo dell‘antropologia visuale. Crea un museo on-line avente lo scopo di documentare i Patrimoni Immateriali italiani ed ottiene il Patrocinio dell‘UNESCO alla sua opera.
Alla sua normale attività professionale affianca una intensa attività di mostre sia in Italia
che all‘estero. Da circa dieci anni la sua attività comprende anche la realizzazione di
documentari di carattere demo-etno-antropologico collaborando con le più importanti
istituzioni italiane di questo settore.
LA FESTA MIGRANTE: I GIGLI DI NOLA A NEW YORK
di Katia Ballacchino, min. 13‘30, Italia
Il breve documentario è stato girato nel 2006, durante il primo anno di dottorato in Etnologia ed Etnoantropologia che l‘autrice stava allora svolgendo.
Si tratta del frutto di un primissimo lavoro di ricerca etnografica svolto a Williamsburg
(quartiere di Brooklyn), negli Stati Uniti, per documentare la festa dei Gigli di Nola (Napoli) dislocata in contesto migratorio italoamericano da più di un secolo. Il video fa dialogare, attraverso un lavoro di montaggio, alcune delle riprese prodotte nel 2006 durante
lo svolgimento della festa americana e dei video inediti che risalgono a circa 60 anni fa,
cioè ai primi anni, dopo la migrazione in America, in cui le famiglie nolane tornavano in
nave a Nola per partecipare alla loro festa.
Grazie al rapporto instaurato con queste famiglie durante l‘etnografia, si è avuta la
possibilità di poter montare queste vecchie immagini, molto care ai protagonisti, con le
immagini nuove della festa ormai secolarizzata a Williamsburg. Si tratta di un tentativo
di creare una narrazione, che si avvale unicamente di immagini e suoni, senza voci fuori
campo né molti titoli, per dare il più possibile conto dell‘intreccio tra l‘oggi e la memoria
del passato, rappresentato attraverso la passione comune per un istituto festivo che
sembra divenire ancoraggio ai valori comunitari e di devozione e a un‘appartenenza
identitaria riattivata di generazione in generazione nei territori della migrazione.
Katia Ballacchino: nata a Augusta (SR) nel 2009 consegue il titolo di Dottore di Ricerca
in ―Etnologia e Etnoantropologia‖, alla Facoltà di Lettere dell‘Università di Roma ―
Sapienza‖ con una tesi sulla Festa dei Gigli di Nola, le sue migrazioni e i processi di
patrimonializzazione. Ha svolto ricerche in campo antropologico (in Italia centrale e meridionale, Romania e Stati Uniti), sviluppando le seguenti tematiche: migrazione, mediazione culturale e diritti umani; festa, patrimonio immateriale, cibo e processi identitari e
di patrimonializzazione. Ha realizzato la catalogazione tramite schede BDI del Canto
dei Battenti di Minori (SA) e della festa dei Gigli di Nola nel progetto di candidatura della ―Rete Italiana delle Macchine a Spalla‖ per la lista rappresentativa del Patrimonio
Culturale Immateriale dell‘Unesco. E‘ docente a contratto presso l‘Università del Molise
e docente nel Master di I livello in Mediazione culturale e religiosa dell‘A.S.U.S. (Accademia di Scienze Umane e Sociali) Università Pontificia Salesiana di Roma, Facoltà di
Filosofia. Tra le sue pubblicazioni: ―Chèrie ed Electra: crescere a Guidonia ricordando
la Romania”, (2006); ―Il Giglio di Nola a New York. Uno sguardo etnografico sulla festa
e i suoi protagonisti‖, (2008); (a cura) La Festa. Dinamiche socio-culturali e patrimonio
immateriale (2009), ―La zuppa, il fuoco e il lago. Cibo e identità intorno al lago di Bolsena‖, (2009, con Alessandra Broccolini), ―Embodying devotion, embodying passion.
The Italian tradition of the festa dei Gigli in Nola‖, in Encounters of body and soul in
contemporary religiosity. Anthropological reflections, Anna Fedele and Ruy Llera Blanes (ed.), (Berghahn Books, Oxford New York, 2011).
TRIBES OF COLOGNE
by Anja Dreschke, min. 89, 2011 Germany
The members of the Kölner Stämme (Cologne Tribes) imitate ―foreign‖ cultures such
as Native American Indians, Vikings, Romans and most notably Huns and Mongolians
as a leisure time activity. During the summer the ―tribes‖ organise large camping
events to re-enact the historical lives of their role models. But what motivates entire families, with neighbours, friends and work colleagues to collectively submerge themselves into the life of the court of Attila the Hun or Ghenghis Khan?
To answer this question anthropologist and filmmaker Anja Dreschke accompanied the
Cologne Tribes for several years in the course of her ethnographic field research. Thus
she realised an ethnographic long-term study providing a „thick description― of historical reenactment as an outstanding cultural phenomenon.
Anja Dreschke is an anthropologist and filmmaker from Cologne. She received her degree in cultural anthropology, history of arts and theater, film and television studies from
the University of Cologne. She was trained in visual anthropology and ethnographic film
making at the Institut fur den Wissenschaftlichen Film (IWF) in Gottingen. Currently, she
is a research fellow in a media anthropological project on ―Trance Mediums and New
Media‖ at the University of Siegen. In addition, she teaches and media ethnology at the
Department of Social and Culturla Anthropology at University of Cologne.
PEOPLE AND PASTEIS
by Mariana Pote and Frerk Frobose, min. 45‘, Portugal
Both tourists and locals know the confectionary of Pastéis de Belém as a beautiful café
where the original famous Portuguese custard tarts can be found. Others know it as
their place of daily work. The custard tarts become a medium that connects them.
Mariana Pote, Researcher at Couture decode & disrupt Lisbon Area, Researcher na
Couture,
Co-founder na Péposto, Member of the Board (Vogal) na Associação Portuguesa dos
United World Colleges
Frerk Froböse, at the age of 17, German-born Frerk Froböse won a scholarship to
attend the United World College in Hong Kong, leaving his small hometown by North
Sea to experience the Asian metropolis. Back in Europe two years later, he enrolled at
University College Ultrecht, Netherlands, and earned an inter-departmental Bachelor‘s
degree in Anthropology, Sociology and Art History. From Holland, his curiosity about the
visual aspects of anthropology took him to the UK, first to London for an ethnographic
film course, and then to Oxford for a Master‘s in Visual Anthropology. At became the
president of the Oxford Ethnographic Film Society.
Domenica 11 Dicembre
Sunday 11 December
| OfCA
DENSAMENTE SPOPOLATA E’ LA FELICITA’
di Francesco Dongiovanni min. 47, Italia
Sull‘altopiano della Murgia, al confine tra Puglia e Basilicata, per centinaia di anni l‘uomo ha camminato con le sue greggi nel sole e nel vento. Oggi, un anziano pastore
ripete, testardo, gli stessi gesti e lo stesso destino che fu dei suoi padri. Un destino fatto
di cielo, pietre e solitudine.
Francesco Dongiovanni è nato nel 1978 a Gioia del Colle, piccolo centro della Puglia
barese. Ha fatto studi letterari, teatrali e cinematografici ed è insegnante di Latino, Letteratura italiana e Storia nella scuola superiore. Da tempo affronta tematiche riguardanti
il mito, l‘etnografia e il cinema antropologico. È al suo primo film.
LIVING TOGETHER
by Caroline Bennett, min 15‘56, United Kingdom
The film was made in collaboration with L’Arche Kent (www.larchekent.org.uk), a community of people with and without learning disabilities who live and work together in
Kent, UK. This film explores what it means to be ‘normal’, how (and if) equality is achieved, and how people with learning difficulties are valued within the community. The film
is an exercise in collaboration consisting primarily of material filmed by myself, and
one of the disabled members of the community, and therefore allows an exploration in
competence and alternative subject views through the film. It was submitted as part of
an MA dissertation in Visual Anthropology at the University of Kent.
CarolineBennett has completed her MA in Visual Anthropology and is now studying a
PhD in Anthropology. I worked with a local organisation called L’Arche Kent: a community of people with and without learning disabilities, who live and work together. Through
a mixture of film and text my dissertation explores concepts of home and community
within L’Arche Kent and how these reflect wider concepts of personhood and competence for people with learning disabilities. Particularly important for this research was
collaborative filming - the final film for the dissertation was made by me and one of the
disabled members of the community. The visual methods learned through this programme allowed me to conduct fully inclusive research and to offer a platform for people with
learning disabilities to voice their own opinions.
THE TAMMORRA DISPLACED
by Paolo Favero and Augusto Ferraiuolo, min 21‘, Italy/Sweden
The frame drum called tammorra is the beat of Southern Italian dances performed
around Mount Vesuvio‘s territory. This choreutic and musical ritual in intimately connected to the Catholic devotion to the many Madonnas of the area. Presently the tammorra is no longer played only during pilgrimages or outside the sanctuary. It is displaced on stages, influenced by other music styles, relocated on a more global scenario.
The original rural landscape is now dissolved into an urban horizon. The dynamic game
of escape and entrance between tradition and modernity is suggested here through
two exemplar figures: Antonio Esposito, tammorra maker and traditional musician, and
Marcello Colasurdo, an internationally acclaimed artist.
Paolo Favero. docente di antropologia all‘università di Lisbona e direttore del master in
Culture Visive Digitali. Cittadino italiano e svedese, autore di numerose pubblicazioni
in più lingue, membro dell‘Associazione Europea di Antropologia Culturale, Favero è
vissuto anche in India, per una decina di anni. Si è laureato a Stoccolma con un libro
sull‘identità culturale dei giovani della classe media a Nuova Delhi. Per un certo periodo
ha insegnato Cultura Visiva all‘Università di Londra.
Augusto Ferraiuolo, lecturer presso il Dipartimento di Antropologia della Boston University. Autore di numerose pubblicazione in italiano ed inglese, ha collaborato con National Geographic ed e‘ socio dell‘American Anthropological Association. Ph.D. a Boston
con una ricerca sulle identita‘ effimere connesse ai rituali festivi delle comunita‘ italoamericane. Ha insegnato anche presso l‘Universita‘ di Cassino, in qualita‘ di docente a
contratto, e Harvard University, in qualita‘ di T.A.
WHAT KEEPS THEM GOING
by Fedor Ikelaar, 29’, Netherlands
The road, to most of us simply a path leading to a destination, but to many truck drivers
the road itself is their destination, their goal and their home. To them the road is a coldhearted mistress that dominates their lives. In this documentary three of these truck
drivers are followed on that road as they passionately explain what drew them to truck
driving and what is so extraordinary about their jobs. They talk openly and reflectively
about the thoughts, hopes, dreams and aspirations that keep them going and help them
position this demanding job into their lives. Through both humor and sorrow surprising
sides and depths of these seemingly tough men with their apparent uncomplicated lives
are disclosed.
Fedor Ikelaar, at the age of 27 abandoned a successful IT career to study anthropology
at the VU University in Amsterdam. Anthropology became the ideal field to explore not
only his interest in culture, development and conflict, but also to combine these with
his passion for filmmaking. Though his own university has no visual ethnography in its
program, he spent a lot of time exploring this field on his own or with some like minded
students. With these students he also started to make short ethnographic documentaries and a full length ethnographic production titled ―The Challenge.‖ This experience
led up to ―What Keeps Them Going‖, his first solo production. He recently graduated
and has taken on a research position at the municipality of Amsterdam, he does not
intend to abondon documentary filmmaking as he intends to do projects on the side to
continue developing both his skills and style.
ALTAVILLA IRPINA, I BATTENTI
di Aldo Colucciello min. 21.35, Associazione Culturale B.R.I.O., 2010 Italia
Altavilla Irpinia (AV). Il 24/25 Agosto si festeggia San Pellegrino e si può assistere alla
processione dei Battenti, devoti penitenti che disposti su due file, a piedi scalzi, provenendo dai paesi limitrofi e non solo, raggiungono la chiesa dell‘Assunta senza mai fermarsi, anche quando sono sul posto, sono sempre in movimento, saltellando. E‘ da qui
che deriva il loro nome, dal battito dei piedi a terra. Tra loro ci sono anche i trombettieri
che correndo avanti e indietro cadenzano il ritmo della corsa. In prossimità della chiesa,
tutti i battenti s‘inginocchiano o si sdraiano completamente a terra nel silenzio assoluto,
finché il suono della trombetta non ricomincia per incitarli a riprendere la corsa.
Aldo Colucciello, Laureato in Lingue e Civiltà Orientali. Dottore di ricerca in Etnoantropologia. Antropologo, professore a contratto presso la Facoltà degli Studi Universitari di
Macerata dal 2006 al 2010. Collabora presso la cattedra di Antropologia Culturale e di
Etnologia delle Culture Mediterranee, presso l‘Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli dal 2000 al 2005 dove ricopre ancheil ruolo di responsabile del Laboratorio di Rituali e Pratiche Festive per gli studenti del Corso di Laurea in Conservazione
dei BB.CC., indirizzo DEA. Già cultore della materia per la cattedra di Storia dell’India
Moderna e Contemporanea, presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”; già
cultore della materia per la cattedra di Etnologia delle culture mediterranee presso l’Università degli Studi di Napoli “Suor Orsola Benincasa”; socio ordinario dell’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (ISIAO); membro del Comitato scientifico della “Rivista storica
del Sannio”; socio ordinario dell’AISEA (Associazione Italiana di studi Etno- Antropologici); socio fondatore e responsabile dell’attività di ricerca scientifica dell’Associazione
Culturale B.R.I.O. (Brillanti realtà in osservazione). Nell‘a.a. 2010-2011, ha insegnato
Antropologia Culturale presso l‘Accademia di Belle Arti di Napoli.
II RITUALI DELL’ERNIA
di Fabio Birotti, min 25‘, Italia
Il documentario è frutto di una ricerca sul campo, che si è svolta il 23 Giugno 2006, per
osservare e documentare la pratica della terapia mitico-rituale dell‘ernia ancora oggi
attiva nell‘area vesuviana.
Il documentario racconta di querce tagliate e poi accuratamente legate, di bambini e di
malattie in atto o solo temute, di guaritori e passaggi attraverso archi arborei, di cerimoniali profondamente radicati nelle religiosità popolare.
Gli ambiti di ricerca riguardano espressioni e pratiche terapeutiche ritenute frettolosamente desuete e importanti fasi della loro attuale trasformazione culturale, così come
già rilevato in altre località campane e del Mezzogiorno.
Fabio Birotti, Etno-Antropologo, ha compiuto ricerche sistematiche sul campo in Campania ed in parte nella Basilicata, in Puglia, basso Lazio e Marche dal 1997. Collabora, come cultore della materia, col prof. Vincenzo Spera, alla Cattedra di Storia delle
Tradizioni Popolari dell‘Università degli Studi di Napoli ―Suor Orsola Benicasa‖; ha
collaborato con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Regione Lazio; è autore di Fuochi del Vesuvio, Riti e pratiche devozionali per la Madonna
di Castello (Perugia, Gramma Edizioni, 2011), di saggi, articoli e di documentari sulle
tradizioni popolari campane, realizzati per l‘Ente Turismo Regione Campania e alcuni
musei etnografici locali.
LE US PER ARIA
di Emiliano Migliorini e Paolo Vinati, min. 55‘18,
Etnostudi/Eolo Etno:laboratorio - Comunità Montana di Valle Trompia, 2010 Italia
Un gruppo di donne e un uomo legati da rapporti di amicizia e di parentela, residenti
nella provincia bresciana (a Brione), si ritrovano in determinate occasioni per cantare.
Cantano nella maniera tradizionale, a più voci. Attraverso il canto e la consapevolezza
di ciò che il canto rappresenta, emerge il loro modo di essere, si definiscono le singole
personalità, ancorate ad un profondo rapporto con la terra, con la natura, con il territorio.
Emiliano Migliorini ha svolto numerose campagne di ricerca etnomusicologica, concentrandosi principalmente sul rapporto tra musica tradizionale e rito e sulla dimensione sonora collegata alla devozione popolare. Ha contribuito alla sistemazione e alla
catalogazione del Fondo Roberto Leydi presso il Centro di Dialettologia e Etnografia
di Bellinzona e la Fonoteca Nazionale Svizzera di Lugano. Collabora con l‘ArchivioLaboratorio DemoEtnoAntropologico (ALDEA) dell‘Istituto Centrale per il Catalogo e
la Documentazione di Roma (Ministero per i Beni e le Attività Culturali). Ha pubblicato
alcuni cd e vari saggi di interesse etnomusicologico.
Paolo Vinati si è laureato al DAMS di Bologna in etnomusicologia. Ha svolto diverse
ricerche sulla musica di tradizione orale in Lombardia, in Trentino Alto Adige, in Austria
e in Montenegro, pubblicando libri e curando diversi CD. Tra i suoi saggi: Canti di tradizionefamiliare nella montagna bresciana (1997) e Sotto l‘ombra di un belfior. Canti di
tradizione orale a Brione (2004). In collaborazione conRoberto Leydi ha curato il libro
Tanti fatti succedono al mondo. Foglivolanti nell‘Italia settentrionale dell‘Otto e del Novecento (2001).Presidente dell‘Associazione Culturale Etnostudi, ha lavoratosistemazione e alla catalogazione del Fondo Roberto Leydi presso ilCentro di Dialettologia e
Etnografia di Bellinzona. Ha collaborato con diversi enti tra i quali l‘Universität für Musik
und darstellende Kunst di Vienna. Attualmente collabora con l‘Istitut Ladin ―Micurà de
Rü‖ in Val Badia (BZ).
MONTI MOMENTS
by Michael Herzfeld, 2007, 39 minutes, color. Distributed by Berkeley Media LLC, 2600
Tenth Street, Suite 626, Berkeley, CA 94710, USA/Italia
Monti Moments focuses on a series of ethnographic vignettes and interviews with men
living in the district of Monti, a neighborhood that takes its name from the three hills located within its boundariesFEsquiline, Viminal,and QuirinalFrecalling the famous seven
hills within which ancient Rome was supposedly founded. This is an area that most
travelers to Rome will undoubtedly recognize, indeed have probably walked through,
because it contains many of Rome‘s most famous monuments and beautiful fountains.
The film also documents the neighborhood‘s significant gentrification, signaled by huge
rises in rents and an epidemic of evictions. Most of the action takes place along one
street, Via degli Ibernesi, a classic urban community of artisans, workers, and small
shopkeepers. (from Alison Leitch, Visual Anthropology ReviewVolume 25, Issue 1, Article first published online: 5 MAY 2009)
Michael Herzfeld: Author of ten books (mostly about Greece but most recently, Evicted
From Eternity: The Restructuring of Modern Rome, 2009) and producer of two films
about Rome, Herzfeld - who also works in Thailand - is currently specializing in nationalism, bureaucracy, craft production and apprenticeship, knowledge politics, and
heritage conservation and its social impact (with a comparative focus on Europe and
Asia). A former editor of American Ethnologist, editor at large (responsible for “Polyglot
Perspectives”) for Anthropological Quarterly, and series co-editor of New Anthropologies of Europe, he holds honorary degrees from the Université Libre de Bruxelles and
the University of Macedonia (Thessaloniki) and is a past winner of the J.I. Staley Prize
and the Rivers Memorial Medal.
MEDIATERRAE
by AA.VV. Mediaterrae irpinia electronic landscapes, 28‘30, 2007
MediaTerrae Vol.1 - Irpinia Electronic Landscape è sia un evento di promozione culturale e territoriale che una produzione audio\video prodotta e realizzata dal Gal Verde
Irpinia in collaborazione con la film commission Media Terre. Il progetto si propone
come un appuntamento programmato per discutere dello stato dell’arte della produzione audio-video in\per il territorio irpino, proponendo di anno in anno nuove tematiche,
nuove visioni del territorio, quindi nuovi volumi. La prima edizione\produzione MediaTerrae prevede un progetto di residenza artisti, “Artist in Residence”, un documentario ed un evento dal vivo: diciotto artisti audio\video nazionali e internazionali saranno
ospitati in alta Irpinia per la durata di cinque giorni (19/23 febbraio). Scopo del progetto
di residenza è quello di fornire agli artisti impegnati una conoscenza tale del territorio
da costituire una sufficiente base creativa per la realizzazione di sette tracce audio\
video da inserire insieme ad un documentario dell’intero evento nel dvd “MediaTerrae
vol.1 - Irpinia Electronic Landscape”, che verrà successivamente prodotto e distribuito
gratuitamente (tiratura 10.000 copie) in allegato al numero di luglio/agosto della rivista
Blow-Up. I partecipanti trascorreranno alcuni giorni nel piccolo centro irpino di Montemarano, in occasione del Carnevale Montemaranese, suggestivo rituale ancestrale e
vero e proprio fenomeno culturale di assoluta peculiarità, mentre la crew di MediaTerrae
seguirà gli artisti per facilitare le operazioni di documentazione della festa popolare (video, audio, testo) necessaria alle successive produzioni.
“MediaTerrae Vol.1 - Irpinia Electronic Landscape” è prodotto e realizzato dal Gal Verde
Irpinia in collaborazione con la film commission Media Terre. La produzione artistica
dell’intero progetto è affidata al festival internazionale di new arts Interferenze in collaborazione con Soundabbast - booking e management, con la produzione esecutiva ed
autoriale di Ufficio Bifolco. Curatrice della sezione video del progetto è Valentina Tanni.
(from http://www.mediaterrae.com/)
La lista degli artisti presenti in Irpinia e coinvolti nel progetto prevede invece l’intervento
di: Burnt Friedman + Jaki Liebezeit, Rechenzentrum, Deadbeat, Zavoloka, Populous,
Retina.it, Marco Messina (audio); Bianco-Valente, Anders Weberg & Robert
Willim, Niko Stumpo, Alex Dragulescu, Riccardo Arena, Jeffers Egan (video).
CHI NON LAVORA NON FA L’AMORE
di Cristina Grasseni, min.30 ,1998, Italia
La vita d’alpeggio di una famiglia di allevatori della bergamasca. La commistione di
tradizione e modernità narrata dal punto di vista femminile, di una nonna e una nipotina
che si avvicendano nel mondo degli uomini e del formaggio nostrano.
Cristina Grasseni si è laureata in Epistemologia nel 1995 presso l‘Università degli Studi
di Pavia. Ha condotto a partire dal 1992 periodi di ricerca e perfezionamento in Inghilterra (Sussex, Cambridge,
Manchester) e Germania (Mainz, Freiburg) grazie a borse di studio del Collegio Ghislieri, del Ministero degli Affari Esteri Italiano, del Cambridge European Trust, dell‘Economic
and Social Research Council (U.K.), dell‘Università degli Studi di Pavia, dell‘Università
di Manchester e dell‘Ateneo di Scienze, Lettere e Arti di Bergamo. Ha conseguito il titolo
di Master of Philosophy (M.Phil.) in Storia e Filosofia della Scienza presso l’Università
di Cambridge (1995/96), e quello di Philosophy Doctor (Ph.D.) in Antropologia Culturale presso l‘Università di Manchester (2001), specializzandosi in Antropologia Visiva
presso il Granada Centre for Visual Anthropology (1997/98). E‘ attualmente ricercatrice
e segretaria scientifica del CE.R.CO. I suoi interessi comprendono la formazione delle
identità in relazione alle pratiche, ai processi di educazione dell‘attenzione e di apprendistato nei contesti professionali, scientifici e quotidiani. Sta sviluppando un progetto
di ricerca sull‘applicazione di metodi etnografici e antropologico-visivi ai sistemi locali
europei - con particolare interesse ai piani di sviluppo delle zone rurali marginali‖ e
peri-urbane. Sta attivamente esplorando le possibili intersezioni tra storia della scienza,
epistemologia e antropologia soffermandosi sulle relazioni complesse tra la globalizzazione della mediazione tecnologica e le comunità di pratica‖ caratterizzate dall‘apprendimento situato e dal carattere distribuito della pratica esperta.
INVISIBLE NEIGHBORS
by Hafez Mona/Koch Barbara, min 32.49, 2009, Francia/Romania
Invisible Neighbors presents the stories of Romanis living in the Parisian Suburbs largely unseen and ignored by the local community. It provides a short and intense insight
into the lives of one of the many marginalized migrant communities living scattered
among the outlying districts of Europe‘s cities and towns. One day they are here, the
next day they‘ve vanished and nobody seems to know anything about them…
Mona Hafez, filmography :
2010 Blue Genes (Camera, Editing) with Kathrin John. Educational DVD on Genetics.
2010 Glücksformeln (Production Assistant) Director: Larissa Trüby. Devifilm, Munich.
2009 Invisible Neighbors (Script, Production, Camera, Editing) with Barbara Koch.
FESTIVALS: 2009 New York Human Rights and Gypsy Filmfestival, NYC, USA.
2010 EthnoFilmFest Munich, Germany.
2011 Days of Ethnographic Film, Ljubljana (Slovenia); ETNOFilm Festival of Ethnographic Film, Rovinj (Croatia); Vasakh Filmfestival, Lahore (Pakistan); Regard Bleu
(ethnographic Museum) Zürich (Switzerland).
2009 MELT - Migration in Europe an Local Tradition (Sript, Editing) for the
Department of Arts and Culture, City of Munich.
2008 Tibet in my heart - Preserving Culture in Exile (Production, Camera, Editing)
57 min. On the Tibetan Institute of Performing Arts, India. …
Barbara Koch, filmography currently: research for a documentary-project about traditional music
2011 „Democracy on Super-8― (project assistence) participatory art-film-project by the
artist group democratic arts
2011 „Doing Nothing All Day― (Production assistence) an artistic documentary by Margarete Hentze,
2009 “Invisible Neighbors” with Mona Hafez. (Script, Production, Camera, Editing)
FESTIVALS: 2009 New York Human Rights and Gypsy Filmfestival, NYC, USA.
2010 EthnoFilmFest Munich, Germany.
2011 Days of Ethnographic Film, Ljubljana (Slovenia); ETNOFilm Festival of Ethnographic Film, Rovinj (Croatia); Vasakh Filmfestival, Lahore (Pakistan); Regard Bleu
(ethnographic Museum) Zürich (Switzerland).
2005 ―Creación Colectiva‖, with Mona Hafez & Irmgard Maurer, 43 min. (Script,
Camera). On exile Colombian Theater-director Otto Novoa’s life in a Bavarian Village.
TV screening on AFK channel (BR).
SANTISSIMA MORTE
di Cinzia D‘Auria, min. 38‘, Italia
Tra la fine di ottobre ed i primi di novembre si svolge in Messico la tradizionale Festa
dei Morti. Nel villaggio di Atzompa, a pochi chilometri da Oaxaca, gli indios zapotechi
si recano al cimitero portando cibo, fotografie, alcool, sigarette e tutto ciò che piaceva
ai familiari defunti, trascorrendo la notte in attesa dell‘arrivo delle loro anime. Nel film
documentario, attraverso il dialogo tra le immagini della festa ed alcuni brani tratti dai
resoconti aztechi e spagnoli della Conquista del Messico, prende corpo la performance
della Fiesta de Los Muertos, espressione sincretica di antiche tradizioni pre-ispaniche
e culto cattolico.
Cinzia D’Auria ha svolto attività didattica e di ricerca come antropologa visuale presso
l‘Università di Roma ―La Sapienza‖. Ha realizzato a seguito di attività di ricerca all‘estero diversi documentari a carattere sociale e etnografico, in particolare sulla Santeria
a Cuba, sugli indios Xavante in Brasile, sulla situazione sociale dei Rom in Bulgaria, sul
culto del vodou in Togo ed i culti sincretici in Messico. Socio fondatore dell‘Associazione
Zoe Onlus è responsabile del progetto ―Immagini documento‖ che promuove la produzione e la diffusione dei documentari antropologici.
HOLY MEN AND FOOLS
by Michael Yorke, min. 71‘, India/UK
Award-winning filmmaker, Michael Yorke, goes on a Himalayan pilgrimage with two
wandering Hindu monks. They are both “sadhus”, members of the most extreme Shaivite ascetic order, the Juna Akhara.Uma Giri was once a Swedish model, but when
her family collapsed 30 years ago she took refuge in a Himalayan monastery. Today
she is the only woman initiated into a male order. Vasisht Giri, is a 29-year-old Indian,
educated in a Christian convent school. He ran away from his wealthy parents when
he was sixteen years old and spent fourteen years meditating in Himalayan caves.Together they go on a pilgrimage of self-discovery into the high Himalayas, to the source
the Ganges and Yamuna rivers, searching out saints and mystics. This is an intimately
observed broadcast quality documentary. Exploring the inner motivations of two people
and why anyone would follow one of the most extreme and arduous religious disciplines
known to the world in one of its most beautiful environments.
Michael Yorke, documentary filmmaker and professor in visual anthropology who teaches. Practical Ethnographic Filmmaking at the Department of Anthropology in University College London. He lectures in Visual Anthropology at such institutes as the LSE,
SOAS, Oxford University and the Manchester University Granada Centre; an active
busy member of the Royal Anthropological Institute Film and Festival committee. He
has been on the jury of many leading international film festivals. After being a BBC
producer/director and a freelance filmmaker and winning many international awards, he
now trains social scientists in digital filmmaking.
CAYEUX, SI LA MER MONTE…
de Frédéric Touchard, min. 53.00 – Zombi/France Televisions/Crrav Nord - Pas De
Calais, 2011 Francia
Depuis plusieurs siècles, les galets protègent Cayeux de la mer en formant face à elle
une digue naturelle, parfois renforcée par la main de l‘homme afin de « poldériser » les
terres à l‘entour du bourg.
Ces galets sont des silex issus de la désagrégation de la falaise normande que les courants marins ramènent vers la Baie de Somme, les transformant en galets. En Normandie, les jetées portuaires ou les « excroissances » marines des centrales nucléaires
gênent aujourd‘hui ce phénomène. Sur place, une exploitation désormais industrielle
de ces galets — fragilisant les sous-sols — et le réchauffement climatique annoncé —
risquant d‘entraîner une remontée des eaux marines — menacent de submersion plus
ou moins régulière les alentours de Cayeux, charmante station balnéaire de la Baie de
Somme. À terme, si rien n‘était fait, c‘est la cité elle-même qui serait en danger.
Pour prévenir un tel risque, différentes solutions sont envisagées : mise en place d‘ «
épis » de protections, digue en enrochement, « dépoldérisation » d‘une partie du territoire, etc… tout un arsenal de mesures impliquant différentes attitudes face à l‘élément
naturel.
Dès lors, à partir de ce « cas d‘école », l‘auteur interroge le processus démocratique
mis en oeuvre pour choisir comment sauver Cayeux. Il enquête auprès de scientifiques,
responsables politiques, élus locaux, mais surtout des riverains et autres usagers des
lieux sur ce que signifie « la nature » et sur les liens complexes qu‘elle entretient avec
la « culture » des lieux, l‘usage qui en est fait et l‘éventuel modification du paysage.
Frédéric Touchard is a screenplay writer, director, documentarist and directs musical
video clips. His works include Crocodile (1993) and the documentaries La fanfare ne
perd pas le nord! (1999), Au pays de citron (2002) and L’Afrique orpheline (2004).
Zombi / France Télévisions / CRRAV Nord Pas-de-Calais avec la participation de
Ushuaia TV avec le soutien de la Région Nord-Pas de Calais en partenariat avec le
CNC du Centre National de la Cinématographie et de l‘image animée avec le soutien de
la Région Picardie en partenariat avec le CNC & du Département de la Somme
SILENZIO. GUARDIA SANFRAMONDI, RITI SETTENNALI 2010
di Aldo Colucciello e Regina Gallo, B.R.I.O, min. 33‘34, 2010 Italia
Guardia Sanframondi, provincia di Benevento. Si documentano i riti settennali dei Battenti che per devozione e penitenza, si battono il petto con una spugnetta composta
da un numero imprecisato di spillini e si flagellano la schiena con la disciplina, in onore
della Madonna dell‘Assunta.
Aldo Colucciello, Laureato in Lingue e Civiltà Orientali. Dottore di ricerca in Etnoantropologia. Antropologo, professore a contratto presso la Facoltà degli Studi Universitari di
Macerata dal 2006 al 2010. Collabora presso la cattedra di Antropologia Culturale e di
Etnologia delle Culture Mediterranee, presso l‘Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli dal 2000 al 2005 dove ricopre ancheil ruolo di responsabile del Laboratorio di Rituali e Pratiche Festive per gli studenti del Corso di Laurea in Conservazione
dei BB.CC., indirizzo DEA. Già cultore della materia per la cattedra di Storia dell’India
Moderna e Contemporanea, presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”; già
cultore della materia per la cattedra di Etnologia delle culture mediterranee presso l’Università degli Studi di Napoli “Suor Orsola Benincasa”; socio ordinario dell’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (ISIAO); membro del Comitato scientifico della “Rivista storica
del Sannio”; socio ordinario dell’AISEA (Associazione Italiana di studi Etno- Antropologici); socio fondatore e responsabile dell’attività di ricerca scientifica dell’Associazione
Culturale B.R.I.O. (Brillanti realtà in osservazione). Nell‘a.a. 2010-2011, ha insegnato
Antropologia Culturale presso l‘Accademia di Belle Arti di Napoli.
Regina Gallo, diploma di maturità artistica in pittura e decorazione pittorica presso il
Liceo Artistico Sperimentale di Benevento. Laureanda in Conservazione dei Beni Culturali demo-etnoantropologici CV Turistico presso l‘Università Suor Orsola Benincasa
di Napoli. Con l‘Associazione Culturale B.R.I.O. Brillanti realtà in osservazione ha realizzato in qualità di operatore di ripresa e montatore video i seguenti documentari etnografici: Sri Lanka al MANN‖; Viva viva Carnevale sempre allegre ce fa stà! La Zeza.
Montemiletto 2011‖; La Festa dei Morti. Tratti di vita e morte nello Stato di Michoacán‖,
2011; San Giorgio e Sant‘Innocenzo. Colle Sannita 2010‖; Altavilla irpinia.I Battenti‖;
Silenzio - Guardia Sanframondi. Riti settennali 2010‖; L‘Odissea di San Basso. Rappresentazioni identitarie di una comunità marinara‖; Il ballo di Sant‘Antimo‖ e ha pubblicato
delle foto in per Lei Donne e Battenti di Guardia Sanframondi, Aldo Colucciello (a cura
di), Ed. Archeologiattiva, Napoli, 2010.
SUONES Y SACRIFICIOS
by Lotte Haase, min. 40.56, 2009, Netherlands/Peru
Each year in the month of June thousands of people come together at the pilgrimage
site of the Lord of Qoyllur Rit‘i. At 4700 meters up in the mountains they gather to dance
for the Lord, the mountains and the Sun in order to beseech forgiveness for their sins
but also to ask for material things. Allegedly, if you go with enough devotion and faith
the Lord will make your wishes come true. The film follows one of the dancers, Laura,
who makes the pilgrimage for the first time. She is part of a religious dance group (or
comparsa) that has its particular Andean-catholic practices in which ‘discipline’ plays a
large role. The film shows what it means for individuals to make this sometimes dangerous and physically demanding pilgrimage and the sacrifices one has to make dreams
come true.
Lotte Haase recently graduated from the Master Cultural Anthropology and Development Sociology with a specialization in Visual Anthropology from Leiden University.
Suenos y Sacrifios is her first film and is part of her graduation project that also includes
a film about folkloric dance practices in the city of Cusco, Peru, and a thesis named
‗Rescuing Io nuestro?: Motivations to dance and notions od authenticity, identity and
meaning‘. The thesis received the NALACS thesis Award 2009.
MISERERE
di Laboratorio Ricerche Sociali, 1985, min. 21, Italia
La processione del Venerdì Santo è interamente gestita dall‘Arciconfraternita del SS.
Crocefisso. I misteri, rappresentanti i ―Misteri dolorosi‖ recitati durante il rosario, vale
a dire il Cristo nel Getsemani, seguito dal Cristo legato alla colonna, quindi dall‘Ecce
homo, dal Gesù caduto sotto il peso della croce per finire con il Cristo morto, vengono
portati a spalla dai confratelli, con l‘andatura particolare, altalenante, dei portatori (il
passo noto come ―a cunnulella‖), non appena cala il tramonto. La banda intona marce
funebri e la processione si snoda lungo le vie del paese, con intenti sacralizzanti e propiziatori. I confratelli si contraddistinguono per il loro saio nero, con in petto il simbolo
della crocefissione. Anche qui è il buio il tratto simbolico dominante, interrotto in alcuni
punti dalla luce esplodente dei falò. Così come il silenzio e le sommesse preghiere sono
interrotte non solo dalle sonorità bandistiche che, a mio avviso, costituiscono un bordone organico al silenzio ma soprattutto dal lancinante canto del Miserere, vero e proprio
urlo di dolore per la morte di Gesù e, al tempo stesso, voce viva per la nuova vita che la
Pasqua richiamerà. Il Miserere è eseguito in vari punti del paese dai cantori ―ufficiali‖
e da altri gruppi ―informali‖ : il testo è tratto dal Salmo 50, intonato a strofe alterne,
forse per alternanze responsoriali con il gruppo allargato dei fedeli, di cui però si è persa
traccia. Le parole sono di difficile comprensione, perché vengono dilatate, compresse,
distorte a fini musicali. Il canto prevede l‘uso di registri bassi, medi ed acuti e risulta di
notevole difficoltà, per le particolari entrate, uscite, cadenze, così come per la gestione dei volumi. Ciò comporta la necessità di un amalgama vocale molto forte che solo
con gli anni viene acquisito. Ecco perché i cantori sono per lo più gli stessi, per lunghi
periodi. Un‘analisi musicale del Miserere risulta, dunque, di particolare difficoltà, anche
perché lì si fondono come non mai elementi colti con modelli folklorici di cui è difficile,
e forse inutile, individuare i rispettivi confini. Non a caso Roberto De Simone individua
le matrici di base sia nello stile delle villanelle napoletane cinquecentesche che nella
lettura della musica liturgica colta ascrivibile alla cerchia di Gesualdo.
Il Laboratorio Ricerche Sociali e‘ stato un gruppo di antropologi operanti in particolare
in Campania, con lo scopo di una documentazione del patrimonio folklorico. I lavori
di ricerca sul campo hanno prodotto una lunga serie di libri, computer visions, filmati,
convegni ed interventi in incontri nazionali e internazionali. (foto Antonio Pascarella).
IL CAMMINO DELLA MUSICA
di Andrea Zuini, Italia
Il Cammino della Musica è un viaggio di conoscenza di differenti popoli e culture attraverso l’osservazione ed il confronto della loro musica un progetto multimediale che
sfrutta differenti tecnologie, forme artistiche e mass media per trasmettere conoscenza
e cultura, un reportage, una storia lunga un viaggio e raccontata durante il viaggio.
“Io suono Italiano?”
12 mesi di viaggio in camper attraverso l’Italia alla scoperta delle tradizioni musicali e
delle peculiarità dei popoli italiani.
20.000 Km documentati e raccontati per mezzo di dirette radiofoniche, dirette web tv e
del blog aggiornato con montaggi video, foto, MP3 e racconti in tempo reale.”
Andrea Zuin, laureato in Musicologia e diplomato in Chitarra classica. Musicista e
viaggiatore, si definisce musico viaggiante. Durante un viaggio in Paraguay ha avuto
un’apparizione: non una madonna o un santo, ma un indigeno Guaranì che gli chiedeva
di registrare il rituale che stava facendo con la sua tribù.
Grazie a questa visione da allora viaggia per il mondo per conoscere i popoli attraverso la loro musica, nella convinzione che la musica stessa sia una faccenda molto più
sociale che estetica.