I nuovi shopping center

Commenti

Transcript

I nuovi shopping center
I/D - I ∙ € 6 / chf 9 / $ 8 / £ 4
Rivista internazionale di
marketing e shop design
Das internationale Magazin für
Laden-Marketing und Shop-Design
Khan Shatyr was built by SML Construction
109
I nuovi shopping center
Store Branding:
il rilancio di Mexx
EuroShop:
specialità à la carte
Il dizionario
dell’arredamento e
del marketing
SHOP Inhalt
Contenuti
Im SHOP TALK: Mexx-CEO Thomas Grote über die
Zukunft der Weltmarke – Seiten 48 – 49.
Shop Talk: intervista a Thomas Grote, amministratore
delegato di Mexx, sul futuro del marchio – Pagine 48 – 49.
Umdasch und Assmann servieren zur EuroShop
Leckerbissen à la carte – Seiten 14 – 19.
Umdasch e Assmann alla EuroShop: specialità
à la carte – Pagine 14 – 19.
Die nächste Generation der Shopping Center ist urban
und wertig – Seiten 6 – 13. Gli shopping center di nuova
generazione: urbani e di gran classe – Pagine 6 – 13.
Shop Report: Die Pyramiden des Elektro Haas –
Seiten 20 – 25. Shop Report: le piramidi di Elektro
Haas – Pagine 20 – 25.
Inhalt
Contents
SHOP INSIDE
Editoriale, colophon, servizio ai lettori
Mit der Eröffnung des
erweiterten Grazer
Stammhauses am 20. 10. 2010
schrieb Kastner & Öhler über
die österreichischen Grenzen
hinweg EinzelhandelsGeschichte. Mehr darüber im
Shop Panorama auf den
Seiten 28 und 29.
Con l’inaugurazione della
nuova casa madre
completamente ristrutturata,
il 20.10.2010 Kastner & Öhler
ha scritto un nuovo capitolo
della storia del commercio al
dettaglio. Leggete i particolari
alla rubrica Shop Panorama
alle pagine 28 – 29.
4 – 5
SHOP CONCEPT THEMA
Gli shopping center di nuova generazione Store Branding: il rilancio di Mexx 6 –13
50 –55
SHOP DESIGN
EuroShop: specialità à la carte 14 –19
SHOP REPORT
Elektro Haas, Shopping City Süd e Plus City
20 –25
SHOP PANORAMA
Möbel Hubacher, Intersport Eybl, Kastner & Öhler,
Niketown London, Stockmann, Swisscom, Billa Corso,
Nico, Thalia, Hannspree, Blue Tomato, Eric Bompard,
Pharmacie Riat, Esprit, Orex, Coop City, Dublin Airport Terminal 2
26 –47
SHOP TALK
Thomas Grote e il futuro di Mexx
48 –49
SHOPFITTING
Il dizionario dell’arredamento e del marketing
56 –59
RETAIL REPORT
Shops & Shopping a Düsseldorf e Colonia
60 –63
SHOP EVENTS
Umdasch Shop Academy, “Philip Morris in Medio Oriente”,
Appuntamenti, novità editoriali
64 –67
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
3
SHOP Editorial
Projekt-Management
Project management
Liebe LeserInnen,
der Handel ist im
Schnitt ohne große
Schrammen durch
die Krise gekommen.
Und doch ist vieles
anders geworden. Bei Reinhard Peneder
Laden-Investitionen SHOP aktuell
ist ein gewisser Stau Chefredakteur
Redattore Capo
entstanden. Dann hat
sich das Investitionsverhalten des Handels verändert, es ist noch arbeitsteiliger geworden. Die Zahl der an der Konzeption und Realisierung von Projekten beteiligten Disziplinen und Gewerken nimmt kontinuierlich zu. ProjektManagement ist die Schlüsseldisziplin im
modernen Ladenbau.
Vor allem die großen Player im Handel halten auf der EuroShop nicht nur nach
neuen Ideen und Systemen Ausschau, sondern auch nach professionellen Partnern
im Projekt-Management auf internationalem Parkett. Wo sie dabei fündig werden
können, liegt auf der Hand … Fündig werden Sie hoffentlich auch bei dem einen oder
anderen Artikel in diesem SHOP aktuell.
Care Lettrici,
Cari Lettori,
pur essendo usciti dalla crisi in maniera pressoché indenne, nel settore del commercio tante cose sono cambiate. La stagnazione nel settore degli investimenti ha
determinato profondi cambiamenti anche
nel modo di investire nel commercio e introdotto una ulteriore frammentazione. Il
numero delle discipline coinvolte nella progettazione e nella realizzazione aumenta
costantemente. Oggi la disciplina chiave
dell’architettura è il project management.
Alla Euro Shop i big player del commercio cercano ispirazioni, nuove idee e il supporto dei professionisti del project management della scena internazionale. Troveranno una risposta alle loro esigenze? Siamo convinti di sì, anche leggendo questa
edizione di SHOP aktuell.
4
umdasch shop-concept
SHOP Inside
Assmann:
Zertifizierung nach ISO 14001
Certificazione ISO 14001
Assmann Ladenbau Leibnitz ist im
Herbst 2010 als eines der ersten europäischen Ladenbau-Unternehmen nach
ISO 14001:2004 zertifiziert worden.
Assmann zählt – neben Umdasch ShopConcept – zu den beiden Kernmarken der
Umdasch Shopfitting Group und sieht
Nachhaltigkeit und Umweltschutz als
wesentlichen Bestandteil eines umfassenden CSR-Konzeptes. Seit vielen
Jahren ist Assmann Ladenbau, wie auch
Umdasch Shop-Concept, bereits nach
ISO 9001, einem Management-System
für Qualität und Umwelt, zertifiziert.
Nello scorso autunno la Assmann
Ladenbau di Leibnitz è stata una delle prime aziende europee del settore
dell’arredamento dei negozi a ottenere la certificazione ISO 14001:2004.
Insieme alla Umdasch Shop-Concept,
la Assmann è un marchio di punta del
gruppo Umdasch Shopfitting e considera la sostenibilità e la tutela dell’ambiente elementi fondamentali in termini
di responsabilità sociale d’impresa. Da
molti anni la Assmann Ladenbau e la
Umdasch Shop-Concept sono certificate ISO 9001, le cui norme definiscono
Assmann setzt im
Ladenbau Maßstäbe in
Sachen Nachhaltigkeit.
La Assmann introduce
nuovi parametri in
materia di sostenibilità.
Die ISO 14001 ist ein international
anerkannter Standard, der ein effektives
Umweltmanagementsystem definiert und
durch eine entsprechende Organisation
ein Gleichgewicht zwischen Wirtschaftlichkeit und Umweltschutz schafft. Das
Thema Umweltschutz wird dabei systematisch im Management verankert.
Unternehmen erhalten mit der ISO 14001
ein wirkungsvolles Instrument, mit dem
die Umweltsituation laufend verbessert
wird und daraus resultierende Kosten
gesenkt werden.
i requisiti internazionali per i sistemi di
gestione per la qualità.
La ISO 14001 identifica una serie di
standard internazionali relativi alla gestione ambientale delle organizzazioni e concilia le esigenze in termini di economicità
e tutela dell’ambiente. Quest’ultima costituisce uno dei pilastri portanti del management. Con la certificazione ISO 14001
le aziende ottengono uno strumento per
il costante miglioramento della situazione
ambientale e una conseguente riduzione
dei costi.
Leserservice Servizio ai lettori
Wenn Sie Fragen im Zusammenhang mit dem Inhalt dieses SHOP aktuell haben, so wenden Sie sich per Fax oder Mail direkt an die
Redaktion. Per ulteriori informazioni riguardo ai contenuti di SHOP aktuell, contattate direttamente la redazione via fax o per
e-mail: Fax +43/7472/605-3722, E-Mail: [email protected]
Colophon:
SHOP aktuell è pubblicato da Umdasch Shop-Concept. Sede: vedi retro. Numero 109/febbraio 2011. Edizione italo-tedesca. Prezzo
della copia singola: € 6, CHF 9, $ 8, L 4. Tariffa abbonamento: € 24 per 5 numeri consecutivi (più spese di spedizione). Distribuzione
gratuita ai membri Umdasch MDB. Coordinamento del progetto: Reinhard Peneder, Umdasch Shop-Concept, A-3300 Amstetten.
Caposervizio: Evelyn Kössler M.A. Autori e collaboratori di questa edizione: Reinhard Peneder, Mag. (FH) Sonja Scheidl, Evelyn
Kössler M.A., Winfried Lambertz, Prof. Iska Schönfeld, Milena Hunziker, Regula Wirth, Maik Drewitz, Christian Hammer. Layout:
Denise Siegl, Sandra Schuller. Foto/elaborazione grafica: Manfred Aigner, Reinhard Peneder, Cornelia Suhan, dlv, Matthias Koch,
SML Construction, Syndicate, ECE, Manfred Lang, Andreas Bruckner, SES Gernot Gleiss, SES Lois Lammerhuber, SES Lohberger
Photography, Wild & Team-Fotoagentur, Klaus Bossemayer/Agentur Bilderberg, weinfranz Fotografie, Sarah Wiener, Philips,
Factory 311, REWE Group/Billa, Emanuele Inchingolo, Thalia, David Bank, Franck Ménard, Esprit, Willie Dillon, Mexx/Philippi,
Brüsselimpressionen, ShopConsult by Umdasch, Ladenbau- und Laden-Marketing-Lexikon, Stadt Düsseldorf, Tom Reindl,
Reno, Stadt Köln, Ginat Tricot, Erco, C&A, iStockphoto, Shutterstock, Christian Kronsteiner, Hutner, Assmann, Christian Hammer,
Archiv, Bernd Kammerer/Blocher Blocher Stuttgart. Traduzione: Cristina Cisotto. Officina grafica: Friedrich VDV, Linz. Nota: Projects
executed by Umdasch are listed as such in the text or the photo caption.
SHOP aktuell 109
SHOP Inside
Neu: AlGate und
HangingFrame Novità: AlGate
e HangingFrame
Rechtzeitig zur EuroShop 2011 bringt
Umdasch Shop-Concept zwei neue
Systeme auf den Markt (siehe Seiten 14
bis 19). AlGate ist ein Rahmensystem mit
Schlitzprofil aus Aluminium, das auch
ohne Rückwände eingesetzt werden
Ab sofort zu Ihrer Verfügung: Die Systeme
AlGate und HangingFrame sowie die Prospekte
dazu. Disponibili da subito: i due nuovi sistemi
AlGate e HangingFrame con il relativo materiale
informativo.
kann. Das System HangingFrame kann
von der Decke abgehängt werden und
bringt dadurch neue Leichtigkeit in die
Warenpräsentation. Zu beiden Programmen gibt es kleine Broschüren, die wir
Ihnen auf Wunsch gerne zusenden.
In occasione e della EuroShop 2011,
la Umdasch Shop-Concept introduce due
nuovi sistemi sul mercato (vedi anche il
servizio da pagina 14 a pagina 19). AlGate
è un sistema strutturato a telaio con profili
fissurati in alluminio da utilizzare con o
senza schienali. Il sistema HangingFrame
può essere appeso al soffitto ed è caratterizzato da una particolare leggerezza
che mette in risalto la presentazione della
merce. Le brochure sono già disponibili e
su richiesta verranno inviate per posta.
Der UmdaschKonzern auf
einen Blick
Il gruppo
Umdasch a
colpo d’occhio
Die Broschüre „DER UMDASCH KONZERN“ steht ab sofort in einer aktualisierten Fassung zur Verfügung. Darin werden
plakativ und übersichtlich die beiden
Geschäftsfelder des Konzerns – Doka
Schalungstechnik und Umdasch Shopfitting Group – dargestellt. Ausgewählte
Meilensteine der Unternehmensentwicklung sowie interessante Leistungskennzahlen ergänzen diese leicht verdauliche
Informations-Broschüre. Bei Interesse
schicken wir Ihnen gerne ein Exemplar
zu.
Vetro e tecnologia
Il vetro è uno dei protagonisti dell’architettura moderna, un materiale versatile
con infinite possibilità di impiego. L’ideale
quindi per il settore dell’arredamento: con
le nuove tecniche di lavorazione e curvatura, oggi è possibile realizzare arredi
dalle forme organiche ampliando notevolmente l’ambito di applicazione per la realizzazione di scaffalature, ripiani, mobili
contenitori, vetrine, specchi, ecc. Un altro
elemento importante è l’interazione fra
vetro e luce.
“servizio di tecnologia del vetro” al quale
appartengono gli esperti di cinque sedi
Umdasch diverse che si occupano in
particolare degli aspetti funzionali: se
impiegato nella maniera sbagliata il vetro
diventa un materiale molto delicato e fragile. L’attenzione si concentra soprattutto
sulle tecniche di fissaggio, l’impiego della
ferramenta, i sistemi di incollaggio UV e i
sistemi di illuminazione (convenzionale o
a LED). Il servizio è a disposizione di progettisti e collaboratori Umdasch e quindi
anche dei clienti.
Gli specialisti Umdasch Shop-Concept seguono costantemente gli sviluppi
delle nuove tecnologie di lavorazione.
In questo contesto è stato istituito un
Il vetro: protagonista
dei nuovi sistemi di
arredo.
SHOP aktuell 109
Die Broschüre „DER UMDASCH KONZERN“
bietet einen schnellen Überblick über das
Unternehmen, dessen Wurzeln in das Jahr 1868
zurückreichen. L’opuscolo “DER UMDASCH
KONZERN” offre una visione di insieme del
gruppo fondato nel 1868.
L’opuscolo “DER UMDASCH KONZERN” è disponibile in versione aggiornata e offre una schematica visione di
insieme dei due settori di attività del
gruppo: la Doka, azienda leader dei
sistemi di casseforme e la Umdasch
Shopfitting Group. La brochure di facile
consultazione, disponibile in tedesco e in
inglese, riassume anche i momenti culminanti della storia del gruppo e i più importanti indici della performance aziendale.
I lettori interessati potranno richiederla
gratuitamente.
umdasch shop-concept
5
Testo
Reinhard Peneder
Photo: ECE, BahnhofCity Wien West
Photo: ECE, Skyline Plaza, Frankfurt
Shop Concept Thema
Shopping Center
Dal punto di vista urbanistico, lo Skyline Plaza situato fra la stazione centrale e la
fiera di Francoforte è uno dei più interessanti progetti futuristici realizzati dalla
ECE. Lo shopping center di 38.000 m² verrà inaugurato nel 2013 (nella foto
grande). Sempre su progetto della ECE, nell’autunno del 2011 partiranno i lavori
della stazione ovest di Vienna che verrà ribattezzata Bahnhofcity Wien West (nella
foto piccola). Nel 2014 sarà la volta della nuova stazione centrale di Vienna.
Gli shopping center di
nuova generazione
Si distingueranno per il loro marcato carattere urbano e per la loro originalità. Fedeli al motto “meglio la
qualità della quantità” avranno dimensioni più ridotte rispetto a quelli di oggi. Un fattore determinante sarà
l’ubicazione e l’attenzione sarà focalizzata sugli interventi di rivitalizzazione e di modernizzazione. La scelta
degli affittuari avviene secondo il principio per cui il nome viene prima della superficie. La sostenibilità nello
sviluppo e nella gestione dei centri commerciali diventa un fattore igienico e le quote di mercato degli shopping
center sono in costante aumento. Ce lo hanno confermato noti esperti internazionali, specialisti del settore.
Per il commercio al dettaglio in Europa la situazione economica
e le condizioni operative non sono negative come si pensava.
In molti Paesi il settore ha superato la crisi senza grandi conseguenze, una crisi che in alcune situazioni è stata addirittura uno
stimolo per la congiuntura interna. Anche le previsioni a medio
termine sono positive, ma l’analisi andrebbe fatta in maniera
differenziata per singoli mercati.
6
umdasch shop-concept
Dire che nel commercio l’ubicazione è un fattore competitivo decisivo è una verità lapalissiana. Andando avanti si vivrà una ulteriore polarizzazione, una concentrazione sulle ubicazioni al top assoluto. “Le cosiddette
ubicazioni 1B e quelle attualmente occupate da alcuni empori specializzati, corrono il rischio di perdere completamente la loro attrattività” spiega Klaus Striebich, amministratore
SHOP aktuell 109
Photo: SES, Lammerhuber
Photo: SES, Gernot Gleiss
Shop Concept Thema
Shopping Center
L’Europark di Salisburgo (nella foto piccola) e lo Spar European Shopping
Center (SES) colpiscono per la loro architettura, ma anche per l’enorme
produttività in rapporto alla superficie. Come l’Europark, anche l’Atrio di
Villach (foto grande) appartenente alla SES, è stato più volte premiato per
la sua sostenibilità.
leasing presso la ECE, leader degli shopping center in Europa
con sede ad Amburgo. I commercianti sono flessibili e insediano la loro attività nella posizione migliore.
Gli esperti sono concordi nel
dire che le quote dei centri
commerciali aumenteranno
anche su mercati saturi come
quelli dell’Europa centrale. La
regione è semplice: in alto c’è
ancora posto. Negli USA le
quote di mercato si attestano attorno al 60 %, nel Regno Unito al 15 %, ma in Germania solo attorno al 7-8 % (calcolate
in relazione alla superficie di vendita). Inoltre il fatturato realizzato dai dettaglianti negli shopping center è più alto rispetto a quello realizzato altrove. Ma il grande boom degli shopping center registrato in Paesi come la Germania e l’Austria
appartiene ormai al passato. Continuano tuttavia a nascere
nuovi progetti (vedi anche la relativa tabella sulle nuove aperture e le ristrutturazioni). Per la ECE sono i Mall di Oldenburg
(2011), Dortmund (2011), Coblenza (2012), Aquisgrana (2013) e
Francoforte (2013). A Vienna la ECE è presente nelle stazioni
ferroviarie di Vienna Ovest (2011) e della nuova stazione centrale (2014). Per l’Austria gli esperti
ipotizzano che il G3 Shopping
Resort Gerasdorf a nord di
Vienna, che verrà inaugurato
nel 2012, sarà l’ultimo esempio di shopping center a livello
sovraregionale. Ma nel 2010 ne
sono successe di cose: ad
“I concept avranno successo solo se
sfrutteranno la multicanalità” spiega
Klaus Striebich, amministratore delegato
della ECE.
“La sostenibilità maggiore si ha quando
uno shopping center è ubicato nel posto
giusto” spiega l’amministratore delegato
del SES Marcus Wild.
E quali connotati assumerà la concorrenza fra i concept stanziali e quelli digitali cioè gra il commercio stabile e quello online? Anche a questa domanda Klaus Striebich risponde con
decisione: “I concept avranno successo solo se sfrutteranno la
multicanalità”. Il cliente vuole poter scegliere fra canali di acquisto diversificati, decidere se acquistare in negozio o in rete.
Gli shopping center acquistano quote di mercato
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
7
Photos: SES, Lohberger Photography
Shop Concept Thema
Shopping Center
A pochi mesi dall’apertura nell’agosto del 2010, il SES-Center Varena di
Vöcklabruck (Alta Austria) ha largamente superato le aspettative. In tutta
l’Austria, la affiliata Spar SES copre una superficie di vendita totale di
380.000 m².
Innsbruck è stato ristrutturato l’ex grande magazzino Kaufhaus
Tyrol, rinato come centro commerciale caratterizzato da un’architettura e un design accattivanti. Non è da meno il nuovo
Shopping Center Varena, con 32.000 m² di superficie nella
cittadina di Vöcklabruck (Alta Austria), un altro progetto della
SES (Spar European Shopping Centers). Il Donauzentrum di
Raffronto dello sviluppo delle superfici di vendita
(Germania)
2000 = 100
Indice delle superficie di vendita negli shopping center
Indice delle superfici di vendita nel commercio al dettaglio
150
138,7
140
126,6
130
120
110
100
90
103,7
106,2
110,1
113,0
116,7
146,9
131,9
2001
2002
2003
2004
2005
umdasch shop-concept
2006
2007
2008
Nonostante l’elevato numero di quelli esistenti (150 per una
superficie totale di circa 2 milioni di m²), in Svizzera si progetta
l’apertura di altri 20 shopping center corrispondenti a una superficie di circa 500.000 m². “Negli shopping center della Svizzera la percentuale di negozi vuoti è bassissima quindi abbiamo
ragione di credere che l’interesse sia ancora alto” spiega Marcel
Stoffel dello Swiss Council of Shopping Centers. Con una produttività pari a 8.150 franchi svizzeri per m², i centri svizzeri si
attestano in vetta alla classifica internazionale.
La rivitalizzazione e la modernizzazione nel focus delle
attività
120,8
111,0
109,4 109,9 110,4
107,2 108,2
105,9
103,7 104,7
101,1 102,3
(Fonte: GfK GeoMarketing)
8
141,7
Vienna ha ampliato la sua superficie portandola da 30.000 m²
a 130.000 m² e oggi, dopo la Shopping City Süd, è il secondo
centro commerciale d’Austria per estensione. Molti altri centri
sono stati sottoposti a ristrutturazione.
2009
2010* 2011*
* Previsione
Il boom degli shopping center in Europa è finito. Oggi il lavoro si
focalizza sulla rivitalizzazione, la modernizzazione e gli ampliamenti, settori in cui c’è ancora parecchio potenziale. Oltre due
terzi delle superfici di vendita negli shopping center tedeschi
sono stati realizzati prima del 2000 (circa 9 milioni di m² in 280
centri commerciali). Da questi numeri la GMA rileva un’esigenza
di rivitalizzazione per più di 5 milioni di m² (vedi tabella p. 10).
SHOP aktuell 109
Photo: Andreas Bruckner
Shop Concept Thema
Shopping Center
L’ex grande magazzino Tyrol di Innsbruck (foto grande) è stato trasformato in
un elegante centro commerciale del centro storico. Dietro questo progetto c’è
René Benko, giovane investitore di 33 anni intenzionato a replicare il progetto
anche nel centro di Vienna. Nel 2010 il Donauzentrum di Vienna è stato ampliato
di 30.000 m²: oggi copre una superficie di vendita di 130.000 m² ed è il secondo
shopping center d’Austria per estensione dopo la Shopping City Süd.
Una delle concause della fine del boom nei Paesi della Mitteleuropa è imputabile alle norme restrittive in materia di licenze
(in particolare nelle periferie). Permane invece la tendenza a
costruire i centri commerciali nelle aree urbane, preferibilmente nel contesto di importanti interventi urbanistici. La limitata
disponibilità di vasti spazi nei centri urbani introduce la tendenza a realizzare progetti di mole più contenuta. Se nel 1998 uno
shopping center della Germania aveva una superficie media di
34.000 m², quelli in progetto per il 2012 avranno un’estensione
media di 27.000 m².
Shopping Center Ranking 2010 (Austria)
1
Europark, Salisburgo
2
dez, Innsbruck
3
SCS (Mall e Multiplex), Vösendorf
4
Donauzentrum/Donauplex, Vienna
5
Shoppingcity, Seiersberg
6
PlusCity, Pasching
7
Millenium City, Vienna
8
Haid Center, Ansfelden
9
ATRIO, Villach
10
Messepark, Dornbirn
SHOP aktuell 109
Fonte: WU Wien, Institut
für Handel & Marketing
(Istituto di marketing e
commercio), indagine
condotta sulla base di un
sondaggio fra i locatari.
Parametri di indagine:
fatturato, fatturato/m²
di superficie di vendita,
n° di negozi, look e
ambiente, Center&Facility
Management, locazione/
costi accessori/contributi
costi di pubblicità.
Progettisti e i gestori stanno ragionando su come e in quale modo sfruttare al meglio le superfici libere derivanti dalla
chiusura di grandi magazzini. Si tratta di progetti indubbiamente interessanti in cui chiedono di essere attivamente coinvolti anche i grandi magazzini. E’ quanto abbiamo dedotto
dalle eleganti parole di Thomas Fox, Chief Restructuring Officer della Karstadt Warenhaus AG, in occasione del congresso
tedesco sul commercio svoltosi a metà novembre a Berlino.
“I grandi magazzini sono shopping center senza pareti che
raggruppano i migliori specialisti sotto lo stesso tetto” ha
spiegato Fox.
Next generation: luoghi terzi dal carattere urbano
Le città stanno vivendo una rinascita come contesto di vita e
di fruizione della cultura. Le città si allargano sempre più fino
ad assumere i connotati di regioni urbane. Continua la “decentralizzazione della centralità” (citazione da uno studio effettuato dalla GDI). Più centri urbani esistono uno limitrofo all’altro.
Questa realtà intensifica la competizione in termini di abitanti,
visitatori, investitori e consumatori e fa nascere punti di cristallizzazione artificiali dedicati allo shopping e all’urbanità,
luoghi che trasformano l’acquisto in un’esperienza: “maximum
kicks in minimum time”. Più che un’occasione per dedicarsi
allo shopping in senso classico, qui si tratta di occasioni
umdasch shop-concept
9
Shop Concept Thema
Shopping Center
Progettato dall’archistar Daniel Libeskind e da altri suoi illustri colleghi, il
Crystals Shopping Mall all’interno del CityCenter Las Vegas, ospita
esclusivamente brand di lusso. Dal 20 al 24 ottobre 2011, Las Vegas ospiterà
il seminario itinerante sugli allestimenti “Laden-Dramaturgie LIVE! con
Christian Mikunda.
di socializzazione. Nascono luoghi in cui i mondi reali si fondono a quelli virtuali. Su questo terreno proliferano gli shopping
center del futuro. Ci vogliono luoghi terzi dal carattere urbano
capaci di offrire costantemente delle alternative dando però la
sensazione di “sentirsi a casa”. Vita, lavoro, tempo e shopping
si fondono. Per questa nuova forma di urbanità la centralità
non rappresenta una conditio sine qua non. Presupponendo
un’organizzazione e un management efficienti, l’orientamento
al cliente senza compromessi per gli shopping center è più
facile creare contesti del genere e garantire una permanenza
di qualità al loro interno.
“Ogni giorno al passo coi tempi”
Ma come si fa a creare in uno shopping center un ambiente di
qualità che il visitatore possa percepire come il salotto di casa
propria in cui i clienti diventano amici? “E’ un lavoro tutt’altro
che facile che richiede impegno in ogni minimo dettaglio” spiega Marcus Wild nella sua interessante intervista. Wild è amministratore delegato della Spar European Shopping Centers
GmbH (SES) di Salisburgo, il più grande gestore di shopping
center d’Austria, un uomo che ha alle spalle una grande esperienza in ambito commerciale. La visita all’Europark di Salisburgo, il flagshipstore della SES nato dalla matita dall’architetto
italiano Massimiliano Fuksas e più volte inisignito di premi
10
umdasch shop-concept
internazionali, ci consente di dare uno sguardo dietro le quinte
dei format di successo. Buoni collegamenti ai mezzi pubblici, ampi garage, linguaggio architettonico incisivo, tanta luce
naturale, percorsi chiari e un giardino con tanti alberi … forse
questi sono elementi comuni a molti altri centri commerciali.
Nel nostro caso sono i dettagli a sorprendere, a fare la differenza: per esempio un piccolo teatro utilizzato dalle compagnie
amatoriali, un ristorante stellato (“la gastronomia è un elemento
chiave per definire il livello di un centro commerciale”) o una
scuola materna. “Spesso gli asili infantili chiudono alle 18.00,
il nostro invece è aperto fino alle 20.00 per venire incontro alle
Bisogno di rivitalizzazione negli shopping center
della Germania (per ubicazione)
Ubicazione ...
Shopping center
Quota in %
Numero
In m²
... nei centri storici
65
1.268.766
32,66
24,23
... nei quartieri
77
2.097.248
38,69
40,05
... nelle periferie
57
1.870.945
28,64
35,73
Totale
199
5.236.959
100
100
(Fonte: GMA 2010)
Vendite in % In m² in %
Valori approssimativi, possibili arrotondamenti
SHOP aktuell 109
Photo: Klaus Bossemeyer / Agentur Bilderberg
Shop Concept Thema
Shopping Center
Con 12 imponenti affreschi, le Galerías Pacífico in Florida Street a Buenos Aires appaiono
come una cattedrale dello shopping. Il manufatto storico ospita al suo interno marchi come
Tiffany’s, Polo Ralph Lauren, Christian Lacroix, Christian Dior, Lacoste, Cacharel, Hugo Boss.
In netta contrapposizione il modernissimo Shopping Center Westside di Berna, un altro
progetto di Daniel Libeskind.
esigenze dei collaboratori”. Sono tutti servizi che apprezzano
anche i clienti dell’Europark. Gli alberi contribuiscono molto alla
buona atmosfera, ma vanno previsti in fase di progetto perché
trattandosi di alberi veri bisogna dargli un posto dove mettere
radici. Anche il ricambio dell’aria e una buona acustica possono allungare la permanenza.
“Essere sempre al passo coi tempi e dialogare tutti i giorni” per
gestire bene uno shopping center, lo spirito del retail bisogna
avercelo dentro. Nel caso della SES è stato importante avere il
background della Spar e l’esperienza fatta in quel mondo. “Non
realizziamo shopping center a fini speculativi. La precedenza
assoluta va alla qualità sostenibile” sostiene Wild. Lo stesso
vale per la ECE, che per sua struttura imprenditoriale ha i piedi
ben piantati nel. Non è un caso che la ECE e la SES vogliano
avviare collaborazioni su territorio italiano sotto forma di joint
ventures.
Il nome: più importante delle dimensioni
Per il successo di uno shopping center è fondamentale il “giusto” mix di affittuari tra i quali non possono mancare i big player. A differenza dei tempi in cui primeggiavano i grandi empori,
i big sulle grandi superfici e i grandi magazzini, oggi è impossibile rinunciare ai brand di spicco: Apple, Hollister, De igual o
SHOP aktuell 109
il verticalista di domani oggi ancora sconosciuto, mettono un
centro commerciale sulla bocca di tutti. Per questo è importante riconoscere con tempismo le innovazioni e gli sviluppi del
settore. Un’altra sfida consiste nell’implementare questi concept innovativi in un contesto ben funzionante. Ammesso che
si riescano ad avere a bordo affittuari di questo calibro, per
arrivare a tutto questo ci vuole una sensibilità particolare.
La richiesta di superfici da parte dei big player appartenenti
a settori come quelli dello sport e delle librerie sono sempre
in leggera crescita (“La competenza impone la superficie”).
Dall’altra parte è richiesta la pluralità perché il consumatore
vuole poter scegliere fra le superfici grandi e piccole, marchi
famosi e prodotti “no name”. Anche la presenza di un big player
locale vivacizza la scena.
La sostenibilità come fattore igienico
Da fattore di costo, lo sviluppo e la gestione sostenibili dei centri commerciali diventano un fattore igienico. Lo sviluppo sostenibile dell’immobile diventa un parametro importante per investitori, progettisti, affittuari e clienti. “La sostenibilità maggiore
si ha quando uno shopping center è ubicato nel posto giusto”
spiega Marcus Wild, consapevole che si tratta di un tema sfaccettato. E proprio per la loro sostenibilità, il SES-Center
umdasch shop-concept
11
Shop Concept Thema
Shopping Center
Inaugurazioni e ristrutturazioni 2011/2012
(in Germania e in Europa)
Center
Tipologia
Shop
Überseequartier, Amburgo
RATIO Land, Baunatal
Hofgarten, Solingen
Allee-Center, Essen-Altenessen
A10 Center, Berlino
Rheinpark-Center, Neuss
Altmarkt-Galerie, Dresda
Opel-Forum, Rüsselsheim
Thier-Galerie, Dortmund
Königsgalerie, Duisburg
Main-Taunus-Zentrum, Sulzbach
Kö-Galerie, Düsseldorf
Árkád Szeged, Szeged (HU)
TerraCity, Antalya (TK)
Bahnhofcity Wien West (A)
Galeria Kaskada, Stettin (PL)
Nikea Park, Larisa (GR)
Erlenmatt-Galerie, Basilea
Le Terrazze, La Spezia (I)
Gropius Passagen, Berlin-Neukölln
Glacis Galerie, Neu-Ulm
Arneken Galerie, Hildesheim
Boulevard Berlin, Berlino
Quartier am Markt, Recklinghausen
Forum Mittelrhein, Coblenza
Neuer Markt, Neumarkt
Höfe am Brühl, Lipsia
Centrál, Bratislava
Citti-Park, Lubecca
shopping center
shopping center
shopping center in centro storico
shopping center di quartiere
shopping center regionale
shopping center regionale
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center regionale
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center di quartiere
shopping center di quartiere
shopping center in centro storico
shopping center di quartiere
shopping center in centro storico
shopping center di quartiere
shopping center in centro storico
shopping center
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center in centro storico
shopping center polifunzionale
shopping center in centro storico
shopping center
150
60
70
80
200
140
200
140
150
50
170
90
130
140
90
140
110
70
107
180
105
90
180
90
90
45
130
140
50
Superficie
lorda in m²
40.000
35.000
30.000
20.000
66.000
37.300
44.000
36.500
33.000
20.000
91.000
20.000
40.000
48.000
17.000
43.000
28.000
27.000
38.460
80.000
25.000
27.000
81.000
30.000
20.000
27.000
44.400
33.000
30.000
Nuova apertura/
ristrutturazione
nuovo
nuovo
nuovo
ristrutturazione
ristrutturazione
rivitalizzazione
ampliamento
nuovo
nuovo
ristrutturazione/nuovo
ampliamento
rivitalizzazione
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
rivitalizzazione
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
nuovo
ampliamento
Inaugurazione
2010/2012
primavera 2011
primavera 2011
primavera 2011
primavera 2011
primavera 2011
primavera 2011
estate 2011
autunno 2011
autunno 2011
autunno 2011
autunno 2011
autunno 2011
autunno 2011
autunno 2011
autunno 2011
2011
2011
novembre 2011
2011
inizio 2012
primavera 2012
primavera 2012
autunno 2012
autunno 2012
autunno 2012
autunno 2012
autunno 2012
2012
(Fonte: German Council Magazin)
Europark, il Q 19 situato a Vienna-Döbling e l’ATRIO di Villach
hanno ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali tra
cui l’ICSC ReSource Award 2008.
processi e ubicazione sono stati analizzati sulla base di 42 criteri.
Ovviamente per la ECE si tratta di pane quotidiano.
Londra, Las Vegas, Astana
La ECE ha avviato un progetto di ricerca incentrato sulla
sostenibilità. Dopo un anno di intenso lavoro di ricerca, l’università di Karlsruhe e la ECE hanno presentato alla Expo Real
il primo libro dedicato proprio alla sostenibilità degli shopping center. Ecologia, economia, sociale/funzionale, tecnica,
Densità di shopping center in Europa
(in m² per 100 abitanti)
Svezia
Estonia
Danimarca
Austria
Svizzera
Slovenia
Finlandia
Lituania
Portogallo
Spagna
0
10
(Fonte: RegioPlan Consulting)
12
umdasch shop-concept
20
30
40
50
60
70
In termini di qualità, l’Europa ha largamente superato gli Stati
Uniti dove negli ultimi anni non sono sorti shopping center che
abbiano destato l’interesse dei trendscout europei. L’unica
eccezione è il Crystals Shopping Mall all’interno del CityCenter
di Las Vegas, un “mixed-use-projekt” di dimensioni colossali
firmato dall’archistar Daniel Libeskind e da altri suoi colleghi di
calibro. Il mall ospita esclusivamente brand di lusso. Un format
decisamente insolito che rinuncia a casinò o negozi di articoli
da regalo, cosa decisamente atipica per Las Vegas. Un altro
highlight architetttonico è la moderna interpretazione della scalinata di Piazza di Spagna. Con il Westfield Mall, Londra è uno
dei primi indirizzi per lo shopping che si sta preparando per i
giochi olimpici del 2012.
Aziende come la ECE e la SES costruiscono i loro mercati principali con cautela e determinazione. I futuri incarichi dipendono
anche dall’iter di concessione delle licenze nei diversi Paesi.
“Scegliamo sedi che garantiscano determinate condizioni operative“, spiega Klaus Striebich. Oltre alla collaborazione con la
SES in Italia, la ECE si sta attivando anche in Spagna.
SHOP aktuell 109
Khan Shatyr was built by SML Construction
Shop Concept Thema
Shopping Center
Lo shopping center più spettacolare del mondo è stato realizzato ad Astana (Kazakistan).
Come un’astronave, la tenda si staglia nel cielo kazako. Un progetto spettacolare, nato
nientemeno che dalla matita di Norman Foster.
La situazione nell’area dell’Europa centrale e orientale va stabilizzandosi. In alcuni casi, la crisi che aveva bloccato numerosi progetti ha fatto l’effetto di una pioggia purificatrice. Ora
i cantieri sono stati riaperti. “Il tempo delle avventure è finito:
oggi si lavora all’insegna della massima professionalità” spiega
Reinhard Winiwarter della Wiener Standort Marketing Agentur,
ottimo conoscitore dell’Europa dell’est. “I mercati vanno considerati in maniera differenziata perché Paese è una realtà diversa” avverte Winiwarter. Ma c’é un dato di fatto: c’é fermento
anche nei giganteschi shopping center di Mosca e dintorni e
si registra una ripresa dell’economia, conferma Arndt Traindl
dell’azienda di consulenza Retail Branding, p rofondo conoscitore della realtà russa.
I Paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina) rivestiranno un ruolo importante nel contesto degli shopping center. In Estremo
Oriente ad esempio Hongkong, Singapore o Kuala Lumpur già
vantano una serie di progetti esemplari. Altri shopping center
di spicco li troviamo in Polonia e in Turchia.
Particolarmente originale è lo spettacolare Khan Shatyry entertainment centre di Astana, capitale del Kazakistan,
progettato da Norman Foster e inaugurato nell’estate del
2010. Sostenuto da un gigantesco montante, si presenta
come un’enorme tenda trasparente, sorge su una superficie
SHOP aktuell 109
complessiva di 150.000 m² ed è il nuovo punto di riferimento
della città, un landmark ben visibile da lontano. La struttura di
cinque piani che si estende su un’area grande come 10 campi
da calcio, è alta 150 metri e vede al suo interno uno shopping
center, ristoranti, un lussuoso centro termale e una spiaggia
al coperto con sabbia della Malesia. Preso letteralmente d’assalto nei primi giorni successivi all’apertura, l’eccessiva frequenza ha imposto l’introduzione di un biglietto di ingresso
per frenare le orde di visitatori desiderosi di vedere gli scenari
tropicali. Link:
www.ig-immobilien.com
www.across-magazine.com
www.khanshatyr.com
www.acsc.at
www.rankmalls.com
www.ece.de
www.scsc.ch
www.gcsc.de
www.ses-european.com
www.gma.biz
www.sma-austria.at
www.icsc.org
www.wu-wien.ac.at/retail
umdasch shop-concept
13
14
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
I marchi Umdasch e Assmann
alla Euroshop
Specialità à la carte
“A la carte” è il leitmotiv con cui la Umdasch Shop-Concept e la Assmann Ladenbau partecipano alla prossima
edizione della EuroShop, fiera settoriale dedicata all’arredamento e ai beni di investimento per il commercio, in
programma dal 26 febbraio al 2 marzo 2011 a Düsseldorf. I due marchi di punta del gruppo Umdasch Shopfitting
promettono ai visitatori della kermesse le ultime novità in materia di tendenze, intrattenimento e gioie del palato
servite al padiglione 12 dalla cuoca stellata Sarah Wiener e dai professionisti Umdasch e Assmann.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
15
Shop Design
EuroShop
Testo
Sonja Scheidl
“L’alta cucina e i negozi di
successo hanno molti aspetti in
comune“ spiega Helmut Neher,
amministratore delegato della
Umdasch.
“Che cosa hanno in comune la cucina di alto livello e i negozi
di successo? La risposta è ovvia: ingredienti selezionati, ricette
creative e una preparazione da professionisti. Entrambi, cucina
e visual merchandising, possono diventare un’esperienza sensoriale. E’ stata questa la nostra riflessione pensando al format
per la EuroShop 2011“ spiega Helmut Neher, amministratore
delegato e responsabile del settore arredamento di negozi del
gruppo Umdasch. Il cuore dello stand di 800 m² di estensione
è costituito da un ampio spazio dedicato alla comunicazione e
da una cucina a vista, in cui coccolare i visitatori con specialità
culinarie e informazioni di prima mano.
In tutte le cinque giornate di fiera, Sarah Wiener e la sua brigata
sapranno sorprendere con appetitose creazioni anche i palati
più esigenti. I momenti clou saranno le esibizioni ai fornelli delle
“Sostenibilità ed economicità
non sono in contraddizione.
Lo dimostreremo alla EuroShop”
spiega Claus Schmidt,
amministratore della Assmann.
13.30 in cui, con l’autenticità che la contraddistingue, Sarah
Wiener darà agli ospiti l’opportunità di dare un’occhiata dietro
le quinte del mondo dell’alta cucina. Due serate speciali saranno incentrate sui piaceri della tavola, sempre allo stand, ovviamente in compagnia della cuoca stellata.
Arredi sostenibili e un project management professionale
I marchi Umdasch e Assmann presenteranno prodotti e servizi
ponendo in evidenza questi due ambiti di importanza fondamentale. Una priorità della Assmann Ladenbau è proprio il tema
della sostenibilità. Lo slogan “Arredare responsabile” viene
supportato dalla certificazione ISO 14001: 2004. Per esprimere
il concetto in maniera concreta e tangibile, allo stand verranno
esposti “Green Shelf”, lo scaffale con la più bassa impronta
La pianta dello spazio espositivo con la suddivisione dei settori: al centro la
cucina a vista per la degustazione delle specialità gastronomiche.
16
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Design
EuroShop
Alla EuroShop la cuoca televisiva
Sarah Wiener servirà specialità à la
carte allo stand Umdasch
Shop-Concept e Assmann
Ladenbau.
ecologica. I ripiani sono stati realizzati con materiali verdi come
il legno, il bambù, il cartone, le canne palustri e gli steli secchi
di banane. “Smart Shelf” soddisfa le esigenze del consumatore
anche in termini di trasparenza del prodotto consentendone
l’indagine della tracciabilità. Posizionando l’etichetta con codice 2D in corrispondenza dello scanner, il cliente accederà alle
informazioni sul prodotto (qualità, botanica, provenienza agricola, provenienza industriale, ecc.) che verranno visualizzate in
tempo reale su un display o un monitor. Un’altra innovazione è il
programma “Fino”, il sistema di presentazione per assortimenti
premium food e non food dalle forme organiche e con retroilluminazione a LED, ideato sulla base della famiglia ALL4One.
Lo spazio espositivo Umdasch Shop-Concept esprime con
incisività l’importanza di un project management professionale nell’odierna realtà attuale del settore. Da shopfitter
Legno, bambù, cartone, canne palustri, steli secchi di banane per i ripiani di
“Green Shelf”, lo scaffale ideato dalla Assmann Ladenbau. In esposizione
alla EuroShop di Düsseldorf.
internazionale, l’azienda è diventata un partner affidabile anche
in termini di logistica nei progetti di rollout in ambito nazionale
e internazionale. Alla EuroShop verrà presentato anche il programma 2011 della Umdasch Shop Academy, istituto di formazione e aggiornamento specifico per il commercio. Verranno poi
fornite alcune anticipazioni sui seminari itineranti dedicati al
visual merchandising “Laden-Dramaturgie LIVE!”: per 2011 sono
in programma viaggi a Shanghai e Las Vegas e nel 2013 nientemeno che “Il viaggio del mondo in 18 giorni”. Altri momenti
Un ingresso generoso per lo stand Umdasch e Assmann allestito con materiali sostenibili.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
17
Shop Design
EuroShop
“HangingFrame” è uno dei nuovi sistemi che la Umdasch Shop-Concept introduce in occasione della EuroShop. Il suo stile sobrio ed elegante si addice alla
presentazione di assortimenti pregiati nel campo dell’abbigliamento e degli accessori.
culminanti saranno la presentazione del “Dizionario dell’arredamento e del marketing” edito dalla Umdasch Shop Academy e
dei moduli “Brand Strategy”, “Brand Design” e “Store Planning”
della ShopConsult by Umdasch. Il team di queste aziende di
consulenza con sedi in Germania, Austria e Svizzera, si compone di 30 esperti di discipline diverse: pensare e lavorare in rete è
pane quotidiano per gli ShopConsulter Umdasch.
EuroShop: prima assoluta per HangingFrame,
AlGate e StackEasy
Sul fronte dei prodotti e in linea con il leitmotiv di questa edizione, la Umdasch Shop-Concept presenta a Düsseldorf le novità
in materia di sistemi di vendita:
addice alla presentazione di assortimenti di pregio nel campo
dell’abbigliamento e degli accessori.
Italian Delicacies per AlGate
Riduzione all’essenziale impreziosita da dettagli eleganti, raffinati e signorili proprio come la moda italiana. Il sistema è un
riuscito esempio di versatilità ed è composto da profili in alluminio da impiegare come struttura a se stante o da attrezzare
con schienali.
A Taste of Japan per StackEasy
Puliti, geometrici e sobri: così sono gli elementi di questo
sistema che combinati fra loro si trasformano in soluzioni versatili ispirate alla cultura nipponica. L’idea che sta alla base di
StackEasy è semplicissima: gambe e tubi distanziatori si montano con boccole universali a piani in legno e vetro lasciando
ampio spazio alla creatività.
Indian Flavour per HangingFrame
La caratteristica di HangingFrame è la leggerezza che lo rende così diverso dalle classiche scaffalature a pavimento. Una
leggerezza che ricorda la cucina indiana. Il sistema introduce
I sistemi illustrati sono la dimostrazione di come la Umdasch
un nuovo modo di gestire gli
Shop-Concept sappia svispazi: i telai degli espositoluppare e offrire soluzioni
ri vengono inseriti su binari
e prodotti personalizzati in
a soffitto offrendo grande
base alle esigenze di comlibertà di posizionamento
mittenti e marchi.
degli arredi. HangingFrame rappresenta una valida
Accenti di luce firmati
soluzione per la realizzazioPhilips
Ingredienti selezionati, ricette creative e una preparazione da professionisti.
ne di punti di richiamo. Per
Sono la garanzia di risultati sorprendenti in cucina e nell’arredamento. Su
questa la riflessione è nato il format della EuroShop 2011
la sua sobria eleganza si
18
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Design
EuroShop
Il nuovo sistema Umdasch “AlGate” è un riuscito esempio di versatilità ed è
composto da profili in alluminio da impiegare come struttura a se stante o
da attrezzare con schienali.
La versatilità è l’elemento che accomuna la linea di tavoli
StackEasy e la cultura giapponese.
L’illuminazione riveste un significato fondamentale per la coreografia di uno spazio di vendita o di uno stand fieristico. Per illuminare il
suo stand la Umdasch si è affidata agli
specialisti della Philips. A supporto dell’illuminazione generale, gli
esperti hanno ideato soluzioni in
linea con i futuri trend dell’illuminotecnica. Per esaltarne
l’architettura caratterizzata dalle linee sobrie ed
essenziali, sull’ingresso longitudinale dello
Per esaltare la nitida
pulizia delle linee
stand sono stati posiarchitettoniche la Philips
zionati corpi illuminanha scelto bande luminose a
LED eW Cove Powercore.
ti a LED in corrispondenza delle modanature.
Sulle due linee trasversali è stata invece prevista un’illuminazione omogenea con up light lineari che, grazie a un telo traslucido, pongono in evidenza il logo. Con questi accorgimenti
si alleggeriscono le fiancate della struttura dando la possibilità
di vedere al suo interno e quindi di catturare l’attenzione del
visitatore enfatizzando momenti culminanti e servizi offerti allo
stand.
caratteristiche. In corrispondenza dell’ingresso e nell’area riservata agli eventi, un innovativo sistema di illuminazione modulare
con tecnologia a LED incassato nel banco di ricevimento, nel
bar e nella cucina a vista crea sobrie, ma attraenti isole di luce.
Un appropriato uso di apparecchi wallwasher abbinati a barre luminose per la retroilluminazione delle superfici in cemento e legno traslucide, accentua scaffalature e sistemi di arredo
rendendoli protagonisti dell’ambiente e ponendone in rilievo le
SHOP aktuell 109
Professionalità a 360° gradi
Lo spazio espositivo dei marchi Umdasch e Assmann è stato progettato dalla Syndicate, agenzia di design di Amburgo
distintasi nell’ambito di un concorso di idee internazionale.
Gli allestimenti sono stati realizzati con il supporto dei professionisti Umdasch e Assmann. Un altro partner di spicco nella
progettazione e realizzazione dello stand è la Philips, azienda
leader nella produzione di corpi illuminanti a LED. Fra gli altri
partner Neff (cucine), Procedes (teli), Team 7 (arredi in legno su
misura per gli spazi centrali) e terHürne (pavimenti in legno). Link:
www.euroshop.de
www.philips.de
www.a-la-carte.cc
www.procedes.de
www.umdasch-shop-concept.com
www.team7.at
www.assmann.at
www.terhuerne.de
www.shop-consult.com
www.neff.de
umdasch shop-concept
19
SHOP Report
Haas – SCS e PlusCity
Testo
Reinhard Peneder
Foto
Manfred Aigner
Wolfgang Pelz nell’intervista di SHOP aktuell: “Sappiamo combinare la vasta
scelta dei grandi negozi con il servizio al cliente di quelli piccoli”.
Le piramidi nel mondo
degli elettrodomestici
Con il fallimento della catena Cosmos all’inizio del 2010, sono state rimescolate le carte nel settore del
commercio di articoli elettrici ed elettronici in Austria. Il gruppo Media-Saturn si è aggiudicato ben 17 filiali
di Cosmos (con tanto di collaboratori) raggiungendo quote di mercato pari ad un terzo di un fatturato di
4 miliardi di euro. Ma due filiali fra le più prestigiose sono andate a Haas, che con i suoi empori siti nella zona
a nord di Vienna e lo spiccato orientamento verso il servizio al cliente è da sempre un big player del settore.
Nell’autunno del 2010, Haas ha aperto due grandi empori
dell’estensione di 5.000 m²: uno sull’ex area Motor-City nel centro commerciale Shopping City Süd della periferia meridionale
di Vienna e uno nella PlusCity ad ovest di Linz. In entrambi i
casi si tratta di location di grande prestigio, una nel cuore e l’altra nelle immediate vicinanze di importanti centri commerciali
20
umdasch shop-concept
con bacini di utenza contraddistinti da un’elevata affluenza con
un notevole potere di acquisto. “Senza l’insolvenza di Cosmos
l’espansione sarebbe sicuramente stata più difficoltosa” spiega
Wolfgang Pelz, amministratore della Haas che cinque anni fa,
insieme a Josef Gass e Martin Pohl, ha rilevato i negozi nel contesto di un’operazione di management buy out. Con i due
SHOP aktuell 109
SHOP Report
Haas – SCS e PlusCity
Due piani per i punti vendita del negozio principale di Seyring e della PlusCity.
Un connubio vincente: l’esposizione della merce chiara e lineare e l’altezza ridotta degli arredi negli spazi centrali.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
21
SHOP Report
Haas – SCS e PlusCity
Magazzino
U
ff i
ci
o
Supporti audio/
Supporti visuali
Magazzino
U
ff i
ci
C
io
ch
i
o
ef
C
r
ul
te
tu
pu
ra
,g
om
l
Te
on
o
Fo
C
se
to
as
C
as
Piccoli elettrodomestici
da cucina
se
C
as
B
en
es
se
re
se
40.000 articoli su una superficie di
vendita di 5.000 m², presentati in
bell’ordine per assortimenti tematici: è
il nuovo punto vendita di Haas nel
centro commerciale Shopping City Süd.
In
gr
es
so
Magazzino
nuovi negozi il fatturato raddoppierà a 100 milioni di euro: pur
avendo solo il due o tre percento delle quote di mercato, Haas
è l’unico grande fornitore dopo Media-Saturn. I filialisti Niedermeyer e Hartlauer si collocano nella fascia del commercio di
prossimità come i circa 900 rivenditori Redzac, Electronicpartner, Expert e più di 2.000 singoli commercianti indipendenti.
Un concept unico
Nato nel 1968 come negozio di elettrodomestici e articoli elettrici, Haas è diventato un significativo punto di riferimento nella
zona di Vienna. Nel 2000 c’è stato il passaggio che ha visto
l’ampliamento delle superfici di vendita (“la competenza richiede superficie”). Fino a poco tempo fa il punto vendita principale, ubicato a Seyring nei pressi di Vienna, con 5.000 m² di
estensione e le marcanti piramidi, era l’unico. Con un discreto
successo si è lavorato costantemente all’immagine del negozio,
completamente ristrutturato nel 2007. Questo concept orientato alla consulenza e al servizio al cliente è stato replicato anche
nelle sedi SCS e PlusCity. “Ai nostri clienti offriamo la scelta di
un grande emporio e la cortesia dei piccoli negozi” con queste
parole Wolfgang Pelz sintetizza il format con cui l’azienda vuole
distinguersi da Media-Saturn.
Al primo posto c’è l’orientamento al cliente. L’assortimento è
focalizzato sul prodotto di marca. Gli articoli in gamma sono
22
umdasch shop-concept
Infobox
Ubicazione:
Area Shopping City Süd, Vösendorf/Vienna,
PlusCity, Pasching/Linz
Contatto:
www.haas-el.at
Piani:
1 (SCS) / 2 (PlusCity)
Superficie di vendita:
rispettivamente ca. 5.000 m²
Apertura:
settembre (SCS)
e ottobre 2010 (PlusCity)
Settore:
elettrodomestici
Progettazione:
Franz Heinzl e Gerald Haider
(Umdasch Shop-Concept)
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept Amstetten
Sistemi:
Umdasch e produzione su misura
Luci:
Zumtobel
circa 40.000. La percentuale di grandi elettrodomestici per la
casa (lavatrici e lavastoviglie), assortimenti caratterizzati da una
vivace movimentazione, è del 45%. Haas offre al cliente l’intervento di montatori, falegnami, elettricisti e il servizio di noleggio
di apparecchi elettrici. Sono dettagli che fanno la differenza,
soprattutto per la generazione “over 50”, quella con un potere
di acquisto superiore alla media. Percorsi ampi, trasparenza,
SHOP aktuell 109
SHOP Report
Haas – SCS e PlusCity
SAT
Televisione
Elettronica da intrattenimento
Televisione
Video
Accessori
Televisione
Car Hifi
Bose
MP 3
Elettronica da
intrattenimento
SKY
HIFI
LOEWE
Studio
GAL
LERIA
Ristorante
Magazzino
Enoteca
e bevande
Servizio pulizia
Einbaugeräte
Dyson
Live kitchen
Lavanderia
Elettrodomestici da cucina
La terza piramide di Haas è il generoso ingresso del punto vendita della
Shopping City Süd con 5.000 m² di superficie di vendita sullo stesso livello.
La piramide di Haas nel centro commerciale PlusCity protagonista anche
del logo aziendale.
un ambiente accogliente, collaboratori perfettamente formati e
un ristorante fanno sentire i visitatori a proprio agio: un vero e
proprio upgrade, su tutti i fronti.
Allestimenti: i piccoli trucchi della presentazione
SHOP aktuell 109
Per gli arredi Wolfgang Pelz si affida alla Umdasch ShopConcept. Nella ristrutturazione del punto vendita di Seyring
del 2007, la squadra coordinata dagli ingegneri Franz Heinzl e
Gerald Haider ha curato i dettagli del concept. Se il negozio
all’interno del centro commerciale SCS è stato progettato
umdasch shop-concept
23
SHOP Report
Haas – SCS e PlusCity
Un insolito e accogliente scenario per la presentazione dei grandi elettrodomestici.
su un unico piano, per lo spazio della PlusCity è stata indispensabile la distribuzione su due livelli. Per facilitare l’orientamento
fra i prodotti, in ogni reparto sono state create isole merceologiche per i diversi assortimenti, puntando soprattutto sullo stile di
presentazione e sulle informazioni a livello visivo. Per numerosi
articoli sono stati realizzati arredi ed espositori specifici per renderli facilmente accessibili e consentire al cliente di toccarli con
mano. Particolare attenzione è stata data anche al cablaggio
per garantire ordine e funzionalità nella gestione di uno spazio
caratterizzato da un’elevata frequenza.
La cosa che colpisce negli store Haas è il minimalismo degli arredi negli spazi centrali. Questa soluzione facilita l’orientamento
del cliente consentendogli di muoversi in maniera intelligente:
uno dei fattori più importanti all’interno di un negozio anche
per il personale che mantiene una visione di insieme completa
e interviene al bisogno. Il servizio di consulenza viene proposto
con immediatezza su isole ben visibili realizzate a tale scopo. I
pavimenti in moquette, le tonalità del beige e le finiture in olivo
Cordova creano un’atmosfera calda e avvolgente supportata
dal gioco di luci di corpi illuminanti a LED regolabili in base ai
reparti e alle stagioni per creare gli effetti desiderati.
I due progetti sono stati ultimati in tempi record. Nel centro
commerciale SCS sono bastati quattro mesi e tre settimane,
compresi i lavori di adattamento strutturale. “Una vera e propria
Per molti articoli sono state approntate soluzioni su misura. Nella foto una
presentazione dal carattere spiccatamente professionale.
24
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
SHOP Report
Haas – SCS e PlusCity
Ben visibili, le isole riservate alla consulenza segnalano un servizio impeccabile.
opera d’arte riuscita soltanto grazie all’intervento di un team
eccezionale” dice soddisfatto Wolfgang Pelz. Anche per la Plus
City i tempi sono stati più o meno gli stessi considerando che
l’offerta alla Haas è stata fatta solo il martedì dopo Pasqua.
come la PlusCity. La soluzione adottata prevede un elegante portale di ingresso. Oggi le piramidi sono la caratteristica
distintiva del nuovo logo di Haas e Wolfgang Pelz sta segretamente pensando dove far sorgere le prossime.
Le piramidi come landmark
Sono diventate il simbolo dell’azienda. A Seyring il complesso è
formato da due piramidi visibili in lontananza. La terza piramide
(“leggermente più piccola di quella di Micerino, la minore delle
tre grandi piramidi di Giza”) costituisce il generoso ingresso
del centro commerciale SCS. Qualche difficoltà c’è stata nella
collocazione delle piramidi all’interno di un centro commerciale
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
25
Shop Panorama
Möbel Hubacher [1]
I 17 top shop del momento
In occasione della EuroShop, SHOP aktuell amplia lo spazio della rubrica SHOP Panorama con una
carrellata dedicata alle nuove realizzazioni: 22 pagine con le immagini di 17 negozi al top di nove Paesi
diversi con gli aggiornamenti in materia di tendenze, store branding, architettura, allestimenti, luci e visual
merchandising.
Nr.
Progetto
Ubicazione
Paese
Settore/Assortimenti
Pagina
[1]
Möbel Hubacher
Rothrist
Svizzera
arredamento
26
[2]
Intersport Ebyl
Hohenems
Austria
sport
27
[3]
Kastner & Öhler
Graz
Austria
fashion department store
28 – 29
[4]
Niketown
Londra
UK
sport
30 – 31
[5]
Stockmann
Helsinki
Finlandia
grande magazzino / food
32
[6]
Swisscom
Aarau
Svizzera
telecomunicazioni
33
[7]
Billa Corso
Wien
Austria
food
34 – 35
[8]
Nico
Castenedolo
Italia
abbigliamento / calzature
36
[9]
Thalia
Dorsten
Germania
libreria
37
[10]
Hannspree
Londra
UK
elettronica
38 – 39
[11]
Blue Tomato
Vienna
Austria
sport
40
41
[12]
Eric Bompard
Parigi
Francia
abbigliamento
[13]
Pharmacie Riat
Delémont
Svizzera
farmacia / drogheria
41
[14]
Esprit
Francoforte
Germania
abbigliamento
42 – 43
[15]
Orex
Budapest
Ungheria
orologeria / gioielleria
44
[16]
Coop City
Zurigo
Svizzera
grande magazzino / calzature
45
[17]
Dublin Airport Terminal 2
Dublin
Irlanda
travel retail
46 – 47
Möbel Hubacher
Tanto spazio per nuovi
accenti
Infobox
Ubicazione:
Rössliweg 43
4852 Rothrist
Svizzera
Contatto:
www.moebel-hubacher.ch
Superficie di vendita/numero di
piani:
35.000 m² / 5 (totali), 4.500 m² / 1
Apertura:
ottobre 2010
Settore:
arredamento
Progettazione:
ShopConsult by Umdasch, Svizzera
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Svizzera
Sistemi:
Classic e produzione su misura
Luci:
Finnor Project
Pavimenti:
Fetaxid
Su una superficie di 4.500 m²,
Möbel Hubacher presenta i suoi
assortimenti nella boutique
dell’arredamento più grande
della Svizzera. Con le ultime
proposte per la casa, il nuovo
concept colpisce soprattutto
per il sistema di percorsi che
guida il cliente attraverso gli
assortimenti.
26
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Panorama
[2] Intersport Eybl
Intersport Eybl
Lifestyle e autenticità
Intersport Eybl, punto di riferimento per chi cerca attrezzature
sportive di categoria premium, si distingue per competenza,
ampiezza e profondità dell’assortimento e qualità del servizio.
Eybl conta 10 megastore e 15 punti vendita sparsi in tutta l’Austria. Per consolidare la sua presenza nelle regioni occidentali,
ha aperto una filiale a Hohenems nel Vorarlberg realizzando un
nuovo lifestyle concept che struttura il punto vendita in mondi
tematici (outdoor, moda, fitness…). Pavimenti, pareti e arredi
sono volutamente scuri per creare atmosfera, gli assortimenti
resi protagonisti con il sapiente impiego delle luci.
Infobox
Ubicazione:
Lustenauerstraße 125 A
6845 Hohenems
Austria
Contatto:
www.eybl.at
Superficie di vendita/numero di
piani:
3.047 m² / 2
Apertura:
ottobre 2010
Settore:
Sport
Progettazione:
Umdasch Shop-Concept
Progettazione e vendita Traun;
Intersport Eybl
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Austria
Sistemi:
Classic, Quadra, Independent
Luci:
Zuchna & Taferner
Mondi tematici dal carattere autentico fanno dello store Eybl di Hohenems un
nuovo indirizzo al top nel settore degli articoli sportivi.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
27
Shop Panorama
Kastner & Öhler [3]
Kastner & Öhler
Moda di calibro internazionale
Da grande magazzino a
fashion department store:
potremmo riassumere così la storia di Kastner &
Öhler, azienda di
tradizione fondata
nel 1873. Oggi la
società per azioni
ancora di proprietà della stessa famiglia, alla quale appartiene
anche la catena di negozi “Gigasport“, vanta 47 sedi distribuite in Austria, Slovenia, Repubblica Ceca e Slovacchia. Dopo
una ristrutturazione realizzata per tappe e durata tre anni, il
20. 10. 2010 (data sapientemente scelta e sfruttata a scopi
pubblicitari) la casa madre ha riaperto i battenti in tutto il suo
splendore. Su 20.000 m² di superficie di vendita, Kastner &
Öhler propone il più vasto assortimento di abbigliamento
di tutta l’Austria. Un ambiente permeato di internazionalità
con oltre 500 brand da Armani a Zegna. Completano l’offerta i reparti profumeria, cosmetica, accessori, intimo, casa e
calzature.
Non solo in fatto di assortimenti, ma anche per l’architettura, il visual merchandising e gli allestimenti K&Ö non teme
il confronto con le altre location nelle metropoli internazionali. Entrando si resta ammaliati e magicamente attratti dal
cortile interno con la sua altezza di 35 metri, gli archi, le logge, le colonne con gli stucchi color oro e bianco. Con grande
cura per i dettagli sono stati recuperati i resti architettonici
del manufatto risalente al 1913. Nel nuovo Kastner&Öhler la
tradizione incontra la modernità: oltre ai mondi tematici, fra
gli elementi di maggior richiamo ci sono il piano del sottotetto
con un’architettura “trasversale” e la vista a 360 gradi sul bellissimo centro storico di Graz.
Infobox
Ubicazione:
Sackstraße 7 – 13
8021 Graz
Austria
Contatto:
www.kastner-oehler.at
Superficie di vendita/numerod
i piani:
40.000 m2 / 8
Apertura:
Ottobre 2010
Settore:
Fashion department store
Progettazione:
Blocher Blocher Partners
Arredamenti:
Umdasch Shop-Concept, Austria;
Ganter Interior; Schlegel; Lauinger
Ladenbau
Luci:
Vedder Lichtmanagement (progetto)
Instore decoration:
Dioma
Instore Dekoration:
Dioma
Nel nuovo fashion department store non si propongono solo marchi, ma mondi tematici, stili, allestimenti ed elementi decorativi di classe.
28
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
29
Photo: Bernd Kammerer/Blocher
Blocher Stuttgart
Shop Panorama
Niketown London [4]
Niketown London
Brandland numero uno
Nelle Niketown emerge l’inconfondibile spirito in materia di
innovazione di allestimenti di Nike, noto brand di articoli sportivi. L’idea delle Niketown nasce nel 1990 a Portland, ma oggi
sulla scena internazionale del retail se ne contano circa una
dozzina. Di recente ha fatto parlare di sé la riapertura di quella
di Londra nell’ottobre del 2010. Da oltre dieci anni il negozio in
Oxford Circus è una potente calamita. Con la ristrutturazione
completa realizzata a tappe è nato il quarto piano che fa della
Niketown londinese il più grande e importante Nike Store del
mondo. La ristrutturazione rientra in un’ambiziosa strategia di
espansione.
In termini di allestimenti il gruppo statunitense non scende
a compromessi: trasformando costantemente i suoi mondi
tematici, aggiorna in materia di design e di branding. Un’occhiata al secondo e terzo piano della Niketown di Londra
attesta la coerenza nella scelta dei materiali: la lamiera color
nero e le finiture in rovere mordenzato con effetto anticato.
Molti dettagli come le linee da pallacanestro sulle pareti o i
banchi di vendita con i piani di appoggio in prato sintetico
invitano i visitatori ad immergersi nel mondo dello sport.
Infobox
Ubicazione:
Oxford Circus
Londra W1N 9DS
UK
Contatto:
www.nike.com
Superficie di vendita/numero
di piani:
3.600 m² / 4
Apertura:
ottobre 2010
Settore:
Sport
Progettazione:
Nike Global Brand Design, HMKM
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, UK
Sistemi:
Carré e produzione su misura
Luci:
Nike Brand Design
La Umdasch Shop-Concept ha realizzato l’intero shopfitting del più grande Nike Store
del mondo, quello di Londra. Il negozio emana il flair delle tante discipline sportive.
30
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Photos:
Factory 311
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
31
Shop Panorama
Stockmann [5]
Stockmann
Un nuovo palcoscenico
Alla casa madre dell’azienda di tradizione finlandese Stockmann sita nel cuore di Helsinki c’è tutto quello che un department store può offrire: abbigliamento, cosmetica, libri, cancelleria, farmacia, banche… negli ultimi quattro anni il più grande
negozio della Scandinavia è stato rinnovato e ampliato in più
tappe. Il reparto gastronomia al piano interrato supera ogni
aspettativa: oltre ad una vasta offerta di prodotti freschi di
qualità premium, è dotato di aree tematiche dedicate al mondo della cucina e alle specialità di stagione. Gli arredi su ruote
degli spazi centrali garantiscono flessibilità nella presentazione della merce.
Infobox
Ubicazione:
Aleksanterinkatu 52
00381 Helsinki
Finlandia
Contatto:
www.stockmann.com
Superficie di vendita/numero di
piani:
50.000 m² / 8 (totali),
3.700 m² / 1 (gastronomia)
Apertura:
settembre 2010
Settore:
grande magazzino / food
Progettazione:
Stockmann Delicatessen
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Austria
Sistemi:
produzione su misura
Legni diversi mordenzati o tinti, le decorazioni grigio scuro e gli elementi
cromati in versione satinata o lucida creano contrasti di effetto.
32
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Panorama
[6] Swisscom
Swisscom
Progetti pilota per il benessere
La Swisscom, azienda svizzera del gruppo Telekom, diffonde il suo marchio attraverso negozi propri e punti vendita in
franchising. Per trasformare l’acquisto in un’esperienza nuova e appagante, l’azienda sta rivedendo la propria immagine. L’obiettivo è quello di creare nuovi e piacevoli ambienti
di design. Nel definire il concept è nato il termine “Swissness“: nel 2010 sono stati aperti sei negozi pilota, tra cui
quello di Aarau inaugurato in agosto. Nell’ambito delle realizzazioni del 2011 verranno testate alcune varianti al format,
poi seguirà il rollout in tutta la Svizzera.
Infobox
Ubicazione:
Bahnhofplatz 38
5000 Aarau
Svizzera
Contatto:
www.swisscom.ch
Superficie di vendita/numero di
piani:
75 m² / 1
Apertura:
agosto 2010
Settore:
telecomunicazioni
Progettazione:
instinct laboratory
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Svizzera
Sistemi:
produzione su misura
Luci:
Delta Line & Light
Nella progettazione del negozio pilota è stata posta un’attenzione particolare
al mix dei materiali (pietra, corian e piallaci di rovere), all’atmosfera e alle
tecnologie per la sicurezza.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
33
Photos:
REWE Group/Billa
34 umdasch
shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Panorama
[7] Billa Corso
Billa Corso
Un tempio della gastronomia
Billa è la più grande organizzazione commerciale del gruppo
Rewe International AG al quale appartengono anche i marchi Merkur, Bipa, Adeg e Penny. Con circa 1.000 filiali, Billa
è il supermercato numero uno in Austria. Di recente il big player ha fatto parlare di sé con l’apertura di un flagshipstore nel
centro storico di Vienna, nella signorile cornice dell’edificio
Herrnhuterhaus. Il nuovo supermercato Billa Corso (si chiamano così i flagshipstore della catena) introduce nuovi parametri in materia di design e servizio al cliente. Per fare della
nuova filiale un indirizzo premium e un punto di riferimento per
gli amanti della gastronomia, è stato fatto un sondaggio fra i
residenti atto ad individuarne desideri e aspettative. Il nuovo Billa Corso propone isole per la degustazione, un reparto
gastronomia, uno per le confezioni regalo e orari di apertura
più lunghi. Completano l’esclusiva offerta, una vasta selezione di champagne, il banco delle specialità mediterranee,
collaboratori di alto livello, perfettamente formati in materia di
galateo e merceologia per soddisfare un target esigente con
elevato potere di acquisto.
Un’attenzione particolare è stata posta negli interventi architettonici all’edificio storico della Herrnhuterhaus. Nel pieno
rispetto della preesistenza sono stati ristrutturati soffitti a
stucchi, lucernari e colonne. Tappezzerie e lampadari barocchi ricordano la storia del manufatto. Un pregiato mix di materiali crea una riuscita commistione fra elementi tradizionali
e moderni.
Infobox
Ubicazione:
Neuer Markt 17
1010 Vienna
Austria
Contatto:
www.billa.at
Superficie di vendita/numero
di piani:
990 m² / 3
Apertura:
ottobre 2010
Settore:
food
Progettazione:
Billa, Schaberl Artwork,
Assmann Ladenbau
Arredamenti:
Assmann Ladenbau
Sistemi:
Europa e produzione su misura
Luci:
Molto Luce, Zumtobel
Il nuovo flagshipstore Billa all’interno della storica Herrnhuterhaus di Vienna, mette sapientemente in scena
la storia della location e vuole diventare un nuovo meeting point nel cuore di Vienna.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
35
Shop Panorama
Nico [8]
Nico
Una prima assoluta
Negli ultimi 50 anni, Nico ha consolidato la sua posizione
fino a diventare un big player del nord Italia. Con assortimenti che includono abbigliamento, accessori e calzature
per donna, uomo e bambino, Nico si posiziona nel segmento
medio per qualità e prezzo. Da sempre l’azienda ha dato la
preferenza alle grandi superfici nelle periferie. Fa eccezione
il nuovo punto vendita di Castenedolo, il primo a sorgere
all’interno di un’area commerciale. Nonostante la grande
estensione, l’assortimento viene presentato in maniera ordinata e razionale.
Infobox
Ubicazione:
Via Vulcania 15
25014 Castenedolo (BS)
Italia
Contatto:
www.nico.eu
Superficie di vendita/numero di
piani:
3.000 m² / 1
Apertura:
settembre 2010
Settore:
abbigliamento / calzature
Progettazione:
Umdasch Shop-Concept, Italia
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Italia
Sistemi:
Arena Alu, Classic e produzione su
misura
Luci:
Zumtobel
Lo store concept di Nico predilige gli arredi di pregio e di design senza
perdersi in leziosi e stravaganti dettagli.
Photos: Emanuele Inchingolo
36
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Panorama
[9] Thalia
Thalia
Sentirsi a casa
Nei suoi 300 punti vendita, Thalia leader fra le librerie
dell’area germanofona, invita i visitatori a prendere comodamente posto in negozio per aggiornarsi e sulle novità. Il
nuovo store concept riprende gli elementi della realtà locale
sia in termini di assortimenti che di design. Ne è un esempio
concreto la libreria di Dorsten che, oltre a proporre interessanti pubblicazioni sulla città, ha predisposto un invitante
programma di eventi dedicati alla regione. Con una lounge,
angoli di lettura, sala ristorante, soggiorno e angolo giochi
per bambini, l’ambiente fa sentire a casa il cliente, nel vero
senso della parola.
Infobox
Ubicazione:
Am Markt 4-6
46282 Dorsten
Germania
Contatto:
www.thalia.de
Superficie di vendita/numero di
piani:
1.100 m² / 2
Apertura:
ottobre 2010
Settore:
libreria
Progettazione:
Umdasch Shop-Concept, Germania
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Germania
Sistemi:
produzione su misura
Luci:
Umdasch Shop-Concept, Germania
MyLight
La libreria Thalia di Dorsten propone i suoi assortimenti in un contesto caldo
e accogliente.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
37
Shop Panorama
Hannspree [10]
Hannspree
Alla conquista dell’Europa!
Infobox
Ubicazione:
Westfield, Unit 1068
Londra W12 7SL
UK
Contatto:
www.hannspree.com
Sperficie di vendita/numero di
piani:
113 m² / 1
Apertura:
novembre 2010
Settore:
elettronica
Progettazione:
ShopConsult by Umdasch, Germania
Ristruttturazione completa:
Umdasch Shop-Concept, Germania
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Germania
Sistemi:
progettazione su misura
Luci:
Umdasch Shop-Concept, Germania
Hannspree è il produttore taiwanese di televisori e monitor
LCD. L’azienda nota per la tecnologia all’avanguardia e il suo
design inconfondibile non pone limiti alla creatività: la gamma
di prodotti stupisce con originali televisori con rivestimento di
peluche e monitor integrati in palloni da calcio. La sponsorizzazione delle nuove leve del calcio europeo sottolinea ulteriormente il carattere e il posizionamento di un’azienda innovativa, sportiva e lungimirante. Adesso Hannspree conquista
il mercato italiano aprendo negozi con il proprio marchio. Il
primo della serie è stato inaugurato nel novembre scorso
all’interno del Westfield Mall, il più grande centro commerciale d’Europa sito in un centro storico. Il rollout in altre capitali
europee è già in progetto.
La luccicante scritta cromata nel colore della corporate identity di Hannspree e i display integrati nelle colonne caratterizzano la facciata e sono un chiaro invito a entrare in negozio
dove i prodotti sono sapientemente esposti su superfici bianche retroilluminate. Catturano l’attenzione gli schienali con
le nicchie di presentazione dei prodotti Apple. Le lampade a
forma cilindrica, un caldo parquet in rovere e le altezze di 4,50
metri completano l’ambiente.
Il nuovo shop concept dello specialista taiwanese di televisori LCD festeggia la
sua prima assoluta europea nel Westfield Mall di Londra e colpisce per lo store
branding professionale.
38
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
39
Shop Panorama
Blue Tomato [11]
Blue Tomato
Un punto di incontro giovane
Blue Tomato, specialista di boardsport e lifestyle, è un professionista del multi channel. Negli ultimi dieci anni il suo fondatore Gottfried Schuller ha realizzato il più grande boardershop
on line del mondo, ma le numerose richieste provenienti dalla
zona di Vienna hanno suggerito l’apertura del primo punto
vendita in Austria. Con marchi trendy (come Burton, Nixon,
Billabong…), un design accattivante, un infoterminal e una
lounge, Blue Tomato vuiole catalizzare gli appassionati degli
sport da tavola. Un particolare di grande effetto: lo spazio che
collega fra loro i tre livelli.
Infobox
Ubicazione:
Neubaugasse 3
1070 Vienna
Austria
Contatto:
www.blue-tomato.com
Superficie di vendita/numero di
piani:
900 m² / 3
Apertura:
ottobre 2010
Settore:
sport
Progettazione:
Umdasch Shop-Concept
Progettazione e vendite Innsbruck;
Architetto: Gerald Diechler
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Austria
Sistemi:
Arena e produzione su misura
Luci:
XAL
Pavimenti:
ARDEX-Pandomo
Mobili bianchi laccati, elementi in rovere spazzolato, pavimenti e soffitti color
terra per il nuovo flagshipstore Blue Tomato di Vienna.
40
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Panorama
[12] Eric Bompard, [13] Pharmacie Riat
Eric Bompard
Eleganza ai
massimi livelli
Infobox
Ubicazione:
31, rue du bac
75007 Parigi
Francia
Contatto:
www.eric-bompard.com
Superficie di vendita/numero di
piani:
400 m² / 3
Apertura:
settembre 2010
Settore:
Mode
Planung:
CITTI, Umdasch Shop-Concept,
Francia
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Francia
Luci:
Looom
Il vasto assortimento di pullover in
cashmere è ben disposto come in
un’ordinata biblioteca. Lo shop
design, scandito dai contrasti delle
pareti rivestite in stoffa marrone e
dagli arredi in colore bianco laccato
lucido trasmette esclusività e
un’eleganza sobria.
Pharmacie Riat
Una nuova immagine
ricca di storia
Infobox
Ubicazione:
Av. de la Gare 46
2800 Delémont
Svizzera
Superficie di vendita/numero di
piani:
160 m² / 1
Apertura:
settembre 2010
Settore:
farmacia / drogheria
Progettazione:
Umdasch Shop-Concept,
progettazione e vendite Romandie
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Svizzera
Sistemi:
Classic e produzione su misura
Luci:
Umdasch Shop-Concept,
progettazione e vendite Romandie
(progetto); RZB (fornitura)
La farmacia Riat, da 150 anni
importante punto di riferimento
per la salute, rispecchia la sua
competenza anche nel design
del suo nuovo ambiente di
vendita. Un’asse temporale
lungo il bancone ripercorre la
storia della città di Delémont e
della sua farmacia più antica.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
41
Shop Panorama
Esprit [14]
Nel nuovo store di Esprit a Francoforte un sofisticato impianto luci mette sapientemente in
evidenza assortimenti e mondi tematici.
Esprit
The Best of
Oltre 12.000 punti vendita, 1.1 Mio. m² di superficie di vendita
e 1.100 negozi a marchio proprio: le cifre rese note da Esprit
nell’estate 2010 dimostrano la grandezza del global player
del settore abbigliamento. Se negli ultimi tempi i mercati
all’ingrosso hanno vissuto fasi turbolente, Esprit, lifestyle
brand quotata alla borsa di Hong Kong continua ad investire nell’apertura di nuovi negozi a marchio proprio. Uno dei
momenti culminanti dell’attività è stata la riapertura del più
grande flagshipstore Esprit del mondo a Francoforte. L’ubicazione sulla Zeil, principale via dello shopping della metropoli, nelle immediate vicinanze dello shopping center MyZeil,
viene considerata una delle migliori in assoluto, una “triple
A location“ come viene definita nel gergo di Esprit. Lo store
preesistente è stato alzato di due piani sui quali ha raddoppiato tutto l’assortimento di abbigliamento e accessori ad
eccezione della linea Esprit Sport Men.
Il nuovo concept store del flagship di Francoforte è un mix
dei “best of” dei progetti di Hong Kong e New York. La preferenza è stata data agli espositori in metallo dalle linee sobrie
e pulite, pavimenti in cemento, pareti in mattoni grezzi, legni
scuri, schienali perforati in metallo da cui escono ciuffi di
erba vera, vetrine, supporti decorativi sagomati e pareti con
42
umdasch shop-concept
Infobox
Ubicazione:
Zeil 121
60313 Francoforte
Germania
Contatto:
www.esprit.com
Superficie di vendita/numero
di piani:
3.600 m² / 5
Apertura:
settembre 2010
Settore:
abbigliamento
Progettazione:
Corneille-Uedingslohmann
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Germania
Sistemi:
Carré e produzione su misura
Luci:
Ansorg
Instore decoration:
Ben Hur
supporti grafici variabili: un ambiente capace di adattarsi ad
ogni esigenza e a ogni trasformazione! Le aperture fra i piani
lasciano libero l’occhio di spaziare. Degna di nota anche la
facciata. Come nel negozio di Hong Kong, anche a Francoforte sono stati utilizzati 14.000 LED.
SHOP aktuell 109
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
43
Shop Panorama
Orex [15]
Orex
Splendore austroungarico
In Austria tutti conoscono la famosa casa d’aste Dorotheum.
Con lo stesso marchio, l’azienda ha aperto Dorotheum Juwelier, leader sul mercato austriaco per la sua ricca offerta di
gioielli e orologi della più alta qualità, con 28 filiali. Nel 2004
con l’acquisto della Orex, catena di gioiellerie ungherese, è
stata avviata l’espansione oltre confine. Nell’autunno scorso,
in Vaci Utca, celebre via dello shopping delle di Budapest,
è stata riarredata una filiale Orex. Come nelle altre filiali di
Dorotheum Juwelier, sono stati scelti tavoli e vetrine ideali
per la presentazione della merce pregiata.
Infobox
Ubicazione:
Vaci Utca 2
1011 Budapest
Ungheria
Contatto:
www.orex.hu, www.dorotheum.com
Superficie di vendita/numero di
piani:
250 m² / 1
Apertura:
ottobre 2010
Settore:
orologeria / gioielleria
Progettazione:
Umdasch Shop-Concept
progettazione e vendite Vienna;
Progettazione Dorotheum Vienna
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Austria
Sistemi:
produzione su misura
Al piano interrato sono esposti gli orologi di undici brand famosi, mentre
il piano terra ospita le collezioni del reparto gioielli Orex (nella foto).
44
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Panorama
[16] Coop City
Coop City
Un paradiso in terra
Coop, secondo brand del commercio al dettaglio in Svizzera,
con i suoi 33 grandi magazzini Coop City è un chiaro invito allo shopping. Uno dei punti vendita più famosi è quello
all’interno del St. Annahof, edificio della centralissima Bahnhofstraße di Zurigo protetto dalle belle arti. Il reparto calzature
al suo interno propone una dozzina di brand famosi tra cui
Högl, Geox e Gabor. L’entusiasmo dei clienti per la collezione
è palpabile: come una nuvola, pendono dal soffitto scarpe da
uomo e donna in vernice bianca, un accorgimento che sfrutta
in maniera creativa le generose altezze di quattro metri.
Infobox
Ubicazione:
Bahnhofstraße 57
8001 Zurigo
Svizzera
Contatto:
www.coop.ch
Superficie di vendita/numero di
piani:
242 m² / 1
Apertura:
agosto 2010
Settore:
grande magazzino / calzature
Progettazione:
ShopConsult by Umdasch, Svizzera
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Svizzera
Sistemi:
produzione su misura
Il nuovo ingresso è scandito dalla merce appesa al soffitto, dalle forme
ellittiche e dalla corona decorativa in pregiata ecopelle.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
45
46
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Shop Panorama
[17] Dublin Airport Terminal 2
Dublin Airport Terminal 2
Un loop di effetto
Con l’ampliamento del Terminal 1 all’aeroporto di Dublino
(SHOP aktuell 106), parte un’altra fase dell’ambizioso progetto miliardario “Transforming Dublin Airport“. Il nuovo
Terminal 2 è stato inaugurato il 19 novembre 2010. L’edificio
dell’estensione di 75.000 m², colpisce per la sua struttura in
vetro e acciaio che inonda di luce naturale gli interni. Una
capacità annua di 15 milioni di passeggeri rappresenta un
enorme potenziale per gli spazi riservati allo shopping del
nuovo terminal. Superati i controlli di sicurezza, si entra nel
regno dello shopping. Il nuovo Travel Retail Store gestito dalla DAA (Dublin Airport Authority) si chiama “The Loop“: un
nome, una garanzia!
Il transito fra gli shop avviene in maniera fluida e intelligente. Lungo il loop i passeggeri trovano i brand più famosi di
cosmesi, profumeria e alcolici. Gli elementi a
soffitto illuminati con LED colorati e i pavimenti in pietra chiari e scuri sottolineano
il percorso predisposto con sobrietà ed
eleganza. Lo store design è dominato dalle forme organiche ed evoca il
dinamismo tipico della realtà aeroportuale. Un richiamo agli assortimenti
sugli schienali delle scaffalature e le gondole basse negli
spazi centrali facilitano l’orientamento all’interno dello spazio di vendita.
Infobox
Ubicazione:
Dublin Airport
Terminal 2
Irlanda
Contatto:
www.dublinairportauthority.com
Superficie di vendita/numero
di piani:
1.100 m² / 1 (“The Loop“)
Apertura:
novembre 2010
Settore:
travel retail
Progettazione:
The Design Solution;
Pascall + Watson
Forniture chiavi in mano:
P. J. Hegarty
Arredamento:
Umdasch Shop-Concept, Irlanda
Sistemi:
produzione su misura
Su un’area dedicata, il Travel Retail Store “The Loop“ di Dublino racconta la storia
della tradizione irlandese del whiskey.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
47
SHOP Talk
Intervista
Reinhard Peneder
Foto
Cornelia Suhan
Thomas Grote sul futuro
di Mexx
Il 1° ottobre 2009 Thomas Grote ha iniziato ad Amsterdam la sua attività di amministratore delegato
del noto marchio internazionale dell’abbigliamento Mexx. Prima di rilevare questa nuova posizione,
Grote ha seguito il brand Esprit per 15 anni nella sua espansione internazionale e ne è stato
amministratore delegato per alcuni anni. La sua nuova posizione in Mexx rappresenta una grande
sfida: riportare in carreggiata l’azienda che negli ultimi anni ha registrato un decremento del fatturato
pari a un terzo. Nell’intervista di SHOP aktuell, Grote ha parlato di moda e automobili, di assortimenti
“Metropolitan Casual” e di rilancio del marchio.
La casa madre Liz Claiborne ha accolto con entusiasmo il
suo arrivo. In un comunicato si legge “Con il suo curriculum,
Thomas Grote è la persona giusta per affrontare le sfide
dell’epoca: conosce il settore della produzione e del marketing
e vanta grande esperienza nel settore del commercio al dettaglio e all’ingrosso“. Esperienza che il 47enne originario della
Vestfalia ha acquisito in un’azienda tessile di Steinfurt, sua città
di origine. La sua rapida carriera in Esprit inizia a 25 anni con
un breve intermezzo in cui si dedica al marchio “InWear“. Nel
1996 rientra alla casa madre di Ratingen come responsabile del
pret a porter femminile e nel 2006 ne diventa l’amministratore
delegato. Nel 2009 lascia Esprit per entrare in Mexx.
Per quali ragioni un brand come Mexx arriva a perdere la
sua incisività?
Semplicemente non abbiamo soddisfatto le aspettative del
mercato perdendo di vista i target, progettando i prodotti in
maniera sbagliata non considerando le esigenze del cliente.
Anche la qualità non era più la stessa: è come se una casa
automobilistica prestigiosa improvvisamente cominciasse a
vendere veicoli scadenti. Sarebbe un marchio è destinato a
scomparire in fretta. Nel caso di Mexx l’uscita del fondatore Rattan Chadha ha progressivamente intaccato la filosofia
aziendale, la cultura della produzione e della qualità.
Qual è il nuovo posizionamento del marchio Mexx e quali
sono stati i cambiamenti più importanti?
Non abbiamo fatto altro che riposizionare il marchio esattamente là dove era cresciuto. A cavallo fra gli anni ’80 e ’90,
Rattan Chadha creava lo stile “Smart Casual“, una combinazione fra moda per il tempo e “office look”. Noi lo abbiamo
ridefinito “Metropolitan Casual“ perchè “Smart Casual“ ci sembrava ormai inflazionato. “Metropolitan“ è un termine glamour,
un valido sinonimo di City o Smart. “Metropolitan Casual“ ci
era piaciuto perchè lo avevamo introdotto noi e nessuno lo
aveva mai usato prima, anche se in realtà si ricollega al nostro
posizionamento iniziale. E vorrei tornare a fare un raffronto con
l’industria automobilistica: se la Opel vuole avere successo,
deve costruire auto migliori della VW e della Toyota. Il suo
obiettivo non può essere quello di concorrere con la Daimler
Benz o la BMW perché il suo brand non ha la stessa forza.
Dopo la confusione degli ultimi anni in cui si spaziava dallo stile
48
umdasch shop-concept
giovane a quello elitario, oggi nel focus delle nostre attività di
sviluppo del design c’è appunto il “Metropolitan Casual“.
Nel fare l’esempio delle case automobilistiche, ha sicuramente fatto riferimento alla classe media. E’ quello il segmento in
cui vi posizionate? Al primo posto della terra di mezzo?
Esatto. Per tradizione Mexx è sempre stato un buon prodotto
del segmento medio, un brand che vuole realizzare determinati volumi di vendita, ma anche esibire una buona immagine e
offrire prestigio al consumatore. Non siamo né Prada nè Gucci
e non siamo neanche H&M. Una volta si diceva che essere nella terra di mezzo avrebbe rappresentato un problema. Io vedo
la cosa in altri termini: il ceto medio sarà sempre forte. C’è tanta
gente che vuole pagare il prezzo giusto, ma che non fa sconti
sulla qualità. Dobbiamo essere talmente in gamba da proporre
una qualità paragonabile a quella della BMW chiedendo però il
prezzo della Volkswagen.
Della nuova immagine di Mexx spicca il logo color viola.
Perchè scegliere proprio il viola? Quali saranno gli altri
cambiamenti sostanziali?
E’ ovvio che dovremo stravolgere tutto il nostro modello di
business in termini di sviluppo del prodotto, organizzazione,
approvvigionamento…in poche parole tutto ciò che gravita
attorno al prodotto. Poi sarà la volta della nostra immagine che
dovrà essere rinnovata, più fresca e accattivante. Per 15 anni
non è stato fatto nulla. I brand del segmento premium scelgono di norma il nero o il grigio; anche quelli del segmento
commerciale come Zara e Mexx optano spesso per il nero o il
grigio. Poi c’è il gruppo dei marchi casual come Esprit, S.Oliver
e H&M che sceglie il rosso; quello del verde come Springfield
e Benetton, del blu come GAP, Tom Tailor o Banana Republik.
Riflettendoci ho capito che strategicamente sarebbe stata una
buona idea decidere di avere un colore distintivo: il colore di
Moustache era il blu, quello di Emmanuelle il rosso, li abbiamo
mescolati e scelto una tonalità del viola, colore piuttosto raro
alle nostre latitudini. E’ nata così la scelta del viola e la cosa è
piaciuta. Poi abbiamo optato per un font più dinamico, un linguaggio delle immagini incisivo sviluppando un marketing concept molto chiaro. Uno degli strumenti più importanti è l’attuale
campagna pubblicitaria che affida la presentazione del look
Mexx a personaggi carismatici iniziando con l’attrice tedesca
SHOP aktuell 109
SHOP Talk
“Non abbiamo fatto altro che
riposizionare il marchio esattamente
là dove era cresciuto”.
Heike Makatsch. Il feedback è stato fantastico, gli style della
campagna esaurite, la merce venduta.
E sul punto vendita come si traduce il concetto di “Metropolitan Casual”?
Ci siamo posti una domanda: Il cliente “Metropolitan casual“ in
quale ambiente si sentirebbero proprio agio? In una metropoli
come Berlino, Barcellona o New York? E’ nata così l’idea del
loft che la nuova immagine sfrutta in ogni sfaccettatura: dalle
porte in legno massiccio dell’ingresso ai tanti piccoli dettagli
della presentazione della merce.
merce orientandolo all’efficienza delle superfici per 365 giorni o
12 mesi all’anno. Quello che nell’industria succede molto
spesso è che le cosiddette Wholesale Company propongono
6 o 4 collezioni non strutturate per la svendita. Se, come in
passato, in luglio e agosto consegno l’ 80% dei capi outdoor
(giacconi), entro ottobre o novembre quella sarà merce ormai
vecchia perché il cliente arriva a vederla 25 volte. Quindi o la
merce si esaurisce o va svenduta. Noi ci siamo organizzati in
maniera tale da proporre i nostri prodotti mensilmente secondo
le curve di fatturato e le esigenze del commercio al dettaglio.
Anche lo sviluppo degli style avviene di conseguenza. Nei mesi
forti programmiamo collezioni più grandi rispetto ai mesi più
deboli.
E la quantità di merce esposta?
Ci sono sedi in cui è fondamentale mostrare molta merce, altre
dove ne basta meno perché la produttività è diversa. In linea
di massima esponiamo 25 articoli per m², quantità che ci consente di raggiungere i fatturati ipotizzati. L’approvvigionamento è continuo nel senso che creiamo 12 collezioni l’anno con
consegne a ritmo bisettimanale. In pratica ogni negozio riceve
settimanalmente una fornitura di merce nuova. Se la merce si
esaurisce si espongono nuovi style. Lavoriamo secondo una
struttura zonale: di regola i nuovi assortimenti vengono esposti
nella parte anteriore del negozio. Dopo uno o due mesi, quando ormai è datata, viene progressivamente spostata verso
l’interno.
Qual è la dimensione ideale per i vostri negozi e per gli shop
in shop ?
L’estensione ideale è quella fra i 400 e i 600 m² per i negozi che
propongono moda maschile e femminile, accessori e calzature.
Nelle posizioni al top arriviamo anche a 1.000 m². Per i punti
vendita in franchise (ad esempio per l’abbigliamento donna)
bastano anche solo 200. Come è il nuovo sistema di distribuzione di Mexx?
Oggi per gestire bene un franchise store, un partnership store o uno shop in store, bisogna essere essenzialmente un
buon retailer. Per questo per la prima volta abbiamo modificato radicalmente il sistema degli acquisti e di gestione della
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
49
Shop Concept thema
Store Branding
Testo
Reinhard Peneder
Foto: Mexx/Philippi, Brüsselimpressionen,
ShopConsult by Umdasch, Cornelia Suhan
Ansgar Hellmich, Vice President Global
Architecture di Mexx: “Con le luci creiamo
un’atmosfera teatrale nei nostri negozi“.
Store Branding per Mexx
Il rilancio di un brand
internazionale
START
01
STORE CHECK
BRAND STRATEGY
Svolgimento ideale di un Processo di store branding. (Fonte: ShopConsult by Umdasch)
50
umdasch shop-concept
02
Analisi di mercato
SHOP aktuell 109
Shop Concept Thema
Store Branding
La filosofia di Mexx è quella del “Metropolitan Casual Lifestyle“ nello stile del loft con pavimenti in legno e spazi aperti.
Dopo il rilancio attuato nel 2010, l’estate scorsa il marchio di abbigliamento Mexx ha festeggiato il nuovo
concept con l’apertura del primo negozio all’interno del Rhein Center nel quartiere di Weiden a Colonia.
In breve tempo, altri punti vendita sono stati aperti a Vienna, Amburgo, Stoccolma, San Pietroburgo e
Bruxelles. Gradualmente il restyling interesserà gli shop Mexx di tutto il mondo. SHOP aktuell ha indagato
su ciò che sta dietro questa strategia, lo sviluppo e la realizzazione professionale del brand.
03
Target
05
04
SHOP aktuell 109
Design briefing
Assortimento
umdasch shop-concept
51
Shop Concept thema
Store Branding
L’armadio a ripiani è un tipico mobile di vendita di Mexx, ideale per la presentazione di accessori.
Il marchio Mexx nasce nel 1986 dalla fusione delle griffe
Moustache e Emanuelle create nel 1980 dallo stilista Rattan
Chadha, la prima specializzata nel prêt-à-porter maschile, la
seconda nel prêt-à-porter femminile. Il nome Mexx viene scelto
in riferimento alle iniziali di ciascuna di esse, M e E. Le due XX
rappresentano due baci.
data carta bianca e piena fiducia. Nell’ottobre del 2009 avvia
il suo lavoro nella sede centrale di Mexx ad Amsterdam (vedi
SHOP TALK alle pagine 48/49) individuando i punti critici di
prodotti e immagine. Per il rilancio del marchio Grote mette
insieme un team vincente.
“Purchè non siano preconfezionati”
In 15 anni l’azienda olandese vive uno sviluppo travolgente
consolidandosi in molti Paesi con diverse linee di prodotti. Nel
2001 il marchio viene riacquistato dal gruppo statunitense Liz
Clairbone e si sviluppa internazionalmente. Nel 2003 vengono
aperti i primi negozi Mexx negli Stati Uniti. A fine 2006 il fondatore e CEO Rattan Chadha si ritira e questa sua decisione
determina graduali perdite in termini di filosofia produttiva e
cultura della qualità. Il marchio perde il suo smalto e l’azienda un terzo del fatturato che nell’anno di esercizio 2009/2010
era pari a 832 milioni di dollari. In questa difficile situazione Liz
Claiborne si affida a Thomas Grote, professionista del branding
che diventa il nuovo amministratore delegato. A Grote viene
06
Idea di design
Per lo store branding del nuovo concept, Mexx ha chiesto l’intervento della ShopConsult by Umdasch. Nel briefing sono
emerse le nuove politiche di assortimento basate sul concetto
del “Metropolitan Casual Lifestyle“ (come messaggio centrale).
La nuova corporate identity sarà veicolata dal colore viola che
sarà il filo conduttore della comunicazione dell’azienda. Più
che vivere una semplice sostituzione degli arredi, i nuovi negozi di Mexx dovranno diventare delle raffinate boutique. Ansgar
Hellmich, vicepresidente della Global Architecure di Mexx, ha
chiesto espressamente agli specialisti Umdasch una soluzione
molto diversa dagli arredi per negozi preconfezionati.
08
Store concept
BRAND DESIGN
07
52
umdasch shop-concept
Mood concept
09
Progettazione dettagliata
SHOP aktuell 109
Shop Concept Thema
Store Branding
L’attrice tedesca Heike Makatsch è la testimonial della stagione 2010/2011
di Mexx. Il suo stile è perfettamente in linea con quello della collezioni
Metropolitan Casual.
“Volevamo che il nuovo concept di Mexx non
avesse nulla in comune con gli arredi preconfezionati. Operazione riuscita“ spiega soddisfatto Maik
Drewitz della ShopConsult by Umdasch.
Maik Drewitz ha sviluppato per Mexx uno speciale sistema di
scaffalature e gondole costituito da tubi per l’acqua da appendere al
soffitto regolabili in altezza.
In una intensa collaborazione in più fasi con i professionisti di
Mexx, in tempi rapidissimi il team della ShopConsult coordinato da Maik Drewitz ha sviluppato uno store design in grado
di soddisfare le esigenze imposte dalla nuova strategia. Tra
i concetti emersi nelle sessioni di brainstorming troviamo city,
10
Storebook
12
11
SHOP aktuell 109
Visual merchandising
metropoli, cultura, distretto, business
quartier, multiculti e park. “Da qui è
nata l’immagine del tipico loft newyorkese, fusione di valori consolidati ed
elementi moderni” spiega Hellmich.
Il nuovo look è un mix di graffiti, legno,
acciaio, pietra e ceramica. Pavimenti
con assi in legno di rovere affumicato, posati a spina di pesce,
carta da parati vintage e tanti dettagli decorativi sottolineano
il calore degli ambienti. La cassa dalle forme scultoree simboleggia l’architettura urbana contemporanea, l’area delle
lounge con i tappeti colorati la realtà multiculturale. Le tende
dei camerini di prova sono fatti con tessuti da palcoscenico,
le imponenti porte in legno che decorano le facciate, evocano
quelle degli edifici storici.
Liste d’ordine
13
Comunicazione sul punto vendita
umdasch shop-concept
53
Shop Concept thema
Store Branding
Uno sguardo allo sviluppo del mood concept attesta la cura impiegata nello store branding di Mexx. L’architettura urbana contemporanea
fa da sfondo agli spazi riservati alle casse.
Tubi dell’acqua come espositori
moda femminile (circa 200 m²), di punti vendita con assortimenti
completi (circa 600 m²) o di flagship store (1.000 m² e oltre).
La stessa attenzione è stata posta nella realizzazione degli
arredi di vendita. Per le strutture portanti è stata disegnata una
linea fatta con tubi per l’acqua da posare a terra o da appendere
dotata di clip per la regolazione in altezza. Nel reparto accessori
sono protagonisti speciali ganci in filo metallico. I banchi degli
spazi centrali integrati da panche sono carrozzabili e quindi versatili con formati e finiture diverse: lineari e squadrati, sinuosi
e decorati, con gambe chiare o dotati da piani in vetro ornamentale. “Pur avendo realizzato un progetto molto distante dai
classici sistemi di arredo per negozi, l’arredamento non esclude l’impiego di arredi modulari per garantire una certa economicità“ spiega Maik Drewitz. Il concept deve essere all’altezza
delle esigenze imposte dall’estensione delle superfici che variano a seconda che si tratti di spazi shop in shop, di negozi di
14
Rilevamento superfici di vendita
“Per realizzare un concept originale dall’atmosfera accogliente giochiamo sull’intensità della luce creando un ambiente dai
toni quasi teatrali. L’attenzione si concentra sugli assortimenti:
puntare frontalmente uno spot su una T- shirt significa renderla
protagonista: poi sfumiamo la luce convogliandola su un altro
punto di richiamo“. Con queste parole Ansgar Hellmich sintetizza il significato dell’illuminazione curata dalla RZB che ha realizzato faretti con schermatura in metallo, lampade a morsetto
con cavo a mò di ferro da stiro e altri corpi illuminanti decorativi
alimentati con lampade a basso consumo CDM di 35 watt.
Oltre al logo color viola con il nuovo font, come caratteristica
distintiva Mexx userà il volto di un testimonial. Per la collezione
16
Progetto store
STORE PLANNING
15
54
umdasch shop-concept
Progetto preliminare store
17
Pianificazione licenze
SHOP aktuell 109
Shop Concept Thema
Store Branding
Sono soprattutto i piccoli dettagli che trasformano un ambiente normale in uno spazio dall’atmosfera loft.
2010/2011 sarà quello dall’attrice tedesca Heike Makatsch, perfetto per incarnare con credibilità il “metropolitan casual style”.
Le foto dell’artista campeggiano nelle vetrine, negli interni e sui
cataloghi ME+XX che presentano la nuova collezione. Le proposte tratte dai cataloghi per la campagna pubblicitaria hanno
registrato un successo clamoroso. Altrettanto positive sono le
reazioni sul rilancio che riporterà Mexx sulla corsia di sorpasso
facendogli riconquistare la sua posizione di qualche anno fa:
quella ai vertici della moda casual e del lifestyle in Europa.
progettazione esecutiva, coordinamento del progetto, air
design, illuminazione, progettazione delle superfici, calcolo
delle quantità di merce, progettazione delle costruzioni a secco, pitture, progetto elettrico, direzione lavori, progettazione
facciate. Il partner responsabile di queste attività è stata la
Jonas Ladenbau di Oberhausen. Un ampio spettro di prestazioni
Oltre ad occuparsi dello sviluppo del brand design, nel processo di store branding la ShopConsult by Umdasch è stata protagonista delle attività di shop planning occupandosi di
dettagli della progettazione, realizzazione di uno storebook,
18
Progetto esecutivo
19
SHOP aktuell 109
20
Incarichi
Definizione delle quantità
22
21
Documentazione
OPENING
Direzione lavori
umdasch shop-concept
55
Shopfitting
Il dizionario dell’arredamento e del marketing
Il dizionario dell’arredamento e del marketing edito dalla
Umdasch Shop Academy non dovrebbe mancare nella libreria
del professionista dell’arredamento e dello shopfitting.
Il dizionario dell’arredamento e del marketing
Irrinunciabile per commercianti e professionisti dello
shopfitting
Insieme alla nota casa editrice di Monaco di Baviera Callwey-Verlag, la Umdasch Shop Academy ha pubblicato
un dizionario dedicato al linguaggio dell’arredamento e del marketing. L’opera in uscita per febbraio in
occasione della EuroShop 2011, si compone di due volumi: uno contenente circa 1.000 voci appartenenti ai
settori architettura, shop design, marketing del commercio al dettaglio e visual merchandising. Il secondo
volume contiene 28 contributi di esperti di calibro internazionale su tematiche attuali del mondo del retail e
dello shopfitting.
Da sempre ideare e arredare un negozio rappresenta un’operazione complessa, una grande sfida che richiede l’intervento
di tanti professionisti appartenenti a settori diversi. Il numero
56
umdasch shop-concept
delle discipline che direttamente o indirettamente rientrano
nel campo dell’arredamento è in costante aumento. Basti pensare a quelle più recenti come il neuromarketing, il visual
SHOP aktuell 109
Shopfitting
Il dizionario dell’arredamento e del marketing
Una pagina del dizionario dell’arredamento e del marketing.
merchandising, lo store branding o il multi channel retailing che
affiancano quelle più tradizionali come l’architettura, lo shop
design, l’illuminotecnica, lo sviluppo delle tipologie aziendali e
delle ubicazioni, il project managment, il marketing sul punto vendita, l’arredamento. Le conoscenze e le informazioni di
questi settori specifici si possono acquisire nel contesto delle
singole discipline, ma fino ad oggi mancava una pubblicazione
che le abbracciasse tutte.
Il dizionario dell’arredamento e del marketing vuole essere una
fonte di consultazione e una bussola di orientamento per chi
si occupa di progettazione e di realizzazione di concept e di
investimenti immobiliari nel campo del retail. L’opera ne spiega
terminologia, concetti e contenuti. Senza pretese di esaustività, l’editore si è concentrato sulla terminologia maggiormente
in uso nelle singole discipline, sui termini più rilevanti. Alcune
parole chiave sono state corredate di ulteriori approfondimenti
e tabelle. In maniera particolarmente chiara vengono illustrate le prospettive per il futuro di tipologie aziendali selezionate,
gli indici del commercio al dettaglio o la terminologia relativa ai sistemi di arredo. Il dizionario, corredato di belle foto e
SHOP aktuell 109
illustrazioni, riporta anche una tabella sulle manifestazioni principali e sulle pubblicazioni specializzate. Il lettore troverà altresì
un elenco completo dei membri dell’associazione degli arredatori tedeschi (Deutschen Ladenbauverband, dlv – Netwerk
Ladenbau).
Autori di calibro
Il secondo volume è dedicato ai contributi degli esperti e tratta
alcuni argomenti delicati tra cui la crescente influenza del commercio on line sul commercio stanziale o la fusione di concept
digitale e reali. Gli articoli sull’architettura e l’arredamento di
negozi sono stati redatti da Schwitzke & Partner e Blocher Blocher Partners, due studi che in Germania rappresentano importanti punti di riferimento per il retail design. Fra quelli trattati, non
poteva mancare il tema Green Design. Autori di spicco, alcuni
dei quali collaboratori della Umdasch Shop Academy, fanno
luce sulle singole tematiche dal loro personale punto di vista
presentando analisi talvolta in contrapposizione fra loro. Una
chiara intenzione dell’editore quella di presentare opinioni diverse, come si trattasse di una creativa e vivace discussione.
umdasch shop-concept
57
Shopfitting
Il dizionario dell’arredamento e del marketing
Il commercio è un settore in costante e rapido cambiamento quindi anche la relativa terminologia e i suoi significati si
modificano in tempi più o meno brevi. Il dizionario dell’arredamento e del marketing non è da intendersi come un’opera
finita, ma piuttosto come un’istantanea di un processo in divenire. Da qui la decisione di rinnovarlo e aggiornarlo ogni tre
anni e di pubblicarne una nuova edizione in occasione della
EuroShop.
Il dizionario che in questa sua prima edizione sarà in lingua tedesca, vuole essere uno strumento utile a chi si occupa di progettazione e realizzazione di negozi. Il prezzo in libreria ammonta a
49,95 euro. Agli abbonati a SHOP aktuell e per gli acquisti effettuati on line al sito [email protected] verrà riservato il
prezzo speciale di 35,00 euro (esclusi IVA e spese di spedizione).
Anche per i partecipanti alle manifestazioni e ai seminari della
Umdasch Shop Academy è previsto un prezzo ridotto. Autori e contributi
“Il dizionario dell’arredamento e del marketing”
Dr. Katharina J. Auer-Srnka
Università di Vienna
Lo shopping dei Best Ager
Alfred Fuchsgruber
11 Freunde, München
Differenze di inventario e furti in negozio:
strategie efficaci per contrastarli
Dr. Petra Barth
Umdasch Shop-Concept, Amstetten
I top brand del 2009: quello che le donne
vogliono - uno studio
Dr. Hans-Georg Häusel
Gruppe Nymphenburg, München
Neuromarketing: che cosa può imparare il
commercio dalla neurologia
Dr. David Bosshart e
Dr. Martina Kühne
GDI, Zurigo-Rüschlikon
The Story of Unstoring:
perché il negozio non è più
un negozio
Michael Degen
Fiera di Düsseldorf
EuroShop Düsseldorf, la mecca del retail
internazionale
Claudia Engel-Hutner e
Christian Göggerle
Hutner Training, Kronburg
I collaboratori: ambasciatori
del marchio
Achim Fringes
Neuromerchandising®Group, Frankfurt
Il neuromerchandising® : commercio con
tutti i sensi
58
umdasch shop-concept
Heiko Hinrichs
Syndicate, Amburgo
Offline Shopping 2.0. – Un po’ spirito
pionieristico, suvvia!
Claudia Horbert
EHI Retail Institute, Colonia
Il green design nell’arredamento di negozi
Dr. Kai Hudetz
Institut für Handelsforschung, Colonia
Sfruttare con successo gli effetti della
multicanalità. Un’opportunità per il
commercio al dettaglio tradizionale
Dr. Wolfram Krause
dlv – Netzwerk Ladenbau, Würzburg
Gli arredatori in Europa: da falegname a
global player
SHOP aktuell 109
Shopfitting
Il dizionario dell’arredamento e del marketing
SHOP aktuell 109
Angela Kreutz
Blocher Blocher Partners, Stoccarda
L’effetto calamita dell’architettura nel settore
del retail
Prof. Dipl. Wi.-Ing. Iska Schönfeld
Philips, Amburgo
Illuminazione a LED: una rivoluzione
all’interno del negozio
Klaus Lach
OWD, Aalen
Visual marketing visionario per il punto
vendita
Karl Schwitzke
Schwitze & Partner, Düsseldorf
Gli store come mondi del marchio –
Interior design: consolidare e rivitalizzare
un marchio
DI Alfred Leitl
ShopCousult by Umdasch, Amstetten
Visual merchandising, l’arte degli
allestimenti
Ulrich Spaan
EHI Retail Insitute, Colonia
Trend e visioni della tecnologia nel
commercio
Dr. Christian Mikunda
CommEnt, Vienna
Gli allestimenti: il commercio diventa un
passatempo
Michael Staller
Umdasch Shop-Concept, Neidenstein
Un project management professionale
nell’arredamento di negozi
Bert Martin Ohnemüller
BMO, Francoforte
Da “Point of Sale” a “Point of Success”
Klaus Striebich
ECE, Amburgo
Prospettive future degli shopping center
d’Europa
Reinhard Peneder
Umdasch Shop-Concept, Amstetten
Trends & Facts nell’airport retailing
Mag. Arndt Traindl
Retail Branding, Amstetten
La filosofia del LESS IS MORE sul punto
vendita
DI Wolfgang Richter
RegioPlan, Vienna
L’ubicazione, un fattore competitivo
fondamentale nel commercio al dettaglio
Prof. Dipl.-Volkswirt Axel Venn
Università di Hildesheim
Che cosa c’è dietro la crisi?
Günter Rudloff
Comfort, Amburgo
Gli immobili commerciali,
un investimento sicuro
Mag. Max Wöss
ShopConsult by Umdasch, Amstetten
Trasformare un negozio in un marchio
umdasch shop-concept
59
Retail Report
Shops & Shopping a Düsseldorf e Colonia
Testo
Winfried Lambertz
Commercio: le novità in
fiera e nei negozi
Molte delle novità in materia di arredamento di negozi presentate dagli espositori della EuroShop 2011
si possono vedere già realizzate nel raggio di pochi chilometri. Infatti il bacino di Colonia/Düsseldorf è
caratterizzato da una forte densità di negozi, gallerie e shopping center che meritano di essere visti.
Oltre ad essere una delle metropoli più eleganti della Germa40 negozi distribuiti su sette piani rimarrà per essere affiancato
nia, la città fieristica di Düsseldorf viene considerata un centro
da tanti nuovi e interessanti brand. Nonostante la ristrutturaziocommerciale di primo rango. Visitandone il centro storico, balza
ne vale la pena dare uno sguardo alle gallerie per vedere l’arall’occhio la varietà dei negozi
chitettura del manufatto. Anche
appartenenti alle più disparate
la Kö-Galerie sta attuando la
categorie commerciali. Il punto
ristrutturazione a negozi aperdi partenza del nostro shoppingti: a lavori ultimati la galleria di
1
Tour è la nota Galeria Kaufhof, al
tre piani inaugurata 25 anni fa
4
3
10
2
civico 1 di Königs­allee. Ancora
avrà guadagnato 20.000 m² di
oggi la facciata in pietra arenaria
estensione, 90 negozi, caffé e
9
del manufatto di sei piani risaristoranti.
lente al 1909 emana lo splendore di epoche passate. All’inPoco distante dalla Kö-Galerie,
12
11
terno la classica struttura del
sul lato della Grünstraße, entria8
5
grande magazzino organizzato
mo nel centro commerciale del6
con sistema a galleria ha subila catena Stilwerk con 45 negoto costanti aggiornamenti nel
zi specializzati in architettura
7
tempo. In febbraio, in occasione
e design. Dietro la facciata in
della EuroShop 2011, la Galeria
vetro, il manufatto ospita cinque
Kaufhof allestisce le sue vetrine
livelli realizzati in elegante forma
con grande originalità proponenellittica con gallerie e lucernario.
© Stadt Düsseldorf - Vermessungs- und Liegenschaftsamt - Lizenz Nr.: 9 2011
do allestimenti a tema dedicati al
Il nostro sopralluogo a Düsseldorf: (1) Galeria Kaufhof, (2) Mayersche
grande evento fieristico.
Tornando verso la Galeria Kauf­
Buchhandlung, (3) Schadow-Arkaden, (4) Peek & Cloppenburg,
(5) Sevens, (6) Kö-Galerie, (7) Stilwerk, (8) Bankenseite, (9) Jades,
hof, raggiunta l’altezza del(10) Carsch-Haus, (11) Carlsplatz, (12) Benrather Straße.
Prima di addentrarci nel vivo
la Königsstraße ci dirigiamo
della celebre via dello shopsull’altro versante della Königs‑
ping, facciamo un salto alla Schadow-Arkaden visitando anche
allee (quello dominato dalle banche) imbattendoci in inediti
l’omonima strada. Definita a metà degli anni ‘90 come la più
concept di nicchia: Milian ad esempio fonde arte, architettura
bella galleria dello shopping tra quelle ubicate nei centri storie moda regalando una esaltante esperienza di estetica e avanci, oggi la Schadow-Arkaden soddisfano ogni esigenza e tutti i
guardia. I capi di abbigliamento della Maison Martin Margiela,
gusti. Con i suoi 14.000 m² di estensione, un punto di richiamo
di Demeulemeesters e di Yoji si alternano a quelli della desiarchitettonico fra gli immobili commerciali della Schadowstraße
gnerin tedesca Annette Görtz. Foolsgold è una gioielleria con
è la sede della catena di abbigliamento tedesca Peek & Clople creazioni di artisti internazionali. Dirimpetto, sulla Heinrichpenburg. Tanto vetro e spazi generosi per ogni reparto, fanno
Heine-Allee, troviamo due negozi con un’ampia scelta dei più
del noto magazzino a sei piani un punto di riferimento sia per la
attuali brand dell’abbigliamento.
moda che per il design.
Superata la Heinrich-Heine-Allee, il flusso del pubblico giovaAl crocevia fra la Schadowstraße e la Königsallee decidiamo di
ne si muove in direzione del centro storico. L’isola pedonale
andare a visitare il più grande shopping mall della Germania. Per
della Flingerstraße è stretta, ma molto vivace per il susseguirsi
brand dello spessore di Armani, Chanel, Gucci, Jil Sander, Louis
di negozi che propongono i brand famosi che piacciono alla
Vuitton o Prada, l’ubicazione nella Königsallee ha un valore inefascia dei 15- 35enni. All’imbocco della Flingerstraße campegstimabile. Delle poche antiche aziende a conduzione di tradiziogia Carsch-Haus con al sua facciata in stile neoclassico. Visto
ne oggi sono rimasti solo Eickhoff, specialista in abbigliamento
dall’esterno, il grande magazzino del settore premium distribudi pregio, e Franzen, specialista degli accessori per la tavola e
ito su quattro piani è un riuscito esempio di sobrio ed elegante
decorazioni per la casa.
understatement.
Per lo shopping mall Sevens il 2011 parte all’insegna di una
ristrutturazione che durerà qualche mese. Solo una parte dei
60
umdasch shop-concept
Qui, all’incrocio con il centro storico, tralasciamo volutamente le catene di abbigliamento ubiquitarie e ci muoviamo in
SHOP aktuell 109
4.400 m² di cultura all’angolo Königsallee/Schadowstraße: la libreria “Die Mayersche Buchhandlung” (arredi Umdasch Shop-Concept).
Arredato dalla Umdasch Shop-Concept a fine 2010: il nuovo Frankonia Store nella Kö-Galerie di Düsseldorf.
La leggendaria Kö-Galerie nella Königsallee di Düsseldorf sta vivendo una fase di rivitalizzazione.
La filiale del negozio di calzature Reno dopo la ristrutturazione con interessanti applicazioni digital signage.
Retail Report
Shops & Shopping a Düsseldorf e Colonia
direzione Carlsplatz alla ricerca di shop concept più originali.
Jaspers ad esempio, in un ambiente dall’atmosfera rustica e
calda, presenta brand come Kuichi, Elliot Men, Matta e Tigha.
Identitá Italiana è il primo indirizzo di Düsseldorf per chi cerca collezioni come Patrizia Pepe e Woolrich. Prima di tornare
in direzione Königsalle, vediamo anche Loud e Apropos, due
negozi d’avanguardia della Benrather Straße.
Colonia, la metropoli sulle sponde del Reno
A soli 40 chilometri a sud di Düsseldorf c’è Colonia. Oltre a
vantare una storia molto antica con importanti testimonianze
culturali, è il capoluogo di una regione di tre milioni di persone
e una città caratterizzata da un vivace scenario commerciale.
La visita ai suoi negozi comincia nella Hohe Straße, nell’isola pedonale più antica della Germania che, passando per la
Schildergasse, conduce al Neumarkt, alla Breite Straße e alla
Ehrenstraße fino a raggiungere
il quartiere belga.
12
Nella Hohe Straße si susseguono tutti i principali fashion store
che rispondono alle esigenze di
un target giovane come H&M,
Zara o New Yorker ai quali si è
recentemente aggiunto Review,
il brand P&C West specializzato in moda giovane casual che
dopo il format shop in shop, nel
2008 ha iniziato la sua espansione con store monomarca.
11
10
9
7
8
Originali le decorazioni del flagshipstore di Tommy Hilfiger inaugurato nel 2009 su una superficie di 1.000 m² con un aereo
appeso al soffitto nel reparto bambini e il lampadario fatto di
cavi e microfoni nel reparto jeans. Fra i negozi di scarpe della
Schildergasse spicca quello del filialista austriaco Humanic con
un’estensione di 3.000 m². Di fronte ha aperto il suo terzo punto
vendita Hallhuber, verticalista di Monaco.
Per i residenti, la centralissima Neumarkt-Galerie all’altro capo
della Schildergasse è il punto di partenza per lo shopping
soprattutto in virtù dei collegamenti alla rete viaria e alla metropolitana. Uno dei negozi più accattivanti della galleria realizzata negli anni ‘90 al posto dell’ex grande magazzino Hertie, è
la gigantesca libreria Mayersche. Il concept del depot store di
900 m² di estensione è un esempio di architettura house in
house caratterizzata da un intercalare di accoglienti scenari
lifestyle e da una fitta presentazione della merce. Il modello di
business del fashion discounter
TK-Maxx propone moda firmata a prezzi stracciati. Ubicata
in una delle migliori posizioni del Neumarkt, su 3.400 m²
organizzati su tre piani, propone merce stock ai clienti muniti
di carrelli da supermercato. Un
“faro di luce” dello scenario del
commercio di Colonia è la filiale di Globetrotter, specialista
6
5
3
dell’outdoor, inaugurata nel 2006
2 4
1
nell’Olivandenhof su una superficie di 7.000 m² che precedentemente ospitava uno shopping
center con 60 negozi singoli.
All’incrocio fra le due strade
© Kommunale Geodaten: Stadt Köln, Amt für Liegenschaften, Vermessung und Kataster, KT 2011/001
dello shopping Hohe Straße
Il nostro sopralluogo a Colonia: (1) Galeria Kaufhof, (2) Peek &
e Schildergasse, si trova il
All’uscita dall’Olivandenhof arriCloppenburg, (3) C&A, (4) Jeans Palast Görgens, (5) Gina Tricot,
(6) Humanic, (7) Neumarkt Galerie, (8) Mayersche Buchhandlung,
flagshipstore Galeria Kaufhof:
viamo nella Breite Straße e pro(9) Depot und TK Maxx, (10) Olivandenhof, (11) Ehrenstraße,
con 36.000 m² di superficie di
cediamo in direzione Ringe ver(12) „quartiere belga“.
vendita è per estensione il primo
so la Ehrenstraße. Fra le nuove
grande magazzino della città famosa per il suo celebre duomo.
aperture più interessanti spiccano: True Religion Store, primo
Per Peek & Cloppenburg l’archistar Renzo Piano ha realizzanegozio monomarca tedesco del marchio premium di jeans
to una pietra miliare dell’architettura commerciale: con i suoi
statunitense; Weekday, un concept urbanwear del gruppo H&M
5.500 m², l’originale guscio con la struttura in vetro e legno
e Estella Kochlust, un concept store dedicato al mondo deldella “Weltstadthaus” evoca la morfologia di una balena.
la cucina e dell’arredamento. Lo store premiato nel 2010 con
Inaugurata nel 2005, su 14.400 m² di superficie di vendita preil premio tedesco del commercio “Store of the Year”, propone
senta 300 marchi famosi di abbigliamento. Di fronte, alcune setutensili da cucina di design e organizza coocking party dopo la
timane fa dopo la ristrutturazione ha festeggiato la sua riaperchiusura serale.
tura il magazzino di abbigliamento C&A: con circa 13.000 m² è
la filiale più grande del marchio. Le caratteristiche distintive nel
Dopo i Kölner Ringe, anche il quartiere belga è diventato un
nuovo storedesign sono la suddivisione in mondi tematici e un
punto di riferimento per la moda giovane (www.chicbelgique.de)
nuovo concept cromatico basato sui colori di tendenza.
e per originali concept di nicchia. Con la sua modernità urbana, colpisce anche la filiale del marchio di Kult (2.000 m²) appartenente al gruppo Görgens. Seppur
leggermente retrocesso, l’ingresso alla ex Wehmeyer-Haus non
passa inosservato: un moderno impianto a LED illumina l’ingresso in tutta la sua larghezza indicando la via soprattutto al pubblico giovane. Sempre nella Schildergasse ha aperto la sua prima
filiale tedesca anche il marchio svedese Gina Tricot.
62
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Un modello che fa scuola su scala internazionale: gli originali allestimenti di Globetrotter nell’Olivandenhof di Colonia (arredi Umdasch Shop-Concept).
Con un’estensione di 3.000 metri quadri, il flagship store di Humanic sito nella Schildergasse di Colonia (2005) ha introdotto nuovi parametri nel settore
delle calzature. Arredi Umdasch Shop-Concept.
Eleganti soluzioni a Colonia: un bell’allestimento da Gina Tricot e un’imponente facciata da Tommy Hilfiger.
13.000 m² di rinnovato splendore: C&A nella Schildergasse a Colonia.
Shop Events
In maggio a Shanghai con il seminario sugli
allestimenti Laden-Dramaturgie LIVE!
Un viaggio organizzato per tappe per
spiegare l’evoluzione degli allestimenti e
del visual merchandising. A ognuna delle
quattro soste che passeranno in rassegna
importanti vie dello shopping, negozi e
mall è stato assegnato un titolo: “Riflettori
sulla merce”, “L’importanza dell’apparire”,
“I nuovi mondi dell’experience” e “La vendita come espressione artistica”. Oggetto
del seminario saranno anche il nesso fra
l’arte dei giardini cinesi e gli allestimenti e
il parco tematico e di divertimento “Bund
© iStockphoto.com/Hanquan Chen
Torna il tanto atteso
appuntamento con i seminari itineranti sugli allestimenti
“Laden-Dramaturgie LIVE!”
organizzati dalla Umdasch
Shop Academy: dal 25 al
29 maggio 2011 la pulsante
metropoli di Shanghai che
l’anno scorso ha ospitato
l’esposizione universale, sarà
scenario di un magico viaggio nel tempo in compagnia
di Christian Mikunda e Denise
Mikunda-Schulz per ripercorrere la storia dello shopping.
Sightseeing Tunnel”. I partecipanti alloggeranno al Grand Hyatt, lussuoso hotel
con spettacolare vista su Shanghai.
Dal 20 al 24 ottobre 2011 “Laden-Dramaturgie LIVE!” torna a Las Vegas: nessun
altro posto al mondo rappresenta la totale fusione fra commercio, gastronomia e
intrattenimento. Questo seminario si svolgerà in tre giornate per consentire di visitare le numerose attrazioni della leggendaria metropoli. I momenti clou saranno
L’impressionante scenario di
Shanghai, stupefacente metropoli
cinese, teatro del seminario sugli
allestimenti “Laden-Dramaturgie
LIVE!” dal 25 al 29.5.2011.
la visita ai celebri alberghi Treasure Island, Ceasar’s Palace
con i Forum Shop, Bellagio,
Mandalay Bay, Venetian con
i Grand Canal Shoppes e il
The Palazzo, The Wynn con la
dependance Ancore e il nuovo
City Center con i Crystall Mall
realizzati dall’archistar Daniel
Libeskind.
Il programma dettagliato e i moduli
di adesione di questi due seminari e del
seminario “Il giro del mondo in 18 giorni” sono già a disposizione. Per informazioni più dettagliate contattare Regula.
[email protected] (Tel. 0041/62 737
2520), [email protected]
(Tel. 0043/7472 605 1957) o visitare il sito
www.umdasch-shop-concept.com (Shop
Academy).
Novità: sviluppo delle competenze e visual
merchandising strategico
Oltre ai seminari dedicati al multi
channel retailing e al neuromarketing, nel
2011 la Umdasch Shop Academy introduce due altri due format: al “seminario
pratico di visual merchandising”, corso
dal taglio pratico ormai entrato nel novero
dei “classici”, si aggiunge il seminario “Il
visual merchandising strategico”. Nei
due appuntamenti Claudia Engel-Hutner
spiegherà come e secondo quali criteri
approcciarsi a questa importante disciplina. Le date: 3 maggio 2011 a Düsseldorf, 28 settembre 2011 a
Oberentfelden e 18 ottobre
ad Amstetten.
Claudia Engel-Hutner e Christian Göggerle sono i relatori di due
nuovi seminari della Umdasch Shop Academy.
64
umdasch shop-concept
Sempre in collaborazione con la Hutner Training è
stato organizzato il seminario “Sviluppo sistematico delle competenze per il
management del commercio”. Christian Göggerle
vede nella futura lotta alla
concorrenza una lotta per
le competenze: nel corso che inizierà con un test
di autovalutazione dei partecipanti,
Göggerle illustrerà come riconoscere,
ampliare e interconnettere le competenze. Gli appuntamenti sono il 6 aprile
2011 a Oberentfelden, il 24 maggio 2011
ad Amstetten e il 22 novembre 2011
a Düsseldorf.
Il programma annuale 2011 della
Umdasch Shop Academy sarà disponibile a fine febbraio, in occasione della
EuroShop. Tutte le date del primo semestre sono riportate anche alla rubrica
Appuntamenti alle pagine 66/67 di questo numero di SHOP aktuell e al sito
www.umdasch-shop-concept.com.
SHOP aktuell 109
Shop Events
Benvenuti alla prima
spedizione globale
disposizione tutti i confort e un servizio
impeccabile: le soste in queste location
dal carattere glamour sono parte integrante del programma e consentiranno
di “imparare dormendo”. Il Marina Bay
Sands ad esempio è diventato improvvisamente il simbolo di Singapore. La sua
piscina costituisce un ponte di collegamento fra tre grattacieli e un elemento
strutturale che definisce l’architettura
dell’albergo conferendogli
un’impronta innovativa.
Il Mondrian South
Beach di Miami
combina il calore
dell’ambiente a
Frankfurt
una particola
attenzione
per l’ospite.
Il programma per l’appuntamento
speciale col seminario itinerante sugli
allestimenti Laden-Dramaturgie LIVE! “Il
giro del mondo in 18 giorni” sta prendendo forma. Christian Mikunda ha già fatto
gli ultimi ritocchi al copione della prima
spedizione globale in calendario dal
5 al 24 aprile 2013. Christian Mikunda,
Denise Mikunda-Schulz, Regula Wirth
ed Engelbert Egger della Geo-Reisen
formano il team di esperti
che trasformerà questo
viaggio spettacolare
in un’esperienza
indimenticabile.
Per addetti del commercio e
Los Angeles
ricercatori di
Miami
nuove tenCaribbean
denze “Il giro
cruise
del mondo
in 18 giorni“
rappresenta
u n ’o c c a s i o n e
unica per aggiornarsi in materia di
retail e di experience
economy in pochissimo
tempo. In una visione di insieme verranno presentate tutte le sfaccettature del
visual merchandising imparando a individuare elementi comuni e differenze fra gli
allestimenti di tre continenti diversi.
Negli alberghi selezionati i partecipanti potranno riprendersi dalle
fatiche del viaggio perché avranno a
Der US-amerikanische Tabakkonzern Philip Morris ist auf Image-Tour
auf verschiedenen Flughäfen in Middle
East unterwegs. Als Eye Catcher wird
den staunenden Passagieren ein Formel 1-Ferrari mit Originalutensilien von
Michael Schumacher präsentiert. Den
Abu Dhabi
Hong Kong
Macao
7 destinazioni
diverse: “Il giro
del mondo in 18
giorni” rappresenta un’occasione
unica per aggiornarsi in materia di retail e
di experience economy.
Singapore
A fine febbraio sarà disponibile la brochure con i dettagli relativi al viaggio “Il
giro del mondo in 18 giorni” con prestazioni e costi. Per chi prenota in anticipo
è previsto anche un bonus. Considerata l’affluenza ai seminari itineranti sugli
allestimenti, è consigliabile prenotare
per tempo.
© shutterstock.com/David Gn
La piscina del Marina Bay Sands costituisce un ponte di collegamento fra tre grattacieli.
SHOP aktuell 109
Philip Morris
auf Image-Tour
Philip Morris in
Medio Oriente
Den rund 30 m² großen Event-Stand für Philip
Morris hat Umdasch Shop-Concept Middle East
geliefert. Lo stand Philip Morris di 30 m²
realizzato dalla Umdasch Shop-Concept
Middle East.
dafür notwendigen mobilen Event-Stand
hat Umdasch Shop-Concept Middle East
nach Plänen von Frontline in zweifacher
Ausfertigung vor Ort produziert. Den Premierenauftritt gab es Mitte November
2010 im Dubai Duty Free, zeitgleich mit
dem Formel 1-WM-Finale im benachbarten Abu Dhabi.
La multinazionale statunitense del
tabacco Philip Morris è presente con le
sue immagini negli aeroporti del Medio
Oriente. A catturare l’attenzione dei viaggiatori in transito è una Ferrari da Formula 1 con accessori originali di Michael
Schumacher. Lo stand mobile per eventi
è stato realizzato in loco dalla Umdasch
Shop-Concept Middle East su progetto
della Frontline in due versioni diverse.
La presentazione in anteprima si è svolta a metà novembre 2010 al duty free di
Dubai in contemporanea all’ultima prova
del mondiale di Formula 1 nella vicina
Abu Dhabi.
umdasch shop-concept
65
Bücher Novita Editoriali
Kalender Appuntamenti
Neue Bücher Novita editoriali (in lingua tedesca)
H. MÜLLER-VOGG
P. KOTLER, H. KARTAJAYA, I. SETIAWAN
C. FRIEDEMANN, M. HORX, A. STEINLE
DIE DOUGLAS-STORY
DIE NEUE DIMENSION DES
MARKETINGS
MEGATREND KOCHBUCH
Wenn einer die Kunst beherrscht, Handel mit Herz
und Verstand zu betreiben, dann Jörn Kreke, der
langjährige Vorstandsvorsitzende der DOUGLAS
HOLDING AG. Dieses Buch porträtiert nicht nur
seine Persönlichkeit, sondern auch die Erfolgsstory einer der größten deutschen Lifestyle-Konzerne.
Lesen Sie über Jörn Krekes Unternehmensphilosophie – Kunden sollen mit allen Sinnen genießen, die
unverändert aktuell ist.
Die neue Dimension des Marketings betrachtet den
Kunden als ganzen Menschen, der soziale Verantwortung übernehmen will und eigene Werte und Visionen verinnerlicht. Genau das erwarten Kunden
auch von Unternehmen, deren Produkte sie kaufen.
Philip Kotler beschreibt dazu zehn Credos, die beherzigt werden müssen, um den „human spirit“ der
Kunden gezielt anzusprechen.
Megatrends sind so prägend, dass sie sich in allen
Bereichen ausdrücken, in der Politik, Wirtschaft und
Kultur – sowie im Zusammenleben der Menschen.
Als Grundlage für dieses Kochbuch wurden elf aktuelle Megatrends herangezogen und unter der Zugabe
von modernen Rezepten sowie appetitanregenden
Food-Fotos veredelt. Das Ergebnis: eine zeitgemäße
Rezeptsammlung als kulinarische Antwort auf den
gesellschaftlichen Wandel. Guten Appetit!
Hoffmann und Campe, Hamburg
2010, 160 Seiten
ISBN 978-3-455-50172-8
18,00 € (D), 18,50 € (A), 31,90 SFR (CH)
Campus, Frankfurt am Main
2010, 223 Seiten
ISBN 978-3-593-39343-8
39,90 € (D), 41,10 € (A), 62,90 SFR (CH)
Zukunftsinstitut (www.zukunftsinstitut.de), Kelkheim
2010, 119 Seiten
ISBN 978-3-938284-54-4
29,90 €
M. HORX (HRSG.)
BTE (HRSG.)
P. ANKLAM
TREND-REPORT 2011
DER ERFOLG VERTIKALER
FLÄCHENKONZEPTE
ANALYSE UND PLANUNG IM
OUTFIT-EINZELHANDEL
Der oft zitierte Strukturwandel im Einzelhandel
führte in den letzten Jahren zu einer nachhaltigen
Veränderung der Handelslandschaft und der Absatzkanäle in der Fashion-Branche. Diese Fachdokumentation zeigt, dass Unternehmen durch vertikale Partnerschaften diesen Veränderungen gut
standhalten und ihre Wertschöpfung verbessern
konnten.
Professionelles Kalkulations- und Kostenmanagement wird auch in den Branchen Mode, Schuhe, Accessoires, Sportartikel sowie Heimtextilien zu einem
immer wichtigeren Erfolgsfaktor der Betriebsführung. Peter Anklam beleuchtet dazu die drei maßgebenden Faktoren „Umsatz“, „Kosten“ und „Ertrag“
im Hinblick auf eine höhere Gewinnerzielung.
In der bereits 8. Auflage des Trend-Reports liefert
Matthias Horx einen Ausblick auf die wichtigsten
soziokulturellen Trends für das zukünftige Marktgeschehen. Beantwortet werden dabei Fragen, die
auch für den Handel von großer Bedeutung sind:
Was sind die „Zeichen der Zeit“, nach denen man
seine Strategien neu ausrichten kann? Welche
Branchen sind im Umbruch?
Zukunftsinstitut (www.zukunftsinstitut.de), Kelkheim
2010, 120 Seiten
ISBN 978-3-938284-55-1
125,00 €
ITE - Institut des Deutschen Textileinzelhandels, Köln
2010, 130 Seiten
44,94 € (Preis für Nicht-EHV-Mitglieder!)
Deutscher Fachverlag, Frankfurt am Main
2. Auflage, 2008, 265 Seiten
ISBN 978-3-86641-069-5
98,00 €
Event-Kalender Appuntamenti*
DAta
Luogo
Manifestazione
Tipologia
Informazioni
26. 2. 2011
Düsseldorf
EuroShop Retail Design Conference
Retail Design Conference
www.ehi. org
26. 2. – 2. 3. 2011
Düsseldorf
EuroShop
The Global Trade Fair
www.euroshop.de
7. 3. – 8. 3. 2011
Hongkong
World Retail Congress
Retail Congress
www.worldretailconggress.com
16. 3. 2011
Zürich
„Rückkehr der Macht“
Trend Conference
www.gdi.ch
16. – 17. 3. 2011
London
Retail Week Conference
Retail Congress
www.retailweekconference.com
23. 3. 2011
Oberentfelden Bausteine für die erfolgreiche Ladengestaltung
Eintagesseminar, Consult-Portfolio
www.umdasch-shop-concept.com
24. 3. 2011
Frankfurt
Partner Stores Kongress
Handelskongress
www.bte.de
28. – 30. 3. 2011
Las Vegas
Global Shop
Store Design Fair
www.globalshop.org
29. 3. 2011
Innsbruck
KAUFGEFÜHLE live
Eintagesseminar, Christian Mikunda
www.umdasch-shop-concept.com
5. 4. 2011
Amstetten
Neuromarketing für Handelspraktiker
Eintagesseminar, Hans-Georg Häusel
www.umdasch-shop-concept.com
5. – 6. 4. 2011
Köln
EHI PR Kongress 2011
Handelskongress
www.ehi.org
6. 4. 2011
Oberentfelden Kompetenzentwicklung
Eintagesseminar, Christian Göggerle
www.umdasch-shop-concept.com
6. – 8. 4. 2011
Istanbul
Shopping Center Marketing Conference
www.icsc.org
ICSC European Marketing Conference
11. 4. 2011
Renens
Visual Merchandising
Séminaire d‘un jour, Brigitte Beeler
www.umdasch-shop-concept.com
14. 4. 2011
Düsseldorf
Neuromarketing für Handelspraktiker
Eintagesseminar, Hans-Georg Häusel
www.umdasch-shop-concept.com
14. 4. 2011
Bozen
Umdasch Shop-Concept-Forum
Abendforum, Alfred Fuchsgruber
www.umdasch-shop-concept.com
3. 5. 2011
Amstetten
Store Branding
Eintagesseminar, Max Wöss
www.umdasch-shop-concept.com
3. 5. 2011
Düsseldorf
Strategisches Visual Merchandising
Eintagesseminar, Claudia Engel-Hutner
www.umdasch-shop-concept.com
10. 5. 2011
Amstetten
Visual Merchandising für Praktiker
Eintagesseminar, Irmgard Heyd
www.umdasch-shop-concept.com
12. 5. 2011
Verona
Store Branding
Seminario della durata di un giorno, Gerhard Lipp
www.umdasch-shop-concept.com
66
umdasch shop-concept
SHOP aktuell 109
Bücher Novita Editoriali
Kalender Appuntamenti
(in versione bilingue tedesco/inglese)
V. Bellone, T. Matla
M. BRUHN, R. KÖHLER
M. PEGLER
PRAXISBUCH FRANCHISING
– KONZEPTAUFBAU UND
MARKENFÜHRUNG
WIE MARKEN WIRKEN
GREEN RETAIL DESIGN
Ein verbessertes Verständnis für das Verhalten
der Konsumenten zu entwickeln, ist im Einzelhandel wichtiger denn je. Im Mittelpunkt dieses Sammelbandes stehen deshalb die Erkenntnisse aus
der neuroökonomischen Forschung und Praxis
mit Ableitungen für die effizientere Markenführung.
Abschluss findet dieser Band in einem Diskurs
über die ethischen Grenzen der Neuroökonomie.
Increasing numbers of architects, shopfitters and
visual merchandisers see the importance of sustainable solutions in store planning and decoration.
This new publication illustrates some 60 projects
from a wide variety of sectors in which both planning and implementation focused in particular on
ecological requirements.
Die beiden langjährigen Franchise-Experten Veronika
Bellone und Thomas Matla zeigen in dieser Neuerscheinung, wie Franchising in der Praxis funktioniert
und welche Chancen sich daraus für Unternehmen
ergeben. Mittels acht Franchising-Wahrheiten beschreiben die Autoren den Aufbau eines eigenen
Franchising-Konzeptes.
mi-Wirtschaftsbuch, München
2010, 223 Seiten
ISBN 978-3-86880-119-4
49,95 € (D), 51,40 € (A), 70,90 SFR (CH)
A. STEINLE, A. KIRIG, H. GATTERER,
O. DZIEMBA, K. BRÜHL
MIKROTRENDS
Mikrotrends, die Pendants zu den großflächigen
Megatrends, zeigen, dass der „Kreative Kapitalismus“ der Zukunft im Detail verborgen liegt. Trend­
experten haben dazu 50 Mikrotrends aufgespürt
und hinsichtlich ihrer Branchenrelevanz beurteilt.
Verdichtung und Abschluss findet jede MikrotrendBeobachtung in einer Trendprognose und Markteinschätzung.
Zukunftsinstitut (www.zukunftsinstitut.de), Kelkheim
2010, 120 Seiten
ISBN 978-3-938284-52-0
125,00 €
Vahlen, München
2010, 335 Seiten
ISBN 978-3-8006-3723-2
49,80 €
D. AHLERT, P. KENNING, R. OLBRICH,
H. SCHRÖDER (HRSG.)
MULTICHANNEL-MANAGEMENT –
JAHRBUCH VERTRIEBS- UND
HANDELSMANAGEMENT 2010/2011
Um neue Wege zu ihren Kunden zu finden, setzen
Industrie und Handel verstärkt auf die Integration
neuer Absatzkanäle. Die Folge: der Auf-/Ausbau
eines Multichannel-Systems. Dabei treten für gewöhnlich viele Fragen auf: Wie reagieren Kunden
auf die Möglichkeit, mehrere Kanäle zu nutzen?
Welche Anforderungen ergeben sich an ein solches
System? … Antworten liefert das Jahrbuch.
ST Media Group International, Cincinnati, Ohio,
2010, 256 pages, English
ISBN 978-0-944094-68-6
€ 45.00
MORGAN, CONWAY LLOYD (Ed.)
INTERNATIONAL TRADE FAIR
DESIGN ANNUAL 2010 / 2011
Conway Lloyd Morgan shows with numerous examples how the trade-fair stands of famous exhibitors
in a wide variety of sectors continue to evolve without losing recognition value despite long-term cooperation with a regular designer. “Curtain up” for
exclusive stand design!
avedition, Ludwigsburg
2010, 208 pages, German/English
ISBN 978-3-89986-141-9
€ 69.90 (D), SFR 109 (CH), US$ 99.00 (US)
Deutscher Fachverlag, Frankfurt am Main
2010, 302 Seiten
ISBN 978-3-86641-222-4
68,00 €
DAta
Luogo
Manifestazione
Tipologia
Informazioni
16. 5. 2011
Aarau
Umdasch Shop-Concept-Forum
Abendforum, offen
www.umdasch-shop-concept.com
17. 5. 2011
Amstetten
Mulit-Channel-Konzepte für den stationären Handel
Eintagesseminar, Kai Hudetz
www.umdasch-shop-concept.com
22. – 25. 5. 2011
Las Vegas
RECon
Retail Real Estate Convention
www.recon.com
23. 5. 2011
Paris
Visual Merchandising
Séminaire d‘un jour, Brigitte Beeler
www.umdasch-shop-concept.com
24. 5. 2011
Amstetten
Kompetenzentwicklung
Eintagesseminar, Christian Göggerle
www.umdasch-shop-concept.com
24. 5. 2011
Neidenstein
Visual Merchandising für Praktiker
Eintagesseminar, Irmgard Heyd
www.umdasch-shop-concept.com
25. – 29. 5. 2011
Shanghai
Laden-Dramaturgie LIVE!
Shop-Expedition, Christian Mikunda
www.umdasch-shop-concept.com
31. 5. – 1. 6. 2011
Berlin
European Retail Technology Summit
Technology Congress
www.ehi.org
EHI Sicherheitskongress
7. – 8. 6. 2011
Köln
Handelskongress
www.ehi.org
8. 6. 2011
Oberentfelden Multi-Channel-Konzepte für den stationären Handel
Eintagesseminar, Kai Hudetz
www.umdasch-shop-concept.com
16. 6. 2011
Wien
Food Handelskongress
www.regal.at
REGAL Branchentreff
21. – 22. 6. 2011
Bonn
Stores 2011
Handelskongress
www.managementforum.com
28. 6. 2011
Amstetten
Mit Zahlen führen und motivieren
Eintagesseminar, Markus Haslinger
www.umdasch-shop-concept.com
8. – 9. 9. 2011
Zürich
61. Internationale Handelstagung
Handelstagung
www.gdi.ch
13. – 14. 9. 2011
Bonn
EHI Retail Design Konferenz 2011
Retail Design Konferenz
www.ehi.org
15. – 16. 9. 2011
Berlin
German Council Congress
Shopping Center-Kongress
www.gcsc.de
20. – 24. 10. 2011
Las Vegas
Laden-Dramaturgie LIVE! Las Vegas
Shop-Expedition, Christian Mikunda
www.umdasch-shop-concept.com
11. – 13. 10. 2012
Alpbach
DIE KUNST DER INSZENIERUNG III
Int. Handels-Forum / Retail Forum
www.umdasch-shop-concept.com
5. – 24. 4. 2013
Weltreise
„In 18 Tagen um die Welt“
(Laden-Dramaturgie LIVE!-Special)
Shop-Expedition, Christian Mikunda
www.umdasch-shop-concept.com
* Le informazioni sugli eventi sono riportate nella lingua di lavoro della manifestazione.
SHOP aktuell 109
umdasch shop-concept
67
Booking
*
Ladenbau von A bis Z
by Umdasch Shop Academy
Das zur EuroShop 2011 erscheinende Ladenbau- und
Laden-Marketing-Lexikon gehört zum Handwerkszeug
all jener, die mit der Konzeption, Planung und Realisierung von Ladeninvestitionen beschäftigt sind. Lexikonteil
mit ca. 1.000 Begriffen. Thementeil mit 28 Beiträgen ausgewiesener internationaler Experten zu aktuellen Fragen
aus dem Retail- und Shopfitting-Business.
Das von der Umdasch Shop
Academy in Zusammenarbeit mit
dem Callwey-Verlag herausgegebene
„Ladenbau- und Laden-MarketingLexikon“ ist Nachschlagewerk und
Trendreport für alle, die sich mit der
Konzeption, Planung und
Realisierung von Ladeninvestitionen
beschäftigen.
Il “Dizionario dell’arredamento e del
marketing” edito dalla Umdasch
Shop Academy in collaborazione con
la casa editrice Callwey-Verlag non
dovrebbe mancare nella libreria del
professionista dell’arredamento e
dello shopfitting. La prima edizione è
disponibile soltanto in lingua
tedesca.
* Ladenpreis: € 49,95. ISBN 978-3-7667-1880-8. Format 17 x 24 cm, gebunden, 304 Seiten. Lieferbar ab 26. 2. 2011.
Sonderpreis für Abonnenten des internationalen Fachmagazins SHOP aktuell: € 35,00 zzgl. MwSt., Porto und Versandkosten.
(Bestellungen über [email protected] oder www.umdasch-shop-concept.com)
www.umdasch-shop-concept.com
Member of the Umdasch Shopfitting Group
Umdasch Shop-Concept GmbH
A-3300 Amstetten
Tel. +43 7472 605-0, Fax 63487
[email protected]
Umdasch Shop-Concept AG
CH-5036 Oberentfelden
Tel. +41 62 7372525, Fax 7372550
[email protected]
Umdasch Shop-Concept GmbH
D-74933 Neidenstein
Tel. +49 7263 401-0, Fax 401-145
[email protected]
Umdasch Shop-Concept SAS
F-91160 Champlan
Tel. +33 1 60491840, Fax 60491841
[email protected]
Umdasch Shop-Concept Ltd.
GB-Oxford OX4 1LF
Tel. +44 1865 207800, Fax 207801
[email protected]
Umdasch Shop-Concept Ltd.
IRL-Drogheda, County Louth
Tel. +353 1 490 99 41
[email protected]
Umdasch Shop-Concept S.r.l.
I-39055 Pineta di Laives (BZ)
Tel. +39 0471 958700, Fax 958777
[email protected]
Umdasch Shop-Concept GmbH
NL-7556 BN Hengelo (Ov.)
Tel. +31 74 2467360, Fax 2504423
[email protected]
Umdasch Shop-Concept spol. s r.o.
CZ-37001 České Budějovice
Tel. +420 387022011, Fax 7022013
[email protected]
Umdasch Shop-Concept L.L.C
UAE-Dubai
Tel. +971 4 3417715, Fax 3417716
[email protected]
ShopConsult by Umdasch
A-3300 Amstetten
D-46149 Oberhausen
CH-5036 Oberentfelden
La Umdasch Shop-Concept e la Umdasch Shopfitting Group sono a Vostra disposizione nei seguenti uffici vendita e progettazione: in Austria a Vienna, Traun/St. Martin, Innsbruck e Leibnitz; in
Svizzera a Münsingen (Berna) e a Renens (Losanna); in Germania ad Amburgo, Oberhausen, Monheim, Bamberg; in Italia a Parma e Milano; in Norvegia ad Oslo, Stavanger; in Slovenia a Zgornja
Polskava; in Croazia a Zagabria; in Serbia a Belgrado; in Polonia a Varsavia; in Russia ad Mosca; in Canada a Toronto; negli USA a New York e Newport Beach/CA.
www.umdasch.com • www.umdasch-shop-concept.com • www.assmann.at • www.jonas-shop.com • www.shop-consult.com

Documenti analoghi

house of football, Soweto

house of football, Soweto Wenn Sie Fragen im Zusammenhang mit dem Inhalt dieses SHOP aktuell haben, so wenden Sie sich per Fax oder Mail direkt an die Redaktion. Per ulteriori informazioni riguardo ai contenuti di SHOP aktu...

Dettagli