lettera aperta indirizzata ai dirigenti di poste. over 50: quali sono le

Commenti

Transcript

lettera aperta indirizzata ai dirigenti di poste. over 50: quali sono le
SEGRETERIA REGIONALE SICILIA
Via Roccaromana 20/C 95124 Catania
Tel/Fax 095.321355 Web: Confsalcomsicilia.it
LETTERA APERTA INDIRIZZATA AI DIRIGENTI DI POSTE.
OVER 50: QUALI SONO LE PROSPETTIVE DI CARRIERA?
Un tempo, neanche troppo lontano, l'esperienza e l'anzianità di servizio rappresentavano in
Poste Italiane un valore aggiunto da cui attingere al fine di formare le nuove leve e su cui
scommettere e puntare.
Le recenti riforme del lavoro e il conseguente rinvio dell'età pensionabile a 67 anni hanno
posto una serie di interrogativi come la possibilità di carriera anche dopo i 50 anni.
Ogni grande Azienda di fronte a questi cambiamenti ha reagito secondo le proprie
convinzioni ritenendo il più delle volte di non penalizzare in alcun modo i lavoratori più anziani, al
contrario considerandoli risorse e fonte di conoscenza, di esperienza e di preparazione.
La nostra Organizzazione Sindacale, da sempre attenta a queste tematiche, non può che
evidenziare come Poste Italiane ha fatto, su questo delicato tema, una scelta alquanto discutibile
ed estremamente discriminatoria.
L'aver pensato che dopo i 50 anni il dipendente non possa avere ambizioni di carriera e gli
è negata ogni possibilità di crescita professionale rappresenta l'ennesima assurdità contraria non
solo ad ogni regola scritta e prevista dal C.C.N.L. ma soprattutto al buonsenso.
Se poi consideriamo che in realtà all'interno dell'Azienda, per ragioni esclusivamente
dettate dalla convenienza, lo stesso personale over 50 viene utilizzato molto spesso per mansioni
superiori, ma senza i dovuti riconoscimenti di avanzamento di carriera appare evidente che non ci
sia chiarezza, trasparenza e logica su questo tema.
Chiediamo quindi che vengano date a tutti i dipendenti le stesse opportunità
indipendentemente dall'età anagrafica e che venga rivisto questo aspetto anche in relazione al
fatto che oggi un lavoratore di 50 anni deve ancora svolgere oltre un decennio di lavoro prima
della pensione.
La Confsal Comunicazioni ritenendo discriminatorio un simile atteggiamento cercherà di
contrastarlo e agirà nelle sedi opportune qualora non vengano date risposte adeguate in tempi
brevi.
Catania 25/02/2015
Il Segretario Regionale
Lucio Aprile