1 .BV A.fcPASOIí:

Commenti

Transcript

1 .BV A.fcPASOIí:
3|
" —*_ "
''»
- -
_¦
./
3 MAGGIO — Quattro cento trenfanni fa Pec
/
«ile»
RJO DE JANEIRO
liH%_ Êt
áÊ****mtf%L W I M_\
Spett.
ÜiKLlOTHECA NACIONAL ''
Avenida Central
Hio d. Janeiro
MAGGIO
cl Calendário j
>ggi õ ua S.a Crocef
1
j
;'.
. i
_1
¦
'¦';
^?^???¦?????-????????^???????H»M»M
.i
i
jz!L
-:; :
%A
1
Ma, ahimé grida una vocer
_P«
La crpco tua non vien!
IVASPIRANTE
??
1 .BV A .fcPASOIí:
• -
¦ -v
. .. .4 »
La selva di 200 mila moschetti
iw líéfà^^^
^%.
..-'•'•i
m
t
_
• E che cosa nascerá áa quegli ali
*v«» aecomfo., ramoscelh csonve^ .o .nespotô © spr&ei
¦ flntf *_
-
.
¦
..
*Pia8giunQ"
3 AfÀ-PÇIQ'9^* Y$ntit*y anmf ã il
ecopri' Farte di aliiètare Ia ,vita.
N
BwiwtMWitiiaiwi
*.¦
.....
IL PASQUINO COLONIALE
JcK,
CAIZ0LA1
. »,...«»^^.^»—^r---^--*»-«w»**»»*»-»»*-*,-'r-»*-¦••««,——-~... . .»
EMÍLIO GRIMALDI
RUA WASHINGTON LUÍS, 25
•Ove troverete un vasto stock di
moderni per qualsiasi
modelli
ordinazione di FORME.
Dr. CARMO D'AMDREA
Imporia zione direita di stoffl
inglesi. Sempre uovilá. Lavorr
sollecito e perfeito
R. Lib. Badaró, 28 - Sobrefeji
TELEFONO 4-3500
SAN PAOLO
APPLICAZIONI DEL MÉTODO ASUERO
Consult.: Praça da Sé 01, dalle 15 alio 17 — Telef. 2-0507
Residi Avenida Pompeia 1G — Telef. 5-D564
n» ¦»
-#*-KJ*I*.2.^
*
fi
roaflNÉÍNÍfS
i
a
Sfernet-branca
B
D
E
D
PIAN0F0RTI
FP-*.
I ú&*
m
"
PROF.
RÜA STA. EPHIGJE2XIA, 5--A Ore 13-17 Telefono: 4-6837
DOTT.
RECALDE
DR. HEITOR MAURANO
Consultório:
Rua Quintino Bocayuva u. 5f
Telefono: 3-1363
Chirurgia — Stomaco — Signori
— Vie urinario
Chiamate: Dr. RECALDE 4-078T —
Dr. MAURANO «-28t§,
la
ARCHITETTI
TELEFONO
há trasferito il próprio
consultório ia rua Barão
dc Itapclininga 117-A . 2.°
piano. Telefono: 4-6141 Residenza: Rua S. Carlos
do Pinhal 7. Tel. 7-0207
Chirurgia
generale e special'
— Malattie dei reni —
RUA CINCíNNATO BRAGA, 67
Tel. 7-4047 - Ore 14 1J2-18 1J2
Speeialista delle vie urinarie (esami e cure elettriche, e trattamento e chirurgia delle malattie aei reni, vescica, próstata e
iiretia; cura delia blenorragia acuta e crônica con i metodi piu'
moderni) — Chirurgo speeialista nelléOspedale Umberto Io
RÜA RIACHUELO, 30
l
I
1
I
I
PROF. DR. F. TALIANI
MEDICO-OPERATORE
m
' " « i" (inr.UK
IL PROF. MANG1NELLI
«
i
i »-•*•"¦»¦ •"'*'¦*'•'"' --
STOMACO - FEGATO
1NTESTINI - RAGGI X
u
•i.
Lei si deve rlcorüare sempre, dei
planofortl di 5:000íi000 e piu' caTn nostra casa a Rua
pi ancora?
Tupy, C3 1 mcdesiml placoforti nuoyi dl varie marchlie coataoo SOLO
.8:0005000. prezzo queslo ultrabuon mercato; plu' si ofTrono ancbe con pagamenü a raie rnonalli
• tutto clO dovuto ad essere questi
•casa senza lusso stablllta da 20 anal ln stabile próprio fuori centro
to RUA TUPY, 63, rlvertendo quegia economia a favore dei compragOM. — RAFFAELE MCRGAWI, Intíastriaie e imporiatore di pianl te~
üesehni — Fone; 5-2202 —
rota: La Rua Tupy si trova viclno al num. 15$ delia Rua das
jpalmetras. Prendere 11 BOIS D 12
(PERDIZES)
j
ALFAIATARIA^
— Dl —
ANTÔNIO MOSCA
Alta chirurgia — Parti
Maquie dello Signore — Infermitá veneree e sifilitiche
Cura delle variei ed cmorr.oidi senza oporazione
(Prima di fare acquisto di forme
jpcr scarpe, visitate la Fabbrica
di
—.- • — ¦"" — -*¦¦¦
2-6091
tS
INDUSTRIAS REUNIDAS F. MATARAZZO
iRRISR
UFF.CIAU
«
F0HDAT0 NELL
NO
NAPOU: Direzione Generale — Sede S. Giacomo — Oonnar egina — Monte Centrale di Pietá — Spirito Santo — N. 8
Agenzie di Cittá — FÍLL-1LI: Alessandria -— Alíamurn — Ancona —• Adria «— Aquila -— Avellino — Avezzano —
Bari — Barletta — Benevento — Bologna —- Bolzano — B rindisi —« Cagliari —• Campobasso •— Caserta •— Cassino
— Castcllana — Catanzaro — Cava dei Tirreni — Chicti — Consenza..—- Cotrono — Firenze — Fiume — Foggia — Fo-j
iigno — Formia Francavilla Fontana — Gaüipoli — Geno va — Gioia dei Colle — Gioia Tauro — Giugliano — Gori- J
zia —- Irsina -— Iscrnia -~- Isola Liri — Lagonegró — Lan ciano —¦ Lecco — Livorno — Maglie •— Marcianise «— Ma- |
terá — Melfi — Mercato Sanseverino — Milano — Mola dl Bari — Molfctta — Molitcrno — Monopoli •— Nicastro —¦ j
Nocera Inferiore — Nola — Nuoro — Oristano —• Ortona a Maro — Ozieri — Paola — Perugia •*— Pescara — Piedimonte d^Alife — Plsticci — Pizzo — Potcnza — Pozznoli —. Putignano •— Rcggio Calábria — Rionero in Vulture *—
Roma — Rossano — Salerno — Sansevero — Sava — Sec ondigliano — Scssa Aurunca — Spezia — Stigliano — Snimona — Taranío — Teramo — Terranova Fausania — To rino •— Torre dcl Grcco •— Trani —- Trenío *— Trieste —Tripoli — Venczia — Venosa — Zara. — F1LIALI ALL-ES TBRO: Chicago — New York.
¦»
•
C0RR1SP0NDENT1 IN TUTTE LE PíAZZE DEL REGNO E DELL'ESTER0
.. ¦¦-.,.,.,--,
.. I,„l
,1„ ,,„
I...
"."
. ,-
li
'
"
ANNO" XXaii^S; PAÔLÜO M^ÍS&^OTO^Es tf; ldftT
»*
itaiinm.i-UHH-.-U-rmininm..m-..iimm
m Mno
JWTROVO
„ IL
_
__—
t ..*t
Ê
2
Si
DI-LLA
« ELITE »
-*>«-..,
^a&
INTERNAZIONALE —
um
Mi
»™
1 Rua ila Quitanda N.° 21 I.
Telefono: 2-5408
"Col tempo c con la
paglia maturano lc uespoio"..
Responsabilc : FRANCESCO COSTANTINI
Clcrcnte : EUGÊNIO GIORA
|
p—|
£ BIRRA
(B
I Abbonamcnto annuo í 5 #00é
Un scmc3tro 8?000 J
"ANTARCTICA"S
£
Uffici: Rua Anhansabaliu1 N. 12
— Caixa 2887
Telef. 4-050S
.1 iu i ii.mt _ m-iii.-..í-:.iiiii_i_ mt-i ..ii.i-iii-iiii tui
*_-*•»-»?»????»»??? *V*>++4
¦»
«-<."»-<*-»-»> .?»?»?? »>+-»-+> » ? ? »+~» ?"C-^-i- fr-»-»-» ? fr»^>-»^-»^>^>-»-»-*»-+-«» ? ? » »-?-*»> »*>-+-+-+-»^»-»-»-.>-»»
}xtts* ¦_-.-**»-«íian- •«sn*- «
-<i*n«-vaB?í-vVííf^^í.*_B_-'
¦«_>¦ -'i Ex*
*"*nSu**** -.-i-?^
A
.A
II
Sol la gente non savia
Puó dir di no. Pensatcci uii poe-í-lno!
Gli avi di tútti gli avi
A voce e a suou di bombt,
A voce e a suou di tromba
6'iian detto cliiavo e tonde
Per ben fissarlo .nolle nostre teste!
Voglion Fiume e Trieste.
i
s
Ed han próprio ragione, porco mondo!
Voglion 1'Istria, Tola,
I
Jugoslavi Esau\ Mosé, Noê,
»
Couciosiafosseché
Noi tutti al mondo jugoslavi siam&.
E Zara, poffardinci, e la Carniola)
ES il Carso é in loro grazia,
."Roma? Lo sa anche un putto
Che Roma un tempo si chiamó Belgrado,
E poi cbe Tappetito vien mangiando*,
Poi c'era un vescovado
Van sul cavai d'Orlando
Che divenne papato, e questo é tutto!
Facciam bagaglio e via,
Se no di noi faran "tabula rasa"!
Trovandosi in discorso
4
I
I
II Quamaro, la Carnia, ed é giustizia
Cl^abbiano anclie Gorizi?
A dir ch'é loro tutta la Dalmazla!
1
Erano tutti quanti jugoslavi!
Jugoslavo era Adamo, ,
Ma sul serio, perdio* non per facezia
Adocchiano Venezia
Cerehiainoci una casa
E bevon 1'AmaTissimo d'un sorso.
A meno di non dire
Non per fare il gradasso
Lo jugoslavo esprime un tal pensíero,
Ma próprio perché vero!
Da Venezia a Milan non ç'é che un passo
Da Milano <a Torino,
Neanclie a dirlo, ó tutta Jugoslavia!
Neirindostan o nella Tartarla!
A quelli di Belgrado: :— Ehi, cara gente,
Aveto niente, niente
Bevuto dei frizzaute da tre lire?
Suvvia, con poça spesa,
Fatevi una grau doecia, ma coi fiocchL
Sul sveglia! aprite gli oechi!
Accidenti che sbornia avete presa!
-4SSti->4-Qa_i
•-4
USATE PER LA VOSTRA IG1ENE
_f ^a^^Jfil"!^!
SCATOIiE CON 20 CARTINE 5$
DIS1NFETTANTE - DEODORANTE
Curativo sovrano negli scorrimenti f et idi, infiamma»
zioni delPutcro o delle ovaie, coliche deirutero, catarro uterino, blenorragia delia donna, dolori dello meStruazioni. — I/uso giomaliero dei GXROL disinfetta
o conserva Ia vitalitá dclPutcro e delle ovaie.
I
IL PASQUINO COLONIAL!.
4
*mmmmmmj*mmmmmwmmmm^mmtmmmmmm—mmm^^am^^
IM
de. Comunquc, 6 fuori di discussiono cho colui al qualo
por l'ultima volta daremo lo
appellativo di "uomo vestito
di grigio", era — secondo i
casi — o Jean, o Jack, o Giovanni.
per
Per Lulu', era Jean;
il padre, Jack; per la madre,
Giovanni.
II che significa che egli era
figliuolo di padre ingleso e di
madre italiana.
E poiché il padre di lui univa al próprio nome di battesimo quello di Smith, Jean,
Jack o Giovanni era naturalmente anche Smith.
In quanto a noi, per brevitá e per evitare confusioni, lo
chitmeremo a cominciare da
questo momento sempre Jean,
a costo di aturarei l'accusa di
propensi ad inclinazioni e a
debolezze galliche.
ledi', per le Fosto NazionalJ
Brasiliaue, o Lunedi' per t
Giorni Festivi nello Banche,
dei.
Secondo il Calendário
"Fanfulla" ó entrato Giovedl\Cose da nulla. Cho cosa sono.
di fatto tro o quattro giorni
dl fronte airetcrnitá?
Pare insomma accertato che»
seguendo una antica consuetudine, Maggio sia entrato do-»
po il 30 Aprile. E se ó entrato, chiudeto le porte e andiamo avanti.
festa dei
Calendimaggio:
lavoratori delia lingua e deile ganasce.
•
3 ___ Scoperta dcl Brasile,
"bicheiros",;
Chi la scopri': i
i "grilleiros", gü aguzzinl, la
Contessa Paci e Alvares Cabral. Chi non lo scoprirá maill
i giornaiisti, i poeti e il dott.
As u ero.
4 — Un'ondata di freddo*
Terpartita il 27 Aprile dalla
ra dei Fuoco, dovo era arrivata insieme con Byrd, reduco
dal Polo Sud, si avvia a gran
Alie
passi verso 1'Equatore.
11,45 arriverá a Santos Pavanguardia, e per le 4 dei
mattino fará la sua entrata
trionfale in S. Paolo. Sara ricevuta alia Stazione dei Nord
da tutti i fredduristi dei Pasquino.
6 — ll Comm. Rubbianl
suoi mipubblicherá uno dei"Folha
do'
gliori tagli nella
Manhã".
Sul prato? E credi forse sua concezione tutta femminiche io sia una di quelle be- le, riteneva insensibile ai proo
stie da cui si munge il latte? prii vezzi per partito preso
Ma no, Lulu' voi non per indiffercnza, e non per ncerto na impossibilita fisica derivansiete, non somigliate
ina quelle bestie che di riflesso. te da uno stato psicológico
noSiete una vitellina voi, ma vincibile e insormontabile;
una
di quelle grazlose vitelline dal nostante ció che riteneva
offesa personalissima, essa ismusino pezzato bianco e nero
un ün€ dai grandi occhi umidi. Na- vesti' il rumeno con
di
turalmente non avete il mu- guaggio in cui la figliuola
daso pezzato ma, in compenso, IMadame Cabriolet avrebbe
to dei punti alia sua stessa
disponete di molto, cli tante
altre belle "eose" che io non madre.
— Ma di che fimpieci tu,
ho avuto la fortuna di ammifaccia di caprone? Levati dai
rare che in parte.
Ma sta a te di ammirarpiedi e va al diavolo, tu il
¦ ¦¦-¦¦nasanaHaBa--"1
le, come dici, e di impadrotuo bar, e il tuo sporco pae"Fiche
moi la
nirtene nel totale.
se! Hai capito?
Lulu', siete modesta. Le
piace".
"cose",
tutte quante,
Tostre
E Lulu' si ailontanó, mensono, obbiettivamente parlaiitre, scomparendo oltre la busdo, assai appetibili, e non per- sola scintillantc, Jean faceva
1 Q 0UU1IÍU||
llui
ché io lo dica, ma perché, in
altrettanto.
effetti é cosi'. Ma, d'altra parPRESENTAZIONE
deiMAGGIO
te, io non posso profittare
A questo punto é necessária
la vostra gentile messa a di- una presentazione. Le presenMaggio fresco e casa calda,
totale
quin- tazioni, di
Bposizione. Niente
solito, si fanno
La massaia é Üeta e balda.
Perdonatemi,
Lulu'.
di, cara
1 — Secondo la riforma dei
quando un individuo appare
destisono
ma io verso di voi
Calendário, fatta dal Rubbiaper la prima volta agli occhi
un
platônico
rimanere
nato a
di chi legge un libro.
ni nel suo Barbanera, a pag.
compiangeteE
personaggio.
31, Maggio ó entrato MercoE- questo l'uso comune, a
crula
compiango
mi, come io
cui non si. sfugge, e al quale
imha
che
destino
dei
delta
invece noi siamo sfuggiti permobilizzato i miei centri ini- ché, non potendo riuscire orifcitorii sino al punto che essi
ginali in altro modo, ci consi rifiutano ad eseguire quatentiamo e ci illudiamo di essi
che
poi
movimento
lunque
sere almeno in questo.
cambi in una corrente allac"~~"T""*"_.
«ii.
i
Ció premesso, veniamo alia
ciante i miei ai vostri sensi.
presentazione.
Mentre il dialogo stava deChi era 1'uomo vestito di
ganeranclo in nn insieme, cogrigio, che le rosee labbra di
me si vede, di platonismo e
Lulu' indicavano per Jean?
di disquisizioni fisiologiche, si
Jean, o Jack, o Giovanni,
avvicinó il rumeno. Filippescu,
non apparteneva alia' famiglia
a quanto si é giá detto, non
\
\\ \v. L—-—
_^-*m,^i S
Stoalia
1-amico
dei
oeehio
passato
guerriero
buon
di
vedeva
ria con la qualifica di Giovandi Lulu' per via delle mezze
"champagne". E
ni dalle Bande Nere. Tuttavia
bottiglie di
non é, in modo definitivo, epoiché non gli era sfuggito
seluso che non vi appartenesche la sua protetta si era irse. Come Colombo cambia naritata al punto da gesticolare
zionalitá e mestiere: e da gealquanto incompostamente nelnovese appare a volte spagnuo-*
la conversazione con Vuomo
lo, e a volte francese e corso,
vestito di grigio, decise di far
e da navigatore, pirata o pegIntervenire la sua inconcussa
gio, cosi' non é improbabilo
«utoritá.
che se qualcuno si fosse data
— Mi sembra, signore, —
la briga di andare a scartabeídisse, rivolgendosi a lui, Te"boilare negli archivi di Firenze,
mérito proprietário delia
avrebbe rintracciato un laccio
te» — che stiate dando fa>¦' ' ¦"*'
'"
"
' " """ *——
* -II mí ¦
di
¦*
filo
un
pameno
lo
o
per
signorina.
stidio alia
famosissímo
tra il
rentela
Lulu* fu allora eroica. NoLA CUOCA: — Sciupona io? O lei si rimangia cuesta $M
guerriero e Teroe di questa
nostante il risentimento che
rola, o íion màngerá niçiit-altro questa seral
aveva verso Jean che, nella storia. A nagamento, s'intenm ímã aa
\
__
\ \
.__
X°
(S>v~^\ ^m á^&c*
^^mmmmm^^
"*^*^^V
X.
_*'_r>_F
W
W""*** I^V.^^-_»**^^^ J
^^^^_f
\^U-_5^\\£
¦
¦
/TV
npp»«Wttp»««*-»^:>^n.*'-p^pgs^_^
C^-Sr1 I
..
,...,,-
.._-»..
¦
)jm«;;t
i;w-:>
•
tmm^^^mnmm'
IL PASQUINO COLONIALE
C'é un altro, allora che do/rebbe osser fatto pre lo morinvontoro
delia
no duca:
cartolina vaglia.
tf
giovani cattolici italiani
non hanno fumato nel venerdi' Santo.
Perché amano non il fuma, ma 1'arrosto.
tf
|jgjjj>_ jp -j-y M*tM\ 1 j
V1
e
^
^L-il vA.;©'- o
AirOspedale dei Pellegrini
di Napoli, 1 mediei, csaminanil sig. Gennaro Esposito, hanche aveva il
mo constatato
eu oro a destra.
Grande scoperta! Noi conoche non ce
feciamo strozzini
Phanno affatto e purê mangiano, bevono, fanno denaro,
dormono e fanno all'amore!
*
Un tal Ncgreiros é morto dl
mentre
crepacuore,
perché,
yiaggiava su Ia Centrale, un
rubato
compagno
gli aveva
nna valigia contenente denaro falso.
Ma non sara falsa anche Ia
morte?.
tf
II bilancio inglese per l'anoo 1929-30 si é chiuso con un
déficit di 14.522.000 sterline.
Si sapéva. Effetti delia difasastrosa amministrazione
Bcista.
tf
Perché in Cina rifanno • Ia
guerra civile?
Perché i mandarini ci trovano sugo.
*
tra
Che differenza passa
un cinese qualsiasi e un generale?
i Nessuna: tuteti e due sono
generali.
sostengono,
I lattivendoli
che l'aequa nel latte cela mettono i produttori, e costoro
•affermano che invece Ia mettono quelli.
Ma non impressionatevi dei
loro liti-^i: vanno tutti a due
d'accordo nel darcela da bere.
tf
Che stranezza,
una volta:
due si volevano bene per vivere insieme.
Ma Ia moda ora vuole tutto il contrario.
tf
L'inglese
Tuck fu creato
barone per avere inventata Ia
-lartnllna illustrata. Vf
II sig. Ledofski di Zagabria
ha suonato il pianoforto 85
oro (tre giorni o quattro notil
ti) di seguito, stabilendo
record delia resistenza.
Un altro record lo avranno
battuteo i giudici che hanno
assistito airesperimento.
Krf-fT^l-*--»^5*ffcC*Jy^yjt* xSftHRBS
*^*'*^*i^*^r^Ei&í&mi£?*^Cjr^^^\' Vy3**^ T**flflj>Tii^iy\ tsjj-^^Vrt^*^
rPmJ^P-flP-M-?!
*
tf
francese
Un
apparecchio
di
precipita in un cimitero
Parigi, rovesciando due mo(neanche i
numenti funebri
mor ti scampano piu' ai disa6trü); un apparecchio americano cadê sulla folia, uccidendo 7 persone e ferendone 20.
Boicottate gli apparecchi Italiani!
i*>-.» Yríi_V# t ••'ij*ry*tw•*v^^1 fc.*•**^**^*fF*3_ví¦ BflflaB'jt-Bi-P^-^-Aftf^^Lyj^j-~\_fc -Éb-Tij^pyjr^Wtfw?ajjftf/^-?ar\^i^-^-lfl^-Sr^
Un americano
(s'intende)
ha trovato il modo di vedere
a migliaia di chilometri di dl«
stanza.
certi italofobi,
E dire che
nostrani e stranieri, non sanno vedere piu' in lá dei proprio naso!
A bordo dei "Ruy Barboun
sa" é stato sequestrato
contrabando di tremila lamine
di gillet.
volevano
I contrabbandisti
far Ia barba al fisco, e il fisco
passo loro il contrapelo.
%&
E cosa pretendete che ve dü?
Una grossa a test-er giorno — Caçai olla!
Me paro de tratta co' li giudii! —
Ma co* queHi nun sei piu' poveréllal
C'é cr maschio poi che tanto corre incocefa,
e piagne e fiotta e pivola cor naso,
Che je li strappa for de Ia saccoccia —
E a che ora li lasso? — A un'or di notte —
•—• E si poi men lavoreno? — In'sto caso,
Te Pimbriaco tutfc due de bótte!
G. BELLT.
ç-flJtei;*'
TO
LLA
ITA6NA
tf
I discorsi dei giorno.
Ti sei divertito il primo
Maggio?
Silenzio! Sono proibite
le notizie allarmanti.
Pensieri profoildi.
1'amore,'
La crisi é come
1'elettricitá, il freddo: si sente, ma non si vede.
DR. ROBERTO G- CALDAS
Specialista per le malattie dei bamblnl — Ex-asslstente dei dottor
Moncerve dl Rio de Janeiro e capo
delia Clinica dei Bambini delia Santa Casa dl Misericórdia — Visite
dalle 1 1|2 alie 3 ljí — Residenza:
e Cons.: R. Major Quedinho, 7 —
TELEFONO 4-540»
O
E fíirai bene: 1'accattá, sorella
E* er piu' mejo mestiere che si dii.
Nun ció fiji peró, sora Sabbclla.
—- Bé te n'affitto un paro de li mil.
tf
Cavaliere ha detto: —No!
poveri padroni di case, ecc.
ecc.
consta che Rodschlld,
Ci
in una
Ford e Rockeffeler
prossima intervista diranno:
Noi, poveri miliardari, ecc.
e i giornalisti coloniali: —¦
"abastados",
Noi, capitalisti
ecc.
T
B&k
Vepilogo d'una grande Commedia,
II PASQUINO COLONIALE
ft
^^^.
tb
v **" [¦¦w
^ÍW
'i&r
profetalío
bona e senza vento. Tn meio a
invelenaniento di stotanto
mego ci vo!e anco cuelo deli,nima cole fetentezze stonpare
a scopio dela fabrica dela pettitto. Ma non facio per svantarmi, ini Taiía la margarina
non mela poli vendere per barro (porco il medesimo) e il
lolio di semi non poli y^derlo como dio liva, sino sou dolori di Corsa e acosi lin prenlanísa non 'pele invelenare
e.
ma dei povo cole mentire
altri generi eíini e nou pole
fare Ia cavazione coi molecchi (per griíare nele ruve "o
assasinato di onte")
porchá
déveno andare a scola e chi
vole i giornali vadi nele de-.role..
Di miniera che ciá raggicne íl
sinior Pissoto lá scrito
suli
Taaa
di ogi, ma no á deío
íu:q e ü res*o ceio diró me on
be! giorno che non ciábia fe
fregne. Cole cai cuali mele pro
fesso il snoo.
PROLET.ABIO.
Uo Érsaile miísorst di íelís
Sra 1 Éiorulislt
£l£jll
0
¦
•"
eüezza ein«s:rersC
E greggio sinior Diretorre
Cio incantrato ante il conpadre Giuea con un grande biaoecolo a tracoUo che ciaveva
lária dun velio capiíauo di cor
teo corso e mi ia dice: sonno
andato milésima volta in cima
dela lanterna per cliare se segavano cuei íamati bs.te.Uoni
ihe ü conta íronoia stava crgantzamdo per svenire a smaga
re il fasâsmo che sarehe me-smo stato un bei spetaccolo iagrassato e tuio da ridere. Aio¦*s__*»
ra io ei splieai cie sonno ahi( ___S
Non dir tosto, o leitor, ctVè un p^spa^aBo?!
da cas erma :i alia Sega Lousembra, non fa nulla;
un
Se
pappagaMo
bareherano
íorsi
sin
e
bãgine
E' A. B. C. D- Goeta, e senza fallo
nel Tí-e-cé in eoppa ala ílo-ia
^Fanfulla!"
l«
logo ene nascia
dela Rno:
Dirige il Direttore dei
la (332:0 sole dei a venire (a
gjndíeorre i vivi ?inJ ehe i
-1
,
-giorii). Ce-iíaáig:ni ái pandebo-t
selvagem,
nes
toeníeite
t>'Azs cada nsiâ.
Í7Wm\
êfmmmW\n^
No remate da inapreeiáveJ. rem ii^n rir guando ver bedra*
gii Di míniera che ü «raçadre
folgara nma eras íei- breciosa nos dedo e nos bes-*
Giu ca ciá nn bei colo tango
iioia
*ie fare se spera di diverürsi
ta de onae soberbos brilhan- goço de alguém. Cristo fazer.
tes de -jingnlar limpidez e ta- milagre de gonverter a água'i
soo euela Renata parché i anfaça
Bapa,
em vinhos. Oh!
manho9.
;iíasisu non si senso ainda ineorü ehe in ene1; a fio tia invece
Gomo os laitOT ver a diffe- também um milagre: transfor-t
ii coraLaúe ci sonno solo dele
renea gne bassar entre rebre- me as suas riqueza em gpisaj
universal/
brá mundo
ser util
freeatte.
sentante e rebresemado
eir
enorme. O bximero asar goroa transforme as tua Ijoia
Pería ca! euele ene] íorrnípom em muito pom.
emgnanto
bedras
breciosa
de
tone dei conta froitoia á piO BAPA
DB. KEMAL NELICOL
Cristo usarsegundo, o seja
dali
baiaizoni
dáeua
nataü
Mim tir*ar eíses dizer
de ama goroa de sbinho!
$
(orne brecloso)
cia e Bete snriguata insolotato
1
tima
rivisia:
rebresenser
Bessoa gue
réspke peri lontani Isdi amit6ttl4é)ôtèttflt* *-±4~4 4
""A liara
So Pana é ama tante chefe, de lingüiça
non
chi, como conta 11 morosa dela
sigsiiiaiem
de
sna
j-aia qne
bode vai vende brego e nem
Lueia di YerdL
cacâo eniMeinaika» eonstitse ma dera. Ora o Bapa está ré5 la foís eontinna a eàiasnn>a ijoia de íramenso ^aler bresentando
non fas
Cristo
ehere, ia hi*niea mercie baiaSo.àre a anaaçio gne el*e manda. Jesus bratlraaÈeriaL
to Kn -atesto tenpo di erisa me- forrada
de seda osteata tres c*ar omildade emgnanto o Bondogna di min:era c-ae il poro coroas li onro
e eaáa. ama tifke íaz o gontrario.
sela -gosa na mssdo a leggere
de t&i^s- eirenl-os lena iacfssenv
Crisio abttoTi senibre
tante
íésserígile e tan:e bo- tâá«o.*s*. th€SüEr*93 de
pedrarias gasa modesta emgnanto Bapa
Mgginí per!a dtíesa dei dirhi
i-eras. A piimenra tem I m&ls mora nam Pagar de luxes de
dei nome storro. Ma diante
3 forntMageis esmeraldas ama
eümiela e cerimonias. Gom
eene stano» nessa síniera Maima
sãnüiLra..
marisiia
e
asaa
isso H5.íEi3es gnerer gne Bapa
ria sna, Is *__s a {agra* di giar'se-s^zàa
¦g-oia seu ajnjdaníe more nuA
sale, indove ese eada ano ai
sem 3302a
soado em fl ss&o éesüao
e se-raláa qítjs r^fe asas .ag*-^ ma ga.r*a m*oéesta
sem tmssm sem cerimonias.
uso náse p*er fabrieane Un-g-ass» marinna e tre» sz^kjrss,
As onte mü saia do Va:.iA tar^eira *iei€S0Ts £Í;gs.sza cofiã ra-ui àefsEif, raaSbra
sanll!âÍ.o ¦sano h$ú.*r!& ser am osbital
ti f3 3 bmiu eoia nunrrjaiimi t&*#m rv&is e nma
— Se conosco Quel giornr.*
orfanato
Bssatoirlo, nm
C5e-lf.ro B vino aleesaÊo e ü d* fôíâjras. zg?£â mmmèi&s %b
lista? Figuratevi; lo totto
emiis g5.al.g%eF go^sa. òe aüL
eoiíado di p-stô Higima isto
mem •j-5-r £•343 d-D t C; cer- come mio mari-c!
& sper» cie Dio cíi-a
Eátsái ?!:¦•* «sí?3» Sas âe soreiáa pe-
leMer&tur&
iM$0*HiK®
...j
--^-
mmmmwm\vmô%~JM' iseasw
IL PASQUINO COLONIALE
tmr
cif
'UN
<OONSIDERAZIONI D
GIUDTCE A RTPOSO)
un
povero
Supponiamo:
diavolo, che é stato sempre
nn fior di galantuomo, ha a
portata di mano duo o trecanta contos di reis, non suoi,
die so ne appropria, cosi'
ingenuamente,
Btrattamente,
come sl prende confidenzialmonte, senza chiedere permesso, una sigaretta sul tavolo
d'un amico. E' denunziato inavesso
generosamente, come
rubato un sacco di fagioli, ed
é ingiustamente arrestato come un facchino ubriaco. Ora
é evidente che chi sa contare,
maneggiare e spendere milioai, non é un ladruncolo volgare di galline, ma un gentiluama oducato, coito, che va
per la maggiore, e che deve
ossere trattato da perfetto cayaliere. E' interrogato:
Dovo ha messo il denaTO?
E il gentiluomo, ferito nella sua dignitá, risponde con
una franchezza cd una fermezza, degna di Socrate, cli fronte alia tazza avvelenata:
La liberta ô il dono piu'
grande e piu' sacro che gli Dei
ían fatto all'umanitá. Vai me
l'avete rubata, Voi siete i laIa
dri, non io. Restituitemi
mia liberta, e poi parleremo
dei vile metallo.
Giustissimo. Quando si pretendono dei milioni da un milionario, si deve almeno do•mandarglieli con
la dovuta
i
gentilezza e usargli tutti
aneritati riguardi. Tenerlo in
-cárcere é non solo fargli un'offesa atroce, ma ten tare contre di lui un ignobile ricatto.
Puó un uomo, che sente altamente di sé, cedere a queste
assurde imposizioni? Mai no.
Sia messo in liberta, ed egli
allora, di sua spontanea volontá, senza cedere a indiscrete e ingiuste coereizioni, dará
conto — se crede — dei milioni.
— E' semplice, lógico, giuwSto, chiaro come la luce dei
cole.
Biciamolo francamente: le
deli' umana
joso
giustizia
oion vanno troppo bene. A forza. di guardie e di prigioni, di
gindici e di avvoeati, si fará
iseomparirc dalla faccia della
terra la boeca della verità.
Como volet.o che un galantuomo confessi d'essere un la<?ro, se la confessiono gli frutterá il cárcere ed altro dalorose conseguenze? II Diritto
romano parla chiaro: — "Nemo tenetur tvadere se ipsum"
— Nessuno é obbligato ad accusarc se stesso.
Io dunque propongo una riforma radicale, basato su l'equarantennio
sperienza d'un
di magistero. Si aboliscano le
celle, le guardie, i tribunali, i
codici, sopravvivenze di un'etá barbarica, e si proceda con
la gontilezza e con la buona
dell-era
educazione, própria
moderna.
Si sospetta che un tale abbia ucciso, per ragioni personali, una persona qualunque?
II giudice istruttore la inviti
a pranzò, e tra un biechiere o
1'altro, gli dica:
Senta, amico. La giustizia vive di verità. Io capisco
che vi sono degli affari privati nei quali nessuno ha diritto di mettere il naso; ma conto su la sua ben nota gentilezza. Sia franco: é lei 1'assassino? ,
Naturalmente il sospettato
si guarderá bene dal confessare; ma qui si deve vedere íl
(atto, la boníá e la destrezza
dei giudice, il quale, impiendo un altro biechiere, dovrá'
súbito soggiungere:
Guardi, voglio toglierle,
tosto un dubbío. Ella penserá
forse che, se si confessa autofaro
re deiromicidio, io la
chiuderc in cárcere e processare. Non mi creda cosi' maldeirinquisivagio. I tempi
zione son passati da un pezzo.
Io so clie ogni fatica merita
un premio. Suppongo che dodeiruccisione,
po le fatiche
ella avrá un poço i nervi seossi c bramerâ un meritato riposo. Ecco ho qui per lei un
passaporto e i biglietti pagati
a
per nn piacevole giretto
Montevidéo o a Buenos Aires.
Nou so se debba fidarmi.
—Oh, amico — coutinua
il giudice, offrendogli un toaddolori,
scano — non mi
dubitando cli me. Mi guardi
negli occhi: che cosa ci vede?
in
L'amistá. Abbia fiducia
me. Non sono di suo gusto
Montevidéo, e Buenos Aires?
rreferi3ce la Svizzera? Bova!
r— Preferirei la Francia.
E ha ragione. Mondo
impressioni
vecchio,
nuovc.
Ma ce l'ha un bel baule da
viaggio?
L' amminístrazione
della giustizia puó offrirglierlc uno nuovo di trinca.
Grazif,-, troppo gentile.
Non ringrazi: 6 obbligo
nostro. Accetti un paeco di sigari di Bahia. Posso permetlermi di offrirle anche una pipa di spuma?
Ma si', amo la pipa.
Lo immaginavo. Tutti
gli uomini energiei amano le
bello pause fumose che concede Ia pipa. Dunque 1'uccisare é lei.
Si', sono io.
Bravo! Non so come eprimerle la mia riconoscenza
per questa preziosa informazione. La sua signora ama le
rose, o preferisce i cioceolatiní?
Le une e gli altri;
Mi permeüeró di mane
darle uii canestro di fiori
una cesta di cioceolatini. Seusi, se sono curioso: le cause
deiromicidio?
L'aspirazione a possedere dieci contos che il morto aveva in tasca.
il
Giusta aspirazione:
denaro oggi é* tutto, e tutto si
fa per possederlo. Ma i dieci
contos li ha giá spesi?
Purtroppo, si'.
Non si affanni. Eccone
altri dieci. Li tenga per amor
mio. E adesso, signora, lascf
che lo dica che un uomo sincaro o lealo come lei, Io non l'ho
mai trovato. Si ricordi che in
me ha un vero fratello nella
giustizia una madre a nel tribunale un padre.
PP II W ríílüf
llUSI Itl niibiUili
CHE COSE' LA DONNA?
Geograficamente, é una cateratta, come quella dei Niagara, che ci spaventa a ci at»
tira.
Astronomícamente, 6 un a*
stro incantatore, attorniato,
come Saturno, da un anello
d'oro, che gira in un'orbit©
molto limitata.
*
metallo
un
Fisicamente,
prezioso, che si dilata al calo
re deirorgogüo e della vanitá.
Magneticamente, é una bus.
sola che serve di guida all'uomo nella sua peregrinazioné
W
pel mondo, e spesso gli
perdero la bússola.
*
Politicamente, é il potere le*
gislativo che s'impone all'ese*
cutivo.
Grammaticalmente, la doni#
na é di genere maschiie.
mtijjm* *ssn>-
AZdjTTARE « 1§ ECESSE EST
,;
->S
— Lo lasci stare a scuola: bisogna che impari a leggei-e t
scriverc.
Non mi faccia rlderc: bisogna che impari la ?'boxe"!
mn»i
n.l'.» "
....^ , "y*
.
" ...
m, àiOí7»''" ¦'^¦^T7T'w»
/*
PASQUINO COLONIALE
IL
ai vario russo
I Sovieti voguono radere ai suolo ia
storlca Gattedralc delia Resuirrezionc* che
hanno giá spogliata delle immagini sacrc.
~
^a
•^^^-'
^[\
Am
i
v0
'.?:
^hiÉ^^Eft^lr^á?. ^fr^BÉfl?^
in tono di rimprovcro ml diase:
Você róe as unhas!
restano i ladroni!
lilHH^-*-»»^^ » é ? ? $ <
WfJ
¦O/v" f.
»'»'»•* fr*
II figlio d'un mio amico —
racconta il comm. Caldirola —
aveva contratto il costume di
rodere le unghle. Per curarlo
di questo vizio, Paia gli disse:
Sc tu continui a rodero
le unghiè, sai che cosa ti suecederá?
— No — rispose il ragazzo.
Tu comincerai a gonfiare, a gonfiare, a gonfiare come
un palio ne, e un giorno creperai. Io giá ho conosciuto un
*
ragazzo, che ebbe questa orri"coronel"
ricco
e
ün noto
bile fine, perché non volle eitccompagnato da una bellissi- mendarsi.
ma signora, entra dai fratelll
impressioII ragazzo resto
Bonglovanni per cenare.
II cameriere legge la lista: nato. Credette ció che gli dís— Temos ostras, temos Cham- se Paia, e per paura si corresíbertin, tomos lagostas, temos se.
Alcuni giorni dopo la sua
champagne, temos. ..
famiglia sMncontró ai Circolo
— E' inútil,
rapaz!
meu
Quero uma feijoada completa: Italiano, per una festa. Io mi
Esta senhora é minha. . . mu- avvicinai per salutarla, ed il
ragazzo, squadrandomi da calher!
Marameo
po a piedi, mi si avvicinó, ed
"Fanfulla"
nei
letto
Ho
questo annunzio misterioso:
"Giocare ai sicuro?
Ci
riuscirete, aequistando i piani
scientifici deirARTB DE FICAR RICO. Scrivete alla casseita postale, ecc."
Io, che sono alquanto curióbo, ho scritto; ed, a volta di
posta, ho ricevuto questa laçonica ed espressiva risposta: —
Fatevi cassière in un banco.
Pasquínofilo
"Sr"
??»???????
dali*
Latinorum da sacrestano.
Letto in un mattutino loca"Amigos cortus In re
le:
— Libertas
incerta cernitur
"seceos e
Un negoziante di
molhados" dei Braz, si é fatto
"Jardim
fare una bella villa ai
inaugurata quae será tamem.
Paulista", e l'ha
con la presenza di molti inviin
Quale lingua si parla
lati. Vi sono anche dei giorBrasile? II castigliano.
nalisti. Giesse, come decano si
Di fatti una rivista italiana
congratula col padrone:
D. Pedro II tradusso
I miei complimenti! Ha dice che
"in
pura
il Cinquo Maggio
buon
molto
gusto!
avilto
Castiglia".
Per caritá, é una piccola lingua di
GRANI D'ORO
una villania
villa, o meglio
Tutti gli uonilni hanno
non ancora finita. Manca anscopo nella vita; é perció
cora il cancello, no. . . Ia can- uno
naturalc che le cionne abbíano
cclleria tutfintorno!
una scopa.
S. M. (Santos)
Chi lavora, ha una cami«!»
cia; chi non lavora clue camiCOLONIERIE.
cie e tre paia ai mutande.
"Fanfulla":
Dal
F. Testone
"II tribunale era repleto aiL'ULTIMA
Pinizio deirudienza".
JD' vero che non in tutti
uovo
un
come
Si',
Repleto?
i paesi il salame ha lo stesso
pasquale.
valore?
Veríssimo. Iníatti da
Letteratura luso turca.
in
noi il salame si mangia
"Fabbrica di biancheria".
Turchia si lecca: donde il
"sala mel ecco".
Marca di fabbrica.
"I
Hanno tollo il Cristo:
Io" e faria registrara
Nuova Crusca.
fenomeni
delia stimatiz-
zata".
La santa Jacobá di Campinas — come ci riferisce il nostro corrispondente — lia veé
ramente una stimata, che
una cicatrice di una ferita, riportata in uno scontro automobilistico.
Un poeta coloniale pubblica
una poesia, in cui, tra Paltro
si legge: — Empie la terrenal p0polazione.
Gli consigliamo di prender
tosto il brevetto d'invenzione
delia nuova parola "terrena -
i
i
i
i
I
a
i
i
i
i
i
i
ii
a
ti
i
i
a
i
i
N
i
H
i
B
I
I
DR.
G.
A.
PANSARDI
Specialista degli Ospedali
di Napoli e Parigi
VIE ÜRINARIE - SIFILIDB
PELLE E MALATTIE
DELLE SIGNORE
Cura speciale delia sifilide
e cura radicale delia blenorragia acuta e crônica e
di qualunque malattia deiPapparato genito-urinario
delia donna secondo gli ultimi processi. - Consultorio per gli uomini: Dalle
9 alie 11 e dalle 14 alie 15
l|2; per sole signore dalle
16 alie 17
RUA LIBERO BADARO' 17
ffTl
Che vento che tirava! Stamattina,
'Nder mentro che passavo pe' PArinata,
Me so'fatto, pe' crispo, 'na risata . , *.
'Na risata! Passava 'na
paina
Cor pelo ar collo, co' la pcllcgriha,
Cor inanicotto, tutfinfagottata;
QuamPecchete j* arriva 'na ventata
Che Ia fa sbatte' addosso a 'ha vetrina»
.lc s'arzeno le veste; no, che volete?
Schioppo da' ride; lei caccia le zanne,
Me se vorta c me fa: —- Perchó ridetc?
Dico: — E' curiosa a fa' certe dimanne?
Rido, signora mia, perché ve eéto
Scordata de mettévve lo mutanno!
XRILUSSA.
IL PASQUINO COLONIALÉ
g
ti
JnHfe». M
nades II
€$
•P-i^B mmWm W9§Wm] WjMf Mj/Mw
Wi.iMn.i- * * amwn.1. '->*»
«smm. mas teu
\
Allcluja, aileluja, alleluja!
Osanna! Benedictus qui venit
in nomine Domini!
I nostri lettori, intelligentiasimi sempre e sagaci, giá
alio primo parole, hanno compreso Palliisiono: il prestito
di 20 milioni di sterline.; legl?ete bene: venti milioni!
E' la manna invocata e aepettata, che arriva propizia
ia ristoirare le aride fauci dei
derelitti nel deserto
jpovori
delia crisi.
Vi sono pcraltro ancora deile difficoltá da superare. Per
esompio: — Quando tempo ci
iiyorrá per contare e conferire
Venti milioni di sterline? Ci
ottimisti,
sono degli esperti
che calcolano dai dieci at
quindici anni; altri poi, basandosi su dati di fatto, assicuirano un minimo di 27 anni.
;Prcndendo una media, é certo
che sono necessari non meno
di 18 anni, nella felice ipotesi che tutto vada regolarmente. E se, puta caso, si trovasso una differenza di due o
ifcri scellini? Ecco un'incogni|ta spaventosa: bisognerebbe
ricominclare da capo, ed aliora i 18 anni diventano autoImaticamente 36. E con gli anni dovrebbera anche aumenta|re le sterline, se ó vero che
U tempo ó denaro.
]: Difficoltá seconda: c'é una
cassaforte tanto sicura e tanto
igrande, per conse-vare tanto
denaro? Ma questa difficoltá
é facilmente sormontabile: si
potrebbe affidare in custodia
|— se accettassero — alia dit,tá Prosini, Giorgi e Cia. Illi¦mitata.
terza: dato e
Difficoltá
,'concesso che nessun ha un
íbecco d'un quattrino, come si
íará a cambiare 20 milioni di
sterline? Ma ció sarebbe -osa
di poço conto: per semplificaf
re ed agevolare la circolazio{ne ogni sterlina potrebbe darsi e riceversi per an testone.
Difficoltá quarta: siccome
la strelina é
scomparsa da
tanti anni dalla circolazione,
saranno tutti in ccndizioni di
triconoscerla
ed
accettarla?
sormontare
quesfaltro
:Per
scoglio, le autorità competenti dovrebbero
giá indire la
battaglia delia sterlina, con
maniíeatl. crmfercnze. avvisí»
rimettendo a tutti i giornali
collezione di
una completa
sterline, affinché il quarto potore,
con
quelPabnejazione
proverbiale che lo rende bencmerito delPumanitá, potesse
pubblicarne i relativi ritratti
e farne
un'efficaco propaganda.
Superate queste difficoltá,
si avverranno le previsioni piu*
rosee e piu' confortanti. I padroni di casa saranno piu' umani, i bagarini diventeranno
faranno
onesti, i negozianti
affari d'oro, gPindustriali faranno affari di diamanti, gli
operai non avranno p'1!' bisole suocere
gno di lavorare,
sorrideranno una volta l'anno almeno, le cambiali non saranno piu' protestate, i pedoni si riconcilieranno coi veicoli, i debiti saranno condonati, i fiumi scorreranno latte
e miele, le campane suoneranno a festa e le musiche intoneranno gPinni nazionali. Letizia mai provata, perchè non
ric'é maggior piacere che
cordarsi delia miséria in tempi felici.
Ma tale felicita non sarebbe
certo completa, se ogni buon
italiano non si premuaisse di
un vantaggio indispensebile:
P abbonamento ai "Pasquino"
che si puó ottenere inviando
soltanto 15 mureis (1'ammlnisfcrazione, non badando a saanche stercrifici, accetta
liue).
Quindici inilrels (o sterli<
ne) non vi bastano neanche
per festeggiare modestamente
avvenimento,
11
grandioso
mentre sono sufficienti per ridere un anno intero abbonandovi ai "Pasquino"!
INGEGNERI ARCHTTETTI
COSTRUTTORI
E
abbonatevi alie belie riviste
che tratt-ano delia vostra prola Libreria
fessione,
presso
São José — Rua da Gloria 22
¦— S. Paolo.
DR.
PROF.
G.
BRÜNETTI
Dalle ore 13 alie 15
LARGO 7 DE SETEMBRO, 15
Telefono: 2-4226
Continuano Io agitazioni
in Jugoslavia
antitalianf
-•'
¦7
¦í
1
7
*.
UITALIANO: — Si vede che vi punge ancora:
la nostalgia di questi imperiali e paterni strumenti í
Siete una persona intelligente ?
"Pasquino".
Leggete il
— Leggere il "Pasquino" significa esaltare
Targuzia signorile, lo spirito di buona lega, Tonesta gaiezza!
i
i
•ati
-i
¦
i
¦
¦
i
¦
¦
9
I
J
'¦'-!»
Jjj IX.
rV \V E»
.1 Jid I\
'¦ii
Ecco er fatto. Lo preso drentfal letto,
Dove stava in campagna in nn casino;
Jo sigilló la bocea cor cuscino,
E j'ammolló 'na cortella ar petto,
Dunque, ferita alPundici; ce metto
Uno, er giorno; quarantatró, assassino;
Vado giu' da Venanzio er botteghino
Ar Popolo c cc butto un pavoletto„
m
A Pestrazione, saboto passato,
Ce vió Pambo; ma invece de ferita,
U-Pcsce settantadue: morto amniazzaio.
Ria guarda tante vorte er Padretern-o*
Come da la fortuna ne la vita!
Si Pammazznva, ce pijavo er terno!
O, PASCARELLA,
10
' ASQOWO fPJÍÍÍÍií.
1L
i
iniiTTiVrnn—r—
domando rlsponda purê cho
sono insinuazloni maligne.
Quando la quereia é caduta, tutti corrono a far legna.
PATERFAMILIAS. — L*abbiamo notato: in Germania
hanno aumentato la tassa sul
ancora non siete
caffé. Ma
porsuaso che Ia Germania nou
é PItalia?
ABIIUZZESE. — Frottolc I.
II "vostro" D'Annunzio ó vivo
o verde: scrive, gioca a moscacieca con Io clarisse, e spa-*
ra — "de vez em quando"
qualche cannonata.
SOR TENTENNA. — Atten- mártir! non fnrebtnjro lo stesto al mali passi. Al Jardim da so? E' bene notare, a questo.
Acclimaçâo, il l.o Maggio, ó propósito, il vezzo dei cavaliee
Btata notata da tutti e ama- ri erranti, senza macchia
commentata la tua senza paura. Finché vivono in
ramente
Francia, la Francia é il paese
assenza.
'delia liberta, il suo
clássico
Diventl cosi', sempre piu',
"a Dio spiacente ed a' nemi- governo una manna piovuta
ci sui" Aspettati una terri- dal ciclo e il soggiorno su le
bile reprimenda, e í'ors'anco sponde delia Senna un paraaveva;
non
L'im
—prudente
11
espulAppena
terrestre.
diso
buie).
nella
prossima
MOSCA (ore
Pespulsione,
cho 18 contos: una velodiventa
Francia
per
la
sl,
riunione dei tribunal! rossi.
Governo dei Sovieti permette preso
miséria!
E faranno bene: chi ha il ro peggiore delPItalia. Insomagli stranieri di cercar Poro ra
Per non essere arrestati, si
redi
scoperti
tetto di vetro, non faccia a ma non vogliono né Cristo, né
nei giacimenti
Giosa, si deve rubare da cento
né
Facta,
né
diavolo:
il
sassate.
cente in Sibéria.
Diamine se quené TarMa __ ha dichiarato Sta- contos in su.
ASSALONE. —- Adesso an- litti; né Mussolini,
comunc, perché
sto é Puso
straniedegli
_
diamo d'accordo. II nuoco quo- dieu. Sono gli eterni malati
vogliamo
lin
tidiano italiano si fonderá a — di cui parlano il Leopardi tí disonesti, possibilmente la- uon seguirlo?
Ma, bisogna essere indul- /
presto
Buenos Aires, e forse anche a e il Man zoni — che, eambianpiu'
faranno
Essi
dvi.
con un povero provim
do posizione, sperano di guaBombay, ma non a S. Paolo.
il lavoro, abituati come sono genti
ciale!
peggiorano e
La carta sporca costa
piu* rire, e invece
a cercar Poro. .. nella tasche
delia pulita, anzi piu' dei pa- soffrono sempre piu'. E il lodegli altri!
"Ubi
—
bene,
S. SALVADOR (ora locale)'
ne; e solo un profano come ro programma
— E non avete di simil genibi pátria" — niassime in que- te in Rússia?
Corre você che un certo
voi puó sballarle tanto grosso,
scoperto il
sti giorni, non è di facile soA ogni modo fatevi sotto: il
Si', ma ó tutta impiega- sig. Cabral abbia
luzione.
mondo é degli audaci.
nelle alte cariche dei So- Brasile.
ta
POLIDORO. — Ma che
La notizia merita conferma.
SÓCIO A. C. -— Se le novieti!
*
Sara
}fcre benemerite Societá non si pseudônimo pastarole!
"neIN MACCHINA
íveglieranno per commemora- per questo che parlate di
—
tropicale)
RIO
(ora
»e il bimillenario virgiliano, spole"! E' deplorevole che tutauto-camion ha sfonda*
Tobusky,
Un
Maurice
tal
Quei
non disperate: aspetteremo il ti gPintemerati che vogliono
to le pareti di una farmácia,
commercio,
di
viaggiatore
incodei
prossimo,
dir corna
trimillenario.
alPAv. Tiradentes. Un disa>
dopo
Campinas,
da
scomparso
VERITAS. r-r E' próprio co- mincino con le sacramentai!
fortunatissimo: tutti {
stro
é stato tratto in
rubato,
aver
—
di
anni
tanti
In
si': chi muore, giace, e **ii premesse:
feriti hanno trovato i medieiNó poteva essere alarresto.
usempre
stato
sono
Brasile,
vive si dá pace. E spesso avnali a portata di mano,
triinentit
galantuomo.
viene che, tra un sospiro for- no specchio di
. ^CE3B» «rtEüS» <BSBÍ*k ^SES» *fl8*» ^JHR*Eato e un elogio sesquipedale Ho sempre lavorato. A tutti
&l povero scomparso, Peredc ho fatto un mondo di bene, e
ingrati con
tutti sono stati
ffortunato pensa: — Ah! se
ine. Sono povero, ma onorato,
íosse morto dieci anni prima!
— L'uomo é sempre iena, an- non mi occupo degli affari altrui, ecc. — E súbito il razzo
(COLLABOR AZIONE)
*he nel secolo dei lUmi.
finale: — Ma quei signor CoITALICUS. — Certe vecchie
-..-rir.|
cg
.,
1
-Tr~~~-.»~.-T-™-i---Tr-,.
, ,.
so, vennto scalzo e affamato,
e raneide cantafere, dette o
stampate da stranieri o da no- sl é fatta una casa, mareia di
"bicho".
strani, anche "se vanno per la a-utomobile e gioca al
ma^giore", contro PItalia, la La moglie poi, se la vedessi,
dittatura, la prepotenza, la mi- carica di brillanti, impellicciaseria e via dicendo lasciano ta, che sembra la regina Sabá.
Ma le voei che corrono, ecc.
ormai
indifferenti gli stessi
ecc> — b voi vorreste che proantifascisti, e fanno 1'efi'etto
¦di quelle allegre cantate — prio noi esponessimo alia finestra i vostri stracci?
Egalité, cornodité, nazionalité,
S. M. (Santos) — Purtropstupidité — dei popolare venditore ambulante di scope.
po é vero. La notizia fu data
II
SI ripete da tempo: — "Ni- solo da un giornale di Rio.
hil violentum durabit" — Be- gesto dispevato dei noto indu(che é in
striale paulistano
nissimo; ma come si spiega
che dopo otto anni — certa- via di guarigione) ó passato
sotto silenzio, perché egli é
mente i piu' difficili e pericolosi — il Fascismo non ac- amico delia stampa, e, ai temI mmitqj i in mi nT—i«jir<iiHTniii i.»tfa^«M«w"»«——.t* mau j. . m .nu'«.'ia.1. i."-i«» '< n»^""_ jj.._ j n ii.Mwm1»1! p
ccnna a cadere? E i grandi pi delle vacche grasse, a tutti
Pacorifei delia liberta,
quanto ha dato da gran signore.
Csu-nci-u: — lü Non li basiano?
non hanno tramato e batta- gherá i debiti integralmente;
Ii'Americano: —. Sí'; ora vediamo di trovare qualche pcld
fatto, ío ha fatgliato contro i passati gover- e se maio ha
qui dentro!
to solo a se stesso. AUe altre
ni? E se questi tornassero, i
N01TR.OJERyi^(R0NlzMTO
4
UKNEJ XV 1 OJ
¦
I f V*
IL PASQUINO COLONIAL^
^«irfl-
\
t&*
M
J»
vitali
Problemi
IL
lATTtf- e mortais
m (oiomo
I MILIONI
Quanti poveri milioni ci soao a questo mondo! (N. B. —¦
Non parliamo dei 20 milioni
di sterline perchè non sono
per noi).
i giornali
Periodicamente
pubblicano notizie di vis^se
ereditá costituite da pareccMe
eentinaia di milioni che giacciono inutilizzati nePe Americhe; milioni che attendono dl
essere riseossi da eredi ignotrati e ignoranti la colossale
fortuna che si 6 abbattuta su
di essi.
Un certo Culotta (il nome
sarebbe da
non
veramente
miliardario, rna andiamo avan
ti) morto noidi Stati Uniti ha
lasciato ouattro mPiardi, oitre due miniere di oro.
Ieri era il tramviere avellinese Vecchione; 1'altro ieri un
tale Mazzoni: Puno e 1'altro
jniliardari.
Osrgi a te, domani a me.
Chi sa ouanti poveri miHoni, raridagi e tristi si aggiraoio da una porta alPaltra, in
attesa che tu, caro signor lettore. ti faccia vivo.
Soltanto, come nel caso Culotta, é probabile che ogni milione, come quello di Marco
Po^o. sia un milione di frottutti coloro
tole. Ed allora,
che s'a<spetfavano dei milioni
sonanti, restano invece come
dei bel minchioni, cioé, tradotto in cifra, con in mano
Qualche par di zeii.
Di questi disgrazíati miliose ne
ni, privi dí proprietarí
'magnífico
un
ipòtrebbe fare
íuso: 1'America se li continua
a tenere, e noi facciamo pari
e patta col nostro debito di
:guerra: tanto per conto nostro non c'ó pericolo che vengano a trovarsí.
Non ó un'idea geniale?
ci é
AlPultímo momento
¦giunta
strabiliante
uu,altra
Brutius,
notizia dei genere:
Ieri ha ricevuto beu ottocento milioni... .
.— Di contos di reis?
No.
Di sterline2
r— No,
Di dollari?
)-— Neanche.
w- Di lire?
"Roma docet!" — Su Tcsempio dei sistema delle retl
di ferro applicate ai muraglioui dei Pincio, per impediro
i suicidi mediante lanciamento
nel vuoto, in S. Paolo — dove
pare che tale genere di autosoppressione soda le sim^atie
delia popolazione — si é pensato di fare un quid simile nei
due viadotti. E se non si c fatto finora, la colpa é esclusivama, anno
mente delia crisi;
piu', anno meno, si fará appena terminata la Cattedrale.
buona nota
Quindi prendauo
gli amatori di questo genere di
sport: resta poço tempo a loro disposizione per bearsi delle
delizie dei vuoto: approfittino
oggi stesso: domani forse sara
troppo tardi.
"Roma docet" non solo fra i
latini, ma anche fra i figli dei
Sol Levante.
In Giappone non esistendo
né Pinei, né viadotti do Chá o
di S. Ephigenia, né muraglie,
né muraglioni, che sono una
specialitá delia Cina, i sudditi
dei Mikado preferiscono farsi
mikadere entro il cratere dei
vulcano Fusihiama, in modo—molto piu' igienieo dé-1 resto—
da giungere a meta suicídio
completamente cremati, e volare poscia ai Creatore sotto forma di polli arrosto o di lapilli
inncanclescenti.
Ma le autoritá nipponicho
non si sono pereió sgomentate,
e — Tiferiscono i giornali —•
stanno progettando la costruzione di un'enorme
rete da
fissare ai bordi dei fatale cono
eruttivo, per impedíre ai figli
e ai nipoti dei Sol Levante di
levarsi Ia vita gettandosi generosamente da 3780 metri d?
altezza!
tf
Accanto a tale fatto o da
farsi (ma avanziamo le nostre
riserve e proteste per rivendicare la prioritá italiana delia
retificazione) sta quello che ó
accaduto
negli Stati Uniti e
che addita ai candidati suicidi
amanti delle emozioni uu nuovo orizzonte vastíssimo per le
loro esercitazioni mortali;
il
lancio dalPaeropIano, eseguito
teste a scopo di stanchezza di
— Macchóí
Ka ricevuto
con una inieziono ottecento o
rotti milioni di streptoeocehi!
11
vivere da una formosa donzel- no?
la.
Un chiodo plantato su VeneOra — volete scommcttero? re, un arpiono su Marte, Pa— le solite autoritá fiecanase nello su Saturno giá c'é... eco guastamestieri comtnceranno co
pronto il modo dl fissare
a pensare di correrc ai ripari
anche per questa forma di no- la rete di sicurezza interplanebile ed ultramoderno suicidio. taria, utile anche per impedir©
Mediante dello reti metalliche la caduta dei bolidi e delle saet
attraverso lo spazio? E perchó te.
I
MARTIKI
MÃRPANT
alí ia»»
Turbe di Gandhisti hanno bra^
ciato su Ie piazze di Karachi raon
tagne di tessuti inglesi.
AneTie coi tessuti 'L seguaci di Gandhi dánno filo da torcere
alPIngbilterra.
<%>.'<
<¦.
•.
la 0)occa defk? Vetità fe
a ^ a» áçáe^
/wsfi/^ L*
OLV1
Furon chlamati i corpi popolari
per ordinarsi sotto le bandiere,
e trionfalmente entrare e poi g-odere
la libera cittá che gli avversari,
avean sacrificato per volere
d'esurpatori d'interessi vari,
che nel principio lor di solitarl
sol governavan con minacce fiere»
Questo ingresso solenne, desiato
íu per ognun mostrare la tenuta
iu diguitoso contegno dei fatti;
ouor facendo ai trionfale apparato
ed alia forza loro ormai tessuta
riacquistata con sacrifici d*atti.
G. CAVALIERE.
Ml
' ' 'i
^rsacsrvsíjmétaMMiMmim
M*
\
i' iii.iílli'«.íí»Ji
ié*mii li i ri
IL PASQUINO COLONIAL»
JP%
SCACCHI MATTI
Carnera é ln ribasso. Ormal
Stiamo
non gli credono piu',
nuriceyendò un assai minor
mero di collaborazioni....
\
In palia al cesto la PortualVEspegueza lo ha suonatc
avanti
ria. Ma bravi! so vanno
in tal modo, coloro che furono
per
finiranno
campionissimi
squadraj
prenderia da qualche
jntanüle
nela migna frente" lé una faGregio Sinior Diretore,
It
dela
grande rofada da far ridere le galine.
II Corinthians ha battuto
Lé la vigilia
Me ne conosco molti di cueli
tanJuventus di 5 a 0. Ha fatto...;;
giornata che ó spetato per
'•'dei
dicampo nemico" che va
uno sforzo.....
to tempo per via che ci ó tra"o Palestra
che
volta
in
#
cendo
vessata nela garganta una brudi
e che á
ítalo Ugo Merighi, campiota spina e cuindi mi pare a me non da pro pulo"
"fedi meia dúzia e
ne di boxe, ha battuto Tobiaa
che non é una cossa esquisita apanhare
Mano Parco Antarctica".
Bianna, campione delia
Be la ne.rvatura mi fa dei sal- sciar
Cueli li a me é cueli che mi
''Ne
ti come se fossi nervastenico
nanel
di fischi! O do-'
"inachtch", ma un
la mosca
ha
montare
presi
fa
un
di
"vafigudo.
fare 11...
lé me- vecie
noi
visto
é
vinciamo
si
se
famai
che
e
lo
ve
so
dire
volio
come
trenó vagabundo
Con cuesto mica
va
e
uno che si chiavapore
un
che
lio
prende
dei campionl contro dele lente" contro
rebe
che ó paurá, parliamossi chiama Bianna?
se no ci facio una ca- criansigne di un ano.. .
Vri, parché a io non cé Corin- in Cina
"macarrão" "ita*
ci
che
"moschiteri"
insciada
Brutto...
cussi'
che
bessa
Un altra volta lé melio
tia o altri timi di
e ti saluto pátria.
va ameassar le lianinho" etecetera!...
il "vetirano"
che riesse di metermi la tre- scopia
*
Palestrini tuti che mi lége- reserve dei Giovenil di Piritumareia per via che ó una brual Parco dei San oa....
Domani i corinthiani sperata confiansa nel mio Palestro- te! Andate
"vendicársi" al foot-ball
spagheto fuori
Giorgio sensa
'^
Col cuale ci struco la mano; no di
üe velio di guera.
loro
per
imposta
l'unico
posto
che
riconosso di posto
mi auguro cuelo che siaugura delia sconfitta
Ma, cossa vuole,
ai ceTuti
il
stomago.
lé
tuti i palestrini sul serio e so- dai palestrini nella palia
.lealmente che il caso lé serio e i spàgheti
;che va
a dire che chi va a- no il suo
sto. Se poi andrá male, invenpiliato sensa sbrufone- si sguela
" minacia"
no?
ne,
nuova
una
Palestro
il
tcranno
é
'rie
Bevotissimo
via che il Corintia... panhar
aci
'non per
che
cuando
pur di consolarsi...
GIGI POLENTINA
lé propio cangia dei tuto Melio! Anca
tacáto cuela bruta lae che se poi dopo si mete in biamo
gmiHBBSBBálIBBIBIBtIBBBBBBBBBBBBBBBIBBi
'mezo anca cuela bruta "uru- vada ai ungari dei Frencheva- 11
lé capace ro ci dicevano che erimo mati
ca" di sempre...
al sacrificio.
&:Ms
che ci capita un disgosto e alo- e che si marciava
fa
chi
E
Palestra!
é
ra chi á fato garganta fa un Palestra
conto di noi, ci pistiamo
papelo ancora di piu' triste e poço
effettuerá domani il grande
(Si
il
rabo!
non so se mi dispiego.
Ma va
gioco di foot-ball tra la Palestra ed
time?
abbiamo
Non
lidomando
me
Intanto
fl Corinthians).
che lá che la cantiga lé velia e Pajcensa di fare i scongiuri e
se cé biamo sentita prima dei triunbariga
di
mal
un
ci
pili
|
¦cuel viliaco che á il corage di fo coi ungari! Camiseta verde
mm^
A\
Avanti
carete!
di
íarci la mandinga al mio Pa- non á paura
che me mi regassi! Dateci drento! II mio
Jestrone cherido
- Corindesidero — mica per gnente palpite lé: Palestra 3
sono un sporteman di marca— tia 2. Con cuesto pensamento
nela lota e vedrete
che tuto core bene e che dal butatevi
"cueli lá" non é "papon"
che
il
time
vincitore
sae
campo
a
che â merecido la vitoria cola e che le pilia come, grassas
Deus, le á piliate giá tante
sua forsa onesta e il suo valore riale e non perchè á gio- volte.
O' deto.
cato bruto magari chebrando
E sabato diró il resto.
o facendosi iutare
aversario
nn
'dal
giuiz che lé una lastima
agiunta
Adeso una picola
di
cuando che ne capita uno
il cuale,
piliarlo per il Internassional,
cuel che bisontierebe
aveva deto che do*
per il fonclo dele braghe e dar- povereto,
ci averebe date
ci una picola lessione ligan- menica pasata
dei
vendicandosi
scopole
dolo per ii colo, per un paro le
"macaron" che non ci á voluto
di ore, a un dieci o venti medare il passe di Del Bianco e
tri da terá.
k Che vadi tuto bene, eco il Ministro.
Me di figure brute ne ó vimio voto. Ma un voto molto
Ma come cuela
di piu' sinciero lé che vadi tu- ste fare molte.
fraquessa
dei Internassional,
to bene per i pirichiti dei mio
non ne ó viste mai
cuore che cussi' moita gente nel caso,
li â dato la
bassa le ali, mete di parte la che i palestrini
— 1 DUE: A domani il bello... Paura? niacehé! tremo? siV
fare
sensa
0
e
a
4
biada
per
cuel
che
garganta e si lembra
ttia... di rabbia...
un trenó ln"non
che
forsa
pareva
ninsrnen
vegio
afare di
IL
*
IL PASQUINO COLONIALE
.*
-
13
t
Sogni... e realtá
^ft
D^k
Wfl^^^^^
MMm^mTT
"^
Av9^—f^
Domani viene il bello.
II bello viene domani.
*
yiene domani il bello.
í^^^^^^Lm*^*-
j
^^^.
^^P^
ÁwLUcrJt^^
"fia(L'Internacional, partito con
ri propositi", ó stato facilmente bat»
to dalla Palestra).
AmmX
scrisse: "o score não diz
bem o que foi o jogo".
lo "score"
Aveva ragione:
avrebbe dovuto essere di 20 a
zero.
tf
i
(il
A propósito dei quale
quale é lo Stadio) rimandiamo
ma é a sabato delle grosse rivelacontinuare
Potrcmo
causa dl
saranno
che
neglio plantaria IP ché tanto zioni
entusiadi
molte esplosioni
lon v'ó chi non sappia cho il
'bello" di domani é il gioco smo.
tf
lontro il Corinthians.
Nascimento ha trovato gttnoi "aiutada
vedersi
nel
"bello"
sto
magari
che puó
Un
"cosi'
cosi'" o — to" in quei suo insolvibile rroessere un
"brut- blema sentimentale. Va bene:
corna in azione! — un
ma se tu
noi ti "aiutiamo",
to..."
non ti muovi ciao bella!
"fi*
consoliamoci: la
Peró,
Nascimento domenica era in
fa" é reciproca: anche i corincon. solo una damina:
thiani, con tutta la loro squa- tribuna
"golf" giallo era assente.
dra di "mcschettieri campioni il
perclié
Ora comprendiamo
dei Brasile"
guardano a noi
statura)
goalLA PALESTRA: Eccoti servito, discolaccio. Cosi' imparecome il diavolo
guarderebbe il grande (di
keeper ci ha detto, guardando
rai a far la você grossa.
Pacqua santa...
"Oh
que
il sole tristemente:
tat\
'•Non abbiamo squadra!" di- chuva!"
Nascimento... Eh no! ora
il
Corin*
Club contro
tuo
cono i soliti disfattisti: questa
basta!
thians?
Nigro afferma
é una baila:
911
tf
Eh caro mio! é un "osche chiuderá il becco a moita
"gatto",
Russo, Russinho il
"Deus te ouça"!
UN MESE FA
so" Puó andar bene e puó
gente:
ha "fatto la mano" a giocare •
Di un po', Tizio: che ne andar male... Quei diavoli lá
in 1.* squadra. Se vuoi divendei tuo giocano un "pedaço": gente di
di un gioco
diresti
C'é tra i nostri un magnieffettivo, gli diamo un
tare
valore: squadra capace di tutfico
spirito di combattivitá:
Club contro il Corinthians?
consiglio: ammazzi Nascimenin
speriamo
campioni:
Corinthians?? robetta, e- to:
quello stesso che fece fare al to... o lo aiuti a prender moForencvaros quella
sterica.,.
gregio amico! Sarebbe un ur- Dio. .. „
glie....
f iguraccia...
to senza sugo: il Corinthians
tf
*
non lia squadra che possa resei proXingo, va lá che
Di un po', Caio che cosa
Prender lo spunto dal gioalia Palestra: é un paisistere
Galanda volerti bene!
co contro
é ne dici dei gioco di domani dei
PInternacional per prio
é "farofa":
lone
gonfiato:
volenteroso, affezionatuomo,
é
un
giudicare la squadra,
su dai giornali: tuo Club contro la Palestra?
messa
roba
abbiamo
ora
sapevamo:
Eh caro mio!!... é un
errore: contro i "gargantissi- to ti
Debbio, Grano e comcbe sei ancora un cam- Filo, Del"não
visto
"osso...." Puó andar bene e
mi" ex campioni delia fu Laf
dão pro pulo..."
pagnia
di péssima memória, si trattó pione.
puó andar male.. Quei diavoli
tf
tf
di un allenamento leggero ed
— Di un po', Caio: che ne lá giocano un "pedaço": genNon hanno designato Goliarumoristico. . .
diresti di un gioco dei tuo Club te di valore: squadra capace
Hanno
Selezionato?
do per il
*
di tutto: campioni: speriamo
"não pres- contro la Palestra?
Goliardo
ragione:
L'Internacional — scusateci
-— Palestra?? robetta, egre- in Dio.. ..
Ma
altri.
per
ta...."
per gli
se insistiamo... — era andagio amico. Sarebbe un urto
to al "match" sicuro di suo- noi si': e quanto!
senza sugo: la Palestra non ha ? »»»»»»?»»»»»???»? ?-»-»•?
tf
'
narle.
squadra che possa resistere al
II "S. Paulo Jornal" ce Pha
Tale sicurezza ce Pavevano
DOTT. DOMENICO DEFINE
é un pallone gonCorinthians:
effettivaanche parecchi cronisti tant'é con Pepe il quale,
fiato: é "farofa": é roba mes- Specialista ln Ortopedia e Cbirur,
ma...
moltissimo
vero clie nella tribuna loro ri- mente, gioca
Ettore, Ser- gia infantlle, con pratica negll osu
dai
sa
giornali:
spedali ortopedici di Bologna, Vlen.
servata,
vedemmo
qualche parla altrettanto.
Pepe
e
Goliardo,
nagiotti,
"graudo".. di
*
"não dão pro pu- na e Heldelberg. Paralisl tnfantili
quelli che amano
compagnia
piedi stortl, irregolaritá delia cev
la Palestra come il pepe negli
Nota bene: Pepe ó il giocalo "
lonna verteebrale e altre deform»oechi. .s,
non si tratta di Pepi,
teore:
zioni e fratture.
Nicolino e dottore, che contitf
OGGI
R. Libero Badarô, 23 — Sobreloja
Uno dei sudetti — speran- nua ad essere in campo mezz'odalle ore 14
r.— Di un po',.Tizio: cosa ne Telefono: 2-6529,
üo di toglière lustro alia faci- ra prima dei gioco delle secondici dei gioco di domani dei alie 17 — Res. Rua do Paraizo 9,
lissima vittorià
bianco-verde de squadre...
Domani il bello viene.
Camblamentim
i
14
íL
JLA L1XGUA CHE ABBREVIA
(Continuazionc)
Ti cito un'altra serie di veroi, usati pochissimo da noi,
ciáscuno dei quali ci Earebbe
risparmiaro una o piu' parole,
e qualche volta una proposizione intera. —- Con quella pi"m'appuzza" tutta la
pa egli
— Mi
casa. — Noi diremmo:
viempie di puzzo ¦— Quel ra"divazza" dai suoi geniçazzo
tori — ii terreno comincia i
"erbire" — Ho "appratito"
(ridono a prato) tutto il mio
potere — II solo di maggio
"fiorisce" (fa fiorire) tutta
"Fiorire" ula campagna —
na strada, per ispargerla di
fiòri — Gli alberi cominciano a "frondeggiare" — II PTato "cohneggla" verso il mezzo — La strada in quel punto
"pianeggia" — la strada in
"forclieggia" (nou
quel punto
delPuso, ma usabile: l*usô lo
Qnesfannb le
Aretino) —
"graniscouo" bene —
biade
<;rifá*' la persoQuelPabito le
"rina; quello tende nuove
fanuo"' il salotto.
Non é vero che tutti questi
rerbi non li usiamo quasi mai
nella forma e nel significato
che hanno negli esempi citati,
e che quasi sempre cl oceorrono parecchie parole per dire quello che essi dicono?
E si puó dir lo stesso dei
"Entrave" senza
seguenti: —
"entrare a parlare"
altro, per
(Quando qualcuno gli entrava
a parlare su Paffare delPere— "Cadita, era un guaio)
-—
balare", per ordirc inganni
"Crociare", segnare cou CTOce — scarnovalare" per darn tutti i passatempi dei carne"Incappellare", per
vale —
— «Insignocappello
prender
—
rirsi", per diventar signore "
" Diacoleggiare,
faciechiare
con(un far leggero e poeo
ma faciccludente: non fa,
PASQUjNO^COLOWAlA
Í^Èm\
chia) — "Lentcggiare" (Questa corda lenleggia, non é abbastanza tesa) — "Rimanere,
restaro" senz'altro, per rinuv
ncr moravigliato, Stupito —
"Scaponire" uu testarão, vinostinazione
cere la sua
'• Spesa re" uno, fargli lo spese
"Scaper il mantenimento —
sare", andar via da un iuogó
dove s'aveva casa — "Sfac
spaternostrare"
conda rc,
"Soleggiare", espòrre al solo
— "Tentcnnaié"
un tavolo.
por veder se sia saldo. —• Vedi
un po': son certo d'aver detto
volte in vita
la cosa conto
mia ,e d'avérla sempre detta,
non con quella sola parola, ma
con un'altra, meno própria, e
appunto por questo, aceompasempre da una
gnata quasi
spiegazione.
(De Amieis).
«MiBOXARSI"
"Abbonarsi al teatro, col
medico, col barbiere" ecc. il
Yocabolario non 1'ha ammesso
— dice ii Rigutini — regimaniera
invece la
strando
"Appaltarsi a. o. con'" ecc. come piu' schiettamente italiana, sebbene priva di esempi.
questo
di Abbonarsi. che in "s'abonsenso é il francese
ner", da cui é stato preso anche 1'attivo. — Abbonare la
famiglia, un üglio ecc. al tea— Ma
tro, col barbiere, ecc.
rieper quanto si dica non si
scirá mai a cacciar questa voce col suo seguito di Abbonamenti e di Abbonati, nel luonessuno oggi
go dei quali
prenderebbe gli Appaltamenti
o gli Appalti e gli Appaltati.
E' poi errato Puso di Abbonarsi a un giornale o ad una
altra opera periódica, dovendosi in questo caso dire Associarsi o Sottoscriversi.
— Noi peró
(N. delPAmm.
Abbopermettiamo ai nostri
uaü __ Associati — Sotto-
Matrice:
SAN PAOLO
Rua B. Vista 5 - sobrei.
Caixa Postal, 1200
Telefono 2-1456
—- A vederLo non si direbbe un cane poíiziotto,
—- Certo: é un cane delia polizia segreta.
—
Appaítatori di moderne lo hanno accettato.
scrittori
meglio Non v'é dunque da fare gran
chiamarsi come loro
aggrada, purché pagliino il lo- meraviglia se anche in Itália
ro abbonamento — associazio- fu accolto. Peró si deve notaue — sottoscrizione — ap- re che ogni giorno va cadendo
dicendosi piu' spesso
d'uso,
paltamento).
carrozze. veicoli destinati nelPOSTA DEL PEDANTE
le strade ferrate ai viaggiatori,
quelli di prima
C. TENAGLIA — E' una specialmente
rubrica noiosa e seccante. Non classe, e carri i veicoli des tistentiamo a crederlo: i confet- nati alie merci.
II Petrocchi, nel suo vocali non sono fatti per i. .. pap"vagone"»
Per te, che conosci bolario non registra
pagalii.
ma alia você "compartiniento"j
tanto bene la lingua italiana,
í;ossedeiche eai . perfino
,,_ scrivere
dá la defiuizione: — Una <;vaun'apposita \e (]Ue 0 tre divisioni nei
istituiremo
1;l)ni di prima o seconda ciassezione per i Cinemi e la Bo- goni"
se.
xe.
Se poi ho mais interpretato
GINNASIALE — Vagone é
<;vagon":
il fran- la vostra epistola, lasciate da
dall'inglese
cese, il tedesco ed altre lingue parte i vocabolari e consultate
1'orario delle ferrovie.
T. A. — '-Adio" lia il piu»
Filiale
rale "addii", senza dare — co*
SANTOS
me osserva il Rigutini — un
Rua Tuyuty, 731
tuffo nel politeismo; — Molti
Caixa Postal, 734
furono gli adii e gli abbracci
Tel.: Centr 1739
—. Gli addii non ebbero a fi*
nir piu'.
r» «a-X-i-» -.:"•!>• «SSS» <SBm- ¦*£*? ffTFT
<IH'B «HC3I
DR. B. BOLOGNA
Clinica Generaie
SVINCOLl D0GANAL1
Serviu «Pidi e perfezionati -
Condizioni vantaggiose
PROVATE LA HOST RA ORGANIZZAZ10NE
¦ _
:!¦.
ma
mm
,m*
*
"I
mT~i mTtmt" m*
'»
* ¦ "^ I
**^yt<*af\*y*^ÊÇ\*>l*>-*
Consultório e residenza:
li. DAS PALMEIRAS, í)8-Sol>,
Teteí.: 5-8814
Alto 8 — Dalle £ alie 4
:,.n«É*","«*'
•"
IIJI
-¦¦¦. U>
)IWII.I"I
15
IL PASQUINO COLONIALE
V
i''
"
i
mmam*anmm
LrT
r- ua __ «. i ¦i-->__MHiri.-':«u_
fl
tf
IL DOTTOR
CQMRLETOf-.
'il'
í.
e-""
I $ fi r*
J K «?.. ¦<':fi
\ .!¦¦!¦¦
+m-y,mjp, i i#j. I^|[J,-J«
__W___M
Mil—»
"""*2_____P__27
-
*K-_
y
'
¦ ¦_¦.¦.¦
Istituto iíaliauo ___1
—.
«—
Sadium
i
ali'Avenida São João, numero 123 - 3.° piano
(ascensore)
ii! ouol KJ!è
.1
1
b
".jys«»r
t AP ______ _____««_
a_K_r_
fl»
S!
_
íS_r )
t I"«
I atjj-Jsí-Ttr-i-tí %wi \
buRsi oliva W\ \
I oh&CiI-JA
11| \
I
I
PALACETE PADULA
illliaMBH-KBnawiiKaBaciiii
g?
Fhi__ __..-__.j li. TÜTTO
IL MONDO
RAPPRESENTANTI
1
¦-
"
.
I
I
ii
I
V
B
¦
N
I
I
I
B
I
I
a
a
s
i
8
fl
I
a
a
nale, che
garcggiare
possono
con vini stranieri utilizzando Ia
vinaece per vino fino da pasto,
con canna o frutta e per gua«
rirne i difetti — Birra fina —
Liquori — Bibite senza álcool—
acetico —
ácido
Aceto senza
Citrato di magnesia — Saponi
¦_-^_^^iWii.-_--_-ntt._.^--.^^
SIETE UN IMBECILLE?
SIETE UN CRETINO?
CASA TR.NACR.Â
I
'-----¦:-TÍT1'
tf
VENDONSI ricette per vini na.
zionali e stranieri, con fermentazioni e rapidi di uva nazio-
^^Pl^^^^^^^^W ^'W;y^: \&_~~*-~:~r___I
I;C__^^*^^_^____iS^^l,a^^^í
Antônio, Salvador
Messina & Comp.
•
Comunica ai suoi amici e
clienti che ha trasferito il
suo Consultório e Ia Sede
di San Paolo deli'
__.! —JT
-¦ !-.¦".¦ ¦
I
I
I
II
___ FCWEU. DltSÜERRftl^^Ri^p.
TTF'LORENCI00-A3REU>113a..9
f—^-.^ TELEPH. 4-9142, _.\!¦ V-.ÜLr',;
^v.
5.-PAÜL-0
..
TE.
v~+i: '¦¦¦ ¦ ^—"
¦
Oe físssi
' .1 ••'.^tfkil ¦ ¦t •¦ ¦ • L
,.-»'J!?i4
^W lifÈ fi?** C2" -_P^__
I
.ç.§e.o ílomiiío
*S0RTIMèNT0
¦
SIETE MEZZO ITALIANO?
Lasciate stare il
Vini
l
bianchi e altre
igieniche
CATALOGO
Rna Aarora 41-A S. PAOLO
bibite
GRÁTIS
'
OLINDO BARBIERI
MALATTIE NERVOSE E
INTERNE
i>R0F.
DR.
£.
TRAMONT1
Consulta nella Casa di Saiu te
JERMELINO MATARAZZO dalle
alie 10 e dalle 2 alie 4.
Residenza:
Alameda Franca,
4 3-A — Tel. 7-2231.
DR.
ARTÜRO
ZAPPONI
.Medico ctilrurgo e ostetrico abilitaio dai Governo Federaio —- -Malattie
delle «ig-nore e dei bambini — AiiaUsi interoscopiche. Cura delle
malattie veneree e sir_I..icl.e con
método próprio. — Rua sao Bento,
n. 40 ~ Dalle 3 i|«
— Tel 2-6321 — Resid.:alie Av.5 pom.
Ran«ei restana 114 — Dalle 7 alie 0
«dalle 15. alie 15 — Teci.: O-0155
DR,
B.
RU3BO
.Medico cbiru.g-o e ostetrico, ablIL
xato dalla Facoltà dl Dubla. jEx-cd.rurgro degli Ospedali di napoli —
Chirurgo deli'Ospedale Umberto I
Av. Rangel Pestana, 102 Sobr —
, Telefono 9-1675.
Dalle 7 aüc o e dali' 1 ali 3.
IL PASQUINO non é il vosiro giornale
IO-
"RESTAURANT R0MAGN0LO" — Marco Finetti
CUCINA ALL'ITALIANA
Si accéttano pensionisti.
Spoclalltá in taflllatelie casalingíie.
S.
RUA SEMINÁRIO. 14
4««i.ib« nmmmmmmmêmmmmúmmtm
? ?»?»????????? ?•»•-> ? t ? » »
Al N. 105
DELLTAV.
LUIZ
Consultório: PIAZZ.. DELLA REPÜBBLICA. II
TeleTono: 4-5179
— Tel. 7-2695
Re.íd.: P. Raia — Tel. 4-8761 — Resid.: R. Plcerni
Dott. Giuseppe Tipaldi
MEDICO OPERATORE
Dalle ore 1 _alle ore 17
Consultório: 4-9630
Residenza: 7-2040
i
8
a
i
a
i
i
i
i
[_>
Medico-chirurgo e ostetrico delia
di Pisa, deirospedar.-» Universltá —
Malattie delle sii
le Umberto
— Veneree
bambini
dei
gnoro o
e Sirilitlche
Av. S. João, 34 - Sjioja —
Cons: '4-1847
— Dalle 8 alie 5 —
Tel.:
Resid.: Rua S Caetano 11-Sobr.
Tel.: 4-0151 — Dalle ore 7 alie 8
e dalle 1 alio 2 1|2
ANTÔNIO
HA TRASFERITO IL SüO
CONSULTÓRIO
Ore 1-3 pom.
Dott. FAUSTO FIORAVANT1
BR1G.
il DOTTOR FARANO
. P. RAIA - DR. R. PICERN1
MEDICINA — CHIRURGIA — RAGGl X
1
¦
A QUALUNQUE ORA
Vini e bibito di ogni qualità.
Coiaiionl e pranzl • domicilio.
Tol.: 4-IB««
PAOLO
ÜUSÍaWaWmWmtt
íí
Rua Paraizo, 23 — Tel. 7-9158
— SAN PAOLO —
9
II
I
.
a
a
i
i
i
i
í
9
I
Dott. Domenico Soraggi
¦
i
f
a
i
Medico deli'Os. Umberto 1 i
a
Residenza e Consulorio:
•
18
i
MORAES
R. DOM. DE
a
Telef. 7-3343 - Consulte; i
a
dalle 9 alie 11 e dalle
¦
2 alie 5
a
a
i.wirfP™»»^
..a
v
y
fl. PASQUINO COLONIAIS
16
GRANDE
FABBRICA
DI MANICHINI
SARTORIA
L,MAMERICANA'i
/Mm
i
i
Ünlca premiata con
mcciaglia d'oro alia
Esposlziono internazionalo dl Rio de]
1922. — Maccüino da
eucire o da rlcamo
SINGER ¦— Manlcninl. — Vendita a rate
menslll — Olio, agbi,
pezzi dl ricaml)io. riparazionl.
Jcsô Nob. de Gerará
R. QUliNTIMO J3ÜGAUYVA, 64
Tel. 3-0479 S. PAULO
H
I
I
I
Vincenzo Pagano
IMPORTAZIONE DIRETTA
RUA
L.
BAdARO',
21
S. PAOLO
I
I
I
TELEFOiNO 2-5111
IIHIIBBHUlIllllHIIIBIUMIlIfilllHHIBfilllQ.
***
^_____^__________.
____
s
— DELLA ~
EC
bemp!icemente
ECCELLENTE
SS
s i
Rua Monsenhor Andrade, 119
Ufficio Centrale: RÜA BOA VISTA 1 e 3
(Palacete próprio)
Al
Si eseguisce qualunque lavoro inerente a questo ra- ||
mo di industria. — Fonderia di ferro e bronzo in grande
s/jala. Specialitá in colonne per tutte le applicazionl,
CALZOLAI
Dott. F. A. DELLAPE
Chirurgia — Parti — Ma-
Portoni, Cancellate, Lastre per fornelli, Battenti, Scale,
Furbici, Ponti Turbine, Maciue, Ponipe, Cilindri metal-
lattíe genito-urinarie.
Consultório:
Av.
liei, Compressori, ecc.
Rangel
Pestana 422 — Dalle ore 9
alie 11 e dalle 3 alie 5.
Telelono 9-2399 — Resii
i
denza:
lei. 9-1214.
»!¦¦¦¦¦
¦¦¦¦»¦¦¦¦¦¦
Dott. Antônio Rondino
MEDICO E OPERATORE
R. Libero Badarô, 2
Telefono: 2-5086
-85
Alam. Eugênio de Lima,
Telefono 7—2990
visitate ia FABBRICA Dl FORME ai
GIOVANNI FERRO, dove troverete
forme dl qualunque sistema, pei
"pronta
conáegiia ai mlniml prezzL
SI fanno formo per cappelli da uocapmo e signora. — Matrícl per
"stock"
in
trovano
sempre
si
pelll
— Rlvoigersi in RüA FLüREiNCIO
DE ABREU N.° 13 — Prima dl fare
acquisto dl forme. —::— —:;—¦
CHIRURGIA, PARTOS E MOLÉSTIAS
OE SENHORAS
NAZARENO
DR.
AGENZiA SCAFÜTO
Assortimento completo dei
migliori figurini esteri, per
signore e bambini. Ultime
novità di moda ad ogni arrivo di posta. Richieste e
Rua 3 de
informazioni:
Dezembro 5 (sobreloja) —
An^oio di Rua 15 de Novembro, Tel. 2-3545
'¦'
Sr^-
-
¦**»¦»
mr%_
-_i-__ —1_i—|_i~>___i —l_l—|_l—l_i —L. ~li~l_~t
1
—
—
-
»
¦¦»¦_¦¦
Composto e impresso fiellè Officise délíf
S.[A. "1 L P I C C 0 L 0"
*•
CHIEDETE
PREVENTIVI
H
¦
ÃBBBEBBflflBBBBBflBflBBBBflflBflflflBflflBSEBBflBflflBBBSBS
r,
0RCES1
Cirurgião ao sanatório de Sia. Catharina — Antigo Interno, por concurso, de Clinica Gynecologica, ns
Santa Casa — Asslstente-Extra da
Clinica de Partos, annesa a Matur.
nldade — Residência; Rua Augusta
54 _ Telepnone 7-2867 -- Das 9
ás 12 no Sanatório de Santa Catü^
—•
7-1087
rlna — Telephone:
Consultório: Praça da Sé, 3 (5° an.
dar, Saiaa 19-20).
-*li~li"*>_ij-ii"~>i"~."—»~^"—~" **
PREZZi RSDOTTi -
Llèi
l R v> H
dei Dou. JESUINO MACIEL —- con lunga pratica nell'antlco Istituto Pasteur di S. Paulo e nelIMstltuto Oswaldo Cruz dl Rio —
Reazlone di Wassermann e autovaccini — Esame completo di urina,
fecl, tumori e frammentl patologicl — Ladeira Dr. Falcão, 15 —
Telef.: 2-6429 — Tutti i aiorni dalle 8 alie 18.
I
I
I
HOTEL VICTORIA
Centrale — Strettamente faniigliare — Acqua corrente
e telefono in o£ni stanza — Appartamenti
Cucina italiana — Restaurante
NUOVO PROPRIETÁRIO:
JOÃO
SOLLAZZINl
LARGO PAYSANDC* — Tel. 4-6740 — S. PAULO
&,.jgÒA .^NipNOABAM-U, g«e 12 «• Tel\ à
-^gWS^BM^
3^^:;,r,.^:i: .&:^^9MjWÈmM6m*J&wK i^*Z* Vm imlkmlfttâ^+J^-Jm

Documenti analoghi

COLONIALE

COLONIALE di letti per coniugi e scapoli, fabbricati "em madeira de lei" — SOBRE-LOJA: DEPOSITO di Sale di visita, imbottite e semplici; assortimento variato di "ternos estufados", ln cu oio, panno-cuoio, go...

Dettagli

awm 2896

awm 2896 MEDICO OPERATORE Spécialista delle vie urinarie (esami e cure elettriche e trattamento e chirurgia delle malattie dei reni, vescica, próstata e uretra; cura delia blenorragia acuta e crônica con i ...

Dettagli

8. E. Laudo Ferreira de Camargo

8. E. Laudo Ferreira de Camargo cirurgia - Cystoscopia e X Catheterismo dos UreJ téres - Diatliermia e Raios Ultra Violeta.

Dettagli