La mia vita in Marina

Commenti

Transcript

La mia vita in Marina
La mia vita in Marina
Il periodo trascorso in divisa è per certi versi simile a quella dell’amico Carlo Amori; anch’io
diplomato Perito Elettrotecnico nel 1967,avevo fatto domanda per l’ammissione al 62° Corso AUC
dell’Accademia Navale mentre frequentavo la quarta classe dell’ITI di Livorno ma,non rientrando
nella graduatoria non mi rimase che aspettare la cartolina precetto.
Fui arruolato il 10 Gennaio 1968 e dopo il CAR fui destinato,con la categoria Em/D,alle Scuole CEMM di
Taranto e successivamente a Maricentart.
E’ là che è nata l’amicizia con Carlo(stesso corso guida missili),amicizia che si è rafforzata essendo ambedue
destinati a Cava di Sorciaro.
Con Carlo si faceva coppia fissa quando si usciva in franchigia:talvolta andavamo a Siracusa,ad Augusta,ma
spesso si rimaneva a Priolo, si mangiava un panino e non vedevamo l’ora di rientrare,visto che c’era poco di
che svagarsi; sentivamo molto la distanza da casa,abbiamo condiviso tanta nostalgia.
La vita a Cava era piuttosto monotona, officina e tanta guardia,ma per fortuna ogni tanto ci davano un po’
di frenesia gli imbarchi e gli sbarchi dei missili alle unità che attraccavano al pontile di Melilli: erano
l’occasione per rivedere i compagni di corso lasciati a Taranto ed ora imbarcati.
A Dicembre giunse per me il regalo di compleanno,il trasferimento al Centro Missilistico di La Spezia:
indubbiamente la mia felicità fu grande anche se velata dall’amarezza di lasciare Carlo a cui fu invece
confermata la sede a Cava.
Ci lasciammo alla stazione con un significativo abbraccio e ci siamo risentiti dopo 40 anni, grazie all’amico
comune Roberto Montagnuolo di Torino.
Dopo il congedo ho lavorato nelle Ferrovie fino al 2002:sono tutt’ora socio del gruppo ANMI di Livorno in
cui ho ricoperto la carica di consigliere per due mandati.

Documenti analoghi