WABI - SABI - Alessia Lupoli

Commenti

Transcript

WABI - SABI - Alessia Lupoli
Giovanni Frangi
WABI - SABI
con contributo critico di Mimmo di Marzio
dal 6 agosto all’8 settembre 2010
Galleria d’arte Barbara Paci, PIETRASANTA
Meduse, 2010 | Giovanni Frangi
PIETRASANTA (LU)_ Un magico acquario. Un milione di piccoli pesci che si agitano e si muovono in
gruppo, come piccoli atomi impazziti, schegge di un universo biologico. Un segno leggero ed
ininterrotto che coinvolge tutto lo spazio espositivo. In questo labirintico wall drawing, Giovanni
Frangi inserisce una serie di dipinti che dialogano con l’ambiente e con lo spettatore, sino a creare
un vero e proprio ritmo sinfonico. “Wabi-sabi” è il titolo dell’opera che, dal 6 agosto all’8 settembre,
Giovanni Frangi presenta a Pietrasanta, alla Galleria Barbara Paci.
Dopo l’apertura della personale “Giardini pubblici” al MART di Rovereto, dopo l’intervento al
Politecnico di Lecco, Frangi sviluppa, anche in questa occasione, le sue tematiche naturali
realizzando una grande installazione ispirata alla vita nelle profondità del mare.
Artista milanese il cui percorso è contraddistinto da un uso poliedrico di linguaggi e da una particolare
riflessione sulle tematiche naturali, Giovanni Frangi da tempo si mostra interessato a portare il suo lavoro ad
interagire con l’ambiente che lo abita. Così nel “Richiamo della Foresta” alle Stelline di Milano (1999), o in
“Nobu at Elba” a Villa Panza a Varese (2004); così a Pietrasanta dove Frangi sceglie l’opera totale; pur
essendo un artista con una storia legata ad una visione in senso classico della pittura, il suo lavoro, ancora
una volta, entra in sinergia con l’ambiente trasformando lo spazio della galleria in un immenso acquario.
Nella nuova storia che Frangi racconta, riprende, in realtà, il filo di un racconto interrotto da poco: da un lato
il “View-Master” del fondo del mare presentato a Firenze da Poggiali nel 2006, dove aveva creato una grotta
tridimensionale in gommapiuma e dall’altro di “Underwater”, realizzato per la Galleria dello Scudo di Verona
nel 2007 con una serie di immagini su tele emulsionate che rappresentavano grotte, alghe, pesci rossi, pesci
azzurri, anemoni e stelle marine.
“In Wabi Sabi – scrive in catalogo Mimmo Di Marzio - l’artista tenta di trasformare lo spazio in opera, ovvero
il soggetto diventa l’ambiente stesso mentre l’oggetto perde la sua aura di unicità per entrare a far parte di
un organismo in cui ogni elemento è legato all’altro in un continuum narrativo, oltre che cromatico”. Ed
ancora: “ Il lavoro di Frangi – afferma - parte sempre da un’immagine della natura, ovvero da una
reminescenza del paesaggio. Il dato, interiorizzato, si traduce in una visionarietà analitica della natura e ciò
a dispetto dell’impatto “espressionista” del segno e della materia”.
Catalogo disponibile in mostra.
Cenni biografici
Giovanni Frangi nasce a Milano nel 1959 dove vive e lavora. Studia all’Accademia di Brera. Inizia a
dipingere molto presto. Del 1983 è la sua prima mostra personale alla galleria La Bussola di Torino. Nel
corso di questi anni lavora con diverse gallerie in Italia, in Germania, in Svizzera, in Cina e negli Stati Uniti.
Nel 1997 vince il premio della XII Quadriennale romana ed espone alla Camera dei Deputati nella Sala del
Cenacolo “La fuga di Renzo”. Nel 1999 allestisce al Palazzo delle Stelline di Milano un bosco costituito da 13
tele “Il richiamo della foresta”. Nel 2000 comincia a collaborare con la Galleria dello Scudo di Verona dove
esporrà “Viaggio in Italia” nel 2000, “Take off” nel 2004 e “Underwater” nel 2007. Nel 2004 espone “Nobu at
Elba” nella Scuderie di Villa Panza a Varese. Nel 2006 monta due View - master alla galleria Poggiali e
Forconi di Firenze dove gia aveva esposto nel 1987, nel 1992 e nel 1997. Nel 2007 è a Francoforte alla
galleria Raphael con “Sassisassi”. Nel 2008 espone “Pasadena” alla Galleria d’arte moderna di Udine e
realizza un’installazione a Bergamo “Giovanni Frangi MT2425” per l’ Oratorio di San Lupo.
Recentemente è uscito, edito da Feltrinelli, un volume dedicato al suo lavoro: “Giovanni Frangi alle prese
con la natura” scritto da Giovanni Agosti.
Mostra
Wabi - sabi | Giovanni Frangi
Inaugurazione
venerdì 6 agosto, ore 19
Date esposizione
6 agosto – 8 settembre 2010
Sede
Galleria d’arte Barbara Paci
Piazza del Centauro 2 - PIETRASANTA
tel. 0584 792666
[email protected]
www.barbarapaciartgallery.com
Orari di apertura
tutti i giorni, nell’orario 10-13; 17.30-20.30; 21.30-24
INGRESSO GRATUITO
Ufficio Stampa mostra
Alessia Lupoli per Galleria d’arte Barbara Paci
tel. +39 333 3103081
[email protected]
www.alessialupoli.it

Documenti analoghi

Giovanni Frangi Divina – Wallpaper

Giovanni Frangi Divina – Wallpaper Vallemosso – dittico Campus Point, Politecnico, Lecco Wabi – Sabi, Barbara Paci, Pietrasanta

Dettagli