III. Energia di vento

Commenti

Transcript

III. Energia di vento
BUONE PRATICHE
EUROPEE NEL
SETTORE DELLE
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI
Contenuto:
I. Introduzione
3
II. Energia solare
4
III. Energia di vento (eolica)
7
IV. Energia dall’acqua (idrica)
9
V. Energia di biomassa
11
VI. Conclusione
14
VII. Fonti d’informazione
16
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
I. Introduzione
Le fonti rinnovabili di energia – l’energia solare (termica, fotovoltaica e concentrata), l’energia di vento,
l’energia idroelettrica e l’energia di biomassa hanno una importanza essenziale per lo sviluppo dell’economia
mondiale e sono alternative dei combustibili scavati. L’elaborazione, l’introduzione e l’uso dell’energia elettrica, proveniente dalle fonti energetiche rinnovabili diminuisce le emissioni dei gas di serra, varia le forniture
energetiche e diminuisce la dipendenza di ogni economia dai mercati senz’affidamento ed i combustibili
volatili scavati (specialmente il petrolio ed il gas). Lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili stimola l’
occupazione in Europa e la Bulgaria, crea tecnologie nuove e migliora il bilancio commerciale di ogni paese
- membro della Comunita Europea.
Con la Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo dal 23 di aprile 2009 quanto allo stimolo dell’uso di
energia proveniente dalle fonti rinnovabili si mettono obiettivi ambiziosi concernenti tutti i paesi – membri,
cosi che fino all’anno 2020 la Comunita` Europea raggiungera una parte delle fonti rinnovabili uguale a 20%
e per quanto riguarda le fonti energetiche rinnovabili funzionanti specialmente nel settore del trasporto –
10%. La stessa Direttiva perfeziona e migliora l’ambito giuridico stimolante la produzione di energia elettrica
proveniente dalle fonti rinnovabili, introducendo le esigenze concernenti l’elaborazione dei piani nazionali
d’attivita`, quali creano le possibilita` di sviluppo delle fonti alternative di energia, incluso la bioenergia, crea
meccanismi di collaborazione e raggiungimento degli obiettivi, stimola il basso livello delle spese e stabilisce
i criteri di resistenza dei biocombustibili.
Considerando tutti i tipi di fonti energetiche rinnovabili e per quanto riguarda EC–27, la biomassa e`
quella che ha la piu` grande parte relativa e si usa in tre settori fondamentali: produzione di energia elettrica,
energia termica e trasporto. Durante l’anno 2007 il consumo di biomassa e rifiuti e` stato aumentato con 8,6
Mtoe. La biomassa ed i rifiuti rappresentano 69,8% dal consumo interno lordo di energia proveniente dalle
fonti energetiche rinnovabili nei limiti della Comunita Europea.
Con la diagramma di sotto sono mostrate le parti relative del tipo diverso delle fonti energetiche rinnovabili nei limiti della Comunita` Europea - 27 per l’anno 2007.
Per quanto riguarda la grandezza del tipo del consumo energetico proveniente dalle fonti energetiche
rinnovabili nei limiti della Comunita` Europea, la seconda resta l’energia idrica con un consumo uguale a
26,6% durante l’anno 2007, notando che lo stesso dimostra un piccolo aumento, confrontandolo con il livello
del consumo durante l’anno 2006 (+0,03%). La sua parte nei limiti del consumo interno lordo proveniente
dalle fonti energetiche rinnovabili e`diminuita con 1,5 punti perTipo di FER
centuali e durante l’anno 2007
raggiunge 18,9%.
La parte dell’energia geotermale proveniente dalle fonti
energetiche rinnovabili e concernente il consumo interno
lordo nei limiti della Comunita`
Europea – 27, dimostra un abbassamento fino a 4,1% e diminuisce
con 0, 2 punti percentuali durante l’anno 2007, nonostante che il
consumo e` aumentato con quasi
3,5%, se si fa un confronto con i
dati dell’anno 2006.
Biomassa
6,40%
4,10%
0,96%
Idroenergia
18,90%
Energia di vento
Energia geotermale
69,80%
Energia solare
Facendo un confronto con i dati dell’anno 2006, il consumo dell’ energia di vento che e` stato 8,9 Mtoe,
durante l’anno 2007 dimostra un aumento con 1,8 Mtoe e lo stesso rappresenta un incremento di 26,6%
alla base annuale. La parte dell’energia eolica nei limiti del consumo interno lordo ha raggiunto 6,4%. Per
quanto riguarda il livello del consumo di energia eolica nei limiti della Comunita` Europea, la stessa occupa
il terzo posto.
Lo scopo del presente fascicolo e` quello di presentare le buone pratiche, raggiunte dalla Comunita`
Europea ed e` destinato d’uso municipale, aziendale di piccola, media e grande dimensione ma anche di
un uso dalla parte di persone fisiche in Bulgaria, quali sono interessate dalla costruzione di impianti per la
produzione di energia dalle fonti energetiche rinnovabili e cercano l’informazione necessaria per poter conoscere l’esperienza e le conquiste dei paesi – membri della Comunita` Europea. Quest fascicolo si mette in
edizione con il sostegno finanziario secondo il Progetto “Collaborazione europea per la prosperita` Europea”
– Contratto BG161PO001/4.2 – 01/2008/011.
3
4
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
II. Energia solare
Il sole e` la piu` potente ed inesauribile sorgente energetica al
pianeta. Fino alla superficie della Terra arriva un’ energia solare che
ha una potenza uguale a 1000 watt su ogni metro quadrato circa.
Questa quantita` e` colossale e dopo la trasformazione la stessa e`
in grado di soddifare completamente le necessita` mondiali di energia elettrica e calore. Il sistema fotovoltaico trasforma direttamente
l’energia solare in un’ energia elettrica tramite l’uso di celle solari di
grande potenza, quali sono connesse con panelli d’efficienza elevata
– qui il coeficiente dell’attivita` utile e` uguale a 17%.
Gli impianti fotovoltaici si gestiscono automaticamente da distanza e la piu` grande parte degli stessi
hanno una garanzia di 25 anni e anche di piu` Il problema principale dei fotovoltaici e` che possono generare una corrente elettrica quando sono illuminati solo dai raggi visibili del sole. Nello stesso tempo i raggi
invisibili infrarossi del sole, quali sono dominanti nel spettro solare riscaldano gli impianti fotovoltaici e diminuiscono notevolmente la loro produttivita`. Quando invece si tratta del cogeneratore si puo` dichiarare che
questa imperfezione e` gia` eliminata. Qui tramite l’applicazione dell’effetto win-win il brillamento gratuito
del sole si trasforma in una corrente e calore alla base dell’applicazione di un modo molto effettivo, avente
un coeficiente dell’ attivita` utile che raggiunge 90%.
Il territorio Bulgaro e` particolarmente adatto di un sfruttamento profittevole della luce solare. E` disposto in una zona meteorologica con alta intensita` del brillamento solare. La piu` grande parte del paese
ha un intensita` media 1500 – 2300 W/m2.
Le celle fotoelettriche solari quali trasformano direttamente la luce solare in una corrente elettrica si
producono principalmente di materiali semiconduttori. Tramite i materiali piu` usati per generare l’ energia
elettrica dal sole e` il silicio cristallino (c-Si). Presso il momento attuale lo stesso e` il materiale principale che
serve per la produzione di celle fotoelettriche. Si usano qualche tipi di panelli fotovoltaici: di silicio cristallino,
silicio semicristallino, silicio a nastro o foglia e silicio a strati fini.
L’industria fotovoltaica europea adesso ha un ruolo importante nello sviluppo delle tecnologie fotovoltaiche e occupa 30% del mercato mondiale di moduli fotovoltaici. Durante l’anno 2008 le potenze fotovoltaiche nei limiti della Comunita` Europea e` uguale a 4 600 MW con un volume comulativo comune sopra 9
500 MW. Lo stesso dimostra un’ aumento di 200% nei confronti dell’anno 2006. Nei limiti del mercato della
Comunita` Europea le potenze nuove sono connesse con la rete elettrodistributiva. Nei limiti della Comunita`
Europea – 27 la parte piu` grande di sistemi fotovoltaici – 56% e` realizzata in Germania.
Nella qualita` di una buona pratica offriamo alla Vostra gentile attenzione le centrali fotovoltaiche costruite nei limiti del territorio della Comunita` Europea:
Denominazione del progetto: Priolo Gargallo (SP)
Esecuzione: Archimed Solar Energy
Posto di esecuzione: Sicilia, Italia
Descrizione: Parco solare termodinamico di Priolo Gargallo (SP) utilizzando la tecnologia superiore “Archimede”
di assorbire l’energia solare, concentrando i suoi specchi parabolici su un tubo speciale. Questi sali si stanno
sciogliendo ad alta energia e calore da trasmettere e utilizzato per produrre elettricità. Il parco è una potenza di
4,7 MW, è stato costruito su un’area di 30.600 metri quadrati e 28,3 GWh produce annualmente energia elettrica
e calore. Le emissioni di CO2 quali si risparmiano per un anno sono sopra 63 000 di tonnellate.
Informazione complementare: www.archimedesolarenergy.it
Denominazione del progetto: Noicattaro e Leporano
Esecuzione: Terni Energia
Posto di esecuzione: Italia
Descrizione: I parchi solari Noicattaro e Leporano hanno una potenza installata massima rispettivamente di 946 KWp e 939 KWp. L’ esecutore degli entrambi i progetti e` Terni Energia. La società ha realizzato
quasi 100 impianti fotovoltaici con una capacità totale installata di oltre 15 MWp. L’azienda opera nel settore
dell’energia eolica, che ha attuato il progetto con una capacità di 18 MW.
Informazione complementare: http://www.ternienergia.com
Denominazione del progetto: Olmedilla Photovoltaic Park
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Spagna
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
Descrizione: Il parco solare Olmedia Photovoltaic Park e` il piu` grande parco a livello mondiale. Lo stesso
usa sopra di 160 000 di panelli fotovoltaici aventi una potenza installata di 60 MWp e una produzione annua
di energia uguale a 85 GWh ed evidentemente si tratta di una quantita` che e` sufficiente per la oddisfazione
delle necessita` d’energia elettrica al di sopra 40 000 di famiglie. Il parco e` stato messo in funzionamento
durante l’anno 2008.
Informazione complementare: http://en.wikipedia.org/wiki/Olmedilla_Photovoltaic_Park
Denominazione del progetto: Lieberose Photovoltaic Park
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Germania
Descrizione: Il parco solare e` stato costruito in Germania a Brandenburg con una potenza installata
di 53 MWp e una produzione annua di energia elettrica – 53 GWh. E` stato costruito con 700 000 di panelli
solari; l’investimento e` 238 000 000 di $ USA. Il parco e` stato messo in funzionamento durante l’anno 2009.
Informazione complementare: http://en.wikipedia.org/wiki/Lieberose_Photovoltaic_Park
Denominazione del progetto: Monalto di Castro PV power plant
Esecuzione: SunPower Corp.
Posto di esecuzione: Italia
Descrizione: Il parco fotovoltaico Monalto di Castro e` stato costruito alla regione di Lazio, Italia. La
potenza installata e` 24 MWp e la produzione annua di energia elettrica – 40 GWh. L’anno della messa in
funzionamento e` 2009.
Informazione complementare: http://www.pvresources.com/en/top50 italy.php
Denominazione del progetto: Strasskirchen Solar Park
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Germania
Descrizione: Si tratta di una PV centrale Strasskirchen Solar Park qual’e` il secondo parco alla base della
potenza – ha una potenza installata uguale a 54 MWp e una produzione annua di energia elettrica - 57 GWh.
E` stato messo in funzionamento durante l’anno 2009.
Informazione complementare: http://en.wikipedia.org/wiki/Strasskirchen_Solar_Park
Denominazione del progetto: Moura photovoltaic power station
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Portogallo
Descrizione: potenza installata nominale – 46 MWp, produzione di energia elettrica per 1 anno – 93 GWh.
L’anno della messa in funzionamento e` 2008.
Informazione complementare: http://en.wikipedia.org/wiki/Moura_photovoltaic_power_station
Denominazione del progetto: Nova` Ves Solar Park
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Repubblica Ceca
Descrizione: la potenza nominale e` 35 MWp. La produzione annua di energia elettrica e` GWh. La centrale si sta costruendo.
Informazione complementare: http://wisecleanenergy.info/
Denominazione del progetto: La Roseraye
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Francia
Descrizione: potenza nominale – 9,1 MWp.
Informazione complementare: http://www.pvresources.com/en/top50 france.php
Denominazione del progetto: Iankovo
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Bulgaria
5
6
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
Descrizione: potenza installata – 2,4 MWp. Si prevede il parco solare di cominciare il funzionamento
durante l’anno 2010.
Informazione complementare: http://www.pvresources.com/en/top550pv.php
Denominazione del progetto: Centrale fotovoltaica
Esecuzione: Parco Solare – Bulgaria SpA individuale
Posto di esecuzione: Bulgaria meridionale
Descrizione: potenza installata – 5 MWp.
Informazione complementare: http://www.solarpark.esihold.bg/index.php?menu=6&RecordID=2
Denominazionme del progetto: Parco solare Harmanli
Esecuzione: ConSolaris Solarpark Gmbh
Posto di esecuzione: Bulgaria meridionale
Descrizione: Su una superficie terrestre di 50 000 m2 quale si trova vicino al paese Ivanovo, municipio
Harmanli saranno costruiti “alberi solari” orientanti circa, aventi una potenza comune uguale a 1,2 megawatt.
La produzione dell’energia elettrica e`, come segue: media giornaliera – 38 kWh, media annua – 14 175 kWh.
La produzione media di un’albero solare” corrisponde alla quantita` quale consumano tre famiglie.
Informazione complementare: http://cbg.tbbsw.hostingkunde.de/info center/
Denominazione del progetto: Parco solare Liubimetz
Esecuzione: Il consorzio tedesco – cinese “Sinesol”
Posto di esecuzione: la citta` di Liubimetz, Bulgaria meridionale
Descrizione: il processo di costruzione dello stesso comincera verso la meta` dell’anno corrente 2010 e
sara disposto su una superficie terrestre di 330 ettari intorno a Liubimetz in vicinanza alla confine greca e
turca. Il valore minimo del parco e` previsto di essere 300 000 000 di euro. La potenza installata prevista e`
fino a 80 MWp.
Informazione complementare: http://www.dw-world.de/dw/article/0,,3944796,00.html
Denominazione del progetto: Tetto dello stabilimento fotovoltaico
Esecuzione: Vereya Plast AS
Posto di esecuzione: Stara Zagora, Bulgaria
Descrizione: Il sistema è stato costruito sul tetto della costruzione, quella che è della proprietà dell‘azienda.
Capacità installata è 30 КWp. L‘impianto è stato costruito con pannelli Phono Solar. Estratto completamente
l‘elettricità è venduta a EVN a prezzi preferenziali. L‘investimento e 100000 euro. L‘impianto è stato messo
in funzione nel 2010.
Informazione complementare: http://www.eonbg.com/
Denominazione del progetto: Impianto fotovaltaico
Esecuzione: investitore privato
Posto di esecuzione: v.Gorno Botevo, Stara Zagora, Bulgaria
Descrizione: Capacità installata di 12 kWp. L‘impianto è completamente costruito con pannelli fotovoltaico – produzione tedesca. Estratto completamente l‘elettricità è venduta a EVN a prezzi preferenziali.
Informazione complementare: http://www.chambersz.com/a/content/view/83925/112/
Sul web sito http://worldofphotovoltaics.com/vbnews.php?do=viewarticle&artid=347 i lettori del presente opuscolo possono trovare l’informazione concernente i 30 piu` grandi parchi solari al mondo:
•
Puertollano Photovoltaic Park, Spagna – 47 MW. Messo in funzionamento durante l’anno 2008.
• Walpolenz Solar Park, Germania – 40 MW. 550, 000 First Solar thin film CdTe modules. E` stato messo
in funzionamento durante il mese di dicembre 2008.
•
2008.
Arnedo Solar Plant, Spagna – 30 MW. E` stato messo in funzionamento durante il mese di ottobre
• Merida/Don Alvaro Solar Park, Spagna – 30 MW. E` stato messo infunzionamento durante il mese di
settembre 2008.
•
Planta solar Fuente Alamo, Spagna – 26 MW.
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
•
SinAn power plant, Korea – 24 MW. Funzionante da ottobre 2008.
• Pianta fotovoltaica de Lucaenena de las Torres, Spagna – 23,2 MW. Il parco e` stato messo in funzionamento durante il mese di agosto 2008.
•
Parque Fotovoltaico Abertura Solar, Spagna – 23,1 MW.
•
Parque Solar Hoya de Los Vincentes, Spagna – 23 MW.
• Huerta Solar Almaraz, Spagna – 22,1 MW. E` stato messo in funzionamento durante il mese di settembre 2008.
•
•
2008.
Solarpark Calveron, Spagna – 21,2 MW.
Huerta Solar Almaraz, Spagna – 20 MW. E` stato messo in funzionamento durante il mese di settembre
•
Pianta solar fotovoltaico Calasparra, Spagna – 20 MW.
•
Pianta Solar La Magascona, Spagna – 20 MW.
• Beneixama photovoltaic power plant, Spagna – 20 MW. Tenesol, Aleo and Solon solar modules with
Q – Cells cells.
•
2008.
Gochang power plant, Korea – 15 MW. E` stato messo in funzionamen- to durante il mese di ottobre
• Pianta de energia solar Mahora, Spagna – 15 MW. E` stato messo in funzionamento durante il mese
di settembre 2008.
• Koethen, Germania – 14,75 MW. 200 000 First Solar thin–film CdTe modules. E` funzionante dal mese
di dicembre 2008.
•
Nellis Solar Power Plant, Stati Uniti – 14 MW. 70 000 panelli solari.
•
Pianta Solar de Salamanca, Spagna – 13 MW. 70 000 panelli Kyocera.
•
Parque Solar Guadarranque, Spagna – 13,6 MW.
•
Lobosillo Solar Park, Spagna – 12,7 MW. Moduli Chaori e YingLi.
• Parque Solar Fotovoltaico Villafranca, Spagna – 12 MW. La tecnologia PV ha un’ alto livello di
concentramento.
•
Erlasee Solar Park, Germania – 12 MW. 1,408 Solon mover.
•
Serpa solar power plant, Portogallo – 11 MW. 52,000 moduli solari.
•
Pocking Solar Park, Germania – 10 MW. 57,912 moduli solari.
•
Monte Alto photovoltaic power plant, Spagna – 9,5 MW.
•
Viana Solar Park, Spagna – 8,7 MW.
•
Gottelborn Solar Park, Germania – 8,4 MW.
• Alamosa photovoltaic power plant, Stati Uniti – 8,2 MW. E` stato messo in stato di funzionamento
durante il mese di dicembre 2007.
III. Energia di vento
Il vento e l’energia che si produce dallo stesso risultano affascinanti a causa di qualche motivo: la sorgente di energia esiste
in abbondananza, non costa tanto e a pratica e` inesauribile, non
inquina l’ambiente e non provoca anomalie climatiche.
Detto in breve possiede le qualita` con le quali anche uno dal
gruppo delle fonti energetiche tradizionali per la produzione di energia elettrica non si puo` lodare.
Le spese di sfruttamento o se dobbiamo essere piu precisi – la
mancanza di spese dal genere, quali servono per l’ acquisizione dei combustibili, quali sono necessari per la
produzione di energia e fanno il vento nella qualita di una fonte energetica e` gia` chiaro che si tratta di un
fatto che attira molto gli investitori.
In Bulgaria esiste il potenziale per la costruzione d’impianti eolici intorno e vicino alla striscia costiera
anche nei posti sopra i 1000 metri. Lo sviluppo futuro nelle zone adatte delle montagne e nei posti, dove le
velocita` del vento sono piu` basse, dipende dall’ applicazione delle risoluzioni tecniche nuove.
Il funzionamento del generatore eolico dipende dalla velocita` e la turbolenza del vento, l’altezza della
7
8
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
torre e la densita` dell’aria – ecco perche` e` importante di conoscere il potenziale della regione scelta per
l’esecuzione del montaggio e le con-dizioni durante quali e` registrato lo stesso potenziale. La Bulgaria e` in
possesso di 119 stazioni meteorologiche, quali registrano la velocita` e la direzione del vento.
I dati disponibili trattano un periodo sopra di 30 anni. Alla base degli stessi dati messi in pubblicazione
durante l’anno 1982 e` compilata una carta concernente il potenziale eolico del paese.
In Bulgaria la velocita` media del vento e` piu` bassa, facendo confronto con la stessa in Norvegia, Scozia,
Germania, Danimarca, Terre Basse, Inghilterra ed altri
Paesi, dove l’energetica eolica e` ben sviluppata, nonostante che esistono tanti posti, quali hanno le
stesse condizioni eoliche del vento – confrontabili con quelle esistenti nei paesi gia` elencati.
Denominazione del progetto: Robin Rigg
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Il Regno Unito
Descrizione: Il parco eolico e` composto di 60 turbine Vestas V90; ogni con una potenza uguale a 3 MW.
La potenza installata comune di 180 MW presso il momento attuale lavora con una capacita` totale. E` stata
messa in stato di sfruttamento durante il mese di settembre 2009.
Informazionbe complementare: http://www.eon-uk.com/images/rr 1st..pdf
Denominazione del progetto: Egmond aan Zee
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Le Terre Basse, Olanda
Descrizione: Il parco eolico offshore e` composto di 36 turbine Vestas V90, ogni con una capacita` di
3 MW. La potenza installata comune di 108 MW presso il momento attuale lavora con una capacita` totale.
E` stata messa in stato di sfruttamento durante l’anno 2006. La superficie totale della Centrale e` uguale
a 27 km 2.
Informazione complementare: http://www.power-technology.com/projects/egmond/
Denominazione del progetto: Nysted
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Mar Baltico, Danimarca
Descrizione: Nysted e` la piu` grande centrale eolica al mondo. E` disposta in Mar Baltico a 10 km in senso
meridionale di Nysted e 13 km in senso occidentale di Gedser. Le turbine eoliche sono prodotte di Bonus
Energy A/S. Il parco eolico e` composto di 72 turbine, ogni avente una potenza di 2,3 MW.
Informazione complementare: http://www.energyportal.eu/reviews/wind-energy/27-
Denominazione del progetto: Horns Reef
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Mar Settentrionale
Descrizione: Horns Reef e` costruita con turbine eoliche, quali sono prodotte di Vestas. E` realizzata nel
Mar Settentrionale a 15 km sulla costiera occidentale di Danimarca. Il parco eolico e` composto di 89 turbine, ogni avente una potenza di 2,0 MW. La potenza installata comune e` 160 MW. Il parco eolico e` stato
costruito durante l’anno 2002.
Informazione complementare: http://www.energyportal.eu/reviews/wind-energy/27-europes-largest-wind-farms.html
Denominazione del progetto: Black Law
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: La Scozia
Descrizione: il parco eolico e` costruito sulla terraferma ed e` composto di 42 generatori eolici aventi una
potenza installata comune di 97 MW. Si progetta l’aumento del parco con altre 20 turbine.
Informazione complementare: http://www.energyportal.eu/reviews/wind-energy/27-europes-largest-wind-farms.html
Denominazione del progetto: Kentish Flats
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Kent, Inghilterra
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
Descrizione: si tratta di un parco offshore con 30 turbine Vestas V90 – 3 MW e una potenza installata
comune uguale a 90 MW. Si trova in stato di sfruttamento dall’anno 2005.
Informazione complementare: http://www.energyportal.eu/reviews/wind-energy/27-europes-largest-wind-farms.html
Denominazione del progetto: Barrow in Furnice
Esecuzione: un investitore privato
Posto di esecuzione: Inghilterra
Descrizione: La centrale e` disposta a 13 km in senso meridionale da Barrow. Si tratta di un parco offshore
con 30 turbine e una potenza installata comune di 90 MW.
Informazione complementare: http://www.energyportal.eu/reviews/wind-energy/27-europes-largest-wind-farms.html
Denominazione del progetto: Alpha Ventus
Esecuzione: Il ministero federale dell’ambiente, Germania
Posto di esecuzione: Mar Settentrionale, Germania
Descrizione: Il primo in Germania parco solare offshore e` stato costruito nel Mar Settentrionale a 45 km
dall’isola Borkum. Per il montaggio sono stati necessari 7 mesi, ma la centrale e` stata messa in stato di fruttamento al 16 di novembre 2009. I sei generatori eolici con una potenza di 5 MW sono produzione di Areva
Multibrid e gli altri 6 x 5 MW sono produzione della ditta REpower. La potenza installata comune e` uguale
a 60 MW e si dirige dalla parte del Ministero Federale dell’ambiente di Germania ed il valore della centrale
eolica e` uguale a 250 000 000 di euro.
Informazione complementare: http://en.wikipedia.org/wiki/Alpha_Ventus_Offshore_Wind_Farm
Denominazione del progetto: Parco solare San Nicola
Esecuzione: AES Geo Energy,
Posto di esecuzione: Kavarna, Bulgaria,
Descrizione: Potenza installata – 156 MW. Il modello di turbine scelto e` Vestas V90 con una potenza di 3
MW. L’altezza dei generatori eolici raggiunge 105 metri.
Informazione complementare:
http://geopowerbg.com/web/files/projects files/1/7/bg/ Supplementary Information Report BG.pdf
Per quanto riguarda le centrali eoliche, tra i paesi quali hanno le potenze piu` grandi installate al mondo
possono essere elencati, come segue:
•
Stati Uniti – 25 000 MW circa,
•
Germania – 24 000 MW circa e
•
Spagna - che produce 16 000 MW circa.
IV. Energia dall’ acqua
L’acqua fluente crea un’energia che puo` essere presa e trasformata in elettricita`. La stessa e` denominata idroenergia. La stazione
idroenergetica che incontriamo piu` sovente usa un lago artificiale costruito al fiume per poter conservare l’acqua in un serbatoio.
L’acqua – liberata dal serbatoio fluisce attraverso la turbina che comincia girarsi ed il generatore si attiva producendo l’ elettricita`.
Si tratta di un’elettricita` che si produce di generatori, quali si
mettono in movimento tramite l’uso di turbine d’acqua – le stesse
trasformano l’energia potenziale delle acque cadenti o le acque in
stato di un movimento veloce in un’ energia di carattere meccanico. Durante il processo descritto l’acqua si
capta (prende) di un livello piu` alto e dopo passando tramite tubi o gallerie (tubature di pressione) viene a un
livello piu` basso. La differenza tra le due altezze e` denominata “pressione”. Durante il passaggio dell’acqua
tramite le tubature la stessa gira le turbine quali alimentano i generatori. I generatori trasformano l’energia
meccanica delle turbine in elettricita`.
I trasformatori cambiano questa corrente alternata in una corrente di alta tensione, che puo` essere
trasmessa piu` avanti ed infine puo` essere fornita` fino al consumatore normale. Il complesso che contiene
le turbine, i generatori e le tubature di pressione e` denominato Centrale idroelettrica. Nonostante che le
9
10
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
definizioni si differiscono, si pensa che una idrocentrale e` di piccola dimensione, quando la stessa ha una
capacita` tra 0,1 fino a 30 megawatt.
Esistono tanti tipi di turbine, quali si usano per la produzione di energia idrica e le stesse si scelgono in
dipendenza dall’uso e l’altezza dell’acqua presa che porta il nome “testa” – e` a disposizione e ha il compito
di mettere in movimento le turbine.
La parte girante della turbina e` denominata “corridore”. Le turbine incontrate piu` sovente sono: Turbine
Pelton, Turbine Franciss e Turbine di alette.
La Bulgaria non e` ricca di sorgenti idroenergetiche, tenendo presente che lo scolamento annuo di un’
abitante da noi e` uguale a 2100 m3. Ecco perche` il livello del potenziale idroenergetico del paese usato
tecnicamente e` piccolo – 1200 Kw/h a testa circa. Nonostante che in Bulgaria esistono 98 centrali idroelettriche (10 sono gia` chiuse), la loro potenza comune e` minima – 2000 MW circa.
Un’altro problema da risolvere – la quantita` delle centrali idroelettriche nuove e` piccola; anche si deve
dichiarare che le centrali gia` esistenti non hanno il livello necessario concernente l’ efficienza e la sicurezza.
Il nostro paese e` relativamente povero di risorse idriche – 1600 – 2000 m3 per un’ anno a testa – confermano dal Ministero dell’economia e l’energetica. Secondo la valutazione fatta dalla parte del Progetto del
Programma FAR BG 9307-03 – 01 – L001“ Valutazione tecnica ed economica delle Fonti energetiche rinnovabili
in Bulgaria”, il potenziale tecnico per la costruzione di Centrali idroelettriche e Centrali idroelettriche di piccola dimensione ammonta a 15 056 GWh/r. Fino a un grado abbastanza grande il potenziale idroenergetico
del paese che serve per la costruzione delle Centrali idroelettriche e` gia` esaurito.
Offriamo alla Vostra gentile attenzione qualche buone pratiche dal settore delle Centrali idroelettriche
di piccola dimensione costruite gia` in Europa.
Denominazione del progetto: Cascata delle Marmore
Esecuzione: Galleto – il progetto e` dell’architetto Bazzani
Posto di esecuzione: il municipio di Terni, Italia
Descrizione: La Cascata comprende 16 centrali idroelettriche, 39 turbine ad acqua con una capacità totale
installata di 530 MW. La produzione media annua di energia elettrica è di 1,3 miliardi di kWh, si sta raggiungendo il picco della produzione di 1,7 miliardi di kWh. La Cascata è una combinazione unica di idro-energia,
acqua sport e turismo ed è un ottimo esempio di uso efficace ed ecologica di energia rinnovabile.
Informazione complementare: http://umbria.indettaglio.it/eng/province/tr/la provincia di terni.html
La compagnia italiana Atel ha fatto un investimento di 41,0 milioni di USA $ per la costruzione e lo sfruttamento di 4 piccole Centrali idroelettriche sul territorio dell’ Italia e Svizzera. Atel allarga la sua attivita` nei
limiti della provincia settentrionale italiana Piemonte tramite la costruzione di due nuove e piccole centrali
idroelettri-che, assicurando 85% dal valore dell’investimento. (HRW, maggio 2007).
Informazione complementare:
http://www.esha.be/fileadmin/esha_files/documents/publications/Newsletters/ESHA_Newsletter-July_EN.pdf
La compagnia italiana ISEA Srl e` un gruppo industriale che lavora nel settore della produzione di
energia elettrica, possiede 30 centrali idroelettriche disposte in Italia Centrale e Settentrionale – generanti
l’energia elettrica in una dimensione di 50 GWh / anno. L’ISEA Srl produce energia elettrica, vapore e gas
ed anche 77 GWh di energia elettrica, proveniente dalle centrali eoliche e ha allargato la varieta` del suo
portofoglio energetico con la costruzione di 5 piccole centrali idriche, disposte vicino ai canali d’irrigazione
(HRW, maggio 2007).
Informazione complementare:
http://www.esha.be/fileadmin/esha_files/documents/publications/Newsletters/ESHA_Newsletter-July_EN.pdf
La compagnia austriaca Energie AG aumenta la produzione d’energia elettrica tramite la costruzione
di due piccole centrali idroelettriche come una parte dal portofoglio per l’aumento della produzione delle
proprie cen-trali idroelettriche fino all’anno 2015. La compagnia aumenta la capacita` delle proprie stazioni
idriche disposte in Austria Alta – Goisem fino a 4,8 MW e Stadl – fino a 4,7 MW. Per quanto riguarda l’altra
parte delle centrali idroelettriche – proprieta` della compagnia, l’aumento progettato della capacita` dev’
essere terminato durante i prossimi 5–6 anni e conseguentemente saranno eseguiti certi miglioramenti di
carattere simile. (Le centrali idroelettriche & laghi artificiali, il mese di giugno 2007).
Un gruppo composto di 7 proprietari di piccole centrali idriche, dispos- te lungo il fiume Frome in
Sammerset, Inghilterra hanno ordinato la costruzione di una piccola e nuova centrale idrica che avra la turbina, prodotta dalla ditta Mendip Power Group – vicino a Frome. La centrale idrica avra una capacita` annua
di produzione d’energia elettrica uguale a 300 MWh.
Informazione complementare: www.microhydropower.net
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
MIMS Investment Group di Bosnia ha fatto un investimento di 3 000 000 di USA $ per la costruzione e lo
sfruttamento di 4 piccole centrali idroelettriche disposte alla parte levante della Bosnia in concessione per
un periodo di 30 anni. Le centrali idroelettriche sono costruite nel territorio del cantone Podrinje lungo il
fiume Praca. MIMS Investment Group paghera al governo locale del cantone 4% dal guadagno proveniente
dalla vendita di energia elettrica durante i primi 10 anni di lavoro, 7% durante il periodo dei prossimi 11–20
anni e 10% durante gli ultimi 10 anni.
Informazione complementare: www.microhydropower.net
Elektroprivreda Srbije (EPS) – Serbia ha progettato durante il periodo degli ultimi due anni di costruire
4 piccole centrali idroelettriche quali avranno una capacita` comune uguale a 4,3 MW. EPS garantisce che
il progetto sara realizzato per dare una possibilita` d’aumento delle fonti energetiche rinnovabili alla base
della produzione comune di energia elettrica a livello nazionale. La Serbia ha disposizione in totale 44 piccole
centrali idroelettriche, quali hanno una potenza installata comune di 15,2 MW, sempre tenendo presente
che presso il momento attuale 13 centrali sono fuori uso. (Centrali idroelettriche & laghi artificiali, il mese
di giugno 2007).
8 piccole centrali idroelettriche saranno costruite al territorio di Sofia. La progettazione del sistema
delle centrali idroelettriche comincera durante l’anno 2010 e la costruzione durante l’anno 2011. La costruzione delle 8 centrali idroelettriche costera 15 milioni di leva. Secondo il Programma che tratta l’uso delle
fonti energetiche rinnovabili del capitale, le stesse centrali avranno la possibilita` di produrre 50 000 KWh
di energia/anno.
Le centrali saranno costruite al territorio dei quartieri Bistritsa, Boiana, Il suburbio moderno e Simeonovo.
I calcoli degli esperti stabiliscono un periodo di 8–10 anni per il paga-mento dell’investimento. Is sistema
potra risparmiare 102,5 tonnellate di biossido di carbonio.
Informazione complementare: http://www.class.bg/news/Read/article/48442_
La Banca europea di ricostruzione e sviluppo finanzia con 75 000 000 di euro il progetto per la costruzione di 9 piccole centrali idroelettriche lungo il fiume Iskar – i municipi Svoghe e Mesdra, l’esecuzione sara
fatta dalla parte della Centrale idroelettrica Svoghe. Durante la prima fase iniziale sono state costruite due
piccole centrali – Svragen e Lakatnik. Il valore comune del progetto e` 115 milioni di euro e lo stesso sara
realizzato fino a 2014. La potenza installata comune di tutte le 9 centrali e` 25,6 MW, sottolineando che si
aspetta una produzione annua di 145 milioni di Kwh. Come un risultato dall’investimento e` la creazione di
piu` di 500 posti di lavoro lungo il periodo dei prossimi 5 anni.
Informazione complementare: http://www.ebrd.com/projects/psd/psd2007/36032t.pdf
V. Energia di biomassa
Le tecnologie per la biomassa usano le risorse rinnovabili per la
produzione di una gamma completa di vari tipi di prodotti, connessi
con l’energia, incluso l’elettricita`, i combustibili in stato liquido,
solido e gassoso, le sostanze chimiche ed altri materiali.
Una biomassa puo` essere ogni tipo di materia organica avente
un’ origine vegetale e quale puo` essere riciclata, incluso colture
specializzate e boschi, alimento agricolo e foraggio, rimasugli ed il
resto dai raccolti agricoli, rimasugli e la parte rimanente dalle polpe
di legno, piante acquatiche, rifiuti vegetali, residui di vita ed altri
materiali di scarto. Il trattamento del materiale, la logistica – connessa con la sua raccolta e l’infrastruttura
sono aspetti importanti e concernenti le risorse della biomassa lungo la catena.
Le fonti per l’acquisizione d’energia di biomassa sono, come segue:
Colture vegetali energetiche – le colture vegetali energetiche sono annose e si raccogliono ogni anno dopo
la scadenza del periodo di 2–3 anni per avere una piena produttivita`. Questo include la cosi detta “erba
dell’elefante” o e-grass, bambu`, copro dolce, l’erba festuca, ecc.
Colture energetiche legnose – le colture legnose sono caratterizzate di un breve tempo tecnologico concernente la seminagione ed il risultato finale – sono alberi quali hanno un midollo molto solido. Lo stesso si
usa dopo 5 e fino a 8 anni dopo la piantagione.
Il settore include pioppi ibridi, salici ibridi, acero, pioppo canadese, frassino, noce e platano.
11
12
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
Colture industriali – le colture industriali si sviluppano e coltivano per la produzione di sostanze chimiche
specifiche ed industriali – olio di ricina che serve per la produ-zione di glicerina.
Colture agricole – quest settore di materie prime include i prodotti, quali si offrono attualmente, ad esempio: amido di mais e olio di mais, olio di soia e soia, amido di frumento, altri tipi di oli vegetali ed anche ogni
componente nuovo sviluppato dall’elenco dei prodotti, quali si offrono di largo consumo. Dagli stessi in via
di principio si produce zucchero, oli ed essenze, nonostante che possono essere usati per la produzione di
materia plastica, altre sostanze chimiche e prodotti.
Colture acquatiche – esiste una gamma abbastanza larga delle risorse connesse con la biomassa: alghe,
laminaria gigantesca (alghe marroni), altri tipi di alghe del mare ed una micro vegetazione marina.
Rimasugli di colture agricole – i rimasugli di colture agricole includono principal- mente il fusto e le foglie,
quali non sono raccolti o spostati dal terreno alla base degli obiettivi di carattere commerciale.
Rimasugli dalla silvicoltura – i rimasugli dalla silvicoltura includono la biomassa quale non e` stata raccolta o trasportata dalla zona dell’ abbattuta forestale – il posto dove si ottiene midollo solido e morbido di
commercializzazione, anche i materiali ottenuti tramite le azioni – risultato dalla strategia per la direzione
dei boschi, cioe` il diradamento o il taglio degli alberi morenti.
Rimasugli di vita – i rimasugli di carattere famigliare, commerciale ed istituzionale dopo un consumo
contengono una parte notevole di materiale organico che si ottiene dalle piante e quale rappresenta una
risorsa d’ energia rinnovabile. La carta residua, il cartone, il midollo ed i rimasugli di giardino sono esempi
della risorsa biomassa tra i rimasugli di vita.
Residui dalla lavorazione della biomassa – ogni processo di lavorazione della biomassa produce bioprodotti
secondari e residui, quali contengono un potenziale notevole di energia. Dalla lavorazione del midollo per la
produzione di prodotti diversi o la polpa del legno (la cellulosa) restano trucioli, cortecce, rami e foglie/aghi.
Residui animali – le attivita` quali si sviluppano nelle zone degli allevamenti ed i posti di trattamento
degli animali producono residui animali. Gli stessi possono essere usati per la produzione di tanti prodotti,
incluso energia.
Buone pratiche nel settore della biomassa:
Denominazione del progetto: Stabilimento di biomassa Barkip
Esecuzione: SSE (Scottish and Southern Energy)
Posto di esecuzione: Scozia
Descrizione: SSE e` la prima compagnia energetica del Regno Unito quale si impegna con la costruzione
e lo sfruttamento di una produzione anaerobica di biogas e secondo le previsioni si aspetta di cominciare il
funzionamento fino all’anno 2011.
Lo stabilimento a Barkip, North Ayrshire sara in grado di lavorare una quantita` annua di scarto uguale
a 75 000 di tonnellate circa e la stessa potra produrre dalle fonti rinnovabili 2,5 MW di energia elettrica circa.
I materiali adatti includono residui agricoli, alimenti, fertilizzanti e depositi idrici organici di scarto.
Il progetto e` stato sviluppato insieme con la Zebec Biogas Limited – specializzata nel settore dei processi
connessi con gli ensimi e le prove biologiche.
Informazione complementare: http://www.renewbl.com/category/biomass
Denominazione del rogetto: Centrale d’acqua calda
Esecuzione: Putkimaa Oy
Posto di esecuzione: Finlanda
Descrizione: La centrale e` progettata di lavorare con tipi diversi di bio-massa “umida” (corteccia, truciolo,
ecc.), ha una capacita` nominale di 2 MW e una pressione del vapore 10 bar. La temperatura dell’acqua calda
e` 110 gradi C (la stessa di progetto e` 140 gradi C). La centrale e` progettata di essere sfruttata in regime
automatizzato e include una strumentazione Siemens – un sistema di recircolazione dei gas persi, qual’e` in
grado di assicurare un funzionamento effettivo e un basso livello del caricamento. La centrale e` composta
di moduli, quali possono essere spostati o trasportati facilmente e quest fatto fa la stessa mobile e facile da
costruire in posti diversi.
Informazione complementare:
http://www.indmachinery.com/bio-power-boiler-plants/biofuel-boiler-plant-2-mw-hot-water-central-heating
Denominazione del progetto: Raffineria di biomassa
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
Esecuzione: Beddington Heat & Power
Posto di esecuzione: Yorkshire Settentrionale, Il Regno Unito
Descrizione: L’impianto sara in grado ogni anno di generare 20 000 MWh di energia elettrica consumando
trucioli di legno. Per quanto riguarda la raffineria si aspetta di cominciare la produzione d’energia elettrica
durante l’autunno dell’anno 2012 e sara diretta dalla parte della ditta piu` rinomata nel campo della trasformazione di biomassa – Bioflame. L’energia elettrica sara messa a disposizione alle reti nazionali di elettrodistribuzione e la produzione della stessa potra soddisfare le necessita` di 6300 famiglie nei limiti del Regno Unito.
Informazione complementare: http://www.bioenergy-news.com/index.php?/Industry-News?item%20id=2124
Denominazione del progetto: Stabilimento di cogenerazione – produzione d’energia elettrica e termica di
biocombustibili
Esecuzione: Cheneco
Posto di esecuzione: Leopoldov, Slovachia
Descrizione: Cheneco si e` impegnata con la costruzione della centrale di Biogas a Leopoldov, quale
valore e` 15 milioni di euro. Lo stabilimento usera una materia prima – miscella di trucioli di legno e colza.
La produzione di biogas sara al posto della distelleria Slovenske Liehovary.
Informazione complementare:
http://www.thebioenergysite.com/news/6237/bratislava-company-plans-cogeneration-plants
Denominazione del progetto: Stabilimento di biogas
Esecuzione: CLAIE
Posto di esecuzione: Saint Sigismond, Francia Meridionale
Descrizione: Lo stabilimento e` composto dalla sala di fermentazione - (1071 m3) e una macchina dosatrice (18 m3), tenendo presente che saranno usati residui animali, quali si trovano in un stato liquido e solido.
L’efficienza e` piu` alta di 75% ed una parte dall’energia prodotta sara connessa con la rete di riscaldamento
del posto abitato prossimo.
Informazione complementare:
http://www.thebioenergysite.com/news/6237/bratislava-company-plans-cogeneration-plants
Denominazione del progetto: Produzione di vapore da motori a pistone a gas naturale
Esecuzione: Kogen Zagora
Posto di esecuzione: Stara Zagora, Bulgaria
Descrizione: La societa` a responsabilita` limitata “Kogen Zagore” ha firmato un contratto per la fornitura
di due cogeneratori aventi una potenza elettrica uguale a 2x2934 kW o in totale 5868 kW, quale e` la piu`
potente configurazione fino al momento attuale in Bulgaria per quanto riguarda un impianto di cogeneratore
funzionante con l’applicazione di motori a pistone. I gas di uscita dai motori saranno usati per la produzione
di vapore, aventi i parametri in comune, come segue: – 4,58 tonnellate/ora, 4 bar di pressione e una temperatura di 143 gradi C. Nei limiti del cantiere al paese di Iastrebovo, Stara Zagora si prevede la realizzazione
di una tregenerazione per la climatizzazione dell’intera azienda. I cogeneratori sono forniti dalla Societa` a
responsabilita` limitata “D-R Energy System” che e` rappresentante della MTU Onsite Energy (Tognum Group)
– Germania. L’intero complesso si trova in un processo di costruzione.
Informazione complementare: http://www.drenergy.net/index.php?option=com_content&task=view&id=18&Itemid=21
Denominazione del progetto: Impianto di bruciatura di biomassa
Esecuzione: Toplofikatsia Burgas
Posto di esecuzione: Burgas, Bulgaria
Descrizione: L’impianto ha una potenza di 40 megawatt ed il valore e` uguale a 3 milioni di euro. Nella
qualita` di una materia prima da bruciare sara usato chips di legno – trucioli. Il consumo di gas naturale sara
diminuito con 15%. Lo scarto proveniente dal processo di combustione e` ricco di minerali e puo` essere
usato come un fertilizzante agricolo. Il progetto di esecuzione comune a Burgas dimostra un forte miglioramento dell’ambiente tramite l’applicazione di nuove e di alta efficienza tecnologie quali servono per l’esecu
– zione di una produzione combinata d’ energia elettrica e termica e anche un risparmio della risorsa energetica primaria, sempre proteggendo l’ambiente. L’effetto locale dell’innovamento e` connesso con i prezzi
bassi dell’energia termica. Sono introdotte le tecnologie nuove della Wartsila – Swezia, delle ditte Danfoss e
Grundfoss di Danimarca – produttori rinomati di contatori termici alla base dell’ultrasuono, apparecchi per la
regolazione del riscaldamento e pompe idriche, quali non si necessitano di un servizio speciale e hanno una
longevita` molto grande. La conquista ha un effetto che e` a livello nazionale ed e` composto di una notevole
13
14
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
diminuzione delle emmissioni nocive nell’atmosfera. Le previsioni concernenti la stessa diminuzione delle
emmissioni nocive sono sopra 468, 328t/CO2.
Informazione complementare: http://bszone.info/
VI. Conclusione
Conformemente alle possibilita` d’ assimilazione del potenziale energetico delle fonti energetiche
rinnovabili in Bulgaria sono in vigore il Programma nazionale di lunga durata per stimolazione l’uso delle
fonti energetiche rinnovabili durante il periodo 2005 – 2015, il Programma nazionale di lunga durata per
stimolazione l’uso della biomassa durante il periodo 2008 – 2020 ed il Programma nazionale di lunga durata
per stimolazione della consumazione dei biocombustibili nel settore del trasporto – 2007 – 2020.
Al 7 di giugno 2007 l’Assemblea Nazionale ha approvato una legge per le fonti energetiche rinnovabili ed
alternative ed i biocombustibili con quale si introducono preferenze concernenti tutti i produttori d’energia
elettrica dalle fonti energetiche rinnovabili.
Un settore concorrenziale, stabile e promettente e` d’importanza sostanziale per lo sviluppo dell’economia ed alla base dello stesso, qual` e` stato nel centro dell’attenzione dei paesi – membri della Comunita
Europea sono stati sviluppati i programmi politici a livello nazionale ed europeo.
Durante il mese di gennaio 2007 la Commissione Europea ha approvato una decisione per la creazion
e di una politica energetica comune dell’Europa con l’obiettivo di poter effettuare una lotta effettiva con i
cambiamenti climatici ed anche l’aumento della sicurezza energetica e la capacita` concorrenziale. Lo stesso
ha determinato la necessita` la Comunita` Europea d’intraprendere provvedimenti energici per lo svolgimento
di una politica con la tendenza di migliorare l’economia, facendo la piu` sicura, stabile e con basso livello del
carbonio a favore di tutti i consumatori.
Uno dagli obiettivi e di offrire ai consumatori una scelta energetica piu` grande e l’altro scopo e` di
stimolare gli investimenti nel settore energetico infrastrutturale.
Durante il mese di marzo 2007 la Commissione Europea ha fatto la proposta ed il Consiglio ha approvato
gli obiettivi, come segue:
- diminuzione delle emissioni dei gas di serra fino a 2020 almeno di 20% (in confronto con i livelli fino
a 2009);
-
approvazione dell’ efficienza energetica di 20% fino a 2020;
-
aumentazione della parte dell’energia rinnovabile di 20% fino a 2020;
-
aumentazione del livello dei biocombustibili nel settore del trasporto da 10% fino a 2020.
I paesi–membri della Comunita` Europea hanno cominciato azioni concrete per l’adempimento degli
impegni presi, i risultati dai quali mostriamo nella tavola di sotto.
Senza nessun dubbio l’energetica ancora di piu` contera sulle fonti energetiche rinnovabili. Le sorgenti
alternative di energia praticamente sono inesauribili. L’origine delle stesse e` il sole, il vento, il calore proveniente dagli abissi della Terra, le cascate, i flussi ed i riflussi dei mari o dalla massa vegetale. Lo sfruttamento
e` connesso con l’emanazione di una piccola quantita` di scarto o emmissioni nocive nell’aria ambientale.
I sistemi eolici e solari trovano un’applicazione sempre piu` grande nel settore dell’alimentazione totale di
abitazioni, ville, fattorie, posti allon-tanati, isole, panfili, stazioni di telecomunicazione ed altri tipi, con le
quali si puo` assicurare una indipendenza energetica. Secondo certe previsioni di lunga durata esiste una
grande probabilita` l’energia rinnovabile fino all’anno 2050 di poter soddisfare a meta` le necessita` energetiche del mondo.
L’uso delle fonti energetiche rinnovabili si mette in discussione come un elemento di chiave della politica energetica della Comunita` Europea ed i paesi-membri; giova per la diminuzione della dipendenza dai
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
Energia elettrica dalle fonti energetiche rinnovabili prodotta dai paesi–membri
della Comunita` Europea (E-27) e l’obiettivo verso l’anno
(La sorgente e` Eurostat)
Parte in 2006 Cambiamento
in %
(%)
2004-2006
Progresso in %
seguendo lo
scopo
secondo l’anno
di referenza durante 2006 (%)
Anno di
base
Parte in 2004
(%)
Austria
69.00
60.94
61.62
0.7
0
78.1
Belgio
1.06
2.15
3.89
1.7
57.29
6
Bulgaria
6.37
6.43
6.82
0.4
9.72
11
Paesi
Cipro
Scopo in 2010
(%)
0
0
0
0
0
6
R. Ceca
3.47
3.68
4.11
0.4
14.13
8
Danimarca
8.87
27.08
25.93
-1.2
84.75
29
Estonia
0.26
0.59
1.45
0.9
24.59
5.1
Finlanda
26.29
26.79
26.47
-0.3
3.45
31.5
Francia
15.62
14.01
14.29
0.3
0
21
Germania
6.33
10.58
12.59
2.0
100
12.5
Grecia
7.70
7.59
8.79
1.2
8.79
20.1
Ungheria
0.48
2.28
3.68
1.4
100
3.6
Irlanda
4.25
5.65
8.57
2.9
48.27
13.2
Italia
15.52
15.78
18.32
2.5
40.11
22.55
Latvia
47.48
46.01
40.40
-5.6
0
49.3
Litva
3.56
3.43
3.87
0.4
9.01
7
Lussemburgo
1.21
3.33
3.67
0.3
54.79
5.7
0
0
0
0
0
5
3.51
5.71
7.93
2.2
80.51
9
Malta
Olanda
Polonia
1.63
2.19
3.05
0.9
24.19
7.5
Portogallo
32.56
28.56
31.16
2.6
0
39
Romenia
30.66
29.15
28.05
0.1
0
33
Slovacchia
14.49
13.55
16.00
2.5
9.15
31
Slovenia
29.66
29.37
28.26
-1.1
0
33.6
Spagna
16.45
18.58
19.11
0.5
20.54
29.4
Svezia
47.99
51.52
52.28
0.8
35.72
60
2.12
3.64
4.63
1.0
31.85
10
12.85
14.35
15.72
1.4
35.21
21
Inghilterra
CE 27
portatori energetici d’importazione; aiuta la diminuzione delle emmissioni di carbonio, abbassa il costo di
produzione del prodotto finale messo in un stato produttivo ed aiuta l’aumento delle capacita` concorrenziali
dei suggetti economici nei limiti della comunita`.
15
16
Buone pratiche Europee nel settore delle fonti energetiche rinnovabili
VII. Sorgenti d’informazione:
European Commission Factsheets by country
http://ec.europa.eu/energy/energy policy/facts en.htm
Member States Reports in the Framework of the Directive 2001/77/EC on renewable electricity
http://ec.europa.eu/energy/res/legislation/electricity member states en.htm
Member States Reports in the framework of the Directive 2003/30/EC on biofuels
http://ec.europa.eu/energy/res/legislation/biofuels members states en.htm
Energy Efficiency Agency. Ministry of Economy and Energy
http://www.seea.government.bg
Eurostat
http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/eurostat/home/
Black Sea Regional Energy Centre
http://www.bsrec.bg/
EU Energy and Transport in figures
Statistical Pocketbook 2009
Idroenergia
http://www.renewableenergy.hit.bg/waterhtml
European Small Hydropower Association
http://www.esha.be/fileadmin/esha_files/documents/publications/Newsletters/ESHA_Newsletter-July_EN.pdf
Fondazione “Per la Terra”
http://www.zazemiata.org/energy/index.php?id=12
EC, Directorate-General for Energy
Market Observatory for Energy, Report 2009
“Il presente documento e` sviluppato nei limiti del progetto “Collaborazione europea
per lo sviluppo europeo” che si realizza con il sostegno del Programma operativo “Sviluppo
regionale” 2007-2013, confinanziato dalla Comunita` Europea tramite il Fondo europeo di
sviluppo regionale. La Camera di commercio industriale di Stara Zagora supporta tutta la
responsabilita` del contenuto del testo e dichiara che in nessuna circostanza non si puo` considerare che il documento attuale riflette la posizione ufficiale della Comunita` europea con
l’Organo contrattuale”

Documenti analoghi