on smartech 2 ITA

Commenti

Transcript

on smartech 2 ITA
2
Sugli sci
di Marco Passarello
La rivoluzione elettronica
investe anche gli sport
invernali: vi spieghiamo come
rimanere connessi anche sui
campi innevati
Quello dello sci è indubbiamente uno sport soggetto a
una velocissima evoluzione tecnologica: tra gli sci che
Toni Sailer indossava quando sessant’anni fa vinceva tutte le gare alle Olimpiadi di Cortina, e quelli oggi ai piedi
anche degli sciatori della domenica, c’è solo una parentela molto lontana. Ma siamo alle soglie di una nuova rivoluzione, ora che sciare sembra diventare non solo una
questione di meccanica, ma anche di elettronica. Nella
panoramica che segue vedremo tutta la tecnologia che è
già a disposizione per lo sciatore che vuole essere all’avanguardia tecnologica.
verso
il futuro
Sci che sanno
quello che fanno
La novità più notevole viene proprio dalla Svizzera, e
al momento non è ancora in commercio, anche se potrebbe esserlo tra breve. Si chiama Pomocup, ed è un
piccolo dispositivo dotato di schermo, che va montato
sulla superficie superiore dello sci. Grazie ai numerosi
sensori di cui è dotato (tra cui un accelerometro, un giroscopio e un barometro) è in grado di registrare un gran
numero di dati sia sull’ambiente, sia sulla performance di uno sciatore-alpinista, visualizzandoli sul proprio
schermo o su un’app da installare sullo smartphone. Lo
sciatore desideroso di analizzare la propria performance
potrà conoscere all’istante dati come la temperatura della
neve, la velocità di salita o discesa o la cadenza e la simmetria dei propri passi. A inventarlo è stata un’aziendaspinoff dell’EPFL, Politencico di Losanna, cioè Gait Up,
congiuntamente con il produttore di equipaggiamento
sciistico Pomoca. È prevista anche una versione professionale destinata alle guide alpine. Mentre andiamo
in stampa mancano pochi giorni alla conclusione della
campagna di raccolta fondi su Kickstarter, dal cui suc-
3
4
Garmin Fenix 3, uno smartwatch particolarmente adatto agli sciatori. Dotato di GPS, altimetro,
barometro, e in grado di valutare la performance nelle singole discese.
Suunto Ambit GPS Watch,
un altro smartwatch
con centinaia di app a
disposizione per varie
attività sportive, tra cui lo
sci.
In alto: action cam GoPro Hero+.
In basso: i guanti da sci Bluetooth di BearTek.
A destra, dall’alto verso il basso: una GoPro
montata su un casco da sci; le calze riscaldate
Therm-IC PowerSocks; gli occhiali da sci con
visualizzatore Oakley Airwave.
cesso dipenderà la commercializzazione del prodotto. Sempre in materia di sci intelligenti, è invece già in commercio la
tecnologia Empower del produttore statunitense Madshus. Tutti gli sci da fondo prodotti dall’azienda contengono un
chip in cui sono registrate tutte le loro caratteristiche. Attraverso un’app per smartphone, è possibile non solo trovare il
paio di sci più adatto alle proprie esigenze, ma anche ricevere consigli su quale sciolina applicare in base alle condizioni
del percorso da affrontare.
Il vostro corpo sotto controllo
Cameramen di se stessi
Ovviamente il mondo dello sci non può rimanere immune da una delle tendenze principali del mondo dell’elettronica: quello dei
dispositivi indossabili. Utilizzando uno di questi prodotti, è possibile tenere traccia delle proprie discese, misurando i chilometri
percorsi,ponendosidegliobiettividarispettare,monitorandoilbattitocardiaco,econdividendosuisocialnetworkipropririsultati.
Tra le aziende all’avanguardia nei prodotti di questo tipo c’è la svizzera Garmin, il cui smartwatch Fenix 3, disponibile in
molte versioni adatte a diversi stili di abbigliamento, ha molte funzione adatte per gli sciatori. Per esempio, è in grado di separare autonomamente le varie discese compiute durante una giornata, disinserendo da solo la registrazione quando siete
in seggiovia, e confrontando le varie performance sapendovi dire se siete andati meglio o peggio della volta precedente. È
dotato di altimetro, barometro, bussola e GPS, in modo che sia impossibile perdersi. E misurando la frequenza cardiaca è
in grado di calcolare le calorie consumate. Funzioni simili sono presenti anche su altri prodotti come per esempio l’Ambit
della finlandese Suunto.
Un’altra piccola rivoluzione che si sta svolgendo in questo
periodo è quella delle action cam: videocamere così piccole da poter essere indossate, fissate al casco o al braccio, eppure in grado di effettuare lunghe riprese ad alta
risoluzione per documentare le vostre discese. Tra queste,
il marchio più popolare è indubbiamente GoPro, che ha
aperto la strada a questo tipo di dispositivi. La scelta è
tra il modello per principianti GoPro Hero+, e la più costosa, ma estremamente piccola e leggera Hero4 Session.
Quest’ultima, grazie a Bluetooth e Wi-Fi, e controllabile
5
6
Aumenta la capacità
di archiviazione
su iPhone e iPad
Pomocup. Il dispositivo che rende gli sci intelligenti.
L’app Madshus Empower, per la scelta degli sci di fondo più adatti.
attraverso un telecomando, e può inviare i suoi filmati direttamente allo smartphone per un’immediata condivisione.
Ma sono numerosi i marchi che si sono lanciati in questo settore. Per esempio Sony, il cui modello Action Cam
FDR X1000V consente addirittura riprese video in formato 4K, marcate attraverso un GPS per poter sapere
sempre dove eravate quando avete girato il filmato.
Con le mani libere
Come fare a tenere sotto controllo tutta questa tecnologia durante una discesa impegnativa? Non c’è
problema: sono già disponibili varie soluzioni che
possono permettervi di farlo con grande facilità.
Tra queste, la più sorprendente è la proposta della statunitense BearTek, che ha messo in commercio dei “guanti da neve Bluetooth”. Si tratta di un paio di guanti da
sci dotati di un modulo Bluetooth, che permettono di
inviare comandi ai dispositivi che avete addosso, semplicemente toccando dei punti sensibili sulle dita. Si
possono usare per controllare la videocamera indossabile, ma anche per cambiare il brano musicale che state
ascoltando con le cuffie attraverso il vostro smartphone.
E, a proposito di smartphone, potete tranquillamente
fare a meno di tirarlo fuori dalla tasca. La californiana
Oakley, infatti, produce un sofisticatissimo modello di
occhiali da sci, l’Airwave, che è in grado di proiettare dati
sul campo visivo dello sciatore; quello che, in gergo aeronautico, si chiama uno “head up display”. In pratica,
mentre scendete lungo un pendio innevato potete avere sott’occhio tutto quello che decidete di visualizzare:
la velocità con cui vi muovete, la posizione di un vostro
amico, il titolo del brano che state ascoltando, o il testo di
un SMS che vi hanno appena mandato. Tutto questo, ovviamente, purché siate disposti a pagarne il prezzo piut-
tosto elevato (più di 500 CHF); e purché non siate il tipo
di persona che va a schiantarsi contro un albero mentre
riceve sugli occhiali un messaggio della persona amata.
A questo proposito, forse per comunicare con gli altri è
meglio usare la voce. Nel qual caso può esservi utile il
kit HBC220 prodotto da Uclear, che permette di installare nel casco da sci un comunicatore Bluetooth che vi
permetterà di parlare con gli amici a diverse centinaia di
metri di distanza.
Comfort e sicurezza
Concludiamo con una rassicurazione per i freddolosi: se
pensate che comunque sarete troppo intirizziti per poter
sfruttare tutta questa tecnologia, tenete conto che lo sciatore moderno ha a disposizione anche una serie di accessori pensati per scaldare le estremità. La statunitense Seirus produce i guanti da sci Inferno, dotati di una batteria e
di resistenze elettriche in grado di scaldarvi le mani per 3-6
ore, a seconda della temperatura esterna. Stessa cosa fa per
i piedi l’austriaca Therm-IC, i cui PowerSocks sono calzini
lavabili dotati di resistenze elettriche, che collegati a una batteria vi terranno i piedi caldi anche nell’inverno più rigido.
Se invece a preoccuparvi è la paura di incidenti, anche
qui la tecnologia può venirvi in soccorso. La francese
In&Motion ha infatti prodotto il primo airbag per sciatori. In caso di caduta ad alta velocità si gonfia in un decimo
di secondo, proteggendovi dalle peggiori conseguenze. Se
invece sono le valanghe a farvi paura, potete acquistare
uno dei numerosi abiti da sci dotati del sistema RECCO:
un riflettore incorporato nel tessuto vi renderà molto
più facili da trovare nel caso in cui rimaniate sepolti dalla
neve. Se questo pensiero non vi conforta, la tedesca Ortovox produce zaini-airbag in grado di darvi un’ulteriore
protezione.
iXpand™ Flash Drive
Con iXpand trasferisci file e video tra iPhone, iPad* e computer
Mac, ovunque sei. Aumenta la capacità disponibile sui tuoi
dispositivi e tutto diventa più semplice.
È sufficiente collegare il connettore Lightning al tuo iPhone o
iPad e trasferire i tuoi file sull’unità flash iXpand. Non sono
necessari cavi, cloud o connessione internet.
RACCONTA STORIE DI VITA CON LE SCHEDE DI MEMORIA
Affida i tuoi ricordi a SanDisk™
* Supporta iPhone 5 e modelli successivi, iPad Air, iPad con display Retina (4a generazione), iPad mini con display Retina, iPad mini e modelli successivi; è necessario disporre del sistema operativo iOS 7+.
©2015 SanDisk Corporation. Tutti i diritti riservati. SanDisk è un marchio commerciale di SanDisk Corporation, registrato negli Stati Uniti e in altri Paesi. iXpand è un marchio commerciale di SanDisk Corporation. Apple, il logo
Apple, iPhone, iPad, Mac e Lightning sono marchi commerciali di Apple Inc., registrati in USA e in altri paesi. App Store è un marchio di servizio di Apple Inc. Tutti gli altri marchi commerciali sono di proprietà dei rispettivi titolari.
7

Documenti analoghi