Esperienze di allevamento e riproduzione del ciclide

Commenti

Transcript

Esperienze di allevamento e riproduzione del ciclide
Acquariforum
Esperienze di allevamento e riproduzione del ciclide "Bocca di fuoco" : Thorichthys
meeki
Inviato da Luciano Onofri
Allo scopo di formare una coppia misi sei giovani esemplari di questi stupendi ciclidi americani della grandezza di pochi
centimetri nel mio acquario "ambiente da 110lt". Arredai appositamente l'acquario con un fondo composto da ghiaino
policromo scuro di granulometria media.
Nell'acquario molto ricco di piante varie e ben radicate erano presenti numerosi anfratti e nascondigli creati con pietre ed
una radice di torbiera.
I valori acquatici: Temp.26°C pH 7,5; dGH>10°; dKH 10°; N03 12mg/l.
una piccola immagine della coppia descritta nell'articolo
Cichlasoma meeki o più aggiornato come Thorichthys meeki, è un ciclide molto territoriale, e aggressivo specialmente
verso i suoi conspecifici. Dentro al mio 110lt i sei giovani esemplari erano spesso in atteggiamento di minaccia tra loro,
gonfiando gli opercoli branchiali e la sacca golare.
Esemplare maschio di Thorichthys meeki. Foto by Balistide
Esemplare femmina di Thorichthys meeki. Foto by Balistide
http://www.acquarionline.it/acquari
Realizzata con Joomla!
Generata: 29 September, 2016, 22:23
Acquariforum
Dopo circa una ventina di giorni dalla loro immissione in acquario, notai che due dei sei esemplari (i più cresciuti, circa
5cm) stazionavano continuamente in una zona nella parte posteriore della vasca, vicino ad un sasso rosso, guardando
meglio vidi che entrambi i meeki erano intenti a ventilare con le pinne laterali un centinaio di uova (alcune di colore
bianco, altre grigio opaco) deposte e appiccicate sulla superficie verticale del sasso. Non vi dico la mia contentezza: Si
era formata una coppia ed avevano già deposto le uova.
Dopo la schiusa le larve vennero sistemate dai riproduttori in buche precedentemente scavate nel fondo. Trascorsi circa
quattro giorni dall'evento si presento ai miei occhi uno spettacolo di prim'ordine: I genitori che pascolavano una grossa
nuvola di avannotti, la giovane famigliola passeggiava tra la vegetazione del fondo, ed i genitori sempre più aggressivi
scacciavano sistematicamente gli altri quattro conspecifici che cercavano di avvicinarsi alla loro prole.
E' meraviglioso vedere i genitori specialmente la femmina, prendere in bocca gli avannotti che si allontanavano e
risputarli nel gruppo. Per la loro alimentazione, non avendo a disposizione i naupli di artemia somministrai del cibo
finissimo micronizzato, quattro-cinque volte nella giornata, indirizzando il cibo "nel mucchio" con l'aiuto di una cannuccia
da bibita inserita in una siringa.
Successivamente, con mia grande delusione potei constatare che gli avannotti diminuivano numericamente ogni giorno
fino a che non ne rimase più traccia, ciò provocò le ire del maschio verso la sua compagna. A seguito di quanto accaduto,
ed anche per isolare la coppia nell'acquario a loro dedicato, tolsi gli altri quattro meeki.
Thorichthys meeki che cura la covata. Foto by Balistide
La mia coppia era diventata sempre più bella, il maschio grandissimo due volte la femmina, misurava circa 13cm, mentre
lei arrivava appena a 7cm, occhioni grandi, la bocca dotata di grandi labbra, entrambi sfoggiavano una colorazione
caratterizzata da un fondo blu-giallastro con numerose macchie, anche iridescenti, sulle squame. A volte si notavano da
cinque a sette fasce verticali di colore scuro con qualche macchia più pronunciata sui fianchi. Sull'opercolo branchiale
spiccava una macchia nera orlata di giallo. Fantastico il rosso intenso della gola, del ventre e parte della pinna anale,
questa colorazione rimaneva molto accentuata nel maschio durante la riproduzione e le parate di minaccia.
La coppia si riprodusse più volte ma a causa dell'aggressività del maschio non sono mai riusciti a portare a termine la
riproduzione che veniva sempre interrotta in una delle sue fasi, ultimamente le uova non arrivavano nemmeno alla
schiusa. Tutto ciò a causa della crescente aggressività del maschio verso la femmina, la quale era terrorizzata dal suo
compagno che la costringeva alla segregazione, la poveretta quando usciva dalla tana per mangiare veniva subito
rincorsa per tutta la vasca e aggredita dal grosso maschio.
Pertanto, decisi mio malgrado di portare questi ciclidi ad un negoziante.
http://www.acquarionline.it/acquari
Realizzata con Joomla!
Generata: 29 September, 2016, 22:23
Acquariforum
Maschio di Thorichthys meeki nel pieno della sua livrea. Foto by Balistide
Dopo qualche giorno ritornando casualmente in quel negozio, notai che l'incompetente aveva sistemato i miei meeki in
una vaschetta di una cinquantina di litri senza materiale di fondo ne arredamento, in compagnia di ciclidi africani e di un
grosso botia, osservando meglio vidi i miei poveri pesci stazionare in un angolo della vasca, scoloriti, impauriti emal
ridotti, il maschio dei meeki non aveva più la parte terminale della pinna dorsale, la quale risultava mozzata di netto,
presentava evidenti morsi alla pinna anale, ed escoriazioni della pelle in più punti del corpo,a causare ciò, il grosso botia
che aggrediva costantemente i meeki, senza dare loro la minima possibilità di scampo in quella esigua vaschetta.
Con la rapidità del vento chiamai il negoziante e feci rimettere i meeki in un sacchetto... ora stanno nuotando
tranquillamente nel loro acquario da 110lt a casa mia, si sono entrambi ripresi, ed hanno nuovamente tirato fuori la loro
colorazione rossa di fuoco, ed il comportamento tipico della specie, infatti il maschiaccio a ripreso ad inseguire e
segregare la sua femmina.
Di Luciano Onofri (11-11-2003)
http://www.acquarionline.it/acquari
Realizzata con Joomla!
Generata: 29 September, 2016, 22:23

Documenti analoghi

Magia dell`acquario di poecilidi

Magia dell`acquario di poecilidi Trovai per caso, su una rivista, un articolo dedicato all'acquario tematico per pecilidi. Seguii alla lettera i consigli, ricostruendo il possibile... Ora i miei quindici avannotti di Platy azzurro...

Dettagli

Apistogramma Agassizi

Apistogramma Agassizi giallo, attraversato da una linea longitudinale nera, con sfumature più o meno marcata a seconda delle varietà, che si estende dalla radice pinna caudale fino al muso, le pinne sono di un colore ro...

Dettagli

Pelvicachromis pulcher

Pelvicachromis pulcher esegue quando il maschio le passa vicino), trasferii la coppia in una “vasca parto” (60x30xh30 54 l lordi), arredata con piante del genere Echinodorus, rocce vulcaniche, un vascello in ...

Dettagli

Apistogramma macmasteri

Apistogramma macmasteri la femmina è decisamente più piccola, inoltre presenta in genere colorazioni più omogenee ed opache. Nel periodo riproduttivo però la femmina si accende letteralmente virando in genere ad un giallo...

Dettagli