SANA ALIMENTAZIONE

Commenti

Transcript

SANA ALIMENTAZIONE
SANA
ALIMENTAZIONE
CONSIGLI PER I BAMBINI CHE
ASSUMONO CORTISONE
SANA
ALIMENTAZIONE
CONSIGLI PER I BAMBINI CHE
ASSUMONO CORTISONE
Cari bambini e cari genitori, per un bambino, così come
per i suoi genitori, l’alimentazione non significa solo
soddisfare una necessità biologica, ma rappresenta
un momento ricco di valenze affettive, psicologiche e
relazionali. Un’ alimentazione corretta è presupposto
essenziale per una crescita armonica e ottimale di un
bambino, e deve tener conto delle diverse fasi di vita di
un individuo che talora sono complicate dalla comparsa
di una malattia. Nei bambini con malattie reumatiche
che assumono cortisone è quindi necessario non solo
soddisfare le loro esigenze nutrizionali fisiologiche, ma
anche prestare molta attenzione agli effetti collaterali
che il cortisone può dare.
L’aumento della fame e dell’appetito nei bambini che
assumono cortisone, se non adeguatamente controllato,
porta ad una sovra-alimentazione con conseguente,
talora incontrollato, aumento del peso corporeo ed
importanti cambiamenti del loro aspetto fisico in
“bambini e bambine troppo paffutelli o cicciottelle”.
Le abitudini alimentari sono influenzate dalla struttura
familiare ed è per questo che non solo i piccoli
pazienti, mamma e papà, ma tutto il nucleo familiare
deve essere coinvolto in una sana alimentazione.
LE BASI PER UNA CORRETTA
ALIMENTAZIONE
L’alimentazione è un alleato indispensabile di salute. Il
fabbisogno energetico deve essere soddisfatto con una
corretta ripartizione dei diversi nutrienti: carboidrati,
proteine, lipidi, vitamine e sali minerali, fibre, acqua.
CARBOIDRATI
I carboidrati, ovvero gli zuccheri, rappresentano la
riserva di energia a breve termine del nostro
organismo. Si dividono in “carboidrati complessi” contenuti nella pasta, riso, orzo, farro, pane e “carboidrati
semplici” (saccarosio, fruttosio, lattosio). Già a partire
dalla prima infanzia è importante che il bambino non
si abitui a sapori dolci, quindi bisogna limitare l’uso di
bevande come succhi di frutta, aranciata e simili.
Queste bevande non devono sostituire l’acqua ai pasti
o la porzione di frutta fresca, in quanto il loro utilizzo
aumenta notevolmente l’apporto di calorie
e predispone al sovrappeso
nonché ad altri rischi quali
fattori favorenti le carie
dei denti. Occorre
moderare l’apporto di
questi zuccheri limitando il
comune zucchero da
cucina e di tutti gli
alimenti che ne contengono grandi quantità (dolci,
marmellate, bibite e succhi di frutta zuccherati).
È permessa la frutta.
PROTEINE
Le proteine sono una classe di nutrienti indispensabili
per la buona crescita del bambino. Gli alimenti
fonte di proteine di alto valore biologico sono la
carne, il pesce, le uova, il latte e i suoi derivati.
Alimenti questi che contengono tutti gli amminoacidi
essenziali in rapporto equilibrato tra loro.
Gli alimenti di origine vegetale (cereali, legumi, verdura, frutta ) contengono proteine di valore
biologico inferiore, perché sono carenti in uno o più
amminoacidi essenziali. E’ possibile però associare le
proteine dei cereali con i legumi per ottenere una miscela proteica completa ed equilibrata con valore biologico paragonabile a quella fornita dalle proteine animali
(pasta e fagioli, riso e piselli, pasta e lenticchie etc.).
Occorre assumere la giusta quantità di proteine, evitandone sia la carenza, sia l’eccessiva introduzione. Le
proteine della nostra alimentazione devono essere sia
animali (circa 2/3 del fabbisogno in proteine devono
essere ad alto valore biologico), sia vegetali (1/3).
LIPIDI
I lipidi, ovvero i grassi, sono fondamentali per il nostro
benessere perché componenti delle strutture cellulari
in tutti i tessuti, precursori di sostanze regolatrici
del sistema cardio-vascolare e infine, ottima riserva
energetica. I grassi possono essere sia di origine
animale che vegetale. Importante è porre particolare
attenzione all’aspetto qualitativo dei lipidi o grassi ed
in particolare le principali avvertenze sono:
- I grassi contenuti nel pesce sono
ricchi di acidi grassi essenziali
(famiglia omega3), pertanto questo
alimento prezioso per la salute del
bambino deve essere inserito
nel menù almeno 2-3 volte alla
settimana.
Privilegiare i grassi di origine
vegetale, in particolare l’olio
extra vergine di oliva, che
contiene vitamina E ad azione
antiossidante e acidi grassi
monoinsaturi (acido oleico) ad
azione protettiva, in quanto
contrasta l’accumulo di colesterolo
nei vasi sanguigni.
- Limitare gli alimenti
contenenti acidi grassi
saturi e colesterolo (grassi
di origine animale, carni
grasse, insaccati e burro).
- Anche alcuni oli vegetali come
l’olio di cocco e di palma sono
ricchi di acidi grassi saturi.
Attenzione: è importante limitare
l’utilizzo di snacks e fuori
pasto che possono contenere
grassi saturi.
- Gli oli vegetali rappresentano una
ottima fonte di vitamine liposolubili (a, d, e, k) e sono presenti ad
esempio in frutti oleosi come noci,
mandorle, nocciole, semi di sesamo,
girasole e lino.
Occorre limitare con molta attenzione la quantità di
grassi in generale (per il rischio di iperapporto calorico), dei grassi animali in particolare (per il rischio di
assumere troppi grassi saturi).
I grassi vegetali dei condimenti (olii) devono essere
preferibilmente consumati senza cottura.
VITAMINE e SALI MINERALI
Solo fornendo al bambino una alimentazione variata,
associando alimenti di origine vegetale con alimenti di
origine animale è possibile assicurare la copertura dei
fabbisogni nutrizionali. Assumere un apporto di calcio
adeguato al fabbisogno e all’età del bambino e limitare l’apporto di sodio. Una corretta assunzione di calcio
nell’infanzia è fondamentale per un accrescimento adeguato e la prevenzione dell’osteoporosi nell’età adulta.
Il calcio si trova in forma altamente disponibile in latte
e derivati. Considerato infatti l’elevato fabbisogno di
calcio nel periodo della crescita, il bambino dovrebbe
assumere almeno 300 ml di latte al giorno, di cui una
parte della razione giornaliera può essere
somministrata come yogurt o formaggio. Per crescere forti e sani, è anche necessario un buon apporto
di calcio, soprattutto, per la mineralizzazione ossea.
Occorre favorire il maggior contenimento possibile
dell’apporto di sodio limitando fortemente l’uso di sale
da cucina, sia nella preparazione e cottura degli alimenti, sia evitando l’aggiunta di sale ai piatti giunti in
tavola, sia infine scegliendo opportunamente tra i vari alimenti preparati
senza aggiunta di sale (sono disponibili
molti prodotti artigianali e dell’industria come pane, cracker, grissini, fette
biscottate, etc. preparati senza sale).
contenenti elevate quantità di sale
(in genere alimenti conservati, affumicati, in scatola,
dadi ed estratti vegetali). Un apporto significativo di
sodio è dato dall’uso di sale da cucina nella preparazione e nella cottura degli alimenti e un’ ulteriore aggiunta di sale nel condimento e/o quando le vivande sono
servite a tavola. Ad esempio, per la cottura della pasta
di semola di grano duro sono generalmente utilizzati
g 10 di sale per litro di acqua e ogni g 100 di pasta.
Troppo per tutti! Consigliando di utilizzare una dose
di sale da cucina per l’acqua di cottura della pasta o
del riso pari a g 3 per litro di acqua si riduce l’apporto
di sodio a meno di mg 120 per una porzione di g 100
di pasta. Riduzioni maggiori possono essere ottenute limitando ulteriormente o eliminando il sale nella
cottura della pasta o di altri alimenti.
Inoltre è importante assicurare un adeguato apporto di
ferro, presente nella carne e nel pesce in forma altamente disponibile, sia per la prevenzione di una possibile anemia, che per un corretto sviluppo neuro intellettivo.
FIBRE
L’assunzione di una adeguata quantità di fibra è
importante e può essere raggiunta inserendo nella
dieta del bambino opportune quantità di alimenti di
origine vegetale, quali cereali, legumi, verdura e frutta.
ACQUA
Cosa bere? Il nostro organismo richiede acqua ed
acqua, solo acqua dovremmo dargli. E’ importante
incoraggiare il consumo di acqua naturale. Si consiglia
l’utilizzo di acqua medio-minerale non gassata ed in
particolare acqua calcica a basso contenuto
di sodio. Da abolire invece le bevande
zuccherine non naturali.
La giornata alimentare del bambino
La giornata alimentare del bambino va ripartita in 4 o
5 pasti, partendo dalla prima colazione che deve
essere sempre presente, i due pasti principali,
pranzo e cena intervallati da uno o due spuntini.
La ripartizione del fabbisogno energetico giornaliero va
suddivisa in:
· prima colazione
· spuntino di metà mattino
· pranzo
· merenda
· cena
Unisci con una linea i testi
alle immagini relative.
La prima colazione
La colazione è il primo pasto della giornata del
bambino, necessario dopo il digiuno notturno, deve
essere nutriente ed equilibrata.
Sarebbe auspicabile che tutta la
famiglia si riunisse a tavola,
consumando la prima colazione con
calma in modo da dare l’esempio al
bambino. Dopo l’anno di vita
i bambini possono assumere latte
vaccino fresco con qualche biscotto
o fette biscottate o pane.
Lo spuntino mattutino e la merenda pomeridiana
Lo spuntino di metà mattino non deve superare il 5%
del fabbisogno energetico giornaliero. E’ il momento
della giornata più adatto a offrire frutta fresca a
pezzetti. Sono da evitare merendine,
snacks dolci o salati in quanto ricchi
di zuccheri semplici e grassi,
che comprometterebbero
l’appetito del pranzo. La merenda
pomeridiana potrà essere composta
da latte con cereali o frullato
di latte e frutta o yogurt.
Il pranzo e la cena
Il pranzo e la cena sono i pasti principali. Nel menù
il primo piatto sarà previsto tutti i giorni a pranzo e
a cena alternando piatti asciutti con piatti in brodo o
passati di verdure. E’ importante la separazione
delle portate, distinguendo il primo dal secondo
piatto e affiancando alla carne o al pesce le verdure.
E’ utile introdurre con gradualità anche piatti unici tipo
gnocchetti di semolino o gnocchetti di patate al ragù
o le lasagne. Il piatto unico è una portata “strategica”
che fornisce il giusto apporto di nutrienti in
proporzioni corrette. Essendo un piatto completo ed
equilibrato deve essere indi esaustivo della quota
prevista per il pasto, va accompagnato solo da un
contorno di verdura di stagione e frutta fresca a
completamento del pasto.
Assunzione dei diversi alimenti e loro frequenza
ALIMENTO
FREQUENZA
Carni
(bianche e sgrassate)
4 volte alla settimana
Pesce
(lessato o al vapore)
2-4 volte alla settimana
Legumi
2-3 volte alla settimana
Uova
1-2 volte alla settimana
Formaggio magro
(mozzarella e ricotta)
2-3 volte alla settimana o
secondo indicazione
Prosciutto cotto o crudo
(sgrassati) o bresaola
1 volta alla settimana o
secondo indicazione
Pane (senza sale) e pasta
di grano duro o riso
1-2 volte al giorno senza
esagerare nella quantità
Piatto unico
1-2 volte alla settimana
Verdure fresche
di stagione
(cotte o crude)
ogni giorno sia a pranzo
che a cena
Frutta fresca di stagione
dopo i pasti principali o
come spuntino, almeno 2
frutti al giorno
LUNEDI’
Colazione
• Tazza di latte parzialmente
scremato (eventualmente caldo, con orzo solubile) oppure yogurt bianco.
• 4 Fette biscottate o 2-3 cucchiai di
cereali non zuccherati (tipo corn-flakes o riso soffiato).
Metà mattina (ore 10)
1 frutto oppure 1 barretta di cereali.
Pranzo
• PASTA AL PESTO
Preparazione del pesto: 50 grammi di foglioline di basilico, 1 bicchiere di olio extravergine di oliva ligure, 1
cucchiaino da cucina di pinoli, 2 cucchiaini di formaggio parmigiano grattugiato. Frullare i pinoli. Inserire le
foglie di basilico poco alla volta nel frullatore, facendo
attenzione a non scaldarle troppo. Unire l’olio e parmigiano grattugiato miscelando con un cucchiaio. Condire la
pasta con questa salsa fredda.
• TOMINI ALLA PIASTRA
Prendere i formaggi e porli sulla piastra per qualche
minuto per parte.
• CAROTE ALLA JULIENNE FREDDE
Tagliate le carote fini. Condite con un cucchiaino d’olio
extra vergine d’oliva e qualche goccia di aceto balsamico
o di limone.
• COPPETTA DI FRUTTA con fettine di kiwi, arance e
ananas.
Metà pomeriggio
1 Yogurt oppure 1 frutto
o un bicchiere di latte
parzialmente scremato.
Cena
• MINESTRONE
Mettere a bagno la sera prima, un po’ di fagioli (ceci o
lenticchie) freschi, aggiungere uno zucchino, fagiolini,
sedano, cipolla, una fettina di zucca, una patata, qualche foglia di bietole, un poco di prezzemolo e basilico; il
tutto a freddo. Cuocere per almeno 90 minuti a mezzo
bollore e pentola coperta. Alla fine frullare a passato o
schiacciare le verdure con una forchetta.
• POLPETTE DI BIETOLE
Fare delle polpette con
le bietole bollite e la
ricotta magra. Passarla nel pane grattato e
metterli in forno caldo
per 15-20 minuti.
• FRUTTA A PIACERE
MARTEDI’
Colazione
• Tazza di latte parzialmente
scremato (eventualmente
caldo, con orzo solubile)
oppure yogurt bianco.
• 4 Fette biscottate o 2-3 cucchiai pieni di cereali da
colazione non zuccherati (tipo corn-flakes o riso
soffiato) oppure 4 biscotti (non frollini)
preferibilmente integrali.
Metà mattina
1 frutto oppure 1 barretta di cereali.
Pranzo
• CREMA DI CAROTE CON POMODORI
(1 cucchiaino di olio d’oliva extravergine, 9 carote tagliate
a fettine sottili, 1 litro di brodo di pollo, 1/4 cucchiaino di
sale, 450 g di pomodori perini pelati privati del picciolo e
dei semi e tagliati a dadini, 2 cucchiai di basilico fresco
tritato. In una casseruola, scaldate a fuoco basso l’olio
e fatevi rosolare le carote coperte per 5 minuti, mescolando di tanto in tanto. Aggiungete il brodo, il sale, la
foglia di alloro e fate sobbollire il composto coperto, per
25 min. fino a quando le carote saranno tenere. Togliete
la foglia di alloro. Mettete in un frullatore il composto e
lavoratelo fino a ridurlo in purea. Quindi versatelo nella
casseruola, unitevi i pomodori e fate sobbollire per altri
5 min. Guarnite la zuppa con foglioline di basilico fresco.
• CONIGLIO AL FORNO
Prendere il coniglio e farlo marinare nel limone (e/o aceto o vino) con erbe aromatiche (alloro, rosmarino, timo).
Dopo un paio di ore porre al forno. Servire con carotine
passate al vapore e messe a terminare la cottura in tegame con il coniglio.
• COPPETTA DI FRUTTA
con fettine di kiwi arance e ananas.
Metà pomeriggio
1 yogurt alla frutta (light) o 1 frutto.
Cena
• MINESTRA VEGETALE (SENZA PANE - CROSTINI E PASTA)
1-2 litri di acqua con a freddo sedano, carote e prezzemolo (poca acqua tanti gusti). Fare bollire a lungo e una
volta raffreddato frullare e mettere in frigo. Usare a
seconda del bisogno come un dado da cucina.
• PESCE MARINATO (SALMONE, PESCE SPADA, O
ALTRO PESCE A TRANCIO)
Marinare il salmone a pezzetti, porre nella padella con
un cucchiaino di olio extra vergine di oliva, rosolare unendo un cucchiaio della marinatura e aggiungere un po’ di
prezzemolo fresco a fine cottura. Servire con fagiolini al
vapore conditi con sugo di cottura o zucchine trifolate.
• ARANCE CON CANNELLA
(tagliare le arance sottili a rondelle, spolverare con cannella e lasciare marinare).
MERCOLEDI’
Colazione
• Tazza di latte parzialmente scremato (eventualmente
caldo, con orzo solubile) oppure yogurt bianco.
• 4 Fette biscottate o 2-3 cucchiai pieni di cereali da colazione non zuccherati (tipo corn-flakes o riso soffiato)
oppure 4 biscotti (non frollini) preferibilmente integrali.
Metà mattina
• 1 frutto o 1 pacchetto di cracker non salati.
Pranzo
• LASAGNE AL FORNO
Sugo. In una casseruola mettere un cucchiaino di olio
unendo la passata di pomodori o i pomodori freschi privati della pelle. Fate cuocere a fuoco lento fino a quando
la salsa non avrà assunto una consistenza un po’ addensata, ma non troppo. Condite con un pizzico di sale.
Besciamella. In una padella mettere un cucchiaino di
burro e la farina. Appena la farina si sarà rappresa
unire il latte scremato, precedentemente scaldato. Fate
cuocere lentamente, girando spesso. La besciamella, che
dovrà essere molto liquida, sarà cotta quando il composto farà le bolle.
Porre in una teglia da forno qualche cucchiaio di sugo e
uno di besciamella. Porre uno strato di lasagne secche
per cottura a forno di una buona marca. Continuare con
altri due-tre strati di lasagne ricoperti con sugo e besciamella ricoprendo la teglia fino all’orlo e terminando
con un abbondante strato di sugo e besciamella. Spolverate con parmigiano grattugiato. Mettere in forno caldo
fino a cottura desiderata.
• FRUTTA A PIACERE
Metà pomeriggio
• 1 Yogurt o 1 frutto.
Cena
• ZUPPA D’ORZO.
(60g di orzo integrale, 100g di fagioli secchi, 3 carote,
1 fetta di zucca, 2 gambi di sedano, 1 cucchiaino di olio
extravergine, un pizzico di sale) Metti a bagno per una
notte fagioli e orzo in due ciotole diverse colme d’acqua;
il giorno seguente fai un trito con le verdure indicate.
Mettilo in una casseruola con l’olio e fallo appassire,
quindi versa l’orzo e i fagioli precedentemente ammollati. Fai insaporire mescolando e copri d’acqua calda. Porta
a cottura aggiungendo il sale a termine cottura.
• POLLO AL LIMONE.
Tagliare il pollo a pezzetti e spremerci sopra il limone.
Lasciare a marinare (in frigorifero) con sapori vari per
qualche ore e rigirare di tanto in tanto. Prendere la padella con un cucchiaino di olio. Mettere a crudo il pollo
cercando di asciugare il limone. Servire con carote alla
julienne crude condite con un filo di olio.
• FRUTTA
Una fetta di ananas fresco o una fetta di melone.
GIOVEDI’
Colazione
• Tazza di latte parzialmente scremato (eventualmente
caldo, con orzo solubile) oppure yogurt bianco.
• 4 Fette biscottate o 2-3 cucchiai pieni di cereali da
colazione non zuccherati (tipo corn-flakes o riso soffiato)
oppure 4 biscotti (non frollini) preferibilmente integrali.
Metà mattina
• 1 frutto oppure 1 yogurt light alla
frutta.
Pranzo
• GNOCCHETTI DI SEMOLINO
Far riscaldare il latte con un pizzico di sale.
Ad inizio bollore versare il semolino e cuocere a fuoco
basso per 2 min. girando di continuo.
Togliere dal fuoco ed incorporare
due cucchiai di Parmigiano
grattugiato, unire 2 tuorli ed
amalgamare. Rovesciare il semolino
su un foglio di carta da forno,
coprire con un altro foglio e con un
matterello stendere uno strato
uniforme di 1 cm. Da freddo, tagliare l’impasto in dischi
con un bicchiere, disporre in una teglia e cospargere con
una manciata di Parmigiano. Cuocere in forno a 180°C
per 15 min.
•TROTA IN CASSERUOLA
Ricavare dei filetti dal pesce. In una casseruola mettere
un cucchiaino d’olio (extra vergine di oliva) e un pomodorino e fare rosolare. Aggiungere i filetti di trota, fate
rosolare e spruzzate con vino bianco; unire il prezzemolo. Lasciare cuocere a fiamma vivace per 5/10 minuti
controllando la cottura.
• FRUTTA
in coppetta con fettine di kiwi, arance e ananas.
Metà pomeriggio
• 1 Yogurt o 1 frutto.
Cena
• MINESTRONE DI LEGUMI PASSATO
Mettere a bagno i fagioli e la sera oppure usare i
fagioli freschi, uno zucchino, fagiolini, sedano, prezzemolo, basilico tutto a freddo. Alla fine frullare a passato. Servire con 1 cucchiaino parmigiano grattugiato e
crostini di pane integrale.
• MOZZARELLA CAPRESE
Tagliare la mozzarella a fettine
insieme al pomodoro e condire con
un cucchiaino d’olio extra vergine
di oliva e origano a piacere.
• FRUTTA
Una fetta d’ananas fresco con una spolverata di cannella.
VENERDI’
Colazione
• Tazza di latte caldo/orzo bimbo o yogurt
• Piccola porzione di torta di yogurt.
Metà mattina
• 1 frutto, 1 barretta di cereali.
Pranzo
• CREPE PROSCIUTTO E FORMAGGIO
250 g di farina, 2 uova intere, 1/2 litro di latte parzialmente scremato (se si vogliono utilizzare come base per
un dolce tipo crepe suzette aromatizzare con i semi di
1/2 stecca di vaniglia) Disponete a fontana in una terrina
la farina, e nel vuoto ponete le due uova intere e il tuorlo. Con un cucchiaio di legno amalgamate le uova con la
farina, sciogliendole pian piano con il latte freddo che
metterete a poco a poco fino a che il composto non sarà
liscio e senza grumi. Lasciate riposare il composto in
frigorifero almeno per mezz’ora. Prendete una padellina
di circa diciotto centimetri di diametro, fatela scaldare
sul fuoco e poi con un pennello leggermente intinto di
olio ungete il fondo. Versate nella padellina una cucchiaiata del composto preparato, in quantità che, agitandola
in tutti i versi il composto possa giusto coprire il fondo.
Lasciate cuocere la crepe fino a quando non si staccherà
dal fondo, poi voltatela e fatela cuocere dall’altra parte.
Su ogni crepe ponete una fetta di prosciutto cotto e una
fetta di formaggio magro sottile.
• FRUTTA
Una coppetta con fettine di kiwi, arance e ananas.
Metà pomeriggio
• 1 Yogurt (light) o 1 frutto.
Cena
• MINESTRINA IN BRODO
1-2 litri di acqua con a freddo
sedano, carote e prezzemolo (poca acqua tanti gusti).
Fare bollire a lungo e una volta raffreddato frullare e
mettere in frigo. Usare a seconda del bisogno come un
dado da cucina.
• INSALATA DI POLLO.
Bollite il pollo con carota, sedano
e cipolla. Tagliatelo a pezzetti
unendo il sedano, il mais e qualche oliva sminuzzata. Condite
con un cucchiaino di olio; niente
o pochissimo sale.
• FRUTTA
Coppetta di frutti.
SABATO
Colazione
• tazza di latte caldo/orzo bimbo
o yogurt + una piccola porzione
di torta di mele o di albicocche o
biscotti secchi integrali.
Metà mattina
1 frutto, 1 barretta di cereali.
Pranzo
• PASTA AL POMODORO
Lavare e tagliare i pomodori e la cipolla. Metterli a cuocere in padella con poco olio extravergine. Lasciar cuocere il sugo per 10 min. salare e aggiungere il basilico.
Appena l’acqua inizia a bollire salare e calare gli spaghetti. A cottura ultimata scolare la pasta e farla saltare
nella padella del pomodoro.
• AGNELLO ARROSTO.
Lavare l’agnello (tranci di spalla o coscia) con acqua ed
aceto bianco. Lasciarlo insaporire con trito di rosmarino,
alloro, timo e uno spicchio di aglio schiacciato. Cuocere
arrosto (forno o pentola in ghisa) spruzzando di vino
bianco dopo la prima rosolatura. Servire con patate
arrosto scottandole prima al vapore per 10 min. e
terminare la cottura insieme all’agnello.
• FRUTTA
Una coppetta con fettine di kiwi, arance e ananas.
Metà pomeriggio
1 Yogurt o 1 frutto.
Cena
• PIZZA
per 6 persone (Pasta di base: farina g 350, lievito di
birra g 15). Disponete a fontana la farina setacciata,
sgretolateci dentro il lievito di birra, aggiungete un pizzico di sale, stemperate il lievito con un pochino d’acqua e impostate con altra acqua tiepida; in tutto circa
un bicchiere. Lavorate energicamente la posta affinché
risulti ben liscia, elastica e relativamente morbida. Poi
fatene una palla e mettetela in una terrina, sul cui fondo avrete spolverizzato un po’ di farina; fate un taglio a
croce e coprite il tutto con uno strofinaccio pulito. Per
ottenere lievitatura completa ci vorranno due ore circa.
Il condimento verrà preparato in maniera differente a seconda degli usi e delle consuetudini delle regioni di origine.
Ad ogni modo per una classica
MARGHERITA occorrono: pomodori, mozzarella, basilico
e olio extravergine di oliva.
• COMPOSTA DI FRUTTA
(1/2 mela, 1/2 pera, 2 albicocche secche, 1 prugna, 1
chiodo di garofano, 1 pezzetto di cannella o di anice stellata; cuocere in acqua senza aggiunta di zucchero.
Infine alcuni consigli e regole pratiche:
ALIMENTI DA ESCLUDERE:
• Zucchero (non zuccherare!)
• Dolci in genere e pasticceria con creme, biscotti,
frollini, brioches e croissant, merendine
• Creme spalmabili
• Caramelle e gelatine di frutta
• Formaggio alla frutta
• Succhi di frutta dolcificati con zucchero
• Bibite (aranciata, tè, cola, etc.) zuccherate
• Sale (non salare!)
• Formaggi stagionati, grassi e piccanti e burro salato
• Salumi insaccati, pancetta e lardo, wurstel
• Pesci salati, affumicati o in scatola (salmone, tonno,
acciughe, etc.)
• Patate e patatine fritte e altri alimenti fritti
• Focacce e snack salati in superficie
• Dadi e preparati per brodo di carne o verdure
• Alimenti conservati e in salamoia (carne in scatola,
alimenti preparati, precotti, olive, sottaceti, conserve)
ALIMENTI DA LIMITARE:
• Miele
• Marmellata
• Cioccolata
• Gelato
• Yogurth alla frutta
• Frutta secca e in guscio (datteri, fichi, uvetta...noci)
È permesso un cucchiaino di formaggio grana per
condire la pasta.
ALIMENTI CONCESSI:
• spremuta di frutta
• pesce
• frutta fresca
• verdure fresche
• latte parzialmente scremato
• carne bianca
ALCUNI SUGGERIMENTI SU
COME CUOCERE I CIBI:
• padella antiaderente
• cottura a vapore o al forno
• evitare il burro
• utilizzo esclusivo dell’olio extravergine di oliva
• evitare fritture
• pesare sempre gli alimenti
LE RICETTE DEI GENITORI
TORTA DI CAROTE Dose per 8 persone
300 gr di carote mondate
300 gr di mandorle pelate
300 gr di zucchero
scorza di 1⁄2 limone
4 uova
80 gr di farina
1 pizzico di sale
1⁄2 bustina di lievito (a piacere)
Tritate le mandorle (20 sec) e mettetele da parte.
Frullate lo zucchero e la scorza di limone (20 sec),
unitevi dal foro del coperchio le carote (20 sec)
aggiungete le uova (10 sec) poi la farina, le mandorle,
il sale e per ultimo il lievito (30 sec).
Versate il composto in una tortiera (diam. 26 cm)
imburrato ed infarinato. Cuocere in forno caldo a 160°
per 10 min. e a 180° per 40 min.
E’ ottima fredda e si mantiene morbida
per molti giorni.
(Ricetta di Alba)
SFOGLIATA ALLA FRUTTA
Per la sfoglia:
150 gr di farina
un pizzico di sale
70 ml di acqua freddissima
150 gr di burro
congelato a pezzi
Inserire tutti gli ingredienti nel boccale (15 sec).
Mettete la pasta sulla spianatoia infarinata, stenderla
a rettangolo con il mattarello e ripiegatela in tre.
Ripetere la stessa operazione per 3 volte
(per ogni lato) tirandola ogni volta col mattarello.
Posizionate la pasta in una tortiera da crostata con
sotto della carta forno. Bucherellate la pasta con una
forchetta e guarnite con marmellata a piacere (anche
senza zucchero) e con fettine di mele, pere, pesca,
albicocca...
(Ricetta di Stella)
TORTA DI MELE
Ingredienti:
2 etto/i di farina
1 etto/i di frumina
150 g di zucchero
2 uova
1 bicchiere/i di latte
50 g di burro
lievito
3 mele
Mettere nel mixer latte, uova, burro fuso ed intiepidito,
la farina la frumina, lo zucchero e il lievito. Mescolare
alla max velocità per 3-4 min. Mettere l’impasto in una
tortiera apribile imburrata e infarinata, disporre le mele
affettate non tanto sottili e infornare a 180° per circa
45 minuti in forno elettrico. Preparare la gelatina secondo indicazioni sulla confezione e distribuirla sulla torta
raffreddata.
Prima di infornare la torta mettere un po di miele di
acacia sulle mele.
(Ricetta di Rossana)
LA RICETTA DI LUPO CUOCO
BARRETTE INTEGRALI
Ingredienti per una dozzina di barrette:
150 g di fiocchi d’avena
100 g di fiocchi di mais
2 mele disidratate
tagliate a pezzi
2 cucchiai di uvetta
2 cucchiai di zenzero
2 cucchiai di semi di girasole
2 cucchiai di sesamo nero
1 cucchiaino di cardamomo
1 cucchiaino di semi di cumino
100 gr di miele alla nocciola
50 gr di zucchero di canna
100 gr di burro
Mescolare in una terrina tutti gli ingredienti.
Mettere in un pentolino il burro, il miele, lo zucchero
e fare bollire per alcuni minuti. Versare nella terrina
con gli altri ingredienti e mescolare. Mettere in teglia
larga ricoperta di carta da forno e pressare il tutto.
Far raffreddare e tagliarne le barrette. Se vi piacciono
morbide lasciatele così, altrimenti mettetele 10/15 min.
in forno preriscaldato a 180° per renderle croccanti.
GIOCHI
SCOPRI L’INTRUSO
INDOVINELLO
Dentro un riccio chiuse siamo
se si apre ci dividiamo,
fuori siam color marrone
e l’autunno è la nostra stagione!
CRUCIVERBA
Orizzontali:
1. Non è un grosso fulmine 8. Segno di punteggiatura
10. E’ un frutto di bosco ma non è bionda 11. Per il
contadino, è buona con il formaggio 12. Non religioso
14. Frutto acido che si mette nel tè 15. Albero dalla
corteccia grigia 16. Grosso serpente 17. Frutta
a grappoli
Verticali:
2. Il nonno del nonno 3. Frutto di bosco viola
4. E’ famosa per il basilico di Genova 5. Metà di oggi
6. La si apre solamente schiacciandola 7. Ditelo senza
dito 9. Un tipo di ciliegia 10. Il frutto di Biancaneve
11. Quello di Adamo non è un frutto 13. La vetta della
montagna 15. Obbedire solo all’inizio
Arte in cucina
NON SERVONO COLORI E PENNELLI PER
CREARE BELLISSIME OPERE D’ARTE, MA
FRUTTA VERDURA E TANTA FANTASIA!
NOTE PER I GENITORI
Questo libro offre preziosi consigli per tutti coloro che
assumono cortisone, ma è anche molto utile per chi vuole
tenersi in forma attraverso una sana alimentazione.
Dall’analisi dei diversi alimenti, alle ricette da cucinare;
dal menù tipo della settimana, ai suggerimenti su come
cuocere i cibi. E poi ancora… giochi e colori; perché
anche in cucina si può fare Arte!

Documenti analoghi