resoconto integrale ix legislatura – seduta n. 157

Transcript

resoconto integrale ix legislatura – seduta n. 157
Regione Abruzzo
-1-
Resoconti Consiliari
RESOCONTO INTEGRALE
≈≈≈≈≈≈≈≈
IX LEGISLATURA – SEDUTA N. 157 - 30/07/2013
(Palazzo dell'Emiciclo - L'Aquila)
PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
INDI
DEL PRESIDENTE PAGANO
Indice
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 13
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 13
D’ALESSANDRO CESARE ................................................................................................................................... 13
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 13
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 13
COMUNICAZIONI ..................................................................................................................................................... 13
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 13
APPROVAZIONE PROCESSO VERBALE SEDUTA DEL 2.7.2013 ....................................................................... 14
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 14
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 15
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 15
CHIAVAROLI (PDL).............................................................................................................................................. 15
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 15
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 15
DIMISSIONI DEL CONSIGLIERE PASQUALE DI NARDO – PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI ................. 15
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 15
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 15
CHIAVAROLI (PDL)............................................................................................................................................ 16
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 16
SCLOCCO (PD) ...................................................................................................................................................... 16
INTERROGAZIONE A R.O. N. 145 A FIRMA DEI CONSIGLIERI ACERBO E SAIA RECANTE: PIANI
INTEGRATI DI SVILUPPO URBANO. ..................................................................................................................... 16
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 16
Regione Abruzzo
-2-
Resoconti Consiliari
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.) ..................................................................................................................... 16
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 17
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.) ..................................................................................................................... 17
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 18
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.) ..................................................................................................................... 18
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 18
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 18
INTERROGAZIONE A R.O. N. 157 A FIRMA DEL CONSIGLIERE CARAMANICO, RECANTE: COLLEGI
SINDACALI DELLE ASL DI AVEZZANO-SULMONA-L'AQUILA, LANCIANO-VASTO-CHIETI, PESCARATERAMO ..................................................................................................................................................................... 18
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 18
CHIODI (PRESIDENTE GIUNTA REGIONALE) ................................................................................................ 18
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 20
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 20
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 20
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 20
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 20
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 20
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 20
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 20
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 20
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO) .................................................................................................................... 20
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 20
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO) .................................................................................................................... 20
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 21
INTERPELLANZA N. 352 A FIRMA DEL CONSIGLIERE CAPORALE RECANTE: COMPATIBILITA' DI
INCARICHI DIPENDENTE PUBBLICO DEL SSN ASL LANCIANO VASTO CHIETI ED AFFIDAMENTI
DIRETTI ED INDIRETTI DEI SERVIZI A.D.I. E ASSISTENZA PSICHIATRICA, RIABILITATIVA E DI
TUTORAGGIO. ........................................................................................................................................................... 21
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 21
INTERPELLANZA N. 353 A FIRMA DEL CONSIGLIERE CAMILLO D'ALESSANDRO RECANTE:
INCARICO DI CONSULENZA AL DR. GABRIELE ROSSI NELL'AMBITO DEL PROGETTO "ABRUZZO 2020
SANITA' SICURA". .................................................................................................................................................... 21
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 21
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 21
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS ........................................................................................................................ 22
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 22
D’ALESSANDRO CAMILLO (PD) ....................................................................................................................... 23
INTERPELLANZA N. 354 A FIRMA DEL CONSIGLIERE SCLOCCO RECANTE: PRESIDIO OSPEDALIERO
SAN MASSIMO E STRUTTURA DEL CARMINE DI PENNE................................................................................ 24
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 24
SCLOCCO (PD) ...................................................................................................................................................... 24
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 24
Regione Abruzzo
-3-
Resoconti Consiliari
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 25
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 26
SCLOCCO (PD) ...................................................................................................................................................... 26
SCLOCCO (PD) ...................................................................................................................................................... 26
SCLOCCO (PD) ...................................................................................................................................................... 26
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 26
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 26
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 26
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 26
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 26
INTERPELLANZA N. 355 A FIRMA DEL CONSIGLIERE D'ALESSANDRO CESARE, RECANTE:
RICONFERMA DEL PROF. CARLO VICENTINI AL REPARTO DI UROLOGIA DI TERAMO ........................ 27
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 27
D'ALESSANDRO CESARE (IDV) ......................................................................................................................... 27
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 28
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 28
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 29
D'ALESSANDRO CESARE (IDV) ......................................................................................................................... 29
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 29
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 29
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 29
D'ALESSANDRO CESARE (IDV) ......................................................................................................................... 29
RISOLUZIONE A FIRMA DEL CONSIGLIERE PALOMBA: ISTITUZIONE DIVIETO DI TRANSITO AI
VEICOLI DI MASSA A PIENO CARICO SUPERIORE A 7,5 T. SULLA S.P. 88 SANGRINA, S.P. 88 VAR. E
S.P. 88 DIR S. ANGELO DEL PESCO ....................................................................................................................... 30
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 30
PALOMBA (IDV) .................................................................................................................................................. 30
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 30
RISOLUZIONE A FIRMA DEL CONSIGLIERE CARAMANICO: INDICE DI BENESSERE ECONOMICO
SOSTENIBILE............................................................................................................................................................. 30
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 30
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 30
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 30
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 30
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 30
RISOLUZIONE N. 1: D’INIZIATIVA D'ALESSANDRO CAMILLO - SCLOCCO ................................................ 30
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 30
RISOLUZIONE N. 2: D’INIZIATIVA TAGLIENTE - RABUFFO ........................................................................... 31
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 31
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 31
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 31
TAGLIENTE (PDL) ................................................................................................................................................ 31
Regione Abruzzo
-4-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 31
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 32
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 33
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 33
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 33
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 33
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 33
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 33
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 34
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 36
TAGLIENTE (PDL) ................................................................................................................................................ 36
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 36
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 36
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 37
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 37
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 38
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
RISOLUZIONE D’INIZIATIVA NASUTI – CHIAVAROLI: MALATI AFFETTI DA MALATTIE RARE........... 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 38
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 38
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 39
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 39
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 40
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 40
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 40
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 40
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 41
CHIAVAROLI (PDL).............................................................................................................................................. 41
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 41
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 41
RISOLUZIONE N. 4: SOLIDARIETÀ AL PUBBLICO MINISTERO DI MATTEO, TITOLARE DI PROCESSI
ANTIMAFIA................................................................................................................................................................ 41
Regione Abruzzo
-5-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 41
RISOLUZIONE N. 3: METANODOTTO SULMONA - FOLIGNO. ......................................................................... 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 42
COSTANTINI (IDV) ............................................................................................................................................... 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 42
COSTANTINI (IDV) ............................................................................................................................................... 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 42
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 42
PROGETTO DI LEGGE N. 531/2013: RECUPERO E RESTAURO CONSERVATIVO DEI BORGHI ANTICHI E
CENTRI STORICI MINORI NELLA REGIONE ABRUZZO ATTRAVERSO LA VALORIZZAZIONE DEL
MODELLO ABRUZZESE DI OSPITALITA’ DIFFUSA. DISCIPLINA DELL’ALBERGO DIFFUSO. ................. 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 42
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 43
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 43
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 43
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 43
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 43
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 43
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 44
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 44
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 44
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 44
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 45
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 45
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 45
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 45
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 45
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 45
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 45
FEBBO (COMPONENTE G.R.) ............................................................................................................................. 45
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 45
P.L. 465/12 DI INIZIATIVA CONSILIARE: SULPIZIO, PROSPERO, CESARE D'ALESSANDRO: NORME PER
L'ESERCIZIO, LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELL'APICOLTURA NELLA REGIONE ABRUZZO. 45
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO) .................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
Regione Abruzzo
-6-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 46
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 47
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 48
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
FEBBO (COMPONENTE G.R.) ............................................................................................................................. 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
FEBBO (COMPONENTE G.R.) ............................................................................................................................. 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
FEBBO (COMPONENTE G.R.) ............................................................................................................................. 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
SULPIZIO (API) ...................................................................................................................................................... 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
Regione Abruzzo
-7-
Resoconti Consiliari
PROGETTO DI LEGGE N. 515/2013: MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 OTTOBRE 1996 N. 96
(NORME PER L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE
PUBBLICA E PER LA DETERMINAZIONE DEI RELATIVI CANONI DI LOCAZIONE). ................................. 49
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 49
RICCIUTI (PDL) ..................................................................................................................................................... 50
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 50
RICCIUTI (PDL) ..................................................................................................................................................... 50
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 50
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 50
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 50
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 51
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 51
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 52
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 52
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 52
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 52
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 52
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 52
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 53
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 53
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 53
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 53
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 53
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 53
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 53
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 53
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 53
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 53
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 53
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 54
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 54
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 54
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 54
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 54
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE) .................................................................................. 54
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 54
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 54
VENTURONI (PDL) .............................................................................................................................................. 54
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 54
PROGETTO DI LEGGE N. 549/2013: MODIFICHE ALL’ARTICOLO 33 DELLA LEGGE REGIONALE 28
DICEMBRE 2012, N. 68 E MODIFICHE DELLA LEGGE REGIONALE 28 MAGGIO 2013, N. 12 ..................... 55
Regione Abruzzo
-8-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 55
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 55
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 55
D’ALESSANDRO CAMILLO (PD) ...................................................................................................................... 55
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 55
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 56
PAOLINI (IDV) ....................................................................................................................................................... 56
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 56
PAOLINI (IDV) ....................................................................................................................................................... 56
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 56
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 56
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 56
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 56
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 57
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 57
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 57
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 57
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 57
PROGETTO DI LEGGE N. 550/2013: MODIFICA DELL'ART. 8, COMMA 4, DELLA L.R. 9.5.2001, N. 18 E
S.M.I. ............................................................................................................................................................................ 57
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 57
COSTANTINI (IDV) ............................................................................................................................................... 57
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 57
ACERBO (PRC) ...................................................................................................................................................... 58
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 58
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 58
D'AMICO (PD) ........................................................................................................................................................ 58
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 58
D'AMICO (PD) ........................................................................................................................................................ 58
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 58
D'AMICO (PD) ........................................................................................................................................................ 58
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 58
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 58
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 58
D'AMICO (PD) ........................................................................................................................................................ 59
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 59
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 59
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 59
D'AMICO (PD) ........................................................................................................................................................ 59
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 59
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 59
Regione Abruzzo
-9-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 59
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 59
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 59
PROGETTO DI LEGGE N. 38/2009: MODIFICA ALLA L.R. 7.3.2000, N. 23 - PARCO NATURALE
REGIONALE "SIRENTE VELINO" - REVISIONE CONFINI E DELIMITAZIONE ZONE (ISCRITTO SENZA
RELAZIONE AI SENSI DELL'ART. 70, COMMA 3 DEL REGOLAMENTO) ....................................................... 60
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 60
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 60
RICCIUTI (PDL) ..................................................................................................................................................... 60
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 60
RICCIUTI (PDL) ..................................................................................................................................................... 60
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 60
RICCIUTI (PDL) ..................................................................................................................................................... 60
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 60
PROGETTO DI LEGGE N.534/2009: VALORIZZAZIONE DEL TURISMO NATURISTA .................................. 60
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 60
ARGIRO' (PDL) ...................................................................................................................................................... 60
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 60
ARGIRO' (PDL) ...................................................................................................................................................... 61
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 61
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 61
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 61
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 61
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 61
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 61
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
MENNA (UDC) ....................................................................................................................................................... 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 62
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD) ........................................................................................................................ 62
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 63
FEBBO (COMPONENTE G. R.) ............................................................................................................................ 63
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 63
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 63
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 63
Regione Abruzzo
-10-
Resoconti Consiliari
PROGETTO DI LEGGE N. 515/2013: MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 20 OTTOBRE 1996, N. 96
(NORME PER L’ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE
PUBBLICA E PER LA DETERMINAZIONE DEI RELATIVI CANONI DI LOCAZIONE) .................................. 63
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 63
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 63
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 63
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 63
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.) ..................................................................................................................... 64
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 64
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.) ..................................................................................................................... 64
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 64
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 64
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 64
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 64
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 64
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 65
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 65
SOSPIRI (PDL) ....................................................................................................................................................... 65
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 65
GIULIANTE COMPONENTE G.R. ....................................................................................................................... 65
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 65
DI PANGRAZIO (PD)............................................................................................................................................. 65
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 66
DI PANGRAZIO (PD)............................................................................................................................................. 66
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 66
FEBBO (COMPONENTE G.R.) ............................................................................................................................. 66
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 66
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 66
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 66
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 66
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 66
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 67
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 67
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 67
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 67
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 67
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
INSERIMENTO FUORI SACCO: PROG. N. 542/13 – D’INIZIATIVA CONSILIARE “PARTECIPAZIONE
DELLA REGIONE ALLA FONDAZIONE MICHETTI FRANCAVILLA AL MARE E FINANZIAMENTO A
SOSTEGNO DEL PREMIO LETTERARIO CITTA DI PENNE-MOSCA” .............................................................. 68
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
Regione Abruzzo
-11-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
VENTURONI (PDL) ............................................................................................................................................... 68
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 68
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 69
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 69
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 69
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)...................................................................................................................... 69
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 69
MENNA (UDC) ....................................................................................................................................................... 69
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 69
MENNA (UDC) ....................................................................................................................................................... 69
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 69
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 69
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 69
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO) .................................................................................................................... 69
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 70
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 70
PETRI (PDL) ........................................................................................................................................................... 70
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 70
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 70
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 70
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 70
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 70
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 70
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 70
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 70
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 70
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 71
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 71
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 71
NASUTI (GRUPPO MISTO) .................................................................................................................................. 71
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 71
NASUTI (GRUPPO MISTO) ................................................................................................................................. 71
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 71
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 71
PRESIDENTE.......................................................................................................................................................... 71
Regione Abruzzo
-12-
Resoconti Consiliari
Regione Abruzzo
(La seduta ha inizio alle ore 13:24)
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Prego i colleghi di prendere posto.
Dichiaro aperta la seduta.
(Viene suonato l’inno d’Italia. Segue un lungo
applauso)
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Apriamo la seduta con gli annunci.
D’ALESSANDRO CESARE
Presidente, chiedo scusa, le chiedo un minuto di
silenzio per le vittime di Napoli e di Avellino in
concomitanza del lutto nazionale.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Benissimo, in piedi.
CHAVAROLI R. (PDL)
Presidente, naturalmente ci associamo, ne
abbiamo parlato prima, soprattutto alle vittime di
Città Sant’Angelo.
(Viene osservato un minuto di silenzio. Segue un
lungo applauso)
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Naturalmente, va un abbraccio commosso alle
famiglie di tutti coloro che sono stati colpiti da
questo gravissimo lutto e in particolare agli
abruzzesi.
COMUNICAZIONI
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Bene, apriamo la seduta con con questo
annuncio:
-D’iniziativa della Giunta Regionale sono
pervenuti i seguenti Progetti di Legge, in
particolare: “Testo unico in materia di tutela e
valorizzazione delle foreste, dei pascoli e del
patrimonio arboreo della Regione Abruzzo e il
riordino delle funzioni in materia di idoneità del
percorso e della fermata dei servizi
automobilistici del trasporto pubblico locale.
-13-
Resoconti Consiliari
D’iniziativa del Consigliere Nasuti, modifica
all’articolo 33 della Legge Regionale 68 del
2012;
Del Consigliere D’Alessandro Cesare, modifica
all’articolo 8 comma 4 della Legge Regionale
9/5/2001, n. 18 e successive modifiche e
integrazioni;
Di iniziativa del Consigliere Antonio Prospero
“Istituzione della giornata della memoria per i
caduti in agricoltura;
D’iniziativa dell’ Assessore Febbo “Gestione
della Fauna ittica e disciplina della pesca nelle
acque interne della Regione Abruzzo.
Sono, inoltre, pervenuti, i seguenti i seguenti
provvedimenti di iniziativa della Giunta,
deliberazione di Giunta Regionale, relativi al
piano sociale regionale proposta al consiglio di
proroga
delle
norme
in
materia
di
programmazione locale.
Deliberazione di Giunta Regionale, Piano Legge
Regionale 95 del ’95, Piano Regionale di
interventi in favore della famiglia per l’anno
2013.
Deliberazione di Giunta Regionale, 492/C
Decreto Legislativo 152 del 2006, Norme in
materia ambientale, modificato successivamente,
ulteriori disposizioni correttive recante sempre
norme in materia ambientale, approvazione del
piano di tutela delle acque.
Deliberazione di Giunta Regionale, ATER di
Pescara, autorizzazione al programma di utilizzo
proventi di alienazione di alloggi di ERP.
D’iniziativa del Consigliere Caramanico, prima
individuazione delle aree e dei siti non idonei
all’installazione di specifiche tipologie di
impianti di produzione di energia elettrica
alimentati da biomasse.
D’iniziativa del Difensore Civico Regionale,
relazione annuale 2012;
D’iniziativa del Consiglio delle Autonomie
Locali, deliberazione 12/2013, modifica alla
proposta di regolamento interno dei lavori del
Consiglio delle autonomie locali della Regione
Abruzzo, a seguito dell’entrata in vigore della
Legge Regionale 15 del 2013.
Relative
alla
Commissione
Europea,
partecipazione della Regione Abruzzo alla fase
ascendente del diritto europeo, annualità
2012/20123.
Consultazione su una proposta di regolamento al
Parlamento Europeo o del Consiglio che fissa...
(se gentilmente è possibile andare avanti), che
fissa le disposizioni per la gestione delle spese
Regione Abruzzo
relative alla filiera alimentare, alla salute e al
benessere, degli animali, della sanità, delle
piante e al materiale riproduttivo vegetale, che
modifica le direttive 98/56/CE, 2000/29/CE e
successive, e che abroga le decisioni altri... ce
l'avete sul vostro tablet, lo potete seguire poi con
tranquillità.
Proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e
del Consiglio relativa alla fatturazione
elettronica negli appalti pubblici. Proposta di
regolamento del Parlamento Europeo e del
Consiglio che istituisce un quadro normativo per
l'accesso al mercato dei servizi portuali e la
trasparenza finanziaria dei porti.
Altre comunicazioni, oggi è la giornata delle
comunicazioni.
Sono pervenuti i seguenti documenti politici:
Interrogazione a risposta orale 166 a firma del
Consigliere Paolini, recante appalto per
l'affidamento
del
servizio
riconducibile
all'attività di centro unico prestazione presso le
A.S.L. della Regione Abruzzo.
- Interrogazione a risposta orale 167 a firma del
Consigliere Caramanico, recante casa di cura
Santa Maria, con sede in Chieti.
- Interrogazione a risposta orale 168 a firma del
Consigliere Paolini, recante Aca e Ater Chietina,
applicazione di implementazione della Legge
Regionale 15 del 2011.
- Interrogazione a risposta orale 169 a firma del
Consigliere Caramanico, recante situazione
finanziaria del Consorzio di Bonifica Sud.
- Interrogazione a risposta orale 170 a firma del
Consigliere Caramanico, recante bilancio 2012
Arpa.
- Interpellanza 356 a firma dei Consiglieri
D'Alessandro Camillo e Ruffini, recante bilancio
esercizio 2012 del gruppo Aca, chiarimenti sui
crediti vantati nei confronti della Regione
Abruzzo.
- Interpellanza 357 a firma del Consigliere
Caramanico, che occupa ormai tutto questo
spazio Consigliere Caramanico, recante ex
Ospedale Psichiatrico di Collemaggio.
- Interpellanza 358 a firma del Consigliere Di
Pangrazio, recante bacini idrici del Fucino.
- Interpellanza 359 a firma del Consigliere
Ruffini, recante il Progetto Adri - Seaplanes.
Comunico che la sesta Commissione Consiliare,
ai sensi dell'Art. 3 bis della Legge Regionale
numero 22 del 2009 dell'Art. 115 del
regolamento interno del Consiglio, ha deliberato
la seguente risoluzione.
-14-
Resoconti Consiliari
Risoluzione numero 4 del 25 luglio del 2013,
Art. 3 bis verifica del rispetto del principio di
sussidiarietà relativo alla Legge 22 del 2009.
Di iniziativa della Commissione Europea avente
ad oggetto proposta di regolamento del
Parlamento Europeo del Consiglio che istituisce
un quadro normativo per l'accesso al mercato dei
servizi portuali e alla trasparenza finanziaria dei
porti.
Partecipazione
del
Consiglio
Regionale
dell'Abruzzo alla verifica del rispetto del
principio di sussidiarietà anche in risposta alla
consultazione del Comitato delle Regioni.
Comunico che in data 15 luglio del 2013 e
pervenuta la sentenza della Corte Costituzionale
numero 182 del 9 luglio del 2013, relativa al
giudizio di illegittimità costituzionale all'Art. 3
della Legge Regionale del 19 giugno del 2012, la
numero 28, provvedimenti urgenti a tutela del
territorio regionale, il documento è a
disposizione dei Consiglieri che ne vogliono
prendere visione presso l'ufficio di segreteria del
Consiglio.
Inoltre comunico che in data 24 luglio del 2013 è
pervenuta la sentenza della Corte Costituzionale
relativa al giudizio di illegittimità costituzionale
dell'Art. 2 della Legge del 28 agosto del 2012, e
numero 46 della Regione Abruzzo disposizioni
in materia di beni paesaggistici, ambientale in
attuazione della parte terza del Decreto
Legislativo 42 del 2004 codice dei beni culturali
e del paesaggio, il documento come sopra è
disponibile presso gli uffici di segreteria del
Consiglio.
Comunica
altra
sentenza
della
Corte
Costituzionale relativa al giudizio di legittimità
costituzionale all'Art. 3 e comma 5 della Legge
della Regione Abruzzo 44/2012, norme per la
diffusione del metodo di energia alternativa e
sperimentazione animale, il documunto è
disponibile presso gli uffici di Presidenza.
APPROVAZIONE PROCESSO VERBALE
SEDUTA DEL 2.7.2013
PRESIDENTE
Si approva il verbale della seduta del 2 luglio,
sottopongo all'assemblea il processo verbale
della seduta del 2 luglio del 2013, ai sensi
dell'Art. 48 del regolamento se non vi sono
osservazioni si intende approvato. Non vi sono
osservazioni, si intende quindi approvato.
Regione Abruzzo
Passiamo ora alle interrogazioni, la prima
interrogazione è a firma dei Consiglieri Acerbo,
Saia, recante piano integrato di sviluppo
urbano... Sì.
-15-
Resoconti Consiliari
DIMISSIONI DEL CONSIGLIERE
PASQUALE DI NARDO –
PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI
PRESIDENTE
VENTURONI (PDL)
Se era possibile Presidente anticipare la
dimissione del Consigliere Di Nardo e l'ingresso
del Consigliere Mincone in Consiglio.
PRESIDENTE
È stato Richiesto la modifica dell'ordine del
giorno anticipando l'ingresso del Consigliere
Mincone.
Scusate ci sono obiezioni? Possiamo procedere?
Prego.
CHIAVAROLI (PDL)
Grazie Presidente.
Non so se questo... io volevo intervenire sul
merito, quindi non so se posso farlo adesso o
dopo che abbiamo approvato l'inversione del
punto...
PRESIDENTE
Dopo l'approvazione eventuale dell'ordine del
giorno naturalmente.
Benissimo. Ci sono obiezioni? Prego.
(Intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Allora, non è possibile prendere la parola su
ulteriore anticipazione se prima non si è votata
quella che è stata chiesta, abbiate pazienza no,
quindi se l'argomento è di altra anticipazione, lo
facciamo immediatamente dopo il voto non
succede nulla.
Benissimo. Allora se non ci sono richieste di
parola, su quanto richiesto dal capogruppo del
Pdl, metto ai voti l'inversione all' ordine del
giorno.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
Allora, dimissioni del Consigliere Pasquale Di
Nardo, provvedimenti conseguenti: Comunico
che con nota del 6 luglio del 2013 acquisita con
protocollo 7862 dell'8 luglio del 2013 il signor
Pasquale Di Nardo ha rassegnato formalmente le
dimissioni dalla carica di Consigliere Regionale
ai sensi dell'Art. 29 comma 3 dello Statuto, il
Consiglio prende atto.
Comunico inoltre che a seguito delle dimissioni
rassegnate del Consigliere Pasquale Di Nardo,
alla Conferenza Capigruppo nella veste e con la
funzione di Giunta per le elezioni di
ineleggibilità, incompatibilità e inc con
deliberazione numero 2 del 23 luglio del 2013,
ha accertato che il candidato che ha diritto ad
essere proclamato eletto a seguito delle
dimissioni rassegnate al Consigliere Regionale
Pasquale Di Nardo al Signor Nicola Mincone,
primo dei candidati nella lista al Popolo della
Libertà della circoscrizione di Chieti che segue
l'ultimo dei Consiglieri Regionali eletti.
Comunico inoltre, che con deliberazione del 30
luglio del 2013 l'Ufficio di Presidenza, visto
l'Art. 29 dello Statuto della Regione Abruzzo, e
l'Art. 22 del Regolamento Interno ha deliberato
che il signor Pasquale Di Nardo è sostituito nel
Consiglio Regionale dal signor Nicola Mincone,
risultato il primo dei candidati nella lista del
Popolo della Libertà, nella circoscrizione di
Chieti, che segue l'ultimo dei Consiglieri
Regionali eletti, e che conseguentemente questo
ultimo è proclamato Consigliere Regionale con
efficacia dal giorno successivo alla data della
deliberazione del Consiglio Regionale. Quindi, il
Consiglio Regionale prende atto.
Metto ai voti la presa d'atto.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva all'unanimità)
PRESIDENTE
Un saluto e un applauso al Consigliere Mincona,
e un saluto anche al Consigliere Pasquale Di
Nardo che resta.
Regione Abruzzo
Però c'è un dettaglio, che io vi pregherei di
prendere atto, l'ho letto non più di qualche
secondo fa, l'efficacia è dal giorno successivo
alla data di deliberazione. Non è un problema
può sedere tranquillamente tra i banchi il
Consigliere, il neo Consigliere Nicola Mincone,
cui facciamo i migliori auguri e gli, ovviamente,
auguriamo buon lavoro per sé e per tutti noi e
per gli abruzzesi. Ovviamente la efficacia ha
degli effetti che sono sotto gli occhi di tutti, è
chiaro che vale a partire da domani a seguito
della pronuncia della presa d'atto del Consiglio.
Prego, ha chiesto la parola sull'argomento il
Consigliere Chiavaroli e poi se non ci sono altre
richieste di parola, la parola è al Consigliere
Sclocco.
CHIAVAROLI (PDL)
Grazie Presidente. Lei ha, naturalmente,
autorevolmente, a nome di tutta l'Assemblea
accolto il Consigliere Mincone e siamo sicuri
che il suo apporto sarà per tutti noi importante.
Al nome del Pdl voglio intanto ribadire il
benvenuto al nuovo collega Nicola Mincone che,
appunto, darà il suo apporto istituzionale e se me
lo permettete anche il suo apporto politico
naturalmente alla maggioranza. Ho chiesto però
la parola anche per sottolineare ancora una volta
quello che anche Lei ha già fatto Presidente, un
saluto all'amico e collega Pasquale Di Nardo che
peraltro è stato autorevole componente di questa
Assemblea nella passata Legislatura per dargli
atto, per quanto ci riguarda, anche di una scelta
importante che ha voluto fare perché lui, pur
designato per capacità e anche per indicazioni
politiche, alla guida di un'importantissima
Azienda Regionale cioè la Sangritana ha scelto
di non interrompere quel percorso dimostrando
grande senso di responsabilità, chiedo scusa
Presidente, ma così non riesco a parlare.
Concludo... scusi Presidente, ecco quindi dicevo
volevo dare atto a Pasquale Di Nardo del grande
senso di responsabilità perché essendo stato
anche indicato politicamente alla guida di una
nostra importantissima azienda ha scelto lì di
rimanere fino alla fine del suo mandato per
portare a termine il buon lavoro che ha fatto.
Gliene diamo atto volentieri, lui ha già fatto
un'esperienza in Regione, ha portato adesso la
sua esperienza da un'altra parte e penso che sia
un beneficio per l'intero Abruzzo. Quindi lo
-16-
Resoconti Consiliari
saluto, lo ringrazio e accolgo di nuovo, a braccia
aperte, il collega Mincone.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Grazie, passiamo ora alle Interrogazioni. La
prima Interrogazione è a firma Acerbo e Saia.
Naturalmente prende la parola il collega Acerbo.
Aveva chiesto la parola? Scusa. Scusa. Scusa, un
attimo soltanto. Prego.
SCLOCCO (PD)
Grazie Presidente, volevo chiedere a nome del
mio gruppo, ma anche, per esempio, di qualche
componente... di Emilio Nasuti, per esempio, il
Presidente della Commissione Bilancio di poter
anticipare tutte le Risoluzioni che sono state
presentate a subito dopo le Interpellanze... c'è
un... forse è il mio, sì... a subito dopo le
Interpellanze vista la presenza anche di molte
persone che sono venute qui proprio per vedere
che fine faranno le loro richieste. Grazie.
INTERROGAZIONE A R.O. N. 145 A
FIRMA DEI CONSIGLIERI ACERBO E
SAIA RECANTE: PIANI INTEGRATI DI
SVILUPPO URBANO.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Sì, allora prendiamo atto anche di questa
richiesta. Abbiamo prima da fare le
Interrogazioni, poi, ovviamente sottoporrò
all'Assemblea. Bene, parola all'Assessore
Giuliante per la prima Interrogazione a firma
Acerbo e Saia.
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.)
Oggetto: Interrogazione n.145 a firma dei
Consiglieri Acerbo e Saia aventi ad oggetto Piani
Integrati di Sviluppo Urbano. In riferimento
all'Interrogazione numero 145 concernente Piani
Integrati di Sviluppo Urbano, comunico quanto
pervenutomi dagli uffici. Il P.R.U.S.S.T. che
nasce come riqualificazione urbana ed
ambientale, in realtà, è stato utilizzato per
garantire operazioni urbanistiche in variante agli
strumenti ordinari fino a diventare sovraordinati
con la Legge Regionale n. 7/2002, articolo 36.
L'esempio più eclatante è stato l'insediamento
commerciale di Megalò a Chieti Scalo. In ambito
regionale il P.R.U.S.S.T è stato sempre
erroneamente considerato uno strumento
Regione Abruzzo
urbanistico anziché un bando, in realtà sono
programmi di intervento e non varianti
urbanistiche.
A
causa
della
mancata
pubblicazione sul B.U.R.A. Regionale è stato
erroneamente
considerato
a
tempo
indeterminato. Per tali ragioni nel 2007 a fronte
della introduzione di nuovi progetti al bando
nazionale del 1999, la Giunta Del Turco con
propria deliberazione fu costretta a dichiarare la
scadenza in 6 anni dalla sottoscrizione degli
accordi. L'appetibilità di ottenere la variante
urbanistica fece sì che si ebbe da parte dei privati
una proliferazione di progetti che andarono oltre
quelli scelti ingenerando equivoci che ancora si
pagano. Questo ora comporta una enorme
difficoltà da parte dei comuni per collocarli
legittimamente all'interno dei loro strumenti e
della Regione per poterne rendicontare al
Ministero la quota di partecipazione dei privati al
bando nella misura del 30 per cento degli
interventi complessivi anche perché la Regione
non ha mai pubblicato l'elenco dei progetti scelti.
Sembrerebbe inconfutabile che progetti non
ricompresi nel bando P.R.U.S.S.T del 1999 non
solo non dovrebbero essere presi in
considerazione ma addirittura considerati nulla,
nulli. Tuttavia ancora oggi i T.A.R Condannano
le Amministrazioni per la mancata approvazione
di quei P.R.U.S.S.T che seppur presentati non
risultano essere stati selezionati dalla Regione
quale ente proponente e ciò proprio perché non è
mai stato pubblicato l'elenco degli aventi diritto.
Per quanto riguarda i Programmi Integrati e di
Sviluppo Urbano P.I.S.U nascono con il PORFESR 2007-2013 all'interno dell'asse 41.1 con la
compartecipazione di fondi comunali e privati. I
P.I.S.U nascono con D.G.R 649 del 9/7/2008 che
assegna ai quattro capoluoghi di Provincia
l'intero importo dell'asse, con essa vengono
approvate le linee guida con la definizione dei
criteri, i contenuti, i requisiti di ammissibilità
formale necessari per la valutazione dei criteri
oggettivi del progetto proposta e del rispetto
delle fasi temporali
nell'ambito della
regolamentazione comunitaria e dei documenti
programmatici formulati dalla Regione Abruzzo
per la valorizzazione e il rafforzamento del
sistema delle aree urbane nel territorio regionale.
Successivamente,
con
decisione
della
Commissione Europea, è stato inserito nel PORFESR 2007-2013 l'asse 6: recupero e
rivitalizzazione economica e sociale del territorio
colpito dal sisma, alimentato con prelievi delle
-17-
Resoconti Consiliari
risorse finanziarie su altri assi da cui l'asse 41.1
del P.I.S.U, la cui dotazione finanziaria è stata
decurtata di 4 milioni e mezzo aggiornandola a
euro 24 milioni 773974. In seguito a
Deliberazione di Giunta Regionale la somma
disponibile sull'asse 41.1 è stata equamente
ripartita tra tre capoluoghi di Provincia: Chieti,
Pescara e Teramo. Sono state modificate le linee
guida demandando l'approvazione del P.I.S.U
all'organo comunale deputato ed infine con una
Deliberazione della Giunta Regionale del
9/7/2012 è stata operata una rimodulazione del
piano
finanziario
POR-FESR
mediante
decurtazione finanziaria di 4 milioni e mezzo
dall'asse 432: bonifica dei siti contaminati e
contestualmente
aumentato
della
stessa
dotazione a favore dell'asse 41.1. L'Aquila, in
relazione alla creazione dell'asse 6, è stata
esclusa dal P.I.S.U, gli altri tre capoluoghi di
Provincia hanno a disposizione 9 milioni e
mezzo per la realizzazione del programma di cui
sono stati gli unici beneficiari e possono attuare i
progetti attraverso procedimento di appalto
pubblico. Ad oggi risultano approvati il P.I.S.U
di Pescara che prevede il Ponte Nuovo sul fiume
Pescara, lo svincolo dell'asse attrezzato e la
Strada Pendolo. Il P.I.S.U di Teramo risulta
approvato con Delibera del Commissario n. 150
dell'1/6/2009 ed è corredato del piano strategico
comunale. Il P.I.S.U di Chieti risulta invece
redatto ed approvato a seguito degli accordi per
lo strumento finanziario Jessica che hanno
inattuato con Delibera di Giunta Comunale n.
330 del 31/12/2012. A seguito di tale relazione e
della mancata adesione allo strumento
finanziario Jessica, la Regione ha cercato di
recuperare il ritardo cercando di far inserire nei
P.I.S.U opere pubbliche già realizzate e
rendicontabili alla Comunità Europea, questa
operazione è stata effettuata per i comuni di
Teramo e Chieti determinando tuttavia una
condizione di incertezza sul procedimento di
accettabilità verso la Comunita Economica
Europea.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Chiedo scusa. Assessore, chiedo scusa. Allora,
se non state zitti, non faccio continuare
l'Assessore.
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.)
La Comunità Europea...
Regione Abruzzo
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Un attimo, un attimo. Abbia pazienza, perché è
anche una forma di rispetto, no? Per chi intende
ascoltare. Prego.
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.)
... ha avuto delle perplessità, ma ha comunque
permesso ai due comuni di ottenere un
finanziamento comunitario POR-FESR con 7
milioni... con 7 virgola 3 milioni a Teramo e 6
milioni a Chieti, agli stessi già assegnati.
Al Comune di Pescara sono stati accreditati circa
5 milioni a titolo di anticipazione. Nessuno dei
tre Comuni capoluogo, ad oggi, hanno potuto
ricontare nulla, proprio perché nessuna opera
pubblica a valere sul (inc.) è stata iniziata. Si
osserva che il programma avrà la sua scadenza
naturale nel 2015.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Allora, il Consigliere Acerbo prenderà la parola
quando in quest'Aula sarà consentito ascoltare.
E' possibile. Benissimo, aspettiamo qua
tranquillamente quando avrete deciso di stare
zitti o meno. Prego, Consigliere Acerbo.
ACERBO (PRC)
Grazie, Presidente. Ovviamente l'articolata
risposta
dell'Assessore
richiede
un
approfondimento, se poi mi fa la cortesia di
fornirmi il testo. Le due questioni poste nella
risposta, sono di grandissima importanza. Per
quanto riguarda i Pisu, si confermano i problemi
che avevo segnalato, infatti, con l'interrogazione
e infatti non abbiamo ancora i rendiconti, cioè le
somme ancora non vengono spese. E,
ovviamente, ripeto, io ho la sensazione, ed è
questo che ci aveva mosso a presentare
l'interrogazione, che ci fosse un difetto nel
manico, cioè la maniera con cui erano stati
adottati i criteri per i progetti. Però di Pisu
tornerò ad occuparmi prossimamente. Mi voglio
incentrare, invece, su una cosa assai importante,
che ha detto l'Assessore, commentando la
premessa alla mia interrogazione, cioè la
considerazione relativa ai Prust. Avendo,
personalmente e come Rifondazione Comunista,
sempre combattuto i Prust come uno strumento
che è stato utilizzato in Abruzzo dalla Giunta
Pace e, purtroppo, dalle successive, come
strumento per avallare pratiche di speculazione
-18-
Resoconti Consiliari
edilizia, di variante rispetto a tutti i vincoli
urbanistici, di cui un emblema è la realizzazione
del Megalò a Chieti, in area di esondazione del
fiume. Che nella città di Pescara sono stati
impediti dall'azione di Rifondazione Comunista
che cancellò, con una variante al Prg, ben 28
Prust deroghe al Piano Regolatore che, sulla base
della normale normativa degli accordi di
programma, avrebbero dovuto essere pagate
almeno ai Comuni, invece venivano regalate
attraverso decine e decine di Prust in tutto il
territorio regionale.
Quello che ha detto l'Assessore è molto
importante, perché conferma tutto ciò che nel
passato abbiamo detto rispetto a questi strumenti,
che continuano come zombie, come morti
viventi, ad andare in giro. Voglio ricordare che
ci sono scampoli di Prust che si aggirano per
tutta la Regione e sui quali io credo che noi
dovremmo tornare, possibilmente a fare un
provvedimento che li blocchi definitivamente in
tutto il territorio regionale.
INTERROGAZIONE A R.O. N. 157 A
FIRMA DEL CONSIGLIERE
CARAMANICO, RECANTE: COLLEGI
SINDACALI DELLE ASL DI AVEZZANOSULMONA-L'AQUILA, LANCIANOVASTO-CHIETI, PESCARA-TERAMO
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Benissimo. Passiamo ora all'interrogazione del
Consigliere Caramanico, recante: Collegi
sindacali delle Asl di Avezzano-SulmonaL'Aquila, Lanciano-Vasto-Chieti, Pescara e
Teramo. Presidente Chiodi. E' lei che risponde.
Caramanico ha poi tre minuti per la replica.
Scusate stamattina sembra l'asilo, se non vi
interessa me lo dite e passiamo direttamente a
quello che c'è dopo. Mi pare che sia veramente
imbarazzante, sembra quasi prima delle vacanze.
Prego, Presidente.
CHIODI
(PRESIDENTE
REGIONALE)
GIUNTA
Signor Presidente, io credo che questo non è che
accade solo oggi. Io credo che ad ascoltare le
risposte delle interrogazioni non interessi a
nessuno in realtà. Io credo che l'interesse sia
semplicemente a far comparire sulla stampa che
è stata fatta un'interrogazione, questo
Regione Abruzzo
normalmente. Perché poi, quando ci sono le
risposte, si assiste ad un disinteresse totale.
Comunque, dovendo continuare questo rito,
rispondo alla prima interrogazione di oggi, che
mi riguarda, che è del Consigliere Franco
Caramanico e relativa ai rilievi della sezione
regionale della Corte dei Conti sulle delibere di
bilancio 2010, delle quattro aziende sanitarie
della Regione Abruzzo. I quesiti che lui ha posto
sono due: il primo. Come sia possibile che il
medesimo errore contabile sia stato effettuato da
tutte e quattro le Asl abruzzesi? Bene, la sezione
regionale per l'Abruzzo della Corte dei Conti,
nell'ambito della sua attività di controllo, ha
rivelato alcune irregolarità contabili, che poi
vedremo però quali sono, in particolare nella
sezione dello stato patrimoniale, relativa ai debiti
dei bilanci d'esercizio del 2010 delle aziende di
Lanciano, Vasto e Chieti, Pescara e Teramo. Tali
aziende sanitarie, nei termini assegnati dalla
Corte dei Conti, hanno rivisto il bilancio
d'esercizio 2010, con una nuova riduzione da
parte del Direttore generale, dando ottemperanza
a quanto deliberato dalla sezione stessa, e
attuando le misure correttive condivise sia con la
Direzione politica della Salute, che con la stessa
Corte dei Conti. Però, di che stiamo parlando?
Perché sennò sembra che ci siano irregolarità
contabili. Quanto segnalato è in realtà una
riclassifica dei conti, che è stata sanata con la
rilevazione di nuove Delibere di bilancio che
sono in corso di approvazione da parte della
Regione. Perché a Pescara tali somme sono state
correttamente riclassificate, erano già presenti in
bilancio, ma sono state spostate da un conto ad
un altro conto, e quindi riclassificate tra i fondi
per rischi ed oneri, coerentemente con la natura
di tale passività, che era presente in bilancio
sotto un altro conto. Invece, per l'Asl di Teramo,
l'importo dei debiti verso fornitori è stato
correttamente decurtato delle note di credito da
ricevere che erano state inserite nell'attivo
patrimoniale tra gli altri crediti. Quindi, erano
state messe, le note di credito da ricevere,
nell'attivo non decurtando i fornitori come
credito. Tali riclassifiche, comunque, non hanno
comportato una modifica del risultato d'esercizio
che, anche a seguito delle rilevazioni, è rimasto
invariato. Lo stesso vale per lo stato
patrimoniale, in cui il cambiamento riguarda solo
la modalità di rappresentazione. Comunque
stiamo parlando di una rettifica che riguarda
complessivamente una riclassificazione di
-19-
Resoconti Consiliari
bilancio di 11 milioni di euro, a fronte di uno
stato patrimoniale di 1 miliardo e 900 milioni di
euro. Inoltre, è da precisare che solo le tre Asl
suindicate hanno dovuto effettuare le correzioni
richieste dalla Corte dei Conti, invece, per la Asl
di Avezzano-Sulmona-L'Aquila, la sezione ha
condiviso le motivazioni dell'azienda.
La seconda domanda che pone il Consigliere
Caramanico, dice: considerato che le passività
delle aziende sanitarie superano di gran lunga la
soglia di attività, e che tale squilibrio sembra
derivare dalla mole dei crediti vantate dalle
stesse aziende nei confronti della Regione
Abruzzo, qua le misure si intendono porre in
essere per risolvere tali discordanze. Sono felice
di questa interrogazione, perché mi dà la
possibilità di illustrare l'enorme lavoro che è
stato fatto e che adesso annuncio, così come
l'obiettivo che ci siamo posti.
Intanto, il valore delle attività nello stato
patrimoniale delle aziende sanitarie è uguale al
valore delle passività, come in ogni altra azienda.
Il Servizio Sanitario Regionale presenta dei
crediti verso la Regione al 31 dicembre del 2012,
per circa 831 milioni di euro. Tali crediti sono
stati causati dalle difficoltà che sono state
riscontrate nelle attività di riconciliazione dei
debiti degli anni 2006 e precedenti. Tale attività
è in corso di ultimazione, siamo intorno al 95 per
cento della riconciliazione, ma i risultati, ad
oggi, hanno permesso di erogare già alle aziende
ben 300 milioni di euro. E a breve erogheremo
altri 174 milioni di euro derivanti dalle
anticipazioni ex articolo ex D.L. 35 del 2013,
stipulata in sostituzione del mutuo di 200 milioni
di euro, che voi sapete fu preso per coprire le
distrazioni che erano state fatte dal Fondo
sanitario per scopi diversi da quello della Sanità,
cioè fondi che lo Stato dava per la Sanità dal
2004 al 2007 erano stati utilizzati per il Bilancio
regionale e non per la Sanità, quindi li abbiamo
dovuti restituire. Non avendo soldi nel bilancio
regionale per poterlo fare, vista l'entità, fu
sottoscritta un'anticipazione trentennale di 200
milioni di euro. Tale maggiore liquidità, quindi
dei 300 milioni, più i 174 che stiamo per erogare,
trasferita alle aziende sanitarie permetterà il
pagamento in tempi brevi dei loro debiti verso i
fornitori, che al 31 dicembre, si ripete, erano
esattamente 794, l'obiettivo della Regione è
quello di raggiungere i tempi medi di pagamento
entro i 60 giorni, come previsto dalla normativa
europea.
Regione Abruzzo
Posso dire che i tempi medi di pagamento, prima
ancora di questa iniezione di liquidità che stiamo
facendo, e che abbiamo fatto insomma, perché i
300 milioni di euro sono del maggio, con un
trasferimento che è avvenuto nel mese di
maggio, ha permesso già di contenere i tempi
medi di pagamento, per cui la Regione Abruzzo
è la sesta regione in Italia per tempi medi di
pagamento, e nel tendenziale si avvia, ha
raggiunto, si è incrociata con la curva del
Veneto, nel senso che tra qualche mese la
Regione Abruzzo avrà tempi medi di pagamento
inferiori a quelli della Regione Veneto, questo
perché si sono incrociate le due curve, le due
tendenze.
Quindi noi speriamo di aver fatto, insomma,
quello che era la migliore gestione finanziaria
possibile delle finanze regionali e sanitarie,
senza fare distrazioni dal Fondo Sanitario
Nazionale, noi non abbiamo distratto un euro dal
Fondo Sanitario Nazionale per utilizzarlo per
scopi diversi dalla Sanità.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Grazie, Caramanico, tre minuti.
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
Innanzitutto voglio dire al Presidente Chiodi...
-20-
Resoconti Consiliari
comunque non ci siano diciamo grossi problemi
per le nostre ASL e non ci siano problemi per la
nostra sanità.
Fatto questo, mi permetta Presidente di tornare
su alcuni passaggi diciamo del suo fuori dallo
schema, cioè quando parla dei 200 milioni per
fondi distratti, allora, lei sa benissimo, meglio di
me, che quei 200 milioni erano per i debiti
accumulati prima del 2005, non dopo, prima del
2005, ma poi avremo modo comunque di
confrontarci. Così pure per quanto riguarda gli
altri crediti vantati e per quanto riguarda le
passività delle attività, sarà mia cura
naturalmente fare una verifica, ma non ho
problemi, perché penso che la partita... va bene,
concludo Presidente, magari se mi dà la risposta
scritta, poi mi riservo di esprimermi, non posso
dire che sono insoddisfatto, ma nemmeno che
sono soddisfatto, quindi appena avrò la risposta
scritta, avrò modo comunque...
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Benissimo.
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
Di ritornare sull'argomento, però mi rincresce
che nel momento in cui sta parlando per le
controdeduzioni, l'ascolto è zero, ma l'ascolto
pure anche...
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Tre minuti.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Come vede...
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
Che nessuno... perlomeno non riguarda il
sottoscritto,
io
non
ho
mai
fatto
un'interrogazione per comparire sulla stampa, io
ero molto attento, quindi ascoltavo la sua
risposta, se gli altri chiacchieravano, sicuramente
non è colpa di chi fa l'interrogazione.
Detto questo, è chiaro che la mia interrogazione,
beh, naturalmente è venuta fuori da una
preoccupazione nel leggere il verbale della Corte
dei Conti, perché parlava di criticità e di gravi
irregolarità, quindi per uno come me, che non è
un esperto in materia contabile, è chiaro che a
questo punto l'unica possibilità che aveva è
quella di interrogare. E quindi... ma ringrazio il
Presidente Chiodi per la risposta, mi permetto
solo di fare qualche piccola puntualizzazione,
poi magari se mi dà la risposta, avrò modo di
approfondirlo. E quindi sono soddisfatto che
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
(inc.) non c'è molta attenzione.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Grazie. Benissimo, passiamo ora... Prospero
chiede la parola, prego.
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO)
Presidente, chiedo l'inserimento del...
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Le chiedo scusa, chiedo scusa, silenzio.
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO)
Chiedo l'inserimento del progetto di legge
465/12 licenziato poco fa dalla Commissione
Regione Abruzzo
all'unanimità, chiedo altresì se è possibile di
metterlo appena dopo le interrogazioni, siccome
è stato licenziato all'unanimità.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Va bene, intanto inseriamo all'ordine del giorno,
poi ci sarà una modifica eventualmente al
termine della discussione sulle interrogazioni di
variazione dell'ordine del giorno.
Benissimo, chi è favorevole all'inserimento
all'ordine del giorno?
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato all'unanimità.
(Il Consiglio Regionale approva)
INTERPELLANZA N. 352 A FIRMA DEL
CONSIGLIERE CAPORALE RECANTE:
COMPATIBILITA' DI INCARICHI
DIPENDENTE PUBBLICO DEL SSN ASL
LANCIANO VASTO CHIETI ED
AFFIDAMENTI DIRETTI ED INDIRETTI
DEI SERVIZI A.D.I. E ASSISTENZA
PSICHIATRICA, RIABILITATIVA E DI
TUTORAGGIO.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Passiamo ora alla interpellanza del Consigliere
Caporale, che però è assente, e pertanto viene
rinviata.
INTERPELLANZA N. 353 A FIRMA DEL
CONSIGLIERE CAMILLO
D'ALESSANDRO RECANTE: INCARICO
DI CONSULENZA AL DR. GABRIELE
ROSSI NELL'AMBITO DEL PROGETTO
"ABRUZZO 2020 SANITA' SICURA".
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Passiamo all'interpellanza a firma del
Consigliere Camillo D'Alessandro, recante
incarico di consulenza del dottor Gabriele Rossi.
Cinque minuti per l'illustrazione.
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Sì, grazie Presidente. Questa è una vicenda che
ha del singolare e lo dico rivolgendomi anche ai
dormienti colleghi di Centro-Destra delle varie
Province, mi riferisco a quelle di Pescara, di
-21-
Resoconti Consiliari
L'Aquila e di Chieti, dormienti quando non
comprendono che il modello teramano,
intendendo per tale gli amici del Presidente
Chiodi di Teramo, ovunque in qualche maniera
vengono nominati. E questa locuzione, questa
definizione di amici non l'ho usata io, l'ha usata
proprio il Presidente Chiodi in occasione di una
conferenza stampa che si è tenuta per presentare
Abruzzo 2020 Sanità sicura. E in qualche
maniera, sapendo già che qualche giornalista gli
avrebbe rivolto una domanda specifica, ha
anticipato tutti, sbigottendo anche i presenti, in
questo caso l'Ambasciata di Israele, disse, ebbe
modo a dire "guardate che io non nomino i
nemici, io nomino gli amici".
Ora l'amicizia ha un concetto diciamo singolare,
perché può essere cristiano, però combatte e fa a
pugni con un altro concetto, che è quello del
merito. Vi ricordate la famosa rivoluzione
meritocratica del Presidente Chiodi? Era quella
di entrare nel merito degli amici da sistemare da
una parte e dall'altra. Non è un caso che una
società, quella dei trasporti, Sistema, poi
costretta quasi alla liquidazione, poi venduta,
non venduta, insomma, abbia in qualche maniera
un'origine teramana, così come sempre i
dormienti Consiglieri Regionali di Pescara, di
Chieti e di L'Aquila consentono diciamo che
avvenga che su un progetto che riguarda la
sicurezza, dove, insomma, ha a che fare con il
pronto soccorso, con la vita delle persone, venga
nominato uno stimato professionista, che però
nella vita si occupa di altro, totalmente altro. Fa
due cose questo professionista, oltre all'attività
professionale, dedica la maggior parte del suo
tempo a scrivere su Facebook gli elogi al
Presidente Chiodi e ad attaccare diciamo gli
avversari. Chiaramente lo fa quando è a riposo,
perché poi quando lavora, come professionista è
un consulente di lobbying, non certo di attività
che riguardano la sanità.
Questo stimato professionista, stimatissimo, ma
che non c'entra nulla con le questioni sanitarie,
con le questioni di emergenza e pronto soccorso,
è
stato
nominato
da
quattro
ASL
contemporaneamente, per la modifica cifra di 72
mila euro l'anno, per fare una specie di
coordinamento di un gruppo di lavoro, che
riguarderà questo progetto Abruzzo 2020 Sanità
sicura. Ma la interpellanza nasce dal fatto che
singolarmente nella delibera della ASL numero 4
si dice che il dottor Gabriele Rossi, apro le
virgolette quindi riporta la delibera "è stato
Regione Abruzzo
individuato
tramite
comunicazione
del
30/11/2012 a firma del Presidente della Regione
Abruzzo". Cioè il Presidente della Regione
Abruzzo dice alla ASL "nomina Tizio e Caio" e
lo fa con un provvedimento che non segue
certamente un avviso pubblico, che non segue
certamente una ricerca di curricula, se non il
livello del grado del tasso di sangue di amicizia
che è nel professionista rispetto al Presidente
Chiodi. Professionista assolutamente stimato, ma
che non c'entra nulla con la sanità, forse c'entra
per il numero di diciamo post che piace insomma
in qualche maniera scrivere su Facebook, ma
anche post diciamo simpatici, tipo quando scrive
sulla bacheca del Capo Gruppo dell'Opposizione,
cioè sarei io, del Pd, è capace di scrivere, un
professionista nominato dalla ASL, che i
comunisti utilizzano i democristiani come utili
idioti, una cosa del genere, molto professionale,
c'entra molto diciamo con il profilo di spessore
di uno che è stato nominato a 72 mila euro
l'anno.
E ne dice tante, soprattutto racconta, concludo
Presidente, le gesta del Presidente Chiodi, ora
che lo faccia nella vita privata, per carità, poi
diventa singolare che diventi un nominato senza
selezione, senza avviso pubblico, indicato dal
Presidente Chiodi e che le ASL lo nominano a
72 mila euro l'anno, grazie.
VICEPRESIDENTE DE MATTEIS
Grazie, la parola al Presidente Chiodi,
successivamente sarà per la replica ancora
D'Alessandro, per tre minuti.
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
Allora, intanto la battuta che io ho fatto, con cui
lei ha aperto la sua interrogazione, era... secondo
me non faceva altro che far venire meno un velo
di ipocrisia, quando si fanno le nomine si cerca,
nel caso specifico tra l'altro non si tratta di una
nomina mia, ma quando si fanno le nomine,
ovviamente, si cerca di nominare le persone
adatte che non ti sono avversari; questo penso
che lo facciano tutti, da che mondo è mondo, e
credo che questo sia semplicemente un fatto
normale, senza nessun tipo di ipocrisia. Detto
questo, e non si sta parlando di una nomina che
ho fatto io, io non ho fatto nessuna nomina in
questo senso, volevamo portare avanti un
progetto molto ambizioso con il quale vorremmo
-22-
Resoconti Consiliari
far sì che la nostra Sanità, per quanto riguarda la
rete di emergenza e urgenza che oggi è
indubitabilmente molto inferiore rispetto a quello
che noi desidereremmo fosse, e che fosse anche
in qualche modo, direi, tale da assicurare lo
scopo, insomma, per la quale si crea una rete di
emergenza - urgenza, cioè la capacità nei
confronti dei cittadini di essere assistiti in questi
casi nel modo migliore possibile, il nostro
problema per recuperare il ritardo è stato quello
di, ed è un'opera assolutamente meritevole,
coinvolgere coloro che su questa tematica sono
riconosciuti oggettivamente i migliori al mondo,
cioè mi riferisco al Ministero della Sanità dello
Stato di Israele che, per ovvi motivi voi sapete,
su questa tematica ha sviluppato tali e tanti passi
in avanti che oggi l'Ocse lo riconosce, lo Stato di
Israele, non solo per la rete di emergenza urgenza ma per il suo sistema sanitario, come il
benchmark al quale dovrebbero, in qualche
modo, tendere tutte le nazioni che aderiscono
all'Organizzazione Mondiale della Sanità. Detto
questo tutto questo can - can nasce perché, nel
mettere su una squadra che fosse una squadra
che, costruita sulla scorta di quella che io
definisco delivery unit, e che era un metodo che
veniva utilizzato dal Governo Inglese per
raggiungere gli obiettivi quando questi obiettivi
erano complessi e richiedevano la collaborazione
necessaria di una rete piuttosto ampia di soggetti,
che normalmente vanno coordinati e stimolati, in
vista di una costituzione di questo Gruppo, mi
sono semplicemente permesso di segnalare come
possibile, come possibile persona da prendere in
considerazione ai fini di una costituzione di un
gruppo, (inc.)... del difetto che ha ai tuoi occhi di
essere un mio sostenitore, è una persona che voi,
insomma, da un punto di vista qualitativo e
anche per le esperienze professionali di altissimo
livello che ha avuto credo che lo possiate, sul
piano soprattutto delle relazioni internazionali,
ritenere una persona con un… come posso dire,
con una struttura sufficiente non a fare il medico,
perché là non si tratta di fare il medico, ma si
tratta di essere un facilitatore di una serie di
processi che coinvolgono diversi settori, diverse
personalità che, se non adeguatamente stimolate
attraverso una forma che dovrebbe essere quella
di tempi, rendicontazioni di tempi, segnare,
insomma, quelle che possono essere le strategie
e fissarsi soprattutto i metodi e i tempi, credo che
avremmo fatto un danno, cioè nel senso che
avremmo avuto una ambizione smodata che però
Regione Abruzzo
non sarebbe stata in qualche maniera sostenuta
da una organizzazione e da un metodo che fosse
corretto a raggiungere l’obiettivo. Questa è una
delle questioni sulle quali chiediamo sempre,
quindi io non ho fatto nessuna indicazione e
nomina a tizio e caio, valutati se caio è ai fini di
questa cosa, di essere preso in considerazione,
poi resta tutto nell’ambito dell'autonomia delle
Asl che evidentemente si sono sentite tra di loro,
hanno creato la struttura, hanno ritenuto che
questa persona potesse avere le caratteristiche
utili per lo scopo e hanno ritenuto di fare certe
cose, cioè, insomma, quello che voglio dire,
Camillo, è che io penso di avere fatto una cosa
interessante per la regione Abruzzo e non di
meritarmi una interrogazione che mira
esclusivamente a dire “Chiodi è una sorta di
faccendiere, che in qualche modo nomina le
persone che gli sono amiche per remunerarli di
chissà quale servizio”, no, non è così, certamente
è una persona che come visione politica ha una
visione politica coincidente con quella di centro
– destra e questo non è ancora un reato in questo
paese, anche se ogni tanto qualche dubbio ci
viene che lo sia, però, detto questo, io credo che
si possa derubricare ad una giusta, come posso
dire, intervento da parte dell’opposizione, ma
che mi sento di rigettare per quello che vuole
suggestionare, per la suggestione che vuole
instillare.
D’ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Grazie, Presidente. Presidente, lei tutto deve
fare, tranne dire le bugie e soprattutto alle
persone preparate. Allora, nella delibera della
Asl c'è scritto che il professionista è stato
individuato
tramite
comunicazione
del
30/11/2012 alla firma del Presidente Chiodi, ci
mancherebbe che lei nominava ciò che era di
competenza della Asl, ma lei ha detto alla Asl
chi doveva nominare. Io non so come abbia
potuto avere l’ardire, l’ardire di indicare un
nome e avrebbe dovuto dire “ci sono cinque
nomi, che io ho verificato che hanno capacità
professionali, sceglie” e lei ha indicato un nome
e cognome di un esperto di relazioni
internazionali che non c’entra nulla con quanto
lei ha detto proprio adesso e cioè stimato
professionista, ma che sulla rete di emergenza –
urgenza non c’entra assolutamente nulla. Magari
invece avesse messo un medico, magari lei
avesse pagato anche un israeliano che fosse
-23-
Resoconti Consiliari
venuto qui a organizzare la nostra rete di
emergenza – urgenza. Lei ci ha messo uno a
coordinare un gruppo di lavoro e fatto da altri,
che questo, diciamo, esperto di politiche
internazionali deve coordinare. Come se ci
sarebbe da coordinare qualche politica
internazionale e non un programma di sicurezza.
Io non so lei, che è avveduto, come abbia potuto,
appunto, ritenere che sia possibile che il
Presidente di una Regione individui un nome e
cognome, senza aver proceduto prima, io avrei
fatto… io se fossi stato in lei avrei preteso alle
Asl di chiedere un bando di evidenza pubblica,
stiamo parlando di 70 mila euro, stiamo parlando
di gente che avrebbe potuto andare a ricoprire il
ruolo e che aveva a che fare o ha avuto
esperienza sulla rete di emergenza – urgenza.
Proprio per le ragioni che dice lei, lei ha fatto
bene ad individuare una best practice, ma
dopodiché che ha fatto? Individua la migliore
pratica su questo settore e lo affida ad uno che
non c’entra nulla con questo settore, cioè la best
practice è Israele, però poi lei ha fatto la
italianata, cioè la teramanata mettendo un suo
amico ad occuparsi di una cosa che non c’entra
nulla rispetto all’oggetto del… perché se lei lo
nominava sui rapporti internazionali chi poteva
in qualche maniera discutere? Siccome qua
abbiamo a che fare con uno che coordina medici,
che è e che devono organizzare la rete di
emergenza – urgenza della nostra Regione e non
uno che si occupa di politiche internazionali.
Quindi lei, Presidente, diciamo che tra il dire e il
fare c'è di mezzo Teramo e c'è di mezzo non
Teramo in quanto provincia, in quanto città,
Teramo in quanto rete degli amici che
giustamente lei ha il diritto di avere; meno
giustamente, caro Presidente, ha il diritto di
nominare perché una cosa è gli amici che lei ha e
una cosa è gli amici che lei nomina, perché c'è
una differenza profonda tra amici e nomina degli
amici, delle quali io non mi scandalizzo che pure
avvenga, avviene però sulla base di profili
curriculari messi a confronto, dove uno tra
profili curricolari messi a confronto se l’amico è
il migliore, per carità, ma qui non c'è stato
proprio nulla di ciò, non c’è stato messo nulla a
confronto, non è stato fatto un avviso, è stato
solo nominato. Questi 72 mila euro saranno
divisi nelle quattro Asl, sarà pagato per tre anni
questo professionista che non c’entra nulla con
l’oggetto della nomina, ma si occupa di altro
nella rete e in particolare di lobby, anche parola
Regione Abruzzo
lecita, le lobby sono degli interessi, ma non si
occupa, appunto, di queste cose nella vita ed è
stato nominato. Ciò che a me sconvolge è che la
comunità istituzionale della Regione Abruzzo,
che non è fatta solo da Chiodi, ma è fatta anche
dai colleghi Consiglieri regionali delle tre
province, le quattro… non ravvedano e non
verificano come in effetti si metta indirettamente
le mani in pasta dentro questioni che la politica
dovrebbe esserne lontana proprio perché
dovrebbe essere il campo dei professionisti e
cioè mi riferisco alla sanità. Quindi io credo,
Presidente, che lei oggi faceva meglio a dire
“guardate, mi avete tanato, chiedo scusa, per la
prossima volta sarò coerente con quello che ho
detto a inizio mandato e cioè viva il merito”, lei
non l'ha fatto, non l'ha fatto in tante circostanze,
però poi quelle le racconteremo quando avrò
tempo, e non l'ha fatto in questa ultima
occasione. Quindi non… io non sono andato
sulla stampa prima, ci vado adesso, dopo la sua
risposta, perché la sua risposta aggrava
chiaramente la sua posizione, grazie.
INTERPELLANZA N. 354 A FIRMA DEL
CONSIGLIERE SCLOCCO RECANTE:
PRESIDIO OSPEDALIERO SAN MASSIMO
E STRUTTURA DEL CARMINE DI
PENNE.
PRESIDENTE
Passiamo adesso alla interpellanza 354 a firma
del Consigliere Sclocco, recante “Presidio
ospedaliero
San Massimo e struttura del
Carmine di Penne”, prego la collega Sclocco di
svolgere l’interpellanza, cinque minuti a
disposizione, le risponderà il Presidente Gianni
Chiodi.
SCLOCCO (PD)
Grazie, Presidente. Sinceramente, Presidente,
non avrei mai voluto fare questa interpellanza,
perché avrei voluto credere agli annunci prima e
alle rassicurazioni poi sia sue, ma soprattutto del
direttore generale dell'Asl Claudio D’Amario,
che più volte si è pronunciato sulla stampa, ma
anche nei territori con la giunta, con il sindaco di
Penne sulla questione ospedale San Massimo.
Anzi, sulle questioni ospedale San Massimo e
sulla struttura del Carmine a volte anche in mia
presenza. Purtroppo però questa interpellanza la
devo fare, perché ancora una volta gli annunci e
-24-
Resoconti Consiliari
le rassicurazioni sono rimaste lettera morta o
parole morte; allora questa interpellanza la
faccio per chiedere a che punto sono gli
stanziamenti di cui Claudio D’Amario più volte
ha parlato e cioè gli stanziamenti, i fondi dell’ex
Art. 20, qual è il reale ammontare di questi fondi
e quando serviranno, quando inizierà finalmente
la ristrutturazione dell’ospedale San Massimo di
Penne. Mi risulta infatti ad oggi, nonostante gli
annunci, che ci siano solamente… ci sia
solamente un progetto preliminare, ma non c'è
ancora l’esecutivo nonostante, ripeto, anche a
settembre di un anno fa Claudio D’Amario aveva
annunciato che i lavori erano lì lì per cominciare.
Quindi quanti fondi realmente ci sono e quando
inizierà la ristrutturazione. La seconda parte
dell’interpellanza riguarda invece la struttura del
Carmine, l’ultima riunione con Claudio
D’Amario è stata fatta in mia presenza insieme
al Sindaco, insieme anche all’Assessore Gatti,
che oggi non c'è, e riguarda la struttura del
Carmine. Purtroppo questa struttura più volte è
andata alla ribalta nazionale su Striscia la Notizia
e su altre, su Le Iene, mi sembra, su altri… altre
tv, altri programmi di denuncia. È una struttura
aperta, ma mai aperta, inaugurata, ma mai aperta,
che giace lì quasi nuova ma mai aperta, che
giace lì, quasi nuova ma intatta. So perché (inc.)
così ci disse che il Direttore Generale ha
presentato al Commissario, quindi a lei
Presidente, un progetto di (inc.) la struttura del
Carmine ma che non ha mai avuto risposte dal
Commissario alla Sanità, quindi da lei
Presidente; chiedo quindi oggi se c'è ancora
l'intenzione di investire per l'apertura della
struttura del Carmine. L'ultima questione che
riguarda, che è scritta in questa interpellanza è,
riguarda il reparto di rianimazione perché il
Reparto di Rianimazione è stato sostituito con
un'Unità di Terapia Intensiva Post - Operatoria,
con il rischio conseguente, rischio palesemente
esplicitato dagli amministratori pennesi, anche al
Commissario, che l'Ospedale San Massimo
possa, con questa eliminazione perdere
l'accreditamento, per cui ecco, chiedo in terza
istanza, anche se è possibile che questo
accreditamento venga perso, grazie.
PRESIDENTE
Grazie, prego Presidente Chiodi, a lei la parola.
Grazie.
Regione Abruzzo
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
Dunque, lei sa che prima di una Legge del 2009
non c'era nemmeno la prospettiva, nemmeno una
prospettiva in questo senso da parte della
Regione Abruzzo. Nel 2009 riuscimmo, con una
norma che scrissi quasi, direi, integralmente io,
ci ho fatto qualche correzione poi nella fase...
riuscimmo a far inserire, nella Legge 77 del
2009, una priorità per la Regione Abruzzo
nell'utilizzo dei fondi relativi all'articolo 20.
Prima di questa mia attività non c'era nemmeno
la speranza. A seguito di questa speranza, che è
stata creata, appunto, con la nostra attività, in
qualità di Commissario ad acta, ho approvato il
Decreto 65 del 2012 e ho approvato il nuovo
accordo di programma recante "Programma
straordinario di investimenti nell'edilizia
sanitaria della Regione Abruzzo, in attuazione
delle disposizioni della Legge 77", e l'abbiamo
trasmesso ai Ministeri competenti per la
validazione e la conseguente sottoscrizione,
frutto di un lavoro di preparazione analitico
perché riguarda ben cinque nuovi ospedali che
dovrebbero essere costruiti dopo 30 anni in
Abruzzo. L'accordo di programma in esso
contenuto è sostanzialmente imperniato sulla
riorganizzazione della rete ospedaliera nel
rispetto degli indirizzi di programmazione
regionale e nazionale che prevede, tra l'altro, la
riqualificazione del presidio ospedaliero di
Penne per un importo pari a 12,5 milioni di euro,
prima non c'era nemmeno la speranza, c'erano le
ragioni del Gabibbo, ma non c'erano le speranze.
Dopo un'attenta analisi della documentazione
tecnica e della verifica delle integrazioni,
precisazioni e modifiche effettuate dall'Ufficio,
la formulazione del nuovo accordo di
programma è stata posta all'attenzione del
Nucleo di Valutazione per l'acquisizione (inc.)
parere, il Nucleo di Valutazione per gli
Investimenti Pubblici in Sanità presso il
Ministero dell'Economia e del Tavolo di
Monitoraggio. Il Ministero della Salute ha
trasmesso, con nota pervenuta il 16 luglio scorso,
il verbale del Nucleo di Valutazione con invito a
voler rimettere all'Ufficio 7 della Direzione
Generale alla Programmazione Sanitaria
Ministeriale, una qualche modifica che possa
migliorare, diciamo, la loro valutazione, pertanto
l'azione del Commissario ad acta è imperniata a
concludere rapidamente le procedure per la
-25-
Resoconti Consiliari
stipula del nuovo accordo di programma e
giungere all'ammissione del finanziamento
stesso, per dare in tempi più brevi possibili, e
compatibilmente
con
la
complessità
dell'operazione,
ben...
l'attuazione
agli
investimenti programmati. Inoltre permane
ferma la volontà di rendere fruibile la struttura
del Carmine, rimasta inutilizzata per anni;
tuttavia la complessità dei bisogni sociali e la
necessità di costruire obiettivi di sviluppo
condivisi per il superamento di rigidità inerenti
la destinazione, determinano l'esigenza di
maturare un Progetto capace di soddisfare
l'interesse collettivo, realizzabile con le risorse
già disponibili e in linea con le disposizioni
normative. Va evidenziato, quindi, che per
garantire un'equa assistenza in tutto il territorio
regionale, è stato introdotto il modello di rete
assistenziale Hub Spoke; è un modello
organizzato, è un modello, anzi, organizzativo
delle alte specialità e fa riferimento alla modalità
di distribuzione dell'assistenza ospedaliera,
secondo il principio delle reti cliniche integrate,
che prevede la concentrazione della casistica più
complessa in un numero, sì limitato di centri,
non necessariamente più vicini, ma sicuramente
molto più attrezzati, la cui attività è integrata con
quello dei centri ospedalieri periferici, tanto per
dirle, se vuole vederlo, vada dalle Marche in su.
Pertanto, nell'ambito... perché non è una
invenzione abruzzese, sia chiaro, è un modello
che è utilizzato da decenni nelle Regioni dove la
Sanità è percepita migliore, pertanto, nell'ambito
del Piano di Riordino della rete ospedaliera,
nonché della rimodulazione delle strutture
ospedaliere sul modello Hub Spoke, è stata
individuata un'unica struttura ospedaliera,
articolata su più stabilimenti o presidi, e presidi,
oltre a ciò è in fase, come lei sa, di attivazione il
nuovo centro di Rianimazione del presidio
ospedaliero di Pescara, dotato di 12 posti letto,
anche di area pediatrica, ed è una novità, che può
soddisfare pienamente le esigenze di terapia
intensiva per l'intera Asl di Pescara. Sarà con
ogni probabilità la, diciamo, struttura di
rianimazione di riferimento di buona parte
dell'Italia. In ogni caso, allo scopo di assicurare
adeguati livelli di sicurezza per utenti ed
operatori, sia a Penne che a Popoli, è stata
prevista, nel nuovo atto aziendale della Asl di
Pescara,
l'istituzione
di
una
struttura
dipartimentale di anestesia e terapia intensiva
post - operatoria, in grado di garantire risposte
Regione Abruzzo
tempestive ed appropriate alle possibili
situazioni di criticità, sia interne che esterne,
grazie alla presenza di locali personali ed
attrezzature assolutamente idonee. Alla luce di
quanto esposto non si ravvede alcun pericolo di
possibile mancato accreditamento della struttura
ospedaliera di Penne, anzi, mi sembra talmente
ovvio, sta qua, che non sarà, non accadrà, quindi,
si ricorda? È come quando leggeva sui giornali
"chiude cardiochirurgia a Chieti; chiude il
presidio ospedaliero di Vasto; chiude Lanciano;
chiude Atri, chiude Sant'Omero", non
chiudevano niente di queste cose, l'unica che è
stata chiusa, in termini (inc.), è Guardiagrele,
come ha detto...
PRESIDENTE
Ha concluso, Presidente? Sì, la ringrazio, prego,
Marinella Sclocco, a lei la replica finale, evviva
il San Massimo e...
SCLOCCO (PD)
Sempre. Grazie Presidente, a parte l'ultima
questione, che è quella che mi sembra chiara, e
cioè che l'ospedale San Massimo non verrà non
accreditato, per cui continuerà ad essere
ospedale, lo dico agli amici che sono qui, sono
intervenuti da Penne, sulle altre due questioni
non mi sembra che ci sia molta chiarezza, o per
lo meno non ci siano questioni proprio chiare,
chiare e pragmatiche, come dire, perché rispetto
all'articolo 20, mi risulta invece che i soldi nel
2013 non ci sono più, i fondi dell'ex articolo 20
sono stati utilizzati da altre Regioni e non
dall'Abruzzo, per cui l'Abruzzo ha perso, per
questo anno, i fondi dell'ex articolo 20, almeno
così mi risulta, e l'Abruzzo dovrà aspettare l'anno
prossimo, ma a questo punto, come dire, lo dica
con chiarezza, lo dica agli amici di Penne, lo
dica agli operatori, agli utenti, non ci sono più
questi fondi per quest'anno, aspetteremo il 2014
per riaverli, e pare che la cifra sia di 250 milioni,
quindi una cifra grande, che va bene per il San
Massimo ma va bene anche per gli altri ospedali
che aspettano la ristrutturazione in Regione
Abruzzo, però ecco, mi risulta, ripeto, che per
quest'anno i fondi non ci sono, ecco perché poi i
lavori non iniziano. Per quanto riguarda il
secondo punto, insomma, lei mi ha detto che è
d'accordo però in pratica il Progetto non va
avanti, perché ripeto, so che il Direttore Generale
ha presentato un progetto che è sul suo tavolo ma
-26-
Resoconti Consiliari
non lo ha mai preso in considerazione, quindi fa
una valutazione di massima, sono d'accordo ma
poi, come dire, non stringe sui fatti; insomma...
(intervento fuori microfono)
SCLOCCO (PD)
Prego.
(intervento fuori microfono)
SCLOCCO (PD)
Va bene, le riproporrò l'interrogazione l'anno
prossimo, perché dal primo gennaio i fondi
saranno sul (inc.), fondi che, ripeto, secondo me
non ci sono, ma lei non lo dice.
PRESIDENTE
Bene, vedrà che insomma, vedrà la luce questa
struttura del Carmine.
Passiamo adesso all'interpellanza numero... è
l'ultima interpellanza e poi le do la parola. Va
bene, prego Nasuti.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
Per questione di tempi, chiedo l'inserimento del
premio Michetti, che è stata licenziata dalla
Commissione. Poi c'è la collega Verì che voleva
inserire l'istituzione della giornata della memoria
per i caduti nei campi in agricoltura. Solamente
questi due punti da inserire all'ordine del giorno.
PRESIDENTE
Se mi indica i numeri.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
Non ce l'ho il provvedimento del Michetti.
PRESIDENTE
Allora, votiamo per l'inserimento all'ordine del
giorno per la Legge sul Premio Michetti, firmata
anche dal sottoscritto, la prima firmataria è la
collega Petri, e della giornata dei caduti
nell'agricoltura.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
(Il Consiglio Regionale approva)
Regione Abruzzo
INTERPELLANZA N. 355 A FIRMA DEL
CONSIGLIERE D'ALESSANDRO CESARE,
RECANTE: RICONFERMA DEL PROF.
CARLO VICENTINI AL REPARTO DI
UROLOGIA DI TERAMO
PRESIDENTE
Adesso passiamo all'ultima interpellanza, la
numero
355
del
Consigliere
Cesare
D'Alessandro: Riconferma del Professore Carlo
Vicentini al reparto di Urologia di Teramo.
Risponderà il Presidente Chiodi. Prego, collega
D'Alessandro.
D'ALESSANDRO CESARE (IDV)
Presidente, finalmente possiamo discutere di una
interpellanza non datata, non presentata sette
mesi fa che arriva in Consiglio dopo che tutto si
è verificato, che il dibattito politico si è
affievolito. Per quanto riguarda il professor
Vicentini non è così. Richiamo brevemente la
vicenda. Il 3 di luglio di questo mese è stata
rescissa la convenzione tra la Asl di Teramo e
l'Università dell'Aquila, dove il Professor
Vicentini è cattedratico in una Urologia. Il
Dottor Varrassi, Direttore generale della Asl di
Teramo ha impiegato 24 ore a mandare a casa,
letteralmente a casa, il Professor Vicentini,
mettendo il reparto di Urologia di Teramo in una
situazione di ingovernabilità. Nei giorni
successivi a questo provvedimento, sono state
persino organizzate manifestazioni davanti alla
sede del Direttore generale, per chiedere al
presidente Chiodi di ripensare su questo
provvedimento, perché era anche intervenuta una
presa di posizione dell'Università dell'Aquila,
che aveva rivisto in parte alcune sue decisioni e
avevano sollecitato il Presidente Chiodi a un atto
formale per far sì che il Professor Vicentini
potesse continuare ad operare nel reparto
struttura complessa di Urologia di Teramo.
Dicevo all'inizio che mai interpellanza era più
attuale di quella presentata e discussa oggi,
perché questa mattina abbiamo appreso dalla
stampa che sull'argomento è intervenuto il
Direttore Sanitario della Asl di Teramo. E,
badate bene, in una struttura dove un cattedratico
dell'Università dell'Aquila aveva fatto solo 806
interventi in un anno, una media di circa 70
interventi mensili, e qui abbiamo dei noti
primari, anche chirurghi, ed anche primari di
medicina, che sanno cosa significa, il Direttore
-27-
Resoconti Consiliari
Sanitario della Asl di Teramo, nominato dal
Direttore generale Varrassi a sua volta nominato
dal Presidente Chiodi, ha detto che la colpa del
non funzionamento oggi, perché sono trenta
giorni che il reparto è fermo a Teramo, la colpa è
di Vicentini. Cioè praticamente hanno
assassinato, faccio un esempio, un tizio, e la
colpa è del morto. Perché Vicentini è morto, la
colpa invece di essere dell'assassino, è
dell'assassinato. Questo è quanto ha detto il
Dottor Antelli, questa mattina sui giornali, è
riportato dal Centro di Teramo, in cui il
Professor Vicentini, che io sapevo, come si dice,
Professore di fama nazionale e anche oltre, viene
giudicato da un Direttore Sanitario, il quale dice:
"la mobilità passiva della Asl di Teramo è colpa
tua", perché invece di fare gli interventi al 100
per cento di tutti coloro che ne avrebbero avuto
bisogno, nei hai fatto solo il 52 per cento, senza
entrare minimamente nella qualità degli
interventi. Perché si cono interventi che durano
un quarto d'ora, ma ci sono interventi che durano
anche sette, otto, dieci ore. E se centinaia di
cittadini, cosa che avviene poco, perché mi
sembra che i medici vengono spesso portati in
tribunale e non avvengono manifestazioni
pubbliche a loro sostegno o a loro favore
quotidianamente. E se un medico, un professore,
un chirurgo, come il Dottor Vicentini ha l'avallo
di centinaia di cittadini che si recano dal
Direttore generale della Asl di Teramo e gli
dicono: guarda, ripensaci, perché questa
situazione non è favorevole per i nostri malati,
per la nostra Asl, per la nostra struttura, perché
fino ad oggi questa situazione è stata gestita
nella maniera migliore possibile, c'è la
conferenza stampa del Direttore sanitario, il
quale dice che la Asl di Teramo e il reparto non
vanno bene perché Vicentini, al quale è stato
impedito (inc.) è responsabile, perché Varrassi e
i suoi collaboratori non riescono a trovare
neppure un sostituto. Cioè in trenta giorni, e
questo sì è vero, nel Burundi l'avrebbero trovato
un sostituto, Presidente Chiodi, a Teramo... e
non lo so, ce l'ha messo lei Varrassi, mica ce l'ho
messo io. Avrebbe anche potuto rimuoverlo a
suo tempo. Ebbene, ha cinque collaboratori e
nessuno sa operare, io mi sarei, se fossi stato, e
non li faccio i nomi, ma dalla parte di quei
collaboratori, quanto meno avrei sollevato
qualche obiezione nei confronti di un collega che
mi dice: tu non sai lavorare in questo ospedale.
Ecco quanto accade nella Asl di Teramo, grazie
Regione Abruzzo
al modo di gestire la sanità da parte di un
contestatissimo, non solo da noi, ma anche dalla
magistratura, Direttore generale, che lei avrebbe
avuto il modo (inc.)
PRESIDENTE
Grazie collega D'Alessandro. Prego, Presidente
Chiodi, a lei la replica. Anzi, la risposta.
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
Grazie. Allora, le informazioni di stampa, cui il
Consigliere si riferisce sono parziali e non
corrispondenti a quanto realmente verificatosi.
Cominciamo: invero, non si può attribuire al
Direttore generale della Asl di Teramo la
decisione della rimozione del professor
Vicentini. Infatti, risulta, e non capisco perché
non la citate mai, che la Commissione paritetica,
composta da otto componenti, quattro per parte
universitaria e quattro per parte ospedaliera,
incluso il rettore dell'Università dell'Aquila,
dopo sette mesi di riunioni, ha deciso di
rimuovere il Professor Vicentini dal rapporto
convenzionale con la Asl di Teramo. Tutto ciò
mai citato, sulla stampa non c'è, ovviamente,
emerge dal verbale dell'ultima riunione della
stessa Commissione paritetica, regolarmente
stilato e controfirmato dai vari componenti.
Nella stessa riunione si è anche deciso, su
richiesta della componente universitaria, di
rimuovere dalla Convenzione anche il
responsabile
dell'Ortopedia
del
presidio
ospedaliero di Sant'Omero, il responsabile della
Cardiologia del presidio ospedaliero di Atri, e il
Professor
Silvio
Romano,
cardiologo
convenzionato presso il Presidio Ospedaliero di
Atri, da detto verbale emerge anche che le
decisioni assunte erano immediatamente
eseguite.
Quindi, c'è una Commissione Paritetica,
composta da 8 componenti, 4 per parti
universitari, 4 per parti ospedalieri, inclusa
l'Università de L'Aquila che ha deciso di
rimuovere non solo Vicentini, ma anche altri che
erano concordi (inc) dell'Università, mo il
problema è Vicentini, tutti quegli altri nessun
problema, mah, comunque.
Secondo aspetto - la immediata esecutività della
decisione, ha imposto come conseguenza una
delibera ad hoc da parte degli uffici preposti
adottata il 3 luglio del 2013, dopo che le
-28-
Resoconti Consiliari
decisioni assunte dalla Commissione Paritetica
erano state formalmente presentate al Collegio di
Direzione della A.S.L., quindi la convenzione
con l'Università con queste primariati
universitari si è interrotta per il responsabile
della urologia, tra l'altro si ricorda che un altro
urologo universitaria ancora oggi è incardinato
nel rapporto convenzionale con la A.S.L. Di
Teramo, ma anche per i due cardiologi e per
l'ortopedico per il quale l'Università ha chiesto la
rescissione del rapporto convenzionale.
Quindi, c'è una Commissione paritetica che ha
preso questa decisione, che è stata recepita dal
Collegio di Direzione della A.S.L..
Va inoltre precisato che presso la A.S.L. di
Teramo non risulta alcun ripensamento da parte
dell'Università de L'Aquila, che pure abbiamo
letto sui giornali, che è falso, non risulta agli atti.
Tale ipotetico ripensamento avrebbe imposto una
nuova riunione dell'Unico Organo Deliberante
sui rapporti convenzionale interistituzionali che
proprio la Commissione Paritetica, riunione che
non è mai stata richiesta la componente
universitaria.
Vero è che la urologia di Teramo è da molti anni
è nell'elenco delle strutture a violazione
universitaria in convenzione, tuttavia la vigente
convenzione non ha interrotto i rapporti con la
urologia, bensì con il responsabile e di fatto la
formazione degli studenti e degli specializzanti
dell'Università de L'Aquila può proseguire senza
assoluzione di continuità presso le strutture
assistenziali della A.S.L. di Teramo.
Inoltre, sempre la Commissione Paritetica che è
l'organo che prende le decisioni in merito ai
rapporti convenzionali tra Università e A.S.L.,
ha anche deciso di proporre al Professor
Vicentini, un contratto integrativo per il
coordinamento delle attività didattiche e di
ricerca ad attivare presso il Presidio Ospedaliero
di Atri, proposta sulla quale si alterna ancora una
risposta da parte degli interessati, ufficiali
naturalmente, nonostante due solleciti che la
A.S.L. ha inviato al Rettore de L'Università de
L'Aquila.
Va evidenziato, che negli anni molte strutture,
altre strutture sono state sconvenzionate, questo
termine che non mi piace per niente, dai vari
componenti delle Commissioni Paritetiche che si
sono succeduti, sempre la Commissione
Paritetica e non il Direttore Generale di
un'A.S.L. e i rapporti tra le due facoltà, già la
Commissione Paritetica nel corso degli anni ha
Regione Abruzzo
già fatto alcune sconvenzioni, la clinica
chirurgica, la patologia chirurgica, la clinica
medica, la chirurgia vascolare, l'ortopedia, per le
quali non si è riscontrata nessuna forma di
protesta, ma tutto questo per dire, che non
gestendo la sanità da un punto di vista... non
facendo più la gestione politica della sanità come
(inc) una volta, che queste sono decisioni che
sono state assunte nella Commissione Paritetica,
A.S.L., Università composta per quattro
esponenti della A.S.L. e quattro esponenti
universitari, hanno deciso di rimuovere
Vicentini, non capisco perché la colpa è
diventata in un salto logico del Direttore
Generale Varrassi, e in un altro salto logico del
Presidente della Regione.
PRESIDENTE
Prego collega D'Alessandro a lei la parola.
D'ALESSANDRO CESARE (IDV)
Grazie della risposta, gradirei se è possibile
avere una copia di quanto mi ha letto, io non
sono soddisfatto, non lo so sono perché? Perché
il Presidente Chiodi omette di dire, che da parte
degli altri tre c'era il consenso, cioè sia...
possiamo pure fare i nomi, sia Carpisi che la
responsabile di Atri erano d'accordo a rientrare
nei rispettivi luoghi di origine, e da parte loro
non c'era... come si dice alcuna difficoltà ad
accettare questo provvedimento, a me risulta
invece che ci sia stato un ripensamento da parte
dell'Università de L'Aquila, e che ad oggi si
facciano interventi in quel reparto, perché non
c'è chi interviene, se prima se ne facevano 70 di
media al mese, adesso se ne fanno 0, e se questo
è il risultato che lei vuole per l'A.S.L. di Teramo,
io ritengo che se va bene a lei, non va bene né a
Vicentini il quale non è andato per strada ad
alzare la bandiera, ci sono andati centinaia di
cittadini davanti alla A.S.L. Di Teramo l'8 di
luglio, giorno 8 luglio.
Poi l'affermazione che lei fa che la formazione
degli studenti prosegue, su che base prosegue la
formazione degli studenti, se non si va in camera
operatoria caro Presidente, se da parte di chi
opera in quella fase così c'è scritto sui giornali,
così c'è scritto sui giornali, noi possiamo avere
informazioni da lei o dalla stampa, non è che
possiamo andare... non abbiamo accesso nei
reparti... ma lei può fare quello che vuole, è il
Presidente, io mi interrompo e la lascio perdere.
-29-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
Prego Presidente.
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
La questione verteva sulla vicenda che il
Direttore Generale avrebbe rimosso Vicentini, e
quindi... è chiaro che la decisione della
Commissione Paritetica di rimuovere Vicentini
così come ha deciso di rimuovere altri, creda
delle situazioni da ricalibrare.
D'altra parte è un fatto che normalmente quando
se ne va un Primario, non è che gli altri non sono
in grado di operare, normalmente si è creata una
struttura sono in grado di operare, quindi se
non... e ha ragione lei è preoccupante, però detto
questo ci siamo preoccupati dopo questo
sconvenzionamento, dopo la Commissione
Paritetica e non di Gianni Chiodi o del Direttore
Generale, che con questo noi nel giro di qualche
mese, forse di un mese, un mese e mezzo
avremmo due nuovi... due persone in grado di
fare operazioni anche di un certo livello, e poi si
sta bandendo già, si bandirà subito il concorso
per quanto riguarda il Primario, d'altra parte se ti
sconvenzionano la Commissione Paritetica noi
dobbiamo recepirla insomma in qualche modo.
PRESIDENTE
Bene. Prego concluda.
D'ALESSANDRO CESARE (IDV)
Grazie Presidente.
Io non sono assolutamente soddisfatto non tanto
della risposta che lei mi ha dato, perché
gliel'hanno preparata, quanto del fatto che a
Teramo è stato rimosso un valido, validissimo
operatore della sanità che avrebbe potuto dare un
contributo ancora per diverso tempo, per come
dice lei per la formazione dei nostri studenti,
degli studenti abruzzesi che operano nel settore
dell'urologia, mettere in discussione come ha
fatto il suo direttore sanitario, perché lo ha
nominato il suo Direttore Generale dal punto di
vista professionale, il Professor Vicentini come è
avvenuto questa mattina, perché l'ho letto sui
giornali, in cui si da dell'incapacità al mantenere
come si dice, una presenza di coloro che hanno
bisogno di quel reparto, perché la mobilità
passiva viene addebitata al Professor Vicentini
questo francamente mi sembra troppo.
Regione Abruzzo
RISOLUZIONE A FIRMA DEL
CONSIGLIERE PALOMBA: ISTITUZIONE
DIVIETO DI TRANSITO AI VEICOLI DI
MASSA A PIENO CARICO SUPERIORE A
7,5 T. SULLA S.P. 88 SANGRINA, S.P. 88
VAR. E S.P. 88 DIR S. ANGELO DEL
PESCO
PRESIDENTE
Bene. allora chiedo per cortesia un attimo di
attenzione, perché passiamo adesso, abbiamo
concluso con le interpellanza, passiamo adesso
alla risoluzione a firma del Consigliere Palomba,
istituzione del divieto di transito ai veicoli di
massa a pieno carico superiori a 7 tonnellate e
mezzo sulla strada provinciale 88 Sangrina e
strada provinciale 88 variante, e strada
provinciale 88 direzione Sant'Angelo del Pesco.
Prego illustri brevemente la risoluzione e la
votiamo.
-30-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
È approvata all'unanimità anche la risoluzione
del collega Caramanico.
Adesso abbiamo il primo punto all'ordine del
giorno, chiedo scusa non ho capito, sull'ordine
dei lavori, Camillo D'Alessandro, prego.
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Prima che arrivava lei, abbiamo concordato
all'unanimità che si discutessero prima dei punti
all'ordine del giorno, le altre Risoluzioni, quelle
a firma, diciamo, la Risoluzione numero uno, la
Risoluzione numero due e l'ultima Risoluzione
presentata dal collega Nasuti, a cui ho apposto la
firma, che non è stata numerata, non so. Non è
stata numerata, comunque... la tre. No, non è la
tre. È la numero cinque. E comunque...
PRESIDENTE
Allora, avete concordato di...
PALOMBA (IDV)
Comunque è stata consegnata copia a tutti i
singoli Consiglieri.
PRESIDENTE
La pongo in votazione.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
RISOLUZIONE A FIRMA DEL
CONSIGLIERE CARAMANICO: INDICE
DI BENESSERE ECONOMICO
SOSTENIBILE
PRESIDENTE
La risoluzione Palomba è approvata.
La seconda risoluzione a firma del collega
Caramanico, indice di benessere economico
sostenibile. La pongo in votazione o la vuole
illustrare? La pongo in votazione.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Sì, abbiamo concordato all'inizio del Consiglio.
RISOLUZIONE N. 1: D’INIZIATIVA
D'ALESSANDRO CAMILLO - SCLOCCO
PRESIDENTE
Va bene. Io non lo sapevo. Allora, datemi le
Risoluzioni, le faccio votare velocemente.
Allora, cominciamo con questa di Tagliente, la
numero due. La numero uno... Sono simili, mi
dicono. Va bene. La prima è Camillo
D'Alessandro - Sclocco: impegna il Presidente
della Giunta Regionale, la revoca immediata del
decreto numero 51 del Presidente della Regione,
in qualità di commissario ad acta alla successiva
istituzione di un tavolo di lavoro... discussione
unica, col numero... anche con la seconda
Risoluzione, firmata da Tagliente e Rabuffo. La
prima dice:... e la successiva istituzione di un
tavolo di lavoro con la partecipazione di
rappresentanti delle categorie interessate, titolari
delle strutture, operatori ed utenti, per
monitorare e valutare l'attuale situazione delle
prestazioni erogate dalle strutture, ex articolo 26
- 833/78 ed assumere una nuova decisione più
ponderata, circa il futuro delle prestazioni
riabilitative.
Regione Abruzzo
RISOLUZIONE N. 2: D’INIZIATIVA
TAGLIENTE - RABUFFO
-31-
Resoconti Consiliari
una votazione unica possiamo
entrambe le Risoluzioni. Grazie.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Mentre invece Tagliente dice: impegno del
Presidente della Giunta Regionale a revocare
sempre il medesimo decreto, con (inc.)
immediato a rivederne i contenuti dopo la
consultazione, oltretutto prevista ex legge con le
rappresentanze degli istituti di riabilitazione;
impegna altresì dello stesso Presidente della
Giunta, alla qualità di commissario, in materia
sanitaria, da differire al Consiglio. Prego,
D'Alessandro, illustri pure.
Prego, Tagliente e poi Venturoni.
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Presidente, nel merito, per me si può anche
fondere in un'unica Risoluzione, se il Presidente
Tagliente è chiaramente d'accordo. C'è solo
un'aggiunta, rispetto alla nostra, che, oltre alla
richiesta della revoca, c'è la richiesta di istituire
il tavolo. Tutto qua. Noi parliamo di un decreto
del Commissario ad acta, con il quale si è
stabilito un taglio lineare delle prestazioni
riabilitative, ponendo un meccanismo del
cosiddetto respingimento dei malati disabili, o di
coloro che hanno bisogno di riabilitazione,
perché saranno le cliniche stesse a dover dire a
quali disabili, per quanto tempo e per quante ore
dover ridurre, appunto, le prestazioni
riabilitative. Ma, al di là di questo, penso che il
Presidente Tagliente possa dire più e meglio di
me, è un atto assolutamente illegittimo. È
illegittimo da ogni punto di vista, soprattutto
perché l'applicazione del taglio non è prevista
dalla norma nazionale. Risolto questa questione
fondamentale, perché non riguarda le prestazioni
riabilitative l'obbligatorietà del taglio, e questa è
una cosa certa, verificata, ma, casomai, se c'è un
problema di equilibrio finanziario, dentro il
capitolo generale della Sanità, si può far fronte a
quei sette milioni circa, otto milioni circa, che
sono praticamente le esigenze, che sono richieste
per evitare appunto la riduzione delle prestazioni
riabilitative. Quindi, sono due le questioni. Uno:
è illegittima, in quanto contrasta la norma
nazionale, perché non prevede, la norma
nazionale, che si applichi un taglio sulle
prestazioni riabilitative. Due: se esiste
un'esigenza di natura finanziaria, si può
provvedere in altro modo, operando sul capitolo
generale, appunto, della Sanità. Io credo che con
approvare
TAGLIENTE (PDL)
Presidente, io ho poco da aggiungere a quanto ha
brillantemente illustrato il collega Camillo
D'Alessandro. Mi voglio soffermare soltanto su
un aspetto di legittimità, in quanto io ritengo,
cari colleghi, che il decreto 51, firmato dal
Presidente Commissario alla Sanità, il collega
Gianni Chiodi, presenti aspetti di... voglio dire,
di illegittimità palese, nel momento in cui fa
riferimento al decreto della spending review, che
non prevede assolutamente una riduzione del
tetto di spesa, per quanto riguarda le categorie ex
articolo 26, ma le prevede soltanto in materia di
assistenza specialistica ambulatoriale e di
assistenza ospedaliera. Di fronte a questa, che io
torno a definire una palese illegittimità, che non
trova, torno a dire, alcun riferimento nel decreto
sulla spending review, io credo che
bisognerebbe, come dire, ecco, fare un attimo di
sospensione, bisognerebbe aprire un tavolo,
come anche altri hanno proposto, per vedere...
ecco, se sono vere, se sono fondate le mie - e non
solo mie - perplessità e se si può trovare una
soluzione ad un problema che scaturirebbe
dall'applicazione di questo decreto. Un
problema, che si riflette in termini di un vulnus
palese e conclamato, nei confronti di categorie
assolutamente deboli e che comporterebbe,
oltretutto, anche il licenziamento di alcune
decine di unità, in servizio presso i centri di
riabilitazione. Il quadro che si profila, a fronte
della entrata in vigore di questo decreto 51 è
assolutamente allarmante, per cui, quanto meno,
un break. Io ho chiesto, nella Risoluzione,
evidentemente, la revoca, ma aggiungo quanto
meno un break, con l'apertura di un tavolo di
concertazione con tutte quante le forze politiche,
le forze sindacali e i rappresentanti dei centri,
degli istituti di riabilitazione, sarebbe quanto mai
opportuno.
PRESIDENTE
Venturoni.
Regione Abruzzo
VENTURONI (PDL)
Grazie, Presidente. Vorrei un attimo, se
possibile, chiarire questo importante aspetto, che
riguarda l'articolo 26. Premetto che l'ex articolo
26, si chiama proprio "ex articolo", perché già,
nella maggior parte delle regioni italiane, non
esiste più l'ex articolo 26. Dico questo, perché?
Perché, in realtà, in questa Regione, si è fatto un
uso e un abuso dell'istituto cosiddetto della
riabilitazione. Se noi andiamo a vedere i dati,
l'Abruzzo ha, rispetto ad altre Regioni, tipo la
Toscana, faccio un esempio, quasi il sessanta,
settanta per cento in più di posti letto e di
prestazioni di riabilitazione. Vuol dire che gli
abruzzesi sono tutti handicappati? No. È che, in
realtà, si è preferito, negli anni, dare provvisori
accreditamenti - perché l'accreditamento
definitivo ancora non c'è - per la riabilitazione,
quando riabilitazione non era. Faccio l'esempio
dei disabili. Tutti i disabili sono considerati,
oggi, provvisoriamente accreditati come letti
riabilitativi. Così non è. Come, d'altra parte, c'è
stato un eccesso di accreditamento e
naturalmente su prestazione riabilitative ad alto
coso e, invece, un basso accreditamento, seppur
provvisorio, di riabilitazioni a basso costo. Il
secondo punto che l'Abruzzo, sicuramente, ha
presentato un'anomalia, almeno al sottoscritto
quando ricopriva il ruolo di Assessore alla
Sanità, era che non c'era la compartecipazione.
Tant'è vero che, se voi ricordate, il Commissario
Redigolo, la prima cosa che fece, fece un decreto
per introdurre la compartecipazione, che metteva
da una parte la riduzione dei costi, dall'altra,
naturalmente, anche un freno dell'uso delle
prestazioni riabilitative. Ci fu una sollevazione
popolare di questo Consiglio, se voi vi ricordate,
e nel frattempo era diventato Commissario
Gianni Chiodi, e quindi facemmo revocare il
provvedimento della compartecipazione nel
momento in cui tra l'altro (inc.) nella
compartecipazione
vedeva
soprattutto
l'intervento spesso dei Comuni, quando soggetti
deboli che non avevano fondi propri, e voi sapete
come stanno messi oggi i Comuni, quindi
nell'andare a compartecipare su questa spesa.
Detto questo, questa Regione finalmente ha fatto
il fabbisogno su questa residenzialità, e
naturalmente il fabbisogno ha spostato i numeri
di quello che è (inc.) provvisorio, per cui una
rivisitazione e soprattutto spostamento di
prestazioni da una parte all'altra va comunque
-32-
Resoconti Consiliari
fatta, perché una volta per tutte va ristabilita la
normalità in questa Regione. Ora io so benissimo
che il taglio sulla spending review riguarda
l'ospedalità privata e l'ambulatoriale, e non si
parla di riabilitazione, però bisogna tenere
presente due cose.
Primo, che per la prima volta in questo Paese è
stato fatto un decreto per cui da 111 milioni di
euro la spesa per la sanità è stata portata a 104
milioni di euro, di cui... miliardi di euro, scusate,
per cui la Regione Abruzzo, come tutte le altre
Regioni in percentuale, riceverà qualcosa come
68, mi sembra, milioni in meno di finanziamento
il primo anno, che riceveremo in meno rispetto
all'anno precedente. Nel decreto di riduzione
della spesa sanitaria in Italia è stato indicato
come le Regioni, per far fronte a questa
diminuzione del finanziamento alla sanità, debba
tagliare sul privato. Quindi è vero che non c'è
l'indicazione diretta, ma è anche vero che il
Governo dà indicazione, perché tra l'altro non è
certo
comprimibile
ulteriormente
certe
prestazioni sanitarie che riguardano l'ospedalità
pubblica e privata, o comunque la medicina di
base o la farmaceutica, che spesso sono costi
incomprimibili, il punto che è individuato dal
Governo dove andare a tagliare è sulla sanità
privata. E l'ex-articolo 26 è sanità privata, perché
da una parte dobbiamo deciderci, i soldi sono
questi, da qualche parte bisogna tagliare.
Ora io avevo detto già al Presidente Gianni
Chiodi circa due mesi fa che il problema dell'exarticolo 26 è un problema da affrontare non in
maniera lineare, nel senso che abbiamo delle
realtà diverse, abbiamo delle condizioni diverse
struttura per struttura, e avevo chiesto al
Commissario Chiodi, insieme con il Sub
Commissario Zuccatelli, di aprire un tavolo
proprio struttura per struttura, per andare a
evidenziare non soltanto quello che poteva
essere... non soltanto verificare quello che poteva
essere la riconversione, e su questo tra l'altro
bisogna fare una modifica alla 32, perché
complicherebbe ulteriormente il quadro, non
solo andare a evidenziare quindi quello che era il
processo di riconversione di queste strutture,
andandole ad adattare a quello che è il
fabbisogno, ma soprattutto di andare a
evidenziare come il budget per ogni singola
struttura spesso non corrispondeva in maniera
diretta all'attività, e forse c'era la disponibilità,
anzi, la necessità di spostare budget (inc.) che la
Regione Abruzzo
32 obbliga, da una parte all'altra, fermo restando
la spesa complessiva.
Mi risulta che il Sub Commissario Zuccatelli
abbia preparato questa delibera di taglio lineare
del 10 per cento, credo che il Commissario
Chiodi, insieme con l'Assessore al bilancio dopo,
al tavolo del monitoraggio, vogliono aprire
questo tavolo, pertanto, per quanto mi riguarda,
io credo che siamo disponibili a chiedere al
Presidente di sospendere questo provvedimento,
di aprire un tavolo di trattativa e poi riportare,
certamente non pensando che non è successo
niente, ritorna tutto come prima, ma di avviare in
maniera più armonica e adeguata quello che è
questo procedimento importantissimo, che
riguarda la residenzialità.
-33-
Resoconti Consiliari
confronti del Governo nazionale, visto che in
qualche maniera lo suggerisce anche il
Presidente Tagliente nel suo intervento, lei
provveda alla revoca. Una revoca che durerà
poco tempo, nel quale lei fa le cose che deve
fare, anche quelle che diceva... in un mese, poi
eventualmente ripristina l'atto, forse non più con
quel taglio, perché credo che se c'è un problema
di finanziamento, cioè finanziario, non di
finanziamento, noi possiamo risolvere in altro
modo. Se c'è un problema invece di legittimità
del taglio, quel taglio è illegittimo e dunque lei
ha compiuto un atto che le può essere impugnato
e creare anche un contenzioso.
Per cui nulla quaestio se lei revoca l'atto per 30
giorni, ne dà comunicazione, nel frattempo fa ciò
che si dovrebbe fare.
PRESIDENTE
Sì, prego D'Alessandro.
PRESIDENTE
Chiodi.
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Presidente, se si legge bene nella formulazione
originaria, il documento, il Presidente Tagliente,
parlava proprio di sospensione, poi noi per
adeguarlo abbiamo anche invitato il Presidente
Tagliente ad aderire alla richiesta della revoca.
Ma tutto perché c'è un tema, voglio sapere come
si fa a sospendere il provvedimento. Cioè, per...
prego?
(intervento fuori microfono)
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Esatto, il punto è questo, perché se dobbiamo
prenderci in giro, no, non lo facciamo su questa
materia. La sospensione significa che domani
tutti coloro che oggi hanno le cure, continuano
ad averle come se l'atto fosse revocato? Se non è
così, e secondo me non è così, perché sennò il
Presidente Chiodi dovrebbe fare un ulteriore
provvedimento, comunicare agli istituti, dire che
quel provvedimento è sospeso per 30 giorni, per
cui fino a prossima data...
(intervento fuori microfono)
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Appunto, dovrebbero firmare i... per cui io credo
che non esiste l'istituto della sospensione. Io
invece penso che il Presidente Chiodi, anche
come... Presidente, anche come atto politico nei
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
Allora, io capisco le ragioni ovviamente di
queste risoluzioni, insomma, questa levata di
scudi. Però vorrei ricondurre il tema, perché
anche il Consiglio Regionale si è informato delle
ragioni, che non sono vessatorie, e che non sono
meramente il gusto diciamo di mettere in
difficoltà qualcuno o qualcosa.
Stiamo parlando in sostanza dell'obiettivo
comune di rendere il nostro sistema sanitario un
sistema sanitario che possa continuare ad
assicurare nei prossimi anni le cure e la sanità di
stampo universalistico, cioè gratis per tutti. Per
raggiungere questo obiettivo abbiamo la
necessità, l'obbligo ineluttabile di renderlo
sostenibile, cioè significa in equilibrio. Se non lo
rendiamo sostenibile, come è accaduto negli anni
passati, il sistema salta e non solo non avremo la
stessa assistenza sanitaria che si poteva aver
avuto nel passato, ma sopratutto creeremo le
premesse per tagli molto, molto più pesanti e
rilevanti.
Ora voi dovete sapere che questa decisione così
forte, che è stata sostenuta, elaborata e sostenuta
dal Sub Commissario Zuccatelli, è conseguente
ad un atto del Governo nazionale, che solo
erroneamente viene attribuito ad una spending
review che sarebbe stata puntuale sul punto
dell'attività di riabilitazione. Il Governo
nazionale ha ridotto il fondo sanitario nazionale
Regione Abruzzo
di due miliardi e 400 milioni di euro a livello
nazionale, e questa riduzione, immediatamente
operativa, è stata trasferita immediatamente alle
Regioni, che quindi hanno visto decurtato dalla
sera alla mattina una (inc.) del fondo sanitario
nazionale. Quindi c'è un problema di spending
review, se non ci fosse stata la decurtazione del
fondo sanitario nazionale operata... esatto, esatto,
sto dicendo, quindi, non c'è il riferimento
puntuale, ed è questa la ragione per la quale io
ho avuto molte difficoltà prima di apporre la mia
firma a questo atto. Però, abbiamo predisposto,
quindi, siccome si sono ridotti i soldi che lo
Stato dà alle Regioni già adesso per la Sanità, in
corso d'opera, gli Uffici e in particolare su
indicazione del sub-Commissario, con il Decreto
51, che definisce il budget per le strutture
dell'articolo... scusate, mi fate finire anche su
altre questioni, non è solo questo il problema.
Perché, vedete, se la Regione Abruzzo è arrivata
dove è arrivata, non è che ci è arrivata per grazia
della provvidenza. Sì, ma mi fate spiegare? Io vi
sto dicendo: fatemi spiegare. Se non volete
spiegazioni e volete solo fare del (inc.) fatelo,
tanto non pensate che queste cose alla fine non si
capiscano.
Quindi, abbiamo predisposto, con gli Uffici
regionali e col sub-Commissario, il Decreto 51
che definisce il budget per le strutture dell'art. 26
sulla riabilitazione, e abbiamo dovuto applicare
un taglio ai tetti riconosciuti lo scorso anno,
giustificato dalle minori risorse a disposizione e
dalla necessità di mantenere il sistema in
equilibrio. Tale risparmio, come quello previsto
per la psicoriabilitazione e per tutte le prestazioni
da privato, è coerente con le azioni messe in
campo per garantire l'equilibrio economicofinanziario, che è una condizione indispensabile
per uscire dal piano di rientro e per rispettare gli
obiettivi della programmazione 2013-2015.
Però, attenzione, perché adesso dobbiamo capire,
e vi annuncio già che giovedì ci sarà un tavolo
tra le strutture che si occupano dell'ex art. 26 e il
sub-Commissario, per definire una strategia che
possa essere diversa da quella che abbiamo
dovuto fare anche in funzione del (inc.).
Aggiungo una cosa: ovviamente saranno
chiamate anche le strutture a modificare alcune
delle questioni che adesso vi dirò, e che incidono
ingiustamente sul fabbisogno delle... farà pure
qualche posto di lavoro in più, ma in realtà si sta
finanziando un posto di lavoro con soldi indebiti
da parte dell'Ente.
-34-
Resoconti Consiliari
Abbiamo tenuto in considerazione anche il fatto
che nella nostra Regione la maggiore richiesta
nella domanda sanitaria è per le strutture di Rsa
ed Ra, considerando l'aumento costante della
popolazione anziana. Quelle esistenti mostrano
un tasso di occupazione medio, prossimo al 100
per cento. Perciò non c'è ombra di dubbio che
per questo tipo di attività Rsa ed Ra, cioè
Residenze sanitarie assistite, e Residenze
assistite, insomma, per gli anziani, per la lunga
degenza, è necessario ampliare l'offerta in
considerazione dell'incremento delle malattie
cronico-degenerative
ed
invalidanti.
Al
contrario, le strutture di riabilitazione ex art. 26
hanno mostrato, anche nel 2012, un tasso medio
di occupazione sensibilmente più basso. Il
maggiore, quello maggiore, è stato dell'87 per
cento ed un utilizzo delle stesse, sovente diretto a
fornire residenza ai pazienti, con un settico
assistenziale che non è quello della riabilitazione
ex art. 26, bensì Rsa ed Ra. Nelle more, diciamo,
del trasferimento dei pazienti presso la struttura
pertinente. E questo è stato segnalato anche dai
Nas, che hanno visto che molte strutture che
vengono pagate come ex art. 26, in realtà
ospitano persone che hanno setting... aspetta,
infatti, te lo stavo dicendo. Però, aspetta, (inc.)
Peppino, ti occupi di sanità da molto tempo. Sì,
vediamo, infatti stiamo cercando di aggiustare.
Però ci sono dei Nas che se ne fregano di queste
cose, e dicono che tu non puoi pagare una
prestazione 200 euro quando, in realtà, quella
giusta dovresti pagarla 40. Okay?
(intervento fuori microfono)
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
L'unità di valutazione, sia chiaro, sebbene tu sia
abituato a pensare il contrario, non è il politico
che dice qual è il setting assistenziale di cui c'è
bisogno. Sia chiaro. Io non sono quello che dice
se il setting assistenziale è A o B. L'unità di
valutazione multidisciplinare, facendo seguito ad
una mia richiesta, a partire dal 2010, ci comunica
periodicamente l'elenco degli utenti per distretti
che sono stati presi in carico da strutture ex art.
26, ma che sono da ricollocare in altri setting
assistenziali. Tali collocazioni sono giustificate
da una non reperibilità o da un'assenza di
strutture corrispondenti al regime assistenziale
proposto. Con la struttura regionale, l'anno
Regione Abruzzo
scorso abbiamo determinato il fabbisogno
regionale
della
residenzialità
e
della
semiresidenzialità con il decreto 52, e si è presto
atto della necessità di semiresidenze per disabili,
di Rsa ed Ra, per l'assistenza alla popolazione
anziana, oltreché di centri diurni per lo spettro
autistico. E' quindi indispensabile che i pazienti
ospitati nelle strutture ex art. 26, almeno
rientranti in queste Asl, siano trasferiti presso
strutture adeguate al loro setting assistenziale. E',
quindi, indispensabile che alcune strutture ex art.
26 si riconvertano, ad esempio in Rsa ed Ra, e
questo per permettere che ogni struttura curi il
setting assistenziale giusto, e pazienti che
abbiano la necessità di prestazioni riabilitative
non trovino le strutture ex art. 26 occupate da
pazienti che in realtà potevano essere curati
presso Rsa ed Ra. Il Decreto 51 ha, inoltre,
previsto l'ammissione alla negoziazione anche di
strutture che erogano prestazioni sanitarie a
bambini autistici, che prima non erano regolate e
a bambini abusati, che prima non erano regolati,
dando attuazione al fabbisogno rilevato l'anno
scorso, quindi io direi più che di tagli parlerei
anche di rimodulazione al reale fabbisogno.
Vorrei precisare che tale riduzione del budget va
intesa come manovra per incrementare l'offerta
di prestazioni per anziani. Cioè, l'ex art. 26 si
riduce per aumentare il budget per le prestazioni
per gli anziani, attraverso un meccanismo che
stimoli la riconversione delle strutture ma anche
per garantire le prestazioni per bambini autistici
e abusati, di cui c'è una grande richiesta a livello
regionale.
Ora, il discorso qual è? Che il tavolo di giovedì,
che il Dottor Zuccatelli terrà con le strutture, ha
un duplice obiettivo: da un lato rivedere il
Decreto art. 51, per renderlo, ovviamente, più
confacente a quelle che sono le aspettative che
anche questo Consiglio Regionale sta, diciamo,
evocando e manifestando. Ma, dall'altro lato,
chiedere alle strutture di fare la loro parte per
favorire questo processo che ci mette intanto in
regola da un punto di vista di legalità. Perché,
ripeto ancora una volta, non possiamo pagare
prestazioni come se fossero riabilitazioni ex art.
26, invece sono altre patologie, e quindi c'è il
rischio di utilizzare i fondi pubblici a vantaggio
di strutture private, in un certo senso, che in
realtà dovrebbero costare meno di quanto
costano alla collettività. E, dall'altro lato, che ci
siano delle operazioni di riconversione per cui le
strutture che oggi si occupano dell'art. 26, se
-35-
Resoconti Consiliari
vogliono, alcune possono occuparsi di Rsa, di
Residenzialità e di Residenze sanitarie assistente,
in maniera tale da poter rendere possibile, come
ha sollevato per inciso Peppino Tagliente, che
oggi ci sono delle persone che stanno in alcune
strutture che hanno setting assistenziali che non
sono corretti e che la Regione, gli abruzzesi,
pagano in maniera superiore, che se dovessero
essere tolta da quella struttura, perché i Nas
sostengono, per esempio, che non è quello il
setting assistenziale corretto, non trovino la
possibilità di andare ad essere comunque
assistite.
No, invertiamo, hai ragione, ed io non lo
escludo. Adesso facciamo come per la sanità
territoriale, dice: prima di riconvertire gli
ospedali fai gli investimenti in sanità territoriale.
Ma non avevamo un euro. Questo è stato,
secondo quello che dice Zuccatelli, il modo per
portare le strutture a fare, se non si vuole fare
niente se non si vuole collaborare nell'interesse
di una corretta gestione del fenomeno delle Rsa e
della riabilitazione e ognuno cerca di
massimizzare il proprio profitto, sappiate che
queste sono le somme sostenibili.
Se invece si vuole collaborare a trovare un
sistema che possa rendere date le somme che
non sono illimitate, rendere tutto più corretto e
offrire una, diciamo, prestazione, una serie di
prestazioni che possono far fronte correttamente
alle varie patologie, allora c'è la possibilità di
negoziare. Quindi, quello che voglio dire è
questo, e concludo. Giovedì ci sarà questo tavolo
non c'è bisogno di nessuna azione, diciamo, poi
anche perché non potrei seguirla in qualità di
Commissario, cioè voi potete fare tutte le vostre
parti che volete per fa' vedere a questo o a quello
però, la realtà, è che io non posso seguirle.
Posso, però, e prendo l'impegno come ho già
stimolato e come sanno già i nostri collaboratori
più stretti di seguire con attenzione tutte queste
vicende e di riferire in via preventiva anche al
Consiglio Regionale in maniera tale da costruire
tutti insieme un modello sanitario che sia in
regola e tale da soddisfare i bisogni delle
persone. Posso dare una notizia a margine di
questa cosa che nell'ultimo tavolo di
monitoraggio che si occupa anche dei livelli
essenziali di assistenza, quindi non solo delle
questioni finanziarie, la nostra Regione ha
ottenuto un punteggio, un aumento del punteggio
per quanto riguarda la capacità di assicurare ai
propri cittadini i livelli essenziali di assistenza
Regione Abruzzo
passando da una situazione che abbiamo
ereditato quando siamo entrati definita critica
proprio dalle griglia del Ministero, dalle griglie
dei livelli essenziali di assistenza ad una
situazione che ci definisce adempienti con
impegno passando da un punteggio più basso ad
uno più alto. E questo è avvenuto nel momento
in cui siamo riusciti anche a mettere i conti in
equilibrio il che vuol dire, come dimostrano
dalle Marche in sù, che l'equilibrio può
coesistere con un migliore livello di quelli che
sono i livelli essenziali di assistenza, la migliore
erogazione dei livelli essenziali di assistenza. Su
questo punto, ripeto, giovedì ci sarà questo
incontro. Questo incontro definirà una serie di
questioni per cui ad esito del quale è possibile
che questo Decreto, venga modificato nel senso
auspicato, ma l'importante è che ci sia una
collaborazione da parte di tutti. A questo punto
potremmo dire con reciproca soddisfazione,
strutture, pazienti, NAS e Regione, quindi i
cittadini, di aver fatto quadrare una cosa che
qualche tempo fa sembrava una giungla anche
perché, prestazione ex articolo 26, in Italia,
ormai pochissimi risultano averne perché sono
stati fatti setting assistenziali più corretti, che se
poi si possa migliorare non c'è ombra di dubbio,
che si possa... che alcune volte si debbono fare
iniziative per stimolare la reazione e quindi per
stimolare, diciamo, poi la possibilità di arrivare
ad una mediazione nell'interesse dei cittadini,
secondo me, anche questo è una delle tattiche.
Però, quello che voglio dire è che non c'è
nessuna volontà a poter... di mantenere questo
tipo di Decreto nel momento in cui le strutture
collaboreranno ai fini di una costruzione e di un
sistema che sia sostenibile e che possa coprire
tutte le varie criticità che vi ho rappresentato
perché è troppo facile parlare semplicemente di
quello che bisognerebbe fare in più senza porsi
anche il problema delle criticità che debbono
essere rimosse. Su questo io credo che presto
avremo dei miglioramenti sensibili anche in
termini di miglioramento di quelle che sono le
conclusioni a cui è dovuto giungere il Decreto.
PRESIDENTE
Bene, Tagliente di nuovo? Va bene, perché già
siete intervenuti.
-36-
Resoconti Consiliari
TAGLIENTE (PDL)
No. No, va bene. Solo per prendere atto delle
dichiarazioni del Presidente sulle quali non
voglio in questo momento intervenire e
soprattutto polemizzare. Colgo... colgo con una
relativa soddisfazione anche la chiusura del suo
intervento e vorrei che il Presidente, però,
prendesse l'impegno a riferire in Consiglio
dell'incontro di giovedì dando a questa Assise
almeno la soddisfazione di una presa d'atto visto
che dalla sanità è stato completamente esautorato
nel corso di questi anni.
PRESIDENTE
No. Va bene, facciamo concludere
D'Alessandro, poi concluda Lei.
a
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
Questo non è il primo incontro c'è stato già un
incontro una settimana fa tra le strutture e il SubCommissario Zuccatelli. Quindi, è un incontro
come mi ha ricordato l'Assessore Masci che
già... che io avevo omesso di dire. Quindi è un
percorso sul quale stiamo alacremente
lavorando, apprezzo il fatto di aver colto questa
volontà in questo senso, mi fa piacere anche
sottolineare che le critiche possono sempre
esserci, soprattutto in un settore di questo genere,
ma voglio dare anche un'altra notizia in merito
ad una parte della Risoluzione di Tagliente sulla
quale mi sono distratto quando lui ha accennato
al fatto, dice che questa Regione almeno ha la
dignità di affrontare in termini informativi le
cose che riguardano la sanità nell'ambito del
Consiglio Regionale. Ha ragione. Ti ricordo
sempre però che questo non è una volontà mia, è
una volontà conseguente ad errori del passato
che ci hanno portato ad essere commissariati,
però, c'è qualcosa di nuovo. Noi abbiamo
firmato l'accordo per il piano di rientro con la
Legge Finanziaria del 2005 articolo 1, comma
180, e gli interventi necessari erano:
proseguimento dell'equilibrio economico, il
rispetto dei livelli essenziali di assistenza e vari
altri adempimenti minori. Quindi, erano 3 le
ragioni del nostro piano di rientro e del nostro
commissariamento. Dopo 3 anni di piano di
rientro e 3 programmi operativi, la Regione, è al
terzo anno di equilibrio finanziario e si avvicina
anche a raggiungere il punteggio previsto dal
Regione Abruzzo
Ministero della Salute per essere considerata
adempiente ai livelli essenziali di assistenza che
è di 160 questo punteggio minimo, oggi noi
siamo a 150. Nel 2009 eravamo a 122, situazione
critica. In questo anno con il supporto del SubCommissario abbiamo cercato anche di dare una
regolamentazione al settore sanitario praticando
la deospedalizzazione, quindi, lo spostamento
verso la medicina territoriale, la ricerca
dell'appropriatezza, la realizzazione della rete
territoriale ed una serie di altre questioni. Ora...
ora, equilibrio economico per il terzo anno
consecutivo, siamo vicini al raggiungimento dei
livelli essenziali di assistenza, soprattutto dopo
averli sensibilmente migliorati proprio in questo
percorso di, chiamiamolo di equilibrio. Siamo...
abbiamo fatto la realizzazione delle reti
territoriali, abbiamo dati che per quanto riguarda
la deospedalizzazione sono ormai dati che
hanno... in linea con quelle che sono le regioni
che si avvicinano ai benchmark. Detto questo,
ora le mie intenzioni sono quelle di presentare al
Governo, alla luce di questi risultati ottenuti, la
richiesta per far uscire l'Abruzzo prima dal
commissariamento e poi, quindi, dal piano di
rientro, perché piano di rientro fino a quando non
avrebbe raggiunto i livelli essenziali di
assistenza per ridare al Consiglio Regionale, e ne
sarei contentissimo perché sarebbe avere
restituito dignità alla classe politica abruzzese e
al suo Consiglio Regionale, il potere che merita
in termini di regolamentazione sanitaria. Ho già
fatto questa richiesta a margine del tavolo di
monitoraggio dove era presente anche
l'Assessore Masci, l'Assessore al Bilancio, la
intendo perseguire con forza sapendo che
avremo fortissime resistenze da parte del
Ministero dell'Economia sulla possibilità per la
nostra Regione di essere commissariati.
L'Assessore Masci le potrà raccontare,
Consigliere Tagliente, che nello scontro che c'è
stato con il Ministero dell'Economia uno degli
argomenti che hanno usato nell'ultima riunione,
nonostante questi risultati, per dire che la
Regione Abruzzo ancora non meriterebbe,
secondo loro, un'uscita dal commissariamento e
quindi dal controllo stretto dello Stato, hanno
usato la abitudine di questo Consiglio Regionale
di tentare di fare legislazione in materia sanitaria
esorbitando dai livelli essenziali di assistenza in
un contesto nel quale ancora non vengono
garantiti che sono state le ragioni poi per le quali
abbiamo l'impugnativa alla Corte Costituzionale.
-37-
Resoconti Consiliari
Ma detto questo prima dalla tornata elettorale e
quindi prima che le abruzzesi potranno scegliersi
il nuovo Presidente della Regione o saremmo
usciti dal commissariamento con la volontà del
Governo o io, per protesta, mi dimetterò da
Commissario, perché ritengo che oggi la
Regione Abruzzo sia tra le Regioni Italiane che
possono vantare contestualmente, tra poco, dei
dati straordinari; siamo tra le quattro Regioni
Italiane ad avere l'equilibrio finanziario per il
terzo anno consecutivo, e saremo la nona
Regione d'Italia su 20 in grado di assicurare i
livelli essenziali di assistenza. A quel punto o
Commissariano tutte le altre, oppure a noi ci
fanno uscire.
PRESIDENTE
D'Alessandro, avevi chiesto la parola? Prego, poi
votiamo però.
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Presidente guardi, è singolare, lei pensa che
qualcuno, a parte i plaudenti Consiglieri che non
c'hanno capito nulla di quello che lei ha detto,
ma lei può pensare, ma lei può pensare
veramente che alla fine del mandato, dei cinque
anni, viene a dire che si dimette da
Commissario? Perché non si è dimesso un mese
fa, due mesi fa, un anno fa, si dimette adesso a
fine mandato? Ma lei veramente può pensare che
viene in aula a prendere in giro le persone? Il
collega Sospiri impari, prima di applaudire,
approfondisca le questioni, qua stiamo parlando
della riabilitazione, che non c'entra nulla quello
che ha detto il Presidente Chiodi, nulla, perché fa
parte della spesa sanitaria; lo ha detto il
Presidente Chiodi, c'è stata una riduzione a
livello statale, le Regioni hanno dovuto adeguare
la spesa sanitaria rispetto al taglio che c'è stato, il
Presidente Chiodi ha tagliato la riabilitazione. Il
punto che poneva il Consigliere Tagliente, non
risolto da Chiodi è: perché hai tagliato lì, quando
non c'è un obbligo? Il Presidente Chiodi ha detto
una serie di cose, anche giuste, cioè verificare
perché alcune prestazioni non erano esattamente
coerenti, ma questo avviene dopo, o meglio,
doveva avvenire prima (inc.), successivamente,
quindi taglio la riduzione, e invece lei fa un
taglio preventivo, lei prima taglia e poi stabilisce
che deve verificare successivamente se l'oggetto
del taglio è giusto o meno. Allora, qua le si dice:
intanto lei fermi il taglio, poi fa tutte le verifiche
Regione Abruzzo
che deve fare, in modo tale che non si blocca
l'assistenza a questa gente; dopo fa le verifiche,
non taglia il 10, taglia il 20 se lei verifica che ci
sono, c'è da tagliare, ma oggi lei fa un taglio
preventivo, che non c'entra esattamente nulla su
quello che lei ha detto, o meglio, in prospettiva
possiamo essere d'accordo, ma lei, il taglio arriva
alla fine, dopo aver fatto i controlli, dopo aver
firmato i contratti, dopo aver fatto tutto, lei
arriva e taglia e adegua il budget, giusto,
giustissimo, lei in questo caso ha fatto il
contrario. Ora, o gliel'ha suggerito Zuccatelli o
meno, lei è Presidente della Regione, cioè
Commissario, ed è inutile che non si assuma mai
un unghia di responsabilità; lei si deve assumere
la responsabilità, più o meno come (inc.).
PRESIDENTE
Allora, collega, allora collega...
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Hai parlato due volte, tre volte, dai su, è una
Risoluzione, dai su.
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
E va bene ma lui per Regolamento gli è
consentito. Allora, chiedo scusa...
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
-38-
Resoconti Consiliari
chi, a chi e come garantire la prestazione, cioè
deve fare il respingimento, questo, lei ha
introdotto il respingimento in Abruzzo, dopo i
profughi si respingono anche i disabili. C'è il
respingimento dei disabili che vanno là e dice "tu
sei meno disabile di un altro, e dunque, per
effetto del taglio che mi ha fatto Chiodi, non ti
posso più curare", ma non è meglio che a monte
si stabilisca quali prestazioni si devono
effettuare, si stabilisce quali risorse sono a
disposizione (inc.)?
PRESIDENTE
Bene, allora chiedo scusa, allora, a questo punto
pongo in votazione i due...
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Prego, allora sulla proposta, dopodiché... calma.
VENTURONI (PDL)
Visto che c'è questo incontro giovedì, e visto che
c'abbiamo un Consiglio Regionale la prossima
settimana, possiamo sospendere questa votazione
e ci ritorniamo martedì sopra, dopo che... al
prossimo Consiglio?
(intervento fuori microfono)
VENTURONI (PDL)
Perfetto, va bene, perfetto.
Posso concludere un secondo?
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Benissimo, allora le due risoluzioni sono sospese
fino al prossimo martedì.
Ma proprio un secondo perché siamo, abbiamo
sforato da tutti i Regolamenti possibili e
immaginabili.
RISOLUZIONE D’INIZIATIVA NASUTI –
CHIAVAROLI: MALATI AFFETTI DA
MALATTIE RARE
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
(inc.) che avrebbe dovuto verificare, lo fa tra un
mese, l'atto del taglio, se è giusto quello che dice
lei; credo che lei ha informazioni per prefigurare
che ci siano cose che non vanno esattamente
(inc.), benissimo, ma lei fa un taglio preventivo,
e non è consentito perché genera un effetto, e
concludo, qual è l'effetto adesso del suo taglio?
Che un disabile va ad un operatore, va ad una
clinica ed è la clinica che deve stabilire come e
PRESIDENTE
A questo punto c'è un'altra risoluzione, mi avete
detto che tutte, no, sono state... anche di
Chiavaroli e Nasuti, per cortesia, non facciamo
come quella precedente. Prego, a lei la parola.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
Sì, grazie Presidente. Niente, fino a qualche
giorno fa le cellule staminali, Stamina, erano
Regione Abruzzo
notizie di giornali e non mi appartenevano se
non attraverso le rassegne stampa; dopodiché ho
avuto un incontro con un genitore, Andrea, il
papà di Noemi, che bene ci ha fatto capire cosa,
invece, possa significare avere il dramma di una
malattia rara dentro casa, essere impotenti perché
senza alcuna medicina, senza alcun farmaco, si
combatte per la sopravvivenza del proprio figlio
o della propria figlia. Allora ci siamo permessi di
fare una Risoluzione, credo sia la prima in Italia,
che possa quanto meno stimolare il Governo, e
soprattutto il Ministro della Sanità, a meglio
affrontare la problematica e, soprattutto, a dare
quelle risposte che non possono essere ad
personam, in quanto Giudici in tutta Italia danno
pareri discordanti rispetto a chi può e a chi non
può fruire di questo trattamento. Allora ho
buttato giù una risoluzione, spero che venga
votata all'unanimità da questo Consiglio, e
quindi la Risoluzione dice: "Il Consiglio
Regionale d'Abruzzo, considerato che i malati
affetti da malattie rare sono decine di migliaia, in
Abruzzo ci sono state migliaia di richieste da
parte di persone affette da malattie incurabili, per
poter accedere al metodo stamina, i 40 bimbi
sottoposti al trattamento stamina hanno avuto
tutti miglioramenti importanti senza manifestare
effetti collaterali; nessuna di queste 40 persone,
di queste 40 famiglie è stata mai ascoltata in
audizione Parlamentare dalla Commissione
Sanità alla Camera e Senato in merito ai
miglioramenti conseguiti comprovati e anche da
documentazione medica", il che è assai grave;
"gli ospedali civili hanno dovuto stanziare oltre
500 mila euro per pagare i legali al fine di
ottenere il rispetto dei ricorsi, invece di poter
dedicare tale somma alla ricerca, attualmente...
di rigetto, scusate; attualmente ci sono centinaia
di bambini in pericolo di vita che potrebbero
migliorare la loro condizione accedendo a tale
metodica; i tempi di attesa per poter usufruire del
predetto trattamento sono biblici per via dei
provvedimenti giudiziari i quali, tra l'altro, non
sono neppure sempre favorevoli; gli ospedali
civili di Brescia che ospitano la Stamina
Foundation del Professor Vannoni, unica in
grado di effettuare le infusioni secondo il metodo
stamina, contravvengono le disposizioni dei
Giudici, non convocando i malati affetti da gravi
patologie; tutte le persone che fanno la predetta
richiesta non hanno cure alternative in quanto
affette
da
patologie
con
progressioni
degenerative con esito mortale", a una bimba
-39-
Resoconti Consiliari
abruzzese, Noemi, di un solo anno, affetta da
SMA1, atrofia muscolare spinale, è stato
impedito, con Provvedimento giudiziale emesso
in Abruzzo, l'accesso a tale metodologia
sperimentale, "che non può esistere disparità di
trattamento tra gli individui e che sussiste
contestualmente il diritto alla salute, ai sensi
degli articoli 2 - 3 e 32 della Costituzione, invita
il Governo Nazionale ed in particolare il
Ministro della Salute, ad attivarsi ulteriormente e
in tempi brevissimi nella ricerca di soluzioni che
possano garantire a tutti coloro che ne facciano
richiesta, parallelamente alla sperimentazione
scientifica e ai Decreti Legge, la possibilità di
accedere alle cure staminali secondo la metodica
stamina, sotto la responsabilità del richiedente,
del medico prescrittore e del Direttore del
Laboratorio di produzione della predetta
metodica poiché l'alternativa attuale, purtroppo,
per le persone richiedenti è solo quella di un
esito infausto dell'esito della malattia". Grazie.
PRESIDENTE
Prego, D'Alessandro.
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Sì, Presidente, io ho sottoscritto questa
Risoluzione perché credo che, così impostata,
riesce anche ad esprimere senso e significato di
quello che si vuole. Questa è un partita delicata
che convoca, purtroppo, il dolore delle famiglie e
di chi è affetto e soprattutto un diritto universale
alla salute che, nel nostro Paese, in questo caso,
non è garantito allo stesso modo ed ovunque. Ed
è compito del Governo nazionale fare in modo
che ciò che accade a Brescia accade a Canicattì e
accada in Abruzzo. Per questo la risoluzione va
favorita,
sempre
nell'ambito
della
sperimentazione, ma nel frattempo che si
procede alla sperimentazione ci sono i casi
pratici, immediati, ai quali pure si deve dare
immediata risposta. Penso a quei bambini, alle
loro famiglie, a tanti che potrebbero averne
bisogno.
Io non so il Presidente Chiodi come la pensa,
però io avrei aggiunto nel documento, possiamo
non aggiungerlo ora e lavorarci per il futuro, lo
dico al Presidente, perché ha la fotografia esatta
della capacità dell'offerta sanitaria della nostra
Regione, se l'Abruzzo, dentro questa partita, nel
frattempo che anche gli iter legislativi si
chiariscano e si definiscano, se l'Abruzzo possa
Regione Abruzzo
candidarsi ad offrire queste cure, e per farlo sono
necessari laboratori adeguati, strutture adeguate.
Ora, io non ce lo voglio aggiungere come
emendamento, perché non voglio appesantire
una cosa che, tra l'altro, non si sa se si può fare,
per cui lo dico, però, chiedo al Presidente Chiodi
di valutare nel processo, perché in tutto il
Centro-Sud Italia non c'è e potrebbe l'Abruzzo
candidarsi a svolgere, all'interno delle proprie
strutture, attrezzandole, adeguandole, rendendole
conformi, chiaramente, alla legge, a garantire la
prestazione di queste cure. Chiaramente il voto è
favorevole. Grazie.
PRESIDENTE
Grazie. Chi è che ha chiesto la parola?
Caramanico e poi Chiavaroli. Conclude... anche
lei?
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
Grazie, Presidente. Brevemente. Circa un anno
fa, quando presentai un'interrogazione sulle
malattie rare, non immaginavo certamente di
ritrovarmi un caso proprio vicino casa, nel mio
paese, e saluto il genitore di Noemi, il signor
Sciarretta, che è affetto dalla Sma. Io devo
sottolineare come, da questo caso, sicuramente
per i genitori difficile, ma sia venuta fuori una
grinta da parte della famiglia e non solo, si è
creata intorno a questo caso una voglia di
affrontarlo in maniera positiva, di cercare tutte le
soluzioni possibili, e da qui anche la presenza,
ringrazio anche il collega Nasuti per la
risoluzione. Io ho avuto modo di parlarne già in
Commissione,
perché
i
genitori
mi
sottoponevano un problema della nostra Sanità,
come per esempio il fatto che manchino, nel
nostro sistema sanitario, dei posti di
rianimazione pediatrica. Poi il Dottor Venturoni,
il collega Venturoni, mi ha spiegato un po' le
varie situazioni. La cosa che ho potuto verificare
di persona, che loro hanno avuto il coraggio di
attrezzare, all'interno della propria abitazione, un
sistema, un piccolo reparto con delle attrezzature
che permettono di affrontare questo caso in
maniera più tranquilla e di dare sollievo alla
piccola Noemi. Per cui, ecco, naturalmente io
voto favorevole e mi auguro che questo sia un
modo per stare vicino all'associazione, per fare
in modo che questa patologia in qualche
maniera, visto che a livello nazionale non mi
sembra che ci siano, a parte il Gaslini, mi
-40-
Resoconti Consiliari
dicevano, e un Professore di Bologna, ma
possiamo diventare un punto di riferimento per
cercare di fare tutto il possibile per dare risposta
a dei casi che, sicuramente, meritano tutta la
nostra attenzione. Grazie.
PRESIDENTE
La parola al Consigliere Acerbo.
ACERBO (PRC)
Brevissimamente, Presidente, per esprimere
apprezzamento per questa iniziativa dei colleghi
Nasuti e Chiavaroli. La materia è molto delicata
e so che molti medici tendono a schierarsi contro
iniziative di questo genere. Su questo c'è stata
anche una campagna molto antipatica. Ricordo
che alle ultime elezioni politiche, noi
candidammo nelle nostre liste un nostro
compagno, tra l'altro che è collegato all'Abruzzo,
perché si chiama Dottor Marino Andolina, che
insieme a Duccio De Iulis partecipa a molte
missioni internazionali di volontariato. Va a
operare nei teatri di guerra. Che è uno dei
protagonisti, Andolina, di questa metodologia e
di tutto ciò che ne è derivato, comprese le azioni
giudiziarie contro di lui.
Io credo che le istituzioni, comprese quelle
scientifiche, debbano avere la capacità di
ascoltare e di accettare la messa in discussione.
A me non hanno stupito tanto le polemiche,
perché Andolina e gli altri sono stati trattati
quasi fossero dei criminali per questa
sperimentazione, ma quello che mi ha stupito
che ci sia stato un atteggiamento di caccia alle
streghe che è giunto persino ad avere un
atteggiamento di chiusura rispetto alle famiglie
che, giustamente si sono mobilitate per chiedere
che questa possibilità di cura andasse avanti,
fosse sperimentata. Ora, rispetto a tutto questo,
nessuno di noi è depositario della verità. Però, io
dico ai medici che hanno fatto muro contro, io,
siccome non sono assolutamente esperto, però
voglio dire: di quante cose non si sono accorti
nei decenni che sono alle nostre spalle, rispetto a
farmaci che le multinazionali del farmaco hanno
propinato a milioni e miliardi di essere umani?
Per poi accorgerci dopo trenta anni che facevano
venire le malattie? Mentre, rispetto a questa
sperimentazione si è aperta una vera e propria
caccia alle streghe pazzesca, sui mass-media,
con giudizi sommari.
Regione Abruzzo
Io, appunto, credo che la cosa (inc.) e concludo
su questo, e che ci sia un atteggiamento laico e
che nei tempi più brevi, il mondo scientifico
possa fare tutte le verifiche del caso. Ma,
sapendo una cosa: che persone come Marino
Andolina si stanno dedicando, non è che
prendono volentieri e accettano di correre il
rischio di procedimenti giudiziari che sono stati
aperti nei loro confronti, perché sono dei
criminali. Ma sono delle persone che cercano di
attirare l'attenzione della politica, dello Stato e di
tutte le autorità scientifiche competenti per
arrivare a soluzioni che rendano più umana la
cura e diano speranza a delle persone. Per questo
io voto a favore della Risoluzione, perché mi
sembra, anzi, mi fa piacere che non venga da
parte nostra, ma da un altro schieramento
politico, proprio perché io credo che debba
essere uno sforzo congiunto, che ci debba essere
per affrontare il tema senza (inc.)
-41-
Resoconti Consiliari
dobbiamo trattare nei luoghi adeguati e la
politica e le istituzioni sono uno di questi luoghi.
Concludo, quindi, dicendo che non solo sono
felice di averla sottoscritta, ma naturalmente di
votarla
questa
risoluzione.
Ma
anche
preannunciando e rispondendo in parte così al
collega e amico D'Alessandro, che saremo
felicemente capofila in questa battaglia, perché
appena ieri il Consigliere Nasuti ha cominciato a
far circolare il testo della risoluzione è stato
contattato dall'Onorevole Cinzia Bonfrisco, che
fa parte della Commissione Sanità in
Parlamento, e che ha apprezzato molto il testo, il
contenuto di questo documento, preannunciando
che questo documento farà da base per altri
documenti similari, che verranno presentati nel
resto delle Regioni Italiani, e che ci consentirà
anche di essere più forti nei confronti del
Ministero della Sanità. Grazie Presidente.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
La parola al Consigliere Chiavaroli.
CHIAVAROLI (PDL)
Grazie, Presidente. No, in effetti non viene da
uno schieramento, viene da persone, viene da
un'istituzione e credo che questo ci debba
rendere tutti più consapevoli. Io, intanto, voglio
esprimere anche da parte mia e da parte nostra,
la vicinanza alle persone e ai familiari che sono
qui, e più in generale a quelli che in Abruzzo
sono colpiti da questa situazione. Dando loro
anche atto della grande dignità civile e del senso
civico, oltreché personale, con il quale sinora
hanno condotto la loro battaglia, perché è una
battaglia. Qui parliamo, appunto, della vita delle
persone e lo dico in maniera particolare perché
io sono stato e sono vicino, anche politicamente
e culturalmente, ad associazioni come quella
dello scomparso Luca Coscione, di Piergiorgio
Welby e ci siamo occupati in Abruzzo anche di
questi temi, della vita indipendente e così via.
Uno dei tanti temi che pone questa risoluzione è
questo: il diritto alla salute, anche in presenza di
una cura che potrebbe essere un palliativo, noi
non siamo scienziati, non lo sappiamo oggi, ma è
un sistema che per molti ha funzionato fino ad
oggi. E, quindi, non capisco e non capiamo
perché si debba intervenire attraverso la via
giudiziaria, perché si debbano spendere soldi per
cause legali, sono temi scientifici che noi
Bene, pongo in votazione la risoluzione.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva all'unanimità)
PRESIDENTE
Adesso mi pare che possiamo finalmente iniziare
con l'ordine dei lavori, ah, no, c'è un'altra
risoluzione, altre due.
Avete approfittato dalla mia assenza, perché io
non avrei mai consentito, perché stiamo
facendo... avete capito, in pratica abbiamo reso
vischioso questo Consiglio Regionale, cioè se c'è
una ragione ne facciamo solo due e il resto alla
fine, un motivo c'è, è ovvio che rischiamo di
bloccare l'attività del Consiglio oggi, va bene.
RISOLUZIONE N. 4: SOLIDARIETÀ AL
PUBBLICO MINISTERO DI MATTEO,
TITOLARE DI PROCESSI ANTIMAFIA.
PRESIDENTE
Allora, solidarietà al Pubblico Ministero Di
Matteo, titolare di processi antimafia, firmato da
Costantini, Acerbo e altri, volete illustrarlo? No.
Si pone in votazione.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Regione Abruzzo
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
RISOLUZIONE N. 3: METANODOTTO
SULMONA - FOLIGNO.
-42-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
Prego i lavori vengono ripresi alle 16:30.
(La seduta è sospesa alle ore 15:58)
(La seduta riprende alle ore 16:47)
PRESIDENTE
Passiamo all'altra risoluzione.
Risoluzione Metanodotto Sulmona - Foligno a
firma di D'Amico, Di Pangrazio, Costantini,
Paolini e Acerbo, impegna il Presidente della
Regione Chiodi a costituirsi in giudizio presso la
Corte Costituzionale in difesa della Legge
Regionale del 6 giugno del 2013. C'è qualcuno
che la vuole illustrare questa? No. Il rinvio di
questa risoluzione al prossimo Consiglio, va
bene? È un approfondimento. Prego Costantini.
PRESIDENTE
Bene colleghi, vi prego di prendere posto.
Gentilmente i commessi di avvertire i
Consiglieri Regionali che sono al di fuori
dell’aula di rientrar dentro, così iniziamo i lavori
del Consiglio Regionale speditamente, almeno ci
auguriamo. Iniziamo i lavori.
Il rinvio sul presupposto del Presidente, deve
accertare se nel precedente giudizio la Regione si
è costituita o non si costituita. Ah, lo stai
verificando adesso?
PROGETTO DI LEGGE N. 531/2013:
RECUPERO E RESTAURO
CONSERVATIVO DEI BORGHI ANTICHI
E CENTRI STORICI MINORI NELLA
REGIONE ABRUZZO ATTRAVERSO LA
VALORIZZAZIONE DEL MODELLO
ABRUZZESE DI OSPITALITA’ DIFFUSA.
DISCIPLINA DELL’ALBERGO DIFFUSO.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Lo rinviamo alla fine del Consiglio, va bene?
Primo punto all’ordine del giorno, Progetto di
legge 531/2013 . D’iniziativa Consiliare Pagano,
Argirò, Ricardo Chiavaroli, Acerbo. Adesso lo
votiamo, già abbiamo relazionato, fatto la
discussione generale, siamo all’articolato.
Quindi, Art. 1, oggetto e finalità.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
COSTANTINI (IDV)
COSTANTINI (IDV)
Alla fine del Consiglio.
PRESIDENTE
Andiamo avanti. Prego Venturoni sull'ordine dei
lavori?
VENTURONI (PDL)
Sì. Chiedo una sospensione del Consiglio di
mezz'ora, alle quattro e mezzo riiniziamo,
proprio per dare un attimo, per andarci a
prendere un caffè più che altro, perché da
stamattina che stiamo qui bloccati.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 2, definizione dell’albergo diffuso.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
PRESIDENTE
Pongo in votazione la sospensione di mezz'ora
riprendiamo i lavori alle 16:30.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 3.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
Regione Abruzzo
-43-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
All’Art. 4 ci sono due emendamenti che io ho
accolto favorevolmente di Chiavaroli ed altri,
non si capiscono le parole, sostituire la parola
“agropastorale” con “agricola e pastorale”.
All’emendamento 2.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
All’emendamento 3 dopo la parola “artigianali”
inserire anche la parola “agrituristiche”.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
L’Art. 4 così come è emendato.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
All’Art. 5 pure c’è un emendamento… Albergo
diffuso… no, non è questo, un momento perché
si è perso l’emendamento. No, no allora c'è un
errore, Art. 5.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 6.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
Art. 7.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 7 bis, clausola di neutralità finanziaria.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Dopo l'Art. 7 bis c'è un emendamento Chiavaroli
ed altri, alla lettera comma 5, dell'Art. 5
disposizioni finanziare... Che cos'è? È
l'emendamento 1. Va bene.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 8, sull'entrata in vigore.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Prima di approvare la Legge nel suo complesso,
faccio una dichiarazione di voto, nel senso che
sono lieto che la Regione Abruzzo possa
approvare come Regione in Italia, una Legge
sull'Albergo diffuso che davvero protegge,
promuove, valorizza i proprio borghi medioevali
senza rovinarli con introduzione estranea alla
nostra storia e alla nostra tradizione.
Quindi, pongo in votazione la Legge nel suo
complesso.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
Regione Abruzzo
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Prego a te Acerbo dichiarazione di voto di
Acerbo.
ACERBO (PRC)
Presidente, ovviamente una dichiarazione di voto
positivo, perché questa Legge come altre
approvate un po' tutto lungo la Penisola è una
Legge per cercare di valorizzare quello che è
l'elemento essenziale che fa la differenza tra la
nostra Regione come potenzialità e altre, cioè la
valorizzazione del patrimonio storico.
Però, io voglio segnalare ai colleghi del centro
destra, ma anche un po' ai colleghi del centro
sinistra, non se ne abbia nessuno, che per aversi
albergo diffuso, bisogna conservare ciò che c'è
intorno all'albergo diffuso, se si continua con una
politica di distruzione e cementificazione del
territorio, portato avanti da sconsiderati sindaci
che a mio parere meriterebbero di essere presi a
calci dalla montagna fino alla costa e dalla costa
fino alla montagna, che fanno piani regolari per
consentire di ricostruire schifezze interno a dei
centri abitati che sarebbero di bellezza enorme, il
cui recupero andrebbe finanziato con risorse
pubbliche, non la speculazione edilizia sulla
montagna o sulla costa, non nei casermoni o i
resort, andrebbero finanziati, pagati i cittadini
che prendono i loro vecchi centri storici e li
trasformano in gioielli, perché va... non che noi
consentiamo ancora l'espansione, e siccome
abbiamo oramai la dittatura dei geometri e degli
ingegneri sui territori che occupano la politica
per fare i loro affarucci, accade che persino con
la complicità del Consiglio Regionale molto
spesso storicamente è della diligenza regionale si
è consentito che persino le aree vincolate dal
punto di vista paesistico diventassero aree di
edificazione e di espansione, perché per fare
l'albergo diffuso colleghi, cosa bellissima, che
condivido e di nuovo il mio plauso al Presidente
Pagano, noi dobbiamo conservare il territorio
intorno che valorizza l'albergo diffuso, se noi
invece consentiamo che in maniera criminale si
fanno nuovi strumenti urbanistici, intorno a
quello che dovrebbe essere l'albergo diffuso si fa
una cinta di schifezze com'è accaduto negli
ultimi venti, trent'anni in Abruzzo, noi andiamo
a distruggere una ricchezza che non ci restituirà
nessuno, io lo dico perché questa è una battaglia
-44-
Resoconti Consiliari
non solo politica ma culturale, perché chi pensa
che lo sviluppo per il proprio territorio sia
imitare quei territori in cui abbiamo già distrutto
la nostra ricchezza storica, paesistica e
naturalistica, è clamoroso errore, e distruggere di
ciò di unico che abbiamo... c'è un bellissimo film
di Pasolini, la forma della Città, in cui Pasolini
mostra un centro dell'Appennino italiano Ocre,
in cui mostra che un solo fabbricato costruito
male dalla speculazione o dall'ignoranza che
spesso coincidono, perché chi nella vita pensa
proprio al soldo, poi coltiva poco gli altri valori.
Ebbene, basta uno a volte per distruggere la
forma, noi qui continuiamo a consentire che
proliferi di tutto, adesso c'è stata una crisi
dell'edilizia, ma se non ci fosse a gò gò il nostro
territorio è continuamente stuprato, quindi io
torno a dire, se vogliamo portare avanti una
politica davvero di questo tipo, vediamo.
1 - Di finalizzare i fondi Fas, ma abbiamo
bisogno di altre strade, di altri trafori, ma
prendiamo 100 milioni di euro, e diamoli ai
nostri centri, perché è assurdo che per recuperare
i nostri caseggiati rurali, i nostri centri storici,
uno o deve avere il terremoto o devono andare in
malora, ma invece paghiamo i nostri cittadini per
recuperare questo patrimonio al posto di fare a
fianco una schifezza com'è accaduto, io capisco
le vecchio generazioni, anche per mio padre e
mia madre la casa vecchia era il simbolo della
povertà e bisognava sostituirla con il cemento,
ma adesso siamo avanti, in Nord Europa
recuperano vecchi fabbricati di legno, che mo li
trasformano in gioiellini, noi invece continuiamo
a disseminare cemento.
Un'ultima considerazione, investiamo su questo,
e qualche strada in meno non muore nessuno,
piangerà qualche grande impresa assistita
abruzzese, ma lavoreranno più imprese che
artigiani e non di...
PRESIDENTE
Prego.
ACERBO (PRC)
Concludo Presidente.
Non di speculatori edilizi, ma di costruttori, cioè
quelli che la mattina si alzano, si corciano le
maniche e vanno a lavorare, non di quelli che
comprano un terreno, parlano con il politicante,
diventa edificabile e fanno soldi senza aver
lavorato.
Regione Abruzzo
-45-
Resoconti Consiliari
2 - Noi dobbiamo mettere delle norme
paesistiche...
Chi è contrario?
Chi si astiene?
PRESIDENTE
(Il Consiglio Regionale approva all'unanimità)
Sì, concluda però.
ACERBO (PRC)
Senza di questo Presidente senza norme, noi
abbiamo ancora una Legge che prevede, che se
hai un ettaro di terreno agricolo, ci puoi costruire
un lotto minimo, è una follia che è servita ai
dentisti per farsi la villetta, non è servita ai
contadini.
Allora, noi abbiamo ancora e poi ogni tanto si
riesce a bloccare una norma che prevede, che se
il Comune fa richiesta la Regione può derogare
al paesistico, mentre i Comuni dovrebbero
sapere che il piano paesistico è un'invariante, che
quindi se è previsto lì che non si costruisce, non
si costruisce e basta.
Dico questo Presidente, perché lei una volta ha
detto una cosa bellissima, facciamo come in
Trentino, in Trentino ci sono queste norme, e tra
l'altro non c'è neanche dibattito sui parchi,
perché ci sono delle zone che non sono parco di
niente, sono terreno normale però...
PRESIDENTE
Grazie, anche questo è stato votato all'unanimità.
Sulle questioni dette da Acerbo, io penso che noi
effettivamente i nostri borghi, dobbiamo
proteggerli, preservarli e valorizzarli anche ai
fini imprenditoriali e turistici.
Ciò detto. Passiamo a Febbo che mi ha chiesto la
parola sull'ordine dei lavori. Prego.
FEBBO (COMPONENTE G.R.)
Grazie signor Presidente, un saluto a lei, al
signor Presidente della Giunta, ai colleghi
Assessori e ai colleghi Consiglieri.
Chiedo la possibilità di invertire l'ordine del
giorno, di esaminare il progetto di Legge 465,
che è stato licenziato oggi all'unanimità dalla
terza Commissione, peraltro ci sono degli
emendamenti che sono stati sottoscritti da tutti i
gruppi Consiliari, e credo che siano di una certa
importanza, tra l'altro tra il pubblico ci sono
alcuni interessati. Grazie.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Ma sembrano parchi.
E sembrano parchi. Io credo che l'Abruzzo
questo devo fare, perché abbiamo un
patrimonio...
Pongo in votazione l'inversione dell'ordine dei
lavori, ponendo da subito discussione e la
votazione di questo progetto di Legge.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
PRESIDENTE
(Il Consiglio Regionale approva)
Benissimo.
Allora pongo in votazione la Legge nel suo
complesso.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
P.L. 465/12 DI INIZIATIVA CONSILIARE:
SULPIZIO, PROSPERO, CESARE
D'ALESSANDRO: NORME PER
L'ESERCIZIO, LA TUTELA E LA
VALORIZZAZIONE DELL'APICOLTURA
NELLA REGIONE ABRUZZO.
(Il Consiglio Regionale approva all'unanimità)
PRESIDENTE
Passiamo subito al Progetto di Legge indicato
dal collega Febbo, deve relazionare il Presidente
Prospero. Prego collega Prospero a lei la parola
sulla relazione.
ACERBO (PRC)
PRESIDENTE
A me fa piacere che questa Legge sia approvata
all'unanimità, e per questa ragione chiedo la
deroga ai sensi dell'Art. 119 del regolamento.
Chi è favorevole?
Regione Abruzzo
-46-
Resoconti Consiliari
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO)
PRESIDENTE
Signor Presidente, colleghi Consiglieri, questa
Legge per la tutela della valorizzazione
dell'apicoltura della Regione Abruzzo, ha avuto
un iter condiviso da tutte le forze Politiche, ci
sono state varie riunioni di Commissione,
sottocommissioni, poi abbiamo pure individuato
una sottocommissione tecnica formata da
Dirigenti dell'Agricoltura, Sanità, Politiche
Legislative, Servizio Legislativo e del Consiglio
della Giunta, che ha effettuato una revisione del
testo, questo testo è stato riportato all'attenzione
di una sottocommissione e poi in data 30 luglio
questo testo è stato approvato all'unanimità,
introducendo alcune modifiche agli articoli 20bis, 20-ter e 20-quater. E sul testo verificato la
Commissione ha espresso parere favorevole
all'unanimità, quindi (inc.) dal Consiglio
l'approvazione di questa legge condivisa, come
ho detto prima, da tutti i Gruppi politici, grazie.
Art. 4.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
PRESIDENTE
Grazie, si apre la discussione generale, chi
intende prendere la parola? Nessuno. Allora
passiamo direttamente all'articolato.
Art. 1, finalità.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 2, definizioni.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 3.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 5.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 6.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 7.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 8.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 9.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Regione Abruzzo
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 10.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 11, sull'uso dei fitofarmaci.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 12.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 13.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 14.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
-47-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
Art. 15.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 16.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 17.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 18.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 19.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 20.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Regione Abruzzo
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
-48-
Resoconti Consiliari
Contrari?
Astenuti?
Approvato,
Allevatori.
sull'Associazione
Regionale
PRESIDENTE
Art. 20-bis.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 20-ter.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 20-quater.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 21... dopo il 20 o dopo il... dopo il 21?
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Allora 21.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Adesso ci sono emendamenti, tutti emendamenti
aggiuntivi.
Emendamento 1, firmato da... bipartisan.
Favorevoli?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Emendamento 2, firmato da tutti pure questo, sul
CIAPI.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Poi emendamento 3, firmato da tutti anche
questo... va bene.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Poi emendamento 4, firmato da Masci, Menna,
Acerbo, Sulpizio, Venturoni ed altri.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Emendamento 5, firmato anche questo da tutti.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Emendamento 6, anche questo firmato da tutti,
Masci, Venturoni, Acerbo, D'Alessandro,
eccetera.
Regione Abruzzo
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Articolo 22, sull'entrata in vigore.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
-49-
Resoconti Consiliari
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Adesso votiamo la deroga all'articolo 119 del
Regolamento interno.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
La legge nel suo complesso.
Favorevoli?
Contrari?
Prego.
Tutti i presenti possono stare tranquilli e tornare
a casa. Allora, detto ciò... sull'ordine dei lavori?
Chiedo scusa, prego, a lei la parola.
SULPIZIO (API)
Volevo un attimo tranquillizzare la Marineria
Pescarese che il loro emendamento è stato
inserito nella legge ed era l'articolo 20.
Grazie Presidente, solo per ringraziare di cuore
tutti i colleghi della Terza Commissione, che
hanno collaborato a portare a termine diciamo
questo capolavoro, e ringrazio anche l'intero
gruppo dell'ufficio legislativo, e un grazie anche
al dottor Franco La Civita che ha portato il suo
contributo. Grazie ancora.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Va bene, adesso...
Grazie a lei, fa sempre piacere, caro collega
Camillo Sulpizio, che i Consiglieri lavorano e
vedono il frutto del loro lavoro approvato,
perché questa legge ovviamente resterà nel
tempo. Viva le api, viva il miele, viva l'Abruzzo,
ciò detto, andiamo avanti.
FEBBO (COMPONENTE G.R.)
FEBBO (COMPONENTE G.R.)
Poi chiedevo...
PRESIDENTE
Lo dico io, lo dico io, allora...
FEBBO (COMPONENTE G.R.)
Chiedo scusa, Presidente, poi volevo chiedere la
deroga all'articolo 119.
PRESIDENTE
No, questo, fammi... fammi votare, siediti, calma
e sangue freddo. Allora, calma, calma, tenetelo
seduto.
Allora, la legge nel suo complesso.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
PROGETTO DI LEGGE N. 515/2013:
MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE
20 OTTOBRE 1996 N. 96 (NORME PER
L'ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE
DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA
RESIDENZIALE PUBBLICA E PER LA
DETERMINAZIONE DEI RELATIVI
CANONI DI LOCAZIONE).
PRESIDENTE
Adesso abbiamo la modifica alla legge regionale
20 ottobre '96 numero 96, Norme per
l'assegnazione e la gestione degli alloggi
dell'Edilizia Residenziale Pubblica, prego
Ricciuti di relazionare sull'Ater.
Regione Abruzzo
RICCIUTI (PDL)
Grazie Presidente, questo è un provvedimento
che va nella direzione essenzialmente di una
proroga che è già stata fatta negli altri anni, e
riguarda le graduatorie delle assegnazioni
provvisorie delle case di edilizia residenziale
pubblica. E' stata modificata in Commissione
secondo varie indicazioni tecniche e di fatto
consente oggi, a chi ha ricevuto...
PRESIDENTE
No, chiedo scusa, può alzare la voce? Non sento.
RICCIUTI (PDL)
E consente a coloro i quali hanno ricevuto
l'assegnazione provvisoria nei limiti previsti
dall'articolo 13, comma 3 della 96, quindi
secondo criteri di assegnazione validati dai
Comuni, ovvero dalle Ater, di vedere proseguita
la propria permanenza nelle case assegnate, in
ragione del possibile sfratto immediato, se questa
norma non fosse intervenuta.
Questa norma va nella direzione di una revisione
complessiva che l'Assessorato ci ha proposto,
della quale ci occuperemo nei prossimi tempi, è
l'assegnazione del sistema della 96 e del sistema
delle case popolari, sulla quale l'Assessore ha già
lavorato,
è
stata
votata
praticamente
all'unanimità, se non con alcune astensioni dei
Gruppi, vi invito a votarla, grazie.
PRESIDENTE
Benissimo. Si apre la discussione generale, ci
sono colleghi che intendono intervenire? No, non
ci sono. Passiamo agli altri... sì, c'è.
Acerbo, prego, a lei la parola.
ACERBO (PRC)
Allora Presidente, io credo che i proponenti
dovrebbero chiarire un elemento, perché è quello
che può creare perplessità sulla norma, quindi se
il collega Sospiri lo chiarisce, in modo che
evitiamo...
(intervento fuori microfono)
ACERBO (PRC)
No, ma siamo in Aula, mica... perché c'è stata
un'audizione dei sindacati in Commissione, in
che senso? Che quando è stata proposta la
-50-
Resoconti Consiliari
norma, abbiamo... è stata proposta da alcuni
colleghi, poi non mi ricordo, Sospiri e non so chi
altro, abbiamo ricevuto una sollecitazione in cui
si è detto sostanzialmente "ma così voi, quelli
che hanno avuto l'assegnazione provvisoria, gli
diventa definitiva". E siccome sono due
graduatorie diverse, perché per l'assegnazione
provvisoria ci sono dei bandi mi pare trimestrali,
mentre per la definitiva ogni morte di papa,
capite che questo può creare...
Quindi io credo che questo sia fondamentale che
venga chiarito dai proponenti, perché la massa
dei Consiglieri, ma soprattutto i giornalisti,
eccetera, non partecipano alla Commissione. Io
ne approfitto per segnalare una questione, qui
poi ci sono degli emendamenti su cui si
interviene su alcune emergenze che si sono
create, poi al limite ne parliamo quando ci sono
gli emendamenti, però io volevo intervenire, ne
approfitto, sulla questione che io ritengo
dirimente, perché ho constatato che, a fronte
dell'aver presentato il sottoscritto i dati sugli
sfratti in Abruzzo, nel 2012 c'è stato un aumento
del 42,6 per cento degli sfratti con forza
pubblica, in Abruzzo, e non a New York, a Los
Angeles e Bronx; nel tranquillo Abruzzo, Isola
Felice, più di 700 famiglie hanno avuto lo sfratto
per forza pubblica, non parlo di case popolari,
parlo del mercato privato che è privo di
strumenti di regolazione, attualmente, perché
vige questo folle liberismo che è contrario, non
solo alla cultura socialista, ma anche alla dottrina
sociale della chiesa, se i cattolici si peritassero di
studiarla. Allora, dicevo, noi siamo con il 50 per
cento degli inquilini italiani che, in questo
momento, si trovano in quella che viene
classificata come morosità incolpevole, perché
per effetto della crisi economica, a fronte di
affitti, che sono sempre più costosi o, comunque,
erano costosi, perché noi abbiamo avuto un
mercato degli affitti drogato, quello che è
accaduto, che, oggi, tu ti ritrovi cassa integrato,
perdi il lavoro o hai un lavoro precario, o ti
capitano altre sciagure e continuare a pagare
l'affitto diventa una situazione insostenibile.
Ripeto, aumento del 42 per cento in un anno dei
sfratti con forza pubblica, nell'anno precedente
era aumentato del 25 per cento, quindi, è un
trend, cioè, la gente proprio non riesce a pagare.
Ora, a me sembra impossibile che la politica non
consideri, a me, sinceramente, della guerra tra
poveri, per l'assegnazione delle case popolari,
non interessa, quando il problema è che non ci
Regione Abruzzo
sono le case popolari, e non c'è una politica per
l'edilizia sociale, e a cosa mi riferisco? Edilizia
sociale non significa solo le case per chi non ha
nessun reddito, ma anche le case per i tanti che,
oggi, non possono avere accesso ai mutui, e sono
la stragrande maggioranza della popolazione.
Oramai, non c'è giovane coppia che si possa
comprare la casa, quando si sposa che era una
volta nella tradizione. Possiamo fare finta che
questo problema non esiste? Io conosco una serie
di misure, una, spero, e mi rifaccio al Presidente
che arrivi al prossimo Consiglio, che per
fronteggiare l'emergenza, perché, come sapete,
un tempo, per ragioni umanitarie, si poteva
intervenire sugli sfratti, poi, la normativa ha
affidato alle Regioni la possibilità di fare una
Legge sulle commissioni, l'Abruzzo non ce
l'aveva, io l'ho proposta, spero che venga
approvata nel prossimo Consiglio, e chiedo il
sostegno dell'Assessore, perché faccio notare che
il mio testo è stato preso dalla Regione Umbria,
dalla Regione Toscana e dalla Regione Lazio, ed
è stato approvato, è diventato Legge; siccome
l'avevo presentato prima in Abruzzo, vorrei che
diventasse Legge nella mia Regione. A cosa
serve? Serve a fare sì che ci sia una commissione
legittimata a fermare lo sfratto, laddove ci siano
situazioni di emergenza umanitaria e sociale, non
con interventi non regolamentati, ma attraverso
forme trasparenti, non con raccomandazioni,
qualcuno che parla con l'ufficiale giudiziario,
ma, effettivamente, secondo criteri di
trasparenza. La seconda cosa, io credo, lo dico al
collega Venturoni, che si è molto battuto per
rilanciare l'edilizia in Abruzzo, mi pare evidente
che non si rilancia, perché se la gente non può
fare i mutui, le case non si... Allora, io dico:
possiamo fare una riunione col vostro direttore,
vostro, ci tengo a sottolineare, Sorgi, rimodulare
i Fondi Fas e pensare a un grande piano di
edilizia residenziale pubblica, fatto anche
attraverso l'acquisizione sul mercato del tanto
invenduto. Se sbuchiamo due colline o montagne
in meno, ci sarà un appaltatore che piange, ma se
compriamo, sul mercato, mille appartamenti,
anche a prezzo di costo, perché ci sono imprese
che, credo, preferiscano vendere alla Regione a
prezzo di costo oppure andare fallito e portare i
libri in Tribunale, e rispondiamo a un bisogno e,
poi, facciamo una Legge per l'edilizia sociale, in
cui diciamo che la coppia di lavoratori precari,
che non ha bisogno di pagare trenta euro, può
pagare un affitto dignitoso, ma con quell'affitto,
-51-
Resoconti Consiliari
noi, in venti anni, li riscattiamo e gli diamo una
casa, cioè, possiamo pensare a una misura di
welfare, come c'è in tutta Europa, perché, in
questa maniera, aiutiamo le nostre imprese a non
fallire, ma aiutiamo anche i cittadini, perché
dov'è il problema? Vedete, è, ovviamente,
Sospiri, ma l'avrei potuto fare io, in base
all'esperienza
di
amministratore
locale,
interviene sull'attuale Legge. Ma il problema che
abbiamo noi, chiunque va in comune, è che c'è la
fila di gente che ha bisogno della casa e non
parliamo più dei vecchi poveri che, in ogni città,
erano, su per giù, sempre gli stessi che ci
conoscevano, oramai è una emergenza. Allora, io
dico alla maggioranza di Governo, vogliamo,
superando alcuni tabù, fare un tavolo per
discutere di questa cosa, utilizzando i fondi, per
altro,
in
una
maniera
spendibile
immediatamente?
PRESIDENTE
Sospiri.
SOSPIRI (PDL)
Presidente, grazie, e spero che il Presidente
Chiodi abbia potuto ascoltare leggi passaggi
dell'intervento dell'Onorevole Acerbo, perché
ritengo che trovare il modo per stare sul mercato
e acquistare l'invenduto, sia qualcosa di molto,
molto utile e molto, molto intelligente, e come,
giustamente, si faceva notare, probabilmente,
acquistare a un costo, anche solo quello di
realizzazione, in questo momento, potrebbe
essere accettato, perché tante ditte eviterebbero il
fallimento, essendo già moltissime in
concordato. E io penso che, piuttosto che...
Voglio dire, intervenire su qualche asse, che pure
sul nostro passo è importante, ma che, credo,
sarà, difficilmente, realizzabile, avendo anche...
D'altronde, noi, davanti, solo un anno, per questa
legislatura, ma ci prepariamo alla prossima;
probabilmente, Presidente, se lei... La prende in
considerazione questa proposta, io credo che
sarebbe cosa, particolarmente, intelligente e
utile, e troverebbe anche tutto il Consiglio
Regionale a darle una mano per scrivere, al
meglio, questa norma la cui prima firma sarebbe,
ovviamente, la sua. Io penso di non dovere
aggiungere molto a quello che ha detto
l'Onorevole Acerbo, anche perché la norma,
Sclocco, Sospiri, (inc.) Sclocco come vuole, è
stata oggetto di approfondimenti, ringrazio
Regione Abruzzo
l'Assessore Di Paolo per la pazienza che
dimostra, sempre e comunque, mi scuso da
Consigliere, già la sua maggioranza, per non
avere potuto produrre nulla di meglio o,
soprattutto, non avere potuto dargli una mano a
produrre quanto di meglio aveva prodotto nella
fase di approvazione, però, penso che abbia
sentito il collega Ricciuti, credo che la sua
indignazione sia colma e, quindi, penso che la
commissione provvederà, dopo la pausa estiva, a
dare la priorità che merita, però, volevo che...
Acerbo sa che noi abbiamo fatto, richiesto da lui,
una serie di audizioni... Dei sindacati e gli
inquilini, che noi non modifichiamo la Legge 36,
noi modifichiamo un articolo della Legge 36,
tutto il resto della Legge rimane uguale, quindi,
nessuno che ha acquisito un alloggio provvisorio
con violenza o occupandola abusivamente o che
è oggetto di estrema morosità o che ci delinque
all'interno o che è stato segnalato per qualsiasi
altro reato dall'autorità giudiziaria, può
continuare a mantenere quell'alloggio. Si tratta,
semplicemente, di fare ciò che la Regione ha
sempre fatto, ovvero, di prolungare la possibilità
dell'alloggio provvisorio, in attesa di riuscire a
dare quelle risposte che anche l'Onorevole
Acerbo indicava e di cui, io spero, noi ci
potremmo fare, dopo la pausa estiva,
effettivamente, tutti quanti insieme, se
interroghiamo (inc.) perché, oggi, il dato
dell'invenduto è un dato, assolutamente,
considerevole e penso che se prendiamo quattro
o cinque milioni di euro da qualche parte per
linee Fas, che non riescono a partire, perché,
oggettivamente, non partiranno e compriamo
200 appartamenti sul territorio Regionale
Abruzzese, facciamo qualcosa di, veramente,
utile. Grazie.
PRESIDENTE
Bene. Non ci sono altri interventi richiesti,
pertanto come votazione della Legge, articolo 1
resta così com'è?
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
-52-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
Ci sono alcuni emendamenti aggiuntivi,
Giuliante astenuto. Allora, c'è l'emendamento 1,
l'emendamento 5, che è un sub emendamento
all'emendamento 1, lo pongo in votazione.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Poi, c'è l'emendamento 1, Ruffini Venturoni, che
diventa 1 bis, Decadenza assegnazione
dell'alloggio a canone agevolato.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Giuliante, va bene, è astenuto su tutti. Poi, allora,
poi, c'è sempre Venturoni, un sub emendamento
all'emendamento 3, Venturoni. Lo pongo in
votazione.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
E l'emendamento 3 come sub emendato.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Poi, c'è l'ultima... l'emendamento 2, che è stato
firmato da Ruffini - Acerbo, ma che è stato in
pratica, riscritto dagli uffici, perché era... in
pratica, il comma 1 è stato espunto
completamente. Il comma 2, pure, espunto
Regione Abruzzo
-53-
Resoconti Consiliari
completamente. Il terzo comma diventa... alla
luce di tali presupposti, viene tolto. Comincia
dalle parole "le disposizioni di cui all'articolo 25,
comma 1, punti 1 e 2 della Legge Regionale 25
ottobre 96/96", si aggiungono le parole "sono
interpretate, nel senso che si applicano a tutti i
soggetti
in
possesso
delle
condizioni
reddituali..." eccetera, eccetera. Allora, queste
correzioni sono state fatte dall'ufficio, ma
Ruffini ha accettato. Vediamo, lo sta guardando
l'Assessore competente. Va bene, c'è parere
contrario del Governo, su questo emendamento...
prego, Acerbo, a lei la parola.
cui, io, francamente, sono esterrefatto e invito la
maggioranza e il Governo a una riflessione.
Perché sono mesi che noi vogliamo questa
situazione, che è assolutamente ingiustificata.
Poi, non mi venite a dire che non si devono
tagliare i doppi vitalizi. Quando vi preparate, ci
sono persone che c'hano duecento sessanta euro
al mese...
ACERBO (PRC)
...Presidente, mi consenta di incazzarmi.
No, Presidente, io non avevo fatto polemiche col
Governo, però io chiedo di spiegare il parere
contrario, perché qui è accaduto questo, in questa
Regione, tra l'altro, in una sola ATER, che a
inquilini, a volte titolari di pensione sociale, è
stato... in cui si è accertato che, anche fossero...
avessero ereditato un metro quadrato sopra a una
cima di una montagna, siccome avevano un'altra
rendita catastale, che si aggiungeva al reddito
normale, sono uscite dal calcolo del canone
sociale, quindi, al limite, se dovevano pagare
venti euro, sono passati a pagarne centoventi,
ma, in più, gli si è rifatto il calcolo fino a
quindici anni fa, fino a quando avevo ricevuto
quell'eredità e hanno ricevuto da pagare cifre
intorno ai dieci, dodici mila euro che, anche
messe in maniera rateizzata, hanno portato altre
centocinquanta euro di richiesta. Ora, su questo,
il SUNIA e gli altri sindacati degli inquilini ci
hanno fatto presente la situazione - che, tra
l'altro, faccio presente, per ora è stata applicata
nella sola ATER di Pescara. Quindi io giudico,
se questa è la posizione del Presidente, mi
perito... dell'Assessore, oltre a chiederne le
dimissioni, per quanto mi riguarda, dato che di
questa materia doveva occuparsene lui, visto che
sono mesi che questi vecchietti vanno piangendo
- se questa è la posizione, che si applichi a
Teramo, a Chieti e all'Aquila, in tutte le
province. A me sembra un'assurdità. Con la
nostra interpretazione autentica, non è che noi
andiamo incontro a chi ha ereditato le case, ma
diciamo che chi ha ereditato due metri quadrati
di terreno e che, per un formalismo giuridico, si
ritrova come se avesse ereditato una villa, ha...
sotto un treno, che venga escluso. Esatto, ha
detto "parere del Governo: contrario". Esatto. Per
PRESIDENTE
SOSPIRI (PDL)
Acerbo...
ACERBO (PRC)
No...
ACERBO (PRC)
...perché è un mio diritto, Presidente.
PRESIDENTE
No, abbassi la voce. Sennò...
ACERBO (PRC)
Perché, ci sono persone, che hanno...
PRESIDENTE
Se alza la voce, non capisce niente nessuno.
ACERBO (PRC)
Ci sono, Presidente, persone che hanno, di
reddito, duecento sessanta euro di pensione
sociale, che si sono visti rifilare dieci mila euro
di richiesta casa.
PRESIDENTE
Bene. Allora, pongo in votazione. Sospiri, su
questo emendamento, prego.
SOSPIRI (PDL)
Ma... guardi, Presidente, io mi permetto di
richiamare la sua attenzione, perché siccome io
conosco la sensibilità dell'Assessore Di Paolo, io
credo che forse, in quest'aula, a volte difficile da
governare, anzi, per lei, sempre molto difficile
da governare, l'emendamento dell'onorevole
Acerbo non sia stato compreso. Cioè,
Regione Abruzzo
l'emendamento dell'onorevole Acerbo cosa dice?
Se tu hai ereditato un appartamento a New York,
ma è sacrosanto... che il tuo canone venga rivisto
e che tu debba pagare di più. Ma se hai ereditato
quindici metri quadri di terreno ad Ocre, voglio
dire... da coltivare, è evidente che tu non avrai
un'entrata maggiore da questa vicenda. E per un
formalismo della norma, facciamo scattare
l'aumento dei canoni a tanta gente, che in realtà
non ha più soldi per pagare.
PRESIDENTE
L'importante è che non sia retroattivo, perché se
è retroattivo combina dei disastri per il bilanci.
SOSPIRI (PDL)
No, guardi io, signor Presidente, chiedo scusa. Io
non voglio... signor Presidente, io le chiedo
scusa. Io conosco la sua sensibilità e quella
dell'Assessore Di Paolo. L'Assessore Di Paolo è
uomo di popolo notoriamente. Non è uomo di
lobby. Quindi, secondo me, non ha compreso il
meccanismo di progressività... Onorevole
Acerbo, se guarda il Presidente Pagano forse
portiamo a casa un risultato per la povera gente.
Non ha compreso che l'emendamento
dell'onorevole Acerbo conteneva in sé la
progressività del meccanismo. Cioè, un conto,
che tu erediti un bene, che ti produce bene. Un
conto, che tu erediti qualcosa, anzi, che ti
produce magari una tassazione e non un'entrata.
Quindi, io sarei abbastanza cauto nell'esprimere
un voto contrario su questo argomento che, tra
l'altro, non mi riguarderebbe personalmente.
-54-
Resoconti Consiliari
si parla sopra, è il Consiglio Regionale, quindi,
per quanto mi riguarda, stiamo votando, almeno
da quello che io so, una cosa che non è stata
valutata. Dateci un attimo di tempo, dateci dieci
minuti, un quarto d'ora per approfondirla, se
volete che la si voti, perché ho l'impressione che
sia una buona norma. Allora, siccome è una
buona norma, ma le cose presentate così, solo in
questa Regione si fanno, hanno fatto gli sfregi...
dateci dieci minuti, per verificare. Figurati, se
dovessimo fare noi: le cose, tutte gratis, per tutti.
Però, creeremmo dei problemi. Adesso, fateci
vedere questa cosa qua, perché, se la questione è
circoscritta, se è un effetto limitato, se non ha
bisogno
di
una
copertura
finanziaria
particolarmente rilevante, lo facciamo. Quindi,
dieci minuti, un quarto d'ora, per vederla.
PRESIDENTE
Venturoni.
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
Dieci minuti, un quarto d'ora, per...
VENTURONI (PDL)
Onde evitare rallentamenti dei lavori del
Consiglio, chiedo se questa legge possa essere
messa dopo il prossimo punto all'ordine del
giorno. Cioè, anticipiamo l'ordine del giorno
precedente, di modo che diamo tempo...
PRESIDENTE
Non ho capito...
PRESIDENTE
Prego, Chiodi. A lei la parola.
CHIODI (PRESIDENTE DELLA GIUNTA
REGIONALE)
Allora, io capisco che la bravura... io non metto
in dubbio la bontà della proposta. Solamente che
non l'abbiamo approfondita. Quindi, è questo il
problema. Non ci era pervenuta. Io ritengo che
sia una proposta, per come è stata rappresentata,
condivisibile, tanto più che la vostra bravura nel
rappresentarla e anche la furbizia nel
rappresentarla, perché l'Assessore Di Paolo si è
completamente squagliato, adesso, dal fatto che
la sua sensibilità... No, fermi, è una battuta...
Non è come una riunione di maggioranza, dove
VENTURONI (PDL)
Per dare tempo di approfondire questo
argomento, sospendiamo l'esame di questa legge,
passiamo... all'altro punto all'ordine del giorno.
Anticipiamo quell'altro e questo lo posticipiamo
di un punto, di modo che c'è tempo per chiarire
questo argomento.
PRESIDENTE
Continuiamo con i lavori. Questa legge la
riprendiamo successivamente.
Regione Abruzzo
PROGETTO DI LEGGE N. 549/2013:
MODIFICHE ALL’ARTICOLO 33 DELLA
LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2012,
N. 68 E MODIFICHE DELLA LEGGE
REGIONALE 28 MAGGIO 2013, N. 12
PRESIDENTE
Passiamo adesso al progetto di Legge numero
549, modifiche all'articolo 33 della legge
Regionale 68/2012 e modifiche alla Legge
Regionale 12/2013. Relatore Nasuti. Prego
Nasuti, relazionare sulla modifica alla legge 68.
Lo leggo io? Allora leggo io al posto del collega
Nasuti. Su tutti gli articoli singoli, aggiuntivi,
nonché sull'intero testo modificato, la
Commissione ha espresso il proprio parere di
merito favorevole alla unanimità. Hanno votato a
favore: Nasuti, Venturoni, Di Matteo, Petri,
Ricciuti, Prospero, Terra, D'Amico, Di Luca,
Cesare D'Alessandro e Saia, tutti. Bene, si apre
la discussione generale. Non ci sono richieste di
intervento. Allora, c'è il primo emendamento che
è l'emendamento numero 6 che introduce
l'articolo 01 di Di Matteo. Lo pongo in
votazione. Prego.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Adesso passiamo all'articolo, questo era l'articolo
01, passiamo all'articolo, all’articolo 1 c’è un
emendamento: l’emendamento Caramanico,
l’emendamento 1. Dice: all’articolo 1 del
progetto di Legge 549/2013, che non so quale sia
onestamente, quello dei revisori dei conti, le
parole “31 luglio 2013” sono sostituite con “15
ottobre 2013”. Allora, lo pongo in votazione.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
L’articolo 1 abbiamo votato. All’articolo 1 viene
aggiunto il comma 2 con l’emendamento 2. Va
bene? Che è l’emendamento numero 2 di Di
-55-
Resoconti Consiliari
Matteo. Su questo prego la parola a lei Camillo
D’Alessandro.
D’ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Signor Presidente mi rivolgo a lei, Presidente
Chiodi, nell’ambito della disponibilità della
Legge che le assegna, come è noto, noi abbiamo
una legge in vigore, che tra l’altro è stata
approvata dalla Maggioranza, che prevede una
data, una possibilità di spettro di date che vanno
da novembre a marzo. Ora è evidente che la
possibilità che si celebri un’elezione a novembre
è ormai una possibilità superata, visti i termini
necessari per le dimissioni da parte degli
Amministratori, da parte dei Sindaci, dei
Presidenti delle Provincie, a meno che non si
voglia incorrere in ricorsi che bloccherebbero la
data delle elezioni. Ragione per la quale
rimarrebbe come prima data utile, dicembre.
Ora, io lo dico con chiarezza, noi dicemmo le
elezioni di novembre sulla base di un
ragionamento che era possibilità di fare la
campagna elettorale e possibilità della
partecipazione al voto. Io non mi rimangio
quella impostazione e credo che noi dobbiamo
garantire una data che consenta la partecipazione
al voto e credo che dicembre sia, qualunque
giorno, prima, seconda, terza settimana, sia il
mese meno probabile per la partecipazione al
voto. E soprattutto spenderemmo gli stessi soldi
per avere meno garantita la partecipazione al
voto. Per cui Presidente, nell’ambito dei suoi
poteri, che sono suoi, sentita la Maggioranza ma
credo di concerto con il Presidente della Corte
d’Appello, sentito chiaramente il Presidente
Pagano che chiaramente sente tutta l’aula, io in
aula le dico che nell’ambito di quel range non
siamo d’accordo affinché si svolgano elezioni
nel periodo peggiore dell’anno in termini di
partecipazione al voto. Per cui l’unica data
nell’ambito di questo range, di date disponibile
rimane come possibilità marzo e io la invito, a
lei e al Presidente Pagano, di tenere in
considerazione questa data.
PRESIDENTE
La ringrazio. A questo punto pongo in votazione
l’emendamento 2.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Regione Abruzzo
(Il Consiglio Regionale approva)
-56-
Resoconti Consiliari
Presidente la mia contrarietà, perché avevo
prenotato poi pensavo che fosse un altro
emendamento e poi avevo disdetto la
prenotazione.
sostanzialmente, ecco, pensare oggi di, come
dire, demandare a noi, sia pure in via surrettizia
questa scelta, ci sembra troppo. E quindi allora
ribadisco Presidente Pagano che dall’alto della
sensibilità che la contraddistingue, forse anche
un parere preventivo di compatibilità statutaria
del Collegio per le garanzie statutarie sarebbe
stato opportuno acquisirlo prima di, come dire,
decidere in questa sede. Per cui, ecco, anticipo
molto sommessamente il mio voto contrario a
questo emendamento del collega Di Matteo.
Grazie.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Va bene, prego, parli, parli.
La ringrazio. Ha chiesto di intervenire, Acerbo
ha chiesto anche lei di intervenire oppure no?
No. Pongo in votazione l’emendamento.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti? (Gruppo PD, Costantini e Paolini e
Acerbo)
PRESIDENTE
A questo punto passiamo… Chiedo scusa, non
avevo capito. Prego Paolini, a lei la parola.
PAOLINI (IDV)
PAOLINI (IDV)
Semplicemente Presidente perché, come dire, è
una prerogativa che è nelle mani del Presidente
Chiodi, è una prerogativa che era sua ed
esclusivamente sua la scelta sulla data delle
elezioni, su quando indire le elezioni di concerto
con il Presidente della Corte d’Appello. Ora,
ecco che pensare di, come dire, sulla scorta di
presunte impossibilità, sulla scorta di quello che
dice anche il collega D’Alessandro, che si debba,
come dire, portare questo emendamento
all’attenzione del Consiglio Regionale che oggi
non ha le competenze per decidere su questo
emendamento, per un duplice motivo Presidente:
perché io ritento che sarebbe stato più utile
fornire un parere a dispetto dei pareri che
l’Avvocatura e che il Ministero ha fornito,
sarebbe stato più utile avere un parere di
compatibilità statutaria, perché noi abbiamo un
articolo 14 dello statuto che sostanzialmente non
ci consente di toccare la materia elettorale o
quantomeno il termine già trascorso, sei mesi
prima, e quindi sarebbe stato giusto rispettare il
termine del 15 giugno e lei aveva questa
possibilità. Da molte parti si riportano gli esempi
del Molise, del Lazio, della Lombardia, laddove,
comunque sia, si era in presenza di Consigli
sciolti e che quindi non avevano più la
possibilità di avere quella prerogativa che oggi
invece, e così come nei mesi scorsi, ha avuto il
Presidente Chiodi. Ecco che allora perché oggi
demandare a questo Consiglio, che in molti
argomenti, Presidente mi permetta, come dire, è
stato depauperato delle proprie competenze, oggi
portarlo a decidere su una competenza che non le
è propria ma che è, certamente Presidente, però
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Adesso passiamo all’emendamento 3 Di Matteo.
Pongo in votazione l’emendamento 3.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Emendamento 4 aggiuntivo sui gruppi.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Emendamento 5, sempre Di Matteo, c'è anche il
parere della prima Commissione.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
Regione Abruzzo
PRESIDENTE
L'Art. 2 così com'era, resta.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 2 sull'entrata in vigore.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Pongo in votazione la Legge sul suo complesso.
Mi dicono che non è questa la Legge ma un'altra,
non è questa è un'altra.
Pongo in votazione la Legge nel suo complesso.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Come prima.
Adesso pongo in votazione la deroga ai sensi
dell'Art. 119.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Approvata anche la Deroga.
Adesso ritorniamo... facciamo in tempo a tornare
alla Legge di prima? Prima facciamo un'altra.
PROGETTO DI LEGGE N. 550/2013:
MODIFICA DELL'ART. 8, COMMA 4,
DELLA L.R. 9.5.2001, N. 18 E S.M.I.
PRESIDENTE
Il Progetto di Legge 550, modifiche all'Art. 8
comma 4 della Legge Regionale 9 maggio del
-57-
Resoconti Consiliari
2001 numero 18, Ricciuti relaziona lei?
Comunque approvata all'unanimità la relazione.
Prego a lei la parola, iniziamo la discussione
generale, a rei la parola. Ha chiesto di intervenire
su questa? Prego Costantini, prego.
COSTANTINI (IDV)
Vabbè, rinuncio il mio Vice Capogruppo... se ci
sono degli interventi tutto al più intervengo per
dichiarazione finale, per dichiarazione di voto
finale.
PRESIDENTE
Benissimo.
Allora, il progetto di Legge è un unico articolo,
che però ha un emendamento, che è
l'emendamento numero 7, che introduce l'Art. 01
a firma Acerbo, Paolini e Tagliente, Paolini è
stata tolta è vero, è vero, è vero è stata tolta,
quindi Acerbo e Tagliente.
Scusate un attimo di attenzione Venturoni, c'è un
emendamento numero 7 che introduce l'Art. 01,
a firma Acerbo e Tagliente.
Sì, il 7, l'ammontare e il trasferimento dal
bilancio della Regione di da cui al comma 1,
descrivere il bilancio di previsione del Consiglio
Regionale, ed eliminare in Do modo da garantire
la pena funzionalità al Consiglio Regionale
stesso nell'autonoma esercizio delle sue funzioni,
tenendo conto delle eventuali modifiche
intervenute nella composizione e nelle
competenze del Consiglio Regionale e
dell'attuazione degli Istituti dei criteri che si (inc)
rispetto al principio di economicità e di
progressiva razionalizzazione delle spese e
dall'altro la fornitura di beni e servizi
indispensabili all'assorbimento delle funzioni
istituzionali.
L'Ufficio di Presidenza sulla base dei criteri di
cui al comma 1 bis, stabilisce le modalità (inc)
contenimento
di
spesa
di
pubblica
amministrazione, per quanto riguarda l'onere di
assumere (inc)...
Non le conosco, no, ma non ho capito di che
cosa si tratta capito.
Acerbo puoi intervenire per spiegarlo all'aula,
perché io... vedo che è coinvolto il Consiglio
Regionale, l'ufficio di Presidenza vorrei capire io
di che cosa si tratta scusi.
Regione Abruzzo
ACERBO (PRC)
Siccome stiamo risolvendo la causa, le dico
questo, che questo è più importante, per quello
tornerò alla carica insieme ad altri... lo ritiro sì,
sì.
-58-
Resoconti Consiliari
chiedo che si esprima il Presidente nel merito se
ci fossero altri problemi, di natura istituzionale.
PRESIDENTE
Non ho capito chiedo scusa collega?
PRESIDENTE
D'AMICO (PD)
Ritirato benissimo.
Allora, Art. 1 il Consiglio Regionale... Art. 8
comma...
recante
Consiglio
Regionale
d'Abruzzo, dopo le parole cessazione di (inc)
sono aggiunte salvo conferma del subentrante, lo
pongo in votazione.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
Se ci fossero problemi di carattere generale,
legislativo e istituzionale chiedo che si esprima il
Presidente.
PRESIDENTE
(Il Consiglio Regionale approva)
Per quanto mi riguarda io lo pongo in votazione
questo emendamento.
Quindi emendamento D'Amico.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
PRESIDENTE
(Il Consiglio Regionale approva)
A questa Legge adesso ci sono degli
emendamenti
aggiuntivi,
degli
articoli
aggiuntivi, c'è l'okay della prima Commissione,
emendamento 4 a firma Ricciuti.
Allora, Ricciuti lo può ritirare questo
gentilmente? Non lo ritiri no, non viene ritirato
da D'Amico perché... allora vuoi chiedere una
sospensione su questo? Ah, lo illustri, prego
D'Amico.
D'AMICO (PD)
L'Emendamento il 4 e il 5 nell'ambito delle
attività generali di risparmio, regola le funzioni
degli autisti e le stabilizza secondo un atto...
PRESIDENTE
Per cortesia un po' di silenzio in aula.
D'AMICO (PD)
Secondo un atto che era già stato
propedeuticamente approvata dalla Giunta
Regionale in passato, e comunque è
semplicemente una norma regolativa delle
funzioni, con l'obiettivo di rendere compatibile
con la contrattualistica generale, con i criteri di
sicurezza le attività degli autisti e dentro i limiti
di spesa previsti dalle nostre riduzioni di spesa,
quindi è un atto regolativo che non dovrebbe
produrre particolari problemi, eventualmente
PRESIDENTE
Adesso c'è un altro emendamento, Ricciuti D'Amico l'emendamento 5 è collegato? Lo
pongo in votazione.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
È approvato secondo lo schema precedente, con
le astensioni e contrari dello schema precedente.
Allora, l'emendamento 6 è stato sostituito dal
subemendamento 11 all'emendamento 6, a firma
sempre D'Amico e Ricciuti.
Lo leggo. Alfine di garantire specifiche necessità
funzionali nell'ente, gli incarichi di Dirigente di
servizio nelle more della definizione delle
procedure concorsuali già attivate, possono
essere conferite entro un limite del 10 per cento
delle posizioni dirigenziali con contratto a tempo
determinato, anche a dipendenti regionali adesso
categoria B, e sul personale prego a lei e
D'Amico di illustrarle, perché io quando si tratta
di personale... collega Venturoni appunto lei è
capogruppo mi scusi, ascolti il collega
D'Amico...
Regione Abruzzo
D'AMICO (PD)
L'emendamento regola le funzioni di supplenza
della Dirigenza nei limiti di Legge, il
subemendamento sostitutivo proviene da un testo
riscritto dal Servizio Legislativo del Consiglio
che profondamente corregge il testo da noi
presentato in prima istanza, quindi credo che sia
come dire in linea anche con la elaborazione dei
nostri uffici legislativi, regola la supplenza della
dirigenza nei limiti e nei termini che la legge
dispone.
PRESIDENTE
Venturoni.
VENTURONI (PDL)
Presidente, per correttezza, c'erano stati una serie
di emendamenti che riguardavano il personale,
che mi è stato detto che è arrivata una
segnalazione anche dei sindacati, che volevano
in qualche modo ridiscutere questo argomento.
Per cui tutto quello che riguardava il personale
l'ho ritirato, perché lo volevo portare al prossimo
Consiglio, dopo la discussione in Commissione.
Se questo riguarda, sinceramente non riesco bene
a comprendere la materia dell'emendamento
stesso, se è una cosa che riguarda il personale,
coerentemente con quello che ho fatto con le
altre cose, mi sembra giusto che lo rimettiamo in
Commissione. Se altrimenti non è così, allora è
un altro discorso, sinceramente non ho capito
bene la materia di cui si discute su questo
emendamento.
PRESIDENTE
Allora, D'Amico, mi pare che le abbia rivolto un
invito di ritiro il collega Venturoni, prego.
-59-
Resoconti Consiliari
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Sì, aspetti un attimo collega, un attimo solo,
aspetti. Allora, adesso c'è l'emendamento 1,
quello che citava il collega Cesare D'Alessandro,
sull’entrata in vigore, che è stato sottoscritto da
tutti, va bene? E' stato sottoscritto da... parlo di
Paolini, Cesare D'Alessandro, Acerbo, Di Paolo,
Tagliente, Rabbuffo, Di Luca, Di Matteo... tutti,
sull'entrata in vigore ed è l'emendamento 10, io
lo pongo in votazione.
Emendamento 10.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato all'unanimità.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
A questo punto posso votare la legge nel suo
complesso, votiamo la legge nel suo complesso.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Adesso... approvata la legge.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Adesso pongo in votazione la deroga, ai sensi...
riferita all'articolo 119 del regolamento.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato la deroga.
D'AMICO (PD)
(Il Consiglio Regionale approva)
Va bene. Fatto salvo appunto gli altri che
abbiamo già votato, per me questo emendamento
si può ridiscutere insieme agli altri
provvedimenti, va bene, quindi lo ritiro.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Allora, questo è ritirato. Sull'8 e sul 9 c'è il
parere contrario della Prima Commissione, sia
sull'emendamento 8 che sull'emendamento 9
parere contrario, quindi...
Adesso ritorniamo alla legge sulle Ater, va bene?
Dov'è? Me l'avete sfilata dalle mani, eccola.
Allora (inc.) colleghi, un attimo di pazienza,
stiamo rimettendo a posto le carte, un secondo di
pazienza.
Regione Abruzzo
-60-
Resoconti Consiliari
PROGETTO DI LEGGE N. 38/2009:
MODIFICA ALLA L.R. 7.3.2000, N. 23 PARCO NATURALE REGIONALE
"SIRENTE VELINO" - REVISIONE
CONFINI E DELIMITAZIONE ZONE
(ISCRITTO SENZA RELAZIONE AI SENSI
DELL'ART. 70, COMMA 3 DEL
REGOLAMENTO)
PRESIDENTE
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Vado avanti? Allora andiamo avanti, sul progetto
di legge sul Parco Velino Sirente chiedo al
collega Ricciuti tempo, perché mi è giunta una
lettera del collega Acerbo, che mi pone una
questione di natura giuridica, che non ho avuto
tempo di approfondire, pertanto gentilmente
ritiriamo dall'ordine del giorno questo progetto
di legge, in modo tale che io abbia il tempo
materiale di approfondire. Credo che lei, collega,
converrà...
Il 6 vediamo, vediamo. Allora, ringrazio per il
ritiro.
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Come? Sì, sì, è chiaro. Sì, allora, intanto su
questo, se il collega Ricciuti è d'accordo, prego.
Collega, siccome è una lettera che lui ha rivolto
al Presidente, ecco perché ritengo che sia
doveroso...
RICCIUTI (PDL)
Presidente, il 6 va in...
PROGETTO DI LEGGE N.534/2009:
VALORIZZAZIONE DEL TURISMO
NATURISTA
PRESIDENTE
Adesso andiamo alle legge, al progetto di legge
sul... allora, questa è stata rinviata, questo qui, si
tratta del... eccolo qua, progetto di legge numero
534/2013 sulla Valorizzazione del Turismo
Naturista, prego il Presidente Nicola Argirò di
relazionare al Consiglio Regionale su questo
interessante progetto di legge.
ARGIRO' (PDL)
RICCIUTI (PDL)
PRESIDENTE
Sì, grazie Presidente, l'Italia, a differenza di
molti altri Stati europei, non ha una legge che
riconosca e tuteli il naturismo, quindi sta alle
Regioni farlo e normare. Oggi in Italia l'unica
Regione che si è già normata in materia è
l'Emilia Romagna, quindi noi saremmo oggi, se
riusciamo ad approvare questo interessante
progetto di legge, i secondi, quindi sarebbe
anche un vanto per l'intero Abruzzo.
Allora, questo progetto rappresenta nella voce
bilancio del settore turismo per Francia, Spagna
e Croazia un'interessante voce, considerando che
la Francia, che è un Paese a noi attiguo, vanta
un'offerta di ben 180 centri, tra villaggi,
commerciali e club.
Comunque questa...
PRESIDENTE
RICCIUTI (PDL)
Non ho capito, vada avanti Argirò prego, un po'
di silenzio, per cortesia. Troppe chiacchiere in
giro, su, fate la vostra parte come fa Di
Pangrazio, che è ordinato, in... perfetto e preciso.
Allora, prego.
Al di là del fatto che comprendo la sua esigenza,
c'è un Consiglio che penso rimarrà ordinario per
il 6, la questione del collega Acerbo è una
questione formale e il collega Acerbo sa
benissimo che in Commissione si è discusso solo
ed esclusivamente, gli consegnerò la relazione,
delle modifiche alla 42, e non al testo così come
emendato. Siccome in Commissione non c'è
stata la possibilità di esprimersi con il voto,
riguarda la questione diversa, lui ha posto una
questione formale che credo che non abbia
nessuna rilevanza sul piano tecnico...
(inc.) sul piano sostanziale.
Regione Abruzzo
-61-
Resoconti Consiliari
ARGIRO' (PDL)
PRESIDENTE
Stavo dicendo che un Paese molto simile
all'Italia, che è la Francia, vanta ben 180 centri
tra villaggi commerciali e club, nella relazione ci
sono tutti i numeri, anche della Croazia, che è un
Paese sicuramente più giovane del nostro, e
quanto questo settore possa portare in termini
turistici. Chiaramente le Nazioni più avanzate
sono Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia,
quindi il Nord Europa, l'Italia presenta invece
pochissime strutture naturiste di media, piccola
attività e solo una si affaccia sul mare.
Consideriamo che vi sono in Italia 500 mila
persone ufficialmente riconosciute come
naturiste, e quindi potremmo citarne oltre un
milione di persone che potrebbero fruire di
queste strutture, senza contare tutto quanto, per il
settore turistico potrebbe portare dal Nord
Europa e sottrarre anche alle altre Nazioni, che
oggi hanno invece, dico, ripeto, Croazia e
Francia, strutture (inc.) già esistenti.
Quindi viene considerato che per lo stesso
prodotto interno lordo italiano portare attrattiva
di questo Nord Europa in Italia, che ha come
ragioni climatiche e come coste parecchie
spiagge che potrebbero essere idonee, ma qui
parliamo di spiagge, ma possono essere boschi,
laghi ed altro ancora, sarebbe una voce
interessantissima per il nostro settore.
In Commissione il progetto è stato votato
all'unanimità da tutti i Commissari, con una sola
astensione,
giustamente
del
Consigliere
Caramanico, che voleva magari approfondire,
sentirne di più in materia, ma mi sembrava fosse
sostanzialmente, come dire, favorevole. E' chiaro
che nell'incontro di tutte le associazioni abbiamo
notato come questo turismo abbia di per sé
anziani, giovani, uomini e donne, e anche
famiglie intere che facciano questo interessante
settore.
Quindi propongo, ripeto, al voto, credo unanime
come è stato in Commissione, questo
interessante progetto, grazie.
In Commissione, benissimo. Allora, si apre la
discussione generale, chi intende prendere la
parola? Nessuno. Acerbo? No. Allora,
benissimo. A questo punto, iniziamo...
PRESIDENTE
Solo per dire che i nove emendamenti che
abbiamo portato, sono solo di natura tecnica,
quindi, non hanno, non inficiano la Legge.
Grazie.
(Intervento fuori microfono)
(Intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Allora, articolo 1 c'è un emendamento
sostitutivo, l'emendamento 1, a firma Argirò e
Chiavaroli.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Quindi, l'articolo 1 è approvato. All'articolo 2 c'è
l'emendamento 2 che aggiunge l'articolo 1 bis.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Questa è finalità del naturismo. Allora,
emendamento 3 che è sostitutivo dell'articolo 2,
stessi firmatari.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Articolo 2, quindi, risulta approvato. Si astiene
Iampieri.
All'articolo
3,
invece,
c'è
l'emendamento 4 sostitutivo, valorizzazione del
turismo naturista.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
Regione Abruzzo
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Quindi, approvato l'articolo 3. Andiamo avanti.
Cioè, l'avete riscritta tutta la Legge. Poi, articolo
4, c'è un emendamento 5 sostitutivo, a firma
degli stessi, sì, l'avete riscritta. Allora, pongo in
votazione l'emendamento 5.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Quindi, essendo approvato l'emendamento 5, è
approvato, quindi, l'articolo 4. All'articolo 5, c'è
l'emendamento 6 sostitutivo, idem.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Quindi, approvato l'articolo 5. Articolo 6, c'è
l'emendamento 7 sostitutivo. Lo pongo in
votazione.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
E, quindi, approvato l'articolo 6. All'articolo 6
bis c'è l'emendamento 8 sostitutivo, no, non è
sostitutivo. È sostitutivo, quindi, l'articolo 6 bis
ha un emendamento che è l'emendamento 8
sostitutivo. Lo pongo in votazione.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
-62-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
Pertanto, è approvato l'articolo 6 bis. Anche
l'entrata in vigore, norma finale, si chiama: Non
Norma Finale, ma entrata in vigore, giustamente,
emendamento 9 sostitutivo, lo pongo in
votazione.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Pertanto, è approvato l'articolo 7. Pongo in
votazione la Legge nel suo complesso... No, c'è
Menna per l'UDC che chiede la dichiarazione di
voto. Prego, Menna.
MENNA (UDC)
Per dichiarare il mio voto contrario alla Legge,
perché non è questa una iniziativa che porterà il
turismo, è una cosa indecente, secondo me, lo
dico da Cattolico, da Cristiano, lo dico da uomo
di famiglia, da padre di famiglia, è una cosa che
lo faccia l'Emilia Romagna lo capisco, ma che
venga dal Centro Destra è una vergogna, quindi,
il mio voto è contrario.
PRESIDENTE
Anche per motivi estetici direi che è contrario.
(Intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
No, perché, quello che si vede nelle spiagge
naturiste è incredibile, quindi, allora, detto ciò...
Altre dichiarazioni di voto, Rabbuffo? No.
Camillo D'Alessandro, prego.
D'ALESSANDRO CAMILLO (PD)
Il voto, in questo caso, il gruppo è libero, io,
personalmente, voterò contro, fermo restando
che è stato sottoscritto anche da una collega, non
credo che, insomma, sia una cosa immorale
come l'ha impostata il collega; tuttavia, io non
ritengo che sia una necessità per l'Abruzzo né
per il turismo né per una scelta che fa di
vocazione turistica l'Abruzzo, puntare sul
turismo, io punterei sulla natura. Grazie.
Regione Abruzzo
PRESIDENTE
Mi sembra una buona cosa, la natura va bene,
noi, talvolta, la roviniamo la natura, quindi,
allora, c'è Febbo che ha chiesto di intervenire per
dichiarazioni di voto, non per il gruppo, ma...
(interventi sovrapposti)
FEBBO (COMPONENTE G. R.)
Anche io voto contrario.
PRESIDENTE
Vota contro. Ruffini vota a favore e Caramanico
pure. Prego, Caramanico, a lei.
-63-
Resoconti Consiliari
si applica la disposizione, si applicano anche
altre Ater Regionale", sottoscritto da Pagano, Di
Paolo ed altri. Pongo in votazione.
Favorevoli?
Contrari?
(Intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Allora, si tratta, in pratica, che le disposizioni,
siccome gli alloggi colpiti dal sisma riguardano
anche altre province, tipo Teramo e Pescara...
(Intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
Considerato che io sono stato l'unico ad astenersi
in commissione, però, annuncio il mio voto
favorevole alla Legge.
No, no, questo è un sub emendamento, a questo
emendamento che è l'ultimo emendamento,
quindi, non è possibile rinviare. Quindi, lo pongo
in votazione. Chi è favorevole? Abbiamo votato
l'emendamento...
PRESIDENTE
Bene. Votiamo la Legge nel suo complesso.
Chi è favorevole alzi la mano?
Chi è contrario?
Chi è contrario? Menna, Febbo e Camillo
D'Alessandro.
Chi si astiene? Iampieri, De Fanis, Sulpizio,
nessun altro? E Di Bastiano. Benissimo.
La Legge è approvata.
(Il Consiglio Regionale approva)
PROGETTO DI LEGGE N. 515/2013:
MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE
20 OTTOBRE 1996, N. 96 (NORME PER
L’ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE
DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA
RESIDENZIALE PUBBLICA E PER LA
DETERMINAZIONE DEI RELATIVI
CANONI DI LOCAZIONE)
PRESIDENTE
Adesso, passiamo alla Legge successiva. Allora,
comunico che è stato trovato un accordo sulla
Legge sulle Ater, allora, chiedo scusa, per
gentilezza, per gentilezza, allora, è stato
introdotto un sub emendamento a firma del
sottoscritto all'emendamento, che vi leggo:
"Dopo il comma 2 è aggiunto il secondo comma:
le disposizioni di cui al precedente articolo 1 bis,
(Intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Per cortesia. Lo leggo, lo leggo, lo leggo: "Dopo
il comma 2 dell'emendamento Acerbo, è
aggiunto il seguente comma: le disposizioni di
cui al precedente articolo 1 bis, si applicano
anche alle altre", allora, vi leggo l'articolo 1 bis
che cosa diceva, va bene? In ragione che già è
stato approvato. "In ragione della persistente
situazione di disagio in cui versa l'Ater
dall'Aquila, a seguito degli eventi sismici del 6
aprile 2009, le disposizioni di cui all'articolo 30
della Legge Regionale 6828 (inc.) 2001, si
applicano la predetta Ater di quelle dell'1
gennaio 2015". Siccome mi è stato fatto presente
dal commissario dell'Ater di Pescara e da quello
di Teramo, che ci sono alloggi che sono ATER,
che... hanno problemi, eccetera... a noi, siccome
la disparità di trattamento tra l'ATER dell'Aquila
e le altre... ci sembrava, tra l'altro, del tutto fuori
luogo. Questo è il quadro della situazione. È di
una chiarezza estrema. L'articolo 1 è già stato
approvato, quindi, se... pongo in votazione il
subemendamento. Giuliante, prego. Per cortesia,
potete prendere posto regolarmente, Consiglieri,
colleghi? Per cortesia. Menna, D'Amico, per
cortesia, prendete posto. Di Bastiano, per
gentilezza, un po' di ordine, perché non è bello a
Regione Abruzzo
vedere un Consiglio Regionale che sembra un
mercato. Poi, Mincone, chissà che opinione si fa.
Prego, Giuliante. Giuliante aveva chiesto di
intervenire. Non la vuole più la parola?
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.)
No, no, stavo... Certo.
PRESIDENTE
Sì. Prego.
GIULIANTE (COMPONENTE G.R.)
Signor Presidente, signori Consiglieri, ho già
avuto modo di sottolineare in qualche
circostanza il fatto che ciò che è accaduto con il
terremoto subisce una sorte strana. Diventa il
terremoto d'Abruzzo, quando si tratta tra
virgolette di averne i benefit e diventa il
terremoto dell'Aquila, quando si devono
affrontare determinate problematiche o si deve
parlare delle popolazioni che vi insistono. Ora io
la invito, signor Presidente, a riflettere, perché
quella che lei apparentemente vuol far passare
come una par condicio tra ciò che, in qualche
misura, è previsto per l'Aquila e ciò che è
previsto altrove, rischia di diventare quanto di
più lontano ci possa essere da un dato di equità.
Quante sono effettivamente le case ATER, che
insistono in questi territori, rispetto al patrimonio
complessivo? E si può, per questo, mettere in
piedi
un
meccanismo,
che
estende
complessivamente all'intera Provincia, e quindi a
tutte le ATER ivi presenti, quella condizione che
l'onorevole Acerbo ha individuato giustamente
per il Comune dell'Aquila? Sto dicendo che,
siccome stanno chiedendo l'estensione del tuo
emendamento... lo ha appena fatto il Presidente.
Ti sto dicendo che quello che tu hai previsto sul
Comune dell'Aquila, in termini di estensione per
quello che riguarda la spending review,
attraverso un subemendamento, lo stanno
estendendo alle altre ATER. E io sto
sottolineando che probabilmente questo tipo di
passaggio, se non mi si dimostra che c'è un'entità
oggettivamente rilevante che lo giustifica,
diventa quanto di più iniquo ci possa essere.
PRESIDENTE
Ora io... il collega Giuliante... mi dispiace,
perché continua... c'è generale disparità di
trattamento, fra un'ATER e l'altra. È una cosa
-64-
Resoconti Consiliari
che non può essere neanche consentita. Prego,
Sospiri ha chiesto di intervenire.
SOSPIRI (PDL)
No, con il rispetto dovuto alla sensibilità
dell'Assessore Giuliante e comprendo, difende
giustamente, con le unghie e con i denti, i diritti
dell'Aquila. E ci mancherebbe altro. Allora, la
norma Acerbo è una cosa, è non c'entra niente
con queste cose, di cui abbiamo parlato. Cioè, là
c'è un emendamento che riguarda la fiscalità
dell'ATER dell'Aquila, che è oggettivamente e
complessivamente colpita dal sisma. Ed è una
cosa. Giustamente, il Presidente Pagano e
anch'io aggiungiamo se ci sono nelle altre ATER
medesime situazioni, comunque collegate, e
sono certificate quelle collegate, all'evento del
sisma dell'Aquila, perché anche quelle altre...
Ma, non sa di cosa... non è che la Regione dà i
soldi, o il Commissario dà i soldi. Stiamo
parlando della fiscalità. Cioè, stiamo parlando di
un'altra cosa. Cioè, non hai letto l'emendamento,
che non c'entra niente con quello di Acerbo. Ma
se cinque immobili a... ti cito un caso puntuale.
Se cinque immobili, presenti a Civitella
Casanova, che è comune del cratere, sono
immobili ATER e sono stati danneggiati e sono
utilizzati, perché l'ATER di Pescara non deve
avere lo stesso beneficio per quei... No, sono le
case collegate con l'evento del sisma.
(interventi fuori microfono)
SOSPIRI (PDL)
Ma perché urli?
(interventi fuori microfono)
SOSPIRI (PDL)
Scusami... guarda che io ho votato più norme per
l'Aquila, di te, Gianfranco. Cioè, ma perché urli?
Ti sto...
(interventi fuori microfono)
SOSPIRI (PDL)
Ti sto spiegando che l'emendamento del
Presidente Pagano è cosa diversa da quella
dell'onorevole Acerbo. Prima informazione, che
non c'entra niente con l'evento sisma, quella
dell'onorevole Acerbo. La seconda informazione
Regione Abruzzo
è che, se si applica un elemento di fiscalità
diversa per le case danneggiate dal sisma ATER,
non può essere solo l'Aquila. Deve essere "case
danneggiate dal sisma, Abruzzo". Punto. Cioè,
qual è... Non capisco perché innescare una
polemica inutile. Poi, il Presidente Pagano può
decidere di fare come credere. Io mi adeguo alle
decisioni del Presidente, insomma.
(interventi fuori microfono)
SOSPIRI (PDL)
No, chiamato in causa...
(interventi fuori microfono)
SOSPIRI (PDL)
Allora, chiedo scusa... Parliamoci chiaro, se
Giuliante
vuole
votare
contro
il
subemendamento, lo fa. Ma che problema c'è?
(interventi fuori microfono)
SOSPIRI (PDL)
Ma... scusa, io non riesco a capire. Cioè,
questo... Io non riesco a capire.
(interventi fuori microfono)
PRESIDENTE
Sì, se non urla... sì. Prego.
GIULIANTE COMPONENTE G.R.
Allora, il patrimonio dell'ATER della Provincia
dell'Aquila è stato completamente distrutto. Ok?
Completamente distrutto. Questo presuppone un
emendamento, per il quale, prendendo atto di
quello che è successo, si stabilisce una diversa
fiscalità per l'Aquila. Se un'altra ATER, di una
Provincia altra, ha tre case, o cinque case
distrutte, non capisco...
(interventi sovrapposti)
PRESIDENTE
No, aveva promesso che non urlava... Va bene...
abbiamo capito che vuole votare contro. Io
pongo in votazione il mio subemendamento.
Prego. Di Pangrazio, prego.
-65-
Resoconti Consiliari
DI PANGRAZIO (PD)
Presidente, grazie. Io penso, a parte il
presentatore
dell'emendamento,
che
probabilmente è sbagliato nella citazione, però
c'è un significato, diciamo, rispetto al suo
subemendamento, che è profondo e diverso.
Altrimenti, noi rischiamo che, sulla scorta degli
interventi che andiamo, diciamo, a tutelare con
deroghe e con proroghe, che si riferiscono
esclusivamente a situazioni particolari - Oggi,
nel caso specifico, per quanto riguarda il
terremoto, su alloggi di edilizia residenziale
pubblica, ricadenti diciamo sulle ATER della
Provincia dell'Aquila o della città dell'Aquila,
domani, per altre questioni - rischiamo che, una
volta, lo propone il Consigliere Di Bastiano, una
volta, il Consigliere D'Amico, rischiamo di
estendere questioni particolari, che dovrebbero
essere vincolate esclusivamente a motivi e
localizzati in quei territori, rischiano di diventare
generali e generalizzati, per tutta la Regione.
Allora,
lei,
probabilmente,
nel
suo
subemendamento, almeno quello che colgo io...
colgo, che rispetto a ciò che è accaduto e, quindi,
alla deroga e allo spostamento dal primo gennaio
2015, che si vuole fare per un territorio che ha
effettivamente difficoltà, su punto specifico,
probabilmente il suo subemendamento dovrebbe
essere legato, non all'estensione generale delle
ATER della Regione Abruzzo, ma se ci sono
delle strutture ATER di proprietà delle agenzie
territoriali di residenza pubblica, e localizzate ed
individuate, legate naturalmente a questioni,
diciamo, serie ed importanti, che prevedono di
avere una proroga similare, naturalmente, si
dovrebbe accettare. Ma così com'è combinato,
Presidente, sembra e può apparire, ma
sicuramente appare perché è così, voler
generalizzare attraverso un evento sismico, che
c'è stato sul territori della città dell'Aquila e farne
usufruire anche altri territori, che probabilmente
non hanno questa necessità. Allora, le chiedo io,
su questo punto, vediamo se è possibile
riformulare quel suo subemendamento, se ci
sono ATER particolari in una Provincia, o in un
territorio di qualche Provincia, che necessitano
di essere legati, come subemendamento,
all'emendamento numero 3, dell'articolo 1 bis?
Se questo è possibile farlo, nessuno dirà niente.
Anzi, tutti sarebbero favorevoli. Così
sembrerebbe una polemica aperta sul volere
estendere un beneficio che logicamente spetta a
Regione Abruzzo
chi il danno lo ha subito, a chi subisce ritardi
causa di tragedie, anche per altri territori che
probabilmente non li hanno avuti. Quindi questa
è la proposta che le faccio.
PRESIDENTE
Certo. Allora, io vi comunico che l’ufficio
tecnico mi aveva già detto che forse era
inammissibile l’emendamento che abbiamo già
approvato perché da quell’emendamento, e
quindi da quell’articolo, scaturisce una disparità
di trattamento tra enti. È chiaro? Allora partiamo
da qui e stiamo correggendo una cosa che forse,
con un pizzico di superficialità, è stata
commessa. Aggiungo che in questa Regione su
300 Comuni la bellezza, per non dire la bruttezza
tra virgolette, di 46 Comuni sono stati inseriti nel
cratere. Ma ben altri hanno avuto danni
consistenti al patrimonio immobiliare pubblico e
privato - sono 57 mi corregge il Presidente
Chiodi – ma ben altri. Per esempio in provincia
di Pescara, perché chi è della provincia di
Pescara sa bene, ma persino il Comune di Chieti,
il Municipio del Comune di Chieti ha avuto
danni dal terremoto, il Tribunale del Comune di
Chieti (inc.) al terremoto. Orbene, correggiamo
un errore commesso con un pizzico di
superficialità, bisogna saperlo ammettere, che
mai fra enti bisogna prevedere disparità di
trattamento, perché se no potremmo anche creare
problemi di natura giuridica, pertanto io
raccolgo, come dire, con buona creanza l’invito
del collega Di Pangrazio ma pongo in votazione
senza ritiro alcuno, perché penso che sia fatta
cosa buona e giusta con questo emendamento,
pongo in votazione l’emendamento.
DI PANGRAZIO (PD)
Mi dà la parola Presidente? La legge 28 del
2012, l’articolo 30, non si riferisce all’argomento
di cui stiamo trattando. Io non capisco, se
qualcuno mi dà spiegazioni. L’articolo 30 è:
Attuazione del comma 1, lettera E, articolo 2,
ulteriori misure di contenimento della spesa
pubblica. A quale comma fa riferimento diciamo
l’emendamento
presentato
e
il
sub
emendamento? Presidente io penso che sia
sbagliato pure l’articolo dell’emendamento e del
sub emendamento. Ma chi lo ha presentato
questo emendamento? Ricciuti l’ha presentato
lei, a che si riferisce? Perché io non lo capisco,
veramente.
-66-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
Okay. Mi sono fatto dare ulteriori motivazioni
giuridiche. Pongo in votazione.
FEBBO (COMPONENTE G.R.)
Presidente chiediamo un minimo di sospensione
per poter capire un attimo le varie posizioni che
ci sono state espresse anche dal Presidente
dell’ATER.
PRESIDENTE
Sono le 18:25, riprendiamo i lavori fra 10
minuti, va bene? Allora alle 18:35. I lavori sono
sospesi.
(La seduta è sospesa alle ore 18:24)
(La seduta riprende alle ore 18:45)
PRESIDENTE
Mi dicono che è stato raggiunto un accordo, vi
chiedo gentilmente di prendere posto in aula.
Allora colleghi, vogliamo gentilmente prendere
posto? Possiamo gentilmente... allora, gli altri
Consiglieri che fine hanno fatto? Di
Maggioranza, intendo.
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Allora, i colleghi, De Matteis... i colleghi di
Maggioranza che fine hanno fatto? Lei ne sa
qualcosa?
(vari interventi fuori microfono)
PRESIDENTE
Allora, mi pare che sia... allora, mi hanno riferito
l'accordo, cioè in pratica l'articolo... allora,
l'articolo 1-bis...
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Non c'era la Minoranza, allora, mi dicono che,
per come è formulato, l'articolo 1-bis che era
stato prima approvato, e che io riporterei in
votazione, se siamo d'accordo, così come è
formulato non ha le gambe per camminare
giuridicamente. Quindi noi, in riferimento agli
Regione Abruzzo
eventuali benefici che vorremmo dare all'Ater
dell'Aquila, o alle eventuali altre Ater, se hanno
avuto danni agli immobili, saranno essi, questi
benefici, formulati in termini giuridici
appropriati in un prossimo futuro progetto di
legge.
Quindi io adesso, se siamo tutti d'accordo,
rimetto in votazione l'articolo 1-bis, che
avevamo
già
votato,
per
bocciarlo
sostanzialmente, va bene? Siamo tutti d'accordo?
Va bene, allora, mentre invece questo,
l'argomento contenuto lì dentro, in modo più
appropriato, ordinato e soprattutto che abbia le
gambe per camminare giuridicamente, sarà
oggetto di un futuro P.D.L., P.D.L. non Popolo
della Libertà, ma progetto di legge.
Benissimo, allora, ciò detto, dove sta? Allora,
prima va votato il sub-emendamento 3 che va
bocciato pure, Venturoni.
Chi è favorevole? Nessuno.
Chi è contrario?
Chi si astiene?
Quindi il sub-emendamento è bocciato.
(Il Consiglio Regionale non approva)
PRESIDENTE
L'emendamento 3, Ricciuti, quello articolo 1-bis,
stesso... come prima.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
Articolo... quindi emendamento 3 bocciato.
(Il Consiglio Regionale non approva)
PRESIDENTE
Ovviamente io ritiro quel sub-emendamento di
cui prima, e quindi va bene così, invece
passiamo alla votazione dell'emendamento 2, che
avevo già letto, Acerbo, Ruffini, e poi ha
aggiunto la sua firma Sospiri.
Lo pongo in votazione, qui c'è l'accordo, però
poi si prevede anche la votazione di un ordine
del giorno dopo.
Lo pongo in votazione.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
L'emendamento 2 è approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
-67-
Resoconti Consiliari
PRESIDENTE
Grazie Presidente, adesso votiamo l'articolo 2,
che diventa articolo 3, sull'entrata in vigore.
Chi è favorevole?
Chi è contrario?
Chi si astiene?
Approvato
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Adesso, prima di votare la legge nel suo
complesso, pongo in votazione l'ordine del
giorno concordato, che io comunque leggo,
perché non è stato diffuso: "Il Consiglio
Regionale, come è noto, l'applicazione
retroattiva della disposizione di esenzione dal
cumulo di reddito valido ai fini della
determinazione del canone ERP può determinare
una esigenza finanziaria straordinaria da parte
delle Ater, che dovranno applicarla, ancorché
esenzione limitata ad euro 100 di redditi
dominicali e da fabbricati, ciò posto, e in
considerazione dell'impatto sociale che comporta
tale ricalcolo, spesso frutto di buona fede
dichiarativa, impegna la Giunta Regionale a
provvedere alla copertura finanziaria delle
minori entrate delle Ater, in applicazione
dell'emendamento 2" che noi abbiamo poco fa
approvato "e il progetto di legge 515, che
introduce l'articolo 1-ter, previa certificazione
delle stesse da parte delle Ater, a mezzo di
idoneo provvedimento legislativo". Firmato
Acerbo, Di Paolo e Ruffini.
Pongo in votazione l'ordine del giorno.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
L'ordine del giorno è approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Pongo in votazione la legge nel suo complesso.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvata.
(Il Consiglio Regionale approva)
Regione Abruzzo
PRESIDENTE
Ciò detto, la deroga è urgente? Votiamo la
deroga ai sensi dell'articolo 119, di cui al
Regolamento interno.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvata la deroga.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Adesso c'è la legge...
(intervento fuori microfono)
INSERIMENTO FUORI SACCO: PROG. N.
542/13 – D’INIZIATIVA CONSILIARE
“PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE
ALLA FONDAZIONE MICHETTI
FRANCAVILLA AL MARE E
FINANZIAMENTO A SOSTEGNO DEL
PREMIO LETTERARIO CITTA DI
PENNE-MOSCA”
PRESIDENTE
Sì, la legge del Parco Velino quante volte... già è
stata rinviata, adesso invece abbiamo la legge sul
premio Michetti, per gentilezza. I colleghi...
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Sì, l'Ater è approvata, con l'ordine del giorno
approvato e votato... Sospiri, hai votato anche tu,
quindi... prego.
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Sospiri, lei è disattento, gravemente disattento...
poi andiamo avanti.
Detto ciò, andiamo avanti, allora, Verì purtroppo
per motivi di salute si è dovuta allontanare, leggo
la relazione di cui alla Quinta Commissione,
comunque nota ai più di voi. Il testo, così come
emendato dalla Prima Commissione, è stato
recepito dalla Commissione di merito, che ha
approvato tutti gli articoli e l'intero testo
all'unanimità dei Consiglieri presenti, e cioè
-68-
Resoconti Consiliari
Verì, Petri, Sospiri, Iampieri, Di Bastiano,
Prospero, Menna, D'Amico, Ruffini, Caramanico
e Acerbo. Ci sono interventi? No.
Pongo in votazione gli articoli di legge.
Art. 1.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Art. 2.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato.
(Il Consiglio Regionale approva)
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
L'emendamento è aggiuntivo? Dopo l'articolo 2?
Mettiamo dopo l'articolo 2, allora gli
emendamenti sono...
Il primo è l'emendamento 1, che è stato
distribuito, firmato da D'Amico e da... da
D'Amico, allora, D'Amico, Di Pangrazio,
Iampieri, Acerbo, Di Bastiano. Riguarda il teatro
dei Marsi, va bene?
Prego, Venturoni.
VENTURONI (PDL)
Presidente, questo emendamento è stato
concordato in Commissione, è un vecchio
impegno preso tra l'altro già nella variazione di
bilancio e quant'altro, siccome so che ci sono
altri emendamenti su questa legge, purtroppo,
non essendoci la scheda finanziaria, non
essendoci la copertura, per gli altri mi dispiace
ma non possiamo dare parere positivo, su questo
sì.
PRESIDENTE
(inc.) sì, sugli altri no, mi pare che è abbastanza
chiaro, quindi su questo, io lo pongo in
votazione col voto favorevole dei colleghi, cioè
del collega Venturoni.
Emendamento numero 1.
Regione Abruzzo
Art. 1.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato l'emendamento 1.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
L'emendamento 2, a firma di Caramanico,
riguarda 40 mila euro per il Cinema Teatro
Garden di Guardiagrele, prego collega... sul
quale c'è parere contrario della Maggioranza,
prego collega Caramanico, a lei la parola.
-69-
Resoconti Consiliari
come succede ogni volta che sono 100 mila euro,
e poi la disponibilità è sempre di 50 mila euro.
Per tutti i cinema di Abruzzo, i piccoli cinema, i
monocinema che esistono un po' nei Comuni
medi della nostra regione era l'occasione per
sollecitare... l'ho già fatto in privato per il bando
che l'Assessore deve fare, quindi anche
nell'ambito si potrebbe rimpinguare quel capitolo
e far partecipare anche Guardiagrele a quel
bando che...
PRESIDENTE
Bene.
MENNA (UDC)
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
Prendo atto, come si dice, non capisco ma
prendo atto, io voto comunque...
Di quel contributo che noi abbiamo inserito nella
legge finanziaria.
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Non capisco, ma mi adeguo.
CARAMANICO (GRUPPO MISTO)
Esatto, non capisco ma mi adeguo. Naturalmente
non sono d'accordo con l'impostazione del
collega Venturoni, perché voglio ricordare che
anche questo provvedimento io l'avevo
presentato in finanziaria e poi l'avevo ritirato,
quindi non mi sembra che sia il caso di fare figli
e figliastri. Qui stiamo parlando di un cinema
comunale, che è costato venti anni comunque di
sacrifici al Comune di Guardiagrele per
acquistarlo, ristrutturarlo, che oggi sta in grave
difficoltà. Ne prendo atto, ma non sono
d'accordo, e comunque già da adesso dico che
voterò la legge nel suo complesso, ma su questo
naturalmente mi riservo di fare tutta la mia
polemica, perché non mi sembra corretto da
parte di questo Consiglio Regionale, diciamo,
fare due pesi e due misure.
PRESIDENTE
Grazie, prego Menna, a lei la parola
MENNA (UDC)
Sì, grazie Presidente, io, anche se sono d'accordo
con l'emendamento di Caramanico, voglio
ricordare, qui c'è l'Assessore De Fanis che
farebbe bene ad ascoltarmi qualche volta, io ho
voluto inserire una somma, poi non capisco
La ringrazio. Allora, pongo in votazione
l'emendamento 2.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Articolo... emendamento 2 non approvato.
(Il Consiglio Regionale non approva)
PRESIDENTE
Adesso c'è l'emendamento 3, Prospero, Iampieri
(inc.) quale pure c'è il parere contrario.
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Sì, ho detto che c'è il parere contrario. Prego
Prospero, a lei la parola, sul teatro Rossetti di
Vasto (inc.)
PROSPERO (RIALZATI ABRUZZO)
Ma io non sono d'accordo con la... noi non siamo
d'accordo, perché la valenza del Teatro Rossetti
va al di là di tante altre iniziative che abbiamo
votato qualche minuto fa. La legge su Michetti la
votiamo, però non mi sembra un modo corretto
di trattare i vari teatri abruzzesi, il teatro Rossetti
è del 1.800, quello dei Marsi sarà del 1990 o
2000, quindi a un certo punto...
Quindi è un modo non corretto e... perché
bisogna rispettare l'anzianità e le attività che si
Regione Abruzzo
fanno nelle varie cose, quindi voterò a favore
del... voteremo a favore del provvedimento (inc.)
voteremo a favore dell'emendamento che
abbiamo presentato.
-70-
Resoconti Consiliari
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
La ringrazio.
Allora, favorevoli? Prospero, Iampieri e...
Contrari? Tutti gli altri.
E quindi l'emendamento non è approvato.
Adesso voterei anche qui, l'abbiamo votata per
tutti, votiamola anche qui la deroga.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvata anche la deroga, ai sensi del 119.
(Il Consiglio Regionale non approva)
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
PRESIDENTE
Adesso poniamo in votazione l'articolo 3 sulla
norma finanziaria.
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Pongo in votazione, prima di porre in votazione
la legge nel suo complesso, la collega Petri
intende prendere la parola.
Prego, sull'ordine dei lavori, credo che abbia
chiesto di intervenire il collega.
PRESIDENTE
PETRI (PDL)
Presidente, innanzitutto mi scuso per parlare da
questa posizione, ma non voglio far perdere ai
colleghi altro tempo. Io ringrazio tutti i colleghi
che sia in Commissione che qui hanno votato a
favore di questa legge. Voglio far notare che
noi... è stata presentata da due pescaresi, quindi
non è stato un qualcosa di territorio, perché noi,
facendo parte e avendo partecipato entrambi,
come la legge prevede, al Consiglio di
Amministrazione della Fondazione Michetti,
abbiamo visto come, con grande dignità, questo
che è uno dei massimi gioielli della nostra
Regione e dell'Italia, sta portando, nonostante le
difficoltà in cui si trova la cultura, avanti progetti
e attività di innovazione. Quindi dobbiamo
uscire tutti quanti contenti per aver dato questa
piccola mano come Consiglio Regionale a questa
gemma dell'Abruzzo.
PRESIDENTE
Bene, comunico che anche l'Assessore De Fanis
ha sottoscritto questa legge.
Pongo in votazione la legge nel suo complesso.
Favorevoli?
Contrari? Nessuno.
Astenuti? Nessuno.
La legge, così come emendata, è approvata.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
Sì, grazie Presidente.
PRESIDENTE
Intanto congratulazioni, perché nonostante
l'apparente confusione, abbiamo fatto i
legislatori oggi. Prego, Nasuti.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
No, sull'ordine dei lavori, perché chiedo molto
probabilmente, siccome l'ultimo Consiglio prima
dello stop estivo... ci sarà...
PRESIDENTE
Martedì prossimo, la Conferenza dei Capi
Gruppo ha stabilito che ci sarà un Consiglio
Straordinario sull'inquinamento del mare.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
Volevo chiedere, allora, siccome... scusate,
molto
probabilmente
Presidente
ricorre
l'esigenza di convocare un Consiglio ordinario,
perché ci potrebbero essere dei punti,
segnalatemi in...
(intervento fuori microfono)
NASUTI (GRUPPO MISTO)
No, siccome la Conferenza dei Capi Gruppo ha
stabilito solo il Consiglio Straordinario…
Regione Abruzzo
PRESIDENTE
-71-
Resoconti Consiliari
(La seduta è tolta alle ore_19:02_)
Allora, le faccio una proposta, collega.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
La presente trascrizione risulta conforme al
parlato o alla registrazione audio.
Io stavo cercando...
PRESIDENTE
Le faccio una proposta, lei... mi scusi, mi scusi.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
Prego.
PRESIDENTE
Allora, faccio una proposta a tutta l'Assemblea,
siccome c'abbiamo dei punti residui, io rinvio
questi punti residui a un Consiglio Regionale del
6 mattina.
NASUTI (GRUPPO MISTO)
Esatto.
PRESIDENTE
Ho previsto la convocazione per le ore 11 del
Consiglio Straordinario, allora a questo punto
invece alle ore 11, adesso farò una correzione,
convochiamo un Consiglio Ordinario, per i punti
residui e gli eventuali altri provvedimenti, e poi a
seguire...
(intervento fuori microfono)
PRESIDENTE
Fare il contrario? Va bene, allora ripeto, alle ore
11 apriremo il Consiglio Straordinario
sull'inquinamento, e a seguire quello ordinario
sui punti residui e sugli eventuali altri licenziati
dalle Commissioni.
Approvato così?
Favorevoli?
Contrari?
Astenuti?
Approvato così.
(Il Consiglio Regionale approva)
PRESIDENTE
Signori, qui dichiaro sciolta la seduta, ci
vediamo martedì della prossima settimana.
Roma, 31/07/2013.

Documenti analoghi